LICEO CLASSICO F.SCADUTO BAGHERIA IN DARKNESS MATERIALI INFORMATIVI SUL CINEFORUM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO CLASSICO F.SCADUTO BAGHERIA IN DARKNESS MATERIALI INFORMATIVI SUL CINEFORUM 2013.14"

Transcript

1 LICEO CLASSICO F.SCADUTO BAGHERIA MATERIALI INFORMATIVI SUL CINEFORUM IN DARKNESS Sinossi: In Darkness racconta la storia vera di Leopold Socha, operaio del sistema fognario e ladruncolo a Lvov, nella Polonia occupata dai Nazisti. Dopo essersi imbattuto in un gruppo di ebrei nelle fogne della città, Socha accetta di nasconderli per denaro. Quello che inizia come un mero accordo economico prende, però, una piega inaspettata. Tutti dovranno trovare un modo per scampare alla morte nei 14 mesi vissuti in un continuo stato di allerta. Polonia, Lvov nel 1943, sotto l occupazione nazista: il debole opprime il più debole, il povero ruba al meno povero. Non ci si può fidare di nessuno. Leopold Socha, operaio nelle fognature e ladruncolo, si industria per sbarcare il lunario e mantenere moglie e figlia. Il suo amico Bortnik, un alto ufficiale ucraino, avanza la promessa di una vita migliore: tutto quello che Socha deve fare è trovare gli ebrei nascosti nelle fogne. Dopotutto, nessuno conosce il sistema meglio di lui che lo utilizza per nascondere la refurtiva. Ben presto Socha si imbatte in un gruppo di ebrei che vuole nascondersi nelle fognature per tentare di fuggire all imminente rastrellamento del ghetto. I fuggiaschi gli offrono denaro in cambio di protezione. Sebbene Socha sia pienamente consapevole che aiutare un ebreo potrebbe voler dire fucilazione immediata per lui e la sua famiglia, considera la proposta come un modo per ottenere soldi facili, così stringe un accordo. Nel gruppo Mundek Margulies non si fida per niente di lui. Ciononostante, quando i Nazisti battono in perlustrazione, Socha aiuta gli ebrei, tra cui due bambini, a rifugiarsi nelle fogne. Iniziano le difficoltà per Socha, che deve fugare i sospetti di Bortnik sempre più convinto che l amico abbia un segreto. Socha valuta la situazione: da una parte il denaro (non sufficiente) che riceve, dall altra la minaccia di morte certa per lui e la sua famiglia. Sopraffatto dalla pressione, decide di abbandonare il gruppo al suo destino. Tuttavia, capita qualcosa di assolutamente imprevisto. Socha salva la vita di Mundek aiutandolo a uccidere un miliziano ucraino e, imbattutosi nei due bambini che vagano senza meta nelle fogne, sconvolti, si rende conto che non può abbandonare queste persone.

2 Le prove per Socha e il gruppo sono incessanti. Una donna è costretta a partorire lì nelle fogne con conseguenze tragiche. Mundek si innamora della giovane e risoluta Klara e decide di cimentarsi in una missione disperata: penetrare nell orrore, nel cuore di tenebra di Janowska, il campo di concentramento dove si trova la sorella dell amata, e liberarla. Convince Socha ad aiutarlo, salvo poi scappare dal campo costringendolo ad affrontare rischi ancora peggiori. Inevitabilmente, i soldi degli ebrei finiscono, ma a questo punto non è possibile tornare indietro. Socha acquista loro del cibo con i propri risparmi, li sposta da un condotto all altro, li protegge mentre fuori la guerra si trascina e Bortnik è vicino come non mai a smascherarlo. E poi, la catastrofe. Un alluvione improvvisa e devastante inonda le fognature. Bortnik scopre l effettivo tradimento del suo amico e Socha è costretto a un ultimo, disperato atto di coraggio. Genere:drammatico Regia:Agnieszka Holland Titolo Originale:In darkness Distribuzione:Good Films Produzione:Wojciech Danowski, David F. Shamoon, Dr. Carl Woebken, Christoph Fisser Data di uscita al cinema:24 gennaio 2013 Durata:145' Sceneggiatura:Erwin Prib Direttore della Fotografia:Jolanta Dylewska Montaggio:Michal Czarnecki Scenografia:Erwin Prib Costumi:Katarzyna Lewinska, Jagna Janicka Attori:Robert Wieckiewicz, Benno Furmann, Agnieszka Grochowska Destinatari:Scuole Secondarie di II grado Approfondimenti: L'Agiscuola comunica che, in occasione del 27 gennaio 2013, la "Giornata della memoria" in cui si ricorda, in tutto il mondo, la tragedia della Shoah, il film di Agnieszka Holland In Darkness è stato posto a disposizione delle scuole dalla Good Filmanche prima dell'uscita nelle sale. Per informazioni e per prenotazioni: Antonella Montesi cell. 349/ Numero Verde per proiezioni scolastiche Note di regia Il 2009 ha portato una quantità di storie nuove sull Olocausto attraverso libri e film. Viene da chiedersi se non sia stato detto tutto sull argomento. Eppure, secondo me, il mistero principale non è stato ancora rivelato e nemmeno analizzato completamente. Com è stato possibile questo crimine (l eco del quale risuona ancora in diverse parti del mondo, dal Ruanda alla Bosnia)? Dove si trovava l Uomo in quel periodo critico? Dov era Dio? Tali vicende e azioni rappresentano l eccezione nella storia umana o rivelano piuttosto una verità oscura, intima sulla nostra natura? Esaminare le molte storie di questo periodo mostra un incredibile varietà di destini e vicissitudini, spiegate in un ricco tessuto di trame e drammi, con personaggi che affrontano scelte morali e umane difficili dando prova sia del meglio che del peggio della nostra natura. Tra le varie storie c è quella di Leopold Socha che nasconde il gruppo di ebrei del ghetto nelle fognature di Lvov. Il protagonista è ambiguo: apparentemente un brav uomo di famiglia, però anche un ladruncolo e un truffatore, religioso e immorale allo stesso tempo, forse solo un uomo qualunque, che vive tempi terribili. Nel corso della narrazione, Socha cresce in diversi modi come essere umano. Non c è nulla di semplice o sentimentale nel suo percorso. È questa la cosa affascinante, il motivo per cui facciamo questo viaggio insieme con lui.

3 Le persone che Leopold salva non sono angeli. La paura, le condizioni terribili, l innato egoismo le rendono complesse e difficili, a tratti sono esseri umani insopportabili, ma sono reali e vivi, e le imperfezioni avvalorano la loro rivendicazione per il diritto alla vita più di quanto farebbe una qualsiasi versione idealizzata delle vittime. La storia mi è piaciuta da subito, ne ho apprezzato il potenziale, i personaggi e la sceneggiatura. La sfida più grande, ma anche la più eccitante per me come regista era l oscurità (darkness). Vivono al buio, nel fetore e nell umidità, in isolamento per oltre un anno. Sapevamo di dover esplorare il mondo sotterrano in una maniera molto speciale, realistica, umana. Volevamo che il pubblico avesse una percezione sensoriale dello stare lì, per mantenere viva la tensione, man mano che lo spettatore si concentra sulla storia. La dinamica del film è costruita alternando il mondo dei due leader, Socha e Mundek. I due universi si uniscono e diventano uno, il mondo nel quale devono collaborare per sopravvivere. Agnieszka Holland La soluzione finale : cenni storici di L.D.F. Nel 1933, Adolph Hitler divenne padrone della Germania e nonostante che i tedeschi, alla fine della I Guerra Mondiale, fossero stati ridotti sul lastrico dalle decisioni prese dai paesi vincitori nel trattato di Versailles, ritornò in loro una sorta di revanscismo. L avvento di Hitler e la presa di potere del partito nazista sostenuti dal popolo tedesco che troppo aveva patito dal 1919, determinò, nei paesi europei, una sorta di timore nei riguardi di questa "nuova" Germania che non li fece intervenire quando Hitler si impadronì di Danzica togliendola alla Polonia e annesse al proprio paese i Sudeti (dove la maggioranza della popolazione era di lingua tedesca) e l'austria. Nel 1938 a Monaco ci fu una conferenza internazionale dove vennero firmati patti in cui Hitler, su specifica richiesta di Francia e Inghilterra, annettendo alla Germania, il cosiddetto corridoio di Danzica, i Sudeti e l'austria dichiarava che non avrebbe più invaso o annesso altri paesi. Specificatamente, anche se non ufficialmente, si parlava della Polonia. Il 23 agosto 1939, la Germania firmava un accordo segreto con la Russia la cui base era l'invasione e la spartizione della Polonia. Il 1 settembre 1939 l'esercito tedesco entrava nel territorio da ovest e il 17 settembre la Russia invadeva la Polonia da est. Nonostante la strenua difesa, l'esercito polacco fu costretto ad arrendersi e a Katyn veniva privato dei suoi ufficiali con un tremendo eccidio la cui responsabilità venne palleggiata, per anni, tra Germania e Russia. Il territorio polacco rimase suddiviso tra i due paesi fino a che, il 22 giugno 1941, Hitler ruppe l'accordo e invase la Polonia, in mano ai russi, costringendoli alla ritirata. Fino a quel momento gli ebrei polacchi anche se in condizioni miserevoli erano in parte sopravvissuti; con l'arrivo dei tedeschi si applicò anche contro di loro la "soluzione finale" nazista che mirava alla scomparsa al popolo ebraico. Il Ghetto di Lvov ( ) La città di Lvov (in polacco Lwow, in tedesco Lemberg) che oggi si trova in Ucraina fu parte dell'impero Austroungarico sino al Dopo la fine della Prima Guerra Mondiale entrò a far parte della Polonia. Allo scoppio della Seconda guerra mondiale contava abitanti di cui ben di fede ebraica. I sovietici entrarono nella città tre settimane dopo l'inizio della guerra. Nell'accordo tra nazisti e sovietici per la spartizione della Polonia infatti Lvov ricadeva nella sfera di influenza sovietica. I sovietici avviarono immediatamente una azione di immediata e brutale comunistizzazione della vita economica e sociale della città. Contemporaneamente affluivano in città più di ebrei in fuga dalla Polonia occupata dalla Germania. I Sovietici reagirono a questa "invasione" espellendo un notevole numero di ebrei in Siberia. Quando, il 22 giugno 1941, i tedeschi attaccarono l'unione Sovietica circa ebrei fuggirono insieme con le truppe russe in ritirata. Il 30 giugno i tedeschi entravano in città. L'Einsatzgruppe C organizzò immediatamente un pogrom. Gli ebrei vennero accusati di aver collaborato con i russi nell'uccisione di

4 alcuni prigionieri politici ucraini. Si realizzò una spaventosa caccia all'ebreo. Per quattro giorni gli ebrei vennero massacrati dagli ucraini e dai tedeschi, morirono ebrei. Dopo che l'8 luglio venne imposto agli ebrei di portare un bracciale con la stella di David la situazione diventò ancora peggiore. Tra il 25 ed il 27 luglio 1941 scoppiò un secondo pogrom nel quale vennero uccisi altri ebrei. Nell'agosto 1941 i tedeschi ordinarono la costituzione di uno Judenrat e la consegna di 20 milioni di rubli, una cifra enorme. Vennero presi ostaggi che furono uccisi perché il pagamento non fu puntuale. Per tutta l'estate del 1941 le proprietà ebraiche vennero saccheggiate e confiscate, le sinagoghe incendiate, i cimiteri distrutti. A settembre venne creata una polizia ebraica destinata ad eseguire gli ordini dei tedeschi. Il presidente dello Judenrat Joseph Parnes venne assassinato alla fine di ottobre perché si era rifiutato di collaborare alla evacuazione degli ebrei trasferiti nel campo di concentramento di Janowska. Al suo posto venne nominato Abraham Rotfeld. L'8 novembre 1941 venne istituito il ghetto e gli ebrei vennero spostati in quest'area entro il 15 dicembre successivo. Lo spostamento ebbe luogo tra inenarrabili violenze: ebrei vecchi o malati vennero uccisi. Durante l'inverno i tedeschi organizzarono squadre di lavoro ebraiche che cominciarono ad essere inviate in campi di lavoro coatto. Nel febbraio 1942 il capo del ghetto Rotfeld morì e i tedeschi nominarono Henry Landsberg al suo posto. Nel marzo 1942 venne ordinato allo Judenrat di preparare una lista di ebrei da inviare all'est. Benché una delegazione di rabbini chiedesse che fosse rifiutata ogni forma di collaborazione Landsberg sostenne che se non si fosse collaborato i tedeschi avrebbero fatto da soli causando per di più altri lutti. Così vennero consegnati ebrei che vennero immediatamente deportati verso il campo di concentramento di Belzec. Alcuni mesi dopo, con il pretesto di non avere permessi di lavoro, altri ebrei vennero deportati nel campo di concentramento di Janowska dove vennero uccisi. Il 10 agosto 1942 venne lanciata una seconda Aktion di rastrellamento che proseguì sino al 23: altri ebrei vennero inviati a Belzec. Nel settembre 1942 tutti gli ebrei vennero concentrati in un'area più piccola, Landsberg e altri impiegati dello Judenrat vennero impiccati. I tedeschi nominarono capo del ghetto Eduard Eberson. A novembre si svolse un'altra Aktion: circa ebrei "inabili al lavoro" vennero inviati ai campi di sterminio. Nel gennaio del 1943 il ghetto venne ufficialmente trasformato in Julag (Judenlager, "campo di lavoro ebraico") e altri ebrei vennero uccisi perché privi di permessi di lavoro. Alla fine di gennaio venne sciolto lo Judenrat e numerosi componenti furono assassinati. Il 17 marzo altri ebrei vennero uccisi sul posto e inviati ad Auschwitz. Il 1 giugno 1943 i nazisti decisero di liquidare definitivamente il ghetto. Quando le SS e i collaborazionisti ucraini entrarono nel ghetto furono accolti dal lancio di bottiglie incendiarie. Nove tra ucraini e tedeschi vennero uccisi. I tedeschi reagirono incendiando uno ad uno i palazzi del ghetto. Nel corso dell'operazione vennero catturati ebrei ed altri furono uccisi sul posto. Il 2 giugno l'operazione era già terminata ed il ghetto era stato distrutto. Spunti di Riflessione: di Elena Mascioli 1. Il titolo è rimasto quello originale, in inglese, cioè In darkness. Quale è il significato letterale di queste due parole, traducendole in italiano? Si riferiscono, ovviamente, alla specificità della vicenda raccontata nel film, ma c'è anche un significato metaforico rispetto alla vicenda raccontata e alla sua epoca? Secondo voi è giusta la scelta di non tradurre il titolo? Provate a scegliere un titolo, in italiano, per il film. 2. Il protagonista del film è sicuramente Leopold Socha che nasconde il gruppo di ebrei del ghetto nelle fognature di Lvov, ma l'aspetto che lo caratterizza, per buona parte del film, è l'ambiguità. Non è infatti un buono senza macchia e senza paura, nettamente definito come possono esserlo, a volte, i protagonisti dei film. La sua ambiguità si manifesta solo nella vicenda raccontata o è qualcosa che lo caratterizzava anche nella vita precedente al racconto che vediamo? Da quali elementi della narrazione deduciamo che tipo di uomo fosse e quale vita conducesse? Potremmo dire che il suo personaggio rappresenti l'uomo qualunque, che si trova a vivere tempi terribili? Quale la sua evoluzione nel film, come personaggio nella narrazione e come uomo? Trovate che il suo sia un percorso semplice, scontato, sentimentale? Seguire la sua vicenda vi ha coinvolto?

5 3. L'ambiguità del protagonista è confermata dal fatto che il suo antagonista, nel film, non è, come potremmo immaginare, uno dei persecutori, ma Mundek, uno degli ebrei nelle fogne, con cui Socha si trova a scontrarsi per il ruolo di leader del gruppo. Vi siete schierati, almeno da un punto di vista emozionale, assistendo ai loro scontri? Dalla parte di chi e perché, se è successo? Cos'è che li divide? Quali le ragioni dell'uno e dell'altro? 4. Anche gli altri personaggi messi in scena, soprattutto quelli del gruppo di ebrei che Leopold nasconde nelle fogne, non sono angeli, e il film ce li mostra con tutte le loro paure, gli egoismi, i difetti che le condizioni di vita oppressive rendono ancora più esasperati. Cosa pensate della scelta di raccontare questi personaggi senza nasconderne i difetti, le piccolezze, gli egoismi? Trovate che raccontare la storia di vittime senza per questo farne degli angeli sia più rispondente al vero? 5. Il gruppo di ebrei rifugiato nelle fogne prega, ma uno di loro, Janek, in quel momento ha una crisi isterica, prende una pistola e urla: Basta con queste preghiere, Dio non esiste. La domanda che echeggia su tutta la vicenda dell'olocausto, dal suo interno, dalle sue vittime, o da osservatori esterni, da coloro che hanno cercato di raccontare, come la regista Holland, queste vicende è la seguente: Dove si trovava l'uomo in quel periodo critico? Dov'era Dio?. È una domanda che secondo voi può trovare risposta? 6. La maggior parte del film, ed il centro cruciale della storia, è rappresentano dalle fogne di Lvov (Leopoli) Le fogne non sono un posto buono per vivere. - Nessun posto è buono per noi è un dialogo che ascoltiamo all'inizio del film. Così come i protagonisti, anche l'ambiente è ambiguo: le fogne sono un luogo infimo, sporco, buio, rappresentano il punto più basso di una città, in questo caso, anche il luogo più in basso, nel senso fisico e non, in cui vivere. Ma, contemporaneamente, con tutta la sua negatività, rappresenta, in questo caso, anche il luogo che permette la salvezza. Come ha esplorato, la regista, questo mondo sotterrano? Ne ha dato, secondo voi, una rappresentazione realistica? 7. Quale episodio, tra quelli ambientanti nelle fogne, vi ha maggiormente colpito? La regista ha dichiarato di aver effettuato le riprese nelle fogne con l'intento che il pubblico avesse una percezione sensoriale dello stare lì, per mantenere viva la tensione, man mano che lo spettatore si concentra sulla storia. È riuscita nel suo intento? Quali aspetti tecnici del film contribuiscono a rendere questa percezione sensoriale, e a mantenere viva la tensione? 8. Certamente l'alternanza della luce e del buio sono una delle caratteristiche fondamentali del film. Ma se il buio delle fogne ha un immediata rispondenza con la vicenda che avvolge e ci immerge, immediatamente, nel clima dell'epoca e di ciò che si stava vivendo, la luce della superficie, nel suo essere così accecante, con la neve nella scena al cimitero, o nella piazza nelle scena dell'impiccagione, potrebbe sembrare stridente con l'oscurità delle vicende umane che racconta. Qual è l'effetto che una luce così bianca, così accecante, e dei colori così netti, restituiscono al pubblico? 9. Non vi sembra che tanto è realistica l'oscurità sotto le fogne quanto irrealistico, nei colori, ciò che accade in superficie? E quale è il messaggio dietro una tale scelta stilistica, secondo voi? Quale l'effetto di un simile contrasto? Potremmo dire che l'irrealtà di una simile luce testimonia l'assurdità di una vicenda che la mente umana non dovrebbe arrivare a concepire ma che, purtroppo, è accaduta, rivelando piuttosto una verità oscura, intima sulla nostra natura di uomini? 10. Un contrasto che trova riscontro anche in altri aspetti di questi due mondi a confronto: il ghetto vuoto, le fogne piene, la chiesa, piena di fedeli in preghiera, la fogna piena di ebrei che si hanno difficoltà a fare i conti con il loro Dio. Provate a rintracciare altri elementi, mettendoli a confronto, che rappresentino la dualità di questi mondi, quello della superficie, della luce, della persecuzione e della morte, e quello delle fogne, dell'oscurità, ma anche della crescita, della nascita, della salvezza. 11. Un altro particolare: la presenza della musica nel film. Non è una presenza costante, ma particolare la scelta dei momenti in cui, sia nella forma diegetica che extradiegetica, si inserisce nel film. Se non ne conoscete il significato, fate una ricerca sulla differenza tra musica diegetica ed extradiegetica. Qual è il filo rosso che accomuna questi momenti di apparizione della musica? Perché tale scelta? 12. Dalle note di regia: Il 2009 ha portato una quantità di storie nuove sull Olocausto attraverso libri e film. Viene da chiedersi se non sia stato detto tutto sull argomento. Eppure, secondo me, il mistero principale non è stato ancora rivelato e nemmeno analizzato completamente. Com è stato possibile questo crimine (l eco del quale risuona ancora in diverse parti del mondo, dal Ruanda alla Bosnia)? 13. Il film è uscito nelle sale il 24 gennaio, pochi giorni prima del 27 Gennaio, data in cui ricorre la Giornata della memoria. Come detto dalla regista, molti i libri e i film che vengono pubblicati e realizzati per raccontare l'olocausto. Quali i testi e i film che vi hanno fatto conoscere l'olocausto, le tante storie? Pensate davvero che è stato già detto tutto sull'argomento? Se così fosse, sapreste spiegare perché accadono ancora episodi come quello del 26

6 gennaio 2013, in cui scritte antisemite quali Shoa menzogna sono apparse sul muro del Museo della Liberazione di via Tasso, a Roma? Sapete chi ospitavano i locali del museo durante l'occupazione tedesca a Roma? Scrivete la vostra riflessione sul senso e sul perchè del far memoria e provate a rispondere alla domanda, posta dalla regista: Com'è stato possibile questo crimine?. 14. Nel film viene raccontato un aspetto che difficilmente compare nei film sull'olocausto, cioè quello della vita sessuale, anche nelle condizioni di vita più estreme. Non è un caso che il film, in apertura, sia dedicato a Marek Edelman. Il ventenne Edelman guidò la rivolta del ghetto di Varsavia, tenendo in scacco, con pochi mezzi, la strapotenza nazista, per circa un mese, nella primavera del 1943, e in un bellissimo libro, intitolato C'era l'amore nel ghetto (ed. Sellerio), raccontava proprio del fatto che, anche in condizioni disumane, dove c'era la vita c'era anche l'amore. Dopo aver incontrato persone per raccontare la sua testimonianza, Edelamn diceva spesso : Ma perché nessuno mi chiede se nel ghetto c'era l'amore? Perché questo non interessa a nessuno? Sull'amore nel ghetto qualcuno dovrebbe fare un film. È l'amore che permetteva di sopravvivere. Provate a rispondere alle domande di Edelman...ed esprimete le vostre considerazioni in merito a questo particolarissimo aspetto, che ha trovato una sua narrazione nel film della Holland. L occasione fa l uomo eroe di Gaetano Vallini In occasione della Giornata della Memoria giunge anche nelle sale italiane l intenso film In Darkness, diretto dalla regista Agnieszka Holland, che racconta la storia vera di Leopold Socha, operaio del sistema fognario e ladruncolo di Lvov (Leopoli), nella Polonia occupata dai Nazisti, il quale, spinto dagli eventi, si ritrovò a salvare la vita di alcuni ebrei. Una piccola luce nel buio della Shoah che questo bel film riaccende senza cadere nella retorica e senza indulgere alla facile commozione. La regista, infatti, pur risparmiandoci l orrore che ben conosciamo, restituisce con bravura la durezza di quel periodo di barbarie, mostrandoci l umanità del tempo, con le sue ambiguità, con i suoi alti e bassi. Uomini e donne capaci di gesti orribili ma anche di atti di generosità e di coraggio. Eroici, si potrebbe dire; di quell eroismo che può nascere dal caso, da una circostanza inattesa, che pone di fronte a una scelta di vita o di morte. Leopold Socha ogni giorno s industria per sbarcare il lunario e mantenere moglie e figlia, non disdegnando piccoli furti. Nessuno meglio di lui conosce il sistema fognario, che utilizza anche per nascondere la refurtiva. Un giorno s imbatte in un gruppo di ebrei: vogliono nascondersi nelle fognature per fuggire all imminente rastrellamento del ghetto. Gli offrono denaro in cambio di aiuto. Socha sa che questo potrebbe significare la fucilazione per lui e la sua famiglia; ma la proposta è allettante, i soldi servono, e così accetta. Li nasconde, porta loro cibo, vestiti; li salva dalla cattura. Ma non tutto è semplice. Deve fugare i sospetti di un amico ufficiale ucraino convinto che celi un segreto. Inoltre col passare del tempo i soldi degli ebrei non sono più sufficienti. Non riuscendo più a reggere la pressione, decide di abbandonarli al loro destino. Ma alcuni fatti lo spingeranno a confrontarsi con la propria coscienza.

7 Grazie a una sceneggiatura misurata, senza cadute né eccessi, e a una fotografia livida e claustrofobica, che dà conto dell oscurità del titolo e delle impossibili condizioni di sopravvivenza tra sporcizia e topi, il film parla dunque di un piccolo gruppo di persone alle prese con una situazione disperata. Tutti sono presentati nella loro umanità imperfetta. Anche le persone che Leopold salva. La paura, un innato egoismo che le circostanze accentuano, le rendono complesse e difficili, talora insopportabili e pericolose. Ma sono persone reali, donne, uomini e bambini. E molto più efficacemente di quanto avverrebbe attraverso una loro idealizzazione in quanto vittime, sono proprio le imperfezioni a dare valore alla loro disperata rivendicazione a rimanere vive. Anche Leopold Socha è imperfetto. Apparentemente è un brav uomo, un padre di famiglia come tanti, ma è anche un ladruncolo e un truffatore, religioso (cattolico non privo di pregiudizi verso gli ebrei) e immorale allo stesso tempo; forse come dice la regista è solo un uomo qualunque, che vive tempi terribili. Non c è nulla di sentimentale nel suo itinerario. Ed è questo aspetto che In Darkness candidato all Oscar nel 2012 per la Polonia come miglior film straniero riesce a rendere in maniera chiara e credibile. Tanto che alla fine non meraviglia il suo gioioso grido liberatorio, di fronte alla piccola folla radunatasi in strada a ridosso del tombino dal quale escono, dopo 14 mesi trascorsi nelle fogne, le persone che ha salvato: «Questi sono i miei ebrei. Il mio lavoro». Leopold Socha morì il 12 marzo 1945, nel tentativo di salvare la figlia da un mezzo militare russo impazzito. Al funerale qualcuno commentò: «Dio lo ha punito per aver salvato gli ebrei». Gli ebrei oggi lo onorano nel giardino dei Giusti, insieme con la moglie Wanda che lo aiutò nell impresa. ( L'Osservatore Romano 29 gennaio 2013) Postato 28th January 2013 da Gaetano Vallini In Darkness di Agnieszka Holland drammatico, storico, Francia/Germania/Canada/Polonia (2011) di Diego Capuano Nella Hollywood degli anni d'oro buona parte di registi e sceneggiatori, pur con passaporto americano, avevano puro sangue ebreo; erano il più delle volte nati in Europa. Mascherando ma non nascondendo le proprie origini, in lasciti scritti piuttosto che in frammenti audiovisivi nascosti nelle proprie opere, l'orrore dell'olocausto era sempre e comunque una conseguenza che emergeva imperterrita. Successivamente se il tempo ha parzialmente ma ingannevolmente assorbito certe scorie, il dipanarsi di uno sporco secolo si è impiantato nelle menti e nello sguardo di noi tutti. Le vergogne della Storia hanno fatto da monito per una coscienza collettiva che, comunque, non sempre ha saputo sedersi, riflettere, vedere. Hanno visto però bene cineasti in grado di coniugare moralità, dignità e una forma artistica alta ad una materia tanto rischiosa. E' accaduto nel corso del nuovo secolo con il polacco apolide Roman Polanski (Il pianista) e, soprattutto, nel 1993 con l'americanissimo ebreo Steven Spielberg (Schindler's List). Nata a Varsavia nel 1948, Agnieszka Holland dopo un inizio di carriera casalingo, restituì la Shoah per due volte sul grande schermo: "Raccolto amaro" (1985) e il più noto "Europa Europa" (1991, coproduzione franco-tedesca), immersione nella Germania nazista, vista attraverso gli occhi e le peripezie di un ragazzino ebreo. Se per la regista il salto nel cinema americano è stato infelice, nel corso del nuovo millennio la Holland ha instaurato un rapporto stretto e alto con la serialità americana, dirigendo episodi di "The

8 Killing" e, soprattutto "The Wire", una delle più grandi serie tv della storia (con l'ideatore David Simon ha lavorato anche per il più recente "Treme"). Nonostante le mille insidie di Baltimora, resta ampio il passo tra la criminalità contemporanea e gli orrori dell'olocausto. Quando lo sceneggiatore David F. Shamon le proposte di realizzare "In Darkness", la regista rifiutò. Dopo varie versioni, la sceneggiatura prese forma e la regista accettò la sfida. Il dolore nell'approcciarsi alla Storia con le sue laceranti storie resta intatto, ieri come oggi. C'è sempre bisogno di ricordarlo ma al contempo è man mano più difficile fornire al pubblico nuovi stimoli, inediti spunti di riflessione. E' indubbiamente sterminata la quantità di storie, di destini, infinita la tela che li raccoglie e fa da libro da rendere alle future generazioni; ma resta un limite, una soglia invalicabile, un impervio tragitto la cui buona volontà non può rappresentare, come mirabilmente suggeriva il più grande film sull'olocausto mai realizato: il fluviale documentario "Shoah" di Claude Lanzmann. "In Darkness" è tratto dal libro "In The sewers of Lvov" di Robert Marshall, basato sulla vera storia di Leopold Socha ( ) e ha come numi tutelari due precedenti pellicole: "I dannati di Varsavia" di Andrzej Wajda e, per l'appunto, "Schindler's List" di Steven Spielberg. Il protagonista è un impiegato comunale addetto al controllo delle fogne e lo si vede descritto da più contraddizioni: buon marito ma furbastro, discreto padre ma ladruncolo. Nel 1943, a Lvov (città all'epoca polacca, successivamente aggregata al territorio sovietico), salvò dalle stragi e le deportazioni naziste un gruppo di ebrei, nascondendoli per anni nelle fogne. Da una parte la storia di questo piccolo grande Schinler polacco, dall'altra parte una buia ambientazione fognaria che ricorda da vicino quella del film di Wajda (che però riusciva ad essere al contempo più appassionante e più politico), contrapposta ad una cloaca (l'esterno) certamente più pericolosa e non meno grigia. La Holland si affida a uno stile mobile, di nervoso realismo psicologico, scosso sovente da momenti che evitano quasi sempre il melodramma ricattatorio, ma raramente trovano una strada davvero urgente e originale. Alcuni simbolismi sono risaputi: i topi delle fogne che sfiorano gli ebrei sono meno lesivi e fetidi dei tedeschi, il buio delle fogne è meno oscuro di quello che aleggia alla luce di uno spento sole, il parto e una nuova vita che un giorno subirà le ferite della Storia, il sesso (sequenze non sempre richieste) come valvola di uno sfogo impossibilitato in date circostante di trovare amore. Se nella sua antinomia, grazie a una prova davvero convincente di Robert Wieckiewicz, quella di Socha è una variazione riuscita di Schindler, la globalità dell'umanita sullo sfondo (tedeschi ed ebrei) è decorosa. Anche se, dopo una prolissa parte centrale, il film trova un colpo di coda nell'immersione acquatica delle fogne dove indubbiamente, pur essendo lontani dal Pianista polanskiano, la lotta dell'uomo per la sopravvivenza acquisisce finalmente un interesse che va al di là della più ovvia - ma comunque doverosa - indignazione. Itaker Il pressbook completo del film si può scaricare all indirizzo

9 Sinossi: Itaker è la storia di un viaggio dall'italia alla Germania, nel A compierlo è Pietro, un bambino di 9 anni orfano di madre, partito per ritrovare il padre emigrato, di cui da tempo non si hanno notizie. Ad accompagnarlo in questa ricerca, Benito, un giovane uomo dai trascorsi dubbi che nella terra tedesca è in cerca di un riscatto personale. Sul loro cammino Pietro e Benito incontrano mondi diversi: quello della fabbrica di Bochum, la comunità italiana in città (gli itaker, "italianacci", uno dei tanti appellativi degli emigrati italiani in Germania); il mondo dei magliari, del contrabbando - fatto di valigie ed espedienti - quello del confronto non sempre pacifico tra italiani e tedeschi. Diverse piccole patrie in cerca delle loro identità. Genere:Drammatico Regia:Toni Trupia Titolo Originale:Itaker Distribuzione:Luce Cinecittà Produzione:Goldenart Production e Mandragora Movies Data di uscita al cinema:novembre 2012 Durata:90' ca Sceneggiatura:Leonardo Marini, Toni Trupia, Michele Placido Direttore della Fotografia:Arnaldo Catinari Montaggio:Consuelo Catucci Scenografia:Nino Formica Costumi:Andrea Cavalletto Attori:Francesco Scianna, Michele Placido, Tiziano Talarico, Monica Birladeanu, Nicola Nocella, Andrea Trovato, Pietro Bontempo Destinatari:Scuole Secondarie di I grado, Scuole Secondarie di II grado Approfondimenti: Note di Regia È un luogo comune, oggi, paragonare la vicenda storica degli italiani emigrati nel mondo con quella dei tanti immigrati extracomunitari che, nella speranza di riuscire a riscattare una vita fatta di stenti e difficoltà nei paesi di origine, sono arrivati in Italia negli ultimi quindici anni. Eppure quelle che realmente sono state le difficoltà dei nostri connazionali all'estero, in un periodo in cui il nostro paese cercava faticosamente di risollevarsi dalle rovine della guerra, raramente sono state affrontate dal nostro cinema. La storia di Itaker (ovvero italianacci, uno dei tanti appellativi attribuiti agli emigrati italiani in Germania), anche se si svolge negli anni sessanta, vuole, in tal senso, porsi come il riflesso di una situazione di instabilità culturale e di estrema insicurezza, attualissima nell Italia dei nostri giorni e in molti altri paesi europei. Pietro ha nove anni e deve trovare suo padre, che conosce a malapena visto che fa l operaio in Germania e da ormai

10 troppo tempo non da sue notizie. Non ha nessuno e la regola vuole che un bambino abbia sempre qualcuno che si occupi di lui. Ad accompagnarlo in questa ricerca, attraverso una terra difficile e apparentemente ostile come la Germania, trova Benito, un uomo con l animo e l ingenuità di un bambino. II nostro racconto parla del tentativo di recuperare un identità: l approdo a cui giunge Pietro, il piccolo protagonista, sta nel comprendere quanto tale identità non consista solo nel ritrovare un legame con le proprie origini ma sia, innanzitutto, il frutto di uno scambio di esperienza e di vissuto. Pietro e Benito, alla fine del percorso, maturano un idea della vita più compiuta e aperta rispetto a quella che avevano all inizio. C è un elemento in questa storia che mi ha attratto particolarmente e che vorrei venisse fuori per gli spettatori che vedranno il film: raccontare il dramma dell emigrazione attraverso la vicenda di un bambino restituisce al fatto storico tutta la profondità di una metafora cristallina e chiarissima. Quell esperienza, per chi l ha vissuta e per chi, direi, continua a viverla rappresenta certo un esperienza drammatica dal punto di vista sociale e umano, ma è anche una sorta di prova di iniziazione attraverso cui passare per maturare una visione dell esistenza più definita e precisa. Mi piace pensare che lo sguardo del piccolo Pietro rifletta quello di tanti emigranti che sono partiti dalla loro terra ingenui e sprovveduti come bambini e hanno maturato un percorso umano che li ha predisposti al confronto e alla complessità della vita. Gli sviluppi della vicenda raccontata nel film sono il frutto della commistione tra elementi inventati e sintesi di storie realmente accadute, sentite o lette nel corso di una approfondita documentazione. La scelta stessa di ambientare la storia tra il Trentino e la baraccopoli operaia di Bochum Wattenscheid, nella regione della Nord-Westfalia, ovvero in quella che al tempo in cui il racconto si svolge, era la Germania Occidentale, proviene dai suggerimenti di testimoni diretti, utilissimi per chiarire e arricchire importanti nodi narrativi. La scrittura della sceneggiatura ha comportato dunque, al fine di assicurare al film una maggiore solidità narrativa e un approfondimento delle dinamiche e del contesto spaziotemporale in cui la storia si svolge (siamo nel 1962, negli anni che seguono di un soffio il boom economico), di una documentazione dettagliata e analitica, attraverso la consultazione di materiali museali, fotografici e audiovisivi legati al contesto da rappresentare, dell ascolto di testimoni diretti e della visita ai luoghi in cui è ambientato il racconto. Riguardo alle questioni più specifiche di messa in scena, mi sono sforzato di dare al film un apparente carattere realistico, che si lascia però squarciare da quella leggerezza e da quella sospensione che solo il punto di vista di un bambino che osserva il mondo può assicurare. Ho cercato di avere un gran rispetto, filmando questa storia, del tempo dei personaggi, del loro modo di essere al mondo: il mio è stato un percorso di progressivo avvicinarmi ad essi, nel tentativo di aderire emotivamente al loro sguardo sulle cose. In tal senso fondamentale è stato il lavoro degli attori, con i quali abbiamo cercato di restituire, oltre all'aderenza fisica, l'interiorità dei personaggi, uomini e donne impreparati al distacco, ma decisi a conservare una dignità che potesse riscattarli dai compromessi che la vita li ha portati a fare. Francesco Scianna ha dato al personaggio di Benito tutta la sua umanità e simpatia, percorrendo strade decisamente nuove rispetto a quelle che aveva percorso fino al momento in cui abbiamo iniziato a girare. Coraggiosamente ha accettato di interpretare lui, siciliano un giovane napoletano un po' guitto, senza mai risparmiarsi davanti e dietro alla macchina da presa. A lui devo gran parte del piacere di questa esperienza creativa e umana. Accanto a Francesco, il piccolo Tiziano Talarico, scelto dopo un lunghissimo casting, che si è lasciato accompagnare lungo il complesso percorso della lavorazione del film, con lo spirito di chi scopre la vita nel suo dispiegarsi, senza mai complicare il lavoro e far pesare la sua condizione di bambino in mezzo a degli adulti. Il film è impregnato della sua presenza discreta e incantata e nel suo sguardo ho avuto la possibilità, senza troppo sforzo, di trovare quella pulizia e quella consapevolezza con cui i bambini si rapportano alla complessità della vita. Sono stato davvero molto fortunato a poter condividere l'esperienza di questo film con un gruppo di attori straordinari e generosi come Monica Birladeanu, Michele Placido, Nicola Nocella e tutto il resto del gruppo, che mi hanno aiutato a raggiungere un risultato importante anche quando pensavo fosse irraggiungibile. L apparato tecnico è stato essenziale, ma l intenzione era di ricercare un particolare carattere visivo, lavorando in particolar modo sul colore e sul taglio delle inquadrature, costruite tenendo conto della necessità di rapportare la vicenda individuale dei protagonisti di questa storia allo sfondo, sempre definito, mobile, vivo. Un risultato importante è stato raggiunto anche in questo caso, anche grazie all'apporto di Arnaldo Catinari, il quale non ha mai sovrastato, con la sua perizia ed esperienza, la misura che speravo di riuscire a dare alle immagini del film. Particolare cura è stata riservata al sonoro, essendomi posto la necessità di tener conto di un pastiche linguistico basilare in un racconto come quello in questione: i personaggi parlano in italiano, ma si sentono il tedesco, le cadenze

11 dialettali, oltre che le parlate dei personaggi secondari di provenienza straniera. Un ultima nota riguardo all ambientazione storica: siamo negli anni sessanta, ma l idea era di non voler fare un film in costume (ovvero un film di semplice ricostruzione storica). Ho cercato l essenzialità nella rappresentazione, spogliando la messa in scena di tutti gli orpelli che avrebbero caricato il racconto di compiacimento formale ed estetismo. Nonostante la vicenda si svolga nel passato, la mia idea era di fare un film agile e moderno, senza sbavature, adatto ai ritmi e alla visione del pubblico contemporaneo. Spero di esserci riuscito. Toni Trupia Spunti di Riflessione: di Angelisa Castronovo 1. Il film inizia con un doloroso distacco tra madre e figlio. Perché, secondo voi, il regista e gli sceneggiatori hanno scelto di iniziare in questo modo un racconto che parla di emigrazione e di riscatto sociale? 2. L'ondata emigratoria, avvenuta tra la fine degli anni quaranta e gli anni settanta, pur essendosi svolta in maniera più ordinata e controllata, ha avuto per molti italiani lo stesso risvolto tragico di quella, ormai entrata nel mito, avvenuta all'inizio del novecento. Provate a porre attenzione alle differenze e alle affinità che legano i due fenomeni migratori. 3. Benito Stigliano, il protagonista adulto del film, emigra in Germania con l'idea di cambiare le proprie condizioni sociali. Secondo voi, cosa si lascia alle spalle partendo dall'italia, un paese che, negli anni in cui è ambientato il film, cominciava a proiettarsi verso uno sviluppo e un boom economico che ne avrebbe definitivamente cambiato la facciata e le strutture sociali. Perché Stigliano non se ne è reso conto? 4. n una scena del film, il gruppo di operai italiani di cui si racconta la storia, insieme al piccolo Pietro, viene deriso da un gruppo di tedeschi mentre tenta di entrare in un locale sulla porta del quale è apposto un cartello: Vietato entrare agli italiani. E' una situazione ancora possibile, oggi? 5. Provate a rapportare la situazione narrata nel film con la condizione degli emigrati e degli immigrati nell'europa contemporanea. 6. L'esperienza dell'emigrazione è comune in molte famiglie italiane, in particolare in quelle meridionali. Avete parenti che abbiano vissuto un'esperienza del genere? Raccogliete le loro storie, riflettendo su eventuali materiali (foto, documenti, ecc.) che potrebbero mettervi a disposizione. 7. Il personaggio di Carlo Sgrò è ossessionato dalla paura che la moglie, a causa della distanza, possa dimenticarsi di lui. Provate a riflettere su quanto l'esperienza dell'emigrazione abbia influito sui rapporti familiari di chi ne è stato protagonista. 8. Nelle intenzioni del regista, Benito Stigliano è un adulto bambino che si illude di poter migliorare la propria condizione economica percorrendo scorciatoie. All'inizio della sua avventura è cinico, incattivito dalla vita. Non si fa scrupoli a usare un bambino per raggiungere il suo scopo. Ma paga duramente queste sue ingenuità e illusioni. Analizzate il cambiamento che interessa il protagonista del film, nel corso del racconto, ponendo particolare attenzione al rapporto con il piccolo Pietro. 9. Pietro viene portato in Germania per incontrare suo padre. Ma non sembra averne voglia. Perché? 10. La figura del padre è nominata molte volte nel corso del film ma non arriva mai a comparire. E' un personaggio assente che condiziona però la vita del piccolo protagonista. Esprimetevi sui modi in cui ciò viene raccontato nel film. 11. Pietro Zanon lascia il Trentino per la Germania. L'emigrazione dal nord Italia è meno legata ai luoghi comuni di quanto lo sia quella meridionale. Partendo da tale constatazione, approfondite questo aspetto del fenomeno migratorio. 12. La madre di Pietro è una donna rimasta sola in Italia, mentre il marito è all'estero. Il fenomeno delle vedove bianche è stato molto diffuso in Italia nel periodo delle grandi migrazioni. Approfondite l'argomento con una ricerca. 13. L'emigrazione italiana della seconda metà del novecento ha certo avuto a che fare con la questione del lavoro, ma è stata caratterizzata da un'attività parallela come quella del contrabbando e del commercio clandestino. Già nel 1959 il regista Francesco Rosi, nel suo film I magliari aveva raccontato una storia di napoletani in Germania,

12 dediti al contrabbando. Rivedete il film e provate a confrontarlo con Itaker. Quindi approfondite questo argomento con una ricerca. 14. La condizione in cui si trovano a vivere gli operai all interno degli alloggi a loro riservati nelle fabbriche viene definita da Benito con l espressione Siamo come dei cani dentro un canile. Vi viene in mente un altro periodo storico che, in qualche modo, ricordi questa frase? 15. Negli anni 60 il movimento femminista è in auge. Il personaggio di Monica Birladeanu, apparentemente secondario, contribuisce a creare, nelle vite di Pietro e Benito, una certa stabilità. Una donna sola e dalla forza indubbia che nonostante sia circondata da disonesti riesce a far emergere tutta la sua indipendenza e onestà. Siete d accordo? Esprimete la vostra opinione in merito. 16. La paternità ritrovata nel film ha una doppia valenza. Approfondite questo concetto. ITAKER - VIETATO AGLI ITALIANI - RECENSIONE Inviato il 26/11/2012 da Elena Pedoto Mentre ancora vagano per la mente le voci e le immagini di un festival capitolino che ha premiato (inondato dalle critiche) il cinema nostrano più controverso, ecco arrivare nelle sale Itaker - Vietato agli Italiani, un prodotto esattamente agli antipodi. Itaker è una coproduzione italo-rumena e il primo film che subirà gli effetti benefici di quello che oramai può essere ufficialmente definito come il postfranchismo (cinematografico), un fenomeno che senza ombra di dubbio rileggerà il cinema italiano ancora da venire (ma a buon bisogno anche quello passato) con un termine di paragone così basso da illuminare anche le produzioni più mediocri. E, infatti, l'opera prima di Toni Trupia (un lavoro sotto tutti i punti di vista onesto) è stata accolta all'anteprima stampa con un lungo e vigoroso applauso che premia il gusto della sobrietà di un racconto storico e sociale che non brilla per originalità, ma che è intriso di quella dignità e di quel rispetto che andrebbero sempre riconosciuti alla Settima Arte. Itaker, termine che in Germania indica gli italianacci', da un gioco di parole tra Italia e Itaca, e che rimanda a un popolo di giramondo, di vagabondi, è una storia ambientata a cavallo tra l'italia e la Germania degli anni '60 e che segue quel flusso migratorio che vide molti cittadini italiani trasferirsi nella vicina terra tedesca in cerca di prospettive di vita migliori (o diverse). Il punto di vista è (come spesso accade in questo genere di film) portato ad altezza bambino, e sfrutta gli occhi ancora ingenui e tutto sommato sognanti di un piccolo italiano di soli nove anni che (ormai senza madre) si ritroverà in Germania in cerca di un padre di cui sembrano essersi perse le tracce. Ad affiancarsi al viaggio personale di Pietro, ci sarà la figura del giovane Benito Stigliano(anch'egli emigrato e in cerca di un riscatto personale) divenuto padre occasionale prima e vocazionale poi, in un breve ma intenso percorso di formazione attraverso il quale sia il piccolo sia il grande uomo riusciranno a carpire un piccolo frammento della loro (multipla) identità. MONSIEUR LAZHAR

13 Sinossi: In una scuola elementare di Montreal un insegnante muore tragicamente. Dopo aver letto la notizia sul giornale, Bachir Lazhar, un immigrato algerino di 55 anni, si presenta nella scuola per offrirsi come supplente. Immediatamente assunto per sostituire la maestra scomparsa, si ritrova in una scuola in crisi, mentre è costretto ad affrontare un dramma personale. Bachir impara a conoscere il suo gruppo di bambini scossi ma attenti, tra i quali ci sono Alice e Simon, due ragazzini svegli, particolarmente turbati dalla morte della loro insegnante. Mentre la classe ritorna lentamente alla normalità, nessuno nella scuola è a conoscenza del passato doloroso di Bachir; nessuno sospetta che è a rischio di espulsione dal paese in qualsiasi momento. Genere:drammatico Regia:Philippe Falardeau Titolo Originale:Monsieur Lazhar Distribuzione:Officine Blu Produzione:Luc Dery, Kim McCraw Data di uscita al cinema:31 agosto 2012 Durata:94 Sceneggiatura:tratto dall opera teatrale Bachir Lazhar di Evelyne De la Chenelière Direttore della Fotografia:Ronald Plante Montaggio:Stephane Lafleur Scenografia:Emmanuel Fréchette Costumi:: Francesca Chamberland Attori:Fellag, Sophie Nélisse, Emilien Néron, Brigitte Poupart Destinatari:Scuole Secondarie di II grado Approfondimenti: INTERVISTA CON IL REGISTA PHILIPPE FALARDEAU Dopo IT S NOT ME, I SWEAR!, MONSIEUR LAZHAR è il secondo film di adattamento da un opera letteraria. Cosa ti piace di questo approccio? Mi piacciono gli adattamenti perchè il lavoro si è già affermato nella sua forma iniziale a livello emozionale, per me o per il pubblico. Una cosa mi preoccupa sempre quando faccio un film: sarò in grado di convivere con questo soggetto per un periodo di tre o quattro anni? Interesserà a qualcuno quanto ha interessato me? È molto importante capire i limiti del proprio mezzo di espressione e non tentare di riproporre ciò che il mezzo originale ha ottenuto con successo. Per IT S NOT ME, I SWEAR era chiaro che l umorismo della scrittura di Bruno Hèbert nasceva dalla discrepanza trovata nella narrazione ingenua di un ragazzino di 10 anni i cui riferimenti sono quelli di una persona di 40 anni. Per MONSIEUR LAZHAR, la rappresentazione teatrale di Evelyne de la Chenelière s ruota arttorno ad un unico personaggio.

14 Ciò che mi ha particolarmente interessato è stata la sua forza evocativa. Sapevo anche che sarebbe stato un rischio riproporre ed emulare lo stile poetico di Evelyne, semplicemente perchè io non sono un poeta e il cinema, come mezzo, non possiede la stessa poetica. Così è stata la forza di Bachir a suscitare il tuo interesse e farti immaginare il resto? Mi è piaciuto immediatamente il soggetto dell opera e la sua intenzione. Mentre guardavo la sua messa in scena a teatro, ho immediatamente immaginato il film: ho visto la classe, i bambini... il tocco di Daniel Brièr e la sua direzione essenziale probabilmente mi hanno aiutato a visualizzare il lavoro cinematografico. Il personaggio Alice è tratteggiato leggermente, e quello di Simon a malapena, era una storia tutta da inventare. Sapevo che c era spazio per la creazione. Mi ha anche colpito il fatto che la tragica storia di Bachir, la sua condizione di immigrato, non fosse la parte centrale della trama. Egli si trova di fronte a qualcosa che è molto radicato all interno della società in cui si è stabilito, ma questo confronto potrebbe avvenire ovunque. La storia doveva stare in piedi da sola, al di là dell evento traumatico dell esilio. Il suo dramma influisce su ciò che sta per accadere: lo rende uno straniero che sta per sconvolgere il nostro punto di vista sul mondo, ma io non credo che sia questo il vero soggetto del film. Durante la rappresentazione teatrale ho pensato: Qui c è un personaggio ricco. Non è un personaggio inventato giusto per farci chiedere quale potrebbe essere la sua caratteristica e la sua funzione. Niente di tutto questo. Bachir ha una propria storia alle spalle, la sua storia personale, prima che il film inizi. Era importante per te rendere plausibile ciò che stava vivendo Bachir? Ho fatto molte ricerche per arrivare a quel punto. Un anno dopo aver iniziato l adattamento, nel maggio 2008, sono stato in Algeria per vedere da dove proveniva Bachir, per sentire e capire perchè egli aveva immaginato qualcosa di molto elaborato, che non è nel film, ma che mi ha aiutato a capire il personaggio. Molto tempo prima avevo visitato diversi paesi come la Syria, la Libia, l Egitto e la Tunisia. Ho sempre pensato che queste terre offrissero molte storie da raccontare al cinema. Perchè Bachir è venuto a Montreal? Perchè non aveva scelta. Nonostante siano passati anni dalla guerra civile, l Algeria sta ancora affrontando molti problemi. Il personaggio di Bachir, sarebbe potuto provenire da un altro paese? Credo di si, ma il problema, probabilmente, sarebbe poi stato la lingua. Avevo pensato ad un libanese. Il personaggio non avrebbe dovuto solo padroneggiare la lingua francese, ma anche amarla. Perchè nella mia testa il processo di guarigione accade attraverso il linguaggio, l insegnamento e l amore per la lingua e la letteratura francese. L Algeria poteva funzionare poichè lì ci sono molti intellettuali, grandi scrittori. Una volta entrato nella scuola del Quebec, Bachir è catapultato in un sistema che non conosce, egli deve cercare di trarre da se stesso quello che gli è stato insegnato durante la sua infanzia. Cosi il suo unico riferimento è il metodo di insegnamento francese considerato ormai superato. Non dimentichiamo che Bachir è un immigrato nord-africano profondamento laico. Io ne ero consapevole. Egli rappresenta l altro alla ricerca di soluzioni non nella religione o nella morale e nemmeno nei riferimenti culturali francesi nel senso etnico del termine, ma in relazione all insegnamento, nei comuni rapporti con la lingua e la letteratura francese e poi negli atti elementari della comunicazione. C è anche dell ironia nel fatto che egli è andato ad insegnare in un ex colonia che ha un legame particolare con la lingua francese, proprio quando anche egli proviene da un ex colonia francese. Perché ha scelto Fellag per il ruolo di Bachir? Sapevo sin da subito, a meno che non fosse accaduto un miracolo, che non sarebbe stato facile trovare un attore in Quebec, poichè li non c è una grande comunità di attori magrebini. Visto il contesto della storia, ho optato per la Francia e la sua quantità di bravi attori. Avevo poche persone in mente, ma alla fine li ho trovati tutti troppo parigini per il ruolo. E stata Evelyne a propormi Fellag in quanto aveva già recitato nella sua rappresentazione in Francia. Io non lo conoscevo prima, ma era una scelta sensata in quanto egli stesso è stato esiliato durante la guerra civile algerina. Mentre era in Tunisia, le autorità gli ordinarono di non tornare, come se ci fosse stata un fatwa contro di lui. Ha vissuto quello che Bachir ha provato, e credo che quella condanna a morte gli abbia dato più profondità. Anche se le sue caratteristiche personali non sono del tutto uguali al personaggio del film, egli ha la sensibilità e l intelligenza, le qualità che maggiormente mi interessavano. Mi è piaciuto dal primo momento che ci siamo incontrati. Era molto a suo agio con l opera e, dopo aver letto la sceneggiatura, ha voluto subito il ruolo. Fellag è molto generoso e ha una grande autenticità. Sono molto contento di quello che ci ha dato, che tra l altro è all opposto del suo solito lavoro.

15 Dopo IT S NOT ME. I SWEAR! era tua intenzione lavorare di nuovo con i bambini? La scelta è insita all opera teatrale. Il problema che si riscontra quando i ragazzini recitano un ruolo centrale in un film è che ci si chiede sempre se il film sia per i ragazzi, o per la famiglia, cosa che non succede mai quando a recitare sono tutti adulti. Nella vita, tuttavia non ci chiediamo mai, quando ci capita qualcosa, se è una situazione da bambini o da adulti. È la vita. Penso di fare film sulla vita e quindi è assolutamente naturale che ci siano dei bambini. Come sceneggiatore e regista hai anche dovuto adattare il tuo stile di lavoro ai bambini? Certamente, ma in generale penso che ciò avvenga per ogni tipologia di attore. Quello che fa la differenza è che quando si tratta di un attore adulto, non mi preoccupo mai se conosce le battute. Anche il set deve essere gestito in maniera più giocosa e divertente. Per quanto concerne la recitazione, invece, penso che questi ragazzini siano stati capaci di cogliere le emozioni in gioco dei loro personaggi, tanto da aver capito che si trattava di lavoro e che non stavo chiedendo loro di essere quello che sono nella è già molto maturo per la sua età. Ovviamente ci sono dei tratti che sono un po più dal mio punto di vista che non da quello dei bambini. In generale, c è una grande quantità di lavoro fatto in preproduzione e devo ringraziare Fèlixe Ross, l insegnante di recitazione che ha guidato il lavoro dei ragazzini insieme a me. Ha capito esattamente in che tipo di direzione volessi andare, senza di lei non ci sarei mai riuscito. E anche un film sul lutto? Non è un film sul lutto, ma sulla complessa entità organica che è la scuola. C è un inevitabile processo di guarigione, ma ciò che mi interessava particolarmente era che questa metabolizzazione del lutto avvenisse in un contesto in cui ci fosse l incontro tra un immigrato e noi. E così la scuola riesce a superare questa tragedia grazie all elemento catalizzatore di uno straniero che sta attraversando il suo lutto personale. Perciò mi piace pensare che il film sia piuttosto una risposta al diffondersi dei punti di vista su come integrare gli immigrati. A mio parere, non c è un modo. Cerchiamo di vivere con gli immigrati, in tutto ciò che possiamo sperimentare: mangiare, bere, ridere, lavorare, vivere... e superare le barriere insieme. Questa è l integrazione, nient altro. Non è una questione da definire esclusivamente con la politica. Ma c è anche un altra dimensione a me cara che emerge nel film, sebbene non ci fosse nella rappresentazione teatrale. E l intera questione della codifica delle relazioni tra ragazzini ed adulti a scuola. Attraverso gli anni, abbiamo stabilito regole che proibiscono agli insegnanti di toccare gli alunni, a prescindere dalle circostanze, anche se è solo per spalmargli la crema solare sulla schiena, come dice il personaggio dell insegnante di ginnastica. Noi sappiamo molto bene le ragioni che sono dietro queste regole e quello che c è in gioco, ma il risultato è che gli insegnanti, genitori e anche i ragazzi, agiscono in punta di piedi quando si tratta di mostrare una certa forma di affetto o vicinanza. La questione è estremamente delicata e costituisce un momento cruciale nel film. Penso che il film parli molto di questo, all inizio in modo impercettibile, in modo esplicito alla fine. Durante l intero film, Bachir è qualcuno che rimane forte e dignitoso... Qualità che spesso caratterizzano gli immigrati. Egli è discreto quando si tratta di se stesso. Bachir sente che non è rilevante mostrare le sue emozioni o il suo dolore. In un mondo che incoraggia molto a comunicare le emozioni, egli sceglie di comunicarle solo a se stesso, e secondo me, questo è un errore. Specialmente, tra tutti, con la sua collega Claire. Allo stesso tempo, questo è quello che gli conferisce dignità: egli è molto più interessato ad aiutare la classe e a liberare i ragazzi dal loro dolore; ignorando così se stesso. Ma inconsciamente io penso che egli stimoli Alice e Simon perchè in realtà vuole stimolare se stesso. Simon è il ragazzino che porta tutte le colpe della scuola. Alla fine, quando Simon cede alle sue emozioni, la tensione avvertita per tutta la scuola si scioglie. Sebbene il film sia drammatico, e il soggetto serio, emergono elementi umoristici Raramente nella vita una tragedia o un dramma vengono da soli. Spesso è una questione di prospettive. In IT S NOT ME, I SWEAR! l uomorismo era costruito sulla distanza, un umorismo anticonformista e insolito. In MONSIEUR LAZHAR, l umorismo è più sottile, più con i piedi per terra. L ingenuità del personaggio algerino sorprende e fa ridere. Quando si gioca sottilmente su un divario culturale, c è spesso un ricco potenziale per l umorismo. Il bidello e l insegnante di ginnastica hanno costantemente scambi di battute che fanno ridere. Il bello è che non sono battute. È semplicemente che la vita è comica e penso che dovremmo saperlo cogliere. Per me i film senza umorismo sono fantascienza. Non può essere! Intervista di Marie-Hélène Mello

16 IL SEGRETO DI "MONSIEUR LAZHAR" Il 31 agosto arriva nei cinema italiani il film superpremiato del canadese Philippe Falardeau. La storia si regge sull umanità del personaggio, il suo senso del dolore, e sulla varietà dei temi, la tragedia vissuta dall uomo, l insegnamento, l integrazione Philippe Falardeau di Maria Pia Fusco APPROFONDIMENTI PERSONAGGI: - Philippe Falardeau FILM: - Monsieur Lazhar ROMA - In una scuola elementare a Montreal, in Canada, un insegnante si suicida in classe traumatizzando i piccoli allievi che la scoprono; un algerino, Bachir Lazhar, in attesa dello status di rifugiato politico, si offre come supplente e viene assunto. Il rapporto, difficile e delicato, che si stabilisce tra lui e i bambini è al centro di Monsieur Lazhar, il film del regista canadese Philippe Falardeau, che, premiato in vari festival internazionali e candidato all Oscar, sarà nelle sale dal 31 agosto distribuito dalle Officine Ubu. Monsieur Lazhar è un film semplice e complesso, commovente, sprizza tanta umanità come è raro oggi trovare sullo schermo. Il testo nasce come monologo teatrale di Evelyne de la Chenelière, che «mi ha colpito per l umanità del personaggio, il suo senso del dolore, e per la varietà dei temi, il mistero della tragedia vissuta da Bachir, il trauma dei bambini, l insegnamento e la relazione tra bambini e adulti, l integrazione. Sono temi sfiorati con pochi tratti essenziali. Nella sceneggiatura ho avuto la libertà di creare i personaggi, dare loro l anima», dice il regista al telefono da Montreal.

17 Era essenziale la nazionalità algerina del protagonista? «Avrebbe potuto essere di qualunque altro paese di emigrazione, ma il problema era la padronanza della lingua francese che Bachir insegna. C è anche una lieve ironia nel fatto che un uomo proveniente da un ex colonia vada ad insegnare nel Quebec, un altra ex colonia francese». Ha avuto esperienze di insegnante? «No, ma prima del film ho girato documentari in tante scuole di Montreal. In fondo una classe è un concentrato di diverse umanità, sono bambini con le stesse particolarità e diversità di un gruppo di adulti, ma senza sovrastrutture». Nel film ci sono molti momenti di leggerezza «Come nella vita. Anche nelle situazioni drammatiche può accadere qualcosa che ci fa sorridere. Nella scuola canadese, ma forse anche altrove, ci sono regole che, sia pure giuste, generano momenti grotteschi. Per esempio, come dice nel film l insegnante di ginnastica, è proibito toccare gli alunni, anche solo per spalmare una crema solare sulla schiena. La conseguenza è la difficoltà di esprimere vicinanza o affetto anche in momenti in cui ci sarebbe bisogno. È una questione delicata che mi interessa molto, uno dei momenti cruciali del film». Ha scelto come protagonista l attore Fellag, lo stesso della pièce teatrale? «Dopo una serie di ricerche, ho capito che era l unica scelta possibile. Fellag dirigeva un teatro in Algeria e mentre era in tournée in Tunisia, è scoppiata la guerra civile nel suo paese e non è potuto rientrare. Ha vissuto in parte il dolore dell esilio di Bachir, ha la stessa forza e la stessa dignità nel nascondere il suo dramma». Quali sono i suoi riferimenti cinematografici? «I miei autori preferiti sono Ken Loach e Mike Leigh. In realtà non ho mai studiato cinema, ho studiato scienze politiche. Quasi per gioco, ho partecipato ad un reality televisivo in cui i concorrenti dovevano fare piccoli film in giro per il mondo. Io ho fatto venti filmini in Siria, Libia, Egitto, Tunisia e altri paesi del Mediterraneo. Ho vinto il primo premio, ho cominciato così. Ma la politica mi interessa ancora molto, sto preparando una commedia sulle distorsioni della democrazia in Canada, un modello è Nanni Moretti, lo ammiro molto». La situazione dell emigrazione in Canada? «Qui è un fenomeno che tocca Montreal e le grandi città e finché l economia andava bene non c erano problemi. Purtroppo dopo l 11 settembre e ora con la crisi si avvertono tensioni, piccole esplosioni razziali. La politica è importante per l integrazione, ma è più importante la conoscenza, mangiare, bere, discutere, ridere insieme. Il personaggio di Bachir è un esempio». ( ) MONSIEUR LAZHAR

18 Bashir Lazhar, interpretato da Mohamed Saïd Fellag, nel film di Philippe Falardeau è un insegnante algerino in attesa di riconoscimento nel Québec francese. Pian piano emerge la sua storia: è dovuto fuggire dalla sua patria, nella speranza che la moglie con i due figli potessero poi seguirlo. Essi sono perseguitati in una terra dove la violenza dell integralismo religioso ed il potere politico che lo combatte si tendono la mano quando una donna, la moglie, inizia a scrivere per contestarli. Ma non è questo il punto. Il film narra di come l integrazione avvenga in una trama di rapporti umani che si tessono non in astratto, bensì dinanzi alla vita che urla il suo dramma. Nella scuola una giovane insegnante si è suicidata ed i bambini/ragazzi vivono l angoscia che quella morte getta su tutti. In particolare sono due amichetti, Simon, interpretato da Emilien Néron, ed Alice L'Écuyer, interpretata da Sophie Nelisse a portare il perso della tragedia: solo loro hanno il visto la maestra morta. Ma è soprattutto Simon che sente il peso del dramma: avendo dichiarato di aver ricevuto un bacio dalla maestra, che un giorno lo aveva abbracciato, si sente colpevole quasi che l insegnante si sia tolta la vita per le voci seguite a quel gesto. Nel film, il quadro si fa pian piano più complesso senza mai risolversi chiaramente - la donna era sofferente interiormente da tempo e il marito la ignorava, non essendosi presentato a scuola nemmeno per ritirare i suoi oggetti personali. Ciò che appare chiaro, invece, è che la scuola ha da tempo abdicato ai suoi contenuti, privando gli studenti di un insegnamento di qualità, puntando quasi esclusivamente sull integrazione e su di una buona convivenza. I ragazzi non sono più in grado di leggere testi di qualità e sono ormai abituati a sedere con i banchi in cerchio. Soprattutto, è ormai vietata la comunicazione tattile, l abbraccio, il

19 bacio. Nemmeno l insegnante di educazione fisica può toccare i bambini/ragazzi, per non destare scandalo, perché le nuove normative della scuola così prevedono. Parallelamente ed in conformità a questa impostazione, solo alla psicologa è demandato il compito di affrontare il tema del lutto che, invece, i bambini vivono ad ogni istante, poiché tutto ricorda loro la loro maestra che si è uccisa. Bashir Lazhar viene da un mondo che ha maggiormente conservato un adesione reale alla vita e perciò riesce ad entrare in un contatto vero, affettuoso ed educativo con i suoi alunni. Subito ripristina la disposizione dei banchi in linee verticali, si acquista la stima dei bambini per la qualità del suo insegnamento che non fa sconti, ma anzi li porta a misurarsi con i grandi autori francesi - lui, immigrato algerino! e, soprattutto, non cessa di avere presente il senso di colpa che i bambini portano in loro per la morte della loro insegnante. Solo dinanzi a lui - e non dinanzi alla psicologa - finalmente i piccoli hanno il coraggio di esprimere il loro dolore, di piangere e sfogarsi, ritrovando brandelli di speranza. Bashir, soprattutto, ha il coraggio di toccarli anche fisicamente, con scappellotti quando lo meritano ed ancor più con l abbraccio di cui hanno bisogno nel dolore. Ma la scuola non è in grado di reggere la prospettiva di educazione reale ed integrale di cui i bambini hanno bisogno e di cui Bashir è portatore. Il film esprime l empasse - monito anche per la catechesi - alla quale il sistema scolastico si condanna se decide, per essere politicamente corretto, di tenere fuori dall orizzonte educativo l autorità dell insegnante, se gli vieta di sporgersi a parlare della colpa, della vita e della morte - ed, in fondo, del senso delle cose e di Dio - se lo paralizza impedendogli di usare l affetto fino alla sua comunicazione corporea. In un intervista il regista ha dichiarato: «È l intera questione della codifica delle relazioni tra ragazzini ed adulti a scuola. Attraverso gli anni, abbiamo stabilito regole che proibiscono agli insegnanti di toccare gli alunni, a prescindere dalle circostanze, anche se è solo per spalmargli la crema solare sulla schiena, come dice il personaggio dell insegnante di ginnastica. Noi sappiamo molto bene le ragioni che sono dietro queste regole e quello che c è in gioco, ma il risultato è che gli insegnanti, genitori e anche i ragazzi, agiscono in punta di piedi quando si tratta di mostrare una certa forma di affetto o vicinanza. La questione è estremamente delicata e costituisce un momento cruciale nel film. Penso che il film parli molto di questo, all inizio in modo impercettibile, in modo esplicito alla fine» (da un intervista di Marie-Hélène Mello al regista Philippe Falardeau sul sito Agiscuola). MONSIEUR LAZHAR - RECENSIONE Inviato il 28/08/2012 da Elena Pedoto Con Monsieur Lazhar (candidato per il Canada agli Oscar come miglior film straniero) Philippe Falardeau, già autore di "It's Not Me I swear", affronta (e si confronta) con i temi dell'elaborazione del lutto e della perdita (qui duplicemente intesi come morte del singolo e/o necessità di abbandonare la propria terra). Centrale nel racconto sarà infatti il rapporto tra due realtà' accomunate dal medesimo senso di privazione: l'insegnante Bachir Lazhar (rifugiato algerino con un doloroso e irrisolto passato) e la classe elementare di giovanissimi studenti canadesi, reduci dall'improvvisa perdita della loro insegnante. L'incontro di questi due mondi, entrambi mancanti di un loro fondamentale tassello emotivo, sarà (come spesso accade) funzionale per elaborare un lutto che va oltre la condizione estemporanea di perdita e che si spinge invece a rappresentare la vita stessa come un insieme perennemente mutabile in cui sempre (co)esistono dei vuoti. Il contesto scolastico spesso utile

20 nell'identificazione di un microcosmo societario in cui convergono luci e ombre funge qui, piuttosto, da luogo rappresentativo in cui la vita (e vitalità) congenite alla scuola stessa, si vanno a contrapporre all'oscura imprevedibilità dell'evento morte, passando per il fondamentale ponte-umano generato dalla carismatica presenza di Lazhar. Una storia che racchiude il suo potente senso allegorico nel delizioso aneddoto finale dell'albero e della crisalide, racconto toccante e poetico sull'esigenza (nel corso della vita) di figure solide che (al bisogno) possano - e sappiano - ergersi al ruolo di protettori. Monsieur Lazhar di Philippe Falardeau drammatico, Canada (2011) di Francesca D'Ettorre Bachir Lazhar ha origini algerine e arriva a Montreal in fuga da quella terra che gli ha strappato violentemente moglie e figli. Si ritrova a insegnare, non senza l'aiuto di qualche bugia, in una scuola, in cui tutti (genitori-maestri-bambini) sono sconvolti da una tragica scomparsa. L'insegnante Martine, così premurosa e candida all'apparenza, ha scelto la morte più inspiegabile e cruenta: suicidarsi in classe. Violenze che si cedono il passo sono il cuore pulsante di "Monsieur Lazhar". La violenza passiva: quella subita dal protagonista che vede la sua famiglia distrutta in un incendio dalle finalità, probabilmente, politiche e quella dei bambini che - proiettati troppo presto tra le contraddizioni del mondo dei grandi - cercano di dare un nome alla mancanza di senso. La violenza attiva: quella di Martine che, scegliendo la scuola come teatro della fine delle sue pene, fa sì che la crudeltà autoinflittasi diventi un vortice da cui tutti sono travolti e storditi; e quella dell'ambiente scolastico che col suo formalismo sterile, in cui la morte è argomento tabù per creature troppo acerbe o concesso esclusivamente a professionisti-psicologi, diventa la campana di vetro in cui le inquietudini implodono e non trovano sollievo. Al mondo dei burocrati e dei regolamenti -"dare l'aspirina ai bambini è vietato" - si opporrà il metodo più tradizionalista e un po' conservatore dell'insegnante Lazhar, fino all'idillio finale della favola della crisalide. Acclamato ai festival internazionali e sconfitto dal bellissimo "Una separazione" come miglior film straniero durante l'ultima edizione degli Oscar, "Monsieur Lazhar" è stato apprezzato soprattutto per l'assenza di buonismo in una storia tanto tenera quanto poetica. Lo stile minimalista e asciutto, effettivamente, salva il film dall'impasse delle più grevi sdolcinature, hollywoodiane e non. Ma prosciugare fronzoli e orpelli non basta. Sia perché talune scelte registiche si impantanano in quella urticante deriva televisiva del visto e ri-visto, sottolineate poi da note musicali accessorie; sia perché lo stile-aspirapolvere deve quantomeno preservare i sottotesti, che in questo film sono tanti (l'elaborazione del lutto-l'immigrazione-il sistema scolastico) e sospesi in un corpus centrale che soffre di qualche lungaggine di troppo - in un film pur breve - che disorienta. L'afflato poetico che percorre il film erompe nel finale con la favola à la Esopo che rivela il messaggio dell'opera e si suggella in un abbraccio, che può, da solo, condensare la portata del film: strappacuori, lirico, delicato; ma pleonastico. IL FILM ESCE OGGI NELLE SALE ITALIANE L' OPERA DI PHILIPPE FALARDEAU, INSERITA NELL' ULTIMA CINQUINA DEGLI OSCAR PER IL MIGLIOR FILM STRANIERO MONSIEUR LAZHAR E IL DOLORE NEGLI OCCHI DEI BAMBINI

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013

IO CI SARÒ. dai 9 anni LIA LEVI. Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 PIANO DI IO CI SARÒ LIA LEVI LETTURA dai 9 anni Illustrazioni di Donata Pizzato Serie Arancio n 145 Pagine: 192 Codice: 566-3210-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE Lia Levi è oggi una delle più affermate

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

La Piramide dell Odio

La Piramide dell Odio Lezione La Piramide dell Odio Partecipanti: Studenti di scuola media inferiore o superiore/ max. 40 Materiali: Foglio Domande (una copia per ciascuno studente) Lucido con la definizione di Genocidio (allegato)

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

El lugar de las fresas

El lugar de las fresas El lugar de las fresas Il luogo delle fragole Un anziana contadina italiana dedita al lavoro, un immigrato marrocchino appena arrivato in Italia, una giovane cineasta spagnola; Da un incontro casuale al

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO-

Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- DOV'È TUO FRATELLO? Adamo conobbe Eva, sua moglie, la quale concepì e partorì Caino, e disse: «Ho acquistato un uomo con l'aiuto del SIGNO- RE». Poi partorì ancora Abele, fratello di lui. Abele fu pastore

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

Il cinema ovvero provare a esser dio

Il cinema ovvero provare a esser dio Il cinema ovvero provare a esser dio Gualtiero Rosella La realtà è ciò che esiste anche quando smettiamo di crederci. (Philip K. Dick) Forse non siamo ancora in grado di affrontare il dibattito su cinema

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita"

Consigli di lettura alla Libreria Rinascita Consigli di lettura alla Libreria "Rinascita" Pagine d Estate: proposte di letture per l estate 2014 Quest'iniziativa vuole incentivare il gusto per la lettura e avvicinare i preadolescenti ai testi di

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli