La responsabilità penale dell assistente sociale nell ambito del mandato istituzionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La responsabilità penale dell assistente sociale nell ambito del mandato istituzionale"

Transcript

1 Firenze Istituto degli Innocenti 11 maggio 2012 La responsabilità penale dell assistente sociale nell ambito del mandato istituzionale Relatrice: Laura Riccio 1

2 LA RESPONSABILITA PENALE - NORMATIVA DI RIFERIMENTO Art. 622 c.p. Rivelazione di segreto professionale Chiunque, avendo notizia, per ragione del proprio stato o ufficio o della propria professione o arte, di un segreto, lo rivela senza giusta causa, ovvero lo impiega a proprio o altrui profitto è punito, se dal fatto può derivare nocumento, con la reclusione fino a un anno o con la multa da euro 30 a euro 516 Il delitto è punibile a querela della persona offesa Art. 326 c.p. Rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio. Il pubblico ufficiale o la persona incaricata di un pubblico servizio che, violando i doveri inerenti alla funzione o al servizio, o comunque abusando della sua qualità, rivela notizie d ufficio, le quali debbono rimanere segrete, o ne agevola in qualsiasi modo la conoscenza, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni. Se l agevolazione è soltanto colposa, si applica la reclusione fino a un anno Omissis Art. 357 c.p. : Nozione del Pubblico ufficiale Agli effetti della legge penale, sono pubblici ufficiali coloro i quali esercitano una pubblica funzione legislativa, giurisdizionale o amministrativa. Agli stessi effetti è pubblica la funzione amministrativa disciplinata da norme di diritto pubblico e da atti autoritativi, e caratterizzata dalla formazione e dalla manifestazione della volontà della pubblica amministrazione e dal suo svolgersi per mezzo di poteri autoritativi e certificativi. Art. 358 c.p.: Nozione della persona incaricata di un pubblico servizio. Agli effetti della legge penale sono incaricati di un pubblico servizio coloro i quali, a qualunque titolo, prestano un pubblico servizio. Per pubblico servizio deve intendersi un attività disciplinata nelle stesse forme della pubblica funzione, ma caratterizzata dalla mancanza di poteri tipici di quest ultima, e con esclusione dello svolgimento di semplici mansioni di ordine e della prestazione di opera meramente materiale. Art. 361 c.p.: Omessa denuncia di reato da parte del pubblico ufficiale Il pubblico ufficiale il quale omette o ritarda di denunciare all'autorità giudiziaria.un reato di cui abbia avuto notizia nell'esercizio o a causa delle sue funzioni è punito con la multa da euro 30 a euro 516 Omissis Art. 362 c.p.: Omessa denuncia da parte di un incaricato di pubblico servizio L incaricato di un pubblico servizio che omette o ritarda di denunciare all Autorità un reato del quale abbia avuto notizia nell esercizio o a causa del servizio è punito con la multa fino ad euro 103 Tale disposizione non si applica se si tratta di un reato punibile a querela della persona offesa, né si applica ai responsabili delle comunità terapeutiche socio-riabilitative per fatti commessi da persone tossicodipendenti affidate per l esecuzione del programma definito da un servizio pubblico 2

3 Art. 331 c.p.p: Denuncia da parte di pubblici ufficiali e incaricati di un pubblico servizio..i pubblici ufficiali e gli incaricati di un pubblico servizio che, nell esercizio o a causa delle loro funzioni o del loro servizio, hanno notizia di un reato perseguibile d ufficio, devono farne denuncia per iscritto, anche quando non sia individuata la persona alla quale il reato è attribuito La denuncia è presentata o trasmessa senza ritardo al pubblico ministero.. Omissis Art.103 c.p.p. Garanzie di libertà del difensore Le ispezioni e le perquisizioni negli uffici dei difensori sono consentite solo: a) quando essi o altre persone che svolgono stabilmente attività nello stesso ufficio sono imputati limitatamente ai fini dell accertamento del reato loro attribuito; b) per rilevare tracce o altri effetti materiali del reato o per ricercare cose o persone specificamente predeterminate; Presso i difensori e gli investigatori privati autorizzati e incaricati in relazione al procedimento, nonché presso i consulenti tecnici non si può procedere a sequestro di carte o documenti relativi all oggetto della difesa, salvo che costituiscano corpo del reato. Nell accingersi a eseguire una ispezione, una perquisizione o un sequestro nell ufficio di un difensore, l autorità giudiziaria a pena di nullità avvisa il consiglio dell ordine forense del luogo perché il presidente o un consigliere da questo delegato possa assistere alle operazioni. Allo stesso, se interviene e ne fa richiesta, è consegnata copia del provvedimento. Alle ispezioni, alle perquisizioni e ai sequestri negli uffici dei difensori procede personalmente il giudice ovvero, nel corso delle indagini preliminari il pubblico ministero in forza di motivato decreto di autorizzazione del giudice. Non è consentita l intercettazione relativa a conversazioni o comunicazioni dei difensori, degli investigatori privati autorizzati e incaricati in relazione al procedimento, dei consulenti tecnici e loro ausiliari, né a quelle tra i medesimi e le persone da loro assistite. Sono vietati il sequestro e ogni forma di controllo della corrispondenza tra l imputato e il proprio difensore in quanto riconoscibile dalle prescritte indicazioni, salvo che l autorità giudiziaria abbia fondato motivo di ritenere che si tratti di corpo del reato. Omissis art.200 c.p.p. Segreto professionale Non possono essere obbligati a deporre su quanto hanno conosciuto per ragione del loro ministero, ufficio o professione, salvo i casi in cui abbiano l obbligo di riferirne all autorità giudiziaria: a) i ministri di confessioni religiose i cui statuti non contrastino con l ordinamento giuridico italiano; b) gli avvocati, gli investigatori privati autorizzati, i consulenti tecnici e i notai; c) i medici e i chirurghi, i farmacisti, le ostetriche e ogni altro esercente la professione sanitaria; d) gli esercenti altri uffici o professioni ai quali la legge riconosce la facoltà di astenersi dal deporre determinata dal segreto professionale. Omissis Art. 328 c.p. Rifiuto di atti d'ufficio. Omissione Il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio, che indebitamente rifiuta un atto del suo ufficio che, per ragioni di giustizia o di sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o di igiene e sanità, deve essere compiuto senza ritardo, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni. 3

4 Fuori dei casi previsti dal primo comma, il pubblico ufficiale o l'incaricato di un pubblico servizio, che entro trenta giorni dalla richiesta di chi vi abbia interesse non compie l'atto del suo ufficio e non risponde per esporre le ragioni del ritardo, è punito con la reclusione fino ad un anno o con la multa fino a euro Tale richiesta deve essere redatta in forma scritta ed il termine di trenta giorni decorre dalla ricezione della richiesta stessa. Art. 323 c.p. Abuso di ufficio. Salvo che il fatto non costituisca un più grave reato, il pubblico ufficiale o l'incaricato di pubblico sevizio che, nello svolgimento delle funzioni o del servizio, in violazione di norme di legge o di regolamento, ovvero omettendo di astenersi in presenza di un interesse proprio o di un prossimo congiunto o negli altri casi prescritti, intenzionalmente procura a sé o ad altri un ingiusto vantaggio patrimoniale ovvero arreca ad altri un danno ingiusto è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni. Omissis. Art. 40, comma 2, c.p. Rapporto di causalità Non impedire l evento, che si ha l obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo 4

5 La responsabilità penale dell assistente sociale nell ambito del mandato istituzionale I confini argomentativi: - Il segreto professionale degli assistenti sociali - La responsabilità per omissione o ritardo nel compimento d atti d ufficio. L abuso di ufficio - La responsabilità degli assistenti sociali per il mancato impedimento dell evento IL SEGRETO PROFESSIONALE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI Le questioni aperte: -come si configura il rapporto tra l obbligo (giuridico) al segreto e quello, al pari giuridicamente rilevante, di denunciare un fatto di reato di cui i servizi sociali siano venuti a conoscenza svolgendo la loro professione; -come si pone il rapporto tra l obbligo al segreto e quello di dover rendere testimonianza, ed in riferimento agli stessi fatti, nel corso di un procedimento penale. Occorre muovere da una ricognizione dei concetti in gioco Il concetto giuridico di segreto Il segreto costituisce un mezzo per proteggere interessi che appartengono al singolo od alla collettività, ovvero dalla cui rivelazione il singolo o la collettività potrebbero ricevere un danno. Il concetto giuridico di riservatezza Può essere individuato, almeno in parte, per esclusione o, più precisamente in via residuale: la riservatezza caratterizza tutti quegli aspetti della persona, la cui diffusione non porta ad un nocumento, ovvero un danno diretto al soggetto al quale si riferiscono ma che tuttavia quest ultimo può avere interesse - e sicuramente ha diritto a tenere riservati: dati e caratteristiche personali, fisiche, scelte ideologiche o politiche o di costume, vita affettiva e di relazione, la cosiddetta privacy. La protezione dei c.d. dati personali ha avuto in anni recenti una ipertutela : dalla legge n.675 del 1996 fino al Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, intitolato appunto "Codice in materia di protezione dei dati personali", che ha riordinato interamente la materia. E da specificare che questi ultimi non costituiscono il solo contenuto della riservatezza, la quale comprende altri aspetti della vita privata che non si sostanziano necessariamente in un dato oggettivo, quali appunto possono essere le scelte ideologiche o sessuali del soggetto. Riguardo questa area della vita privata la tutela giuridica si configura con modalità e attraverso norme ancora differenti ma di non facile definizione. 5

6 LE NORME DI RIFERIMENTO La ricognizione delle fonti normative art. 622 c.p. Rivelazione di segreto professionale I punti di emergenza della fattispecie penale sono due: il pericolo di un danno, ovvero se dal fatto può derivare nocumento. Si tratta dell evento del reato, ovvero del risultato della condotta di rivelazione o impiego del segreto La norma non richiede che il soggetto abbia subito un danno, bensì appunto è sufficiente il pericolo di un pregiudizio, sia morale che materiale: si tratta di una forma di tutela anticipata. Ne consegue che dovrebbe ritenersi esclusa la rilevanza penale delle rivelazioni di segreti che non si risolvono in un pregiudizio, neppure potenziale per il soggetto. A questo proposito si pensi all esistenza di un legame extraconiugale etero od omosessuale: in questa ipotesi il danno potrebbe essere sia morale che materiale. Queste comunque potrebbero e possono costituire violazioni rilevanti nell ambito della tutela della riservatezza nel senso sopra visto, quanto meno sotto un profilo civile o disciplinare. Il secondo tratto saliente dell art. 622 c.p. è costituito dal riferimento testuale alla giusta causa, ovvero la rivelazione del segreto non costituisce reato se avviene per una giusta causa. Ci si deve domandare di conseguenza che cosa può costituire una giusta causa di rivelazione di un segreto nell ambito di una attività professionale. Art. 326 c.p. Rivelazione ed utilizzazione di segreti di ufficio. Si tratta di reato c.d. proprio, ovvero il soggetto attivo deve rivestire la particolare qualifica indicata dalla norma: pubblico ufficiale, incaricato di un pubblico servizio. La condotta descritta al primo comma equivale sostanzialmente a quella prevista e punita dall art. 622 c.p., ma non vi è riferimento alla giusta causa di rivelazione. E punita anche la condotta di chi agevola la conoscenza di un fatto che deve rimanere segreto. A differenza che nel reato di violazione del segreto professionale, è prevista anche l ipotesi colposa: ovvero quella in cui la rivelazione del pubblico ufficiale o dell incaricato di un pubblico servizio avviene per negligenza, mancata cura e custodia di atti o documentazione. Nel reato in esame prevale il profilo pubblicistico dell offesa, a prescindere da chi sia il titolare dell interesse al segreto. Ciò nel senso che la condotta lede il c.d. interesse al buon andamento della Pubblica Amministrazione, dal momento che il pubblico ufficiale o l incaricato di un pubblico servizio viola il dovere di lealtà inerente al ruolo svolto. Le pene previste sono notevolmente più alte rispetto a quelle stabilite dall art.622 c.p., e la procedibilità del reato è d ufficio. Stante questa cornice normativa, il primo problema interpretativo che si pone è di quale reato debba rispondere l assistente sociale che rivestendo la qualità di 6

7 pubblico ufficiale o incaricato di un pubblico servizio, riveli un segreto attinente allo svolgimento della professione. La necessaria premessa è che l assistente sociale riveste tale qualifica, in particolare quella di incaricato di un pubblico servizio, in molti settori del suo operare, seppur tale qualifica non si identifichi necessariamente con quella di dipendente pubblico. In realtà non è la qualifica, bensì l attività svolta dagli assistenti sociali dipendenti dallo stato, dagli enti pubblici, territoriali e non, che ha appunto le caratteristiche ed è riconosciuta quale un pubblico servizio, secondo la definizione dell art. 358 c.p.. Già dal confronto di queste due norme emerge l ambivalenza del ruolo dell assistente sociale: da un lato l assistente sociale è professionista di parte, come un legale, od un medico; dall altro lo svolgimento di un pubblico servizio gli impone un ruolo di terzietà rispetto all utente. Per sentire comune e condiviso, il segreto degli assistenti sociali su quanto apprendono nello svolgimento delle loro attività è ritenuto professionale, costituente innanzitutto obbligo deontologico, ma esso vira in segreto d ufficio in forza della qualifica che essi rivestono. LA TUTELA PROCESSUALE DEL SEGRETO PROFESSIONALE E L OBBLIGO DI DENUNCIA Coesistono nell ordinamento norme in apparente antinomia: l art. 200 c.p.p. sul Segreto di professionale, è stato esteso agli assistenti sociali dall art.1 della Legge 3 aprile 2001, n.119: Disposizioni concernenti l obbligo del segreto professionale per gli assistenti sociali. Così come pure dalla stessa legge è stato estesa agli assistenti sociali l applicabilità dell art. 103 c.p.p. sulle garanzie di libertà del difensore, ovvero sui limiti all attività d indagine del Pubblico Ministero nei confronti appunto del difensore, degli investigatori privati autorizzati, del consulente tecnico. Con la legge del 2001 si è voluto introdurre, quindi, un ulteriore riconoscimento ed un rafforzamento della figura professionale degli assistenti sociali. D altra parte l art. 331 c.p.p., Denuncia da parte pubblici ufficiali e incaricati di un pubblico servizio, impone che i pubblici ufficiali e gli incaricati di un pubblico servizio che, nell esercizio o a causa delle loro funzioni o del loro servizio, abbiano notizia di un reato perseguibile d ufficio, debbano farne denuncia per iscritto, anche quando non sia individuata la persona alla quale il reato è attribuito. Gli assistenti sociali invece sono caricati di obblighi che vanno in direzioni opposte: obbligo al segreto e facoltà di non testimoniare da un lato; obbligo di denuncia, dall altro. Tali apparenti o reali contraddizioni o contraddittorietà dell ordinamento si verificano perché gli interessi in gioco sono di particolare rilievo: 7

8 in primo luogo la tutela del segreto, quale diritto inviolabile della persona - e l art. 622 c.p. sta tra i delitti contro la persona, così com è funzionale alla tutela del segreto la facoltà di non testimoniare. Sul versante opposto la tutela dell amministrazione della giustizia, che comprende, quali corollari, l acquisizione nel procedimento penale innanzitutto della notizia di reato e la denuncia è una notizia di reato c.d. qualificata e successivamente l acquisizione della prova e la testimonianza è tale. Di nuovo dal raffronto di queste norme si riscontra l ambivalenza del ruolo degli assistenti sociali, che indossano per così dire, una doppia giacca. Il rapporto fiduciario con l utente, al di là e prima di qualsiasi riconoscimento normativo, si fonda sul riserbo e sulla segretezza, mentre d altra parte il dovere di lealtà nei confronti della pubblica amministrazione impone la denuncia di un fatto costituente reato. DAL CONFLITTO DI DOVERI AL BILANCIAMENTO DI INTERESSI In particolare ci si è chiesti innanzitutto se le ipotesi che giustificano la rivelazione del segreto siano soltanto quelle descritte dal codice deontologico dell Assistente sociale, il quale all art. 28 ne prevede comunque quattro. A questo punto s innesta un ulteriore problema: quali sono le ipotesi che giustificano la rivelazione del segreto nel procedimento penale e al di fuori di esso. Per governare la relativa problematica dobbiamo immaginare una sorta di spartiacque tra le prime ipotesi e le seconde ovvero verificare la tenuta del segreto professionale dentro e fuori dal procedimento penale. Si tratta di una cesura fittizia, artificiosa, poiché nella realtà gli obblighi e le facoltà del professionista molto spesso si intersecano. 1. La rivelazione del segreto all interno del procedimento penale L obbligo di denuncia e la facoltà di astensione dalla testimonianza. Nel procedimento penale per il professionista, nei limiti stabiliti dall art, 200 c.p.p., la facoltà di astenersi è la regola, mentre l eccezione è costituita dalle ipotesi in cui il professionista stesso ha l obbligo di riferirne all autorità giudiziaria. Come già evidenziato, le ipotesi in cui coesistono per l assistente sociale la facoltà di astensione dalla testimonianza e l obbligo di denuncia sono quelle in cui egli ha la qualifica di incaricato di un pubblico servizio, così come avviene per la maggior parte delle attività svolte quale pubblico dipendente. Per stabilire quale obbligo debba prevalere, in coerenza con scelte analoghe del nostro ordinamento, si fa ricorso al criterio del bilanciamento degli interessi in conflitto. Si tratta soltanto di un apprezzamento e perciò - come tale - opinabile, ma pur tuttavia utile per delimitare il campo, l oggetto del problema, in modo da comprenderne i termini. 8

9 La prevalenza dell obbligo al segreto rispetto alla sua rivelazione può essere una valutazione prima di tutto numerica, di posizioni in gioco sul versante del segreto o su quello opposto della rivelazione. Occorre a questo punto sperimentare tale criterio del bilanciamento degli interessi confliggenti su alcune ipotesi di scuola, ma che in realtà costituiscono un non infrequente banco di prova nell ambito del lavoro sociale. In una prima ipotesi l assistente sociale, in qualità di testimone, rivela un fatto segreto che comporta l incriminazione di taluno o comunque costituisce una prova a carico. Ovviamente ci si riferisce alla testimonianza nel corso del giudizio, dell incidente probatorio e dell udienza preliminare ed anche alle sommarie informazioni rese al pubblico Ministero o alla Polizia giudiziaria. In questa fattispecie vi è da un lato il diritto del soggetto/obbligo dell assistente sociale al segreto in quanto tale; dall altro vi è l interesse dello stato al perseguimento dei reati nell ambito della attività di amministrazione della giustizia. Va anche sottolineato che l interesse dello stato ha come due anime, ovvero due finalità contrapposte: l interesse alla segretezza da un lato, l interesse alla persecuzione dei reati dall altro. Si deve ritenere che in questo caso, nel bilanciamento di interessi contrapposti, prevalga l obbligo al segreto che si concretizza per l assistente sociale nella facoltà di astenersi dal testimoniare. In una seconda ipotesi l assistente sociale, quale incaricato di un pubblico servizio, ha l obbligo di denuncia rispetto ad un fatto di reato del quale è venuto a conoscenza a) perché lo ha appreso da terzi estranei o per scagionare chi ne è accusato ingiustamente; b) perché gli è stato comunicato direttamente dalla persona coinvolta. Gli interessi in conflitto portano ad un diverso giudizio di prevalenza in ciascuna delle due sottoipotesi. Nella prima l obbligo dell assistente sociale alla denuncia, ovvero l interesse dello stato alla repressione dei reati deve prevalere rispetto all obbligo alla segretezza, in quanto il diritto al segreto risulta in certo qual modo affievolito. Anche perché altrimenti l obbligo di denuncia resterebbe sempre non operativo, ovvero privo di efficacia cogente nei confronti degli assistenti sociali e di conseguenza non troverebbe mai applicazione la fattispecie di cui all art. 362 c.p.. Nel secondo sviluppo della ipotesi, invece, nel conflitto tra l interesse alla repressione dei reati - di cui è espressione l obbligo di denuncia - e l interesse alla tutela del segreto su quanto appreso nell esercizio della professione, deve prevalere quest ultimo. Ciò in base anche a considerazioni di natura sistematica. Si può sostenere che l obbligo di denuncia in questa ipotesi incontri gli stessi limiti dell obbligo di referto per chi esercita una professione sanitaria, la cui violazione è sanzionata dall art.366 c. p.. Secondo tale disposizione, chi ha prestato la propria assistenza od opera in casi che possono presentare i caratteri di un delitto perseguibile d ufficio deve riferirne all Autorità. 9

10 Ma tale obbligo non sussiste nelle ipotesi in cui il referto esporrebbe la persona assistita a procedimento penale. In coerenza con questa scelta dell ordinamento, che evidentemente considera prevalente il rapporto fiduciario tra il medico od operatore sanitario ed il paziente, anche l assistente sociale deve ritenersi in determinati casi esonerato dall obbligo di denuncia. 2. La giusta causa o le giuste cause di rivelazione del segreto al di fuori dal procedimento penale Va sottolineato preliminarmente un ulteriore aspetto singolare del rapporto tra segreto professionale e funzioni dell assistente sociale.. Il segreto professionale opera istituzionalmente e autonomamente in particolari delicati settori appunto del lavoro sociale, nei quali la tutela del segreto è espressamente anticipata attraverso la previsione della sanzione penale per le violazioni relative al riserbo su dati personali. Ovvero è sanzionata penalmente una condotta diversa e oggettivamente meno grave rispetto alla rivelazione di un fatto, poiché si punisce già di per sé la diffusione di dati o notizie. Ci si riferisce in particolare alla disciplina dell interruzione della gravidanza, e a quella delle adozioni. L art.21 della legge 194 del 1978 sull interruzione di gravidanza, punisce infatti a norma dell art. 622 c.p. chiunque, essendone venuto a conoscenza per ragioni di professione o di ufficio, rivela l identità o comunque divulga notizie idonee a rivelarla di chi ha fatto ricorso alle procedure o agli interventi previsti dalla legge. L art. 73 della legge n. 184 del come riformato dalla L. n. 149 del 2001 punisce chi, essendone a conoscenza in ragione del proprio ufficio, fornisce qualsiasi notizia atta a rintracciare un minore nei cui confronti sia stata pronunciata adozione o rivela in qualsiasi modo notizie circa lo stato di figlio legittimo per adozione. Allo stesso modo è punito chi fornisce tali notizie successivamente all affidamento preadottivo. Le pene sono aumentate se il fatto è commesso da un pubblico ufficiale o da un incaricato di un pubblico servizio: è prevista la reclusione da sei mesi a tre anni, ovvero la stessa pena comminata dall art. 326 c.p. per la rivelazione del segreto d ufficio. Sorge spontaneo domandarsi se in altri settori d intervento dell assistente sociale l obbligo del segreto sia di dimensioni inferiori, soprattutto nelle ipotesi in cui gli interessi in gioco siano altrettanto rilevanti rispetto a quelli considerati nelle due leggi speciali riportate. A questo proposito si pensi al riserbo-segreto su dati, informazioni, rilievi raccolti dall assistente sociale nell ambito dell indagine sulla personalità del minore autore di reati secondo quanto previsto dall art.9 del d.p.r. n. 448 del 1988 sul processo penale minorile, o nell ambito dell attività di sostegno alle donne o ai minori vittime di reati. La risposta emotiva, prima che razionale e ragionata, a questa domanda è negativa, nel senso che non vi sarebbe alcuna ragione logica nel differenziare ovvero graduare la tutela del segreto nelle seconde ipotesi rispetto alle prime. Seppur non risultino chiare le ragioni per le quali il legislatore sia espressamente intervenuto solo in alcune ipotesi, tra l altro in anni abbastanza recenti, è certo che 10

11 si è voluto rafforzare, anzi blindare l obbligo al segreto, la cui violazione sarebbe stata presumibilmente punita in forza delle stesse norme già in vigore. Due casi emblematici: nel primo l assistente sociale rivela il fatto del quale è venuto a conoscenza al fine di svolgere al meglio la sua funzione professionale e la relazione di aiuto, mettendo i familiari a parte che il figlio o la figlia si prostituiscono. Il conflitto d interessi è palese: da un lato vi è l interesse del soggetto al quale attiene la notizia o l informazione rivelata che ha il diritto al mantenimento del segreto; nella stessa direzione vi è l interesse dello stato a perseguire penalmente la violazione del segreto professionale; dall altro vi è l interesse forte - dell assistente sociale a non essere perseguita penalmente per la violazione del segreto professionale. Ci si deve domandare se ci si trovi in presenza di una giusta causa di rivelazione del segreto professionale. Ma il codice deontologico come già rilevato - riconosce soltanto quattro ipotesi che legittimano la rivelazione del segreto e il fatto descritto non sembra rientrare tra queste, a meno che si ritenga che sussista un rischio di grave danno allo stesso utente o cliente o terzi. D altro canto si potrebbe ritenere che secondo l art. 622 c.p. siano scriminate un maggior numero di situazioni, dato il riferimento generico della norma ad una giusta causa, senza contare la possibilità di estensione analogica di alcune cause di giustificazione previste dal nostro ordinamento penale, ovvero di quelle non disciplinate nella c.d. loro massima estensione. Di conseguenza, operando il bilanciamento degli interessi in conflitto, si potrebbe ritenere che in questa ipotesi la rivelazione non costituisca reato, in quanto l art. 54 c. p. stato di necessità - scrimina la condotta in esame, poiché sussistono i presupposti dell aver agito per salvare sé od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona Potrebbe tuttavia residuare nei confronti dell assistente sociale una responsabilità disciplinare, con le conseguenti sanzioni. In una seconda ipotesi l assistente sociale, al fine di prevenire la commissione di reati nei quali è coinvolto un minore già in carico ai servizi, rivela un segreto relativo alla sua partecipazione ad una rapina. In questo caso da un lato vi è il diritto della persona alla quale si riferisce il segreto; dall altro vi è l interesse dello stato alla prevenzione e repressione dei reati dei quali è a conoscenza l assistente sociale, sia quello dell assistente sociale a non essere incriminato per omissione di denuncia o di rapporto. Di nuovo il diritto alla inviolabilità del segreto viene azzerato, poiché è da ritenere che nel conflitto di doveri il bilanciamento comporti la prevalenza dell interesse dello stato alla amministrazione della giustizia, intesa nella duplice prospettiva della repressione dei reati, e del raggiungimento della verità. LA RESPONSABILITA PENALE PER OMISSIONE O RITARDO NEL COMPIMENTO DI ATTI D UFFICIO La responsabilità penale dei servizi sociali per omissione o ritardo nel compimento di atti d ufficio è inevitabilmente legata a due fattori. 11

12 Il primo: l agire dell assistente sociale non è mai almeno strutturalmente - in solitudine. Nel senso ovvio che collabora con altre professionalità, istituzionali e non. Ciò comporta che i tempi di lavoro dell assistente sociale sono in certa misura condizionati. Il secondo fattore: nelle ipotesi nelle quali i tempi sono stabiliti normativamente l assistente sociale deve necessariamente tener conto delle esigenze e dei bisogni dell utenza i quali spesso hanno un urgenza che richiederebbe anzi pretende - una risposta immediata. Palmare è l ipotesi dei termini dell attività degli assistenti sociali nei confronti dell Autorità giudiziaria, in particolare Tribunale per i minori, giudice tutelare, giudice di sorveglianza. LE NORME DI RIFERIMENTO La ricognizione delle fonti normative In primo luogo l art. 328 c.p.: Rifiuto di atti d'ufficio. Omissione I punti di emergenza della norma sono tre. Il primo è costituito dal suo ambito di applicazione: Il riferimento a ragioni di giustizia, sicurezza pubblica, ordine pubblico, igiene e sanità comporta che sia compresa l attività dei servizi sociali che si esplica in collaborazione con gli organi giudiziari. Mentre il riferimento testuale ad un rifiuto indebito sta a significare che non assumono rilevanza penale le ipotesi in cui il soggetto pubblico ufficiale o incaricato di un pubblico servizio - si trovi nell impossibilità ad adempiere. L obbligo stabilito di adempiere senza ritardo si caratterizza poi per indeterminatezza e relativizzazione, dal momento che ciascun settore operativo, ruolo e funzione è contraddistinto da tempi peculiari e specifici. Ne deriva che i confini della condotta penalmente rilevante sono labili, incerti. L eventuale responsabilità penale dei servizi sociali L ipotesi frequente è quella in cui nell'emettere un provvedimento che prevede l'attuazione di interventi da parte dei servizi territoriali, l'autorità giudiziaria non stabilisca i tempi di durata degli interventi stessi. Riguardo la collaborazione dei servizi sociali nell ambito della giustizia minorile, occorre fare una premessa sul sistema processuale. Per quanto riguarda la materia penale, si devono contemperare il c.d. principio di indisponibilità del rito - ovvero il rinvio alle norme del rito ordinario per tutti gli istituti non espressamente previsti dal codice minorile - con la flessibilità degli strumenti giudiziari della giustizia minorile. In materia civile ed amministrativa, non è espresso tale principio e nell ambito della competenza del Tribunale per i minori è prevista una procedura specifica, seppur in concreto non tassativa, come ad esempio nella procedura di affidamento. Proprio in materia civile o amministrativa l attività dei servizi, inserendosi in procedimenti che hanno quali attori molteplici figure professionali, soffre discrasie temporali. I protocolli di collaborazione possono costituire strumento utile se non addirittura necessario, per scandire le fasi e le attività e i tempi di ciascuno dei soggetti partecipi. La seconda fattispecie disciplinata dall art. 328 c.p. è l omissione di atti d ufficio. 12

13 Vanno segnalate due ipotesi di omissione che possono avere l assistente sociale quale soggetto attivo del reato. La prima è la fattispecie speciale disciplinata all art. 70 L. 184/1983 Diritto del minore ad una famiglia in materia di adozione. Sono puniti ai sensi dell'art. 328 c. p.. I pubblici ufficiali o gli incaricati di un pubblico servizio che omettono di riferire alla procura della Repubblica presso il tribunale per i minorenni sulle condizioni di ogni minore in situazione di abbandono di cui vengano a conoscenza in ragione del proprio ufficio. Ovvero la rilevanza penale della mancata segnalazione della condizione di abbandono del minore esprime la scelta dell ordinamento di intervenire tempestivamente a tutela di tali soggetti; mentre il rinvio quoad poenam all art. 328 c.p. sottolinea la violazione di un dovere d ufficio inerente ad una pubblica funzione o servizio. Non resta facile, neppure per gli stessi servizi sociali, determinare quando sussista una reale situazione di abbandono, soprattutto nelle ipotesi in cui si tratti di minori stranieri. La seconda ipotesi speciale di omissione è costituita dalla violazione dell obbligo di segnalazione di un minore che esercita la prostituzione, prevista dalla L.269/98: il pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio, qualora abbia notizia che un minore degli anni 18 esercita la prostituzione, ne dà immediata notizia alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni che promuove i procedimenti per la tutela del minore e può proporre al Tribunale per i minorenni la nomina di un curatore. Ugualmente è previsto un obbligo di segnalazione quando si ha notizia di minori degli anni diciotto stranieri, privi di assistenza in Italia, che siano vittime dei reati di prostituzione e pornografia minorile o di tratta e commercio (art. 25 bis, comma 2). L Abuso d'ufficio (art. 323 c.p.) Si tratta di un altra fattispecie penale che può astrattamente riguardare i servizi sociali nello svolgimento del mandato istituzionale. Si distingue tra abuso d ufficio produttivo di un danno ingiusto ed abuso che causa un vantaggio patrimoniale. Nella prima ipotesi ricorre l elemento della c.d. prevaricazione, nella seconda si ha un favoritismo. L ipotesi concreta è quella nella quale l assistente sociale, nell erogazione di una prestazione o di un servizio, consapevolmente compia una valutazione o compili una graduatoria non veritiera o, quanto meno, non oggettiva e da ciò derivi un danno ingiusto o la lesione di un diritto nell ambito ed ai fini, ad esempio, dell attribuzione di alloggi popolari. Oppure la stessa condotta venga posta in essere nello svolgimento di una funzione peritale, stanti tra l altro i confini relativi e problematici di tale funzione. Le modalità della condotta consistono nella violazione di norme di legge o di regolamento o nella mancata astensione, mentre come già rilevato - perché si configuri il reato occorre che dalla condotta derivi un danno ingiusto o un ingiusto vantaggio patrimoniale. La norma poi richiede espressamente e pleonasticamente - che la condotta sia intenzionale, ovvero il reato di abuso di ufficio non sussiste se la violazione di leggi o regolamenti sia colposa, ovvero posta in essere per negligenza, imprudenza, imperizia o, in altre parole, per ignoranza o scarse capacità professionali. 13

14 LA RESPONSABILITA PENALE PER IL MANCATO IMPEDIMENTO DELL EVENTO Premessa E stato sostenuto che i reati omissivi esprimono nuovi obblighi di solidarietà sociale allorché impongono delle condotte a tutela di chi si trova in una situazione di pericolo o di svantaggio. Fattispecie emblematica è il reato di omissione di soccorso, di cui all art. 593 c.p.. Nell ambito dei reati omissivi impropri ovvero quelle fattispecie incriminatrici nelle quali è descritto soltanto l evento del reato - la responsabilità penale si fonda sul presupposto che il soggetto agente sia titolare di un obbligo giuridico di impedire appunto l evento dannoso o pericoloso (art. 40, comma 2, c.p.). Riguardo gli assistenti sociali si tratta di determinare se ed in quali ipotesi inerenti al mandato istituzionale essi siano titolari di un obbligo giuridico di garanzia - protezione o controllo - nei confronti degli utenti assistiti. Si porta ad esempio l ipotesi in cui l assistente sociale non attui alcun intervento pur consapevole che una madre tossicodipendente non si occupa del neonato che in seguito muore per inedia. Stanti gli stretti presupposti della responsabilità penale nei reati omissivi impropri - ovvero la sussistenza di un obbligo giuridico di attivarsi, la necessità di un legame causale tra l omissione e il verificarsi dell evento, ed infine la posizione di garanzia del titolare dell obbligo - ci si deve domandare appunto se ed in quali contesti i servizi sociali rivestano tale posizione. Pur senza soffermarsi su questa recente e difficile problematica, appare consono e corretto sottolineare che il mandato dell assistente sociale, pur nella sua estrema ed indefinita ampiezza, non può e non deve essere considerato sostitutivo ed esaustivo degli impegni di una comunità nei confronti dei soggetti deboli o svantaggiati. 14

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI:

LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: LA CORRUZIONE TRA PRIVATI: APPROFONDIMENTI In data 18 ottobre 2012, dopo un lungo iter parlamentare, il Senato ha approvato il maxi-emendamento al Disegno di Legge recante Disposizioni per la prevenzione

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

ART. 1 (Modifiche al codice penale)

ART. 1 (Modifiche al codice penale) ART. 1 (Modifiche al codice penale) 1. Dopo l articolo 131 del codice penale, le denominazioni del Titolo V e del Capo I sono sostituite dalle seguenti: «Titolo V Della non punibilità per particolare tenuità

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro

L accesso agli atti dell ispezione del lavoro Il punto di pratica professionale L accesso agli atti dell ispezione del lavoro a cura di Alessandro Millo Funzionario della Direzione Provinciale del Lavoro di Modena Il diritto di accesso agli atti Com

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto

Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Definizione del procedimento penale nei casi di particolare tenuità del fatto Nel lento e accidentato percorso verso un diritto penale minimo, l opportunità di introdurre anche nel procedimento ordinario,

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

ai sensi del D.Lgs 231/2001

ai sensi del D.Lgs 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO GASPARINA DI SOPRA Società Cooperativa Sociale Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare 1 ELENCO DELLE

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA CODICE DEONTOLOGICO FORENSE (Testo approvato dal Consiglio Nazionale Forense nella seduta del 17 aprile 1997 ed aggiornato con le modifiche introdotte il 16 ottobre 1999, il 26 ottobre 2002, il 27 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014.

Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 23.10.2014 La Nuova Procedura Civile, 6, 2014 Editrice Comitato scientifico: Elisabetta BERTACCHINI (Professore

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art.

Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. Schema di Decreto legislativo recante Disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto, a norma dell art. 1, comma 1, lett. m, della legge 28 aprile 2014, n. 67 RELAZIONE Lo

Dettagli

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE

CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE CODICE DI PROCEDURA PENALE LIBRO I SOGGETTI TITOLO I GIUDICE CAPO I GIURISDIZIONE Art. 1. (Giurisdizione penale) - 1. La giurisdizione penale è esercitata dai giudici previsti dalle leggi di ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO ALL INFORMAZIONE E AGLI ATTI DEL COMUNE DI SAN GIORGIO A CREMANO Approvato con verbale n. 108 Consiglio Comunale del 20 ottobre 2010 Capo I DISPOSIZIONI GENERALI sul DIRITTO di

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati

Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Rapporti fra il reato di cui all articolo 572 c.p. e altri reati Molti sono i reati che confinano con quello di cui all articolo 572 del codice penale. Si tratta di fattispecie penali che possono avere

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CODICE PENALE MILITARE DI PACE

CODICE PENALE MILITARE DI PACE CODICE PENALE MILITARE DI PACE LIBRO PRIMO DEI REATI MILITARI, IN GENERALE. Titolo I DELLA LEGGE PENALE MILITARE. Art. 1. Persone soggette alla legge penale militare. La legge penale militare si applica

Dettagli

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale

La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale La delega di funzioni in materia di illeciti amministrativi: brevi appunti operativi per la vigilanza ambientale A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta Il primo nucleo di ogni attività di accertamento

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI

IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI IL PRINCIPIO DEL NE BIS IN IDEM E LA SENTENZA GRANDE STEVENS : PRONUNCIA EUROPEA E RIFLESSI NAZIONALI Nota a: Corte EDU, Grande Stevens e altri contro Italia - ric. 18640/10, 18647/10, 18663/10, 18668/10

Dettagli

Codice di procedura penale Italiano

Codice di procedura penale Italiano Codice di procedura penale Italiano Norme in materia di perquisizioni: Art. 247. Casi e forme delle perquisizioni 1. Quando vi e' fondato motivo di ritenere che taluno occulti sulla persona il corpo del

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli