CAPITOLO PRIMO LA TUTELA PENALE DEL RISPARMIO DEL MERCATO FINANZIARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLO PRIMO LA TUTELA PENALE DEL RISPARMIO DEL MERCATO FINANZIARIO"

Transcript

1 CAPITOLO PRIMO LA TUTELA PENALE DEL RISPARMIO E DEL MERCATO FINANZIARIO

2 2

3 SOMMARIO: 1. IL RISPARMIO COME BENE GIURIDICO PENALMENTE RILEVANTE IL MODELLO PENALISTICO IN USO NEL DIRITTO PUNITIVO DEGLI INTERMEDIARI FINANZIARI. 1. IL RISPARMIO COME BENE GIURIDICO PENALMENTE RILEVANTE 1.1. Nell ultimo ventennio l economia italiana ed internazionale è stata caratterizzata da numerosi scandali e dissesti finanziari di rilevante portata 1 e dal moltiplicarsi di forme di abuso a danno dei risparmiatori, tanto che il tema della loro difesa ha sovente occupato il proscenio della cronaca giornalistica e processuale. Dunque, il risparmio è da alcuni anni al centro di un vivace dibattito che interessa trasversalmente numerosi campi del sapere e tra questi, di certo, anche quello della scienza giuridica e di quella penalistica in particolare. Ma che cosa si intende per risparmio? Occorre prendere le mosse dalla sua accezione economica: il risparmio è l accantonamento di quella parte di reddito che non viene destinata immediatamente al consumo 2. La moneta risparmiata può rimanere direttamente nella disponibilità fisica del suo proprietario, instaurandosi in tal caso una relazione di possesso materiale tra la res ed il titolare che trova una specifica tutela penale nella categoria dei reati contro il patrimonio 3 ; oppure può essere affidata al c.d. deposito bancario, contraddistinto dall obbligo del rimborso del capitale depositato; ovvero, ancora, essere impegata nelle forme del c.d. risparmio gestito od amministrato 4. ( 1 ) Basti pensare, per citarne solo alcuni, ai casi Enron, Worldcom, Cirio, Giacomelli, Parmalat, Lehman Brothers. ( 2 ) Il risparmio, in economia, è la quota del reddito di persone, imprese o istituzioni che non viene spesa nel periodo in cui il reddito è percepito, ma è accantonata per essere speso in un momento futuro. In generale lo scopo del risparmio è quello di poter disporre in un secondo momento delle risorse non spese, per motivazioni di varia natura che John Maynard Keynes ha così principalmente classificato: far fronte a spese impreviste (c.d. risparmio di tipo precauzionale), garantirsi un reddito futuro ulteriore a quello offerto dal sistema pensionistico (cfr. teoria del ciclo vitale di Franco Modigliani), compiere, in futuro, un investimento di rilevanti dimensioni, come l'acquisto di un bene durevole. ( 3 ) In questa accezione il risparmio viene a coincidere con il concetto di patrimonio, cui la materia penale riserva svariate forme di protezione finalizzate all incriminazione delle diverse modalità (violenza, minaccia, frode) con cui può venire spezzato il legame fisico tra il titolare e la cosa risparmiata: furto, truffa, rapina, estorsione, appropriazione indebita, ecc ( 4 ) Il risparmio gestito od affidato è quello fatto confluire mediante sottoscrizione di polizze assicurative, fondi pensione, fondi comuni di investimento mobiliari ed immobiliari, tutti prodotti che si differenziano per asset allocation e per rapporto rischio/rendimento, ma accomunati 3

4 E a quest ultima forma di risparmio, quella appunto della liquidità fatta affluire direttamente nel mercato finanziario, che è dedicata la presente trattazione. Si tratta di una forma moderna e dinamica di risparmio cui sottostà una realtà economicogiuridica complessa, polifunzionale 5, suscettibile di declinazioni e contenuti differenti ed in continua evoluzione. Di conseguenza, anche l'espressione tutela del risparmio non presenta un significato univoco, intendendosi con essa, genericamente, quel coacervo di corpi normativi spesso disuniti ed eterogenei tra loro, ma complessivamente finalizzati alla difesa del mercato finanziario ed alla protezione, tanto del risparmio inteso come bene collettivo, quanto degli interessi individuali dei risparmiatori. Negli ultimi tre decenni i meccanismi e le tecniche di raccolta e di canalizzazione del risparmio hanno subito una marcata opera di rinnovamento, tanto che alla tradizionale intermediazione bancaria si sono via via affiancate e sostituite nuove forme di intermediazione finanziaria, rispetto alle quali si è tuttavia sviluppato un maggior bisogno di tutela da parte degli investitori. Il mercato finanziario, luogo di raccolta e di gestione del risparmio, è storicamente caratterizzato da una tensione tra due opposte istanze di politica legislativa ed economico-sociale: da una parte, quella di evitare il rischio di un ipertrofia normativa e regolamentare e di un conseguente eccessivo soffocamento del mercato; dall altra, quella di offrire ai risparmiatori un livello di protezione qualitativamente sufficiente per preservare la fiducia che gli stessi ripongono nell integrità e nel corretto funzionamento del mercato stesso. Il compito del legiferante è dunque quello di configurare un assetto normativo che sappia coniugare le predette esigenze, muovendo dalla consapevolezza che l attività di intermediazione finanziaria deve essere promossa e valorizzata perché essenziale allo sviluppo di una moderna economia di mercato, ma che per la sua intrinseca fragilità e connaturata rischiosità non può essere integralmente lasciata alla mercé delle dinamiche di quest ultimo, dall affidamento ad un operatore specializzato dell incarico di gestire le somme ricevute in conformità alle istruzioni contrattualmente pattuite. ( 5 ) Tra le diverse forme del risparmio gestito esistono profonde differenze concettuali e normative, che trovano tuttavia la sede naturale di analisi nella materia del diritto privato, in particolare in quella del diritto commerciale. Un elemento comune è rappresentato dalla sottoscrizione di un contratto di deposito o di gestione, avente ad oggetto lo scambio tra un bene presente (il danaro consegnato) e la promessa o l impegno alla sua restituzione (bene futuro), che può essere o meno garantita a seconda del tipo di investimento. 4

5 necessitando invece di un intervento di eteroregolamentazione finalizzato alla protezione di interessi individuali e collettivi previamente selezionati. Tanto premesso, il presente lavoro non può che proseguire, dapprima, con la ricostruzione in chiave penalistica del concetto di risparmio e, successivamente, nella ricognizione ed analisi della disciplina penale del mercato finanziario per verificare, in ultima istanza, se tale corpus normativo risponda adeguatamente alla necessità di una combinazione efficiente delle due esigenze sopra delineate: quella di un mercato finanziario capace di attrarre gli investimenti perché aperto, non ingessato, promotore della libera circolazione dei capitali e delle informazioni, ma che nel contempo sappia anche fare proprie le istanze di difesa di interessi fondamentali che potrebbero essere lesi da un mercato poco trasparente ed integro Nel muovere alla ricerca degli interessi giuridici tutelati dalla disciplina penale del mercato finanziario, il punto di avvio non può che essere rappresentato dal concetto di risparmio, oggetto di riconoscimento costituzionale per il tramite degli artt. 47 e 117 Cost. 6. Da questo combinato disposto normativo si desume, anzitutto, che la tutela del risparmio e dei mercati finanziari, afferendo ad una dimensione globale dell economia, è materia di competenza esclusiva dello Stato e che, in secondo luogo, lo Stato incoraggia le diverse forme di risparmio, compresa quella dell investimento nel mercato azionario, che rappresenta un pilastro fondamentale dell economia moderna. Giova preliminarmente osservare che il concetto di risparmio inteso dai Padri Costituenti, nel mentre si accingevano a redigere la norma dell art. 47 Cost., era profondamente diverso dalla forma di risparmio propria della moderna economia finanziaria. A quel tempo il riferimento era esclusivamente al c.d. risparmio popolare, vale a dire a quelle forme di risparmio sicure, tendenzialmente a rischio zero, di lunga durata, quali il deposito bancario, la casa di abitazione, la proprietà terriera, l investimento in azioni dei grandi complessi produttivi del Paese. Per converso, nell attuale realtà finanziaria, il risparmiatore è colui che acquista un prodotto ( 6 ) La norma dell art. 47 Cost. così stabilisce: La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l esercizio del credito. Favorisce l accesso del risparmio popolare alla proprietà dell abitazione, alla proprietà diretta coltivatrice e al diretto e indiretto investimento azionario nei grandi complessi produttivi del Paese. La norma dell art. 117 Cost., riformata nel 2001 a seguito dell entrata in vigore della legge n. 3 del 18 ottobre 2001, al comma primo lettera e) dispone che lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie: e) moneta, tutela del risparmio e mercati finanziari. 5

6 sottoscrivendo un contratto che ha ad oggetto, non la realtà fisica del prodotto acquistato, ma la situazione giuridica che forma il contenuto del contratto medesimo. Il risparmio moderno è una forma di allocazione della liquidità disponibile che sovente si contraddistingue per essere un investimento di breve durata, precario, ad elevata rischiosità. Come la stabilità, il contenuto profilo di rischio e la durata particolarmente lunga erano dunque le principali caratteristiche del risparmio proprio dell economia rurale e conservatrice del secondo dopoguerra, così la precarietà, la brevità dell investimento, l aspettativa di un elevato rendimento associata ad un alto profilo di rischio, rappresentano i crismi del risparmio nella contemporanea economia di scambio 7. Ciò detto, è evidente che, oggi, della nozione di risparmio si impone una lettura costituzionalmente orientata ed adeguata al mutato contesto socio-economico del Paese, per concludere nel senso che lo Stato promuove e difende ogni forma di risparmio, da quella c.d. statica, finalizzata ad esigenze di conservazione patrimoniale, a quella c.d. dinamica, orientata all investimento ed allo sviluppo 8. Possiamo dunque approdare ad una prima conclusione: la disposizione dell art. 47 Cost. rappresenta la legittimazione costituzionale dell intervento penalistico a tutela, non solo del c.d. risparmio statico, ma anche del c.d. risparmio dinamico, vale a dire di quella massa di liquidità che viene immessa nel mercato finanziario e da qui dirottata a sostegno dell investimento nel capitale delle medie e grandi imprese, a divenire essa stessa fattore di sviluppo e produzione di ricchezza. In questo senso, la norma dell art. 47 Cost. deve essere letta come un prius dell art. 41 Cost., poiché, al di là del disegno topografico adottato dal Costituente, la protezione e l incentivazione ( 7 ) SGUBBI F., Il risparmio come oggetto di tutela penale, in Giur. comm., 2005, p. 343/I: l Autore, richamando l opinione di autorevoli economisti, evidenzia come nell economia moderna il risparmio assuma parte dei caratteri propri del consumo, quindi di un attività giocosa, liquida, precaria, propria dell homo ludens. ( 8 ) SARCINELLI M., La legge per la tutela del risparmio. Un anno dopo, in La legge per la tutela del risparmio, a cura di P. Abbadessa e F. Cesarini, Bologna, 2007, p. 16 e ss..: l Autore sostiene che l affermazione costituzionale della tutela del risparmio, difficilmente poteva essere estesa, al tempo della Costituente, al di là dell ipotesi che la prassi e la dottrina avevano identificato, ossia la salvaguardia dei depositi bancari. Tuttavia, soggiunge, l onnicomprensiva dizione usata dai Padri Costituenti ne giustifica una rilettura alla luce dell evoluzione dell ordinamento giuridico-economico, della trasformazione del sistema finanziario, della maturazione del risparmiatore-investitore nell apprezzamento del rischio. 6

7 del risparmio diffuso o di massa è funzionale allo sviluppo della libera iniziativa economica 9. La considerazione che precede porta con sé un corollario di fondamentale importanza, che un autorevole esponente della scienza penalistica ha così riassunto in una felice espressione di sintesi: se fino a due decenni or sono, il perno della disciplina era la stabilità del principale protagonista - il sistema bancario -, rispetto alla quale la garanzia del singolo era nettamente mediata, oggi la protezione diretta del pubblico risparmio è assurta a nuovo interesse generale, la cui attuazione si sovrappone al perseguimento di una migliore efficienza del mercato 10. L osservazione coglie un passaggio epocale nell evoluzione del significato (e della tutela) del risparmio: fintantoché veniva inteso solo o prevalentemente come fenomeno di accumulazione di ricchezza, fatta poi oggetto di una gestione statica e conservativa, la sua protezione si esauriva sostanzialmente nella difesa della stabilità del sistema bancario che rappresentava il principale, se non unico, affidatario di quella gestione; nel passaggio ad una economia di mercato ed ancor più ad un sistema economico globalizzato nel quale la finanza pura gioca (spesso impropriamente) un ruolo di primissimo piano, il pubblico risparmio destinato all investimento diviene un elemento portante del mercato e, con esso, aspira a condividerne le garanzie di efficienza, trasparenza ed integrità. I risparmiatori, come singoli e come categoria, alla luce della nuova valenza che vengono ad assumere nella mutata realtà del mercato finanziario, richiedono pertanto una protezione non solo mediata o di sistema, ma anche diretta ed immediata e a ciò sembra orientata quella variegata ed eterogenea gamma di interventi legislativi - da ultimo la legge n. 262 del che si è soliti riunire sotto l espressione tutela del risparmio. Una domanda di maggiore tutela che è ancor più giustificata se si pensa alla dimensione ed all impatto dei recenti crack finanziari: se, fino ai primi anni 90, ( 9 ) ALESSANDRI A., Un esercizio di diritto penale simbolico: la tutela penale del risparmio, in La legge per la tutela del risparmio, a cura di P. Abbadessa e F. Cesarini, Bologna, 2007, p. 169 e ss..: l Autore afferma che se il pensiero dei Costituenti era come inchiodato, per i noti trascorsi storici, alla stabilità della moneta, non vi è motivo di ingessare l interpretazione della norma costituzionale per impedirle di espandersi su territori oggi insidiosi. La vicinanza con il credito, nella topografia della norma, anche ad ammettere che sgorghi da una comune ispirazione, non pare argomento sufficiente per amputare arbitrariamente dal genus risparmio la species risparmio investito. ( 10 ) ALESSANDRI A., Offerta di investimenti finanziari e tutela penale del risparmiatore, in Atti del Convegno Mercato finanziario e disciplina penale organizzato dal Centro Nazionale di Prevenzione e Difesa Sociale e dalla Fondazione Centro Internazionale su Diritto, Società ed Economia di Courmayeur, 1993, p. 203 e ss.. 7

8 il peso economico dei grandi default aziendali ricadeva principalmente sullo Stato e solo indirettamente sui cittadini (si pensi al caso Montedison), i recenti fenomeni di distruzione e vaporizzazione di ricchezza vedono i risparmiatori come soggetti direttamente danneggiati (bonds argentini, Banca Popolare di Lodi, Cirio, Parmalat ec ). Le considerazioni che precedono consentono di introdurre la problematica di fondo che avvolge il rapporto tra il diritto penale ed il c.d. risparmio di massa: è corretto sostenere che il risparmio è l interesse giuridico specifico, il bene o valore su cui costruire le fattispecie incriminatrici che compongono il diritto punitivo degli intermediari finanziari? Il tentativo di pervenire ad una esauriente trattazione della vexata quaestio richiede preliminarmente di svolgere alcune generali e sommarie riflessioni sull istituto penalistico dell oggetto giuridico. Una prima considerazione è quella che, per opinione ampiamente consolidata 12, l ordinamento costituzionale italiano impone e fa proprio il modello liberale del reato come offesa ad un bene giuridico 13, per cui non c è reato senza offesa ad un bene giuridico. Ne deriva il divieto, per il legislatore, di ricorrere alla sanzione penale per reprimere volontà soggettive, od atteggiamenti interiori, o mere manifestazioni della personalità (ciò che è invece tipico dei modelli repressivi illiberali), dovendo per converso agganciare la scelta di incriminazione alla lesione o alla messa in pericolo di un bene giuridico, definibile come quell interesse individuale o sovraindividuale tutelato dalla norma ed offeso dal reato. Il concetto di bene giuridico viene dunque a sostituirsi a quello di diritto naturale quale parametro di riferimento della scelta ( 11 ) La risposta affermativa sembra invero scontata, se si pensa che la rubrica legis della legge n. 262/2005 è intitolata tutela del risparmio e se, più in generale, la stampa, le discussioni parlamentari e la stessa produzione dottrinale sono solite parlare di una tutela del risparmio. ( 12 ) ANGIONI F., Contenuto e funzioni del concetto di bene giuridico, Milano, 1983; MARINUCCI G. e DOLCINI E., Corso di diritto penale, Milano, 2001; MOCCIA S., Dalla tutela di beni alla tutela di funzioni: tra illusioni postmoderne e riflussi illiberali, in Giur. comm., 1992, I, p. 5 e in Riv. it. dir. pr. e pen., 1995, p. 343 e ss.. ( 13 ) La nozione del reato come offesa ad un bene giuridico risale a Johann M.F. Birnbaum, che in un noto saggio del 1834 giungeva a questa conclusione: bisogna considerare come delitto secondo la natura delle cose o come razionalmente punibile nello Stato la lesione o la messa in pericolo, imputabile alla volontà umana, di un bene che deve essere garantito a tutti in egual misura attraverso la coercizione penale. 8

9 operata dal legislatore, esprimendo quell interesse preesistente ed esterno alla norma, avente un significato indipendente dalla volontà del reo, che si identifica in situazioni della realtà fattuale percepibili dalla comunità civile e che esprimono una consistenza valutativa, modificabili ed aggredibili e che perciò si prestano ad essere oggetto di tutela anche penale 14. Un secondo motivo di riflessione si risolve nell evidenziare che tra gli studiosi del diritto penale è oggi prevalente la c.d. concezione realistica del bene giuridico, secondo cui esso è un elemento della realtà fenomenologica che preesiste alla realtà giuridica, che non si confonde con lo scopo della fattispecie incriminatrice ovvero con il fine ulteriore che il legislatore intende perseguire con la stessa e che, in quanto tale, può essere elevato al rango di criterio di selezione dei fatti punibili, vale a dire di limite - a tutela del principio costituzionale di offensività - posto sia al legislatore nella scelta dei beni giuridici da tutelare e nella costruzione della struttura formale del reato (nel senso che può attribuire rilevanza penale soltanto a fatti che comportano la lesione o l esposizione a pericolo di un determinato bene giuridico), sia all interprete che è tenuto a ricostruire il senso della fattispecie incriminatrice in conformità al canone di offensività (estromettendo dal suo ambito applicativo quei comportamenti non conformi al fatto tipico perché non offensivi del bene giuridico protetto dalla norma penale) Dalle considerazioni che precedono si evince, dunque, che al legislatore è fatto divieto - pena la violazione del canone costituzionale di offensività - di impiegare lo strumento della sanzione penale per perseguire obiettivi politici o socio/economici o ( 14 ) Il codice penale del 1930, ripudiando la c.d. concezione soggettivistica del reato affermatasi nel periodo tra le due guerre mondiali, per cui questo è fondato sulla violazione dell obbligo di fedeltà che vincola il cittadino/suddito all ordinamento, ha accolto l opposta concezione oggettivistica del reato, che fonda il concetto di reato sull offesa ad un determinato bene od interesse giuridico. ( 15 ) Al contrario, per i fautori della c.d. concezione metodologica dell oggetto giuridico, un bene non assume una positività giuridica, dunque non diviene giuridico, se non quando è riconosciuto tale da una norma di cui viene a rappresentare lo scopo da raggiungere, di guisa tale che, identificando l oggetto giuridico con lo scpo perseguito dal legislatore con quella norma, si addiviene alla conclusione che tutti i reati sono reati di offesa, negando in questo modo cittadinanza ai c.d. reati di scopo, costituiti da quelle fattispecie che si propongono di garantire un ordine formale o di perseguire determinate finalità politiche ed ideali, ma prive di una dimensione offensiva di un bene della vita. ( 16 ) PALAZZO F., Offensività e ragionevolezza nel controllo di costituzionalità sul contenuto delle leggi penali, in Riv. it. dir. proc. pen., 1998, p. 350 e ss.. 9

10 per promuovere valori etici ed istanze morali, in difetto dell esistenza della dimensione offensiva di un bene giuridico esistente e percepibile nella realtà materiale esterna. Ciò che peraltro è invece e non di rado accaduto, alimendando in questo modo fenomeni di spiritualizzazione del bene giuridico che, mettendo in discussione i caratteri di secolarizzazione e laicizzazione, minano le fondamenta stesse del diritto penale moderno 17. La teoria del reato come offesa ad un bene giuridico lascia tuttavia impregiudicato un problema di fondo: se, da un lato, afferma che il bene giuridico è un limite che il legislatore incontra nella selezione dei comportamenti da punire con la sanzione penale, dall altro, nulla dice circa i criteri che vincolano il legislatore nella scelta dei beni giuridici da tutelare con la norma penale. Non essendo questa la sede per approfondire nei suoi sterminati confini la teoria del bene giuridico, non ci resta che limitarsi ad osservare, in prima facie, che nella scienza penalistica è ormai radicata la convinzione di non esaurire la gamma dei beni giuridici penalmente tutelabili nel coacervo dei diritti soggettivi individuali, ma di ricomprendervi anche i c.d. beni collettivi, espressione che sta a designare sia quegli interessi istituzionali di cui sono portatori ed esponenti lo Stato e gli altri enti pubblici 18, sia quei beni che rispondono ad un interesse diffuso tra i consociati o tra ampie ed indeterminate categorie della comunità 19. In seconda battuta, ribadendo quanto detto nelle pagine che precedono, va rilevato che il risparmio è di certo un valore di rilevanza costituzionale, tanto che la norma dell art. 47 Cost. ne incoraggia la formazione e la tutela, di tal guisa che risulta degno di protezione penale anche secondo i sostenitori della tesi bricoliana per cui possono essere incriminati solo quei fatti lesivi di beni costituzionalmente rilevanti 20. Con una precisazione: il fatto che la citata disposizione costituzionale promuova ed incoraggi il risparmio non autorizza ad intravvedere un implicito obbligo costituzionale di incriminazione avverso le corrispondenti forme di aggressione, coerentemente con il ( 17 ) PALIERO C.E., Il principio di effettività del diritto penale, in Riv. it. dir. pr. pen., 1990, p. 446: l Autore afferma che la laicità del diritto penale viene concepita come un limite assoluto al potere legislativo, che porta ad opporsi alla criminalizzazione di condotte indesiderate solo per la loro immoralità, irreligiosità, inesteticità, asocialità, ma che non sono dannose socialmente e dunque non costitutive di danno a terzi. ( 18 ) Ad es., la tutela della pubblica amministrazione, dell amministrazione della giustizia. ( 19 ) Ad es., la difesa dell economia, dell ambiente, della fede pubblica. ( 20 ) BRICOLA F., Teoria generale del reato, in Novissimo Digesto Italiano, vol. XIX, 1973, p

11 pensiero, largamente dominante tra gli studiosi del diritto penale, per cui le numerose disposizioni programmatorie della legge fondamentale 21 si limitano a prescrivere al legislatore ordinario di perseguire delle finalità di protezione e tutela, lasciandolo tuttavia libero di scegliere le modalità e le forme sanzionatorie (penali, amministrative, civili) con cui assicurare detta tutela Chiarito che non esiste un obbligo costituzionale di penalizzazione delle forme di aggressione del risparmio e chiarito altresì che esso è partecipe, unitamente ad altri interessi generali (ambiente, istruzione, cultura, salute, personalità dello Stato, fede pubblica ecc..), di quel sistema di valori che costituisce l architrave portante della Repubblica Italiana, non resta che ritornare al quesito da cui siamo partiti, vale a dire se il risparmio possa essere identificato come il bene giuridico tutelato - direttamente ed immediatamente - dalle singole fattispecie incriminatici che si è soliti far rientrare nel c.d. statuto penale degli intermediari finanziari. Se si volge lo sguardo al panorama normativo che ha occupato la materia del diritto penale finanziario negli ultimi vent anni, si arriva all affermazione per cui la protezione del risparmio diffuso è riflessa, da un lato, nell esigenza di tutelare l interesse degli investitori (come singoli e come categoria collettiva) ad una corretta allocazione e gestione dei propri investimenti e, dall altro, nella coessenziale necessità di matrice più pubblicistica di preservare il mercato dall incidenza negativa di fattori esogeni (in primis il riciclaggio in esso di danaro di provenienza illecita) che ne possono minare la funzione di componente insostituibile del processo di produzione e sviluppo economico. L osservazione, seppur fondata, non è tuttavia sufficiente, né per suffragare la tesi che intravvede nel risparmio l oggetto giuridico specifico dedotto nelle singole figure di reato, né per legittimare il recente tentativo del legislatore di costruire un autonoma fattispecie di reato astrattamente idonea a ricomprendere ogni condotta potenzialmente atta a cagionare un danno al bene risparmio. Il disegno di legge recante la proposta di introdurre il delitto di nocumento al risparmio 22 è stato infatti ( 21 ) Il riferimento è a quelle norme che impongono allo Stato di garantire, tutelare, proteggere, promuovere, incoraggiare determinati valori; ad es. l art. 9 Cost. che impone la tutela del paesaggio e della salute, nonché del patrimonio storico ed artistico, l art. 32 che tutela la salute, l art. 45 che promuove l artigianato ecc ( 22 ) La proposta di legge prevedeva l introduzione nel libro II, titolo VIII, capo I del codice penale ("Dei delitti contro l'economia pubblica"), dopo l'articolo 499 c.p., dell art bis. (Nocumento al risparmio), che recitava: 11

12 sottoposto a forti critiche, finalizzate a denunciare la palese ed oggettiva contrarietà della sua tipizzazione con i principi generali dell ordinamento penale: basti ricordare la previsione di una doppia sanzione, penale ed amministrativa, in aperto contrasto con il principio di specialità; la configurazione di una responsabilità per un evento non voluto, in spregio al principio di personalità della responsabilità penale di cui all art. 27, comma primo, Cost.; la descrizione della condotta - la commissione di una serie di illeciti amministrativi e penali - in evidente violazione dei canoni di ragionevolezza e tassatività. Ma anche a tacere degli incontrovertibili rilievi di incostituzionalità, resta da rimarcare l intenzione del legislatore di elevare il risparmio direttamente a bene giuridico di una singola fattispecie incriminatrice. La stessa scelta di inserire il nuovo delitto all interno della categoria dei delitti contro l economia pubblica denota la volontà di colpire quelle condotte economiche che, pur differenti per modalità di aggressione ed interessi specificamente considerati, sono comunemente contrassegnate da un così elevato livello di disvalore da coinvolgere l economia pubblica nel suo complesso. Il tentativo, seppur motivato dalla necessità di reagire agli scandali finanziari che hanno messo a dura prova la fiducia nel mercato, sembrava fin dall origine destinato a risolversi in una norma dalla forte coloritura etica e simbolica, ma inidonea ad essere recepita dal sistema e quindi priva di una effettiva portata applicativa. Chiunque, commettendo intenzionalmente uno o più illeciti amministrativi previsti dal decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, dal decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, dalla legge 12 agosto 1982, n. 576, dal decreto legislativo 21 aprile 1993, n. 124, cagiona un grave nocumento ai risparmiatori è punito, in concorso con le sanzioni amministrative applicabili, con la reclusione da tre a dodici anni e con la multa non inferiore a euro Il nocumento si considera grave quando abbia riguardato un numero di risparmiatori superiore all'uno per mille della popolazione risultante dall'ultimo censimento ISTAT, ovvero sia consistito nella distruzione o riduzione del valore di titoli di entità complessiva superiore all'uno per mille del prodotto interno lordo. La stessa pena si applica quando da uno dei fatti previsti dagli articoli 2624 (Falsità nelle relazioni o nelle comunicazioni delle società di revisione), 2625 (Impedito controllo), 2635 (Infedeltà a seguito di dazione o promessa di utilità), 2637 (Aggiotaggio), limitatamente alle condotte poste in essere dai responsabili del controllo contabile o della revisione, e 2638 (Ostacolo all'esercizio delle funzioni delle autorità pubbliche di vigilanza) deriva, quale conseguenza non voluta dal colpevole, un grave nocumento ai risparmiatori, così come sopra definito. Le pene sono aumentate se i fatti sono commessi da chi esercita funzioni di amministrazione direzione o controllo ovvero attività di lavoro dipendente presso società con titoli quotati in mercati regolamentati italiani o di altri paesi dell'unione Europea o diffusi tra il pubblico in misura rilevante (ai sensi dell'articolo 116 del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58). Alla condanna per i reati previsti dal presente articolo consegue la pubblicazione della sentenza. 12

13 Ad avviso dei principali commentatori che si sono espressi sul punto, il risparmio non può essere infatti qualificato alla stregua di un bene giuridico specifico, difettando, di questo, della dimensione concreta che lo rende un quid privo dei connotati dell afferrabilità e del consolidamento, quindi non facilmente percepibile sotto il profilo della materialità e, in quanto tale, impossibilitato a svolgere quella insopprimibile funzione di limite, sia per il legislatore nella selezione dell interesse su cui costruire la fattispecie incriminatrice, sia per l interprete come criterio di interpretazione della medesima 23. Il risparmio - al pari dell economia pubblica o dell ordine economico - è dunque un etichetta convenzionale priva di quella consistenza semantica che permetta di evidenziarne una relazione con un specifico e particolare bene della vita che vive e si dispiega nella realtà esteriore e dunque di assumerlo ad elemento specializzante della disciplina penale dei mercati finanziari. E certamente un valore costituzionalmente rilevante, rappresenta il bene finale da proteggere ed il fondamento stesso del sottosistema normativo del diritto penale finanziario, ma non è su di esso che va incentrata la dimensione offensiva del fatto tipico: il risparmio è protetto presidiando le regole minime e irrinunciabili del mercato, fondando la lesività (reale o potenziale) su quelle strutture istituzionali preposte alla conservazione, produzione e circolazione della ricchezza 24, le quali vengono a rappresentare, nel contempo, i beni giuridici specifici delle singole figure di reato e gli interessi (funzioni o beni) strumentali alla difesa del risparmio quale valore ultimo da proteggere. In questo senso il risparmio può essere qualificato, tutt al più, come oggetto giuridico di categoria 25, vale a dire come quel valore finale che rimane sullo sfondo e che può assolvere, al più, ad una funzione di classificazione sistematica a livello di politica legislativa 26 e che, tuttavia, abbisogna di essere tradotto e concretizzato in un ( 23 ) ALESSANDRI A., Un esercizio di diritto penale simbolico: la tutela penale del risparmio, op. cit., p. 188 e ss..: l Autore afferma che il concetto di bene giuridico, se forse non esige necessariamente la materialità o la pertinenza agli interessi personalissimi, richiede quanto meno una sua facile percepibilità, un equivoco substrato di valore, suscettibile di essere offeso da condotte diverse ma riconducibili ad unità proprio in ragione della loro carica e direzione lesiva sostanzialmente unitaria. E così non è per il risparmio. ( 24 ) LOSAPPIO G., Risparmio, funzioni di vigilanza e diritto penale. Lineamenti di un sotto sistema, Bari, 2004, p. 44 e ss.. ( 25 ) Espressione coniata da ROCCO A., L oggetto del reato e della tutela giuridica penale, 1913, p. 46. ( 26 ) In caso contrario si rischierebbe di confondere il bene giuridico del reato con entità ideali come i valori od interessi oppure con lo stesso scopo della norma incriminatrice. Il bene giuridico deve identificarsi con un dato della realtà, percepibile e modificabile, suscettibile di essere messo in pericolo 13

Comunicazioni sociali

Comunicazioni sociali Protocollo 231/ 07/10/08 1 di 9 Protocollo per la prevenzione dei reati di cui agli artt. 2621 e 2622 c.c False comunicazioni sociali False comunicazioni sociali in danno della società, dei soci o dei

Dettagli

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO

REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs 8 giugno 2001 n. 231 Parte Speciale E REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers.

Dettagli

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO SOCIETA DI GESTIONE DEL RISPARMIO E NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO - Premessa: i delitti di riciclaggio e impiego di denaro ed utilità di provenienza illecita art 648-bis c.p. (Riciclaggio) Fuori dei casi di

Dettagli

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI

REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI 1 giugno 2007 Il 7 febbraio 2007 la Consob ha diffuso un documento

Dettagli

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA

- PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 - PARTE SPECIALE D- I REATI DI RICETTAZIONE, RICICLAGGIO E IMPIEGO DI DENARO, BENI O UTILITA DI PROVENIENZA ILLECITA 75 76 D.1. I reati di cui all art. 25 octies del D. Lgs. n. 231/2001. Esemplificazione

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE PECORELLA, COSTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 881 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PECORELLA, COSTA Modifiche alla legge 8 febbraio 1948, n. 47, al codice penale e al codice

Dettagli

L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio. Di Maurizio Arena

L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio. Di Maurizio Arena L adozione del Modello di prevenzione di reati da parte delle società di gestione del risparmio Di Maurizio Arena La gestione di fondi comuni di investimento, oggetto dell attività delle società di gestione

Dettagli

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3

REATI SOCIETARI ALLEGATO 3 ALLEGATO 3 REATI SOCIETARI 1. False comunicazioni sociali Art. 2621 c.c. Salvo quanto previsto dall articolo 2622, gli amministratori, i direttori generali, i dirigenti preposti alla redazione dei documenti

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate 1. Quadro normativo L art. 115-bis del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 come successivamente

Dettagli

LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA

LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA La prova scritta del Concorso di accesso in Magistratura LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA 1. Premessa. 2. La scelta delle tracce da parte della commissione. 3. La correzione delle

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00

IL PROGRAMMA 2016. MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 IL PROGRAMMA 2016 MODULO I - I PRINCIPI GENERALI DEL DIRITTO PENALE DELL IMPRESA 1 22 gennaio 2016-15.00-19.00 Il diritto penale dell impresa nell evoluzione legislativa e giurisprudenziale: le norme e

Dettagli

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Procedura per la gestione del Registro di Gruppo delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 12 febbraio 2007 e successivamente

Dettagli

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE

Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato. Codice documento: MOG 231 - PSE Parte Speciale E : I reati di abuso di mercato Codice documento: MOG 231 - PSE COPIA CONTROLLATA N 1 REV. BREVE DESCRIZIONE E COMMENTO DATA 0 EMISSIONE 22/02/2012 1 REVISIONE 03/12/2013 2 3 4 5 Tutti i

Dettagli

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia

Speciale riforma delle società. Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Società a responsabilità limitata IL CONTROLLO CONTABILE NELLE S.R.L. ALLA LUCE DELLA RIFORMA di Vincenzo Salafia Una delle questioni che la lettura e l interpretazione delle regole contenute nel nuovo

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI

PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI PARTE SPECIALE D REATI SOCIETARI INDICE D.1. DESTINATARI DELLA PARTE SPECIALE E PRINCIPI GENERALI DI COMPORTAMENTO... 3 D.2. AREE POTENZIALMENTE A RISCHIO E PRINCIPI DI CONTROLLO PREVENTIVO... 5 D.3. COMPITI

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205)

CircolariABI 27.2. 2001 1. serie Legale n. 12. BILANCI BANCARI (pos. 1205) BILANCI BANCARI (pos. 1205) Bilanci delle banche con strumenti finanziari quotati sui mercati regolamentati Richiesta di informazioni ai sensi dell art. 114 del d.lgs. 24 febbraio 1998 n. 58 Premessa La

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014 inviata alla società OGGETTO: Richiesta di chiarimenti in merito alle attività esercitabili da parte di una SIM autorizzata a svolgere esclusivamente il servizio

Dettagli

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia

Dicembre 2013. Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Dicembre 2013 Ampliamento delle fonti di finanziamento per le PMI e Minibond nel Piano Destinazione Italia Cristiano Tommasi, Annalisa Dentoni-Litta e Francesco Bonichi, Allen & Overy Nell ambito del documento

Dettagli

Arrigo Cajumi, Pensieri di un libertino, 1950

Arrigo Cajumi, Pensieri di un libertino, 1950 Il risparmio è fare a meno di qualche cosa che si vuole intensamente, nella prospettiva che tu debba desiderare un domani qualcosa di cui probabilmente non avrai bisogno. Anthony Hope, The Dolly Dialogue,

Dettagli

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA

INDICE-SOMMARIO II. L OFFERTA DI MERCATO. I FINANCIAL PRODUCTS E L APPELLO AL PUBBLICO RISPARMIO. MODI E FINALITÀ DELLA PUBBLICA VIGILANZA I. L INVESTIMENTO FINANZIARIO. LA MATERIA E LE SUE REGOLE. IL DIRITTO DEI MERCATI MOBILIARI 1. Lo scenario di insieme e l oggetto di studio. Un primo passo da orientare nella giusta direzione... 1 2. Che

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010

RISOLUZIONE N. 72/E. Roma, 12 luglio 2010 RISOLUZIONE N. 72/E Direzione Centrale Normativa Roma, 12 luglio 2010 OGGETTO: Consulenza giuridica Redditi derivanti dagli Exchange Traded Commodities articolo 67, comma 1, lettera c-quater), del TUIR

Dettagli

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari

RISOLUZIONE N. 131/E. Roma, 22 ottobre 2004. Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari RISOLUZIONE N. 131/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 ottobre 2004 Oggetto: Trattamento tributario delle forme pensionistiche complementari L Associazione XY (di seguito XY ), con nota

Dettagli

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001

1. Premessa. 1. Comunicazione n. DIN/1083623 del 7 novembre 2001 1. Premessa La realtà del settore finanziario ha registrato, in particolare negli ultimi anni, una chiara trasformazione della figura del promotore finanziario. Questi infatti, superando l originario ruolo

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente

Autorità Nazionale Anticorruzione Presidente 10/12/2015 AG 90/15/AP Spett.le Ministero dell Economia e delle Finanze Oggetto: Richiesta di parere del Ministero dell Economia e delle Finanze prot. n. 151928 del 12.11.2015 - Schema di decreto del Ministro

Dettagli

La circostanza è oggetto di una specifica disposizione, l art.19, D.Lgs. n.74/00, a mente del quale:

La circostanza è oggetto di una specifica disposizione, l art.19, D.Lgs. n.74/00, a mente del quale: Accertamento e Verifiche di Thomas Tassani Il principio di specialità nelle sanzioni tributarie, amministrative e penali il caso dell indebita compensazione dei crediti e dell infedele dichiarazione Rapporti

Dettagli

Alcune brevi considerazioni sulla disciplina delle Società di investimento a capitale fisso (Sicaf)

Alcune brevi considerazioni sulla disciplina delle Società di investimento a capitale fisso (Sicaf) Alcune brevi considerazioni sulla disciplina delle Società di investimento a capitale fisso (Sicaf) Il decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 ha apportato importanti modifiche al Testo Unico della Finanza

Dettagli

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini

3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Le specificità dei singoli servizi. Offerta fuori sede e tecniche di comunicazione a distanza 161 3. Il servizio di ricezione e trasmissione di ordini Per la prestazione del servizio di ricezione e trasmissione

Dettagli

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio

I soggetti che operano nel mercato finanziario. Francesca Mattassoglio I soggetti che operano nel mercato finanziario Francesca Mattassoglio Art. 18 TUF 1. L'esercizio professionale nei confronti del pubblico dei servizi e delle attività di investimento è riservato alle imprese

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE H: REATI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/11 Sommario 1. Ambito

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014 Annunziata & Conso La recente sentenza del Tribunale di Roma del 20 maggio 2014, n. 11384, offre l occasione per fare il punto

Dettagli

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a.

Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico in s.p.a. RISOLUZIONE N. 313/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,05 novembre 2007 Oggetto: Istanza di interpello art. 11, legge 27 luglio 2000, n.212 EUR SPA - Trasformazione di un ente pubblico

Dettagli

Consulenza Civile e Penale alle aziende Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01

Consulenza Civile e Penale alle aziende Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 Consulenza Civile e Penale alle aziende Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 1) L attivita legale esterna- Outsorcing D impresa Un azienda all avanguardia per migliorare la propria produttività

Dettagli

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF

Osservazioni relative alle proposte di modifica del TUF Risposta ABI alla consultazione del Dipartimento del Tesoro sullo schema di decreto legislativo recante attuazione della direttiva 2009/65/CE, concernente il coordinamento delle disposizioni legislative,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 52 /E

RISOLUZIONE N. 52 /E RISOLUZIONE N. 52 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 maggio 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica Disciplina IVA delle prestazioni, rese alle imprese assicuratrici, di gestione degli attivi a copertura

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XXIV n. 10 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) d iniziativa del senatore CONTI approvata il 29 giugno 2010 ai sensi dell articolo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 366/E QUESITO RISOLUZIONE N. 366/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 dicembre 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale dei piani di stock option Opzioni esercitate anteriormente alla data del 5 luglio 2006

Dettagli

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014

Fiscal News N. 76. Dichiarazione infedele: quando è reato? La circolare di aggiornamento professionale 14.03.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 76 14.03.2014 Dichiarazione infedele: quando è reato? Senza la prova del dolo specifico, la condanna è illegittima Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo.

Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. INDICE SOMMARIO Presentazione... Legenda delle abbreviazioni, acronimi ed espressioni di uso comune utilizzate nel testo. V XVII Introduzione LA DISCIPLINA DEL MERCATO FINANZIARIO TRA RIFORME E CONTRORIFORME

Dettagli

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito

REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA. Hanno contribuito Responsabilità degli amministratori in ambito penale tipologie di reati specifici per le società quotate in borsa REATI PENALI SPECIFICI PER LE SOCIETA QUOTATE IN BORSA a cura di Margherita Gardi per il

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12/08/2003 Oggetto: Istanza di interpello - Art. 67 e 71 TUIR Deducibilità ammortamenti finanziari e svalutazione crediti in caso di

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

Spett.le CONSOB - Divisione Tutela del Consumatore - Ufficio Consumer Protection Via G. B. Martini, 3 00198 Roma RACCOMANDATA A.R.

Spett.le CONSOB - Divisione Tutela del Consumatore - Ufficio Consumer Protection Via G. B. Martini, 3 00198 Roma RACCOMANDATA A.R. Viale Carlo Felice n. 103 00185 ROMA CONSOB - Divisione Tutela del Consumatore - Ufficio Consumer Protection Via G. B. Martini, 3 00198 Roma 12.12.14 POSTE ITALIANE s.p.a. Legale Rappresentante p.t. Viale

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231

Aloja&Partners. Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Aloja&Partners Consulenza Penale alle Aziende - D. LGS. 231 Consulenza penale alle aziende ex D.lgs. 231/01 1.1 Attività di consulenza e gestione

Dettagli

Gli Organismi di Previdenza Complementare

Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli Organismi di Previdenza Complementare Gli organismi di previdenza complementare, o fondi pensione, sono stati introdotti nell ordinamento italiano attraverso le disposizioni del Decreto legislativo

Dettagli

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI

2 SOGGETTI RILEVANTI E PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AI SOGGETTI RILEVANTI CODICE DI INTERNAL DEALING Procedura relativa all identificazione dei soggetti rilevanti e alla comunicazione delle operazioni da essi effettuate, aventi ad oggetto azioni emesse da Bioera S.p.A. (la Società

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE

COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Roma, 1 febbraio 2008 COMMENTI AL DOCUMENTO AVENTE PER OGGETTO: DISCIPLINA DEI LIMITI AGLI INVESTIMENTI E DEI CONFLITTI D INTERESSE PER I FONDI PENSIONE Con riferimento al Documento in oggetto, posto in

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 20 Maggio 2012 Borsa Italiana, nel rispondere all invito a fornire osservazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 114/E

RISOLUZIONE N. 114/E RISOLUZIONE N. 114/E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 10, primo comma, n. 1), del d.p.r. n. 633 del 1972 Regime IVA prestazioni di servizi relativi

Dettagli

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1

pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 pag. SINTESI ESPOSITIVA DELLA MATERIA TRATTATA... 1 TESTI LEGISLATIVI... 11 1. Legge 25 giugno 1999, n. 205 (Delega al Governo per la depenalizzazione dei reati minori e modifiche al sistema penale e tributario):

Dettagli

FUNZIONE E CARATTERI ESSENZIALI DEI TITOLI DI CREDITO

FUNZIONE E CARATTERI ESSENZIALI DEI TITOLI DI CREDITO I TITOLI DI CREDITO IN GENERALE (PARTE PRIMA) PROF. RENATO SANTAGATA DE CASTRO Indice 1 PREMESSA ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO IX LEGISLATURA AREA GIURIDICO-LEGISLATIVA Servizio per l'assistenza giuridico-legislativa in materia di attività economico produttive e di territorio e ambiente DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO Argomento:

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

OSSERVAZIONI PRINCIPALI

OSSERVAZIONI PRINCIPALI Roma, 3 novembre 2011 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO CONSULTAZIONE SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO MINISTERIALE DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 7-BIS, COMMA 2, DEL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005, N. 252, RECANTE

Dettagli

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi

Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi A12 407 Federico Maurizio d Andrea La società per azioni e il suo sistema di controllo interno e di gestione dei rischi Gli attori che presidiano la control governance Copyright MMXII ARACNE editrice

Dettagli

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n.

MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi. Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. MARKETING E CREDITO Credito e Incentivi Prot. n. 00062 Roma, 4 gennaio 2008 Com. n. 3 OGGETTO: Normativa antiriciclaggio. Circolare esplicativa del Ministero dell Economia e Finanze n. 125367/07 Il Ministero

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

I reati Tributari. 2. La tesi contraria all inclusione dei reati tributari

I reati Tributari. 2. La tesi contraria all inclusione dei reati tributari Newsletter 231 n. 3/2014 I reati Tributari 1. Premessa I reati Tributari di cui al D.lgs 10 marzo 2000, n. 74 non sono ancora - contemplati tra i reati presupposto della responsabilità amministrativa degli

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli

SICAF Immobiliari Disciplina fiscale. Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari Disciplina fiscale Milano, 16 ottobre 2014 Dott. Fabio Brunelli SICAF Immobiliari definizione Definizione di SICAF: OICR chiuso costituito in forma di società per azioni a capitale fisso

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 70/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 febbraio 2008 Oggetto: Istanza di interpello - ALFA S.p.a. - Cessione di crediti pro soluto - Deducibilità delle perdite - Articolo

Dettagli

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO

Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO Pag. 1 di 8 Consorzio Train Modello di ORGANIZZAZIONE GESTIONE e CONTROLLO conforme ai requisiti del D.lgs. 8 giugno 2001, n. 231, e smi Codice Etico Pag. 2 di 8 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1.1 FINALITA, CONTENUTI

Dettagli

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs.

FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS. Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. FONDAZIONE PIEMONTESE PER LA RICERCA SUL CANCRO - ONLUS Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D. Lgs. 231/2001 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS.

Dettagli

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Ai sensi della Circolare Banca d Italia n 285 del 17 dicembre 2013, 1 aggiornamento del 6 maggio 2014: Titolo IV, Capitolo 1 Governo

Dettagli

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato

PARTE SPECIALE Settima Sezione. Reati di abuso di mercato PARTE SPECIALE Settima Sezione Reati di abuso di mercato INDICE PARTE SPECIALE - Settima Sezione Pag. 1. Le fattispecie dei reati di abuso di mercato...3 1.1 Art. 184 D.Lgs. 58/1998: Abuso di informazioni

Dettagli

LA TUTELA DELLA SALUTE

LA TUTELA DELLA SALUTE CAPITOLO I LA TUTELA DELLA SALUTE PUBBLICA 1. Salute e Costituzione L articolo 32 della Costituzione della Repubblica Italiana recita: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo

Dettagli

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI

GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI D.LGS. 231/2001: ADEMPIMENTI NELL AMBITO DELLA COMPLIANCE AZIENDALE Torino, 1 dicembre 2011 GLI ADEGUATI ASSETTI ORGANIZZATIVI Convegno «D.lgs 231/2001» - Torino, 01 dicembre 2011 Centro Congressi Villa

Dettagli