VADEMECUM PER IL CITTADINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM PER IL CITTADINO"

Transcript

1 VADEMECUM PER IL CITTADINO

2 IL SERVIZIO NAZIONALE DI RISCOSSIONE DEI TRIBUTI Dal 1990 il "Servizio Nazionale di Riscossione dei Tributi" è stato affidato dallo Stato ad Aziende "CONCESSIONARIE" che operano sul territorio della Provincia assegnata e sono subentrate alle precedenti ESATTORIE. Tuttavia ancora oggi il termine ESATTORIA è quello che nel linguaggio comune viene utilizzato per indicare le Aziende che gestiscono la RISCOSSIONE dei TRIBUTI per conto dello Stato, degli Enti Previdenziali (INPS, INAIL,...), dei Comuni e degli Enti locali. A decorrere dal 1 ottobre 2006, a seguito dell'entrata in vigore delle disposizioni di cui al D.L. 203/2006, la riscossione viene affidata all'agenzia delle Entrate. L'Agenzia opera tramite un nuovo organismo di diritto privato, Equitalia SpA, società interamente partecipata dalla stessa Agenzia e dall'inps. Per effetto di questa riforma, Equitalia Polis SpA, partecipata al 70% da Equitalia SpA, diventa ufficialmente "Agente della Riscossione" per le provincie di: NAPOLI BOLOGNA CASERTA GENOVA GORIZIA PADOVA PRATO ROVIGO VENEZIA Il cambiamento nell'assetto societario, tuttavia, non muta le basi normative dell'attività di riscossione coattiva che può ora, beneficiare delle nuove opportunità indicate nella riforma. Per conoscere gli Agenti della Riscossione delle altre Province d'italia ed i loro indirizzi è possibile consultare i siti internet di Equitalia SpA dell'agenzia delle Entrate e di Ascotributi

3 IL RUOLO E LA CARTELLA DI PAGAMENTO Il Cittadino (di seguito indicato anche come Contribuente o Debitore ) che deve pagare un imposta, una tassa, un contributo, una sanzione, un canone o altro, che non ha versato o potuto versare direttamente all ENTE Creditore (Stato, Regione, Provincia, Comune, INPS, INAIL, Consorzio, Ordine, Albo, Cassa di Previdenza Professionale etc.), viene inserito, da ciascun ENTE, in un elenco di Contribuenti debitori che si chiama tecnicamente RUOLO. L ENTE Creditore, per tale motivo denominato IMPOSITORE, con cadenza periodica, predispone il ruolo e lo invia all' Agente della Riscossione territorialmente competente, sulla base del domicilio fiscale dei Contribuenti affinché sia gestita la riscossione di quanto dovuto. L'Agente della Riscossione, ricevuto il ruolo, provvede alla stampa ed alla notifica della cartella di pagamento che contiene la richiesta di pagamento del debito dovuto. L'Agente della Riscossione, dunque, svolge il ruolo di mero intermediario tra l ENTE Impositore ed il Debitore ed agisce sulla base delle indicazioni ricevute dallo stesso ENTE, nel rispetto della normativa vigente. Ne consegue che il Contribuente deve rivolgersi all Ente Impositore, effettivo titolare del credito, per ottenere specifiche informazioni e per esporre eventuali contestazioni inerenti la legittimità della pretesa creditoria inserita nel ruolo, e dunque nella cartella di pagamento.

4 LA CARTELLA DI PAGAMENTO La cartella di pagamento è il documento, composto da più pagine, con il quale vengono comunicate al Contribuente le somme dovute risultanti dal ruolo. La cartella di pagamento prodotta e notificata dall' Agente della Riscossione assolve la funzione di: comunicazione al Contribuente della sua posizione debitoria nei confronti dell Erario o degli altri Enti creditori; titolo esecutivo per un diritto certo, liquido ed esigibile; precetto, che consiste nell intimazione a provvedere al pagamento entro 60 giorni dalla notificazione con l avvertimento che, in mancanza, si procederà ad esecuzione forzata. Trascorsi 60 giorni dalla data di notifica senza alcun pagamento, sempre che non sia stata concessa sospensione o dilazione, si produce automaticamente lo stato di morosità del Debitore. Di conseguenza, a partire dal 61 giorno successivo alla notifica, l'agente della Riscossione può dare avvio alle procedure esecutive e/o cautelari per il soddisfacimento del credito, senza inviare ulteriori comunicazioni al Contribuente. Dalla data di notifica della cartella iniziano pertanto a decorrere i termini per pagare quanto dovuto o per contestare, tramite apposito ricorso, la legittimità dell importo richiesto con la cartella. Il Ricorso, ovvero l atto finalizzato a contestare il debito, deve essere presentato all Ente Impositore che ha emesso il ruolo. Sarà, invece, proposto nei confronti dell'agente della Riscossione quando la cartella di pagamento sia affetta da vizi o errori di notifica. Il nome dell Ente è individuabile nella cartella di pagamento nella sezione Dettaglio degli addebiti e le modalità da seguire sono indicate nella sezione Quando e come presentare ricorso. Le modalità e le scadenze per produrre ricorso (30, 40 o 60 giorni dalla data della notifica), sono differenziate in base alla natura del debito. È, pertanto, opportuno leggere con attenzione le relative indicazioni nella sezione Quando e come presentare ricorso.

5 LA NOTIFICA DELLA CARTELLA di PAGAMENTO La cartella di pagamento viene consegnata, in termine tecnico notificata, dall' Agente della Riscossione al Contribuente con una delle seguenti modalità: tramite Messo Notificatore o Ufficiale di Riscossione incaricati dall' Agente della Riscossione; tramite il servizio postale a mezzo di raccomandata A.R.. Con la notifica viene portata a conoscenza del Contribuente l esistenza della sua posizione debitoria verso l Erario o gli altri Enti Creditori e gli viene intimato di provvedere al pagamento entro 60 giorni. La legge prevede che la notifica venga effettuata al domicilio fiscale del Contribuente che, di regola, coincide con la sua residenza anagrafica e che quanto viene affermato e scritto sulla relazione di notifica da parte dell addetto alla notifica sia vero fino a querela di falso. Per le persone giuridiche (Società, Enti ecc.) la notifica deve avvenire presso la sede che risulta dal Registro delle Imprese. La sequenza da rispettare per la notifica della cartella è la seguente: 1. la consegna viene effettuata personalmente al Contribuente, nella sua residenza o nel luogo dove ha l ufficio o esercita l industria o il commercio nell ambito del Comune di residenza, oppure, se ciò non è possibile, ovunque si trovi nell ambito del territorio di competenza dell' Agente della Riscossione. Non è necessario che il Contribuente sottoscriva la relata di notifica redatta dal messo e trattenuta dall' Agente della Riscossione. Inoltre, un suo eventuale rifiuto a ricevere la cartella equivale a notifica perfezionata a tutti gli effetti; 2. se il Contribuente non è presente nei luoghi indicati al punto 1, la cartella (o l atto da notificare) viene consegnata a una persona di famiglia o addetta alla casa, all ufficio o all azienda, purché non minore di anni 14 o palesemente incapace. Anche in questo caso non è necessario che la persona che ritira la cartella sottoscriva la relata di notifica redatta dal messo; 3. se non sono presenti nemmeno le persone indicate al punto 2, la cartella viene consegnata al portiere dello stabile dove è l abitazione, l ufficio o l azienda; il portiere deve sottoscrivere la relata di notifica e si procede contestualmente a dare notizia al Contribuente dell avvenuta consegna, con l invio di una raccomandata semplice; 4. se anche il portiere manca, la cartella (o l atto da notificare) può essere consegnata ad un vicino di casa del Contribuente che accetti di riceverla. Anche in questo caso, il vicino deve sottoscrivere la relata di notifica e si procede contestualmente a dare notizia al Contribuente dell avvenuta consegna con l invio di una raccomandata semplice; 5. se non è possibile consegnare la cartella per l assenza del Contribuente e per la contemporanea assenza o il rifiuto delle persone indicate ai punti 2, 3 e 4, la notifica si effettua, come per legge, mediante: deposito della cartella nella Casa Comunale; affissione dell avviso di deposito nell Albo del Comune (di residenza); invio di raccomandata con avviso di ricevimento al Contribuente per segnalare l impossibilità di consegna della cartella, con l invito a ritirarla presso la Casa Comunale ove essa è stata depositata. In questo caso la notifica si dà per avvenuta il giorno successivo a quello dell affissione all Albo Comunale;

6 6. infine, se l addetto alla notifica accerta, senza alcun dubbio, che il Contribuente destinatario della cartella da notificare non risiede più nel luogo indicato dalla certificazione anagrafica, la notifica si esegue, come previsto dalla legge nel caso di irreperibilità assoluta, mediante: deposito della cartella (o dell atto) nella Casa Comunale; affissione di avviso di deposito all Albo del Comune (di residenza). In questo caso la notifica si dà per avvenuta l ottavo giorno successivo a quello dell affissione. In caso di utilizzo del servizio postale, la legge prevede che la notifica della cartella, inviata a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento, si dia per avvenuta alla data indicata nell avviso stesso, sottoscritto dalla persona alla quale l ufficiale postale consegna la cartella.

7 COME SI LEGGE LA CARTELLA DI PAGAMENTO Nella PRIMA PAGINA della cartella di pagamento (fig.1) sono riportati: la relata di notifica (in alto) nella quale l incaricato della notifica indica la data, il luogo e la persona alla quale è stata consegnata la cartella; il numero della cartella di pagamento (sulla destra e nella parte centrale); i dati dell' Agente della Riscossione che ha emesso la cartella (es. EQUITALIA POLIS S.P.A.); il nominativo del Contribuente debitore, il suo indirizzo e codice fiscale; l importo da pagare e le informazioni legate all eventuale ritardo nel pagamento (interessi, compensi di riscossione), la causale e l Ente Creditore;

8 una sintesi delle modalità di pagamento e l avvertenza che, essendo la cartella un titolo esecutivo, in mancanza di pagamento, decorsi i 60 giorni dalla notifica, si procederà ad esecuzione forzata, nonché al fermo amministrativo dei beni mobili registrati (ad es. automobili), all ipoteca sugli immobili di Sua proprietà e ad acquisire presso i Suoi debitori notizie sui Suoi crediti nei loro confronti. Nelle pagine successive, alla sezione DETTAGLIO DEGLI ADDEBITI sono riportati: la denominazione dell Ente Impositore al quale il Contribuente dovrà fare riferimento per informazioni circa la sussistenza del debito; la motivazione, seppur sintetica, delle circostanze per cui è sorto il debito contenuto nella cartella di pagamento (es: imposta non versata in autotassazione, accertamento di maggiore imposta da parte dell Ente, tassa rifiuti solidi urbani, verbale di contravvenzione non pagato, contributi previdenziali, canoni, tasse, contributi vari, etc.); l indicazione del ruolo, della data di esecutorietà e della sua tipologia (ruolo ordinario o straordinario); il dettaglio del debito richiesto (tributi) scorporato per anno di riferimento e voce (somma originaria, interessi, sanzioni etc.). Nella sezione ISTRUZIONI PER IL PAGAMENTO sono riportati: l importo della cartella e il tempo utile per effettuare il pagamento o i pagamenti se l importo è ripartito in rate; le varie modalità previste dalla legge per il pagamento: sportelli dell' Agente della Riscossione, Uffici Postali, Sportelli Bancari. Nella sezione DATI AD USO DEGLI UFFICI sono riportati: i dati identificativi della cartella e dell iscrizione a ruolo; l anno di compilazione e il numero del ruolo; i codici del tributo da pagare; gli anni di riferimento; le rate;

9 l importo per tributo; gli estremi dell atto che ha dato origine all iscrizione a ruolo; alcune eventuali comunicazioni dell' Agente della Riscossione. Nella sezione QUANDO E COME PRESENTARE RICORSO sono riportati: i termini e le modalità per effettuare eventuale ricorso contro la cartella all ENTE IMPOSITORE che ha emesso il ruolo in qualità di titolare del credito; i dati da indicare nel ricorso. Nelle PAGINE SUCCESSIVE della cartella sono allegati: i bollettini di pagamento modello RAV da utilizzare per il pagamento in Posta o in Banca. Nel caso di pagamento rateale è allegato un bollettino per ogni rata ed uno per il pagamento totale.

10 COSA FARE QUANDO ARRIVA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 1. INFORMARSI Molti Contribuenti, una volta ricevuta una cartella, si rivolgono per informazioni direttamente all' Agente della Riscossione che l ha inviata. L'Agente della Riscossione è, però, solo un esecutore dell ordine di addebito emesso dall Ente Impositore, in quanto compila e spedisce la cartella, senza essere al corrente dei motivi per cui è stata addebitata la somma richiesta. E quindi necessario rivolgere all Ente Impositore competente, da rilevare nella sezione Dettaglio degli addebiti, ogni richiesta di informazioni sulla natura del debito da pagare, sull eventuale domanda di sospensione, rateizzazione o sgravio del debito. Il Contribuente può rivolgersi, altresì, all' Agente della Riscossione unicamente per le informazioni inerenti: modalità di pagamento ed in particolare: termini di scadenza della cartella, situazione dei pagamenti rateali, calcolo della mora, orario degli sportelli; eventuali procedure esecutive attivate nel caso di mancato pagamento nei termini.

11 COSA FARE QUANDO ARRIVA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 2. PAGARE Se il Contribuente riconosce che le somme indicate nella cartella sono dovute, è essenziale effettuare il pagamento entro i 60 giorni dalla notifica, per evitare l aggravio di interessi, penalità ed eventuali spese per le procedure esecutive previste dalla legge. Nel caso di cartella in più rate, la prima deve essere pagata entro sessanta giorni dalla notifica. Ciascuna delle rate successive deve essere pagata entro l ultimo giorno del secondo mese successivo a quello di scadenza della rata precedente. In caso di mancato pagamento della cartella entro 60 giorni dalla notifica, è previsto per legge un aggravio del 4,65% sulla somma da pagare oltre al pagamento degli interessi di mora, alla data stabiliti nella misura del 4,20% semestrale pari allo 0,023% giornaliero. Gli interessi decorrono dal giorno della notifica della cartella e spettano all Ente Impositore e non all' Agente della Riscossione. A titolo esemplificativo, per un importo di 100,00 pagato in ritardo, al 61 giorno dalla notifica, l ammontare complessivamente dovuto è pari a 111,61 così suddiviso: Debito 100,00 Diritto di notifica 5,56 Compenso di riscossione 4,65% da calcolare sul debito di 100,00 4,65 Interessi di mora 0,023% sul debito di 100,00 per 61 giorni 1,40 Totale dovuto 111,61 Con EQUITALIA POLIS i Contribuenti possono scegliere la modalità di pagamento più adatta alle loro esigenze: presso gli Sportelli dell' Agente della Riscossione presenti sul territorio, senza aggravio di commissioni; in qualsiasi Banca utilizzando il modello RAV allegato alla cartella; presso gli Sportelli Bancomat del Gruppo Sanpaolo IMI per i Clienti di tale Istituto; presso gli Uffici Postali con l utilizzo del modello RAV o con bollettino in bianco Mod. F35 (da compilare in ogni sua parte); sul sito internet con carta di credito (Visa o Mastercard) o con l utilizzo del servizio Bankpass.

12 COSA FARE QUANDO ARRIVA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 3. ATTIVARE ISTANZA DI AUTOTUTELA O RICORSO Se il Contribuente, dopo attenta analisi della cartella, ritiene che la somma richiesta non sia dovuta deve: reperire la documentazione a sostegno delle proprie ragioni. Ad esempio: 1. nel caso di multe automobilistiche, il bollettino di pagamento del verbale di contravvenzione o la decisione del Prefetto o del Giudice di Pace se si è fatta opposizione ed è stato annullato il verbale di contravvenzione; 2. nel caso di recupero di imposte sui redditi da parte dell Agenzia delle Entrate, la dichiarazione dei redditi prodotta per l anno cui si riferisce il tributo con tutta la documentazione e l eventuale pagamento in autotassazione. Con la documentazione dell avvenuto pagamento o dell insussistenza del debito descritto nella cartella, il Contribuente dovrà: recarsi all Ufficio dell Ente Impositore che ha inviato all' Agente della Riscossione l ordine di riscuotere quel tributo. L ubicazione dell Ufficio è indicata nella cartella di pagamento nella sezione Dettaglio degli addebiti oppure nella sezione Quando e Come presentare ricorso ; presentare a detto Ufficio un istanza in autotutela, termine tecnico che identifica la richiesta di annullamento con la documentazione a sostegno. Il Contribuente deve fare molta attenzione ai termini ed all iter seguito poiché l istanza in autotutela non blocca i termini utili per ricorrere al Giudice Tributario o a quello Ordinario (ad es. Giudice di Pace), pertanto: se l Ufficio dell Ente Impositore, alla verifica della documentazione esibita, riconosce subito l errore in cui è incorso ed annulla la cartella, il Contribuente deve solo accertarsi che l Ufficio comunichi all' Agente della Riscossione l annullamento; se l Ufficio dell Ente Impositore non riconosce l errore, mentre il Contribuente continua a ritenere fondata la sua richiesta, quest ultimo può ricorrere al Giudice Tributario o a quello Ordinario, attivando un formale ricorso. Il ricorso deve essere presentato entro i termini previsti dalla legge onde evitare di perdere definitivamente la possibilità di vedere accolte le proprie ragioni. Questi termini, che risultano chiaramente indicati nella sezione della cartella di pagamento Quando e Come presentare ricorso, possono variare da 30 a 40 o 60 giorni dalla data di notifica della cartella, a seconda del tributo verso cui si ricorre. Nella stessa sezione è indicato anche il Giudice competente a ricevere il ricorso.

13 COSA FARE QUANDO ARRIVA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 4. RICHIEDERE UNA SOSPENSIONE Il ricorso contro una cartella di pagamento, come previsto dalla legge, non comporta automaticamente la sospensione della riscossione da parte dell' Agente della Riscossione. Pertanto, il Contribuente che ha presentato un formale ricorso contro la cartella è opportuno che richieda, nel ricorso al Giudice (Tributario o Ordinario), la sospensione della riscossione al fine di evitare che l' Agente della Riscossione, trascorso il termine utile per il pagamento (60 giorni dalla notifica) attivi le procedure cautelari ed esecutive di recupero (ad es. fermo auto, ipoteca, pignoramento immobiliare) nei confronti del Contribuente che ha attivato ricorso. La sospensione blocca pertanto l attività di riscossione dell' Agente della Riscossione in attesa della decisione sul ricorso che, talvolta, viene prodotta anche dopo anni dalla istanza. Per i tributi erariali (IRPEF-IVA-REGISTRO ecc.) la legge prevede che la sospensione possa essere richiesta anche all Agenzia delle Entrate (Ufficio dell Ente territorialmente competente) presentando un apposita istanza in carta libera, con allegata una copia della cartella impugnata, nonché una copia del ricorso prodotto al Giudice Tributario.

14 COSA FARE QUANDO ARRIVA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 5. RICHIEDERE LO SGRAVIO DELLA CARTELLA Lo sgravio della cartella di pagamento è la procedura attraverso la quale l Ufficio dell Ente Impositore che ha inviato all' Agente della Riscossione l ordine di incassare determinate somme dal Contribuente, invia all' Agente della Riscossione stesso un provvedimento nel quale annulla in tutto o in parte l ordine di incasso contenuto nella cartella, perché non sono più dovute, in tutto o in parte, le somme richieste. Il provvedimento di sgravio è emanato a seguito di richiesta di annullamento in autotutela o di ricorso ed è pertanto riconducibile ai seguenti casi: Sgravio in caso di autotutela A seguito di formale richiesta scritta del Contribuente e talvolta anche senza che sia necessario presentare alcuna istanza (ad esempio in presenza di palesi errori), l Ufficio dell Ente Impositore che ha emesso il ruolo, se riconosce l errore in cui è incorso, opera direttamente lo sgravio (totale o parziale) e invia il relativo provvedimento di annullamento all' Agente della Riscossione. Sgravio a seguito di decisione della Commissione Tributaria Quando il Contribuente, a seguito di ricorso alla Commissione Tributaria, vince il ricorso ha diritto ad ottenere lo sgravio entro 90 giorni dalla notifica della decisione. Se le somme oggetto del ricorso sono state pagate dal Contribuente in attesa della decisione, l Ufficio dell Ente Impositore deve inviare all' Agente della Riscossione l ordine di rimborsare al Contribuente le somme riconosciute non dovute affinché l' Agente della Riscossione provveda alla restituzione. Sgravio a seguito di sentenza favorevole del Giudice di Pace o del Giudice Ordinario La stessa procedura e gli stessi diritti descritti per le decisioni pronunciate dalla Commissione Tributaria valgono per le sentenze favorevoli pronunciate dai Giudici di Pace e dai Giudici Ordinari.

15 COSA FARE QUANDO ARRIVA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 6. RICHIEDERE LA SEGNALAZIONE DELLO SGRAVIO ALL' AGENTE DI RISCOSSIONE L'Agente di Riscossione non può autonomamente annullare la cartella, neanche dopo l esito favorevole della richiesta avanzata dal Contribuente nei confronti dell Ente, con le modalità indicate nei punti precedenti, in quanto il credito iscritto non è dell' Agente di Riscossione ma dell Ente. E pertanto l Ente Impositore che deve provvedere a segnalare tempestivamente all' Agente della Riscossione lo sgravio, con apposita procedura telematica, al fine di annullare definitivamente la pretesa tributaria. Quindi il Contribuente, ottenuta la decisione a Lui favorevole, per evitare eventuali atti esecutivi da parte dell'agente di Riscossione, dovrà recarsi presso l Ufficio dell Ente Impositore per richiedere l emissione di un provvedimento di sgravio, avanzando apposita istanza, alla quale va allegata copia della decisione o della sentenza che ha dichiarato non dovute le somme indebitamente richieste, accertandosi che l Ente Impositore trasmetta all' Agente della Riscossione il provvedimento di sgravio. La tempestiva trasmissione consente di evitare le contestazioni generate dalle successive attività esecutive svolte dall' Agente della Riscossione per la mancata conoscenza del provvedimento di sgravio.

16 COSA FARE QUANDO ARRIVA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 7. RICHIEDERE LA RATEAZIONE DELLA CARTELLA Il Contribuente che non è nelle condizioni economiche di pagare entro i termini (60 giorni dalla notifica) la somma indicata nella cartella, può chiedere una rateazione del debito all Ufficio dell Ente Impositore (non all' Agente della Riscossione). Circa le modalità di dilazione ed il numero di rate concedibili, è necessario fare riferimento ai regolamenti di ciascun Ente Impositore (Erario, INPS, INAIL, Comune, ecc.). A titolo esemplificativo, per i tributi erariali (IRPEF-IVA-Registro) vi è la possibilità di rateizzare il debito sino ad un massimo di 60 rate mensili, presentando all Ufficio dell Ente (Agenzia delle Entrate territorialmente competente) un istanza in carta da bollo, con allegata la copia della cartella, nella quale vanno indicate anche le ragioni della temporanea difficoltà di pagamento. L istanza di rateazione deve essere presentata all Ufficio dell Ente Impositore, per legge a pena di inammissibilità, prima che siano iniziati gli atti esecutivi da parte dell'agente della Riscossione. Per atti esecutivi si intendono il pignoramento mobiliare presso l abitazione o i locali dove il Contribuente esercita l attività, il pignoramento immobiliare, il pignoramento presso terzi di stipendio, pensione, fitti.

17 COSA SUCCEDE SE NON SI PAGA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO Le procedure cautelari ed esecutive Trascorsi 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento, l' Agente della Riscossione, per legge, deve iniziare le procedure esecutive sui beni del Contribuente rilevati presso l Anagrafe Tributaria, per il recupero delle somme non pagate. L attivazione, da parte dell' Agente della Riscossione, di procedure cautelari ed esecutive determina ulteriori spese a carico del Contribuente. Sulla base dei beni individuati possono essere attivate le seguenti azioni: 1. IL FERMO AMMINISTRATIVO DEI BENI MOBILI REGISTRATI Si tratta del provvedimento che in gergo giornalistico viene denominato ganasce fiscali. È una procedura cautelativa che può riguardare autoveicoli, motoveicoli, aeromobili, barche e navi; cioè tutti quei beni che, dai Pubblici Registri Mobiliari (P.R.A., Registro Navale, ecc.), risultano essere intestati al Contribuente. In tali casi l' Agente della Riscossione invia al Contribuente una lettera di preavviso di iscrizione del fermo amministrativo, nella quale è indicato il dettaglio del debito con l avvertenza che, in difetto di pagamento entro 20 giorni dalla lettera, si procederà all iscrizione del fermo del bene nei Pubblici Registri. Il caso più frequente è quello di iscrizione di fermo al P.R.A. - Pubblico Registro Automobilistico - di una o più autovetture di proprietà del Debitore, con le seguenti conseguenze: il veicolo sottoposto a fermo non può circolare; il veicolo sottoposto a fermo e trovato a circolare è soggetto alle sanzioni amministrative previste dal Codice della Strada (art. 214 del D.Lgs 285/92), da un minimo di 656,25 Euro ad un massimo di 2.628,15 Euro, oltre al sequestro immediato ed al successivo ricovero in apposito luogo di custodia; il provvedimento di fermo comporta l inopponibilità all' Agente della Riscossione di successivi atti dispositivi del bene; ciò significa che, se non viene pagato il debito che ha dato origine alla procedura, l' Agente della Riscossione può sottoporre a pignoramento il bene fermato e venderlo all asta, anche se nel frattempo l auto è passata in proprietà ad un terzo a seguito di vendita; le Compagnie di Assicurazione, in caso di sinistro accaduto in violazione del provvedimento di fermo, a norma delle condizioni contrattuali, possono far valere il diritto di rivalsa sull Assicurato. La cancellazione del fermo è effettuata a cura del Contribuente presso il P.R.A. - Pubblico Registro Automobilistico - previa esibizione del provvedimento di revoca che l' Agente della Riscossione rilascerà all atto del saldo degli importi dovuti, nonché dietro versamento alle casse dell Automobile Club d Italia delle ulteriori spese allo stesso spettanti. In caso di sgravio per debito non dovuto, provvede l' Agente della Riscossione alla cancellazione gratuita.

18 COSA SUCCEDE SE NON SI PAGA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 2. L IPOTECA SUGLI IMMOBILI È una procedura cautelativa che, per gli effetti, è simile al fermo dei beni mobili registrati, ma che si differenzia per l oggetto del bene individuato in uno o più immobili di proprietà del Debitore. Contemporaneamente all iscrizione dell ipoteca, l' Agente della Riscossione invia al Debitore una lettera di comunicazione dell iscrizione dell ipoteca, che viene effettuata per un valore doppio del debito (comprensivo di interessi di mora, compensi e spese per procedure maturate), nella quale si invita al pagamento onde evitare la successiva vendita dell immobile all asta. La Legge non prevede limiti di importo minimi alla iscrizione dell ipoteca sui beni del debitore essendo semplicemente una procedura a tutela del credito dell Ente Impositore. Se il debito che ha dato origine all ipoteca non risulta nel frattempo pagato, l' Agente della Riscossione può iniziare gli atti esecutivi mettendo all asta l immobile, anche se la proprietà è stata trasferita ad un terzo (ad esempio, a seguito di vendita). Le procedure di vendita all asta di norma vengono attivate dopo alcuni mesi dall iscrizione dell ipoteca, anche in relazione ai tempi previsti per l avvio della procedura stessa e per la fissazione delle aste.

19 COSA SUCCEDE SE NON SI PAGA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 3. IL PIGNORAMENTO IMMOBILIARE E l atto esecutivo con il quale l' Agente della Riscossione inizia la procedura per la vendita all asta dell immobile di proprietà del Contribuente. Il pignoramento immobiliare, di norma successivo all ipoteca, può essere effettuato immediatamente nel caso di debiti superiori ad 8.000,00. Per importi inferiori a tale limite non si può procedere al pignoramento immobiliare mentre è sempre possibile attivare l ipoteca, in quanto procedura cautelare e non esecutiva. Il pignoramento immobiliare si perfeziona con la trascrizione dello stesso e dell avviso di vendita all asta con le date indicate per gli incanti, presso la Conservatoria dei Pubblici Registri Immobiliari dove è censito l immobile. Eseguita la trascrizione del pignoramento, nei 5 giorni successivi, viene notificato l avviso di vendita all asta al Contribuente e agli eventuali Comproprietari, Creditori ipotecari, Usufruttuari. Per i tributi erariali è prevista l effettuazione sino a tre incanti; successivamente il bene viene assegnato allo Stato, mentre per gli altri tributi l Ente Impositore può autorizzare l effettuazione di un quarto incanto. Almeno 20 giorni prima della data fissata per il primo incanto viene data pubblicità della vendita affiggendo l avviso d asta presso il Tribunale ed il Comune ove l immobile è situato. Le comunicazioni di vendita vengono inoltre pubblicizzate nella sezione Aste Immobiliari presente sul sito tramite inserzioni sui quotidiani e riviste specializzate. 4. IL PIGNORAMENTO MOBILIARE Con questo atto esecutivo l' Agente della Riscossione procede al pignoramento dei beni mobili di proprietà del Debitore presso la casa di abitazione dello Stesso, ovvero nei locali dove, in qualità di Titolare, svolge la sua attività professionale, commerciale o artigianale. I beni mobili pignorati, in caso di mancato pagamento, sono poi messi all asta, anche ricorrendo all ausilio di Istituti di Vendite Giudiziarie. 5. IL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI DI CREDITI E l atto esecutivo con il quale l' Agente della Riscossione procede al pignoramento di crediti che il Contribuente debitore vanta presso Terzi. E il caso delle retribuzioni, che il dipendente percepisce mensilmente dal suo datore di lavoro, delle pensioni corrisposte da Enti Previdenziali, dei crediti presso i committenti per le prestazioni professionali svolte dai lavoratori autonomi, dei fitti per locazioni di immobili, ecc. Il pignoramento presso terzi per i rapporti di lavoro può essere eseguito direttamente dall' Agente della Riscossione senza ricorrere al Giudice dell Esecuzione. In questo caso il datore di lavoro versa direttamente all' Agente della Riscossione parte della retribuzione dovuta al Contribuente (nel limite di un quinto della retribuzione stessa). In tutti gli altri casi (lavoro autonomo, prestazioni professionali, etc.) è necessario che il Giudice dell Esecuzione, previa citazione e successiva dichiarazione positiva del Terzo, emetta ordinanza di assegnazione pari all importo del credito per il quale si procede.

ASPES. S.p.A. Gestione Riscossione Entrate e Tributi

ASPES. S.p.A. Gestione Riscossione Entrate e Tributi ASPES. S.p.A. Gestione Riscossione Entrate e Tributi GUIDA PRATICA ALL INGIUNZIONE FISCALE E ALLE PROCEDURE DI RISCOSSIONE VADEMECUM PER IL CITTADINO UN VADEMECUM Aspes S.p.A. PER APPROFONDIRE LA RISCOSSIONE

Dettagli

SO.G.E.T. S.p.A. Società di Gestione Entrate e Tributi

SO.G.E.T. S.p.A. Società di Gestione Entrate e Tributi SO.G.E.T. S.p.A. Società di Gestione Entrate e Tributi VADEMECUM PER IL CONTRIBUENTE GUIDA PRATICA AGLI ATTI E ALLE PROCEDURE DI RISCOSSIONE PERCHE UN VADEMECUM SO.G.E.T. S.p.A. E IL CONTRIBUENTE ATTI

Dettagli

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA 3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA >> LA RISCOSSIONE MEDIANTE CARTELLA L Agenzia delle Entrate svolge l attività di riscossione nazionale dei tributi tramite la società per azioni

Dettagli

GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE

GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE A cura dell Ufficio Relazioni Esterne Equitalia è una società per azioni, a totale capitale pubblico (51% Agenzia

Dettagli

Vademecum della cartella di pagamento

Vademecum della cartella di pagamento in collaborazione con Direzione Regionale Veneto Vademecum della cartella di pagamento Guida pratica per il cittadino contribuente La cartella di pagamento 3 La notifica 3 Dove e come pagare 4 Dove chiedere

Dettagli

CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA Gli aggiornamenti più recenti rateizzazione delle cartelle di pagamento compensazione tra somme iscritte a ruolo e crediti d imposta o crediti verso

Dettagli

La nuova cartella di pagamento. Introduzione

La nuova cartella di pagamento. Introduzione Introduzione A partire dal 1 ottobre 2010 i ruoli consegnati agli Agenti della Riscossione saranno emessi utilizzando il nuovo modello di cartella di pagamento, approvato con Provvedimento dell Agenzia

Dettagli

CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA Gli aggiornamenti più recenti termini per la notifica delle cartelle di pagamento pagamento a rate del debito compensazione tra somme iscritte a ruolo

Dettagli

L ESECUZIONE ESATTORIALE

L ESECUZIONE ESATTORIALE L ESECUZIONE ESATTORIALE CONVEGNO DEL 22 OTTOBRE 2010 PORDENONE Fabio Gallio - Avvocato e Dottore Commercialista in Padova e-mail: fgallio@terrineassociati.com Federico Terrin - Avvocato Tributarista in

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 39 del 13 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Nuova veste grafica per l avviso di intimazione ad adempiere al pagamento dei debiti tributari Gentile cliente, con

Dettagli

Il blog del Commercialista Dott. Roberto Di Leo www.robertodileo.it Pagina 1

Il blog del Commercialista Dott. Roberto Di Leo www.robertodileo.it Pagina 1 Il blog del Commercialista Dott. Roberto Di Leo www.robertodileo.it Pagina 1 Giugno 2011 LA RISCOSSIONE COATTIVA Le modalità dell esercizio dell attività di riscossione nazionale dei tributi e contributi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE Unione dei Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Lajatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, S. Maria a Monte, Terricciola ZONA VALDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO

Dettagli

Allegato A. COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate

Allegato A. COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate Allegato A COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 5 del 9.4.2014 INDICE Titolo I DISPOSIZIONI

Dettagli

9 Maggio 2013 Dott.ssa Ilaria Redaelli

9 Maggio 2013 Dott.ssa Ilaria Redaelli 9 Maggio 2013 Dott.ssa Ilaria Redaelli Novità in materia di riscossione Equitalia, ente nazionale per la riscossione dei tributi, richiede su comunicazione da parte dell Agenzia delle Entrate, le somme

Dettagli

LA CARTELLA ESATTORIALE

LA CARTELLA ESATTORIALE LA CARTELLA ESATTORIALE Ricevere una cartella esattoriale non e' mai "cosa da niente" o da prendere sottogamba. Essa e' infatti un documento che da' la possibilita' all'agente della riscossione (Equitalia

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

Il contenzioso fiscale

Il contenzioso fiscale Il contenzioso fiscale 1. I servizi del Caf Nel caso di ricevimento di cartelle di pagamento che contestano il mancato pagamento, parziale o totale, di imposte o tasse, anche riferite a tributi locali,

Dettagli

GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE

GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE A cura dell Ufficio Relazioni Esterne Equitalia è una società per azioni, a totale capitale pubblico (51% Agenzia

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO

EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO Protocollo d Intesa e convenzione di erogazione di servizi Trento, 27 Marzo 2014 LE FINALITA PROMUOVERE E SVILUPPARE UNA FATTIVA COLLABORAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2014 1 Sommario Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

Indirizzo. Indicazione eventuale qualità di coobbligato

Indirizzo. Indicazione eventuale qualità di coobbligato CARTELLA DI PAGAMENTO N. 000 0000 00000000 00 000 Emessa dadenominazione Agente Agente della riscossione - prov. di denominazione Provincia Indirizzo Cap Comune su incarico di: denominazione Ente Creditore

Dettagli

CITTA DI FIUMICINO (Provincia di Roma) COMANDO DI POLIZIA LOCALE

CITTA DI FIUMICINO (Provincia di Roma) COMANDO DI POLIZIA LOCALE CITTA DI FIUMICINO (Provincia di Roma) COMANDO DI POLIZIA LOCALE INFORMAZIONI PER GLI UTENTI INTERESSATI ALLA DEFINIZIONE AGEVOLATA DEI DEBITI RELATIVI A SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE

Dettagli

SANZIONI. AMMINISTRATIVE (Multe) per violazioni a norme del Codice della Strada. Come pagarle o come contestarle (Piccolo manuale operativo)

SANZIONI. AMMINISTRATIVE (Multe) per violazioni a norme del Codice della Strada. Come pagarle o come contestarle (Piccolo manuale operativo) SANZIONI AMMINISTRATIVE (Multe) per violazioni a norme del Codice della Strada. Come pagarle o come contestarle (Piccolo manuale operativo) Settembre 2009 IL PAGAMENTO DI UNA SANZIONE AMMINISTRATIVA PER

Dettagli

Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli

Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli CIRCOLARE A.F. N. 39 del 14 Marzo 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che la proroga del pagamento

Dettagli

CIRCOLARE n. 11/2015 1

CIRCOLARE n. 11/2015 1 CIRCOLARE n. 11/2015 1 Milano, 11 novembre 2015 Oggetto: Riforma della riscossione - Novità del D.Lgs. 24.9.2015 n. 150 Premessa Con il DLgs. 24.9.2015 n. 159, pubblicato sul S.O. n. 55 alla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI

IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI Dott.ssa Giovanna Castelli 1 PRINCIPALI NOVITÀ E MODIFICHE 1. AVVISI DI ACCERTAMENTO ESECUTIVI 2. INDAGINI BANCARIE 3. POTERI ATTRIBUITI AI COMUNI 4. MODIFICHE

Dettagli

Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola

Direzione Centrale delle Entrate Contributive. Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola Direzione Centrale delle Entrate Contributive Progetto per la Gestione, lo Sviluppo e il Coordinamento dell Area Agricola Roma, 23 Giugno 2005 Circolare n. 81 Allegati 4 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

LA CARTELLA DI PAGAMENTO. 2.4 Il pagamento rateale delle somme che risultano dal controllo della dichiarazione

LA CARTELLA DI PAGAMENTO. 2.4 Il pagamento rateale delle somme che risultano dal controllo della dichiarazione Avvertenza: entro il termine di 30 giorni il contribuente, in sede di autotutela, può chiedere l annullamento dell invito. Se l ufficio provvede a riliquidare la posizione, il termine di versamento decorre

Dettagli

DEBITI E CREDITI *** 1. I debiti

DEBITI E CREDITI *** 1. I debiti Via Volturno n. 33-30173 VENEZIA/MESTRE Telefono e Fax 041/5349637 E-mail: info@associazionedifesaconsumatori.it www.associazionedifesaconsumatori.it DEBITI E CREDITI *** 1. I debiti Debiti con Banche

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014. Equitalia Nord SpA. Per un Paese più giusto.

LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014. Equitalia Nord SpA. Per un Paese più giusto. LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014 Equitalia Nord SpA Facilitazioni intervenute Dall entrata in vigore della nuova normativa (1/3/2008) - che ha attribuito agli

Dettagli

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI

ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI ALLEGATO N. 3 MODALITA DI ESPLETAMENTO DELLE FUNZIONI DI CUI ALL ART. 2BIS AFFIDATE A TRENTINO RISCOSSIONI 1. TIPOLOGIA PROCEDURE Il servizio, che può riguardare, anche disgiuntamente, sia le fasi pre-coattive

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 5/2014 del 18/2/2014 DEFINZIONE AGEVOLATA DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO (rif. L.147/2013);

CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 5/2014 del 18/2/2014 DEFINZIONE AGEVOLATA DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO (rif. L.147/2013); CIRCOLARE INFORMATIVA NR. 5/2014 del 18/2/2014 ARGOMENTO: DEFINZIONE AGEVOLATA DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO (rif. L.147/2013); Gentile Cliente, l art. 1 co. 618-624 della L. 27.12.2013 n. 147 ha introdotto

Dettagli

Regolamento per il condono dei Tributi Locali

Regolamento per il condono dei Tributi Locali Regolamento per il condono dei Tributi Locali TARSU ICI TOSAP ( Approvato con delibera consiliare n. 57 del 21/11/2003) Sezione TARSU Articolo 1 Ambito di applicazione ed esclusioni Il presente regolamento,

Dettagli

La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica

La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica Di cosa si tratta Regione Lombardia con l.r. n. 20/2015 ha avviato una campagna di definizione agevolata delle posizioni irregolari relative alla

Dettagli

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE APPLICABILI NEI CASI DI VIOLAZIONI RELATIVE AL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO ART.1

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, Dispone Prot. N. 27036 Approvazione del nuovo modello di cartella di pagamento e dei fogli Avvertenze relativi ai ruoli dell Agenzia delle entrate, ai sensi dell art. 25 del decreto del Presidente della Repubblica

Dettagli

Circolare n. 12. DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 (c.d. decreto Fare ) - Novità in materia di riscossione INDICE. del 15 settembre 2013

Circolare n. 12. DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 (c.d. decreto Fare ) - Novità in materia di riscossione INDICE. del 15 settembre 2013 1 Dr. Flavio Staffa Circolare n. 12 del 15 settembre 2013 DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 (c.d. decreto Fare ) - Novità in materia di riscossione INDICE 1 Premessa... 2 2 Dilazione delle somme

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 16 DEL 18.05.2011

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Articolo 1 Oggetto del Regolamento CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI ASTI Allegato 2 alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 13 del 31.10.2013 Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

ANNULLAMENTO AUTOMATICO DI CARTELLE E ACCERTAMENTI SECONDO LE NUOVE REGOLE INTRODOTTE DALLA C.D. LEGGE DI STABILITA LEGGE 24 DICEMBRE 2012, N.

ANNULLAMENTO AUTOMATICO DI CARTELLE E ACCERTAMENTI SECONDO LE NUOVE REGOLE INTRODOTTE DALLA C.D. LEGGE DI STABILITA LEGGE 24 DICEMBRE 2012, N. ANNULLAMENTO AUTOMATICO DI CARTELLE E ACCERTAMENTI SECONDO LE NUOVE REGOLE INTRODOTTE DALLA C.D. LEGGE DI STABILITA LEGGE 24 DICEMBRE 2012, N. 228 a cura del Dott. Vito SARACINO e in Bitonto (BA) 1. Premessa

Dettagli

e.p.c. Ad Equitalia Gerit S.p.A.

e.p.c. Ad Equitalia Gerit S.p.A. Ai Dirigenti del Dipartimento II Ing. Fabio Gardusi Dott.ssa Valeria Napoli Dott. Pasquale Libero Pelusi Dott.ssa Anna Maria Rossi Dott.ssa Paola Sbriccoli Ai Ai A Direttori dei Dipartimenti Direttori

Dettagli

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE ATTRAVERSO RUOLO CON PREVENTIVA PROCEDURA PRE-COATTIVA MEDIANTE GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) *****

CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE ATTRAVERSO RUOLO CON PREVENTIVA PROCEDURA PRE-COATTIVA MEDIANTE GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) ***** Allegato delibera G.C. n 82 del 16.06.2011 CONVENZIONE PER LA RISCOSSIONE ATTRAVERSO RUOLO CON PREVENTIVA PROCEDURA PRE-COATTIVA MEDIANTE GESTIONE INTEGRATA AVVISI (GIA) ***** L anno 2011, il giorno del

Dettagli

Periodico informativo n. 75/2014. Rottamazione cartelle. Proroga al 31 maggio 2014

Periodico informativo n. 75/2014. Rottamazione cartelle. Proroga al 31 maggio 2014 Periodico informativo n. 75/2014 Rottamazione cartelle. Proroga al 31 maggio 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che a seguito della pubblicazione

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott. STEFANO BARELLI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA

Dettagli

www.dirittoambiente.net

www.dirittoambiente.net I PROCEDIMENTI DERIVANTI DALL ISCRIZIONE A RUOLO DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE AMBIENTALI Un contributo a cura di Marco Rubegni Parco Regionale della Maremma E vietato il plagio e la copiatura integrale

Dettagli

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 02.05.2007 Modificato con Delibera del Consiglio n. 52 del 20.12.2007

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI PERNI & DORENTI Partners Avv. Oliviero Perni Dott. Luca Dorenti Of Counsel Dott. Marco Gaspari Dott.ssa Barbara Bonsignori Milano, 16 Novembre 2015 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 28/2015: Riforma

Dettagli

Presentazione. Presentazione

Presentazione. Presentazione Presentazione Presentazione Il testo offre una guida operativa delle norme, procedure, modulistica in materia di riscossione coattiva delle imposte, con particolare riferimento ai poteri a disposizione

Dettagli

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale In data 21.12.1998 N 93

Dettagli

CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1646 25 NOVEMBRE 2010 NUOVO MODELLO DI CARTELLA DI PAGAMENTO E TUTELA DEL CONTRIBUENTE

CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1646 25 NOVEMBRE 2010 NUOVO MODELLO DI CARTELLA DI PAGAMENTO E TUTELA DEL CONTRIBUENTE CIRCOLARE MONOGRAFICA N. 1646 25 NOVEMBRE 2010 NUOVO MODELLO DI CARTELLA DI PAGAMENTO E TUTELA DEL CONTRIBUENTE Le novità di Roberto Cattivelli La presente circolare monografica fornisce una panoramica

Dettagli

119/2014 Settembre/9/2014 (*) Napoli 17 Settembre 2014

119/2014 Settembre/9/2014 (*) Napoli 17 Settembre 2014 Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 119/2014 Settembre/9/2014 (*) Napoli 17 Settembre 2014 Equitalia, con il comunicato stampa del 26 agosto 2014, ha reso noto che la notifica

Dettagli

COMUNALI. Esecutivo dal 1.1.1999. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI. Art. 1. Oggetto del regolamento.

COMUNALI. Esecutivo dal 1.1.1999. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI. Art. 1. Oggetto del regolamento. REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 98 in data 28 dicembre 1998. Modificato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA CONNESSE AL SERVIZIO DI RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO

DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA CONNESSE AL SERVIZIO DI RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO DISCIPLINARE DELLE ATTIVITA CONNESSE AL SERVIZIO DI RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO L anno -----------, il giorno -------- del mese di -------------, in Bolsena, tra Il Comune di Bolsena di seguito Ente con

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRANO

COMUNE DI CASTELVETRANO COMUNE DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI Settore Ragioneria, Finanze e Tributi REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DI DICHIARAZIONI, RISCOSSIONE, ACCERTAMENTO E SANZIONI IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI

CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI CARTA DEI SERVIZI PER I DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE ARTICOLI Art.1 Oggetto del Regolamento Art.2 Chiarezza e trasparenza delle disposizioni tributarie Art.3 Chiarezza e motivazione degli atti Art.4

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE per l applicazione dell istituto dell ACCERTAMENTO CON ADESIONE e dell AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

RIFERIMENTI NORMATIVI SCHEMA

RIFERIMENTI NORMATIVI SCHEMA TEMA N. 27 Il candidato esamini le caratteristiche salienti del sistema di riscossione operando i necessari distinguo tra versamento spontaneo e riscossione coattiva RIFERIMENTI NORMATIVI D.P.R. 29-9-1973,

Dettagli

Aspetti operativi del nuovo processo tributario

Aspetti operativi del nuovo processo tributario di Armando Urbano Aspetti operativi del nuovo processo tributario L accertamento esecutivo Il contributo unificato La nuova nota di iscrizione a ruolo Le controversie minori: Reclamo e mediazione La chiusura

Dettagli

INDICE SISTEMATICO. Prefazione alla dodicesima edizione... CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE

INDICE SISTEMATICO. Prefazione alla dodicesima edizione... CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE INDICE SISTEMATICO pag. Prefazione alla dodicesima edizione....................... v CODICE DI PROCEDURA CIVILE LIBRO TERZO DEL PROCESSO DI ESECUZIONE TITOLO PRIMO Del titolo esecutivo e del precetto ART.

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

COMUNE DI MESSINA DIPARTIMENTO TRIBUTI PUBBLICITA E AFFISSIONI PRONTUARIO A CURA DI GRAZIA DI FRESCO

COMUNE DI MESSINA DIPARTIMENTO TRIBUTI PUBBLICITA E AFFISSIONI PRONTUARIO A CURA DI GRAZIA DI FRESCO COMUNE DI MESSINA DIPARTIMENTO TRIBUTI PUBBLICITA E AFFISSIONI PRONTUARIO A CURA DI GRAZIA DI FRESCO COS È L IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ ESTRATTO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 507 DEL 15.11.1993 L Imposta

Dettagli

Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA

Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA Direzione Regionale del Piemonte GUIDA AL NUOVO ISTITUTO DELLA MEDIAZIONE TRIBUTARIA INTRODUZIONE 4 1.L AMBITO DI APPLICAZIONE DEL NUOVO ISTITUTO 5 1.1 La tipologia di atto impugnato 5 1.2 L Agenzia delle

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DELL'IMPOSTA PROVINCIALE SULLE FORMALITA' DI TRASCRIZIONE, ISCRIZIONE ED ANNOTAZIONE DEI VEICOLI,

REGOLAMENTO ISTITUTIVO DELL'IMPOSTA PROVINCIALE SULLE FORMALITA' DI TRASCRIZIONE, ISCRIZIONE ED ANNOTAZIONE DEI VEICOLI, Provincia Regionale di Ragusa Servizio Tasse e Tributi REGOLAMENTO ISTITUTIVO DELL'IMPOSTA PROVINCIALE SULLE FORMALITA' DI TRASCRIZIONE, ISCRIZIONE ED ANNOTAZIONE DEI VEICOLI, RICHIESTE AL PUBBLICO REGISTRO

Dettagli

IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE

IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE Gli aggiornamenti più recenti rimborsi da modello 730 di importo superiore a 4.000 euro erogazione dei rimborsi e comunicazione dei dati del conto corrente aggiornamento agosto 2014 RIMBORSO DA 730 ACCREDITO

Dettagli

L ESPROPRIAZIONE FORZATA

L ESPROPRIAZIONE FORZATA Capitolo XXIV L ESPROPRIAZIONE FORZATA Sommario: 1. Il pignoramento. 2. Le singole modalità di pignoramento. 3. Gli effetti del pignoramento. 4. Le vicende oggettive e soggettive del pignoramento. 5. L

Dettagli

LA "NUOVA" RATEAZIONE DEI RUOLI: CHI, COME, QUANDO

LA NUOVA RATEAZIONE DEI RUOLI: CHI, COME, QUANDO LA "NUOVA" RATEAZIONE DEI RUOLI: CHI, COME, QUANDO 25 Marzo 2015 Riscossione di Saverio Cinieri - Dottore Commercialista e Pubblicista È possibile pagare a rate le cartelle dell Agente della riscossione

Dettagli

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Regolamento per la Definizione Agevolata dei Tributi locali minori ICP e DPA (Art. 13, Legge 27 dicembre 2002, n. 289 e art.24, D.Lgs. 15 novembre 1993,

Dettagli

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO

Regione Campania DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO Regione Campania COMMISSIONE D ESAME PER L ACCESSO ALL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO EX ART. 5 LEGGE 264/91 ANNO 2002 DISCIPLINA E REGIME TRIBUTARIO E01 Che cosa s intende

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI

REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI 1. Le norme del presente regolamento costituiscono la disciplina generale dell accertamento e della riscossione di tutte le entrate comunali non aventi

Dettagli

La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica

La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica Di cosa si tratta Regione Lombardia con l.r. 8 luglio 2015, n. 20, ha avviato una campagna di definizione agevolata delle posizioni irregolari

Dettagli

Studio Le Pera - Commercialisti Associati

Studio Le Pera - Commercialisti Associati Studio Le Pera - Commercialisti Associati Circolare n. 4 del 08 settembre 2010 LA MANOVRA CORRETTIVA ESTIVA 2010 Con il decreto legge 31 maggio 2010 n. 78, convertito dalla legge 30 luglio 2010 n. 122

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

CIRCOLARE DEL 14 MARZO 2011. Ai gentili Clienti Loro sedi IL MILLEPROROGHE È LEGGE SINTESI DEI CONTENUTI

CIRCOLARE DEL 14 MARZO 2011. Ai gentili Clienti Loro sedi IL MILLEPROROGHE È LEGGE SINTESI DEI CONTENUTI CIRCOLARE DEL 14 MARZO 2011 Ai gentili Clienti Loro sedi IL MILLEPROROGHE È LEGGE SINTESI DEI CONTENUTI Il c.d. Decreto Milleproroghe - D.L. n.225 del 29 dicembre 2010 - è stato convertito con la legge

Dettagli

Le modalità e condizioni per la rateazione delle somme iscritte a ruolo

Le modalità e condizioni per la rateazione delle somme iscritte a ruolo n. 6/2000 Pag. 713 Le modalità e condizioni per la rateazione delle somme iscritte a ruolo Circolare del Ministero delle Finanze - (CIR) n. 15 E del 26 gennaio 2000 OGGETTO: RISCOSSIONE - Rateazione o

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII INDICE - SOMMARIO Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII CAPITOLO I: La riforma della riscossione 1. La riforma della riscossione... pag. 1 2. L agente della riscossione: Riscossione s.p.a. ed il

Dettagli

Le multe per infrazioni al Codice della Strada

Le multe per infrazioni al Codice della Strada Le multe per infrazioni al Codice della Strada Riferimenti normativi Nuovo codice della strada (D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285 e successive modificazioni); Regolamento di esecuzione e di attuazione del

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 03/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 31/01/2002 Modificato con

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con delibera di C.C. n. 10 del 10.02.1999 INDICE

Dettagli

SERVIZIO AUTORIZZAZIONI IMPIANTI PUBBLICITARI

SERVIZIO AUTORIZZAZIONI IMPIANTI PUBBLICITARI DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI CATASTO E SUOLO PUBBLICO CARTA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI SERVIZIO AUTORIZZAZIONI IMPIANTI PUBBLICITARI www.comune.torino.it/tasse/cimp Marzo 2015 www.comune.torino.it/cartaqualita

Dettagli

OGGETTO: Procedure di riscossione coattiva

OGGETTO: Procedure di riscossione coattiva Informativa per la clientela di studio N. 148 del 06.11.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Procedure di riscossione coattiva Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI Città di Lecce REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DEI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 19 luglio 2010 Emendato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

Associazione Consumatori Utenti. in collaborazione con: Newsletter CREDITO. dicembre 2012 RECUPERO DEL CREDITO CARTELLE DI PAGAMENTO

Associazione Consumatori Utenti. in collaborazione con: Newsletter CREDITO. dicembre 2012 RECUPERO DEL CREDITO CARTELLE DI PAGAMENTO in collaborazione con: Newsletter CREDITO dicembre 2012 RECUPERO DEL CREDITO CARTELLE DI PAGAMENTO A cura di : Avv. Elena Bisio 1 PREMESSA In periodo di difficoltà economiche e scarsa liquidità generalizzata,

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 28/2015. Il DLgs. n. 159/2015 ha riformato il sistema di riscossione delle imposte.

NOTA INFORMATIVA N. 28/2015. Il DLgs. n. 159/2015 ha riformato il sistema di riscossione delle imposte. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI RITA MAGGI PIAZZA CITTADELLA 6 37122 VERONA TELEFONO:

Dettagli

I principali istituti della riscossione coattiva a mezzo ruolo nell attuale assetto normativo

I principali istituti della riscossione coattiva a mezzo ruolo nell attuale assetto normativo SENATO DELLA REPUBBLICA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE FINANZE E TESORO INDAGINE CONOSCITIVA SUGLI ORGANISMI DELLA FISCALITA E SUL RAPPORTO TRA CONTRIBUENTI E FISCO 20 marzo 2014 I principali istituti della

Dettagli

PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI

PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI Valore Prassi VERONA PROTOCOLLO DELLE ESECUZIONI IMMOBILIARI - PARTE PRIMA - 1) Art. 474 c.p.c.: titolo esecutivo. 1.a) Le scritture private autenticate vanno integralmente trascritte nell atto di precetto.

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione Centrale Entrate. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Roma, 24/11/2010 Circolare n. 148 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli