Relazioni e Bilancio 2009 Individuale e Consolidato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazioni e Bilancio 2009 Individuale e Consolidato"

Transcript

1 Relazioni e Bilancio 2009 Individuale e Consolidato 48 esercizio

2 Dati in sintesi INDIVIDUALI in milioni di euro Crediti verso banche e verso clientela Investimenti di merchant banking Raccolta Margine di interesse Commissione nette Margine di intermediazione Costi operativi Utile (Perdita) d esercizio (80) (63) (285) (343) in % Margine di interesse / Margine di intermediazione 79,4 92,5 Commissioni nette / Margine di intermediazione 45,5 28,9 Costi operativi / Margine di intermediazione 279,9 62,2 In milioni di euro Patrimonio netto Patrimonio di vigilanza Patrimonio di base Patrimonio supplementare (al netto elementi da dedurre) Coefficiente individuale di solvibilità in % Patrimonio di vigilanza / Attivo ponderato 10,4 10,7 Indici di rischio del credito - in % Crediti deteriorati netti / Totale crediti netti 9,9 7,4 Crediti deteriorati netti / Patrimonio netto 119,5 84,6 Crediti netti in sofferenza / Totale crediti netti 2,7 2,1 Crediti netti incagliati / Totale crediti netti 6,0 5,0 In numero Dipendenti a fine periodo CONSOLIDATI in milioni di euro Crediti verso banche e verso clientela Investimenti di merchant banking Raccolta Margine di interesse Commissione nette Margine di intermediazione Costi operativi Utile (Perdita) d esercizio (80) (63) (257) (344) Patrimonio netto di Gruppo

3 Le cariche sociali CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente Vice Presidente Amministratore Delegato Amministratori Richard Alan Laxer (1) Giuseppe Recchi (2) Paolo Braghieri (2) Nelson Herminio Gonzalez (1) Sylvain Andre Girard (1) Mario Garraffo (3) COLLEGIO SINDACALE Presidente Sindaci effettivi Sindaci supplenti Paolo Andrea Colombo (1) Alberto Dalla Libera (1) Paolo Gualtieri (1) Angelo Ciavarella (1) Roberto Spada (4) DIREZIONE GENERALE Direttore Generale Paolo Braghieri Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari Ettore Colombo (5) (1) in carica dal 7 gennaio 2009 (2) in carica dall 8 gennaio 2009 e dal 7 gennaio come Amministratori (3) in carica dal 25 settembre 2009 (4) in carica dal 30 aprile 2009 (5) in carica dal 6 febbraio 2009 I dati societari GE Capital S.p.A., iscritta all albo delle banche. Sede Legale: Milano - Corso Venezia, 56 - Capitale euro ,00 Codice fiscale, Partita IVA e Registro delle Imprese di Milano n Casella Postale: Milano Telefono: Facsimile: Sito web: Imposta sostitutiva D.P.R n Tit. IV Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi e Fondo Nazionale di Garanzia. Denominazione commerciale: GE Capital Interbanca. 1

4 INDICE GENERALE

5 RELAZIONE E BILANCIO INDIVIDUALE AL Relazione degli Amministratori sulla gestione 6 Schemi del Bilancio Individuale 24 Nota Integrativa 32 Relazione del Collegio Sindacale 118 Attestazione del Bilancio d Esercizio ai sensi dell Art. 154 bis, del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n Relazione della Società di Revisione 126 RELAZIONE E BILANCIO CONSOLIDATO AL Relazione degli Amministratori sulla gestione Consolidata 132 Schemi del Bilancio Consolidato 138 Nota Integrativa Consolidata 146 Attestazione del Bilancio Consolidato ai sensi dell Art. 154 bis, del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n Relazione della Società di Revisione 196 Le sedi operative 199 3

6 RELAZIONE E BILANCIO INDIVIDUALE AL

7 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE 6 Sintesi dell attività della Banca 7 L ATTIVITÀ A LIVELLO INDIVIDUALE Crediti 8 Merchant Banking 10 Investment Banking 10 Raccolta 11 Attività e passività finanziarie 12 Patrimonio netto 12 I RISULTATI ECONOMICI DELL ESERCIZIO ALTRE INFORMAZIONI 17 PROGETTO DI RIPIANAMENTO DELLE PERDITE 22 LE PROSPETTIVE PER IL SCHEMI DEL BILANCIO INDIVIDUALE 24 Prospetti 25 NOTA INTEGRATIVA 32 Parte A Politiche contabili 33 Parte B Informazioni sullo Stato Patrimoniale 45 Parte C Informazioni sul Conto Economico 67 Parte D Redditività complessiva 77 Parte E Informazioni sui rischi e sulle relative politiche di copertura 78 Parte F Informazioni sul patrimonio 108 Parte G Operazioni di aggregazione riguardanti imprese o rami d azienda 113 Parte H Operazioni con parti correlate 114 Parte I Accordi di pagamento basati su propri strumenti patrimoniali 116 Parte L Informativa di settore 117 RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE 118 ATTESTAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO AI SENSI DELL ART. 154 BIS, DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998, N RELAZIONE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE 126 5

8 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE

9 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE Sintesi dell attività della Banca Signori Azionisti, l anno trascorso è stato il primo della gestione GE e ci ha visti impegnati nella gestione proattiva del portafoglio crediti, in una profonda riorganizzazione per adeguare l operatività alle mutate condizioni di mercato e focalizzare la nostra offerta al comparto produttivo delle imprese. La ripresa dell attività produttiva in Italia mostra andamenti difformi all interno del paese e tra i diversi settori di attività economica. Infatti, la crisi del 2009 continua a produrre una forte e preoccupante spinta alla crescita dei casi di default, con famiglie ed imprese in difficoltà nei pagamenti delle rate: l aumento delle sofferenze è stimata nell ordine del 27% per il 2010, dopo l aumento del 34% avvenuto nel 2009 (*). Infatti, nell anno trascorso le banche italiane hanno scontato gli effetti della crisi economica registrando una significativa contrazione del risultato economico, dovuto principalmente all aumento delle perdite su crediti. La domanda di credito del 2009, è stata fortemente impattata dalla contrazione dell attività produttiva e degli investimenti. Si prevede, però, un inversione di tendenza che dovrebbe portare ad una crescita del 2,6% nel corso del 2010 e del 3,2% nel 2011 (*). Anche i risultati di GE Capital Interbanca sono stati influenzati dalla congiuntura economica. Come già accennato, GE Capital Interbanca ha dedicato l anno appena concluso a un approfondita analisi del portafoglio crediti. L ingresso nel gruppo GE, da sempre portatore di una cultura attenta alla gestione del rischio, ha consentito di utilizzare strumenti e processi di valutazione, che hanno portato a una puntuale determinazione degli stati di default e a procedere, in tutti i casi in cui la situazione del cliente lo consentiva, alla ristrutturazione del debito rimodulando i covenant finanziari e riscadenzando i piani di ammortamento. Il conto economico 2009 sconta accantonamenti per 200 milioni di euro, dovuti a copertura dei crediti sia in bonis sia dubbi e delle attività finanziarie. Detti accantonamenti, unitamente agli stanziamenti effettuati per il ridimensionamento della struttura organizzativa (circa 22 milioni di euro) e all impairment accertato sui crediti per imposte anticipate (circa 64 milioni di euro) hanno contribuito a generare una perdita netta complessiva di 285 milioni di euro. L ingresso nel gruppo GE permetterà a GE Capital Interbanca da una parte di migliorare la qualità dei servizi tramite la condivisione delle competenze acquisite in Italia e all estero, dall altro di ampliare la propria offerta avvalendosi delle sinergie con gli altri business finanziari di GE in Italia. Infatti, si sta lavorando al piano di creazione di un nuovo Gruppo Bancario che, subordinatamente all autorizzazione dell Istituto di Vigilanza, vedrà GE Capital Interbanca capogruppo e avrà l obiettivo di creare una piattaforma bancaria evoluta per le piccole e medie imprese, focalizzata al supporto degli obiettivi di sviluppo e dei piani d investimento attraverso un offerta sempre più articolata e adeguata alle esigenze del mercato. (*) fonte ABI 7

10 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE L ATTIVITÀ A LIVELLO INDIVIDUALE Crediti Le consistenze complessive dei crediti verso clientela e verso banche risultano in contrazione del 16,2% rispetto a quanto registrato alla fine del In migliaia di euro % % Crediti verso banche , ,4 Crediti verso clientela , ,6 Totale , ,0 Crediti verso clientela Il comparto dei crediti verso clientela, ha subito una riduzione, del 16,1%, determinata dal contenimento dei flussi di erogazioni rispetto ai capitali giunti a scadenza. Le erogazioni complessive nel corso del 2009 sono state di circa 500 milioni di euro, in decremento rispetto ai 2,4 miliardi di euro dell esercizio Nel dettaglio, le erogazioni hanno interessato tutti i comparti di attività ed in particolare: Lending tradizionale per 142 milioni di euro; Acquisition & Leverage Finance per circa 93 milioni di euro; Real Estate per 113 milioni di euro; Project Finance per 93 milioni di euro; Shipping per i restanti 52 milioni di euro. Crediti verso banche I crediti verso banche risultano in diminuzione del 18% rispetto al 31 dicembre Sono costituiti prevalentemente da depositi, per la gran parte come fondi a garanzia correlati ad operazioni di finanziamento sindacate (IBLOR) ed in misura minore da rapporti collaterali connessi all operatività in derivati, a conti correnti e a depositi attivi. Crediti di firma e attività costituite in garanzia L ammontare dei crediti di firma e delle attività costituite in garanzia, che al 31 dicembre 2009 sono pari a 335,7 milioni di euro, comprende principalmente le fideiussioni rilasciate per correlate operazioni di finanziamento denominate IBLOR; il dato risulta in diminuzione del 13% rispetto a quanto rilevato al 31 dicembre Analisi dei crediti Crediti in bonis verso clientela Nel corso dell esercizio, i crediti in bonis sono stati interessati da flussi per nuove erogazioni per un valore di circa 500 milioni di euro e, per scadenze, per milioni di euro. Inoltre, causa il perdurare della crisi economica, sono stati accertati 139 nuovi casi di default, che hanno generato un flusso di volumi verso la categoria dei crediti dubbi nell ordine di circa 280 milioni di euro. Il tasso di default è stato pari al 5,5% al termine dell esercizio appena concluso, rispetto al 4,9% del 2008 ed all 1,7% del La variazione negativa ha interessato anche la stima della perdita (LGD), ora pari al 60,8% rispetto al 59,7% dell esercizio 2008 ed al 53,5% fatto registrare nel Il tasso di default e la stima della perdita (LGD) sono i parametri utilizzati dal modello di calcolo nella determinazione delle svalutazioni collettive da apportare al portafoglio in bonis verso clientela; tali parametri in crescita rispetto agli anni precedenti, applicati alle categorie considerate a maggior rischio - sulla base di risultanze statistiche per classi omogenee di rating - hanno generato una significativa svalutazione collettiva del portafoglio, pari all 1,84% contro, rispettivamente, 0,44% e 0,18% riscontrati nel 2008 e Analogo criterio è stato adottato anche per i crediti di firma in bonis, la cui svalutazione collettiva risulta essere ora pari al 2,08% rispetto allo 0,63% registrato nel 2008 ed allo 0,29% nel Le posizioni di Rischio Paese, nella cui voce è ricondotta l esposizione garantita per cassa vantata nei confronti di soggetti residenti in Paesi le cui precarie realtà economicopolitiche si riflettono nella difficoltà ad assolvere gli obblighi contrattuali pattuiti, sono state, come di consueto, oggetto di svalutazioni forfetarie. Crediti deteriorati Sulla base della valutazione dei crediti a rischio grazie ad un approccio sistematico e continuativo vengono quantificate le previsioni di recupero analitiche dei crediti con conseguenti proposte di rettifiche o di riprese. Inoltre, sono effettuate svalutazioni collettive per quei crediti deteriorati la cui valutazione analitica non ha comportato alcuna rettifica. In ogni caso, nel condurre le valutazioni sono adottati due criteri di riferimento: le rettifiche di valore vengono effettuate non appena emerge un potenziale dubbio esito, anche sulla base di elementi di giudizio di carattere ancora provvisorio; la quantificazione della quota recuperabile viene stimata secondo criteri prudenziali. 8

11 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE In termini di volumi complessivi, i crediti deteriorati lordi sono aumentati su base annua solamente dello 0,9%. I nuovi default hanno generato aumenti per circa 280 milioni di euro, compensati però da consistenti diminuzioni, imputabili ad incassi per 130 milioni di euro. Le esposizioni nette sono risultate in aumento dell 11,8% rispetto al dato di fine 2008, a causa della minor incidenza di copertura, ora pari al 44,1% rispetto al 49,5%, derivante principalmente dalla diversa composizione del portafoglio che, nel corso del 2009, ha visto l ingresso di nuove posizioni in default (139) e il completamento di numerose ristrutturazioni (11). In migliaia di euro ESPOSIZIONE LORDA (A) RETTIFICHE DI VALORE COMPLESSIVE (B) ESPOSIZIONE NETTA (C) % (C) % COPERTURA (B/A) ESPOSIZIONE NETTA (D) VAR. % (C/D) Crediti deteriorati ,9 44, ,8 Sofferenze ,7 60, ,4 Incagli ,0 36, ,4 Ristrutturati ,7 27, ,0 Sconfinati/scaduti oltre 180 giorni ,4 2, ,5 Crediti in bonis ,1 1, ,5 di cui Rischio paese ,2 3, ,5 Totale dei crediti ,0 8, ,3 Principali indici di bilancio relativi ai crediti Crediti deteriorati in % Crediti deteriorati / impieghi lordi totali 16,1 13,6 Crediti deteriorati / impieghi netti totali 9,9 7,4 Crediti deteriorati / Patrimonio netto 119,5 84,6 Sofferenze in % Sofferenze lorde / impieghi lordi totali 6,2 3,9 Sofferenze nette / impieghi netti totali 2,7 2,1 Sofferenze nette / Patrimonio netto 32,8 24,4 Incagli in % Incagli lordi / impieghi lordi totali 8,6 9,4 Incagli netti / impieghi netti totali 6,0 5,0 Incagli netti / Patrimonio netto 72,5 57,2 Ristrutturati in % Ristrutturati lordi / impieghi lordi totali 0,9 0,2 Ristrutturati netti / impieghi netti totali 0,7 0,1 Ristrutturati netti / Patrimonio netto 8,8 1,6 Sconfinati/scaduti oltre 180 giorni in % Sconfinati/scaduti oltre 180 giorni / impieghi lordi totali 0,4 0,1 Sconfinati/scaduti oltre 180 giorni / impieghi netti totali 0,5 0,1 Sconfinati/scaduti oltre 180 giorni / Patrimonio netto 5,4 1,4 9

12 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE Merchant Banking Equity Investment L esercizio 2009 è stato caratterizzato da un difficile quadro macroeconomico. La profonda crisi che aveva segnato il ciclo economico dell anno precedente non ha risparmiato nemmeno l esercizio appena concluso, alleggerendo solo negli ultimi due trimestri la propria intensità, come confermato dall inversione di tendenza del prodotto interno lordo segnata nel trimestre luglio-settembre, ma senza frenare gli effetti negativi sul mercato del lavoro. Nel complesso si è quindi assistito ad una frenata della produzione e dei consumi di beni e di servizi che ha generato nelle aziende un impegno importante per gestire le conseguenze del calo dei volumi e del fatturato, sia sul territorio nazionale sia all estero. In tale ambito si sono mosse le aziende partecipate, volgendo i propri sforzi al contenimento, per quanto possibile, degli effetti dell eccezionale stato di crisi e di volatilità dell economia, mostrando una buona capacità di reazione sostenuta nel complesso sia dalla solida e storica presenza nel settore di appartenenza sia da strutture industriali flessibili, favorite anche dal relativamente ridotto utilizzo della leva finanziaria. Nel complesso le aziende in portafoglio hanno affrontato proattivamente la congiuntura, limitando il pregiudizio sulla gestione ordinaria e ponendo le basi per una rapida ripresa al consolidarsi dei primi segnali di inversione di tendenza. Nel corso dell esercizio sono stati effettuati 2 disinvestimenti, per un valore complessivo di 10,5 milioni di euro. Alla data del 31/12/2009, il portafoglio di merchant banking è costituito da 13 partecipazioni attive. Nella tabella seguente si evidenzia la composizione di tutti gli investimenti di capitale (compresi i prestiti convertibili) suddivisi per tipologia di attività e per classificazione di bilancio ai fini valutativi. Snia S.p.A. Nel corso del mese di novembre, è stata dismessa totalmente la quota partecipativa, pari al 6,648%, nella società quotata alla Borsa Valori, per un valore iscritto di 10,2 milioni di euro. Acquisizioni di altre partecipazioni Nel corso dell esercizio sono stati conclusi numerosi piani di ristrutturazione riguardanti imprese in temporanea difficoltà finanziaria, che hanno comportato, nei seguenti casi, la conversione di parte del debito in capitale o in strumenti partecipativi assimilabili: Maccorp Italiana S.p.A; Mark IV LLC; Seves Holding S.p.A. Nella totalità dei casi elencati, il fair value dell esposizione è pari a zero. Dismissioni di altre partecipazioni Cerved S.r.l. già Centrale dei Bilanci S.r.l. In data 28 maggio 2009 è stata ceduta la partecipazione nel capitale della società, già Centrale dei Bilanci S.r.l, per un valore iscritto di circa 58 mila euro. Nota su società consolidate integralmente Bios Interbanca S.p.A. L esercizio 2008, chiuso con una perdita di circa 90 milioni di euro, a seguito dell impairment dell investimento in Sorin, determinato sulla base delle quotazioni di mercato, ha fatto rientrare Bios Interbanca nella fattispecie prevista all art del codice civile, concernente la riduzione del capitale sociale al di sotto del limite legale. Pertanto, il Consiglio di Amministrazione della controllante GE Capital Interbanca, nella riunione del 25 settembre 2009, ha deliberato il ripianamento delle perdite di Bios Interbanca mediante conversione in capitale del finanziamento soci erogato il 27 marzo 2007, allo scopo di assicurare a quest ultima la continuità operativa e la ricostituzione del capitale sociale azzerato a seguito delle perdite pregresse e relative all esercizio in migliaia di euro Investimenti di Merchant Banking di cui: - disponibili per la vendita consolidati integralmente detenuti per negoziazione - 19 Investimenti funzionali all attività di cui: - consolidati integralmente fair value option Altri investimenti di cui: - disponibili per la vendita Totale Investimenti di capitale Sul dato di consistenza hanno influito, oltre alle variazioni di fair value, le operazioni avvenute nel corso dell esercizio e che riguardano: Dismissioni di partecipazioni CM Sistemi S.p.A. In data 10 dicembre 2009 è stata ceduta la partecipazione nel capitale della società, per un valore iscritto di circa 346 mila euro. La controllata registra al termine dell esercizio 2009 un utile di 27,5 milioni di euro, a seguito del capital gain conseguito dalla cessione parziale della azioni detenute in Sorin. Al 31 dicembre 2009 la Società detiene una partecipazione pari a circa il 7,5% del capitale di Sorin. Investment Banking GE Capital Interbanca ha seguito nel corso del 2009 una serie di operazioni di Mergers & Acquisitions ed Equity Capital Markets assistendo sia fondi di private equity sia società industriali. I mandati ottenuti hanno riguardato l assistenza per operazioni di acquisizione (buy-side), operazioni di vendita (sell-side) e aumenti di capitale su mercati regolamentati e non. I settori di appartenenza delle società oggetto di incarico sono i più rappresentativi dell industria italiana tra cui Manufacturing, Fashion, Healthcare e Logistica. Alcune delle operazioni seguite 10

13 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE hanno risentito della crisi finanziaria che ha comportato un allungamento dei tempi con possibile esito positivo nel corso del Tra le operazioni concluse, GE Capital Interbanca ha agito in qualità di Sponsor nella quotazione di Gruppo Effegi sul Mercato Alternativo del Capitale, una delle poche quotazioni effettuatesi nel 2009 sui mercati italiani. Il Gruppo Effegi opera nel settore del credito al consumo, distribuendo prodotti e servizi finanziari quali prestiti contro cessione del quinto dello stipendio, fideiussioni e cauzioni, prestiti personali, carte di credito revolving, mutui. La quotazione è avvenuta il 25 novembre Raccolta Principali componenti della raccolta In migliaia di euro % % Debiti verso banche , ,5 Debiti verso clientela , ,5 Debiti rappresentati da titoli , ,0 Totale , ,0 Il volume complessivo della provvista (comprensivo delle passività subordinate) risulta in diminuzione del 16,9%, coerentemente alla flessione degli impieghi registrata nel corso del Debiti verso Banche In migliaia di euro % % Saldi liquidi su depositi e c/c 162 0, ,0 Depositi e finanziamenti , ,7 Raccolta da organismi internazionali , ,3 Totale , ,0 La diminuzione dei debiti verso banche, il cui dato di 38 milioni di euro è ora rappresentato da raccolta a breve sul MID e da finanziamenti forniti dalla BEI, rispetto alle consistenze del 31 dicembre 2008 (4.366 milioni di euro), è correlata alla crescita dei debiti verso clientela, pari ora a milioni di euro, a seguito del passaggio di proprietà da Banco Santander al Gruppo GE, la cui raccolta è fornita dalla società finanziaria GE Holdings Ltd - Hungary. Debiti verso Clientela In migliaia di euro % % Finanziamenti dal Gruppo ,9 - - Depositi e c/c , ,4 Altre forme di provvista 820 0, ,6 Totale , ,0 Le linee di finanziamento in essere nel 2008 garantite da Banco Santander sono state sostituite nel 2009 da un funding infragruppo assicurato dalla società finanziaria GE Holdings Ltd Hungary. La struttura di tale finanziamento si è trasformata da una forma di prestito ponte, per consentire il passaggio di proprietà, ad un altra basata su una strategia di match funding con profili di tasso e temporali dell attivo nonché su condizioni di mercato a valere per l intero esercizio. La raccolta di liquidità effettuata presso la clientela corporate mediante l accensione di depositi a tempo ha visto nel corso del 2009 una ripresa delle consistenze, dopo la crisi di liquidità registrata l anno precedente. Finanziamento subordinato È presente dall esercizio 2006 il finanziamento non cartolare di tipo subordinato, concesso all origine da ABN Amro Bank NV e, successivamente al cambio di proprietà, prima da Santander ed ora da GE Capital Corporation, di ammontare pari a 200 milioni di euro, con durata decennale, grado di subordinazione lower tier two, tasso legato all Euribor a 3 mesi con uno spread dello 0,28%; il contratto non prevede clausole di change of control. Debiti rappresentati da titoli In migliaia di euro % % Obbligazioni , ,2 Passività subordinate , ,2 Certificati di deposito , ,6 Totale , ,0 La raccolta rappresentata da titoli è costituita per la quasi totalità da prestiti obbligazionari; a fine 2009 ne risultano in circolazione 47, di cui 7 quotati per un valore di circa 205 milioni di euro. Nel corso del 2009 non è stato emesso alcun prestito obbligazionario. 11

14 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE Attività e passività finanziarie Questo capitolo tratta le attività e le passività finanziarie non inerenti l operatività di merchant banking. In migliaia di euro Titoli di debito disponibili per la vendita detenuti sino alla scadenza crediti verso clientela Strumenti derivati dell'attivo detenuti per negoziazione detenuti per copertura Strumenti derivati del passivo detenuti per negoziazione detenuti per copertura Titoli di debito La rimanenza finale dei titoli di debito è costituita per circa 49,1 milioni di euro da CCT, in garanzia a favore della Banca d Italia a fronte dell operatività sul MID e MIC e, per la rimanente parte, da 2 prestiti obbligazionari di società non quotate. Derivati di negoziazione Gli strumenti derivati attivi e passivi di negoziazione in essere al 31 dicembre 2009 sono relativi per la quasi totalità a contratti su tassi di interesse e su valute. Sono inoltre presenti i derivati scorporati dai titoli strutturati emessi e le loro speculari coperture. Il portafoglio è costituito da operazioni negoziate con la clientela corporate, effettuate al fine di offrire a quest ultima strumenti atti a fronteggiare rischi di tasso, cambio e prezzo; nel contempo la Banca provvede a chiudere la posizione con primarie istituzioni finanziarie. Nel corso del 2009 sono state chiuse le operazioni di derivati di ex copertura che, seppur valide economicamente, erano classificate nel portafoglio di trading in quanto non rispettavano gli stringenti requisiti dello IAS 39 per l iscrizione nel portafoglio di hedging. Inoltre, le posizioni che presentano un valore positivo per la Banca sono costantemente monitorate anche sotto il punto della rischiosità della controparte; quest ultime vengono svalutate in modo collettivo, applicando lo stesso criterio e le medesime percentuali adottati per i crediti per cassa e di firma in bonis per le classi di rating definite a rischio. La tabella seguente evidenzia la ripartizione per tipologia di controparte. COMPARTO TIPOLOGIA CONTROPARTE FAIR VALUE ATTIVO FAIR VALUE PASSIVO Offsetting Banche (75.101) Clienti (5.554) Embedded Banche (5.217) Clienti - - TOTALE (85.872) Derivati di copertura Le operazioni in essere riguardano esclusivamente coperture del rischio tasso e cambio delle proprie emissioni obbligazionarie; a tal fine vengono utilizzati swap dalle caratteristiche - scadenze e indicizzazioni - speculari a quelli delle poste coperte, negoziandoli con primarie banche italiane ed internazionali. Il rispetto dell efficacia della copertura è garantito da test prospettici trimestrali condotti sottoponendo a stress (+/- 1%) la curva dei tassi d interesse, nonché da test retrospettivi effettuati con la stessa periodicità. In applicazione delle policy di Gruppo GE, che prevedono di minimizzare il ricorso agli strumenti derivati, nel corso dell esercizio sono state chiuse 143 operazioni di copertura su tassi di interesse; la copertura finanziaria è stata comunque garantita attraverso il tiraggio di provvista avente caratteristiche simili per tipologia di tasso e di durata. Patrimonio Netto Il totale del capitale, delle riserve - comprensivo della perdita dell esercizio - è pari al 31/12/2009 a circa 434,9 milioni di euro, in diminuzione del 20,8% rispetto all analogo dato alla fine del Le variazioni principali riguardano: il versamento a fondo perduto effettuato dalla Controllante per complessivi 136 milioni di euro, utilizzati a copertura delle perdite registrate nel 2008; le riserve da valutazione in positivo per 34,1 milioni di euro, in funzione dell aggiornamento dei valori di fair value e degli impairment accertati sugli strumenti finanziari disponibili per la vendita; la perdita d esercizio per 284,6 milioni di euro. 12

15 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE I RISULTATI ECONOMICI DELL ESERCIZIO 2009 Nonostante un lieve miglioramento del quadro di congiuntura economica e creditizia, la ripresa dell attività produttiva è ancora lontana: il calo del fatturato industriale, il ridimensionamento degli investimenti unitamente alla forte cautela nei consumi espressa da parte delle famiglie, sono dei segnali che indicano il persistere degli effetti della crisi. Nell ambito di questo scenario economico, il sistema bancario ha subito per il secondo anno consecutivo un calo consistente dei profitti, maggiormente sentito dalle banche che, come GE Capital Interbanca, hanno come attività principale il supporto al settore produttivo delle imprese risultato fortemente colpito dalla crisi. Il conto economico di GE Capital Interbanca riflette così lo stato di difficoltà delle imprese a rispettare le scadenze finanziarie. Un attenta valutazione del portafoglio crediti ha determinato accantonamenti complessivi per circa 200 milioni di euro, dei quali oltre 60 milioni di euro sono stati stanziati sul portafoglio performing. I risultati negativi degli esercizi 2008 e 2009, generati da elevati livelli di costo del rischio di credito, coerentemente con le prospettive di evoluzione dell attività della Banca, hanno inoltre comportato il mancato riconoscimento di parte della fiscalità anticipata, stimabile nell ordine di circa 64 milioni di euro. Questi ultimi fattori hanno così contribuito in modo determinante al risultato dell esercizio, chiuso con una perdita di 285 milioni di euro. Conto Economico Riclassificato VOCI VAR. 09/08 VAR. % 09/08 Margine di interesse (73.480) -76,4% Commissioni nette (13.668) -51,2% Dividendi (1.632) -95,2% Risultato netto dell'attività di negoziazione (5.555) (8.760) -273,3% Risultato netto dell'attività di copertura (1.904) (3.143) -253,7% Utili da cessione dell'attività di merchant banking (342) -57,0% Risultato netto delle att./pass. fin. valutate al fair value - (28.890) ,0% Margine di intermediazione (72.135) -71,6% Rettifiche di valore nette per deterioramento di crediti, attività finanziarie e garanzie rilasciate ( ) ( ) ,5% Risultato della gestione finanziaria ( ) ( ) ,6% Spese per il personale (52.548) (33.663) (18.885) 56,1% Altre spese amministrative (26.221) (20.380) (5.841) 28,7% Accantonamenti netti ai fondi per rischi e oneri 621 (8.770) ,1% Rettifiche nette su attività materiali/immateriali (3.198) (3.475) 277-8,0% Altri oneri/proventi di gestione (2.311) -64,1% Oneri operativi (80.050) (62.681) (17.369) 27,7% Perdita ante imposte ( ) ( ) ,8% Imposte sul reddito (33.500) ( ) n.s. Utile delle att. non correnti in via di dism. netto imposte (1.191) n.s. Perdita d'esercizio ( ) ( ) ,9% 13

16 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE Margine di interesse Il saldo finale della componente economica si è assestato a circa 22,7 milioni di euro, in forte diminuzione rispetto al dato conseguito nel 2008 (pari ad oltre 96 milioni di euro). Sulla variazione rispetto all esercizio precedente ha inciso il maggiore costo della provvista - applicato all apertura di nuove linee di finanziamento - influenzato negativamente dalle condizioni di mercato, caratterizzato da un elevato rischio di liquidità. Il recupero a livello di esercizio, rispetto alla chiusura negativa nel primo semestre, è stato determinato dalla ridefinizione con il Gruppo GE delle condizioni del contratto di provvista - inizialmente aperto sotto forma di finanziamento ponte, per consentire il passaggio di proprietà - consentendo di beneficiare di una nuova determinazione dei tassi applicati a valere dalla data di acquisizione. In considerazione della criticità di questo parametro nella gestione economica della Banca, il Consiglio di Amministrazione di GE Capital S.p.A. ha già deliberato e sta attivamente promuovendo una serie di iniziative locali, al fine di diversificare le fonti di provvista, attualmente in prevalenza imperniate sui finanziamenti erogati dal Gruppo di appartenenza, al fine di mitigare il rischio di liquidità e di ridurre il costo della raccolta; tali iniziative si realizzeranno attraverso l emissione di prestiti obbligazionari (private placement), una maggior presenza sul mercato interbancario, operazioni di securitization e la raccolta di depositi da banche e dalla clientela. La provvista così determinata, unitamente alla diversa composizione del portafoglio crediti, sia per tipologia che per spread applicati, porteranno un maggior beneficio alla componente economica già a partire dall esercizio in corso. Commissioni nette L apporto al conto economico della componente commissionale (13 milioni di euro) registra una diminuzione di oltre il 50% derivante principalmente dal limitato volume di erogazioni di operazioni strutturate, nonché dalla modesta attività nel settore dell Investment Banking, conseguenza del protrarsi della fase recessiva del ciclo economico, sia in campo finanziario che industriale. Dividendi La contribuzione del comparto dividendi risulta in diminuzione rispetto a quanto conseguito nell esercizio precedente, che aveva beneficiato del dividendo della allora controllata Interbanca International Holding, partecipazione successivamente ceduta a Santander. Risultato netto dell attività di negoziazione Il risultato del periodo è stato negativo per 5,5 milioni di euro; la voce ha risentito degli accantonamenti ai fondi collettivi effettuati sui derivati di tasso e cambio stipulati con clientela corporate (circa 1,5 milioni di euro). Inoltre, in un ottica di razionalizzazione del portafoglio di trading, la Banca ha provveduto all unwind di diverse operazioni in derivati non più in linea con gli obiettivi di contenimento dei rischi prefissati. I costi dello chiusura di tali operazioni hanno decisamente influito sul risultato dell attività. Risultato netto dell attività di copertura In questa voce del conto economico, il cui saldo a fine 2009 presenta una perdita di 1,9 milioni di euro, si registrano le variazioni di fair value dei contratti derivati di copertura e delle corrispondenti attività e passività oggetto della stessa. In applicazione delle policy del Gruppo General Electric, che prevedono, al fine di fronteggiare i rischi di tasso e cambio, un contenimento al ricorso a derivati di copertura privilegiando l utilizzo del cosiddetto natural hedge per tasso e scadenza tra attività e passività, la Banca, nei primi mesi del 2009, ha provveduto allo smontaggio di 143 operazioni di copertura stipulate in precedenti esercizi; gli oneri derivanti dal processo di unwind rappresentano la parte più significativa di tale risultato. Successivamente la copertura dei rischi finanziari è stata ripristinata tramite una attenta e precisa attività di matching tra impieghi e nuovo funding fornito dalla stessa CapoGruppo. Utili da cessione partecipazioni di private equity Le condizioni di mercato non hanno consentito la consueta attività fatta di acquisizioni e dismissioni nello specifico settore dell Equity Investment; nel corso dell esercizio appena concluso, gli utili netti ammontano a 0,3 milioni di euro, proseguendo un trend già manifestatosi nel corso dell esercizio

17 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE Rettifiche di valore nette per deterioramento di crediti, attività finanziarie e garanzie rilasciate In migliaia di euro Rettifiche nette su crediti per cassa deteriorati (14.630) ( ) Rettifiche nette su crediti per cassa in bonis (57.596) (14.920) Rettifiche nette su crediti di firma deteriorati (16.044) Rettifiche nette su crediti di firma in bonis (4.314) (1.285) Rettifiche nette su attività finanziarie disponibili per la vendita (61.725) (53.597) Rettifiche su partecipazioni (64.480) (10.204) Totale rettifiche nette di valore ( ) ( ) Rettifiche nette su crediti e garanzie rilasciate Per quanto riguarda i crediti deteriorati, va precisato come il valore netto delle rettifiche sia sensibilmente interessato dalla ripresa di valore, per circa 89 milioni di euro, derivante dalla conversione in capitale del finanziamento soci erogato il 27 marzo 2007, a beneficio della controllata Bios Interbanca, allo scopo di assicurare a quest ultima la continuità operativa e la ricostituzione del capitale sociale azzerato a seguito delle perdite pregresse e relative all esercizio Neutralizzando tale effetto, che, come verrà illustrato in seguito, incide sulla componente rettifiche su partecipazioni (voce 130 d), si evidenzia come sia ancora significativo, anche nell esercizio 2009, l impatto sul conto economico della Banca per accantonamenti, originati dall incapacità di rimborsare il debito da parte delle piccole e medie imprese in seguito al protrarsi della crisi economica. Si evidenzia, peraltro, come il valore complessivo delle rettifiche di valore risulti notevolmente inferiore rispetto all esercizio precedente. Le rettifiche nette su crediti in bonis, sia per cassa che di firma, sono anch esse riconducibili ad un generale peggioramento del portafoglio; la crescita del tasso di default, unitamente alla rideterminazione delle classi di rating definite a rischio, ha inciso sul modello di calcolo nella determinazione delle svalutazioni collettive da apportare al portafoglio in bonis verso clientela. L accantonamento complessivo sui bonis, di circa 62 milioni di euro, congiuntamente al fondo preesistente, porta la svalutazione del portafoglio all 1,84%, definendo una elevata copertura del rischio legato a future insolvenze. Rettifiche nette su attività finanziarie disponibili per la vendita Analogamente a quanto accaduto al comparto crediti, anche le attività finanziarie disponibili per la vendita, che sostanzialmente riflettono le interessenze partecipative proprie del comparto di Equity Investment, sono state oggetto di impairment al termine del processo interno di valutazione, in conseguenza del deterioramento dei dati e degli indici aziendali delle partecipate. Rettifiche nette su partecipazioni La partecipazione nella controllata Bios Interbanca è stata oggetto nel corso del 2009 di ripianamento delle perdite - realizzate nel 2008 e negli esercizi precedenti in applicazione delle disposizioni di cui all art del Codice Civile. Pertanto, GE Capital Interbanca, nel convertire in capitale il finanziamento soci erogato in favore della controllata Bios Interbanca, per circa 77,8 milioni di euro, ha aumentato il valore della partecipazione e, nel contempo, ha proceduto all impairment della stessa, riportando il valore contabile pari al valore di patrimonio netto della società post conversione. Oneri operativi Nel commentare l elevato ammontare degli oneri operativi, che al termine dell esercizio 2009 sono pari a circa 80 milioni di euro, in crescita del 27,7% rispetto al bilancio precedente, va evidenziato innanzitutto il costo sostenuto per l avvio della procedura che, all interno del processo di ristrutturazione aziendale, avrà riflessi sul livello occupazionale dell azienda; riclassificando tale componente straordinaria si otterrebbe una diminuzione di oltre il 5% rispetto al 31 dicembre Spese del Personale La presente voce risulta in netta crescita rispetto all esercizio 2008; la variazione riguarda principalmente gli accantonamenti per l incentivazione all esodo e per l accesso al Fondo di Solidarietà per il sostegno del reddito, dell occupazione e della riconversione e riqualificazione professionale del personale dipendente delle imprese del credito. Inoltre, si segnala che dall esercizio 2009 i membri del Consiglio di Amministrazione non percepiscono compensi per l attività svolta. In migliaia di euro AL 31 DICEMBRE VAR. % Stipendi ed oneri sociali ,6 di cui: fissi ,8 variabili ,7 Altri oneri del personale ,1 Oneri per incentivi all'esodo ,7 Compensi per Consiglio d'amministrazione ,0 Compensi per Collegio Sindacale ,1 Totale ,1 15

18 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE Altre spese amministrative in migliaia di euro VAR % Costi per servizi da società del Gruppo n.s. Consulenze e prestazioni di professionisti esterni ,3 Outsourcing ,3 Affitto e spese correnti uffici ,6 Locazione di macchine e software ,6 Spese d'informazione ,8 Imposte indirette e tasse ,2 Spese di manutenzione ,2 Pubblicità e altre spese promozionali ,2 Altre spese ,9 Totale ,7 Le altre spese amministrative risultano in aumento rispetto a quanto registrato nel precedente esercizio (+ 28,7%). Tra le maggiori componenti di spesa si segnalano quelle derivanti dall applicazione del contratto di Master Service Agreement stipulato con il Gruppo General Electric e che comprende anche le royalty per l utilizzo del marchio e del nome GE. Anche i compensi corrisposti per l attività di consulenza di professionisti esterni risulta in crescita ed è riconducibile alle numerose e complesse operazioni di ristrutturazione del debito nonché all integrazione della Banca nel Gruppo GE. In calo le imposte indirette e tasse in quanto legate principalmente all attività di erogazione del credito. Accantonamenti netti ai fondi per rischi ed oneri Il saldo positivo della voce è determinato dall effetto netto degli accantonamenti e degli utilizzi contabilizzati nel corso dell esercizio. Rettifiche nette su attività materiali ed immateriali L aggregato delle voci di conto economico , relativo agli ammortamenti ed alle cessioni di immobilizzazioni, evidenzia una diminuzione dell 8%, derivante dal naturale processo di ammortamento, in assenza di nuovi investimenti. Altri oneri/proventi di gestione A partire dall esercizio 2009, nella voce confluiscono oltre ad oneri/proventi di natura residuale, soprattutto non ricorrenti, anche i recuperi dalla clientela per spese sostenute, che negli anni precedenti venivano contabilizzate alla voce commissioni attive/passive. La diminuzione, così come per le imposte indirette, è legata principalmente alla ridotta attività di erogazione del credito. Imposte sul reddito e risultato netto dell esercizio Il risultato ante imposte presenta un saldo negativo di 251,1 milioni di euro, inferiore di oltre 180 milioni di euro (-41,8%) nel confronto con l esercizio precedente. Come già indicato, le ingenti rettifiche di valore registrate a conto economico negli ultimi due esercizi hanno determinato l insorgere di significative differenze temporanee, in quanto la maggior parte di tali rettifiche sono deducibili fiscalmente in un arco temporale di 18 anni. Inoltre, al termine dell esercizio, si è determinata la realizzazione di una perdita fiscale stimata in circa 70 milioni di euro. In tale contesto, nell ambito della valutazione circa la recuperabilità delle imposte associate a tali differenze temporanee nonché della perdita fiscale e, tenuto conto del piano industriale approvato dal Consiglio di Amministrazione, non sono emersi elementi tali da ritenere probabile la generazione di redditi imponibili futuri sufficienti per permettere il mantenimento nell attivo patrimoniale dell intero importo di fiscalità anticipata; pertanto, non si è provveduto al riconoscimento di parte di imposte anticipate per circa 64 milioni di euro. Al netto delle imposte sul reddito, sul cui ammontare negativo per 33,5 milioni di euro hanno notevolmente inciso le valutazioni sulle imposte anticipate, la perdita netta d esercizio ammonta a 284,6 milioni di euro, in diminuzione del 16,9% rispetto al risultato negativo dell esercizio

19 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE ALTRE INFORMAZIONI Attività di ricerca e sviluppo La Banca non svolge attività di ricerca e sviluppo. Investimenti Information Technology Nel corso dell esercizio 2009, caratterizzato dall inizio del processo di riorganizzazione aziendale, sono stati effettuati solo gli investimenti ritenuti necessari per rispondere all introduzione di normative obbligatorie ed indispensabili alle attività di ordinaria amministrazione; contestualmente sono stati avviati i processi di integrazione agli standard GE. In tale contesto sono stati effettuati i seguenti interventi: Segnalazioni di Vigilanza/Centrale Rischi: molteplici allineamenti degli applicativi per le modifiche alle segnalazioni richieste dalla Banca d Italia; variazioni alle fasi di generazione dei dati per la Centrale Rischi; gestione delle segnalazioni con B.I. per conto della ex Capogruppo GE Corporate Financial Services Italia; recepimento della normativa relativa al nuovo trattamento dei derivati scaduti e delle regole richieste dalla nuova matrice dei conti. Integrazione (CUT OVER): nel maggio 09 si è conclusa la prima importante fase dell integrazione dei sistemi informativi di Interbanca con la rete GE. Nel 2010 sono stati pianificati significativi interventi di modernizzazione dei sistemi informativi che dovrebbero portare l attuale situazione di gestione interna a quella di Full Outsourcing, affidando ad un partner tecnologico tutte le componenti applicative, di infrastruttura tecnologica e dei servizi di application management nonché di help desk. Questo consentirà di avere a disposizione un insieme di servizi innovativi e completi attraverso una soluzione integrata e costantemente aggiornata, a costi inferiori. Immobilizzazioni materiali Gli investimenti effettuati nel corso del 2009 per GE Capital Interbanca hanno riguardato principalmente l attività di conservazione e manutenzione straordinaria degli stabili di Milano, siti in Corso Venezia e Via Borghetto; le opere, eseguite come previsto dalla normativa 626, hanno consentito la creazione di postazioni di lavoro ed aree riservate, resesi necessarie dalla razionalizzazione delle sedi operative. Altri lavori hanno riguardato gli uffici (in locazione) delle Filiali sul territorio. Risorse umane In data 30 settembre 2009 si è conclusa, con la sottoscrizione di un accordo sindacale sull esodo anticipato volontario per 130 risorse, la procedura prevista dagli artt. 15 e 18 del CCNL per i quadri direttivi e per il personale delle aree professionali, dipendenti delle imprese creditizie, finanziarie e strumentali, in caso di rilevanti ristrutturazioni con impatti sul livello occupazionale, iniziata il 18 giugno Al predetto accordo sindacale, che prevede la corresponsione di un certo numero di mensilità a titolo di incentivazione all esodo commisurate all anzianità anagrafica ed a quella aziendale, hanno aderito 61 dipendenti, con uscite previste fino al 30 aprile Lo stesso accordo sindacale ha previsto inoltre il ricorso obbligatorio al Fondo di Solidarietà per il sostegno del reddito, dell occupazione e della riconversione e riqualificazione professionale del personale dipendente delle imprese del credito a cui dovranno accedere tutti coloro che hanno già maturato o matureranno i relativi requisiti entro il , che si stimano essere 50 dipendenti. Le parti hanno quindi rinviato ad una successiva e specifica intesa la definizione dei termini e delle condizioni per l accesso al Fondo medesimo, ponendo in essere, nel frattempo, gli adempimenti di legge necessari per la corretta attivazione del Fondo obbligatorio. Composizione del Personale Nel corso dell esercizio 2009 il Personale della Banca è stato interessato da 8 assunzioni a fronte di 47 dimissioni. Dei 286 dipendenti presenti al 31 dicembre 2009, 259 hanno contratto a tempo indeterminato full-time e 27 contratto a tempo indeterminato part time. Composizione del Personale per età al in numero UOMINI DONNE TOTALE < 30 anni > 30 anni < 45 anni > 45 anni Totale Composizione del Personale per anzianità media al in numero UOMINI DONNE TOTALE < 5 anni > 5 anni < 10 anni > 10 anni < 20 anni > 20 anni Totale Composizione del Personale per grado in numero % % Dirigenti 36 12, ,0 Quadri direttivi (3 e 4 livello) , ,7 Restante personale , ,3 Totale , ,0 17

20 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI SULLA GESTIONE Regolamento generale Il Consiglio di Amministrazione dell 8 gennaio ha approvato le modifiche introdotte dalla nuova Proprietà alla Delega Generale dei Poteri e delle Facoltà di Firma ed alle relative Schede Limiti Poteri Delegati dettagliate per processo aziendale, in linea con le indicazioni strategiche del nuovo Consiglio di Amministrazione. Dopo questo primo intervento, il Consiglio di Amministrazione del 25 giugno ha deliberato modifiche alla struttura di governance della Banca, variando la composizione o le responsabilità dei Comitati precedentemente in essere (Comitato di Direzione, Comitato Risk Management, Comitato Equity Investment) e introducendo nuovi Comitati (Comitato Crediti, Comitato Operazioni di Advisory, Comitato Asset & Liability Management, Comitato dei Progetti Organizzativo Informatici). Contestualmente, declinando sulle funzioni primarie e sui relativi compiti e responsabilità le modifiche alla governance sopracitate ed al fine di recepire le modalità operative introdotte nei processi aziendali dalla nuova Proprietà, il Consiglio di Amministrazione del 25 giugno ha deliberato sostanziali modifiche al Regolamento Generale della Banca, attraverso l accentramento sotto la responsabilità del Direttore Generale: nella funzione primaria Commercial Banking, delle Succursali e delle attività commerciali di corporate lending; nella funzione primaria Corporate Finance, delle funzioni Origination, Finanza Strutturata, Equity Investment, nonché l operatività propria di advisory (M&A, Equity Capital Market) e corporate desk (precedentemente in Tesoreria e Finanza); nella funzione primaria Risk, delle attività di istruttoria per tutti i prodotti di credito della Banca; presso la funzione primaria Finance, delle attività di Bilancio, Pianificazione e Controllo di Gestione e di Tesoreria, introducendo nel contempo le nuove attività relative al pricing di tutti i prodotti della Banca, nonché quelle relative alla reportistica US Gaap. Infine, è stata costituita la funzione primaria Integration mentre la funzione primaria Marketing è ritornata ad essere diretto riporto del Direttore Generale. Il Consiglio di Amministrazione del 26 ottobre ha deliberato il trasferimento della funzione derivata Information Technology da Operations a diretto riporto del Direttore Generale, con il conseguente aggiornamento della Delega Generale dei Poteri e delle Facoltà di Firma e delle Schede Limiti Poteri Delegati relative ai poteri del Chief Information Technology Officer. Il medesimo Consiglio di Amministrazione ha altresì conferito delega all Amministratore Delegato di effettuare gli opportuni aggiornamenti al Regolamento delle Funzioni Derivate delle funzioni Operations, IT, Legale e Compliance, Finance, Risk, Commercial Banking e Corporate Finance. Codice privacy In relazione a quanto disposto dal decreto legislativo n. 196/2003 in materia di protezione dei dati personali, si informa che GE Capital Interbanca ha aggiornato il Documento Programmatico sulla Sicurezza. Corporate Governance GE Capital Interbanca opera nella gestione della propria operatività secondo i principi di best practice previsti dal Codice di autodisciplina (adottato dall Assemblea del 27 aprile 2001, allorquando le sue azioni erano quotate in Borsa), ispirato al contenuto del codice di autodisciplina delle società quotate - nell originaria versione del predisposto dal Comitato per la Corporate Governance della Borsa Italiana S.p.A. Il Codice risponde ad esigenze di maggiore trasparenza e conoscenza del funzionamento della Banca da parte del mercato. GE Capital Interbanca ha adottato altresì nei termini stabiliti da Banca d Italia (30 giugno 2009) le soluzioni organizzative e di governo societario in ottemperanza alle disposizioni di vigilanza in materia di organizzazione e governo societario delle banche di cui alle lettere di Banca d Italia n del 4 marzo 2008 e n del 27 febbraio L Assemblea Straordinaria di GE Capital Interbanca del 30 giugno 2009 ha inoltre deliberato la modifica di alcuni articoli dello Statuto sociale, tra cui, in particolare, dell art. 1 dello Statuto stesso, variando la denominazione, da Interbanca S.p.A. a GE Capital S.p.A ; infine, è stata inserita la previsione che GE Capital S.p.A. svolga l attività di direzione e coordinamento del Gruppo ed emani le conseguenti disposizioni alle componenti. Il Consiglio di Amministrazione del 23 luglio 2009 ha nominato i membri dell Organo di Controllo ex lege 231/2001 (OdC), nella persona dei Signori Pino Presidente - quale componente esterno, Alessandro - Responsabile di Legale e Compliance - e Perozzi - Responsabile di Audit. Nella riunione del 25 settembre 2009, il Consiglio di Amministrazione ha approvato: la versione aggiornata del Modello di GE Capital S.p.A, a seguito dell entrata in vigore delle leggi n. 94/2009, n. 99/2009, n. 116/2009 leggi che hanno apportato modifiche al D. Lgs. n. 231/2001 attraverso l introduzione di nuovi previsioni normative; l adozione del Codice Etico GE The Spirit & the Letter in sostituzione dell antecedente Codice Etico di GE Capital S.p.A. (già Interbanca S.p.A). 18

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS

I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS IAS-IFRS E NON PERFORMING LOANS Verona, 9 giugno 2006 I crediti e la loro classificazione secondo gli IAS/IFRS Andrea Lionzo Università degli Studi di Verona andrea.lionzo@univr.it 1 Indice 1. I fondamenti

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza

Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza ADVISORY Le banche italiane tra gestione del credito e ricerca di efficienza Analisi dei bilanci bancari kpmg.com/it Indice Premessa 4 Executive Summary 6 Approccio metodologico 10 Principali trend 11

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 GIUGNO 2014 UTILE NETTO DEL 1 SEM. 2014 A QUASI 1,2 MLD, SE SI ESCLUDE L AUMENTO RETROATTIVO DELLA TASSAZIONE RELATIVA ALLA PARTECIPAZIONE

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. ELEVATA PATRIMONIALIZZAZIONE, LARGAMENTE

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria

Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Liquidity Coverage Ratio: requisiti di informativa pubblica Gennaio 2014 (versione aggiornata al 20 marzo 2014) La presente pubblicazione è consultabile sul

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 30 SETTEMBRE 2014 INTESA SANPAOLO VINCENTE, TRA LE BANCHE EUROPEE, NON SOLO NELL ESERCIZIO DI ASSET QUALITY REVIEW E STRESS TEST MA ANCHE NELL

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE

TERZO SUPPLEMENTO AL PROSPETTO DI BASE Credito Valtellinese Società Cooperativa Sede in Sondrio Piazza Quadrivio, 8Codice fiscale e Registro Imprese di Sondrio n. 00043260140 Albo delle Banche n. 489 Capogruppo del Gruppo bancario Credito Valtellinese

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014

COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 COMUNICATO STAMPA INTESA SANPAOLO: RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 DICEMBRE 2014 FORTE AUMENTO DELLA REDDITIVITÀ, SUPERIORE AGLI OBIETTIVI DEL PIANO DI IMPRESA 2014-2017. PROPOSTA DI DIVIDENDI CASH PER 1,2

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group

Stefano M. Ceccacci Responsabile Group Tax Affairs Unicredit Group L'analisi dei profili fiscali, anche reputazionali, nell'ambito dei processi decisionali dell'impresa bancaria: dalla negoziazione e strutturazione alla delibera di comitato o di consiglio di amministrazione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE

AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE 2006 AGOS: IL BILANCIO INDIVIDUALE BILANCIO INDIVIDUALE Capitale sociale E 60.908.120 interamente versato Sede legale in Milano, via Bernina 7 Registro delle Imprese di Milano n. 264551

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli