Sentenza n. 3958/2014 pubbl. il 21/03/2014 RG n /2011

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sentenza n. 3958/2014 pubbl. il 21/03/2014 RG n. 74616/2011"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A Il Tribunale in composizione collegiale, nella persona dei seguenti magistrati: dott.ssa Marina Tavassi dott.ssa Paola Gandolfi dott. Claudio Marangoni ha emesso la seguente S E N T E N Z A pres. giud. giud. rel. nella causa civile iscritta al n del ruolo generale per gli affari contenziosi dell anno 2011 vertente Maurizio LU Giovanni LU TRA elett. dom.ti in Milano, via Petrarca 13, presso lo studio del procuratore avv. Eugenio MASSA SALUZZO che li rappresenta e difende unitamente agli avv.ti Domenico CAPRA ed Elisa CAPPELLINI del foro di Piacenza; pagina 1 di 23

2 - attori - IB s.n.c. di Claudio IS, Paolo Boglia e Daniele Bariffi, in persona del legale rappr.te pro tempore; E Claudio IS, in proprio e quale ex socio della IS E PIER s.n.c. di IS Claudio e PIER Fiorella; Daniele BARIFFI; Paolo BOGLIA; elett. dom.ti in Milano, viale Montenero 63, presso lo studio del procuratore avv. Roberto PACCHIOLI che li rappresenta e difende; - convenuti Fiorella PIER, in proprio e quale ex-socia della IS E PIER s.n.c. di IS Claudio e PIER Fiorella; elett. dom.ta in Milano, viale Montenero 63, presso lo studio del procuratore avv. Roberto PACCHIOLI che la rappresenta e difende; e con - convenuta LU ASSICURAZIONI s.a.s. di LU Maurizio e Giovanni, in persona del legale rappr.te pro tempore; elett. dom.ta in Milano, via Petrarca 13, presso lo studio del procuratore avv. Eugenio MASSA SALUZZO che la rappresenta e difende unitamente agli avv.ti Domenico CAPRA ed Elisa CAPPELLINI del foro di Piacenza; - terza intervenuta pagina 2 di 23

3 OGGETTO: concorrenza sleale. CONCLUSIONI All udienza di precisazione delle conclusioni del i procuratori delle parti così concludevano: per gli attori e per la terza intervenuta: accertato e dato atto che i convenuti hanno svolto attività di concorrenza sleale ai danni degli Agenti Generali INA Assitalia di Lecco dott. Maurizio e Giovanni LU e/o LU Assicurazioni s.a.s. di LU Maurizio e Giovanni, - inibire la prosecuzione dell'illecito, stabilendo i provvedimenti ritenuti allo scopo idonei, e - condannare i convenuti, in solido fra loro, alla rifusione di tutti i danni subiti dai Dott. Maurizio LU e Giovanni LU e/o dalla LU Assicurazioni s.a.s. di LU Maurizio e Giovanni, quali Agenti Generali dell'agenzia Generale INA Assitalia di Lecco, allo stato quantifìcati in una somma equivalente alle provvigioni e sovraprovvigioni non percepite sulle polizze disdette, agli addebiti provvigionali subiti in conseguenza delle disdette o mancati rinnovi, al danno da concorrenza sleale o comunque in quel diverso importo che risulterà accertato e dovuto, in corso di causa, a qualsiasi titolo per i fatti di cui in premessa, eventualmente determinato in via equitativa, oltre interessi e rivalutazione monetaria. Previa ammissione di CTU al fine di quantificate il danno subito dall'agenzia Generale Ina Assitalia di Lecco, in conseguenza delle pagina 3 di 23

4 disdette prodotte in giudizio, tenuto conto dei parametri provvigionali e del lucro cessante determinato sino alla naturale scadenza dei contratti a termine e sino alla durata media (da determinarsi in esito ad una valutazione statistica delle polizze in essere presso l'agenzia Generale di Lecco nel decennio ) dei contratti a tempo indeterminato, tenuto conto degli addebiti provvigionali e/o di altra natura; previa ammissione delle prove così come indicate nella memoria attorea 4 maggio Con vittoria delle spese di causa. Per i convenuti IB s.n.c., IS, Boglia e Bariffi: - accertare e dichiarare la carenza di legittimazione attiva del Dott. Maurizio LU e del Dott. Giovanni LU, con ogni conseguente statuizione; - accertare e dichiarare la nullità della procura alle liti conferita dal Dott. Maurizio LU e dal Dott. Giovanni LU nella dichiarata qualità di "Agenti Generali dell'agenzia Generale Ina Assitalia di Lecco" con ogni conseguente statuizione; - accertare e dichiarare l incompetenza per materia e/o funzionale del Tribunale di Milano, Sezione specializzata in materia di Proprietà Industriale e Intellettuale, in favore del Tribunale ordinario di Lecco, competente in quanto locus commissi delicti nonché ex art. 18 c.p.c. (foro convenuti IS, PIER, Bariffi) ed ex art. 19 c.p.c. (foro convenuta IBB S.n.c.) o del pagina 4 di 23

5 Tribunale ordinario di Milano, competente ex art. 18 c.p.c. (foro del convenuto Boglia), con ogni conseguente statuizione; - accertare e dichiarare la nullità della vocatio in ius della IS E PIER ASSICURAZIONI di IS CLAUDIO e PIER FIORELLA S.n.c. in liquidazione, cancellata dal Registro delle Imprese in data 30/11/11, con ogni conseguente statuizione; - accertare e dichiarare l'inammissibilità dell'intervento in causa della LU Assicurazioni S.a.s. di LU Maurizio e Giovanni, con ogni conseguente statuizione; - accertare e dichiarare la carenza di legittimazione attiva, per difetto di interesse ad agire, della LU Assicurazioni S.a.s. di LU Maurizio e Giovanni, con ogni conseguente statuizione; - in subordine, nel merito, respingere comunque ogni avversa domanda siccome infondata in fatto e in diritto. In ogni caso con vittoria di spese diritti ed onorari. ln via istruttoria, in subordine, nel denegato caso di ammissione, a seguito di eventuale rinnovo delle istanze istruttorie avversarie in sede di precisazione delle conclusioni, della prova diretta sui capitoli 5 e 6 della memoria avversaria, si chiede di essere ammessi a prova contraria sui medesimi, con il teste Sig.ra Cairo Alessandra, sui seguenti capitoli, dedotti a prova contraria: - vero che le polizze riferite al sig. Ernesto Crivella sono relative ad un immobile di proprietà della zia di questi, Corti Assunta, conoscente e cliente da lunga data del convenuto Boglia, anch'ella pagina 5 di 23

6 abitante nella stessa via Roma di Valmadrera ove è sito il mobilificio del nipote e l'agenzia Ina Assitalia; - vero che Ernesto Crimella alla data del 31/10/09 - di cessazione del mandato di subagente di Paolo Boglia - aveva ancora aperto con INA Assitalia un sinistro, in relazione ad una grandinata che nel luglio dello stesso anno aveva danneggiato i pannelli solari situati nel fabbricato sito in Valmadrera, Via Roma nn. 46 e 48; - vero che alcune settimane dopo la cessazione di Boglia dall'incarico di subagente per Valmadrera, Crimella lo incontrò lungo la Via Roma in Valmadrera, e gli chiese se aveva notizie del sinistro ancora aperto; in questa occasione, saputo della nuova attività di Boglia, Crimella si dichiarò disponibile a valutare l opportunità di stipulare una polizza con la sua nuova Agenzia, dopo averne valutato la convenienza economica; - vero che alcuni giorni dopo Boglia e Crimella si incrociarono per strada e Boglia chiese a Crimella se poteva fargli avere la propria proposta assicurativa che nel precedente incontro Crimella si era dichiarato disposto a valutare; Crimella rispose che poteva lasciare copia della disdetta e della proposta nei suoi uffici in Corso Promessi Sposi, dichiarando che avrebbe mandato la disdetta solo dopo aver valutato la convenienza della proposta; - vero che Ernesto Crimella ha rifiutato la proposta assicurativa formulata da Paolo Boglia. pagina 6 di 23

7 Si dichiara di non accettare il contraddittorio su eventuali domande nuove proposte da controparte. per la convenuta PIER : - accertare e dichiarare l'inammissibilità dell'intervento in causa della LU Assicurazioni S.a.s. di LU Maurizio e Giovanni, con ogni conseguente statuizione; - accertare e dichiarare la carenza di legittimazione attiva, per difetto di interesse ad agire, della S.a.s. di LU Maurizio e Giovanni, con ogni conseguente statuizione; - accertare e dichiarare la carenza di legittimazione attiva del Dott. Maurizio LU e del Dott. Giovanni LU, con ogni conseguente statuizione; - accertare e dichiarare la nullità della procura alle liti conferita dal Dott. Maurizio LU e dal Dott. Giovanni LU nella dichiarata qualità di "Agenti Generali dell'agenzia Generale Ina Assitalia di Lecco" con ogni conseguente statuizione; - accertare e dichiarare l'incompetenza per materia e/o funzionale del Tribunale di Milano, Sezione specializzata in materia di Proprietà Industriale e Intellettuale, in favore del Tribunale ordinario di Lecco, territorialmente competente in quanto locus commissi delicti nonché ex art. 18 c.p.c. (foro convenuti IS, PIER, Bariffi) ed ex art. 19 c.p.c. (foro convenuta IBB S.n.c.) o del Tribunale ordinario di Milano, territorialmente competente ex pagina 7 di 23

8 art. 18 c.p.c. (foro del convenuto Boglia), con ogni conseguente statuizione; - accertare e dichiarare la nullità della vocatio in ius della IS E PIER ASSICURAZIONI di IS CLAUDIO e PIER FIORELLA S.n.c. in liquidazione, cancellata dal Registro delle Imprese in data 30/11/11, con ogni conseguente statuizione; - accertare e dichiarare la carenza di legittimazione passiva di FIORELLA PIER e comunque, in subordine, la nullità dell'atto di citazione e della comparsa di intervento nei confronti della stessa per carenza assoluta di causa petendi. ln ogni caso con vittoria di spese diritti ed onorari. Si dichiara di non accettare il contraddittorio su eventuali domande nuove proposte da controparte. FATTO E DIRITTO 1. Maurizio e Giovanni LU hanno dedotto di essere entrambi dal 1994 Agenti Generali INA Assitalia per la zona di Lecco, nella quale si trovano 15 subagenzie gestite da altrettanti subagenti. Hanno esposto che in data erano stati nominati quali subagenti per il comune di Galbiate Claudio IS e Fiorella PIER, in data Daniele Bariffi per il territorio di Lecco e in data Paolo Boglia per il comune di Valmadrera, e che tutti e tre detti subagenti avevano contemporaneamente trasmesso lettera di recesso con decorrenza a partire dal pagina 8 di 23

9 Nel dicembre 2009 i medesimi tre ex-subagenti avevano costituito la IB s.n.c. di Claudio IS, Paolo Boglia e Daniele Bariffi con sede in Valmadrera con la quale avevano intrapreso l attività di agenti assicurativi per Vittoria Assicurazioni s.p.a. Gli odierni attori nei mesi successivi a detti recessi avevano ricevuto un rilevantissimo numero di disdette relative a polizze in carico alle subagenzie già gestite dai tre ex-subagenti - del tutto anomale rispetto al consueto numero di disdette o mancati rinnovi - in misura maggiore concentratesi tra il novembre 2009 e l ottobre 2010, fino ad azzerarsi progressivamente nel corso del Le modalità di redazione di tali disdette molto spesso su modelli prestampati del tutto identici e il fatto che le relative raccomandate presentavano numeri di spedizioni susseguenti e provenivano da località diverse da quelle di residenza degli assicurati cui si riferivano costituivano circostanze che rivelavano la contemporaneità della loro spedizione da parte di un unico soggetto che le aveva previamente raccolte, evidentemente gli exsubagenti. L invio delle stesse nell imminenza delle relative scadenze delle polizze era altresì evidente indice secondo gli attori del possesso e dell utilizzazione da parte degli ex-subagenti degli elenchi dei clienti e dei dati commerciali relativi alle polizze da essi sottoscritte. pagina 9 di 23

10 Contestavano dunque l illecito sviamento della loro clientela in relazione all art n. 3 e all art. 98 c.p.i. e chiedevano che fosse adottata dal Tribunale l inibitoria nei confronti delle parti convenute IB s.n.c., IS e PIER Assicurazioni s.n.c. in liquidazione, Claudio IS, Paolo Boglia, Daniele Bariffi e Fiorella PIER alla prosecuzione degli illeciti dedotti con condanna solidale dei medesimi al risarcimento di tutti i conseguenti danni. Si sono costituti con memoria comune i convenuti IB s.n.c., Claudio IS, Paolo Boglia e Daniele Bariffi, sollevando in via preliminare eccezione di incompetenza della Sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale di questo Tribunale, quindi la nullità della vocatio in ius della IS e PIER Assicurazioni s.n.c. in liquidazione in quanto cancellata dal Registro delle Imprese in data Nel merito rilevavano che le contestazioni svolte dalle parti attrici si fondavano su mere presunzioni, posto che non vi era prova che i soggetti che avevano disdetto le polizze fossero divenuti clienti dell agenzia di IB s.n.c. e che detti mancati rinnovi fossero il risultato di imprecisate attività degli ex-subagenti, così come nulla induceva a ritenere sussistente un illecito utilizzo di informazioni riservate che peraltro affermavano essere notoriamente utilizzate nei rapporti tra agente e subagente. pagina 10 di 23

11 Affermavano che la limitata entità territoriale in cui si era sempre svolta l attività di assicuratori dei convenuti aveva determinato un fenomeno di fidelizzazione della clientela nei confronti non tanto delle varie compagnie assicuratrici quanto delle loro persone fisiche, mentre le informazioni circa le dimissioni degli exsubagenti erano state diffuse proprio dall Agenzia Generale di Lecco INA Assitalia. Rilevavano altresì che le disdette prodotte dagli attori in realtà erano diverse tra loro, anche scritte su carta intestata del cliente o a mano e concludevano per il rigetto delle domande svolte nei loro confronti. Si è costituita nel giudizio con memoria autonoma la convenuta Fiorella PIER anche quale ex-socia della cessata IS e PIER Assicurazioni s.n.c. in liquidazione svolgendo anch essa le medesime eccezioni preliminari sviluppate dagli altri convenuti. Quanto al merito della controversia ha affermato che dopo la cessazione del mandato subagenziale conferito dall Agenzia Generale INA Assitalia di Lecco non aveva più svolto l attività di agente di assicurazioni. Concludeva dunque per il rigetto delle domande svolte dagli attori nei suoi confronti. Si è volontariamente costituita in causa anche la LU Assicurazioni s.a.s. di LU Maurizio e Giovanni, costituita in data , che ha assunto il mandato di Agente Generale INA Assitalia in data pagina 11 di 23

12 ed ha richiamato e fatto proprie tutte le domande formulate dagli attori. 2. In via preliminare deve essere confermata la competenza della Sezione specializzata per la proprietà industriale ed intellettuale presso il Tribunale di Milano oggi Sezione specializzata in materia di impresa in relazione al luogo in cui gli illeciti contestati sarebbero stati commessi (Lecco e provincia). Invero la prospettazione delle parti attrici contenuta in atto di citazione coinvolge esplicitamente nella prospettiva della concorrenza sleale evocata anche specificamente l illecito utilizzo di informazioni riservate ai sensi degli artt. 98 e 99 c.p.i. indicate come quelle afferenti sia alla lista clienti che alle informazioni commerciali relative alle polizze da essi sottoscritte (scadenze, tipologia di polizza, premi ecc.) che determina l inclusione della controversia nell ambito dell ipotesi di cui alla lett. b) del comma 1 dell art. 134 c.p.i. o comunque l ipotesi di illecito concorrenziale dedotto nell ambito della concorrenza sleale interferente di cui alla lett. a) della medesima disposizione di legge. Diverso profilo non afferente alla determinazione della competenza del giudice adito riguarda il fatto che le parti attrici nel loro atto di citazione introduttivo non abbiano indicato compiutamente tutti i presupposti necessari per accertare l effettiva integrazione dei presupposti previsti dall art. 98 c.p.i. per l accesso alla pagina 12 di 23

13 specifica tutela, posto che tale profilo attiene più propriamente all ambito delle valutazioni di merito integrabili nelle successive fasi del giudizio mediante produzione documentale o istanze probatorie nei termini di legge che dovrebbero confermare o meno l applicabilità della disciplina in questione. Se la competenza deve fondarsi sulla prospettazione svolta dalla parte, la circostanza che le parti attrici non si siano limitate ad indicare l illecito utilizzo di un mero elenco clienti peraltro in sé non estraneo al novero delle informazioni commerciali riservate, posto che nel suo complesso tale elenco di soggetti privati non potrebbe essere noto o facilmente accessibile ad operatori non facenti parte della rete INA Assitalia ma abbiano altresì dedotto anche specificamente l abuso di informazioni commerciali ulteriori e rilevanti sotto il profilo della loro intrinseca riservatezza (tipologie di polizze, scadenze contrattuali ecc.) conferma la sufficiente allegazione di tale ipotesi di illecito. L ulteriore eccezione che riguarda l avvenuta cessazione della IS e PIER Assicurazioni s.n.c. in liquidazione deve essere evidentemente accolta, posto che la cancellazione della società di persone dal registro delle imprese ne determina l'estinzione, privandola della capacità di stare in giudizio e determinandosi un fenomeno di tipo successorio, in forza del quale i rapporti obbligatori facenti capo all'ente non si estinguono ma si trasferiscono ai soci. pagina 13 di 23

14 Questi ultimi, dunque, ne rispondono, a seconda del regime giuridico dei debiti sociali cui erano soggetti "pendente societate", nei limiti di quanto riscosso a seguito della liquidazione o illimitatamente ed essi subentrano anche nella legittimazione processuale già in capo all'ente estinto, determinandosi una situazione di litisconsorzio necessario per ragioni processuali, a prescindere dalla scindibilità o meno del rapporto sostanziale (così da ultimo Cass /13). 2. Quanto al merito della controversia, deve rilevarsi che la qualità di agenti generali INA Assitalia conferita agli attori Maurizio e Giovanni LU nel periodo rilevante ai fini della presente causa delimitato dagli stessi attori all intervallo di tempo tra il recesso dei subagenti (ottobre 2009) e la conclusione dell attività dedotta come illecita (settembre 2011) - deve essere confermata sulla base della documentazione in atti. Da essa si rileva l attestazione del conferimento di tali mandati agenziali nel 1994 (doc. 21 fasc. att.) e la permanenza di essi ancora alla data del in capo ai medesimi attori (doc. 22 fasc. att.) come rilevabile dalle visure estratte dal RUI. D altra parte gli stessi ex-subagenti convenuti avevano indirizzato il loro formale recesso non già alla LU s.n.c. dei F.lli LU dott. Maurizio e Giovanni che le parti convenute hanno indicato come assuntori di tale mandato agenziale sin dal 2000 in luogo dei pagina 14 di 23

15 due fratelli LU ma proprio agli Agenti Generali Maurizio e Giovanni LU (v. docc. 4, 5 e 6 fasc. att.). 3. Ciò posto quanto alla legittimazione attiva delle parti attrici, ritiene il Collegio che la documentazione prodotta dalle parti attrici e il complesso delle valutazioni desumibili dallo sviluppo del contraddittorio tra le parti porti ad una valutazione positiva del fondamento delle contestazioni di illecito concorrenziale di cui all art n. 3 c.p.c. in relazione anche all utilizzo indebito di informazioni commerciali riservate. Il complesso di tali elementi appare idoneo a fondare quantomeno il quadro di una serie di presunzioni gravi, specifiche e concordanti tutte convergenti nel dare effettivo conto dell effettiva sussistenza dell illecito sviamento di clientela, tenuto conto della difficoltà obbiettiva per le parti attrici di poter conseguire elementi di prova diretta in tali specifiche tipologie di illeciti. In primo luogo non può non essere considerata la circostanza che le tre subagenzie già gestite dagli ex-subagenti abbiano ricevuto un flusso di disdette del tutto anomalo rispetto ai periodi precedenti all ottobre 2009, e cioè nel periodo ottobre 2009/ottobre 2010 n. 178 disdette per la subagenzia di Galbiate (solo 7 tra il gennaio e l ottobre 2009), n. 329 disdette per la subagenzia di Lecco (solo 5 tra il gennaio e l ottobre 2009) e n. 168 disdette per la subagenzia di Valmadrera (solo 6 tra il gennaio e l ottobre 2009). pagina 15 di 23

16 Rilevante altresì è il fatto che tali disdette si siano sostanzialmente concentrate (ed esaurite) in un arco di tempo di circa due anni, idoneo cioè a comprendere la possibilità di considerare la varietà delle scadenze delle varie polizze in un quadro di sistematico sviamento della clientela di tali subagenzie. Ulteriore elemento che sostiene l illiceità dello sviamento di clientela è la tipologia delle disdette ricevute, che si accompagna alle modalità con le quali esse sono state raccolte e trasmesse al fine di confermare l esistenza di un unica regia a tutta l operazione. Se è vero come rilevato dalle convenute che alcune di esse sono state redatte a mano o con carta intestata del cliente, tuttavia non sfugge al Collegio che in assoluta prevalenza l esame del testo di tali disdette conferma che esse sono state redatte sugli stessi moduli prestampati (da completare con il numero di polizza ed altri dati del cliente) e/o aventi il medesimo testo e in molti casi le raccomandate risultavano evidentemente spedite insieme (in quanto aventi numeri successivi) dallo stesso ufficio postale, invii che raggruppavano anche clienti residenti in comuni diversi e talvolta clienti di più delle subagenzie in questione (v. docc. A, B, e C, nonché nn. 9 e 10 fasc. att.). Lo stesso doc. 20 prodotto dalle parti attrici contestato per altri profili dalle convenute di fatto conferma che tale tipo di modulo pagina 16 di 23

17 era predisposto e fornito ai potenziali clienti dalle convenute, nel caso di specie dal convenuto Boglia. Tali elementi non sono stati sostanzialmente scalfiti dalle contestazioni svolte dalle parti convenute in particolare dalla difesa di IB s.n.c., Claudio IS, Paolo Boglia e Daniele Bariffi che di fatto hanno fondato le loro argomentazioni sulla natura presuntiva dell affermato illecito storno di clientela, sull esistenza di un rapporto di fidelizzazione legato alla limitata entità territoriale delle zone in cui essi da anni svolgevano la loro attività assicurativa. Se non vi è dubbio che il rapporto personale tra cliente e persona fisica dell assicuratore consenta di ritenere che un certo numero di assicurati possa seguire il medesimo nel cambiamento dei suoi rapporti con le compagnie assicuratrici, tuttavia tale evento fisiologico non può eccedere una soglia di normale tollerabilità fino a ricomprendere come appare il caso di specie - anche il caso vi siano elementi per verificare che sia stato invece posto in essere un piano di attività preordinato e sviluppato proprio al fine di determinare un massiccio esodo di clienti dalla precedente subagenzia. La rilevanza di un fenomeno fisiologico di mantenimento del legame fiduciario con l agente potrà essere al più affrontata nel diverso contesto della determinazione della sussistenza e dell entità di un danno risarcibile, ove si ritenesse di giungere all esclusione in un pagina 17 di 23

18 contesto equitativo di una quota di recessi che fosse ritenuta congrua rispetto a tale fenomeno. Va poi rilevato quale elemento che si aggiunge a quelli già evidenziati e che concorre in maniera evidente all integrazione e conferma di un quadro probatorio generale anche sotto il profilo dell esistenza di presunzioni gravi, precise e concordanti (artt e 2719 c.c.) che le parti attrici hanno prodotto documentazione ricavata dal SIC, banca dati ANIA, da quale si rileva che un grandissimo numero di polizze RC auto INA Assitalia già oggetto di non rinnovazione dopo il recesso dei tre subagenti siano state poi stipulate per i medesimi veicoli proprio con Vittoria Assicurazioni (v. doc. 11 fasc. att.), con ciò potendosi sostenere per i rapporti assicurativi rilevabili da banche dati accessibili alle parti attrici anche l effettiva trasmigrazione della clientela per tali specifici rapporti assicurativi che conferma da un lato direttamente la sistematicità e l estensione dell intervento delle parti convenute sulla clientela INA Assitalia e sotto altro profilo la derivazione da tale circostanza della logica presunzione che anche rapporti assicurativi diversi nel ramo danni oggetto delle disdette contestate abbiano seguito la medesima sorte a seguito dell attivazione degli ex-subagenti. 4. In merito alla natura delle informazioni che la condotta complessiva delle parti convenute come innanzi evidenziata consente di ritenere essere state certamente utilizzate nell attività pagina 18 di 23

19 contestata, deve affermarsi in via generale che la cessazione del mandato di subagente comporta che il recedente non possa utilizzare in maniera sistematica al di là dunque di singoli rapporti di conoscenza diretta o di contatti già sussistenti anteriormente alla instaurazione del rapporto di mandato la lista dei clienti intestatari di polizze con la compagnia assicuratrice di cui esso era subagente. La circostanza che nei rapporti di mandato fosse usuale trasmettere tra agenti e subagenti tali elenchi ai fini della verifica e calcolo delle provvigioni e per tutti gli usi necessari all espletamento di tale mandato non può costituire circostanza tale da legittimare l exsubagente all utilizzazione dei medesimi dati ed informazioni dopo la cessazione del mandato stesso. Se appare evidente che tali informazioni rilevabili nel caso di specie dal doc. 18 delle parti attrici debbano considerarsi di per se stesse di pertinenza della compagnia assicuratrice e non già del subagente che opera in forza di mandato in suo favore e che è noto che alla cessazione del suo rapporto lo stesso subagente appare soggetto a specifici oneri di riconsegna di tutta la documentazione contrattuale afferente ai rapporti instaurati in favore della mandante, appare altresì evidente che la conoscenza di tali dati e delle informazioni commerciali singolarmente pertinenti a ciascun assicurato (natura polizze, scadenze, premi ecc.) non può essere ricondotta a quelle competenze professionali dell ex-subagente che pagina 19 di 23

20 possono essere liberamente utilizzate dal medesimo anche in altri e diversi rapporti. Va invero confermato che tali informazioni sia la lista clienti nel suo complesso che tutte le specifiche informazioni attinenti alle polizza stipulate da detti clienti con INA Assitalia devono considerarsi in sé riservate ai sensi dell art. 98 c.p.i., in quanto sia nel loro complesso (lista clienti) che nel loro specifico (dati contrattuali) sono il risultato di un attività pluriennale svolta nell interesse della mandataria, regolarmente remunerata nel corso del rapporto di subagenzia, che esclude la possibilità che esse possano ritenersi generalmente note, al di fuori del rapporto contrattuale esaurito e per finalità ad esso estranee, o facilmente accessibili agli operatori concorrenti del settore. Se il valore economico di tali dati appare evidente in vista della gestione e dello sviluppo dei rapporti contrattuali della compagnia assicuratrice titolare di dette informazioni, ritiene altresì il Collegio che siano rilevabili dagli atti anche elementi che consentono di ritenere che dette informazioni siano sottoposte a ragionevoli ed adeguate misure di segretezza. Tali elementi al di là delle generiche contestazioni sul punto da parte delle convenute, che ben avrebbero invece potuto contestare specificamente le allegazioni in tal senso fornite dalle parti attrici in ragione della loro piena ed effettiva conoscenza delle modalità di conservazione delle stesse e di accesso al sistema pagina 20 di 23

21 informatico della compagnia assicuratrice consistono nella predisposizione di un sistema informatico centralizzato non raggiungibile tramite la rete internet ed accessibile solo ai soggetti autorizzati, così come peraltro appare conforme alle normali modalità organizzative delle primarie compagnie assicuratrici tra le quali indubbiamente INA Assitalia deve ritenersi compresa. Deve dunque concludersi ponendo in relazione il comportamento delle parti convenute con gli elementi già innanzi evidenziati che può ritenersi ragionevolmente desumibile dal complesso degli atti di causa che l illiceità dello sviamento di clientela posto in essere dalle parti convenute sia stato attuato anche attraverso l indebita utilizzazione di dette informazioni riservate, in ragione della sistematicità dei contatti posti in essere dalle parti (quanto all utilizzazione della lista clienti) e dalla articolazione dell invio delle disdette in relazione all avvicinarsi delle scadenze contrattuali delle polizze (quanto all utilizzazione delle informazioni commerciali). 5. L accertamento dell illecito concorrenziale deve essere pronunciato nei confronti delle parti convenute, preso atto dell estinzione della IS e PIER Assicurazioni s.n.c. in liquidazione. Il coordinamento delle condotte dei convenuti appare del tutto evidente, mentre la responsabilità della convenuta Fiorella PIER può essere confermata quantomeno nella sua qualità di ex- pagina 21 di 23

22 socia della cessata IS e PIER Assicurazioni s.n.c. in liquidazione che gestiva il portafoglio assicurativo della subagenzia INA Assitalia già di titolarità dell Isacchi e dalla PIER e quindi dei dati relativi a tale portafoglio poi utilizzati negli illeciti accertati - e nei limiti in cui essa potrà essere concretamente tenuta sul piano risarcitorio in dipendenza di tale sua qualità. Quanto alla terza intervenuta LU Assicurazioni s.a.s. di LU Maurizio e Giovanni, costituita in data deve ritenersi ammissibile l intervento adesivo dipendente da essa svolto nella presente causa. Ancorchè sia pacifico che le condotte illecite siano state poste in essere nel periodo anteriore all assunzione da parte della terza intervenuta del mandato agenziale, tuttavia la pendenza all atto dell intervento di pendenze gestorie tra i fratelli LU e detta società consente di individuare un interesse di quest ultima a sostenere le domande svolte dagli originari attori. 6: La causa deve essere pertanto rimessa sul ruolo istruttorio come da separata ordinanza per l adozione delle più opportune iniziative istruttorie volte alla determinazione del danno risarcibile. La regolazione delle spese processuali deve essere rinviata alla sentenza che definirà tutte le domande svolte in causa. P.Q.M. il Tribunale, non definitivamente pronunciando:: pagina 22 di 23

Sentenza n. 11452/2014 pubbl. il 30/09/2014 RG n. 72603/2011 Repert. n. 9681/2014 del 30/09/2014

Sentenza n. 11452/2014 pubbl. il 30/09/2014 RG n. 72603/2011 Repert. n. 9681/2014 del 30/09/2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A Il Tribunale in composizione collegiale, nella persona dei seguenti magistrati:

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. Il Tribunale, affiancandosi alla prevalente dottrina, ha ritenuto vessatoria e quindi nulla, a tutela del consumatore, la clausola contrattuale che, nei contratti di assicurazione privata, affidi

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Dott. Petti Giovanni Battista - Presidente - Dott. Spagna Musso Bruno - Consigliere - Dott. Vivaldi Roberta

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Il Tribunale adito, relativamente all eccezione sollevata, ritiene la propria competenza a giudicare della controversia ex art. 33, lett. u, c. cons. secondo il quale si presume la vessatorietà

Dettagli

Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 )

Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 ) Sinistro stradale con tram esula dalla competenza speciale del giudice di pace ( Giudice di Pace Pozzuoli, sentenza 08.03.2004 ) Risarcimento danni. Scontro tra treno ed auto. Legge 990/69 - Inapplicabilità.

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 32. Tribunale di Modena, 11 febbraio 2005, n. 582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE CIVILE Composto dai magistrati: Dott. Emilia Salvatore Presidente Est. Dott.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA TRA LA SENTENZA INTEGRALE: SENTENZA CIVILE RG. 111653/2007 Rif,./ civ ord. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace, della VI Sezione del Mandamento di Napoli, nella persona del Giudice

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Tribunale di Verona Sentenza 21.7.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Verbale dell udienza del 21.7.11 della causa iscritta al numero 14501 del ruolo generale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE IV nella persona del dott. Pier Paolo Lanni ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta

Dettagli

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA

In nome del Popolo Italiano. il Tribunale di Lecce. sezione I civile SENTENZA In nome del Popolo Italiano il Tribunale di Lecce sezione I civile in composizione collegiale, in persona di dott. M. Petrelli dott. A. Esposito dott. C. Invitto presidente giudice giudice relatore ha

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. La conclusione di contratti di investimento tra un agente ed un soggetto assicurato espone la compagnia assicuratrice ad una responsabilità solidale, ex art. 2049 c.c., per i danni subiti dall

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE Abstract. Il Tribunale ha rilevato la nullità dell ordine di acquisto di strumenti finanziari ad alto rischio (bonds argentini) in quanto sottoscritto prima del perfezionamento del contratto di intermediazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE Dott. Alberto Polotti di Zumaglia ha pronunciato la seguente SENTENZA n. 141/11 Nella causa civile iscritta

Dettagli

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e possibilità per il submittente di far valere in via diretta verso il sub trasportatore la responsabilità risarcitoria del vettore Tribunale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A S E N T E N Z A

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO. Sezione specializzata in materia di impresa. Sezione A S E N T E N Z A REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A Il Tribunale in composizione collegiale, nella persona dei seguenti magistrati:

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PERUGIA

IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. Nell àmbito dei contratti di investimento non costituisce vizio di forma la mancata puntuale indicazione per iscritto degli strumenti finanziari che possono essere inseriti nel portafoglio di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIA A. In nome del popolo italiano. LA CORTE D'APPELLO DI A CO A - SEZIO E LAVORO composta dai Signori

REPUBBLICA ITALIA A. In nome del popolo italiano. LA CORTE D'APPELLO DI A CO A - SEZIO E LAVORO composta dai Signori N 459/2008 R.G.Lav. Sentenza n 657/08 REPUBBLICA ITALIA A In nome del popolo italiano LA CORTE D'APPELLO DI A CO A - SEZIO E LAVORO composta dai Signori DR. ALBERTO TAGLIENTI Presidente rel. DR.SSA FRANCESCA

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C.

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA in persona del Giudice Monocratico dott.ssa C.C. Trib. Perugia, 16 giugno 2015, n. 1000. Contratto di permuta - Multiproprietà - Consumatore - Foro del consumatore - Specifica trattativa - Nullità decreto ingiuntivo - Accoglimento della domanda Abstract.

Dettagli

Sentenza n. 3070/2014 pubbl. il 04/03/2014 RG n. 39774/2012 Repert. n. 2538/2014 del 04/03/2014

Sentenza n. 3070/2014 pubbl. il 04/03/2014 RG n. 39774/2012 Repert. n. 2538/2014 del 04/03/2014 Sentenza N. R.G. N. 39774 /2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE SPECIALIZZATA IN MATERIA DI IMPRESA - SEZ. A Il Tribunale, in composizione collegiale nelle persone

Dettagli

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO DATA 2005-5-12 ESTREMI Tribunale dl Udine sezione civile SINTESI La certezza del credito deve

Dettagli

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA riunita in Camera di Consiglio, e composta dai seguenti magistrati : Dott. ROSA CASABUR I PRESIDENTE Dott. FAUSTA PALAZZO CONSIGLIERE Dott. MAURIZIO PETRELLI

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE N. R.G. 4925/2012 TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE Oggi 20 novembre 2014, alle ore 10.30, innanzi al Giudice dott. DARIO BERNARDI, sono comparsi: L avv. PRESTIA CRISTIAN per parte attrice il

Dettagli

TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del G.O.T. Dott.ssa Chiara Francesca Maria Spiaggia, della III Sezione Civile,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

IL LEGALE CONTRATTI DI ASSICURAZIONE: ILLEGITTIME LE CLAUSOLE TROPPO GENERICHE LO AFFERMA LA CORTE DI CASSAZIONE IN UNA RECENTE PRONUNCIA Segnaliamo che la Suprema Corte ha dichiarato invalide le clausole

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI OGGETTO: RICORSO AVVERSO ACCERTAMENTO DI INFRAZIONE VERBALE N / DEL VEICOLO TARG. I sottoscritti: - nato a NAPOLI il / /, C.F. e residente in alla VIA n, nella qualità di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 6.6.2014 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE I nella persona del dott. Pier

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e disgiuntamente dall Avv. ********* e dall Avv. ************** ed elettivamente

Dettagli

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati

Sentenza. del 23 ottobre 2013 - e. coniugi e consumati Conto corrente cointestato tra coniugi e disciplina della comunione de residuo TRIBUNALE DI BARI - Sentenza del 23 ottobre 2013 - e massima a cura dell Avv. Daniela Angelini Sono esclusi dalla comunione

Dettagli

TRIBUNALE MANTOVA 14 SETTEMBRE 2004

TRIBUNALE MANTOVA 14 SETTEMBRE 2004 TRIBUNALE MANTOVA 14 SETTEMBRE 2004 omissis SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con atto di citazione ritualmente notificato Verdi Ivan Carlo evocava in giudizio la Banca Popolare del Materano S.p.a., in persona

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PERUGIA

IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. La domanda di risarcimento danni provocati da infiltrazioni di acqua piovana durante l espletamento di lavori di ristrutturazione e miglioramento sismico di un immobile va respinta se l attore

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli

Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il Tribunale di Modena, Sezione Prima Civile, riunito nelle persone dei signori:

Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il Tribunale di Modena, Sezione Prima Civile, riunito nelle persone dei signori: Società Amministratori: azione di responsabilità Azione ex art.2395 del terzo cc verso l amministratore di società per danni Nozione - Esecuzione di pignoramento ai danni del terzo in assenza di valido

Dettagli

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola:

I vizi lamentati per la loro classicità e molteplicità possono essere assunti ad un caso di scuola: IMPUGNAZIONE DELIBERA ASSEMBLEA CONDOMINIALE MOTIVI VIZI INSUSSISTENZA RIGETTO [Tribunale di Napoli, Sezione XII, Civile sentenza 24 gennaio 2013 commento e testo (Nota a cura dell Avv. Rodolfo Cusano)

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007)

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) (omissis) tra F.C. (omissis) e G.G. (omissis) ATTORE e Curatela del Fallimento M.C.G.

Dettagli

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17

Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 Osservatorio sulla giustizia civile n. 17 a cura di Maria Concetta Rametta 1. Corte di Cassazione, terza sezione civile, n. 16374 del 14 luglio 2009, in materia di responsabilità civile. Nella fattispecie

Dettagli

ATTO DI TRANSAZIONE STRAGIUDIZIALE

ATTO DI TRANSAZIONE STRAGIUDIZIALE ATTO DI TRANSAZIONE STRAGIUDIZIALE Tra: Sig. TIZIO, rappresentato e difeso dall avv. Alessandro Amendolara, elettivamente domiciliato presso il suo studio in Modugno, parte ricorrente nel procedimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334

Tribunale di Milano. Sezione V Civile. Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 Tribunale di Milano Sezione V Civile Sentenza 19 febbraio 2009, n. 2334 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE V CIVILE In persona del Giudice Istruttore, in funzione

Dettagli

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004 22. Negoziazione fuori sede di obbligazioni argentine - Mancata menzione della facoltà di recesso - Nullità del contratto - Sussistenza. Art. 30 d. lgs. 24-2-1998 n. 58 Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice

Dettagli

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni

FATTO. Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni FATTO Nella presente controversia, l attrice G chiede il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali subiti a seguito di un intervento di mastoplatistica addittiva, asseritamente eseguito senza

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. L illegittima iscrizione del nominativo di un individuo nell archivio della Centrale Interbancaria dei soggetti segnalati come protestati, con conseguente revoca temporanea per l iscritto della

Dettagli

Sentenza Tribunale di Milano n. 12473/2004 su CSSN e FGVS

Sentenza Tribunale di Milano n. 12473/2004 su CSSN e FGVS Sentenza Tribunale di Milano n. 12473/2004 su CSSN e FGVS REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO DI MILANO SEZIONE UNDICESIMA nella persona del giudice unico Dott. Giovanna

Dettagli

http://bddweb.corteconti.it/bdddaccessibile/doc/011/a3d00574011.htm

http://bddweb.corteconti.it/bdddaccessibile/doc/011/a3d00574011.htm Page 1 of 7 REPUBBLICA ITALIANA 574/2011 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE TERZA GIURISDIZIONALE CENTRALE D APPELLO composta dai signori magistrati : Dott. Ignazio de MARCO Dott. Amedeo

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio

Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Pluralità di parti nel processo: il litisconsorzio Prof.ssa Elisa Esposito Obiettivi In questa lezione ci occuperemo del processo con pluralità di parti, in particolare, del litisconsorzio. Definizione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI CATANZARO SECONDA SEZIONE CIVILE in persona del giudice monocratico, Dott. Antonio Scalera, ha pronunciato la seguente nella causa iscritta

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA Riunito in camera di consiglio e composto dai signori:

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA Riunito in camera di consiglio e composto dai signori: Abstract. Il Collegio, provato all esito dell istruttoria che il modulo d ordine delle obbligazioni in oggetto è stato firmato fuori dai locali della convenuta, osserva che, con carattere assorbente su

Dettagli

Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO)

Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO) Tribunale di Verona Sentenza 11.1.2011 (Composizione monocratica - Giudice RIZZUTO) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente si da atto che lo svolgimento del processo viene riferito

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA Tribunale di Verona Sez. IV Sentenza 15.2.2011 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona

Dettagli

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile

Tribunale Civile e Penale di Bologna. Seconda Sezione Civile Tribunale Civile e Penale di Bologna Seconda Sezione Civile Verbale dell udienza del 20 gennaio 2015 della causa iscritta al numero affari contenziosi del 2013, pendente del ruolo generale degli tra A.

Dettagli

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua.

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Società di persone Efficacia verso i soci del titolo esecutivo ottenuto nei confronti della società Iscrizione di ipoteca nei confronti

Dettagli

GIUDICE DI PACE DI...

GIUDICE DI PACE DI... GIUDICE DI PACE DI... ATTO DI CITAZIONE Nell interesse del Sig...., nato a... il..., C.F...., residente in..., Via... ed elettivamente domiciliato per la presente procedura in... presso e nello Studio

Dettagli

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese T R I B U N A L E D I V A R E S E Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese avverso il decreto di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE. In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE DI UDINE In funzione di giudice del lavoro, in persona del giudice Dott. Giuliano Berardi, ha pronunciato la presente SENTENZA nella

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI BOLOGNA - TERZA SEZIONE CIVILE S E N T E N Z A

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI BOLOGNA - TERZA SEZIONE CIVILE S E N T E N Z A Sentenza n. 2196/06 Pronunziata il 28/02/2006 Depositata il 21/09/2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI BOLOGNA - TERZA SEZIONE CIVILE nella persona del giudice unico Dott.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE in persona del giudice unico dott. Stefano cardinali, ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A nella causa civile

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE Dott. Alberto Polotti di Zumaglia ha pronunciato la seguente SENTENZA PARZIALE 6288/2012 Nella causa civile

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Filiazione naturale Riconoscimento del figlio naturale: impugnazione Convivenza more uxorio Impotentia generandi al tempo del concepimento Qualificazione dell azione: a) disconoscimento di paternità esclusione

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

DELIBERA N. 7/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO ASSOCIATO XXXX / VODAFONE OMNITEL XXXX

DELIBERA N. 7/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO ASSOCIATO XXXX / VODAFONE OMNITEL XXXX DELIBERA N. 7/11/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA STUDIO ASSOCIATO XXXX / VODAFONE OMNITEL XXXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. IL TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE TRIBUNALE DELLE IMPRESE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. IL TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE TRIBUNALE DELLE IMPRESE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE ORDINARIO di TORINO SEZIONE I CIVILE TRIBUNALE DELLE IMPRESE Composta da: Dottor Umberto Scotti Dott.ssa Gabriella Ratti Dottor Maria Dolores

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA. sentenza R.G. n. 6640/13 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PESCARA in composizione collegiale in persona del Presidente relatore dott. Angelo Bozza e dei componenti dott.ssa Stefania

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

Tribunale Civile di Genova Nona Sezione

Tribunale Civile di Genova Nona Sezione N. 4829/2014 R.G. Tribunale Civile di Genova Nona Sezione Il Tribunale riunito in camera di consiglio in persona dei magistrati Dott. Luigi Costanzo Presidente Dott. Cinzia Casanova Giudice Dott. Emanuela

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI TARANTO-SEZ 1^ Il Dr. Giacovelli Martino, ha pronunciato la seguente SENTENZA N. 3166 nella causa iscritta al n 4206/2015,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA Sent. / Cont. / Cron. Rep. Il Giudice, dott. Gianluigi MORLINI, in funzione di Giudice monocratico, ha pronunciato la seguente

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 64615/2013. tra

TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n. r.g. 64615/2013. tra N RG 64615/2013 TRIBUNALE ORDINARIO di MILANO SESTA SEZIONE CIVILE VERBALE DELLA CAUSA n rg 64615/2013 BEMA CERAMICHE SRL DEBORAH BETTI CONSUELO BETTI STEFANO BETTI PIERA PELUCCHI tra BANCA POPOLARE DI

Dettagli

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE

IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE IL TRIBUNALE DI PALERMO TERZA SEZIONE CIVILE in composizione monocratica, nella persona del giudice Giuseppe Rini, sciogliendo la riserva assunta all udienza del 28 novembre 2013, ha pronunciato la seguente

Dettagli

La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati

La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati -dott. Ettore NESTI -dott. Rocco PAVESE -dott.

Dettagli

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301

Via C.. Portanova Palazzo Campanella 89124 Reggio Calabria - Tel 0965/814984 810227 Fax 0965/810301 Consiglio Regionale della Calabria Co.Re.Com. Cal/Nic DELIBERAZIONE N. 161 Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA xxxx c/ TELETU UTENZE RISPETTIVAMENTE: xxxxx IL COMITATO REGIONALE PER LE COMUNICAZIONI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO N. R.G. 3872/2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di PALERMO Sezione Quinta Civile / Sezione specializzata in materia di Imprese Il Tribunale, nella persona del Giudice

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N.

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I SENTENZA 13 GENNAIO 2014, N. 487 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE. Dott. Alberto Polotti di Zumaglia REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE DI PACE DI TORINO V SEZIONE CIVILE Dott. Alberto Polotti di Zumaglia ha pronunciato la seguente SENTENZA 6017/2012 Nella causa civile iscritta

Dettagli

Buoni postali e comunione legale. Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo)

Buoni postali e comunione legale. Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo) Buoni postali e comunione legale Corte App. Catania, sentenza 13 novembre 2014 (Pres. Zappia, est. Rita Russo) BUONI POSTALI COMUNIONE LEGALE APPLICABILITÀ DELL ART. 177 COMMA I C.C. - SUSSISTE I buoni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA SECONDA SEZIONE CIVILE Il dott. Massimo D'Arienzo, Presidente della II sezione

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA SECONDA SEZIONE CIVILE Il dott. Massimo D'Arienzo, Presidente della II sezione REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI GENOVA SECONDA SEZIONE CIVILE Il dott. Massimo D'Arienzo, Presidente della II sezione civile, in qualità di giudice unico, ha pronunciato ex

Dettagli

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989) Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo P&D.IT La previsione di cui all oggi abrogato art. 6 L. n. 39/1989 in ordine alla necessità di iscrizione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice Unico del Tribunale di Bari, Quarta sezione civile, GOT Dott. Savino Gambatesa, ha pronunciato la seguente SENTENZA Nella causa civile iscritta

Dettagli

Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO)

Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO) Tribunale di Verona Sentenza 14 ottobre 2010 (Composizione monocratica Giudice RIZZUTO) MOTIVI DELLA DECISIONE Preliminarmente si da atto che viene omesso il puntuale svolgimento del processo alla luce

Dettagli

viale comune" fenomeni di infiltrazione e stillicidio di acque meteoriche, contestati al costruttore,

viale comune fenomeni di infiltrazione e stillicidio di acque meteoriche, contestati al costruttore, TRIBUNALE DI BARI SEZIONE DISTACCATA DI MODUGNO R.G. n.1023/2010 - Giudice Dott.ssa Delia Verbale di Conciliazione II giorno 8 del mese di novembre del 2012, nell'aula di udienza del Tribunale di Bari

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale... Presidente Avv. Alessandro Leproux. Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato dalla

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati

REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott. Marina IOB Presidente; dott. Andrea ZULIANI Giudice

Dettagli

N. /06 Sent. N. 477 / 05 R.Gen. N. R. Cron. N. R. Rep. OGGETTO. Risarcimento danni da sinistro stradale.

N. /06 Sent. N. 477 / 05 R.Gen. N. R. Cron. N. R. Rep. OGGETTO. Risarcimento danni da sinistro stradale. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Lecce - Avv. Luigi Piro - ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A nella causa civile in I grado iscritta al numero 477/05 del ruolo

Dettagli

Tribunale Pescara 13/09/1999

Tribunale Pescara 13/09/1999 Tribunale Pescara 13/09/1999 sentenza 13 settembre 1999 n.697 Tribunale di Pescara - sentenza 13 settembre 1999 n.697 - Est. Brindesi - Di Stefano ed A. c. Soc. Coop. Apollo 12 ed A.. Appalto - Art. 1669

Dettagli

Diritto dell Unione Europea. Indice

Diritto dell Unione Europea. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA LEZIONE IX LA TUTELA GIURISDIZIONALE NELL ORDINAMENTO COMUNITARIO PROF. GIUSEPPE RUBERTO Indice 1 Il sistema di tutela giurisdizionale comunitario. ---------------------------------------------------

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Tribunale di Verona Sentenza 27.4.2013 (Composizione monocratica Giudice LANNI) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA SEZIONE QUARTA nella persona del dott.

Dettagli

STUDIO LEGALE AVV. TUTTO FARE Viale Piave 34-1234 Milano Tel. 02.12345678 - Fax 02. 11254789

STUDIO LEGALE AVV. TUTTO FARE Viale Piave 34-1234 Milano Tel. 02.12345678 - Fax 02. 11254789 TRIBUNALE CIVILE DI MILANO SEZ. VII R.G. 123456/12 GIUDICE : DR. RE *** ** * ** *** COMPARSA DI COSTITUZIONE E DI RISPOSTA CON DOMANDA RICONVENZIONALE E ISTANZA DI CHIAMATA DEL TERZO EX ART. 269 II CO.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato DECISIONE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente N. 5628/2009 Reg. Dec. N. Reg. Ric. 3179 ANNO 2009 DECISIONE (resa

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE SECONDA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI FIRENZE. Il giudice. Luca Minniti SENTENZA

TRIBUNALE DI FIRENZE SECONDA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI FIRENZE. Il giudice. Luca Minniti SENTENZA TRIBUNALE DI FIRENZE SECONDA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI FIRENZE Il giudice Luca Minniti ha emesso la seguente SENTENZA nella causa civile di primo grado

Dettagli