Il filosofo fascista attraverso la stampa dell epoca Cronologia ragionata

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il filosofo fascista attraverso la stampa dell epoca Cronologia ragionata"

Transcript

1 Il filosofo fascista attraverso la stampa dell epoca Cronologia ragionata di Silvia Casola, Giovanni Di Stefano, Oriana Magro, Pietro Maltese, Claudia Nuccio, Serena Russo e Sara Tummarello 15 Aprile Viene ucciso il filosofo fascista Giovanni Gentile. La sua morte divide non solo l opinione pubblica ma anche lo stesso fronte antifascista. Giovanni Gentile, intellettuale simbolo del regime mussoliniano, svolge una fondamentale azione a favore della legittimazione ideologica della dittatura. Non possono essere attribuiti crimini di nessun genere al filosofo, tuttavia egli sostiene più volte in pubblico i metodi squadristi e l'uso della violenza politica. È forse questa la ragione per cui la sua morte è offuscata, ancora oggi, da una coltre di polemiche, data anche la scarsa chiarezza che ancora permane sul fatto storico. La stampa riferisce riflessioni discordanti sull accaduto. Morte necessaria o barbara uccisione di un filosofo? Gli stessi organi del regime diffondono diverse versioni relative alla risonanza della notizia sull opinione pubblica. Un bollettino riservato della Guardia Nazionale Repubblicana riferisce: «I funerali di Giovanni Gentile si sono svolti in un'atmosfera di raccoglimento. La popolazione vi ha partecipato in massa, mantenendo però un atteggiamento del tutto riservato». Poi rettifica «Ai funerali di Gentile scarso concorso di cittadinanza. Forze di servizio 720.» E se di difficile interpretazione risulta la reazione dell opinione pubblica, incompatibili sono le visioni relative alla necessità della morte del filosofo e al suo significato storico-politico. Indicativo è l atteggiamento di riservatezza adottato dal regime. Le prime manifestazioni di cordoglio fascista sull'uccisione di Gentile sono, infatti, molto caute: la radio del 15 aprile tace la notizia, se ne danno rapidi cenni l'indomani. La stessa Nuova Antologia, la rivista di cui Gentile aveva assunto la direzione, non dà alcun accenno dell avvenuta morte. Quanto agli antifascisti, appaiono divisi sul giudizio da esprimere riguardo a quell'esecuzione. La stampa, dunque, mostra pareri diametralmente opposti, rendendo il 15 Aprile simbolo di una contraddizione più profonda, insita nel momento storico; la vita stessa di Gentile è contrassegnata da luci e ombre: molti i delatori e molti i sostenitori, tuttavia tale contraddizione non può essere pienamente colta se non contestualizzandola in un atmosfera sociale e culturale fortemente politicizzata. La stampa risulta condizionata da quest atmosfera: l estremizzazione politica si riflette anche sui vertici del giornali. Due grandi coalizioni si formano: se da un lato alcune testate si schierano apertamente come anti-fasciste, di contro, il regime cerca in ogni modo di assoggettare la stragrande maggioranza dei giornali. Costruire e ottenere il consenso è, infatti, una delle prerogative di tutti i regimi dittatoriali. Anche Mussolini, che prima di diventare duce del fascismo, era un capace ed esperto giornalista, capisce che le radici del suo potere, la forza dello Stato fascista risiedono anche nella concreta limitazione della libertà di stampa. 1

2 Suggerire i pensieri alle masse, fornire loro un immagine studiata, patinata, filtrata e positivamente modellata della realtà diventa subito un compito primario affidato ai gerarchi fascisti e imposto ai direttori dei quotidiani. Incuriosisce sapere che ogni notizia di cronaca nera viene tolta dalle colonne dei quotidiani. [ ] Improntare il giornale a ottimismo, fiducia e sicurezza nell avvenire diventa la prima delle regole di un decalogo il cui fine era convincere gli italiani che la loro vita era migliorata e assumeva, solo adesso, un senso compiuto. 1 Buona parte degli articoli pubblicati è volta all esaltazione delle abilità del duce, tutta l attività delle redazioni è sottoposta a stretto controllo e ogni settore della cronaca è vincolato da regole precise. La politicizzazione della stampa fa sì che analizzando il periodo storico attraverso la cronaca giornalistica emergano due quadri speculari. Quello che ci si propone in questa sede è di analizzare la figura di Gentile attraverso quell atmosfera storico-politica cui egli è indissolubilmente legato, così da mettere in luce, per quanto possibile, come le differenti visioni del personaggio ne siano conseguenti. Il periodo analizzato è quello che va dal anno della conferenza di pace di Parigi e della conseguente vittoria mutilata - al 1924, quando il delitto Matteotti segna l inizio della vera e propria epoca fascista. La stampa sarà il filtro attraverso il quale analizzare il clima politico, con una particolare attenzione a quegli episodi in cui il filosofo fascista è stato coinvolto. Si prenderanno in considerazione gli eventi fondamentali dal 1919 al 1924 attraverso le visioni lontane ma complementari che le diverse testate ne hanno fornito, commentando articoli di periodici con visioni del tutto divergenti Gentile aveva già da tempo dimostrato grande interesse per la politica. I giudizi sulla politica interna e sulla posizione internazionale dell Italia, espressi su un quotidiano di tendenze liberalnazionalistiche, vengono definiti eccellenti mezzi di propaganda patriottica e culturale dal nazionalista Vittorio Cian. L autonomia e il valore supremo dello Stato sono, infatti, affermati con insistenza contro un liberalismo inquinato dal metodo giolittiano e minacciato dai cattolici. Il senso della concezione gentiliana del liberalismo risulta chiaro dall approvazione della censura sui giornali e dalla critica al parlamentarismo. E quindi naturale che Gentile guardi con interesse al nascere di nuovi nuclei di vita collaboratrice ai poteri dello Stato, al moltiplicarsi di associazioni politiche che intendono rinnovare il paese senza assumere una posizione antistatale e rendere più ampia la partecipazione effettiva alla politica riservata all èlite. Gentile presenta quindi con simpatia una delle prime associazioni borghesi: il Patto nuovo che, sostenuto dall Associazione nazionalistica e da Mussolini, si proponeva di trasferire in tempo di pace la disciplina di guerra. La Prima Guerra Mondiale è costata all Italia più di 100 miliardi di lire. Il numero delle vittime e dei mutilati supera i 3 milioni. Molti interventisti sono consapevoli che potrebbe rivelarsi un fallimento totale. È così che tra le file nazionalisti nasce il lamento per la vittoria mutilata, uno slogan che il fascismo ha fatto suo insieme con tanti formalismi e suggestioni borghesi. I reggimenti italiani ritornano in patria nell ora grigia delle promiscuità politiche e mentre le piccole viltà sbiancate uggiolano come cagnoline da salotto intorno alla comoda cuccia del potere (Arturo Rossato, Il Popolo d Italia). 1Giornalismo I megafoni del fascismo,in 2

3 Conclusasi la prima guerra mondiale, si continua ad idealizzare la figura dell uomo soldato. Il nucleo fondante del fascismo è costituito da associazioni di arditi, gruppi di ufficiali e soldati che prendono parte alla guerra nei reparti specializzati per l assalto. Un ardito, il futurista Mario Carli fonda a Roma agli inizi del 1919 l associazione Arditi d Italia che si appoggia al giornale Roma futurista. Il centro di Milano, invece, si appoggia direttamente al Popolo d Italia. L Ardito Futurista si proietta nell avvenire come un acrobatico razzo illuminante, lasciandosi indietro, negli organizzati bivacchi, le moltitudini pesanti che solcheranno fatalmente la sua traccia di luce. Vertebra della vita italiana, esso è destinato a colorare della sua audacia rossissima gli eventi e le volontà che foggeranno il futuro d Italia (Mario Carli, Roma Futurista). Il 21 Marzo del 1919 Benito Mussolini riunisce i suoi fedeli milanesi, circa 70 persone, ed espone la necessità di costituire un gruppo di uomini disposti a tutto. Il primo fascio è dunque quello di Milano. Nel disinteresse di quasi tutta la stampa italiana, la fondazione nazionale dei Fasci di combattimento riscuote un commento di simpatia dell Idea nazionale, l organo più autorevole del nazionalismo italiano. A centinaia ci giungono le adesioni per la nostra adunata del 23 marzo[ ]. Il 24 marzo non si fonderà un partito, ma si darà una spinta al movimento e si fisserà una meta a questo movimento (Vittorio Bottini, Il Popolo d Italia). Il 15 aprile gruppi di fascisti, di arditi futuristi, di ufficiali e patrioti alla rinfusa assalgono la sede dell "Avanti distruggendo la tipografia. La primavera del 1919 vede una grande crisi nazionalistica. Nei primi di Aprile alla conferenza di pace di Parigi si scontrano le rivendicazioni italiane e jugoslave su Fiume e la Dalmazia. Gentile è turbato dai risultati della conferenza, mostrando scarsa stima mostra nei confronti del presidente americano Wilson, che definisce più volte utopistico. Con amarezza commenta la conferenza di pace che non restituiva i dovuti meriti all Italia. La guerra, per me, non è finita scrive Gentile presentando nella primavera del 1919 Guerra e Fede. Egli sostiene che tutti problemi emersi durante il periodo della guerra si sarebbero riproposti con la pace. La necessità di fondare una Nazione, di ricostruire lo stato rende consapevole Gentile e gli intellettuali a lui vicini dell urgenza di una nuova organizzazione e di una nuova guida del paese. Alla concezione etica dello Stato con cui guarda agli avvenimenti politici appartiene la critica al concetto di democrazia. La sua posizione politicamente attiva emerge dal volumetto Dopo la vittoria. Nuovi frammenti politici, in cui afferma dove si stava vivendo un tempo non di avventura ma di ordine, ma non dell'ordine che dev'essere stabilito dalla forza, ma di quell'ordine - tanto più efficace, quanto più sincero e moralmente sicuro - che deriva dal concorde volere di tutte le classi e di tutti i partiti, congiunti nel dovere sacro di instaurare nella sua pienezza il dominio del diritto in un regime di vera giustizia e di ampia libertà" La crisi morale di cui soffrono l'italia e gli italiani avrebbe potuto essere superata solo con l'imporsi di una nuova concezione dello stato, organo dell'interesse collettivo, al di sopra delle parti e dei partiti. Bisogna distinguere tra la falsa democrazia in cui il popolo si oppone allo stato e lotta contro di esso, e quella vera nella quale "il popolo è esso stesso lo stato". Sempre in Dopo la vittoria si legge: Il liberalismo, almeno da cento anni a questa parte, è concezione dello Stato come libertà e della libertà come Stato: doppia equazione nella cui unità trova adeguata espressione il principio liberale. Né lo Stato esterno all'individuo, né l'individuo concepibile come astratta particolarità, fuori dall'immanente comunità etica dello Stato, in cui egli realizza la sua effettiva libertà. 3

4 Quando il Governo entra in crisi, D Annunzio ha in pugno il risentimento e la frustrazione del nazionalisti e nell'estate/autunno 1919 le crescenti difficoltà economiche aizzano il primo grande movimento di sommossa del dopoguerra, con a capo proprio il poeta Gabriele D Annunzio. Ogni buon cittadino, in silenzio, abbruni la sua bandiera finche Fiume non sia nostra, finché la Dalmazia non sia nostra (Gabriele D Annunzio, Il Popolo D Italia). Mussolini è pronto a sfruttare qualsiasi occasione. Al convegno dei fasci di Firenze si presenta reduce da un volo clandestino che lo conduce a Fiume dove D Annunzio si insedia con la famosa Reggenza del Carnaro. Le successive elezioni sanciscono la strepitosa affermazione del partito socialista. Il vecchio Stato liberale italiano perde la maggioranza: è l avvento dei moderni partiti di massa. L unica lista fascista, quella di Milano, riporta appena 4795 voti contro i mila voti socialisti e voti popolari. Mussolini viene addirittura arrestato, ma il Corriere della Sera deplora allora tanto accanimento contro un vinto Il partito socialista e il partito popolare si disputano il controllo delle masse; il piccolo movimento fascista, invece, comincia ad acquisire un identità ideologica propria. È questo l anno in cui si scatenano i maggiori tumulti operai e sindacali, con frequenti scioperi. Mussolini prova a giocare a sinistra e a destra, finendo comunque per trovarsi sempre sul carro del vincitore. Nella prima metà del 1920 il fascismo non è né pericoloso né minaccioso [ ]. È sotto Giolitti che il fascismo si trasforma in movimento governativo. Piero Gobetti, Rivoluzione liberale, Giolitti, tornato al Governo, mira infatti a sconfiggere i socialisti con l aiuto dei fascisti. È inoltre il primo presidente del consiglio a piegare lo stato al servizio delle squadre fasciste, dato che per essere aiutato dovette aiutare. Il 1920 è l anno in cui il filosofo Gentile pubblica diversi suoi scritti. Fonda il "Giornale critico della filosofia italiana", ricopre inoltre la carica di assessore alla Pubblica Istruzione al comune di Roma. In questi anni vedono la luce: Discorsi di religione, La riforma dell'educazione, Giordano Bruno e il pensiero del Rinascimento. Gentile, che ha attorno a sé giovani studiosi di valore (Ugo Spirito, Arnaldo Volpicelli, Carmelov Licitra, ecc.) si impegna, inoltre, fortemente, con la collaborazione dell'amico e discepolo Giuseppe Lombardo-Radice, ad una revisione del sistema scolastico, considerato ormai spiritualmente e strutturalmente obsoleto e delinea un programma della scuola che ne investe tutti gli ordini E con lo squadrismo agrario che il fascismo diventa un movimento nazionale sotto ogni profilo. I fasci di combattimento, sorti come fenomeno meramente cittadino, si infittiscono nell intera penisola, allargando la rappresentativa sociale. Entrato in parlamento, diventato opposizione costituzionale, il fascismo vive una drammatica contraddizione con la sua innata tendenza all illegalità. Dopo le elezioni politiche, Mussolini (che è ormai a capo di un grande movimento politico a carattere nazionale) dichiara al Giornale d Italia che non avrebbe mai più potuto collaborare con Giolitti; i fascisti si propongono di rispettare il parlamento, ma potrebbero reagire a tentativi di sopraffazione comunisti e socialisti. Ma indubitato è questo, per tutti indistintamente: che Mussolini ha ceduto alla sua nobile, diritta e fiera coscienza, ispirando la sua azione a queste due supreme idealità: rendere ancora servizio alla grande madre dolorante per gli eccidi e richiamare il fascismo alla funzione normale di un 4

5 movimento che ha ricorso alla violenza come a un mezzo doloroso per quanto necessario, mai elevandola ad a natura e altezza di fine (La Voce). Dopo vari episodi cruenti, Mussolini firma un patto di pacificazione tra fascisti e socialisti il 3 Agosto. Nel corso del 1921 Gentile pubblica: Storia della cultura piemontese della seconda metà del sec. XIX, Frammenti di estetica e letteratura, Albori della nuova Italia, Educazione e scuola laica, Saggi critici, La filosofia di Dante, Il concetto moderno della scienza e il problema universitario Fino al giugno del 22 la situazione italiana fu di stallo. L anno della marcia su Roma si apre in sordina e solo i mesi centrali avrebbero svelato una certa tensione. A febbraio avviene il cambio di guardia: Bonomi viene sostituito da Facta che avrebbe condotto l ultimo atto dell Italia liberale. Le violenze squadriste sono numericamente aumentate e sebbene la stampa ne condanni ogni manifestazione ci tiene spesso a precisare che il pericolo di queste azioni risiedono nel fatto che esse costringono lo stato ad un grande sforzo di controllo che lascia i socialisti incustoditi e liberi di agire. Il Corriere della Sera, per esempio, che condanna la violenza in senso assoluto ma la giustifica come strumento per pacificare l Italia e per dare ad esso un governo forte in grado di preservarla dall azione socialista. Il giornale si prepara a sostenere ancora più vivamente il partito di Mussolini, che proprio in quei mesi del 22 acquista anche presso l opinione pubblica un grande credito. La vecchia classe liberale si è ormai convinta della giustezza di un governo capeggiato da Mussolini e ne chiede a gran voce la realizzazione. Tutti coloro che sostengono una tale azione agiscono nella convinzione che una volta legalizzato il partito fascista non ci sarà più motivo di usare metodi violenti e invece applicherà la sua forza e la sua energia nella amministrazione dello Stato. Mussolini, mentre si da da fare per propagandare la potenza della forza fascista, rassicura la monarchia e la borghesia: i fascisti si dichiarano tendenzialmente repubblicani, sostenne, perché vedono nel re un monarca non sufficientemente monarca. Quanto alla borghesia, è nel suo interesse che le masse siano inquiete e lavorino. Mussolini non confida molto nelle possibilità dell apparato militare del partito fascista ma da giornalista amante degli effetti, non rinuncia alla propaganda al mezzo stampa: continua a far ventilare dai fedeli l idea di una marcia su Roma, ispirata a D Annunzio. La cosiddetta marcia su Roma non avrà mai luogo, se Mussolini non è sicuro di andare al Governo. È più che altro una rappresentazione, favorita dalla complicità e dalla debolezza dello stato italiano e dall inquietudine della borghesia. Durante la cosiddetta Marcia su Roma, Mussolini non marcia. Egli si decise a partire per Roma il 29 sera, solo dopo aver avuto la richiesta ufficiale di comporre il Governo da parte del re. Il 30 ottobre il presidente dell associazione stampa italiana aveva scritto a Mussolini: [ ] Al saluto consentite che io aggiunga un augurio: che l uomo il quale ha data più di un ventennio della sua opera alle aspre battaglie del giornalismo, serbi intatta la fede nella libertà della stampa: preferisca i pericoli che certo non mancano delle libertà a quelle ben più gravi della sua istruzione o limitazione. La risposta di Mussolini non si fa attendere: Intendo salvaguardare la libertà di stampa purché la stampa sia degna della libertà. La libertà non è soltanto un diritto, è anche un dovere. Evidentemente una parte della stampa si dimostra subito indegna, perché Mussolini comincia a colpirla dalla marcia su Roma. La stampa che appare subito degna, è quella che si adegua alla retorica, all enfasi, alla megalomania dell ex-direttore del Popolo d Italia, salito a dirigere il popolo d Italia. A partire dal 1922 Gentile comincia a mostrare interesse nei confronti del fascismo: con l'insediamento del regime viene nominato Ministro della Pubblica Istruzione. Con Gentile giunge per la prima volta a capo del ministero dell istruzione (31 ottobre luglio 1924) un uomo che oltre ad un'approfondita conoscenza del sistema scolastico italiano dovuta alla sua lunga attività didattica e amministrativa presso diversi licei ed università, può fondare le sue 5

6 critiche, sviluppate già fin dall inizio dell età giolittiana, sulla propria filosofia e sulla propria pedagogia. Gentile si è circondato di un gruppo di collaboratori, scelti fra i suoi amici e allievi, che occupano tutte le posizioni chiave del ministero. Con la prima circolare del 25 novembre 1922 ai provveditori agli studi e ai rettori dell università, Gentile sottolinea il suo fermo proposito di far uscire la scuola italiana con ogni mezzo dalla crisi, rivalutando quei principi che sono profondamente scossi nel disordine politico degli anni precedenti: rispetto della legge, ordine, disciplina, obbedienza all autorità dello stato. Si invita quindi a punire severamente ogni azione di disturbo all attività didattica. Due giorni prima il sottosegretario Dario Lupi, deputato del partito fascista, ordina ai provveditori di ricollocare il crocifisso e il ritratto del re, i due simboli sacri alla fede al sentimento nazionale, nelle scuole elementari dalle quali sono stati tolti I provvedimenti presi dal Governo Mussolini sono indirizzati ad una repressione molto dura delle organizzazioni comuniste e socialiste, ad una feroce rappresaglia contro le categorie operaie dimostratesi più combattive. Lo squadrismo imperversa. A simboleggiare tale repressione, è abolita la festa del lavoro del 1 Maggio. Quando nel febbraio 1923 Mussolini, insofferente di opposizioni, ordina di arrestare il giovanissimo Pietro Gobetti, direttore di Rivoluzione Liberale, Benedetto Croce interviene presso il capo del Governo. Dopo qualche giorno Gobetti è rilasciato e Croce se ne torna in disparte dalla politica attiva. Il Corriere della Sera ha valorizzato tra il 20 e il 21 l azione fascista, appoggiando il suo diffondersi nel paese con l idiota miraggio che si trattasse di un episodio temporaneo della lotta tra liberali e socialisti. Non per questo sono venuti meno alcuni dissensi con Mussolini ed in particolar modo con il Popolo d Italia. Nel corso del 1923 Luigi Albertini tenta un rilancio liberale, protesta, infatti, pubblicamente contro la legge del 17 luglio del 1923, sancisce di fatto la censura sulla stampa e annuncia che il suo giornale si sarebbe astenuto da qualsiasi commento: Piuttosto che dipendere dall incognito di controlli paralizzanti e sottostare all ansia e al tormento di minacce umilianti e incostituzionali. In questo modo il Corriere esce in parte dalla scena e riesce a frenare un aperta polemica con in fascisti che da mesi è diventata insostenibile e ha raggiunto livelli di forte pericolosità. Nel 1923 viene varata la Riforma della scuola che interessa tutti i gradi di scuola e prevede: 1. un ciclo preparatorio della durata di tre anni, che viene affidato a comuni ed enti privati; 2. l'estensione dell obbligo scolastico fino a quattordici anni; 3. la suddivisione della scuola superiore in scuole tecniche e in licei; 4. la riforma della scuola normale che diviene Istituto Magistrale della durata di sette anni; 5. la messa al bando dello studio della didattica, della psicologia e di ogni attività di tirocinio 6. la creazione di un liceo femminile che dovrebbe formare giovani della piccola-media borghesia desiderose di acquisire un diploma superiore (a differenza di quello maschile, questo liceo non prepara al lavoro ed alla vita ufficiale, bensì garantisce alla donna un'educazione adeguata al ruolo di moglie e di madre); 7. l insegnamento obbligatorio della religione cattolica e l introduzione dell' istruzione estetica; 8. l'istituzione di scuole speciali per handicappati; 9. l'introduzione del testo unico e di Stato L idea di Gentile è quella di formare i maestri attraverso l applicazione di un rigoroso canone culturale. Per quanto riguarda le materie di insegnamento, egli affida alla filosofia un ruolo centrale: essa permette, secondo il filosofo, una formazione generale dello spirito che prepara a tutte le facoltà universitarie. Dal punto di vista didattico, per Gentile non esiste un metodo che valga per ogni disciplina: ogni argomento è metodo a se stesso, non è cioè nozione astratta e isolata da memorizzare, ma atto di ricerca attiva e creativa. 6

7 La pedagogia di Gentile risente di un impostazione morale ed etica di fondo che mira a formare, prima che insegnanti, "persone moralmente degne di esserlo". ll fascismo, inoltre, esalta la forza e la prestanza fisica del maestro, favorendo l accesso alla professione da parte dei maschi e cercando di precluderla alle donne. Comunque, i candidati maschi che si presentano agli esami d'abilitazione per l'insegnamento sono sempre pochi. Gli insegnanti devono essere sceltissimi, fisicamente e spiritualmente dotati di una disciplina quasi militare. La subordinazione delle materie scientifiche a vantaggio di quelle umanistiche serve a formare quello spirito nazionale e quell unità del popolo italiano che, sia per l alto tasso di analfabetismo sia per la confusione politica, ancora non si è consolidato. La formazione filosofica deve restare un privilegio per i pochi destinati agli studi più alti. La Riforma, non a caso, si basa su una concezione aristocratica della cultura e dell educazione. La scuola secondaria superiore è riservata "ai migliori per intelletto e per censo". Dopo il quinto anno di scuola elementare chi vuole proseguire gli studi, sostiene un esame per entrare nella scuola media. Tutti gli altri frequentano le scuole di avviamento al lavoro, praticamente prive di sbocchi superiori. Con la soppressione della scuola tecnica i ceti popolari vengono privati di uno degli strumenti fondamentali di promozione sociale e culturale. Gentile si batte per l insegnamento della religione cattolica nella scuola elementare. Nel sistema filosofico gentiliano, infatti, la religione ha un ruolo intermedio tra l arte e la filosofia e come tale il suo insegnamento è da considerarsi propedeutico all'acquisizione di una visione complessiva, analitica e filosofica del mondo. La religione insegnata nelle scuole deve essere quella cattolica: la forma spirituale storica del popolo italiano. La Riforma Gentile permette la partecipazione alla vita scolastica dei bambini sordi e muti, consentendo anche a loro di ottenere una certa cultura Nel panorama della stampa che si pone contro il fascismo, o per lo meno che assume un' atteggiamento critico, la novità più importante è la nascita de L'Unità. Il quotidiano del partito comunista esce a Milano il 12 febbraio Meno di 4 mesi dopo, l'uccisione del leader socialista, Giacomo Matteotti, assassinato dai fascisti apre un panorama nuovissimo. Tutti coloro che sperano in una normalizzazione del fascismo, che credono che ogni pratica violenta presto finirà con la conquista piena del potere, sono costretti a prendere atto che la tanto sperata aggregazione tra la nuova classe dirigente fascista e la vecchia classe liberale è pura utopia. La stessa cosa accade nelle redazioni dei quotidiani: l'assassinio di Matteotti delinea una situazione molto chiara che non ha più niente a che vedere con l'atmosfera di attesa e sospensione che ha caratterizzato il periodo precedente. I giornali liberali ma anche la maggior parte delle altre testate reagisce al delitto chiedendo le dimissioni di Mussolini e del governo. L'opinione pubblica partecipa intensamente. Lo dimostra il notevole incremento delle vendite dei quotidiani. Il "Corriere della sera" supera le copie quando la vendita normale è di Il duce non si lascia certo intimorire da questa levata e giudica che sia venuto il momento di rendere attivo il decreto legge del luglio '23, reso oltretutto più severo di quanto non fosse nella sua prima versione attraverso l'estensione del potere ai prefetti: viene, infatti, data loro la facoltà di sequestrare i giornali senza prima diffidarli. Comincia da allora una battaglia caratterizzata dalla forte protesta dei giornali e dalla simbolica, ma poco efficace, Secessione dell'aventino. I partiti politici che partecipano a questa astensione dai lavori parlamentari ne fanno una questione morale che si affida ad un tanto sperato quanto improbabile intervento riparatore della corona. Quest'ultimo assunto è però assolutamente sbagliato 7

8 e provoca l'ira di Mussolini che si sente sollecitato nelle sue mire dittatoriali proprio da questa insignificante forma di protesta scelta dai partiti all'opposizione. La rottura di ogni indugio che decreta la fine di questo stato di attesa, è anticipato da un provvedimento del 31 dicembre '24 con il quale viene ordinato il sequestro dei giornali d'opposizione e viene completato con il discorso del 3 gennaio Profondamente turbato dal delitto Matteotti, il 14 giugno del 1924 Gentile rassegna le sue dimissioni da ministro della Pubblica Istruzione, ratificate il 1 luglio. Bibliografia R. Bertacchini, Le Riviste del Novecento, Firenze, O. Del Buono, Eia, Eia, Eia, alala!, Milano, B. Mussolini, La dottrina del fascismo, Napoli, D.M. Smith, Storia di Cento anni di vita italiana visti attraverso il Corriere della sera, Milano, G.D. Rosa, Storia contemporanea, Bologna, Sitografia I. Tremolanda, Il Corriere della Sera: megafono del fascismo in g.htm 8

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

IL FASCISMO 1919-1943

IL FASCISMO 1919-1943 IL FASCISMO 1919-1943 Origini del fascismo 1919-1921 Il fascismo prende il potere 1922-1924 Diventa una regime totalitario di massa (dittatura) 1925-1943 Le origini del Fascismo 1919-1921 Dalla crisi economica

Dettagli

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi Tappe della trasformazione fascista dello Stato Gli eventi DESTRA CENTRO SINISTRA GRUPPI POLITICI SEGGI Partito Comunista d'italia 19 Partito Socialista Italiano 22 Partito Socialista Unificato 24 Partito

Dettagli

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo:

STORIA. Il Fascismo. Perchè si ha il Fascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra. Chi è Benito Mussolini? il testo: 01 Perchè si ha il ascismo in Italia? L Italia nel dopoguerra Nel dopoguerra (alla fine della prima Guerra Mondiale, che si chiama anche Grande Guerra) l Italia si trova in una situazione difficile. In

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale Facoltà di Scienze Sociali Lezioni di Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale PROGRAMMA DELLE LEZIONI Prima parte Concezione del welfare state e caratteri generali;

Dettagli

Il Fascismo in Italia (1922-1936)

Il Fascismo in Italia (1922-1936) Il Fascismo in Italia (1922-1936) Le fasi del fascismo 1. Fase legalitaria (1922-1924) I Fascisti fanno parte di un governo di coalizione. Termina con le elezioni del 1924 e l uccisione di Matteotti. 2.

Dettagli

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

LA STORIA DELL ANPAS

LA STORIA DELL ANPAS LA STORIA DELL ANPAS Le Pubbliche Assistenze nascono alla metà dell 800 sulla spinta degli ideali risorgimentali SCHEDA 2 Le radici storiche SOCIETÀ OPERAIE DI MUTUO SOCCORSO Sodalizi attivi negli stati

Dettagli

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato

Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato Diocesi di Savona Noli Ufficio Pastorale per i Problemi Sociali e il Lavoro Giustizia e Pace Salvaguardia del Creato 30/11/2014 1 IL DISCERNIMENTO Adattamento de Il discernimento. Una comunità cristiana

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia

La rivoluzione Francese. 1. La fine della monarchia La rivoluzione Francese 1. La fine della monarchia Alle origini della rivoluzione Immobilismo politico della Francia: la culla dell illuminismo non conosce riforme. Esempio della rivoluzione americana.

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

L abolizione della pena di morte in Italia

L abolizione della pena di morte in Italia L abolizione della pena di morte in Italia 1. Dal Medioevo all Ottocento: il primato della Toscana. La pena capitale cominciò ad essere applicata in Italia dall Imperatore Enrico II, all inizio dell XI

Dettagli

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552

n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 n. 175 29 settembre/6 ottobre 2015 Periodico iscritto al R.O.C. n.6552 Inaugurazione dell anno scolastico 2015-2016 a Napoli Qualche attento lettore di ANPInews (in particolare del n. 174 della scorsa

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto

Capire i conflitti Praticare la pace centenario della Grande Guerra Capire i conflitti Praticare la pace. tema del conflitto Progetto Scuola 2014-18 Capire i conflitti Praticare la pace Quando si parla di guerra si parla spesso di vinti e vincitori, qui invece ci sono storie di persone partecipante del 2012 In occasione del

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14

CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI. Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 CLASSI 5 a A/B GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. SCUOLA PRIMARIA BISSOLATI A.S. 2013-14 GLI ALTRI SIAMO NOI Percorsi di educazione alla cittadinanza attiva. PERCORSO

Dettagli

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA

L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA UNITÀ 1 Capitolo 1 L'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA (IRC) NELLA SCUOLA In questo capitolo vedremo: - la motivazione dell'irc nella scuola in genere - la motivazione dell'irc nella scuola cattolica

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo IL FASCISMO La via italiana al totalitarismo LA MARCIA SU ROMA La Marcia su Roma (inizia il 27 ottobre) colpisce lo Stato nel pieno disfacimento dei suoi poteri. Facta si dimette il 28 ottobre. Il Re,

Dettagli

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO

SOCIETÀ, STATO E DIRITTO 27 SOCIETÀ, STATO E DIRITTO Caratteri dello Stato Dal feudalesimo alla nascita dello Stato moderno Le idee del filosofo Immanuel Kant Le idee del filosofo greco Aristotele Il moderno Stato di diritto La

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO

I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO I TOTALITARISMI FASCISMO, NAZISMO, STALINISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL FASCISMO IL NAZISMO IL NAZISMO IL NAZISMO LO STALINISMO LO STALINISMO IL TOTALITARISMO: è un regime che non si limita

Dettagli

Storia e valori del servizio civile

Storia e valori del servizio civile Storia e valori del servizio civile Il servizio civile nazionale rappresenta l ultimo passaggio in Italia del lungo viaggio durato oltre 50 anni dall obiezione di coscienza al servizio militare Il dovere

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione

Andare a scuola. Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Andare a scuola Daniela Giordano Corso di Laurea in Scienze della formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione Gabriele De Micheli Corso di Laurea Magistrale in Progettazione architettonica

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848

LE LEGGI ELETTORALI. Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 LE LEGGI ELETTORALI Estremi Oggetto Elementi innovativi essenziali Legge 2 agosto 1848 Introduce sul modello francese il consiglio come assemblea rappresentativa. Regno Subalpino Regno di Sardegna Legge

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA

LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA LA FORMAZIONE DEGLI INSEGNANTI IN EUROPA Credo che sia molto importante parlare di formazione degli insegnanti in generale ed in particolare credo che sia importante fare un confronto tra la nostra situazione

Dettagli

Raccontare la Grande Guerra per immagini

Raccontare la Grande Guerra per immagini Raccontare la Grande Guerra per immagini 19 ottobre 2011 Dr. Marco Mondini ISIG- FBK mondini@fbk.eu I testi e i dati contenuti nella presentazione sono da considerarsi proprietà intellettuale dell autore.

Dettagli

Un ragazzo cresciuto in fretta tra passione per la ricerca storica e richiamo del giornalismo LE IMMAGINI

Un ragazzo cresciuto in fretta tra passione per la ricerca storica e richiamo del giornalismo LE IMMAGINI LE IMMAGINI 305 Un ragazzo cresciuto in fretta tra passione per la ricerca storica e richiamo del giornalismo B runello Vigezzi, uno dei suoi maestri, si rammarica che abbia scelto di lavorare nei giornali

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE

MOVIMENTO CULTURALE IDEELIBERE All attenzione del Dirigente Scolastico del Liceo Classico Adolfo Pansini, prof. Salvatore Pace Oggetto: Progetto Scriviamo... CAMBIAMO Introduzione Il sottoscritto, Salvatore Salzano, Presidente Nazionale

Dettagli

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo.

La Rivoluzione francese segnò quindi la fine dell'assolutismo e diede inizio a un nuovo periodo in cui i protagonisti sono la borghesia e il popolo. La Rivoluzione francese fu un periodo di grandi sconvolgimenti sociali, politici e culturali avvenuto tra il 1789 e il 1799, che segna il limite tra l'età moderna e l'età contemporanea nella storia francese.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA

UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA UNIVERSITA DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI LETTERE CORSO DI LAUREA IN LINGUA E CULTURA ITALIANA L ARTE CONTEMPORANEA E LA DISINTEGRAZIONE DEL RAPPORTO TRA LINGUAGGIO E REALTA Relatore Prof.ssa

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

La quotidianità di Giorgio

La quotidianità di Giorgio Giorgio La Pira La Storia Nella vita di Giorgio La Pira, spicca l'eccezionale personalità di un uomo ispirato dalla vocazione, votato alla pace e alla fratellanza, che seppe coniugare gli ideali del cattolicesimo

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Nazionale Comuni Italiani - ANCI, con sede in Via dei Prefetti n. 46, a Roma, C.F. 80118510587, rappresentata nel presente Protocollo dal Presidente f.f. Alessandro

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. Progettazioni didattiche disciplinari per gli alunni della classe II Disciplina: STORIA UNITÀ DI APPRENDIMENTO n 1 UNA NUOVA VISIONE DEL MONDO Durata prevista: SETTEMBRE - OTTOBRE Individuare e definire i caratteri fondamentali del nuovo periodo storico che ha inizio con l Umanesimo Cogliere

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI SOCIAL SUMMIT CONSULTAZIONE CON LE PARTI SOCIALI E LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI Domenica 29 marzo 2009 Sala delle Conferenze Internazionali Ministero degli Affari Esteri Intervento del Vice Presidente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE 1 Cittadinanza e Costituzione COMPETENZE CHIAVE: Competenze sociali e civiche NUCLEO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

Rivoluzione Francese

Rivoluzione Francese Rivoluzione Francese Alla fine degli anni 80 del XVIII secolo la Francia attraversata una grave crisi economica: la produzione agricola era calata, le spese militari viste le numerose guerre erano aumentate,

Dettagli

LA COSTITUZIONE ITALIANA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli)

LA COSTITUZIONE ITALIANA. (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LA COSTITUZIONE ITALIANA (sintesi dal testo Comunità di Paolo Ronchetti Ed. Zanichelli) LO STATUTO ALBERTINO 1848 ll Re Carlo Alberto di Savoia, a seguito di tumulti, concede agli abitanti del Regno di

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI

Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI Intervento del Presidente ANTONIO PATUELLI DOCUMENTI 31 Ottobre 2014 Il risparmio è una lungimirante scelta etica civile, frutto innanzitutto del lavoro, che presuppone valori come la parsimonia, la previdenza

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi

La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi La convenzione dell ONU sui diritti del fanciullo riscritta dai bambini con Mario Lodi Articolo 1: Il bambino (o bambina) è ogni essere umano fino a 18 anni. Articolo 2: Gli Stati devono rispettare, nel

Dettagli

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE

IL FORUM NAZIONALE DEI GIOVANI E IL SERVIZIO CIVILE IL E IL SERVIZIO CIVILE POSITION PAPER Approvato dall assemblea del 14-15 Dicembre 2013 INTRODUZIONE Il Forum Nazionale dei Giovani nella transizione italiana Il Forum Nazionale dei Giovani ha, in questi

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

Legge Casati: anno 1859

Legge Casati: anno 1859 IL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO DALLE ORIGINI AD OGGI Legge Casati: anno 1859 Legge Casati. Il fatto innovativo è l obbligatorietà dell istruzione come formazione di base per tutti. La scuola è statale

Dettagli

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CORSO PER AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO L AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO, REQUISITI, REGIME TRANSITORIO DOPO LA LEGGE 220/2012, LA PROROGATIO, L AMMINISTRATORE IN FORMA SOCIETARIA. Rosolen Monia ANNO 2013

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati

2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati 2. La rilevazione dell opinione degli studenti frequentanti nei quattro atenei indagati Per tracciare un primo quadro dei contesti indagati si presentano di seguito alcuni macro indicatori riguardanti

Dettagli

La rivoluzione russa: le cause ( 1905)

La rivoluzione russa: le cause ( 1905) La rivoluzione russa: le cause ( 1905) assolutismo politica populismo Rivoluzione contadina 85% della popolazione contadini, ex servi della gleba sociale Arretratezza Malcontento e disagi per a guerra

Dettagli

DELEGA. Se una regola c è non la chiedere a me Nek

DELEGA. Se una regola c è non la chiedere a me Nek DELEGA Se una regola c è non la chiedere a me Nek Stiamo parlando di: Una suddivisione e ricollocazione TEMPORANEA dei poteri ai subordinati al fine di raggiungere risultati efficienti. Un atto di fiducia/affidamento

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI IL GIORNALE Il termine giornale deriva da giorno. Tra i giornali distinguiamo i periodici (settimanali, quindicinali, mensili, trimestrali ecc.) e i quotidiani (dal latino cotidie che significa ogni giorno

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Scaricato da: www.formazione.forumcommunity.net

Scaricato da: www.formazione.forumcommunity.net LA RIFORMA GENTILE La prima guerra mondiale testimoniò ulteriormente che la scuola non riusci a formare sentimenti patriottici e di amore nazionale. Con Gabelli e con il positivismo si era cercato di delineare

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015

RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 Natura e finalità RELIGIONE CATTOLICA Unità di Apprendimento - Anno Scolastico 2014-2015 L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro delle finalità della scuola e contribuisce alla

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e

2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e educazione 2.1. Riferimenti alle Convenzioni e alle Dichiarazioni in tema di diritti umani e I documenti presentati presentano nella maggior parte dei casi ripetuti riferimenti alla Dichiarazione Universale

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici La voce de "Gli Amici" Testo più grande Cerca domenica 2 maggio 2004 Home page News Newsletter Disabili mentali: amici senza limiti Handicap e Vangelo Pagina precedente Gli Amici La mostra di pittura Scarica

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

NOTA SU LA BUONA SCUOLA

NOTA SU LA BUONA SCUOLA NOTA SU LA BUONA SCUOLA Roma, 23 ottobre 2014 Il documento presenta aspetti prevalentemente di tipo politico e amministrativo prefigurando una "Buona scuola" come una scuola bene amministrata, e organizzando

Dettagli

Quarta commissione consiliare Pratiche di sussidiarieta e sviluppo locale

Quarta commissione consiliare Pratiche di sussidiarieta e sviluppo locale Quarta commissione consiliare Pratiche di sussidiarieta e sviluppo locale Relazione L esperienza di gestione dei servizi della Cooperativa Grazia e Pace Pietro Leonardi Riflessioni per creare Servizi sostenibili

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione

Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione Istituto Comprensivo Statale F. Surico Scuola Primaria anno scolastico 2009/2010 Programmazione Cittadinanza e Costituzione PREMESSA Cittadinanza e Costituzione è una disciplina di studio introdotta in

Dettagli

Riconoscimento e spendibilità dei titoli rilasciati dalle strutture ecclesiastiche accademiche di formazione *

Riconoscimento e spendibilità dei titoli rilasciati dalle strutture ecclesiastiche accademiche di formazione * Il cammino degli ISSR: verifiche e prospettive Roma, 9 marzo 2010 Riconoscimento e spendibilità dei titoli rilasciati dalle strutture ecclesiastiche accademiche di formazione * Mons. Mauro Rivella, Sottosegretario

Dettagli

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia

autorità maschile all interno della famiglia la donna debba obbedire al suo sposo donne e politica nella sfera pubblica piuttosto che in famiglia Il Medio Oriente si scopre progressista Una ricerca dalla University of Michigan Institute for Social Research mette a fuoco la percezione della donna in sette paesi a maggioranza musulmana (Ilaria Orrù)

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

Università degli studi di Genova. Corso di Laurea Magistrale interateneo in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio COMUNICATO STAMPA

Università degli studi di Genova. Corso di Laurea Magistrale interateneo in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio COMUNICATO STAMPA Università degli studi di Milano Università degli studi di Genova Politecnico di Torino Università degli studi di Torino Corso di Laurea Magistrale interateneo in Progettazione delle Aree Verdi e del Paesaggio

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Etica in emergenza Argomenti della lezione Il codice deontologico della Croce Rossa applicato alle emergenze: Il comportamento con i mass media Il rispetto

Dettagli

Presentazione. Prof. Martino Mattei

Presentazione. Prof. Martino Mattei Presentazione Il 60 anniversario dell entrata in vigore della Costituzione Italiana è stata l occasione, nella scuola, per riflettere sul ruolo da assumere nel processo finalizzato all educazione del senso

Dettagli

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016

ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI. INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio. Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 ISTITUTO MAGISTRALE GUACCI INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA Piano di Studio Classe 2 sez B Liceo Linguistico Anno scolastico 2015/2016 PROFILO GENERALE L insegnamento della religione cattolica (IRC)

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli