CARATTERISTICHE GENERALI DEI TESSUTI EPITELIALI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CARATTERISTICHE GENERALI DEI TESSUTI EPITELIALI"

Transcript

1 CARATTERISTICHE GENERALI DEI TESSUTI EPITELIALI Sono costituiti da cellule labili, o soggette a rinnovamento, con interposta nulla o scarsa sostanza intercellulare rappresentata dal glicocalice Non sono vascolarizzati, ma poggiano sempre su un connettivo da cui risultano separati dalla membrana basale Sono innervati in modo variabile da terminazioni sensitive amieliniche

2 Il glicocalice osservato al microscopio elettronico assume un aspetto lanuginoso ed è formato da: Porzioni oligosaccaridiche delle glicoproteine e dei glicolipidi di membrana Proteoglicani e glicoproteine (laminina, fibronectina, condronectina) della matrice extracellulare adesi alle cellule

3 La membrana basale ha funzione di filtro e strutturale. E costituita da: Lamina lucida o rara, associata ad una lamina densa, costituita da proteoglicani, GAGs (Eps), collagene di tipo IV e glicoproteine (fibronectina, laminina, entactina). Lamina reticolare costituita da collagene di tipo III, non contiene proteoglicani. Non è sempre presente

4 TESSUTI EPITELIALI Epiteli di rivestimento costituiti da cellule di forma geometrica disposte su uno (epiteli semplici) o più strati (epiteli composti) con funzione di filtro, di assorbimento e di protezione Epiteli ghiandolari con funzione di secrezione Epiteli sensoriali con funzione di ricezione degli stimoli Epiteli trasformati o particolarmente differenziati (annessi cutanei, cristallino, smalto)

5 EPITELI DI RIVESTIMENTO: Derivazione Embrionale Ectoderma: epidermide, epitelio di cavità nasali e paranasali, epitelio di porzioni iniziali e terminali del canale alimentare, epiteli di porzioni terminali del sistema urogenitale, epitelio esterno della membrana timpanica. Endoderma: epitelio dell apparato digerente, epitelio della trachea, dei bronchi, dei polmoni, epitelio della vescica, epitelio delle tube faringo-timpaniche e dell orecchio medio, epitelio interno della membrana timpanica. Mesoderma: epitelio dei tubuli renali e di parte delle vie urinarie, mesoteli delle sierose. Mesenchima: endoteli. Mesectoderma: epiteli di pia madre ed aracnoide, epitelio dell orecchio interno, epiteli delle camere dell occhio.

6 EPITELI DI RIVESTIMENTO: Classificazione In base alla forma delle cellule gli epiteli di rivestimento possono essere distinti in: Pavimentosi Cubici In base al numero di strati cellulari gli epiteli di rivestimento possono essere distinti in: Semplici o monostratificati Composti o pluristratificati Cilindrici

7 EPITELI SEMPLICI O MONOSTRATIFICATI Hanno funzione di: Assorbimento Secrezione Filtrazione Diffusione Si dividono in: Epiteli pavimentosi semplici Epiteli cubici semplici Epiteli cilindrici semplici Epiteli cilindrici pluriseriati o pseudostratificati

8 EPITELI PAVIMENTOSI SEMPLICI Si presentano in sezione trasversale formati da cellule poligonali a 4-7 lati strettamente interdigitate che in sezione longitudinale appaiono fusate con la parte centrale più ampia occupata dal nucleo schiacciato. Localizzazione: Endoteli Mesoteli Foglietto parietale della capsula del Bowman e tratto sottile dell ansa di Henle nel rene Alveolo polmonare Camera anteriore dell occhio e labirinto membranoso dell orecchio interno

9 EPITELI PAVIMENTOSI SEMPLICI

10 EPITELI CUBICI SEMPLICI Si presentano in sezione trasversale formati da cellule pentagonali o esagonali con contorno irregolare che in sezione longitudinale appaiono quadrate con nucleo tondeggiante. Possono presentare corti microvilli o ciglia. Localizzazione: Porzioni di dotti escretori ghiandolari Superfici del cristallino e dell iride Superficie esterna dell ovaio Epitelio pigmentato della retina Porzioni di tubuli renali

11 EPITELI CILINDRICI SEMPLICI Si presentano in sezione trasversale formati da piccole cellule per lo più esagonali che in sezione longitudinale appaiono rettangolari con nucleo ovale. Alcune cellule cilindriche possono trasformarsi in cellule caliciformi mucipare con funzione secernente. Possono presentare la superficie apicale libera, ciliata o con microvilli.

12 EPITELI CILINDRICI SEMPLICI Localizzazione: Epitelio luminale dello stomaco ghiandolare Epitelio della mucosa intestinale Epitelio della parte intermedia dell albero respiratorio Utero e tube uterine Colecisti Dotti ghiandolari

13 EPITELI CILINDRICI PLURISERIATI Hanno nuclei a diversa altezza essendo localizzati nelle parti più dilatate delle cellule. Sono costituiti da : Cellule allungate, ristrette alla base, che raggiungono la superficie libera dell epitelio Cellule a base larga e parte superiore fusata Cellule corte e tondeggianti Possono mostrare la superficie apicale libera, ciliata o con stereociglia.

14 EPITELI CILINDRICI PLURISERIATI Localizzazione: Vie respiratorie Epididimo Dotti escretori

15 EPITELI COMPOSTI O PLURISTRATIFICATI Hanno funzione di: Si dividono in: Protezione Epiteli pavimentosi composti Epiteli cubici composti Epiteli cilindrici composti Epiteli di transizione

16 EPITELI PAVIMENTOSI COMPOSTI Non cheratinizzati Cheratinizzati Localizzazione: Epiteli detti umidi (vestibolo del naso, bocca, lingua, esofago, cornea, vagina, tratti di uretra) E Strato corneo D Strato lucido C Strato granuloso B Strato spinoso A Strato germinativo Dr Derma Localizzazione: Epidermide Prestomaci ed Esofago (Ruminanti)

17 EPITELI PAVIMENTOSI COMPOSTI

18 EPITELI CUBICI COMPOSTI Localizzazione: Dotti ghiandolari Parti genitale dell apparato Zone di passaggio da epiteli semplici a statificati

19 EPITELI CILINDRICI COMPOSTI Localizzazione: Dotti ghiandolari Porzioni delle prime vie respiratorie Zone di passaggio da epiteli cilindrici a stratificati

20 EPITELI DI TRANSIZIONE Sono costituiti da cellule basali, da cellule a clava o piriformi negli strati intermedi, e da cellule a cupola superficiali. Sono formati da 3 a 10 strati di cellule a seconda del grado di distensione della mucosa dell organo. Sono localizzati nelle vie urinarie (pelvi, uretere, vescica, uretra).

21 EPITELI DI RIVESTIMENTO: Organizzazione Gli epiteli di rivestimento poggiano sempre sopra ad un connettivo propriamente detto e sono in genere organizzati a formare: Cute Epidermide + Derma (connettivo compatto) Mucosa Ep. di rivestimento + lamina propria (conn. lasso) + muscolaris mucosae (T. muscolare liscio) Sierosa Mesotelio + sottomesotelio (conn. lasso)

22 EPITELI GHIANDOLARI La secrezione può essere: - continua (cellule della mucosa gastrica, ghiandole sudoripare nella traspirazione insensibile) - discontinua (cellule caliciformi mucipare dell intestino, pancreas esocrino) I secreti possono essere di natura: proteica, glicoproteica, mucopolissaccaridica, lipidica.

23 EPITELI GHIANDOLARI Gli epiteli ghiandolari si dividono in: Esocrini: quando riversano il loro secreto all esterno o in cavità comunicanti con l esterno (la maggior parte di essi lo fa attraverso i dotti) Endocrini: quando sono privi di dotti e riversano il loro secreto nel circolo sanguigno o nei liquidi extracellulari

24 EPITELI GHIANDOLARI ESOCRINI Derivazione embrionale

25 EPITELI GHIANDOLARI ESOCRINI Classificazione morfologica Ghiandole unicellulari rappresentate dalle cellule caliciformi mucipare che si trovano intercalate a cellule cilindriche negli epiteli di rivestimento delle vie digerenti e respiratorie Lamine secernenti rappresentate da epiteli di rivestimento le cui cellule hanno attività secretoria come l epitelio della mucosa gastrica, del collo dell utero e delle vescicole seminali Ghiandole pluricellulari caratterizzate dalla presenza di dotti (ad eccezione delle intraepiteliali) ed adenomeri morfologicamente distinti in tubulari, acinosi ed alveolari

26

27

28 Adenomero alveolare Adenomero acinoso Adenomero tubulare

29 EPITELI GHIANDOLARI ESOCRINI Classificazione delle ghiandole pluricellulari in base alla loro localizzazione Ghiandole intraepiteliali Ghiandole intramurali Ghiandole extraparietali

30 Semplici Piccola sebacea Gh. sudoripara Gh. Gastrica, Del corpo dell utero Ramificate EPITELI GHIANDOLARI ESOCRINI Classificazione in base alla forma degli adenomeri ed alla ramificazione o meno dei dotti Gh. Mammaria Gh. sebacea Parotide, Pancreas Gh. Cardiale, Del collo dell utero Gh. Del Brunner Composte Prostata Mandibolare, Sottolinguale

31

32

33

34 EPITELI GHIANDOLARI ESOCRINI Classificazione in base alla modalità di emissione del secreto Olocrine (ghiandole sebacee acinose semplici o ramificate) Apocrine (ghiandole mammarie, alcune sudoripare, ghiandole uterine) Merocrine (la maggior parte delle ghiandole in cui il secreto viene emesso attraverso processi di esocitosi e la cellula conserva la sua integrità)

35 EPITELI GHIANDOLARI ESOCRINI Classificazione delle ghiandole merocrine in base alla natura del secreto Ghiandole sierose: elaborano un secreto chiaro e fluido, contenente enzimi, (es. parotide, pancreas esocrino). Ghiandole mucose: elaborano un secreto denso, che idratandosi costituisce il muco. Sono responsabili della produzione di GAGs e PGs (es. ghiandole salivari minori, cellule caliciformi mucipare). Ghiandole siero-mucose o esocrine miste (es. mandibolare, sottolinguale).

36

37

38

39 Porzioni secernenti EPITELI GHIANDOLARI ESOCRINI Sistema dei dotti escretori nelle ghiandole salivari Dotti intercalari (in genere tappezzati da cellule cubiche che possono presentare corti microvilli, e possono avere attività secretoria specie se fanno seguito ad adenomeri mucosi o misti) Dotti granulari o Tubuli a grani (presenti nei Roditori, sono tratti secernenti particolarmente sottoposti al controllo ormonale) Dotti striati (sono tappezzati da cellule chiare con striatura basale, da cellule scure e da cellule basali. Hanno una certa attività secretoria) Dotti escretori maggiori (sono tappezzati da vari tipi di epitelio che va dal cilindrico semplice allo pseudostratificato.sono coinvolti nella formazione finale del prodotto di secrezione delle ghiandole salivari)

40 EPITELI GHIANDOLARI ENDOCRINI Gli epiteli ghiandolari endocrini sono: Privi di dotti Ricchi di capillari ampi ed in genere fenestrati Gli epiteli ghiandolari endocrini secernono ormoni che fungono da messaggeri chimici agendo a distanza su organi bersaglio dei quali regolano le attività metaboliche Oltre che dalle ghiandole endocrine, gli ormoni vengono prodotti dalle cellule APUD e da alcuni neuroni (ipotalamo, epifisi).

41 EPITELI GHIANDOLARI ENDOCRINI Organizzazione morfologica e strutturale Le ghiandole endocrine sono suddivise in: Ghiandole ad ammassi o cordoni cellulari (adenoipofisi, surrene, pancreas endocrino, paratiroidi) Ghiandole interstiziali delle gonadi (cellule del Leydig, cellule della teca) Ghiandole follicolari (tiroide)

42 EPITELI GHIANDOLARI ENDOCRINI

43 EPITELI GHIANDOLARI ENDOCRINI

44 EPITELI GHIANDOLARI ENDOCRINI

45 EPITELI GHIANDOLARI ENDOCRINI: ormoni proteici e glicoproteici

46 EPITELI GHIANDOLARI ENDOCRINI: ormoni steroidei

47 Sistema Endocrino Le ghiandole endocrine da un punto di vista morfologico e strutturale sono suddivise in: Ghiandole ad ammassi o cordoni cellulari (adenoipofisi, surrene, pancreas endocrino, paratiroidi) Ghiandole follicolari (tiroide) Ghiandole interstiziali delle gonadi (cellule del Leydig, cellule della teca) PARATIROIDI La capsula connettivale densa stacca dei sottili setti che circondano i cordoni cellulari formati essenzialmente da un tipo cellulare unico (C. Principali) che si presenta chiaro (inattivo) o scuro (attivo), tipi distribuiti in modo diverso a seconda degli animali, e che secerne il paratormone che si occupa dell omeostasi di calcio e fosforo. Nei grossi erbivori sono presenti anche cellule ossifile il cui significato non è noto.

48 Ipofisi Adenoipofisi E costituita da: Neuroipofisi, a sua volta distinguibile in Eminenza mediana Infundibolo Parte Distale o Neuroipofisi propriamente detta, dove troviamo gli assoni dei neuroni che costituiscono i Nuclei Magnicellulari (SO, PV) dell Ipotalamo che secernono Ossitocina e Vasopressina (ADH), e da cellule gliali dette pituiciti Adenoipofisi, a sua volta distinta in parte tuberale o infundibolare parte intermedia, ad ammassi o follicolare, le cui cellule secernono l ormone melanotropo parte distale o anteriore ad ammassi o cordoni cellulari, le cui cellule producono molti tipi di ormoni di natura proteica, sotto il controllo degli ormoni e fattori di rilascio e di inibizione ipotalamici. Le cellule possono essere distinte in base alle caratteristiche tintoriali dei granuli in: Acidifile, Basofile e Cromofobe, ma con l immunoistochimica possono essere tipizzate sulla base dell ormone prodotto. L ipofisi è vascolarizzata dalle Aa. Ipofisarie rostrali (che derivano dal poligono di Willis e arrivano ill infundibolo); alcuni loro rami danno origine a livello dell eminenza mediana ad una prima rete capillare che raccoglie il neurosecreto (-RH,-RF, -IH, -IF) dei Nuclei Parvicellulari ipotalamici. Le venule che originano da questa rete capillare raggiungono la parte anteriore dell adenoipofisi e convogliano i neurosecreti ipotalimici alle relative cellule bersaglio. caudali (dalla Carotide interna e dalla Comunicante post.) dirette alla parte intermedia e alla neuroipofisi. Le Vene provenienti dalle varie porzioni della ghiandola sfociano nei seni venosi posti intorno alla Sella turcica.

49 Surrene E un organo in cui è possibile distinguere due porzioni, sia in base alla distribuzione, che in base alla funzione come pure per la diversa derivazione embrionale Corticale (in cui distinguiamo 3 zone: glomerulare, fascicolata e reticolare) Midollare (costituita da due tipi cellulari appartenenti al sistema APUD, che secernono adrenalina (80%) e noradrenalina (20%)

50 Tiroide E l unica ghiandola ad organizzazione follicolare. I tireociti che formano la parete dei follicoli tiroidei caratterizzati da una spiccata polarità strutturale secernono T 3 e T 4, Intercalate ai tireociti o più frequentemente a ridosso di essi in piccoli gruppi o come elementi singoli, si trovano le cellule C o parafollicolari, derivanti dalle creste neurali, che secernono calcitonina.

51 EPITELI SENSORIALI Sono costituiti da cellule sensoriali secondarie (le primarie sono vere cellule nervose poste perifericamente in posizione epiteliale come le cellule olfattorie) intercalate alle cellule epiteliali di rivestimento di organi di senso specifici. Le cellule sensoriali secondarie: Sono provviste di specializzazioni della superficie libera per la ricezione degli stimoli esterni Sono in rapporto attraverso giunzioni citoneurali con neuroni sensitivi per la trasmissione degli stimoli Hanno un valore soglia di eccitamento inversamente proporzionale al loro grado di differenziazione Sono interposte a cellule di sostegno o accessorie (con il compito di mantenere stabili rapporto e posizione con le cellule nervose) e a cellule basali (con funzione sostitutiva sia delle cellule sensoriali che di quelle accessorie) Sono rappresentate da: Cellule gustative Cellule acustiche Cellule dell apparato vestibolare

52 EPITELI SENSORIALI: cellule gustative Si trovano all interno dei calici gustativi presenti sulle papille fungiformi, foliate e circumvallate della lingua, nell istmo delle fauci, nella faringe. In ogni calice sono presenti: 4-20 cellule gustative poste nelle parte centrale, dotate di peli gustativi (microvilli) che sporgono nel canale gustativo permettendo la percezione dei gusti: dolce, salato, aspro, amaro e umami. Cellule di sostegno distinte in cellule a pilastro, periferiche, e cellule a bastoncello, in stretto rapporto con le cellule gustative. Cellule basali

53 EPITELI SENSORIALI: cellule acustiche Sono localizzate nell organo del Corti nell orecchio interno e permettono la ricezione degli stimoli sonori tramite i peli acustici (stereociglia). Sono distinte in interne ed esterne, in contatto con la membrana tettoria che trasmette loro le vibrazioni sonore

54 EPITELI SENSORIALI: cellule dell apparato vestibolare Sono poste nell orecchio interno ed inviano ai centri nervosi informazioni sulle sollecitazioni: - statiche gravitazionali Macule del sacculo e dell utricolo - cinetiche di accelerazione lineare e rotatoria Creste ampollari dei canali semicircolari Sia le cellule delle Macule che quelle delle Creste ampollari sono distinte in I e II tipo, tutte dotate di stereociglia e di un chinociglio che insieme formano il pelo acustico. Le cellule delle Macule hanno i peli acustici immersi nella Membrana otolitica (gel ricco di PGs solforati) con cristalli di CaCO 3 detti otoliti, che con il loro peso stimolano le cellule. Le cellule delle Creste ampollari sono sovrastate dalla Cupola ampollare priva di otoliti, che esercita una trazione sui peli acustici. I tipo II tipo

55 EPITELI TRASFORMATI o PARTICOLARMENTE DIFFERENZIATI Appartengono a questa classe gli epiteli che vanno incontro a profonde modificazioni tanto da renderli irriconoscibili (cristallino, peli e capelli, unghie,ecc.) o i prodotti di secrezione di epiteli degenerati (smalto). Lo Smalto è costituito per il 95% di sostanza inorganica organizzata in cristalli di idrossiapatite [Ca 10 (PO 4 ) 6 (OH) 2 ], e per il 5% di sostanza organica (fibre, mucopolisaccaridi, proteine cheratino-simili). Le due componenti sono organizzate a formare i prismi dello smalto uniti da sostanza interprismatica cementante.

56 EPITELI TRASFORMATI: cristallino Il cristallino è una lente biconvessa che, variando il suo raggio di curvatura, mette a fuoco le immagini sulla retina. Nasce come una vescicola di epitelio cubico (placode del cristallino) che viene accolta nella cavità del calice ottico. Le cellule della zona posteriore e quelle equatoriali aumentano la loro altezza, invadendo la cavità del placode ed arrivando all epitelio anteriore. Alla fine il cristallino è composto da: Epitelio cubico semplice (anteriore) Fibre del cristallino, ricche in cristalline Capsula o cristalloide che lo riveste, formata da glicoproteine e collagene atipico

57 EPITELI TRASFORMATI: unghia L unghia è una modificazione molto ispessita dello strato corneo dell epidermide, posta nel letto ungueale o iponichio, costituito dagli strati basale e spinoso. E formata da lamine di cellule corneificate con i margini liberi in posizione distale. Prossimalmente è presente la lunula, tra le cui cellule sono posti spazi contenenti aria, in questa sede lo strato germinativo viene denominato matrice dell unghia. Questa per proliferazione e citomorfosi dà il corpo dell unghia a livello del quale mancano gli strati granuloso e lucido.

58 EPITELI TRASFORMATI: peli I peli ed i capelli sono derivati epidermici corneificati. In ogni pelo si distinguono: Fusto, che rappresenta la porzione libera ed è costituito da cellule epiteliali più o meno corneificate disposte in tre strati concentrici Midollare, manca nei peli più sottili e tende a scomparire verso l apice. E formata da cellule poliedriche contenenti glicogeno e tricoialina. Corticale, è la componente principale del pelo, costituita da cellule fusiformi corneificate, contenenti tonofilamenti e granuli di pigmento. Cuticola, è data da lamelle completamente corneificate, trasparenti, sovrapposte come tegole, con i margini liberi verso l apice. Radice, che rappresenta la parte infissa la cui porzione più profonda si dilata nel bulbo pilifero che accoglie la papilla pilifera connettivale. Oltre agli strati che troviamo nel fusto, nella radice è presente all esterno della cuticola, la guaina radicolare interna. Le cellule costituenti il pelo derivano, per proliferazione e citomorfosi, dalle cellule della matrice del pelo, a contatto con la papilla connettivale

59 Apparato tegumentario Cute Epidermide epitelio pavimentoso composto cheratinizzato Derma connettivo fibroso compatto a fibre intrecciate Ipoderma connettivo lasso con adipociti C. di Langerhans C. di Merkel melanociti

60 Ghiandola mammaria: ghiandola sudoripara modificata, tubuloalveolare composta a secrezione apomerocrina. Il suo aspetto varia a seconda che sia in riposo, in gravidanza e in allattamento. Nella sua struttura si descrivono: Alveoli, rivestiti da uno strato epiteliale che varia in altezza in funzione delle fasi dell attività secernente, al cui esterno sono presenti cellule mioepiteliali. Stroma. di tessuto connettivo lasso, che dopo la prima gravidanza viene in parte sostituito da tessuto adiposo bianco. Condotti, il sistema duttale inizia col condotto intralobulare (epitelio cubico semplice), che si immette in un condotto lobulare (cubico da semplice a bistratificato) che abbocca ad un condotto lattifero che drena il latte di un intero lobo (epitelio cubico bistratificato, connettivo e muscolatura liscia longitudinale). I dotti lattiferi sboccano nel seno lattifero situato alla base del capezzolo, e da qui il latte viene drenato dal o dai dotti papillari (epitelio pavimentoso stratificato, connettivo e cellule muscolari lisce ad andamento circolare). Capezzolo, formato da epidermide e derma, che può presentare peli e ghiandole sudoripare e sebacee o meno a seconda della specie.

Tessuto epiteliale Tessuto connettivo Tessuto muscolare Tessuto nervoso TESSUTO

Tessuto epiteliale Tessuto connettivo Tessuto muscolare Tessuto nervoso TESSUTO Tessuto epiteliale TESSUTO Ogni cellula del nostro organismo ha lo stesso patrimonio genetico ma, allora, perché ogni cellula è diversa da un altra? Del messaggio genetico ricevuto ogni cellula legge un

Dettagli

EPITELI GHIANDOLARI. NON confondere con escrezione: espulsione dalla cellula di sostanze non più utilizzabili

EPITELI GHIANDOLARI. NON confondere con escrezione: espulsione dalla cellula di sostanze non più utilizzabili EPITELI GHIANDOLARI Sono costituiti da cellule specializzate nella secrezione: sintesi di molecole che vengono riversate all esterno della cellula PROTEINE, LIPIDI, MUCOPOLISACCARIDI, ORMONI NON confondere

Dettagli

EUCARIOTI. suddivisione del lavoro a livello cellulare

EUCARIOTI. suddivisione del lavoro a livello cellulare EUCARIOTI ORGANISMI UNICELLULARI alghe unicellulari protozoi ORGANISMI PLURICELLULARI suddivisione del lavoro a livello cellulare da cellule tutte uguali (prime fasi sviluppo embrionale) a popolazioni

Dettagli

LE MEMBRANE DEL CORPO. Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi

LE MEMBRANE DEL CORPO. Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi LE MEMBRANE DEL CORPO Rivestono le superfici Delimitano le cavità Formano lamine con funzione protettiva intorno ad organi LE MEMBRANE DEL CORPO Membrane epiteliali: sono membrane di rivestimento Membrane

Dettagli

Sistema Endocrino. Le ghiandole endocrine da un punto di vista morfologico e strutturale sono suddivise in:

Sistema Endocrino. Le ghiandole endocrine da un punto di vista morfologico e strutturale sono suddivise in: Sistema Endocrino Le ghiandole endocrine da un punto di vista morfologico e strutturale sono suddivise in: Ghiandole ad ammassi o cordoni cellulari (adenoipofisi, surrene, pancreas endocrino, paratiroidi,

Dettagli

Dotto escretore: trasporta il secreto all esterno. Non c è dotto escretore; il secreto (ormoni) è riversato nel circolo sanguigno

Dotto escretore: trasporta il secreto all esterno. Non c è dotto escretore; il secreto (ormoni) è riversato nel circolo sanguigno LE GHIANDOLE LE GHIANDOLE Sono organi formati da una parte secernente (il parenchima ghiandolare) che è tessuto epiteliale specializzato nella produzione di molecole: il secreto ghiandolare una parte di

Dettagli

Dotto escretore: trasporta il secreto all esterno. Non c è dotto escretore; il secreto (ormoni) è riversato nel circolo sanguigno

Dotto escretore: trasporta il secreto all esterno. Non c è dotto escretore; il secreto (ormoni) è riversato nel circolo sanguigno Sono organi formati da una parte secernente (il parenchima ghiandolare) che è tessuto epiteliale specializzato nella produzione di molecole: il secreto ghiandolare una parte di sostegno (lo stroma ghiandolare)

Dettagli

Appunti di istologia EPITELI GHIANDLARI. STUDENTI X L'UNIVERSITA' Testi e immagini raccolte da Roberta F. www.studxwebmedicina.altervista.

Appunti di istologia EPITELI GHIANDLARI. STUDENTI X L'UNIVERSITA' Testi e immagini raccolte da Roberta F. www.studxwebmedicina.altervista. Appunti di istologia EPITELI GHIANDLARI STUDENTI X L'UNIVERSITA' Testi e immagini raccolte da Roberta F. www.studxwebmedicina.altervista.org Ghiandole Cellule singole o organi specializzati nella produzione

Dettagli

Prefazione Presentazione dell edizione italiana

Prefazione Presentazione dell edizione italiana INDICE V Capitolo 28 Indice Autori Prefazione Presentazione dell edizione italiana XI XIII 1 LA CELLULA 1 La cellula 1 Nucleo 7 Citoplasma 17 Complesso di Golgi 21 Mitocondri 24 Lisosomi 28 Perossisomi

Dettagli

EPITELI DI SECREZIONE

EPITELI DI SECREZIONE EPITELI DI SECREZIONE Epiteli di secrezione (o ghiandolari) Pressoché tutti i tipi cellulari hanno la capacità di sintetizzare e secernere (riversare all esterno) molecole di vario tipo. Quando queste

Dettagli

I TESSUTI TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO NERVOSO TESSUTO MUSCOLARE

I TESSUTI TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO NERVOSO TESSUTO MUSCOLARE I TESSUTI TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO NERVOSO TESSUTO MUSCOLARE Colorazione EMATOSSILINA-EOSINA ematossilina colorante basico colora il nucleo che risulterà basofilo eosina colorante

Dettagli

SPECIALIZZAZIONI DELLA REGIONE APICALE

SPECIALIZZAZIONI DELLA REGIONE APICALE SPECIALIZZAZIONI DELLA REGIONE APICALE I microvilli Microvilli Microvilli In sezione longitudinale In sezione trasversale zonula occludens Sezione di o assorbente (intestino tenue) EPITELIO PSEUDOSTRATIFICATO

Dettagli

Epiteli Ghiandolari 20/11/16. Epiteli Ghiandolari - istogenesi. Specializzati in: secrezione (mucopolisaccaridi, proteine, ormoni, lipidi)

Epiteli Ghiandolari 20/11/16. Epiteli Ghiandolari - istogenesi. Specializzati in: secrezione (mucopolisaccaridi, proteine, ormoni, lipidi) Epiteli Ghiandolari Epiteli Ghiandolari - istogenesi Specializzati in: secrezione (mucopolisaccaridi, proteine, ormoni, lipidi) SECREZIONE: produzione di sostanze utili all organismo >>> GHIANDOLE ESOCRINE

Dettagli

1. Numero di strati Se consideriamo il numero degli strati di cellule che compongono un epitelio di rivestimento questo si dice:

1. Numero di strati Se consideriamo il numero degli strati di cellule che compongono un epitelio di rivestimento questo si dice: Tessuto Epiteliale Tipi di Tessuto Epiteliale In base a criteri funzionali si distinguono: 1. Epiteli di rivestimento, 2. Epiteli ghiandolari 3. Epiteli sensoriali 4. (Epiteli particolarmente modificati)

Dettagli

EPITELI GHIANDOLARI. Sono costituiti da cellule specializzate nella secrezione: sintesi di molecole che vengono riversate all esterno della cellula

EPITELI GHIANDOLARI. Sono costituiti da cellule specializzate nella secrezione: sintesi di molecole che vengono riversate all esterno della cellula EPITELI GHIANDOLARI Sono costituiti da cellule specializzate nella secrezione: sintesi di molecole che vengono riversate all esterno della cellula NON confondere con escrezione: espulsione dalla cellula

Dettagli

Fig.5 Epitelio pseudostratificato con stereociglia: epididimo. x350.

Fig.5 Epitelio pseudostratificato con stereociglia: epididimo. x350. Fig.1 Epitelio pavimentoso semplice o monostratificato. L epitelio pavimentoso semplice è formato da cellule appiattite con nucleo ben visibile e scarso citoplasma. x350 Fig.2 Epitelio cubico (isoprismatico)

Dettagli

prefazione Milano, settembre 2015 Gli Autori FRONTE.indd 3 05/10/2015 12:21:55

prefazione Milano, settembre 2015 Gli Autori FRONTE.indd 3 05/10/2015 12:21:55 prefazione Questo Atlante vuole essere un ausilio allo studente di Medicina e di altri corsi di laurea scientifica, che abbia già acquisito nozioni di base di Istologia e di Anatomia umana, ma dovendo

Dettagli

ISTOLOGIA 1. Tessuto epiteliale

ISTOLOGIA 1. Tessuto epiteliale ISTOLOGIA 1 Tessuto epiteliale Tessuto epiteliale o epitelio (epi = sopra) Costituito da cellule di forma più o meno prismatica con struttura startificata Non presenta spazi intercellulari È scarsamente

Dettagli

Modalità di trasmissione di segnali chimici tra cellule

Modalità di trasmissione di segnali chimici tra cellule Modalità di trasmissione di segnali chimici tra cellule secrezione autocrina messaggero chimico secrezione paracrina messaggero chimico secrezione endocrina secrezione sinaptica cellule bersaglio messaggero

Dettagli

EPITELI GHIANDOLARI. NON confondere con escrezione: espulsione dalla cellula di sostanze non più utilizzabili

EPITELI GHIANDOLARI. NON confondere con escrezione: espulsione dalla cellula di sostanze non più utilizzabili EPITELI GHIANDOLARI Sono costituiti da cellule specializzate nella secrezione: sintesi di molecole che vengono riversate all esterno della cellula PROTEINE, LIPIDI, MUCOPOLISACCARIDI, ORMONI NON confondere

Dettagli

Digerente 2. Faringe. Condotto muscolo-membranoso a forma di imbuto che mette in comunicazione: Cavità orale > esofago Cavità nasali > laringe

Digerente 2. Faringe. Condotto muscolo-membranoso a forma di imbuto che mette in comunicazione: Cavità orale > esofago Cavità nasali > laringe Digerente 2 Tratto ingestorio Faringe Condotto muscolo-membranoso a forma di imbuto che mette in comunicazione: Cavità faringea Cavità orale > esofago Cavità nasali > laringe Orofaringe, rinofaringe e

Dettagli

Indice generale. Introduzione 2. Apparato cardio-circolatorio (H. Fritsch) 5. Organi interni: visione d'insieme 2 Organizzazione funzionale 2

Indice generale. Introduzione 2. Apparato cardio-circolatorio (H. Fritsch) 5. Organi interni: visione d'insieme 2 Organizzazione funzionale 2 Introduzione 2 Organi interni: visione d'insieme 2 Organizzazione funzionale 2 Organizzazione regionale 2 Apparato cardio-circolatorio (H. Fritsch) 5 Visione d'insieme 6 Circolazione sanguigna e vasi linfatici

Dettagli

Università degli Studi di Teramo

Università degli Studi di Teramo Università degli Studi di Teramo CORSO di LAUREA in BIOTECNOLOGIE Corso Integrato di CITOLOGIA e ISTOLOGIA Modulo LABORATORIO TECNICHE CITOLOGICHE ED ISTOLOGICHE Dr.ssa A. MAURO ISTOLOGIA DIFFERENZIAMENTO

Dettagli

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio

MagnaGræcia di Catanzaro. Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Università degli Studi MagnaGr MagnaGræcia di Catanzaro Corso di Anatomia Umana a.a. 2007/2008 Prof.ssa G.Vescio Organizzazione e struttura generale del corpo Livelli di organizzazione, terminologia e

Dettagli

Schema dell apparato genitale femminile visto di fronte non sezionato (a) e in sezione (b) ciclo mestruale. Endometrio=mucosa uterina

Schema dell apparato genitale femminile visto di fronte non sezionato (a) e in sezione (b) ciclo mestruale. Endometrio=mucosa uterina Schema dell apparato genitale femminile visto di fronte non sezionato (a) e in sezione (b) ciclo Endometrio=mucosa uterina Le tonache mucose Tonache mucose La mucosa (o tonaca mucosa, o membrana mucosa)

Dettagli

Il sistema endocrino

Il sistema endocrino Il sistema endocrino 0 I messaggeri chimici 0 I messaggeri chimici coordinano le diverse funzioni dell organismo Gli animali regolano le proprie attività per mezzo di messaggeri chimici. Un ormone è una

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI.

IL SISTEMA NERVOSO E QUELLO ENDOCRINO SVOLGONO QUESTE FUNZIONI. IL CORPO UMANO FUNZIONA CORRETTAMENTE SOLO SE TIENE CONTO DELLE CARATTERISTICHE DELL AMBIENTE SIA INTERNO CHE ESTERNO E SE GLI ORGANI DEI SUOI DIVERSI APPARATI SONO COORDINATI TRA LORO. IL SISTEMA NERVOSO

Dettagli

La mammella e il latte

La mammella e il latte La mammella e il latte Cenni di anatomia della ghiandola mammaria e suo sviluppo L escrezione e la secrezione dei componenti del latte L eiezione e la modalità di mungitura e i riflessi sulla qualità del

Dettagli

Differenziamento Cellule Staminali

Differenziamento Cellule Staminali Differenziamento Cellule Staminali Differenziamento Tutte le cellule hanno funzioni di base Respirazione, crescita, divisione, sintesi La maggior parte ha inoltre delle capacità particolari 200 differenti

Dettagli

2. Tessuto connettivo. È costituito da cellule separate le une dalle altre tramite l interposizione di una sostanza intercellulare.

2. Tessuto connettivo. È costituito da cellule separate le une dalle altre tramite l interposizione di una sostanza intercellulare. 2007-2008 INTRODUZIONE L istologia è la materia che studia i tessuti. Il tessuto è un insieme di cellule uguali o diverse che concorrono allo svolgimento di un funzione comune. Da un punto di vista morfologico

Dettagli

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO URINARIO CORSO CORSO OSS DISCIPLINA: OSS DISCIPLINA: ANATOMIA PRIMO E FISIO-PATOLOGIA SOCCORSO MASSIMO MASSIMO FRANZIN FRANZIN COSTITUITO DA: DUE RENI DUE URETERI

Dettagli

APPARATO RESPIRATORIO

APPARATO RESPIRATORIO APPARATO RESPIRATORIO FUNZIONI - fornisce una superficie deputata a scambi gassosi tra apparato e ambiente esterno, - condurre l'aria da e verso le superfici di scambio (umidificandola e riscaldandola),

Dettagli

TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO. Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali

TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO. Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali TESSUTO EPITELIALE TESSUTO CONNETTIVO TESSUTO MUSCOLARE TESSUTO NERVOSO Epiteli di rivestimento Epiteli ghiandolari Epiteli sensoriali Tessuto connettivo pr. detto Tessuto adiposo Cartilagine Osso Sangue

Dettagli

ghiandola esocrina ghiandola endocrina

ghiandola esocrina ghiandola endocrina EPITELI GHIANDOLARI Le cellule ad attività ghiandolare sono specializzate ad elaborare e secernere sostanze che possono essere riversate all'esterno del corpo o nei liquidi circolanti. Le ghiandole ESOCRINE

Dettagli

Gli ormoni sono : peptidi o glicoproteine steroidi

Gli ormoni sono : peptidi o glicoproteine steroidi L apparato endocrino insieme al sistema nervoso coordina e controlla le attività cellulari e il metabolismo, ma con meccanismi e tempi diversi: veloci per il nervoso, più lenti e di lunga durata per l

Dettagli

ANATOMIA DEL MASCHIO

ANATOMIA DEL MASCHIO Testicolo Involgi del testicolo Involgi del testicolo Serie di membrane derivanti dalla parete addominale Proteggono e sostengono Solo lo scroto è comune Invogli profondi sono propri di ciascuna gonade

Dettagli

UNIVERSITA DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DI BARI ALDO MORO Scuola di specializzazione in Fisiopatologia della riproduzione degli animali domestici (Direttore: Prof. Giovanni M Lacalandra) Disciplina: Morfologia ed anatomia topografia

Dettagli

Struttura e funzionamento dell apparato digerente

Struttura e funzionamento dell apparato digerente Struttura e funzionamento dell apparato digerente la dentizione inizia (cioè i denti iniziano a spuntare) attorno al 6-8 mese di vita e porta alla comparsa dei 20 denti decidui (denti da latte). Questi

Dettagli

EPITELI GHIANDOLARI 15/03/2011

EPITELI GHIANDOLARI 15/03/2011 EPITELI GHIANDOLARI LE GHIANDOLE SONO DELLE STRUTTURE SPECIALIZZATE NELLA ELABORAZIONE DI SOSTANZE E NELLA LORO LIBERAZIONE ALL INTERNO O ALL ESTERNO DELL ORGANISMO Il secreto prodotto può essere di natura

Dettagli

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo)

Epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) L APPARATO DIGERENTE Tubo digerente (dalla bocca all ano) e ghiandole annesse; epitelio di origine endodermica (tranne i tratti ectodermici iniziali e terminali del proctodeo e dello stomodeo) Epitelio

Dettagli

Gli animali sono dotati di un organizzazione strutturale di tipo gerarchico

Gli animali sono dotati di un organizzazione strutturale di tipo gerarchico tessuti Gli animali sono dotati di un organizzazione strutturale di tipo gerarchico L organizzazione strutturale del mondo vivente è impostata secondo diversi livelli gerarchici. A Livello di cellula Cellula

Dettagli

APPARATO TEGUMENTARIO

APPARATO TEGUMENTARIO APPARATO TEGUMENTARIO Generalità L apparato tegumentario è costituito dalla cute e dagli annessi cutanei, su di essa distribuiti con diversa funzione e densità, rappresentati dalle unghie, dai peli e da

Dettagli

Gli occhi sono due formazioni sferoidali con un dm medio di 24 mm e un peso di 8g.

Gli occhi sono due formazioni sferoidali con un dm medio di 24 mm e un peso di 8g. Anatomia Umana Gli occhi sono due formazioni sferoidali con un dm medio di 24 mm e un peso di 8g. Le formazioni accessorie dell occhio sono : le palpebre, epitelio superficiale dell occhio e formazioni

Dettagli

FASCIA E DISFUNZIONE MIOFASCIALE

FASCIA E DISFUNZIONE MIOFASCIALE FASCIA E DISFUNZIONE MIOFASCIALE Bologna 20 novembre 2011 Dr. Luca Franzon - Osteopata D.O.M.R.O.I. Non conosco nessuna parte del corpo che somigli ad un terreno di caccia come le fasce. Credo che proseguendo

Dettagli

cenni di anatomia del testicolo

cenni di anatomia del testicolo cenni di anatomia del testicolo Il gamete maschile è rappresentato della spermatozoo la produzione e maturazione del gamete maschile avviene nel testicolo Il testicolo fa parte dell apparato riproduttivo

Dettagli

ORGANI BERSAGLIO E FUNZIONI DELL ORMONE NATRIURETICO ATRIALE NATRIURETICO = CHE FA AUMENTARE IL SODIO NELL URINA

ORGANI BERSAGLIO E FUNZIONI DELL ORMONE NATRIURETICO ATRIALE NATRIURETICO = CHE FA AUMENTARE IL SODIO NELL URINA ORGANI BERSAGLIO E FUNZIONI DELL ORMONE NATRIURETICO ATRIALE NATRIURETICO = CHE FA AUMENTARE IL SODIO NELL URINA --VASODILATAZIONE --RIDUCE LA SINTESI DI ALDOSTERONE --RIDUCE LA LIBERAZIONE DI RENINA --INIBISCE

Dettagli

I tessuti epiteliali sono costituiti da cellule dotate delle seguenti proprietà comuni: - stanno fra loro a mutuo contatto - poggiano su una membrana

I tessuti epiteliali sono costituiti da cellule dotate delle seguenti proprietà comuni: - stanno fra loro a mutuo contatto - poggiano su una membrana I tessuti epiteliali sono costituiti da cellule dotate delle seguenti proprietà comuni: - stanno fra loro a mutuo contatto - poggiano su una membrana basale che le separa dal connettivo. - Le cellule epiteliali

Dettagli

Epiteli ghiandolari. origine embriologica. Ghiandole esocrine endocrine. gli elementi secernenti (adenomero* o. epiteliali

Epiteli ghiandolari. origine embriologica. Ghiandole esocrine endocrine. gli elementi secernenti (adenomero* o. epiteliali Ghiandole (esocrine ed endocrine) Cellule singole o organi specializzati nella produzione e secrezione di sostanze che svolgono una varietà di funzioni biologiche nell organismo Created by G. Papaccio

Dettagli

epitelio semplice composto

epitelio semplice composto I tessuti 1 Che cos è un tessuto Un tessuto è un raggruppamento di cellule aventi forma struttura e funzioni simili, tenute insieme da una sostanza intercellulare più o meno abbondante e di composizione

Dettagli

comparto ingestivo, che si occupa di prensione, masticazione ed ingestione del cibo (labbra, lingua, denti, esofago),

comparto ingestivo, che si occupa di prensione, masticazione ed ingestione del cibo (labbra, lingua, denti, esofago), Apparato digerente In tutti gli animali l apparato digerente, il cui epitelio (comprese le ghiandole che da esso originano) embriologicamente deriva dal tubo intestinale primitivo di origine endodermica,

Dettagli

18/12/2013 I TESSUTI LINFATICI LE TONSILLE

18/12/2013 I TESSUTI LINFATICI LE TONSILLE I TESSUTI LINFATICI PARTICOLARE TIPO DI TESSUTO CONNETTIVO NEL QUALE PREDOMINANO I LINFOCITI SI PUO PRESENTARE COME: TESSUTO LINFATICO DIFFUSO: i linfociti sono solo scarsamente aggragati all interno del

Dettagli

I.1 L apparato digerente

I.1 L apparato digerente Capitolo I Introduzione 8 I.1 L apparato digerente L apparato digerente è costituito da un gruppo di organi addetti alla scissione degli alimenti in componenti chimici che l organismo può assorbire ed

Dettagli

Il sistema nervoso e la percezione (parte III) Occhio e visione

Il sistema nervoso e la percezione (parte III) Occhio e visione Il sistema nervoso e la percezione (parte III) Occhio e visione Anatomia e funzione dell occhio (I) Lo sguardo gioca un ruolo essenziale nella relazione tra individui. Nel modulare lo sguardo rispondiamo

Dettagli

Il sistema nervoso e la percezione (parte II) Il mondo dei suoni: l orecchio. Lezioni d'autore

Il sistema nervoso e la percezione (parte II) Il mondo dei suoni: l orecchio. Lezioni d'autore Il sistema nervoso e la percezione (parte II) Il mondo dei suoni: l orecchio Lezioni d'autore Anatomia dell'orecchio (I) Video: La sua rappresentazione e l'anatomia Anatomia dell'orecchio (II) L orecchio

Dettagli

ANATOMIA E FISIOLOGIA OCULARE

ANATOMIA E FISIOLOGIA OCULARE ANATOMIA E FISIOLOGIA OCULARE Dr. U. Benelli U.O. Oculistica Universitaria Pisa oculista@tin.it L occhio L occhio è un trasduttore che: Trasforma in segnale bioelettrico i fotoni che provengono dal mondo

Dettagli

L ORIGINE DEI TESSUTI

L ORIGINE DEI TESSUTI L ORIGINE DEI TESSUTI Tutte le cellule dell organismo derivano dallo zigote Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo: A, stadio a 2 pronuclei; E, stadio a circa 16 cellule B, stadio a 2 blastomeri;

Dettagli

2) Tessuto Connettivo t. c. propriamente detti t. Cartilagineo t. Osseo Sangue. 3) Tessuto muscolare striato scheletrico cardiaco liscio

2) Tessuto Connettivo t. c. propriamente detti t. Cartilagineo t. Osseo Sangue. 3) Tessuto muscolare striato scheletrico cardiaco liscio La cellula è la più piccola unità di sostanza vivente di un organismo pluricellulare. E delimitata dalla membrana plasmatica e contiene il citoplasma, gli organuli e gli inclusi citoplasmatici. Anche se

Dettagli

Apparato genitale femminile

Apparato genitale femminile Apparato genitale femminile Apparato genitale femminile gonade vie genitali OVAIO TUBA UTERINA UTERO VAGINA VULVA (genitali esterni) Gonadi Vie genitali Organi genitali esterni Proliferazione dell epitelio

Dettagli

Il sistema nervoso. Simpatico

Il sistema nervoso. Simpatico Il sistema nervoso Centrale Periferico Cervello Midollo spinale Somatico Autonomo Simpatico Parasimpatico Il sistema nervoso Periferico Somatico Autonomo Simpatico Parasimpatico Il sistema nervoso somatico

Dettagli

La pelle: principi di Anatomia e Fisiologia. Maurizia Ghilardi Specialista in Dermatologia e Venereologia

La pelle: principi di Anatomia e Fisiologia. Maurizia Ghilardi Specialista in Dermatologia e Venereologia La pelle: principi di Anatomia e Fisiologia Maurizia Ghilardi Specialista in Dermatologia e Venereologia Elementi di Anatomia La cute Riveste completamente il corpo umano: è uno degli organi più estesi

Dettagli

strutture specializzate nella produzione e secrezione di sostanze che svolgono una varietà di funzioni biologiche nell organismo ghiandole

strutture specializzate nella produzione e secrezione di sostanze che svolgono una varietà di funzioni biologiche nell organismo ghiandole strutture specializzate nella produzione e secrezione di sostanze che svolgono una varietà di funzioni biologiche nell organismo ghiandole parenchima e stroma le ghiandole sono formate da un parenchima

Dettagli

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ OCCHIO

WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ OCCHIO WWW.FISIOKINESITERAPIA.BIZ OCCHIO STRUTTURE ACCESSORIE DELL OCCHIO PALPEBRE Sono la prosecuzione della cute; muovendosi in modo intermittente, grazie alle lacrime mantengono la superficie dell occhio lubrificata

Dettagli

Sistema nervoso autonomo

Sistema nervoso autonomo Sistema nervoso autonomo Provvede alla regolazione delle funzioni viscerali dell organismo, finalizzate al mantenimento dell omeostasi del mezzo interno L omeostasi è mantenuta grazie all equilibrio tra

Dettagli

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO RIPRODUTTIVO

ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO RIPRODUTTIVO ANATOMIA E FISIO-PATOLOGIA L APPARATO RIPRODUTTIVO CORSO CORSO OSS DISCIPLINA: OSS DISCIPLINA: ANATOMIA PRIMO E FISIO-PATOLOGIA SOCCORSO MASSIMO MASSIMO FRANZIN FRANZIN SISTEMA RIPRODUTTIVO 1. L APPARATO

Dettagli

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento

VERIFICA La struttura generale e il rivestimento ERIICA La struttura generale e il rivestimento Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Gli organismi unicellulari sono costituiti da tessuti In un organo ci sono tessuti di tipo diverso Un sistema è costituito

Dettagli

L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono

L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono L'apparato digerente è costituito da un insieme di organi che servono per assorbire gli alimenti che introduciamo. Gli alimenti che ingeriamo sono troppo complessi per essere direttamente assorbiti senza

Dettagli

La pelle. Anche cute o tegumento

La pelle. Anche cute o tegumento La pelle Anche cute o tegumento Struttura della pelle Si compone di tre strati: Epidermide Derma Ipoderma o strato sottocutaneo Assieme agli annessi cutanei (peli, ghiandole, unghie) forma l apparato tegumentario

Dettagli

Cellule, tessuti, organi, sistemi (apparati) Cellule Tessuti: insiemi di cellule Organi: insiemi di tessuti Sistemi (o apparati): insiemi di organi

Cellule, tessuti, organi, sistemi (apparati) Cellule Tessuti: insiemi di cellule Organi: insiemi di tessuti Sistemi (o apparati): insiemi di organi Cellule e tessuti Cellule, tessuti, organi, sistemi (apparati) Cellule Tessuti: insiemi di cellule Organi: insiemi di tessuti Sistemi (o apparati): insiemi di organi Cellule, tessuti, organi, sistemi (apparati)

Dettagli

Riconoscere i tessuti

Riconoscere i tessuti Riconoscere i tessuti ( Scritto da Aries90 e MrBadu) Ecco qualche consiglio per riconoscere i tessuti, da chi ha fatto l'esame di istologia e spera di poter dare la stessa soddisfazione ai prossimi esamizzandi!

Dettagli

UNIVERSITÀ DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN INFERMIERISTICA SEDI DI FOGGIA - SAN SEVERO A.

UNIVERSITÀ DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN INFERMIERISTICA SEDI DI FOGGIA - SAN SEVERO A. UNIVERSITÀ DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN INFERMIERISTICA SEDI DI FOGGIA - SAN SEVERO A.A. 2004-2005 CORSO INTEGRATO DI ANATOMIA ED ELEMENTI DI

Dettagli

ANATOMIA TOMOGRAFICA PELVI Dr. Luigi Camera

ANATOMIA TOMOGRAFICA PELVI Dr. Luigi Camera CORSO DI LAUREA IN: Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia (Pres. Prof. Marco Salvatore) ANATOMIA TOMOGRAFICA PELVI Dr. Luigi Camera Dipartimento di Scienze Biomediche Avanzate Università

Dettagli

Indice generale. Metodi 1. Tessuto epiteliale 98. Citoplasma 23. Nucleo 71. Tessunto connettivo 146. Tessuti: Definizione e classificazione 92

Indice generale. Metodi 1. Tessuto epiteliale 98. Citoplasma 23. Nucleo 71. Tessunto connettivo 146. Tessuti: Definizione e classificazione 92 XV Indice generale 1 Metodi 1 GENERALITÀ SUI METODI USATI IN ISTOLOGIA 1 PREPARAZIONE DEL TESSUTO 2 ISTOCHIMICA E CITOCHIMICA 4 MICROSCOPIA 12 Box 1.1 Correlazioni cliniche: Sezioni ottenute al criostato

Dettagli

L apparato tegumentario

L apparato tegumentario L apparato tegumentario... o di rivestimento protegge il nostro corpo e permette gli scambi con l esterno, è formato da pelle o cute + annessi cutanei La pelle riveste tutta la parte esterna del corpo.

Dettagli

Apparato digerente Parte 1

Apparato digerente Parte 1 Apparato digerente Parte 1 Apparato digerente: Canale alimentare lungo tubo muscolo-membranoso con caratteristiche di organo cavo circa 9-11 metri dalla rima buccale all orifizio anale Ghiandole annesse:sostanze

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Anatomia: L apparato genitale femminile è costituito da: genitali interni genitali esterni

Anatomia: L apparato genitale femminile è costituito da: genitali interni genitali esterni Anatomia: L apparato genitale femminile è costituito da: genitali interni genitali esterni Apparato genitale femminile Ai genitali interni appartengono: le due ovaie, che sono le gonadi femminili, deputate

Dettagli

An at o m i a, i s t ru z i o n i pe r l u s o 1

An at o m i a, i s t ru z i o n i pe r l u s o 1 185 An at o m i a, i s t ru z i o n i pe r l u s o 1 Ferdinando Paternostro Università di Firenze I giovani conoscono i segreti dell Ipod, i trucchi dei videogiochi, il funzionamento di quasi tutti i dispositivi

Dettagli

ESAME DEI TESSUTI. I parte

ESAME DEI TESSUTI. I parte ESAME DEI TESSUTI I parte Per riconoscere le varietà di tessuti presenti nel preparato bisogna porsi i seguenti quesiti: A) Trattasi di TESSUTO EPITELIALE? Il tessuto epiteliale è riconoscibile perché

Dettagli

L embrione si sviluppa grazie agli scambi tra sangue materno e fetale. Problema: come fare in modo che sangue materno e fetale restino separati ma

L embrione si sviluppa grazie agli scambi tra sangue materno e fetale. Problema: come fare in modo che sangue materno e fetale restino separati ma L embrione si sviluppa grazie agli scambi tra sangue materno e fetale. Problema: come fare in modo che sangue materno e fetale restino separati ma non troppo distanti tra loro? LA PLACENTA E formata dalla

Dettagli

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D

Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Sistema endocrino 6. Metabolismo del calcio e del fosfato, ormone paratiroideo, calcitonina, vitamina D Prof. Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università di

Dettagli

Generalità sulla Cute.

Generalità sulla Cute. Generalità sulla Cute. Caratteri Macroscopici: spessore max (palme dei piedi e mani) 3-6 mm estensione 1,3-2 mq peso 5 kg Facce: o Esterna o Epidermide o Interna costituita da: Derma Ipoderma La superficie

Dettagli

APPARATO TEGUMENTARIO

APPARATO TEGUMENTARIO APPARATO TEGUMENTARIO Comprende: CUTE ANNESSI CUTANEI - E il sistema più esteso dell organismo umano; riveste con continuità l intera superficie corporea e a livello degli orifizi degli apparati digerente,

Dettagli

L APPARATO RESPIRATORIO

L APPARATO RESPIRATORIO L APPARATO RESPIRATORIO Per comprendere la funzione dell'apparato respiratorio dobbiamo sapere che gli alimenti introdotti nell'organismo, una volta digeriti e assorbiti dal sangue, raggiungono tutte le

Dettagli

EPITELI GHIANDOLARI. NON confondere con escrezione: espulsione dalla cellula di sostanze di scarto

EPITELI GHIANDOLARI. NON confondere con escrezione: espulsione dalla cellula di sostanze di scarto Sono costituiti da cellule specializzate nella secrezione: sintesi di molecole da riversare all esterno della cellula e con una funzione utile NON confondere con escrezione: espulsione dalla cellula di

Dettagli

Istologia. Origine embrionale tessuti. Organismo. Cellula Cellula Cellula. Cellula. Cellula Tessuto. Tessuto. Tessuto Tessuto. Tessuto.

Istologia. Origine embrionale tessuti. Organismo. Cellula Cellula Cellula. Cellula. Cellula Tessuto. Tessuto. Tessuto Tessuto. Tessuto. Cellula Cellula Cellula Cellula Cellula Tessuto Organo Organo Organo Apparato Tessuto Tessuto Tessuto Tessuto Tessuto Organo Apparato Apparato Apparato Apparato Istologia I tessuti sono aggregati di cellule

Dettagli

EPITELI SENSORIALI. EPITELI PARTICOLARMENTE DIFFERENZIATI

EPITELI SENSORIALI. EPITELI PARTICOLARMENTE DIFFERENZIATI EPITELI SENSORIALI. EPITELI PARTICOLARMENTE DIFFERENZIATI A) EPITELI SENSORIALI Gli epiteli sensoriali sono degli epiteli di rivestimento che sono costituiti sia da cellule epiteliali di sostegno che da

Dettagli

Ghiandole (esocrine ed endocrine)

Ghiandole (esocrine ed endocrine) Epiteli ghiandolari Ghiandole (esocrine ed endocrine) Cellule singole o organi specializzati nella produzione e secrezione di sostanze che svolgono una varietà di funzioni biologiche nell organismo gli

Dettagli

Gameti. Gonadi. Riproduzione di tipo sessuato. Fecondazione. Zigote

Gameti. Gonadi. Riproduzione di tipo sessuato. Fecondazione. Zigote APPARATO GENITALE Gameti cellule sessuali Gonadi organi in cui avviene la produzione di gameti Riproduzione di tipo sessuato Fecondazione Zigote APPARATO GENITALE MASCHILE Gonadi: testicoli (contenuti

Dettagli

L APPARATO DIGERENTE. un laboratorio chimico naturale

L APPARATO DIGERENTE. un laboratorio chimico naturale L APPARATO DIGERENTE un laboratorio chimico naturale Come fa il nostro organismo a sfruttare i principi nutritivi nascosti nel cibo? Il nostro apparato digerente, attraverso la digestione, demolisce le

Dettagli

Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso

Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Meccanismi di comunicazione cellulare Classificazione degli ormoni Tipologie di recettori ghiandola ormone/i principali azioni fisiologiche ipotalamo

Dettagli

AUTOVALUTAZIONE 2. 01) Che cosa è la cute? A) Un tessuto epiteliale; B) Un organo secernente endocrino; C) Un organo. D) Nessuno dei precedenti.

AUTOVALUTAZIONE 2. 01) Che cosa è la cute? A) Un tessuto epiteliale; B) Un organo secernente endocrino; C) Un organo. D) Nessuno dei precedenti. AUTOVALUTAZIONE 2 01) Che cosa è la cute? A) Un tessuto epiteliale; B) Un organo secernente endocrino; C) Un organo. D) Nessuno dei precedenti. 02) Al microscopio ottico è possibile osservare: A) Fibre

Dettagli

Corso Integrato di Istologia e Anatomia Umana Coordinatore del Corso Integrato: Michela Ferrucci

Corso Integrato di Istologia e Anatomia Umana Coordinatore del Corso Integrato: Michela Ferrucci Corso Integrato di Istologia e Anatomia Umana Coordinatore del Corso Integrato: Michela Ferrucci Corso di Laurea: Biotecnologie Nome del corso: ISTOLOGIA E ANATOMIA UMANA Responsabile del corso Altri docenti

Dettagli

Unità 13 Il sistema endocrino

Unità 13 Il sistema endocrino Unità 13 Il sistema endocrino Obiettivi Comprendere il ruolo del sistema endocrino nel controllo dell organismo Capire le relazioni tra sistema endocrino e sistema nervoso Saper distinguere i principali

Dettagli

APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO

APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO APPARATO GENITALE INSIEME DI ORGANI DEPUTATI ALLA : FORMAZIONE DEI GAMETI FECONDAZIONE SVILUPPO DELL EMBRIONE E DEL FETO APPARATO RIPRODUTTORE MASCHILE GONADI VIE SPERMATICHE convogliano i gameti all uretra

Dettagli

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

Epiteli: unite tra di loro. da una membrana basale

Epiteli: unite tra di loro. da una membrana basale Tessuto Epiteliale Epiteli: Uno o più strati di cellule unite da giunzioni a formare un foglietto continuo - ricopre l esterno o cavità interne - formati da cellule poliedriche polarizzate - cellule sono

Dettagli

E caratterizzata da 2 processi fondamentali:

E caratterizzata da 2 processi fondamentali: LA QUARTA SETTIMANA EVENTI IV a SETTIMANA E caratterizzata da 2 processi fondamentali: 1) la crescita e l organizzazione dei derivati dei tre foglietti embrionali, che portano alla formazione degli abbozzi

Dettagli

Anatomia Umana. Lezione 11

Anatomia Umana. Lezione 11 Anatomia Umana Lezione 11 VENTRICOLI ENCEFALICI I ventricoli sono cavità all interno dell encefalo contenenti liquido cerebrospinale e tappezzate da cellule ependimali. Nell encefalo adulto vi sono 4

Dettagli

Sviluppo del tronco encefalico

Sviluppo del tronco encefalico Tronco encefalico Sviluppo del tronco encefalico Proencefalo mesencefalo rombencefalo mesencefalo ponte bulbo cervelletto midollo Tronco encefalico Tronco Encefalico: visione esterna VISIONE VENTRALE VISIONE

Dettagli