Petrolio Verde GIACIMENTI ENERGETICI RINNOVABILI NELLE AZIENDE AGRICOLE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Petrolio Verde GIACIMENTI ENERGETICI RINNOVABILI NELLE AZIENDE AGRICOLE"

Transcript

1 Petrolio Verde GIACIMENTI ENERGETICI RINNOVABILI NELLE AZIENDE AGRICOLE

2 Ogni azienda agricola ha strutture da scaldare; in certi casi è solo l abitazione dell imprenditore, in altri la cantina, la serra o la stalla. Mantenere la temperatura giusta tutto l anno spesso incide notevolmente sul bilancio aziendale. Per molte aziende aretine c è però un modo per risparmiare oltre il 60% dei costi: raccogliere gli scarti legnosi delle coltivazioni agricole, autoprodurre legna da ardere e bruciarli in un generatore termico ad alta efficienza, magari usando anche un pò di legno prodotto dal bosco di proprietà. Un giacimento di energia a portata di mano Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un aumento costante del prezzo dei combustibili fossili (gasolio, GPL, metano). L azienda agricola però ha un ventaglio di soluzioni a portata di mano: gli scarti delle coltivazioni legnose (vite, olivo e fruttifere); il bosco e le coltivazioni dedicate (es. piantagioni da legno). Ognuna rappresenta un giacimento di energia rinnovabile, facile da utilizzare, economico e a basso impatto ambientale. che fa risparmiare In pratica è come se ogni imprenditore fosse proprietario di un piccolo giacimento di petrolio verde, poco inquinante e a basso costo. Le aziende che scelgono di utilizzare i propri giacimenti di energia rinnovabile risparmiano molto. Per capirlo basta osservare il grafico che, a parità di contenuto energetico, mette a confronto il costo di vari combustibili, fossili e legnosi. Considerando che per il legno si è fatto riferimento ai prezzi di mercato, è facile immaginare che risparmio può realizzare l azienda che auto-produce il proprio petrolio verde! % di costo Confronto del prezzo di vari combustibili (a parità di energia ottenibile) fatto 100 il costo del gasolio ,4 64,3 Gasolio GPL Metano Pellet di legno Tipo di combustibile 28,6 Legna da ardere 14,3 Legno cippato Il grafico mostra come varia la spesa per acquistare la stessa quantità di energia contenuta in combustibili diversi. Se per il gasolio si spende 100, per il legno cippato si spende 14,3. Se questo non è risparmio? Scaldare l agriturismo con il legno per ottenere un immagine positiva Tanti eco-turisti scelgono di alloggiare in un agriturismo per le loro vacanze. Le loro scelte spesso si basano sulla sostenibilità della struttura che li ospita. Oltre ad aspetti quali la riduzione degli sprechi idrici (con l istallazione di riduttori di flusso) e di energia elettrica (grazie alle lampade a basso consumo), viene preso in considerazione anche l impiego di fonti rinnovabili di energia. che fa crescere i guadagni Ecco quindi che scegliere di scaldarsi con il legno può rappresentare, oltre che un risparmio, anche un immagine positiva per la struttura. A questo proposito, da diversi anni, organizzazioni quali Legambiente, ma non solo, segnalano ai turisti, con apposite guide, le strutture ricettive che dimostrano attenzione alle esigenze ambientali. 2

3 Fino a pochi anni fa l unico modo per utilizzare l energia contenuta nel legno erano le stufe e i caminetti che purtroppo spesso sfruttano meno del 20% dell energia potenziale. Oggi esistono termocamini, termostufe e, soprattutto, caldaie ad altissima efficienza. Basti pensare che una moderna caldaia è in grado di sfruttare oltre il 90% dell energia contenuta in ogni pezzo di legno stagionato. Si può risparmiare anche sul legno Scaldarsi con il legno anziché con i combustibili fossili fa sicuramente bene sia al portafoglio che all ambiente. Bisogna fare attenzione però, perché acquistando generatori termici più effi cienti, che richiedono un investimento iniziale un po più alto, a parità di calore utilizzato dall utente, si brucia molto meno legno e quindi, alla lunga, si risparmia combustibile, lavoro e soldi. Facciamo un esempio Ipotizziamo di dover riscaldare una costruzione di 150 m 2 (circa 400 m 3 ) con un fabbisogno annuo di kwh (180 giorni di riscaldamento con temperature minime assolute di 6 C). Considerando un contenuto di energia di 4 kwh per kg di legno stagionato, si ricava che per soddisfare il fabbisogno dell abitazione sono necessari kwh / 4 kwh/kg = kg di legno stagionato (cioè 50 quintali). I generatori termici però non riescono mai a sfruttare il 100% dell energia contenuta nella biomassa. Infatti, per ottenere la stessa quantità di energia, più è bassa l efficienza del generatore termico e maggiore è la quantità di legno che bisogna bruciare. Confrontiamo il consumo di legno necessario a soddisfare il fabbisogno dell abitazione di 150 m 2 utilizzando quattro diversi tipi di generatore termico: un camino aperto, con un effi cienza del 20%; una termostufa, con un effi cienza del 65%; una caldaia, con un effi cienza del 90%. Camino aperto Utilizzando uno o più camini aperti per calcolare la biomassa necessaria a soddisfare il fabbisogno di kwh annui bisogna dividere il peso del legno che potenzialmente contiene tale energia (5.000 kg) per l efficienza del generatore termico (20% = 0,2). Con il camino aperto risultano pertanto necessari non kg (cioè 50 quintali), ma / 0,2 = kg di legno (cioè 250 quintali). Termostufa Utilizzando una termostufa con efficienza pari al 65% il fabbisogno di kwh annui può essere soddisfatto non con kg (cioè 50 quintali), ma / 0,65 = kg di legno (cioè circa 77 quintali) con un risparmio di legna, rispetto al caminetto, pari a circa il 69%. Caldaia Utilizzando una caldaia con efficienza pari al 90% il fabbisogno di kwh annui può essere soddisfatto non con kg (cioè 50 quintali), ma / 0,9 = kg di legno (cioè circa 55 quintali) con un risparmio di legna, rispetto al caminetto, di oltre il 77%. 3

4 Se un azienda organizza la raccolta degli scarti legnosi provenienti dalle potature in viticoltura, frutticoltura e olivicoltura, è come se avesse un proprio giacimento energetico con cui riscaldarsi evitando di acquistare combustibili fossili. In termini energetici, infatti, 2,5 kg di legno stagionato forniscono la stessa quantità di energia di 1 litro di gasolio. Quanta energia è disponibile nell azienda? Bosco, giacimento di energia Tra i tanti prodotti (legname da lavoro, funghi, tartufi, selvaggina) e servizi (protezione del suolo, paesaggio, tutela della biodiversità...) che si possono ottenere con una buona gestione del bosco c è anche l energia termica. Oltre le coltivazioni legnose, infatti, anche i boschi sono giacimenti energetici importanti. A titolo d esempio si consideri che mediamente da un ettaro di ceduo quercino accumula tra 3,3 t/ha e 5, 5 t/ha di legno all anno. Aziende aretine potenzialmente autonome Nel 2006, grazie ad una collaborazione tra Provincia di Arezzo, Compagnia delle Foreste, Coldiretti, Confagricoltura e CIA, è stata svolta un indagine su un campione di 63 aziende agricole rappresentative del territorio compreso tra Valdichiana, Agro Aretino e Valdarno. Lo scopo è stato verifi care, per ciascuna azienda, il fabbisogno di energia termica e la quantità di legno ad uso energetico potenzialmente prodotto ogni anno; sia come scarto delle produzioni agricole legnose che dal bosco o da impianti di arboricoltura. Il risultato dell indagine è che, se gli scarti legnosi e la legna da ardere venissero valorizzati bruciandoli in caldaie ad alta efficienza, il 68% delle aziende considerate potrebbe essere autosuffi ciente. Fino a litri di gasolio dall oliveto Raccogliendo le potature dell oliveto, ogni anno, si possono ottenere da 1,4 a 4 tonnellate di legno stagionato per ettaro* che contengono l energia di litri di gasolio. Fino a litri di gasolio dal frutteto Raccogliendo le potature del frutteto, ogni anno, si possono ottenere da 2,7 a 4,2 tonnellate di legno stagionato per ettaro che contengono l energia di litri di gasolio. Fino a 640 litri di gasolio dal vigneto Raccogliendo le potature del vigneto, ogni anno, si possono ottenere da 1,3 a 1,6 tonnellate di legno stagionato per ettaro che contengono l energia di litri di gasolio. * considerando 278 piante/ha 4

5 il caso di un azienda policolturale in Valdarno Ai fi ni dell auto approvvigionamento energetico un azienda agricola policolturale è quella in cui non è possibile individuare una coltura prevalente. + = m 3 Cosa s intende scaldare Il proprietario ha esigenza di riscaldare due edifici, uno adibito ad abitazione e uno ad agriturismo. Il volume complessivo è di m 3. Le strutture non presentano coibentazione, le finestre sono dotate di vetri doppi. Attualmente l abitazione è riscaldata con una caldaia a gasolio da 44 kw da sostituire, mentre l agriturismo con una caldaia a GPL da 26 kw. Obiettivo di un eventuale nuovo impianto a biomassa legnosa è riuscire a scaldare sia l abitazione che l agriturismo con un unica caldaia. Che tipo d impianto si potrebbe scegliere Per soddisfare il fabbisogno termico delle due strutture, il progetto di massima prevede l installazione di una caldaia con una potenza nominale di 50 kw, a fi amma rovescia e doppia camera di combustione, alimentata con legna da ardere. Alla caldaia dovrà essere allacciata una mini-rete di teleriscaldamento di 15 m per collegare i due edifi ci. Nella struttura aziendale sono già disponibili il locale caldaia (16,5 m 2 ) e un adiacente vano per lo stoccaggio del combustibile legnoso (28 m 2 ), per cui non sono previsti importanti lavori di adeguamento. Nell impianto è prevista la presenza di un accumulatore inerziale da l, per gestire l impianto con maggior flessibilità e comfort. Con tale accumulo d acqua, infatti, (ad eccezione di condizioni climatiche estreme) la caldaia dovrebbe richiedere una carica di legna giornaliera in inverno e, in estate, per produrre solo acqua calda sanitaria, una carica settimanale Il costo dell investimento (IVA inclusa) è stimato in (costo caldaia circa ). Quanta energia serve ogni anno Fabbisogno di energia termica kwh/anno Quantità di legna necessaria 12,5 t/anno (w* = 20-25%) Costo legna (a prezzo di mercato) /anno Biomassa legnosa che si può autoprodurre Ogni anno dalla produzione boschiva, l azienda ha potenzialmente a disposizione oltre 100 t di legna che coprono ampiamente il fabbisogno per la produzione di energia termica. Tipo di coltura Dimensione Scarti legnosi (t/anno)* Olivicoltura 450 piante 2,2 6,5 Viticoltura 5 ha 6,5 8,4 Bosco 46 ha 121,4 202,4 TOTALE 130,1-217,3 * materiale stagionato Quanto ci si guadagna Costo impianto legna Costo legna annuo Mancata spesa per sostituzione caldaia a gasolio (da sottrarre il primo anno) Mancato costo gasolio annuo Risparmio annuo acquisto combustibile Tempo per recuperare la spesa sostenuta 6 anni A fronte di un investimento iniziale di , considerando un saggio d interesse del 5% e una vita (prudenziale) della caldaia di 15 anni, il Valore Attuale Netto (VAN) di questo investimento porta ad un risultato positivo pari a circa Tale risultato potrebbe essere nettamente migliorato in caso venissero attivati finanziamenti pubblici per l installazione di sistemi di riscaldamento a biomassa legnosa Analisi investimento (tasso 5%) 0 * contenuto idrico del legno Anni 5

6 il caso di un azienda viticola dell Agro-aretino Un azienda con 20 ha di vigneto è in grado di produrre oltre 25 t/anno di biomassa di scarto. Organizzare la raccolta di questo materiale e valorizzarlo con una caldaia ad alta efficienza, può rendere l azienda autonoma sul piano del fabbisogno termico. + = m 3 Cosa s intende scaldare Il proprietario ha esigenza di riscaldare due edifici, uno adibito ad abitazione e uno ad agriturismo. Il volume complessivo è di m 3. Le strutture non presentano coibentazione, le finestre non sono dotate di vetri doppi. Attualmente l abitazione non è riscaldata, mentre l agriturismo è servito da una caldaia a GPL da 30 kw. Obiettivo di un eventuale nuovo impianto a biomassa legnosa è riuscire a scaldare sia l abitazione che l agriturismo con un unica caldaia. Che tipo d impianto si potrebbe scegliere Per soddisfare il fabbisogno termico delle due strutture, il progetto di massima prevede l installazione di una caldaia con una potenza nominale di 80 kw, a fi amma rovescia e doppia camera di combustione, alimentata con cippato di legno. Alla caldaia dovrà essere allacciata una mini-rete di teleriscaldamento di 20 m per collegare i due edifi ci. Nei locali aziendali sono già disponibili il locale caldaia (40 m 3 ) e un adiacente vano per lo stoccaggio del combustibile legnoso (30 m 3 ), per cui non sono previsti importanti lavori di adeguamento. Nell impianto è prevista la presenza di un accumulatore inerziale da l che permetterà al sistema di riscaldamento di erogare calore in modo più regolare. Il costo dell investimento (IVA inclusa) è stimato in (costo caldaia circa ). Tipo di coltura Dimensione Scarti legnosi (t/anno)* Olivicoltura 380 piante 1,9 5,5 Viticoltura 20 ha 25,9 33,6 Sostituzione viti 1 ha/anno 4,0 Bosco 2,8 ha 7,4 12,3 TOTALE * materiale stagionato 39,2 55,4 Quanto ci si guadagna Costo impianto a cippato Costo annuo del cippato Mancata spesa per acquisto caldaia a GPL per abitazione (da sottrarre il primo anno) Mancato costo GPL annuo Risparmio annuo acquisto combustibile Tempo per recuperare la spesa sostenuta 4 anni A fronte di un investimento iniziale di , considerando un saggio d interesse del 5% e una vita (prudenziale) della caldaia di 15 anni, il Valore Attuale Netto (VAN) di questo investimento porta ad un risultato positivo pari a circa Tale risultato potrebbe essere nettamente migliorato in caso venissero attivati finanziamenti pubblici per l installazione di sistemi di riscaldamento a biomassa legnosa. Quanta energia serve ogni anno Fabbisogno di energia termica kwh/anno Quantità di cippato necessaria 23 t/anno (w = 30-35%) Costo cippato (a prezzo di mercato) /anno Biomassa legnosa che si può autoprodurre L azienda ha potenzialmente a disposizione oltre 40 t/anno di legno proveniente da scarti legnosi che coprono ampiamente il fabbisogno per la produzione di energia termica. Per la produzione di cippato l azienda dovrebbe dotarsi di una cippatrice per ridurre in scaglie sia i sarmenti che il materiale derivante dalla sostituzione di 1 ha di vigneto all anno. A questo fine si potrebbe ipotizzare sia un acquisto, magari con l obiettivo di cippare materiale anche conto terzi, sia un noleggio Analisi investimento (tasso 5%) Anni 6

7 + il caso di un azienda viti-olivicola della Valdichiana Si tratta di un azienda che oltre ad avere più di 25 t/anno di biomassa da scarti agricoli, svolge attività nella manutenzione del verde ornamentale ricavandone grandi quantità di biomassa che deve essere smaltita. Tutto questo, con un sistema di riscaldamento a legno, può trasformarsi da problema a preziosa risorsa energetica Cosa s intende scaldare Il proprietario ha esigenza di scaldare sei strutture, quattro adibite ad abitazione e due serre dove vengono coltivate piante ornamentali. Il volume complessivo è di m 3. La coibentazione è presente solo su 600 m 3, le fi nestre dotate di vetri doppi sono presenti su m 3. Attualmente gli edifi ci e le serre sono riscaldati da sei caldaie a gasolio, ciascuna della potenza di 35 kw. Obiettivo di un eventuale nuovo impianto a biomassa legnosa è riuscire a scaldare tutto il complesso con un unica caldaia. Che tipo d impianto si potrebbe scegliere Per soddisfare il fabbisogno termico delle sei strutture, il progetto di massima prevede l installazione di una caldaia con una potenza nominale di 300 kw, a doppia camera di combustione, alimentata con cippato di legno. La potenza è leggermente sovradimensionata in vista dell eventuale necessità di scaldare nuove serre. Alla caldaia dovrà essere allacciata una mini-rete di teleriscaldamento di 380 m per collegare le quattro case e le due serre. L azienda ha già disponibile un locale caldaia (30 m 3 ) e un adiacente vano per lo stoccaggio del combustibile legnoso (30 m 3 ). Tali strutture per poter ospitare una caldaia da 300 kw necessitano di alcuni interventi di adeguamento stimati in circa Euro. Nell impianto è prevista la presenza di un accumulatore inerziale da l. Il costo dell investimento (IVA inclusa) è stimato in Quanta energia serve ogni anno Fabbisogno di energia termica kwh/anno Quantità di cippato necessaria 110 t/anno (w = 40%) Costo cippato (considerato 40 /t) /anno = Biomassa legnosa che si può autoprodurre L azienda ha potenzialmente a disposizione almeno 300 t/anno di legno proveniente da scarti legnosi delle coltivazioni agricole, da boschi di proprietà e da materiale legnoso che deriva dall attività di manutenzione del verde urbano. La quantità disponibile attualmente copre ampiamente il fabbisogno termico (il fabbisogno sarebbe comunque coperto anche dalle sole produzioni agricolo-forestali). L azienda ha in previsione l acquisto di una cippatrice per l attività di manutenzione del verde urbano. Proprio in virtù di tale destinazione d uso promiscuo, nell analisi dell investimento è stata considerata solo la metà del costo reale della macchina m 3 Tipo di coltura Dimensione Scarti legnosi (t/anno)* Olivicoltura piante 19,8 57,6 Viticoltura 6 ha 7,8 10,1 Bosco 30 ha Manutenzione verde TOTALE 306,6 499,7 * materiale stagionato Quanto ci si guadagna Costo caldaia Costo rete teleriscaldamento Acquisto sei scambiatori Accumulatore l Opere edili Acquisto cippatrice (50%) Costo cippato per anno Costo energia elettrica per anno Mancata spesa per sostituzione 2 caldaie a gasolio (da sottrarre al quinto anno) Mancato costo gasolio annuo Risparmio annuo acquisto combustibile Tempo per recuperare la spesa sostenuta 8 anni A fronte di un investimento iniziale di , considerando un saggio d interesse del 5% e una vita (prudenziale) della caldaia di 15 anni, il Valore Attuale Netto (VAN) di questo investimento porta ad un risultato positivo pari a circa Tale risultato potrebbe essere nettamente migliorato in caso venissero attivati finanziamenti pubblici per l installazione di sistemi di riscaldamento a biomassa legnosa Analisi investimento (tasso 5%) Anni 7

8 Pubblicazioni AA.VV Produzione ed uso energetico del legno nell azienda agricola. AIEL CCIAA di Padova Terra e Vita. 16 p. (disponibile su www. woodland.arsia.toscana.it) AA.VV., 2005 Biomasse per l energia. Guida per progettisti, impiantisti e installatori. Collana Greenpro. A cura di ISES ITALIA e IDIS Città della Scienza. pp. 288 FRANCESCATO V., ANTONINI E., PANIZ A., GRIGOLATO S., 2007 Vitis energetica. Valorizzazione energetica dei sarmenti di vite in provincia di Gorizia. AIEL CCIAA di Gorizia Informatore Agrario. 16 p. HELLRIGL B Elementi di Xiloenergetica. Definizioni, formule, tabelle. AIEL 320 p. LAZZARI P., 2000 L utilizzo dei residui agricolo lignocellulosici. Sherwood Foreste ed Alberi Oggi n. 59 (Settembre). Compagnia delle Foreste (AR) MEZZALIRA G., COLONNA M.B., VERONESE M., 2003 Come produrre energia dal legno. Quaderno ARSIA. pp 88 NATI C., SPINELLI R., MAGAGNOTTI N., VERANI S., 2007 Dalle potature di olivo biomassa per usi energetici. L informatore Agrario 9/2007: SPINELLI R., NATI C., MAGAGNOTTI N., CIVITARESE V., 2006 Produrre biomassa dai sarmenti di vite. L informatore Agrario n. 28 (7/13): Internet - Progetto interregionale Woodland Energy - la fi liera legno energia come strumento di valorizzazione delle biomasse legnose di origine agricola e forestale nelle regioni italiane cofinanziato dal programma Probio del MiPAAF. Nel sito si trovano modelli di filiere legno-energia, sistemi razionali di raccolta e gestione delle biomasse legnose agroforestali per fini energetici. - Esempi d impianti già realizzati, informazioni su caldaie e combustibili legnosi. Associazioni sulle rinnovabili - Associazione Italiana Energie Agroforestali - Italian Biomass Association - International Solar Energy Society sezione Italia - Associazione Legno-Energia Svizzera Crediti Questo opuscolo è stato realizzato nell ambito del progetto Autoapprovvigionamento termico nelle aziende agricole della provincia di Arezzo fi nanziato dall Assessorato all Agricoltura della Provincia di Arezzo nell ambito della L.r. 34/01. Il progetto è stato sviluppato da Compagnia delle Foreste in collaborazione con Associazione Italiana Energie Agroforestali (AIEL), ARSIA Toscana, Coldiretti, Confagricoltura e Confederazione Italiana Agricoltori. Responsabile progetto per la Provincia di Arezzo Stefano Boncompagni (Assessorato all Agricoltura della Provincia di Arezzo) responsabile tecnico del progetto ai sensi della L.r. 34/01 Coordinamento del progetto Paolo Mori (Compagnia delle Foreste) Vittorio Rossi (Compagnia delle Foreste) Gruppo di lavoro tecnico Stefano Boncompagni (Provincia di Arezzo) Lapo Casini (Provincia di Arezzo) Daniele Menabeni (libero professionista) Paolo Mori (Compagnia delle Foreste) Gianfranco Nocentini (ARSIA) Vittorio Rossi (Compagnia delle Foreste) Consulenza tecnica Eliseo Antonini Valter Francescato (Associazione Italiana Energie Agroforestali - AIEL) Referenti Organizzazioni Professionali Agricole Rodolfo Caporali (Coldiretti) Claudio Corazzini (Confagricoltura) Alberto Tizzi (Confederazione Italiana Agricoltori) Progetto Grafi co Giuditta Buzzichelli Autori testi Paolo Mori (Compagnia delle Foreste) Vittorio Rossi (Compagnia delle Foreste) Foto Compagnia delle Foreste, Progetto realizzato da In collaborazione con Stampa Litograf Editor (PG) Distribuito da Provincia di Arezzo Assessorato all Agricoltura Palazzo Barbolani Via San Lorentino, Arezzo 8

La convenienza economica di produrre energia termica con il legno

La convenienza economica di produrre energia termica con il legno La convenienza economica di produrre energia termica con il legno Vittorio Rossi Compagnia delle Foreste Arezzo vittoriorossi@compagniadelleforeste.it Combustibili a confronto Tipo di combustibil e Prezzo

Dettagli

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili

Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di energia da fonti rinnovabili LA MULTIFUNZIONALITÀ DELLE AZIENDE AGRICOLE: LE AZIENDE AGRIENERGETICHE NEI PICCOLI COMUNI Convegno nazionale Rocchetta Sant Antonio 28 maggio 2005 Le Energy Saving Companies (ESCO) e la produzione di

Dettagli

Il riscaldamento delle serre

Il riscaldamento delle serre Il riscaldamento delle serre Indice 1. Misure di risparmio energetico 2. Perchè passare al riscaldamento con biomassa? 3. Costi energetici a confronto 4. Criteri di corretta progettazione 5. Tipologie

Dettagli

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili

Energia da Biomasse. Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Energia da Biomasse Prospettive ed opportunità nell uso di fonti rinnovabili Accordo di Programma Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Regione Abruzzo Iris Flacco Energy Manager Regione

Dettagli

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive

Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive Convegno BioSouth Il mercato del settore in Italia: evoluzione e prospettive prof. Sanzio Baldini, Presidente ITABIA docente Utilizzazioni forestali Università della Tuscia dott. Chiara Artese,, dottorando

Dettagli

Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico. Ing. Domenico De Palma Consulente CSR

Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico. Ing. Domenico De Palma Consulente CSR Utilizzo di biomasse nel comparto florovivaistico I consumi energetici in campo agricolo Florovivaismo Zootecnia Ortocoltura Frutticoltura. Il florovivaismo In Italia: 22.000 aziende floricole Superficie

Dettagli

LEGNO ENERGIA in ITALIA

LEGNO ENERGIA in ITALIA Presentazione LEGNO ENERGIA in ITALIA www.enama.it 56 Fra le rinnovabili i combustibili legnosi rappresentano già la seconda fonte di energia primaria (30%). Nel 2009 sono stati consumati 22,8 milioni

Dettagli

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno?

Il solare termico. Il solare fotovoltaico. Le pompe di calore. Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? Il solare fotovoltaico Il solare termico Le pompe di calore Come funzionano? A cosa mi servono? Quanto si risparmia e cosa ci guadagno? ENERGIE RINNOVABILI COME FUNZIONANO? QUANTO SI RISPARMIA? A COSA

Dettagli

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali

Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Nuove forme di integrazione ambientale in agricoltura Energia termica da biomasse: aspetti tecnici e ambientali Luca Castellazzi Ancona, 25 marzo 2004 Cos è la biomassa Il termine biomassa comprende tutte

Dettagli

VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA

VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA Vercelli fiere CARESANABLOT (VC) 27-29 settembre 2013 VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE FILIERE BIOMASSE LIGNOCELLULOSICHE-ENERGIA Dott. Domenico Coaloa CRA-PLF Unità di Ricerca per le Produzioni Legnose fuori

Dettagli

ANCE. Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010

ANCE. Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010 ANCE Associazione Nazionale Costruttori Edili Seminario su Efficienza energetica e Fonti rinnovabili Pescara, 19 febbraio 2010 Produzione di energia termica da biomasse: tecnologie ed esperienze Dott.

Dettagli

NovaE e Consorzio Agrario

NovaE e Consorzio Agrario NovaE e Consorzio Agrario Insieme per accompagnare le aziende agricole verso un futuro sostenibile è una partnership NovaE aiuta le imprese agricole, scegli un partner affidabile per investire nell ambiente.

Dettagli

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009

Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Il costo opportunità della produzione di energie dalle biomasse Esperienze a confronto di aziende del comparto FORLENER BIELLA 25 Settembre 2009 Strumenti legislativi di promozione delle agro energie Giuseppe

Dettagli

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura

Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Convegno - Sostenibilità della coltura del tabacco in Italia - Utilizzo energie rinnovabili per il risparmio energetico in fase di cura Dott. Pasquale Raiola 20 Aprile 2011 Dip. Scienze Economico-Estimative

Dettagli

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi?

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi? QUESTIONARIO A) Risparmio energetico e fonti rinnovabili nelle abitazioni residenziali. Indagine conoscitiva ai fini dello sviluppo del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 1.Quale tipo di abitazione

Dettagli

Bioenergia Fiemme SpA

Bioenergia Fiemme SpA Bioenergia Fiemme SpA Cavalese dr. Andrea Ventura Amministratore Delegato Trento, giovedì 12 ottobre 2006 22/03/2007 1 Chi siamo? Prima Società a realizzare un impianto di teleriscaldamento a biomassa

Dettagli

ANALISI DELLA DOMANDA E DELL'OFFERTA DI ENERGIA DA LEGNO A SCALA REGIONALE

ANALISI DELLA DOMANDA E DELL'OFFERTA DI ENERGIA DA LEGNO A SCALA REGIONALE Progetto strategico n.iii Renerfor Conferenza finale Aosta 9 maggio 2013 ANALISI DELLA DOMANDA E DELL'OFFERTA DI ENERGIA DA LEGNO A SCALA REGIONALE Situazione attuale e potenzialità di sviluppo della filiera

Dettagli

Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: Esperienze in Toscana

Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: Esperienze in Toscana Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: Esperienze in Toscana Requisiti qualitativi dei combustibili legnosi Norme precedenti - Cippato (ÖNORM M7133, nessuna in Italia) - Pellet (PelletGold, ÖNORM

Dettagli

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI

ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI ACCORDO VOLONTARIO SETTORIALE PER L UTILIZZO DELLE BIOMASSE LEGNOSE DI ORIGINE AGRICOLA O FORESTALE A FINI ENERGETICI Accordo volontario settoriale per l utilizzo delle biomasse legnose di origine agricola

Dettagli

Le biomasse nei consumi domestici

Le biomasse nei consumi domestici Le biomasse nei consumi domestici Marino Berton Con la collaborazione di Valter Francescato ed Eliseo Antonini Energia e Biomasse Legnose Offerta di energia primaria nel mondo - Anno 2003 - Fonte IEA Renewables

Dettagli

Impianti termici a cippato

Impianti termici a cippato Aspetti e valutazioni economiche Impianti termici a cippato Eliseo Antonini - Valter Francescato www.aiel.cia.it antonini.aiel@cia.it Sommario Confronto prezzi dei combustibili (fossili e legnosi) Confronto

Dettagli

La strutturazione di filiere foresta energia economicamente efficienti

La strutturazione di filiere foresta energia economicamente efficienti 18 maggio 2012 Università degli Studi di Firenze Biomasse agro-forestali e energie alternative La strutturazione di filiere foresta energia economicamente efficienti Claudio Fagarazzi Filiera biomassa

Dettagli

Una scelta logica: riscaldare con la legna.

Una scelta logica: riscaldare con la legna. Una scelta logica: riscaldare con la legna. Bosco curato. Calore piacevole. Clima sano. Riscaldare con la legna: un ciclo naturale senza spreco di risorse. Sappiamo tutti a cosa deve mirare una politica

Dettagli

Per saperne di più contattaci al numero 075.8042496 oppure mob.334.98.95.495 Ing. Beatrice Marconi mob.347.82.08.889 Ing.

Per saperne di più contattaci al numero 075.8042496 oppure mob.334.98.95.495 Ing. Beatrice Marconi mob.347.82.08.889 Ing. Per saperne di più contattaci al numero nu mob.347.82.08.889 347.82.08.889 Ing. Luca Sonno COSA E IL CONTO TERMICO? I costi energetici per il riscaldamento, pesano sul bilancio delle imprese agricole chiamate

Dettagli

SunergySOL soluzioni per l energia ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013

SunergySOL soluzioni per l energia ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013 SunergySOL soluzioni per l energia RISPARMIO ENERGETICO PER LE NOSTRE ABITAZIONI 11/04/2013 L agenda Perché le nostre case hanno costi energetici elevati? L importanza della diagnosi energetica Nuove energie

Dettagli

Efficientamento e biomasse. Investimenti intelligenti per aumentare la competitività delle imprese

Efficientamento e biomasse. Investimenti intelligenti per aumentare la competitività delle imprese Efficientamento e biomasse nelle serre Abbattere il costo energetico in serra è possibile Con cippato e pellet si risparmia dal 30 al 60% rispetto al gasolio agricolo Il costo di riscaldamento rappresenta

Dettagli

Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: il modello Toscana

Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: il modello Toscana Piccoli e medi impianti a biomasse legnose: il modello Toscana Requisiti qualitativi dei combustibili legnosi Norme precedenti - Cippato (ÖNORM M7133, nessuna in Italia) - Pellet (PelletGold, ÖNORM M7135,

Dettagli

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola

Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Esperienze di recupero a fini energetici delle biomasse di provenienza agricola Silvia Silvestri Centro Sperimentale - Unità Biomasse ed energia rinnovabile FONDAZIONE EDMUND MACH ISTITUTO AGRARIO DI SAN

Dettagli

DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE. Marino Berton Direttore Generale

DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE. Marino Berton Direttore Generale DALLA GESTIONE FORESTALE ALLA PRODUZIONE DI ENERGIA A BIOMASSE UNA STRATEGIA DI FILIERA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE Marino Berton Direttore Generale Lo sviluppo del settore delle biomasse non può essere

Dettagli

Aura Energy Srl INCENTIVI E TEE PER IL SETTORE AGRICOLO. Torino, 14 Gennaio 2014

Aura Energy Srl INCENTIVI E TEE PER IL SETTORE AGRICOLO. Torino, 14 Gennaio 2014 Aura Energy Srl INCENTIVI E TEE PER IL SETTORE AGRICOLO Torino, 14 Gennaio 2014 1 INDICE 1. CERTIFICATI BIANCHI a. SETTORE AGRICOLO b. SCHEDA TECNICA 39 E c. SCHEDA TECNICA 40E 2. INCENTIVI a. CONTO TERMICO

Dettagli

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE)

POMPE DI CALORE SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO. clima / comfort / risparmio. Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) SOLUZIONI PER IL RISPARMIO ENERGETICO POMPE DI CALORE clima / comfort / risparmio Via degli Artigiani, 1 65010 Spoltore (PE) tel. 085 9771404 cell. 334 7205 930 MAIL energie@icaro-srl.eu WEB www.icaro-srl.eu

Dettagli

La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Marino Berton Direttore generale AIEL

La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Marino Berton Direttore generale AIEL La filiera Legno-Energia Come valorizzare le risorse di biomassa del nostro territorio Direttore generale AIEL Associazione di filiera Associazione di filiera. dal bosco al camino Produzione/distribuzione

Dettagli

SCHEDA TECNICA IMPIANTI TERMICI A BIOMASSA

SCHEDA TECNICA IMPIANTI TERMICI A BIOMASSA RICHIEDENTE UBICAZIONE DELL INTERVENTO SCHEDA TECNICA IMPIANTI TERMICI A BIOMASSA SOMMARIO 1. CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ESISTENTE 2. CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO A BIOMASSA DA REALIZZARE 3. CARATTERISTICHE

Dettagli

Politiche per la promozione delle fonti rinnovabili termiche: ruolo degli incentivi e obiettivo 2020

Politiche per la promozione delle fonti rinnovabili termiche: ruolo degli incentivi e obiettivo 2020 Politiche per la promozione delle fonti rinnovabili termiche: ruolo degli incentivi e obiettivo 2020 Tommaso Franci Convegno FIPER Biomasse il futuro dell energia e dell ambiente! Il ruolo delle biomasse

Dettagli

LA FILIERA LEGNO-ENERGIA, COME STRUMENTO DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER LE TERRE ALTE: IL CASO DI POMARETTO

LA FILIERA LEGNO-ENERGIA, COME STRUMENTO DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER LE TERRE ALTE: IL CASO DI POMARETTO LA FILIERA LEGNO-ENERGIA, COME STRUMENTO DI SVILUPPO SOSTENIBILE PER LE TERRE ALTE: IL CASO DI POMARETTO un po di numeri In Piemonte la superficie boscata è di 900.000 ettari; I numeri potenziali della

Dettagli

BIOGENERA: LE BIOMASSE DI CALENZANO

BIOGENERA: LE BIOMASSE DI CALENZANO BIOGENERA: LE BIOMASSE DI CALENZANO GUARDARE AL FUTURO, OGGI. LA SOCIETÀ BIOGENERA, CON SEDE A CALENZANO, FORNISCE RISCALDAMENTO, ACQUA CALDA SANITARIA E RAFFRESCAMENTO A EDIFICI PUBBLICI E NUOVE COSTRUZIONI,

Dettagli

Finanziato da: Promosso da: Anga Forlì-Cesena e Rimini - Giovani Coldiretti Forlì-Cesena - Giovani CIA Forlì-Cesena e Rimini

Finanziato da: Promosso da: Anga Forlì-Cesena e Rimini - Giovani Coldiretti Forlì-Cesena - Giovani CIA Forlì-Cesena e Rimini Federazione Coldiretti Forlì-Cesena Forlì-Cesena e Rimini Forlì-Cesena e Rimini PROGETTO L impiego a fini energetici della biomassa disponibile di origine agricola in Provincia di Forlì-Cesena attraverso

Dettagli

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS

LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS 10 marzo 2009 Università degli Studi di Teramo Facoltà di Agraria - Mosciano Sant Angelo Regione Abruzzo ARAEN LE POSSIBILI FILIERE DEL BIOGAS Diego Gallo AIEL - ASSOCIAZIONE ITALIANA ENERGIE AGROFORESTALI

Dettagli

Impianti di teleriscaldamento a biomasse: un esempio concreto di sostenibilità economica e ambientale della bioenergia

Impianti di teleriscaldamento a biomasse: un esempio concreto di sostenibilità economica e ambientale della bioenergia Impianti di teleriscaldamento a biomasse: un esempio concreto di sostenibilità economica e ambientale della bioenergia Bioenergia: quali prospettive per l agricoltura e l impresa italiana Walter Righini-

Dettagli

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori

Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Agenzia per l Energia e lo Sviluppo Sostenibile del Comune di Roma Relazione Energetica preliminare Palazzine Borghetto dei Pescatori Abitazioni energeticamente efficienti Buona parte delle abitazioni

Dettagli

Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici.

Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici. Scheda tecnica n. 37E - Nuova installazione di impianto di riscaldamento unifamiliare alimentato a biomassa legnosa di potenza 35 kw termici. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria

Dettagli

L innovazione tecnologica per l efficienza energetica e lo sviluppo di fonti rinnovabili

L innovazione tecnologica per l efficienza energetica e lo sviluppo di fonti rinnovabili L innovazione tecnologica per l efficienza energetica e lo sviluppo di fonti rinnovabili Riduzione dei consumi energetici (efficienza energetica) Consumi e produzione energetica Aumento della produzione

Dettagli

CONTO TERMICO 2013 Rev.1 del 11.04.2013 Incentivazione della produzione di energia termica da impianti a fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni Fonti: -D.M. 28 dicembre

Dettagli

Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive. Walter Righini Presidente FIPER

Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive. Walter Righini Presidente FIPER Stato dell arte del teleriscaldamento a biomassa in Italia: Numeri e prospettive Walter Righini Presidente FIPER CHI SIAMO 86 Centrali di teleriscaldamento a biomassa vergine (di cui 16 cogenerative) 22

Dettagli

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese? Il Riutilizzo degli Scarti Verdi dei Vivai Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Centro Sperimentale Vivaismo di Pistoia Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Dettagli

Caso di studio su Micro CHP: Ca Monti

Caso di studio su Micro CHP: Ca Monti Caso di studio su Micro CHP: Ca Monti Informazioni generali Ca Monti è una struttura agrituristica, situata sulla Appenno bolognese ad 48 metri sul livello del mare. L agriturismo è composto da due antichi

Dettagli

PERCHE SCEGLIERE IL SOLARE TERMICO PER GLI ALBERGHI

PERCHE SCEGLIERE IL SOLARE TERMICO PER GLI ALBERGHI PERCHE SCEGLIERE IL SOLARE TERMICO PER GLI ALBERGHI Produrre acqua calda sanitaria con il sole EmpowEr your future. Indice degli argomenti I costi energetici Cos è un impianto solare termico Perchè scegliere

Dettagli

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed.

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. Panoramica e criteri di scelta dei riscaldamenti a legna Corso Riscaldamenti a legna Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. AELSI - Associazione per l energia del legno della Svizzera

Dettagli

Scheda tecnica n. 40E - Installazione di impianto di riscaldamento alimentato a biomassa legnosa nel settore della serricoltura

Scheda tecnica n. 40E - Installazione di impianto di riscaldamento alimentato a biomassa legnosa nel settore della serricoltura Scheda tecnica n. 40E - Installazione di impianto di riscaldamento alimentato a biomassa legnosa nel settore della serricoltura 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento

Dettagli

LEGNO ENERGIA. Per il riscaldamento degli edifici

LEGNO ENERGIA. Per il riscaldamento degli edifici LEGNO ENERGIA Per il riscaldamento degli edifici Next Energy Milano 4 marzo 2004 Marino Berton Presidente dell Associazione Italiana Energia dal Legno Attuale composizione delle fonti energetiche in Europa

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore

Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore 173 Intervento dal titolo Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore A cura di Dott. Stefano Bonotto F2 S.r.l. 175 Recupero del calore dell impianto di produzione del vapore 1) IL RELATORE

Dettagli

28 settembre 2007. Ing. Filippo Marini

28 settembre 2007. Ing. Filippo Marini 28 settembre 2007 Ing. Filippo Marini Utilizzo del legno forestale Per poter essere utilizzato in un impianto per la produzione di energia il legno deve essere cippato; ridotto cioè in una forma facilmente

Dettagli

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO

Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013. Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Prot. 0004217/ep Brivio, 15/03/2013 Gentile famiglia Oggetto: PROMUOVERE LA SOSTENIBILITA ENERGETICA NEL COMUNE DI BRIVIO Il Comune di Brivio ha sottoscritto il Patto dei Sindaci, iniziativa Europea nata

Dettagli

Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003

Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003 Dirigenze e staff tecnico della Puros hanno una quarantennale esperienza nei combustibili tradizionali (nafta, gasolio, gas). Puros nasce nel 2003 con la volontà di realizzare stufe a biomasse per ridurre

Dettagli

Conto Termico per apparecchi e caldaie requisiti tecnico-ambientali e premialità

Conto Termico per apparecchi e caldaie requisiti tecnico-ambientali e premialità Conto Termico per apparecchi e caldaie requisiti tecnico-ambientali e premialità Valter Francescato dir. AIEL Verona 08.02.2013 Conto Termico (CT): origini e iter Attuazione del Dlgs 28/2011 linee guida

Dettagli

Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio

Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio Quanta energia possiamo sottrarre dalle foreste italiane senza ferirle? Il caso del Lazio Biomasse forestali tra istituzioni e impresa Roma 18 ottobre 2013 Regione Lazio Dr. Vanessa Gallo FIPER FIPER in

Dettagli

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013

Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 Marzio Quadri Product Manager di Daikin Air Conditioning Italy 26 Gennaio 2013 OBIETTIVI, CAMPO DI APPLICAZIONE E STRATEGIA Impegno preso dagli stati membri dell unione europea. Target raggiungibile tramite

Dettagli

caso di studio:cooperative di abitazione Borghetto dei pescatori, Ostia

caso di studio:cooperative di abitazione Borghetto dei pescatori, Ostia CONSULTA PER IL PROGETTO SOSTENIBILE E L EFFICIENZA ENERGETICA CORSO DI FORMAZIONE PROGETTO DI QUALITA ED EFFICIENZA ENERGETICA ED AMBIENTALE Lezione del Venerdì 4 Aprile 2008 caso di studio:cooperative

Dettagli

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO

GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO GLI EDIFICI SONO LA 1 FORMA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE COSTO PER IL RISCALDAMENTO DI UN EDIFICIO Si valuta tramite un indice di prestazione energetica, EPi, definito come: L unità di misura indicata, kwh/(m²

Dettagli

Connubio vincente: le biomasse legnose e l energia pulita. Angelo Scaravonati Milano, 17/11/10

Connubio vincente: le biomasse legnose e l energia pulita. Angelo Scaravonati Milano, 17/11/10 Connubio vincente: le biomasse legnose e l energia pulita Angelo Scaravonati Milano, 17/11/10 Modello Approvvigionamento Centrali a Biomasse Dalla coltivazione alla fornitura di cippato a bocca caldaia

Dettagli

L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente

L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente Serata informativa L energia in casa Efficienza energetica: comfort risparmio ambiente Puoi rivolgerti allo Sportello Energia per ottenere informazioni su aspetti tecnici, economici e normativi in materia

Dettagli

Conto Termico per le imprese agricole requisiti tecnico-ambientali e premialità

Conto Termico per le imprese agricole requisiti tecnico-ambientali e premialità Conto Termico per le imprese agricole requisiti tecnico-ambientali e premialità Valter Francescato dir. AIEL Piazzola sul Brenta (PD) 21.06.2013 SOMMARIO Breve presentazione di AIEL e i gruppi di filiera

Dettagli

La costruzione di una filiera corta dalla corretta gestione del comparto vitivinicolo e olivicolo: il caso di Castelnuovo Magra

La costruzione di una filiera corta dalla corretta gestione del comparto vitivinicolo e olivicolo: il caso di Castelnuovo Magra Altiani, 17 settembre 2015 La costruzione di una filiera corta dalla corretta gestione del comparto vitivinicolo e olivicolo: il caso di Castelnuovo Magra Sindaco: Dott. Daniele Montebello Assessore Ambiente

Dettagli

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte

Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Bienergy Expo Usi termici da fonti rinnovabili: Il ruolo della filiera legno-energia Uso della biomassa a fini energetici: stato dell arte Vito Pignatelli, Presidente ITABIA ITABIA - Italian Biomass Association

Dettagli

ENERGIA DA BIOMASSE IL FUTURO COMINCIA DALLE IMPRESE AGRICOLE

ENERGIA DA BIOMASSE IL FUTURO COMINCIA DALLE IMPRESE AGRICOLE ENERGIA DA BIOMASSE IL FUTURO COMINCIA DALLE IMPRESE AGRICOLE Milano 19 Giugno 26 Relatore: Walter Righini 1 2 Mw Potenza Termica 1,1 Mw Potenza elettrica 28,3 Km Rete di tubazioni 545 Utenze Allacciate

Dettagli

Il Risparmio Energetico

Il Risparmio Energetico Comune di Asti Settore Ambiente ed Edilizia Pubblica Il Risparmio Energetico Ing. Valerio Vittone RESPONSABILE UNITÀ OPERATIVA ACUSTICA ED ENERGIA DEL COMUNE DI ASTI Comune di Asti Settore Ambiente ed

Dettagli

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015

L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA. BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L UTILIZZO DELLE BIOMASSE IN CHIAVE ECOLOGICA BUILDING A LOW CARBON FUTURE TOGETHER Caprarola, 12 giugno 2015 L utilizzo delle biomasse in chiave ecologica Vito Pignatelli ENEA - Dipartimento Tecnologie

Dettagli

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE

IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE IL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA TEE PROGETTO CLIMA Nel definire gli interventi da inserire nel progetto CLIMA

Dettagli

PRESENT AZIONE AZIENDA

PRESENT AZIONE AZIENDA PRESENT AZIONE AZIENDA 32 ANNI DI ATTIVITA PASSIONE E INNOVAZIONE La mission - migliorare le prestazioni energetiche dei fabbricati e raggiungere la classe A di efficienza energetica analizzare e migliorare

Dettagli

Una esperienza sul campo

Una esperienza sul campo Una esperienza sul campo Roberto Sacco CEO AGO Energia Rimini, 3 Novembre 2010 Un passo avanti. Indice Introduzione ad AGO Energia Alcune esperienze significative I benefici dell impiego delle biomasse

Dettagli

Caratteristiche di una CasaClima

Caratteristiche di una CasaClima Caratteristiche di una CasaClima Il termine CasaClima non identifica uno stile architettonico o un sistema costruttivo ma uno standard energetico. Una CasaClima è innanzitutto un edificio in grado di assicurare

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

Per una migliore qualità della vita.

Per una migliore qualità della vita. Per una migliore qualità della vita. per Chiusa confortevole ed ecologico per Chiusa. Più qualità della vita in un ambiente pulito. Nella scelta dell approvvigionamento del calore possiamo provvedere ad

Dettagli

Legna, cippato, pellet opportunità ed esperienze per un modello di sviluppo sostenibile. Marino Berton Presidente Aie

Legna, cippato, pellet opportunità ed esperienze per un modello di sviluppo sostenibile. Marino Berton Presidente Aie Legna, cippato, pellet opportunità ed esperienze per un modello di sviluppo sostenibile Marino Berton Presidente Aie QUANTO CONTANO LE BIOMASSE NEL QUADRO COMPLESSIVO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

Dettagli

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti

Progetto Aniene Green Net. Quadro generale e aggiornamenti Progetto Aniene Green Net Quadro generale e aggiornamenti Una ricchezza del nostro territorio: I boschi Produzione stimata totale annua: 35 121 tonnellate di massa legnosa (stima dell Università della

Dettagli

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas

IMPIANTI A BIOMASSE GenGas TECN.AV. SRL LA TECNOLOGIA INNOVATIVA DELL IMPIANTO A BIOMASSE IMPIANTI A BIOMASSE GenGas La produzione di energia da fonti rinnovabili rappresenta il futuro dell Energia e dello sviluppo sostenibile.

Dettagli

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ.

TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. 27-09-2013 Comunicato stampa TELERISCALDAMENTO AD AOSTA. I PRIMI PASSI DI UNA GRANDE RETE. INAUGURAZIONE DEL CANTIERE DELLA CENTRALE DI TELERISCALDAMENTO IN CITTÀ. Per contatti e ulteriori informazioni:

Dettagli

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA

IL PROJECT LEASING. per. IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA IL PROJECT LEASING per IMPIANTI di COGENERAZIONI ALIMENTATI DA BIOMASSA NUOVE opportunità di sviluppo PER LA TUA IMPRESA nel settore dell Energia 1 GLI IMPIANTI DI COGENERAZIONE La cogenerazione, CHP (Combined

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo

Il prodotto. Taglia la bolletta. Rispetta l ambiente. Partecipa alla rivoluzione energetica. Chi siamo IL TandEM PERCHE New! Taglia la bolletta Installando il TandEM di asjagen puoi generare contemporaneamente energia elettrica e calore (cogenerazione ad alto rendimento) utilizzando un unico combustibile.

Dettagli

Conto Energia Termico. San Paolo d Argon 6 maggio 2013

Conto Energia Termico. San Paolo d Argon 6 maggio 2013 Conto Energia Termico San Paolo d Argon 6 maggio 2013 AGENDA Inquadramento generale Finalità e ambito di applicazione Soggetti ammessi Interventi incentivabili Incentivi Casi studio Pannelli solari termici

Dettagli

SOMMARIO BEST PRACTICES : CASI DI SUCCESSO DELLA FILIERA DELLA BIOMASSA IN ITALIA. CONTROVALORE ECONOMICO 2,5 Miliardi di Euro

SOMMARIO BEST PRACTICES : CASI DI SUCCESSO DELLA FILIERA DELLA BIOMASSA IN ITALIA. CONTROVALORE ECONOMICO 2,5 Miliardi di Euro BEST PRACTICES : CASI DI SUCCESSO DELLA FILIERA DELLA BIOMASSA IN ITALIA Valter Francescato AIEL SOMMARIO Legna da ardere in moderne caldaie: benefici energetici e ambientali Legna da ardere in moderne

Dettagli

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA

OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA OSSERVAZIONI AL PROGETTO DI IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO A BIOMASSA DA REALIZZARSI IN COMUNE DI VATTARO (TN) Massimo Cerani www.energ-etica.eu QUADRO PROGETTUALE La scelta di adottare tale tipologia impiantistica

Dettagli

Soluzione Energetica Domotecnica

Soluzione Energetica Domotecnica Soluzione Energetica Domotecnica QUALE SOLUZIONE PER I CONDOMINI CON IMPIANTO CENTRALIZZATO? Il risparmio energetico e il contenimento dei consumi negli impianti centralizzati sono determinati dal miglioramento

Dettagli

Convegno CIPRA: Alpi e innovazione: Cavalese verso l autosufficenza energetica

Convegno CIPRA: Alpi e innovazione: Cavalese verso l autosufficenza energetica Convegno CIPRA: Alpi e innovazione: Cavalese verso l autosufficenza energetica dr. Sergio Finato Assessore all Ambiente e Territorio del Comune di Cavalese Tesero, sabato 21 luglio 2012 1 LE BIOMASSE LEGNOSE

Dettagli

TECNOLOGIE PER IL RISPARMIO. Mini guida per la Tua abitazione

TECNOLOGIE PER IL RISPARMIO. Mini guida per la Tua abitazione TECNOLOGIE PER IL RISPARMIO Mini guida per la Tua abitazione IL PRESENTE MANUALE VUOLE ESSERE UNA GUIDA PER DIFFONDERE I CONCETTI E LE TECNOLOGIE DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE. SPESSO NON CONOSCIAMO

Dettagli

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa

ENERGIA CHECK-UP. energetico CASA. I love my. house. Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa CHECK-UP energetico CASA I love my house Contatta l Energy Manager Girasole per fissare un sopralluogo presso la Tua casa Livello globale di efficienza energetica Esistono diverse soluzioni tecniche per

Dettagli

Seminario tecnico sul Conto Termico - D.M. 28 Dicembre 2012

Seminario tecnico sul Conto Termico - D.M. 28 Dicembre 2012 Seminario tecnico sul Conto Termico - D.M. 28 Dicembre 2012 Meccanismo di sostegno per interventi di piccole dimensioni per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili e per l incremento dell

Dettagli

Il nuovo Conto Termico

Il nuovo Conto Termico FORLENER 2015 PELLET DAY I mercati del pellet Aspetti tecnici e filiere alternative Gli incentivi Il nuovo Conto Termico Gli incentivi Antonio Panvini LINGOTTO FIERE TORINO Sala Verde Sabato 26 settembre

Dettagli

I nostri impegni per l ambiente

I nostri impegni per l ambiente I nostri impegni per l ambiente Il Sole e la Luna ha scelto di impegnarsi quotidianamente per l ambiente, puntando sull eccellenza ambientale del marchio Ecolabel europeo per ridurre gli impatti generati

Dettagli

La politica energetica della Provincia di Torino

La politica energetica della Provincia di Torino La politica energetica della Provincia di Torino il Programma Energetico Provinciale Sommario: La politica energetica provinciale: il quadro delle competenze Il percorso seguito nella definizione del Programma

Dettagli

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica

I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica I nuovi incentivi per la produzione di energia elettrica Giuseppe D Amore ENAMA Ente Nazionale Meccanizzazione Agricola giuseppe.damore@enama.it Bastia Umbra 6 Aprile 2013 Punti salienti Livelli di incentivo

Dettagli

Le Guide di MCE. mostra convegno expocomfort. Solare Termico e Geotermia: A casa tra comfort e sostenibilità risparmiando energia e denaro

Le Guide di MCE. mostra convegno expocomfort. Solare Termico e Geotermia: A casa tra comfort e sostenibilità risparmiando energia e denaro Le Guide di MCE mostra convegno expocomfort Solare Termico e Geotermia: A casa tra comfort e sostenibilità risparmiando energia e denaro Il Solare termico e la Geotermia: un risparmio energetico ed economico

Dettagli

La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica

La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica La gestione agroforestale per produzione di energia. Modelli organizzativi e valutazione economica Domenico Coaloa CRA - Istituto di Sperimentazione per la Pioppicoltura Casale Monferrato AL coaloa@populus.it

Dettagli

Il fabbisogno di acqua calda. E = 1.16 V dt (Wh) (es: vasca da bagno di 160 l scaldata di 30 C assorbe 5.56 kwh)

Il fabbisogno di acqua calda. E = 1.16 V dt (Wh) (es: vasca da bagno di 160 l scaldata di 30 C assorbe 5.56 kwh) Il fabbisogno di acqua calda Il fabbisogno di acqua calda si valuta in termini energetici per scaldare 1 l di acqua di 1 C occorrono 1.16 Wh determinato il volume di acqua da scaldare (V in litri) e l'innalzamento

Dettagli

coltivo allevo e... produco energia! Energie rinnovabili per le aziende agricole in provincia di Arezzo

coltivo allevo e... produco energia! Energie rinnovabili per le aziende agricole in provincia di Arezzo fotovoltaico minieolico biomasse coltivo allevo e... produco energia! Energie rinnovabili per le aziende agricole in provincia di Arezzo Fotovoltaico A terra o su tetto... puoi produrre elettricità dal

Dettagli

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi

PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi PMI Day 2015 Quinta Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese 13 novembre 2015 - Centrale Turbo Gas di Gissi Prospettive energetiche Oggi e Domani DA DOVE ARRIVA L ENERGIA? L energia si può ottenere

Dettagli

Terra Futura2011. Patto dei Sindaci. Temi e strumenti operativi per il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES)

Terra Futura2011. Patto dei Sindaci. Temi e strumenti operativi per il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Terra Futura2011 Patto dei Sindaci Temi e strumenti operativi per il Piano d Azione per l Energia Sostenibile (PAES) Biomassedarifiutocome risorsaenergetica, per abbatterele emissionidi CO 2 Inquadramento

Dettagli

Gruppi termici a condensazione con integrazione solare da incasso, interno o esterno INKA SOLAR

Gruppi termici a condensazione con integrazione solare da incasso, interno o esterno INKA SOLAR Gruppi termici a condensazione con integrazione solare da incasso, interno o esterno INKA SOLAR INKA Imperativo Risparmio Energetico La principale voce di spesa di un abitazione è relativa alla climatizzazione

Dettagli