LA STRANA ORIGINE DELLA NATURA SPECIALE DELL ATTIVITÀ DI BANCA D AFFARI IN ITALIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA STRANA ORIGINE DELLA NATURA SPECIALE DELL ATTIVITÀ DI BANCA D AFFARI IN ITALIA"

Transcript

1 LA STRANA ORIGINE DELLA NATURA SPECIALE DELL ATTIVITÀ DI BANCA D AFFARI IN ITALIA MARCELLO DE CECCO * La finalità della mia relazione è quella di analizzare la strana origine della natura speciale dell attività della banca d affari in Italia, prendendo spunto da uno scritto di un giovane economista, Alessandro Penati (Il Sole-24 Ore, 25 giugno 1995) attento osservatore della realtà finanziaria internazionale, di cui non condivido pienamente l interpretazione dei fatti. Penati ha avuto la buona idea di ripercorrere, in un articolo piuttosto recente, una serie di date e di episodi rilevanti che hanno interessato la scena finanziaria europea, segnalando così l arrivo, anche nel nostro continente, del grande movimento di riorganizzazione industriale che già si è ampiamente realizzato negli USA ed in parte in Gran Bretagna e che va sotto il nome di scorporo. Tale riorganizzazione viene realizzata scorporando dai grandi gruppi industriali formatisi nel corso dei decenni le singole imprese componenti e riaggregandole per settore di attività industriale, secondo la logica delle economie di scala e della integrazione verticale, non trascurando anche la logica del guadagno (cioè comprandole a basso prezzo per rivenderle ad uno maggiore). La nuova fase riorganizzativa segna quindi la conclusione della fase di aggregazione secondo la logica della conglomerazione e della gestione più finanziaria che industriale. Protagonisti di questa gigantesca attività sono state negli USA le banche di investimento, che corrispondono, anche se non in modo perfetto, alle merchant banks inglesi ed alle banques d affaires francesi. Penati fa vedere come all inizio di giugno di quest anno il gruppo chimico svizzero Sandoz ha deciso di vendere le proprie attività, confluite in un unica società (la Clariant) che viene oggi collocata sul mercato; scopo di questa operazione è quello di concentrarsi sul settore farmaceutico. Penati prosegue ricordando che la Du Pont aveva seguito la stessa politica nel 1990 e la Ici inglese nel 1993, la Kodak nel 1994 e la Dow * Ordinario di Politica Economica e Finanziaria, Università di Roma. 27

2 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/1 Chemical quest anno; ricorda anche che il 13 giugno 1995 si è conclusa la prima scalata ostile che si è svolta sul mercato svizzero; è stata una vera e propria battaglia per la conquista di una società che produce carta (la Holvis). Questa scalata si è conclusa con il ritiro della International Paper e la Holvis è confluita sotto il controllo della britannica Bba. Il giorno dopo la Itt ha deciso di spaccarsi in tre società separate e indipendenti, la prima per la gestione di attività assicurative, la seconda per la gestione delle attività industriali, la terza per la gestione del settore alberghiero. Due giorni dopo all assemblea della Suez alcuni azionisti facenti parte del sindacato di controllo hanno attaccato duramente la gestione della compagnia sostenendo che essa guardava alla dimensione piuttosto che al profitto e annunciando il sentore di una più o meno prossima scalata, di uno scorporo anche di questa società privatizzata da poco tempo e che fa parte del panorama industriale-finanziario europeo da duecento anni. Il 16 giugno 1995, aggiunge Penati, la Dresdner Bank ha lanciato un offerta per comprare la Kleinwort Benson, terza merchant bank inglese a cadere quest anno in mani continentali dopo l acquisto della Baring da parte della Ing e della Warburg da parte della Suiss Bank Corporation. Vale la pena ricordare che qualche anno addietro la Deutsche Bank aveva dato inizio a questa tradizione acquistando il controllo della Morgan Grenfell e la Commerz Bank aveva comprato un altra società finanziaria quotata sul mercato di Londra. Penati collega tutti questi avvenimenti e cerca di interpretarli, notando che essi sono l espressione di due mondi finora separati, quello anglosassone dominato dai mercati finanziari e quello dell Europa continentale dominato dagli intermediari bancari (e fra di essi dalla banca universale). A questo punto, secondo Penati (e qui ha inizio la diversità di interpretazione), nella competizione istituzionale che ne è risultata, il modello anglosassone dei mercati starebbe avendo la meglio su quello continentale, visto che i comportamenti ed i metodi tipici di tali mercati stanno facendo prepotentemente la loro apparizione nel continente; e la molla essenziale di tutto il movimento sarebbe, secondo Penati, il fatto che quando il mercato azionario gioca un ruolo centrale, le società hanno l incentivo a perseguire politiche che aumentino il valore delle proprie azioni. Poiché si è spesso osservato che le strategie di espansione tramite acquisizioni possono ridurre il valore delle imprese, visto che la dimensione finisce per diventare un obiettivo fine a se stesso a discapito dei profitti, la Borsa esercita una funzione di controllo rispetto a tutte le politiche che diminuiscono la redditività e questo ha determinato negli USA una corsa allo scorporo, che ha fatto sì che, secondo un recente articolo apparso sul Journal of Financial Economics (gen- 28

3 MARCELLO DE CECCO, LA STRANA ORIGINE DELLA NATURA SPECIALE DELL ATTIVITÀ... naio 1995), alla fine degli anni Ottanta il 60 per cento delle società americane opera in un solo settore. L annuncio di uno scorporo fa salire il valore delle azioni delle società quotate in Borsa e le società conglomerate, se scorporate, valgono il 15 per cento in più di quanto varrebbero nello stato di conglomerate. Penati sostiene che ciò risulti particolarmente valido se applicato alla realtà imprenditoriale europea, perché la compagnia Suez vale oggi quanto valeva sul mercato nel 1987, data della sua privatizzazione, mentre la Borsa di Parigi è salita dell 84 per cento nello stesso periodo; la somma delle singole attività della Suez, sempre secondo Penati, vale il 30 per cento in più del valore aggregato ed è per lui inevitabile una scalata, di cui sono state un segno premonitore le dichiarazioni in assemblea, che servirà a far riemergere il valore della società. A questo punto la conclusione di Penati è che le recenti acquisizioni di merchant banks inglesi da parte delle tre grandi banche universali tedesche, delle grandi banche svizzere ed olandesi, che fanno ormai più o meno parte del sistema finanziario tedesco, sono testimonianza della preferenza della banca tedesca di affidarsi all esperienza anglosassone per operare in un mercato sempre più globale. Vale a questo punto la pena di esaminare da vicino questa conclusione per vedere se regge il confronto con gli stessi fatti citati da Penati con molta precisione. Io credo che gli avvenimenti bancari ricordati da Penati rendano testimonianza invece di una tendenza molto diversa che è quella della ricostituzione, su basi adeguate alle dimensioni del mercato finanziario internazionale, della banca universale di tipo tedesco. Penati dovrebbe notare un elemento fondamentale del suo quadro che invece ignora del tutto: sono state le merchant banks inglesi, ricche di una storia ormai pluricentenaria e certo molto illustre, ad essere acquistate dalle grandi banche universali continentali, incluse tra queste la Ing olandese. La domanda da porsi è ora quella di come le banche inglesi siano giunte alla necessità inderogabile di farsi controllare da mani solidamente continentali. La risposta è semplice: sono rimaste vittime di perdite cospicue nel settore dei derivati e dei titoli a reddito fisso in generale e non avevano più capitale sufficiente per resistere da sole su un mercato nel quale le dimensioni del turnover sono diventate tanto enormi da richiedere basi patrimoniali del tutto sconosciute nella tradizione delle merchant banks inglesi. Si può così affermare che, dopo molte altre acquisizioni meno recenti che Penati non ricorda, non esistono quasi più sul mercato di Londra intermediari specializzati che facciano capo ad una proprietà indipendente. 29

4 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/1 Sarebbe perciò opportuno riformulare le conclusioni dell articolo di Penati nel senso che vi propongo. Certamente, per condurre in porto anche in Europa l immensa quantità di scorpori di conglomerati sia privati che pubblici, risultano vincenti i metodi e gli stili delle operazioni di Londra e di New York; ma dietro queste operazioni che avvengono fisicamente sul mercato londinese, vi saranno dei signori (proprietari) che si trovano a Francoforte, Zurigo, Amsterdam, New York, Hong Kong. Sembra assolutamente necessario quindi che, allo scopo di poter operare con tranquillità sui mercati finanziari internazionali, si debba poter disporre di una merchant bank a Londra, ma sia anche altrettanto necessario poter disporre, in un grande paese, di una rete capillare di raccolta del risparmio che permetta alla merchant bank londinese di poter appoggiare le proprie enormi operazioni su una base patrimoniale adeguata, impossibile da raggiungere da un intermediario specializzato anche avendo a disposizione il mercato di borsa più ampio ed efficiente del mondo. Quanto appena detto induce a prevedere non solo che grandi manovre di scorporo si annunciano in Europa, ma anche che grandi trasformazioni istituzionali sono all orizzonte negli USA, per la ricostituzione in quel Paese della saldatura fra la raccolta del risparmio e le attività di banca di affari; la forma di questa nuova saldatura non è di facile previsione, vista la velocità di trasformazione della realtà finanziaria americana dettata in parte dalla elusione delle norme esistenti, in parte da altre attività di così detta innovazione finanziaria; ma è senza dubbio questo l orientamento dell amministrazione Clinton. In Italia, invece, che cosa accade? A questo punto torna utile il lavoro che con G. Ferri abbiamo pubblicato nei Temi di Discussione del Servizio Studi della Banca d Italia. Penati nota con sorpresa mista ad amarezza come la finanza italiana risulti completamente assente dalle grandi manovre che si annunciano in campo internazionale. Egli considera strano il fatto che le grandi banche italiane preferiscano svenarsi per comprare banche regionali italiane con return on equity molto inferiori di quelli di una banca come la Kleinwort. Penati ricorda che per questa banca la Dresdner ha disposto e poi pagato miliardi (due volte il valore di libro o il 15 per cento del return on equity), mentre per il Credito Romagnolo le banche italiane acquirenti avrebbero sborsato una cifra doppia per una banca che presenta un return on equity della metà. Perché, allora, le banche italiane non guardano anche a quello che è in vendita all estero, dove si possono fare degli affari che sulla carta si presentano molto migliori di quelli disponibili in Italia? Se si considera quello che ho appena detto a proposito della ten- 30

5 MARCELLO DE CECCO, LA STRANA ORIGINE DELLA NATURA SPECIALE DELL ATTIVITÀ... denza a costituire realtà bancarie con grandissime reti di sportelli, geograficamente differenziati, per evitare concentrazioni cicliche di incagli, sofferenze e oscillazioni nella provvista, si può dare una risposta all interrogativo di Penati. La realtà italiana degli ultimi cinquanta anni ci presenta una tendenza in contraddizione con quanto era avvenuto precedentemente in Italia e con quanto avveniva nel resto dell Europa negli stessi anni: l affermazione di alcune grandi banche regionali di proprietà pubblica e di controllo direttamente governativo e la penalizzazione delle BIN, voluta da Alberto Beneduce che attribuiva loro la colpa del disastro finanziario degli anni Trenta (che invece era forse dovuto alle conseguenze della quota 90 sul sistema industriale italiano ed anche alle susseguenti crisi finanziarie internazionali). Nel disegno di Beneduce, il loro posto nella erogazione del credito doveva essere preso dall Imi e dal Crediop, secondo il metodo, da lui inventato e alternativo a quello della banca universale, del finanziamento diretto da parte dei risparmiatori finali a mezzo delle obbligazioni emesse da questi stessi istituti di credito mobiliare. Il sistema bancario italiano non era altro che il risultato dell intrecciarsi dei disegni istituzionali di Beneduce contenuti nella legge bancaria del 36 e delle realtà politico-economiche postbelliche, che vedevano l affermarsi di un nuovo blocco sociale e l integrazione sempre maggiore dell industria e dell agricoltura italiana nell economia internazionale, legati anche all abbandono del protezionismo del periodo precedente. Il sistema bancario italiano ha sperimentato una vigorosa despecializzazione, pervenendo a soluzioni fantasiose come il pluriaffidamento, che è giunto a livelli che non è esagerato definire patologici, per far fronte ad una realtà industriale che ha anch essa reagito alle spinte provenienti dal mercato mondiale decentrandosi (in un modo che di nuovo non è esagerato definire patologico) in una miriade di piccole imprese anche se spesso facenti capo a meno diffuse realtà proprietarie. Nel lavoro citato precedentemente realizzato con G. Ferri, abbiamo affermato che l erogazione del credito in Italia è stata ispirata a criteri molto meglio paragonabili a quelli che caratterizzavano la stessa attività nei paesi del socialismo reale. La deresponsabilizzazione delle banche nella erogazione mediante il metodo assicurativo del pluriaffidamento ha fatto sì che in realtà ad erogare fosse tutto il sistema, con una diffusione a pioggia che ha esonerato il sistema bancario da una attenta considerazione, caso per caso, del merito di credito di ciascuna impresa; così il credito è piovuto sulle imprese come la manna dal cielo, regolato solo dalle esigenze cicliche del vincolo esterno della bilancia dei pagamenti italiana, vincoli del tutto indipendenti dalle volontà agenti all interno del nostro sistema. 31

6 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/1 La crescita incondizionata del debito pubblico, che ha contraddistinto gli ultimi venti anni della vita economica italiana, ha poi ulteriormente contribuito alla despecializzazione, dato che le banche hanno potuto realizzare commissioni piuttosto corpose, senza assumere alcun rischio, vendendo titoli di Stato alle famiglie. La preferenza per la liquidità delle stesse famiglie, che si estrinseca nella elevata percentuale di BOT detenuti, ha fatto in modo che tali commissioni si siano moltiplicate nel tempo, grazie anche ai frequenti rinnovi degli stessi BOT. Tutto ciò è durato fino a qualche anno fa e cioè fino alla prevenzione della concorrenza mediante il controllo degli sportelli che realizzava la vendetta postuma di Beneduce contro Comit e Credit. È evidente che, in una realtà come quella che ho richiamato a grandissimi tratti, ci fosse assai poca richiesta per i servizi tipici delle merchant banks; a quelle espresse dai pochi grandi gruppi industriali italiani privati e pubblici, ha fatto fronte l unica vera banca d affari italiana che è Mediobanca, oltre alla Comit che non si è mai rassegnata alle amputazioni a cui era stata condannata dalla legge bancaria del 36, ma che ha continuato, con il tacito assenso dell autorità monetaria, a svolgere l attività di banca universale. Imi e Crediop, avventuratesi nel credito industriale con il finanziamento dell avventura italiana nella petrolchimica, ne uscivano con le ossa rotte (e riparate solo grazie ad interventi pubblici). Sia Mediobanca che questi altri due istituti di credito mobiliare hanno sofferto per la distanza dalla provvista che la legge loro impone, non solo in termini meramente finanziari, ma specialmente perché è ormai chiaro che l esercizio del credito e l assistenza finanziaria alle imprese non possono essere separate, a pena di togliere alle banche d affari la conoscenza diretta dei flussi di fondi delle imprese che si realizza tramite l esercizio della funzione di pagamento, svolta in condizione però di house bank. Quando l Italia ha deciso di partecipare all Unione Economica Europea, aprendo dal 1993 anche i propri mercati finanziari rimasti chiusi per la segmentazione di cui si è detto e per il rigoroso, almeno sulla carta, controllo dei cambi imposto dalle costrizioni del vincolo estero della bilancia dei pagamenti, ci si è trovati di fronte alla necessità di ribaltare completamente la tendenza alla diffusione ed al decentramento fino ad allora manifestatasi nel nostro sistema bancario. Si è dovuto prendere atto che la legislazione primaria europea in materia di banca permetteva la costituzione della banca universale, da noi fino ad allora vietata, e che il mercato bancario italiano doveva essere virtualmente creato, perché fino ad allora esso poteva caratterizzarsi come un sistema di monobanca munito di migliaia di sportelli apparentemente autonomi facenti capo a entità diverse, ma in verità uniti dalla realtà del pluriaffidamento. 32

7 MARCELLO DE CECCO, LA STRANA ORIGINE DELLA NATURA SPECIALE DELL ATTIVITÀ... Si è quindi dovuto incitare il sistema a concentrarsi rapidamente dopo che per decenni lo si era spinto a fare l opposto. La liberalizzazione degli sportelli ha spinto le banche ad espandersi dove non era stato loro permesso farlo e a farsi concorrenza sia sul passivo che sull attivo. Ne è risultata una lievitazione dei costi operativi, una crescita notevole delle sofferenze, la creazione di un mercato dei debitori, mentre diminuivano gli spreads: questi sono fenomeni che hanno più o meno sempre caratterizzato i vari casi di liberalizzazione finanziaria che si sono avuti nel mondo. Così la crescita degli sportelli, mentre erodeva la redditività delle banche italiane, raggiungeva rapidamente uno scopo non trascurabile: quello di rendere poco appetibile il nostro mercato bancario al dettaglio ad eventuali concorrenti stranieri che avessero voluto aprire direttamente sportelli propri. Quello che è avvenuto recentemente a Londra ha avuto luogo anche in Italia, con l integrazione di Mediobanca in un gruppo bancario che comprende Comit, Credit e Assicurazioni Generali e con la cessione di Euromobiliare ad un altro gruppo bancario ordinario. Nella stessa direzione va anche l acquisto del Rolo da parte del gruppo Mediobanca, ex Bin, che permette la presenza sui ricchi mercati della terza Italia, dalla quale le Bin erano state escluse sotto l imperio della punizione di Beneduce. Il tentativo di incorporare l Ambroveneto seguì identiche direttive ed almeno in apparenza dovrebbe andare nella stessa direzione l integrazione delle due banche di diritto pubblico e della Cariplo con Imi e Crediop, anche se il nuovo gruppo, se si integra veramente, non avrà al suo interno una vera realtà di banca d affari. Potrebbe quindi fare uno shopping all estero, superando alcune materiali ritrosie che derivano dalle recenti scottature riportate in tentativi di espansione estera, coronati da assai mediocri successi e da frequenti disastri a cui si sta correntemente mettendo riparo. Altre attività di concentrazione sono in corso ma non possono andare nella direzione indicata dal trend mondiale di unire banche d affari a grandi banche universali, perché negli ultimi cinquanta anni della storia industriale e finanziaria del nostro Paese il decentramento industriale e l erogazione del credito a pioggia hanno fatto sì che ben poca necessità vi fosse di replicare i servizi forniti da Mediobanca e Comit; la massa dei piccoli industriali aveva solo bisogno di credito facile, soggetto ad improvvise siccità che cadevano su tutti in modo indiscriminato e da cui ci si difendeva essenzialmente con il lavoro a domicilio e con la flessibilità produttiva, ottenuta con il ricorso a sofisticatissime tecnologie di flexible automation, quindi la cosa più antica e più recente allo stesso tempo per adattare il turnover al ciclo. E per le semplici esigenze di corporate finance consulting la piccola impresa ha utilizzato sempre i servizi offerti dai commercialisti. 33

8 STUDI E NOTE DI ECONOMIA - QUADERNI/1 Fino a quando durerà questa situazione, ben poca domanda ci sarà da prevedere in questo settore. Se prevediamo, invece, che le piccole imprese siano indotte a crescere mediante concentrazione, anche a causa di vendite a stranieri determinate per esempio da crisi di successione familiare, si può ipotizzare una crescita della domanda dei servizi propri della banca d affari, come è successo in tutti gli altri paesi del mondo. Restano le attività di scorporo di cui abbiamo parlato prima connesse alle privatizzazioni e alla razionalizzazione dei pochi gruppi privati esistenti. Qui le note si fanno più dolenti, perché la scarsità attuale e nel futuro immediato dell offerta dei servizi della banca d affari, necessari a questa attività che si preannuncia cospicua, urta con la pressione ad acquisire commesse da parte delle banche straniere, equipaggiatesi alla bisogna, come Penati ha dimostrato. Dato che Mediobanca non può fare tutto, è prevedibile che altri gruppi italiani cerchino di formare partnerships ad hoc con gli specialisti stranieri, fidando specialmente nella loro migliore conoscenza ed in un mercato ancora assai poco trasparente. Questa è veramente una prospettiva un po degradante, malgrado i termini educati con i quali si è cercato di tradurla; però mi sembra la più realistica, anche per la disponibilità delle banche straniere, che sono abituate a trattare con persone di tutti i tipi e su tutti i mercati ed a venire anche a patto con il diavolo pur di spuntare un affare, in un mercato mondiale caratterizzato da una competitività che si annuncia esasperata dalla necessità di rientrare velocemente in possesso delle somme sborsate per effettuare la saldatura tra merchant banks e banche universali. Quindi il futuro viene dipinto con prospettive di grandissima competitività in questo settore, con enormi pressioni sul mercato italiano nella eventualità che si verifichino questi scorpori, specialmente pubblici, e le intese ad hoc. Sono trascorsi diversi decenni in cui le cose che si dovevano fare non sono state fatte: vedremo ora cosa succederà. 34

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO.

MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. MATERIALE DI STORIA PER LA TERZA PROVA (TIPOLOGIA C ). ECONOMIA, FINANZA, FISCO. di A. Lalomia Premessa Si propongono di seguito venticinque items di Storia da utilizzare per una terza prova su argomenti

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale

La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale La partecipazione finanziaria per una nuova Europa sociale Il Cammino verso una Regolamentazione Europea: L Approccio Modulare Employee Stock Ownership Plans (ESOP): Un veicolo per garantire la successione

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

IL MERCATO FINANZIARIO

IL MERCATO FINANZIARIO IL MERCATO FINANZIARIO Prima della legge bancaria del 1936, in Italia, era molto diffusa la banca mista, ossia un tipo di banca che erogava sia prestiti a breve che a medio lungo termine. Ma nel 1936 il

Dettagli

Governance e performance nei servizi pubblici locali

Governance e performance nei servizi pubblici locali Governance e performance nei servizi pubblici locali Anna Menozzi Lecce, 26 aprile 2007 Università degli studi del Salento Master PIT 9.4 in Analisi dei mercati e sviluppo locale Modulo M7 Economia dei

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori

ABC. degli investimenti. Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori ABC degli investimenti Piccola guida ai fondi comuni dedicata ai non addetti ai lavori I vantaggi di investire con Fidelity Worldwide Investment Specializzazione Fidelity è una società indipendente e si

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Finanziarizzazione delle risorse naturali.

Finanziarizzazione delle risorse naturali. La finanziarizzazione dell acqua. Scheda preparata da CRBM in occasione dell incontro Europeo For the construction of the European Network of Water Commons Napoli, 10-11 dicembre 2011 a cura di Antonio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria

CHE COS'È UNA BANCA? PARTE 2 Le banche al centro della crisi finanziaria Crisi bancarie L'attività bancaria comporta l'assunzione di rischi L'attività tipica delle banche implica inevitabilmente dei rischi. Anzitutto, se un mutuatario non rimborsa il prestito ricevuto, la banca

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti

XII Incontro OCSE su Mercati dei titoli pubblici e gestione del debito nei mercati emergenti L incontro annuale su: Mercati dei Titoli di Stato e gestione del Debito Pubblico nei Paesi Emergenti è organizzato con il patrocinio del Gruppo di lavoro sulla gestione del debito pubblico dell OECD,

Dettagli

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO

INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO INTERESSE E CAPITALE FITTIZIO La finanziarizzazione dell economia Di Osvaldo Lamperti Per valutare meglio l attuale fase di crisi del capitalismo globalizzato è necessario fare alcune considerazioni sui

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA

LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO Servizio Studi Dipartimentale LA SPESA DELLO STATO DALL UNITÀ D ITALIA Anni 1862-2009 Gennaio 2011 INDICE PREMESSA...

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO

BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO BANCA, TITOLI DI STATO E FONDI DI INVESTIMENTO La banca è un istituto che compie operazioni monetarie e finanziarie utilizzando il denaro proprio e quello dei clienti. In particolare la Banca effettua

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE?

LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? NOTA ISRIL ON LINE N 8-2013 LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA ROTTAMARE? Presidente prof. Giuseppe Bianchi Via Piemonte, 101 00187 Roma gbianchi.isril@tiscali.it www.isril.it LA CONCERTAZIONE SOCIALE E DA

Dettagli

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese

Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese 16 Annual Assicurazioni de Il Sole 24 Ore Assicurazioni, uno strumento per la crescita del Paese Intervento del presidente dell Ania Aldo Minucci Milano, 28 ottobre 2014 1 Sono particolarmente contento

Dettagli

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse?

Your Global Investment Authority. Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari. Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Your Global Investment Authority Tutto sui bond: I ABC dei mercati obbligazionari Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Cosa sono e come funzionano gli swap su tassi d interesse? Gli

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

La nostra storia, il vostro futuro.

La nostra storia, il vostro futuro. La nostra storia, il vostro futuro. JPMorgan Funds - Corporate La nostra storia, il vostro futuro. W were e wer La nostra tradizione, la vostra sicurezza Go as far as you can see; when you get there, you

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE

IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Università degli studi di Bergamo Anno accademico 2005 2006 IMPRENDITORIALITA E INNOVAZIONE Docente: Prof. Massimo Merlino Introduzione Il tema della gestione dell innovazione tecnologica è più che mai

Dettagli

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale

Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Mergers & Acquisitions Come evitare i rischi di una due diligence tradizionale Di Michael May, Patricia Anslinger e Justin Jenk Un controllo troppo affrettato e una focalizzazione troppo rigida sono la

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana ***

LA BORSA ITALIANA DAL 1928. Indice annuale dei corsi della Borsa italiana *** LA BORSA ITALIANA DAL 1928 Indice annuale dei corsi della Borsa italiana La serie storica dell indice di borsa dal 2 gennaio 1928 al 3 giugno 213 è stata elaborata a puro titolo indicativo. Essa è stata

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA ORARIO DI LAVORO NEL SETTORE DEL COMMERCIO E DELLA DISTRIBUZIONE

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15,

Camponovo Asset Management SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, SA, Via S. Balestra 6, PO Box 165, 6830 Chiasso-Switzerland Phone + 41 91 683 63 43, Fax + 41 91 683 69 15, info@camponovoam.com La Gestione Patrimoniale Un felice connubio fra tradizione, tecnologia e

Dettagli

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci!

Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Attenzione: è necessario comprendere il potenziale di un mercato prima di entrarci! Misurazione del potenziale di nuovi prodotti in lancio sulla base della permeabilità del mercato Come esperti di marketing,

Dettagli

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici

Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici Legge federale per la protezione degli stemmi pubblici e di altri segni pubblici 232.21 del 5 giugno 1931 (Stato 1 agosto 2008) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, in virtù degli articoli

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile,

Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, Tra gli odori inconfondibili del tartufo, dal prezzo mai come quest anno, inarrivabile, e della cioccolata, in una cornice resa particolarmente suggestiva dal sole che illuminava la bella valle circostante,

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

Lettera agli azionisti

Lettera agli azionisti Lettera agli azionisti Esercizio 24 2 Messaggio dei dirigenti del gruppo Gentili signore e signori Rolf Dörig e Patrick Frost Il 24 è stato un anno molto positivo per Swiss Life. Anche quest anno la performance

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione

Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione Documento riservato ad uso esclusivo dei destinatari autorizzati. Vietata la diffusione BNPP L1 Equity Best Selection Euro/Europe: il tuo passaporto per il mondo 2 EUROPEAN LARGE CAP EQUITY SELECT - UNA

Dettagli

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA

LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA LE RISERVE AUREE DELLA BANCA D ITALIA Perché la Banca d Italia detiene le riserve ufficiali del Paese? La proprietà delle riserve ufficiali è assegnata per legge alla Banca d Italia. La Banca d Italia

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione

COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Indagine conoscitiva sulla gestione del risparmio da parte dei Fondi pensione e Casse professionali, con riferimento agli investimenti mobiliari e immobiliari,

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione.

Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. 1 Ignazio Musu, Università Ca Foscari di Venezia. Mercati finanziari e governo della globalizzazione. Il ruolo della finanza nell economia. La finanza svolge un ruolo essenziale nell economia. Questo ruolo

Dettagli

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%)

I ricavi del calcio in Europa sfiorano i 20 miliardi di Euro (+5%) La Serie A arriva a quota 1,7 miliardi di Euro (+6%) Deloitte Italy Spa Via Tortona 25 20144 Milano Tel: +39 02 83326111 www.deloitte.it Contatti Barbara Tagliaferri Ufficio Stampa Deloitte Tel: +39 02 83326141 Email: btagliaferri@deloitte.it Marco Lastrico

Dettagli

Perché AIM Italia? (1/2)

Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia Perché AIM Italia? (1/2) AIM Italia si ispira ad un esperienza di successo già presente sul mercato londinese Numero di società quotate su AIM: 1,597 Di cui internazionali: 329 Quotazioni su

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO

L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO DISPENSA 1 Economia ed Organizzazione Aziendale L IMPRESA: OBIETTIVI E CONTESTO - Parte I - Indice Impresa: definizioni e tipologie Proprietà e controllo Impresa: natura giuridica Sistema economico: consumatori,

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

Scelta sotto incertezza

Scelta sotto incertezza Scelta sotto incertezza 1. Introduzione Nei capitoli 1 e 2 della microeconomia standard si studia la scelta dei consumatori e dei produttori, che hanno un informazione perfetta sulle circostanze che caratterizzano

Dettagli

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria.

la Banca Centrale esercita in autonomia (indipendenza dal Governo) la politica monetaria. Politica monetaria Obiettivi principali della politica monetaria stabilità monetaria interna (controllo dell inflazione) stabilità monetaria esterna (stabilità del cambio e pareggio della BdP) ma può avere

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente»

«Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Conferenza stampa annuale del 17 giugno 2014 Anne Héritier Lachat, presidente del Consiglio di amministrazione «Abbiamo un margine di manovra sufficiente» Gentili Signore, egregi Signori, sono ormai trascorsi

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco

Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Klaus F. Zimmermann Imparare dal pragmatico modello tedesco Il modello tedesco ha una grande rilevanza pratica nell Europa di oggi e la capacità di Berlino di portare a termine riforme economiche può servire

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola

L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola L'Italia della bioedilizia è campione del mondo, ma per il Governo l'efficienza è una cenerentola E' italiana la casa ad alta efficienza energetica campione del mondo che si è aggiudicata il primo posto

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK

Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio OUTLOOK OUTLOOK Outlook 2014: il rischio più grande è non correre alcun rischio Non è facile assumersi rischi in modo intelligente e calcolato: la soluzione è Smart Risk AUTORE: STEFAN HOFRICHTER 16 Il 2013 è

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli