PROPOSTA DI RIQUALIFICAZIONE DEGLI SPAZI PROSPICENTI IL MAUSOLEO di GUGLIELMO MARCONI Pontecchio di Sasso Marconi (Bologna)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTA DI RIQUALIFICAZIONE DEGLI SPAZI PROSPICENTI IL MAUSOLEO di GUGLIELMO MARCONI Pontecchio di Sasso Marconi (Bologna)"

Transcript

1 PROPOSTA DI RIQUALIFICAZIONE DEGLI SPAZI PROSPICENTI IL MAUSOLEO di GUGLIELMO MARCONI Pontecchio di Sasso Marconi (Bologna) Panorama di Villa Griffone, del Mausoleo Guglielmo Marconi e delle aree attigue

2 DOCUMENTAZIONE STORICA [ ]Guglielmo Marconi, morì a Roma il 20 luglio Nella giornata del 21 luglio la sua salma, rivestita con l uniforme di Accademico d Italia, fu trasportata al palazzo della Farnesina, sede dell Accademia d Italia di cui Marconi era Presidente, per permettere a tutti, personalità e gente comune, di rendergli omaggio. Marconi aveva espresso il desiderio di essere sepolto a Bologna e quindi al termine della cerimonia funebre la salma fu trasportata su un treno per raggiungere la città natale dello Scienziato, dove arrivò nelle prime ore del 23 luglio. Dopo la morte si moltiplicarono in campo politico e scientifico le iniziative per tenere alto il ricordo di Marconi e delle invenzioni da lui sviluppate. Uno dei primi atti concreti fu il Reale Decreto n. 354 dell 11 aprile 1938 con il quale venne istituita, come ente morale, la Fondazione Guglielmo Marconi con lo scopo di promuovere ed incoraggiare gli studi e le ricerche relative alla radioelettricità e tenere vivo il ricordo storico e scientifico dello Scienziato. La famiglia dello Scienziato, ed in particolare la moglie Maria Cristina, donò alla Fondazione la Villa Griffone, dove oggi è ospitata la Fondazione Marconi, in modo che questo luogo restasse una testimonianza degli eventi che permisero la nascita della radiotelegrafia. Nel frattempo fu incaricato l architetto Marcello Piacentini per eseguire la progettazione di un mausoleo per poter trasferire le spoglie di Guglielmo Marconi nel luogo dove egli aveva trascorso la sua giovinezza e dove compì i primi esperimenti che culminarono nel 1895 con la trasmissioni di segnali fra due punti non visibili, che rappresentarono la nascita della radio-comunicazione, di un nuovo modo di comunicare[ ]. [ ] Con la legge n. 276 del 28 marzo 1938 lo Stato Italiano stabilì che il 25 aprile, anniversario della nascita di Guglielmo Marconi, è dichiarato a tutti gli effetti giorno di solennità civile e pochi giorni dopo un altro Decreto modificò la denominazione di Sasso Bolognese e Pontecchio in Sasso Marconi e Pontecchio Marconi, per mantenere vivo il ricordo che, leggo testualmente, in questa terra ebbero luogo i primi esperimenti della prodigiosa invenzione che donò immensi benefici all umanità intera, e rese immortale il nome di Guglielmo Marconi. Roma 22 Luglio Funerali di Guglielmo Marconi. Il corteo funebre sfilò lungo le vie di Roma, dalla Farnesina a Santa Maria degli Angeli. Anche la città di Bologna volle tributare gli onori che meritava un personaggio come Marconi che aveva scelto di tornare nella sua città natale, dimostrando un attaccamento alle sue origini che aveva sempre manifestato anche nei momenti di maggior successo. Il corteo funebre partito dalla stazione ferroviaria, si snodò lungo via Indipendenza sino ad arrivare in Piazza Maggiore (allora piazza Vittorio Emanuele); lungo il percorso due ali di folla lanciavano fiori al passaggio del carro funebre che avanzava lentamente trainato da sei cavalli neri. Era la dimostrazione del grande affetto che legava i bolognesi a Marconi.Fu una grande Manifestazione di popolo; i giornali dell epoca scrissero che per ricordare una manifestazione di cordoglio così profonda e generale da parte delle autorità e dei cittadini, bisognava risalire ai funerali di Giosuè Carducci, il grande poeta, un altro personaggio molto amato dai bolognesi.il rito funebre religioso si svolse nella Basilica di San Petronio gremita di folla e venne officiata dal Cardinale di Bologna Nasali Rocca. Al termine della cerimonia la salma venne trasportata al cimitero della Certosa dove venne tumulata nella tomba di famiglia, nella quale era già sepolto suo padre. Dopo la morte di Guglielmo Marconi vi fu un fervore di iniziative che posero le basi che hanno permesso di mantenere vivo nel tempo il ricordo della vita e delle scoperte che l illustre inventore ci ha lasciato [..]. Bologna 23 Luglio 1937 Anche la sua città natale tributa gli onori a G. Marconi: Il corteo funebre partito dalla stazione ferroviaria si snoda lungo Via Indipendenza fino alla Basilica di San Petronio. (Foto di proprietà G.Dall Olio)

3 DOCUMENTAZIONE STORICA [.] I lavori di scavo del terreno per la costruzione del Mausoleo iniziarono, su progetto dell urbanista Marcello Piacentini, nell aprile 1940 e si conclusero il 20 luglio La direzione dei lavori era stata affidata all Azienda Autonoma Statale Strade di Bologna (l attuale ANAS) e fu direttore dei lavori l Ing. Aldo Mattei. Per realizzare il Mausoleo e le aeree circostanti come ad esempio i parcheggi, così come li vediamo anche oggi, fu necessario spostare verso valle la strada Porrettana il cui tracciato correva più vicino alla collina (si vede ancora l inizio del vecchio percorso, ancora di proprietà dell ANAS): per poter fare questo spostamento fu necessario demolire il fabbricato che era chiamato Prati Vecchi, che a sua volta fu ricostruito più a nord, verso Bologna. La seicentesca villa, già dei Griffoni, appartentente ai Patuzzi e infine ai Marconi (Fantuzzi Bologna ) Link: Fondazione Guglielmo Marconi Museo Marconi, Villa Griffone, Mausoleo marconiano, Fondazione Guglielmo Marconi [ ] Il cronista di allora sul Resto del Carlino del 7 settembre 1941 ci fa rivivere, pur senza immagini, l intera opera con una tale intensità e dovizia di dettagli che viene di seguito riportata nella sua interezza: Il Mausoleo si apre sulla destra della strada Porrettana, per chi viene da Bologna ; un vasto spiazzo rettangolare al centro del quale si drizzano due alti piloni portabandiera, conduce ad un breve prato pianeggiante, al centro del quale passano alcuni gradoni con cordoni di granito e selciatura di sassi del Brenta e del Reno. E questa come una pedana petrosa che guida sino a sette gradini, dopo i quali apre con la sua mole il monumento vero e proprio. La parte centrale del mausoleo, larga metri 17,50 ed alta 6 metri, è addossata al colle sovrastato dalla Villa Griffone che viene ad essere, in alto, come un completamento simbolico dell insieme. Il portale posto nella facciata del mausoleo è in pietra di Monte Ovolo, di colore grigio cilestro; al centro si apre la porta della cripta, fiancheggiata da due alte pietre verticali di travertino. Ai lati del monumento due gradinate diritte, larghe sei metri, una per lato salgono il poggio sino a portare ad altre due scale più strette e semicircolari che conducono sino al piazzale della villa: Davanti all edificio e quindi sulla sommità del poggio sorge una colonnetta di marmo bianco in cui è un busto di Guglielmo Marconi, pure in marmo bianco, opera pregevolissima dello scultore Dazzi.. Alla cripta si accede attraverso un vano che è ornato di una cancellata in ferro battuto costruita dagli artigiani bolognesi. L interno della tomba è cilindrico, in travertino bianco, con numerose nicchie che s aprono sulla parete circolare. In mezzo lievemente spostato verso il fondo è il grande sarcofago in marmo color porfido, poggiante su una lastra in marmo carrarese verde. Il soffitto del mausoleo, a calotta, è in calcestruzzo di cemento armato color giallo. Sul fondo della parete di travertino sono incise le parole Diede con la sua scoperta il sigillo a un epoca della storia umana. Questa è l opera nuova che sarà presto inaugurata e che resterà nel tempo a rammentare la gloria di un grande Bolognese; a ricordare come l Italia onora i suoi figli più degni [.] Bibliografia: Rivista locale : Famèja Bulgnèisa Registri di stato civile di bologna n del volume dell aprile 1874 Comitato Guglielmo Marconi International (sito su Marconi con materiale e documenti inediti sulla sua opera tecnico-scientifica) Degna Marconi Paresce, Marconi, mio padre, Roma, Di Renzo Editore, ISBN Da Sasso a... Marconi. Fra storia e mito, a cura di Fernando Stumpo, 2. ed., s.l., Bolelli, 1995 Fondazione Guglielmo Marconi, , Pontecchio Marconi, s.e., 1995 Guglielmo Marconi. Genio, storia e modernità, a cura di Gabriele Falciasecca e Barbara Valotti, Milano, Editoriale Giorgio Mondadori, 2003 Giorgio Maioli, I giorni della radio. A cent'anni dall'invenzione di Guglielmo Marconi, Bologna, Re Enzo, 1994 F. Gastaldi, S. Soppa, Triennale di Milano-Università degli Studi di Genova, Genova. Piani , Libreria CLUP Milano, 2004, (con annesso CD-ROM), ISBN M. Lupano, Marcello Piacentini, Editori Laterza, Roma-Bari 1991 M. Piacentini, Architettura moderna, a cura di M. Pisani, Marsilio, Venezia 1996 A.S. De Rose, "Marcello Piacentini Opere ", Franco Cosimo Panini Editore, 1993 M. Ranisi, "G. Muzio, M. Piacentini. Le Chiese di Cristo Re e di Santa Maria Mediatrice in Roma", in Costruire in laterizio 50/51, 1996 M. Pisani, Architetture di Marcello Piacentini. Le opere maestre, Ed. Clear, 2004 M. Lupano, Scheda su Marcello Piacentini, in Guida agli archivi di architetti e ingegneri del Novecento in Toscana, a cura di E. Insabato, C. Ghelli, Edifir, Firenze 2007, pp

4 DOCUMENTAZIONE STORICA progetto Mausoleo Al noto urbanista Marcello Piacentini fu affidato il compito della progettazione del Mausoleo dedicato all illustre scienziato bolognese Guglielmo Marconi nel luogo dove egli aveva trascorso la sua giovinezza e dove compì i primi esperimenti che culminarono nel 1895 con la trasmissioni di segnali fra due punti non visibili, che rappresentarono la nascita della radio, di un nuovo modo di comunicare. Mappa catastale del 1940 in cui è evidente il vecchio tracciato della Porrettana e la posizione dei Prati (n. 19 e 20). Si nota anche una bozza del nuovo Mausoleo. Progetto dell Accademico Marcello Piacentini, per la costruzione Mausoleo Marconiano Il progetto, escluso la variante all ingresso della Villa, fu approvato dall apposita commissione che lo accettò approvando alcune modifiche. (Collezione G.Dall Olio) Pontecchio Marconi - ottobre ) Mausoleo - 2) La Chiesa di Pontecchio - 2) La Canovetta (foto di proprietà Arrigo Nascetti) Pontecchio Marconi 1940 Lavori di costruzione del Mausoleo. Nella foto di sinistra si vede una parte del fabbricato detto "I Prati"; nella foto di destra, sullo sfondo, la Villa Griffone. (foto di proprietà del Sig. Canova Cesare)

5 DOCUMENTAZIONE STORICA fasi di costruzione del Mausoleo Opere di scavo sull area prospicente la Villa Griffone e della Porrettana prima che venisse deviata Villa Griffone Sono visibili le opere di consolidamento per la realizzazione delle scalinate laterali Villa Griffone dalla via Porrettana

6 DOCUMENTAZIONE STORICA traslazione della salma e cerimonia di inaugurazione Pontecchio Marconi 6 Ottobre 1941 Traslazione della salma di G. Marconi dalla Certosa di Bologna al Mausoleo di Pontecchio. Il primo uomo a sinistra con il cappello in mano è il costruttore del Mausoleo Sig. Deri. (foto di proprietà del Sig. Canova Cesare) Le manifestazioni per l inaugurazione del mausoleo ebbero inizio il giorno 6 ottobre con la traslazione della salma e proseguirono il giorno successivo con l inaugurazione ufficiale del Mausoleo. Sin dalle prime ore del mattino migliaia di persone e numerosissime autorità si diedero appuntamento a Pontecchio riempendo tutti gli spazi possibili intorno al Mausoleo e a villa Griffone. Erano presenti i famigliari di Marconi tra cui ovviamente la vedova di Marconi, Marchesa Maria Cristina e la figlia Elettra, Luigi Federzoni che aveva sostituito Marconi alla presidenza della Reale Accademia d Italia e presidente della Fondazione Marconi, oltre alle massime autorità politiche e scientifiche di allora e il capo del governo Benito Mussolini. Erano presenti anche Delegazioni di Stati esteri. La cerimonia di inaugurazione fu semplice e commovente, Il Cardinale di Bologna Nasali Rocca benedisse la cripta e successivamente il capo del governo seguito dai Famigliari e dalle autorità entrò nel Sacrario per rendere omaggio alla memoria di Marconi. Pontecchio Marconi - 7 Ottobre 1941 Inaugurazione del Mausoleo. (foto di proprietà Aldino Perla)

7 DOCUMENTAZIONE STORICA traslazione della salma e cerimonia di inaugurazione [ ] Il 7 Ottobre 1941 il corteo salì le scalinate che portano alla villa per inaugurare il busto di Marconi, scolpito in marmo bianco di Carrara, opera dello scultore, Arturo Dazzi. Successivamente fu anche scoperta la lapide, posta sotto la finestra della stanza dei bachi, da dove Marconi lanciò i primi segnali di telegrafia senza fili nella primavera del La lapide reca incise le parole: Da qui Marconi lanciò il primo segnale radio. Primavera L inaugurazione del Mausoleo si concluse con un ultimo omaggio alla tomba di Guglielmo Marconi anche da parte delle numerose persone comuni che erano venute a testimoniare l affetto per questo grande Scienziato che amava profondamente il proprio Paese, l Italia, e la propria gente tanto da non aver mai voluto rinunciare alla cittadinanza italiana e da avere sempre avuto nostalgia della propria terra, come testimoniano queste parole da lui pronunciate: Nell avvicinarmi al tramonto della vita, il mio più grande rimpianto è quello di non avere concentrato maggiormente il mio lavoro in Italia, ma ciò è avvenuto per circostanze indipendenti dalla mia volontà. In ogni modo io ho offerto sempre all Italia quanto di meglio ho potuto fare.[ ] Pontecchio Marconi - 7 Ottobre Mussolini assiste all'inaugurazione della lapide sotto la finestra della stanza dei bachi, da dove Marconi lanciò nel 1895 il primo segnale radio. In primo piano sulla sinistra il parroco di Pontecchio Don Ottavio Balestrazzi, dietro di lui il costruttore del Mausoleo Sig. Deri. (foto di proprietà del Sig. Canova Cesare) Pontecchio Marconi - 7 Ottobre 1941 Mussolini, al centro della foto, al termine della cerimonia d inaugurazione lascia il Mausoleo. (foto di proprietà del Sig. Canova Cesare) Finestra di Villa del Griffone e targa in marmo posata nel 1941 da dove Guglielmo Marconi lanciò il primo segnale radio

8 DOCUMENTAZIONE STORICA lavori del dopoguerra Durante l ultima guerra mondiale sia la villa che il mausoleo subirono danni molto gravi. Numerose bombe perforarono in vari punti la calotta del Mausoleo che fu riparata e messa a punto con i lavori del Dal giugno 1995 anche la moglie di Marconi Marchesa Maria Cristina Bezzi Scali è sepolta accanto a Guglielmo Marconi grazie ad una speciale autorizzazione (tumulazione privilegiata). Pontecchio Marconi Lavori di restauro dopo la guerra del Mausoleo Pontecchio Marconi Lavori di restauro dopo la guerra della Villa Griffone

9 DOCUMENTAZIONE STORICA lavori del dopoguerra La Sala dei bachi ieri: Il laboratoro di Marconi nella soffitta di Villa Griffone a Pontecchio, come fu lasciato da Marconi nel 1896 quando partì per Londra. La collina dei Celestini foto del 2006 La finestra ristrutturata da cui Marconi effettuò i primi esperimenti La Sala dei bachi oggi: La cosidetta stanza dei bachi, nei pressi della finestra dalla quale venne lanciato il leggendario primo segnale radioelettrico è allestita un area espositiva con la ricostruzione del primo laboratorio di Marconi giovinetto così come si presentava nel 1895.

10 VINCOLO DI TUTELA DELLA SOPRINTENDENZA PER I BENI AMBIENTALI E ARCHITETTONICI il cono marconiano Vincolo posto con Regio Decreto n. 621 del 16/03/1939 Tale vincolo era volto a conservare e salvaguardare i luoghi in cui Marconi effettuò i primi esperimenti di telegrafia senza fili, proclamando Villa Griffone monumento di interesse storico nazionale

11 VINCOLO DI TUTELA DELLA SOPRINTENDENZA PER I BENI AMBIENTALI E ARCHITETTONICI il cono marconiano Vincoli posti con Decreti Ministeriali del 25/01/1963 Individuarono un area con vincolo di inedificabilità a valle del Mausoleo al fine di consentire la visibilità del monumento a chi transitava sulla ferrovia Bologna-Pistoia e sull autostrada A1

12 VINCOLO DI TUTELA DELLA SOPRINTENDENZA PER I BENI AMBIENTALI E ARCHITETTONICI il cono marconiano Vincolo posto con Decreto Ministeriale del 1/12/1977 Individuarono un area con vincolo di inedificabilità a valle del Mausoleo al fine di consentire la visibilità del monumento a chi transitava sulla ferrovia Bologna-Pistoia e sull autostrada A1

13 VINCOLO DI TUTELA DELLA SOPRINTENDENZA PER I BENI AMBIENTALI E ARCHITETTONICI il cono marconiano

14 VINCOLO DI TUTELA il cono marconiano nel Piano Strutturale Comunale Stralcio della tavola del SISTEMA DEI VINCOLI facente parte del Piano Strutturale Comunale approvato

15 DOCUMENTAZIONE STORICA il Mausoleo oggi Oggi grazie alla Fondazione Marconi, guidata dal Prof. Falciasecca ha dato un rinnovato impulso sia organizzativo che di contenuti all attività della Fondazione stessa. La villa Griffone con il suo interessantissimo Museo interattivo che è stato istituito utilizzando anche la famosa stanza dei bachi, il Mausoleo, con la sua imponenza, il parco che è stato arricchito di cimeli, sono meta di un numero sempre crescente di visitatori che vengono a rendere omaggio alla grande figura di Guglielmo Marconi che con la sua invenzione ha dato voce al silenzio, ha rivoluzionato il modo di comunicare tra le persone di tutto il mondo. Soltanto nel 1995, in occasione delle celebrazione dei primi cento anni dalla invenzione della Radio, che con parte dei finanziamenti messi a disposizione della legge appositamente approvata, si sono potute acquisire per il Centro Storico Documentale alcune importanti raccolte che hanno dato origine all Archivio Bibliografico, all Archivio Documentario ed alla Collezione Bigazzi, raccolta di repliche funzionanti di strumenti marconiani. Sempre nel 1995 è stata anche ricostruita con perfetta fedeltà nel granaio della villa, denominato stanza dei bachi per le culture che ivi si allevavano, il prio laboratorio del giovane scienziato:da una finestra di tale granaio Marconi fece partire il primo segnale radio che venne ricevuto dal fratello oltre l ostacolo naturale della collina dei Celestini prospicente la villa.nei locali di Villa Griffone, oltre agli uffici della Fondazione Guglielmo Marconi, sono da diversi anni ospitati, sia alcuni laboratori del Dipartimento di Elettronica Informatica e Sistemistica dell Università di Bologna, sia alcuni laboratori della "Fondazione Ugo Bordoni" di Roma. La Fondazione Guglielmo Marconi è stata istituita come ente morale con il R.D. 11 aprile 1938 n.354: tale legge approvava anche il primo statuto della Fondazione. Successivamente con legge 2 marzo 1963 n.261 si è provveduto al riordino della Fondazione medesima; infine, con decreto del Presidente della Repubblica 19 novembre 1968 n.1432, è stato approvato il nuovo statuto che è tuttora in vigore. Pontecchio Marconi Mausoleo e Villa Griffone

16 STATO DI FATTO Mausoleo Marconi e piazzali adiacenti Il piazzale OVEST Prospicente il Mausoleo Marconi e Villa Griffone Piazzale OVEST Piazzale EST Il Piazzale EST posizionato dalla parte opposta della via Porretana I muri di delimitazione del piazzale OVEST e la nuova palina espositiva sul Museo di G. Marconi La cartellonistica indicante il sacrario Mausoleo Marconi Scalinate del Mausoleo Marconi

17 PROPOSTA DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE del Monumento Nazionale dedicato a G. Marconi e Villa Griffone Nell anno del centenario il Comune di Sasso Marconi si è fatto promotore di alcune iniziative tese a riqualificare i piazzali e gli spazi adiacenti al Mausoleo al fine di valorizzarne il luogo e renderlo fruibile da parte dei cittadini, nonché dagli studenti sia italiani che stranieri. I vincoli a cui è soggetta l area nascevano dalla volontà di preservare il luogo in cui avvennero gli esperimenti marconiani ma nell ottica del nuovo PSC approvato in via definitiva il 21/07/2008 è stata accolta la proposta del Comune di Sasso Marconi e della Provincia di Bologna di tutelare l area a monte della Villa Griffone denominata come la collina dei Celestini come area che riassume lo scenario dei primi esperimenti di telegrafia senza fili effettuata da Marconi tra il 1894 e il Essendo preservati i luoghi più significativi dove avvennero gli esperimenti il Comune di Sasso Marconi ritiene si possa superare o modificare tale vincolo alla luce di un progetto condiviso che vada ad arricchire l unico Monumento Nazionale della Provincia di Bologna. Si propone quindi un percorso di valorizzazione delle aree antistanti il Mausoleo oggetto di vincolo suddiviso per due stralci funzionali distinti: 1 stalcio Obiettivo dell Amministrazione entro l anno 2009 Atto a potenziare la visibilità del Museo, del Mausoleo Marconi e di Villa Griffone attraverso una riqualificazione degli spazi prospicenti, Potenziare la fruibilità del luogo marconiano a diretto contatto con il Mausoleo attraverso il restauro del percorso pedonale di accesso al Mausoleo e alla scalinata di Villa Griffone. 2 stalcio Proposta da condividere Proposta di potenziamento della visibilità del Museo, del Mausoleo Marconi e della Villa mediante servizi di accoglienza idonei ad un monumento di tal rilievo nel rispetto degli obiettivi originari che stanno alla base dei vincoli a cui è stata nel tempo sottoposta l area. Pontecchio Marconi Foto aerea della Villa, del Mausoleo e dei piazzali interessati dalla riqualificazione Pontecchio Marconi La vista dei piazzali dalla Villa Griffone

18 PROPOSTA DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE del Monumento Nazionale dedicato a G. Marconi e Villa Griffone 1 stalcio RIQUALIFICAZIONE PIAZZALE OVEST e MAUSOLEO MARCONI obiettivo 2009 Con la prima parte del progetto si intende effettuare un restyling dell'area antistante il Museo Marconi, nell'anno dedicato alle celebrazioni del centenario del Nobel a Marconi. Il progetto prevede l effettuazione di diversi lavori di riqualificazione del Piazzale antistante il Museo Mausoleo Marconi, con l obiettivo di rendere il luogo più fruibile dal punto di vista turistico e più visibile dalla strada principale. 2 stalcio RIQUALIFICAZIONE PIAZZALE EST e AREE ADIACENTI Proposta di progetto da condividere Completamento dell area prospicente i luoghi marconiani posta a est della via Porrettana al fine di ottenere una valorizzazione globale del sito. Le opere saranno infatti destinate al completo rinnovamento dell area posta a est del Mausoleo mediante la nuova pavimentazione e il recupero del sottopiazzale a forma di semicerchio a destinazione di ristoro, punto postale, vendita gadgets e servizi igienici abbinato alla nuova area verde attrezzata con una estensione di circa 1 ettaro e mezzo, oltre al nuovo parcheggio per la sosta di pullman e automobili per turisti. Sarà ubicata un area giochi didattici per scoprire divertendosi gli studi di G. Marconi. La collina dei Celestini 1 stralcio entro il stralcio progetto in condivisione Pontecchio Marconi Foto aerea della Villa, del Mausoleo e dei piazzali interessati dalla riqualificazione

19 PROGETTO Mausoleo Marconi e piazzali adiacenti interventi Pulizia e sabbiatura pareti laterali e frontali del mausoleo Idro-pulizia gradinate e cornicioni in granito 1 stralcio PIAZZALE OVEST Nuova pavimentazione piazzale con lastre rettangolari in granito intasate superficialmente Nuovi pennoni portabandiera Corpi carrabili a incasso colorati Demolizione e fedele ricostruzione del piazzale, con recupero di spazi sottostanti a destinazione: punti di ristoro, punto postale, vendita pubblicazioni, vendita gadgets, servizi igienici Nuovi vialetti pedonali pavimentati e illuminati. L andamento dei corselli riprende l andamento delle onde marconiane 2 stralcio PIAZZALE EST Nuova pavimentazione piazzale con lastre rettangolari in granito intasate superficialmente Corpi a incasso lineari a pavimento colorati Acciottolato in sassi del Brenta e del Reno Dissuasori di transito a sfera in acciaio inox Sabbiatura e pulizia muretti in sasso Corpi carrabili a incasso colorati Realizzazione di nuovi parcheggi pavimentati a destinazione turistica per pullman e auto, completi di segnaletica orizzontale, attraversamenti, illuminazione pubblica ed aiuole Sistemazione esterna dell area verde, inerbimento e relativa piantumazione di alberature e cespugli vari, attrezzature picnic e area giochi Formazione di balaustra con pali castagno Percorso didattico caratterizzato da giochi specialistici per scoprire divertendosi la propagazione dei suoni. L amministrazione ha già realizzato un parco didattico nel capoluogo di cui si allega foto

20 PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE Mausoleo Marconi e piazzali adiacenti Muretti in pietra e copertina in granito Pavimentazione in lastre rettangolari in granito intasate superficialmente Dissuasori definiti mediante la posa di Sfere in acciaio inox illuminate da faretto calpestabile a incasso PIAZZALE OVEST PIAZZALE EST Acciottolato in sassi del Brenta e del Reno Nuove paline espositive atte all informazione didattica e relativa agli eventi proposti Pulizia di fittoni esistenti e muri in pietra di delimitazione dei piazzali da effettuare mediante sabbiatura Pavimentazione in lastre rettangolari in granito intasate superficialmente Steccato in legno per messa in sicurezza di fossato esistente Illuminazione di piazzale OVEST e piazzale EST mediante faretti carrabili a incasso e illuminazione del vialetto di accesso al Mausoleo con corpi illuminanti lineari da posare adiacenti al selciato per l intero sviluppo del corsello Nuovi pennoni alzabandiera in sostituzione delle torri faro esistenti

21 PROGETTO obiettivo entro 2009 Mausoleo Marconi e piazzali adiacenti rendering 1 stralcio PIAZZALE OVEST 1 STRALCIO FUNZIONALE obiettivo entro l anno 2009 La proposta di riqualificazione del piazzale OVEST è volta a valorizzare e riqualificare gli spazi pubblici esterni mediante un n uovo impianto di illuminazione, nuove pavimentazioni e pulizia dei muretti di delimitazione del piazzale e restauro delle pareti esterne del Mausoleo comprese le scalinate monumentali verso Villa Griffone

22 PROGETTO da condividere Mausoleo Marconi e piazzali adiacenti rendering 2 stralcio - PIAZZALE EST 2 STRALCIO FUNZIONALE progetto in condivisione La proposta di riqualificazione del piazzale EST prevede la demolizione e fedele ricostruzione del piazzale con il recupero dei locali del sottopiazzale a destinazione ristoro, punto postale, vendita gadgets e servizi igienici. La valorizzazione del sito è intesa anche ad attrezzare l area verde mediante punti a destinazione pic nic e giochi didattici oltre a nuovi posti per auto e per pullman. Il nuovo volume ricavato sarà completamente rivestito di essenze rampicanti al fine di integrarlo maggiormente con l intorno.

23 PROGETTO Mausoleo Marconi e piazzali adiacenti STIMA ECONOMICA RIQUALIFICAZIONE DEGLI SPAZI PROSPICENTI IL MAUSOLEO MARCONI 1 STRALCIO FUNZIONALE Obiettivo entro l anno 2009 Demolizione di pavimentazione stradale del piazzale ovest e posa di nuova fondazione stradale per posa di nuova pavimentazione in lastre di granito di forma varia totale ,00 Opere per la realizzazione di nuova polifora elettrica compresi gli scavi, il cablaggio, gli innesti nei pozzetti di derivazione prefabbricati anch essi forniti e la fornitura di nuovi corpi illuminanti a incasso pedonali e carrabili da prevedere nel piazzale ovest e lungo tutto lo sviluppo del corsello pedonale di accesso al Mausoleo in acciottolato di fiume. Sono previsti anche n. 2 proiettori compresi di supporto di illuminazione del Mausoleo totale ,00 Demolizione torri faro esistenti compreso la demolizione dei basamenti in pietra originali e la loro catalogazione. Fornitura e posa in opera di n. 2 pennoni alzabandiera compresa la realizzazione di basamenti con materiale di risulta debitamente sabbiato e stuccato totale 9.000,00 Pulizia di muretti di delimitazione piazzale ovest in blocchi di pietra e copertina di granito mediante sabbiatura da eseguirsi anche in tutte le pareti del Mausoleo realizzate in blocchi di granito. Lavaggio di murature da polvere e muffe superficiali mediante l utilizzo di idro-pulitrice anche ad acqua calda e ad alta pressione su tutte le copertine e gradini del Mausoleo. Sono compresi l operatore, l energia elettrica e i materiali di consumo incluso il ponteggio. totale ,00 Opere di pulizia dell acciottolato e del piazzale rialzato all entrata del Mausoleo dal terreno depositato da eseguirsi meccanicamente e a mano. Opere di smontaggio della pavimentazione dei pianerottoli della scalinata del Mausoleo, livellamento del fondo e successiva posa di lastre esistenti in granito da costipare. Sono compresi gli oneri di riempimento con cls, operatore e ogni onere necessario per dare un lavoro finito a regola d arte totale 9.500,00 Nuova balaustra in legno di delimitazione fossato esistente totale ,00 Arredo urbano (paline espositive, dissuasori in acciaio inox, cestini per rifiuti) compresi i fittoni rettrattili elettrificati totale ,00 oneri della sicurezza totale 4.000,00 TOTALE ,00 Iva 10% ,00 TOTALE COMPLESSIVO ,00 RIQUALIFICAZIONE DEGLI SPAZI PROSPICENTI IL MAUSOLEO MARCONI 2 STRALCIO FUNZIONALE Progetto da condividere Demolizione totale del piazzale est compreso lo scavo di sbancamento del terreno e fedele ricostruzione di piazzale. Il volume del sottopiazzale verrà in parte recuperato al fine di destinarlo a finalità turistiche. Sono compresi gli oneri relativi alla rimozione dell illuminazione pubblica e la posa di nuova pavimentazione del piazzale est con utilizzo di piastre in granito e acciottolato secondo i disegni del progettista totale ,00 Opere per la realizzazione di nuova polifora elettrica compresi gli scavi, il cablaggio e la fornitura di nuovi corpi illuminanti da prevedere nel piazzale est totale ,00 Realizzazione di nuova area di parcheggio per pullmann e auto. Sono incluse le opere di scarifica, posa di cordoli per nuovi percorsi carrabili, polifore elettriche per illuminazione pubblica, pavimentazione corselli. Sono incluse la fornitura e il montaggio di pali di illuminazione e la segnaletica orizzontale e verticale totale ,00 Sistemazione esterna dell area verde mediante la movimentazione di terreno vegetale, imianto di regimentazione delle acque meteoriche, tracciamento di nuovi percorsi pedonali pavimentati completi di illuminazione pubblica, piantumazione di alberature e cespugli vari. Attrezzature per pic nic e area giochi didattici totale ,00 Arredo urbano oneri della sicurezza totale ,00 totale ,00 TOTALE ,00 Iva 10% ,00 TOTALE COMPLESSIVO ,00 fascicolo redatto dall Ufficio Tecnico del Comune di Sasso Marconi Ufficio Progettazione Opere Pubbliche arch. Elena De Angelis Piazza dei Martiri, 6 Sasso Marconi tel

COMUNE DI URAS. 1) Relazione Tecnica Illustrativa. Geom. Pietro Carboni. Ing. ir. Mattia Concas

COMUNE DI URAS. 1) Relazione Tecnica Illustrativa. Geom. Pietro Carboni. Ing. ir. Mattia Concas Via P. Togliatti n 14 09099 URAS (OR) Cell. 3492973068 OGGETTO: LAVORI DI COSTRUZIONE LOCULI CIMITERIALI -progetto definitivo-esecutivo- COMMITTENTE: COMUNE DI URAS ELABORATO: 1) Relazione Tecnica Illustrativa

Dettagli

SAGRATO S. BERTILLA E ADIACENZE

SAGRATO S. BERTILLA E ADIACENZE RELAZIONE TECNICA 1 PROVINCIA DI VENEZIA Comune di Spinea SAGRATO S. BERTILLA E ADIACENZE IL SAGRATO Lo spazio antestante la Chiesa di S. Bertilla, oggi si configura come una spianata con aiuole incolte

Dettagli

RELAZIONE STATO DI FATTO

RELAZIONE STATO DI FATTO RELAZIONE STATO DI FATTO L intervento è localizzato principalmente nell area denominata Terrazzo del Garove, situata tra il Padiglione di Ponente e i fronti della Reggia esposti a sud. Negli ultimi anni,

Dettagli

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE

DESCRIZIONE DEI LUOGHI E DELLO STATO ATTUALE 1 Prog. 17029/2013 CIMITERI COMUNALI: costruzione ossarini RELAZIONE GENERALE PREMESSE Il presente progetto esecutivo si riferisce all intervento 17029/2013 Cimiteri Comunali: costruzione ossarini, relativo

Dettagli

Zona notte. PROGE T TA ZIONE E DIREZIONE LAVORI StudioAta www.studioata.com

Zona notte. PROGE T TA ZIONE E DIREZIONE LAVORI StudioAta www.studioata.com Zona notte Una lunga striscia di LED, incassata nel soffitto del soppalco, illumina la zona pranzo sottostante. Questa scelta, funzionale e d effetto, sostituisce egregiamente il classico lampadario. PROGE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE PROGETTO ESECUTIVO PER LA REALIZZAZIONE DI 1.144 CASSETTONI LUNGO IL MURO DI CINTA AD OVEST DELLA ZONA DI AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE. RELAZIONE TECNICA GENERALE 1 - PREMESSE L Amministrazione Comunale

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN VITO

COMUNE DI MONTE SAN VITO COMUNE DI MONTE SAN VITO PROGETTO DEFINITIVO DEL NUOVO COLOMBARIO CIMITERIALE IN AMPLIAMENTO DELL ESISTENTE PRESSO IL CIMITERO COMUNALE RELAZIONE GENERALE SITO EDIFICIO: Monte San Vito presso il Cimitero

Dettagli

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI TRICASE IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA COMUNE DI TRICASE PROGETTO PER LA COSTRUZIONE DI UN NUOVA CAPPELLA LOCULI COMUNALE NEL CIMITERO CAPOLUOGO IMPORTO LAVORI 120.000/00 RELAZIONE TECNICA Il comune di Tricase ha affidato l incarico al sottoscritto

Dettagli

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini.

Trova il percorso giusto per raggiungere la Madre folle, opera di Arturo Martini. 6 dicembre 2007 8 marzo 2008 ARTURO MARTINI GRANDI SCULTURE DA VADO LIGURE Vado Ligure, Museo di Villa Groppallo Orario: tutti i giorni 15.00-19.00 Chiuso il lunedì www.arturomartini.it Tel. 019883914

Dettagli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli

Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli Il cimitero di Voghera Antonio Monestiroli, Tommaso M onestiroli I progetti che oggi vi illustrerò (il V ampliamento del cimitero di Voghera e il concorso per l ampliamento del cimitero sull isola di San

Dettagli

Indice. A. INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROGETTO pag. 3. A1.Inquadramento territoriale pag. 4. A2. Normativa di riferimento pag. 4

Indice. A. INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROGETTO pag. 3. A1.Inquadramento territoriale pag. 4. A2. Normativa di riferimento pag. 4 Indice Premessa A. INQUADRAMENTO GENERALE DEL PROGETTO pag. 3 A1.Inquadramento territoriale pag. 4 A2. Normativa di riferimento pag. 4 A3. Altri strumenti di pianificazione pag. 5 B. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI

ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI 1 1.1 Comune di Cismon, Cismon. Fabbrica ex Lancia. (ora in parte adibita a fungaia) ORA 2010 IL MANUFATTO RISULTA ABBATTUTO AD ECCEZIONE DELLA PALAZZINA DEGLI UFFICI LUOGO. Cismon, OGGETTO. Fabbrica ex

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO RELAZIONE TECNICA PERIZIA STRALCIO E DI COMPLETAMENTO PREMESSA Su incarico del Comune di Rosarno (Comunicazione del 24.09.2012 prot. n.17914 con riferimento alla Determinazione del 3^ U.O.C. n 525 del

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ Parco delle Madonie INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ C.E.A. LA TERRA DEI NOSTRI PADRI A CASTELLANA SICULA Il Centro di Educazione Ambientale è ospitato all interno di un edificio di due piani a Castellana Sicula.

Dettagli

Progetto di Riqualificazione Cromatica di Fortunago

Progetto di Riqualificazione Cromatica di Fortunago Progetto di Riqualificazione Cromatica di Fortunago Il Progetto di Riqualificazione Cromatica per il Comune di Fortunago vuole essere uno strumento attivo per conservare in maniera ottimale il centro storico

Dettagli

LEGENDA. ISOLATO 1. pag. 4. ISOLATO 2. pag. 7. ISOLATO 3. pag. 10. ISOLATO 4. pag. 13. ISOLATO 5. pag. 16

LEGENDA. ISOLATO 1. pag. 4. ISOLATO 2. pag. 7. ISOLATO 3. pag. 10. ISOLATO 4. pag. 13. ISOLATO 5. pag. 16 1 2 3 LEGENDA ISOLATO 1. pag. 4 ISOLATO 2. pag. 7 ISOLATO 3. pag. 10 ISOLATO 4. pag. 13 ISOLATO 5. pag. 16 4 P.R.G. - Comune di Storo PIANO DEL CENTRO STORICO DESCRIZIONI PROGETTUALI ISOLATO N. 01 CATEGORIE

Dettagli

Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo.

Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo. Restauro della Villa de Bellat in Località Spagolle del C.C. Castelnuovo. 1 Descrizione morfologica e tipologica Villa de Bellat è posizionata all interno di una vasta area agricola, situata in destra

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

PGT. 16 PdS CORANA SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI. Fascicolo. Piano dei Servizi

PGT. 16 PdS CORANA SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI. Fascicolo. Piano dei Servizi COMUNE DI CORANA PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 005, n 1 16 PdS Piano dei Servizi Fascicolo SCHEDE DI VALUTAZIONE DEI SERVIZI ESISTENTI SINDACO

Dettagli

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di Nuchis

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di Nuchis RELAZIONE TECNICO-SANITARIA (Art. del D.P.R. n 28/9) PREMESSA Nell elaborazione del nuovo P.R.C. del comune di Tempio Pausania, per i cimiteri di Tempio, Nuchis, Bassacutena e San Pasquale, si è tenuto

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA Il progetto per la riqualificazione di Piazza dei Martiri e Piazza Vittorio Emanuele II si sviluppa intorno all idea centrale di realizzare un grande spazio urbano con continuità

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

All. 4/4 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO

All. 4/4 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO GESTIONE SERVIZI CIMITERIALI BIENNIO 2014-2015 All. 4/4 COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IL PROGETTISTA SETTORE POLITICHE DEL TERRITORIO E DELL AMBIENTE Ufficio Manutenzioni arch. Giovanni Ruffinatto Rivalta

Dettagli

COMUNE DI MASSA. RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE STORICO ARCHITETTONICA PIAZZA ARANCI 1 e 2 LOTTO Dirigente: Tecnici Incaricati:

COMUNE DI MASSA. RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE STORICO ARCHITETTONICA PIAZZA ARANCI 1 e 2 LOTTO Dirigente: Tecnici Incaricati: COMUNE DI MASSA Settore Opere Infrastrutturali e Tecnologiche Servizio Viabilità RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE STORICO ARCHITETTONICA PIAZZA ARANCI 1 e 2 LOTTO Dirigente: Tecnici Incaricati: Ditta

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE

COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE COMUNE di ROVAGNATE Provincia di Lecco PIANO CIMITERIALE RELAZIONE 1 PREMESSA Nella elaborazione del presente piano Cimiteriale, redatto ai sensi dell articolo 6 del Regolamento Regionale n.6 in data 09.11.2004

Dettagli

Gaetano Arricobene Architetto

Gaetano Arricobene Architetto INTERVENTI FINALIZZATI ALLA RIAPERTURA DELLA CRIPTA SACRO MONTE DI VARESE Varese, 29 settembre 2014 Committente: Parrocchia di Santa Maria del Monte via Assunzione, 21-21100 Varese Finanziatori: IL PROGETTO

Dettagli

Guardaroba E previsto uno spazio nell atrio del Museo, accanto all ingresso (attualmente utilizzato per biglietteria e bookshop), di mq. 14,40.

Guardaroba E previsto uno spazio nell atrio del Museo, accanto all ingresso (attualmente utilizzato per biglietteria e bookshop), di mq. 14,40. Provincia: racusa Lotto: SR 1 Museo Archeologico Regionale Paolo Orsi Viale Teocrito 66. racusa Tel. 0931 464022 Relazione Biglietteria. Il locale biglietteria è in atto costituito da un ambiente indipendente,

Dettagli

CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA

CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA CIMITERO MONUMENTALE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA Restauro e ripristino con miglioramento sismico Responsabile unico del procedimento: Progetto architettonico: Progetto strutturale: Arch. Rossella Cadignani

Dettagli

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO

IL RESTAURO DELLA CAPPELLA SAN ROCCO COMUNE DI NICHELINO SOPRINTENDENZA PER I BENI ARCHITETTONICI E PER IL PAESAGGIO DEL PIEMONTE SOPRINTENDENZA PER I BENI STORICO-ARTISTICI E DEMOANTROPOLOGICI DEL PIEMONTE CNA - POLITECNICO DI TORINO IL

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE PROVINCIA DI PALERMO

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE PROVINCIA DI PALERMO COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE PROVINCIA DI PALERMO progetto esecutivo per la realizzazione di n 40 loculi e 16 ossarietti collettivi comunali nel nuovo cimitero di Isola delle Femmine - Codice CIG 5740306A5B

Dettagli

3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!"#$%&'%()*%)+#,#-&(

3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!#$%&'%()*%)+#,#-&( 3/41%(!'* 5-%!+(%('(22/!6-)!'*!5-4+,/!"#$%&'%()*%)+#,#-&( '()*+(,-.*/%( %&!"#$!!"#"$"%"&!"#$%&"'()'("&)$"#%*)+,"'("&&% 0*1%2-!3/41%-)( +--.//01',()! 7"&!,*81-)*9*3-.*/%(! 1,+-%-! '()! 3(%2,/! 52/,*3/!

Dettagli

CURRICULUM VITAE. - Esame di Stato sostenuto presso Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura 1 sessione anno 1987

CURRICULUM VITAE. - Esame di Stato sostenuto presso Università degli Studi di Genova Facoltà di Architettura 1 sessione anno 1987 Dott. Arch. Walter Riani, nato ad Aulla (Ms) il 13.11.1957 residente in Via Aldo Moro 139 - Villafranca in Lunigiana (Ms) recapiti: 0187/4988220- cell.3663735761 - mail: arch.riani@libero.it CURRICULUM

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO

RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA GENERALE D.P.R. n. 554/99 D. Lgs. 163/2006 D. Lgs. 152/2008 PROGETTO ESECUTIVO Interventi urgenti finalizzati alla messa in sicurezza, alla prevenzione e alla riduzione del rischio connesso

Dettagli

CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA

CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA Rif 374 - CASTELLO GALLENGA STUART Trattativa Riservata CASTELLO IN VENDITA IN UMBRIA. PERUGIA Perugia - Perugia - Umbria www.romolini.com/it/374 Superficie: 3500 mq Terreno: 6 ettari Camere: 28 Bagni:

Dettagli

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di San Pasquale

Relazione tecnico sanitaria Piano Regolatore cimiteriale - Comune di Tempio Pausania Cimitero di San Pasquale RELAZIONE TECNICO-SANITARIA (Art. del D.P.R. n 28/9) PREMESSA Nell elaborazione del nuovo P.R.C. del comune di Tempio Pausania, per i cimiteri di Tempio, Nuchis, Bassacutena e San Pasquale, si è tenuto

Dettagli

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone

2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone 2001 - in corso Badia di S. Spirito al Morrone Sulmona (L Aquila) Introduzione L edificio oggetto dell intervento è situato nella valle del fiume Gizio, alle falde del Monte Morrone e a poca distanza dall

Dettagli

Comune di Calliano Provincia di Trento

Comune di Calliano Provincia di Trento Comune di Calliano Provincia di Trento Ufficio Tecnico Comunale Edilizia Pubblica Calliano, lì 13 febbraio 2015 n prot. Spett. le Agenzia del Lavoro della Provincia Autonoma di Trento Via R.Guardini, 75

Dettagli

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO

CENTRO SOCIO ASSISTENZIALE IN SANT ANDREA IN BESANIGO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO RELAZIONE DI SINTESI DELL INTERVENTO 1 PREMESSA Con delibera di CC n 46 del 25/07/2007 il Comune di Coriano acquistava, per 30 anni, il diritto di superficie, sulla casa Santa Marta, per la realizzazione

Dettagli

IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI FASI DI COSTRUZIONE ED AVVIAMENTO IMPIANTO INDICAZIONI SUI RIFIUTI PRODOTTI

IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI FASI DI COSTRUZIONE ED AVVIAMENTO IMPIANTO INDICAZIONI SUI RIFIUTI PRODOTTI Comune di COLLESALVETTI Provincia di LIVORNO IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI ex SS 67 bis dell Arnaccio km17,300 fraz. Ponte Biscottino FASI DI COSTRUZIONE ED AVVIAMENTO IMPIANTO

Dettagli

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto.

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto. Note introduttive Il presente documento fa proprie le indicazioni di cui all Art. 34. Relazione generale del progetto esecutivo del d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207: 1. La relazione generale del progetto

Dettagli

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA

INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA Parco Gallipoli Cognato e Piccole Dolomiti Lucane INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO EDUCAZIONE AMBIENTALE A PALAZZO DI ACCETTURA Le attività del Centro sono distribuite in due edifici diversi, distanti

Dettagli

PARAPORTO SCALETTA, PARAPORTO VEROCCHIO E PARAPORTO SAN LUCA

PARAPORTO SCALETTA, PARAPORTO VEROCCHIO E PARAPORTO SAN LUCA CONSORZIO della CHIUSA di CASALECCHIO e del CANALE di RENO Via della Grada, 12 40122 Bologna Tel. 051.6493527 Fax 051.5280238 E-mail: info@consorzireno-savena.it www.consorzireno-savena.it Pianta generale

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche)

STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI PRELIMINARI (geologiche, idrogeologiche ed archeologiche) STUDIO DI PREFATTIBILITA AMBIENTALE INDAGINI IDROLOGICHE, IDRAULICHE, GEOTECNICHE, SISMICHE E ARCHEOLOGICHE

Dettagli

Tecnologie edili per l ambiente. facciate continue serramenti - pareti mobili

Tecnologie edili per l ambiente. facciate continue serramenti - pareti mobili Certificato n. 4858 Tecnologie edili per l ambiente facciate continue serramenti - pareti mobili Progetto di ampliamento della sede Arnoldo Mondadori Editore con completa ristrutturazione della CASCINA

Dettagli

P.G.T. PS 06 SERVIZI DI INTERESSE PUBBLICO. Comune di. Villa Biscossi (PV) FASE: Adozione. Sindaco: Rag. Giuseppe Fassardi

P.G.T. PS 06 SERVIZI DI INTERESSE PUBBLICO. Comune di. Villa Biscossi (PV) FASE: Adozione. Sindaco: Rag. Giuseppe Fassardi P.G.T. Comune di PS 06 Villa SERVIZI DI INTERESSE PUBBLICO FASE: Adozione Ing. Riccardo Tacconi Sindaco: Rag. Giuseppe Fassardi Autorità procedente: Rag. Giuseppe Fassardi Autorità competente: Viganò Rino

Dettagli

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 FEBBRAIO Sabato 15, ore 16 - Ponte coperto (lato città) MARZO Sabato 8, ore 16 - piazza S. Michele (basilica) PAVIA, CAPITALE DI REGNO

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità

PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO. Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità PO-FESR 2007-2013 GRANDE PROGETTO Asse: 5 - Reti e collegamenti per la mobilità Linea d intervento: 5.4 - Adeguamento e potenziamento delle ferrovie locali Titolo intervento: Adeguamento ferroviario dell

Dettagli

PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino.

PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino. PREVENTIVO DI SPESA Condominio Sant'Alberto - Via 4 Rusteghi - Via Molinara - Verona Computo per la sistemazione del giardino 1 2 3 4 5 6 ALLESTIMENTO ED INSTALLAZIONE DEL CANTIERE, recinzioni e segnalazioni

Dettagli

Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014. Elenco offerta prezzi unitari

Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014. Elenco offerta prezzi unitari Città di Portogruaro Provincia di Venezia Area Tecnica Settore Manutenzioni Servizi Cimiteriali periodo 1.4.2011-31.3.2014 Elenco offerta prezzi unitari Data 3.11.2010 Il Responsabile del Procedimento

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre

Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre Lavori di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della torre Relazione Tecnica L intervento di restauro, ristrutturazione e consolidamento statico della Torre prevede prioritariamente i seguenti

Dettagli

TIPOLOGIE DI CANTIERE

TIPOLOGIE DI CANTIERE Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Project Management, Gestione OO.PP e Cantiere - C prof. Renato G. Laganà TIPOLOGIE DI CANTIERE

Dettagli

PROVINCIA di TREVISO. COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale "Area ex Funghi del Montello" A-12 1^ EMISSIONE DESCRIZIONE

PROVINCIA di TREVISO. COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale Area ex Funghi del Montello A-12 1^ EMISSIONE DESCRIZIONE PROVINCIA di TREVISO COMUNE DI PEDEROBBA Centro commerciale "Area ex Funghi del Montello" PROGETTO DEFINITIVO INDICAZIONE PER LA REDAZIONE DEL PIANO DI SICUREZZA 3 2 1 0 REV PROGETTISTI: Arch. CON: Urb.

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese

BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE. Restauro conservativo a Varese BATTISTERO DI SAN GIOVANNI BATTISTA IN VARESE OGGETTO COMMITTENTE CLIENTE FUNZIONARIO SOPRINTENDENZA TIPO DI INCARICO TIPO DI PRESTAZIONE PRESTAZIONI ENTITA DELL OPERA ANNO Restauro conservativo a Varese

Dettagli

PREMESSA... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... 3 PIANO URBANISTICO DI RIFERIMENTO E NORMATIVA VIGENTE...

PREMESSA... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... 3 PIANO URBANISTICO DI RIFERIMENTO E NORMATIVA VIGENTE... INDICE PREMESSA... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 LOCALIZZAZIONE DELL INTERVENTO... 3 PIANO URBANISTICO DI RIFERIMENTO E NORMATIVA VIGENTE... 4 INTERVENTO PROGETTUALE PROPOSTA DI PROJECT FINANCING...

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA DELL' INTERVENTO RCHIDUE Associati x l'architettura Arch. Stefano NANNINI arch. Debora INNOCENTI via Castel de Toni, 1/A Casalguidi 51034 (PT) Tel./Fax. 0573.526389; e-mail: archidueassociati@tiscali.it Al Sig. Sindaco

Dettagli

PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870

PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870 PIAZZA VENEZIA LA PICCOLA PIAZZA VENEZIA, NEL 1870 A DESTRA, PALAZZO VENEZIA; IN FONDO, PALAZZETTO VENEZIA CHE SARA INTERAMENTE SMONTATO E RIMONTATO ALCUNE DECINE DI METRI PIU INDIETRO PER DARE SPAZIO

Dettagli

CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio

CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio CMAPAM1EM Concorso d idee per la riqualificazione e sviluppo del sito minerario di Balangero e Corio PIANO DI GESTIONE Il Piano di gestione per la proposta progettuale di riqualificazione dell Amiantifera

Dettagli

Arch. Alessandro Romolini pag. 1/20

Arch. Alessandro Romolini pag. 1/20 Arch. Alessandro Romolini pag. 1/20 PREMESSA L intervento in parola si riferisce al restauro, consolidamento strutturale e riuso di tre piccoli manufatti già usati per Seccatoi a servizio della marroneta

Dettagli

e della Promenade architetturale

e della Promenade architetturale IV. Progetto Mura Restauro e valorizzazione del sistema fortificato e della Promenade architetturale 1. Immagine della pianta di Pisa di Van Lint Progetto Mura: restauro e valorizzazione del sistema fortificato

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3436 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BALBONI, SPECCHIA, ZAPPACOSTA, MULAS, BATTAGLIA Antonio, TOFANI e MORSELLI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 19 MAGGIO

Dettagli

Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto

Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto SALERNO PORTA OVEST LA GALLERIA PER IL PORTO conferenza stampa del 27 Aprile 2011 Il progetto generale prevede la sistemazione dal nodo Cernicchiara al sistema di interconnessione cittàautostrada-porto

Dettagli

ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LE PROIEZIONI NATALIZIE PER IL BIENNIO 2008/9 E 2009/10.

ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LE PROIEZIONI NATALIZIE PER IL BIENNIO 2008/9 E 2009/10. ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LE PROIEZIONI NATALIZIE PER IL BIENNIO 2008/9 E 2009/10. P.ZZA XX SETTEMBRE: Proiezione di immagini natalizie, da concordare preventivamente con l Amm.ne

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12

PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 COMUNE DI SANTA CRISTINA E BISSONE PROVINCIA DI PAVIA PGT Piano di Governo del Territorio ai sensi della Legge Regionale 11 marzo 2005, n 12 12a Fascicolo PdR Piano delle Regole ANALISI DEL CENTRO STORICO

Dettagli

Parte Terza Casi studio

Parte Terza Casi studio Parte Terza Casi studio In questo capitolo conclusivo vogliamo analizzare nel dettaglio due diverse tipologie di spazi retail. Abbiamo scelto un negozio monomarca e un department store proprio perché,

Dettagli

Linee guida. Linee guida. per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni. per dissuasori

Linee guida. Linee guida. per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni. per dissuasori Linee guida per dissuasori Linee guida per la progettazione di pergole gazebo su terrazze e terreni Documento di indirizzi per la progettazione di qualità Comune di Genova direzione territorio, sviluppo

Dettagli

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI

AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI Allegato F Gara tipo B Monza, agosto 2014 Gare Nazionali di medio livello AREE AD INTERVENTO GARE NAZIONALI ELENCO ZONE DI INTERVENTO gara tipo B 1. TRIBUNA D ONORE 2. CENTRO MEDICO 3. TENDA VERIFICHE

Dettagli

Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi

Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi A BELLUNO Comune di Belluno Settore Interventi sul Territorio Unità Organizzativa Opere Pubbliche Parchi nel Parco Aree attrezzate per bambini nel capoluogo del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 406 del 17-6-2015 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 406 del 17-6-2015 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 406 del 17-6-2015 O G G E T T O Lavori di ristrutturazione Laboratori e Servizi di Anatomia Ospedale di Vicenza: affidamento

Dettagli

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA

LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELLA STAZIONE MARITTIMA DI PESCARA E SISTEMAZIONE DELLE AREE CIRCOSTANTI PREMESSA PREMESSA La Stazione Marittima del Porto di Pescara è un edificio a pianta centrale di forma decagonale, dell altezza totale di m 6,00, ad un piano dell altezza interna di m 5,00, della superficie complessiva

Dettagli

Archeologia industriale. Archeologia. industriale aa Piacenza. Piacenza. caricatoremilitare. Mercatoortofrutticolo

Archeologia industriale. Archeologia. industriale aa Piacenza. Piacenza. caricatoremilitare. Mercatoortofrutticolo Archeologia Archeologia industriale industriale complesso complessodi diedifici edificiarea areaex ExSift Sift aa Piacenza Piacenza ex exmagazzini Magazzinigenerali generalicomunali comunali Piano Pianocaricatore

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO Sistema insediativo storico 1.1 Analisi degli insediamenti e degli edifici accertati o sparsi di interesse storico SEZIONE 1 - LOCALIZZAZIONE SCHEDA DI INDAGINE N. 3 Frazione

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni

EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE. Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento delle osservazioni COMUNE DI MALGESSO PROVINCIA DI VARESE PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO PIANO DELLE REGOLE art. 10 LR 12/2005 SCHEDE EDIFICI COMPRESI NEL NUCLEO DI ANTICA FORMAZIONE Elaborato modificato a seguito dell'accoglimento

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE Committente: AUTOSTORE S.R.L. Via Fonderia n. 47/A Treviso Compilatore: Ing. Bonaldo Simone Via Riva IV Novembre n. 38 Cittadella (PD) Data

Dettagli

COMPLESSO AGRITURISTICO POGGIO CENNINA e La Selvaccia

COMPLESSO AGRITURISTICO POGGIO CENNINA e La Selvaccia COMPLESSO AGRITURISTICO POGGIO CENNINA e La Selvaccia Il complesso agrituristico denominato POGGIO CENNINA e LA SELVACCIA si trovano nel Comune di Bucine, provincia di Arezzo lungo la strada che da Pogi

Dettagli

Comune di MERATE PROVINCIA DI LECCO

Comune di MERATE PROVINCIA DI LECCO via Mazzini 17 24034 Cisano B.sco - BG tel.035.4381312. fax.035.4381875 P.IVA 03415090160 - email: dbmassociati@gmail.com Comune di MERATE PROVINCIA DI LECCO Progetto ESECUTIVO art. 33 e seguenti del D.P.R.

Dettagli

COMUNE DI SUMIRAGO AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA

COMUNE DI SUMIRAGO AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA COMUNE DI SUMIRAGO PROVINCIA DI VARESE AMPLIAMENTO LOCULI CIMITERIALI CIMITERO DI MENZAGO PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA Progettisti: Geom. Giuseppe Pugliese Geom. Fabio Reho INTRODUZIONE Il progetto

Dettagli

L evoluzione del nostro ospedale

L evoluzione del nostro ospedale L evoluzione del nostro ospedale A cura di: Geom. Giuseppe Arduca P.I. Massimo Magnani Ing. Enzo Mazzi Servizio Attività Tecniche Il Servizio Attività Tecniche e la Direzione Medica di Presidio a partire

Dettagli

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA

RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA RELAZIONE TECNICO FINANZIARIA L'Amministrazione Comunale di Brienza nell ambito del suo programma di sviluppo del Comune ha individuato, quale punto di forza, la valorizzazione del patrimonio architettonico

Dettagli

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1

Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 Progr.: 1 COMUNE DI SPINEA - Provincia di Venezia Scheda B Rilievo dei beni storico-architettonici Scheda: 1 1.Codifica edificio Scheda: 1 2. Ubicazione indirizzo: ID edificio: 1 via/piazza: Rossignago

Dettagli

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita

Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Progetto di un edificio da destinare ad officina di riparazione autovetture con annesso salone di esposizione e vendita Sessione anno 1990 Prima prova scritto-grafica A confine con una strada di un centro

Dettagli

Complesso Reniccioli

Complesso Reniccioli Complesso Reniccioli Alcune informazioni sui restauri del complesso Reniccioli. Il primo restauro effettuato sotto la direzione dell arch. A. Tosatti, nel 1970 riporta allo splendore iniziale, la villa.

Dettagli

Duvri e stima dei costi sicurezza

Duvri e stima dei costi sicurezza COMUNE DI BOLLATE (Provincia di Milano) AREA QUALITA' URBANA SERVIZIO LAVORI PUBBLICI Duvri e stima dei costi sicurezza Gestione esterna dei Cimiteri della Città di Bollate periodo 06.07.2011 05.07.2012

Dettagli

Da Piazzale Matteotti a Piazza Matteotti

Da Piazzale Matteotti a Piazza Matteotti Concorso Progetto per la sistemazione urbanistica e il recupero culturale del Piazzale Matteotti di Pesaro prima edizione - 2003 Gruppo Terziario Donna - Confcommercio di Pesaro-Urbino Da Piazzale Matteotti

Dettagli

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail:

STUDIO D INGEGNERIA Dott.Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI 24035 Curno (Bg) - Via R.Ruffilli, 2 Tel. 035463983, Fax. 035460404, e-mail: RELAZIONE TECNICO SPECIALISTICA DELL EDIFICIO MUNICIPALE DI AZZANO SANPAOLO BG- Curno, Novembre 2013 Tecnico incaricato Dott. Ing. GIOVANNI BATTISTA SCOLARI Descrizione dello stato di fatto II fabbricato

Dettagli

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali

Percorso progettuale Il progetto per la nuova piazza dei Martiri è iniziato con l analisi dello stato di fatto al fine di capire esattamente quali Introduzione Liston è una parola utilizzata in varie città del Veneto per indicare un particolare luogo della città, generalmente una piazza o parte di essa. Il termine liston indica le lunghe lastre di

Dettagli

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari.

Le scale di accesso alle zone soppalcate sono tutte in metallo a giorno, gli infissi esterni ed interni sono in legno e, nella generalità, originari. UNITÀ IMMOBILIARE: Sita in Roma via Giacomo Venezian, 22, piano primo interno 1 con asservito posto auto via Gaetano Sacchi,19 - DESTINAZIONE D USO: abitazione Prezzo Appartamento più Garage: 870.000 Euro

Dettagli

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi

In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi In questa foto si vede l antica chiesa di Creola che si trovava nel vecchio borgo del paese. La strada non è asfaltata e ci sono delle persone che vi camminano in mezzo. A destra si nota una macchina d

Dettagli

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1

Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 Roma - Viale Angelico, 84c - scala A - piano primo - int. 1 2. DESCRIZIONE E IDENTIFICAZIONE DELL UNITÀ IMMOBILIARE 2.1 Caratteristiche estrinseche dell edificio in cui è ubicata l unità immobiliare L

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO

ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ISTITUTO COMPRENSIVO GIULIO DE PETRA CASOLI (CH) DIR. SCOLASTICO: DOTT.SSA ANNA DI MARINO ANNO SCOLASTICO 2011/2012 SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO - CASOLI CORSO DI TECNOLOGIA INS. MARIO DI PRINZIO INS.

Dettagli

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE

CENTRO VISITE SILVANO MASSOLO AD AISONE Parco Alpi Marittime INFORMAZIONI ACCESSIBILITÀ CENTRO VISITE DI VERNANTE Il Centro visite è ubicato al piano terra di un edificio posto al centro dell abitato di Vernante in Valle Vermegnana. La struttura

Dettagli