Più concorrenza nel mercato dei depositi italiani: una riflessione sull indagine conoscitiva dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Più concorrenza nel mercato dei depositi italiani: una riflessione sull indagine conoscitiva dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato 1"

Transcript

1 Più concorrenza nel mercato dei depositi italiani: una riflessione sull indagine conoscitiva dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato 1 L Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha terminato e pubblicato nel febbraio 2007 l Indagine Conoscitiva N.32 sui prezzi alla clientela dei servizi bancari 2. Si tratta di un passo importante, che costituisce uno dei primi interventi in materia bancaria da quando la legge sulla Tutela del Risparmio (Legge 28 dicembre 2005, n.262) ha trasferito i poteri di intervento per la tutela della concorrenza nel mercato dei servizi bancari dalla Banca d Italia all AGCM 3. L obiettivo di questo articolo è di sintetizzare e commentare i risultati dell indagine sulla base della recente letteratura economica. Riassunto delle conclusioni dell indagine conoscitiva Il mercato di riferimento dell indagine è quello dei conti correnti per gli individui (non già altri tipi di deposito che consentano una qualche forma di investimento remunerato come ad esempio i depositi vincolati), mentre vengono esclusi i servizi bancari alle imprese. Nell indagine si mette in evidenza come il prezzo del servizio bancario rilevante è la somma delle spese di movimentazione del conto corrente e non già il tasso di interesse attivo corrisposto sui fondi in giacenza. Poiché la spesa di un conto corrente dipende dall utilizzo degli specifici servizi bancari del correntista, nell indagine si utilizza una metodologia ad hoc per rilevare la spesa media: vengono definiti dieci diversi profili di correntisti; attraverso le risposte ad un questionario ad un campione rappresentativo di banche italiane viene individuato il prodotto ottimale per ogni profilo, ovvero quello che minimizza la spesa di movimentazione; la spesa media tra le diverse banche viene dunque calcolata come media dei costi del corrente ottimale per ogni profilo. Questa elaborazione mostra una spesa media di 182 euro tra i diversi 1 Ringrazio Maria Rosa Battaggion, Elena Carletti e Massimo Tognoni per avermi aiutato con i loro commenti a migliorare questo lavoro. 2 Il testo dell indagine conoscitiva può essere scaricato all indirizzo 3 Si veda Bruzzone (2007) per un attenta descrizione del quadro normativo e delle implicazioni sull attività dell AGCM. 1

2 profili. Confrontando questa spesa alla spesa media di altri paesi europei, si conclude circa la ridotta competitività del mercato dei servizi bancari in Italia. Le ragioni di questa ridotta competitività, nonostante una struttura dell offerta ancora frammentata, viene fatta risalire ad alcuni elementi che determinano elevati costi di trasferimento (in inglese switching ) per i correntisti italiani. In estrema sintesi i punti che l indagine mette in rilievo sono 1) presenza di costi di ricerca (dovuti alla scarsa trasparenza nel marketing dei servizi bancari); 2) presenza di costi di uscita (dovuti a commissioni di uscita e tempi di attesa lunghi per la chiusura di un conto); 3) pratiche di tying (vendita di pacchetti di servizi non separabili) tra prodotti bancari. Questi tre elementi aumentano i cosiddetti costi di switching per i clienti che volessero cambiare banca e determinano una rendita monopolistica per la banca. Vediamo un elemento alla volta. 1) Costi di ricerca L indagine mette in rilievo la difficoltà di elaborare l informazione relativa alle condizioni di spesa del conto corrente sia per il potenziale cliente di una banca che per il cliente che volesse confrontare la convenienza del proprio conto corrente relativamente a prodotti rivali. La difficoltà nella piena comprensione dell'offerta non dipende dall assenza di informazione, ma da fogli informativi poco chiari e auto-referenziali, e dalla mancanza di un prospetto che riassuma le condizioni sintetiche complessive dei servizi bancari per un dato profilo di movimentazione del conto corrente. Lo sforzo del consorzio Patti chiari (un consorzio tra banche promosso dall ABI nel 2003 per promuovere la chiarezza nell offerta dei servizi finanziari) per esempio non risulta soddisfare questa richiesta 4. L indagine sollecita al riguardo lo sviluppo di motori di ricerca indipendenti. Rimane tuttavia in questo mercato la segmentazione dal lato della domanda tra consumatori che sono disposti a sopportare i costi di ricerca e altri consumatori che rinunciano a fare ricerca poiché per loro il costo è molto alto: la riduzione dei costi di ricerca potrebbe spostare la soglia della segmentazione, ma non eliminarla del tutto. 4 Mariani e Ventre (2007), usando una tecnica di analisi statistica testuale, argomentano come vi sia una scarsa variabilità nei prospetti Patti Chiari a denotare l assenza di contenuto informativo. 2

3 2) Costi di uscita Nell indagine si individuano una serie di costi di uscita che ostacolano la chiusura di un conto corrente anche qualora si fosse consapevoli della maggiore convenienza di prodotti alternativi. Le banche impongono dei costi di chiusura dei conti correnti. Questi costi non sono necessariamente solo monetari: vi sono per esempio i tempi lunghi di chiusura del contratto e le difficoltà che ne conseguono (interruzione del servizio del Bancomat, della carta di credito, trasferimento della domiciliazione delle bollette, ecc.). L indagine incorpora la novità legislativa del cosiddetto decreto Bersani, divenuto Legge 4 agosto 2006 n.248, che ha espressamente vietato alle banche di addebitare costi di chiusura per i conti correnti, tuttavia si lamenta come questa novità non sia ancora diffusamente adottata dalle banche. Una soluzione menzionata nell indagine è quella di introdurre la portabilità del conto corrente. 3) Pratica del "tying" L indagine mette in luce la prassi di subordinare l'accesso ai vari prodotti carte di credito, depositi amministrati di titoli, mutui, ecc. - all'apertura del conto corrente. Non si tratta di una vendita di prodotti in bundle in quanto la percentuale di correntisti che usufruiscono di altri servizi oltre al conto corrente risulta inferiore a quella di coloro che utilizzano esclusivamente il conto corrente (nel campione dell indagine il 90% dei correntisti hanno anche la carta di credito, mentre la percentuale di correntisti che hanno prodotti diversi risulta inferiore, 59% per i depositi di titoli e 43.6% per i mutui per esempio). Questo dipende dalla prassi da parte delle banche di richiedere l apertura di un conto corrente come condizione necessaria per accedere ad altri servizi finanziari. Tuttavia l indagine rileva come manchi per alcuni servizi finanziari collegati al conto corrente una ragione pratica che giustifichi la necessità di appoggiare le transazioni al conto corrente presso la stessa banca. La pratica del tying aumenta i costi di chiusura. L insieme degli elementi da 1) a 3) rendono il mercato dei depositi molto vischioso per i clienti, perché difficile è il confronto tra offerte di istituti rivali e costosa l uscita dal rapporto con la propria banca di riferimento. Tutto ciò riduce la capacità di cogliere 3

4 nuove offerte più vantaggiose da parte dei depositanti e spiega il potere di mercato di cui godono le banche italiane nel mercato dei servizi bancari. Riflessione sulle conclusioni dell indagine Questa prima indagine conoscitiva sul settore bancario è un ottimo punto di partenza per evidenziare il deficit di competitività nelle strategie delle banche italiane. Le banche italiane sebbene operanti in mercati relativamente molto frammentati, con presenza di numerosi attori, hanno spesso adottato politiche di prezzo tipiche di mercati in cui il potere di mercato è elevato. In quanto segue svolgiamo alcune riflessioni su alcuni punti trattati nell indagine. Confronto tra livelli di concorrenza in mercati diversi Quello che viene fatto nell indagine è un analisi dettagliata del livello delle spese di movimentazione dei conti correnti allo scopo di confrontarlo con quelle di altri paesi. La difficoltà di una comparazione diretta del livello delle spese si scontra però con la difficoltà di definire un indicatore di prezzo sintetico tra servizi con diverse dimensioni in cui difficilmente un unico indicatore può riassumere l insieme delle dimensioni offerte. Nell indagine come già detto viene adottato un approccio interessante e innovativo, per cui viene ricostruita per i vari profili di correntisti la spesa di movimentazione del miglior conto corrente per quel profilo. La media dei costi per lo stesso profilo diventa dunque il costo medio del conto corrente per quel profilo. Quello che si mostra nell indagine è che prendendo l intervallo di valori dei costi medi per tutti i profili si trova che questi valori sono decisamente superiori a quelli medi in Europa. In realtà il semplice confronto delle spese di movimentazione del conto corrente tra paesi diversi suggerisce differenze nella competitività delle banche, ma non è evidenza conclusiva sul diverso grado di competitività tra paesi. In presenza di fonti di eterogeneità tra paesi dovuti a fattori istituzionali e regolamentazioni diverse, a strutture di mercato diverse, a fattori legati al costo degli input, ecc., occorre controllare quanto la diversità nei prezzi non rifletta questi fattori. In letteratura si trovano altri modi per misurare il grado di rivalità nel mercato dei depositi tra paesi diversi, omettendo il confronto tra prezzi. Per esempio si usano stime strutturali di modelli di 4

5 concorrenza monopolistica che consentono di ottenere misure del grado di rivalità in paesi diversi (si vedano ad esempio Cerasi e altri, 2002, Claessens e Leaven, 2002, che mostrano come il settore bancario italiano risulti poco competitivo). Questa evidenza empirica è in qualche modo essenziale per provare la scarsa concorrenza nel mercato dei depositi in Italia rispetto ad altri paesi. La banca è un impresa multi-prodotto L indagine è incentrata sul mercato dei depositi. Questo punto viene discusso approfonditamente nell indagine dove si rimanda al parere dell AGCM sulla concentrazione tra BancaIntesa-S.Paolo IMI 5 per la definizione di mercato rilevante. In quel caso si rileva come l 82% dei clienti abbia come riferimento un unica banca a cui rimane fedele per periodi piuttosto lunghi e come l acquisto di altri servizi bancari sia subordinato all apertura di un conto corrente. In effetti la centralità del conto corrente nel retail banking è confermata anche da evidenza ricavata da altri sistemi bancari (si veda la rassegna di Degryse e Ongena, 2007 e l evidenza sui paesi europei in DG Competition, 2007). Questa evidenza indica che il conto corrente sia in realtà il prodotto esca per catturare un cliente e si possa quindi sintetizzare la relazione tra cliente e banca attraverso lo studio del mercato dei depositi. Ciononostante le banche sono un esempio classico di impresa multi-prodotto. L essere impresa multi-prodotto consente alle banche di applicare strategie di prezzo in cui vi siano sussidi incrociati tra prodotti ( cross-selling ) ovvero la tendenza a sfruttare la combinazione di prodotti per sussidiare le perdite che derivano da comportamenti aggressivi su un mercato mediante guadagni su un altro. Questo fatto non si rivela necessariamente peggiorativo per i clienti. In Berlin e Mester (1999) si argomenta per esempio come l esistenza di profitti sul mercato dei depositi in America renda possibile modificare in senso favorevole le condizioni del credito ai propri clienti durante le fasi recessive. Nell indagine manca un analisi per misurare l importanza di questo effetto nella relazione tra conto corrente e altri prodotti bancari (per esempio nel rapporto sui servizi bancari della DG Competition, 2007, si misura la rilevanza del cross-selling e il suo impatto sui margini di profittabilità delle banche). 5 Pubblicato nel Bollettino n.49 del 27 dicembre 2006, pp e scaricabile all indirizzo 5

6 Un ulteriore implicazione in termini di strategie competitive quando le imprese operano in più mercati contigui è che il coordinamento tra imprese risulta facilitato ed è più agevole mantenere prezzi al di sopra di quelli competitivi (si veda l articolo di Bernheim e Whinston, 1990). Quando un impresa ha la possibilità di incontrare ripetutamente i suoi rivali per esempio sia sul mercato dei depositi che sul mercato dei prestiti, il coordinamento di politiche di prezzo risulta facilitato dalla possibilità di osservare il comportamento in un mercato ed eventualmente punire un comportamento non concordato su un mercato diverso. Questa opportunità rende più agevole mantenere un accordo di prezzo. Nell indagine non vi è alcun elemento per capire quanto le condizioni anti-competitive sui conti correnti dipendano da questo fattore. La pratica del tying è anti-competitiva? La pratica del tying è abbastanza naturale per le imprese multi-prodotto dove servizi finanziari complementari si basano sulla condivisione di input comuni, come per esempio la rete di sportelli, gli impiegati, l informazione sui clienti e consentirebbe di sfruttare eventuali economie di scopo. La vendita di servizi collegati potrebbe essere anche vantaggiosa per i clienti che così non devono affrontare costi di ricerca e di transazione per ogni servizio finanziario, anche se questo obiettivo potrebbe essere raggiunto lasciando i clienti liberi di scegliere se acquistare i servizi congiuntamente o meno. Questi due argomenti depongono a favore del tying perché aumenta l efficienza nell offerta dei servizi finanziari. Tuttavia il tying potrebbe comportare un ostacolo all ingresso di operatori che vogliano offrire i singoli servizi separatamente. L argomento che tale prassi è anti-competitiva si basa sull idea che imprese in posizione dominante possano deliberatamente ostacolare l entrata di potenziali rivali separatamente in uno dei mercati dei prodotti contenuti nel bundle. 6 Senz altro la pratica del tying, costituendo il risultato di una scelta volontaria delle banche, aumenta i costi di switching per i correntisti e questo, insieme agli altri elementi citati nell indagine, come i costi di ricerca e i costi di uscita, può spiegare elevati profitti nel mercato dei servizi bancari. Tuttavia occorre provare che mediante il tying le banche impediscono ad altre imprese la vendita dei servizi aventi funzione di conto corrente. 6 Tirole (2005) suggerisce infatti di trattare il tying alla stregua di un comportamento predatorio. 6

7 Siccome le banche non sono in concorrenza se non con le Poste Italiane nell offerta di prodotti facenti la funzione di conti correnti, questo punto sembra poco convincente. Mentre per quanto riguarda i prodotti collegati, occorre dimostrare che questa pratica sia di ostacolo alla vendita di prodotti simili da parte di altre imprese (carte di credito, mutui, prestiti, ecc.) laddove il mercato dei servizi collegati non è competitivo. Nell indagine non risulta alcuna indicazione in questo senso. Tuttavia in Italia per alcuni servizi finanziari, ad esempio i mutui o il risparmio gestito, stentano a svilupparsi mercati non intermediati dalle banche: un analisi che spieghi se questo dipenda anche dalla pratica del tying sarebbe importante per lo sviluppo di mercati competitivi in quei servizi. Costi di switching esogeni e endogeni Che un correntista di una banca trovi difficoltoso chiudere un conto e aprirne uno con una banca rivale dipende da diversi fattori, come messo in evidenza nell indagine. Questa vischiosità può dipendere dai costi monetari di chiudere un conto (costi di chiusura), dai costi impliciti nel tempo necessario a chiudere un rapporto con la banca e aprirne uno nuovo, dal costo opportunità del tempo necessario a raccogliere informazione circa le condizioni contrattuali con la vecchia banca e quelle di banche rivali (costi di ricerca). La difficoltà può dipendere anche dalla varietà di prodotti legati al conto corrente e dal fatto che la chiusura del rapporto richiede l interruzione di tutti gli altri servizi bancari. Infine la difficoltà può dipendere dalla rinuncia alla vicinanza della vecchia banca per una banca più distante. E importante notare che tutti questi elementi costituiscono dei costi di switching, ma che alcuni di questi dipendono da condizioni tecnologiche o di preferenze dei correntisti mentre altri da scelte strategiche delle banche. In altre parole non tutti gli elementi che costituiscono i costi di switching sono esogeni. L indagine invita le banche a rinunciare a quei comportamenti che inducono un aumento dei costi endogeni di switching Quello che manca nell indagine tuttavia è un analisi empirica che misuri la rilevanza dei costi di switching e l impatto di tali costi sul potere di mercato delle banche in Italia. In letteratura si trovano lavori che misurano l incidenza dei costi di switching nel mercato dei depositi: per esempio Shy (2002) ottiene sulla base di un modello calibrato sulle quote di mercato reali che i costi di switching per le prime quattro banche finlandesi 7

8 sono circa l 11% del valore della giacenza media nel conto corrente; Kiser (2002) trova evidenza di costi di switching su un campione di clienti di banche americane, anche se i costi sono eterogenei per livello del reddito e di educazione. Vi è inoltre evidenza che i costi di switching siano associati ad un più grande potere di mercato per le banche: Sharpe (1997), per esempio, mostra come per il mercato dei depositi americano i tassi di interesse siano più favorevoli ai depositanti nelle aree metropolitane in cui la mobilità degli abitanti è maggiore, così come nel rapporto sui servizi bancari della DG Competition (2007) si trova che un tasso di mobilità maggiore è associato ad indicatori di profittabilità minori per le banche europee. La distanza è rilevante nella scelta della banca Per il mercato dei servizi bancari si mette in evidenza come la banca venga scelta con criteri di prossimità geografica. Nel parere dell AGCM prima citato si osserva come il mercato rilevante sia provinciale proprio perché la vicinanza è un elemento importante per la scelta della banca. Questo rivela l esistenza di costi di trasporto dal lato della domanda (per i conti correnti), mentre per il mercato dei prestiti anche dal lato dell offerta (i costi di monitoraggio della banca sono crescenti nella distanza, come evidenziato da Degryse e Ongena, 2005). In mercati in cui i costi di trasporto sono rilevanti, le banche sfruttano la localizzazione come strumento strategico di differenziazione orizzontale per mantenere il proprio potere di mercato. Nei mercati in cui i prodotti sono omogenei la differenziazione orizzontale dei prodotti è una difesa delle imprese per evitare la concorrenza più agguerrita e l erosione dei margini di profitto. Questo elemento spiega dunque, al pari di altri mercati in cui la dimensione geografica consenta alle imprese di sfruttare la localizzazione come variabile strategica, la presenza di potere di mercato da parte delle banche. Preme notare come non sempre questo elemento riduca il benessere dei consumatori in particolare quando si valuti l effetto di lungo periodo sulla struttura del mercato e laddove un eccessiva erosione dei margini di profitti comporti una tendenza al consolidamento con una riduzione del numero di operatori nel mercato. Tuttavia in un ottica di breve periodo fino a che la rete di sportelli rimane una variabile strategica importante nel mercato dei servizi bancari questo elemento costituisce una parte dei costi di switching che non dipende dal comportamento della banca, ma piuttosto dalle preferenze dei correntisti. Per esempio 8

9 una maggior penetrazione dei servizi di banca on-line potrebbe ridurre la rilevanza strategica della distanza geografica nel mercato dei depositi. Ulteriori approfondimenti necessari Qui di seguito svolgiamo una riflessione su alcuni punti non direttamente sollevati nell indagine, ma che costituiscono punti critici nell analisi della politica della concorrenza nel sistema bancario. Importanza della relazione tra banca e cliente La letteratura economica ha messo in evidenza come il credito bancario abbia una sua funzione e ragione di esistere proprio per la capacità ed efficienza delle banche a raccogliere informazioni sulla propria clientela (si veda Diamond, 1984, per una motivazione teorica e James, 1987, per evidenza empirica). L informazione che la banca raccoglie nell ambito della relazione con il cliente risulta difficilmente trasferibile ad una banca rivale. Tale attività di raccolta di informazione sembra spiegare eventuali economie di scopo nell offerta di più prodotti congiunti, per esempio depositi e prestiti (si veda Fama, 1985), tuttavia spiega anche la presenza di comportamenti opportunistici da parte delle banche che tenderebbero a sfruttare questa rendita informativa per fissare tassi di interesse al disopra del costo marginale (si veda Sharpe, 1990). Questa rendita informativa è stata usata per giustificare il potere di mercato nei servizi bancari anche da parte di banche piccole in relazione a clienti con cui hanno rapporti esclusivi. In questa ottica i depositi sono il servizio su cui la raccolta di informazione è meno rilevante, mentre tale attività è fondamentale per i prestiti. Qualora la concorrenza sui depositi dovesse incrementare la mobilità dei correntisti, si avrebbe un deterioramento della relazione tra cliente e banca e con quali effetti sul razionamento del credito? Inoltre, vista l importanza dell attività di raccolta di informazione da parte delle banche, una maggiore concorrenza sui depositi, riflettendosi in una minore redditività dell attività di intermediazione, non rischia di ridurre gli incentivi a raccogliere informazione e produrre un deterioramento nella qualità del portafoglio dei prestiti? Per quanto riguarda la prima domanda è da notare che dal punto di vista empirico la relazione tra concorrenza e capacità di preservare la relazione tra 9

10 banca e cliente non è chiara: da un lato vi è evidenza che imprese giovani abbiano più facilità di credito in mercati bancari concentrati, dall altro che l accesso al credito sia più facile in mercati competitivi (si veda Dergryse e Ongena, 2007). La risposta alla seconda domanda richiede invece una migliore comprensione della relazione tra concorrenza e stabilità del sistema bancario. Concorrenza e stabilità nel sistema bancario Un punto infatti che risulta omesso dall indagine e dal quale non è possibile prescindere quando si valuti la concorrenza nel sistema bancario, data la divisione delle competenze tra Banca d Italia e AGCM in materia bancaria e il conflitto che ne potrebbe conseguire, è l interazione con la stabilità e l impatto sulla rischiosità dei prestiti. La domanda è se un aumento della concorrenza nei servizi bancari si accompagni ad un aumento del rischio di insolvenza delle banche e dunque ad una maggiore instabilità nel sistema dei pagamenti, dovuto ai legami tra le banche attraverso il mercato interbancario. La concorrenza, erodendo i margini di profitto, potrebbe da un lato peggiorare la capacità della banca di selezionare buoni prestiti, poiché il guadagno nello sforzo di raccolta di informazione si riduce a parità di costo, determinando di conseguenza un aumento della rischiosità del credito, specialmente per le piccole e medie imprese; dall altro lato potrebbe aumentare l incentivo della banca ad assumere rischi spostando la gestione dell attivo bancario verso investimenti più redditizi e rischiosi nel tentativo di recuperare i margini di profitto perduti. Tuttavia, guardando all effetto sugli incentivi delle imprese, un aumento dei tassi di interesse sui prestiti indotto da una maggiore concorrenza su tutti i servizi bancari, ridurrebbe l incentivo delle imprese ad intraprendere progetti rischiosi, con un impatto positivo sul grado di rischiosità del portafoglio prestiti. Mentre i primi due aspetti spiegherebbero una riduzione della stabilità, quest ultimo porterebbe alla conclusione opposta. L impatto di una maggiore concorrenza nel mercato dei depositi sulla rischiosità del portafoglio prestiti rimane dunque una questione aperta in letteratura (si veda la rassegna in Carletti, 2007). Se guardiamo invece agli assetti regolamentativi tra paesi e nella storia, troviamo grandi differenze nel modo in cui il trade-off tra concorrenza e stabilità nel settore bancario viene risolto dando di volta in volta maggior peso alle autorità di vigilanza oppure a quelle di concorrenza (come si mostra in Carletti e Hartmann, 2003). In Italia del resto è 10

11 solo recentemente che la competenza sulla concorrenza nelle banche è stata attribuita all autorità di concorrenza (AGCM) sottraendola all autorità di vigilanza (Banca d Italia), a suggerire che tra concorrenza e stabilità si voglia dare un peso maggiore alla concorrenza. Concorrenza e concentrazione bancaria Nell indagine infine si guarda alla concorrenza nel mercato dei conti correnti astraendo dalla struttura del mercato e dalla concorrenza nella rete di sportelli. Nel breve periodo questo punto di vista si fonda sull idea che la condotta delle banche non dipenda da condizioni strutturali del mercato ma per esempio dalla contestabilità del mercato, ovvero da fattori che spiegano la possibilità di ingresso o meno di imprese nel mercato. In questa ottica Claessens e Leaven (2002) notano addirittura come per un gran numero di paesi la relazione tra competizione e concentrazione sia negativa: stimando direttamente il grado di concorrenza trovano che in paesi con una maggiore concentrazione la competitività sia maggiore, concludendo che più che la struttura del mercato (numero di imprese) siano la condotta e le restrizioni all ingresso di banche straniere a limitare la competitività tra le banche. Tuttavia nel lungo periodo risulta restrittivo domandarsi se sia solo la condotta delle banche a giustificare comportamenti anti-competitivi e non tanto condizioni strutturali del mercato che ostacolino l ingresso di nuove banche e di banche straniere. Il mercato dei servizi bancari in Italia è stato oggetto a partire dagli anni 90 di un processo di consolidamento mediante fusioni e acquisizioni tra banche. Il processo, indotto dall adozione di alcune direttive europee tese a deregolamentare e a stimolare la concorrenza nel settore, è stato incoraggiato per preparare le banche italiane ad affrontare, in un ottica di mercato comunitario allargato, la concorrenza di banche rivali europee. Quale sia l effetto di questo processo di concentrazione delle quote di mercato sulla concorrenza nei servizi bancari non è chiaro: da un lato l esistenza di economie di scala e/o scopo dovrebbe determinare una riduzione nei costi dei servizi a beneficio dei correntisti, dall altro lato però il maggior potere di mercato delle istituzioni sopravvissute potrebbe avere un effetto anti-competitivo. La letteratura empirica, più sviluppata sull effetto del consolidamento sul mercato dei prestiti (si veda Sapienza, 2002, per uno studio sull Italia) meno sul prezzo dei servizi nel mercato dei depositi (si 11

12 veda la rassegna in Carletti e altri, 2002, e in particolare Focarelli e Panetta, 2003), sembra indicare in un aumento del potere di mercato delle banche l effetto di una maggiore concentrazione, anche se in parte compensato da un aumento di efficienza per la banca implicata nella fusione. E dunque importante capire come si evolve la struttura del mercato e come le barriere all ingresso incidano sul grado di concorrenza nel mercato dei depositi, specialmente nel lungo periodo, per evitare che interventi procompetitivi oggi vengano vanificati da un evoluzione dell industria in direzione anticompetitiva domani. Bibliografia Berlin M., Mester L.J.(1999), Deposits and Relationship Lending, Review of Financial Studies, 12, Bernheim D., Whinston M., 1990, Multimarket contact and collusive behavior, Rand Journal of Economics, 21, Bruzzone G. (2007), Le regole antitrust nel settore bancario dopo il decreto correttivo della legge sul risparmio, Note e Studi N.90, Assonime. Carletti E. (2007), Competition and Regulation in Banking, Handbooks of Corporate Finance, forthcoming. Carletti E., Hartmann P., Spagnolo G. (2002), Implications of the Bank Merger Wave for Competition and Stability, Risk Measurement and Systemic Risk. Proceedings of the Third Joint Central Bank Research Conference (Board of Governors of the Federal Reserve System, Bank of Japan, European Central Bank), Carletti E., Hartmann P. (2003), Competition and stability: What s special about Banks? in P. Mizen (ed.), Monetary History, Exchanges Rates and Financial Markets: Essays in Honour of Charles Goodhart, vol. 2, Cheltenham: Edward Elgar, Cerasi V., Chizzolini B., Ivaldi M. (2002), Branching and Competition in the European Banking Industry, Applied Economics, 34, Claessens S, Laeven L. (2002), What Drives Banking Competition? Some International Evidence, Journal of Money, Credit and Banking, 36, Degryse H., Ongena S. (2005), Distance, Lending Relationships and Competition, Journal of Finance, 60, Degryse H., Ongena S. (2007), Competition and Regulation of the Banking Sector: a Review of the Empirical Evidence on the Sources of Bank Rents, Handbooks of Corporate Finance, forthcoming. 12

13 DG Competition (2007), Report on the retail banking sector inquiry, European Communities. Diamond D. W. (1984), Financial Intermediation and Delegated Monitoring, Review of Economic Studies, 51, Fama E.F. (1985), What s different about banks?, Journal of Monetary Economics, 15, Focarelli D., Panetta F. (2003), Are Mergers Beneficial to Consumers? Evidence from the Market for Bank Deposits, American Economic Review, 93, James C.(1987), Some Evidence on the Uniqueness of Bank Loans, Journal of Financial Economics, 19, Kiser E. K.(2002), Predicting Household Switching Behavior and Switching Costs at Depository Institutions, Review of Industrial Organization, 20, Mariani P., Ventre G. (2007), La misura delle parole, Basilea 2. Sapienza P. (2002), The Effects of Banking Mergers on Loan Contracts, Journal of Finance, 57, Sharpe S.(1990), Asymmetric Information, Bank Lending and Implicit Contracts: A Stylized Model of Customer Relationships, Journal of Finance, 45, Sharpe S. (1997), The Effect of Consumers Switching Costs on Prices: A Theory and its Application to the Bank Deposit Market, Review of Industrial Organization, 12, Shy O. (2002), A Quick-and-Easy Method for Estimating Switching Costs, International Journal of Industrial Organization, 20, Tirole J. (2005), The Analysis of Tying Cases: A Primer, Competition Policy International, 1,

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee.

La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Lezione 16. Effetti asimmetrici nel meccanismo di trasmissione La politica monetaria ha effetti asimmetrici in realtà economiche non omogenee. Il processo di trasmissione è condizionato da: 1. struttura

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Finanze e Tesoro SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Finanze e Tesoro Segnalazione del Presidente dell'autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in merito agli effetti pregiudizievoli per il consumatore derivanti

Dettagli

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n. 606/07/CONS ALLEGATO B ALLA DELIBERA N. 606/07/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla Delibera n 606/07/CONS 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

Dettagli

LA POLITICA MICROECONOMICA I

LA POLITICA MICROECONOMICA I capitolo 6-1 LA POLITICA MICROECONOMICA I LA POLITICA MICROECONOMICA MIRA A REALIZZARE OBIETTIVI DI EFFICIENZA ED EQUITA OPERANDO (A SECONDA DEI CASI) PER: ASSICURARE ESISTENZA E FUNZIONAMENTO DEI MERCATI

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole

Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole XIII Commissione Agricoltura Indagine conoscitiva sul sistema di finanziamento delle imprese agricole Giorgio Gobbi Servizio Studi di struttura economica e finanziaria della Banca d Italia Camera dei Deputati

Dettagli

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO

Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI. Marketing Mix - PREZZO Corso di GESTIONE DEL MARKETING NELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI Marketing Mix - PREZZO Erika Pignatti Dipartimento di Economia e Ingegneria Agrarie A.A. 2007-2008 30/11/2007 1 Le decisioni di prezzo Per

Dettagli

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI

MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Anno Accademico 2008/09 MARKETING DEI PRODOTTI VITIVINICOLI Appunti dalle lezioni del Prof. Diego Begalli 7. LA POLITICA DI PREZZO Può essere che un impresa progetti la propria strategia di marketing mix

Dettagli

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI

LE BANCHE. Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI LE BANCHE Barbarossa Salvatore Marco Classe 5 ^ D MERCURIO ITE A. BASSI Cos è una banca? L'attività bancaria è definita come l'esercizio congiunto dell'attività di raccolta di risparmio tra il pubblico

Dettagli

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore

Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore Capitolo 13: L offerta dell impresa e il surplus del produttore 13.1: Introduzione L analisi dei due capitoli precedenti ha fornito tutti i concetti necessari per affrontare l argomento di questo capitolo:

Dettagli

Gli effetti delle fusioni bancarie sulla disponibilità di credito per le imprese italiane

Gli effetti delle fusioni bancarie sulla disponibilità di credito per le imprese italiane Gli effetti delle fusioni bancarie sulla disponibilità di credito per le imprese italiane Giorgio Gobbi Banca d Italia, Servizio Studi III RAPPORTO FINMONITOR MILANO - 14 GIUGNO 2004 THE EFFECTS OF BANK

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

BANCA D ITALIA. Imprese femminili e credito. Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012

BANCA D ITALIA. Imprese femminili e credito. Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012 BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Imprese femminili e credito Juri Marcucci Banca d Italia Donne, banche e sviluppo ABI, 25-26 settembre 2012 I lavori Che Genere di impresa? Differenziali di performance

Dettagli

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO

LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO LA GLOBALIZZAZIONE DEL SETTORE BANCARIO Corso di Economia Monetaria e Regolamentazione Internazionale Prof. Andrea Filippo Presbitero Federica Catalani Anastasia Zenobi a.a 2009/2010 1 Introduzione: Questo

Dettagli

L analisi d impatto della regolazione sulla concorrenza (AIRC). Il caso AGCM

L analisi d impatto della regolazione sulla concorrenza (AIRC). Il caso AGCM L analisi d impatto della regolazione sulla concorrenza (AIRC). Il caso AGCM Panel dell LUMSA, 23 giugno 2011 Gabriele Mazzantini ARGOMENTI TRATTATI Rapporto concorrenza / regolazione (cenni) Linee guida

Dettagli

Marketing Introduzione al marketing strategico

Marketing Introduzione al marketing strategico http://www.dimeg.poliba.it/kmlab Marketing Introduzione al marketing strategico Prof. Michele Gorgoglione m.gorgoglione@poliba.it Sommario Quattro definizioni di marketing 1. Concetti di base dal bisogno

Dettagli

il consorzio siamo noi.

il consorzio siamo noi. il consorzio siamo noi. Scelte consapevoli, vantaggi economici, etica del risparmio. Perchè il Consorzio Nel 2008 prendeva il via il progetto Rileggi la tua bolletta un gruppo d acquisto che veniva costituito

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi Indagine conoscitiva sulle determinanti della dinamica del sistema dei prezzi e delle tariffe, sull'attività dei pubblici poteri e sulle ricadute

Dettagli

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI

ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI VIGILANZA BANCARIA E FINANZIARIA ESPOSIZIONI SCADUTE E/O SCONFINANTI DETERIORATE: ADOZIONE DEL LIMITE DI 90 GIORNI IN LUOGO DI QUELLO DI 180 GIORNI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE Eventuali osservazioni,

Dettagli

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria

Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Lezione 13. L equilibrio del mercato della liquidità bancaria Determinare la liquidità bancaria se (come avviene con la BCE) la domanda di base monetaria delle famiglie è sempre soddisfatta dalla BC (H

Dettagli

10 domande e 10 risposte

10 domande e 10 risposte 10 domande e 10 risposte Lo sapevate che... Il factoring è uno strumento per gestire professionalmente i crediti ed è un complemento ideale del finanziamento bancario. Il factoring è utile per tutte le

Dettagli

RELAZIONI VERTICALI. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza, ma possono avere anche effetti positivi su efficienza e benessere

RELAZIONI VERTICALI. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza, ma possono avere anche effetti positivi su efficienza e benessere RELAZIONI VERTICALI Relazione tra un impresa a monte (produttore) e un impresa a valle (rivenditore). Produttore Rivenditore Consumatore Relazione tra imprese. Le restrizioni verticali limitano la concorrenza,

Dettagli

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA

I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA Corso di Laurea in Servizio Sociale Istituzioni di Economia Introduzione allo studio dell Economia I DIECI PRINCIPI DELL ECONOMIA (Capitolo 1) Il termine economia... Deriva da una parola greca che significa

Dettagli

Teoria degli intermediari finanziari e sviluppo economico

Teoria degli intermediari finanziari e sviluppo economico Teoria degli intermediari finanziari e sviluppo economico Alberto Zazzaro Andrea Presbitero Aprile Maggio 2007 1 Struttura del corso Table 1: Calendario delle lezioni (ora: 11.30-13.30) Giorno Lezione

Dettagli

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring

Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring Factoring tour: Torino Imprese e finanza nella prospettiva della ripresa economica e di Basilea 3: il ruolo del factoring La finanza delle imprese tra crisi e ripresa Mario Valletta Università degli Studi

Dettagli

Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI

Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI Corso di Politica economica L-Z (prof. G. Ferri): Lezione 23 TRASMISSIONE POLITICA MONETARIA IN DIVERSI SISTEMI FINANZIARI Riprendendo il discorso del credit channel, un discorso a parte viene fatto con

Dettagli

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a.

Il bilancio delle banche e l analisi delle performance. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. Il bilancio delle banche e l analisi delle performance Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2010/2011 Premessa Il bilancio bancario presenta caratteristiche distintive

Dettagli

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE 28 dicembre 2011 Anno 2010 L ACCESSO AL CREDITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE La quota di piccole e medie imprese (attive nei settori dell industria e dei servizi di mercato) che hanno cercato finanziamenti

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.

Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia. ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2. Seconda Università di Napoli AA. 2012/2013 Facoltà di Economia ECONOMIA INDUSTRIALE Prof. Roberto Basile (roberto.basile@unina2.it) Relazioni verticali Introduzione Vantaggi e svantaggi dell integrazione

Dettagli

Temi di Economia e Finanza

Temi di Economia e Finanza Temi di Economia e Finanza Le determinanti sui tassi d'interesse sui mutui: un'analisi empirica per i paesi del'area Euro A cura di Carlo Milani Giugno 2010 - Numero 2 - Sintesi Centro Studi e Ricerche

Dettagli

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee

The AR Factor. Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee The AR Factor Il valore economico dell Accounts Receivable Finance (Finanziamento dei crediti commerciali) per le principali economie europee Media Executive Summary Lo scopo di questa ricerca è valutare

Dettagli

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri

Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri Lezione 5 del modulo introduttivo di Economia politica a cura di R. Capolupo e G. Ferri 1 Risparmio e investimento Risparmio è l ammontare di reddito che non viene consumato. Si origina nelle famiglie

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi

Il Marketing Definizione di marketing cinque fasi 1 2 3 Definizione di marketing: il marketing è l arte e la scienza di conquistare, fidelizzare e far crescere clienti che diano profitto. Il processo di marketing può essere sintetizzato in cinque fasi:

Dettagli

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia

5. 5. I NDIVI V DUAR A E L E OPP P O P RTU T NITA T A : ST S R T UMENTI T P E P R L A N A AL A ISI S DEI M ERCA C T A I T Fabio Cassia 5. INDIVIDUARE LE OPPORTUNITA : STRUMENTI PER L ANALISI DEI MERCATI Fabio Cassia Introduzione Analisi dei mercati per: 1) individuare opportunità di mercato Da circa 150 mercati emergenti A una o più opportunità

Dettagli

Report sui risultati della consultazione sul Rapporto Annuale dell'istat

Report sui risultati della consultazione sul Rapporto Annuale dell'istat Report sui risultati della consultazione sul Rapporto Annuale dell'istat La consultazione, indirizzata ai 26 componenti della Cuis, è stata organizzata per conoscere le loro opinioni sull'impostazione

Dettagli

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini)

Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro. (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market Nuove opportunità per il mondo del lavoro (a cura di Antonello Pezzini) Lead Market I LM sono una delle iniziative più importanti per la politica d innovazione e per la competitività dell Unione

Dettagli

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento

La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento La struttura dell indebitamento ed il suo efficientamento Alberto Balestreri 1. Il tema dovrebbe essere declinato sia in funzione dei settori di attività delle PMI che, più in generale, in funzione di

Dettagli

Meccanismo di trasmissione (seconda parte)

Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Corso interfacoltà in Economia Politica economica e finanza Modulo in Teoria e politica monetaria Meccanismo di trasmissione (seconda parte) Giovanni Di Bartolomeo gdibartolomeo@unite.it Bank of England

Dettagli

Miglioramento della Redditività Strategie per la Creazione di Valore. Jorge Gaete, Vice President Bruce C. Davis, Executive Vice President

Miglioramento della Redditività Strategie per la Creazione di Valore. Jorge Gaete, Vice President Bruce C. Davis, Executive Vice President Miglioramento della Redditività Strategie per la Creazione di Valore Jorge Gaete, Vice President Bruce C. Davis, Executive Vice President Convegno ABI COSTI & BUSINESS - Roma, 4 novembre 2002 Sommario

Dettagli

Imprese multinazionali e outsourcing

Imprese multinazionali e outsourcing Economia Internazionale Alireza Naghavi Capitolo 9 (a) L outsourcing di beni e servizi 1 Imprese multinazionali e outsourcing Gli investimenti diretti all estero rappresentano quegli investimenti in cui

Dettagli

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento

Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Finanza Aziendale Analisi e valutazioni per le decisioni aziendali Tecniche di stima del costo e delle altre forme di finanziamento Capitolo 17 Indice degli argomenti 1. Rischio operativo e finanziario

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE

IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE IL RISK MANAGEMENT NELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE ITALIANE Sintesi dei risultati della seconda edizione dell Osservatorio Realizzato da: In collaborazione con: RISKGOVERNANCE 1 INDICE DEI CONTENUTI Copyright

Dettagli

Robert Cull e María Soledad Martínez Pería

Robert Cull e María Soledad Martínez Pería UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE FACOLTÀ DI ECONOMIA GIORGIO FUÀ Corso di Laurea Magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie FOREIGN BANK PARTICIPATION AND CRISIS IN DEVELOPING COUNTRIES Robert Cull

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Gli editori italiani e l open access

Gli editori italiani e l open access Gli editori italiani e l open access Piero Attanasio Associazione Italiana Editori piero.attanasio@aie.it Modena, 3 maggio 2012 Le biblioteche producono conoscenza Periodici e archivi di dati per la circolazione

Dettagli

L analisi Competitiva

L analisi Competitiva L analisi Alessandro De Nisco Università del Sannio COSA E L ANALISI COMPETITIVA? Affinchè l impresa possa svolgere con successo la propria attività, è fondamentale che essa svolga un monitoraggio costante

Dettagli

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI

CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI CAPITOLO 5 I DIFFERENZIALI SALARIALI COMPENSATIVI 5-1. I politici ambientalisti spesso sostengono che è redditizio per le imprese perseguire una strategia amica dell ambiente (per esempio, costruendo fabbriche

Dettagli

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009

C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 C 188/6 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 11.8.2009 Comunicazione della Commissione Criteri per l'analisi della compatibilità degli aiuti di stato a favore dei lavoratori svantaggiati e disabili soggetti

Dettagli

Dividendi e valore delle azioni

Dividendi e valore delle azioni Dividendi e valore delle azioni La teoria economica sostiene che in ultima analisi il valore delle azioni dipende esclusivamente dal flusso scontato di dividendi attesi. Formalmente: V = E t=0 1 ( ) t

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO

6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO 6 IL RUOLO DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO Nel comprendere le strategie formative adottate dalle grandi imprese assume una particolare rilevanza esaminare come si distribuiscano le spese complessivamente sostenute

Dettagli

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it

Sviluppo Strategico dell'internet Marketing. d.ssa Barbara Bonaventura barbara.bonaventura@mentis.it Sviluppo Strategico dell'internet Marketing Obiettivo del marketing è il conseguimento di un vantaggio competitivo attraverso il perseguimento della soddisfazione del cliente. FASE OPERATIVA - Prodotto/Contenuto

Dettagli

ASSOSIM * * * A. Sezione I (Disposizioni di carattere generale) Paragrafo 3. (Definizioni)

ASSOSIM * * * A. Sezione I (Disposizioni di carattere generale) Paragrafo 3. (Definizioni) VIA ALBERTO DA GIUSSANO, 8 20145 MILANO TEL. 02/86454996 R.A. FAX 02/867898 e.mail assosim@assosim.it WWW.ASSOSIM.IT ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI Inviato via email all indirizzo

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI

L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI L OFFERTA ELETTRICA SUL LIBERO MERCATO PER I CLIENTI RESIDENZIALI Veronica Venturini, Daniele Forni, Dario Di Santo (FIRE) Il recepimento della Direttiva Comunitaria 96/92/CE con il decreto legislativo

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XXIV n. 10 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) d iniziativa del senatore CONTI approvata il 29 giugno 2010 ai sensi dell articolo

Dettagli

L approccio modulare al cliente

L approccio modulare al cliente Q A fronte dei bisogni sempre più sofisticati e variegati dei clienti, le banche usano la tecnologia per instaurare, migliorare e creare una relazione più stabile e duratura che tenga conto della necessità

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Le 5 forze di Porter Nella formulazione di una strategia un passo fondamentale è la definizione e lo studio delle principali caratteristiche del settore in cui si opera. Lo schema di riferimento più utilizzato

Dettagli

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese

Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese SONDAGGIO UNIONE EUROPEA Libro verde sui servizi finanziari al dettaglio: prodotti migliori, maggiore scelta e maggiori opportunità per consumatori e imprese Introduzione Il Libro Verde cerca i punti di

Dettagli

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione

Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Utilizzo dei flussi di segnalazione di Vigilanza e di Centrale Rischi trasmessi e ricevuti dalla Banca d Italia a fini di controllo e di gestione Claudia Pelliccia CO.BA.CO. Srl ROMA, 12-13 DICEMBRE 2012

Dettagli

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015)

Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) Tecnica Bancaria (Cagliari - 2015) prof. Mauro Aliano mauro.aliano@unica.it 1 Seconda Parte Aspetti gestionali: scelte organizzative e distributive, la gestione dei rischi, il bilancio della banca 2 Argomenti

Dettagli

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING

L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING L EVOLUZIONE DEL RAPPORTO BANCA - IMPRESA CON BASILEA II E IL RUOLO DEL FACTORING Relatore : Marino Baratti Credemfactor spa Pag. 1/8 Il rapporto tra PMI e Sistema creditizio L applicazione della nuova

Dettagli

I : tasso di inflazione indicatore della variazione. X : incremento della produttività. Y : particolari variazioni dei costi

I : tasso di inflazione indicatore della variazione. X : incremento della produttività. Y : particolari variazioni dei costi MECCANISMI DI REGOLAMENTAZIONE TARIFFARIA Due meccanismi principali Tasso di rendimento del capitale investito (RB-ROR) Tetto ai prezzi (Price Cap) Il meccanismo del tasso di rendimento (RB-ROR) Meccanismo

Dettagli

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014)

Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell Eurozona (Giugno 2014) RESeT INTERNAZIONALE Fondo Monetario Internazionale FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE ED. IT. DI ALDO CARBONE 19 Giugno 2014 Dichiarazione conclusiva della missione del Fondo Monetario Internazionale nell

Dettagli

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI

SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI SINTESI DEI RAPPORTI NET CONSULTING SULL USO DELL ICT NELLE 4 MACROAREE NAZIONALI PREMESSA L importanza crescente delle caratteristiche locali nello spiegare l andamento industriale ed economico del Paese

Dettagli

L azzardo morale e il modello principale-agente

L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il modello principale-agente L azzardo morale e il problema principale agente Il modello principale agente è uno strumento fondamentale per analizzare le relazioni economiche caratterizzate

Dettagli

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria

Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria Esempi di domande per l esame di Economia Monetaria. Supponete che la funzione di utilità di un agente sia u x. La remunerazione è rappresentata da un prospetto incerto, che prevede un reddito di 800 nel

Dettagli

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni

Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Lezione 12 Applicazioni: Internet stock, fusioni ed acquisizioni Analisi degli Investimenti 2014/15 Lorenzo Salieri Internet Stock In concomitanza alla crescente popolarità del settore Internet osservata

Dettagli

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI

CREDIT DERIVATIVES: PROFILI CIVILISTICI E FISCALI Prefazione I contratti derivati di credito (Credit Derivatives) hanno rivoluzionato con la loro introduzione il sistema finanziario, mutando sensibilmente e sostanzialmente il modo in cui le banche assumono,

Dettagli

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6)

Schema 1. Attrattività del cliente (da1 a 6) Schema 1 Gruppo di Prodotti/servizi Contributo alle vendite (percentuale) Contributo al profitto (percentuale) Attrattività del cliente (da1 a 6) Attrattività dei fornitori (da1 a 6) Attrattività della

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE

SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE SVILUPPO LOCALE E RETI DI CONOSCENZA ED INNOVAZIONE Riccardo Cappellin OS.E.L.R. - Osservatorio sulle Economie Locali e Regionali Dipartimento di Economia e Istituzioni Università di Roma "Tor Vergata"

Dettagli

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2

Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Le strategie delle piccole banche nel nuovo quadro regolamentare di Basilea 2 Roberto Di Salvo Federcasse VIII Convention ABI Roma, 29-30 novembre 2004 La filosofia di Basilea2 In linea generale, il Nuovo

Dettagli

IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE:

IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE: IL MARKETING E QUELLA FUNZIONE D IMPRESA CHE:! definisce i bisogni e i desideri insoddisfatti! ne definisce l ampiezza! determina quali mercati obiettivo l impresa può meglio servire! definisce i prodotti

Dettagli

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission

COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 234 COSA HA VERAMENTE DETTO IL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE (2) Concluding Statement of the IMF Mission 10 luglio 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà

Dettagli

Consulenza a pagamento: perché e come lanciare il servizio

Consulenza a pagamento: perché e come lanciare il servizio Financial Services Banking Consulenza a pagamento: perché e come lanciare il servizio Enrico Trevisan, Sara Zanichelli www.simon-kucher.com 1 Introduzione Storicamente la consulenza finanziaria è sempre

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

Schema 11 La Privatizzazione

Schema 11 La Privatizzazione Schema 11 La Privatizzazione La fornitura di beni e servizi da parte del settore pubblico può assumere la forma di diversi mix di finanziamento (pubblico/pri vato) e produzione (pubblica/privata) cfr.

Dettagli

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA

IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA PERCORSI PER UN COMUNE ILLUMINATO L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PIANO D AZIONE ITALIANO PER L EFFICIENZA ENERGETICA, IL PATTO DEI SINDACI, IL PROGETTO ENEA LUMIERE, LE ESCO, E TANTO ALTRO ANCORA Spendiamo

Dettagli

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future

European Payment Index 2013. Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future European Payment Index 2013 Abitudini e rischi di pagamento in Europa ed in Italia, scenario attuale e prospettive future Intrum Justitia è il gruppo leader in Europa nei servizi di Credit Management Unica

Dettagli

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES

THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES THE REAL EFFECT OF BANKING CRISES Giovanni Dell Ariccia, Enrica Detragiache, Raghuram Rajan ECONOMIA MONETARIA INTERNAZIONALE Anno Accademico 2009/2010 Alessandro Paci Valentina Peruzzi Mariangela Scorrano

Dettagli

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target

L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Banca Popolare di Vicenza L uso dei dati territoriali per la valutazione del mercato e la definizione dei target Filippo Catturi, Alfredo Pastega Roma, 14 dicembre 2005 Agenda Premessa La valutazione del

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it

CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA. di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it CURRICULUM ATTIVITÀ DIDATTICA E SCIENTIFICA di FRANCO TUTINO (Siderno, 13 dicembre 1947) franco.tutino@uniroma1.it ATTUALE POSIZIONE ACCADEMICA Professore Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari

Dettagli

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN

Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo. STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Le strategie delle banche retail nel mercato del credito al consumo STEFANO COSMA Università di Modena e Reggio Emilia - CEFIN Agenda 1. Introduzione 2. Il credito al consumo: alcune riflessioni sull evoluzione

Dettagli

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi

Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie, risorse e strumenti per la pianificazione finanziaria integrata degli interventi Empowerment delle Pubbliche Amministrazioni nella gestione e nell utilizzo di Strumenti innovativi e di ingegneria finanziaria per lo sviluppo economico locale Smart cities e Patto dei Sindaci: Strategie,

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

La ricchezza Private in Italia

La ricchezza Private in Italia La ricchezza Private in Italia Il contesto attuale, lo scenario futuro, le prossime sfide: una leva per la sostenibilità del sistema e la solidità del paese 14 giugno 2011 Indice 1. La ricchezza Private

Dettagli

Efficienza ed equità

Efficienza ed equità Efficienza ed equità Efficienza ed equità Abbiamo visto nelle lezioni precedenti che, nella situazione ideale di assenza di fallimenti del mercato, il mercato condurrebbe a un risultato Pareto-efficiente.

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine

Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali. Effetti del IDE sul paese d origine Lezione Investimenti Diretti Esteri (IDE) e Imprese Multinazionali Effetti del IDE sul paese d origine Effetti del IDE sul paese ospitante: il ruolo della capacità di assorbimento delle imprese locali

Dettagli

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients

Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Deutsche Bank Spa - Divisione Private & Business Clients Modelli Organizzativi e Sistemi Informatici a Supporto del Segmento Private Banking - L Esperienza Deutsche Bank Italia Milano, 14 Ottobre 2004

Dettagli

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing

1. Orientamento al prodotto 2. Orientamento alle vendite 3. Orientamento al mercato 4. Orientamento al marketing L ATTIVITA COMMERCIALE DELL AZIENDA: MARKETING Attività e processi mediante i quali l azienda è presente sul mercato reale su cui colloca i propri prodotti. Solitamente il marketing segue un preciso percorso,

Dettagli