Estratto dell intervento in Commissione Ecologia del giorno Il verde pubblico di Mariano Comense: censimento, monitoraggio, manutenzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Estratto dell intervento in Commissione Ecologia del giorno 23.06.08 Il verde pubblico di Mariano Comense: censimento, monitoraggio, manutenzione"

Transcript

1 Valutazione delle condizioni vegetative, fitosanitarie e strutturali dell esemplare di Faggio, Fagus sylvatica, radicato all interno di Parco Porta Spinola, nel Comune di Mariano Comense (CO) Estratto dell intervento in Commissione Ecologia del giorno Il verde pubblico di Mariano Comense: censimento, monitoraggio, manutenzione A cura di: Mariano Comense Servizi Via E. d Adda, Mariano Comense (CO) - www. mcs-servizi.it Studio Tecnico di Arboricoltura Ornamentale e gestione del verde Via Alfieri, Giussano (MI)

2 Il monitoraggio delle alberature Nella gestione del verde urbano un attenzione particolare viene posta al controllo periodico del patrimonio arboreo. La raccolta e l analisi dei dati disponibili sulle alberature è un importante passo sia per promuovere e migliorare il verde pubblico, sia per garantire condizioni di sicurezza per la comunità ed i singoli utenti. Il controllo periodico delle alberature ha lo scopo di valutare le condizioni vegetative, fitosanitarie e di stabilità di un albero, soprattutto per quanto concerne il rischio di schianto o cedimento. La verifica richiede grande specializzazione da parte dei tecnici con applicazione di elementi di patologia vegetale, entomologia, botanica, statica e meccanica del legno. Solo quando emergono gravi condizioni di decadimento e ammaloramento, che rendono precaria la stabilità dell albero con un rischio di caduta elevato, si decide di abbatterlo, per garantire ai cittadini la massima sicurezza.

3 Problemi sanitari degli alberi in città POTATURE ERRATE, SCAVI, CARIE DEL LEGNO Un problema abbastanza diffuso degli impianti arborei di una certa età, e quindi anche in alcuni parchi pubblici e viali alberati di Mariano Comense, è relativo alle condizioni sanitarie e di stabilità degli alberi adulti. Gli alberi che hanno subito e subiscono ferite di varia natura (ad esempio ferite alle radici dovute a scavi ed altri lavori edili), oppure quei soggetti che sono stati sottoposti in passato a potature drastiche ed effettuare senza tecniche adeguate, sono soggetti ad infezioni di carie del legno, un alterazione provocata principalmente da miceti lignino-cellulositici in grado di penetrare dalle ferite e demolire i tessuti degli alberi, minandone la stabilità.

4 Il monitoraggio delle alberature Non sempre all interno del fusto di un albero vi è legno sano. Stati di sofferenza della pianta e ferite non compartimentate favoriscono nell albero la proliferazione di infezioni provocate da funghi. Il legno colpito dapprima si decolora, successivamente si altera nella consistenza fino a disgregarsi, perdendo progressivamente le caratteristiche meccaniche iniziali. Si originano così marcescenze, note anche come carie del legno, deleterie per l albero e pericolose per l uomo dal momento che incidono sulla stabilità della pianta. L'azione della carie legnosa è infida, a volte non visibile in quanto interna al fusto o diffusa a livello di radici. La sua individuazione e la sua estensione all interno dell albero costituiscono un serio problema dal momento che sono strettamente correlate al pericolo di cedimento improvviso dell albero. Alberi colpiti da carie legnose possono vegetare a lungo in condizioni di stabilità precaria per poi cedere improvvisamente, soprattutto in concomitanza di eventi atmosferici avversi.

5 Problemi sanitari degli alberi in città VERIFICA DELLE CONDIZIONI DI STABILITA Si basa sull osservazione visiva di particolari sintomi, secondo il metodo V.T.A. (Visual Tree Assessment). Fine ultimo dell indagine è stabilire il grado di pericolosità dell albero preso in esame, attribuendolo ad una classe di rischio predefinita, prevedendo eventuali interventi di messa in sicurezza. In seguito all osservazione visiva, laddove esistano dei sintomi che facciano presagire l esistenza di alterazioni del legno interno (carie, marciumi radicali, ecc..) l indagine viene integrata con l uso di strumentazioni specifiche, in grado di rilevare e quantificare la presenza o l assenza di cavità, fessure, o zone di legno degradato od in via di degradazione.

6 Classi di Pericolosità degli alberi La classificazione FRC (Failure Risk Classification) definisce il grado di pericolosità di un albero. Questa classificazione, collaudata su centinaia di migliaia di alberi, è utilizzata da molte Municipalità (Milano, Torino, Verona, Brescia, Como, Parma, Mantova, etc..) ed è inoltre stata inserita nel Protocollo Sulla Valutazione di Stabilità degli Alberi della Sezione Italiana dell ISA (International Society of Arboriculture) e della Società Italiana di Arboricoltura (SIA). FRC Descrizione A Vengono inseriti in questo gruppo tutti i soggetti che non manifestano nè difetti di forma, degni di nota, riscontrabili con il V.T.A., né significative anomalie rilevabili strumentalmente. I rischi di schiantamento e caduta sono legati ad eventi statisticamente non prevedibili. B Su queste piante l'osservazione visiva (V.T.A) e l indagine strumentale hanno rilevato lievi difetti di forma e piccole anomalie strutturali. I rischi di schiantamento e caduta sono riconducibili a quelli gruppo A, tenendo presente che i lievi processi degenerativi e le anomalie morfologiche possono aggravarsi nel tempo. C In questi soggetti si sono rilevati significativi difetti di forma e/o strutturali verificabili strumentalmente. Si prevede un ulteriore aggravamento delle anomalie riscontrate nel breve periodo. Questi alberi potranno passare in una categoria di rischio statico più elevata. C-D In questa categoria vengono inserite le piante che presentano gravi difetti a livello morfologico e\o strutturale. L abbattimento di questi soggetti può essere evitato intervenendo con opportune operazioni finalizzate alla messa in sicurezza degli stessi (riduzione della chioma, consolidamento, etc...).in mancanza degli interventi sopra citati la pianta è da ascriversi tra i soggetti di classe D. D Fanno parte di questa classe tutte le piante che per difetti morfologici e strutturali riscontrati devono ascriversi alla categoria statisticamente ad alto rischio di caduta e schiantamento. Per questi soggetti la cui prospettiva di vita è gravemente compromessa ogni intervento di risanamento risulterebbe vano. Le piante appartenenti a questo gruppo devono essere sostituite.

7 Dati censimento Specie arborea: Fagus sylvatica Faggio comune, Faggio europeo Codice n:.1 Diam. fusto: 143 cm Diametro base: 150 cm Altezza complessiva: oltre 25 mt

8 PATOLOGIE RISCONTRATE Ganoderma sp. Meripiulus giganteus Carpofori di patogeni fungini agenti di carie del legno alla base Se in un ecosistema naturale i funghi agenti di carie svolgono l importante funzione ecologica di decomposizione del legno in sostanze umiche, essi divengono invece particolarmente pericolosi nei parchi e nelle alberate, monumentali e non, dove lo schianto anche di un solo grosso ramo può avere conseguenze gravi sui fruitori.

9 PATOLOGIE RISCONTRATE La carie del legno è essenzialmente un processo di disgregazione del tessuto legnoso, operato da funghi capaci di degradare i polimeri complessi del legno; questi microrganismi sono detti funghi lignicoli. Le specie lignicole sono in grado di utilizzare i componenti delle cellule legnose come fonte principale di energia per la loro crescita e riproduzione. L aggressività varia da una specie fungina all altra e viene esaltata dallo stato generale e dalle condizioni di stress dell albero. È facilmente intuibile quindi che le piante che lottano contro le avverse condizioni ambientali sono ovviamente più suscettibili agli attacchi da parte dei microrganismi in modo tale che l impatto delle condizioni urbane è indiretto sulle specie fungine, riflettendo la tolleranza all ambiente da parte dell ospite.

10 PATOLOGIE RISCONTRATE Carie bruna : destrutturazione della parete cellulare (cellulosa ed emicellulosa) Carie bianca : destrutturazione di lignina ed emicellulosa. Il legno diventa inizialmente friabile (rischio di rottura friabile ) e poi successivamente fibroso (rischio di rottura netta)

11 PATOLOGIE RISCONTRATE Ganoderma sp. Ganoderma sp. Colonizza principalmente la parte ipogea degli alberi, installandosi nel sistema radicale e raggiungendo quindi il colletto per poi talvolta risalire lungo il tronco fino a parecchi metri di altezza. Quando il sistema radicale è gravemente intaccato la vitalità dell albero ne risente e si verifica una riduzione della chioma. L alterazione della base del fusto si manifesta qualora si proceda alla verifica con penetrometro o altro strumento di rappresentazione delle cavità. E causa di carie bianca del legno

12 PATOLOGIE RISCONTRATE Le piante colpite da Ganoderma manifestano spesso un rilevante ingrossamento della base e dei contrafforti radicali.

13 PATOLOGIE RISCONTRATE Meripilus giganteus Attacca la parte bassa del tronco e le radici E causa di carie bianca del legno La carie risale raramente sul tronco

14 PATOLOGIE RISCONTRATE Quando il sistema radicale è gravemente intaccato la vitalità dell albero ne risente e si verifica una riduzione della chioma. Primavera 2008 Terminali secchi

15 ALTRE ANOMALIE STRUTTURALI Presenza di corteccia inclusa tra branche primarie, carie del legno nel punto di inserzione Stato di degradazione di una delle due ramificazioni primarie (diam. 50 cm circa)

16 PRIMAVERA 2008: CEDIMENTO STRUTTURALE Primavera 2008 Presenza di fessurazione da cedimento strutturale alla base del tronco (lato tensione).

17 APPROFONDIMENTO STRUMENTALE Il legno decomposto od in via di decomposizione, a causa di carie, viene evidenziato dai profili di densità del dendrodensimetro dal momento che il decadimento causa una riduzione della resistenza meccanica alla perforazione. Valori estremamente alti di densità sono stati trovati nelle zone limitrofe ad aree di decadimento. Questi picchi sono correlabili con la presenza di zone di compartimentazione intorno a zone di decadimento fungino. Valutazioni comparative di diversi profili di densità sono state pubblicate in quanto ottimi indicatori anche precoci di: decadimento fungino (depressioni lungo il profilo, formalmente differenziate in funzione dello stadio di decadimento); danni da insetti (profonde depressioni locali soprattutto nella parte più esterna del profilo), spaccature, slittamento di fibre, cipollature anulari, zone cave (profonde depressioni locali soprattutto nelle parti più interne del profilo). La resistenza incontrata dall'utensile nell'effettuare il foro cilindrico, viene registrata su un apposito diagramma. In questo modo è possibile ottenere un grafico illustrante, in funzione della profondità raggiunta, le differenti densità del legno attraversate.

18 APPROFONDIMENTO STRUMENTALE-DENDRODENSIMETRO Le misurazioni resistografiche hanno la caratteristica di essere oggettive e ripetibili

19 Misurazione effettuata alla base dell albero, in direzione delle radici Misurazione effettuata alla base dell albero, in direzione delle radici

20 Misurazione effettuata alla base dell albero, in direzione delle radici Misurazione effettuata alla base dell albero, in direzione delle radici

21 Misurazione effettuata alla base dell albero, a circa 40 cm da terra

22 PARAMETRI DI SICUREZZA: IL RAPPORTO t/r Conosciuta la sezione trasversale residua effettivamente portante dell'albero occorre dunque valutare se i risultati dei tentativi messi in atto per riparare alle degenerazioni e cavità causate da carie (barriere di compartimentazione, legno di reazione) possano bastare o meno a mantenere costante la tensione sulla superficie dell'albero. Il presupposto per il mantenimento dell albero è la prova che la sezione trasversale difettosa non cederà per una rottura da flessione normale o per collasso della sezione. Per questo tipo di valutazioni C. Mattheck è stato propenso ad uno studio empirico sul campo con il quale determinare lo spessore residuo ammissibile della parete. Mattheck ha verificato, in Germania, Inghilterra e U.S.A., più di 900 alberi cavi con cedimenti e in piedi, tracciando il rapporto dello spessore di parete esterna residua rispetto al raggio del tronco cavo (t/r), attraverso il valore assoluto del raggio R.

23 PARAMETRI DI SICUREZZA: IL RAPPORTO t/r Lo studio ha dimostrato che la caduta degli alberi cavi, dovuta ad imbozzamento flessionale o alla rottura per appiattimento della sezione trasversale, non prevedibile poiché si tratta di una modificazione spontanea della forma, si ha a partire da valori t/r inferiori a Per poter escludere la frattura dovuta a una riduzione della sezione trasversale occorre dunque che il rapporto t/r sia maggiore di dove t rappresenta lo spessore del legno sano residuo e R il raggio del tronco per l'albero ancora in completa fogliazione.

24 PARAMETRI DI SICUREZZA: IL RAPPORTO t/r RAPPORTO TRA LEGNO SANO RESIDUO (t) e RAGGIO DEL TRONCO NEL FAGGIO DI PORTA SPINOLA (r) Raggio basale: 70 cm. T necessario: circa 23 cm. T reale: 10/15 cm Nella maggior parte dei punti sondati la porzione di legno sano residuo è, secondo i parametri di sicurezza predefiniti, insufficiente a garantire le condizioni di stabilità dell albero. AGGRAVANTI: carie molto attiva (vedi stato legno decomposto), presenza di fessurazione da cedimento lungo il tronco. Il confronto con le misurazioni ottenute da una precedente indagine (2004) ha inoltre messo in evidenza una elevata velocità di degradazione dei tessuti legnosi.

25 ANALISI DELLE SEZIONI LEGNOSE Giugno 2008: abbattimento del faggio H. taglio 1,5 m circa da terra

26 ANALISI DELLE SEZIONI LEGNOSE H. taglio 1,5 m circa da terra

27 ANALISI DELLE SEZIONI LEGNOSE H. taglio 1,5 m circa da terra barriere protettive le piante sono esseri fortemente compartimentati, in grado di isolare al loro interno il legno ferito ed infetto.

28 ANALISI DELLE SEZIONI LEGNOSE H. taglio 0,5 m circa da terra

29 ANALISI DELLE SEZIONI LEGNOSE H. taglio 0,5 m circa da terra Margine dell area interessata da carie Formazione di cavità (che si approfondiscono verso la ceppaia) per legno completamente degenerato

30 Decadimento (ascendente): dalle radici verso il fusto

31 ANALISI DEL POSSIBILE CEDIMENTO Nella figura è illustrato il probabile cedimento del faggio, causato da rottura a livello della scampanatura basale ed innescato da un misto tra cedimento tangenziale e delaminazione da sollecitazione trasversale. Con colletti a campana molto sottili anche l imbozzamento flessionale o il piegamento del tipo del tubo flessibile possono contribuire al cedimento. I faggi, in particolare, mostrano spesso un marcato allargamento del piede, in seguito alla formazione di una grossa cavità, conseguentemente ad un processo di carie. Tratto da: La stabilità degli alberi, Fenomeni meccanici e implicazioni legali dei cedimenti degli alberi C. Mattheck/H. Breloer

32 ANALISI DEL POSSIBILE CEDIMENTO Quando un albero simile viene sollecitato dal vento, l intera spinta deve essere ripartita sulla parete sottile del tronco. Ciò favorisce lo slittamento longitudinale delle fibre (sfaldatura assiale) così come la tensione del perimetro del tronco sul lato di tensione della porzione flessa. L altra metà del tronco tende a tirare trasversalmente dalla parte opposta. Quando la metà del tronco soggetta a tensione si tende e si verifica una spaccatura assiale, l albero si inclina sempre più e la metà sollecitata può rompersi. Con tale dinamica, che avviene secondo il modello del piegamento del tubo flessibile provocato da una spinta media, l albero cede. Tratto da: La stabilità degli alberi, Fenomeni meccanici e implicazioni legali dei cedimenti degli alberi C. Mattheck/H. Breloer

33 Il rischio di cedimento dell albero era dunque molto elevato. Si deve inoltre tenere in considerazione che quanto descritto vale considerando il quadro fitosanitario attualmente riscontrato. Le condizioni dell albero erano destinate ad aggravarsi ulteriormente proprio in considerazione delle patologie presenti (carie del legno). Si precisa, inoltre, che NON esistono, allo stato attuale, presidi fitosanitari o terapie in grado di arrestare efficacemente i processi degenerativi suddetti (carie, marciume radicale). Poiché non sono stati ritenuti possibili efficaci interventi di messa in sicurezza, è stato necessario procedere all abbattimento del faggio (classe FRC: D). Nell ambito del progetto di riqualificazione del parco di Porta Spinola verranno messi a dimora nuovi alberi, a compensazione della pianta abbattuta.

34 Sulla dendrochirurgia Si è sempre fatto così...la diffusa predisposizione a trasformare in umano tutto quello che umano non è, alberi compresi, è stata e continua ad essere una delle principali fonti di danno per gli alberi stessi: carie del legno curate come dal dentista, cavità drenate, riempite, sigillate, pomate cicatrizzanti, flebo ed iniezioni per citarne alcune, sono pratiche nate e giustificate da questo tipo di approccio. Sono passati almeno venti anni da quando Alex Shigo pubblicò i suoi primi lavori alla pressochè totale accettazione delle sue teorie riguardanti l albero. Eppure si rischia di passare per incompetenti a spiegare che in alcuni casi non c è davvero più nulla da fare rispetto a chi invece va proponendo tecniche e concetti discutibili (Giulio Giuli, Si è sempre fatto così.. Notiziario Scuola Agraria del Parco di Monza, 2007)

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

La valutazione della stabilità degli alberi

La valutazione della stabilità degli alberi La valutazione della stabilità degli alberi Qualsiasi costruzione meccanica è leggera quanto possibile e salda quanto necessario quando subisce un carico equilibrato, cioè quando tutti i punti della sua

Dettagli

Analisi di stabilità alberi con metodo V.T.A.

Analisi di stabilità alberi con metodo V.T.A. Cenni teorici VTA Le indagini sono state effettuate mediante utilizzo della tecnica V.T.A. (Visual Tree Assessment). Fine ultimo dell indagine è stabilire il grado di pericolosità degli alberi presi in

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Di cosa parleremo Perché il Servizio Fitosanitario? Alberi monumentali: i fondamentali Conservazione: cosa

Dettagli

Progetto 1334.11 dagu - Comune Della Spezia

Progetto 1334.11 dagu - Comune Della Spezia Progetto 133.11 dagu - Comune Della Spezia Spett.le COMUNE DELLA SPEZIA Dipartimento II Servizi Tecnici e Opere Pubbliche Progettazione e Manutenzione Aree Verdi Alla cortese attenzione di: Agr. Andrea

Dettagli

Funghi lignicoli e carie del legno

Funghi lignicoli e carie del legno Funghi lignicoli e carie del legno Grottammare 2013 Valentin Lobis 39012 Merano (BZ) www.studiolobis.it La dinamica del marciume Tracheomicosi Marciume nella corteccia e nell alburno Marciume nel durame

Dettagli

Pisa, 10 giugno 2013. Alla c.a. Arch. Cinzia Forsi. Servizio Tecnico Comune di Calcinaia Sede

Pisa, 10 giugno 2013. Alla c.a. Arch. Cinzia Forsi. Servizio Tecnico Comune di Calcinaia Sede DESTEC UNIVERSITÀ DI PISA Prof. Agr. Fabrizio Cinelli Docente di Strutture Verdi e Paesaggio Dipartimento di Ingegneria dell Energia, dei Sistemi, del Territorio e delle Costruzioni Civili Largo L. Lazzarino

Dettagli

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi

Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Tecniche di potatura per una corretta cura degli alberi Workshop teorico - pratico per i giardinieri del Comune di Merano Merano 23.03.2006 Copyright: Dr. Valentin Lobis - www.studiolobis.it Le fasi principali

Dettagli

dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08

dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08 dott. Marco Vaccaroni Pachamama soc. ag. s.s. località Costa di Pradello 67 - Bettola (PC) P.IVA : 01434900336 Tel. 349 3265139 20/05/08 Spett.le Comune di Castell Arquato c.se att.ne arch. Francesca Gozzi

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3

PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3 PERIZIA FITOPATOLOGICA STRUTTURALE N 12 alberi (Celtis australis) Via Roma Camposanto (Modena) CIG Z490FD98D3 Committente: Comune di Camposanto Via F. Baracca n 11 Camposanto (Modena) Dott. Agr. Riccardo

Dettagli

Spett.Le Municipio di Palermo Settore Verde e arredo Urbano Servizio Gestione e Manutenzione Verde e A.U. Viale Diana Casa natura - Palermo

Spett.Le Municipio di Palermo Settore Verde e arredo Urbano Servizio Gestione e Manutenzione Verde e A.U. Viale Diana Casa natura - Palermo Spett.Le Municipio di Palermo Settore Verde e arredo Urbano Servizio Gestione e Manutenzione Verde e A.U. Viale Diana Casa natura - Palermo All Assessore alla Vivibilità, Verde, Reti telematiche e Innovazione,

Dettagli

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde

Settore Parco e Villa Reale Ufficio Manutenzione Verde A partire dal giorno 08 aprile, prenderanno avvio i lavori di abbattimento di n 2 alberi monumentali di Sophora japonica radicati nel pratone retrostante la Villa Reale, i quali manifestano gravi problematiche

Dettagli

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano

Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano PAOLO ALLEVA AGRONOMO PAESAGGISTA Spett.le AMGA Service Via per Busto Arsizio n. 53 20025 Legnano (Mi) Legnano, 04.08.2011 Oggetto: patrimonio arboreo Parco Biblioteca di via Cavour - Legnano Sulla base

Dettagli

Foglio1 TOPONIMO COD SITO NOME AREA CPC SPECIE DIAMETRO STRADA DESCRIZIONE SINTETICA E PRESCRIZIONI DI INTERVENTO. Pagina 1

Foglio1 TOPONIMO COD SITO NOME AREA CPC SPECIE DIAMETRO STRADA DESCRIZIONE SINTETICA E PRESCRIZIONI DI INTERVENTO. Pagina 1 TOPONIMO COD SITO NOME AREA CPC SPECIE DIAMETRO STRADA Cupressus 13485 Via Vittorio Emanuele D 47,75 sempervirens DESCRIZIONE SINTETICA E PRESCRIZIONI DI INTERVENTO Pianta filata ad inclinazione elevata

Dettagli

RELAZIONE FITOSTATICA

RELAZIONE FITOSTATICA COMUNE DI ALFEDENA INDAGINE FITOSTATICA SU UN ESEMPLARE ARBOREO MONUMENTALE FEBBRAIO 2013 RELAZIONE FITOSTATICA Dott. For. Dora CIMINI Dott. For. Roberto MARTINIS (Studio Planta) Dott. For. Andrea RETTORI

Dettagli

SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com

SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com SITO WEB www.globalservicegiardini.com INDIRIZZO EMAIL info@globalservicegiardini.com L'AZIENDA Global Service Giardini si occupa della progettazione, realizzazione e manutenzione di terrazzi, parchi e

Dettagli

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013

Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 Consiglio dell Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali Qualità dell ambiente e del patrimonio arboreo: il caso Milano e l esperienza di Nantes, Capitale verde d Europa 2013 3 dicembre

Dettagli

Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel Parco dei Pinguini nel comune di Cassano d Adda

Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel Parco dei Pinguini nel comune di Cassano d Adda Prog. 00 564 10 Comune di Cassano d Adda Censimento delle alberature poste nel Parco del Bersagliere e nel nel comune di Cassano d Adda 7 maggio 2010 da Maggio 10 Dendrotec srl via S.Fruttuoso,2 Tel. 02

Dettagli

Il taglio nella potatura dell olivo

Il taglio nella potatura dell olivo Il taglio nella potatura dell olivo 27 10 2014 Slupatura è l intervento di cura sul tronco, contro la malattia chiamata CARIE o LUPA provocata da diversi tipi di funghi tra cui il FOMES FULVUS, il FOMES

Dettagli

CENSIMENTO e VERIFICA della SICUREZZA del PATRIMONIO ARBOREO DEL COMUNE DI FORLI

CENSIMENTO e VERIFICA della SICUREZZA del PATRIMONIO ARBOREO DEL COMUNE DI FORLI Comune di Forli AREA LAVORI PUBBLICI SERVIZIO OPERE DI URBANIZZAZIONE VERDE E ARREDO URBANO CENSIMENTO e VERIFICA della SICUREZZA del PATRIMONIO ARBOREO DEL COMUNE DI FORLI CONOSCERE SIGNIFICA CENSIRE

Dettagli

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI

ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI ARBORICOLTURA DA LEGNO LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ASSORTIMENTI LEGNOSI L arboricoltura da legno ha come primo scopo la produzione di assortimenti di pregio utilizzati

Dettagli

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini

CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011. Il legno. Ing. Emanuele Zamperini CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI A.A. 2010-2011 Il legno IL LEGNO COME MATERIALE STRUTTURALE (1) PREMESSA: Il legno è un materiale: - di origine biologica; - disponibile in natura in elementi

Dettagli

Caratteristiche Generali. Caratteristiche Dendometriche

Caratteristiche Generali. Caratteristiche Dendometriche Numero Scheda: Numero Gruppo: Autore: AM225 G225 Marco Bagnoli Data: 13/11/2007 Caratteristiche Generali Nome Comune: Denominazione Locale: Specie: TipoAlbero: Posizione: Faggio Faggio dell'alpe di Cavarzano

Dettagli

Caratteristiche Generali. Caratteristiche Dendometriche

Caratteristiche Generali. Caratteristiche Dendometriche Numero Scheda: Numero Gruppo: Autore: AM186 G186 Marco Bagnoli Data: 26/05/2006 Caratteristiche Generali Nome Comune: Denominazione Locale: Specie: TipoAlbero: Posizione: Ciliegio Ciliegio di Luogomano

Dettagli

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE

IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE IL PROBLEMA DELLE CAPITOZZATURE SUGLI ALBERI NEI CENTRI URBANI E LUNGO LE STRADE Una quercia capitozzata e ridotta a un albero dalla forma innaturale, privo di valore estetico e ambientale La potatura

Dettagli

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI

LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI LA POTATURA DELLE PIANTE ORNAMENTALI la potatura in sintesi (Testo ispirato al decalogo delle potature della Scuola di Agraria del Parco di Monza, modificato e integrato) a cura di GIOVANNI NALIN TRA ERRATE

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA

CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA CORSO DI CARATTERI COSTRUTTIVI DELL EDILIZIA STORICA AA 2008-2009 Arch. Elisa Adorni Legno LEGNO: materiale con caratteristiche molto variabili a seconda delle specie arboree Fattori climatici e morfologia

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli S ERVIZIO E COLOGIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO MANUTENZIONE ORDINARIA DEL PATRIMONIO VEGETALE E DISERBO STRADALE SUL TERRITORIO DI PROPRIETA COMUNALE

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero.

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura Dipartimento della ricerca per il sughero e la silvicoltura Tempio Pausania Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Rilievi

Dettagli

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO

165 CAPITOLO 13: PROVE MECCANICHE IN SITO 165 Introduzione Rispetto alle prove eseguite in laboratorio, quelle in sito presentano sia dei vantaggi che degli svantaggi. 1. Tra i vantaggi delle prove in sito di può dire che queste sono più rapide

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

Caratteristiche Generali. Caratteristiche Dendometriche

Caratteristiche Generali. Caratteristiche Dendometriche Numero Scheda: Numero Gruppo: Autore: AM215 G215 Marco Bagnoli Data: 10/07/2007 Caratteristiche Generali Nome Comune: Abete rosso Denominazione Locale: Specie: TipoAlbero: Posizione: Picea abies Singolo

Dettagli

Valutazione della stabilità degli alberi ornamentali nella città di Torino

Valutazione della stabilità degli alberi ornamentali nella città di Torino Laurea specialistica in Gestione e tutela dell ambiente agro-forestale Valutazione della stabilità degli alberi ornamentali nella città di Torino Relatore Candidata Chiar.mo prof. Giacomo Lorenzini Annalisa

Dettagli

The definitive version is available at: La versione definitiva è disponibile alla URL: [inserire URL sito editoriale]

The definitive version is available at: La versione definitiva è disponibile alla URL: [inserire URL sito editoriale] This is an author version of the contribution published on: Questa è la versione dell autore dell opera: [Gonthier P., Il Castagno, Edagricole, 2014, pagg. 163-167] The definitive version is available

Dettagli

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA Gruppo di lavoro Davide Neri (prof. Arboricoltura Università Politecnica delle Marche) Alberto Minelli (prof. Parchi e giardini Università di Bologna) Stefano Api (geometra

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

Il Divulgatore N.3/ 2003 La qualità del verde Alberi nel paesaggio rurale e urbano"

Il Divulgatore N.3/ 2003 La qualità del verde Alberi nel paesaggio rurale e urbano Il Divulgatore N.3/ 2003 La qualità del verde Alberi nel paesaggio rurale e urbano" Giganti feriti Il rischio di schianto o di rottura è un problema da considerare attentamente negli alberi monumentali,

Dettagli

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale Anopllophora spp Cerambiiciide o Tarllo asiiattiico Foto 1. Femmina di Anoplophora Gli

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO (PARZIALE) UNITA' DI N. VOCE DI PREZZO QUANTITA' MISURA PREZZO BASE IMPORTO Potatura di rami secchi, escluse le branche principali, in condizioni di minima difficoltà, effettuata

Dettagli

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta durabilità 1 Il legno è un materiale durabile? Sala del maggior consiglio, Palazzo Ducale Venezia XVI secolo principi generali Il legno è un materiale durabile? Analisi capriate di copertura Palazzo Ducale

Dettagli

Servizi di diagnosi e classificazione su elementi e strutture di legno Servizi di ricerca per l industria del legno

Servizi di diagnosi e classificazione su elementi e strutture di legno Servizi di ricerca per l industria del legno ISPEZIONE DI STRUTTURE LIGNEE ANTICHE - SOLAI Sacrestia del Duomo di Siena Il fabbricato è ubicato a fianco del Duomo. Qui la struttura è coperta e parzialmente nascosta da un rivestimento dipinto. Alle

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO ARBOREO ED ARBUSTIVO DELLA CITTA Approvato con delibera consiliare n.8 del 3 Febbraio 1997 1 PRINCIPI GENERALI ART.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Rilevata l importanza

Dettagli

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!!

Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Diffusione Xylella fastidiosa: EVITARE INUTILI ALLARMISMI!!! Stiamo purtroppo assistendo al diffondersi di un inutile quanto infondato ed incauto allarmismo, dovuto all ipotetica presenza nel comprensorio

Dettagli

3.5.20 Strutture orizzontali

3.5.20 Strutture orizzontali 3.5.20 Strutture orizzontali Le strutture orizzontali, destinate alla divisione dei piani possono essere piane o ad arco: costituite cioè da solai o da volte. Fra tutte le strutture esse sono le più delicate

Dettagli

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione.

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione. Battitura di pali duttili Generalità: Grazie agli escavatori idraulici leggeri e maneggevoli, i lavori per fondazioni di pali possono essere eseguiti anche in condizioni difficili oppure quando lo spazio

Dettagli

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso

Figura 1: A sinistra Quercia / A destra Abete rosso INTRODUZIONE IL LEGNO COME MATERIALE DA COSTRUZIONE Caratteristiche e struttura del legno Nel comparto edilizio le opere in legno possono impiegare non solo componenti, prodotti o semilavorati in legno

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A... 2 3. MURO IN C.A... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. PARATIA DI PALI TRIVELLATI IN C.A.... 2 3. MURO IN C.A.... 3 4. REGIMAZIONE ACQUE METEORICHE... 3 1. INTRODUZIONE Il piano di manutenzione dell opera è il documento complementare

Dettagli

II incontro autunnale-2e

II incontro autunnale-2e ALBERI nel loro ambiente II incontro autunnale-2e UTE aa 2014-2015 Bollate - Novate Giovanni Regiroli - biologo Ultimo capitolo: le buone e le cattive pratiche nell impianto, nella potatura, nel mantenimento,

Dettagli

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera

1.04 FONDAZIONI ETEROGENEE STABILITÀ DELLE FONDAZIONI. Descrizione sommaria dell opera FONDAZIONI ETEROGENEE 1.04 Edificio uso magazzino costituito da un mantello cilindrico periferico in calcestruzzo armato precompresso e da un silo centrale. Fondazioni del mantello mediante pali e con

Dettagli

STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE

STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE STRUTTURE IN LEGNO LAMELLARE TECNOLOGIA e CALCOLO MORETTI INTERHOLZ s.r.l. dott. ing. Alberto AGOSTINI Direttore Tecnico Produzione (NTC 2008) IL MATERIALE MATERIA PRIMA: Abete rosso, Larice, Pino, Abete

Dettagli

COMMITTENTE: Comitato Tor Carbone - Fotografia TECNICO INCARICATO: AGR. DOTT. AURELIO VALENTINI. Guidonia Montecelio lì 15/06/2014

COMMITTENTE: Comitato Tor Carbone - Fotografia TECNICO INCARICATO: AGR. DOTT. AURELIO VALENTINI. Guidonia Montecelio lì 15/06/2014 RELAZIONE TECNICA DELLE CONDIZIONI VEGETATIVO SANITARIE E DELLA STABILITÀ DI UN FILARE DI PINI, IN VIA DELLA FOTOGRAFIA PRESSO IL CONSORZIO DI TOR CARBONE, 00142 ROMA. COMMITTENTE: Comitato Tor Carbone

Dettagli

COMUNE DI NOVAFELTRIA

COMUNE DI NOVAFELTRIA COMUNE DI NOVAFELTRIA Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER IL VERDE PUBBLICO E PRIVATO AL DI FUORI DEI TERRITORI REGOLATI DALLE PRESCRIZIONI DI MASSIMA E DI POLIZIA FORESTALE Approvato con Deliberazione

Dettagli

Attenzione al Punteruolo rosso della palma

Attenzione al Punteruolo rosso della palma Attenzione al Punteruolo rosso della palma Punteruolo rosso della palma Il punteruolo rosso della palma, Rhynchophorus ferrugineus (Olivier), è un coleottero curculionide originario dell Asia meridionale

Dettagli

ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI

ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI ELENCO PREZZI MANUTENZIONE AREE A VERDE IMPIANTI 1) Operaio Specializzato Prezzo a ora 22,54 2) Operaio Qualificato Prezzo a ora 20,43 3) Autocarro con gru ruotante con braccio articolato MTT 26000 kg

Dettagli

Piano di Manutenzione SOMMARIO

Piano di Manutenzione SOMMARIO SOMMARIO MANUALE D'USO... 2 Travi in legno... 2 Travi in acciaio... 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 Travi in legno... 3 Travi in acciaio... 5 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 8 Travi in legno... 8 Travi in

Dettagli

CORSI ARBORICOLTURA 2014-2015

CORSI ARBORICOLTURA 2014-2015 CORSI ARBORICOLTURA 2014-2015 IL NOSTRO OBIETTIVO E TRASMETTERE CONOSCENZA PER CURARE CON COMPETENZA E IN SICUREZZA IL PATRIMONIO VERDE DELLE NOSTRE CITTA I CORSI DI FORMAZIONE CONTINUA: I corsi proposti

Dettagli

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO

2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO 2.1.2 Arboricoltura da legno con specie di pregio e cicli produttivi medio lunghi. RISPOSTE ALLA POTATURA DI SPECIE DI PREGIO NOCE E CILIEGIO Responsabile: Mario Pividori - Dip. TESAF (UNIPD) 049 8272711

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE STABILITA ALBERATURE

SCHEDA DI VALUTAZIONE STABILITA ALBERATURE SHE I VLUTZIONE STILIT LERTURE ata: aprile 2010 odice: 201 Specie: Platanus hybrida Età anni: 25-30 Ø cm: 25 irc. cm: 80 ltezza m: 10 RII OLLETTO FUSTO HIOM SITO non visibili regolare regolare regolare

Dettagli

la bonifica definitiva del sito valanghivo.

la bonifica definitiva del sito valanghivo. Le opere di difesa dalle valanghe realizzate dalla Regione del Veneto: TIPOLOGIA - EFFICACIA - STATO DI CONSERVAZIONE dr Francesco SOMMAVILLA 1 Nell'ambito delle specifiche attività del Servizio Neve e

Dettagli

Realizzazione di una scala antincendio in acciaio

Realizzazione di una scala antincendio in acciaio INTRODUZIONE Il piano di manutenzione è il documento complementare al progetto esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi effettivamente realizzati,

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale.

Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Convegno SICUREZZA E COMFORT NELLE ABITAZIONI CON STRUTTURE DI LEGNO Verona, 16 Giugno 2001 Tradizione ed innovazione. La classificazione del legname massiccio strutturale. Prof. Ing. Luca UZIELLI Prof.

Dettagli

La Manutenzione delle opere in legno

La Manutenzione delle opere in legno N UOVE A RCHITETTURE s.r.l. La Manutenzione delle opere in legno Strutture in legno lamellare Da Esperti nella Progettazione ed esecuzione delle opere in legno possiamo affermare che le strutture in legno

Dettagli

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA Settore Patrimonio e Beni Architettonici INTERVENTI DI COMPENSAZIONE FORESTALE NEI COMUNI DI LEGGIUNO, MARCHIROLO, CASTELSEPRIO, CASALZUIGNO E BRENTA ai sensi dell art. 15 del D.Lgs. 228/2001 LAVORI DI

Dettagli

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE

ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE CORSO DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I ELEMENTI DI INGEGNERIA DELLE FONDAZIONI INDIRETTE PROF. ING. BRUNO PALAZZO Prof. Bruno Palazzo - TIPOLOGIE: PALIFICATE Le fondazioni indirette sono un opzione quando:

Dettagli

Locarno, 8 marzo 2012. Al Consiglio Comunale. L o c a r n o

Locarno, 8 marzo 2012. Al Consiglio Comunale. L o c a r n o M.M. no. 90 concernente la richiesta di un credito di Fr. 25'000.00 per lavori di consolidamento delle scarpate e delle opere murarie a secco del terreno al mappale 049 RFD Locarno, quale il vigneto a

Dettagli

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi

Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Pericolo d infortunio e regole di sicurezza nell abbattimento di alberi Suva Tutela della salute Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 58 51 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419

Dettagli

APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE

APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE APPROFONDIMENTO DELLA TEMATICA DI PREVENZIONE INCENDI APPLICATA ALLA PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DI FACCIATE VENTILATE Monza, 22 gennaio 2014 Progettazione di una facciata ventilata Nella

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Alcune malattie fungine dell olivo

Alcune malattie fungine dell olivo Alcune malattie fungine dell olivo Massimo Pilotti CRA- Centro di Ricerca per la Patologia Vegetale ROMA Malattia fungina nota già nel dopoguerra nelle zone di coltivazione meridionali. Segnalazioni del

Dettagli

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità

Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità ALLEGATO 3 Settore Infrastrutture, Interventi Strategici e Mobilità Oggetto Lavori di manutenzione ordinaria del verde, per la rete stradale della Provincia di Monza e Brianza (anno 2012 2013) CUP B86G12000110003

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3. 3.1 Sottoprogramma delle prestazioni... 4 3.1.1 Stabilità...

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3. 3.1 Sottoprogramma delle prestazioni... 4 3.1.1 Stabilità... PIANO DI MANUTENZIONE PAG 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 2 1 MANUALE D USO... 3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento... 3 1.2 Modalità di uso corretto... 3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 2.1 Risorse

Dettagli

Le avversità delle piante ornamentali

Le avversità delle piante ornamentali Seminario Grottammare (AP) Le avversità delle piante ornamentali La gestione delle avversità in ambito urbano Luigi Delloste Per avversità ambientale si intende qualsiasi evento, sia di origine climatica

Dettagli

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO Dott. Agr. Alessandra Bazzocchi L area verde oggetto di studio,

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA (Provincia di Roma)

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA (Provincia di Roma) COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA (Provincia di Roma) SETTORE VI UFFICIO AMBIENTE Servizi di raccolta, trasporto e trattamento dei rifiuti urbani, servizi di igiene urbana e servizi accessori CAPITOLATO DI

Dettagli

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA

DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA Zona B: Piazza della Vittoria Si informa che ai sensi del DLgs 30 giugno 2003, n. 196 e succ. mod., che le informazioni contenute in questo documento e negli allegati sono da

Dettagli

L albero nell ambiente urbano

L albero nell ambiente urbano Consiglio di Quartiere 4 Assessorato all Ambiente Assessorato alla Partecipazione democratica e ai rapporti con i Quartieri In collaborazione con ARSIA L albero nell ambiente urbano Firenze 31 Maggio 1

Dettagli

Acustiko. Pannello antirumore. Insonorizzazione per l edilizia - Acustiko

Acustiko. Pannello antirumore. Insonorizzazione per l edilizia - Acustiko Acustiko Pannello antirumore Pannello antirumore Acustiko Cos è? Acustiko è un pannello antirumore, modulare e versatile, nato per realizzare barriere acustiche nei cantieri. Le barriere realizzate con

Dettagli

Allegato n. 4 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE. Scheda di segnalazione

Allegato n. 4 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE. Scheda di segnalazione Allegato n. 4 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE SCHEDE Scheda di segnalazione Per la segnalazione di alberi monumentali, l'interessato puo' utilizzare apposita scheda di segnalazione, resa disponibile

Dettagli

Estratto della Norma UNI 10845

Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della NORMA UNI 10845 - Febbraio 2000 Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento

Dettagli

IL PATRIMONIO ARBOREO DEL COMUNE DI PISTOIA

IL PATRIMONIO ARBOREO DEL COMUNE DI PISTOIA DANNI E PROBLEMATICHE CAUSATI DAL VENTO DEL 5 MARZO 2015 ALLE ALBERATURE: IL CASO DELLA CITTÀ DI PISTOIA Mario Vannuccini - Martina Giachini - Caterina Desco Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali

Dettagli

Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013

Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013 Botrite e Sclerotinia: due crittogame delle orticole Raito (Salerno), 19 settembre 2013 Dott.ssa Flavia Grazia Tropiano Servizio Fitosanitario Regione Campania Le orticole in Campania in cifre Nel 2012

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

SICUREZZA NEI PARCHI GIOCO

SICUREZZA NEI PARCHI GIOCO SICUREZZA NEI PARCHI GIOCO Pianificare, arredare e gestire correttamente un parco giochi significa proteggere i bambini dai pericoli che difficilmente sono in grado di riconoscere, affinché possano giocare

Dettagli

Le parole chiave della sicurezza CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.3

Le parole chiave della sicurezza CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA. Unità didattica 1.3 Le parole chiave della sicurezza Unità didattica CORSO DI FORMAZIONE REFERENTI DI PLESSO PER LA SICUREZZA 1.3 SALUTE Stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non consistente solo in un assenza

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE

MANUALE DI MANUTENZIONE Comune di Lavello Provincia di Potenza PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 D.P.R. 207/10) OGGETTO: Lavori di consolidamento a valle del fabbricato della Protezione Civile COMMITTENTE:

Dettagli

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani

TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto. Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani TECNICHE DI POTATURA: Le Piante da Frutto Giovedì 1 dicembre 2011 Dr. Agr. Simone Tofani Cenni di potatura di alcune piante da frutto: Pomacee Drupacee Vite Olivo Agrumi Ma prima.un po di...riscaldamento

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.8 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Lavorazione a freddo della lamiera LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Lavorazione a freddo delle lamiere È il processo

Dettagli

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845 ; Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di Verifica; Risanamento/Ristrutturazione; Intubamento. Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n.

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I

RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I C O M U N E D I C E R V I A TRAVERSA RIQUALIFICAZIONE VIALE MATTEOTTI DA PIAZZA I MAGGIO FINO A I Sommario PREMESSA... 3 PROGETTO DELLE OPERE A VERDE... 3 LO STATO ATTUALE... 3 IL PROGETTO... 6 PRINCIPALI

Dettagli

Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA

Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA Mauro BERNONI SPECIE FAUNISTICHE DI ECOSISTEMI FORESTALI DI PARTICOLARE INTERESSE CONSERVAZIONISTICO : L AVIFAUNA SPECIE IN DIRETTIVA PICCHIO DORSOBIANCO, IN LEGGERO DECLINO NEL PNALM, CON SIGNIFICATIVA

Dettagli

Tomografo FaKopp 3D. Tomografo FaKopp 3D. La tomografia

Tomografo FaKopp 3D. Tomografo FaKopp 3D. La tomografia La tomografia Il tomografo FAKOPP 3D sfrutta le proprietà della diffusione del suono nel legno per produrre una fotografia dell interno dei tronchi, un immagine che riporta le parti di legno sano, le cavità

Dettagli

COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA Dott. For. Marcello Roncoloni Via degli Scaloni n. 11, int. 13 00066 Manziana (Rm) Cell. 320 9737248 E mail: marcello.roncoloni@libero.it PEC: m.roncoloni@conafpec.it COMUNE DI MANZIANA PROVINCIA DI ROMA

Dettagli

Catalogo dei dissesti delle pavimentazioni stradali

Catalogo dei dissesti delle pavimentazioni stradali Direzione Generale Infrastrutture e Mobilità Catalogo dei dissesti delle pavimentazioni stradali ALLEGATO B alla d.g.r. n del MILANO, Novembre 2005 Data File 14/11/2005 Minicatalogo Dissesti.doc INDICE

Dettagli