Ndrangheta e Chiesa 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ndrangheta e Chiesa 1"

Transcript

1 Ndrangheta e Chiesa 1 di Donatella Loprieno 1. La protettrice di tutti i mafiosi. Non diversamente da quello che accade nelle altre organizzazioni mafiose, anche gli appartenenti alla ndrangheta mostrano una forte dedizione alla religione cattolica, partecipando ai suoi riti e alle sue cerimonie, mutuandone utilitaristicamente la simbologia (Tizian, 2010) e aderendo al suo sistema sacramentale. Battesimi, matrimoni e funerali appaiono essere, ancor prima che strumenti di salvezza e segni sensibili della grazia di Dio, eventi pubblici e passaggi obbligati grazie ai quali uomini e donne dell universo mafioso calabrese stringono alleanze, rinnovano patti, mostrano e/o pretendono deferenza e rispetto. La celebrazione dei santi e delle sante patrone necessita, come altrove, di un apparato liturgico organizzato generalmente intorno alle processioni. Queste ultime, nelle molte varianti presenti in Calabria, costituiscono momenti importanti per gli ndranghetisti: portare sulle spalle la statua del santo o far sì che essa si fermi sotto la casa di questo o quel personaggio è, in alcuni contesti, un onore che pochi possono permettersi e un chiaro messaggio sul ruolo all interno del sodalizio criminale. Gli uomini d onore calabresi, in particolare, per antica tradizione hanno eletto la Madonna di Polsi, il cui santuario sorge nel cuore dell Aspromonte, nel territorio di San Luca, a loro protettrice. Per Cosimo Cirfeta, un collaboratore di giustizia, la Madonna di Polsi è addirittura da considerare la protettrice di tutti i mafiosi (Ciconte, 2008). Il santuario aspromontano è rappresentato come un luogo mitico ove, già a partire dall Ottocento, gli uomini della onorata società discutono dei loro affari, assegnano cariche e decidono doti sentenziando, altresì, della vita o della morte dei colpevoli di qualche inosservanza alle regole comuni. Nei pressi del Santuario, il primo giugno 1989, venne decapitato a colpi di fucile Don Giuseppe Giovinazzo, parroco di Moschetta di Locri e responsabile della processione rituale della Madonna di Polsi. Nel 1985, il religioso aveva celebrato il matrimonio dell allora latitante Giuseppe Cataldo di Locri e, intervistato su tale vicenda, ebbe a dire che non era tenuto a conoscere la fedina penale di chi si sposa, non rientrando ciò nella missione sacerdotale. Tale omicidio, sulle cui ragioni non è mai stata fatta chiarezza, non ha certamente contribuito a far scendere il silenzio su Polsi. Di ciò che il suo santuario rappresenta si continua a parlare, specie a fine estate e nella imminenza dei festeggiamenti che si tengono i primissimi giorni di settembre. Comprensibilmente le autorità della Chiesa locale, specie dopo la diffusione delle riprese, ad opera dei carabinieri nel settembre del 2009, di un summit tra ndrine presso il Santuario, da un lato, denunciano la terribile profanazione del sacro e l insulto alla religione dei padri e, dall altro, ricordano che Polsi non è stata e non è solo ndrangheta. Monsignor Giuseppe Morosini, pastore della diocesi di Locri-Gerace, in occasione della festa della Madonna della Montagna di Polsi del settembre 2012 ha ricordato che la Chiesa perdona tutti, anche i mafiosi, ma la conversione deve essere autentica. Il perdono agli ndranghetisti non viene, nelle parole del vescovo, dato a buon mercato. 2. La religiosità meridionale. Queste prime considerazioni sui rapporti tra la principale confessione religiosa del nostro Paese e gli appartenenti alla ndrangheta mostrano come essi non paiono, nel fondo, discostarsi significativamente dagli atteggiamenti riscontrati nelle altre organizzazioni mafiose, già oggetto di studio da diverse angolazioni prospettiche (Fiorita, 2012; Sales: 2010; Cavadi, 2009; Dino, 2008; Ceruso, 2007; Savagnone, 1998; Scarpinato, 1998). È noto tuttavia che la 1 In Dizionario enciclopedico di mafie e antimafie, a cura di Manuela Mareso e Livio Pepino, Gruppo Abele, Torino, 2013.

2 ndrangheta è stata storicamente sottovalutata e sottostimata (Parini, 2010, Forgione, 2009, Ciconte,2008a ) e ciò ha, in parte, contribuito alla sua crescita esponenziale e alla costruzione di un sistema di potere al contempo sofisticatissimo e ancorato alle tradizioni, alla ritualità e alla simbologia. Altrimenti detto, la conquista di una posizione dominante nel traffico internazionale degli stupefacenti, a partire dalla fine degli anni Settanta del secolo scorso, e la resistenza opposta alla repressione dello Stato dopo le stragi del 1992, non hanno affatto allentato le trame che legano la ndrangheta al suo territorio di tradizionale insediamento (Parini,2010). Per indagare le ragioni del perché la religiosità delle popolazioni meridionali e la storica presenza della Chiesa non abbiano agito da freno al consolidamento delle organizzazioni criminali, appare ragionevole estendere alla Calabria le conclusioni di Umberto Santino e di Alessandra Dino. Il primo studioso si è spinto a paragonare organizzazione della Chiesa e modello mafioso: Dobbiamo chiederci se, e in che misura, la Chiesa ha contribuito all affermazione, diffusione e introiezione di una visione gerarchico-autoritaria La societas ecclesiale è fondata sulla sottomissione, sulla cancellazione di sé, sull accettazione dei fini sociali Una metafora dell obbedienza incondizionata, totalizzante, come il perinde ac cadaver, si attaglia perfettamente alla rigidità e indiscutibilità del comando mafioso (Santino, 1995: 40-55). Per Alessandra Dino (2000: 211) bisogna parlare di sincretismo di modelli culturali che, nel corso del tempo, avrebbe portato a fenomeni di ibridazione tra orientamenti valoriali diversi proprio in virtù della pressoché scarna e superficiale riflessione maturata sul problema mafia da parte della Chiesa. 3. Chiesa e Stato. La Calabria, eccezion fatta per il suo lontanissimo passato magnogreco, è stata storicamente una terra marginale. Come gran parte del Sud, essa non ha fatto esperienza dell autonomia dei Comuni e ciò ha ritardato la conclusione della sua fase feudale con tutti i suoi portati sui percorsi di modernizzazione. La marginalità della Calabria era poi evidente già prima della unificazione nazionale sotto il Regno delle Due Sicilie perché lontanissima, sotto tutti i punti di vista, dalle due capitali Napoli e Palermo. L arretratezza culturale ed economica di queste terre non ha consentito, peraltro, di sviluppare gli anticorpi necessari per resistere ai processi di uniformizzazione imposti dallo Stato unitario e per combattere il conservatorismo sociale e politico delle élites locali (Villari, 1963; Spagnoletti, 1997). Non bisogna dimenticare che se vi fu una partecipazione attiva al Risorgimento, a essa si affiancarono forti forme di opposizione popolare tra cui il sanfedismo e il brigantaggio (Rauti, Spadaro, 2011). Il coinvolgimento marginale dei calabresi alla Resistenza al nazifascismo, momento fondativo dell ethos pubblico all origine della Costituzione repubblicana, segna una ulteriore tassello della scarsa partecipazione alla costruzione politico-culturale della vita nazionale (Ghisalberti, 1983). Potrebbe sembrare una semplificazione eccessiva eppure ciò che pare mancare da sempre a buona parte della società calabrese è il senso dello Stato, il riconoscimento diffuso, popolare, che lo Stato o melius, la cosa pubblica c è, ma non solo in senso negativo (vessazione del potere, costrizione che nasce da un obbligo giuridico ), ma in senso assolutamente positivo (casa comune, sede in cui, e attraverso cui, ottenere giustizia (Rauti, Spadaro, 2011: 7). Il sistema di potere reticolare della ndrangheta (cfr. voce) ha trovato in tutto ciò un terreno fertilissimo su cui prosperare, e che ha contribuito a conservare non avendo nulla da guadagnare, e tutto da perdere, dal recupero o dalla riscoperta della legalità, della prevalenza dell interesse generale sugli egoismi individuali e di gruppo, in una parola dell etica pubblica costituzionale. La Chiesa cattolica si è opposta storicamente a questa deriva o la ha assecondata? Per Enzo Ciconte, che della ndrangheta è fine studioso, la Chiesa meridionale è rimasta a lungo invischiata in quella santa alleanza conservatrice che, a partire dalla metà all Ottocento e per quasi tutto il secolo scorso, ha ostacolato ogni serio cambiamento degli assetti di potere consolidati (Ciconte, 2008b: 211). È nota la conflittualità tra il neonato Stato liberale italiano e la Chiesa cattolica che rifiutava

3 l intero assetto ideologico del liberalismo ivi compresa la desacralizzazione del potere e del diritto. Il conflitto era politico prima che religioso e strutturale, prima che ideologico ponendo lo Stato italiano nella condizione di difendersi da un progetto alternativo a quelle che erano le ragioni stesse del suo essere Stato moderno (Cardia, 1990: 37). L alleanza della Chiesa cattolica con lo Stato fascista, sugellata dalla svolta concordataria del 1929, era funzionale alla costruzione di un fronte comune contro il diffondersi del verbo marxista. Dunque, l avversione della Chiesa al liberalismo, prima, e al comunismo, poi, è stata così radicale da spingere a forme di collaborazione e vicinanza con tutti quelli che tali idee rifiutavano: mafie comprese. La ndrangheta, da parte sua, ha sapientemente utilizzato il sentimento di ostilità che parte della popolazione calabrese nutriva nei confronti dello Stato unitario e sul polemico disinteresse per il funzionamento dello stesso. Se è vero che nella propaganda antiunitaria un ruolo di primo piano è stato svolto dalla Chiesa cattolica, vi è chi ritiene che si sia trattato anche di una copertura ideologica volta a nascondere ai più che la ndrangheta andava sviluppandosi grazie anche alla presenza della nuova entità statuale che nelle sue articolazioni e nei suoi rappresentanti periferici e a volte anche centrali era complice non assente! era connivente e colluso perché l uno supportava l altra (Ciconte, 2008: 378). Un blocco di potere, dunque, che in Calabria specialmente complici tanto lo Stato quanto buona parte della Chiesa annientò sul nascere, come ricorda Umberto Santino (2009), il primo vero movimento antimafia: contadini, braccianti, sindacalisti in lotta per l occupazione delle terre e per la realizzazione della giustizia sociale. 4. Dall indifferenza al tentativo di distanza. Ndrangheta e Chiesa hanno percorso un lungo tratto della propria storia non solo non intralciandosi l un l altra, ma troppo spesso aiutandosi reciprocamente e ognuna per il proprio tornaconto: la ricerca del consenso ai fini del controllo sociale. La Chiesa, che è una delle maggiori agenzie sociali in grado di fornire consenso, non si è tirata indietro almeno fino a una epoca abbastanza recente e non senza qualche ambiguità. Paradossalmente, su alcune questioni, quali l ordine naturale della famiglia e la legittimità della sola giustizia ultraterrena (solo per fare qualche esempio), si è registrata una pericolosa convergenza tra uomini di Chiesa e uomini di ndrangheta. Si conferma così l idea che non sempre in media stat virtus, non sempre cioè la posizione più coerente con il sistema valoriale di riferimento è quella che rifugge da una delle opzioni estreme. Anche nella storia dei rapporti tra il mondo cattolico e gli ambienti ndranghetisti si registrano casi di autentica complicità e casi di preti che si sono esposti alla violenza perché hanno ritenuto di dover interpretare il proprio ruolo facendo azione sociale e pastorale contro. Persino nei casi in cui più intensi sono stati i legami tra religiosi ed ambienti ndranghetisti, non si è giunti a una corale presa di distanza. Si pensi, ad esempio, al caso di Don Stilo, per cinquant anni sacerdote di Africo, per alcuni benefattore e figura da rivisitare (Belluscio, Kostner, 2009), per molti altri sodale di spicco di una cosca della Locride e malandrino per definizione (Palamara: 2012). In molti, tuttavia, concordano nel ritenere che i preti-boss e i pretimartiri costituiscono comunque, nella loro atipicità, un eccezione. La norma è stata, invece, una sorta di indifferenza disincantata delle Chiese cristiane e in particolare della Chiesa cattolica, rispetto ad una questione considerata, a torto, di competenza dello Stato (Cavadi, 2008: 30-31). La Calabria ha conosciuto ministri del culto cattolico dalle più che dubbie frequentazioni mafiose; ha più di recente conosciuto preti impegnati, a diverso titolo ed in misura diversa, a costruire una antimafia sociale incisiva; per (s)fortuna non ha conosciuto, e speriamo non debba mai farne conoscenza, preti-martire come Don Puglisi o Don Diana. La normalità dei rapporti tra preti e ndranghetisti è stata per lunghissimo tempo la convivenza sugli stessi territori e la condivisione degli spazi e dei meccanismi di produzione e riproduzione del consenso. Anche e soprattutto in Calabria, vittime e carnefici hanno

4 occupato gli stessi banchi della Chiesa e pregato lo stesso Dio a testimonianza che l agire degli uomini di Chiesa non ha avuto la forza di rompere codici culturali: ordine, famiglia, gerarchia. Più di recente, però, sono stati prodotti dalla Chiesa calabrese interessanti documenti ufficiali contro le mafie cogliendosi anche una maggiore sensibilità alla questione. Altrimenti detto, anche per la Chiesa calabrese quello dei rapporti ambigui ed ambivalenti con il mondo della ndrangheta costituisce un problema di non poco conto. Invero, già nel 1975, da presidente della Conferenza episcopale calabrese, monsignor Ferro scriveva un documento, firmato dagli altri vescovi calabresi, dal titolo L episcopato calabro contro la mafia, disonorante piaga della società. Qui il fenomeno mafioso viene chiamato cancro esiziale e soprastruttura parassitaria che rode la nostra compagine sociale. Nel 2007, a Falerna, si è tenuto un interessante convegno, dal titolo E cosa nostra, organizzato dalla Caritas Calabria, il cui delegato regionale all epoca era Don Ennio Stamile (Stamile, Schinella, 2007) a cui ha fatto seguito, nello stesso anno, un documento della Conferenza episcopale calabra ( Se non vi convertirete, perirete tutti allo stesso modo ) ove si legge che le mafie devono essere contrastate perché nemiche del vangelo e della comunità umana ). Quelle citate sono solo alcuni tra i non pochi atti con cui la Chiesa ufficialmente mostra di voler cambiare strategie e posizionamento nei riguardi delle mafie. A ricordarci la difficoltà di questo cambiamento stanno preti come don Memè Ascone, parroco di Rosarno, che, chiamato a testimoniare dal Tribunale di Palmi su presunti affiliati della cosca Pesce, non ha esitato a definirli buoni fedeli, sempre presenti alle cerimonie religiose e generosi sostenitori delle attività della parrocchia. Bibliografia - Belluscio C., Kostner F. (2009), Il Vangelo secondo don Stilo. Il prete scomodo che doveva per forza essere mafioso, Klipper, Cosenza. - Cardia C. (1990), La riforma del Concordato. Dal confessionismo alla laicità dello Stato, Torino. - Cavadi A. (2008), La mafia spiegata ai turisti, Di Girolamo, Trapani. - Cavadi A. (2009), Il Dio dei mafiosi, San Paolo, Cinisello Balsamo. - Ceruso V. (2007), Le sagrestie di Cosa Nostra, Inchiesta su preti e mafiosi, Newton Compton, Roma. - Ciconte E. (1992), Ndrangheta dall Unità ad oggi, Laterza, Roma-Bari. - Ciconte E. (2008a), Ndrangheta, Rubbettino, Soveria Mannelli. - Ciconte E. (2008b), Storia criminale, Rubbettino, Soveria Mannelli. - Dino A. (2000), Chiesa, mafia. Giustizia divina, giustizia terrena in Siebert R., Relazioni pericolose, Rubbettino, Soveria Mannelli. - Dino A.(2008), La mafia devota, Laterza, Roma-Bari. - Dino A. (2009), Pentiti, Donzelli, Roma. - Fiorita N. (2012), Mafie e Chiesa, in Forgione F. (2009), ndrangheta. Boss luoghi e affari della mafia più potente al mondo. La relazione della Commissione Parlamentare Antimafia, Baldini Castoldi Dalai, Milano. - Ghisalberti C. (1983), Storia costituzionale d Italia ( ), Laterza, Roma-Bari. - Palamara R. (2012), Il padre degli africoti, in La ndrangheta davanti all altare il dossier, in www. stopndrangheta.it.

5 - Parini E. G. (2010), The Strongest mafia. ʾndrangheta made in Calabria, in A. Mammone, G. Veltri (a cura di), The Sick Man of Europe, Routledge, London-New York. - Rauti A., Spadaro A. (2011), Senso dello Stato, familismo amorale e ndrangheta: il problema dell inquinamento criminale della partecipazione politica in Calabria, in - Sales I (2010), I preti e i mafiosi. Storia dei rapporti tra mafie e chiesa cattolica, Dalai Editore, Milano. - Santino U. (1995), in AA.VV. La Chiesa si lascia provocare, Palermo. - Santino U. (2009), Storia del movimento antimafia. Dalla lotta di classe all impegno civile, Editori Riuniti, Roma. - Savagnone G. (1998), La Chiesa di fronte alla mafia, Paoline, Milano. - Scarpinato R. (1998), Il Dio dei mafiosi, In Micromega, 1. - Stamile E., Schinella I. (2007), È cosa nostra. Una pastorale ecclesiale per l educazione delle coscienze in contesti di ndrangheta, Editoriale progetto 2000, Cosenza. - Tizian G. (2010), Polsi e la ndrangheta: quando il consenso è anche questione di simboli, in La ndrangheta davanti all altare il dossier, in www. stopndrangheta.it. - Villari R., a cura di (1963), Il Sud nella storia d Italia. Antologia della questione meridionale, Laterza, Roma-Bari. - Viscone F. (2010), Gli ndranghetisti? Non sono nostri fratelli,, in La ndrangheta davanti all altare il dossier, in www. stopndrangheta.it.

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Indice. Introduzione... 5

Indice. Introduzione... 5 ECCOCI signore_eccoci signore 26/10/10 12.56 Pagina 199 Indice Introduzione.......................................... 5 Alcuni interrogativi.................................... 7 La lettura della tradizione................................

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

STATUTO AZIONE CATTOLICA

STATUTO AZIONE CATTOLICA STATUTO AZIONE CATTOLICA 1. L Azione Cattolica Italiana è una Associazione di laici che si impegnano liberamente, in forma comunitaria ed organica ed in diretta collaborazione con la Gerarchia, per la

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI

SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI SINTESI DEI DOCUMENTI CONCILIARI 1. LE QUATTRO COSTITUZIONI CONCILIARI La Costituzione dogmatica sulla Chiesa Questo documento, il più solenne di tutto il Concilio, comincia con le parole «Lumen gentium»

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA ARGOMENTO CONTENUTI ESSENZIALI PERIODO ORE PREVISTE Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi La Chiesa, comunità dei cristiani aperta

Dettagli

Il servizio fotografico e le videoriprese nella celebrazione dei Sacramenti

Il servizio fotografico e le videoriprese nella celebrazione dei Sacramenti ARCIDIOCESI di TRENTO Ufficio per le Comunicazioni Sociali ASSOCIAZIONE ARTIGIANI E PICCOLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI TRENTO Categoria Fotografi e Cineoperatori Il servizio fotografico e le videoriprese

Dettagli

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA

CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA CURRICOLA DI RELIGIONE CATTOLICA Scuola Primaria CLASSE 1 ^ COMPETENZE CONOSCENZE ABILITA COGLIERE I VALORI ETICI E RELIGIOSI PRESENTI NELL ESPERIENZA DI VITA E RELIGIOSA DELL UOMO - Prendere coscienza

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

DECRETO circa le Esequie Religiose

DECRETO circa le Esequie Religiose Diocesi Oppido-Palmi DECRETO circa le Esequie Religiose Prot.n 417/08/DE Vista l opportunità emersa nel Consiglio Presbiterale dell 11 aprile 2008 di dare una nuova Regolamentazione diocesana alle Esequie

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ---------------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI DIRITTO DELLE RELIGIONI LEZIONE III L ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE DELLA CHIESA IN ITALIA PROF. MARCO SANTO ALAIA Indice 1 L organizzazione territoriale della Chiesa ----------------------------------------------------------

Dettagli

1.1. Diocesi di Lugano. Direttive per il ministero pastorale. 1.1. Il Battesimo

1.1. Diocesi di Lugano. Direttive per il ministero pastorale. 1.1. Il Battesimo 1.1. Diocesi di Lugano Direttive per il ministero pastorale 1.1. Il Battesimo 8 Il Battesimo 1.1.0. Norme generali sul Battesimo Sommario I. Preparazione al Battesimo II. Ministro del Battesimo III. Luogo

Dettagli

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani)

CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) CELEBRARE O ESSERE SACRAMENTO DELLE NOZZE? Incontro diocesano dei percorsi di preparazione al matrimonio cristiano. (Marco e Cristina Bazzani) IL SACRAMENTO DELL AMORE EUCARESTIA Nell Eucarestia il segno

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

Indice. APPALTI, di Ivan Cicconi. ARCHEOMAFIA, di Federica Sacco. ASSOCIAZIONE DI TIPO MAFIOSO, di Costantino Visconti

Indice. APPALTI, di Ivan Cicconi. ARCHEOMAFIA, di Federica Sacco. ASSOCIAZIONE DI TIPO MAFIOSO, di Costantino Visconti Indice INTRODUZIONE, di Manuela Mareso e Livio Pepino AGROMAFIE, di Marco Rizzo Alto Commissariato v. Antimafia, uffici giudiziari ANTIMAFIA I. Commissione parlamentare, di Livio Pepino II. Convenzioni

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

L IRC nella scuola italiana: coordinate di riferimento

L IRC nella scuola italiana: coordinate di riferimento UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CORSO BIENNALE DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN SCIENZE RELIGIOSE CON INDIRIZZO PEDAGOGICO-DIDATTICO CORSO DIDATTICA DELLA RELIGIONE CATTOLICA IN PROSPETTIVA INTERCULTURALE

Dettagli

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA

RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA RINNOVO DEL CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE DI CONCORDIA SAGITTARIA Il Consiglio Pastorale Parrocchiale, come organismo di comunione e di corresponsabilità, a servizio della comunità parrocchiale, per

Dettagli

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI

DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE ANNI APPENDICE: INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA RELIGIONE CATTOLICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRE ANNI QUATTRO ANNI CINQUE

Dettagli

Operatori Laici di Pastorale-Formazione-1984

Operatori Laici di Pastorale-Formazione-1984 Operatori Laici di Pastorale-Formazione-1984 FORMAZIONE DEGLI OPERATORI LAICI DI PASTORALE L.V.D. LXXV (1984) pp. 384-396 I - Per una Chiesa tutta ministeriale PARTE PRIMA: PRINCIPI GENERALI 1. La Chiesa

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Istituto Comprensivo

Istituto Comprensivo CLASSE I - SCUOLA PRIMARIA Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore, Padre e che fin dalle origini ha stabilito un'alleanza con l'uomo. Affinare capacità di osservazione dell ambiente circostante

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

IL SERVIZIO DEI FOTOGRAFI E VIDEO-OPERATORI NELLE CELEBRAZIONI DEI SACRAMENTI

IL SERVIZIO DEI FOTOGRAFI E VIDEO-OPERATORI NELLE CELEBRAZIONI DEI SACRAMENTI DIOCESI DI CONCORDIA-PORDENONE UFFICIO LITURGICO ASCOFOTO CONFCOMMERCIO PORDENONE GRUPPO PROVINCIALE FOTOGRAFI IL SERVIZIO DEI FOTOGRAFI E VIDEO-OPERATORI NELLE CELEBRAZIONI DEI SACRAMENTI Regolamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

PRESUPPOSTI DOTTRINALI

PRESUPPOSTI DOTTRINALI La comunità ecclesiale celebra le proprie Liturgie, ma nello stesso tempo non si dà pace, finché ci saranno fratelli e sorelle nella sofferenza spirituale e materiale" PRESUPPOSTI DOTTRINALI La comunità

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

Celebrazione eucaristica per il Ventunesimo anniversario dell uccisione di Don Peppino Diana

Celebrazione eucaristica per il Ventunesimo anniversario dell uccisione di Don Peppino Diana Diocesi di Aversa Parrocchia San Nicola Casal Di Principe 19 marzo 2015 Celebrazione eucaristica per il Ventunesimo anniversario dell uccisione di Don Peppino Diana Carissimi Confratelli nel sacerdozio,

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO GRUPPO MINISTRANTI DON PEPPE DIANA

PROGETTO FORMATIVO GRUPPO MINISTRANTI DON PEPPE DIANA PARROCCHIA IMMACOLATA CONCEZIONE PROGETTO FORMATIVO GRUPPO MINISTRANTI DON PEPPE DIANA (TRATTO DA GUIDA PER L ACCOMPAGNAMENTO FORMATIVO DEI MINISTRANTI. FONTE: MinistrantiOk.com il portale dei ministranti)

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino

PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino PROGETTAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2015-2016 Scuola Primaria I.C. G.B. Grassi - Fiumicino Docenti : STRANIERI Adriana... OCCHIUTO Letizia... CONSOLI Francesca... ASSANTE Rosy... MENGONI

Dettagli

II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO

II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO PARTE PRIMA II. FONTI DEL DIRITTO ECCLESIASTICO 1. Classificazione Fonti di produzione del diritto ecclesiastico: fonti di provenienza unilaterale statale: norme che lo Stato emana direttamente e autonomamente

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010 SAN GIUSTO MARTIRE Omelia +Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo di Trieste 3 novembre 2010 Distinte Autorità civili e militari, fratelli e sorelle, bratije in sestre, 1. La Chiesa di Trieste onora e

Dettagli

Diocesi di Massa Carrara Pontremoli

Diocesi di Massa Carrara Pontremoli Diocesi di Massa Carrara Pontremoli Oggi devo fermarmi a casa tua (Lc 19,5) PIANO PASTORALE 2015-2016 Carissimi, un saluto e un augurio di bene in questa occasione della festa di san Francesco, patrono

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO - Documentazione grafica - CONFERENZA STAMPA Zelarino, giovedì 16 febbraio 2012 1 Identità religiose del Nord Est - stime - 3,3 8,2 1,4 11,6 75,6 italiani cattolici immigrati cattolici italiani di altre

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO IN PORTOGALLO II, COSTA RICA, NICARAGUA I, PANAMA, EL SALVADOR I, GUATEMALA I, HONDURAS, BELIZE, HAITI

La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO IN PORTOGALLO II, COSTA RICA, NICARAGUA I, PANAMA, EL SALVADOR I, GUATEMALA I, HONDURAS, BELIZE, HAITI La Santa Sede VIAGGIO APOSTOLICO IN PORTOGALLO II, COSTA RICA, NICARAGUA I, PANAMA, EL SALVADOR I, GUATEMALA I, HONDURAS, BELIZE, HAITI INCONTRO CON LE FAMIGLIE CRISTIANE DI PANAMA OMELIA DI GIOVANNI PAOLO

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

Arcidiocesi di Sorrento Castellammare di Stabia

Arcidiocesi di Sorrento Castellammare di Stabia Arcidiocesi di Sorrento Castellammare di Stabia ORIENTAMENTI E NORME PER LA CELEBRAZIONE DEL MATRIMONIO NELLA DIOCESI DI SORRENTO - CASTELLAMMARE DI STABIA La Chiesa che è in Sorrento-Castellammare di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO. Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi

PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO. Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi Carissimi parrocchiani, a distanza di due anni dall elaborazione del Piano

Dettagli

4. 23 dicembre 2013: La sinodalità

4. 23 dicembre 2013: La sinodalità 1 4. 23 dicembre 2013: La sinodalità Una volta precisata la natura della parrocchia come comunità ecclesiale, e del sacerdote parroco come pastore del popolo, passo a vedere come si debba affrontare al

Dettagli

Annotazione nell atto di matrimonio della scelta del regime applicabile ai rapporti patrimoniali tra i coniugi

Annotazione nell atto di matrimonio della scelta del regime applicabile ai rapporti patrimoniali tra i coniugi Annotazione nell atto di matrimonio della scelta del regime applicabe ai rapporti patrimoniali tra i coniugi La scelta del regime patrimoniale rientra fra le dichiarazioni che possono essere annotate nell

Dettagli

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS

L ORGANISMO PASTORALE CARITAS L ORGANISMO PASTORALE CARITAS Roma, novembre 2006 INDICE 1. Natura 2. Compiti 3. Destinatari 4. Progettualità 5. Ambiti di azione 1. NATURA della Caritas diocesana Roma, novembre 2006 UNA CARTA DI RIFERIMENTO

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO

APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO APPENDICE PROPOSTE CONCRETE RELATIVE A CIASCUN CAPITOLO 249 CAPITOLO 1 LA CHIESA, COMUNITÀ DI CHIAMATI A) FAR CRESCERE LA CHIESA: EDUCARCI A VIVERE IN COMUNITÁ Formazione permanente per le famiglie, n.

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

MATRIMONI INTERCONFESSIONALI TRA CATTOLICI ED EVANGELICI

MATRIMONI INTERCONFESSIONALI TRA CATTOLICI ED EVANGELICI MATRIMONI INTERCONFESSIONALI TRA CATTOLICI ED EVANGELICI RISPOSTE A QUESITI POSTI CON FREQUENZA (FAQ) (I riferimenti tra parentesi richiamano il testo di accordo cattolici battisti, ma sono validi anche

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

PARROCCHIA MARIA SS. IMMACOLATA MODULO DI ISCRIZIONE

PARROCCHIA MARIA SS. IMMACOLATA MODULO DI ISCRIZIONE Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Stato civile Via e n. civico CAP e Città PARROCCHIA MARIA SS. IMMACOLATA MODULO DI ISCRIZIONE da inviare a info@parrocchiascilla.it debitamente compilato (e

Dettagli

Sussidio di formazione e spiritualità liturgica. Culmine e Fonte. La famiglia coltiva e trasmette la fede

Sussidio di formazione e spiritualità liturgica. Culmine e Fonte. La famiglia coltiva e trasmette la fede Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in Abbonamento Postale - D.L. 353/2003 (conv. in L.27/02/2004 n.46) art.1 comma 1 - DCB Roma - Anno XX (Nuova serie) n. 115-2013/5 2013 5 Sussidio di formazione e spiritualità

Dettagli

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998)

Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Celebrazione del Matrimonio (6 gennaio 1998) Senigallia, 6 gennaio 1998 Solennità dell Epifania Ai Parroci Ai Rettori di Chiese Ai Religiosi A tutti i Sacerdoti Oggetto: Celebrazione del Matrimonio Cari

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI CARBONERA PER LA SCUOLA PRIMARIA DI RELIGIONE CATTOLICA Tenuto conto dei traguardi per lo sviluppo delle competenze e degli obiettivi di apprendimento al termine

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

Testi tratti da: Cent anni di Mafia Storia criminale. G. Lo Schiavo E. Ciconte. N. Dalla Chiesa La convergenza

Testi tratti da: Cent anni di Mafia Storia criminale. G. Lo Schiavo E. Ciconte. N. Dalla Chiesa La convergenza 3^asl 4^bs STORIA DELLA MAFIA Testi tratti da: G. Lo Schiavo E. Ciconte Cent anni di Mafia Storia criminale N. Dalla Chiesa La convergenza Antecedenti storici Agli inizi dell 800 vi era ancora in Sicilia

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE

SCUOLA DELL INFANZIA PRIMO CICLO D ISTRUZIONE APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA RELATIVE ALL INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (DPR 11 FEB- BRAIO 2010) SCUOLA DELL INFANZIA Le attività

Dettagli

COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA

COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA COMPENDIO DEL CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA COMPENDIO «MOTU PROPRIO» Introduzione PARTE PRIMA - LA PROFESSIONE DELLA FEDE Sezione Prima: «Io credo» - «Noi crediamo»

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

I traguardi per lo sviluppo delle competenze e gli obiettivi di apprendimento dell IRC nella Scuola Primaria + Il Curricolo Disciplinare

I traguardi per lo sviluppo delle competenze e gli obiettivi di apprendimento dell IRC nella Scuola Primaria + Il Curricolo Disciplinare SUSSIDIO DIDATTICO I traguardi per lo sviluppo delle competenze e gli obiettivi di apprendimento dell IRC nella Scuola Primaria + Il Curricolo Disciplinare Anno Scolastico 2010-2011 INDICE 3 Obiettivi

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Roma, 15 giugno 2013 p. Pasquale Castrilli OMI Schema 1. La Missione in Italia oggi 2. Il Centro d ascolto (CDA) strumento di annuncio 3. Icone bibliche

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli