ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA E AI RAPPORTI CON I QUARTIERI Ufficio Area Metropolitana e Decentramento U.R.P.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA E AI RAPPORTI CON I QUARTIERI Ufficio Area Metropolitana e Decentramento U.R.P."

Transcript

1 ASSESSORATO ALLA PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA E AI RAPPORTI CON I QUARTIERI Ufficio Area Metropolitana e Decentramento U.R.P. Panoramica sull organizzazione e il funzionamento degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico di undici Comuni italiani La responsabile degli U.R.P. Angela Bagiardi Si ringrazia per la collaborazione Giovanni Osticioli studente della Facoltà di Lettere e Filosofia presso l'università degli Studi di Siena

2 INTRODUZIONE Questa relazione nasce dalla volontà di esaminare in dettaglio le varie scelte che alcuni Comuni italiani hanno fatto per quanto riguarda la gestione gli Uffici per le Relazioni con il Pubblico. Sono state prese in esame undici Città che mostrano precise somiglianze con la nostra Realtà Cittadina circa la popolazione e l estensione territoriale (tutti i Comuni esaminati infatti presentano un estensione medio grande ). Il nostro campione è composto, per questo motivo, da Comuni come o Ancona o Bologna o Genova o Padova o Pescara o Torino o Bari o Cagliari o Napoli o Palermo o Roma e per ciascuno di essi si è cercato di comprendere l organizzazione dei loro U.R.P., le attività e i servizi che essi svolgono a favore del cittadino. Tale ricerca è stata effettuata mediante due passaggi distinti ma assolutamente complementari tra loro: 1. inizialmente è stata fatta una ricerca approfondita nelle pagine WEB dei siti Internet ufficiali dei diversi Comuni, da cui si è cercato di apprendere: a. il numero di Sportelli presenti nel Territorio Cittadino; b. le prestazioni diversificate da loro offerte (sia agli sportelli che on line); c. la possibilità proposta per quanto riguarda l accesso agli atti; d. la presenza on line di modulistica scaricabile direttamente da parte del Cittadino; e. presenza di Regolamenti ufficiali al fine di facilitare la conoscenza, da parte dell Utente, dei propri diritti e doveri. 2. Come secondo step si è esperito il tentativo di entrare in contatto, quando possibile, sia telefonicamente che via e mail, con i Responsabili degli Uffici per le Relazioni con il 1

3 Pubblico dei Comuni presi in esame al fine di confermare o rivedere quanto appreso dai loro siti Internet. Ai vari Funzionari quindi, abbiamo presentato domande precise soprattutto per quanto riguarda la gestione dei loro U.R.P. e in particolare: a. da chi dipendono i vari Sportelli; b. se è presente uno Sportello Centrale che gestisce gli altri o se sono tutti alla pari ; c. quali Uffici/Settori/Dipartimenti gestiscono gli Sportelli; d. se tutti gli Sportelli sono gestiti da un unico ufficio o se ci sono differenze a livello di Quartiere/Circoscrizione/Municipalità. Il panorama conseguentemente delineatosi non può essere assolutamente definito omogeneo. I vari Comuni infatti presentano ognuno proprie particolarità derivanti sicuramente dalle risorse disponibili, ma soprattutto da scelte oculate provenienti da un attenta analisi del proprio Territorio al fine di offrire una più efficace ed efficiente risposta alle esigenze della propria Utenza. Calandosi più nel particolare possiamo osservare l esistenza di due tendenze generali attraverso le quali poter catalogare una parte del campione selezionato (vedremo più avanti infatti che non tutti i Comuni, possono essere inseriti in queste due generiche categorie), stando bene attenti però nel far attenzione alle rispettive differenze interne. 1. La prima tendenza prevede un organizzazione che tende a decentrare il controllo degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico. È il caso di Città come Ancona, Genova, Padova, Palermo e Torino in cui è presente una rete di Sportelli che non vengono gestiti da un unico Ufficio/Settore/Dipartimento. Molto spesso infatti esiste un U.R.P. Centrale (quasi sempre inserito nella sede del Comune stesso) che viene gestito da un Ufficio (talvolta lo stesso Gabinetto del Sindaco) e una rete di Sportelli decentrati che vengono invece coordinati dai singoli Quartieri/Circoscrizioni/Municipalità, al fine di poter rispondere in maniera più appropriata alle particolari esigenze delle singole Realtà cittadine. Naturalmente tutti gli sportelli sono in grado di fornire le stesse informazioni, ma in più, quelli decentrati dedicano particolare attenzione ai temi presenti all interno del proprio Quartiere. Maggior attenzione, per la sua articolazione organizzativa, merita il caso della Città di Roma che ha scelto di porre gli Uffici per le Relazioni con il Pubblico presenti nelle diciannove Municipalità al centro di un duplice flusso informativo. Esso proviene da 2

4 un lato dal Dipartimento XVII (Semplificazione Amministrativa e Comunicazione) e in particolare dall «Ufficio Diritti del Cittadino» che svolge una vera e propria funzione di in put per quanto riguarda le indicazioni provenienti dall Amministrazione Centrale e realizza al contempo un azione di monitoraggio dell attività dei vari Sportelli e dall altro dai Municipi, i quali cercano di fornire, all interno degli U.R.P., più informazioni possibili riguardanti le proprie realtà specifiche. 2. La seconda tendenza, di segno opposto rispetto alla prima, prevede una gestione accentrata degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico. È il caso di Napoli in cui, nonostante si tratti di un comune molto vasto e popolato, gli U.R.P. non vengono gestiti dalle Municipalità, ma esclusivamente dal «Dipartimento Comunicazione Istituzionale e Immagine». Come anticipato in precedenza, durante la nostra ricerca, ci siamo imbattuti in casi che non possono essere inseriti all interno della precedente dicotomia. Bologna infatti, pur avendo un organizzazione inquadrabile nella prima tendenza, inserisce gli Uffici per le Relazioni con il Pubblico all interno di un vasto servizio informativo e di orientamento per il Cittadino che prevede: degli Sportelli polifunzionali denominati «Sportello del Cittadino» (nati nel 2001 dall unione degli U.R.P. con i S.A.T. Servizio Anagrafico Territoriale) che svolgono, in un unica sede, tutte le attività di un U.R.P. e tutte quelle di uno Sportello Anagrafico; Sportelli self service come il Servizio DIMMI! che rende automatiche alcune operazioni come il pagamento delle contravvenzioni, dell ICI o il ritiro di alcuni certificati anagrafici; altre attività innovative come, ad esempio, lo Sportello Informativo su Droga e Alcol. Anche il Comune di Bari è un esempio difficilmente catalogabile in quanto è riuscito ad offrire un eccezionale quantità di iniziative (che cercano anche di sfruttare al massimo la rete Internet), probabilmente rese possibili anche grazie al fatto di aver dato in appalto esterno a privati la gestione del Front Office. Infine, concludendo questa breve panoramica iniziale sugli Uffici per le Relazioni con il Pubblico presenti nel nostro Paese, dobbiamo citare i casi di Cagliari e Pescara, in netta controtendenza rispetto agli altri Comuni osservati. Essi infatti presentano un solo U.R.P., dipendente direttamente dal Gabinetto del Sindaco, attraverso il quale gestiscono tutti i contatti con i propri Cittadini. 3

5 ANCONA L organizzazione degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico adottata dal Comune di Ancona prevede: 1. un U.R.P. centrale, situato all interno della sede del Comune gestito dall UFFICIO COMUNICAZIONE E RAPPORTI CON I CITTADINI. Esso svolge le seguenti attività: ascolto dei cittadini per il miglioramento dei servizi offerti; possibilità di accesso agli atti amministrativi del Comune o di qualsiasi normativa regionale, nazionale o europea e riceverne copia. In particolare: a) Lo Statuto Comunale b) I Regolamenti delle Finanze e dei Tributi c) I Regolamenti delle Attività Economiche e dello Sportello Unico delle Attività Produttive d) I Regolamenti della Cultura e Biblioteche e) I Regolamenti dell'urbanistica e della Toponomastica f) I Regolamenti di Polizia Municipale e del Servizio Legale g) I Regolamenti Istituzionali h) I Regolamenti dei Servizi Sociali e dello Sport i) I Regolamenti sulla Casa e sul Lavoro; gestione dei reclami e dei suggerimenti; informazioni sui servizi offerti dal Comune e sulle iniziative della città; 4

6 rende possibile la partecipazione alla vita pubblica acquisendo le proposte di iniziativa popolare; istituzione della redazione di comunicazione per il coordinamento delle attività di comunicazione interna e la diffusione di informazioni dei nuovi servizi. Esso dipendeva dall UFFICIO PER I SERVIZI DEMOGRAFICI, che gestisce anche l Anagrafe, ma dal 2004 si è inserito in un contesto più coerente con quanto prevede la legge 150 del 2000, dipende adesso dall UFFICIO COMUNICAZIONE E RAPPORTI CON I CITTADINI. 2. Cinque Sportelli, direttamente dipendenti dalle CIRCOSCRIZIONI, che svolgono, all occorrenza, anche l attività di Ufficio per le Relazioni con il Pubblico, ma che hanno la funzione principale di UFFICI DI CIRCOSCRIZIONE. Essi quindi non sono dei veri e propri U.R.P. e concentrano la loro attività su ciò che riguarda le attività dei Quartieri. Essi hanno però contatti con L UFFICIO CENTRALE che permette loro di rispondere anche a richieste di informazioni più generali provenienti dal Cittadino. 5

7 LE CIRCOSCRIZIONI DI ANCONA I CIRCOSCRIZIONE Centro Storico Passetto Adriatico Pietralacroce Capodimonte Borgo Rodi; II CIRCOSCRIZIONE Archi Montirozzo Vallemiano Posatora Montemarino Piano San Lazzaro Palombella Posatora Via Scrima; III CIRCOSCRIZIONE Grazie Tavernelle Pinocchio Palombare Monte D'Ago Candia Sappanico Gallignano Aspio Montesicuro Ghettarello P.I.P. Baraccola Sud; IV CIRCOSCRIZIONE Brecce Bianche Università Ponterosso Baraccola Nord Monte Dago Passo Varano Varano Poggio Montacuto Massignano; V CIRCOSCRIZIONE Torrette Barcaglione Paterno Casine di Paterno Collemarino Palombina. 6

8 BARI Prima di soffermarci sull organizzazione scelta dal Comune di Bari per gli Uffici per le Relazioni con il Pubblico, è utile specificare come questi si strutturino al loro interno: mentre il BACK OFFICE è gestito da dipendenti comunali (in tutto 5 persone), il FRONT OFFICE è stato dato in appalto esterno e attualmente le figure professionali inserite al suo interno («12 professionisti della comunicazione selezionati tra: comunicatori, promotori civici, mediatori, psicologi, orientatori, documentalisti e redattori») fanno parte di un A.T.I. (ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI IMPRESA). Detto questo possiamo vedere l organizzazione degli U.R.P.. Essa prevede: 1) un U.R.P. centrale, gestito al momento dal GABINETTO DEL SINDACO (il Comune in questo momento sta rivedendo la sua organizzazione e probabilmente la gestione dell U.R.P., in futuro, verrà affidata alla SEGRETERIA GENERALE), con un BACK OFFICE con personale comunale e un FRONT OFFICE con personale esterno; 2) uno sportello U.R.P. decentrato all interno della CIRCOSCRIZIONE 1, direttamente collegato e gestito dall U.R.P. CENTRALE. L esistenza di questo sportello è dovuta al fatto che tale Circoscrizione si trova molto distante dal centro e fino a poco tempo fa era una Frazione del Comune; 7

9 3) tre postazioni web dislocate in 3 CIRCOSCRIZIONI (VIII Circoscrizione Libertà, Marconi, San Girolamo, Fesca; VI Circoscrizione Carrassi, San Pasquale; II Circoscrizione San Paolo, Stanic) che permettono all utente di accedere all U.R.P. centrale attraverso una VIDEO CHIAMATA (l utente richiede quindi informazioni a voce direttamente all operatore del FRONT OFFICE il quale è munito di cuffie con microfono e web cam). Tale servizio è denominato VISIONAIR ed è attivo presso le postazioni per la teleconferenza presenti in diverse circoscrizioni negli orari di apertura al pubblico. Da notare il fatto che gli Uffici per le Relazioni con il Pubblico, pur mantenendo la sigla U.R.P., vengono ribattezzati UFFICIO RELAZIONI CON IL CITTADINO, sia per distinguerli dagli U.R.P. delle altre Istituzioni locali, che per meglio identificare il destinatario dei loro servizi, il Cittadino appunto, con il quale l Ente intende mettersi in relazione in un clima di rinnovato confronto e di apertura all ascolto e al dialogo. 8

10 ATTIVITÀ: L ASCOLTO :l U.R.P. del Comune di Bari si avvale di professionisti specializzati nella gestione dei rapporti con l utenza e preparati all accoglienza e all ascolto i quali orientano, informano ed interagiscono con il cittadino cliente, fornendo tutti i chiarimenti e/o i documenti necessari. L U.R.P. è un osservatorio privilegiato sul territorio in cui opera e sulle emergenti esigenze degli utenti. Per questa ragione, effettua un costante monitoraggio del servizio con particolare attenzione alle domande ricorrenti (f.a.q.= frequently asked questions) per verificare la soddisfazione dei cittadini relativamente alla qualità dei servizi resi. Promuove indagini periodiche volte ad individuare: le aree di provenienza dell utenza, i vari segmenti di pubblico, le informazioni e i servizi più richiesti, l orario di apertura preferito, l utenza del Televideo e il suo livello di utilizzo, nonché il gradimento dei servizi resi dagli operatori dell U.R.P. o dagli altri uffici comunali, oltre che eventuali suggerimenti volti al loro miglioramento. I risultati di queste indagini sono condivisi all interno dell Ente, affinché ciascun Ufficio possa, a sua volta, verificare la percezione della qualità dei propri servizi ed eventualmente avviare azioni migliorative; LA TRASPARENZA E L ACCESSO AGLI ATTI: gli operatori accolgono richieste, segnalazioni e istanze di accesso agli atti amministrativi e le trasmettono direttamente agli uffici competenti, secondo una snella procedura di comunicazione interna, concordata tra la Direzione dell U.R.P. e tutti i dirigenti dell Ente. Gli operatori seguono quindi dall interno l iter di ogni istanza accolta, al fine di fornire sempre una risposta esauriente e tempestiva agli utenti. Grazie all impiego di banche dati informatizzate, i cittadini possono chiedere informazioni e delucidazioni su: o servizi; o regolamenti; o delibere di Giunta e di Consiglio; o concorsi pubblici; o bandi di gara; o ordinanze; All occorrenza, è possibile richiedere copia di qualsiasi documento. Presso l U.R.P. i cittadini possono inoltre chiedere informazioni sulle procedure da seguire per accedere ai servizi dell Amministrazione e sulla documentazione necessaria da allegare alle istanze. Se necessario, gli operatori sono disponibili a offrire supporto alla compilazione della modulistica in uso presso l Ente. 9

11 GLI U.R.P. IN RETE: quando i cittadini sottopongono questioni che non riguardano strettamente l Amministrazione Comunale, l U.R.P. dialoga con le istituzioni e le aziende private locali al fine di dare sempre le giuste indicazioni. Infatti si tende ad agevolare il cittadino attraverso una proficua collaborazione con gli U.R.P. delle altre istituzioni (Università, Asl, ecc.), con le Aziende Speciali (AMIU, AMGAS, AMTAB), le maggiori aziende private locali, gli ordini professionali, le Associazioni, ecc.. Tale servizio pone il Cittadino al centro del servizio, supera così la logica di interfaccia del singolo Ente, per abbracciare quella di interfaccia dell intera Pubblica Amministrazione. I SERVIZI INTEGRATI: servizi offerti a target specifici come: o INFORMANONNO: il servizio, rivolto principalmente alla popolazione anziana che versa in condizioni di precarietà e di difficoltà psico fisiche e/o economiche, garantisce interventi di supporto informativo e di aiuto. Finalità dell'informanonno è quella di offrire una risposta completa e aggiornata alle richieste di informazioni e di servizi da parte della popolazione anziana del Comune di Bari e dei loro familiari, garantendo il più diretto ed efficace collegamento con la rete dei servizi territoriali di assistenza socio sanitaria. Gli operatori specializzati informano inoltre sulle opportunità di svago e di arricchimento culturale. Il servizio opera in una logica di rete e integrazione con il territorio e con le linee direttrici previste dal PIANO SOCIALE DI ZONA della Città di Bari. L InformaNonno rende fruibile una vasta tipologia di informazioni, organizzate per aree tematiche, tra cui: a) la rete dei servizi assistenziali diurni, e semi residenziali per anziani; b) agevolazioni fiscali e sostegni per anziani non autosufficienti; c) invalidità civile: azioni e procedura, d) servizi di sostegno per l anziano a domicilio; e) trasporti e mobilità; f) il piano sociale di zona: le opportunità e servizi per anziani; g) sensibilizzazioni tematiche: emergenza caldo come difendersi; h) cultura, sport, svago e tempo libero (Università della terza età, centri aggregativi ecc.); i) convegni e seminari; j) normativa (sintesi ragionate per argomento); 10

12 o INFORMAHANDICAP: il servizio è finalizzato a facilitare l'inserimento sociale del cittadino diversamente abile e funge da punto di incontro tra quanti si occupano di handicap. Documentazione e informazioni specifiche, iniziative di collaborazione e promozione sono disponibili non solo per i diversamente abili, ma anche per i loro familiari ed amici, per il personale dei servizi culturali, educativi, ricreativi e socio sanitari, per studenti e professionisti, per le Associazioni. Gli operatori specializzati svolgono principalmente un attività di ascolto e informazione rispetto alle esigenze e ai bisogni espressi dall utenza. Il servizio promuove attività di orientamento alla formazione professionale e all inserimento lavorativo, di indirizzo verso i servizi socioassistenziali e riabilitativi pubblici e privati. Lo sportello opera in rete con i servizi assistenziali, le scuole, le associazioni, tutte le realtà che a vario titolo si occupano di persone con disabilità, per garantire una continuità degli interventi attuati. Il servizio offre: a) Ascolto e raccolta, tramite appositi strumenti, dei bisogni informativi e delle proposte degli utenti per una migliore organizzazione del servizio; b) Informazioni specialistiche rese accessibili agli utenti anche grazie alla consultazione di bibliografia specializzata e attraverso ricerche guidate su internet, in riferimento all'ambito locale, nazionale e internazionale; c) Banca dati legislativa con le norme di carattere nazionale, leggi, decreti e circolari relativi alla disabilità e all handicap; d) Censimento aggiornato di strutture sanitarie e socioassistenziali specializzate, Enti e associazioni, nazionali e locali, di riferimento; e) Progetti e iniziative destinati ai disabili, promossi da Enti locali, Ministeri, Unione Europea, ecc; f) Gazzette News. Con frequenti aggiornamenti sulle novità legislative; g) Schede con approfondimenti o risposte a domande frequenti; h) Sportello telematico per inviare comunicazioni o richiedere informazioni; 11

13 i) Supporto alla fruizione di attività sportive, viaggi e attività del tempo libero; j) Orientamento al lavoro e Legge 68/99: per consentire all'utente di conoscere adeguatamente e di fruire al meglio di tutte le opportunità disponibili, supportandolo nella definizione delle proprie richieste, accompagnandolo nell identificazione del proprio profilo professionale, nella compilazione dei curricula, nella formulazione di domande alle aziende, nell inserimento dei curricula nella banca dati, nell individuazione di tirocini presso aziende idonee ad accogliere lavoratori disabili sulla scorta degli ultimi aggiornamenti normativi in materia; k) Informazioni sulle procedure e prassi per l'ottenimento di ausili tecnici per il superamento dell'handicap; l) Supporto all'attività di rilevazione delle accessibilità architettoniche e conseguente segnalazione agli uffici competenti; m) Sensibilizzazione, promozione territoriale, diffusione delle campagne sociali inerenti le problematiche connesse all'handicap; n) Promozione del turismo sociale o INFORMAIMMIGRATI: l obiettivo del servizio InformaImmigrati è quello di favorire e promuovere, attraverso una corretta informazione, il processo di promozione ed integrazione nel mondo del lavoro e nel tessuto sociale dei soggetti immigrati stranieri ed extracomunitari. Pertanto, lo sportello offre azioni mirate, quali: a) informazioni e documentazione aggiornata da fonti istituzionali quali: Associazioni di Categoria, o strutture che operano per l accoglienza e l integrazione degli stranieri, Istituzioni e Imprese; b) informazioni relativamente al soggiorno in Italia ed alle problematiche di integrazione multirazziale e multiculturale. Il servizio è strutturato in modo da: a) acquisire e diffondere informazioni sulle strategie locali sulla formazione e sul lavoro; b) sostenere l avvio di imprese sociali e di attività professionali autonome; c) sensibilizzare allo sviluppo di reti di auto assistenza; 12

14 Il sevizio integrato InformaImmigrati riguarda settori quali: a) soggiorno e residenza; b) lavoro e normativa; c) casa e alloggio; d) salute; e) assistenza sociale e diritti della famiglia; f) istruzione e formazione; g) cultura e tempo libero. o INFORMA CULTURA E TERRITORIO: in un contesto territoriale caratterizzato da difficoltà di crescita e dalla mancanza di adeguata informazione, diventa fondamentale fornire un servizio che possa divenire un punto di riferimento per coloro che manifestano interesse verso le problematiche di carattere socio culturale. Obiettivo dello sportello Informacultura è pertanto divenire da un lato punto di contatto per l utente alla ricerca di informazione (ed eventualmente di consulenza), creare un osservatorio dedicato all analisi della domanda e dell'offerta del territorio, avviando una collaborazione strutturata ed efficace tra Amministrazioni, imprese e operatori, associazioni e gente comune, finalizzata anche alla promozione di percorsi formativi per professionalizzare l'offerta culturale e modularla rispetto alle esigenze educative espresse dall utenza. Scopi primari del servizio sono: a) fornire informazione settoriale; b) favorire la crescita culturale del territorio; c) educare l utente alla cultura; d) favorire lo sviluppo di occupazione nel settore eventualmente anche attraverso forme di impresa; e) divenire un punto di riferimento e aggregazione per i cittadini e le associazioni territoriali, un centro di produzione culturale giovanile, uno spazio aperto alle realtà maggiormente attive nella città e a quelle più innovative in Italia e all'estero. LA COMUNICAZIONE INTERNA: Sin dalla sua istituzione, l U.R.P. ha puntato ad avviare un dialogo costruttivo innanzitutto con il cliente interno: il collega. Lo invita a riflettere sull importanza della comunicazione all interno dell Ente, intesa come strumento di crescita, partecipazione e condivisione. Nel 98 parte quindi una campagna 13

15 di comunicazione interna sull U.R.P. e le sue funzioni. Segue una newsletter trimestrale dal titolo Cari Colleghi Colleghiamoci per condividere informazioni di servizio, programmi, obiettivi e idee. L U.R.P. consolida così la rete dei referenti interni, costituita da circa ottanta persone operanti in ciascun ufficio comunale e sigla un protocollo di intesa con tutti i dirigenti. Tale accordo introduce precise modalità operative per la gestione di istanze, segnalazioni e reclami, consolidate successivamente da periodiche riunioni di coordinamento tra lo staff ed i referenti. Questa metodologia di lavoro, oramai ampiamente condivisa e consolidata all interno, ha fatto assurgere l U.R.P. al ruolo di collettore e coordinatore di notizie, servizi, attività dell Ente, inviati quotidianamente dalla rete dei referenti attraverso posta elettronica, fax e posta interna. Il gruppo di redazione dell U.R.P. opera un attenta selezione dei documenti, ne semplifica il linguaggio secondo le indicazioni del Manuale di Stile della Funzione Pubblica, per assicurarne la massima leggibilità e chiarezza e provvede quindi alla sua diffusione. Tutti gli uffici emittenti ricevono quindi comunicazione interna dell avvenuta pubblicazione delle notizie di loro pertinenza. LA COMUNICAZIONE ESTERNA: o La Guida Ai Servizi Del Comune Di Bari il primo, inedito prodotto dell attività dell U.R.P. è la pubblicazione, nel maggio del 2000, della GUIDA AI SERVIZI dell Ente. Frutto del lungo ed intenso lavoro di analisi dei procedimenti e dei servizi erogati dalla Pubblica Amministrazione, oltre che dell approfondita semplificazione svolta sul linguaggio utilizzato, la Guida viene distribuita capillarmente ai cittadini attraverso il front office e inviata ad Enti, associazioni, scuole, ordini professionali. Questa pubblicazione ha assicurato così il diritto dei cittadini ad una corretta informazione. o Le campagne di informazione e pubblica utilità: L U.R.P. garantisce il diritto all informazione anche tramite la promozione di campagne di pubblica utilità attraverso la stampa, le affissioni, le radio locali, Internet, le emittenti televisive, il Televideo, ecc. La diversificazione dei media ha l obiettivo di portare a conoscenza del maggior numero di persone l esistenza di : strutture, servizi, normative, agevolazioni, iniziative sociali, eventi, e quant altro l Ente attiva e promuove in ambito cittadino. Molti sono i temi trattati: l affido Anziani, l Informagiovani comunale, il Senso Civico, l Autocertificazione, ecc. 14

16 o Campagna di comunicazione esterna sul ruolo e le funzioni dell Ufficio Relazioni con il Cittadino: dopo una sperimentazione durata oltre tre anni, necessaria al perfezionamento dei servizi, per renderli pienamente rispondenti alle aspettative dell utenza, nel 2003 l U.R.P. si presenta al suo pubblico nella veste ufficiale di erogatore di servizi nuovi customer oriented, ovvero orientati a soddisfare le esigenze di informazione dei cittadini. La campagna si pone il duplice obiettivo di : 1) diffondere presso la cittadinanza la conoscenza dell U.R.P., attraverso messaggi che ne esprimano chiaramente la mission, ovvero : l'ufficio Relazioni con il Cittadino è il servizio attraverso il quale ciascun cittadino esercita il proprio diritto di conoscere, partecipare, fruire dei servizi offerti dall'amministrazione Comunale; 2) esprimere l offerta di servizi, con un linguaggio chiaro e coerente, per mettere il cittadino in grado di usufruirne correttamente. Come elemento centrale è stato scelto un oggetto di uso comune un elastico che, nella sua semplicità ha un valore evocativo immediato: proietta il cittadino nell ambiente officio, si presta a composizioni che dialogano armoniosamente con titoli e testi, rimanda a concetti di flessibilità e unione. Il linguaggio usato in tutti i testi è assolutamente semplice e di uso comune, a sottolineare la volontà e capacità dell U.R.P. di comprendere e farsi comprendere.la campagna declinata attraverso un efficace mix di media (radio, affissioni, rubrica settimanale sul principale quotidiano locale, opuscoli informativi distribuiti nelle cassette postali, trasmissioni tv su una nota emittente locale) ha assicurato la piena copertura pubblicitaria sul territorio. o I MEDIA: a) Televideo Regionale di Rai 3: Da sempre l'u.r.p., nell'organizzazione delle sue attività, pone particolare attenzione alla diversificazione dei mezzi di informazione, con la finalità di raggiungere un numero sempre maggiore di cittadini. L U.R.P. ha sperimentato e consolidato nel tempo Il servizio di informazione del Televideo Regionale di Rai 3, del quale cura la sezione Il Comune Comunica. Il servizio Televideo, avviato nel 1999, da settembre 2006 è tornato in onda dopo una lunga pausa, con un indice rinnovato ed arricchito di nuovi contenuti. E attualmente costituito da 60 videate 15

17 informative dinamiche e si è rivelato subito un mezzo particolarmente efficace per assicurare un informazione capillare e soprattutto disponibile 24 ore su 24, gratuita e a domicilio di tutti i cittadini, poiché visibile da tutti i televisori dotati del dispositivo televideo. b) Il Progetto di Videoconferenza Visionair. Il Progetto Visionair è il risultato di una collaborazione tra città europee nata nell ambito della rete Telecities, a cui la città di Bari ha aderito nel 2002, con l obiettivo di sperimentare servizi telematici su larga banda (video, voce e dati). Tale progetto prevede la remotizzazione dei servizi di ascolto e consulenza dell U.R.P. centrale presso tre sedi decentrate sul territorio. In concreto, il sistema Visionair consente agli utenti delle periferie di dialogare in tempo reale con gli operatori fisicamente presenti nella sede dell U.R.P. di via Roberto da Bari, attraverso la telecamera ed il monitor (touch screen) di un chiosco informativo. L U.R.P. ha così avviato il decentramento dei servizi U.R.P. nelle periferie con un progetto di comunicazione integrato, coordinato con la propria campagna istituzionale e finalizzato ad illustrare agli utenti le finalità del Visionair e le modalità di accesso a questo nuovo sistema di comunicazione virtuale ed interattiva con gli operatori dell'u.r.p.. SPORTELLO DI ORIENTAMENTO: per l analisi delle capacità psico attitudinali della persona, finalizzati ad un adeguato inserimento professionale e/o formativo; SPORTELLO DI COUNSELLING: per facilitare l analisi e la rielaborazione dei problemi di blocco psicologico, insoddisfazione o irrealizzazione dei giovani; SPORTELLO DI COACHING: utile a superare gli ostacoli e migliorare le performance dei giovani sia in ambito professionale che formativo; SPORTELLO DI PRE MEDIAZIONE FAMILIARE E SOCIALE: per la gestione dei conflitti, attraverso il dialogo, in ambito familiare; SPORTELLO DI ORIENTAMENTO ALLA CREAZIONE DI IMPRESA: consulenza personalizzata per la progettazione e realizzazione delle idee imprenditoriali; SPORTELLO INFORMADONNA: per una risposta a disagi provenienti da mancata emancipazione causata da differenze di genere, culturali e sociali. Tutti gli sportelli di ascolto sono curati da professionisti, psicologi, counsellor, mediatori. 16

18 BOLOGNA Il Comune di Bologna presenta un organizzazione articolata, che dovrebbe garantire massimo supporto alle richieste e ai bisogni del cittadino. La rete degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico è così strutturata: 1) Un U.R.P. CENTRALE, dipendente dal SETTORE COMUNICAZIONE E RAPPORTI CON I CITTADINI, situato nella sede del Comune in Palazzo d Accursio in piazza Maggiore, che svolge attività di sportello polifunzionale per quanto riguarda i seguenti servizi: o Ufficio presa visione e rilascio copie di atti amministrativi presso il quale è possibile prendere visione ed eventualmente richiedere copia di tutti i seguenti atti o documenti amministrativi comunali: deliberazioni adottate dal Consiglio comunale, dalla Giunta comunale e dai Consigli di quartiere; ordinanze sindacali; provvedimenti emessi dai dirigenti; verbali delle sedute del Consiglio comunale, dei Consigli di quartiere e delle Commissioni consiliari; Presso il Servizio è attiva la sezione distaccata dell'albo Pretorio comunale che consente la presa visione di: deliberazioni della Giunta Comunale, del Consiglio Comunale e di Quartiere; graduatorie relative a bandi emessi dal Comune di Bologna o Rete Civica Iperbole Internet un servizio attuato dal Comune di Bologna e finalizzato alla diffusione e all'utilizzo delle nuove tecnologie al servizio 17

19 dei cittadini. Si tratta infatti della Rete Civica del Comune, che raccoglie informazioni su servizi e prestazioni relativi al Comune stesso, alla Pubblica Amministrazione e alla città in generale. Oltre all'informazione il Servizio intende sviluppare la comunicazione tra la Pubblica Amministrazione, i Cittadini e la Società Civile organizzata mediante canali quali la posta elettronica e i gruppi di discussione (newsgroups). Il servizio prevede: L'accesso gratuito alla Rete Civica a tutti i cittadini residenti nel Comune di Bologna che abbiano raggiunto la maggiore età; l'accesso gratuito alla Rete Civica per gli Enti pubblici, Associazioni no profit e organismi che intendano fornire un servizio ai cittadini mediante l'immissione di informazioni in rete; tali soggetti possono inserire gratuitamente informazioni di pubblica utilità e di interesse generale fra le pagine Web del Comune di Bologna, previa sottoscrizione di un protocollo d'intesa (i fornitori di informazioni non possono in ogni caso inserire nelle proprie pagine Web informazioni o servizi a carattere commerciale, propagandistico, pubblicitario); o Informagiovani: sportello a disposizione dei giovani bolognesi e degli ospiti della città con i seguenti servizi: Informazioni: a) formazione professionale: b) corsi NOF, tirocini formativi, voucher, progetto Fortis; c) corsi della Provincia; d) corsi della Regione; e) corsi del Fondo sociale europeo; f) Elenco enti di formazione professionale suddivisi per aree di intervento; g) Master; Scuola: a) scuola media superiore (caratteristiche generali e informazioni sui singoli indirizzi di studio; corsi serali, ecc.); b) università (servizi di informazione, diritto allo studio, indicazioni generali su facoltà e corsi di laurea, formazione post laurea); c) borse di studio in Italia e all'estero; Lavoro: a) orientamento alla ricerca di lavoro; b) servizi di sostegno all'occupazione; c) lavoro temporaneo e stagionale; 18

20 d) imprenditoria giovanile; e) lavoro cooperativo; f) offerte di lavoro; Professioni: schede dettagliate delle professioni nei seguenti settori: agricoltura, allevamento, alimentazione, ambiente, amministrazioni pubbliche e private, commercio, tecniche artistiche, spettacolo, conservazione patrimonio storico e artistico, insegnamento, comunicazione, sanità, animazione e turismo, scienza e tecnologia; Cultura e tempo libero: a) informazioni su enti e associazioni che promuovono attività formative; b) la possibilità, agli aventi diritto, di richiedere la Carta Giovani; Estero: a) servizi, indicazioni e indirizzi utili per lavorare nei paesi dell'unione Europea e nei paesi extracomunitari; esercizio delle professioni all'estero per i cittadini italiani (es. insegnamento, sanità ecc.); b) lavoro alla pari; c) soggiorni linguistici all'estero; d) agenzie e associazioni per lavorare e studiare all'estero; e) scambi di corrispondenza in lingua; Vacanze e turismo: a) agevolazioni per il turismo giovanile; b) Enti e associazioni per il turismo giovanile; c) strutture ricettive per i giovani in Italia e all'estero; d) vacanze volontariato; Vita Sociale: a) informazioni generali sull'associazionismo e volontariato; b) volontariato nazionale e internazionale; Servizio di Biblioteca; Banche dati: a) Spring: informazioni di carattere nazionali riguardanti Enti e Associazioni, Servizi e Strutture, Appuntamenti e Manifestazioni, Formazione e Attività, Concorsi, Legislazione, Mobilità e Turismo, Descrizione documenti; b) Noopolis: informazioni sulle borse di studio in Italia e all'estero; c) Guida Kompass: database contenente informazioni sulle aziende italiane; d) Banca Dati dell'ufficio per le Relazioni con il Pubblico (U.R.P.): notizie sui servizi comunali, gli avvenimenti cittadini e le attività di Enti e Associazioni pubbliche e private; Postazione per compilare e stampare i curriculum: gli utenti hanno a disposizione diversi modelli di curriculum tra cui quello europeo; Postazioni per la consultazione in rete di siti istituzionali o inerenti i temi dell Informagiovani. 19

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE DEL COMUNE DI BORGO A MOZZANO (Approvato con Delibera del C.C. n. 80 del 30/11/2005) 1 REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE... 1 DEL COMUNE DI BORGO A

Dettagli

IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP

IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP CARTA DEI SERVIZI DEL COMUNE DI ROVIGO IL SERVIZIO INFORMAHANDICAP 1. OBIETTIVO DEL SERVIZIO L obiettivo primario del Servizio è quello di migliorare l intervento nelle politiche sociali promuovendo, anche

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA

STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG REGIONE CAMPANIA SETTORE POLITICHE GIOVANILI E DEL FORUM REGIONALE DELLA GIOVENTU STANDARD DI QUALITA DEI SERVIZI INFORMAGIOVANI SIRG ALLEGATO REGIONE 1 CAMPANIA AZIONE A DI SISTEMA COMUNE DI Allegato F SETTORE POLITICHE

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE Approvato con deliberazione commissariale n. 335/05 pubblicata all albo pretorio dal 10/4/05 al 26/4/05 Ripubblicato dal 4/5/05 al 19/5/05 CAPO

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

Il Flusso Informativo dal Comune al Cittadino

Il Flusso Informativo dal Comune al Cittadino Il Flusso Informativo dal Comune al Cittadino Il Flusso Informativo dal Comune al Cittadino Introduzione e Metodologia Analisi della Richiami di altre esperienze Ipotesi e Conclusioni Introduzione e Metodologia

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO - COMUNICAZIONE Adottato con deliberazione Consiglio Comunale n 40 del 2004 (art. 8, c. 2 - legge 150/2000) CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Processo rispettato. Si rimanda alla visione dei risultati dei questionari di customer satisfaction. Gestione del colloquio informativo

Processo rispettato. Si rimanda alla visione dei risultati dei questionari di customer satisfaction. Gestione del colloquio informativo FATTORI DI QUALITA DEL SERVIZIO INFORMAGIOVANI Orario del servizio 5 giorni di apertura settimanale per un totale di 30 ore con possibilità di appuntamento negli orari di servizio Servizio operativo al

Dettagli

Carta del Servizio Informagiovani

Carta del Servizio Informagiovani CITTÀ DI NOVATE MILANESE Assessorato alla Cultura e Biblioteca, Politiche Giovanili, Pubblica Istruzione, Informagiovani, Comunicazione e Informatica Servizio Informagiovani Via Vittorio Veneto, 8 20026

Dettagli

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7

Sommario. Premessa... 3. 1. Obiettivi... 4. 2. Soggetti coinvolti... 6. 3. Erogazione del servizio informativo... 7 Carta dei Servizi Sommario Premessa... 3 1. Obiettivi... 4 2. Soggetti coinvolti... 6 3. Erogazione del servizio informativo... 7 4. Descrizione operativa del servizio... 9 5. Compiti e responsabilità

Dettagli

Allegato C SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO

Allegato C SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO SCHEDA TECNICA DEL SERVIZIO Allegato C Presentazione del progetto di realizzazione: I servizi Informagiovani PAAS hanno sede temporanea presso il Palazzo Municipale, sono servizi integrati, con finalità

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese

Comune di San Giuliano Milanese Comune di San Giuliano Milanese REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO (Art. 8 c.2 della Legge n 150/00) Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona

CARTA DEI SERVIZI. SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona CARTA DEI SERVIZI SPORTELLO LAVORO Consorzio Sol.Co. Verona 1 COS E LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è uno degli strumenti che un organizzazione utilizza per dare informazioni sulle attività che

Dettagli

INFORMAGIOVANI CHIAVARI - VILLAGGIO DEL RAGAZZO - COMUNE DI CHIAVARI

INFORMAGIOVANI CHIAVARI - VILLAGGIO DEL RAGAZZO - COMUNE DI CHIAVARI CARTA DEI SERVIZI INTRODUZIONE Nel quadro, ampio e articolato, dei servizi e delle attività realizzate e promosse dal Villaggio del Ragazzo, il punto di riferimento è rappresentato dalla mission perseguita

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Studio e Progetto 2 2) Codice di accreditamento: NZ03328, 3) Albo e classe di

Dettagli

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi Regolamento per il funzionamento dell Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale N.128 del 15.09.2005 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000

REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA. Ai sensi della legge 150/2000 REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DELLA PROVINCIA DI FORLI -CESENA Ai sensi della legge 150/2000 Art 1. Principi generali La Provincia di Forlì - Cesena, attraverso

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 64/2009, modificato con delibera C.C.n.61/2010 e con delibera C.C.n.109/2010 Art.1 Principi e strumenti. Il Comune

Dettagli

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P.

Provincia Regionale di Catania. Carta dei servizi. Ufficio U.R.P. Provincia Regionale di Catania denominata Libero Consorzio Comunale ai sensi della L.R. n. 8/2014 Carta dei servizi Ufficio U.R.P. Palazzo Minoriti Via Etnea, 67 95124 Catania Come si accede ai servizi

Dettagli

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce

Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE SERVIZIO INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il Nuovo Portale Istituzionale della Provincia di Lecce Il nuovo portale istituzionale, che oggi presentiamo, è

Dettagli

Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni con il pubblico

Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni con il pubblico Allegato parte integrante - 1 Direzione Organizzazione Sistemi informativi Telematica Servizio Comunicazione educazione alla sostenibilità e strumenti di partecipazione Carta dei servizi Dell ufficio Relazioni

Dettagli

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA

AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA ALLEGATO C PROVINCIA DI MANTOVA SETTORE RISORSE SVILUPPO ORGANIZZATIVO E AFFARI ISTITUZIONALI AZIONI MIRATE PER LA TRASPARENZA 1 Mattiamoci la faccia: customer sui L ente ha già attivato un sistema di

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

Delibera n. 38/2013. VISTO l art. 3, comma 2, del Regolamento sui controlli interni del Comune di Genova (D.C.C. n. 7/2013)

Delibera n. 38/2013. VISTO l art. 3, comma 2, del Regolamento sui controlli interni del Comune di Genova (D.C.C. n. 7/2013) Delibera n. 38/2013 L AUTORITÀ PER I SERVIZI PUBBLICI DEL COMUNE DI GENOVA, composta dai signori: - Prof. Avv. Alberto Maria Benedetti, Presidente - Avv. Marco Barilati, Componente - Prof. Avv. Lorenzo

Dettagli

Comune di Azzate. Provincia di Varese. - Carta dei servizi dell URP---------------------------------------------------p. 2

Comune di Azzate. Provincia di Varese. - Carta dei servizi dell URP---------------------------------------------------p. 2 Comune di Azzate Provincia di Varese INDICE: - Carta dei servizi dell URP---------------------------------------------------p. 2 - Le principali aree di erogazione del servizio URP------------------------p.

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE ALLEGATO 1 DIREZIONE POLITICHE AGRICOLE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2007-2013 PIANO

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Lo Spazio delle idee scsarl 2) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008 Assessorato alle Politiche Sociali partner dei cittadini Vademecum 2007/2008 Cari concittadini, questa guida ai servizi sociali del Comune di Cagliari è una prima risposta concreta, all esigenza e al diritto

Dettagli

Gli Sportelli Polifunzionali e i Servizi Innovativi. Napoli, 28 febbraio 2012

Gli Sportelli Polifunzionali e i Servizi Innovativi. Napoli, 28 febbraio 2012 Gli Sportelli Polifunzionali e i Servizi Innovativi Napoli, 28 febbraio 2012 Gli Sportelli Polifunzionali Coordinamento Intersettoriale Relazioni con i Cittadini Il servizio Sportello Polifunzionale è

Dettagli

Comune della Spezia Cdr 0213. SCHEDA COMUNICAZIONE UFFICIALE AL PUBBLICO (Carta dei Servizi standard)

Comune della Spezia Cdr 0213. SCHEDA COMUNICAZIONE UFFICIALE AL PUBBLICO (Carta dei Servizi standard) DESCRIZIONE DEL SERVIZIO AL PUBBLICO Tipologia del servizio al pubblico: L Informa Giovani è un Servizio Pubblico che promuove l informazione, l orientamento e la partecipazione attraverso un piano integrato

Dettagli

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione

Art. 2 Finalità. LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31. Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 196 del 7-12-2009 25631 LEGGE REGIONALE 4 dicembre 2009, n. 31 Norme regionali per l esercizio del diritto all istruzione e alla formazione. La seguente legge:

Dettagli

COMUNE DI FISCIANO (SA)

COMUNE DI FISCIANO (SA) AREA UNITA' ORGANIZZATIVA SETTORE SERVIZIO TEMPO MEDIO DI EROGAZIONE Amministrativa Demografico Anagrafe Rilascio carta d'identità Amministrativa Demografico Anagrafe Certificati Nascita Amministrativa

Dettagli

SCHEDA PROGETTUALE N. 2

SCHEDA PROGETTUALE N. 2 Allegato n. 2 SCHEDA PROGETTUALE N. 2 MACRO-AREA DI INTERVENTO: (X) Relazioni familiari (X) Diritti dei minori () Persone anziane ( ) Contrasto della povertà ( ) Disabili ( ) Avvio della riforma () Altro

Dettagli

L UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DI MONTEVARCHI LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE AL SERVIZIO DEL CITTADINO

L UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DI MONTEVARCHI LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE AL SERVIZIO DEL CITTADINO L UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DI MONTEVARCHI LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE AL SERVIZIO DEL CITTADINO Unità Organizzativa Autonoma Informazione e Comunicazione Responsabile Pierluigi Ermini

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali

Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Repubblica Italiana UNIONE EUROPEA In Sardegna, verso l'europa POR SARDEGNA 2000/2006 Piano di Comunicazione dei Fondi Strutturali Allegato al Complemento di programmazione

Dettagli

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005

Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona. Centro H RAPPORTO SULLE ATTIVITA DEL CENTRO H GENNAIO - DICEMBRE 2005 Comune di Ferrara Assessorato alla Salute e Servizi alla Persona A.I.A.S. Ferrara Associazione di Volontariato Associazione Centro H In collaborazione con: - Azienda USL Ferrara - Centro Servizi alla Persona

Dettagli

TABELLE DEGLI STANDARD

TABELLE DEGLI STANDARD TABELLE DEGLI STANDARD Accessibilità ai servizi capillarità 106 Uffici Territoriali, oltre 5500 sportelli telematici collegati al PRA Utilizzo effettivo Accessibilità virtuale ed interattività Con l adozione

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA CARTA

DESCRIZIONE DELLA CARTA PRESENTAZIONE Il Comune di Pisa, da sempre protagonista attivo del processo di riforma e di innovazione tecnologica della pubblica amministrazione, offre oggi ai propri cittadini un nuovo strumento per

Dettagli

C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE

C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE dell Unità C O M U N E D I M O D I C A Provincia di Ragusa Patrimonio SEGRETERIA GENERALE LA CREAZIONE DELL URP DEL COMUNE DI MODICA 1. Intro L introduzione degli Uffici per le Relazioni con il Pubblico

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO

CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO CARTA DEI SERVIZI PER IL LAVORO DELLA PROVINCIA DI COMO CENTRI IMPIEGO DELLA PROVINCIA DI COMO APPIANO GENTILE CANTU COMO ERBA MENAGGIO COLLOCAMENTO MIRATO DISABILI 0 L DELLA PROVINCIA DI COMO Dal 1999

Dettagli

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica

Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica Risultati dell indagine conoscitiva sul Network di Linea Amica (a cura dell Area Comunicazione e Servizi al cittadino, con il supporto dell Ufficio Monitoraggio e Ricerca di FormezPA) INDICE 1. Introduzione

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016

CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 CARTA DEI SERVIZI SERVIZI AI BAMBINI DI 0-6 ANNI COMUNALI ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Direzione Scuola e Politiche Giovanili Settore Gestione Servizi per l Infanzia e le Scuole dell Obbligo Via di Francia

Dettagli

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma

FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA. Rev 0 del 21/10/2011 Firma FORMAPI S.r.l. CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA Rev 0 del 21/10/2011 Firma PREMESSA FORMAPI S.r.l. è l Ente di formazione della Confimi Impresa Abruzzo (Confederazione dell Industria Manifatturiera

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PUNTO (3) SANITA E SERVIZI SOCIALI 1 2 SANITA' E SERVIZI SOCIALI L indirizzo sociale, ovvero il cittadino al centro del progetto comunale, è un punto fondamentale

Dettagli

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO

2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 2015 CARTA DEI SERVIZI AL LAVORO 1 1. Chi siamo 2. La carta dei servizi 3. A chi ci rivolgiamo 4. I nostri servizi 5. Modalità di accesso 6. Attuazione e controllo 7. Dove siamo 2 1. CHI SIAMO C.C.S. è

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali Comune di c Caronno Pertusella Provincia di Varese Iniziativa del Sindaco di Caronno Pertusella coordinata da Marco Giudici: Assessore Bilancio, Tributi, Attività Economiche Produttive, Tempo Libero. REGOLAMENTO

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 1. PREMESSA Con la redazione del presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, il Comune di Sant Ilario d Enza

Dettagli

D.B. Service S.r.l Sede legale Via San Martino, 16 20122 - Milano Sede Commerciale - Via Regina Elena, 46 74123 Taranto Tel 099.

D.B. Service S.r.l Sede legale Via San Martino, 16 20122 - Milano Sede Commerciale - Via Regina Elena, 46 74123 Taranto Tel 099. Carta Dei Servizi Indice Fondamenti della Carta dei Servizi Cos è la Carta dei servizi Principi fondamentali generali Principali riferimenti normativi Validità e aggiornamento La Carta dei Servizi : diffusione

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Giovani e Europa: rete a sostegno della mobilità internazionale SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e promozione culturale

Dettagli

Conferenza stampa sui primi sei mesi di attività di Linea Amica 29 luglio 2009 - Palazzo Vidoni Roma

Conferenza stampa sui primi sei mesi di attività di Linea Amica 29 luglio 2009 - Palazzo Vidoni Roma 803.001 www.lineaamica.gov.it Conferenza stampa sui primi sei mesi di attività di Linea Amica 29 luglio 2009 - Palazzo Vidoni Roma 1 Il Concept del servizio Linea Amica LINEA AMICA è un iniziativa del

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) SETTORE e Area di Intervento: Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA INDICE ART. 1 - DEFINIZIONI E AMBITO DI APPLICAZIONE ART. 2 - UFFICI COMPETENTI PER LA

Dettagli

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët

Comune di SCANDICCI. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi BROSHURË XHEPI E SCANDICCI-T. Udhëzues shërbimesh për qytetarët Progetto cofinanziato da 1 UNIONE EUROPEA Comune di SCANDICCI Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi SCANDICCI IN TASCA Guida ai servizi per i cittadini SCANDICCI IN YOUR POCKET Guide

Dettagli

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità

Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI. Art. 01 - Finalità Legge Regionale 22 marzo 1990, n. 22 Interventi a sostegno dei diritti degli immigrati extracomunitari in Toscana. Bollettino Ufficiale n. 20, parte prima, del 31.03.1990 Titolo 1 - PRINCIPI GENERALI Art.

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi

La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi La carta di identità elettronica per il sistema dei servizi L AMMINISTRAZIONE LOCALE: IL FRONT OFFICE DELL INTERO MONDO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Con il Piano di E-Government, con il ruolo centrale

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente

Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente PROVINCIA DI COSENZA SETTORE FORMAZIONE PROFESSIONALE SERVIZIO ORIENTAMENTO E FABBISOGNO FORMATIVO via Panebianco, 274 Cosenza tel. e fax 0984 393157 Carta dei Servizi e Carta dei Diritti dell Utente Approvata

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB AZIENDALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 6 FRIULI OCCIDENTALE 33170 Pordenone - Via Vecchia Ceramica, 1 - C.P. 232 Tel. 0434/369111 - Fax. 0434/523011 - C.F. / P. Iva 01278420938 PEC: Ass6PN.protgen@certsanita.fvg.it

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

Oggetto Regolamento della consulta permanente nel settore dei problemi sociali e diversamente abili. Art. 1 ISTITUZIONE

Oggetto Regolamento della consulta permanente nel settore dei problemi sociali e diversamente abili. Art. 1 ISTITUZIONE COMUNE DI TRABIA REGOLAMENTO DELLA CONSULTA COMUNALE PERMANENTE DEI PROBLEMI SOCIALI E DIVERSAMENTE ABILI Approvato con deliberazione di Consiglio n. 64 del 15/09/2011 Oggetto Regolamento della consulta

Dettagli

LA CITTA DEI GIOVANI

LA CITTA DEI GIOVANI LA CITTA DEI GIOVANI Provincia di Cuneo Comune di Bra Area tematica Informagiovani Minori/politiche giovanili/educativa territoriale Cultura/Biblioteca/Scuola di pace Turismo/manifestazioni/Cultura Numero

Dettagli

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo

COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo Allegato alla deliberazione C.C. n. 39 del 19/9/2005 COMUNE DI BREMBILLA Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA COMUNICAZIONE ART. 1 - PRINCIPI GENERALI... 2 ART. 2 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... 2 ART.

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 1 - Finalità del Piano L articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n.150 del 2009 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche

Dettagli

SICURETE XI/2 PIANO DI COMUNICAZIONE [gennaio 2011]

SICURETE XI/2 PIANO DI COMUNICAZIONE [gennaio 2011] SICURETE XI/2 PIANO DI COMUNICAZIONE [gennaio 2011] 1 Indice Parte prima - Elementi del Piano Obiettivi... 4 Pubblico di riferimento... 5 Strategie... 6 Contenuti... 6 Attività e strumenti... 7 2 Parte

Dettagli

Uffici di Promozione Sociale dell Ambito Territoriale XXII

Uffici di Promozione Sociale dell Ambito Territoriale XXII Uffici di Promozione Sociale dell Ambito Territoriale XXII Gli UPS Riferimenti normativi Con il nuovo titolo V della nostra Costituzione (legge costituzionale 3/01) si iscrivono per la prima volta nella

Dettagli

IL CENTRO PARLA CON NOI

IL CENTRO PARLA CON NOI Pesaro, in via Diaz n. 10 Tel 0721 639014 1522 parlaconnoi@provincia.ps.it CARTA DEI SERVIZI del Centro Antiviolenza provinciale Parla Con Noi La Carta è lo strumento che permette ai cittadini il controllo

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018

Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 Programma Triennale per la Trasparenza e Integrità 2015-2018 IL CONSIGLIO D ISTITUTO VISTO IL D.L.vo 150/2009 VISTO L ART. 32 della L.69/2009 VISTA LA L. 190/2012 VISTO IL D.L.vo n.33/2013 VISTA la circolare

Dettagli

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale

INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale INFORMA srl Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale Attività Informa - Istituto Nazionale per la Formazione Aziendale opera dal 1988. Certificato ISO 9001 dal dicembre 1997. E la scuola per dirigenti,

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010

Assessorato alle Politiche Sociali. Partner dei cittadini. socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Assessorato alle Politiche Sociali Comune di Cagliari Partner dei cittadini socialmenteutile GUIDA AI SERVIZI 2009/2010 Breve guida per tutti i cittadini ai servizi sociali del Comune di Cagliari Comune

Dettagli

POLIZIA LOCALE 295.217,00 265.048,00 SERVIZI DEMOGRAFICI 127.898,00 84.251,70 COSTO SOSTENUTO PER IL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO NR.

POLIZIA LOCALE 295.217,00 265.048,00 SERVIZI DEMOGRAFICI 127.898,00 84.251,70 COSTO SOSTENUTO PER IL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO NR. AGLI UTENTI ANNO 0 * POLIZIA LOCALE 9.,00.0,00 attivita' di informazione e rilascio documenti per autorizzazioni pubblicita' fonica giorni attivita' di rilascio atti conseguenti ad incidenti stradali 0

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/9 PROTOCOLLO OPERATIVO PER L'ADOZIONE NAZIONALE ED INTERNAZIONALE 2008 ATTUAZIONE DELL'ART. 39 BIS COMMA 1 LETT. C) LEGGE 184/83 CON MODIFICHE

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO della CASA delle ASSOCIAZIONI e del VOLONTARIATO DI ZONA 1

MODALITA DI FUNZIONAMENTO della CASA delle ASSOCIAZIONI e del VOLONTARIATO DI ZONA 1 MODALITA DI FUNZIONAMENTO della CASA delle ASSOCIAZIONI e del VOLONTARIATO DI ZONA 1 I N D I C E Art. 1 Le Case delle Associazioni e del Volontariato Art. 2 Soggetti fruitori Art. 3 Procedura di iscrizione

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile

COMUNE DI SASSARI. 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni. Funzionario responsabile n. 2 Centro di Responsabilità Centro di Costo Dirigente responsabile 09 Politiche sociali e pari opportunità Dott. Salvatore Stangoni Servizio Funzionario responsabile n. Denominazione obiettivo 2 Ampliare,

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA TEMPI MEDI DI EROGAZIONE DEI PRINCIPALI SERVIZI

COMUNE DI PISTOIA TEMPI MEDI DI EROGAZIONE DEI PRINCIPALI SERVIZI Procedure Negoziali Servizio Finanziario Servizi Demografici Tempi medi elaborazione e pubblicazione bandi di gara (dal ricevimento dello schema di capitolato da parte dei servizi) da 15 gg. ad un mese

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia

pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia Destinatari del servizio pvcasa di prima accoglienza Mamma Emilia Il servizio è rivolto a gestanti e madri con bambini che hanno bisogno di temporanea ospitalità, indipendentemente dalla loro nazionalità,

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3

ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 ISTITUTO COMPRENSIVO N 3 Giovanni XXIII 73043 COPERTINO - Via Mogadiscio, 45 - Tel. 0832.947164 Fax 0832.934582 e-mail: leic865009@istruzione.it Allegato al Regolamento d Istituto PROTOCOLLO per l ACCOGLIENZA

Dettagli

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015

Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 Area Servizi al lavoro Carta dei Servizi Padova, Aprile 2015 PRESENTAZIONE Gruppo R è una cooperativa sociale di tipo A, costituita ai sensi della legge 381/91. Come tale è quindi un soggetto in continua

Dettagli

ASSESSORATO ISTRUZIONE E POLITICHE PER I GIOVANI PREMESSA

ASSESSORATO ISTRUZIONE E POLITICHE PER I GIOVANI PREMESSA Allegato A INFORMAGIOVANI DEL LAZIO PREMESSA Obiettivo del presente documento è delineare elementi, caratteristiche, modalità e formule possibili per adeguare al meglio - anche alla luce dei nuovi scenari

Dettagli

Carta dei servizi demografici

Carta dei servizi demografici Approvata con deliberazione Giunta Comunale n. 19 del 21/03/2013 Carta dei servizi demografici INDICE 1. Finalità della carta dei servizi 2. I servizi demografici (breve descrizione) 3. Accesso al servizio:

Dettagli

Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it

Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it Categoria 3 85 Scheda del progetto Comune di Magenta Rossana Arioli Piazza Formenti, 3 20013 Magenta (MI) 02 9735205 ufficio.stampa@comunedimagenta.it www.comunedimagenta.it Progetto di rinnovamento sito

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE

PIANO DI COMUNICAZIONE PIANO DI COMUNICAZIONE La legge regionale n. 5/2009 e il Piano Regionale della Salute 2011-2013 promuovono la centralità del cittadino e il suo coinvolgimento nei processi di miglioramento dei Servizi

Dettagli

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015

BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 Comune di Pontecagnano Faiano Ufficio di Gabinetto BOZZA PIANO COMUNICAZIONE 2015 QUADRO NORMATIVO In relazione alla legge 150 del 7 giugno 2000, Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione

Dettagli

Centro Servizi Stranieri

Centro Servizi Stranieri Centro Servizi Stranieri Cittadini stranieri e italiani Servizi, enti, istituzioni, associazioni, gruppi che operano nell ambito dell immigrazione Informazione sulla normativa in tema di immigrazione Supporto

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli