OGGETTO: Il Consiglio Provinciale nella seduta del...

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "OGGETTO: Il Consiglio Provinciale nella seduta del..."

Transcript

1 N.... di prot. Competenza CONSIGLIO PROVINCIALE Delibera pubblicata il Delibera esecutiva il OGGETTO: MOZIONE DI INDIRIZZO PRESENTATA DALLA CONS. MILESI AVENTE AD OGGETTO: "L'INADEGUATEZZA DEL SERVIZIO FERROVIARIO LOMBARDO - LA PROVINCIA DI CREMONA NON È LA CENERENTOLA DELLA LOMBARDIA". Il Consiglio Provinciale nella seduta del... ha approvato l oggetto con atto n.... I.E. ha approvato la mozione/l odg con atto n.... ha respinto la mozione/l odg con atto n.... ha trattato l interrogazione con atto n.... ha trattato/preso atto ha preso atto della comunicazione con atto n.... ha rinviato IL SEGRETARIO PROVINCIALE SG_2011/ di 4

2 Al Sig.Presidente del Consiglio Al Sig. Presidente All'Assessore competente OGGETTO:Mozione d'indirizzo -"L'inaguadezza del servizio ferroviario lombardo - La Provincia di Cremona non è la Cenerentola della Lombardia " CLARA RITA MILESI IdV PREMESSO CHE la rete ferroviaria di Regione Lombardia presenta diverse criticità, risulta inadeguata allo sviluppo della Lombardia e presenta gravi limiti di capacità, in particolare per quanto riguarda il nodo di Cremona; considerato che la città di Cremona potrebbe rivestire un ruolo importante nella rete ferroviaria regionale, in quanto essa è "centrale" per diverse linee (vedi allegato); Cremona si trova infatti al centro rispetto a due assi ferroviari: 1.ovest-est, la linea MI-VE; 2.nord-sud, la linea MI BO FI - RM - NA; ma purtroppo è collegata ad essi da infrastrutture ferroviarie inadeguate in quanto tutte a semplice binario.analizzando nello specifico: 1)MN-CR-MI E la linea più sfruttata dai pendolari cremonesi. Nel tratto tra MN e Codogno si ha un binario unico che obbliga i treni ad incrociare -L'incrocio in termine ferroviario è un elemento fortemente vincolante (non solo perché riduce la capacità di una linea) sopratutto in casi di: ritardi di un treno: esso scatena ritardi a catena anche per treni che seguono ed incrocianti in senso opposto; guasto all infrastruttura ferroviaria (deviatoi, rete elettrica, ); guasto in linea di un treno con conseguente blocco dell intera tratta di linea. considerato che al binario unico è associata (vista la vetustà) la presenza di numerosi passaggi a livello (PL), i quali molto spesso si guastano per vari motivi: problemi sistema meccanico delle sbarre; abbattimento delle sbarre da parte di autoveicoli, ecc; considerato che entrambi i tipi di guasto (eliminabili con l'eliminazione progressiva dei PL per dei sottopassi), causano quotidianamente enormi e costanti ritardi a catena; considerato che nel tratto Codogno MI la linea è a doppio binario in quanto si ha l'innesto sulla linea MI-BO (non AV). I problemi che i pendolari di questa linea affrontano sono: ritardi che si originano prevalentemente (per le ragioni esposte) nel tratto Codogno-MN; scarsa pulizia dei convogli che però sono di recente fabbricazione, cioè i treni a 2 piani detti "Vivalto"; numero insufficiente di vetture ad ospitare in condizioni dignitose i passeggeri, o meglio spesso presenti in numero adatto, ma alcune chiuse a causa di : riscaldamenti guasti; mancanza del numero minimo di personale di Trenitalia le Nord (TLN); 2)La linea CR-Crema -Treviglio -MI è una seconda via per Mi (da CR) che tuttavia non è molto utilizzata a causa del maggior tempo di percorrenza rispetto alla Codogno (1h40min circa contro 1h pur essendoci più o meno lo stesso chilometraggio). La causa della maggior lentezza è dovuta al fatto che da Cremona fino a Treviglio (passando per Crema) si ha una linea a semplice binario, dunque con Passaggi a Livello e per questa ragione anche le ferrovie su questa linea non hanno mai istituito (a differenza della MN-CR-MI) treni diretti da Cr a MI (via Treviglio) se non ad eccezione di alcune ore: mattino presto (5-6.00) da Cremona; tardo pomeriggio (dalle da MI in poi); in tutte le altre ore (centrali della giornata) il servizio è così eseguito: da Cremona a Treviglio-treno regionale con fermata in tutte le stazioni (compresa Crema che è il centro più importante della linea dopo Cremona); cambio treno da Treviglio a Milano: treni suburbani con fermate in tutte le stazioni e arrivano nelle stazioni ferroviarie di Milano Passante (e poi proseguono per Varese); SG_2011/ di 4

3 Treni Regionali veloci provenienti da BS o VR e diretti nella stazione di MI Lambrate o centrale. Considerato che Crema è dotata anche di un collegamento con autobus con MI (metrò M3) (gestito da Adda Trasporti) il quale tuttavia (in misura maggiore che il treno) è soggetto a ritardi dovuti : al traffico (attualmente incrementato causa lavori raddoppio Paullese); incidenti; Sul tratto ferroviario CR-Treviglio è in servizio un cadenzamento orario (1 treno/ora), così come sulla linea Treviglio- BG (in cui nelle ore di punta anche 1 treno ogni 30'9, mentre il servizio suburbano per MI (passante)-varese il cadenzamento è ogni 30'; I problemi della Cremona Treviglio sono : Binario unico; presenza passaggia a livello: che implicano ritardi in caso di inconvenienti; tempi di percorrenza elevati a causa delle numerose fermate; Treviglio, in vista della futura estensione del quadruplicamento della MI Treviglio fino a BS diverrà un collegamento per Brescia ancora più efficiente consentendo così di avere: linea storica che passa in tutti i paesi (servizi locali); linea ad "alta velocità" esterna dedicata ai servizi a medio e lungo raggio. Tale linea rientra nel progetto del corridoio Europeo "5" Lisbona Kiev. Allo stato attuale Treviglio è una sorta di "tappo" in cui i treni a media percorrenza provenienti da Mi e diretti a VR sono spesso costretti a fermarsi per lasciare transitare la lunga percorrenza per VE. 3) La LINEA CR-BS è una linea a binario unico con le già citate criticità, il servizio prevede anche qui il "cadenzamento orario" con una percorrenza di circa 60 min, per una tratta di 50 km: tempo elevato causa fermate in tutte le stazione; come si evince dalla carta allegata le linee : CR-Treviglio CR-BS hanno in comune il tratto CR-Olmeneta a semplice binario, ciò costituisce una forte criticità, tale tratta (discretamente lunga circa 10Km è dotata di unsolo posto di incrocio (a metà = KM 5 da CR) e un ritardo di un treno su una sola di queste 2 linee si ripercuote anche sull'altra: Per questa ragione è auspicabile in prima istanza almeno il raddoppio del tratto CR-Olmeneta come 1 passo. Non va dimenticato che che, per buona parte, lo stato delle "NOSTRE" linee c'è costato il cosidetto "pendolino"(eurostar-es) BG-RM. Infatti tale treno si effettua ancora ma non passa più per Cremona (cioè non fa più il giro BG-BS-CR-FIDENzA-BO) bensì da BS prosegue per VR, da qui percorre la nuova linea raddoppiata VR-BO (la cui ultimazione del raddoppio è stata "spinta" dopo il tragico incidente ferroviario Rio di Crevalcòre) e fino a RM, per un viaggio tutto su linee a doppio binario veloci e dotate di un infrastruttura adatta per l esercizio con materiale ES. 4)linea CR-PC e CR FIDENZA: anch'esse a semplice binario e speculari all caso CR-BS CR-Treviglio, in quanto hanno in comune il tratto CR -Castelvetro Piacentino. la CR-PC è di recente elettrificazione; entrambe le linee potrebbero essere in caso di raddoppio una interessante via di traffico merci provenienti ad esempio dai porti di GE-SP e Livorno e diretto verso il Nord (asse VE-Brennero) o Est (Venezia-Trieste) passando per Cremona MN- VR ed evitando il già congestionato nodo di Milano. Ma la criticità maggiore che colpisce i cremonesi per quel che riguarda la tratta PC CR è la sospensione totale del servizio la domenica e per tutto il mese di Agosto, costringendo l utenza a raggiungere PC in auto. 5)la linea Cremona -Codogno-Pavia per quel che riguarda le criticità del tratto Cr -Codogno sono state già esplicitate; da Codogno poi per un breve tratto, fino a Casalpusterlengo, la linea è in comune con la Bo-MI, per poi deviare a sx ed arrivare fino a Pavia. Il tratto Casalpusterlengo-Pavia è a semplice binario e privo di elettrificazione, il che implica la possibilità di utilizzare solo mezzi a trazione diesel su tale tratta. Il servizio per i viaggiatori è così composto: Cremona-Codogno; cambio treno Codogno -Pavia non è presente a tutte le ore, in quanto concentrato negli orari degli studenti i mezzi diesel in servizio sono antiquati, molto più rispetto a quelli delle altre linee "cremonesi" elettrificate, il servizio da codogno e Pavia è lento perchè anche qui si effettuano fermate in tutte le piccolissime stazioni presenti sulla linea. 6)la linea Bs -PR: anch'essa a binario unico e non elettrificata come la Casalpusterlengo - Pavia;essa ha un parco mezzi antiquato e a trazione diesel. La linea presenta una notevole lunghezza (92 Km),con tempi di percorrenza elevati anche a causa delle numerose fermate. Su di essa vi è la cittadina capoluogo del "casalasco" Casalmaggiore, collegata in maniera pessima al resto della provincia Cremonese anche causa dello scarso numero di corse presenti su tale linea. SG_2011/ di 4

4 Risulta perciò necessario raggiungere con altri mezzi Piadena o la stessa Cremona. In conclusione: Cremona è una provincia che ha i suoi 3 centri principali (CR-Crema-Casalmaggiore) non ben collegati e mal collegata agli assi ferroviari principali italiani. Solo una visione lungimirante sarebbe in grado di assicurare al territorio tutto un adeguato collegamento col resto della regione ma non solo per far ciò è necessario dotarsi di infrastrutture adeguate; tempi certi esigenze di mobilità di persone e merci adeguati ai giorni nostri; Nell'ottica della sostenibilità ambientale è auspicabile un aumento trasporto "su ferro" delle merci, ma da conciliarsi col resto del trasporto è necessario dotarsi di infrastrutture adeguate. La Provincia di Cremona ne è sprovvista e se non vuole rimanere isolata dal resto della rete è necessario correre presto a ripari. E necessario che venga iscritto urgentemente nell'agenda politica regionale e cremonese la discussione per il potenziamento ferroviario; e per questo è necessario istituire al più presto un tavolo tecnico-politico provinciale, anche con le province limitrofe, che possa affrontare tale tematica aperta ad un confronto con i portatori d'interesse locali. Considerate le problematiche riscontrate da anni dai pendolari del territorio cremonese; Alla luce di quanto sopra si chiede al Sig. Presidente, in un'ottica di sostenibilità ambientale, di coivolgere l'intero Consiglio al fine di sollecitare concretamente la Regione Lombardia a finanziare e potenziare le linee ferroviarie intersecanti il nodo di Cremona, in particolare la linea Milano-CR- MN anche in funzione dell'expo 2015; tale potenziamento della linea faciliterebbe in modo adeguato il collegamento tra città d'arte: Milano, Cremona, Mantova, in quanto il raddoppio della sola tratta Cremona Cavatigozzi può essere considerato solo un primo passo, ma non la risoluzione di tutti i problemi della linea MI MN. Il raddoppio della tratta Cremona Olmeneta, come primo passo importante verso un ammodernamento delle linee Cremona - Treviglio e Cremona Brescia che le porterebbe ad un raddoppio realizzabile per tappe per mezzo di raddoppi di singole tratte di maggior interesse e fruizione come ad esempio Crema- Treviglio; la progressiva eliminazione su tutte le linee dei PL, in accordo con Rete Ferroviaria Italiana (RFI), al fine aumentare la sicurezza di marcia sia dei convogli ferroviari, sia degli utenti della strada e riducendo al tempo stesso i disagi per i pendolari causati dai ritardi dovuti a guasti dei suddetti. Cremona Clara Rita Milesi Capogruppo IDV SG_2011/ di 4

5 N.... di prot. Competenza CONSIGLIO PROVINCIALE Delibera pubblicata il Delibera esecutiva il OGGETTO: MOZIONE URGENTE PRESENTATA DALLA CONS. MILESI RELATIVA AD UN PROGETTO DI MIGLIORAMENTO DEI COLLEGAMENTI FERROVIARI AFFERENTI AL NODO DI CREMONA. Il Consiglio Provinciale nella seduta del... ha approvato l oggetto con atto n.... I.E. ha approvato la mozione/l odg con atto n.... ha respinto la mozione/l odg con atto n.... ha trattato l interrogazione con atto n.... ha trattato/preso atto ha preso atto della comunicazione con atto n.... ha rinviato IL SEGRETARIO PROVINCIALE SG_2011/ di 5

6 Al Presidente della Provincia Massimiliano Salini Al Presidente del Consiglio Provinciale Carlalberto Ghidotti OGGETTO:MOZIONE urgente D'INDIRIZZO PROGETTO DI MIGLIORAMENTO COLLEGAMENTI FERROVIARI AFFERENTI AL NODO DI CREMONA (Clara Rita MILESI idv) COLLEGAMENTO CREMONA MILANO Il collegamento ferroviario tra Cremona e Milano, allo stato attuale, è articolato su un orario cadenzato che prevede una coppia di treni ogni due ore; fanno eccezione le fasce orarie del mattino e della sera, nelle quali i collegamenti ferroviari per e da Milano, rispettivamente, hanno una cadenza pressoché oraria. Tali collegamenti sono affidati a treni regionali Milano Mantova, i quali percorrono 91 km, da Mantova a Codogno, su linea a binario unico ed i restanti 60 km sulla linea Milano Bologna. La velocità commerciale e la puntualità di questi treni sono fortemente influenzate dai limiti dell infrastruttura ferroviaria che essi percorrono. In particolare: Sulla linea Codogno Mantova circolano normalmente convogli per il servizio locale e treni merci: a causa del binario unico l esercizio ferroviario deve prevedere soste per incroci e/o precedenze nelle stazioni intermedie. Con tale schema, il ritardo di un treno si ripercuote inevitabilmente sulla puntualità di tutti gli altri treni in linea, creando perturbazioni i cui effetti si possono protrarre per ore proprio perché la linea è già sfruttata praticamente al massimo delle sue potenzialità. La linea Codogno Mantova è caratterizzata dalla presenza di numerosi passaggi a livello (si parla di diverse decine), specialmente nella tratta tra Cremona e Mantova. I guasti ai passaggi a livello, dovuti sia a cause naturali che a scarsa manutenzione, sono frequenti e, nella migliore delle ipotesi, causano ritardi di almeno minuti ai treni in circolazione. La tratta Codogno Milano, percorsa sulla linea Milano Bologna, è caratterizzata da altre criticità principalmente legate alla circolazione di numerosi convogli con diverse impostazioni d orario. Per il rispetto dell orario risulta fondamentale che ogni treno che utilizza questa infrastruttura rispetti la propria traccia orario. Nel caso dei Milano Mantova, questa affermazione si traduce nella necessità di arrivare in orario a Codogno, dopo aver percorso 91 km di linea a binario unico, con tutte le problematiche precedentemente elencate. Un immediato miglioramento del servizio ferroviario tra Cremona e Milano è auspicabile e necessario per lo sviluppo del territorio, anche in relazione all offerta in termini di collegamenti ferroviari tra altre città della Lombardia, come Brescia, Bergamo, Pavia, Varese, Come e Lecco (ma anche città di regioni confinanti come Piacenza e Novara) con il Capoluogo Meneghino. L esperienza maturata in altre realtà, come Bergamo o Lecco, dimostra che un netto miglioramento del servizio ferroviario è attuabile solo con interventi infrastrutturali sulla rete, in primo luogo procedendo ai raddoppi delle tratte a binario unico, opere che richiedono tempo ed investimenti ingenti. Il progetto di raddoppio tra Cremona e Cavatigozzi è da considerarsi un primo ed importante passo per il miglioramento delle condizioni di circolazione sulla tratta Mantova Codogno; è però importante sottolineare che tale intervento non potrà aumentare sensibilmente la capacità di trasporto della linea, in quanto resterebbero comunque 85km di linea a binario unico. Nei progetti a lungo termine, è auspicabile pianificare il raddoppio dell intera linea Codogno Mantova (magari procedendo per lotti ed iniziando dalla Cremona/Codogno che, attualmente, risulta essere la sezione di linea maggiormente congestionata). Solo in questo modo è infatti possibile incrementare la capacità di trasporto della linea, offendo ai territori un arteria di comunicazione efficiente ed in grado di aumentarne l attrattività sia per l insediamento di persone che di aziende. Nel breve periodo gli interventi da poter attuare possono riguardare solo una razionalizzazione ed un ottimizzazione dell esistente, accompagnato ad interventi infrastrutturali di piccola entità che, per loro natura, possono essere attuati in tempi e con oneri del tutto accettabili. In questo quadro, qualunque progetto di miglioramento dei collegamenti ferroviari tra Cremona e Milano si scontra con un infrastruttura ferroviaria che, elettrificazione a parte, è comunque rimasta ferma agli standard di esercizio di SG_2011/ di 5

7 inizio 900. Vista la condizione di saturazione di questa infrastruttura, l istituzione di nuove coppie di treni sull itinerario Mantova Cremona Codogno Milano è una soluzione difficilmente attuabile e che andrebbe a pesare su un equilibrio, in termini di tracce orario e circolazione treni, già di per sé precario. Inoltre, anche dal punto di vista economico, essa richiederebbe l utilizzo di mezzi e personale che si andrebbero a sommare a quelli già impiegati per il servizio ferroviario attuale. Il progetto che qui si propone, e che tiene in considerazione tutti gli aspetti e tutte le criticità precedentemente elencati, prevede l utilizzo della linea Cremona Piacenza per l istituzione di nuovi collegamenti diretti Cremona Piacenza Milano, unito alla razionalizzazione dei collegamenti sull itinerario Mantova Cremona Codogno Milano. Prima di entrare nel dettaglio del progetto, è importante sottolineare il fatto che già esistono, con cadenza oraria, collegamenti regionali le cui stazioni di temine corsa sono Milano e Piacenza. Tali treni effettuano tutte le fermate tra Piacenza e Lodi, e collegano Piacenza con Milano Rogoredo in 50 minuti circa. Nel dettaglio, si propone di: 1) Prolungare l itinerario di alcuni treni Piacenza Milano attualmente in orario fino a Cremona, istituendo quindi una relazione diretta Cremona Piacenza Milano. In questo schema, il materiale rotabile che attualmente staziona a Piacenza in attesa di effettuare il treno successivo su Milano, prosegue fino a Cremona, e da Cremona riparte per raggiungere Piacenza, e poi Milano (si ricorda che la linea Piacenza Castelvetro è stata elettrificata, quindi non esiste il problema del cambio del mezzo di trazione - da elettrico a diesel - nella stazione di Piacenza). Si stima che la tratta Cremona Piacenza (31 km), senza fermate intermedie, possa essere coperta in meno di 20 minuti, arrivando ad un tempo di percorrenza tra Cremona e Milano Rogoredo compreso entro i 70 minuti. E' di ultima notizia la volontà di sopprimere nella tratta Cremona Piacenza e viceversa su undici corsi ben nove,quando la tratta è servita da un numero di viaggiatori non indifferente; si fa presente che la soppressione dei treni sulla tratta di cui sopra, come appreso dalla stampa sarebbe sostituita con autocorse:namissibile.e' a conoscenza di tutti anche dai tecnici, che il trasporto su gomma è notevolmente di spesa superiore a trasporto su ferrovia ed anche più inquinante. 2) Velocizzare i treni sulla Mantova Cremona Codogno Milano, sopprimendo almeno per i treni più frequentati dai pendolari cremonesi, la fermata di Lodi che, con l attuale assetto d orario per cui tutti i treni passeggeri si devono fermare, oltre a costituire un aggravio sui tempi di percorrenza, costituisce un importante collo di bottiglia, fonte di ritardi e perturbazioni alla circolazione per tutti i treni sulla Milano Bologna. Inoltre, si propone di velocizzare l itinerario di ingresso e uscita dalla stazione di Codogno da e verso Cremona sostituendo il deviatoio percorribile a 30 km/h attualmente installato con un deviatoio che permetta il transito sull itinerario deviato a 60 Km/h, ed adeguando contestualmente gli impianti di segnalamento della stazione di Codogno. In questo modo, il tempo di percorrenza tra Cremona e Milano Rogoredo può essere ridotto anche a meno di 50 minuti. L istituzione di coppie di treni Cremona Piacenza Milano permetterebbe di ottenere positivi vantaggi sia per i pendolari che per tutti i cittadini residenti a Cremona. In particolare: 1) La città del Torrazzo vede un raddoppio dei collegamenti con Milano. Al fine di rendere attrattiva l offerta, nelle fasce lontane dal trasporto dei pendolari gli orari di arrivo e partenza da Cremona dei treni Cremona Piacenza Milano dovrebbero essere ad orari lontani dagli orari di arrivo e partenza dei Mantova Cremona Codogno Milano, in modo da evitare inutili sovrapposizioni d offerta di trasporto. Nelle fase dei pendolari, tali collegamenti incrementano l offerta e costituiscono una valida alternativa nel caso in cui si verifichino forti perturbazioni sulla circolazione dei treni MilanoMantova, come ad esempio soppressioni o ritardi dovuti a problemi di infrastruttura ferroviaria. 2) Viene potenziato il collegamento tra Cremona e Piacenza in orari che possono essere attrattivi per gli spostamenti delle persone. Va ricordato che Piacenza è il nodo ferroviario più vicino Cremona per l interscambio con i servizi ferroviari a lunga percorrenza verso l Emilia, verso la dorsale adriatica, verso il Piemonte (itinerario Alessandria Asti Torino) e verso la Liguria (itinerario Voghera Genova). 3) Cremona mantiene comunque un collegamento diretto con Lodi, anche a fronte della soppressione della fermata dei treni Mantova Milano. A tale collegamento si affiancherebbero comunque i collegamenti indiretti che utilizzerebbero i treni Mantova Milano, nella tratta tra Codogno e Cremona. Dal punto di vista dell attuabilità, è necessario considerare che: 1) La linea Castelvetro Piacenza è a binario unico, ma essendo scarsamente utilizzata è comunque in grado di sopportare un aumento del traffico costituito, mediamente, da una coppia di treni ogni due ore. Inoltre, l assenza di passaggi a livello lungo l intera tratta risolve alla radice molte problematiche di circolazione dovute ai guasti a tali apparati. Solo la tratta tra Castelvetro e Cremona (6 km) è in comune con i treni della SG_2011/ di 5

8 Cremona Fidenza, ma anche in questo caso, dato l attuale volume di traffico, si ritiene che l incremento di traffico ferroviario prospettato sia del tutto sostenibile da questa infrastruttura. 2) Il costo dell operazione è decisamente inferiore rispetto all istituzione di nuove coppie di treni: non richiede l introduzione di ulteriori mezzi in quanto si può impiegare lo stesso materiale rotabile già in servizio tra Milano e Piacenza, il personale sarebbe lo stesso che sta fermo a Piacenza in attesa di ripartire per Milano, non servono ulteriori tracce orario tra Piacenza e Milano. 3) Durante la sosta a Piacenza del materiale impiegato per i treni Piacenza Milano non vengono effettuate operazioni di manutenzione, di conseguenza il prolungamento su Cremona non incide sulla programmazione della manutenzione del materiale rotabile. Al limite, saranno da organizzare in modo differente rispetto allo schema attuale i turni di pulizia del materiale rotabile, tenendo comunque presente che la stazione di Cremona dispone del personale addetto alle pulizie. COLLEGAMENTI CREMONA TREVIGLIO E CREMONA BRESCIA I collegamenti ferroviari tra Cremona e Treviglio e tra Cremona e Brescia sono articolati su un orario cadenzato che prevede una coppia di treni ogni ora per ciascuna linea. La percorrenza media tra Cremona e Treviglio (65 km) è di 70 minuti e la percorrenza media tra Cremona e Brescia (51 km) è di 58 minuti, a cui corrisponde una velocità commerciale inferiore a 60 km/h. Il collegamento con Brescia, oltre che per i pendolari che lavorano a Brescia, è importante in quanto Brescia costituisce il nodo ferroviario più vicino a Cremona per l interscambio con la lunga percorrenza diretta ad est (Veneto, Friuli) e verso nord (Trentino Alto Adige, Austria). Il collegamento con Treviglio riveste una duplice importanza: costituisce il nodo di interscambio utilizzato dai residenti nel cremasco che devono raggiungere Milano ed è il nodo di interscambio per il collegamento tra Cremona e Bergamo. L infrastruttura ferroviaria su cui si svolgono tali servizi è obsoleta, costituita da linee a binario unico e con molti passaggi a livello. Inoltre, i treni in servizio tra Cremona e Treviglio e tra Cremona e Brescia non possono usufruire di un infrastruttura a loro dedicata, in quanto: 1. Il tratto Cremona Olmeneta (11 km) è utilizzato sia dai treni Cremona Treviglio e che dai treni Cremona Brescia. 2. Il tratto S. Zeno Brescia (7 km) è utilizzato sia dai treni Cremona Brescia che dai treni Brescia Parma. Infine, è necessario considerare che la linea Cremona Brescia è utilizzata anche per il traffico merci. L aumento della frequenza delle corse è impensabile, sia per questioni tecniche relative alla saturazione dell infrastruttura ferroviaria, sia per ragioni economiche di razionalizzazione dei servizi ferroviari in relazione al bacino d utenza servito. I tempi di percorrenza richiedono comunque un netto miglioramento al fine di rendere competitivo il vettore ferroviario rispetto ai servizi autostradali o al mezzo privato, con conseguenti benefici ambientali e di sicurezza. Allo stato attuale, i tempi di percorrenza sono legati all infrastruttura ferroviari che obbliga ad incroci lungo la linea, e il ritardo di un treno si ripercuote sulla puntualità di tutti gli altri treni in linea. Inoltre, a causa dei tratti di infrastruttura condivisi da più direttrici, le perturbazioni su una direttrice creano ulteriori ritardi anche ai treni di altre direttrici. Sotto questo aspetto, la tratta Cremona Olmeneta è quella che presenta le maggiori criticità. La presenza di un tratto di raddoppio (denominato Posto di Movimento 5 ) al centro della tratta, in cui i treni possono sostare per incrocio avendo già percorso metà strada tra Cremona e Olmeneta, non è più sufficiente per garantire la regolare circolazione di tutti i convogli che, con l impostazione attuale, sono presenti in questo tratto di linea. Al fine di migliorare i servizi ferroviari, ovvero ridurre i tempi di percorrenza e, contestualmente, garantire una maggiore puntualità, è necessario adottare interventi infrastrutturali su entrambe le linee considerate. Premesso che il raddoppio del binario sull intera tratta sarebbe la soluzione migliore, In particolare, si rende necessario: 1. Il raddoppio del binario della tratta Cremona Olmeneta, in modo da separare il traffico ascendente da Cremona verso Brescia e Treviglio dal traffico discendente che, in partenza da Olmeneta, deve raggiungere Cremona. In questo modo, non è più necessario programmare alcun incrocio tra Cremona e Olmeneta. Il Posto di Movimento 5, non più strettamente necessario, potrebbe essere mantenuto in servizio come Posto di Comunicazione per permettere una maggior flessibilità di esercizio di questa tratta ferroviaria. 2. Tutte le stazioni dotate di binari di incrocio devono essere ammodernate, realizzando i sottopassaggi ed installando deviatoi che permettano il transito sull itinerario deviato a 60 Km/h. I sottopassaggi, oltre che a costituire un elemento fondamentale per l incremento della sicurezza dei viaggiatori, permettono di rendere indipendente l ingresso in stazione dei treni incrocianti (senza sottopassaggio, in caso di incrocio, prima SG_2011/ di 5

9 deve entrare il treno che effettua servizio viaggiatori sul binario più lontano dal fabbricato di stazione, e solo dopo che ha terminato di caricare e scaricare i viaggiatori può entrare l incrociante per effettuare il suo servizio viaggiatori). Inoltre, la possibilità di effettuare incroci percorrendo i rami deviati a 60 km/h, in luogo dei 30 km/h canonici, permette di ridurre ulteriormente i tempi necessari all operazione di incrocio che, su linea a binario unico, rappresenta la principale fonte di allungamento dei tempi di percorrenza. E importante che tutti gli interventi che si andranno ad attuare sulle infrastrutture siano compatibili con un eventuale raddoppio dell intera linea ferroviaria, così che gli investimenti fatti non vengano buttati via in futuro. Si sottolinea infine che un progetto di ammodernamento di una linea secondaria, del tutto simile a quanto proposto per le linee che collegano Cremona con Treviglio e Brescia, è stato portato a termine con successo sulla linea della Val Pusteria da Fortezza SanCandido. SI CHIEDE Al Presidente della Provincia di coinvolgere l'intero consiglio Provinciale e di votare questa mozione affinché vengano svolte tutte le azioni possibili a tutti i livelli istituzionali e presso la Dirigenza di Trenitalia al fine di prendere in considerazione la fattibilità di tale proposta progettuale, e di evitare con tutto L'impegno di sopprimere le nove corse delle undici tratta Piacenza Cremona. Cremona Clara Rita Milesi Capogruppo Provinciale Italia dei Valori SG_2011/ di 5

Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese.

Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese. 2. CRITICITÀ 2.1 LA STRUTTURA DELLA RETE Negli studi P047.1 e P065.1 sono stati messi in evidenza i numerosi fattori di criticità della rete ferroviaria cremonese. Il fatto che essa sia integralmente a

Dettagli

Consulente: Prof. Ing. Francesco Perticaroli IL TRASPORTO FERROVIARIO

Consulente: Prof. Ing. Francesco Perticaroli IL TRASPORTO FERROVIARIO Consulente: Prof. Ing. Francesco Perticaroli IL TRASPORTO FERROVIARIO 16 1. LA RETE CREMONESE 1.1 Caratteristiche della rete L Amministrazione provinciale di Cremona si sta da tempo attivamente occupando

Dettagli

Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia. Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia

Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia. Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia Le strategie per il trasporto pubblico di Brescia Stefano Sbardella Responsabile Settore Mobilità e TPL - Comune di Brescia LA MOBILITA DI BRESCIA IN NUMERI PRIORITA e CRITERI di PIANIFICAZIONE P.U.M.S.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE QUADRANTE NORD-EST LINEA FERROVIARIA SANTHIA BIELLA NOVARA Nota metodologica per la riorganizzazione del servizio.

REGIONE PIEMONTE QUADRANTE NORD-EST LINEA FERROVIARIA SANTHIA BIELLA NOVARA Nota metodologica per la riorganizzazione del servizio. REGIONE PIEMONTE QUADRANTE NORD-EST LINEA FERROVIARIA SANTHIA BIELLA NOVARA Nota metodologica per la riorganizzazione del servizio Premessa E ormai opinione comune che il migliore modello di esercizio

Dettagli

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento

La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento Allegato n.1 La Ferrovia Trento - Borgo Valsugana - Bassano e l esperienza della Provincia Autonoma di Trento L infrastruttura La ferrovia Trento Bassano del Grappa o ferrovia della Valsugana è una linea

Dettagli

Progetti e servizi per la mobilità regionale

Progetti e servizi per la mobilità regionale ECORailS Progetti e servizi per la mobilità regionale in Regione Lombardia Elena Foresti, Giorgio Stagni Brescia, 14.04.2011 1 Il trasporto regionale in Lombardia 1.920 km di linee con oltre 400 stazioni

Dettagli

Quadrante EST Incontro 19 maggio 2014

Quadrante EST Incontro 19 maggio 2014 A seguire i brevi verbali di riunioni del 19 e 20 maggio 2014 alle quali il CPB ha partecipato, la consueta riunione di Quadrante in occasione del cambio orario e una riunione straordinaria indetta da

Dettagli

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est

Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Le infrastrutture ferroviarie del Nord Est Grazie agli interventi di potenziamento infrastrutturale e di ammodernamento tecnologico delle linee ferroviarie del Nord Est portati a termine negli ultimi anni

Dettagli

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario

Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario 1 La riqualificazione delle grandi infrastrutture Il nodo di bologna come esempio di integrazione nell ambito del sistema ferroviario ing. Vincenzo Conforti 1 Scelte economiche e tecniche nel Nodo di Bologna

Dettagli

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità.

Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese. Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6. Elementi di fattibilità. Servizio Ferroviario Metropolitano Bolognese Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la Fiera SFM 6 Elementi di fattibilità Ottobre 2011 Collegamento tra la Stazione Centrale di Bologna e la

Dettagli

Risposte al questionario conoscitivo della Regione Lombardia

Risposte al questionario conoscitivo della Regione Lombardia Risposte al questionario conoscitivo della Regione Lombardia 1) La valutazione della puntualità del servizio non ha valore se non viene considerato il raffronto con i tempi di percorrenza del vecchio orario

Dettagli

LINEA FERROVIARIA ALTA VELOCITA

LINEA FERROVIARIA ALTA VELOCITA LINEA FERROVIARIA ALTA VELOCITA BRESCIA - VERONA Conferenza Stampa Sabato 3 Ottobre 2015 Il parere del Comune di Brescia Rigorosa analisi trasportistica del progetto Parere approvato dal Consiglio comunale

Dettagli

3. I POSSIBILI INTERVENTI

3. I POSSIBILI INTERVENTI 3. I POSSIBILI INTERVENTI 3.1 GLI SCENARI La rete cremonese ha beneficiato a suo tempo di interventi tecnologici significativi, quali l elettrificazione di molte linee, l adozione di sistemi di segnalamento

Dettagli

Assessorato Mobilità e Trasporti. regionale a mobilità e trasporti Alfredo Peri - e di coinvolgere il traffico Intercity nella programmazione

Assessorato Mobilità e Trasporti. regionale a mobilità e trasporti Alfredo Peri - e di coinvolgere il traffico Intercity nella programmazione settimanale della regione emilia-romagna - assessorato mobilità e trasporti - direttore: roberto franchini 18 novembre 2005 Speciale NUOVO ORARIO MILANO - BOLOGNA - ANCONA FIRMATO L ACCORDO TRA REGIONE

Dettagli

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino

Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Relazioni e opportunità comuni fra Milano e il Canton Ticino Direttore Settore Attuazione Mobilità Trasporti Ambiente Corridoi Europei in Italia (Reti TEN) Milano: una posizione strategica rispetto alle

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio. tra

PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio. tra PROTOCOLLO D INTESA per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale del Lazio tra Regione Lazio e Trenitalia S.p.A e Rete Ferroviaria Italiana S.p.A Roma, 1 L anno, il giorno del mese di in Roma,

Dettagli

4. IL TRACCIATO PROPOSTO

4. IL TRACCIATO PROPOSTO 4. IL TRACCIATO PROPOSTO 4.1 ESIGENZE DEL SERVIZIO OFFERTO Tenendo presente il quadro della domanda nel territorio della Provincia di Cremona, i servizi sulla nuova Crema - Milano dovrebbero essere impostati

Dettagli

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete

Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete Rete Ferroviaria Italiana Gianpiero Strisciuglio, Direttore Commerciale ed Esercizio Rete 1 Overview Brescia e l Europa: i corridoi della Rete TEN-T Nodo di Brescia: infrastruttura e servizi Il Piano TPL

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO SCHEMA DI ALLEGATI AL CONTRATTO DI SERVIZIO PER IL TRASPORTO PUBBLICO FERROVIARIO DI INTERESSE REGIONALE E LOCALE TRA REGIONE LOMBARDIA E TRENORD S.r.l. RELATIVO AGLI ANNI 2015 2020 CdS_TN_2015_ALLEGATI_v15.docx

Dettagli

Servizi garantiti TRENORD circolanti su rete FN e RFI per il giorno 14 novembre 2014

Servizi garantiti TRENORD circolanti su rete FN e RFI per il giorno 14 novembre 2014 Novara - Milano - Treviglio 10651 NOVARA 05:48 TREVIGLIO Ritardato in partenza alle ore 6:00 10650 MILANO PORTA GARIBALDI 06:17 NOVARA 10652 MILANO PORTA GARIBALDI 06:47 NOVARA 10653 NOVARA 06:18 TREVIGLIO

Dettagli

NOTE SUL TRASPORTO FERROVIARIO NEL BELLUNESE E NELL ALTO TREVIGIANO

NOTE SUL TRASPORTO FERROVIARIO NEL BELLUNESE E NELL ALTO TREVIGIANO NOTE SUL TRASPORTO FERROVIARIO NEL BELLUNESE E NELL ALTO TREVIGIANO A cura dei comitati Il treno dei desideri e Binari quotidiani e del gruppo Trenibelluno Trenibelluno.it.it Premessa: La presente analisi

Dettagli

LINEE GUIDA GENERALI PER UN RINNOVAMENTO DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE E REGIONALE IN PIEMONTE

LINEE GUIDA GENERALI PER UN RINNOVAMENTO DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE E REGIONALE IN PIEMONTE LINEE GUIDA GENERALI PER UN RINNOVAMENTO DEL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE E REGIONALE IN PIEMONTE PREMESSA In gran parte del Piemonte il servizio di TPL presenta carenze ed inadeguatezze di esercizio che

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna

Relazione sullo Stato dell Ambiente della Regione Emilia-Romagna Trasporti Infrastrutture e logistica La mobilità rappresenta un settore particolarmente rilevante per lo sviluppo sostenibile. Lo sviluppo sostenibile richiede sempre di più la partecipazione e la corresponsabilizzazione

Dettagli

Servizi garantiti TRENORD circolanti su rete FN e RFI per il giorno 29 maggio 2014

Servizi garantiti TRENORD circolanti su rete FN e RFI per il giorno 29 maggio 2014 Novara - Milano - Treviglio 10651 NOVARA 05:48 TREVIGLIO Ritardato in partenza alle ore 6:00 10650 MILANO PORTA GARIBALDI 06:17 NOVARA 10652 MILANO PORTA GARIBALDI 06:47 NOVARA 10653 NOVARA 06:18 TREVIGLIO

Dettagli

STRALCIO. Descrizione delle modalità di circolazione del sistema Tram - Treno.

STRALCIO. Descrizione delle modalità di circolazione del sistema Tram - Treno. REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA spa trasporti regionali della sardegna Via Zagabria, 54 09129 Cagliari tel (+39) 070 4098 1 fax (+39) 070 4098 237 www.arst.sardegna.it STRALCIO Progetto finanziato dall

Dettagli

Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento

Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento SEF 15-4 Convegno Nazionale Sicurezza ed Esercizio Ferroviario Università La Sapienza Facoltà di Ingegneria Analisi di capacità di infrastruttura regionale; dallo stato attuale al Piano di potenziamento

Dettagli

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni.

Guardando alla data odierna, Milano, ha già superato il bonus di pm 10 dei 35 giorni. 1 Prima di qualsiasi altra valutazione, vorrei soffermarmi su tre considerazioni, per me fondamentali per meglio definire il contesto in cui si sviluppa la nostra azione o le nostre pratiche sindacali,

Dettagli

MONITORAGGIO LINEA 15 Tarvisio-UD-Cervignano TS Periodo di riferimento: gennaio-settembre 2015

MONITORAGGIO LINEA 15 Tarvisio-UD-Cervignano TS Periodo di riferimento: gennaio-settembre 2015 MONITORAGGIO LINEA 15 Tarvisio-UD-Cervignano TS Periodo di riferimento: gennaio-settembre 2015 SITUAZIONE GENERALE: Il quadro generale del trasporto ferroviario del FVG è migliorato sensibilmente nel corso

Dettagli

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni

Empoli. Centrale. inquadramento ciclostazioni Empoli Centrale numero di treni e passeggeri giornalieri feriali sabato domenica 198 189 124 6.961 4.580 3.315 Localizzazione La stazione di Empoli ha una posizione molto centrale, a poca distanza dal

Dettagli

Ecco tutte le novità che verranno introdotte con il nuovo orario del servizio ferroviario regionale che entrerà in vigore il prossimo 12 dicembre.

Ecco tutte le novità che verranno introdotte con il nuovo orario del servizio ferroviario regionale che entrerà in vigore il prossimo 12 dicembre. Ecco tutte le novità che verranno introdotte con il nuovo orario del servizio ferroviario regionale che entrerà in vigore il prossimo 12 dicembre. "Come ho già avuto modo di affermare - è il commento dell'assessore

Dettagli

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto)

LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) LA LOGISTICA AD ALTO VALORE AGGIUNTO SPINGE LA COMPETITIVITA DEL SISTEMA TERRITORIALE PIACENTINO (estratto) NOTA: Il presente documento è un estratto di uno studio effettuato dalla sede piacentina di ITL.

Dettagli

4. GLI ITINERARI ALTERNATIVI

4. GLI ITINERARI ALTERNATIVI 4. GLI ITINERARI ALTERNATIVI 4.1 EVOLUZIONE DEI PROGRAMMI 4.1.1 Generalità Le grandi opere di potenziamento infrastrutturale in corso di realizzazione, fra le quali fondamentali i quadruplicamenti AC delle

Dettagli

Dossier rincari ferroviari

Dossier rincari ferroviari Nel 2007 i pendolari in Italia hanno superato i 13 milioni (pari al 22% della popolazione) con un incremento del 18% rispetto al 2005. La vita quotidiana è quindi sempre più caratterizzata dalla mobilità,

Dettagli

Provincia dell Aquila. 23 Febbraio 2009. Piano Provinciale per la Mobilità Sostenibile 1

Provincia dell Aquila. 23 Febbraio 2009. Piano Provinciale per la Mobilità Sostenibile 1 23 Febbraio 2009 Piano Provinciale per la Mobilità Sostenibile 1 Nelle linee guida definite dal Piano Regionale Integrato dei Trasporti della Regione Abruzzo, su richiesta della Provincia dell Aquila,

Dettagli

Deve essere richiesto il ripristino dell abbonamento con validità da qualsiasi giorno del mese anziché dal primo giorno del mese.

Deve essere richiesto il ripristino dell abbonamento con validità da qualsiasi giorno del mese anziché dal primo giorno del mese. ARGOMENTI TRATTATI: Devono essere presenti i capitoli tempi di percorrenza/velocità commerciali, cadenzamenti e numero di treni per tratta nonché il dettaglio di tutti i treni con le fermate richieste

Dettagli

Progetto tratta AV Treviglio-Brescia e nodo di Brescia

Progetto tratta AV Treviglio-Brescia e nodo di Brescia Progetto tratta AV Treviglio-Brescia e nodo di Brescia Michele Mario Elia - Amministratore Delegato di RFI Brescia, 23 aprile 2014 Tratta AV/AC Treviglio-Brescia: Inquadramento dell opera Core Network

Dettagli

Capitolo 7. Infrastrutture

Capitolo 7. Infrastrutture Capitolo 7 Infrastrutture Variabili e indicatori utilizzati: Dotazione infrastrutturale viaria Dotazione infrastrutturale ferroviaria Numero di autovetture circolanti Numero di veicoli per trasporto merci

Dettagli

Verbale Riunione MOSP

Verbale Riunione MOSP Riunione del 4 febbraio 2010 Divisione Trasporto Regionale Direzione Regionale Lazio Commerciale Verbale Riunione MOSP VERBALE RIUNIONE del 4 febbraio 2010 Presenti : DR Lazio: Mariella Polla, Amelia Italiano,

Dettagli

Allegato 1: Studio di fattibilità di un sistema di trasporto alternativo fra Crema e Milano

Allegato 1: Studio di fattibilità di un sistema di trasporto alternativo fra Crema e Milano Allegato 1: Studio di fattibilità di un sistema di trasporto alternativo fra Crema e Milano Allegato 1: Studio di fattibilità di un sistema di trasporto alternativo fra Crema e Milano Approvato con Del.C.P.

Dettagli

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio

IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO. Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio IL SISTEMA INFRASTRUTTURALE E LOGISTICO VENETO Criticità e potenzialità per una maggiore competitività delle imprese e del territorio Verona, 28 Febbraio 2011 Sommario La dotazione infrastrutturale attuale:

Dettagli

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA

L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA L IMPEGNO DI RFI IN LIGURIA Imperia-Porto Maurizio, 21 luglio 2008 Il territorio della Liguria è interessato da un intenso programma di potenziamento infrastrutturale e tecnologico. Rete Ferroviaria Italiana

Dettagli

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono:

Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: Gli interventi per il nuovo assetto del nodo di Novara prevedono: La realizzazione di un nuovo asse merci Vignale-Novara. Consente di potenziare il traffico merci da e per Domodossola-Luino e di liberare

Dettagli

PIANO INTEGRATO DELLA MOBILITA LINEE GUIDA ALLEGATI

PIANO INTEGRATO DELLA MOBILITA LINEE GUIDA ALLEGATI DOCUMENTO DIRETTORE ALLEGATO A PIANO INTEGRATO DELLA MOBILITA LINEE GUIDA ALLEGATI Approvato dal Consiglio provinciale con Deliberazione n. 95 del 9 luglio 2003 PROVINCIA DI CREMONA Comitao tecnico scientifico

Dettagli

Mettere a frutto gli investimenti nel servizio ferroviario regionale

Mettere a frutto gli investimenti nel servizio ferroviario regionale Spiriti liberi, Bra Conferenza dibattito Sì al sottopasso automobilistico dei binari. No all interramento della ferrovia Mettere a frutto gli investimenti nel servizio ferroviario regionale Giorgio Stagni

Dettagli

Legnano, 5 maggio 2009. FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno

Legnano, 5 maggio 2009. FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno Legnano, 5 maggio 2009 FIERA - MALPENSA: Andata / Ritorno 1 Progetti Prioritari rete TEN e corridoi paneuropei 2 Progetto Prioritario 6 (TEN.T) e del Corridoio Paneuropeo V Connessione con il sistema dei

Dettagli

Servizi garantiti TRENORD circolanti su rete FN e RFI per il giorno 19 febbraio 2013

Servizi garantiti TRENORD circolanti su rete FN e RFI per il giorno 19 febbraio 2013 Novara - Milano - Treviglio Stazione Origine Ora Or 10651 NOVARA 05:48 TREVIGLIO Ritardato in partenza alle ore 6:00 10650 MILANO PORTA GARIBALDI 06:17 NOVARA 10652 MILANO PORTA GARIBALDI 06:47 NOVARA

Dettagli

UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA CORRIDOIO 6 GENOVA-ROTTERDAM

UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA CORRIDOIO 6 GENOVA-ROTTERDAM ASSOLOMBARDA UNIONE INDUSTRIALE DI TORINO CONFINDUSTRIA GENOVA CORRIDOIO 6 GENOVA-ROTTERDAM Dicembre 2012 1. Inquadramento territoriale e programmatico Il Corridoio n. 6 della rete europea TEN-T riguarda

Dettagli

DAL 27 FEBBRAIO 27 MARZO 2010 LINEA CINTURA DI MILANO MODIFICHE CIRCOLAZIONE TRENI

DAL 27 FEBBRAIO 27 MARZO 2010 LINEA CINTURA DI MILANO MODIFICHE CIRCOLAZIONE TRENI LINEA CINTURA DI MODIFICHE CIRCOLAZIONE TRENI Nei giorni sottoindicati, per lavori programmati di manutenzione, i seguenti treni subiranno variazioni. TRENI REGIONALI Da per LODI- R 20405 7.00 8.41 PARTE

Dettagli

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia

Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia MCE 2010 Trasporto pubblico locale: efficienza e qualità in Lombardia 9 febbraio 2010 Giuliano Asperti, Vice Presidente di Assolombarda Saluto di apertura Premessa Nella giornata di apertura della Mobility

Dettagli

LA REALTÀ DEL BRENNERO

LA REALTÀ DEL BRENNERO LA REALTÀ DEL Il principale valico del trasporto merci in Italia è oggetto di un deciso potenziamento, al termine dei quale presenterà soprattutto un innalzamento della sagoma-limite, permettendo all autostrada

Dettagli

16 maggio 2013 Regione Lombardia DG Infrastrutture e Mobilità. Tavolo territoriale SFR per il Quadrante Est

16 maggio 2013 Regione Lombardia DG Infrastrutture e Mobilità. Tavolo territoriale SFR per il Quadrante Est 16 maggio 2013 Regione Lombardia DG Infrastrutture e Mobilità Tavolo territoriale SFR per il Quadrante Est Tavolo territoriale del SFR - Quadrante Est Tavolo Numero dir Nome direttrice Tipo linea Numero

Dettagli

4.2 METROPOLITANA DI GENOVA

4.2 METROPOLITANA DI GENOVA 4.2 METROPOLITANA DI GENOVA OBIETTIVO DELL INTERVENTO DESCRIZIONE DELL INTERVENTO Questo intervento comprende la prosecuzione dei lavori per la metropolitana di Genova. Ad oggi sono operativi 5,2 chilometri,

Dettagli

NUOVO ORARIO CADENZATO TORINO-MODANE

NUOVO ORARIO CADENZATO TORINO-MODANE NUOVO ORARIO CADENZATO TORINO-MODANE PRESENTAZIONE NEI COMUNI NOVEMBRE 11 NUOVO ORARIO CADENZATO CARATTERISTICHE Dall 11 dicembre 11 entra in vigore il nuovo orario cadenzato che prevede: MODANE BARDONECCHIA

Dettagli

Il 13 dicembre 2009 a Cassano d Adda arrivano le linee S: il treno quasi come un metrò

Il 13 dicembre 2009 a Cassano d Adda arrivano le linee S: il treno quasi come un metrò Il 13 dicembre 2009 a Cassano d Adda arrivano le linee S: il treno quasi come un metrò Quadrante Est Tratta Milano - Treviglio Cambio orario del 13 dicembre 2009 1 Il cambio orario del 13 dicembre 2009

Dettagli

Luisa Velardi Milano, 10 novembre 2007

Luisa Velardi Milano, 10 novembre 2007 Bici e treni Luisa Velardi Milano, 10 novembre 2007 Le Ferrovie dello Stato FS gestisce la più grande rete di trasporto in Italia con oltre 16.000 km di rete ferroviaria su cui circolano giornalmente oltre

Dettagli

PROFILO DEL GRUPPO Group overview

PROFILO DEL GRUPPO Group overview Group overview Lorem ipsum GRUPPO FNM. IL È TUTTO GRUPPO FNM FNM è il principale gruppo integrato nel trasporto e nella mobilità in Lombardia ed il più importante operatore non statale italiano nel settore.

Dettagli

SEGRETERIA PROVINCIALE CATANZARO TEL. 347/5909826 EMAIL: MARTINO.VERGATA@FASTFERROVIE.IT

SEGRETERIA PROVINCIALE CATANZARO TEL. 347/5909826 EMAIL: MARTINO.VERGATA@FASTFERROVIE.IT SEGRETERIA PROVINCIALE CATANZARO TEL. 347/5909826 EMAIL: MARTINO.VERGATA@FASTFERROVIE.IT Il Segretario Provinciale Ing. Martino Vergata Prot. 12/2012 Trasmessa a mezzo email Alla c.a. Sergio Abramo SINDACO

Dettagli

Allegato 2: Collegamento ferroviario fra Crema e Milano

Allegato 2: Collegamento ferroviario fra Crema e Milano Allegato 2: Collegamento ferroviario fra Crema e Milano Allegato 2: Collegamento ferroviario fra Crema e Milano Approvato con Del.C.P. n. 21 del 18 febbraio 2004 Settore Territorio e Trasporti: Arch. Maurizio

Dettagli

III CONVEGNO TRAM MEMORIA AREA TEMATICA N.1 RUOLO DELLE TRAMVIE NEI MODERNI SISTEMI DI TRASPORTO URBANO E SUBURBANO

III CONVEGNO TRAM MEMORIA AREA TEMATICA N.1 RUOLO DELLE TRAMVIE NEI MODERNI SISTEMI DI TRASPORTO URBANO E SUBURBANO Con il Patrocinio di Organizzato da III CONVEGNO TRAM MEMORIA AREA TEMATICA N.1 RUOLO DELLE TRAMVIE NEI MODERNI SISTEMI DI TRASPORTO URBANO E SUBURBANO RUOLO DELLA TRAMVIA PRATESE NELL AREA METROPOLITANA

Dettagli

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto

CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto CdL Vicenza 16 gennaio 2015 Ilario Simonaggio Segretario Generale Filt Veneto 16/01/2015 1 Contesto nazionale e locale Utile premessa: nessuna linea ferroviaria italiana supera gli standard internazionali

Dettagli

Provincia. 2 Ancona. Periodico d'informazione della Provincia di Ancona

Provincia. 2 Ancona. Periodico d'informazione della Provincia di Ancona 2 Ancona Provincia Periodico d'informazione della Provincia di Ancona Spedizione in abb. postale - 70% - Direzione commerciale Business Ancona Editore: Provincia di Ancona - Rivista trimestrale - Autorizzazione

Dettagli

Il Piano di Governo del Territorio. Le infrastrutture necessarie al progresso della città di Giampio Bracchi

Il Piano di Governo del Territorio. Le infrastrutture necessarie al progresso della città di Giampio Bracchi Il Piano di Governo del Territorio Le infrastrutture necessarie al progresso della città di Giampio Bracchi 1 Premessa: Come ci si sposta nell area metropolitana milanese? Non si può non inquadrare Milano

Dettagli

Tabella 2 Indicazioni scaturite dagli incontri con i Settori della Provincia

Tabella 2 Indicazioni scaturite dagli incontri con i Settori della Provincia TABELLE ALLEGATE 1^ PARTE: Tabella 1 Priorità espresse dalle Ferrovie Tabella 2 Indicazioni scaturite dagli incontri con i Settori della Provincia Tabella 3 Flussi sui P.L. strade provinciali Tabella 4

Dettagli

Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria

Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria Un modello di calcolo per i costi standard infrastruttura ferroviaria Commissione ASSTRA Costi Standard ferroviari A cura dell Ing. Marco Barra Caracciolo Capillarità (km medi tra stazioni) 7,00 Posizionamento

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio DIREZIONE GENERALE PER LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE LA STRADA PER KYOTO

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio DIREZIONE GENERALE PER LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE LA STRADA PER KYOTO Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio DIREZIONE GENERALE PER LA SALVAGUARDIA AMBIENTALE Roma, 16-17 febbraio 2006 XVII CONVEGNO TECNICO ACI LA STRADA PER KYOTO Ing. Bruno Agricola Direttore

Dettagli

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it

corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it corso di Tecnica ed Economia dei Trasporti a.a. 2004-2005 LE STAZIONI FERROVIARIE Umberto Crisalli crisalli@ing.uniroma2.it INTRODUZIONE Definizioni Si definisce stazione ogni complesso organico di impianti

Dettagli

Le denunce di Abuso di posizione dominante come strumento per velocizzare il processo di liberalizzazione del trasporto ferroviario.

Le denunce di Abuso di posizione dominante come strumento per velocizzare il processo di liberalizzazione del trasporto ferroviario. Le denunce di Abuso di posizione dominante come strumento per velocizzare il processo di liberalizzazione del trasporto ferroviario. di Maria Eugenia Maxia. Tratto dal libro La liberalizzazione del trasporto

Dettagli

P r o v i n c e d i M o d e n a e R e g g i o E m i l i a

P r o v i n c e d i M o d e n a e R e g g i o E m i l i a P r o v i n c e d i M o d e n a e R e g g i o E m i l i a Comuni di: Campogalliano, Correggio, Modena, Reggio Emilia, Rubiera, San Martino in Rio Consorzio di Gestione del Parco Fluviale del Secchia V

Dettagli

alta velocità per il Ticino?

alta velocità per il Ticino? AlpTransit 2019: un futuro ad alta velocità per il Ticino? 24 marzo 2011 SUPSI, Lugano-Trevano Alptransit e le infrastrutture italiane del Nordovest: stato di avanzamento, problemi e prospettive Vittorio

Dettagli

Il 13 dicembre 2009 a Vignate arrivano le linee S: il treno quasi come un metrò

Il 13 dicembre 2009 a Vignate arrivano le linee S: il treno quasi come un metrò Il 13 dicembre 2009 a Vignate arrivano le linee S: il treno quasi come un metrò Quadrante Est Tratta Milano - Treviglio Cambio orario del 13 dicembre 2009 1 Il cambio orario del 13 dicembre 2009 Con il

Dettagli

Situazione e proposte per i servizi ferroviari valtellinesi.

Situazione e proposte per i servizi ferroviari valtellinesi. Situazione e proposte per i servizi ferroviari valtellinesi. Guido Magenta Anni 20 - Calolziocorte 1986 S. Agata Valtellina Vettori Veloci, ricominciare dalla ferrovia Sondrio, 3 luglio 2009 Fotografie

Dettagli

SERVIZI GARANTITI TRENORD Sciopero del 27/11/2015

SERVIZI GARANTITI TRENORD Sciopero del 27/11/2015 S5 TREVIGLIO - MILANO - VARESE 23006 TREVIGLIO 6:10 VARESE 8:17 23000 GALLARATE 6:23 VARESE 6:47 23008 TREVIGLIO 6:40 VARESE 8:47 23002 GALLARATE 6:53 VARESE 7:17 23010 TREVIGLIO 7:10 VARESE 9:17 Termina

Dettagli

Il servizio ferroviario PUBBLICO sulla linea Pré Saint Didier-Aosta-Torino. Rilevazione Maggio/Giugno 2011

Il servizio ferroviario PUBBLICO sulla linea Pré Saint Didier-Aosta-Torino. Rilevazione Maggio/Giugno 2011 Il servizio ferroviario PUBBLICO sulla linea Pré Saint Didier-Aosta-Torino Rilevazione Maggio/Giugno 2011 L indagine Nel mese di Maggio, attraverso i siti internet dei comitati dei pendolari e sui treni,

Dettagli

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO

SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO SISTEMA DI RISALITA DEGLI ERZELLI OBIETTIVO DELL INTERVENTO La collina degli Erzelli, occupata in precedenza da attività di deposito e movimentazione container, è interessata oggi da un progetto volto

Dettagli

La linea Firenze-Empoli-Pisa

La linea Firenze-Empoli-Pisa La linea Firenze-Empoli-Pisa La variante Signa-Montelupo La variante Signa-Montelupo La realizzazione della variante Signa-Montelupo sulla linea Firenze-Empoli-Pisa consentirà il potenziamento del servizio

Dettagli

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI

UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI UNIVERSITA MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE FERROVIARIE LECTURE 07 - LE STAZIONI Docente: Ing. Marinella Giunta DEFINIZIONI Vengono definite

Dettagli

Carlo Carminucci, Isfort Roma, 4 dicembre 2012

Carlo Carminucci, Isfort Roma, 4 dicembre 2012 LA RIORGANIZZAZIONE DEI BACINI DEL TPL SU GOMMA: IL QUADRO REGIONALE Carlo Carminucci, Isfort Roma, 4 dicembre 2012 Tre flash introduttivi sulle prospettive di mercato del Tpl 1. Il calo dei consumi di

Dettagli

Proposte per il potenziamento della rete ferroviaria cremonese

Proposte per il potenziamento della rete ferroviaria cremonese Proposte per il potenziamento della rete ferroviaria cremonese Proposte per il potenziamento della rete ferroviaria cremonese Approvato con Del.C.P. n. 21 del 18 febbraio 2004 Settore Territorio e Trasporti:

Dettagli

VELOCIZZAZIONE LOW COST LINEA FERROVIARIA PALERMO CATANIA

VELOCIZZAZIONE LOW COST LINEA FERROVIARIA PALERMO CATANIA VELOCIZZAZIONE LOW COST LINEA FERROVIARIA PALERMO CATANIA RELAZIONE DESCRITTIVA DEGLI INTERVENTI 1/1 VELOCIZZAZIONE LOW COST LINEA CATANIA PALERMO Impostazione progettuale Ridurre al più presto i tempi

Dettagli

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO

BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO BRIANZA EXPO LINEA MILANO BOVISA SEVESO ASSO NUOVA FERMATA DI BRUZZANO/BRUSUGLIO 1. spostamento della fermata di circa 500 m verso nord; 2. realizzazione di due banchine di 250 m, alte 55 cm sul p.f.,

Dettagli

Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi

Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi Potenziamento del Nodo di Genova e Terzo Valico dei Giovi Inquadramento di rete Investimenti Terzo Valico dei Giovi Potenziamento Nodo di Genova Marsiglia Ventimiglia Collegamento del sistema portuale

Dettagli

5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE

5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE 5. TECNOLOGIE E MATERIALE ROTABILE 5.1 SEGNALAMENTO Tenuto conto dell entità del traffico e del prevedibile modello di esercizio, si ritiene sufficiente adottare per la regolazione della circolazione il

Dettagli

oggetto: Documento di consultazione sulle tematiche di cui alla delibera n. 16/2014.

oggetto: Documento di consultazione sulle tematiche di cui alla delibera n. 16/2014. Classsifica n. TPL 0.1. riferimento allegato Spett.bile Autorità di Regolazione dei trasporti Via Nizza 230, 10126 Torino PEC: pec@pec.autorita-trasporti.it oggetto: Documento di consultazione sulle tematiche

Dettagli

Ricucire l Italia. Le zone d ombra del servizio ferroviario nazionale. Regione Puglia. Assessorato Infrastrutture Strategiche e Mobilità.

Ricucire l Italia. Le zone d ombra del servizio ferroviario nazionale. Regione Puglia. Assessorato Infrastrutture Strategiche e Mobilità. Ricucire l Italia Le zone d ombra del servizio ferroviario nazionale Dossier Regione Puglia Assessorato Infrastrutture Strategiche e Mobilità 3 aprile 2012 PREMESSA. Doverosa please Due anni di tagli I

Dettagli

La Gronda di Genova. DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009. Quaderno degli attori

La Gronda di Genova. DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009. Quaderno degli attori La Gronda di Genova DIBATTITO PUBBLICO 1 febbraio - 30 aprile 2009 Quaderno degli attori Presentato da 17 marzo 2009 La Cisl di Genova, ritiene non più rinviabile l adeguamento e la costruzione di opere

Dettagli

Quadrante Est Tratta Milano - Treviglio Cambio Orario del 13 dicembre 2009

Quadrante Est Tratta Milano - Treviglio Cambio Orario del 13 dicembre 2009 Il 13 dicembre 2009 a Pioltello un treno e più ogni 15 minuti: le linee S raddoppiano e e la stazione diventa crocevia per il Passante, Lambrate, Centrale e Greco Quadrante Est Tratta Milano - Treviglio

Dettagli

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro

Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Il potenziamento del nodo ferroviario di Torino e l abbassamento del piano del ferro Principali obbiettivi: - creare nell area metropolitana un sistema di trasporto pubblico integrato; - migliorare la

Dettagli

Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci

Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci Linea di accesso sud alla galleria di base del Brennero I progetti di potenziamento RFI per lo sviluppo del traffico merci Marzo 2015 Il contesto europeo: i Core Corridors che interessano l Italia Corridoio

Dettagli

Corrado Sala Alta Velocità L ALTA VELOCITA tutti una

Corrado Sala Alta Velocità L ALTA VELOCITA tutti una L ALTA VELOCITA E un momento nel quale si parla tanto e male dell alta velocità, ma non correttamente. Le motivazioni per le quali è nata l alta velocità sono in parte diverse dal semplice progetto di

Dettagli

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA

ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Ponte strallato sul Po (tratta AV/AC Milano-Bologna) PRESENTAZIONE 29.11.2010 RETE ALTA VELOCITA / ALTA CAPACITA Con treno ad Alta Velocità si intende un convoglio per il

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

Servizi garantiti TRENORD 06:00/09:00-18:00/21:00

Servizi garantiti TRENORD 06:00/09:00-18:00/21:00 23000 Gallarate 06:23 Varese FS 23002 Gallarate 06:53 Varese FS 23004 Treviglio 05:40 Varese FS Ritardato in partenza alle ore 6:00 23006 Treviglio 06:10 Varese FS 23008 Treviglio 06:40 Varese FS 23010

Dettagli

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE

TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE 1 INFRASTRUTTURE FERROVIARIE TECNICA DELLA CIRCOLAZIONE A.A. 2008-09 2 DISTANZIAMENTO DEI TRENI Criteri di sicurezza La tecnica della marcia guida vincolata si basa sul vincolo, imposto dalla via per la

Dettagli

PROPOSTA DEL COMITATO PENDOLARI PINEROLO - VAL PELLICE SUL FUTURO DELLA FERROVIA NEL PINEROLESE ED IN VAL PELLICE

PROPOSTA DEL COMITATO PENDOLARI PINEROLO - VAL PELLICE SUL FUTURO DELLA FERROVIA NEL PINEROLESE ED IN VAL PELLICE PROPOSTA DEL COMITATO PENDOLARI PINEROLO - VAL PELLICE SUL FUTURO DELLA FERROVIA NEL PINEROLESE ED IN VAL PELLICE 1 Premessa Il Comitato Pendolari Torino Pinerolo - Val Pellice, costituitosi ai sensi dell

Dettagli

IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015

IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 B R O O K S M A R K E T I N T E L L I G E N C E R E P O R T S IL MERCATO FERROVIARIO IN ITALIA NEL 2015 Mack Brooks Exhibitions Ltd 2015. Tutti i diritti riservati.

Dettagli

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico.

In particolare, il modello sviluppato e calibrato consente di simulare il sistema viario territoriale ed il relativo traffico. Provincia di Cremona - U.T.P. Sett. IX PARTE A 3. MODELLO DI SIMULAZIONE 3.1 Generalità Il modello di simulazione del traffico è un importante strumento per la pianificazione, che consente essenzialmente

Dettagli

Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi

Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi Coordinamento Provinciale Pendolari Pavesi www.coordinamentopendolari.it A SETTEMBRE 2009 NASCE DALL UTENZA PENDOLARE ATTIVA LA PRIMA RETE PROVINCIALE PAVESE di PENDOLARI e COMITATI PENDOLARI del trasporto

Dettagli

Le motivazioni economiche del No all Alta Velocità.

Le motivazioni economiche del No all Alta Velocità. Le motivazioni economiche del No all Alta Velocità. Appunti dalla conferenza del Prof. Angelo Tartaglia c/o Centro studi S. Regis Torino, 9 Novembre 2005 Il progetto della linea ad alta velocità nasce

Dettagli

INTERMODALITA la nuova Stazione ferroviaria di Parma

INTERMODALITA la nuova Stazione ferroviaria di Parma INTERMODALITA la nuova Stazione ferroviaria di Parma IL TEMA DEL LIMITE URBANO NORD Piano Strutturale Comunale UNA CITTA APERTA ALL EUROPA Fiera Colorno: Slow Food Aereoporto Sede Barilla C I T T A D I

Dettagli