Vittorio Ormezzano CLUB CE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vittorio Ormezzano CLUB CE"

Transcript

1 Vittorio Ormezzano CLUB CE

2 La direttiva 2006/42/CE Sostituisce la precedente 98/37/CE Decreto di attuazione in Italia: D.Lgs. 17/2010 in vigore dal 6/3/2010

3 La direttiva 2006/42/CE Campo di applicazione Macchine Quasi-macchine Attrezzature intercambiabili Componenti di sicurezza (immessi sul mercato separatamente) Accessori di sollevamento Catene, funi e cinghie Dispositivi amovibili di trasmissione meccanica Macchine per il sollevamento delle persone (modifica della Direttiva 95/16/CE)

4 Macchine

5 Macchine

6 Macchine prive di motorizzazione propria

7 Insiemi di macchine

8 Quasi-macchine (Motoriduttore)

9 Attrezzature intercambiabili

10 Attrezzature intercambiabili Dispositivo collegato ad un trattore, che ne cambia la funzione

11 Componenti di sicurezza

12 Accessori di sollevamento

13 Catene, funi e cinghie

14 Dispositivi amovibili di trasmissione

15 Esclusioni Componenti di sicurezza venduti come ricambi Attrezzature per parchi giochi Macchine per uso nucleare Armi Vari mezzi di trasporto Macchine di ricerca per uso temporaneo

16 Esclusioni Prodotti elettrici/elettronici che rientrano nel campo di applicazione della direttiva 2006/95/CE: Elettrodomestici

17 Esclusioni Audio e video App. tecnologia dell informazione Macchine per ufficio Motori elettrici

18 Le quasi-macchine Sono definite come insiemi che costituiscono quasi una macchina, ma che, da soli, non sono in grado di garantire un applicazione ben determinata. Sono unicamente destinate ad essere incorporate o assemblate ad altre macchine o ad altre quasi-macchine o apparecchi per costituire una macchina disciplinata dalla presente direttiva Esempi: azionamenti, centraline oleoidrauliche, motoriduttori, azionamenti, robot

19 Le quasi-macchine Adempimenti del costruttore di quasimacchine Istruzioni per l assemblaggio Valutazione dei rischi Documentazione Tecnica (FTC) Dichiarazione di incorporazione (con elenco dei RES rispettati e nome/indirizzo di chi detiene la Documentazione Tecnica) Non si appone la marcatura CE (per la direttiva Macchine) Le istruzioni per l assemblaggio e la dichiarazione di incorporazione devono essere allegate alla quasi-macchina

20 Le quasi-macchine Adempimenti dell assemblatore finale Completare i RES non applicati dal fabbricante della quasi-macchina Integrare nel Fascicolo Tecnico le istruzioni per l assemblaggio e le dichiarazioni di incorporazione delle quasi-macchine assemblate Effettuare le operazioni richieste per la marcatura della macchina finale

21 Istruzioni per l uso delle macchine Devono essere Istruzioni Originali o una Traduzione delle istruzioni originali accompagnata da una copia delle istruzioni originali. Devono essere redatte nella lingua dello Stato in cui vengono immesse sul mercato, con la dicitura Istruzioni Originali Se la traduzione non è effettuata dal fabbricante, ma fatta eseguire da chi immette la macchina sul mercato, deve essere apposta la dicitura Traduzione delle istruzioni originali

22 Istruzioni per l uso delle macchine Contenuti delle Istruzioni Ragione sociale e indirizzo del fabbricante Designazione della macchina (come riportato nella marcatura) Dichiarazione di conformità CE (senza numero di serie) Descrizione della macchina Disegni e spiegazioni per l uso, la manutenzione, la riparazione e per la verifica del corretto funzionamento Descrizione dei posti occupati dagli operatori

23 Istruzioni per l uso delle macchine Contenuti delle Istruzioni Descrizione dell uso previsto Avvertenze sulle modalità in cui la macchina non deve essere utilizzata (Uso improprio) Istruzioni per il montaggio, l installazione, i collegamenti, i sistemi di fissaggio, ecc. Istruzioni per l installazione e il montaggio volto a ridurre il rumore e le vibrazioni. Istruzioni per la messa in servizio e l uso Istruzioni sui rischi residui e sui DIP da utilizzare Caratteristiche degli utensili

24 Istruzioni per l uso delle macchine Contenuti delle Istruzioni Istruzioni ai fini della stabilità durante il trasporto, movimentazione, immagazzinamento e indicazione delle masse Metodi da adottare nei casi di infortunio o di avaria In caso di blocco, i metodi per sbloccare la macchina in condizioni di sicurezza Operazioni di manutenzione preventiva e ordinaria Specifiche delle parti di ricambio, se incidono sulla salute e sicurezza degli operatori Informazioni sul rumore emesso Informazioni sulle eventuali radiazioni non ionizzanti pericolose (campi elettromagnetici)

25 Fascicolo Tecnico per le Contenuti macchine Descrizione generale della macchina Disegno complessivo della macchina e degli schemi dei circuiti di comando, nonché dalle relative descrizioni e spiegazioni necessarie per capire il funzionamento della macchina Disegni dettagliati e completi, eventualmente accompagnati da note di calcolo, risultati di prove, certificati, ecc, che consentano la verifica della conformità della macchina ai requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute

26 Fascicolo Tecnico per le macchine Documentazione relativa alla valutazione dei rischi che deve dimostrare la procedura seguita, inclusi: un elenco dei requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute applicabili alla macchina le misure di protezione attuate per eliminare i pericoli identificati o per ridurre i rischi e, se del caso, l indicazione dei rischi residui connessi con la macchina norme ed altre specifiche tecniche applicate, con l indicazione dei requisiti essenziali di sicurezza a cui si riferiscono

27 Fascicolo Tecnico per le macchine qualsiasi relazione tecnica che fornisca i risultati delle prove svolte dal fabbricante stesso o da un organismo scelto dal fabbricante o dal suo mandatario Un esemplare delle istruzioni per l uso della macchina (Manuale) Se del caso, la dichiarazione di incorporazione per le quasimacchine, incluse le relative istruzioni di assemblaggio Se del caso, la copia della dichiarazione CE di conformità delle macchine o di altri prodotti incorporati nella macchina Copia della certificazione CE di conformità Nel caso di fabbricazione in serie, le disposizioni interne che saranno applicate per mantenere la conformità delle macchine alle disposizioni della direttiva

28 Istruzioni per l assemblaggio delle quasi-macchine Allegato VI Le istruzioni per l assemblaggio delle quasi-macchine devono contenere una descrizione delle condizioni da rispettare per effettuare una corretta incorporazione nella macchina finale, al fine di non compromettere la sicurezza e la salute Le istruzioni per l assemblaggio devono essere redatte in una delle lingue ufficiali della Comunità, accettata dal fabbricante della macchina in cui tale quasi-macchina sarà incorporata, o dal suo mandatario

29 Documentazione Tecnica per le Contenuti quasi-macchine Disegno complessivo della quasi-macchina e schemi dei circuiti di comando Disegni dettagliati e completi, eventualmente accompagnati da note di calcolo, risultati di prove, certificati, ecc. che consentano la verifica della conformità della quasimacchina ai requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute applicati Documentazione relativa alla valutazione dei rischi che deve dimostrare la procedura seguita, inclusi: un elenco dei requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute che sono applicati e soddisfatti le misure di protezione attuate per eliminare i pericoli identificati o per ridurre i rischi e, se del caso, l indicazione dei rischi residui

30 Documentazione Tecnica per le quasi-macchine le norme e le altre specifiche tecniche applicate, con l indicazione dei requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute a cui si riferiscono qualsiasi Relazione Tecnica che fornisca i risultati delle prove svolte dal fabbricante stesso o da un Organismo scelto dal fabbricante o dal suo mandatario un esemplare delle Istruzioni di assemblaggio della quasi-macchina Nel caso di fabbricazione in serie, le disposizioni interne che saranno applicate per mantenere la conformità della quasi- macchina ai requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute applicati.

31 Conservazione dei documenti I seguenti documenti: Fascicolo Tecnico della macchina Documentazione tecnica della quasi-macchina Dichiarazione di conformità Dichiarazione di incorporazione devono essere tenuti a disposizione delle Autorità di controllo per almeno 10 anni a partire dalla data dell ultimo esemplare realizzato

32 Valutazione della conformità Valutazione della conformità delle macchine (art. 12) Macchine non contemplate dall Allegato IV - Allegato VIII (Controllo interno della fabbricazione) Macchine dell Allegato IV totalmente conformi alle norme armonizzate - Allegato VIII Se sono state applicate le norme, non è più obbligatorio depositare il Fascicolo Tecnico presso l Organismo Notificato oppure (ricorso all Organismo Notificato) Allegato IX (Esame CE del tipo) più Allegato VIII - punto 3 (garanzia della conformità delle macchine costruite in serie) oppure (ricorso all Organismo Notificato) Allegato X (Garanzia Qualità Totale)

33 Valutazione della conformità Valutazione della conformità delle macchine (art. 12) Macchine dell allegato IV costruite senza applicare le norme armonizzate, oppure applicate solo in parte: Allegato IX (Esame CE del tipo), più Allegato VIII punto 3 (Controllo del processo di fabbricazione) oppure Allegato X (Garanzia Qualità Totale)

34 Valutazione della conformità Valutazione della conformità delle quasi-macchine (Art. 13) Il fabbricante deve preparare i seguenti documenti: Documentazione tecnica Allegato VII parte B Istruzioni per l assemblaggio Allegato VI Dichiarazione di incorporazione All. II parte B Le Istruzioni per l assemblaggio e la Dichiarazione di incorporazione devono accompagnare la quasi-macchina fino all incorporazione e devono essere integrate nel Fascicolo Tecnico della macchina finale

35 Dichiarazione CE di una macchina Allegato IIA La dichiarazione e le relative traduzioni devono essere redatte alle stessecondizioni previste per le Istruzioni (cfr.allegato 1, punto , lettere a) e b) e devono essere dattiloscritte oppure scritte a mano in caratteri maiuscoli. La dichiarazione CE di conformità deve contenere gli elementi seguenti: Ragione sociale e indirizzo completo del fabbricante e se del caso del suo mandatario. Nome ed indirizzo della persona autorizzata costituire il Fascicolo Tecnico, che deve essere stabilita nella Comunità Descrizione e identificazione della macchina, con denominazione generica, funzione, modello, tipo, numero di serie, denominazione commerciale

36 Dichiarazione CE di una macchina Indicazione con la quale si dichiara esplicitamente che la macchina è conforme a tutte le disposizioni pertinenti della presente direttiva e se del caso, un indicazione analoga con la quale si dichiara la conformità alle altre direttive comunitarie e/o disposizioni pertinenti alle quali la macchina ottempera. Questi riferimenti devono essere quelli dei testi pubblicati nella Gazzetta Ufficiale dell Unione Europea All occorrenza, nome,indirizzo, numero di identificazione dell Organismo Notificato che ha effettuato l esame CE del tipo di cui all allegato IX e il numero dell attestato dell esame CE di tipo; All occorrenza, nome, indirizzo, numero di identificazione dell Organismo Notificato che ha approvato il Sistema di garanzia Qualità Totale di cui all Allegato X

37 Dichiarazione CE di una macchina All occorrenza, riferimento ad altre norme armonizzate di cui all articolo 7, paragrafo 2, che sono state applicate All occorrenza, riferimento ad altre norme e specifiche tecniche applicate Luogo e data della dichiarazione Identificazione e firma della persona autorizzata a redigere la dichiarazione a nome del fabbricante o del suo mandatario La Dichiarazione di conformità deve accompagnare la macchina

38 Dichiarazione di conformità di una macchina alimentata dalla rete elettrica DICHIARAZIONE DI CONFORMITÁ CE La Ditta (Indirizzo,ragione sociale o nome del fabbricante) DICHIARA che la macchina xxx Modello yyy Numero di serie www Anno di costruzione zzz è conforme a tutte le disposizioni previste delle seguenti direttive: Macchine 2006/42/CE EMC 2004/108/CE ed è conforme alle seguenti norme tecniche armonizzate: EN xxxx EN yyyy La persona autorizzata a costituire il fascicolo tecnico è il sig. (Nome, cognome e indirizzo) Nome, indirizzo e numero di identificazione dell Organismo Notificato (eventuale) Luogo e data della dichiarazione Posizione aziendale del firmatario Nome e cognome Firma

39 Dichiarazione di incorporazione delle quasi-macchine Allegato II B La dichiarazione e le relative traduzioni devono essere redatte alle stesse condizioni previste per le istruzioni (cfr.allegato 1, punto , lettere a) e b) e devono essere dattiloscritte oppure scritte a mano in caratteri maiuscoli La dichiarazione di incorporazione deve contenere gli elementi seguenti: Ragione sociale ed indirizzo completo del fabbricante della quasi-macchina e se del caso, del mandatario Nome ed indirizzo della persona autorizzata a costituire la documentazione tecnica pertinente, che deve essere stabilita dalla Comunità

40 Dichiarazione di incorporazione delle quasi-macchine Descrizione e identificazione della quasimacchina, con denominazione generica, funzione, modello, tipo, numero di serie, denominazione commerciale Un indicazione con la quale si dichiara quali requisiti essenziali della presente direttiva sono applicati e rispettati e che la documentazione tecnica pertinente è stata compilata in conformità dell allegato VII B Se del caso, un indicazione con la quale si dichiara che la quasi-macchina è conforme ad altre direttive comunitarie pertinenti

41 Dichiarazione di incorporazione delle quasi-macchine Un impegno a trasmettere, in risposta a una richiesta adeguatamente motivata delle autorità nazionali, informazioni pertinenti sulle quasi-macchine. L impegno comprende le modalità di trasmissione e lascia impregiudicati i diritti di proprietà intellettuale del fabbricante della quasi-macchina. Una dichiarazione secondo cui la quasi-macchina non deve essere messa in servizio finché la macchina finale in cui deve essere incorporata non sia stata dichiarata conforme, se del caso, alle disposizioni della presente direttiva; Luogo e data della dichiarazione Identificazione e firma della persona autorizzata a redigere la dichiarazione a nome del fabbricante o del suo mandatario La Dichiarazione di incorporazione deve accompagnare la quasi-macchina

42 Altre direttive Se la macchina rientra anche nel campo di applicazione di altre direttive (PED, ATEX, Materiali da costruzione, altre), devono essere rispettate anche le prescrizioni delle altre direttive applicabili

43 Altre direttive Esempio barriera automatica

44 Barriera automatica La barriera automatica per uso residenziale ha una funzione ben definita, per cui è una macchina, la cui norma armonizzata di prodotto è la EN Rientra pertanto nel campo di applicazione delle seguenti direttive:

45 Barriera automatica Macchine 2006/42/CE, in quanto motorizzata Bassa tensione 2006/95/CE se alimentata da rete a 230V EMC 2004/108/CE R&TTE 1999/5/CE per via del radiocomando Prodotti da costruzione - Regolamento UE 305/2011 L impianto di alimentazione è inoltre soggetto al D.M. 37/08, subordinato a documento di Progetto e Dichiarazione di conformità

46 Allegati Allegato I Requisiti Essenziali di Sicurezza e Salute (RES) prescrive (anche per l utilizzo nelle condizioni anormali prevedibili) i seguenti Principi Generali: Definizione dei limiti della macchina, nei casi di uso previsto e di uso scorretto ragionevolmente prevedibile Identificazione dei pericoli Stima dei rischi (probabilità di manifestarsi e gravità delle conseguenze) Valutazione dei rischi (accettabilità) Eliminazione dei pericoli o riduzione dei rischi Misure di protezione contro i rischi residui

47 Allegato I Definizioni Pericolo: Potenziale fonte di lesione o di danno alla salute Zone pericolose: zone all interno o in prossimità della macchina, ove sia presente un rischio per la persona Persona Esposta: persona che si trova in una zona pericolosa Operatore: persona incaricata di compiere attività sulla macchina Rischio: combinazione di gravità e probabilità Riparo: protezione mediante barriere materiali Dispositivo di protezione: dispositivo che riduce il rischio, da solo o associato ad un riparo Uso previsto: utilizzo conforme alle istruzioni per l uso Uso scorretto ragionevolmente prevedibile: uso diverso da quello previsto, derivante da un comportamento umano facilmente prevedibile.

48 Requisiti essenziali di sicurezza e salute Sono riportati nell Allegato I Principi di integrazione della sicurezza Materiali e prodotti Illuminazione Progettazione ai fini della movimentazione Ergonomia Posti di lavoro Sedili Comandi - sicurezza ed affidabilità dei sistemi di comando - dispositivi di comando - avviamento - arresto * normale * operativo * di emergenza * assemblaggi di macchine

49 Requisiti essenziali di sicurezza e salute Selezione del modo di funzionamento Guasto del circuito di alimentazione di energia Protezione contro i rischi meccanici - Stabilità - Rottura durante il funzionamento - Caduta e proiezione di oggetti - Superfici, spigoli ed angoli - Macchine combinate - Variazioni delle condizioni di funzionamento - Elementi mobili * di trasmissione * che partecipano alla lavorazione

50 Requisiti essenziali di sicurezza e salute - Rischi di movimenti incontrollati - Macchine combinate - Variazioni delle condizioni di funzionamento - Elementi mobili * di trasmissione * che partecipano alla lavorazione - Rischi di movimenti incontrollati - Caratteristiche dei ripari * requisiti generali * ripari fissi * ripari mobili interbloccati * ripari regolabili - Dispositivi di protezione

51 Requisiti essenziali di sicurezza e salute - Protezione contro altri pericoli - Energia elettrica - Elettricità statica - Energie diverse dall energia elettrica - Errori di montaggio - Temperature estreme - Incendio - Esplosione - Rumore - Vibrazioni - Radiazioni emesse - Radiazioni esterne - Radiazioni laser - Emissioni (polveri, gas, oli, residui) - Imprigionamento - Scivolamento o caduta - Fulmine

52 Requisiti essenziali di sicurezza e salute Manutenzione - Manutenzione della macchina - Accesso ai posti di lavoro ed ai punti di intervento - Isolamento delle fonti di alimentazione - Intervento dell'operatore - Pulitura delle parti interne Informazioni - Avvertenze sulla macchina - Dispositivi di informazione - Dispositivi di allarme - Avvertenze sui rischi residui - Marcatura - Istruzioni * Principi di redazione * Contenuti * Pubblicazioni illustrative o promozionali

53 Requisiti essenziali di sicurezza e salute Altre macchine Macchine alimentari e macchine per prodotti cosmetici o farmaceutici Macchine portatili tenute e/o condotte a mano Macchine per la lavorazione del legno e materiali simili Requisiti supplementari per i pericoli dovuti alla mobilità delle macchine Requisiti supplementari per i pericoli dovuti a operazioni di sollevamento Macchine per lavori sotterranei Macchine per il sollevamento di persone

54 Allegato IV Macchine per le quali è prescritto l intervento dell Organismo Notificato, a meno che siano totalmente conformi alle norme armonizzate pertinenti Esempi: Varie tipologie di segatrici Macchine combinate per lavorazione legno Presse e piegatrici a carico/scarico manuale con corsa > 6 mm. e velocità > 30 mm./s Formatrici per la gomma a carico/scarico manuale Ponti elevatori per veicoli

55 Riepilogo Allegati ALLEGATO I ALLEGATO II ALLEGATO III ALLEGATO IV ALLEGATO V ALLEGATO VI ALLEGATO VII REQUISITI DI SICUREZZA E SALUTE DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ MARCATURA CE MACCHINE PERICOLOSE ELENCO DEI COMPONENTI DI SICUREZZA ISTRUZIONI PER L ASSEMBLAGGIO DELLE QUASI-MACCHINE FASCICOLO TECNICO

56 Riepilogo Allegati ALLEGATO VIII ALLEGATO IX ALLEGATO X ALLEGATO XI ALLEGATO XII VALUTAZIONE DELLA CONFORMITA CON CONTROLLO INTERNO DELLA FABBRICAZIONE ESAME CE DEL TIPO GARANZIA QUALITA TOTALE CRITERI MINIMI PER GLI ORGANISMI NOTIFICATI TABELLA DI CORRISPONDENZA CON LA DIRETTIVA PRECEDENTE

57 Allegati Allegato VIII Valutazione della conformita con controllo interno della fabbricazione Prevede la costituzione del Fascicolo Tecnico e delle procedure adottate per garantire la conformità delle macchine costruite in serie Si applica alle macchine non contemplate nell allegato IV ed a quelle dell allegato IV totalmente conformi alle norme armonizzate pertinenti Allegato IX Esame CE del tipo Si applica alle macchine dell Allegato IV Prevede la verifica, da parte dell Organismo Notificato, del Fascicolo Tecnico redatto dal costruttore, nonché l esecuzione di prove e verifiche sulla macchina Se la macchina risulta conforme, l O.N. rilascia un attestato di esame CE del tipo con validità di 5 anni, prorogabile in seguito a riesame

58 Allegati Allegato X Garanzia Qualita Totale Si applica alle macchine dell Allegato IV Il fabbricante richiede all Organismo Notificato la valutazione del Sistema Qualità Totale. La domanda deve contenere la documentazione relativa al Sistema Qualità da approvare ed un Fascicolo Tecnico per ogni modello di macchina dell Allegato IV che il fabbricante intende costruire. Dopo l approvazione del Sistema Qualità, l Organismo Notificato svolge l attività di sorveglianza mediante visite ispettive periodiche ed eventualmente visite senza preavviso

59 Marcatura CE (Allegato III) Ogni macchina deve recare, in modo visibile, leggibile e indelebile, almeno le seguenti indicazioni: Ragione sociale e indirizzo completo del fabbricante e, se del caso, del suo mandatario Designazione della macchina Designazione della serie o del tipo Eventualmente, numero di serie Marcatura CE Quando previsto, numero di identificazione dell O.N. Anno di costruzione, cioè l anno in cui si è concluso il processo di fabbricazione E vietato antedatare o postdatare la macchina al momento dell apposizione della marcatura CE

60 Gli insiemi di macchine Secondo la direttiva 2006/42/CE, due o più macchine costituiscono un insieme quando: Sono assemblate insieme per una specifica applicazione, quale ad esempio la produzione di un determinato prodotto Sono funzionalmente collegate, per cui l operazione di una macchina influisce sulle macchine precedenti o successive Le macchine dell insieme sono coordinate da un sistema di controllo comune Esempi: linee di produzione, aree robotizzate, ecc. Rientrano nella definizione di macchine e pertanto sono soggetti alle stesse prescrizioni

61 Gli insiemi di macchine La marcatura CE delle singole macchine non è sufficiente a garantire la conformità dell insieme, perché ai rischi delle singole macchine si aggiungono quelli derivanti dall interfacciamento, che le rende solidali ai fini dell applicazione prevista Due o più macchine in cascata che funzionano in modo indipendente non costituiscono un insieme

62 Gli insiemi di macchine Quindi le isole, le linee di produzione ed i sottoinsiemi composti da due o più macchine che lavorano in modo coordinato, non indipendente, costituiscono insiemi di macchine e sono soggetti alla direttiva 2006/42/CE Gli insiemi alimentati dalla rete elettrica devono anche essere conformi alle direttive Bassa Tensione ed EMC

63 Gli insiemi di macchine Gli insiemi devono pertanto essere dichiarati conformi alle direttive pertinenti, essere marcati CE, essere corredati di un Fascicolo Tecnico, comprendente la Valutazione dei rischi, della Dichiarazione di conformità e di un Manuale di istruzioni La dichiarazione di conformità alla direttiva Macchine sottintende anche la conformità alla direttiva Bassa Tensione

64 L assemblatore dell insieme La persona che costituisce un insieme di macchine è considerata il costruttore dell insieme, ed è responsabile di assicurare che l intero sistema sia conforme ai requisiti di sicurezza e salute della direttiva Macchine e delle altre direttive applicabili

65 L assemblatore dell insieme Questa persona può essere l utilizzatore dell impianto, se esegue in proprio l assemblaggio o le modifiche ad un impianto esistente, oppure un assemblatore esterno, al quale viene demandata la realizzazione dell insieme complessivo o la modifica di una linea preesistente La responsabilità della marcatura dovrebbe essere concordata preventivamente tra l utilizzatore e l assemblatore

66 Il D. Lgs. 81/08 Art. 23 1) Sono vietati la fabbricazione, la vendita, il noleggio e la concessione in uso (anche a titolo gratuito) di attrezzature di lavoro, dispositivi di protezione individuale e impianti non rispondenti alle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro Le infrazioni comportano provvedimenti amministrativi e penali

67 Il D. Lgs. 81/08 Art Salvo quanto previsto al comma 2 (slide successiva), le attrezzature di lavoro messe a disposizione dei lavoratori devono essere conformi alle specifiche disposizioni legislative e regolamentari di recepimento delle direttive comunitarie di prodotto

68 Art. 70 Il D. Lgs. 81/08 2. Le attrezzature di lavoro costruite in assenza di disposizioni legislative e regolamentari di cui al comma 1, e quelle messe a disposizione dei lavoratori antecedentemente all'emanazione di norme legislative di recepimento delle direttive comunitarie di prodotto, devono essere conformi ai requisiti generali di sicurezza di cui all'allegato V

69 Il D. Lgs. 81/08 Allegato V D. Lgs. 81/08 Riguarda i requisiti di sicurezza delle attrezzature di lavoro messe a disposizione dei lavoratori prima dell entrata in vigore della direttiva Macchine. Es.: La messa in moto di un attrezzatura deve poter essere effettuata soltanto mediante un azione volontaria su un organo di comando concepito a tal fine

70 Gli insiemi di macchine Nella pratica sono rilevanti i seguenti casi: Caso 1. Linea nuova realizzata con macchine nuove e quasi-macchine Caso 2. Linea nuova realizzata con macchine e quasi-macchine nuove, più macchine usate provenienti o meno dall UE (Trasferimento) Caso 3. Aggiunta o sostituzione di una o più macchine su linea preesistente, antecedente o successiva alla data di attuazione della marcatura CE

71 Caso 1 Linea nuova realizzata con macchine nuove e quasi-macchine E generalmente costituita da macchine nuove, che devono essere singolarmente marcate CE, e/o da quasi-macchine da incorporare, nuove, corredate della Dichiarazione di incorporazione di tipo B e delle Istruzioni per l assemblaggio

72 Caso 1 Per l espletamento delle formalità prescritte dalla direttiva, l assemblatore deve assicurarsi della disponibilità delle Dichiarazioni di conformità e dei Manuali di tutte le macchine (Manuale di istruzioni) e quasi-macchine (Istruzioni per l assemblaggio) nuove da inserire nell impianto

73 Caso 1 Insieme nuovo costituito da macchine nuove e quasi-macchine Per le macchine dichiarate conformi, a meno di non conformità palesi, l assemblatore non è tenuto ad eseguire prove o verifiche ulteriori Deve comunque verificare che le macchine non presentino delle non conformità palesi, delle quali diventa il responsabile finale

74 Caso 1 Ogni macchina nuova deve essere marcata CE essere provvista di Dichiarazione di tipo A disporre di un Manuale di istruzioni conforme alle prescrizioni della direttiva Macchine Il costruttore della macchina deve redigere il Fascicolo Tecnico e la Valutazione dei rischi, ma non è obbligato a fornirli al cliente, bensì soltanto alle autorità competenti, in seguito a specifica richiesta. Tuttavia, ormai da qualche tempo, è invalso l uso, da parte del cliente, di richiedere copia della Valutazione dei rischi

75 Caso 1 L integratore della linea è responsabile di tutto l insieme, quindi anche della conformità delle macchine assemblate. Se non dispone della Dichiarazione di conformità e del Manuale di istruzioni delle singole macchine, deve verificare la conformità delle macchine e richiedere o redigere lui stesso il Manuale di istruzioni Se le macchine sono marcate CE, provviste di Dichiarazione di conformità ed esenti da vizi palesi, può ritenerle singolarmente conformi, ed allegare le Dichiarazioni di conformità al Fascicolo Tecnico dell insieme

76 Caso 1 Quasi-macchine Le quasi-macchine sono unicamente destinate ad essere incorporate o assemblate con altre macchine o con altre quasi-macchine o apparecchiature, per costituire una macchina o un insieme. Non possono essere marcate CE ai fini della direttiva Macchine (ma devono esserlo per le altre direttiva pertinenti, per cui la dichiarazione di conformità sarà riferita ad esempio alle direttive EMC e Bassa tensione, ma non alla direttiva Macchine)

77 Caso 1 Il costruttore della quasi-macchina deve: Redigere le Istruzioni per l assemblaggio Redigere in Documentazione tecnica (che è il Fascicolo tecnico della quasimacchina), comprensiva della Valutazione dei rischi Allegare alla quasi-macchina la Dichiarazione di incorporazione e le Istruzioni per l assemblaggio

78 Caso 1 Le Istruzioni per l assemblaggio e la Dichiarazione di incorporazione devono accompagnare la quasi-macchina fino all incorporazione e devono essere integrate nel Fascicolo Tecnico della macchina finale La persona che incorpora la quasimacchina nella macchina definitiva, a sua volta inserita nell insieme, è considerata come il costruttore della nuova unità e deve pertanto:

79 Caso 1 Assemblare la quasi macchina conformemente alle Istruzioni per l assemblaggio Integrare i RES non completati dal costruttore della quasi-macchina Redigere e sottoscrivere la Dichiarazione di conformità della macchina definitiva Apporre la marcatura CE sulla macchina definitiva

80 Caso 1 Verificare i rischi derivanti dall interfacciamento della macchina definitiva con le altre macchine assemblate nell insieme Redigere la documentazione relativa all insieme (Valutazione dei rischi, FascicoloTecnico, Manuale di istruzioni, Dichiarazione di conformità dell insieme) Apporre la marcatura CE all insieme di macchine

81 Caso 1 Eccezioni (Esempi) Macchine con trasportatori pezzi in ingresso e in uscita realizzati ed assemblati dallo stesso costruttore Macchine con centralina oleodinamica realizzata dallo stesso costruttore possono essere equiparate ad una macchina singola, in quanto non vi sono macchine o quasi-macchine acquisite esternamente

82 Caso 2 Insieme nuovo che incorpora macchine usate Se in una linea nuova sono incorporate delle macchine usate, antecedenti la marcatura CE, e già in servizio in ambito UE, queste devono essere conformi alle legislazioni nazionali di recepimento della direttiva 89/655/CE e della direttiva 2009/104/CE.

83 Caso 2 In Italia, le prescrizioni delle direttive citate sono recepite nell Allegato V del D. Lgs. 81/08, riguardante le attrezzature di lavoro messe a disposizione dei lavoratori prima dell entrata in vigore delle direttive comunitarie di prodotto La marcatura CE di queste macchine non è necessaria

84 Caso 2 Dato che la direttiva Macchine si applica alla prima immissione sul mercato o alla prima messa in servizio nell ambito dell Unione europea, se le macchine usate sono importate Paesi esterni all UE e prive di marcatura CE, allora devono essere rese conformi alla direttiva macchine ed essere marcate CE

85 Caso 2 Se la macchina usata era già in servizio all interno dell UE prima dell obbligo della marcatura, non deve essere marcata CE L insieme complessivo, essendo messo in servizio per la prima volta, deve essere conforme alla direttiva 2006/42/CE e a tutte le prescrizioni che ne conseguono

86 Caso 3 Interventi su insiemi di macchine già esistenti Le linee di produzione installate in un azienda sono spesso soggette a modifiche, aggiunte, sostituzioni o miglioramenti delle prestazioni Mentre nel caso di linee nuove l obbligo della marcatura CE è indiscusso, nel caso di interventi su linee già esistenti, marcate CE o antecedenti alla marcatura, è necessario capire se e quando la modifica di un insieme già esistente comporti l apposizione o il rinnovo della marcatura

87 Caso 3 Mentre nel caso di un insieme costituito ex novo la responsabilità è certamente dell assemblatore, nel caso di modifica di un insieme preesistente, la responsabilità deve essere chiarita in sede di contratto tra assemblatore e committente Bisogna definire se l incarico riguarda solo l esecuzione dell intervento secondo modalità stabilite dal committente, oppure se la scelta delle soluzioni è a carico dell assemblatore

88 Caso 3 A Linea marcata CE Se la modifica, l aggiunta o la sostituzione impatta in modo significativo sulle prestazioni o sulla sicurezza dell insieme, la linea è equiparabile ad un nuovo impianto, per cui la marcatura CE deve essere rifatta come se si trattasse di un nuovo insieme di macchine

89 Caso 3 A Se la modifica effettuata non incide in modo sostanziale sulle prestazioni e sulla sicurezza, è necessario e sufficiente riaggiornare la Valutazione dei rischi ed il Fascicolo tecnico già esistenti, il Manuale di istruzioni della linea e rendere disponibile il Manuale di istruzioni della nuova unità, senza modificare la dichiarazione di conformità e la marcatura CE della linea complessiva

90 Caso 3 B Linea installata prima dell obbligo della marcatura CE Essendo già installata prima dell entrata in vigore delle direttive comunitarie di prodotto, non è soggetta alla direttiva Macchine, ma deve essere conforme all Allegato V del D. Lgs. 81/08, in modo da assicurare che la sicurezza sia stata mantenuta per tutto il ciclo di vita dell impianto

91 Caso 3 B Se l aggiunta o la sostituzione di un unità dell insieme non modifica in modo significativo le operazioni o la sicurezza del resto dell insieme, non è necessaria la marcatura CE dell intero insieme. Il datore di lavoro è responsabile della sicurezza dell intero insieme secondo le prescrizioni dell Allegato V già citato

92 Caso 3 B Se la nuova unità è una macchina completa, può funzionare in modo autonomo, è marcata CE ed è accompagnata dalla Dichiarazione di conformità, l incorporazione della nuova unità in un insieme esistente deve essere considerata come l installazione di una macchina nuova e l insieme non necessita né della marcatura CE, né della Dichiarazione di conformità

93 Caso 3 B Se la nuova unità è una quasi-macchina accompagnata dalla Dichiarazione di incorporazione e dalle Istruzioni per l assemblaggio, la persona che la incorpora nell insieme è considerata il costruttore della nuova unità e deve pertanto seguire la procedura indicata al Caso 1 per l assemblaggio delle quasimacchine. La macchina finale diventa una macchina nuova marcata CE e la linea esistente non necessita della marcatura

94 Caso 3 C Se la sostituzione o l aggiunta di una nuova unità in un insieme preesistente, antecedente la marcatura CE, comporta un impatto sostanziale sulle operazioni o sulla sicurezza dell intero insieme, oppure modifiche sostanziali dell insieme, si può considerare che la modifica equivalga alla costituzione di un insieme nuovo, al quale deve essere applicata la direttiva Macchine e l insieme deve essere marcato CE

95 In sintesi In generale: Gli insiemi di macchine messi in servizio dopo l entrata in vigore della prima versione della direttiva Macchine 89/392/CE devono sempre essere marcati CE La marcatura CE di insiemi antecedenti la direttiva e la rimarcatura di insiemi già marcati CE, sono obbligatorie se le modifiche effettuate impattano in modo significativo sulla sicurezza o sulla funzionalità dell insieme

96 Non conformità della marcatura CE Apposizione della marcatura CE a titolo della presente direttiva su una macchina non oggetto della medesima Assenza della marcatura CE e/o della dichiarazione di conformità Apposizione di una marcatura abusiva In caso di non conformità il fabbricante deve far cessare l infrazione, pena il divieto di immissione sul mercato ed il ritiro delle macchine già immesse

di impianti e macchinari sicuri

di impianti e macchinari sicuri La nuova direttiva macchine 2006/42/CE Un nuovo approccio metodologico alla progettazione e costruzione di impianti e macchinari sicuri 1 Recepimento e D.Lgs 27 gennaio 2010, n. 17-6 Marzo 2010: entrata

Dettagli

La Direttiva Macchine 2006/42/CE

La Direttiva Macchine 2006/42/CE La Direttiva Macchine 2006/42/CE Implicazioni per l utilizzatore Verona, 26 Maggio 2010 Eleonora Pagani Introduzione Concetti generali La direttiva Macchine ha un duplice obbiettivo: permettere la libera

Dettagli

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE 1/36 Scopo della Direttiva UNIFORMARE: Lo scopo delle direttive comunitarie del nuovo approccio è quello di creare le condizioni necessarie affinché le industrie

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE

Direttiva Macchine 2006/42/CE Direttiva Macchine 2006/42/CE Tutte le macchine e i componenti di sicurezza sono soggetti alla Direttiva 2006/42/CE, nota come Direttiva Macchine, recepita in Italia con D.Lgs N. 17/2010. Questa Direttiva

Dettagli

D.Lgs. n 17 del 27/01/10

D.Lgs. n 17 del 27/01/10 D.Lgs. n 17 del 27/01/10 ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2006/42/CE, RELATIVA ALLE MACCHINE E CHE MODIFICA LA DIRETTIVA 95/16/CE RELATIVA AGLI ASCENSORI 1 SCOPO DIRETTIVA RIAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42 CE. Inquadramento Generale, la Valutazione. dei Rischie il Fascicolo Tecnico

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42 CE. Inquadramento Generale, la Valutazione. dei Rischie il Fascicolo Tecnico AZIENDA SPECIALE CISE Forlì 13 Ottobre 2010 La Nuova Direttiva Macchine 2006/42 CE Inquadramento Generale, la Valutazione dei Rischie il Fascicolo Tecnico Ing. Enrico IPPOLITO 1 NUOVA DIRETTIVA MACCHINE

Dettagli

mcm Manutenzione di macchine e impianti nella nuova Direttiva macchine 2006/42/CE istruzioni, dichiarazioni, marcatura

mcm Manutenzione di macchine e impianti nella nuova Direttiva macchine 2006/42/CE istruzioni, dichiarazioni, marcatura mcm Mostra Convegno Internazionale della Manutenzione Industriale 21 OTTOBRE 2009 Manutenzione di macchine e impianti nella nuova Direttiva macchine 2006/42/CE istruzioni, dichiarazioni, marcatura ing.

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010 n. 17

DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010 n. 17 DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010 n. 17 attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori Ciardo Ing. Francesco Campo d'applicazione

Dettagli

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE

1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE 1) QUALI BENI MOBILI SONO INTERESSATI DALLA MESSA A NORMA? 2) QUALI SONO LE NORMATIVE DI RIFERIMENTO TECNICO CHE RIGUARDANO LA VENDITA DEI MACCHINARI? Pagina 1 di 18 Convegno fallimentare - 9 novembre

Dettagli

Macchine e Direttiva macchina. Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi

Macchine e Direttiva macchina. Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi Macchine e Direttiva macchina Dott. Ing. Pierfrancesco Bruschi La Normativa La Macchina L Ambiente Il Lavoratore La Normativa Decreto del Presidente della Repubblica del 27 aprile 1955, n. 547 Decreto

Dettagli

La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza

La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza La nuova Direttiva Macchine Obbiettivo Sicurezza Pubblicato sul Supplemento ordinario n. 36/L alla Gazzetta Ufficiale del 19 febbraio 2010 il Decreto Legislativo 27 Gennaio 2010 n. 17, recante "Attuazione

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE/ LE QUASI MACCHINE

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE/ LE QUASI MACCHINE Per_Ind_Valeri_Vanni - QM.doc PAG. 1 DI 7 REV. 00 SAVE DATA: 09/10/12 PRINT DATA: 10/10/12 NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE/ LE QUASI MACCHINE Le QUASI MACCHINE sono: insiemi che costituiscono quasi

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea)

Dettagli

Il Dlgs 17/2010 necessita di una adeguata analisi tecnica, per cui la presente circolare si sofferma esclusivamente sulle novità di maggior rilievo.

Il Dlgs 17/2010 necessita di una adeguata analisi tecnica, per cui la presente circolare si sofferma esclusivamente sulle novità di maggior rilievo. DECRETO LEGISLATIVO n.17 del 27 gennaio 2010 Attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori PRIMA ILLUSTRAZIONE Premessa Il Dlgs

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli

LA PRIMA COSA DA DECIFRARE E COSA SI INTENDE PER MACCHINA

LA PRIMA COSA DA DECIFRARE E COSA SI INTENDE PER MACCHINA COSTRUTTORI, UTILIZZATORI E CAPI COMMESSA: COME APPLICARE LE NORME DI SICUREZZA ALLE MACCHINE Dal ricevimento alla conduzione di impianti e macchinari LA PRIMA COSA DA DECIFRARE E COSA SI INTENDE PER MACCHINA

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE. Confronto con la Direttiva 98/37/CE

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE. Confronto con la Direttiva 98/37/CE LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE Confronto con la Direttiva 98/37/CE Dott. Ing.. Leone Pera Attuazione Gli Stati Membri adottano e pubblicano le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE INNOVAZIONI E PROBLEMATICHE APPLICATIVE

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE INNOVAZIONI E PROBLEMATICHE APPLICATIVE LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE INNOVAZIONI E PROBLEMATICHE APPLICATIVE La nuova direttiva macchine entrerà in vigore in tutta Europa il 29 dicembre del 2009. Le modifiche introdotte sono molteplici:

Dettagli

4 maggio 2010 Sicurezza Direttiva macchine. Sicurezza delle macchine Decreto Legislativo n.17/2010: illustrazioni delle principali modifiche

4 maggio 2010 Sicurezza Direttiva macchine. Sicurezza delle macchine Decreto Legislativo n.17/2010: illustrazioni delle principali modifiche Aggiornamento 4 maggio 2010 Sicurezza Direttiva macchine Sicurezza delle macchine Decreto Legislativo n.17/2010: illustrazioni delle principali modifiche Il D.Lgs 17/2010 necessita di una adeguata analisi

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SULLA SICUREZZA DELLE MACCHINE

LA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SULLA SICUREZZA DELLE MACCHINE LA NUOVA DIRETTIVA EUROPEA SULLA SICUREZZA DELLE MACCHINE Breve sintesi della nuova normativa europea sulla sicurezza delle macchine, recepita nella legislazione nazionale A CURA DELLA REDAZIONE Metal

Dettagli

Relatori. Per. Ind. Roberto Vincenzi Gruppo Remark, Divisione Macchine

Relatori. Per. Ind. Roberto Vincenzi Gruppo Remark, Divisione Macchine 1 2 Relatori Per. Ind. Roberto Vincenzi Gruppo Remark, Divisione Macchine Avv. Prof. Antonio Oddo Docente Università degli Studi di Pavia, Studio Legale Oddo (MI) 3 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n.

Dettagli

APPLICAZIONE: 6 MARZO 2010 ATTENZIONE: NON ESISTE IL PERIODO DI TRANSIZIONE

APPLICAZIONE: 6 MARZO 2010 ATTENZIONE: NON ESISTE IL PERIODO DI TRANSIZIONE NUOVA DIRETTIVA D.Lgs. 17/2010 Del 27 gennaio 2010 DIRETTIVA ING. AVIO FERRARESI 2006/42/CE NUOVA DIRETTIVA ADOTTATA: 17 MAGGIO 2006 PUBBLICATA GUCE: 9 GIUGNO 2006 ENTRATA IN VIGORE: 29 GIUGNO 2006 TRASPOSIZIONE

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. a cura di Norberto Canciani

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE. a cura di Norberto Canciani TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE a cura di Norberto Canciani Capo I Uso delle attrezzature di lavoro Definizioni Aggiunte due nuove definizioni: Lavoratore

Dettagli

Il D.Lgs 81/08 e la Nuova Direttiva Macchine. Il Ruolo dell Organo di Vigilanza: il percorso e le azioni dal controllo alla prevenzione dei rischi

Il D.Lgs 81/08 e la Nuova Direttiva Macchine. Il Ruolo dell Organo di Vigilanza: il percorso e le azioni dal controllo alla prevenzione dei rischi Seminario Sicurezza del prodotto: la Nuova Direttiva Macchine 26 Novembre 2010 Imola (BO) Il D.Lgs 81/08 e la Nuova Direttiva Macchine. Il Ruolo dell Organo di Vigilanza: il percorso e le azioni dal controllo

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEL FASCICOLO TECNICO DI PORTE E CANCELLI MOTORIZZATI AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE (89/392/CEE)

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DEL FASCICOLO TECNICO DI PORTE E CANCELLI MOTORIZZATI AI SENSI DELLA DIRETTIVA MACCHINE (89/392/CEE) Costruttore: (Nome, indirizzo, telefono) FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI NAZIONALI DELL INDUSTRIA MECCANICA VARIA ED AFFINE ASSOCIAZIONE NAZIONALE COSTRUTTORI DI INFISSI MOTORIZZATI E DI AUTOMATISMI PER

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DI PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILE DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445

Dettagli

La Direttiva Macchine 2006/42/CE. Criteri di sicurezza e. Valutazione del Rischio. secondo la UNI EN ISO 12100

La Direttiva Macchine 2006/42/CE. Criteri di sicurezza e. Valutazione del Rischio. secondo la UNI EN ISO 12100 CCIA Reggio Emilia 27 Novembre 2012 La Direttiva Macchine 2006/42/CE Criteri di sicurezza e Valutazione del Rischio secondo la UNI EN ISO 12100 Ing. Enrico Ippolito Via Saffi 44/c Parma Tel 0521-286188

Dettagli

CHECKLIST PER LA VERIFICA DELLA CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE PER LE ISTRUZIONI PER L USO CHE DEVONO ACCOMPA- GNARE LA MACCHINA

CHECKLIST PER LA VERIFICA DELLA CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE PER LE ISTRUZIONI PER L USO CHE DEVONO ACCOMPA- GNARE LA MACCHINA DOCUMENTO TECNICO OPERATIVO N. 1/2011 CHECKLIST PER LA VERIFICA DELLA CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE PER LE ISTRUZIONI PER L USO CHE DEVONO ACCOMPA- GNARE LA MACCHINA Associazione professionale Italiana

Dettagli

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN

INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) INSTALLAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1 EN 12453 - EN 12445 Con la

Dettagli

D.P.R. 459/96. Recepimento della direttiva macchine

D.P.R. 459/96. Recepimento della direttiva macchine D.P.R. 459/96 Recepimento della direttiva macchine D.P.R. n. 459/96 RECEPIMENTO DELLA RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA MACCHINE DIRETTIVA MACCHINE 89/392 91/368-93/44-93/68 89/392 91/368-93/44-93/68 SCOPO DIRETTIVA

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 5 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE

SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE SICUREZZA E SALUTE PER I LAVORATORI DIRETTIVA MACCHINE Ing Lorenzo Peghin 1 LO SCOPO DELLE DIRETTIVE LO SCOPO DELLE DIRETTIVE CONSISTE NEL PERMETTERE LA LIBERA CIRCOLAZIONE IN EUROPA DIPRODOTTI CHE RISPETTINO

Dettagli

Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro

Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro Le Responsabilità in riguardo alle attrezzature di lavoro Formazione Preposti I.T.I. G. Galilei Livorno 1 Articolazione dell intervento Quadro normativo vigente Scelta, acquisto, installazione, manutenzione

Dettagli

Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE

Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE Le direttive nuovo approccio applicabili alle macchine in riferimento alla direttiva 2006/42/CE Cuneo, 8 Ottobre 2013 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Sviluppo della legislazione di prodotto

Dettagli

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE

REGOLAMENTO MACCHINE I & F BUREAU VERITAS ITALIA REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE REGOLAMENTO PARTICOLARE CERTIFICAZIONE PER LE MACCHINE IN ACCORDO ALLA DIRETTIVA 2006/42/CE INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 2. RIFERIMENTI SPECIFICI... 2 3. ITER DI EMISSIONE ESAME CE DI TIPO...

Dettagli

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro

2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro 2.2 SICUREZZA generale delle macchine 2.2.1 Normativa di riferimento per la sicurezza delle attrezzature di lavoro La principale normativa di riferimento per una corretta scelta e gestione delle macchine

Dettagli

PRINCIPALI DEFINIZIONI ATTREZZATURA DI LAVORO

PRINCIPALI DEFINIZIONI ATTREZZATURA DI LAVORO Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole La sicurezza delle macchine MODULO A Unità didattica A4.1 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 PRINCIPALI DEFINIZIONI

Dettagli

Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili

Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili Responsabilità degli utilizzatori di macchine e requisiti cogenti applicabili Torino, 18 Marzo 2014 Gian Paolo Tondetta gianpaolo.tondetta@it.bureauveritas.com La Direttiva Macchine 2006/42/CE In accordo

Dettagli

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine

La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche. Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Dipartimento Tecnologie di Sicurezza La nuova politica della sicurezza: DLgs 81/08 e successive modifiche Primi elementi di valutazione della Direttiva Macchine Il Titolo III I requisiti di sicurezza delle

Dettagli

Direttiva Macchine e Sicurezza in Cantiere

Direttiva Macchine e Sicurezza in Cantiere Ordine degli Ingegneri della Provincia di Palermo con il patrocinio di AICQ Sicilia Direttiva Macchine e Sicurezza in Cantiere Palermo, 8-11-2013 c/o Ordine Ingegneri Palermo IL PROCESSO DI RIDUZIONE DEI

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO Installatore: GUIDA TAU PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN 12453, EN 12445 Con la

Dettagli

SAMOTER 2008. Ivan Bellotto

SAMOTER 2008. Ivan Bellotto SAMOTER 2008 Ivan Bellotto Definizione di QUASI-MACCHINA estrapolata dalla direttiva CEE 2006/42 insiemi che costituiscono quasi una macchina, ma che, da soli, non sono in grado di garantire un applicazione

Dettagli

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI

Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI Direttiva CEE 29 giugno 1995, n. 16 RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI DEGLI STATI MEMBRI RELATIVE AGLI ASCENSORI CAPITOLO I Campo di applicazione - Commercializzazione e libera circolazione Art. 1-1. La

Dettagli

Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager

Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager LA SICUREZZA DELLE MACCHINE Sala Biagi CNA Bologna, 4 aprile 2012 Rossella Ricciardelli Product Manager Le origini della Società CERMET è stato fondato nel 1985 per valorizzare l'immagine dell'azienda

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 1 PER LA MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1,

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 6 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE SERRANDE E DEI PORTONI A SCORRIMENTO VERTICALE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI

Dettagli

Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE)

Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE) Posizione ufficiale CETOP sulla Direttiva Macchine (2006/42/CE) 1 Componenti oleoidraulici e pneumatici e loro classificazione secondo la Direttiva 1 Macchine 1.1 Macchine 2 1.2 Quasi-macchine (PCM, Partly

Dettagli

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 Art.5 Art.6 Art.7 Art.8 Art.9 Art.10 Art.11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI CONDIZIONI

Dettagli

Legge 18 ottobre 1977, n. 791.

Legge 18 ottobre 1977, n. 791. Legge 18 ottobre 1977, n. 791. Attuazione della direttiva del Consiglio delle Comunità europee (n 73/23/CEE) relativa alle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad essere

Dettagli

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO

LEGENDA DEI RISCHI MECCANICI DOVUTI AL MOVIMENTO Installatore: GUIDA TAU PER LA MOTORIZZAZIONE DEI CANCELLI SCORREVOLI IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN 12453, EN 12445 Con la presente

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DEGLI ESPERTI VERIFICATORI MODULO SPECIALIZZAZIONE SOLLEVAMENTO PERSONE

CORSO DI FORMAZIONE DEGLI ESPERTI VERIFICATORI MODULO SPECIALIZZAZIONE SOLLEVAMENTO PERSONE CORSO DI FORMAZIONE DEGLI ESPERTI VERIFICATORI MODULO SPECIALIZZAZIONE SOLLEVAMENTO PERSONE Le norme che disciplinano la costruzione, il funzionamento e la manutenzione delle attrezzature mar. 10 Dott.

Dettagli

D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 17

D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 17 D.Lgs. 27 gennaio 2010, n. 17 Attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori (ENTRATA IN VIGRE 10.03.2010) MACCHINE ASSGETTATE

Dettagli

Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81

Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81 I DEBITORI ESTERNI DI SICUREZZA Artt. 22, 23, 24 D. Lgs. 9.04.2008, n. 81 EVOLUZIONE STORICA 1. ART. 7, D.P.R. 27.4.1955, N. 547; 2. ART. 6, D. LGS. 19.9.1994, N. 626 EVOLUZIONE STORICA ART. 7, D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI MACCHINE E COMPONENTI DI SICUREZZA. Direttiva 2006/42/CE Allegato IX Esame CE del Tipo Pagina 1 di 6 INDICE 1 SCOPO E PREMESSA... 2 2 TERMINI E DEFINIZIONI... 2 2.1 Definizioni di tipo generale... 2 2.2 Definizioni relative alle Macchine e Componenti di Sicurezza... 2 3 ITER DI CERTIFICAZIONE...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 DIRETTIVA 2000/14/CE REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE DI EMISSIONE ACUSTICA AMBIENTALE DELLE MACCHINE ED ATTREZZATURE DESTINATE A FUNZIONARE ALL APERTO APRILE 2012 INDICE 1 - Generalità...2 2 - Applicabilità...2

Dettagli

Rischio meccanico, macchine, attrezzature Dpr 459/96 D.lgs 81/08. ROMA, ottobre 2009

Rischio meccanico, macchine, attrezzature Dpr 459/96 D.lgs 81/08. ROMA, ottobre 2009 Rischio meccanico, macchine, attrezzature Dpr 459/96 D.lgs 81/08 ROMA, ottobre 2009 PREMESSA Le attrezzature di lavoro, che l art. 69 del Decreto Legislativo 81/2008, definisce come qualsiasi macchina,

Dettagli

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE Analisi dei nuovi RES

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE Analisi dei nuovi RES La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE Analisi dei nuovi RES Ing. E. Moroni I.C.E.P.I S.p.A. n.0066 www.icepi.com -info@icepi.com Via P. Belizzi, 31-29100 PIACENZA 1 Importanza del settore meccanico Produzione

Dettagli

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO NELLE IMPRESE DELLE MATERIE PLASTICHE E GOMMA

LA SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO NELLE IMPRESE DELLE MATERIE PLASTICHE E GOMMA LA SICUREZZA NELL AMBIENTE DI LAVORO NELLE IMPRESE DELLE MATERIE PLASTICHE E GOMMA LIUC Università Carlo Cattaneo 7 giugno 2010 intervento di Norberto Canciani ASL Milano LA SICUREZZA NELL AMBIENTE DI

Dettagli

Scheda servizio 1202_MARCATURA CE SECONDO LA DIRETTIVA. 2006/42/CE Direttiva Macchina

Scheda servizio 1202_MARCATURA CE SECONDO LA DIRETTIVA. 2006/42/CE Direttiva Macchina Pagina 1 di 12 Scheda servizio 1202_MARCATURA CE SECONDO LA DIRETTIVA 2006/42/CE Direttiva Macchina INDICE: 1. Cos è la Direttiva Macchine 2006/42/CE e la Marcatura CE... 2 2. Aziende soggette alla Marcatura

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE. Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione.

Direttiva Macchine 2006/42/CE. Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione. Direttiva Macchine 2006/42/CE Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione. Fonte: Guida Ufficiale Commissione europea Direttiva macchine 2006/42/CE Ed. 2010 Dati fabbricante La ragione sociale

Dettagli

SCHEDA 3 I giocattoli

SCHEDA 3 I giocattoli SCHEDA 3 I giocattoli Normativa di riferimento La normativa di riferimento in materia di giocattoli è molto articolata, poiché consta di leggi nazionali, decreti ministeriali, circolari e direttive CEE.

Dettagli

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445

GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 5 PER L INSTALLAZIONE DI PORTE A LIBRO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE NORME EN 12453 - EN 12445 Con la presente pubblicazione

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Prot. n. 5930.. Pos. n. Allegati n.... Risposta Modena, addì 16 mar 2001.. MODENA, 41100 via Università, 4 tel. 059 2056461 telefax 059 P.I. 00427620364

Dettagli

Le novità introdotte dalla Direttiva 2006/42/CE nel settore delle macchine agricole o forestali

Le novità introdotte dalla Direttiva 2006/42/CE nel settore delle macchine agricole o forestali Le novità introdotte dalla Direttiva 2006/42/CE nel settore delle macchine agricole o forestali Vincenzo Laurendi Attuazione Direttiva 2006/42/CE Gli Stati Membri adottano e pubblicano le disposizioni

Dettagli

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l articolo 100 A,

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l articolo 100 A, ',5(77,9$&(('(/&216,*/,2GHOOXJOLR FKH PRGLILFD OH GLUHWWLYH GHO &RQVLJOLR &(( UHFLSLHQWL VHPSOLFL D SUHVVLRQH &(( VLFXUH]]D GHL JLRFDWWROL &(( SURGRWWL GD FRVWUX]LRQH &(( FRPSDWLELOLWj HOHWWURPDJQHWLFD

Dettagli

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003

DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 DIRETTIVA 97/23/CE PED PER LE ATTREZZATURE ED INSIEMI A PRESSIONE SEMINARIO INFORMATIVO DICEMBRE 2003 IL D.LGS 93 DEL 25.02.2000 E LA DIRETTIVA PED PER LE APPARECCHIATURE E GLI IMPIANTI A PRESSIONE LA

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali P.I. Alessandro Melzi Funzione Valutazione Conformità Prodotto Laboratorio Dispositivi Medici IMQ S.p.A. - Milano POLITECNICO DI MILANO,

Dettagli

LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati. A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC

LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati. A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC LE ATTREZZATURE DI LAVORO: uso ed obblighi correlati A cura di: dott.ssa Michela BORTOLOSSO dott.ssa Claudia CARDELLA dott. Massimiliano PERIC Inquadramento giuridico D.Lgs. 81/08 s.m.i. : Titolo 111,

Dettagli

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali

Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Il processo di marcatura CE riferito agli impianti gas medicali Soggetti coinvolti nel processo di Marcatura CE Fabbricante: la persona fisica o giuridica responsabile della progettazione, della fabbricazione,

Dettagli

La certificazione di prodotto nell ambito della direttiva ATEX

La certificazione di prodotto nell ambito della direttiva ATEX Direttiva 94/9/CE ATEX 95 (ex art. 100) del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 Marzo 1994. Concerne il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli apparecchi e sistemi di

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 3 PER LA MOTORIZZAZIONE DELLE PORTE BASCULANTI DA GARAGE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 2006/42/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN

Dettagli

Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 17 direttiva macchine

Decreto Legislativo 27 gennaio 2010, n. 17 direttiva macchine DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 2010, n. 17 Attuazione della direttiva 2006/42/CE, relativa alle macchine e che modifica la direttiva 95/16/CE relativa agli ascensori. (Gazzetta Ufficiale serie generale

Dettagli

MACCHINE. Dott. Ing. Leonardo Vita

MACCHINE. Dott. Ing. Leonardo Vita MACCHINE Dott. Ing. Leonardo Vita D. Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 integrato con il Decreto legislativo n. 106/2009 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO ART. 23 commi 1 e 2 Obblighi dei fabbricanti,

Dettagli

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering

CORSI. Aldebran IL MANUALE D ISTRUZIONI. Direttiva Macchine 2006/42/CE. Aldebran. innovative engineering DM03 IL MANUALE D ISTRUZIONI Scrivere le Istruzioni per l uso è un attività specialistica che va affidata ad esperti con conoscenze interdisciplinari di tipo legislativo, tecnico e scientifico. È necessaria

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 9 PER L INSTALLAZIONE DEI CANCELLI MOTORIZZATI A SCORRIMENTO VERTICALE DAL BASSO VERSO L ALTO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE

Dettagli

TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453

TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453 TAU S.r.l. Linee guida per le automazioni, secondo le nuove norme europee EN 13241-1, EN 12445 ed EN 12453 Dal 31 maggio 2001, gli impianti per cancelli automatici ad uso promiscuo (carrabile-pedonale)

Dettagli

INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA...

INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA... INDICE PRESENTAZIONE... PREMESSA... XIII XV GLOSSARIO... 1 ADDETTO Servizio Prevenzione e Protezione... 3 ADEMPIMENTO... 6 ADDESTRAMENTO... 8 AGENTI:... 9 Biologici... 9 Chimici... 9 Fisici... 10 Cancerogeni

Dettagli

Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento

Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento Redazione a cura di: Luigi Leccardi, Cristian Librici - Tecnici della Prevenzione - Servizio Verifiche Impianti di Sollevamento PREMESSA Nei cantieri EXPO sono utilizzate attrezzature di lavoro per sollevamento

Dettagli

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO Pag. 1 / 6 1 MODIFICHE 2 PREMESSA 3 DEFINIZIONI SOMMARIO 4 PRINCPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO 5 MESSA IN SERVIZIO E UTILIZZO 6 INDICAZIONI PER UN CORRETTO ACQUISTO 7 SICUREZZA E MARCATURA CE 8 PROTOTIPI

Dettagli

-Attrezzature di lavoro; Modulo D. Aggiornato 2013 1

-Attrezzature di lavoro; Modulo D. Aggiornato 2013 1 -Attrezzature di lavoro; -Direttiva Macchine. Modulo D Aggiornato 2013 1 D.Lgs. 81/2008 Titolo III Capo I Uso delle Attrezzature di lavoro Aggiornato 2013 2 DEFINIZIONI (art. 69 D. lgs.81/08) Agli effetti

Dettagli

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art.

TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE N 3 CAPI - N 19 articoli (da art. 69 a art. 87) CAPO I USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO N 5 articoli (da art. 69

Dettagli

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 25.11.2009 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 310/29 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/127/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 che modifica la direttiva 2006/42/CE relativa alle

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE)

NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE) NUOVA DIRETTIVA MACCHINE (2006/42/CE) Articolo 1 Campo di applicazione 1. La presente direttiva si applica ai seguenti prodotti: a) Macchine; b) Attrezzature intercambiabili; c) Componenti di sicurezza;

Dettagli

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto?

Prima dell acquisto di una determinata attrezzatura, è quindi bene porsi alcune domande: l attrezzatura da acquistare è adatta all uso previsto? La presente nota informativa si rivolge ai soggetti che hanno responsabilità in materia di sicurezza per le persone nell uso di attrezzature ed impianti (datori di lavoro, dirigenti, preposti, RSPP, ecc.)

Dettagli

La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma

La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma La sicurezza nell ambiente di lavoro nelle imprese delle materie plastiche e gomma Università Carlo Cattaneo - LIUC 7 Giugno 2010 Ing. E. Moroni Organismo Notificato n.0066 I.C.E.P.I S.p.A. Via P. Belizzi

Dettagli

Guida per l individuazione delle macchine non conformi. Questo. escavatore. è conforme alla legislazione comunitaria?

Guida per l individuazione delle macchine non conformi. Questo. escavatore. è conforme alla legislazione comunitaria? Guida per l individuazione delle macchine non conformi Questo escavatore è conforme alla legislazione comunitaria? Introduzione Le macchine da costruzione, per poter essere legalmente immesse sul mercato

Dettagli

Vediamo di seguito a grandi linee il procedimento per giungere alla marcatura CE.

Vediamo di seguito a grandi linee il procedimento per giungere alla marcatura CE. Marcatura CE: sei passi per i fabbricanti di macchine La Commissione Europea ha lanciato una campagna informativa per spiegare il ruolo ed il significato della marcatura CE per consumatori e professionisti.

Dettagli

Martedì 10 marzo 2010 Associazione Industriali di Cremona

Martedì 10 marzo 2010 Associazione Industriali di Cremona Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE - Seminario illustrativo Martedì 10 marzo 2010 Associazione Industriali di Cremona CODICE DISPENSA 10-03-10-AICR-SEMINARIO-nuova direttiva macchine 2006-42-CE.ppt materiale

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE

LA NUOVA DIRETTIVA MACCHINE ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI VITERBO CORSO DI AGGIORNAMENTO 40 h per C.S.P. e C.S.E. AI SENSI DELL ALLEGATO XIV del D.LGS. 81/08 e smi in collaborazione con CEFAS VITERBO LA NUOVA DIRETTIVA

Dettagli

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo. Dal Testo Unico alla Nuova Direttiva Macchine

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo. Dal Testo Unico alla Nuova Direttiva Macchine Bergamo, 26 Novembre 2011 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bergamo Safety Services Dal Testo Unico alla Nuova Direttiva Macchine Ing. Paolo Carlo De Benedetto Safety Specialist Pilz Italia Programma

Dettagli

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire

La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire SICUREZZA MACCHINE: Marcatura CE: La gestione delle modifiche su macchine/linee esistenti: errori comuni, criticità e corretta prassi da seguire - 21 ottobre 2010 Relatore: Marino Zalunardo Con il patrocinio

Dettagli

La nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE. Torino, 2 Aprile 2009. Eleonora Pagani Coordinatore Direttiva Macchine Bureau Veritas Italia SpA

La nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE. Torino, 2 Aprile 2009. Eleonora Pagani Coordinatore Direttiva Macchine Bureau Veritas Italia SpA La nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE Torino, 2 Aprile 2009 Eleonora Pagani Coordinatore Direttiva Macchine Bureau Veritas Italia SpA La nuova Direttiva Macchine Introduzione alla Direttiva Il testo della

Dettagli

1 2 1 3 4 2 5 6 3 7 8 4 9 10 5 11 12 6 13 14 7 2. La Direttiva 2006/42/CE Ing. Luigi Mazzocchetti Fermo - 2014 15 1. Campo di Applicazione 2. Componenti di sicurezza 3. Esclusioni 4. Direttive Specifiche

Dettagli

...ma sei proprio sicuro?

...ma sei proprio sicuro? Associazione Italiana Costruttori Autoattrezzature Italian Garage Equipment Manufacturers Association Macchine sicure...ma sei proprio sicuro? > Guida < all acquisto consapevole di macchine > Guida < Il

Dettagli

Strumenti formativi e informativi a disposizione di tecnici ed operatori

Strumenti formativi e informativi a disposizione di tecnici ed operatori Strumenti formativi e informativi a disposizione di tecnici ed operatori Corte Benedettina - Legnaro (PD) 24 ottobre 2013 Carlo Carnevali Resp. Ufficio Tecnico ENAMA ed OECD Ente riconosciuto ai sensi

Dettagli

MARCATURA CE DICHIARAZIONE SCRITTA DI CONFORMITA AI REQUISITI DELLA DIRETTIVA 94/25/CE

MARCATURA CE DICHIARAZIONE SCRITTA DI CONFORMITA AI REQUISITI DELLA DIRETTIVA 94/25/CE MARCATURA CE DICHIARAZIONE SCRITTA DI CONFORMITA AI REQUISITI DELLA DIRETTIVA 94/25/CE 1. PREMESSA La Direttiva 94/25/CE richiede che il fabbricante o il suo mandatario autorizzato stabilito nella Comunità,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO

REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO REGOLAMENTO PER LA CERTIFICAZIONE ESAME CE DEL TIPO (Direttiva 2006/42/CE Allegato IX punto 16 e 17) INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2. RIFERIMENTI LEGISLATIVI 3. NORME TECNICHE 4. GENERALITÀ 5.

Dettagli

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013

Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 Le Domande e le Risposte sul Patentino dei Frigoristi 15 marzo 2013 A seguito delle numerose domande inerenti al Patentino dei Frigoristi, giunte in redazione nei giorni scorsi, riportiamo le FAQ (domande

Dettagli