La sorveglianza al tempo di

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La sorveglianza al tempo di"

Transcript

1 Malattie Infettive Asl Milano La sorveglianza al tempo di Comitato di redazione Marino Faccini Catia Borriello Sabrina Senatore Maria Teresa Filipponi Andrea Marino Grazie alle Assistenti Sanitarie/Infermiere delle malattie infettive e a tutti gli operatori della prevenzione per il loro lavoro Editoriale La prevenzione è pronta. L evento EXPO, con oltre 20 milioni di visitatori attesi provenienti da ogni parte del mondo, rappresenta una sfida per il sistema sanitario regionale e in particolare per i servizi che si occupano di prevenzione. Gli eventi di massa costituiscono uno stress test per la salute pubblica. Le folle e le infrastrutture, che le ospitano, possono essere un ambiente ideale per le epidemie ha dichiarato Margaret Chan, direttore generale dell Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). La predisposizione dei piani di risposta, non solo alle eventuali emergenze infettive, ma a tutte le problematiche di sicurezza negli ambienti di lavoro e di vita connesse con EXPO ha richiesto un lungo lavoro di analisi dei punti critici, di revisione delle procedure operative, di potenziamento delle attività di controllo e di formazione che è stato condotto dal Dipartimento di Prevenzione dell ASL Milano in collaborazione con la ASL Mi 1 con la regia di Regione Lombardia. Prevenzione degli infortuni sul lavoro, delle malattie a trasmissione alimentare e delle altre infezioni soggette a sorveglianza speciale in relazione all evento, salubrità degli ambienti e delle strutture ricettive, un attenzione particolare alle malattie a trasmissione sessuale: sono queste le priorità individuate e che saranno approfondite all interno di questo numero del MIAMI. La prevenzione, insieme alla rete sanitaria del territorio e ospedaliera, è pronta per contribuire a garantire ai visitatori di EXPO un soggiorno sicuro e in salute. Il Direttore Dipartimento di prevenzione Medico Dr. Susanna Cantoni In questo numero La sorveglianza delle malattie infettive si fa in 3 Intervista ai Direttori ASL della Prevenzione Centro per la cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro e di vita E per chiudere in bellezza Chi siamo Ideatori e realizzatori di questa pubblicazione sono il Dr. Marino Faccini con i collaboratori presenti nel Comitato di Redazione della SS Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni e della SS Prevenzione del Distretto 1. La SS Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni afferisce alla Struttura Complessa Igiene e Sanità Pubblica il cui Direttore è il Dr. Giorgio Ciconali Il Direttore del Dipartimento di Prevenzione Medico è la Dr.ssa Susanna Cantoni, con sede a Milano in via Statuto 5. Pagina 1

2 La sorveglianza delle malattie infettive si fa in 3 M.I.A.Mi - Numero 2/2015 Accanto al sistema ormai consolidato di segnalazione delle malattie infettiva, si aggiungono due nuovi canali di sorveglianza al fine di identificare precocemente i segnali di allerta nell ambito delle malattie trasmissibili. La revisione della letteratura scientifica internazionale di sistemi di sorveglianza messi in campo in occasione dei mass gatherings ha evidenziato alcune esperienze rilevanti come, tra le più recenti, FIFA World Cup - Germany 2006, Winter Olympic - Torino 2006 e Olympic and Paralympic Games - London 2012, da cui Regione Lombardia ha preso spunto per affrontare l evento EXPO 2015 (DGR 3190 del 26/02/2015) 1 Segnalazione delle Malattie Infettive MMG/PDF Continuità Assistenziale (CA) Pronto Soccorso (PS) Presidi di Primo Intervento area EXPO (PPI) Sospetto diagnostico di Malattia Infettiva Sorvegliate speciali in EXPO... Devono essere segnalati telefonicamente i casi sospetti di: Morbillo Meningite Sindrome sgombroide Patologie correlabili ad assunzioni di alimenti. Malattie trasmesse da vettori Segnalazione IMMEDIATA (con intervento immediato) Segnalazione DIFFERIBILE (senza intervento immediato) Guardia Igienica Ufficio malattie infettive distrettuali Le informazioni della segnalazione che non possono mancare Recapiti telefonici del paziente (informazione fondamentale per eventuali approfondimenti da parte dell ASL) Informazioni sul soggiorno (importante per il turista) Nome, indirizzo, telefono di Hotel/Residence, ecc. Durata soggiorno (Data arrivo a Milano e data partenza) Informazioni cliniche: Riportare nella scheda di segnalazione la descrizione del quadro clinico specificando l eventuale trasferimento presso struttura ospedaliera Pagina 2

3 2 Sorveglianza sindromica Sistema di sorveglianza basato sui dati dei PPI e di alcuni PS di ospedali dell area milanese e altri rappresentativi per area geografica. PPI: a livello centrale quotidianamente vengono estratti i dati relativi alle sindromi sorvegliate speciali PS.: a livello centrale con cadenza bisettimanale (lunedì e giovedi) vengono estratti i dati relativi alle sindromi sorvegliate speciali. I PS coinvolti sono 12 (3 della Città Metropolitana, gli altri sono rappresentativi di tutte le province lombarde) Sindromi oggetto di sorveglianza 1. Sindrome respiratoria acuta con febbre 2. Sospetta Tubercolosi polmonare 3. Diarrea CON presenza di sangue senza segni di sanguinamento da altre sedi 4. Sindrome gastroenterica SENZA la presenza di sangue nelle feci 5. Malattia febbrile con rash cutaneo 6. Meningite, encefalite o encefalopatia/delirio 7. Linfoadenite con febbre 8. Sindrome neurologica 9. Sepsi o shock non spiegati 10. Febbre ed emorragie che interessano almeno un organo o apparato 11. Ittero acuto 12. Infestazioni 13. Morte da cause non determinate 3 Sorveglianza Basata sugli Eventi (EBS) L insieme di procedure volte ad identificare, da fonti informative esterne ai sistemi di sorveglianza, notizie che possano suggerire precocemente un emergenza sanitaria fonti: internet e piattaforme specifiche (es. Medisys ) Le notizie vengono analizzate e validate quotidianamente dal Nucleo di Epidemic Intelligence (Regione, ASL, AO Sacco, ISS, Ministero Salute) Viene prodotto un bollettino di sintesi dei segnali di allerta Se necessario, si attivano gli interventi di sanità pubblica. Pagina 3

4 Intervista ai Direttori ASL della Prevenzione Per conoscere gli interventi di prevenzione messi in campo per EXPO, abbiamo intervistato i Direttori dei Servizi dell ASL maggiormente coinvolti. Per ulteriori approfondimenti è disponibile sul sito la pagina dedicata con le sezioni tematiche specifiche. Dr. Claudio Monaci Direttore del Dipartimento di Prevenzione Veterinario Il Dipartimento di Prevenzione Veterinario (DpPVe) tutela la sicurezza alimentare mediante controlli ufficiali nelle filiere di produzione degli alimenti di origine animale (mangimi, benessere animale, farmacosorveglianza, sanità animale, requisiti igienico sanitari degli stabilimenti alimentari), inoltre si occupa dell igiene urbana e degli animali d affezione. Il Dipartimento Prevenzione Veterinario ha individuato ai fini della sicurezza alimentare dei consumatori la filiera alimentare del settore ristorazione e commercializzazione degli alimenti. Sono stati predisposti degli opuscoli informativi per gli operatori del settore alimentare e consumatori, volti alla prevenzione del pericolo sindrome sgombroide e parassiti nei prodotti ittici, ed informazioni sulla etichettatura degli alimenti. Insieme a Comune Milano e Comitato EXPO è stata predisposta la modulistica SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) per i Partecipanti al Sito EXPO. Il Dipartimento Prevenzione Veterinario ha incrementato e indirizzato i controlli per l anno 2015 specificatamente nel settore ristorazione e Grande Distribuzione. Presso il Sito EXPO il DpPVe garantirà la presenza giornaliera di personale veterinario con controlli igienico sanitari in sicurezza alimentare e per l introduzione in deroga di alimenti di origine animale. Dr. Gianmarino Vidoni Direttore CRH-MTS Il Servizio si occupa di counselig, screening per HIV e Malattie Sessualmente Trasmissibili, Ectoparassitosi e loro cura e prevenzione. Campagne informative in Collaborazione con Comune di Milano e Associazioni del Privato sociale il sito istituzionale dove trovare tutti gli eventi. Manifesti ad hoc verranno esposti in tutte le sedi Distrettuali ASL, Biblioteche Comunali, infopoint nei locali della movida milanese, nelle Università, Aeroporti di Linate e Malpensa, Farmacie Comunali tutto per favorire l informazione sul sesso sicuro e l uso del profilattico e la necessità di sottoporsi ad uno screening in caso di comportamenti a rischio. Pagina 4

5 Dr. Giorgio Ciconali Direttore Servizio Igiene e Sanità Pubblica (SISP) Il Servizio Igiene e Sanità Pubblica si occupa di: sorveglianza delle malattie infettive; vaccinazioni; igiene, salubrità e vigilanza degli ambienti di vita, delle strutture sanitarie, ricettive e di servizio alla persona. Espressione di pareri in materia di igiene edilizia per i padiglioni di EXPO; verifica delle misure adottate da EXPO per la prevenzione della legionellosi e per la disinfestazione del sito; aggiornamento delle procedure di intervento per il controllo delle malattie infettive; stesura di materiale informativo per la lotta agli infestanti animali (es. cimici da letto). Potenziamento del sistema di sorveglianza delle malattie infettive (vedi schema nelle pagine precedenti) e degli interventi di profilassi attivi h24 durante tutto il periodo di EXPO. Piano di controlli mirato al contenimento del rischio legionellosi, in particolare nelle strutture ricettive. Collaborazione con le forze dell ordine per la gestione rapida di interventi in caso di emergenze con potenziali rischi di bioterrorismo (es. antrace). Dr. Simonetta Fracchia Direttore Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione (SIAN) Il Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione si occupa della prevenzione dei rischi per la salute legati all'alimentazione attraverso attività di vigilanza igienico-sanitaria e nutrizionale. Relativamente alla sicurezza alimentare sono state predisposte Linee Guida di intervento in occasione di malattie trasmissibili con alimenti ed è stato diffuso materiale informativo sui rischi igienici correlati al consumo di alimenti negli Happy Hour ed in ambito domestico. Sono state inoltre divulgate indicazioni sui requisiti strutturali dei padiglioni dei Paesi partecipanti. Riguardo alla promozione della salute, sono stati previsti interventi atti a migliorare le conoscenze in ambito nutrizionale, sia presso i Centri Vaccinali ASL sia presso la ristorazione pubblica, e distribuzione di materiale informativo. Sarà assicurata una presenza costante presso il Sito durante tutta la manifestazione al fine di monitorare la sicurezza alimentare attraverso interventi di vigilanza preventiva. Verrà incrementata la vigilanza anche sul territorio urbano, soprattutto nelle aree della movida. Verrà garantito il controllo degli alimenti, sia di quelli destinati all area EXPO per il solo consumo ed introdotti con speciali deroghe, sia di quelli eventualmente introdotti in maniera meno lecita con possibile attivazione del sistema d allerta alimentare. Pagina 5

6 Dr. Susanna Cantoni Direttore Servizio Prevenzione Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) Il Servizio Prevenzione Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (SPSAL) si occupa di tutelare la sicurezza e la salute dei lavoratori, sia attraverso la vigilanza sull applicazione delle leggi che con attività di prevenzione. Dal 2011 abbiamo attivato squadre di intervento nei cantieri di EXPO e delle opere connesse con attenzione soprattutto alla sicurezza e in particolare a quei rischi che possono comportare infortuni gravi: cadute negli scavi con rischio di seppellimento; interferenze delle gru presenti (più di 150) tra di loro e con le altre attività, cadute di gravi dalle gru; cadute dall alto, sia dagli edifici che dalle piattaforme elevabili largamente usate (centinaia); investimenti da erronea viabilità e congestione di mezzi. Inoltre, abbiamo affrontato il problema dell esposizione a polveri e dei colpi di calore durante l estate. Continueranno le attività di vigilanza e di assistenza in particolare sugli allestimenti degli spettacoli, che presentano rischi di cadute dall alto e di gravi, rischi elettrici, sulle attività di manutenzione, in particolare quelle che si svolgono in ambienti confinati, su quelle di asportazione rifiuti e di rifornimento, che si svolgeranno di notte, per i problemi di viabilità. Pagina 6

7 Centro per la cultura della prevenzione nei luoghi di lavoro e di vita La Città di Milano, che ospita EXPO 2015, ha sempre mostrato particolare attenzione verso tematiche relative alla salute e alla sicurezza nei luoghi di lavoro e di vita. È in linea con questa sensibilità la creazione del CENTRO PER LA CULTURA DELLA PREVENZIONE nei luoghi di lavoro e di vita che vuole essere punto di riferimento per giovani, lavoratori, organizzazioni sindacali e aziende che intendono affrontare con un approccio nuovo le tematiche legate alla sicurezza, ma soprattutto alla prevenzione negli ambienti di vita, di studio e di lavoro. Il Centro per la Cultura della Prevenzione è uno spazio dedicato alla promozione di una nuova cultura del lavoro in sintonia con gli attuali cambiamenti sociali ed economici. Il Centro favorirà, in particolare durante il periodo EXPO, la promozione e l organizzazione di convegni tematici e informativi, la distribuzione di materiale informativo (dai dépliant ai poster didattici), seminari, incontri e corsi di formazione dedicati a tutti coloro che intendono approfondire la conoscenza nel campo della prevenzione e della sicurezza, con particolare attenzione all innovazione e ai comportamenti dei singoli. Il Centro ha sede presso lo stabile comunale di Viale D Annunzio 15 a Milano. Pagina 7

8 E per chiudere in bellezza. È nato il nuovo sito, creato dagli operatori del Dipartimento di Prevenzione dell ASL di Milano, dedicato ai viaggiatori, ricco di informazioni e consigli utili per un viaggio sicuro, con gli aggiornamenti in tempo (quasi) reale sulle epidemie in corso nel mondo, i contatti dei centri di medicina dei viaggi di tutta Italia e molto altro ancora. Vi segnaliamo inoltre la sezione dedicata ad EXPO in varie lingue per la divulgazione agli ospiti internazionali di EXPO Milano 2015 delle principali indicazioni sanitarie per un soggiorno piacevolmente. in salute. Per contatti ASL DI MILANO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SC IGIENE E SANITÀ PUBBLICA SS PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE E VACCINAZIONI VIA STATUTO 5, MILANO Pagina 8

IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Il Dipartimento di prevenzione assicura le prestazioni volte al mantenimento e alla promozione della salute della popolazione, attraverso diverse funzioni rivolte direttamente

Dettagli

La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte

La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte La gestione delle emergenze infettive: analisi e proposte F R A N C E S C A R U S S O S E T T O R E P R O M O Z I O N E E S V I L U P P O I G I E N E E S A N I T À P U B B L I C A S E Z I O N E A T T U

Dettagli

EXPO 2015: attività di prevenzione. Milano - 23 settembre 2014

EXPO 2015: attività di prevenzione. Milano - 23 settembre 2014 EXPO 2015: attività di prevenzione Milano - 23 settembre 2014 Principali appalti attivi Vie d acqua Riqualificazione darsena Piastra espositiva Passerella Merlata C.na Triulza Villaggio Merlata Asse viario

Dettagli

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta Prevenzione medica A seguito della segnalazione da parte dei sanitari relativa alla diagnosi di malattia infettiva contagiosa, il personale sanitario dell ASL attua idonei interventi di profilassi. In

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 1 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di

Dettagli

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta la popolazione anche attraverso campagne di promozione e di informazione, rappresentano uno strumento

Vaccinazioni. Le vaccinazioni, offerte a tutta la popolazione anche attraverso campagne di promozione e di informazione, rappresentano uno strumento Prevenzione medica A seguito della segnalazione da parte dei sanitari che hanno diagnosticato una malattia infettiva potenzialmente contagiosa, il personale sanitario dell ASL attua idonei interventi di

Dettagli

"Emergenza Migranti"

Emergenza Migranti Via Giacomo Cusmano 24 90142 Palermo www.asppalermo.org Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza Migranti" 1 Premessa Unità di Crisi Aziendale Piano Interno di Intervento "Emergenza

Dettagli

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI

PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI ISTRUZIONE OPERATIVA N 1/2005 PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE OCCUPAZIONALI RATIFICATO DALLA COMMISSIONE AZIENDALE PER LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

Dettagli

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute

IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI. Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute IL PROGRAMMA GUADAGNARE SALUTE: RENDERE FACILI LE SCELTE SALUTARI Convegno: Web 2.0 per Guadagnare Salute Dott.ssa M. Teresa Scotti Bologna, 15 ottobre 2009 La promozione della salute è il processo che

Dettagli

Dirigente - Settore dipartimentale Profilassi malattie Infettive e diffusive

Dirigente - Settore dipartimentale Profilassi malattie Infettive e diffusive INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alfieri Rosa Data di nascita 28/11/1960 Qualifica Dirigente Medico Amministrazione ASL NAPOLI 2 NORD (EX ASL 2 e 3) Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente

Dettagli

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione UTG-Prefettura Bari Il Metodo AUGUSTUS La Funzione 2 Nella Sala Operativa - CCS Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione Le funzioni di supporto: SALA OPERATIVA CENTRO COORDINAMENTO

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

LIMINA ROSA MARIA VIALE EUROPA 11 25123 - BRESCIA. limina@med.unibs.it

LIMINA ROSA MARIA VIALE EUROPA 11 25123 - BRESCIA. limina@med.unibs.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e nome Indirizzo Ufficio Telefono ufficio 030 3717694 LIMINA ROSA MARIA VIALE EUROPA 11 25123 - BRESCIA

Dettagli

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde

Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Lettura critica dei Piani Pandemici di alcune ASL lombarde Dott. Marco Gaietta Specializzando in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Milano Obiettivo dello studio Valutare la corrispondenza

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita [06/09/1954] MELONI GIUSEPPINA MARIA TERESA Qualifica Amministrazione Incarico attuale e

Dettagli

Integrazione Ospedale-Territorio:

Integrazione Ospedale-Territorio: Integrazione Ospedale-Territorio: malattie rare ed assistenza integrativa Relatore Dott.ssa Francesca Canepa S.C. Assistenza Farmaceutica Convenzionata LEA I Livelli essenziali di assistenza (LEA) sono

Dettagli

maria.portesi@gmail.com

maria.portesi@gmail.com Dott.ssa Maria Portesi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo PORTESI

Dettagli

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO 1 IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELL ALIMENTAZIONE: DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO Il ruolo dell Università ità Prof.ssa Maria Triassi Dipartimento di Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Napoli

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014

REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014. Aprile 2014 REPORT WEST NILE DISEASE (WND) Anno 2014 Aprile 2014 1 Sorveglianza West Nile Disease Anno 2014 Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata

Dettagli

DEL DIRETTORE GENERALE

DEL DIRETTORE GENERALE N. 749 del Reg. Decreti del 23/09/2008 DECRETO DEL DIRETTORE GENERALE - Dott. Adriano Marcolongo - nominato con Decreto del Presidente della Giunta Regionale del Veneto n. 253 del 31.12.2007 OGGETTO: Approvazione

Dettagli

gratuita per alcune categorie:

gratuita per alcune categorie: DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Vaccinazione antinfluenzale stagionale 2010-2011 l ASL organizza LA CAMPAGNA ANTINFLUENZALE in collaborazione con i Medici di Medicina Generale con inizio il giorno 2

Dettagli

Corso annuale di Medicina Estetica Biologica organizzato dalla GUNA di Milano tenutosi a Mestre (VE), a.a. 2009/10. PUBBLICAZIONI EDITE A STAMPA:

Corso annuale di Medicina Estetica Biologica organizzato dalla GUNA di Milano tenutosi a Mestre (VE), a.a. 2009/10. PUBBLICAZIONI EDITE A STAMPA: CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI Cognome e nome ZAMBON LUCIA DILETTA Data di nascita 27/10/1962 Qualifica Amministrazione DIRIGENTE MEDICO DISCIPLINA ORGANIZZAZIONE DEI S. SAN. DI BASE U.L.L.S. N. 10 VENETO

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

- funzione di vicario del Direttore sanitario del Distretto n. 98 dell ASL SA/2 in vari periodi, limitatamente al periodo di assenza dello stesso per

- funzione di vicario del Direttore sanitario del Distretto n. 98 dell ASL SA/2 in vari periodi, limitatamente al periodo di assenza dello stesso per Curriculum formativo-professionale del Dottor Antonio Cavaliere, nato ad Amalfi (Sa) il 01.11.1954 e residente in Minori, Dirigente Medico dell A.S.L. SA/1, in servizio presso il Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

FluNews Rapporto Epidemiologico Settimanale

FluNews Rapporto Epidemiologico Settimanale Numero 1, del 16 Gennaio 21 FluNews Rapporto Epidemiologico Settimanale Aggiornamento alla 2 settimana del 21 (6-12 Gennaio 21) Il presente rapporto integra i risultati di differenti sistemi di sorveglianza

Dettagli

Direttore Generale Dott. Ernesto Esposito

Direttore Generale Dott. Ernesto Esposito 9 ORGANI DI DIREZIONE La A.S.L. Napoli 1 Centro presenta un organizzazione aziendale particolarmente complessa: il Direttore Generale è l organo di vertice a cui sono attribuiti i poteri di gestione, di

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Prevenzione, Igiene e Sanità Pubblica PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE SISTEMI DI SORVEGLIANZA DELLA MALATTIE INFETTIVE E PIANO DELLE VACCINAZIONI

Dettagli

Specializzato in Statistica Sanitaria con indirizzo in programmazione socio-sanitaria presso l Università dell Aquila con votazione 70/70 e lode.

Specializzato in Statistica Sanitaria con indirizzo in programmazione socio-sanitaria presso l Università dell Aquila con votazione 70/70 e lode. DOTT. IVAN TERSIGNI CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE STUDI Laureato in Medicina e Chirurgia presso l'universita' Cattolica del Sacro Cuore di Roma il 21-7-1978, con votazione 110/110 e lode. Specializzato

Dettagli

Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015

Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015 : vaccini Rivista di Immunologia e Allergologia Pediatrica 03/2011 34-38 Il Piano nazionale per l eliminazione del morbillo e della rosolia congenita 2010-2015 A cura della Commissione Vaccini della SIAIP

Dettagli

Oggetto: Proposte Fimmg Lazio per fronteggiare la Pandemia Influenzale.

Oggetto: Proposte Fimmg Lazio per fronteggiare la Pandemia Influenzale. Il Segretario Generale Regionale del Lazio Roma,31.8.09 Pagina 1 di 6 Prot. PLB 839/09 Alla cortese attenzione del Commissario Ad acta per la Sanità Della Regione Lazio Presidente Piero Marrazzo Via Cristoforo

Dettagli

La prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro

La prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro Lavoro e ambiente La prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro Il Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro (PSAL) garantisce la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori

Dettagli

INTRODUZIONE. Cosa rende speciali i nostri corsi

INTRODUZIONE. Cosa rende speciali i nostri corsi SICUREZZA INTRODUZIONE Cosa rende speciali i nostri corsi Formazione e informazione sono gli elementi chiave per prendere consapevolezza dei rischi presenti nel proprio ambiente di lavoro e per predisporre

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ALBERTO PERRA Via Vernio 45, Roma Telefono 3478466123 E-mail nonnoal54@gmail.com Nazionalità Italiana

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta LEGISLAZIONE ED ORGANIZZAZIONE Il Servizio Sanitario Nazionale Il Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) è nato con una legge n. 833 del 23 dicembre del 1978;

Dettagli

Codice programma di riferimento. Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA

Codice programma di riferimento. Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA La Formazione a supporto del Piano Regionale di Prevenzione 2014-2018 Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA Il counseling breve per

Dettagli

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati

Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati TERZA CONVENTION NAZIONALE DEI DIRETTORI DEI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE DELLE AZIENDE ULSS Sicurezza alimentare: quali strategie, quali obiettivi, quali risultati Dott. Rocco Sciarrone Direttore del Dipartimento

Dettagli

- 01.10.1993 al 30.12.1993 servizio presso la usl 21 Casentino in qualità di Veterinario Collaboratore.

- 01.10.1993 al 30.12.1993 servizio presso la usl 21 Casentino in qualità di Veterinario Collaboratore. MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Fornai Gianna Data di nascita 30 maggio 1961 Qualifica Dirigente Veterinario a rapporto esclusivo Sanità Animale ed Igiene Allevamento

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI MAFFEIS ALESSANDRO. Data di nascita 02/01/1960 VETERINARIO DIRIGENTE

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI MAFFEIS ALESSANDRO. Data di nascita 02/01/1960 VETERINARIO DIRIGENTE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 02/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio MAFFEIS ALESSANDRO VETERINARIO DIRIGENTE ASL DELLA Incarico di studio -

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. CASTELLI PAOLO Data di nascita 30/04/1958. Dirigente ASL I fascia - UFFICIO CONTROLLO RANDAGISMO

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. CASTELLI PAOLO Data di nascita 30/04/1958. Dirigente ASL I fascia - UFFICIO CONTROLLO RANDAGISMO INFORMAZIONI PERSONALI Nome CASTELLI PAOLO Data di nascita 30/04/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Dirigente ASL I fascia

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Consumi e manutenzioni di esercizio o non servizi per servizi non e erogazione

Dettagli

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome ALCIATI ALESSANDRA Indirizzo Telefono 3381985310 CF E-mail VIA CAPRERA 4, 20144 MILANO LCTLSN56M53F205Y alessandra.alciati @libero.it

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino

Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino Azienda Sanitaria Locale n. 5 Spezzino DISTRETTO SANITARIO 17 RIVIERA VAL DI VARA Per informazioni sui servizi 0187/533842 giorni feriali ore 08.00-12.00 Redatto dalla funzione Comunicazione S.C. Sistema

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE. Dati personali: data di nascita 11 agosto 1965 luogo di nascita Napoli residenza via Petrarca n 27 - Napoli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE. Dati personali: data di nascita 11 agosto 1965 luogo di nascita Napoli residenza via Petrarca n 27 - Napoli CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE VENTRIGLIA ANNA Dati personali: data di nascita 11 agosto 1965 luogo di nascita Napoli residenza via Petrarca n 27 - Napoli ISTRUZIONE : si è laureata presso la II

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE Informazioni personali Cognome e Nome ONOFARO FILIPPINA Data di nascita 15/09/1961 Qualifica MED.S.S.EX9-117TP Disciplina Medicina Matricola 36173 Incarico attuale Dirigente U.O.S.D. ALPI

Dettagli

Le iniziative del Ministero della Salute

Le iniziative del Ministero della Salute Ondate di calore e impatto sulla salute Interventi di monitoraggio e prevenzione Le iniziative del Ministero della Salute Annamaria de Martino Direzione Generale Prevenzione Sanitaria, Roma Ondate di calore

Dettagli

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008

Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008 Piano regionale dell Emilia-Romagna per la lotta alla zanzara tigre e la prevenzione della Chikungunya e della Dengue anno 2008 Dott.ssa Paola Angelini Servizio Sanità pubblica D.G. Sanità e Politiche

Dettagli

Sorveglianza West Nile Disease

Sorveglianza West Nile Disease Report 2013 Sorveglianza West Nile Disease Il presente report ha l obiettivo di fornire un aggiornamento dei risultati della sorveglianza integrata su WND nell anno 2013. La sorveglianza è condotta in

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 VETERINARIO DIRIGENTE

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 VETERINARIO DIRIGENTE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SPINOZZI ANTONIO Data di nascita 01/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio VETERINARIO DIRIGENTE ASL DI TERAMO Incarico di studio

Dettagli

Giuseppe Gilberto Bo. Dirigente Medico Veterinario Azienda Sanitaria Locale ASL Olbia

Giuseppe Gilberto Bo. Dirigente Medico Veterinario Azienda Sanitaria Locale ASL Olbia F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 04/02/56 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero di telefono e Fax dell Ufficio

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l Università degli Studi di Cagliari in data 26/07/1983

CURRICULUM VITAE. Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l Università degli Studi di Cagliari in data 26/07/1983 CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Pintor Rosanna nata a Cagliari il 05/12/1957 residente a Capoterra Località Poggio Dei Pini strada 15 n. 12 Tel. 070/725411 E-mail rosannapintor@tiscali.it Istruzione

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE IN PROVINCIA DI MANTOVA

MALATTIE INFETTIVE IN PROVINCIA DI MANTOVA MALATTIE INFETTIVE IN PROVINCIA DI MANTOVA Segnalazioni e distribuzione della casistica nel 28 (dati definitivi) e Casistica (provvisoria) a tutto settembre 29 Premessa La sorveglianza sanitaria nei confronti

Dettagli

La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006

La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006 La preparazione e la gestione della risposta alle emergenze sanitarie Genova 12-13 Dicembre 2006 Dott.ssa Speranza Sensi ASL 3 Genovese - Regione Liguria SICUREZZA SANITARIA GLOBALE gli impegni assunti

Dettagli

La definizione dei ruoli e delle competenze nella gestione dei servizi di controllo degli infestanti nel Veneto

La definizione dei ruoli e delle competenze nella gestione dei servizi di controllo degli infestanti nel Veneto La definizione dei ruoli e delle competenze nella gestione dei servizi di controllo degli infestanti nel Veneto . Nel Veneto la gestione dell attività di disinfestazione da zanzare e ratti veniva affrontata

Dettagli

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE

MODELLO DI RILEVAZIONE DEI COSTI DEI LIVELLI DI ASSISTENZA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI E DELLE AZIENDE OSPEDALIERE Assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro servizi sanitari per servizi non sanitarie erogazione di sanitari 10100 Igiene e sanità pubblica 10200 Igiene degli alimenti e della nutrizione

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

Il quadrilatero di Teobald Smith

Il quadrilatero di Teobald Smith L EPIDEMIOLOGIA E LA SOCIOSOCIO-ECONOMIA VETERINARIA NEL PENSIERO E NELLE AZIONI DI ADRIANO MANTOVANI Giorgio Battelli GIORNATA DI STUDIO SULLA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA Adriano Mantovani e la Sanità

Dettagli

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE

LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE CENTRO DI TERAPIA DEL DOLORE E CURE PALLIATIVE Direttore: dott. Marco Bertolotto LA RETE DELLE CURE PALLIATIVE NELL ASL 2 SAVONESE Le Cure Palliative forniscono il sollievo dal dolore e da altri gravi

Dettagli

Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la. Obiettivi e Strumenti

Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la. Obiettivi e Strumenti Proposta di riorganizzazione della rete sanitaria per il controllo e la cura delle infezioni da HIV nel Lazio Obiettivi e Strumenti Enrico Girardi per il gruppo tecnico HIV LaziozioSanità -ASP UOC Epidemiologia

Dettagli

Ferrara, 28 settembre 2012. Christian Napoli. Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA

Ferrara, 28 settembre 2012. Christian Napoli. Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Legionelle e Legionellosi: mito e realtà Ferrara, 28 settembre 2012 Epidemiologia della Legionellosi in Europa e in Italia Christian Napoli Reparto di Epidemiologia delle Malattie Infettive ISTITUTO SUPERIORE

Dettagli

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti

Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Centro Operativo AIDS WORKSHOP Progetto DTPI Screening e diagnosi precoce delle principali patologie infettive correlate all uso delle sostanze stupefacenti Linee di indirizzo DPA e Ministero della Salute

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPELLARO SANDRA Indirizzo 68, VIA MAGHETTO, 13888 MONGRANDO (BI) Telefono Casa 015 666532 cell. 333 8772267

Dettagli

traniam@alice.it Servizio di Epidemiologia e Prevenzione (S.E.P.) DAL 01 OTTOBRE 2000 AL 30 APRILE 2001

traniam@alice.it Servizio di Epidemiologia e Prevenzione (S.E.P.) DAL 01 OTTOBRE 2000 AL 30 APRILE 2001 FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità Data di nascita Trani Anna Maria Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Indirizzo sede Lavorativa Telefono ufficio (fisso

Dettagli

La sorveglianza sanitaria e il medico competente: componente di un team e non voce solista

La sorveglianza sanitaria e il medico competente: componente di un team e non voce solista La sorveglianza sanitaria e il medico competente: componente di un team e non voce solista Convegno Per Aspera ad Astra Roma 25-26 ottobre 2012 Relatore: Dr. Enzo Valenti medico competente medico sui generis

Dettagli

Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia

Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia Francesca Russo Servizio Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica Direzione Prevenzione

Dettagli

Dirigente - DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE VETERINARIA

Dirigente - DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE VETERINARIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome CASARI ALBERTO Data di nascita 09/10/1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio DIRIGENTE VETERINARIO ASL DELLA PROVINCIA DI MANTOVA Dirigente

Dettagli

LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H

LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H 1 LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI VISITE MEDICHE E SCREENING Le visite mediche e gli screening, prima effettuati dal medico scolastico presso

Dettagli

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO

MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Allegato A) MODALITA DI ORGANIZZAZIONE E REMUNERAZIONE DELLE ATTIVITA DI ASSISTENZA DOMICILIARE A CARATTERE OSPEDALIERO Attività di ospedalizzazione presso il domicilio Si definisce attività di ospedalizzazione

Dettagli

CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA

CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA CARTA SERVIZI PER LA PEDIATRIA DI FAMIGLIA Dott. Claudia Mognaschi Via S. Cristoforo, 44-21047 SARONNO Tel. 3663819473 / 0296702270 - Fax 0287153169 e-mail: cmognaschi@alice.it (Ultimo aggiornamento 18.03.2014,

Dettagli

Indicazioni ai Genitori. sulla frequenza nei Nidi e nelle Scuole dell infanzia comunali 0 6 anni. in collaborazione con

Indicazioni ai Genitori. sulla frequenza nei Nidi e nelle Scuole dell infanzia comunali 0 6 anni. in collaborazione con in collaborazione con Direzione Centrale Educazione e Istruzione Settore Servizi all Infanzia Indicazioni ai Genitori sulla frequenza nei Nidi e nelle Scuole dell infanzia comunali 0 6 anni - COMUNE DI

Dettagli

responsabile Unità OPerativa Semplice Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Tutela Salute Minori Famiglia Donna

responsabile Unità OPerativa Semplice Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Tutela Salute Minori Famiglia Donna INFORMAZIONI PERSONALI Nome giacomucci giancarlo Data di nascita 28/01/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio responsabile Unità OPerativa Semplice ZONA TERRITORIALE

Dettagli

La Campagna Straordinaria di Recupero

La Campagna Straordinaria di Recupero La Campagna Straordinaria di Recupero Strategie di vaccinazione da attuare per eliminare il morbillo Raggiungere e mantenere nel tempo coperture vaccinali entro i 2 anni per una dose di MPR > 95%. Vaccinare

Dettagli

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C.

Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Progetto pilota ROMAINFORMA: Sportello Informativo per la tutela della salute e per la prevenzione delle epatiti B e C. Data inizio: Novembre 2006 Durata: 2 anni Dove: Comune di Roma Soggetto proponente:

Dettagli

Dai mercati all ingrosso a piattaforma logistica integrata e alla citta del gusto e della salute

Dai mercati all ingrosso a piattaforma logistica integrata e alla citta del gusto e della salute Dai mercati all ingrosso a piattaforma logistica integrata e alla citta del gusto e della salute Il ruolo di Sogemi La funzione tradizionale dei mercati all ingrosso Concentrazione derrate agroalimentari

Dettagli

1. Soggetto proponente

1. Soggetto proponente Allegato alla Delib.G.R. n. 53/56 del 20.12.2013 PERCORSO DI INFORMAZIONE E DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE PER GLI OPERATORI DELLE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE E PER GLI OPERATORI

Dettagli

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti

Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute. Maria Grazia Proietti Il ruolo della professione infermieristica nell evoluzione evoluzione della domanda di salute Maria Grazia Proietti il campo di competenza dell infermiere è rappresentato dal complesso delle attività rivolte

Dettagli

Responsabile - Servizio Veterinario IAPZ - UOS Farmacosorveglianza e alim. animale

Responsabile - Servizio Veterinario IAPZ - UOS Farmacosorveglianza e alim. animale INFORMAZIONI PERSONALI Nome mezzasoma stefano Data di nascita 31/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI PERUGIA Responsabile - Servizio Veterinario

Dettagli

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma

Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Portuense, 292-00149 Roma PROCEDURA PER LA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI OPERATORI

Dettagli

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica S.S. Medico pagina 1 di 12 1. Titolo e descrizione sintetica... 1 2. Titolo... 1 3. Descrizione sintetica... 1 4. Responsabile della procedura... 1 5. Obiettivi... 2 6. Ambito di Applicazione... 2 7. Documenti

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE Docente Titolare del corso: Dr. Antonio Romaniello Corso di Laurea : _FARMACIA Obiettivi formativi generali (risultati di apprendimento previsti

Dettagli

C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA

C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Neuroscienze e Scienze Riproduttive ed Odontostomatologiche C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA PEDODONZIA Docente: Prof. Aniello Ingenito Commissione di esame:

Dettagli

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006

Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali. Chiara Liera. S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Presentazione dell opuscolo Viaggiare in Salute per i Viaggiatori Internazionali Chiara Liera Centro di Riferimento Regionale per i Viaggiatori Internazionali S. Bonifacio, 11 novembre 2006 Caratteristiche

Dettagli

Utilizzo a livello locale delle sorveglianze sugli stili di vita Asl 3 Genovese

Utilizzo a livello locale delle sorveglianze sugli stili di vita Asl 3 Genovese Contributo PASSI per il Piano della Prevenzione Roma, ISS CNESPS 27 marzo 2014 Esperienze promettenti di uso della sorveglianza per perseguire gli obiettivi del Piano Nazionale della Prevenzione, in Regioni

Dettagli

Chikungunya-Dengue. Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli. Bologna, 17 maggio 2013

Chikungunya-Dengue. Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli. Bologna, 17 maggio 2013 MALATTIE DA VETTORE IN EMILIA-ROMAGNA: PIANO DI SORVEGLIANZA E CONTROLLO 2013 Bologna, 17 maggio 2013 Chikungunya-Dengue Sorveglianza umana: dati e prospettive. Andrea Mattivi Roberto Cagarelli Servizio

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 17 1.1. Popolazione residente... 17 1.1.1. La distribuzione sul territorio... 19 1.1.2. Struttura della popolazione... 20 1.1.3. Speranza di vita...

Dettagli

3. ASSISTENZA SANITARIA COLLETTIVA

3. ASSISTENZA SANITARIA COLLETTIVA Il livello di Assistenza sanitaria collettiva comprende le attività e le prestazioni volte a tutelare la salute e la sicurezza della comunità da rischi infettivi, ambientali, legati alle condizioni di

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono 0965766371 Fax 0965761212 E-mail CILIONE FORTUNATO VIA DALMAZIO D ANDREA 5, 89035 BOVA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA SANITA PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITA ANIMALE E DEI FARMACI

Dettagli

DPR 2 febbraio 1994, n. 196

DPR 2 febbraio 1994, n. 196 DPR 2 febbraio 1994, n. 196 REGOLAMENTO CONCERNENTE IL RIORDINAMENTO DEL MINISTERO DELLA SANITÀ, IN ATTUAZIONE DELL'ART. 2, COMMA 2, DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 GIUGNO 1993, N. 266 in G.U. 24 marzo 1994,

Dettagli

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009

IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT. Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 IL CONTROLLO UFFICIALE: EVIDENZE DI DUE ANNI DI AUDIT Roberto Moschi ASL1 imperiese S.C.Igiene Alimenti Origine Animale Bussana 12 giugno 2009 REG. 854 /04 CE stabilisce norme specifiche per l'organizzazione

Dettagli

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo

L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo L attività di prevenzione dell A.S.L. nelle palestre e nelle piscine della Provincia di Bergamo 7 novembre 2012 1 L aspetto benefico connesso alla pratica di attività sportive che si svolgono in spazi

Dettagli

Allegato A al Decreto n. 49 del 1 aprile 2009 pag. 1/7

Allegato A al Decreto n. 49 del 1 aprile 2009 pag. 1/7 giunta regionale Allegato A al Decreto n. 49 del 1 aprile 2009 pag. 1/7 CODIFICA UNICA REGIONALE DELLE CONDIZIONI DI ESENZIONE DALLA PARTECIPAZIONE ALLA SPESA FARMACEUTICA E SPECIALISTICA CHE PREVEDONO

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale Medicina e Chirurgia I anno, II semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale Medicina e Chirurgia I anno, II semestre UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale Medicina e Chirurgia I anno, II semestre Modulo: ORGANIZZAZIONE E PROGRAMMAZIONE SANITARIA DI BASE Docente:

Dettagli

per i cittadini non comunitari

per i cittadini non comunitari Progetto cofinanziato da UNIONE EUROPEA Fondo Europeo per l Integrazione dei Cittadini dei Paesi Terzi GUIDA AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE per i cittadini non comunitari INDICE Glossario 4 Informazioni

Dettagli

Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive

Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive Presidi Ospedalieri di Ravenna, Faenza, Lugo Dipartimento Medico 2 Unità Operativa Aziendale Malattie Infettive Guida ai Servizi Presidi Ospedalieri di Ravenna, Faenza, Lugo Dipartimento Medico 2 Unità

Dettagli

FOCUS FINANZIAMENTI UE SALUTE

FOCUS FINANZIAMENTI UE SALUTE FOCUS FINANZIAMENTI UE SALUTE INDICE I FINANZIAMENTI EUROPEI PER LA SALUTE... 1 I. Il programma d'azione comunitaria in materia di salute 2008-2013... 2 Come funziona?... 2 Chi può partecipare?... 2 Come

Dettagli

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA

A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA Allegato A LA FORMAZIONE DEGLI ALIMENTARISTI IN REGIONE TOSCANA (in attuazione della L.R. n. 24/2003, art. 2 e dei Regolamenti (CE) N. 852/2004 e 853/2004) 1 1. Premessa La formazione degli alimentaristi

Dettagli

Progetto per la costruzione e gestione di Farmacie sociali nelle zone periferiche della Provincia di Maputo Mozambico

Progetto per la costruzione e gestione di Farmacie sociali nelle zone periferiche della Provincia di Maputo Mozambico Progetto per la costruzione e gestione di Farmacie sociali nelle zone periferiche della Provincia di Maputo Mozambico Organizzazione proponente Africa ON onlus Viale Brigata Bisagno, 4/6 16129 Genova -

Dettagli