PROPOSTA DI RIQUALIFICAZIONE DEGLI SPAZI PROSPICENTI IL MAUSOLEO di GUGLIELMO MARCONI Pontecchio di Sasso Marconi (Bologna)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTA DI RIQUALIFICAZIONE DEGLI SPAZI PROSPICENTI IL MAUSOLEO di GUGLIELMO MARCONI Pontecchio di Sasso Marconi (Bologna)"

Transcript

1 PROPOSTA DI RIQUALIFICAZIONE DEGLI SPAZI PROSPICENTI IL MAUSOLEO di GUGLIELMO MARCONI Pontecchio di Sasso Marconi (Bologna) Panorama di Villa Griffone, del Mausoleo Guglielmo Marconi e delle aree attigue

2 DOCUMENTAZIONE STORICA [ ]Guglielmo Marconi, morì a Roma il 20 luglio Nella giornata del 21 luglio la sua salma, rivestita con l uniforme di Accademico d Italia, fu trasportata al palazzo della Farnesina, sede dell Accademia d Italia di cui Marconi era Presidente, per permettere a tutti, personalità e gente comune, di rendergli omaggio. Marconi aveva espresso il desiderio di essere sepolto a Bologna e quindi al termine della cerimonia funebre la salma fu trasportata su un treno per raggiungere la città natale dello Scienziato, dove arrivò nelle prime ore del 23 luglio. Dopo la morte si moltiplicarono in campo politico e scientifico le iniziative per tenere alto il ricordo di Marconi e delle invenzioni da lui sviluppate. Uno dei primi atti concreti fu il Reale Decreto n. 354 dell 11 aprile 1938 con il quale venne istituita, come ente morale, la Fondazione Guglielmo Marconi con lo scopo di promuovere ed incoraggiare gli studi e le ricerche relative alla radioelettricità e tenere vivo il ricordo storico e scientifico dello Scienziato. La famiglia dello Scienziato, ed in particolare la moglie Maria Cristina, donò alla Fondazione la Villa Griffone, dove oggi è ospitata la Fondazione Marconi, in modo che questo luogo restasse una testimonianza degli eventi che permisero la nascita della radiotelegrafia. Nel frattempo fu incaricato l architetto Marcello Piacentini per eseguire la progettazione di un mausoleo per poter trasferire le spoglie di Guglielmo Marconi nel luogo dove egli aveva trascorso la sua giovinezza e dove compì i primi esperimenti che culminarono nel 1895 con la trasmissioni di segnali fra due punti non visibili, che rappresentarono la nascita della radio-comunicazione, di un nuovo modo di comunicare[ ]. [ ] Con la legge n. 276 del 28 marzo 1938 lo Stato Italiano stabilì che il 25 aprile, anniversario della nascita di Guglielmo Marconi, è dichiarato a tutti gli effetti giorno di solennità civile e pochi giorni dopo un altro Decreto modificò la denominazione di Sasso Bolognese e Pontecchio in Sasso Marconi e Pontecchio Marconi, per mantenere vivo il ricordo che, leggo testualmente, in questa terra ebbero luogo i primi esperimenti della prodigiosa invenzione che donò immensi benefici all umanità intera, e rese immortale il nome di Guglielmo Marconi. Roma 22 Luglio Funerali di Guglielmo Marconi. Il corteo funebre sfilò lungo le vie di Roma, dalla Farnesina a Santa Maria degli Angeli. Anche la città di Bologna volle tributare gli onori che meritava un personaggio come Marconi che aveva scelto di tornare nella sua città natale, dimostrando un attaccamento alle sue origini che aveva sempre manifestato anche nei momenti di maggior successo. Il corteo funebre partito dalla stazione ferroviaria, si snodò lungo via Indipendenza sino ad arrivare in Piazza Maggiore (allora piazza Vittorio Emanuele); lungo il percorso due ali di folla lanciavano fiori al passaggio del carro funebre che avanzava lentamente trainato da sei cavalli neri. Era la dimostrazione del grande affetto che legava i bolognesi a Marconi.Fu una grande Manifestazione di popolo; i giornali dell epoca scrissero che per ricordare una manifestazione di cordoglio così profonda e generale da parte delle autorità e dei cittadini, bisognava risalire ai funerali di Giosuè Carducci, il grande poeta, un altro personaggio molto amato dai bolognesi.il rito funebre religioso si svolse nella Basilica di San Petronio gremita di folla e venne officiata dal Cardinale di Bologna Nasali Rocca. Al termine della cerimonia la salma venne trasportata al cimitero della Certosa dove venne tumulata nella tomba di famiglia, nella quale era già sepolto suo padre. Dopo la morte di Guglielmo Marconi vi fu un fervore di iniziative che posero le basi che hanno permesso di mantenere vivo nel tempo il ricordo della vita e delle scoperte che l illustre inventore ci ha lasciato [..]. Bologna 23 Luglio 1937 Anche la sua città natale tributa gli onori a G. Marconi: Il corteo funebre partito dalla stazione ferroviaria si snoda lungo Via Indipendenza fino alla Basilica di San Petronio. (Foto di proprietà G.Dall Olio)

3 DOCUMENTAZIONE STORICA [.] I lavori di scavo del terreno per la costruzione del Mausoleo iniziarono, su progetto dell urbanista Marcello Piacentini, nell aprile 1940 e si conclusero il 20 luglio La direzione dei lavori era stata affidata all Azienda Autonoma Statale Strade di Bologna (l attuale ANAS) e fu direttore dei lavori l Ing. Aldo Mattei. Per realizzare il Mausoleo e le aeree circostanti come ad esempio i parcheggi, così come li vediamo anche oggi, fu necessario spostare verso valle la strada Porrettana il cui tracciato correva più vicino alla collina (si vede ancora l inizio del vecchio percorso, ancora di proprietà dell ANAS): per poter fare questo spostamento fu necessario demolire il fabbricato che era chiamato Prati Vecchi, che a sua volta fu ricostruito più a nord, verso Bologna. La seicentesca villa, già dei Griffoni, appartentente ai Patuzzi e infine ai Marconi (Fantuzzi Bologna ) Link: Fondazione Guglielmo Marconi Museo Marconi, Villa Griffone, Mausoleo marconiano, Fondazione Guglielmo Marconi [ ] Il cronista di allora sul Resto del Carlino del 7 settembre 1941 ci fa rivivere, pur senza immagini, l intera opera con una tale intensità e dovizia di dettagli che viene di seguito riportata nella sua interezza: Il Mausoleo si apre sulla destra della strada Porrettana, per chi viene da Bologna ; un vasto spiazzo rettangolare al centro del quale si drizzano due alti piloni portabandiera, conduce ad un breve prato pianeggiante, al centro del quale passano alcuni gradoni con cordoni di granito e selciatura di sassi del Brenta e del Reno. E questa come una pedana petrosa che guida sino a sette gradini, dopo i quali apre con la sua mole il monumento vero e proprio. La parte centrale del mausoleo, larga metri 17,50 ed alta 6 metri, è addossata al colle sovrastato dalla Villa Griffone che viene ad essere, in alto, come un completamento simbolico dell insieme. Il portale posto nella facciata del mausoleo è in pietra di Monte Ovolo, di colore grigio cilestro; al centro si apre la porta della cripta, fiancheggiata da due alte pietre verticali di travertino. Ai lati del monumento due gradinate diritte, larghe sei metri, una per lato salgono il poggio sino a portare ad altre due scale più strette e semicircolari che conducono sino al piazzale della villa: Davanti all edificio e quindi sulla sommità del poggio sorge una colonnetta di marmo bianco in cui è un busto di Guglielmo Marconi, pure in marmo bianco, opera pregevolissima dello scultore Dazzi.. Alla cripta si accede attraverso un vano che è ornato di una cancellata in ferro battuto costruita dagli artigiani bolognesi. L interno della tomba è cilindrico, in travertino bianco, con numerose nicchie che s aprono sulla parete circolare. In mezzo lievemente spostato verso il fondo è il grande sarcofago in marmo color porfido, poggiante su una lastra in marmo carrarese verde. Il soffitto del mausoleo, a calotta, è in calcestruzzo di cemento armato color giallo. Sul fondo della parete di travertino sono incise le parole Diede con la sua scoperta il sigillo a un epoca della storia umana. Questa è l opera nuova che sarà presto inaugurata e che resterà nel tempo a rammentare la gloria di un grande Bolognese; a ricordare come l Italia onora i suoi figli più degni [.] Bibliografia: Rivista locale : Famèja Bulgnèisa Registri di stato civile di bologna n del volume dell aprile 1874 Comitato Guglielmo Marconi International (sito su Marconi con materiale e documenti inediti sulla sua opera tecnico-scientifica) Degna Marconi Paresce, Marconi, mio padre, Roma, Di Renzo Editore, ISBN Da Sasso a... Marconi. Fra storia e mito, a cura di Fernando Stumpo, 2. ed., s.l., Bolelli, 1995 Fondazione Guglielmo Marconi, , Pontecchio Marconi, s.e., 1995 Guglielmo Marconi. Genio, storia e modernità, a cura di Gabriele Falciasecca e Barbara Valotti, Milano, Editoriale Giorgio Mondadori, 2003 Giorgio Maioli, I giorni della radio. A cent'anni dall'invenzione di Guglielmo Marconi, Bologna, Re Enzo, 1994 F. Gastaldi, S. Soppa, Triennale di Milano-Università degli Studi di Genova, Genova. Piani , Libreria CLUP Milano, 2004, (con annesso CD-ROM), ISBN M. Lupano, Marcello Piacentini, Editori Laterza, Roma-Bari 1991 M. Piacentini, Architettura moderna, a cura di M. Pisani, Marsilio, Venezia 1996 A.S. De Rose, "Marcello Piacentini Opere ", Franco Cosimo Panini Editore, 1993 M. Ranisi, "G. Muzio, M. Piacentini. Le Chiese di Cristo Re e di Santa Maria Mediatrice in Roma", in Costruire in laterizio 50/51, 1996 M. Pisani, Architetture di Marcello Piacentini. Le opere maestre, Ed. Clear, 2004 M. Lupano, Scheda su Marcello Piacentini, in Guida agli archivi di architetti e ingegneri del Novecento in Toscana, a cura di E. Insabato, C. Ghelli, Edifir, Firenze 2007, pp

4 DOCUMENTAZIONE STORICA progetto Mausoleo Al noto urbanista Marcello Piacentini fu affidato il compito della progettazione del Mausoleo dedicato all illustre scienziato bolognese Guglielmo Marconi nel luogo dove egli aveva trascorso la sua giovinezza e dove compì i primi esperimenti che culminarono nel 1895 con la trasmissioni di segnali fra due punti non visibili, che rappresentarono la nascita della radio, di un nuovo modo di comunicare. Mappa catastale del 1940 in cui è evidente il vecchio tracciato della Porrettana e la posizione dei Prati (n. 19 e 20). Si nota anche una bozza del nuovo Mausoleo. Progetto dell Accademico Marcello Piacentini, per la costruzione Mausoleo Marconiano Il progetto, escluso la variante all ingresso della Villa, fu approvato dall apposita commissione che lo accettò approvando alcune modifiche. (Collezione G.Dall Olio) Pontecchio Marconi - ottobre ) Mausoleo - 2) La Chiesa di Pontecchio - 2) La Canovetta (foto di proprietà Arrigo Nascetti) Pontecchio Marconi 1940 Lavori di costruzione del Mausoleo. Nella foto di sinistra si vede una parte del fabbricato detto "I Prati"; nella foto di destra, sullo sfondo, la Villa Griffone. (foto di proprietà del Sig. Canova Cesare)

5 DOCUMENTAZIONE STORICA fasi di costruzione del Mausoleo Opere di scavo sull area prospicente la Villa Griffone e della Porrettana prima che venisse deviata Villa Griffone Sono visibili le opere di consolidamento per la realizzazione delle scalinate laterali Villa Griffone dalla via Porrettana

6 DOCUMENTAZIONE STORICA traslazione della salma e cerimonia di inaugurazione Pontecchio Marconi 6 Ottobre 1941 Traslazione della salma di G. Marconi dalla Certosa di Bologna al Mausoleo di Pontecchio. Il primo uomo a sinistra con il cappello in mano è il costruttore del Mausoleo Sig. Deri. (foto di proprietà del Sig. Canova Cesare) Le manifestazioni per l inaugurazione del mausoleo ebbero inizio il giorno 6 ottobre con la traslazione della salma e proseguirono il giorno successivo con l inaugurazione ufficiale del Mausoleo. Sin dalle prime ore del mattino migliaia di persone e numerosissime autorità si diedero appuntamento a Pontecchio riempendo tutti gli spazi possibili intorno al Mausoleo e a villa Griffone. Erano presenti i famigliari di Marconi tra cui ovviamente la vedova di Marconi, Marchesa Maria Cristina e la figlia Elettra, Luigi Federzoni che aveva sostituito Marconi alla presidenza della Reale Accademia d Italia e presidente della Fondazione Marconi, oltre alle massime autorità politiche e scientifiche di allora e il capo del governo Benito Mussolini. Erano presenti anche Delegazioni di Stati esteri. La cerimonia di inaugurazione fu semplice e commovente, Il Cardinale di Bologna Nasali Rocca benedisse la cripta e successivamente il capo del governo seguito dai Famigliari e dalle autorità entrò nel Sacrario per rendere omaggio alla memoria di Marconi. Pontecchio Marconi - 7 Ottobre 1941 Inaugurazione del Mausoleo. (foto di proprietà Aldino Perla)

7 DOCUMENTAZIONE STORICA traslazione della salma e cerimonia di inaugurazione [ ] Il 7 Ottobre 1941 il corteo salì le scalinate che portano alla villa per inaugurare il busto di Marconi, scolpito in marmo bianco di Carrara, opera dello scultore, Arturo Dazzi. Successivamente fu anche scoperta la lapide, posta sotto la finestra della stanza dei bachi, da dove Marconi lanciò i primi segnali di telegrafia senza fili nella primavera del La lapide reca incise le parole: Da qui Marconi lanciò il primo segnale radio. Primavera L inaugurazione del Mausoleo si concluse con un ultimo omaggio alla tomba di Guglielmo Marconi anche da parte delle numerose persone comuni che erano venute a testimoniare l affetto per questo grande Scienziato che amava profondamente il proprio Paese, l Italia, e la propria gente tanto da non aver mai voluto rinunciare alla cittadinanza italiana e da avere sempre avuto nostalgia della propria terra, come testimoniano queste parole da lui pronunciate: Nell avvicinarmi al tramonto della vita, il mio più grande rimpianto è quello di non avere concentrato maggiormente il mio lavoro in Italia, ma ciò è avvenuto per circostanze indipendenti dalla mia volontà. In ogni modo io ho offerto sempre all Italia quanto di meglio ho potuto fare.[ ] Pontecchio Marconi - 7 Ottobre Mussolini assiste all'inaugurazione della lapide sotto la finestra della stanza dei bachi, da dove Marconi lanciò nel 1895 il primo segnale radio. In primo piano sulla sinistra il parroco di Pontecchio Don Ottavio Balestrazzi, dietro di lui il costruttore del Mausoleo Sig. Deri. (foto di proprietà del Sig. Canova Cesare) Pontecchio Marconi - 7 Ottobre 1941 Mussolini, al centro della foto, al termine della cerimonia d inaugurazione lascia il Mausoleo. (foto di proprietà del Sig. Canova Cesare) Finestra di Villa del Griffone e targa in marmo posata nel 1941 da dove Guglielmo Marconi lanciò il primo segnale radio

8 DOCUMENTAZIONE STORICA lavori del dopoguerra Durante l ultima guerra mondiale sia la villa che il mausoleo subirono danni molto gravi. Numerose bombe perforarono in vari punti la calotta del Mausoleo che fu riparata e messa a punto con i lavori del Dal giugno 1995 anche la moglie di Marconi Marchesa Maria Cristina Bezzi Scali è sepolta accanto a Guglielmo Marconi grazie ad una speciale autorizzazione (tumulazione privilegiata). Pontecchio Marconi Lavori di restauro dopo la guerra del Mausoleo Pontecchio Marconi Lavori di restauro dopo la guerra della Villa Griffone

9 DOCUMENTAZIONE STORICA lavori del dopoguerra La Sala dei bachi ieri: Il laboratoro di Marconi nella soffitta di Villa Griffone a Pontecchio, come fu lasciato da Marconi nel 1896 quando partì per Londra. La collina dei Celestini foto del 2006 La finestra ristrutturata da cui Marconi effettuò i primi esperimenti La Sala dei bachi oggi: La cosidetta stanza dei bachi, nei pressi della finestra dalla quale venne lanciato il leggendario primo segnale radioelettrico è allestita un area espositiva con la ricostruzione del primo laboratorio di Marconi giovinetto così come si presentava nel 1895.

10 VINCOLO DI TUTELA DELLA SOPRINTENDENZA PER I BENI AMBIENTALI E ARCHITETTONICI il cono marconiano Vincolo posto con Regio Decreto n. 621 del 16/03/1939 Tale vincolo era volto a conservare e salvaguardare i luoghi in cui Marconi effettuò i primi esperimenti di telegrafia senza fili, proclamando Villa Griffone monumento di interesse storico nazionale

11 VINCOLO DI TUTELA DELLA SOPRINTENDENZA PER I BENI AMBIENTALI E ARCHITETTONICI il cono marconiano Vincoli posti con Decreti Ministeriali del 25/01/1963 Individuarono un area con vincolo di inedificabilità a valle del Mausoleo al fine di consentire la visibilità del monumento a chi transitava sulla ferrovia Bologna-Pistoia e sull autostrada A1

12 VINCOLO DI TUTELA DELLA SOPRINTENDENZA PER I BENI AMBIENTALI E ARCHITETTONICI il cono marconiano Vincolo posto con Decreto Ministeriale del 1/12/1977 Individuarono un area con vincolo di inedificabilità a valle del Mausoleo al fine di consentire la visibilità del monumento a chi transitava sulla ferrovia Bologna-Pistoia e sull autostrada A1

13 VINCOLO DI TUTELA DELLA SOPRINTENDENZA PER I BENI AMBIENTALI E ARCHITETTONICI il cono marconiano

14 VINCOLO DI TUTELA il cono marconiano nel Piano Strutturale Comunale Stralcio della tavola del SISTEMA DEI VINCOLI facente parte del Piano Strutturale Comunale approvato

15 DOCUMENTAZIONE STORICA il Mausoleo oggi Oggi grazie alla Fondazione Marconi, guidata dal Prof. Falciasecca ha dato un rinnovato impulso sia organizzativo che di contenuti all attività della Fondazione stessa. La villa Griffone con il suo interessantissimo Museo interattivo che è stato istituito utilizzando anche la famosa stanza dei bachi, il Mausoleo, con la sua imponenza, il parco che è stato arricchito di cimeli, sono meta di un numero sempre crescente di visitatori che vengono a rendere omaggio alla grande figura di Guglielmo Marconi che con la sua invenzione ha dato voce al silenzio, ha rivoluzionato il modo di comunicare tra le persone di tutto il mondo. Soltanto nel 1995, in occasione delle celebrazione dei primi cento anni dalla invenzione della Radio, che con parte dei finanziamenti messi a disposizione della legge appositamente approvata, si sono potute acquisire per il Centro Storico Documentale alcune importanti raccolte che hanno dato origine all Archivio Bibliografico, all Archivio Documentario ed alla Collezione Bigazzi, raccolta di repliche funzionanti di strumenti marconiani. Sempre nel 1995 è stata anche ricostruita con perfetta fedeltà nel granaio della villa, denominato stanza dei bachi per le culture che ivi si allevavano, il prio laboratorio del giovane scienziato:da una finestra di tale granaio Marconi fece partire il primo segnale radio che venne ricevuto dal fratello oltre l ostacolo naturale della collina dei Celestini prospicente la villa.nei locali di Villa Griffone, oltre agli uffici della Fondazione Guglielmo Marconi, sono da diversi anni ospitati, sia alcuni laboratori del Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica dell Università di Bologna, sia alcuni laboratori della "Fondazione Ugo Bordoni" di Roma. La Fondazione Guglielmo Marconi è stata istituita come ente morale con il R.D. 11 aprile 1938 n.354: tale legge approvava anche il primo statuto della Fondazione. Successivamente con legge 2 marzo 1963 n.261 si è provveduto al riordino della Fondazione medesima; infine, con decreto del Presidente della Repubblica 19 novembre 1968 n.1432, è stato approvato il nuovo statuto che è tuttora in vigore. Pontecchio Marconi Mausoleo e Villa Griffone

16 STATO DI FATTO Mausoleo Marconi e piazzali adiacenti Il piazzale OVEST Prospicente il Mausoleo Marconi e Villa Griffone Piazzale OVEST Piazzale EST Il Piazzale EST posizionato dalla parte opposta della via Porretana I muri di delimitazione del piazzale OVEST e la nuova palina espositiva sul Museo di G. Marconi La cartellonistica indicante il sacrario Mausoleo Marconi Scalinate del Mausoleo Marconi

17 PROPOSTA DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE del Monumento Nazionale dedicato a G. Marconi e Villa Griffone Nell anno del centenario il Comune di Sasso Marconi si è fatto promotore di alcune iniziative tese a riqualificare i piazzali e gli spazi adiacenti al Mausoleo al fine di valorizzarne il luogo e renderlo fruibile da parte dei cittadini, nonché dagli studenti sia italiani che stranieri. I vincoli a cui è soggetta l area nascevano dalla volontà di preservare il luogo in cui avvennero gli esperimenti marconiani ma nell ottica del nuovo PSC approvato in via definitiva il 21/07/2008 è stata accolta la proposta del Comune di Sasso Marconi e della Provincia di Bologna di tutelare l area a monte della Villa Griffone denominata come la collina dei Celestini come area che riassume lo scenario dei primi esperimenti di telegrafia senza fili effettuata da Marconi tra il 1894 e il Essendo preservati i luoghi più significativi dove avvennero gli esperimenti il Comune di Sasso Marconi ritiene si possa superare o modificare tale vincolo alla luce di un progetto condiviso che vada ad arricchire l unico Monumento Nazionale della Provincia di Bologna. Si propone quindi un percorso di valorizzazione delle aree antistanti il Mausoleo oggetto di vincolo suddiviso per due stralci funzionali distinti: 1 stalcio Obiettivo dell Amministrazione entro l anno 2009 Atto a potenziare la visibilità del Museo, del Mausoleo Marconi e di Villa Griffone attraverso una riqualificazione degli spazi prospicenti, Potenziare la fruibilità del luogo marconiano a diretto contatto con il Mausoleo attraverso il restauro del percorso pedonale di accesso al Mausoleo e alla scalinata di Villa Griffone. 2 stalcio Proposta da condividere Proposta di potenziamento della visibilità del Museo, del Mausoleo Marconi e della Villa mediante servizi di accoglienza idonei ad un monumento di tal rilievo nel rispetto degli obiettivi originari che stanno alla base dei vincoli a cui è stata nel tempo sottoposta l area. Pontecchio Marconi Foto aerea della Villa, del Mausoleo e dei piazzali interessati dalla riqualificazione Pontecchio Marconi La vista dei piazzali dalla Villa Griffone

18 PROPOSTA DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE del Monumento Nazionale dedicato a G. Marconi e Villa Griffone 1 stalcio RIQUALIFICAZIONE PIAZZALE OVEST e MAUSOLEO MARCONI obiettivo 2009 Con la prima parte del progetto si intende effettuare un restyling dell'area antistante il Museo Marconi, nell'anno dedicato alle celebrazioni del centenario del Nobel a Marconi. Il progetto prevede l effettuazione di diversi lavori di riqualificazione del Piazzale antistante il Museo Mausoleo Marconi, con l obiettivo di rendere il luogo più fruibile dal punto di vista turistico e più visibile dalla strada principale. 2 stalcio RIQUALIFICAZIONE PIAZZALE EST e AREE ADIACENTI Proposta di progetto da condividere Completamento dell area prospicente i luoghi marconiani posta a est della via Porrettana al fine di ottenere una valorizzazione globale del sito. Le opere saranno infatti destinate al completo rinnovamento dell area posta a est del Mausoleo mediante la nuova pavimentazione e il recupero del sottopiazzale a forma di semicerchio a destinazione di ristoro, punto postale, vendita gadgets e servizi igienici abbinato alla nuova area verde attrezzata con una estensione di circa 1 ettaro e mezzo, oltre al nuovo parcheggio per la sosta di pullman e automobili per turisti. Sarà ubicata un area giochi didattici per scoprire divertendosi gli studi di G. Marconi. La collina dei Celestini 1 stralcio entro il stralcio progetto in condivisione Pontecchio Marconi Foto aerea della Villa, del Mausoleo e dei piazzali interessati dalla riqualificazione

19 PROGETTO Mausoleo Marconi e piazzali adiacenti interventi Pulizia e sabbiatura pareti laterali e frontali del mausoleo Idro-pulizia gradinate e cornicioni in granito 1 stralcio PIAZZALE OVEST Nuova pavimentazione piazzale con lastre rettangolari in granito intasate superficialmente Nuovi pennoni portabandiera Corpi carrabili a incasso colorati Demolizione e fedele ricostruzione del piazzale, con recupero di spazi sottostanti a destinazione: punti di ristoro, punto postale, vendita pubblicazioni, vendita gadgets, servizi igienici Nuovi vialetti pedonali pavimentati e illuminati. L andamento dei corselli riprende l andamento delle onde marconiane 2 stralcio PIAZZALE EST Nuova pavimentazione piazzale con lastre rettangolari in granito intasate superficialmente Corpi a incasso lineari a pavimento colorati Acciottolato in sassi del Brenta e del Reno Dissuasori di transito a sfera in acciaio inox Sabbiatura e pulizia muretti in sasso Corpi carrabili a incasso colorati Realizzazione di nuovi parcheggi pavimentati a destinazione turistica per pullman e auto, completi di segnaletica orizzontale, attraversamenti, illuminazione pubblica ed aiuole Sistemazione esterna dell area verde, inerbimento e relativa piantumazione di alberature e cespugli vari, attrezzature picnic e area giochi Formazione di balaustra con pali castagno Percorso didattico caratterizzato da giochi specialistici per scoprire divertendosi la propagazione dei suoni. L amministrazione ha già realizzato un parco didattico nel capoluogo di cui si allega foto

20 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE Mausoleo Marconi e piazzali adiacenti Muretti in pietra e copertina in granito Pavimentazione in lastre rettangolari in granito intasate superficialmente Dissuasori definiti mediante la posa di Sfere in acciaio inox illuminate da faretto calpestabile a incasso PIAZZALE OVEST PIAZZALE EST Acciottolato in sassi del Brenta e del Reno Nuove paline espositive atte all informazione didattica e relativa agli eventi proposti Pulizia di fittoni esistenti e muri in pietra di delimitazione dei piazzali da effettuare mediante sabbiatura Pavimentazione in lastre rettangolari in granito intasate superficialmente Steccato in legno per messa in sicurezza di fossato esistente Illuminazione di piazzale OVEST e piazzale EST mediante faretti carrabili a incasso e illuminazione del vialetto di accesso al Mausoleo con corpi illuminanti lineari da posare adiacenti al selciato per l intero sviluppo del corsello Nuovi pennoni alzabandiera in sostituzione delle torri faro esistenti

21 PROGETTO obiettivo entro 2009 Mausoleo Marconi e piazzali adiacenti rendering 1 stralcio PIAZZALE OVEST 1 STRALCIO FUNZIONALE obiettivo entro l anno 2009 La proposta di riqualificazione del piazzale OVEST è volta a valorizzare e riqualificare gli spazi pubblici esterni mediante un n uovo impianto di illuminazione, nuove pavimentazioni e pulizia dei muretti di delimitazione del piazzale e restauro delle pareti esterne del Mausoleo comprese le scalinate monumentali verso Villa Griffone

22 PROGETTO da condividere Mausoleo Marconi e piazzali adiacenti rendering 2 stralcio - PIAZZALE EST 2 STRALCIO FUNZIONALE progetto in condivisione La proposta di riqualificazione del piazzale EST prevede la demolizione e fedele ricostruzione del piazzale con il recupero dei locali del sottopiazzale a destinazione ristoro, punto postale, vendita gadgets e servizi igienici. La valorizzazione del sito è intesa anche ad attrezzare l area verde mediante punti a destinazione pic nic e giochi didattici oltre a nuovi posti per auto e per pullman. Il nuovo volume ricavato sarà completamente rivestito di essenze rampicanti al fine di integrarlo maggiormente con l intorno.

23 PROGETTO Mausoleo Marconi e piazzali adiacenti STIMA ECONOMICA RIQUALIFICAZIONE DEGLI SPAZI PROSPICENTI IL MAUSOLEO MARCONI 1 STRALCIO FUNZIONALE Obiettivo entro l anno 2009 Demolizione di pavimentazione stradale del piazzale ovest e posa di nuova fondazione stradale per posa di nuova pavimentazione in lastre di granito di forma varia totale ,00 Opere per la realizzazione di nuova polifora elettrica compresi gli scavi, il cablaggio, gli innesti nei pozzetti di derivazione prefabbricati anch essi forniti e la fornitura di nuovi corpi illuminanti a incasso pedonali e carrabili da prevedere nel piazzale ovest e lungo tutto lo sviluppo del corsello pedonale di accesso al Mausoleo in acciottolato di fiume. Sono previsti anche n. 2 proiettori compresi di supporto di illuminazione del Mausoleo totale ,00 Demolizione torri faro esistenti compreso la demolizione dei basamenti in pietra originali e la loro catalogazione. Fornitura e posa in opera di n. 2 pennoni alzabandiera compresa la realizzazione di basamenti con materiale di risulta debitamente sabbiato e stuccato totale 9.000,00 Pulizia di muretti di delimitazione piazzale ovest in blocchi di pietra e copertina di granito mediante sabbiatura da eseguirsi anche in tutte le pareti del Mausoleo realizzate in blocchi di granito. Lavaggio di murature da polvere e muffe superficiali mediante l utilizzo di idro-pulitrice anche ad acqua calda e ad alta pressione su tutte le copertine e gradini del Mausoleo. Sono compresi l operatore, l energia elettrica e i materiali di consumo incluso il ponteggio. totale ,00 Opere di pulizia dell acciottolato e del piazzale rialzato all entrata del Mausoleo dal terreno depositato da eseguirsi meccanicamente e a mano. Opere di smontaggio della pavimentazione dei pianerottoli della scalinata del Mausoleo, livellamento del fondo e successiva posa di lastre esistenti in granito da costipare. Sono compresi gli oneri di riempimento con cls, operatore e ogni onere necessario per dare un lavoro finito a regola d arte totale 9.500,00 Nuova balaustra in legno di delimitazione fossato esistente totale ,00 Arredo urbano (paline espositive, dissuasori in acciaio inox, cestini per rifiuti) compresi i fittoni rettrattili elettrificati totale ,00 oneri della sicurezza totale 4.000,00 TOTALE ,00 Iva 10% ,00 TOTALE COMPLESSIVO ,00 RIQUALIFICAZIONE DEGLI SPAZI PROSPICENTI IL MAUSOLEO MARCONI 2 STRALCIO FUNZIONALE Progetto da condividere Demolizione totale del piazzale est compreso lo scavo di sbancamento del terreno e fedele ricostruzione di piazzale. Il volume del sottopiazzale verrà in parte recuperato al fine di destinarlo a finalità turistiche. Sono compresi gli oneri relativi alla rimozione dell illuminazione pubblica e la posa di nuova pavimentazione del piazzale est con utilizzo di piastre in granito e acciottolato secondo i disegni del progettista totale ,00 Opere per la realizzazione di nuova polifora elettrica compresi gli scavi, il cablaggio e la fornitura di nuovi corpi illuminanti da prevedere nel piazzale est totale ,00 Realizzazione di nuova area di parcheggio per pullmann e auto. Sono incluse le opere di scarifica, posa di cordoli per nuovi percorsi carrabili, polifore elettriche per illuminazione pubblica, pavimentazione corselli. Sono incluse la fornitura e il montaggio di pali di illuminazione e la segnaletica orizzontale e verticale totale ,00 Sistemazione esterna dell area verde mediante la movimentazione di terreno vegetale, imianto di regimentazione delle acque meteoriche, tracciamento di nuovi percorsi pedonali pavimentati completi di illuminazione pubblica, piantumazione di alberature e cespugli vari. Attrezzature per pic nic e area giochi didattici totale ,00 Arredo urbano oneri della sicurezza totale ,00 totale ,00 TOTALE ,00 Iva 10% ,00 TOTALE COMPLESSIVO ,00 fascicolo redatto dall Ufficio Tecnico del Comune di Sasso Marconi Ufficio Progettazione Opere Pubbliche arch. Elena De Angelis Piazza dei Martiri, 6 Sasso Marconi tel

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello

alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE Atelier Castello alberi PER I GIARDINI DEL FILARETE novantanove Atelier Castello o- vata- ove alberi ABBIAMO RIDOTTO L AREA PEDONALE DELIMITANDO I BRACCI A FILO DELLE TORRI DEL CASTELLO. IN QUESTO MODO LA PIAZZA CON I

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli

Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Bisi & Merkus Studio Associato Messa in Sicurezza e Riqualificazione della viabilità e dei percorsi pedonali del centro urbano di Castelnovo ne Monti Via Bagnoli Comune di castelnovo ne monti \ Progettista

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI

ALLEGATO N. 1 ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI ALLEGATO N. 1 (aggiornato G.U.R.I. N. 96 26/04/2014) ELENCO CATEGORIE E CLASSI MERCEOLOGICHE DI LAVORI, BENI E SERVIZI (Barrare la categoria di specializzazione SOA) Categorie opere generali (ex D.P.R.

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI

PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI MEZZI PUBBLICITARI COMUNE DI SIRIGNANO PROVINCIA DI AVELLINO Piazza Aniello Colucci 83020 SIRIGNANO (AV) Tel. 081-5111570 Fax 081-5111625 CF 80004370641 P. IVA 00256240649 PIANO GENERALE DEGLI IMPIANTI DI AFFISSIONE E ALTRI

Dettagli

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Marzio Barbero e Natasha Shpuza 1. 80 anni fa E il 28 febbraio 1929 quando due ingegneri, Alessandro Banfi Nota 1 e Sergio Bertolotti Nota 2, riescono

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta

Itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta PREMESSA L itinerario lungo il corso del fiume Brenta è motivato dalla presenza di un area di notevole interesse ambientale che merita una sua specifica valorizzazione anche a livello di turismo minore

Dettagli

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013

COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO. Cornedo Vic.no lì 08 aprile 2013 S T U D I O D I P R O G E T T A Z I O N E C I V I L E E D I N D U S T R I A L E D O T T. I N G. P R E T T O F L A V I O COMUNE DI VALDAGNO PROVINCIA DI VICENZA Oggetto: SISTEMAZIONE MARCIAPIEDE VIA 1 MAGGIO

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia

COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia COMUNE DI DOLO Provincia di Venezia REGOLAMENTO Variazioni ecografiche- numerazione civica esterna Numerazione civica interna Riferimenti normativi: Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 artt. 9 e 10 D.P.R.

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E

PRESENT past A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E past PRESENT A V A N G U A R D I A E S T I L E N E L L A C O S T R U Z I O N E Anni di esperienza e di tradizione nel settore dell edilizia, sono le nostre più care prerogative per offrire sempre il meglio

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 6 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CULTURA E SPORT SERVIZIO MUSEO ARTE MODERNA REVOLTELLA REG. DET. DIR. N. 5164 / 2011

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

La Ville Radieuse di Le Corbusier

La Ville Radieuse di Le Corbusier Modelli 8: la città funzionale La Ville Radieuse di Le Corbusier Riferimenti bibliografici: - Le Corbusier, Verso una architettura, a cura di P. Cerri e P. Nicolin, trad. it., Longanesi, Milano, 1987 -

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA

COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA COMUNE DI POMARANCE Provincia di Pisa SERVIZIO DI ESTUMULAZIONE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE DI MONTECERBOLI. PERIZIA DI SPESA Art. 1 Demolizione muratura loculo, smontaggio lapide con recupero delle eventuali

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino

Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino Cantiere Pastiglie Leone Rita Miccoli Cell. 335.80.22.975 r.miccoli@studioimmobiliareregina.it www.studioimmobiliareregina.it Studio Immobiliare Regina srl Via Villa della Regina n 1 10131 Torino RINASCE

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

DIALOGHI SUL COMPORRE

DIALOGHI SUL COMPORRE TORRI DELL ACQUA 2 workshop di composizione assistita da computer. Seminari, lezioni e concerti dal 28 al 30 dicembre presso le Torri dell'acqua di Budrio Il fondamentale ruolo interpretato dalle Torri

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it

DOVE. Comune di Milano www.comune.milano.it/parcocolombo parcocolombo@comune.milano.it DOVE L area interessata dalla raccolta di idee si trova in via Cardellino 15 (nota anche come ex Campo Colombo), quartiere Inganni-Lorenteggio. Ha una superficie complessiva di circa 20.000 mq. ed è identificata

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it

ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO STATALE Alessandro Volta PERUGIA www.avolta.pg.it Indirizzi di studio 1. Meccanica, Meccatronica ed Energia 2. Elettronica ed Elettrotecnica 3. Informatica e Telecomunicazioni

Dettagli

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA

I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA I PROGETTI PER IL NODO FERROVIARIO DI GENOVA Intervista all Ing. Mercatali di RFI Metrogenova.com ha recentemente incontrato l ingegner Gianfranco Mercatali, Direttore Compartimentale Infrastruttura di

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA

VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA VISITE GUIDATE AGLI SCAVI di OSTIA ANTICA MODULO PER I GRUPPI Nel presente modulo sono indicati i possibili percorsi per la Visita Guidata agli Scavi di Ostia Antica e la relativa Scheda di Prenotazione

Dettagli

RENDICONTO DI FINE MANDATO

RENDICONTO DI FINE MANDATO MAGGIO 2014 RENDICONTO DI FINE MANDATO ASSESSORATO LL.PP. E VIABILITA ANNO 2009 Sistemazione aiuola via Zanchi per messa in sicurezza fermata ATB Manutenzione straordinaria spalcatura barriera verde Impianti

Dettagli

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf

SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf SETTORE LAVORI PUBBLICI e PATRIMONIO Lecco, 20 marzo 2012 Servizio Viabilità N 71 R.O. SR.gf OGGETTO: Organizzazione Zona a Traffico Limitato Centro storico IL SINDACO Premesso che, per fronteggiare le

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello,

ALLEGATO OGGETT. la comprensiv. Auditorium. trabattello, ALLEGATO 1 OGGETT O La procedura di affidamento per il i quale si richiede la manifestazio one di interesse avrà ad oggettoo la gestione, conduzione e manutenzione, di Auditorium, Centro Congressi e Media

Dettagli