OGGETTO: Il Consiglio Provinciale nella seduta del...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OGGETTO: Il Consiglio Provinciale nella seduta del..."

Transcript

1 N.... di prot. Competenza CONSIGLIO PROVINCIALE Delibera pubblicata il Delibera esecutiva il OGGETTO: MOZIONE DI INDIRIZZO PRESENTATA DALLA CONS. MILESI AVENTE AD OGGETTO: "L'INADEGUATEZZA DEL SERVIZIO FERROVIARIO LOMBARDO - LA PROVINCIA DI CREMONA NON È LA CENERENTOLA DELLA LOMBARDIA". Il Consiglio Provinciale nella seduta del... ha approvato l oggetto con atto n.... I.E. ha approvato la mozione/l odg con atto n.... ha respinto la mozione/l odg con atto n.... ha trattato l interrogazione con atto n.... ha trattato/preso atto ha preso atto della comunicazione con atto n.... ha rinviato IL SEGRETARIO PROVINCIALE SG_2011/ di 4

2 Al Sig.Presidente del Consiglio Al Sig. Presidente All'Assessore competente OGGETTO:Mozione d'indirizzo -"L'inaguadezza del servizio ferroviario lombardo - La Provincia di Cremona non è la Cenerentola della Lombardia " CLARA RITA MILESI IdV PREMESSO CHE la rete ferroviaria di Regione Lombardia presenta diverse criticità, risulta inadeguata allo sviluppo della Lombardia e presenta gravi limiti di capacità, in particolare per quanto riguarda il nodo di Cremona; considerato che la città di Cremona potrebbe rivestire un ruolo importante nella rete ferroviaria regionale, in quanto essa è "centrale" per diverse linee (vedi allegato); Cremona si trova infatti al centro rispetto a due assi ferroviari: 1.ovest-est, la linea MI-VE; 2.nord-sud, la linea MI BO FI - RM - NA; ma purtroppo è collegata ad essi da infrastrutture ferroviarie inadeguate in quanto tutte a semplice binario.analizzando nello specifico: 1)MN-CR-MI E la linea più sfruttata dai pendolari cremonesi. Nel tratto tra MN e Codogno si ha un binario unico che obbliga i treni ad incrociare -L'incrocio in termine ferroviario è un elemento fortemente vincolante (non solo perché riduce la capacità di una linea) sopratutto in casi di: ritardi di un treno: esso scatena ritardi a catena anche per treni che seguono ed incrocianti in senso opposto; guasto all infrastruttura ferroviaria (deviatoi, rete elettrica, ); guasto in linea di un treno con conseguente blocco dell intera tratta di linea. considerato che al binario unico è associata (vista la vetustà) la presenza di numerosi passaggi a livello (PL), i quali molto spesso si guastano per vari motivi: problemi sistema meccanico delle sbarre; abbattimento delle sbarre da parte di autoveicoli, ecc; considerato che entrambi i tipi di guasto (eliminabili con l'eliminazione progressiva dei PL per dei sottopassi), causano quotidianamente enormi e costanti ritardi a catena; considerato che nel tratto Codogno MI la linea è a doppio binario in quanto si ha l'innesto sulla linea MI-BO (non AV). I problemi che i pendolari di questa linea affrontano sono: ritardi che si originano prevalentemente (per le ragioni esposte) nel tratto Codogno-MN; scarsa pulizia dei convogli che però sono di recente fabbricazione, cioè i treni a 2 piani detti "Vivalto"; numero insufficiente di vetture ad ospitare in condizioni dignitose i passeggeri, o meglio spesso presenti in numero adatto, ma alcune chiuse a causa di : riscaldamenti guasti; mancanza del numero minimo di personale di Trenitalia le Nord (TLN); 2)La linea CR-Crema -Treviglio -MI è una seconda via per Mi (da CR) che tuttavia non è molto utilizzata a causa del maggior tempo di percorrenza rispetto alla Codogno (1h40min circa contro 1h pur essendoci più o meno lo stesso chilometraggio). La causa della maggior lentezza è dovuta al fatto che da Cremona fino a Treviglio (passando per Crema) si ha una linea a semplice binario, dunque con Passaggi a Livello e per questa ragione anche le ferrovie su questa linea non hanno mai istituito (a differenza della MN-CR-MI) treni diretti da Cr a MI (via Treviglio) se non ad eccezione di alcune ore: mattino presto (5-6.00) da Cremona; tardo pomeriggio (dalle da MI in poi); in tutte le altre ore (centrali della giornata) il servizio è così eseguito: da Cremona a Treviglio-treno regionale con fermata in tutte le stazioni (compresa Crema che è il centro più importante della linea dopo Cremona); cambio treno da Treviglio a Milano: treni suburbani con fermate in tutte le stazioni e arrivano nelle stazioni ferroviarie di Milano Passante (e poi proseguono per Varese); SG_2011/ di 4

3 Treni Regionali veloci provenienti da BS o VR e diretti nella stazione di MI Lambrate o centrale. Considerato che Crema è dotata anche di un collegamento con autobus con MI (metrò M3) (gestito da Adda Trasporti) il quale tuttavia (in misura maggiore che il treno) è soggetto a ritardi dovuti : al traffico (attualmente incrementato causa lavori raddoppio Paullese); incidenti; Sul tratto ferroviario CR-Treviglio è in servizio un cadenzamento orario (1 treno/ora), così come sulla linea Treviglio- BG (in cui nelle ore di punta anche 1 treno ogni 30'9, mentre il servizio suburbano per MI (passante)-varese il cadenzamento è ogni 30'; I problemi della Cremona Treviglio sono : Binario unico; presenza passaggia a livello: che implicano ritardi in caso di inconvenienti; tempi di percorrenza elevati a causa delle numerose fermate; Treviglio, in vista della futura estensione del quadruplicamento della MI Treviglio fino a BS diverrà un collegamento per Brescia ancora più efficiente consentendo così di avere: linea storica che passa in tutti i paesi (servizi locali); linea ad "alta velocità" esterna dedicata ai servizi a medio e lungo raggio. Tale linea rientra nel progetto del corridoio Europeo "5" Lisbona Kiev. Allo stato attuale Treviglio è una sorta di "tappo" in cui i treni a media percorrenza provenienti da Mi e diretti a VR sono spesso costretti a fermarsi per lasciare transitare la lunga percorrenza per VE. 3) La LINEA CR-BS è una linea a binario unico con le già citate criticità, il servizio prevede anche qui il "cadenzamento orario" con una percorrenza di circa 60 min, per una tratta di 50 km: tempo elevato causa fermate in tutte le stazione; come si evince dalla carta allegata le linee : CR-Treviglio CR-BS hanno in comune il tratto CR-Olmeneta a semplice binario, ciò costituisce una forte criticità, tale tratta (discretamente lunga circa 10Km è dotata di unsolo posto di incrocio (a metà = KM 5 da CR) e un ritardo di un treno su una sola di queste 2 linee si ripercuote anche sull'altra: Per questa ragione è auspicabile in prima istanza almeno il raddoppio del tratto CR-Olmeneta come 1 passo. Non va dimenticato che che, per buona parte, lo stato delle "NOSTRE" linee c'è costato il cosidetto "pendolino"(eurostar-es) BG-RM. Infatti tale treno si effettua ancora ma non passa più per Cremona (cioè non fa più il giro BG-BS-CR-FIDENzA-BO) bensì da BS prosegue per VR, da qui percorre la nuova linea raddoppiata VR-BO (la cui ultimazione del raddoppio è stata "spinta" dopo il tragico incidente ferroviario Rio di Crevalcòre) e fino a RM, per un viaggio tutto su linee a doppio binario veloci e dotate di un infrastruttura adatta per l esercizio con materiale ES. 4)linea CR-PC e CR FIDENZA: anch'esse a semplice binario e speculari all caso CR-BS CR-Treviglio, in quanto hanno in comune il tratto CR -Castelvetro Piacentino. la CR-PC è di recente elettrificazione; entrambe le linee potrebbero essere in caso di raddoppio una interessante via di traffico merci provenienti ad esempio dai porti di GE-SP e Livorno e diretto verso il Nord (asse VE-Brennero) o Est (Venezia-Trieste) passando per Cremona MN- VR ed evitando il già congestionato nodo di Milano. Ma la criticità maggiore che colpisce i cremonesi per quel che riguarda la tratta PC CR è la sospensione totale del servizio la domenica e per tutto il mese di Agosto, costringendo l utenza a raggiungere PC in auto. 5)la linea Cremona -Codogno-Pavia per quel che riguarda le criticità del tratto Cr -Codogno sono state già esplicitate; da Codogno poi per un breve tratto, fino a Casalpusterlengo, la linea è in comune con la Bo-MI, per poi deviare a sx ed arrivare fino a Pavia. Il tratto Casalpusterlengo-Pavia è a semplice binario e privo di elettrificazione, il che implica la possibilità di utilizzare solo mezzi a trazione diesel su tale tratta. Il servizio per i viaggiatori è così composto: Cremona-Codogno; cambio treno Codogno -Pavia non è presente a tutte le ore, in quanto concentrato negli orari degli studenti i mezzi diesel in servizio sono antiquati, molto più rispetto a quelli delle altre linee "cremonesi" elettrificate, il servizio da codogno e Pavia è lento perchè anche qui si effettuano fermate in tutte le piccolissime stazioni presenti sulla linea. 6)la linea Bs -PR: anch'essa a binario unico e non elettrificata come la Casalpusterlengo - Pavia;essa ha un parco mezzi antiquato e a trazione diesel. La linea presenta una notevole lunghezza (92 Km),con tempi di percorrenza elevati anche a causa delle numerose fermate. Su di essa vi è la cittadina capoluogo del "casalasco" Casalmaggiore, collegata in maniera pessima al resto della provincia Cremonese anche causa dello scarso numero di corse presenti su tale linea. SG_2011/ di 4

4 Risulta perciò necessario raggiungere con altri mezzi Piadena o la stessa Cremona. In conclusione: Cremona è una provincia che ha i suoi 3 centri principali (CR-Crema-Casalmaggiore) non ben collegati e mal collegata agli assi ferroviari principali italiani. Solo una visione lungimirante sarebbe in grado di assicurare al territorio tutto un adeguato collegamento col resto della regione ma non solo per far ciò è necessario dotarsi di infrastrutture adeguate; tempi certi esigenze di mobilità di persone e merci adeguati ai giorni nostri; Nell'ottica della sostenibilità ambientale è auspicabile un aumento trasporto "su ferro" delle merci, ma da conciliarsi col resto del trasporto è necessario dotarsi di infrastrutture adeguate. La Provincia di Cremona ne è sprovvista e se non vuole rimanere isolata dal resto della rete è necessario correre presto a ripari. E necessario che venga iscritto urgentemente nell'agenda politica regionale e cremonese la discussione per il potenziamento ferroviario; e per questo è necessario istituire al più presto un tavolo tecnico-politico provinciale, anche con le province limitrofe, che possa affrontare tale tematica aperta ad un confronto con i portatori d'interesse locali. Considerate le problematiche riscontrate da anni dai pendolari del territorio cremonese; Alla luce di quanto sopra si chiede al Sig. Presidente, in un'ottica di sostenibilità ambientale, di coivolgere l'intero Consiglio al fine di sollecitare concretamente la Regione Lombardia a finanziare e potenziare le linee ferroviarie intersecanti il nodo di Cremona, in particolare la linea Milano-CR- MN anche in funzione dell'expo 2015; tale potenziamento della linea faciliterebbe in modo adeguato il collegamento tra città d'arte: Milano, Cremona, Mantova, in quanto il raddoppio della sola tratta Cremona Cavatigozzi può essere considerato solo un primo passo, ma non la risoluzione di tutti i problemi della linea MI MN. Il raddoppio della tratta Cremona Olmeneta, come primo passo importante verso un ammodernamento delle linee Cremona - Treviglio e Cremona Brescia che le porterebbe ad un raddoppio realizzabile per tappe per mezzo di raddoppi di singole tratte di maggior interesse e fruizione come ad esempio Crema- Treviglio; la progressiva eliminazione su tutte le linee dei PL, in accordo con Rete Ferroviaria Italiana (RFI), al fine aumentare la sicurezza di marcia sia dei convogli ferroviari, sia degli utenti della strada e riducendo al tempo stesso i disagi per i pendolari causati dai ritardi dovuti a guasti dei suddetti. Cremona Clara Rita Milesi Capogruppo IDV SG_2011/ di 4

5 N.... di prot. Competenza CONSIGLIO PROVINCIALE Delibera pubblicata il Delibera esecutiva il OGGETTO: MOZIONE URGENTE PRESENTATA DALLA CONS. MILESI RELATIVA AD UN PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEI COLLEGAMENTI FERROVIARI AFFERENTI AL NODO DI CREMONA. Il Consiglio Provinciale nella seduta del... ha approvato l oggetto con atto n.... I.E. ha approvato la mozione/l odg con atto n.... ha respinto la mozione/l odg con atto n.... ha trattato l interrogazione con atto n.... ha trattato/preso atto ha preso atto della comunicazione con atto n.... ha rinviato IL SEGRETARIO PROVINCIALE SG_2011/ di 5

6 Al Presidente della Provincia Massimiliano Salini Al Presidente del Consiglio Provinciale Carlalberto Ghidotti OGGETTO:MOZIONE urgente D'INDIRIZZO PROGETTO DI MIGLIORAMENTO COLLEGAMENTI FERROVIARI AFFERENTI AL NODO DI CREMONA (Clara Rita MILESI idv) COLLEGAMENTO CREMONA MILANO Il collegamento ferroviario tra Cremona e Milano, allo stato attuale, è articolato su un orario cadenzato che prevede una coppia di treni ogni due ore; fanno eccezione le fasce orarie del mattino e della sera, nelle quali i collegamenti ferroviari per e da Milano, rispettivamente, hanno una cadenza pressoché oraria. Tali collegamenti sono affidati a treni regionali Milano Mantova, i quali percorrono 91 km, da Mantova a Codogno, su linea a binario unico ed i restanti 60 km sulla linea Milano Bologna. La velocità commerciale e la puntualità di questi treni sono fortemente influenzate dai limiti dell infrastruttura ferroviaria che essi percorrono. In particolare: Sulla linea Codogno Mantova circolano normalmente convogli per il servizio locale e treni merci: a causa del binario unico l esercizio ferroviario deve prevedere soste per incroci e/o precedenze nelle stazioni intermedie. Con tale schema, il ritardo di un treno si ripercuote inevitabilmente sulla puntualità di tutti gli altri treni in linea, creando perturbazioni i cui effetti si possono protrarre per ore proprio perché la linea è già sfruttata praticamente al massimo delle sue potenzialità. La linea Codogno Mantova è caratterizzata dalla presenza di numerosi passaggi a livello (si parla di diverse decine), specialmente nella tratta tra Cremona e Mantova. I guasti ai passaggi a livello, dovuti sia a cause naturali che a scarsa manutenzione, sono frequenti e, nella migliore delle ipotesi, causano ritardi di almeno minuti ai treni in circolazione. La tratta Codogno Milano, percorsa sulla linea Milano Bologna, è caratterizzata da altre criticità principalmente legate alla circolazione di numerosi convogli con diverse impostazioni d orario. Per il rispetto dell orario risulta fondamentale che ogni treno che utilizza questa infrastruttura rispetti la propria traccia orario. Nel caso dei Milano Mantova, questa affermazione si traduce nella necessità di arrivare in orario a Codogno, dopo aver percorso 91 km di linea a binario unico, con tutte le problematiche precedentemente elencate. Un immediato miglioramento del servizio ferroviario tra Cremona e Milano è auspicabile e necessario per lo sviluppo del territorio, anche in relazione all offerta in termini di collegamenti ferroviari tra altre città della Lombardia, come Brescia, Bergamo, Pavia, Varese, Come e Lecco (ma anche città di regioni confinanti come Piacenza e Novara) con il Capoluogo Meneghino. L esperienza maturata in altre realtà, come Bergamo o Lecco, dimostra che un netto miglioramento del servizio ferroviario è attuabile solo con interventi infrastrutturali sulla rete, in primo luogo procedendo ai raddoppi delle tratte a binario unico, opere che richiedono tempo ed investimenti ingenti. Il progetto di raddoppio tra Cremona e Cavatigozzi è da considerarsi un primo ed importante passo per il miglioramento delle condizioni di circolazione sulla tratta Mantova Codogno; è però importante sottolineare che tale intervento non potrà aumentare sensibilmente la capacità di trasporto della linea, in quanto resterebbero comunque 85km di linea a binario unico. Nei progetti a lungo termine, è auspicabile pianificare il raddoppio dell intera linea Codogno Mantova (magari procedendo per lotti ed iniziando dalla Cremona/Codogno che, attualmente, risulta essere la sezione di linea maggiormente congestionata). Solo in questo modo è infatti possibile incrementare la capacità di trasporto della linea, offendo ai territori un arteria di comunicazione efficiente ed in grado di aumentarne l attrattività sia per l insediamento di persone che di aziende. Nel breve periodo gli interventi da poter attuare possono riguardare solo una razionalizzazione ed un ottimizzazione dell esistente, accompagnato ad interventi infrastrutturali di piccola entità che, per loro natura, possono essere attuati in tempi e con oneri del tutto accettabili. In questo quadro, qualunque progetto di miglioramento dei collegamenti ferroviari tra Cremona e Milano si scontra con un infrastruttura ferroviaria che, elettrificazione a parte, è comunque rimasta ferma agli standard di esercizio di SG_2011/ di 5

7 inizio 900. Vista la condizione di saturazione di questa infrastruttura, l istituzione di nuove coppie di treni sull itinerario Mantova Cremona Codogno Milano è una soluzione difficilmente attuabile e che andrebbe a pesare su un equilibrio, in termini di tracce orario e circolazione treni, già di per sé precario. Inoltre, anche dal punto di vista economico, essa richiederebbe l utilizzo di mezzi e personale che si andrebbero a sommare a quelli già impiegati per il servizio ferroviario attuale. Il progetto che qui si propone, e che tiene in considerazione tutti gli aspetti e tutte le criticità precedentemente elencati, prevede l utilizzo della linea Cremona Piacenza per l istituzione di nuovi collegamenti diretti Cremona Piacenza Milano, unito alla razionalizzazione dei collegamenti sull itinerario Mantova Cremona Codogno Milano. Prima di entrare nel dettaglio del progetto, è importante sottolineare il fatto che già esistono, con cadenza oraria, collegamenti regionali le cui stazioni di temine corsa sono Milano e Piacenza. Tali treni effettuano tutte le fermate tra Piacenza e Lodi, e collegano Piacenza con Milano Rogoredo in 50 minuti circa. Nel dettaglio, si propone di: 1) Prolungare l itinerario di alcuni treni Piacenza Milano attualmente in orario fino a Cremona, istituendo quindi una relazione diretta Cremona Piacenza Milano. In questo schema, il materiale rotabile che attualmente staziona a Piacenza in attesa di effettuare il treno successivo su Milano, prosegue fino a Cremona, e da Cremona riparte per raggiungere Piacenza, e poi Milano (si ricorda che la linea Piacenza Castelvetro è stata elettrificata, quindi non esiste il problema del cambio del mezzo di trazione - da elettrico a diesel - nella stazione di Piacenza). Si stima che la tratta Cremona Piacenza (31 km), senza fermate intermedie, possa essere coperta in meno di 20 minuti, arrivando ad un tempo di percorrenza tra Cremona e Milano Rogoredo compreso entro i 70 minuti. E' di ultima notizia la volontà di sopprimere nella tratta Cremona Piacenza e viceversa su undici corsi ben nove,quando la tratta è servita da un numero di viaggiatori non indifferente; si fa presente che la soppressione dei treni sulla tratta di cui sopra, come appreso dalla stampa sarebbe sostituita con autocorse:namissibile.e' a conoscenza di tutti anche dai tecnici, che il trasporto su gomma è notevolmente di spesa superiore a trasporto su ferrovia ed anche più inquinante. 2) Velocizzare i treni sulla Mantova Cremona Codogno Milano, sopprimendo almeno per i treni più frequentati dai pendolari cremonesi, la fermata di Lodi che, con l attuale assetto d orario per cui tutti i treni passeggeri si devono fermare, oltre a costituire un aggravio sui tempi di percorrenza, costituisce un importante collo di bottiglia, fonte di ritardi e perturbazioni alla circolazione per tutti i treni sulla Milano Bologna. Inoltre, si propone di velocizzare l itinerario di ingresso e uscita dalla stazione di Codogno da e verso Cremona sostituendo il deviatoio percorribile a 30 km/h attualmente installato con un deviatoio che permetta il transito sull itinerario deviato a 60 Km/h, ed adeguando contestualmente gli impianti di segnalamento della stazione di Codogno. In questo modo, il tempo di percorrenza tra Cremona e Milano Rogoredo può essere ridotto anche a meno di 50 minuti. L istituzione di coppie di treni Cremona Piacenza Milano permetterebbe di ottenere positivi vantaggi sia per i pendolari che per tutti i cittadini residenti a Cremona. In particolare: 1) La città del Torrazzo vede un raddoppio dei collegamenti con Milano. Al fine di rendere attrattiva l offerta, nelle fasce lontane dal trasporto dei pendolari gli orari di arrivo e partenza da Cremona dei treni Cremona Piacenza Milano dovrebbero essere ad orari lontani dagli orari di arrivo e partenza dei Mantova Cremona Codogno Milano, in modo da evitare inutili sovrapposizioni d offerta di trasporto. Nelle fase dei pendolari, tali collegamenti incrementano l offerta e costituiscono una valida alternativa nel caso in cui si verifichino forti perturbazioni sulla circolazione dei treni MilanoMantova, come ad esempio soppressioni o ritardi dovuti a problemi di infrastruttura ferroviaria. 2) Viene potenziato il collegamento tra Cremona e Piacenza in orari che possono essere attrattivi per gli spostamenti delle persone. Va ricordato che Piacenza è il nodo ferroviario più vicino Cremona per l interscambio con i servizi ferroviari a lunga percorrenza verso l Emilia, verso la dorsale adriatica, verso il Piemonte (itinerario Alessandria Asti Torino) e verso la Liguria (itinerario Voghera Genova). 3) Cremona mantiene comunque un collegamento diretto con Lodi, anche a fronte della soppressione della fermata dei treni Mantova Milano. A tale collegamento si affiancherebbero comunque i collegamenti indiretti che utilizzerebbero i treni Mantova Milano, nella tratta tra Codogno e Cremona. Dal punto di vista dell attuabilità, è necessario considerare che: 1) La linea Castelvetro Piacenza è a binario unico, ma essendo scarsamente utilizzata è comunque in grado di sopportare un aumento del traffico costituito, mediamente, da una coppia di treni ogni due ore. Inoltre, l assenza di passaggi a livello lungo l intera tratta risolve alla radice molte problematiche di circolazione dovute ai guasti a tali apparati. Solo la tratta tra Castelvetro e Cremona (6 km) è in comune con i treni della SG_2011/ di 5

8 Cremona Fidenza, ma anche in questo caso, dato l attuale volume di traffico, si ritiene che l incremento di traffico ferroviario prospettato sia del tutto sostenibile da questa infrastruttura. 2) Il costo dell operazione è decisamente inferiore rispetto all istituzione di nuove coppie di treni: non richiede l introduzione di ulteriori mezzi in quanto si può impiegare lo stesso materiale rotabile già in servizio tra Milano e Piacenza, il personale sarebbe lo stesso che sta fermo a Piacenza in attesa di ripartire per Milano, non servono ulteriori tracce orario tra Piacenza e Milano. 3) Durante la sosta a Piacenza del materiale impiegato per i treni Piacenza Milano non vengono effettuate operazioni di manutenzione, di conseguenza il prolungamento su Cremona non incide sulla programmazione della manutenzione del materiale rotabile. Al limite, saranno da organizzare in modo differente rispetto allo schema attuale i turni di pulizia del materiale rotabile, tenendo comunque presente che la stazione di Cremona dispone del personale addetto alle pulizie. COLLEGAMENTI CREMONA TREVIGLIO E CREMONA BRESCIA I collegamenti ferroviari tra Cremona e Treviglio e tra Cremona e Brescia sono articolati su un orario cadenzato che prevede una coppia di treni ogni ora per ciascuna linea. La percorrenza media tra Cremona e Treviglio (65 km) è di 70 minuti e la percorrenza media tra Cremona e Brescia (51 km) è di 58 minuti, a cui corrisponde una velocità commerciale inferiore a 60 km/h. Il collegamento con Brescia, oltre che per i pendolari che lavorano a Brescia, è importante in quanto Brescia costituisce il nodo ferroviario più vicino a Cremona per l interscambio con la lunga percorrenza diretta ad est (Veneto, Friuli) e verso nord (Trentino Alto Adige, Austria). Il collegamento con Treviglio riveste una duplice importanza: costituisce il nodo di interscambio utilizzato dai residenti nel cremasco che devono raggiungere Milano ed è il nodo di interscambio per il collegamento tra Cremona e Bergamo. L infrastruttura ferroviaria su cui si svolgono tali servizi è obsoleta, costituita da linee a binario unico e con molti passaggi a livello. Inoltre, i treni in servizio tra Cremona e Treviglio e tra Cremona e Brescia non possono usufruire di un infrastruttura a loro dedicata, in quanto: 1. Il tratto Cremona Olmeneta (11 km) è utilizzato sia dai treni Cremona Treviglio e che dai treni Cremona Brescia. 2. Il tratto S. Zeno Brescia (7 km) è utilizzato sia dai treni Cremona Brescia che dai treni Brescia Parma. Infine, è necessario considerare che la linea Cremona Brescia è utilizzata anche per il traffico merci. L aumento della frequenza delle corse è impensabile, sia per questioni tecniche relative alla saturazione dell infrastruttura ferroviaria, sia per ragioni economiche di razionalizzazione dei servizi ferroviari in relazione al bacino d utenza servito. I tempi di percorrenza richiedono comunque un netto miglioramento al fine di rendere competitivo il vettore ferroviario rispetto ai servizi autostradali o al mezzo privato, con conseguenti benefici ambientali e di sicurezza. Allo stato attuale, i tempi di percorrenza sono legati all infrastruttura ferroviari che obbliga ad incroci lungo la linea, e il ritardo di un treno si ripercuote sulla puntualità di tutti gli altri treni in linea. Inoltre, a causa dei tratti di infrastruttura condivisi da più direttrici, le perturbazioni su una direttrice creano ulteriori ritardi anche ai treni di altre direttrici. Sotto questo aspetto, la tratta Cremona Olmeneta è quella che presenta le maggiori criticità. La presenza di un tratto di raddoppio (denominato Posto di Movimento 5 ) al centro della tratta, in cui i treni possono sostare per incrocio avendo già percorso metà strada tra Cremona e Olmeneta, non è più sufficiente per garantire la regolare circolazione di tutti i convogli che, con l impostazione attuale, sono presenti in questo tratto di linea. Al fine di migliorare i servizi ferroviari, ovvero ridurre i tempi di percorrenza e, contestualmente, garantire una maggiore puntualità, è necessario adottare interventi infrastrutturali su entrambe le linee considerate. Premesso che il raddoppio del binario sull intera tratta sarebbe la soluzione migliore, In particolare, si rende necessario: 1. Il raddoppio del binario della tratta Cremona Olmeneta, in modo da separare il traffico ascendente da Cremona verso Brescia e Treviglio dal traffico discendente che, in partenza da Olmeneta, deve raggiungere Cremona. In questo modo, non è più necessario programmare alcun incrocio tra Cremona e Olmeneta. Il Posto di Movimento 5, non più strettamente necessario, potrebbe essere mantenuto in servizio come Posto di Comunicazione per permettere una maggior flessibilità di esercizio di questa tratta ferroviaria. 2. Tutte le stazioni dotate di binari di incrocio devono essere ammodernate, realizzando i sottopassaggi ed installando deviatoi che permettano il transito sull itinerario deviato a 60 Km/h. I sottopassaggi, oltre che a costituire un elemento fondamentale per l incremento della sicurezza dei viaggiatori, permettono di rendere indipendente l ingresso in stazione dei treni incrocianti (senza sottopassaggio, in caso di incrocio, prima SG_2011/ di 5

9 deve entrare il treno che effettua servizio viaggiatori sul binario più lontano dal fabbricato di stazione, e solo dopo che ha terminato di caricare e scaricare i viaggiatori può entrare l incrociante per effettuare il suo servizio viaggiatori). Inoltre, la possibilità di effettuare incroci percorrendo i rami deviati a 60 km/h, in luogo dei 30 km/h canonici, permette di ridurre ulteriormente i tempi necessari all operazione di incrocio che, su linea a binario unico, rappresenta la principale fonte di allungamento dei tempi di percorrenza. E importante che tutti gli interventi che si andranno ad attuare sulle infrastrutture siano compatibili con un eventuale raddoppio dell intera linea ferroviaria, così che gli investimenti fatti non vengano buttati via in futuro. Si sottolinea infine che un progetto di ammodernamento di una linea secondaria, del tutto simile a quanto proposto per le linee che collegano Cremona con Treviglio e Brescia, è stato portato a termine con successo sulla linea della Val Pusteria da Fortezza SanCandido. SI CHIEDE Al Presidente della Provincia di coinvolgere l'intero consiglio Provinciale e di votare questa mozione affinché vengano svolte tutte le azioni possibili a tutti i livelli istituzionali e presso la Dirigenza di Trenitalia al fine di prendere in considerazione la fattibilità di tale proposta progettuale, e di evitare con tutto L'impegno di sopprimere le nove corse delle undici tratta Piacenza Cremona. Cremona Clara Rita Milesi Capogruppo Provinciale Italia dei Valori SG_2011/ di 5

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali,

Signor Presidente, signore Consigliere comunali, signori Consiglieri comunali, Messaggio municipale 7/2012 accompagnante la richiesta di un credito di fr. 700'000 per la progettazione definitiva della tappa prioritaria della rete tram Signor Presidente, signore Consigliere comunali,

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda

TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda TCS Carta Aziendale Soccorso stradale e protezione giuridica circolazione per veicoli aziendali TCS Carta Aziendale: assistenza su misura per la Sua azienda Un problema in viaggio? Ci pensa il Suo pattugliatore

Dettagli

SMART MOVE: un autobus per amico

SMART MOVE: un autobus per amico SMART MOVE: un autobus per amico "SMART MOVE" è la campagna internazionale promossa dall'iru (International Road Transport Union) in tutti i Paesi europei con l'obiettivo di richiamare l'attenzione di

Dettagli

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione

20 novembre 2013. Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione 20 novembre 2013 Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. Le nuove tratte autostradali in fase di realizzazione PRINCIPALI INTERVENTI SU GOMMA PREVISTI NELLA REGIONE URBANA MILANESE La rete in gestione:

Dettagli

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI

MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI MA NDO VAI... ROMANI IN MOVIMENTO TRA CRISI ECONOMICA E MODELLI ALTERNATIVI In questa fermata Audimob, l analisi dei dati si sofferma sui comportamenti in mobilità dei romani e dei residenti nei comuni

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso

Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso Studio di fattibilità di un nuovo casello autostradale in corrispondenza dell interconnessione A4 - A22 e della relativa viabilità di accesso INQUADRAMENTO GENERALE Intersezione Corridoio I (Berlino- Palermo)

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia

LA VALUTAZIONE PUBBLICA. Altri ponti. di Pierluigi Matteraglia LA VALUTAZIONE PUBBLICA Altri ponti di Pierluigi Matteraglia «Meridiana», n. 41, 2001 I grandi ponti costruiti recentemente nel mondo sono parte di sistemi di attraversamento e collegamento di zone singolari

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 La sicurezza nelle stazioni. L impegno di RFI nel consolidamento della rete territoriale. Roma 27 giugno 2006 Disagio sociale 1. L altro ed il diverso 2. Aree di disagio sociale

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO Valido dal 1 Gennaio 2015 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Descrizione della Nuova Struttura Tariffaria...4 2.1 Classe Tariffaria URBANO NAPOLI... 6 2.2 Classe Tariffaria URBANO

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma

Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale su ferro e su gomma Regione Lazio Osservatorio per la Valutazione e la Qualità dei Servizi SISTAR-Lazio Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR Il pendolarismo e la valutazione del trasporto pubblico regionale

Dettagli

- DIREZIONE SOCIALE. INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI

- DIREZIONE SOCIALE. INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI - DIREZIONE SOCIALE INDAGINE sulle STRUTTURE EDUCATIVE (Comunità, Istituti, Case Famiglia..) di accoglienza dei MINORI Scheda di rilevazione Ambito Distrettuale di.. Nr. data di nascita M/F disabilità

Dettagli

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE

LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE LE ROTATORIE DI SECONDA GENERAZIONE Alcuni criteri di pianificazione delle rotatorie Cenni alla manualistica della Regione Piemonte, della Regione Lombardia e di altri Paesi europei Torino, 14 DICEMBRE

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007

Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Mobility Management Piano Spostamenti casa-lavoro 2007 Hera Imola-Faenza, sede di via Casalegno 1, Imola La normativa vigente: D.M. 27/03/1998, decreto Ronchi Mobilità sostenibile nelle aree urbane Le

Dettagli

QUESTIONI REGOLATORIE RELATIVE ALLA ASSEGNAZIONE IN ESCLUSIVA DEI SERVIZI DI OSSERVAZIONI DI ROMA CAPITALE. Assessorato alla Mobilità e Trasporti

QUESTIONI REGOLATORIE RELATIVE ALLA ASSEGNAZIONE IN ESCLUSIVA DEI SERVIZI DI OSSERVAZIONI DI ROMA CAPITALE. Assessorato alla Mobilità e Trasporti QUESTIONI REGOLATORIE RELATIVE ALLA ASSEGNAZIONE IN ESCLUSIVA DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO LOCALE Documento di consultazione OSSERVAZIONI DI ROMA CAPITALE Assessorato alla Mobilità e Trasporti 29

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

O r.s.a. In form a AGGRESSIONI PDA INIZIAMO VERAMENTE A RISOLVERE IL PROBLEMA

O r.s.a. In form a AGGRESSIONI PDA INIZIAMO VERAMENTE A RISOLVERE IL PROBLEMA O r.s.a. In form a AGGRESSIONI PDA INIZIAMO VERAMENTE A RISOLVERE IL PROBLEMA L azienda mette in atto alcune iniziative che riteniamo insufficienti (antievasione/filtri a terra/affiancamenti tutor/ nuova

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA

CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA CAPITOLO 3 CARATTERISTICHE DELL INFRASTRUTTURA 3.1 INTRODUZIONE (aggiornamento dicembre 2013) Il capitolo descrive le principali caratteristiche delle linee e degli impianti che costituiscono l infrastruttura

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

INCROCI CON ROTATORIA

INCROCI CON ROTATORIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / INCROCI E ATTRAVERSAMENTI INCROCI CON ROTATORIA Visione d insieme Le rotatorie semplici a una sola corsia costituiscono il tipo di incrocio più sicuro

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo?

GIORGIO MOTTOLA Chiedo scusa, io avevo preso il biglietto ad Alta Velocità per il treno delle 14.20. Posso prendere questo? IL BIGLIETTO INFLESSIBILE di Giorgio Mottola CLAUDIA DI PASQUALE Tutto si gioca sull Alta Velocità. Intanto i pendolari si devono arrangiare perché sembra che non interessino a nessuno. Ma i passeggeri

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020

QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 QUESTIONARIO CANDIDATURA ITALIANA GIOCHI DELLA XXXII OLIMPIADE 2020 documento redatto sulla base del questionario CIO Candidature Acceptance Procedure Games of the XXXI Olympiad 2016 PREMESSA ESTRATTO

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO.

STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. STUDI PER LA FORMAZIONE DEL PARCO DI INTERESSE SOVRACOMUNALE DEL FIUME TORMO. Provincia di BERGAMO Comune di Arzago d'adda. Provincia di CREMONA Comuni di Agn adello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco,

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento.

IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. 1 IL MOTO. 1 - Il moto dipende dal riferimento. Quando un corpo è in movimento? Osservando la figura precedente appare chiaro che ELISA è ferma rispetto a DAVIDE, che è insieme a lei sul treno; mentre

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria

Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Azionamenti elettrici per la trazione ferroviaria Ing. Antonino Oscar Di Tommaso Università degli Studi di Palermo DIEET (Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni) Ing.

Dettagli

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee

Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee Quale governance per le Aree metropolitane europee? Roger Read. Architetto e Urbanista Segretario Generale di METREX, la Rete delle Regioni e delle aree metropolitane europee METREX Nye Bevan House 2 20

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA

VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA VARIANTE ESTERNA ALL ABITATO DI TORTONA Responsabile del procedimento arch. Sergio Manto SCR Piemonte S.p.A. Referenti del R.U.P. ing. Claudio Trincianti - arch. Massimo Morello Progettisti Sina S.p.A.

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario

Le prossime 6 domande fanno riferimento alla seguente tavola di orario ferroviario Esercizi lezioni 00_05 Pag.1 Esercizi relativi alle lezioni dalla 0 alla 5. 1. Qual è il fattore di conversione da miglia a chilometri? 2. Un tempo si correva in Italia una famosa gara automobilistica:

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia

Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Neet: i giovani che non studiano, non frequentano corsi di formazione e non lavorano in Lombardia Caratteristiche e cause del fenomeno e analisi delle politiche per contenerlo e ridurlo AGOSTO 2011 Not

Dettagli

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico

Sistemi d informazione innovativi per il trasporto pubblico O9 P o l i c y A d v i C E n ot e s innovativi per il trasporto L iniziativa CIVITAS è un azione europea che sostiene le città nell attuazione di una politica integrata dei trasporti sostenibile, pulita

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 00 Soluzione degli esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio. Un corpo parte da fermo con accelerazione

Dettagli

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI

L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI L EFFICIENZAENERGETICANEITRASPORTI A cura di: G. Messina, M.P. Valentini, G. Pede INDICE 1. QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO E NAZIONALE 5 Normativa e indirizzi politici 5 Analisi energetica del settore 5

Dettagli

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa

Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Appello all azione: 10 interventi chiave per portare più gente in bicicletta più spesso in Europa Manifesto dell'ecf per le elezioni al Parlamento Europeo del 2014 versione breve ECF gratefully acknowledges

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato

Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Liceo Carducci Volterra - Classe 3 a B Scientifico - Francesco Daddi - 8 novembre 010 Esercizi sul moto rettilineo uniformemente accelerato Esercizio 1. Un corpo parte da fermo con accelerazione pari a

Dettagli

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013

Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 27 del 12 marzo 2013 Controllo dei progetti

Dettagli

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO 5 Transpadano

ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA. CORRIDOIO 5 Transpadano ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA CORRIDOIO 5 Transpadano Dicembre 2008 1. Inquadramento territoriale e programmatico a) Rete TEN-T europea asse prioritario n 6 Lione - Lubiana

Dettagli

1^A - Esercitazione recupero n 4

1^A - Esercitazione recupero n 4 1^A - Esercitazione recupero n 4 1 In un cartone animato, un gatto scocca una freccia per colpire un topo, mentre questi cerca di raggiungere la sua tana che si trova a 5,0 m di distanza Il topo corre

Dettagli

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche della Mobilità e del Trasporto Pubblico Locale LAZIOSERVICE S.p.A. Progetto Trasporti Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di Obiettivi

Dettagli

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1.

Correnti Vaganti 29/10/2007 9.18. GRIFONE\Road Show Presentation\New Road Show Presentation\19 Road-Show presentation (No Pansa).ppt 1. Correnti Vaganti Introduzione Correnti Vaganti Una struttura metallica in un mezzo avente conducibilità ionica, quale ad esempio acqua, terreno o calcestruzzo, nel quale sia presente un campo elettrico

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino)

OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) OpenStreetMap a servizio della Pubblica Amministrazione: l'esperienza di B.U.NE.T. (Bicycle Urban NEtwork in Torino) Mappathon, 9 Aprile 2015 Relatore: Danilo Botta, Project Manager, 5T S.r.l. La genesi

Dettagli

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7

COMMISSIONE EUROPEA. Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 15.01.2010 C (2010) 7 Oggetto: Aiuto di Stato N 540/2009 - Francia Proroga dell aiuto NN 155/2003 Realizzazione di un servizio sperimentale di autostrada ferroviaria e Aiuto

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Ufficio XIII - Cremona Prot. MIUR AOO USPCR RU/5402 Cremona, 30 Agosto 2012 IL DIRIGENTE VISTO il

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E

I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E I T E M P I D I G U I D A A L L A B A S E D E L L E A N A L I S I G E O G R A F I C H E U N O S T R U M E N T O F A C I L E, P R E C I S O E D E F F I C I E N T E ChronoMap è lo strumento ideale per le

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano

2000 ho conseguito una laurea in giurisprudenza discutendo una tesi in diritto penitenziario con la dott.sa Presutti all Università di Milano mi chiamo Marco Girardello lavoro per la Fondazione Casa di Carità dal 2001 allor quando le azioni in carcere erano promosse dal C.F.P.P. Casa di Carità Onlus provengo da un background di studi giuridici

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli