VADEMECUM PER IL CITTADINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "VADEMECUM PER IL CITTADINO"

Transcript

1 VADEMECUM PER IL CITTADINO

2 IL SERVIZIO NAZIONALE DI RISCOSSIONE DEI TRIBUTI Dal 1990 il "Servizio Nazionale di Riscossione dei Tributi" è stato affidato dallo Stato ad Aziende "CONCESSIONARIE" che operano sul territorio della Provincia assegnata e sono subentrate alle precedenti ESATTORIE. Tuttavia ancora oggi il termine ESATTORIA è quello che nel linguaggio comune viene utilizzato per indicare le Aziende che gestiscono la RISCOSSIONE dei TRIBUTI per conto dello Stato, degli Enti Previdenziali (INPS, INAIL,...), dei Comuni e degli Enti locali. A decorrere dal 1 ottobre 2006, a seguito dell'entrata in vigore delle disposizioni di cui al D.L. 203/2006, la riscossione viene affidata all'agenzia delle Entrate. L'Agenzia opera tramite un nuovo organismo di diritto privato, Equitalia SpA, società interamente partecipata dalla stessa Agenzia e dall'inps. Per effetto di questa riforma, Equitalia Polis SpA, partecipata al 70% da Equitalia SpA, diventa ufficialmente "Agente della Riscossione" per le provincie di: NAPOLI BOLOGNA CASERTA GENOVA GORIZIA PADOVA PRATO ROVIGO VENEZIA Il cambiamento nell'assetto societario, tuttavia, non muta le basi normative dell'attività di riscossione coattiva che può ora, beneficiare delle nuove opportunità indicate nella riforma. Per conoscere gli Agenti della Riscossione delle altre Province d'italia ed i loro indirizzi è possibile consultare i siti internet di Equitalia SpA dell'agenzia delle Entrate e di Ascotributi

3 IL RUOLO E LA CARTELLA DI PAGAMENTO Il Cittadino (di seguito indicato anche come Contribuente o Debitore ) che deve pagare un imposta, una tassa, un contributo, una sanzione, un canone o altro, che non ha versato o potuto versare direttamente all ENTE Creditore (Stato, Regione, Provincia, Comune, INPS, INAIL, Consorzio, Ordine, Albo, Cassa di Previdenza Professionale etc.), viene inserito, da ciascun ENTE, in un elenco di Contribuenti debitori che si chiama tecnicamente RUOLO. L ENTE Creditore, per tale motivo denominato IMPOSITORE, con cadenza periodica, predispone il ruolo e lo invia all' Agente della Riscossione territorialmente competente, sulla base del domicilio fiscale dei Contribuenti affinché sia gestita la riscossione di quanto dovuto. L'Agente della Riscossione, ricevuto il ruolo, provvede alla stampa ed alla notifica della cartella di pagamento che contiene la richiesta di pagamento del debito dovuto. L'Agente della Riscossione, dunque, svolge il ruolo di mero intermediario tra l ENTE Impositore ed il Debitore ed agisce sulla base delle indicazioni ricevute dallo stesso ENTE, nel rispetto della normativa vigente. Ne consegue che il Contribuente deve rivolgersi all Ente Impositore, effettivo titolare del credito, per ottenere specifiche informazioni e per esporre eventuali contestazioni inerenti la legittimità della pretesa creditoria inserita nel ruolo, e dunque nella cartella di pagamento.

4 LA CARTELLA DI PAGAMENTO La cartella di pagamento è il documento, composto da più pagine, con il quale vengono comunicate al Contribuente le somme dovute risultanti dal ruolo. La cartella di pagamento prodotta e notificata dall' Agente della Riscossione assolve la funzione di: comunicazione al Contribuente della sua posizione debitoria nei confronti dell Erario o degli altri Enti creditori; titolo esecutivo per un diritto certo, liquido ed esigibile; precetto, che consiste nell intimazione a provvedere al pagamento entro 60 giorni dalla notificazione con l avvertimento che, in mancanza, si procederà ad esecuzione forzata. Trascorsi 60 giorni dalla data di notifica senza alcun pagamento, sempre che non sia stata concessa sospensione o dilazione, si produce automaticamente lo stato di morosità del Debitore. Di conseguenza, a partire dal 61 giorno successivo alla notifica, l'agente della Riscossione può dare avvio alle procedure esecutive e/o cautelari per il soddisfacimento del credito, senza inviare ulteriori comunicazioni al Contribuente. Dalla data di notifica della cartella iniziano pertanto a decorrere i termini per pagare quanto dovuto o per contestare, tramite apposito ricorso, la legittimità dell importo richiesto con la cartella. Il Ricorso, ovvero l atto finalizzato a contestare il debito, deve essere presentato all Ente Impositore che ha emesso il ruolo. Sarà, invece, proposto nei confronti dell'agente della Riscossione quando la cartella di pagamento sia affetta da vizi o errori di notifica. Il nome dell Ente è individuabile nella cartella di pagamento nella sezione Dettaglio degli addebiti e le modalità da seguire sono indicate nella sezione Quando e come presentare ricorso. Le modalità e le scadenze per produrre ricorso (30, 40 o 60 giorni dalla data della notifica), sono differenziate in base alla natura del debito. È, pertanto, opportuno leggere con attenzione le relative indicazioni nella sezione Quando e come presentare ricorso.

5 LA NOTIFICA DELLA CARTELLA di PAGAMENTO La cartella di pagamento viene consegnata, in termine tecnico notificata, dall' Agente della Riscossione al Contribuente con una delle seguenti modalità: tramite Messo Notificatore o Ufficiale di Riscossione incaricati dall' Agente della Riscossione; tramite il servizio postale a mezzo di raccomandata A.R.. Con la notifica viene portata a conoscenza del Contribuente l esistenza della sua posizione debitoria verso l Erario o gli altri Enti Creditori e gli viene intimato di provvedere al pagamento entro 60 giorni. La legge prevede che la notifica venga effettuata al domicilio fiscale del Contribuente che, di regola, coincide con la sua residenza anagrafica e che quanto viene affermato e scritto sulla relazione di notifica da parte dell addetto alla notifica sia vero fino a querela di falso. Per le persone giuridiche (Società, Enti ecc.) la notifica deve avvenire presso la sede che risulta dal Registro delle Imprese. La sequenza da rispettare per la notifica della cartella è la seguente: 1. la consegna viene effettuata personalmente al Contribuente, nella sua residenza o nel luogo dove ha l ufficio o esercita l industria o il commercio nell ambito del Comune di residenza, oppure, se ciò non è possibile, ovunque si trovi nell ambito del territorio di competenza dell' Agente della Riscossione. Non è necessario che il Contribuente sottoscriva la relata di notifica redatta dal messo e trattenuta dall' Agente della Riscossione. Inoltre, un suo eventuale rifiuto a ricevere la cartella equivale a notifica perfezionata a tutti gli effetti; 2. se il Contribuente non è presente nei luoghi indicati al punto 1, la cartella (o l atto da notificare) viene consegnata a una persona di famiglia o addetta alla casa, all ufficio o all azienda, purché non minore di anni 14 o palesemente incapace. Anche in questo caso non è necessario che la persona che ritira la cartella sottoscriva la relata di notifica redatta dal messo; 3. se non sono presenti nemmeno le persone indicate al punto 2, la cartella viene consegnata al portiere dello stabile dove è l abitazione, l ufficio o l azienda; il portiere deve sottoscrivere la relata di notifica e si procede contestualmente a dare notizia al Contribuente dell avvenuta consegna, con l invio di una raccomandata semplice; 4. se anche il portiere manca, la cartella (o l atto da notificare) può essere consegnata ad un vicino di casa del Contribuente che accetti di riceverla. Anche in questo caso, il vicino deve sottoscrivere la relata di notifica e si procede contestualmente a dare notizia al Contribuente dell avvenuta consegna con l invio di una raccomandata semplice; 5. se non è possibile consegnare la cartella per l assenza del Contribuente e per la contemporanea assenza o il rifiuto delle persone indicate ai punti 2, 3 e 4, la notifica si effettua, come per legge, mediante: deposito della cartella nella Casa Comunale; affissione dell avviso di deposito nell Albo del Comune (di residenza); invio di raccomandata con avviso di ricevimento al Contribuente per segnalare l impossibilità di consegna della cartella, con l invito a ritirarla presso la Casa Comunale ove essa è stata depositata. In questo caso la notifica si dà per avvenuta il giorno successivo a quello dell affissione all Albo Comunale;

6 6. infine, se l addetto alla notifica accerta, senza alcun dubbio, che il Contribuente destinatario della cartella da notificare non risiede più nel luogo indicato dalla certificazione anagrafica, la notifica si esegue, come previsto dalla legge nel caso di irreperibilità assoluta, mediante: deposito della cartella (o dell atto) nella Casa Comunale; affissione di avviso di deposito all Albo del Comune (di residenza). In questo caso la notifica si dà per avvenuta l ottavo giorno successivo a quello dell affissione. In caso di utilizzo del servizio postale, la legge prevede che la notifica della cartella, inviata a mezzo di raccomandata con avviso di ricevimento, si dia per avvenuta alla data indicata nell avviso stesso, sottoscritto dalla persona alla quale l ufficiale postale consegna la cartella.

7 COME SI LEGGE LA CARTELLA DI PAGAMENTO Nella PRIMA PAGINA della cartella di pagamento (fig.1) sono riportati: la relata di notifica (in alto) nella quale l incaricato della notifica indica la data, il luogo e la persona alla quale è stata consegnata la cartella; il numero della cartella di pagamento (sulla destra e nella parte centrale); i dati dell' Agente della Riscossione che ha emesso la cartella (es. EQUITALIA POLIS S.P.A.); il nominativo del Contribuente debitore, il suo indirizzo e codice fiscale; l importo da pagare e le informazioni legate all eventuale ritardo nel pagamento (interessi, compensi di riscossione), la causale e l Ente Creditore;

8 una sintesi delle modalità di pagamento e l avvertenza che, essendo la cartella un titolo esecutivo, in mancanza di pagamento, decorsi i 60 giorni dalla notifica, si procederà ad esecuzione forzata, nonché al fermo amministrativo dei beni mobili registrati (ad es. automobili), all ipoteca sugli immobili di Sua proprietà e ad acquisire presso i Suoi debitori notizie sui Suoi crediti nei loro confronti. Nelle pagine successive, alla sezione DETTAGLIO DEGLI ADDEBITI sono riportati: la denominazione dell Ente Impositore al quale il Contribuente dovrà fare riferimento per informazioni circa la sussistenza del debito; la motivazione, seppur sintetica, delle circostanze per cui è sorto il debito contenuto nella cartella di pagamento (es: imposta non versata in autotassazione, accertamento di maggiore imposta da parte dell Ente, tassa rifiuti solidi urbani, verbale di contravvenzione non pagato, contributi previdenziali, canoni, tasse, contributi vari, etc.); l indicazione del ruolo, della data di esecutorietà e della sua tipologia (ruolo ordinario o straordinario); il dettaglio del debito richiesto (tributi) scorporato per anno di riferimento e voce (somma originaria, interessi, sanzioni etc.). Nella sezione ISTRUZIONI PER IL PAGAMENTO sono riportati: l importo della cartella e il tempo utile per effettuare il pagamento o i pagamenti se l importo è ripartito in rate; le varie modalità previste dalla legge per il pagamento: sportelli dell' Agente della Riscossione, Uffici Postali, Sportelli Bancari. Nella sezione DATI AD USO DEGLI UFFICI sono riportati: i dati identificativi della cartella e dell iscrizione a ruolo; l anno di compilazione e il numero del ruolo; i codici del tributo da pagare; gli anni di riferimento; le rate;

9 l importo per tributo; gli estremi dell atto che ha dato origine all iscrizione a ruolo; alcune eventuali comunicazioni dell' Agente della Riscossione. Nella sezione QUANDO E COME PRESENTARE RICORSO sono riportati: i termini e le modalità per effettuare eventuale ricorso contro la cartella all ENTE IMPOSITORE che ha emesso il ruolo in qualità di titolare del credito; i dati da indicare nel ricorso. Nelle PAGINE SUCCESSIVE della cartella sono allegati: i bollettini di pagamento modello RAV da utilizzare per il pagamento in Posta o in Banca. Nel caso di pagamento rateale è allegato un bollettino per ogni rata ed uno per il pagamento totale.

10 COSA FARE QUANDO ARRIVA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 1. INFORMARSI Molti Contribuenti, una volta ricevuta una cartella, si rivolgono per informazioni direttamente all' Agente della Riscossione che l ha inviata. L'Agente della Riscossione è, però, solo un esecutore dell ordine di addebito emesso dall Ente Impositore, in quanto compila e spedisce la cartella, senza essere al corrente dei motivi per cui è stata addebitata la somma richiesta. E quindi necessario rivolgere all Ente Impositore competente, da rilevare nella sezione Dettaglio degli addebiti, ogni richiesta di informazioni sulla natura del debito da pagare, sull eventuale domanda di sospensione, rateizzazione o sgravio del debito. Il Contribuente può rivolgersi, altresì, all' Agente della Riscossione unicamente per le informazioni inerenti: modalità di pagamento ed in particolare: termini di scadenza della cartella, situazione dei pagamenti rateali, calcolo della mora, orario degli sportelli; eventuali procedure esecutive attivate nel caso di mancato pagamento nei termini.

11 COSA FARE QUANDO ARRIVA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 2. PAGARE Se il Contribuente riconosce che le somme indicate nella cartella sono dovute, è essenziale effettuare il pagamento entro i 60 giorni dalla notifica, per evitare l aggravio di interessi, penalità ed eventuali spese per le procedure esecutive previste dalla legge. Nel caso di cartella in più rate, la prima deve essere pagata entro sessanta giorni dalla notifica. Ciascuna delle rate successive deve essere pagata entro l ultimo giorno del secondo mese successivo a quello di scadenza della rata precedente. In caso di mancato pagamento della cartella entro 60 giorni dalla notifica, è previsto per legge un aggravio del 4,65% sulla somma da pagare oltre al pagamento degli interessi di mora, alla data stabiliti nella misura del 4,20% semestrale pari allo 0,023% giornaliero. Gli interessi decorrono dal giorno della notifica della cartella e spettano all Ente Impositore e non all' Agente della Riscossione. A titolo esemplificativo, per un importo di 100,00 pagato in ritardo, al 61 giorno dalla notifica, l ammontare complessivamente dovuto è pari a 111,61 così suddiviso: Debito 100,00 Diritto di notifica 5,56 Compenso di riscossione 4,65% da calcolare sul debito di 100,00 4,65 Interessi di mora 0,023% sul debito di 100,00 per 61 giorni 1,40 Totale dovuto 111,61 Con EQUITALIA POLIS i Contribuenti possono scegliere la modalità di pagamento più adatta alle loro esigenze: presso gli Sportelli dell' Agente della Riscossione presenti sul territorio, senza aggravio di commissioni; in qualsiasi Banca utilizzando il modello RAV allegato alla cartella; presso gli Sportelli Bancomat del Gruppo Sanpaolo IMI per i Clienti di tale Istituto; presso gli Uffici Postali con l utilizzo del modello RAV o con bollettino in bianco Mod. F35 (da compilare in ogni sua parte); sul sito internet con carta di credito (Visa o Mastercard) o con l utilizzo del servizio Bankpass.

12 COSA FARE QUANDO ARRIVA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 3. ATTIVARE ISTANZA DI AUTOTUTELA O RICORSO Se il Contribuente, dopo attenta analisi della cartella, ritiene che la somma richiesta non sia dovuta deve: reperire la documentazione a sostegno delle proprie ragioni. Ad esempio: 1. nel caso di multe automobilistiche, il bollettino di pagamento del verbale di contravvenzione o la decisione del Prefetto o del Giudice di Pace se si è fatta opposizione ed è stato annullato il verbale di contravvenzione; 2. nel caso di recupero di imposte sui redditi da parte dell Agenzia delle Entrate, la dichiarazione dei redditi prodotta per l anno cui si riferisce il tributo con tutta la documentazione e l eventuale pagamento in autotassazione. Con la documentazione dell avvenuto pagamento o dell insussistenza del debito descritto nella cartella, il Contribuente dovrà: recarsi all Ufficio dell Ente Impositore che ha inviato all' Agente della Riscossione l ordine di riscuotere quel tributo. L ubicazione dell Ufficio è indicata nella cartella di pagamento nella sezione Dettaglio degli addebiti oppure nella sezione Quando e Come presentare ricorso ; presentare a detto Ufficio un istanza in autotutela, termine tecnico che identifica la richiesta di annullamento con la documentazione a sostegno. Il Contribuente deve fare molta attenzione ai termini ed all iter seguito poiché l istanza in autotutela non blocca i termini utili per ricorrere al Giudice Tributario o a quello Ordinario (ad es. Giudice di Pace), pertanto: se l Ufficio dell Ente Impositore, alla verifica della documentazione esibita, riconosce subito l errore in cui è incorso ed annulla la cartella, il Contribuente deve solo accertarsi che l Ufficio comunichi all' Agente della Riscossione l annullamento; se l Ufficio dell Ente Impositore non riconosce l errore, mentre il Contribuente continua a ritenere fondata la sua richiesta, quest ultimo può ricorrere al Giudice Tributario o a quello Ordinario, attivando un formale ricorso. Il ricorso deve essere presentato entro i termini previsti dalla legge onde evitare di perdere definitivamente la possibilità di vedere accolte le proprie ragioni. Questi termini, che risultano chiaramente indicati nella sezione della cartella di pagamento Quando e Come presentare ricorso, possono variare da 30 a 40 o 60 giorni dalla data di notifica della cartella, a seconda del tributo verso cui si ricorre. Nella stessa sezione è indicato anche il Giudice competente a ricevere il ricorso.

13 COSA FARE QUANDO ARRIVA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 4. RICHIEDERE UNA SOSPENSIONE Il ricorso contro una cartella di pagamento, come previsto dalla legge, non comporta automaticamente la sospensione della riscossione da parte dell' Agente della Riscossione. Pertanto, il Contribuente che ha presentato un formale ricorso contro la cartella è opportuno che richieda, nel ricorso al Giudice (Tributario o Ordinario), la sospensione della riscossione al fine di evitare che l' Agente della Riscossione, trascorso il termine utile per il pagamento (60 giorni dalla notifica) attivi le procedure cautelari ed esecutive di recupero (ad es. fermo auto, ipoteca, pignoramento immobiliare) nei confronti del Contribuente che ha attivato ricorso. La sospensione blocca pertanto l attività di riscossione dell' Agente della Riscossione in attesa della decisione sul ricorso che, talvolta, viene prodotta anche dopo anni dalla istanza. Per i tributi erariali (IRPEF-IVA-REGISTRO ecc.) la legge prevede che la sospensione possa essere richiesta anche all Agenzia delle Entrate (Ufficio dell Ente territorialmente competente) presentando un apposita istanza in carta libera, con allegata una copia della cartella impugnata, nonché una copia del ricorso prodotto al Giudice Tributario.

14 COSA FARE QUANDO ARRIVA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 5. RICHIEDERE LO SGRAVIO DELLA CARTELLA Lo sgravio della cartella di pagamento è la procedura attraverso la quale l Ufficio dell Ente Impositore che ha inviato all' Agente della Riscossione l ordine di incassare determinate somme dal Contribuente, invia all' Agente della Riscossione stesso un provvedimento nel quale annulla in tutto o in parte l ordine di incasso contenuto nella cartella, perché non sono più dovute, in tutto o in parte, le somme richieste. Il provvedimento di sgravio è emanato a seguito di richiesta di annullamento in autotutela o di ricorso ed è pertanto riconducibile ai seguenti casi: Sgravio in caso di autotutela A seguito di formale richiesta scritta del Contribuente e talvolta anche senza che sia necessario presentare alcuna istanza (ad esempio in presenza di palesi errori), l Ufficio dell Ente Impositore che ha emesso il ruolo, se riconosce l errore in cui è incorso, opera direttamente lo sgravio (totale o parziale) e invia il relativo provvedimento di annullamento all' Agente della Riscossione. Sgravio a seguito di decisione della Commissione Tributaria Quando il Contribuente, a seguito di ricorso alla Commissione Tributaria, vince il ricorso ha diritto ad ottenere lo sgravio entro 90 giorni dalla notifica della decisione. Se le somme oggetto del ricorso sono state pagate dal Contribuente in attesa della decisione, l Ufficio dell Ente Impositore deve inviare all' Agente della Riscossione l ordine di rimborsare al Contribuente le somme riconosciute non dovute affinché l' Agente della Riscossione provveda alla restituzione. Sgravio a seguito di sentenza favorevole del Giudice di Pace o del Giudice Ordinario La stessa procedura e gli stessi diritti descritti per le decisioni pronunciate dalla Commissione Tributaria valgono per le sentenze favorevoli pronunciate dai Giudici di Pace e dai Giudici Ordinari.

15 COSA FARE QUANDO ARRIVA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 6. RICHIEDERE LA SEGNALAZIONE DELLO SGRAVIO ALL' AGENTE DI RISCOSSIONE L'Agente di Riscossione non può autonomamente annullare la cartella, neanche dopo l esito favorevole della richiesta avanzata dal Contribuente nei confronti dell Ente, con le modalità indicate nei punti precedenti, in quanto il credito iscritto non è dell' Agente di Riscossione ma dell Ente. E pertanto l Ente Impositore che deve provvedere a segnalare tempestivamente all' Agente della Riscossione lo sgravio, con apposita procedura telematica, al fine di annullare definitivamente la pretesa tributaria. Quindi il Contribuente, ottenuta la decisione a Lui favorevole, per evitare eventuali atti esecutivi da parte dell'agente di Riscossione, dovrà recarsi presso l Ufficio dell Ente Impositore per richiedere l emissione di un provvedimento di sgravio, avanzando apposita istanza, alla quale va allegata copia della decisione o della sentenza che ha dichiarato non dovute le somme indebitamente richieste, accertandosi che l Ente Impositore trasmetta all' Agente della Riscossione il provvedimento di sgravio. La tempestiva trasmissione consente di evitare le contestazioni generate dalle successive attività esecutive svolte dall' Agente della Riscossione per la mancata conoscenza del provvedimento di sgravio.

16 COSA FARE QUANDO ARRIVA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 7. RICHIEDERE LA RATEAZIONE DELLA CARTELLA Il Contribuente che non è nelle condizioni economiche di pagare entro i termini (60 giorni dalla notifica) la somma indicata nella cartella, può chiedere una rateazione del debito all Ufficio dell Ente Impositore (non all' Agente della Riscossione). Circa le modalità di dilazione ed il numero di rate concedibili, è necessario fare riferimento ai regolamenti di ciascun Ente Impositore (Erario, INPS, INAIL, Comune, ecc.). A titolo esemplificativo, per i tributi erariali (IRPEF-IVA-Registro) vi è la possibilità di rateizzare il debito sino ad un massimo di 60 rate mensili, presentando all Ufficio dell Ente (Agenzia delle Entrate territorialmente competente) un istanza in carta da bollo, con allegata la copia della cartella, nella quale vanno indicate anche le ragioni della temporanea difficoltà di pagamento. L istanza di rateazione deve essere presentata all Ufficio dell Ente Impositore, per legge a pena di inammissibilità, prima che siano iniziati gli atti esecutivi da parte dell'agente della Riscossione. Per atti esecutivi si intendono il pignoramento mobiliare presso l abitazione o i locali dove il Contribuente esercita l attività, il pignoramento immobiliare, il pignoramento presso terzi di stipendio, pensione, fitti.

17 COSA SUCCEDE SE NON SI PAGA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO Le procedure cautelari ed esecutive Trascorsi 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento, l' Agente della Riscossione, per legge, deve iniziare le procedure esecutive sui beni del Contribuente rilevati presso l Anagrafe Tributaria, per il recupero delle somme non pagate. L attivazione, da parte dell' Agente della Riscossione, di procedure cautelari ed esecutive determina ulteriori spese a carico del Contribuente. Sulla base dei beni individuati possono essere attivate le seguenti azioni: 1. IL FERMO AMMINISTRATIVO DEI BENI MOBILI REGISTRATI Si tratta del provvedimento che in gergo giornalistico viene denominato ganasce fiscali. È una procedura cautelativa che può riguardare autoveicoli, motoveicoli, aeromobili, barche e navi; cioè tutti quei beni che, dai Pubblici Registri Mobiliari (P.R.A., Registro Navale, ecc.), risultano essere intestati al Contribuente. In tali casi l' Agente della Riscossione invia al Contribuente una lettera di preavviso di iscrizione del fermo amministrativo, nella quale è indicato il dettaglio del debito con l avvertenza che, in difetto di pagamento entro 20 giorni dalla lettera, si procederà all iscrizione del fermo del bene nei Pubblici Registri. Il caso più frequente è quello di iscrizione di fermo al P.R.A. - Pubblico Registro Automobilistico - di una o più autovetture di proprietà del Debitore, con le seguenti conseguenze: il veicolo sottoposto a fermo non può circolare; il veicolo sottoposto a fermo e trovato a circolare è soggetto alle sanzioni amministrative previste dal Codice della Strada (art. 214 del D.Lgs 285/92), da un minimo di 656,25 Euro ad un massimo di 2.628,15 Euro, oltre al sequestro immediato ed al successivo ricovero in apposito luogo di custodia; il provvedimento di fermo comporta l inopponibilità all' Agente della Riscossione di successivi atti dispositivi del bene; ciò significa che, se non viene pagato il debito che ha dato origine alla procedura, l' Agente della Riscossione può sottoporre a pignoramento il bene fermato e venderlo all asta, anche se nel frattempo l auto è passata in proprietà ad un terzo a seguito di vendita; le Compagnie di Assicurazione, in caso di sinistro accaduto in violazione del provvedimento di fermo, a norma delle condizioni contrattuali, possono far valere il diritto di rivalsa sull Assicurato. La cancellazione del fermo è effettuata a cura del Contribuente presso il P.R.A. - Pubblico Registro Automobilistico - previa esibizione del provvedimento di revoca che l' Agente della Riscossione rilascerà all atto del saldo degli importi dovuti, nonché dietro versamento alle casse dell Automobile Club d Italia delle ulteriori spese allo stesso spettanti. In caso di sgravio per debito non dovuto, provvede l' Agente della Riscossione alla cancellazione gratuita.

18 COSA SUCCEDE SE NON SI PAGA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 2. L IPOTECA SUGLI IMMOBILI È una procedura cautelativa che, per gli effetti, è simile al fermo dei beni mobili registrati, ma che si differenzia per l oggetto del bene individuato in uno o più immobili di proprietà del Debitore. Contemporaneamente all iscrizione dell ipoteca, l' Agente della Riscossione invia al Debitore una lettera di comunicazione dell iscrizione dell ipoteca, che viene effettuata per un valore doppio del debito (comprensivo di interessi di mora, compensi e spese per procedure maturate), nella quale si invita al pagamento onde evitare la successiva vendita dell immobile all asta. La Legge non prevede limiti di importo minimi alla iscrizione dell ipoteca sui beni del debitore essendo semplicemente una procedura a tutela del credito dell Ente Impositore. Se il debito che ha dato origine all ipoteca non risulta nel frattempo pagato, l' Agente della Riscossione può iniziare gli atti esecutivi mettendo all asta l immobile, anche se la proprietà è stata trasferita ad un terzo (ad esempio, a seguito di vendita). Le procedure di vendita all asta di norma vengono attivate dopo alcuni mesi dall iscrizione dell ipoteca, anche in relazione ai tempi previsti per l avvio della procedura stessa e per la fissazione delle aste.

19 COSA SUCCEDE SE NON SI PAGA UNA CARTELLA DI PAGAMENTO 3. IL PIGNORAMENTO IMMOBILIARE E l atto esecutivo con il quale l' Agente della Riscossione inizia la procedura per la vendita all asta dell immobile di proprietà del Contribuente. Il pignoramento immobiliare, di norma successivo all ipoteca, può essere effettuato immediatamente nel caso di debiti superiori ad 8.000,00. Per importi inferiori a tale limite non si può procedere al pignoramento immobiliare mentre è sempre possibile attivare l ipoteca, in quanto procedura cautelare e non esecutiva. Il pignoramento immobiliare si perfeziona con la trascrizione dello stesso e dell avviso di vendita all asta con le date indicate per gli incanti, presso la Conservatoria dei Pubblici Registri Immobiliari dove è censito l immobile. Eseguita la trascrizione del pignoramento, nei 5 giorni successivi, viene notificato l avviso di vendita all asta al Contribuente e agli eventuali Comproprietari, Creditori ipotecari, Usufruttuari. Per i tributi erariali è prevista l effettuazione sino a tre incanti; successivamente il bene viene assegnato allo Stato, mentre per gli altri tributi l Ente Impositore può autorizzare l effettuazione di un quarto incanto. Almeno 20 giorni prima della data fissata per il primo incanto viene data pubblicità della vendita affiggendo l avviso d asta presso il Tribunale ed il Comune ove l immobile è situato. Le comunicazioni di vendita vengono inoltre pubblicizzate nella sezione Aste Immobiliari presente sul sito tramite inserzioni sui quotidiani e riviste specializzate. 4. IL PIGNORAMENTO MOBILIARE Con questo atto esecutivo l' Agente della Riscossione procede al pignoramento dei beni mobili di proprietà del Debitore presso la casa di abitazione dello Stesso, ovvero nei locali dove, in qualità di Titolare, svolge la sua attività professionale, commerciale o artigianale. I beni mobili pignorati, in caso di mancato pagamento, sono poi messi all asta, anche ricorrendo all ausilio di Istituti di Vendite Giudiziarie. 5. IL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI DI CREDITI E l atto esecutivo con il quale l' Agente della Riscossione procede al pignoramento di crediti che il Contribuente debitore vanta presso Terzi. E il caso delle retribuzioni, che il dipendente percepisce mensilmente dal suo datore di lavoro, delle pensioni corrisposte da Enti Previdenziali, dei crediti presso i committenti per le prestazioni professionali svolte dai lavoratori autonomi, dei fitti per locazioni di immobili, ecc. Il pignoramento presso terzi per i rapporti di lavoro può essere eseguito direttamente dall' Agente della Riscossione senza ricorrere al Giudice dell Esecuzione. In questo caso il datore di lavoro versa direttamente all' Agente della Riscossione parte della retribuzione dovuta al Contribuente (nel limite di un quinto della retribuzione stessa). In tutti gli altri casi (lavoro autonomo, prestazioni professionali, etc.) è necessario che il Giudice dell Esecuzione, previa citazione e successiva dichiarazione positiva del Terzo, emetta ordinanza di assegnazione pari all importo del credito per il quale si procede.

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali

l agenzia in f orma GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE di PAGAMENTO Ufficio Prodotti Editoriali 1 l agenzia in f orma 2006 GUIDA PRATICA alle COMUNICAZIONI FISCALI e alle CARTELLE

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA

DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA DIREZIONE REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA La riscossione coattiva DOSSIER TEMATICO A cura di Sandra Amovilli - Responsabile Relazioni esterne Alessandro Zambonelli Responsabile Ufficio Audit Esterno Aggiornamento

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI

TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI TRIBUNALE CIVILE DI SASSARI UFFICIO ESECUZIONI IMMOBILIARI Disposizioni generali in materia di espropriazione immobiliare Modalità di presentazione delle offerte e di svolgimento delle procedure di VENDITA

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE

TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE ALLEGATO AL VERBALE DELL UDIENZA DEL TRIBUNALE DI ROMA IV SEZIONE CIVILE PROCEDURA N R.G.E. PROCEDIMENTO DI DIVISIONE N. I L G I U D I C E Visto il provvedimento reso all udienza del nella procedura esecutiva

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI

GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI GUIDA AL VERSAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI SOLIDI URBANI Chi deve pagare la Tassa Smaltimento Rifiuti Solidi Urbani? Tutti coloro che occupano,utilizzano o dispongono di locali e di aree scoperte a qualsiasi

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa

Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps Newsletter Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa 3 aprile 2014 INDICE Premessa

Dettagli

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI

Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TRENTO TRIBUNALE CIVILE DI TRENTO Linee guida per le ESECUZIONI IMMOBILIARI FORMA DEL PIGNORAMENTO L atto di pignoramento deve contenere l avvertimento al debitore che, se intende

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI

ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI ISTRUZIONI PER LE NOTIFICHE IN PROPRIO DEGLI AVVOCATI LA LEGGE nr. 53/1994 La legge 53/1994 ha inserito nel nostro ordinamento la facoltà, per gli avvocati, di notificare gli atti giudiziari. Consentendo

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada).

COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Aggiornamento 12.07.2014 COME PRESENTARE IN MODO UTILE UN RICORSO O.S.A. OVVERO DI OPPOSIZIONE A SANZIONI AMMINISTRATIVE (esempio multe codice della strada). Praticamente esistono due modi per proporre

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon

Testi di: Simona Pigini Disegni di: Mario Dalbon UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI COMITATO REGIONALE E PROVINCIALE DI MILANO CONIACUT GUIDA PRATICA ALLA COMPRAVENDITA DELLA CASA Progetto cofinanziato dal Ministero delle Attività Produttive RegioneLombardia

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO

COMUNE DI OLMEDO. Provincia di Sassari REGOLAMENTO COMUNE DI OLMEDO Provincia di Sassari REGOLAMENTO APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE ALLE VIOLAZIONI AI REGOLAMENTI COMUNALI ED ALLE ORDINANZE SINDACALI (Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE

1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE Protocollo PCT di Reggio Emilia 1 ESECUZIONI MOBILIARI TELEMATICHE 1.1 Premessa Per effetto dell art.16 bis, 3 comma, del D.L. n.179/2012, conv. con modifiche nella L. 24.12.2012, n. 228 e dell'art. 44

Dettagli

ENTRATE DI ROMA CAPITALE: dai tributi alle contravvenzioni

ENTRATE DI ROMA CAPITALE: dai tributi alle contravvenzioni ENTRATE DI ROMA CAPITALE: dai tributi alle contravvenzioni CARTA DEI SERVIZI Dipartimento Economiche Aequa Roma S.p.A. 1 CONSIGLI AI CITTADINI 1. Se si desidera ottenere informazioni e chiarimenti, è sempre

Dettagli