I Disturbi Alimentari & le Obesità. Nazario Melchionda

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I Disturbi Alimentari & le Obesità. Nazario Melchionda"

Transcript

1 Food & Addiction I Disturbi Alimentari & le Obesità Nazario Melchionda 1

2 Food & Addiction La Centralità della dipendenza dal cibo nello Sviluppo dei Disturbi Alimentari & delle Obesità Alla ricerca dell Omeostasi della Ricompensa Edonica e Metabolico-Energetica. Nel Grande Circo Equestre per la Sopravvivenza del Homo Addictus. Sul fil rouge del sentiero della Dopamina per le rospettive di Prevenzione e di Cura. Nazario Melchionda Con la collaborazione di Daniele Di Pauli (VR) Giovanni Gravina (PI) Emilia Manzato (FE) Umberto Nizzoli (RE) Eleonora Poggiogalle (Roma) Giulietta Tarrini (BO) Chiara Zanetti (BO) Aldo Genovese (TR) Gianluigi Luxardi (PN) Fiorenza Marchiol (PN) Luigi Oliva (VE) Graziella Raiteri (TO) Laura Tieghi (BO) Angela Zannini (RE) 2

3 Prefazione Un Volume-Manuale Multi-Professionale sviluppato sul fil rouge del sentiero della ricompensa della Dopamina. La Centralità della Food &Addiction (F&A), nello sviluppo nucleare dei Disturbi Alimentari & Obesità (DA&O), rappresenta un esigenza programmatica che emerge dopo 50 anni di studi preclinici ad opera di pionieri che hanno passato la loro vita nei laboratori di ricerca psico-neuro-biologico-comportamentale. La traslazione della ricerca preclinica all uomo, relativa alle "dipendenze può rispondere a quesiti che esprimono una esigenza clinico-terapeutica impellente: Perché perdiamo il Controllo e mangiamo troppo? Perché siamo capaci di rifiutare il cibo con atteggiamento ostinato e perentorio? I risultati della ricerca clinica condotta bedside, in questa ultima decade, possono permettere di elaborare suggerimenti e raccomandazioni a differenti livelli dell'evidenza per tutti gli attori della filiera sanitaria. Questo è un volume propedeutico che rappresenta un compendio attinente alla Sessione Food Addiction del Progetto PIA.DA&O della SISDCA (Società Italiana per lo Studio del Comportamento Alimentare): Elaborazione di Percorsi Italiani Assistenziali Standard di Qualità Eccellente per lo Studio, Prevenzione e Cura dei Disturbi Alimentari & Obesità (DA&O). <http://www.dca-disturbialimentari.org/sisdcaweb/index.php> Bologna 15 Luglio 2013 Nazario Melchionda Presidente SISDCA Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare <http://www.nazariomelchionda.net/> 3

4 Introduzione L'interesse che ha spinto ad affrontare l'argomento della Food & Addiction (F&A) è nato dall'aver osservato nella analisi clinica per 45 anni, la "Perdita di Controllo" anche con i classici strumenti psicometrici dei DA&O dalla magrezza dell'anoressia Nervosa, all eccesso di peso dell'obesità, nei soggetti che richiedevano un trattamento a qualsiasi livello del peso corporeo in tutta l estensione dei comportamenti inadeguati. La perdita di controllo caratterizzava particolarmente i soggetti classificati nell'ambito della Anoressia Nervosa e della Bulimia Nervosa che, nella maggior parte dei casi, erano passati attraverso una fase transitoria o persistente ove dominava la "Restrizione Calorica Volontaria". Si affacciava nel corso degli anni il concetto del "Viraggio Bulimico" (VRB) e cioè l'incombenza, sempre più palese, della assunzione di cibo compulsiva, ineluttabilmente successiva ad una restrizione, come fattore di rinforzo nel dominio della Salienza dell Incentivazione. In un primo tempo il Viraggio Bulimico appariva solo come appannaggio della maggior parte dell'an-bn delle giovani donne, con la concomitante compensazione per mantenere il peso. Questo secondo sintomo amplificava la gravità del quadro clinico ed era accompagnato da psicopatologie più o meno gravi (depressione, ansia, disturbi di personalità e dell'immagine corporea). In questi 45 anni in parallelo, emergevano le osservazioni del quadro clinico del Binge Eating e del Binge Eating Disorder (BED) a tutti i livelli dell eccesso ponderale ma, con particolare evidenza, nei soggetti Obesi dove la perdita di controllo, tuttavia, appariva meno incombente rispetto alla BN e spesso clinicamente non percepita, sia dal soggetto che dal clinico. Questa perdita di controllo, non seguita da compensazioni, rappresenta il Sintomo Cardinale Ancestrale del comportamento alimentare per la sopravvivenza col viraggio dalla restrizione alla iperfagia compulsiva. Solo le giovani donne, angosciate dalla intolleranza del sovrappeso reale o sopra valutato, utilizzano i sistemi di compensazione psicopatologici per governare il peso, i soggetti obesi in età adulta no o raramente. Sotto questo profilo nasceva l'esigenza di scrivere un capitolo dal titolo "Il Viraggio Bulimico: Sintomo Trasversale" che è inserito in questo volume in Appendice. Più tardivamente l'interesse si è allargato alla 4

5 Convergenza DA&O-SUD, spesso osservata nei soggetti con BN e meno frequentemente nei soggetti OB e OB-BED, che sostituiscono il cibo alla droga per la necessità vitale del Sistema dell Omeostasi Edonica della Ricompensa (SORE). E ormai noto che la perdita di controllo caratterizza analoghi comportamenti legati all'uso di "sostanze" e pertanto esiste nel volume un capitolo dedicato. Molti aspetti della convergenza DA&-SUD sono anche inseriti nei vari paragrafi del volume perché nel corso della redazione la Food & Addiction (F&A) appariva, con tutta la sua irruenza, essendo la perdita di controllo del cibo parallela a quella delle sostanze dei SUD. Il volume è stato scritto sul fil rouge del sentiero della ricompensa dove la Dopamina è responsabile della dipendenza relativa al cibo, facendo astrazione dalle caratteristiche nosologiche dei differenti fenotipi: AN, ANR, BN, BED, F&A, RDS, ADHD, SUD. I capitoli del Viraggio Bulimico e della Convergenza DA&O-SUD sono in coda e sono stati scritti prima della redazione del Volume-Manuale. Devono considerarsi propedeutici. Nel corso della redazione del volume, durata oltre due anni, è andata consolidandosi l importanza di considerare i DA&O-SUD, sul piano nosologico, come una Malattia Sistemica Neurologica, Psicologica, Psichiatrica Medico-Nutrizionale-Endocrinologica Ambientale-Socio-Culturale Genetico-Epigenetico-Familiare. È maturato il momento di introdurre il termine DA&Ologia. Apparirà chiaro che l evidenza della genesi neurologica dei fenotipi AN-ANR-BN-BED-OB-F&A-SUD-ADHD-RDS è sostenuta da una serie di ricerche che si sono sviluppate nel corso di 50 anni, che portano l attenzione sulla ridotta disponibilità dei recettori D2R della Dopamina nel Nucleo Accumbens che rappresenta il perno del SORE, il Sistema della Omeostasi Edonica della Ricompensa. Questa avanzata impostazione euristica chiude definitivamente il costrutto Multi-disciplinare e Multi-professionale Integrato a cui la Comunità Sanitaria si deve attenere per il Management della Prevenzione Studio Cura dei DA&O che la SISDCA sostiene dal BO 6 Marzo 2014 Nazario Melchionda Presidente SISDCA 5

6 A.4. Indice dei Capitoli, Paragrafi, Figure, Tabelle e Box Cap.1. Analisi concettuale dell evoluzione storica della Food&Addiction (F&A) La Metafora del Circo Equestre 1.2. Una storia scientifica di oltre 50 anni: Gene-Jack Wang 1.3. Bartley G Hoebel 1.4. Ernest P Noble 1.5. Nora D Wolkow 1.6. Eric Stice 1.7. Valerie H Taylor 1.8. Kenneth Blum 1.9. Nicole M Avena Ashley N Gearhardt Kent C Berridge e Terry E Robinson Opinione degli Autori Un Obiettivo Un proponimento complesso La terapia del DA&O-SUD non è ancora stata scritta Il punto saliente La situazione corrente nel nostro Paese Analisi ragionata e descrizione dell impalcatura di tutto il volume Un recentissimo volume Oxford University Press: Food and Addiction Il contributo di Caroline Davis Box Iperfagia Compulsiva come dipendenza comportamentale Box Lo Sviluppo della Tolleranza di Caroline Davis Cap.2. I Punti Caldi: Una complessità senza confini Oltre il Sistema dell Omeostasi Metabolico-Energetica (SOME) 2.2. L iper-palatabilità è un fattore intuitivo che provoca iperfagia 2.3. Le temporanee restrizioni sono in grado di azzerare gli adattamenti Il ruolo centrale della Dopamina (DPM) nell OB e nel SUD 2.5. Il Nucleo Accumbens (NAc) è una fabbrica di Dopamina 2.6. Introduzione alla Terapia. Il caso della Reward Deficiency Syndrome 2.7. Dal NIH-NIDA: National Institute on Drug Abuse. Il 40th anniversario 2.8. Una prospettiva per la Salute Pubblica Box.2.7. La Convergenza DA&O-SUD Cap.3. Aspetti storici La Dipendenza come colpa 3.2. Le Dipendenze Comportamentali 3.3. Il Minnesota Study di A Keys. L effetto della restrizione calorica Box.3.1. Il problema dello stigma della Food&Addiction (F&A) Cap.4. Le Istituzioni si muovono Il FAI: Food Addiction Institute 4.2. L American Medical Association riconosce l OB come una malattia 4.3. Il NIH-NIDA (NIH National Institute on Drug Abuse) 4.4. La SISDCA apre il filone culturale della Food Addiction (F&A) per la Formazione col Progetto PIA.DA&O Cap.5. La Disponibilità delle sostanze compreso il Cibo I Geni del risparmio per la sopravvivenza oggi non servono più 5.2. Il rischio di particolari cibi ricchi di calorie (CRM) 5.3. Tutto quello che c è da sapere ed è meglio non sottovalutare 5.4. Il cibo CRM è la più potente delle droghe 5.5. Definizione di Fast Food 5.6. Stimoli ambientali che possono essere fattori di dipendenza aggiuntiva Box.5.4.Il bilancio energetico e l aumento del peso: una visione Antropologica Box.5.5.Dallo Zea mais al Chicken McNudget: siamo fatti di granoturco Cap.6. La regolazione del consumo di cibo è molto più complessa La modulazione dei comportamenti alimentari 6.2. I primi passi della perdita di controllo Box.6. Le premesse: Evoluzione antropologica dei meccanismi neurali della Ricompensa e del Consumo di cibo. Caroline Davis, 2013 Cap.7. Le Conseguenze Edoniche del Cibo Il Motore Edonico del Cibo: il SORE 7.2. Il dominio dei segnali periferici e il dominio del SOME 7.3. Processi bottom-up: Nutrienti e Peptidi regolano il SORE 7.4. Processi top-down: Il SORE regola i Comportamenti 6

7 7.5. Le funzioni del Sistema Omeostatico della Ricompensa Edonica (SORE) 7.6. La Ricompensa del Cibo e l OB 7.7. Relazione tra regolazione metabolica e regolazione edonica. Un modello 7.8. Il Modello dell OB va completandosi per entrare in quello della F&A 7.9. L architettura a papillon dei circuiti SOME-SORE Cap.8. Focalizzazione sull interazione sostanza-comportamento che crea Dipendenza Che cosa si intende per dipendenza? 8.2. Una traslazione dai roditori all uomo 8.3. Una focalizzazione sulle responsabilità Box.8.2. L enigma dei grassi: non hano sapore, ma sono infidi e molto Spesso invisibili Box.8.3.La guerra del sale, dello zucchero e dei grassi ovvero alla ricerca del bliss point Cap.9. L importanza dello Stress cronico nella F&A Asse Ipotalamo-Ipofisi-Surrene e del Sistema CNDR 9.2. Stress, Ansia, Depressione, Grelina e Food Addiction Cap.10. Il Dibattito sulla F&A non ha senso La validità scientifica e clinica del Modello della F&A La Sovrapposizione clinica Un modello neuro-scientifico della F&A: La fmri Il punto di vista del massimi esperti Un Modello Clinico Siamo tanto differenti dai roditori? Rapporto tra macronutrienti e dipendenza Box.10.5.La dopamino-dipendenza connection Box.10.7.Il Low Satiety Phenotype amplifica la complessità dei Cap.11. Valutazione della F&A secondo i criteri del DSM-IV e del DSM Il modello della F&A è stato applicato all OB in riferimento a due differenti punti di vista La soglia diagnostica La salienza dell Incentivazione Cibo e Droghe si assomigliano Conclusioni, evidenze e opportunità Abstracts della Tab Cap.12. Nasce la Yale Food Addiction Scale (YFAS) Il glucosio è più dannoso della cocaina E necessario uno strumento per una ricaduta pratica della teoria Il sito della SISDCA Box.12. Il problema della F&A nei bambini Cap.13. La Clinica dei DA&O-SUD: OB, F&A, BN, BED e SUD Le premesse scientifiche stanno nei modelli animali Rapporti tra BED vs SUD Rapporti tra OB, BED e F&A Il rapporto tra BED e F&A può avere importanti implicazioni Alla ricerca di un Fenotipo psico-neuro-biologico-comportamentale Importanza delle modalità dell'accesso al cibo CRM illimitato intermittente Il caso specifico della Bulimia Nervosa (BN) Teoria della ipo-responsività del Sistema CNDR nell OB La perdita del controllo dipende dalla corteccia CPF Aggiornamento al mese di Dicembre Un chiarimento finale Conclusioni Box La disregolazione emotiva nel BED differisce dalla F&A? Box La Food Addiction (F&A) è un sottotipo più grave del BED? Box Una sindrome come nuovo fenotipo delle Obesità Cap.14. Il posto dell Anoressia Nervosa nel novero delle Dipendenze An e BN possono essere considerate come fasi di un unico percorso La Teoria dell Auto-Addiction Il posto dell AN è questo? Cap.15. Il Principio di Goldilocks. La Salienza della Incentivazione (SaI) Una Metafora Riferimenti nel testo alla Salienza dell'incentivazione (SaI) Teoria della Salienza dell Incentivazione e Sensibilizzazione dell Incentivazione della "Dipendenza" da droghe Familiarizzare meglio con il costrutto del rinforzo La struttura del Piacere: Wanting e Liking 7

8 Cap.16. Prospettive Terapeutiche Programmatiche Premesse: Prima di affrontare questo capitolo Implicazioni del rinforzo del cibo con riferimento al problema della terapia Il Modello Terapeutico della Dipendenza La scienza sostiene la guarigione Dal NIH-NIDA: National Institute on Drug Abuse Per concludere sul trattamento Il Modello dei Triangoli sovrapposti dei DA&O-SUD per la pianificazione della Terapia L ultima parola a David A Kessler Box.16.Note riassuntive del Modello Terapeutico della dipendenza DA&O-SUD- Cap.17. Il Modello Didattico Operativo del Circo Equestre Descrizione del modello didattico Utilizzazione operativa del modello Un ponte per le Psicoterapie Cap.18. Il Viraggio Bulimico in Appendice 351 A. Introduzione: Premesse concettuali B. Stato dell arte e Sintesi Narrativa C. L Azione D. Riassunto e brevi conclusioni Sitografia Bibliografia Essenziale Cap.19. La Convergenza DA&O-SUD in Appendice 366 Syllabus dei capoversi Acronimi A. Introduzione B. Stato dell Arte e Sintesi Narrativa C. L Azione D. Riassunto e brevi conclusioni E. Bibliografia Essenziale B. Definizioni Adattamento Addiction Area Tegmentale Ventrale (VTA) Binge Eating (BE) Binge Eating Disorder (BED) Cibo Raffinato Manipolato (CRM) CNDR: Circuiti Neurali della Dipendenza e della Ricompensa Condizionamento Contingency Management Compulsività Craving DA&O: Disturbi Alimentari Obesità Dietary restraint Dipendenza (con e senza virgolette) Dopamina (DPM) Food Addiction (F&A) Impulsività Liking (con e senza virgolette) Neuro-trasmettitore Nucleo Accumbens (NAc) Palatabilità o Iper-palatabilità Rinforzo Salienza dell Incentivazione (SaI) Sensibilizzazione SOME: Sistema dell Omeostasi Metabolico-Energetica SORE: Sistema Omeostatico della Ricompensa Edonica Striato SUD: Substance Use Disorder Tolleranza Wanting (con e senza virgolette) Withdrawal: Sindrome da astinenza 8

9 C. Quesiti 1. Nel Circo Equestre della sopravvivenza il Grande Giocoliere non esiste. 2. Quali sono le caratteristiche che giustificano la classificazione di un cibo tra le sostanze che danno dipendenza? 3. Esiste una dimostrazione inoppugnabile della F&A? 4. Il trattamento del SUD è estensibile alla F&A? 5. E la BN una forma particolare di F&A? 6. Quale è il significato della restrizione non accompagnata da VRB nell AN? 7. Quale è il significato del VRB nella BN e nel BED? 8. Che cosa si intende per Dipendenza? 9. Quale differenza attribuire alla Iperfagia Compulsiva e alla Iperfagia Condizionata? 10. Come si spiega il concetto di tolleranza nei riguardi del cibo? 11. il comportamento che segue il consumo di zuccheri è simile alla dipendenza da droghe? 12. Perché perdiamo il controllo e mangiamo troppo? 13. Gli stimoli ambientali possono essere fattori di dipendenza aggiuntiva? 14. L importanza della disponibilità di recettori D2R della DPM come marker neurologico. 15. Le ripetute esposizioni al cibo possono modificare i meccanismi della ricompensa e portare alla F&A? Quali sono gli effetti neuro-biologici della restrizione intermittente? 16. Differenze preesistenti potrebbero essere determinate da alterazioni genetiche, epigenetiche e da esperienze di vita precoci? 17. Si può accettare la traslazione dai roditori all uomo? 18. Quale è il potenziale uso della fmri nella diagnostica dei DA&O? 19. La Food&Addiction è un sottotipo più grave di BED? 20. Quale è il significato del Viraggio Bulimico? 21. Quale è il livello calorico della restrizione che determina la perdita di controllo? 22. Quale è l evidenza della nutrigenomica nella terapia delle dipendenze? 23. Quali sono i principi per il trattamento efficace delle dipendenze? 24. E consigliabile non considerare la Food&Addiction solo una semplice teoria ma un modello utile per progettare strategie operazionali vantaggiose? 25. E necessaria una formazione specifica multi-disciplinare e multi-professionale per affrontare in condivisione diagnosi e terapia dei DA&O-SUD? SZ.F. Raccomandazioni o Suggerimenti Le raccomandazioni, il loro livello della Prova e della Forza F.1. Sulla Food&Addiction F.2. Sul Viraggio Bulimico F.3. Sulla Convergenza DA&O-SUD SZ.I. Bibliografia 1. Articoli (600) in ordine alfabetico Abizaid A et al. Thoughts for food: brain mechanisms and peripheral energy balance. Neuron : Adam TC, Epel ES. Stress, eating and the reward system. Physiol Behav : Adami GF et al. Binge eating following biliopancreatic diversion for obesity. Appetite : Ziauddeen H et al. Food addiction: is there a baby in the bathwater? Nature Rev Neuroscience : 514 doi: /nrn3212-c2. Ziauddeen H et al. Obesity and the brain: how convincing is the addiction model? Nat Rev Neurosci : Zilberter T. Food addiction and obesity: do macronutrients matter? Front Neuroenergetics : 7. 9

10 SZ.N. Curriculum degli Autori Nazario Melchionda Internista della Nutrizione e Endocrinologo. Si laurea in Medicina e Chirurgia nel 1964 presso l Università degli Studi di Genova. Consegue la Libera Docenza in Patologia Speciale Medica e Metodologia Clinica nel 1969 e le Specializzazioni in Medicina Interna, Gastroenterologia e Scienza dell Alimentazione. Di formazione internistica con riferimento alle Malattie del Metabolismo, Diabetologia e Nutrizione da 40 anni, ha iniziato la sua attività come responsabile del Centro Universitario di Fisiopatologia della Nutrizione di Dietetica Clinica e Metabolismo dell Istituto di Clinica Medica dell Università di Bologna dal 1972, con particolare attenzione ai Disturbi Alimentari. Ha coperto la cattedra di Nutrizione Clinica dal 1072 al 1983.E Professore Associato di Endocrinologia fuori ruolo della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell Università di Bologna "Alma Mater Studiorum" dal E stato Presidente del Planning Commettee della Consensus Conference Italiana: Sovrappeso, Obesità e Salute (CCI SOS, 1991). Fondatore, Segretario e Presidente della Società Italiana per lo Studio dell Obesità ( ). Chairman della Task Force Obesità Italia (TFOI) per la preparazione delle Linee Guida Obesità Italia ( ). Fondatore della Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare (1992) di cui è attualmente Presidente in carica per il triennio Direttore dell UO Universitaria di Malattie del Metabolismo e Disturbi del Comportamento Alimentare del Policlinico S.Orsola-Malpighi di Bologna dal 2000 al Docente presso il Master per la Prevenzione e la terapia dell OB e dei Disturbi Alimentari dell Università "La Sapienza di Roma". Direttore del Centro ODM per la Prevenzione e la Terapia dell OB, dei Disturbi Alimentari e del Metabolismo presso l Ospedale Accreditato "Villa Regina" di Bologna. E autore di oltre 500 pubblicazioni scientifiche. In particolare ha pubblicato alcuni libri tra cui "Obesità Evoluzione della Terapia. Management Multi-dimensionale a breve e lungo termine" nel 1996, Le diete fanno ingrassare e La Gastronomia Metabolica. Daniele Di Pauli Psicologo Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale. Laurea in Psicologia nel 2003 presso l Università di Padova. Abilitazione all esercizio della Psicoterapia conseguita presso L Associazione di Psicologia Cognitiva Albert Ellis, sede periferica di Verona nel Segretario scientifico del CIDO (Comitato Italiano per la difesa dei diritti delle persone affette da OB e disturbi alimentari). Socio Società Italiana Obesità e Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare. Svolge la libera professione e collabora con il Centro di Riferimento dei DCA presso l ospedale G.B.Rossi a Verona. Aldo Genovese Psichiatra Psicoteraputa. Laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università di Verona nel Specializzazione in Neurologia. Corso quadriennale di Ipnosi Clinica e Psicoterapia presso l Istituto H. Bernheim di Verona. Master Board of Qualification in Extrapiramidal Disease. Master di 1 livello per Formatori: le competenze tutoriali nella formazione degli operatori della salute. Specialista ambulatoriale nella Branca di Neurologia presso l U.S.L. C5 di Trento. Coordinatore del Centro di riferimento Provinciale per i Disturbi del Comportamento Alimentare APSS (Trento). Responsabile Struttura Semplice Centro di riferimento provinciale per i Disturbi del Comportamento Alimentare, UO di Cure Primarie APSS (Trento). Autore del libro La Dimensione relazionale in terapia cognitiva Giovanni Gravina Internista-Endocrinologo. Laureato in Medicina e Chirurgia, specialista in Endocrinologia. Già Medico interno e ricercatore Clinica Medica I, Università di Pisa. Opera nella ASL 5 di Pisa in qualità di Specialista ambulatoriale (Endocrinologia), medico del Consultorio Giovani e medico del Centro Arianna per il trattamento ambulatoriale e semiresidenziale dei DCA. Collabora con la UO Educazione Sanitaria e Bioetica ASL 5 di Pisa per attività di educazione alla salute e prevenzione dei Disturbi del Comportamento Alimentare con progettazione ed esecuzione di interventi specifici in materia. Direttore dell UO Medicina Generale della Casa di Cura San Rossore di Pisa. Docente Corso di Laurea in Dietistica (Università di Pisa). Docente della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia analitico-transazionale PerFormat di Pisa. Consigliere Nazionale e Presidente della Sezione Regionale Toscana Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare. Socio Società Italiana di Endocrinologia, 10

11 Società Italiana dell Obesità. Founding Member International Society of Gynecological Endocrinology. Gianluigi Luxardi Psicologo Psicoterapeuta, responsabile del Centro per i Disturbi Alimentari di S.Vito al Tagliamento, dell Azienda per i Servizi Sanitari n.6 Friuli Occidentale. È docente al Master Universitario di 1 livello su Diagnosi e Trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare dell Università di Udine, edizione Collabora con il Centro di Terapia Familiare EIDOS di Treviso. È stato supervisore della comunità residenziale per disturbi alimentari Silesia di Vicenza. È Presidente Eletto della Sezione Triveneto della SIS-DCA, Presidente del Comitato Scientifico dell ADAO Friuli ONLUS e socio della Society for Psychotherapy Research. E autore di numerose pubblicazioni scientifiche e divulgative su disturbi alimentari, OB e loro trattamento. Emilia Manzato Psichiatra. Laurea in Medicina e Chirurgia, Specialità in Psichiatria Università di Padova. Dal 1997 dirige il Centro Multidisciplinare per il trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare, Dipartimento Medico dell Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara. E professore incaricato presso l Università degli Studi di Ferrara corso di Laurea in Dietistica. Ha svolto attività di insegnamento presso la scuola infermieri e in corsi di perfezionamento sui DCA. Dal 1998 fa parte del Tavolo Regionale sui Disturbi del Comportamento Alimentare, Regione Emilia-Romagna. E consigliere nazionale della Società Italiana per lo studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare. Ha numerose pubblicazioni nazionali e internazionali. Fiorenza Marchiol Psicologa. Laureata in Neuropsicologia e Neuroscienze Cognitive l Università degli Studi di Trieste, frequenta il master di 1 Livello in Diagnosi e trattamento dei Disturbi del Comportamento Alimentare. Svolge attività di ricerca presso il Centro Disturbi Alimentari di San Vito al Tagliamento. Umberto Nizzoli Psicologo Psicoterapeuta, Perito di Tribunali, Consulente e Formatore. Già Primario di Psicologia Clinica, ASL di RE dove ha diretto i Dipartimenti Salute Mentale e Dipendenze Patologiche, il Servizio per i Disturbi Alimentari, il SERT, i Servizi per l Abuso ai minori, il Servizio Maternità, Infanzia e Età Evolutiva. Docente presso l Università di MO BO e all IPU di VT. Direttore di numerosi Corsi ECM e di ricerche nazionali ed europee approvate dalla CE. Direttore della rivista Personalità/Dipendenze, Mucchi editore. Autore di oltre 700 pubblicazioni ed articoli su giornali e riviste scientifiche italiane ed estere. Tra i suoi volumi: Trattato completo degli Abusi e delle Dipendenze, 2 Vol. (Piccin), Giovani che rischiano la vita (McGraw-Hill), Valutazione di efficacia dei trattamenti dei disturbi del comportamento alimentare (Piccin), Il sistema dei servizi per le dipendenze patologiche (Franco Angeli), Disturbi dell Alimentazione e Abuso di sostanze (Piccin), I disturbi dell alimentazione. Manuale per operatori, insegnanti, genitori (Mucchi), La cura dei disturbi alimentari. Il lavoro di Equipe Multi-disciplinare, (Mucchi). Luigi Oliva Nutrizionista. Laurea in Medicina e Chirurga presso l Università di Palermo nel Specializzazione in Scienza dell Alimentazione nel Dirige una equipe multi-disciplinare presso l ambulatorio specialistico per la prevenzione e la cura dell OB e dei Disturbi del Comportamento Alimentare di Mestre (VE). Fondatore dell ADAM (Associazione Disturbi Alimentari Mestre). E autore di Corpi uguali, Storie diverse. Eleonora Poggiogalle Laurea in Medicina e Chirurgia, giornalista pubblicista. Attualmente è iscritta alla Scuola di Specializzazione in Scienza dell Alimentazione e collabora nell ambito dell Unità di Ricerca in Scienza dell Alimentazione e Nutrizione Umana presso l Università Sapienza di Roma. E autrice di numerosi lavori scientifici pubblicati su riviste internazionali e di comunicazioni a congressi. Sia l attività clinica sia quella di ricerca sono orientate allo studio della malnutrizione, delle problematiche endocrino-metaboliche e delle alterazioni del comportamento alimentare. Graziella Raiteri Endocrinologa. Laurea in Medicina e Chirurgia. Si abilita all'esercizio professionale nel Specializzazione in Endocrinologia e Malattie del Ricambio. Ha conseguito il diploma di Medico Formatore presso la sede F.I.M.M.G.- Torino. Collabora con il Poliambulatorio Medivela a Torino dove gestisce l'ambulatorio di Endocrinologia, Diabetologia e Dietologia. Conduce il 11

12 Laboratorio Immagine Corporea e Benessere Psicofisico. E' tutor universitario valutativo preabilitazione all'esercizio della professione di medico Università di Torino. Socio Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare, Associazione Nazionale Specialisti in Scienza dell'alimentazione e SIMG. Giulietta Tarrini Dietista. Diploma Universitario di Economia e Merceologia degli alimenti, Università di Bologna. Laurea di primo livello in Dietistica presso l Università di Chieti. Professore a contratto nella Scuola di Specializzazione di Scienza dell Alimentazione, Università di Bologna. Ricercatore EBN del Centro Studi EBN, Policlinico S.Orsola-Malpighi. Master di primo livello in Prevenzione e Assistenza a Soprappeso, Obesità e Disturbi dell Alimentazione Università degli Studi La Sapienza di Roma. Dal 2002 al 2009 Dietista presso l UO di Malattie del Metabolismo e Disturbi del Comportamento Alimentare e dal 2010 presso la US di Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica dell Azienda Ospedaliera di Bologna. Autore di 20 pubblicazioni. Coautore del volume La Gastronomia Metabolica, L Educazione Gastronomica, Coautore del volume La Cura dei Disturbi Alimentari (Mucchi). Membro del Consiglio Direttivo Segretaria Nazionale della Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare. Laura Tieghi Psicologa Psicoterapeuta. Laureata in Psicologia nel 2005 presso l Università degli Studi di Padova, specializzata in Psicoterapia Cognitiva ad indirizzo Costruttivista Post-Razionalista alla Scuola Bolognese di Psicoterapia Cognitiva. Nel 2011 consegue il titolo di Istruttore di Mindfulness. Dal 2005 svolge attività clinica e di ricerca presso il Centro Gruber (Bologna), Centro di Diagnosi e Cura dei Disturbi del Comportamento Alimentare. Si occupa inoltre di aspetti preventivi e formativi rivolti agli adolescenti e ai docenti, nell ambito della psicologia della salute, in particolare svolge attività di formatore negli istituti d istruzione superiore e nelle Società sportive con interventi di formazione dei docenti e degli allenatori. Ha partecipato come relatore a diversi convegni nazionali e internazionali, dove ha contribuito con interventi inerenti la terapia di gruppo e i percorsi assistenziali intensivi nel trattamento dei disturbi del comportamento alimentare. E socio SISDCA dal 2011, con ruolo di Rappresentante dei giovani soci under 30 dal Angela Zannini Internista. Laurea in Medicina e Chirurgia presso l Università di Modena nel Specializzazione in Gastroenterologia - Endoscopia Digestiva e Scienze dell Alimentazione. Master La clinica delle tossicomanie, il trattamento farmacologico Master "Perfezionamento sui Disturbi del Comportamento Alimentare. La gestione multi-disciplinare ed integrata dei DCA. Il team management e il Team Approach" Medico borsista presso il Laboratorio di Immunologia e Istologia della Clinica Medica III delle Università degli Studi di Modena fino al Assistente medico in Medicina Generale presso AUSL RE dal 1989 al Dal 1990 ad oggi, Dirigente medico- disciplina - Medicina Interna- presso Dipartimento di Salute Mentale (Servizio Dipendenze Patologiche e Centro DCA) Azienda USL Reggio Emilia con incarico di Responsabile della Struttura Organizzativa Semplice, DSM DP, AUSL (Reggio). Idoneità Pubblica selezione per il conferimento di incarico quinquennale di dirigente medico di farmacologia e tossicologia clinica. Ha 75 pubblicazioni. Chiara Zanetti Psicologa. Laurea in Psicologia di Bologna, indirizzo Generale e Sperimentale, nel Fino a Novembre 2009 ha prestato attività volontaria presso il servizio di Malattie del Metabolismo e Disturbi del Comportamento Alimentare dell Azienda Ospedaliera di Bologna e successivamente presso il Centro ODM. Prevenzione e Cura Obesità, Malattie del Metabolismo e Disturbi dell Alimentazione della l Ospedale Accreditato "Villa Regina" di Bologna come Case Manager. Dal 2011 è WebMaster responsabile dell organizzazione di Corsi di Formazione, Meeting e Congressi della SISDCA. Attualmente è iscritta alla Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Biosistemica di Bologna. 12

13 SZ.O. Indice Analitico O.2. Analitico dei Termini SZ.L. Sitografia delle note L.1. In Ordine Alfabetico ACORN: vedi stp.4.1.iii. Alimentazione compulsiva: vedi cap.18 American Medical Association: vedi prg.4.2. American Society of Addiction Medicine (ASAM): vedi Box Avena NM: vedi prg.1.9. e Tab criterio 3 Berridge KC: vedi prg.1.11., i. e Fig.1.5. Binge Eating Scale: vedi cap.18 Bliss Point: vedi box.8.3. Blum K Neurogenetics and Nutrigenomics of Neuro-Nutrient Therapy: vedi vi. Brownell KD: vedi prg Davis C. From Passive Overeating to "Food Addiction: vedi Box.6. Eating Disorder Inventory-3: vedi cap.18 EAT-40: vedi cap.18 FAI: Food Addiction Institute: vedi prg.4.1. Froot Loops: Vedi Box.8.3 Gastronomia Metabolica: vedi prg.5.5.ii. Gearhardt AN Yale Food Addiction Scale: vedi cap.12 Goldilocks Principle of Obesity: vedi cap.15. Hoebel BG: vedi prg.1.3. Informazioni Nutrizionali: Come si prepara un fast food (video) - Southwestern Eggrolls: vedi stp e stp.5.5.ii. - Pop Tart: vedi cpv v. Kate Moss: vedi cap.18 Keys A. The biology of human starvation: vedi prg.3.3. : vedi cap.18 Leifoodie: Recensione di Salt, Sugar, Fat, vedi Box.8.3 Manifesto italiano per la cura delle tossicodipendenze: vedi cpv ii. Minnesota Study: vedi cap.18 Michael Moss: vedi Box.8.3 Nickelodeon: vedi H.2 NIDA Drugs, Brains, and Behavior: The Science of Addiction: vedi prg.2.7. e Overeaters Anonymous: vedi stp.4.1.vii. Pioli E: Neurobiologia delle Dipendenze Patologiche PIA.DA&O: vedi stp.2.1.v. Sapidità, Esaltatori: vedi definizioni Sante Anoressiche: vedi cap.18 SISDCA: vedi prg.4. Velveete: vedi Fig.H.2 Volkow: Vedi prg.1.5 Zuccheri Elenco: vedi stp.4.1.iv. 13

14 Postfazione L aforisma di Ippocrate è fuori dal tempo, non erano ancora nati i grandi colossi della dieta degli Americani. I loro cibi, prodotti nei laboratori sperimentali da scienziati di altissimo livello, non sono un po nocivi, sono tossici perché esercitano il furto dei nostri sistemi neurali di regolazione che hanno permesso all umanità di arrivare fino ai nostri giorni concedendoci un aspettativa della vita fino ad ora impensabile (cap.8.1). Un vero atto di pirateria avallato anche dalle nostre Istituzioni Governative. La documentazione scientifica e stata messa a punto dal giornalismo investigativo americano. E appena uscito il libro, tradotto in italiano, Grassi, Dolci, Salati. Come l'industria alimentare ci ha ingannato e continua a farlo (Box. 8.3). Il tema della Food&Addiction è ormai disseminato ad ampio raggio e dobbiamo tenerne conto. Gli Autori di questo volume, La Centralità della Food &Addiction, affrontano un tema sviscerato sul piano scientifico e antico quanto lo è l umanità, la regolazione e la disregolazione del comportamento alimentare che riguarda l essenza della vita (cap.6, 7 e 9). 1. In relazione alla sopravvivenza l uomo ha saputo conservarne l esistenza per miliardi di anni, senza minare l estinzione della specie, anzi producendo miglioramenti sostanziali dell aspettativa a livelli massimali. Purtroppo oggi la disregolazione del comportamento alimentare assume connotazioni negative per la l amplificazione della produzione di alimenti che innescano la Food &Addiction. Questa novità del cibo=droga, sostenuta da circuiti neurali comuni a quelli che sottendono tutte le sostanze psicoattive, dalla cocaina all alcol e alla nicotina, ha portato gli Autori ad aprire il capitolo della Convergenza tra Disturbi Alimentari & Obesità e Substance Use Disorders (Box.2.7 e cap.19). Questa caratteristica neuro-biologica della regolazione dell Alimentazione conduce ad affrontare nuove modalità diagnostico-terapeutiche per i DA&O che traggono spunto dalle strategie diagnostico-terapeutiche adottate per le sostanze psicoattive (stp ). Si apre pertanto un vaso di Pandora. Alla fine della stesura del volume, quindi, si affollano alla mente la preoccupazione e la perplessità degli Autori di non aver sviluppato le due domande poste nella Prefazione. A che cosa serve stampato qualche centinaio di copie che pochissimi leggeranno? Sono state poste due domande: Perché siamo capaci di rifiutare il cibo, prerogativa dell Anoressia Nervosa? Perché perdiamo il Controllo e mangiamo troppo? Certamente alla prima non è stata data spiegazione, il rifiuto ostinato e persistente del cibo nel fenotipo Anoressia sarà spiegabile solo quando riusciremo ad aprire la scatola nera in cui sono raccolti i pensieri segreti di una giovane donna alle prese con l ideale di magrezza. Per la Perdita di Controllo nei fenotipi OB, BED, F&A, BN, SUD, RDS, ADHD (prg.13.5) è stata data enfasi solo all evidenza scientifica del sentiero della ricompensa dopaminergica, correndo sul fil rouge per oltre 400 pagine, con la certezza degli Autori di aver navigato sul filo di un rasoio col pericolo di cadere a destra o a sinistra per aver volutamente evitato di affrontare tutti gli altri sentieri, su cui i muovono i numerosi neuro-trasmettitori dei sistemi di regolazione dell alimentazione. Per esempio non è stato neppure sfiorato il sentiero della 14

15 serotonina, dei cannabinoidi e degli oppioidi. Ci si deve rendere conto che la domanda è così complessa da non poter dare una risposta completa. Ma certamente abbiamo tutti la convinzione che dopo 50 anni di ricerca preclinica e clinica non possiamo più aspettare il tempo necessario per aver tutte le spiegazioni scientifiche che esige il livello della domanda. Spiegazioni che ci permetterebbero di trovare la terapia. Dobbiamo pertanto essere spettatori inerti della caduta vertiginosa della qualità e dell aspettativa di vita in meno di mezzo secolo? Non ci sono i denari per la ricerca nelle casse dei Ministeri prosciugate, ne ci sono state almeno nel nostro Paese, e tanto meno elargiti dalle multinazionali preoccupate solo per i loro profitti. Un moderno Donatello non potrebbe più scolpire il Davide. Se la tesi della sentiero dopaminergico della felicità è corretta siamo obbligati a soffrire contemporaneamente di uno dei fenotipi DA&O e dobbiamo mettere al posto del Davide di Donatello un Davide Addictus. Ma a che serve aver sprecato tanto tempo, carta e penna per aver affrontato il tema della Centralità della F&A? La risposta è ambigua. Non esiste la terapia come vorremmo, ma solo la determinazione di non compiere l errore secolare di percorrere il sentiero dell attesa e della presunzione di scoprire il farmaco efficace. Abbiamo tuttavia la speranza che, se si affrontano i DA&O con rispetto, generosità, caparbietà e onestà, almeno come si dovrebbero affrontare i SUD, forse riusciremo a modificare la continua ascesa della traiettoria della prevalenza dei DA&O e a dare ai nostri nipoti bambini una migliore speranza di mantenere in equilibrio spirito e soma, equilibrio che di certo aveva Davide e il suo Scultore. Con un filo di Speranza, anche se sulla lama del filo di un rasoio. 15 Aprile 2014 Editorial Board Progetto PIA.DA&O: Disturbi Alimentari & Obesità - Percorsi Diagnostico-Terapeutici Eccellenti Integrati Ottavio Bosello: Past President e Socio Onorario SISDCA Massino Cuzzolaro: Past President e Socio Onorario SISDCA Lorenzo Donini: Presidente Eletto SISDCA Fausto Manara: Past President e Socio Onorario SISDCA Nazario Melchionda: Presidente in carica SISDCA Umberto Nizzoli: Coordinatore Comitato Editoriale SISDCA Giovanni Spera: Referente Relazioni Istituzioni SISDCA 15

16 Ringraziamenti Consiglio Direttivo della SISDCA (Società Italiana per lo Studio dei Disturbi del Comportamento Alimentare: Presidente Nazario Melchionda) Consiglio Direttivo della SIO (Società Italiana dell Obesità: Presidente Enzo Nisoli) Consiglio Direttivo SIE (Società Italiana di Endocrinologia: Presidente Francesco Trimarchi) Consiglio Direttivo ANSISA (Associazione Nazionale Specializzati in Scienza dell Alimentazione: Presidente Giuseppe Rovera) Consiglio Direttivo ANDID (Associazione Nazionale Dietisti: Presidente Giovanna Cecchetto) Scuola di Specializzazione in Endocrinologia, Università di Bologna: Direttore Renato Pasquali Scuola di Specializzazione in Scienza dell Alimentazione, Università di Roma: Direttore Lorenzo Donini Corso di Laurea in Dietistica: Presidente Lorenzo Donini Corso di Laurea in Dietistica, Università di Bologna: Presidente Davide Festi Sezione Regionale Toscana-Umbria SISDCA: Presidente Giovanni Gravina Sezione Regionale Emilia-Marche SISDCA: Presidente Romana Schumann Sezione Regionale Campania SISDCA: Presidente Walter Milano Sezione Regionale Sicilia SISDCA: Presidente Antonio Bongiorno Sezione Regionale Liguria SISDCA: Presidente Pierfabrizio Cerro Sezione Regionale Triveneto SISDCA: Presidente Piergiorgio Miotello Sezione Regionale Lazio SISDCA: Presidente Armando Cotugno Sezione Regionale Lombardia SISDCA, Presidente Incaricato: Gianluca Castelnuovo Fausto Manara: Past President e Socio Onorario SISDCA In corso Società Italiana di Medicina Interna: Presidente Gino Roberto Corazza Società Italiana di Psicopatologia dell Alimentazione: Paolo Santonastaso Società Italiana di Diabetologia (SID): Stefano Del Prato Associazione Medici Diabetologi (AMD): Antonio Ceriello Società Italiana Endocrinologia Diabetologia Pediatrica (SIEDP): Maghnie Mohamed Società Italiana di Psichiatria (SIP): Claudio Mencacci Istituto Superiore di Sanità (ISS): Fabrizio Oleari Associazione Dietologi Italiani (ADI): Lucio Lucchin Associazione Medici Endocrinologi: Roberto Castellano SIMPe SINUPE SISMPE 16

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A.

PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO. UONPIA Varese, Busto A. PROGETTO PER LA PREVENZIONE DEL MALTRATTAMENTO E ABUSO. UNA STRATEGIA BASATA SULLA TEORIA DELL ATTACCAMENTO UONPIA Varese, Busto A., Gallarate Mancanza di un sistema di monitoraggio nazionale Nel 201110.985

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015 BRAIN HEALTH CENTRE CENTRO STUDI E RICERCHE CLINICHE NEUROPSICOFISIOLOGICHE Anagrafe Nazionale delle Ricerche (D.P.R. 11/7/1980 n.382-artt.63 e 64) n.55643fru Organizzatore di Attività Formativa Sede legale:

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente

Editoriale. XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente XX Congresso Fismad e riorganizzazione della SIED: comunicazioni del Presidente Cari Associati, abbiamo da poco celebrato a Napoli il ventennale del Congresso Fismad, appuntamento scientifico riconosciuto

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi

Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Prot. N. 4089-15/6/2010 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali Loro Sedi Oggetto: Disturbo di deficit di attenzione ed iperattività Premessa In considerazione della sempre maggiore e segnalata

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6

Convegno. riflessioni PRESENTAZIONE. Copernico, 38. Via. Rev. 0 del 19/10/2010. pag. 1 di 6 Convegno AL TERMINE DI TELEMACO riflessioni a margine dell esperienza svolta www.telemaco.regione.lombardia.it Codice evento: SDSS 10092/AE VENERDI 12 NOVEMBRE 2010, ore 10.000 18.00 Politecnico di Milano

Dettagli

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c.

Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Titolo evento formativo: Accuratezza del dato glicemico e management del DMT2: fin da SUBITO oltre l HbA1c. Data e Sede: 1-2 dicembre 2010 - Roma Evento ECM N N. rif. ECM 10033589 crediti 9 Programma e

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa

Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa INCONTRO TECNICO GRATUITO Stress lavoro-correlato: le novità della guida operativa Treviso, 17 giugno 2010 Oggi parleremo di: Principali riferimenti normativi e presentazione dell accordo quadro europeo

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività:

In questo servizio si svolgeranno le seguenti attività: Insieme si può Arcigay Pistoia La Fenice dopo le varie attività svolte sul territorio pistoiese e zone limitrofe, ha valutato l opportunità di realizzare un progetto con la collaborazione di personale

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM

ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM ALLEGATO DOC. 1 BOZZA DI LAVORO SCHEMA DI REGOLAMENTO ECM (LA BOZZA DI LAVORO E STATA PREDISPOSTA DALLA SEGRETERIA SULLA BASE DEL DOCUMENTO CRITERI E MODALITA PER L ACCREDITAMENTO DEI PROVIDER E LA FORMAZIONE

Dettagli

Linee guida regionali per l utilizzo dell ICD 10 nei Servizi per le dipendenze

Linee guida regionali per l utilizzo dell ICD 10 nei Servizi per le dipendenze PROGRAMMA REGIONALE DIPENDENZE Linee guida regionali per l utilizzo dell ICD 10 nei Servizi per le dipendenze 1 a versione anno 2010 Regione Emilia-Romagna Linee guida regionali per l utilizzo dell ICD

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative

Curriculum Vitae. Titoli di Studio e Professionali ed Esperienze Lavorative Curriculum Vitae Nome Da Campo Gianluigi Data di nascita 07.12.1958 Qualifica Dirigente di 1 livello Amministrazione Azienda 12 Veneziana Incarico attuale Responsabile di struttura semplice in chirurgia

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Si terrà il 29. e 30 giugno. incremento. pediatrica. Diabetico. via Salvatore Puglisi, 15

Si terrà il 29. e 30 giugno. incremento. pediatrica. Diabetico. via Salvatore Puglisi, 15 Si terrà il 29 e 30 giugno 2015, presso la Sala Magna di Palazzo Chiaramonte Steri, il convegno dal titolo La Rete diabetologica pediatrica in Sicilia. Novità Organizzative e assistenziali: le nuove lineee

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.

manuale e protocollo bêta boeken & federserd manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2. manuale e protocollo manuale e protocollo per la valutazione, l attribuzione dei punteggi e l utilizzo del MATE 2.1 gerard schippers theo broekman angela buchholz edizione italiana giorgio nespoli emanuele

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute TAVOLO NAZIONALE DI LAVORO SULL AUTISMO RELAZIONE FINALE Il Tavolo di lavoro sulle problematiche dell autismo, istituito su indicazione del Ministro della Salute, composto da rappresentanti

Dettagli

Qual è la prevalenza dell ADHD?

Qual è la prevalenza dell ADHD? Che cos'è l'adhd (Attention Deficit/Hyperactivity Disorder)? La Sindrome da Deficit di Attenzione ed Iperattività è una patologia neuropsichiatrica che insorge nei bambini in età evolutiva. L ADHD consiste

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione

UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI Edizione Convegno Scientifico Internazionale di Neuroetica e I Congresso della Società Italiana di Neuroetica - SINe UNO SGUARDO DA QUALE MENTE? LA PROSPETTIVA NEUROETICA Incontri su Neuroscienze e Società, VI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli