Quinto anniversario del gemellaggio con Kuppenheim e Raon L Etape

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quinto anniversario del gemellaggio con Kuppenheim e Raon L Etape"

Transcript

1 Filottrano ANNO 2012 n. 2 Città di Filottrano Quinto anniversario del gemellaggio con Kuppenheim e Raon L Etape A tutte le famiglie Periodico di informazione trimestrale a cura del Comune di Filottrano - - Anche quest anno, in occasione della Festa dello Stivale, una nutrita rappresentanza di amici di Kuppenheim e Raon L Etape ha visitato Filottrano e assistito alla manifestazione oltre che partecipare ai giochi medievali. Insieme a questa erano presenti i Sindaci, Sig. Karsten Mussler per Kuppenheim e il Sig. Michel Hubert per Raon L Etape. Infatti ricorreva il quinto anniversario della stipula del patto di gemellaggio tra i nostri Paesi, che, nel 2007, proprio in occasione della Festa dello Stivale, lo hanno siglato. Una cerimonia tenutasi nella sala consiliare del Comune il quattro agosto, alla presenza dei Sindaci, del presidente del comitato per il gemellaggio di Filottrano, Danilo Pergolesi, degli altri due presidenti tedesco e francese, oltre che della cittadinanza, è stata l occasione per ripercorrere il cammino effettuato sino ad oggi oltre che per ribadire la volontà di proseguirlo e trarre nuovi spunti per il futuro. E stato concordemente riconosciuto che, durante questi anni numerose sono state le occasioni di scambi tra le Città, culturali ma anche, in misura minore, economici. I numerosi cittadini tedeschi e francesi che vengono a Filottrano durante la Festa dello Stivale, hanno occasione di apprezzare le bellezze del nostro Paese e delle sue campagne, senza tralasciare i prodotti alimentari. Alcune edizioni dei tornei di calcio cittadino hanno visto la partecipazione di squadre delle due Città gemellate. La Città di Filottrano è stata presente con una sua delegazione a tutte le più importanti manifestazioni che si sono svolte a Kuppenheim e Raon L Etape promuovendo le sue tipicità, ma anche le sue tradizioni culturali e cittadine. Durante questi cinque anni sono sempre proseguiti proficuamente gli scambi culturali tra la nostra scuola media e quelle di Kuppenheim e Raon L Etape; quest anno, per la prima volta, si sono interrotti e ciò, purtroppo, è avvenuto per una serie di ragioni che hanno interessato la scuola di Filottrano. Questo è stato motivo di dispiacere e anche preoccupazione sia per il sottoscritto, che nei limiti delle proprie competenze, ha cercato che lo scambio culturale tra le scuole non fosse interrotto, ma anche per i colleghi Sindaci tedesco e francese. Sul presupposto che un Patto di Gemellaggio non può prescindere da uno scambio culturale tra alunni delle scuole, il documento conclusivo della cerimonia dello scorso agosto, sottoscritto dai Sindaci dei tre Paesi, li ha impegnati primariamente a fare in modo che gli scambi culturali tra scuole riprendano già dal prossimo anno scolastico. Pertanto l Amministrazione Comunale metterà in atto tutte le necessarie iniziative al fine di sensibilizzare i docenti, gli alunni e le loro famiglie circa l opportunità di riprendere gli scambi tra le scuole. Confido che gli insegnati che sono succeduti a quelli, ora pensionati, che per tanti anni si sono fatti promotori e sostenitori dell iniziativa, ne raccolgano il testimone dando la loro disponibilità ad accompagnare gli alunni. Invito i genitori a considerare l esperienza di soggiorno all estero dei loro figli come un arricchimento culturale, occasione di allacciare amicizie oltre che di conoscenza di tradizioni e costumi diversi dai nostri. Soprattutto essa non può essere vista come alternativa, se mai complementare, a quella di un soggiorno studio all estero per imparare una lingua, che ha finalità e scopi diversi. Il Sindaco Francesco Coppari

2 Saluto al dirigente Dalle pagine di questo giornale va il nostro profondo ringraziamento al Dott. Floriano Tittarelli per l impegno e la competenza con cui ha svolto il suo ruolo di Dirigente Scolastico del nostro Istituto Comprensivo. A lui i nostri più sinceri auguri per il nuovo incarico. L Amministrazione Comunale Andrea Lardini, imprenditore filottranese e Presidente della società "LARDINI", già eletto nel marzo 2011 Presidente della Consulta Regionale Abbigliamento, Maglieria e Accessori di Confindustria Marche, é stato nominato nel mese di agosto dal Presidente Nazionale Giorgio Squinzi componente del " Comitato tecnico Tutela del Made in Italy e lotta alla contraffazione ". Complimenti ad Andrea Lardini per il rilevante incarico ricevuto, particolarmente importante per il nostro territorio e di certo impegnativo in un momento così difficile per il sistema economico e produttivo. Ad Andrea, i nostri Auguri di buon lavoro che, siamo certi, svolgerà con determinazione, competenza e la consueta passione. L'Amministrazione Comunale. Periodico trimestrale Anno 2012 n. 2 - settembre Aut.Trib. Ancona n. 22 del Direttore Francesco Coppari - Direttore Responsabile Daniela Stallone - Comitato di Redazione Ivana Ballante Progetto grafico e stampa Bieffe SpA - Recanati - Redazione Sede Municipale di Filottrano Questa pubblicazione viene mandata a indirizzi AVVISO CONSEGNA ARTICOLI Il materiale per il prossimo numero di Filottrano dovrà essere consegnato entro il 5 novembre Gli articoli non devono tassativamente superare le 3500 battute, salvati con estensione.doc (Word), possono essere spediti via posta elettronica all indirizzo o presentati sul Cd direttamente presso la Biblioteca comunale Emilio Bianchi. Il materiale fotografico o in originale o su file jpg a 300 dpi di risoluzione può essere inviato insieme all articolo alla sopra indicata o presentato direttamente in biblioteca comunale. Il comitato di redazione non pubblicherà gli articoli fuori misura. Il Comitato di Redazione SITUAZIONE POPOLAZIONE AL 31 LUGLIO 2012 Popolazione residente al Nati 68 Morti 41 Immigrati 96 Emigrati 111 Popolazione residente Nuclei familiari 3779 Matrimoni rito civile 5 Matrimoni rito religioso 11 Brevi cenni sulla cremazione di salma Dopo un decesso, oltre all ordinaria attività di tumulazione o inumazione del defunto, l ordinamento giuridico italiano prevede anche la possibilità di cremare la salma. La cremazione è un processo irreversibile, mediante il quale le spoglie mortali, tramite il calore e l evaporazione, vengono ridotte in cenere. Le operazioni di cremazione si svolgono in un apposito impianto. Nella nostra Regione le uniche strutture idonee sono quelle di San Benedetto del Tronto e di Ascoli Piceno. La pratica della cremazione è una scelta molto personale ed intimistica, ma rappresenta anche un atto di consapevolezza, di progresso e di civiltà, qualunque sia il credo religioso di ognuno di noi. E una pratica funebre consigliabile dal punto di vista igienico sanitario, consentita anche dalla Chiesa Cattolica. Al contrario della tumulazione e della inumazione, la cremazione richiede una minore necessità di spazi e consente di trasferire le ceneri facilmente, tutelando così le esigenze ambientali. La cremazione, inoltre, pone gli uomini sullo stesso piano, azzerando le diversità della vita terrena legate alla ricchezza e allo status sociale, attraverso tombe tutte uguali, rappresentate dai loculi cinerari, che garantiscono una continuità del ricordo ed una dimora del corpo che, grazie alla cremazione, diventa inalterabile. La cremazione è possibile in uno dei seguenti casi: quando il defunto ha manifestato in vita la volontà di essere cremato in una disposizione testamentaria, oppure quando si era iscritto ad una Associazione legalmente riconosciuta, avente tra i propri fini statutari quello della cremazione dei cadaveri dei propri associati. In mancanza della disposizione testamentaria o di qualsiasi altra espressione di volontà del defunto, occorre la volontà manifestata dal coniuge o, in mancanza del coniuge, la volontà manifestata dal parente più prossimo entro il 6 grado e, in caso di esistenza di più parenti dello stesso grado, dalla maggioranza di questi. La cremazione deve essere richiesta dai parenti del defunto al momento della fissazione del funerale, all Ufficiale dello Stato Civile del Comune dove si è verificato il decesso, competente al rilascio della relativa autorizzazione. Le ceneri devono essere raccolte in un urna cineraria che viene fornita dall Ente addetto alla Cremazione. Le modalità di conservazione delle ceneri, prevedono, nel rispetto della volontà espressa dal defunto, alternativamente, la tumulazione, l interramento o l affidamento ai familiari. La legge regionale prevede anche la dispersione delle ceneri, ma al momento tale modalità non è attuabile, in quanto non ancora regolamentata a livello comunale. La pratica della cremazione richiede degli accorgimenti burocratici ulteriori rispetto a quelli di un ordinario funerale, che in questa sede, per ragioni di spazio, non possono essere evidenziati e sviluppati. Quanto sopra esposto, rappresenta, una indicazione sintetica dei principali elementi che regolano l istituto della cremazione. Per tali motivi, chiunque fosse interessato ad avere maggiori informazioni, è inviato a contattare gli addetti dell Ufficio Stato Civile comunale. Dr. Alessandro Lorenzini Il Responsabile dell Ufficio Stato Civile del Comune di Filottrano

3 Il nido la coccinella Il Nido d Infanzia di Filottrano La Coccinella è stato scelto come sede per l Assemblea del Gruppo Territoriale Nidi Marche che si è svolta il 9 giugno. La riunione è stata organizzata e presieduta dalla Pedagogista Dott.ssa Alda Bonetti e dalla dott.ssa Francesca Ciabotti. Considerata l importanza dell incontro,sono state invitate dalla Coordinatrice Bruna Maurizi tutte le educatrici dei Nidi dell Ambito Territoriale di Jesi. Molti gli argomenti trattati per fare il punto sull attuale situazione dei Servizi all Infanzia e per valutare progetti per il futuro e nell ambito della discussione hanno avuto spazio anche i temi oggetto del Congresso di Montecatini riguardanti gli aspetti pedagogici e organizzativi dei Nidi. La presenza di varie educatrici provenienti da strutture diverse è stata proficua occasione di scambio pedagogico e di confronto che ha indubbiamente favorito la crescita reciproca. Il nostro Nido, La Coccinella, ha ricevuto apprezzamenti sia per la metodologia che per gli arredi, funzionali entrambi al progetto pedagogico che mira a raggiungere i seguenti obiettivi: 1. Favorire lo sviluppo e l autonomia del bambino; 2. Favorire lo sviluppo di relazioni significative; 3. Favorire la curiosità dei bambini verso la conoscenza e l esplorazione dell ambiente; 4. Promuovere le relazioni con e fra i genitori attraverso occasioni di incontri e scambi. Il gruppo educativo (educatrici, ausiliarie, cuoca e Psicopedagogista) che ringraziamo per l attento e amorevole impegno,costituiscono il team che progetta le attività organizzative ed educative. Ognuno svolge un ruolo diverso in reciproca collaborazione per favorire la serenità e la crescita dei nostri bambini. Un ringraziamento è dovuto alla Dott.ssa Alda Bonetti che nel triennio 2009/2011 ha messo tutto il suo impegno e la sua professionalità nell intento di migliorare continuamente gli ambienti che ospitano i bambini e la metodologia di lavoro. Questo percorso, mirato ad una migliore organizzazione e programmazione delle attività,della struttura e della formazione del personale,potrà proseguire con l intervento della Dott.ssa Emanuela Brocanelli,nuova psico-pedagogista,incaricata dalle Cooperative H Muta e Casa della Gioventù a svolgere questo ruolo fino a dicembre 2014 e alla quale auguriamo buon lavoro. In particolare,per quanto riguarda la struttura,è in corso la progettazione della nuova sede del Nido su Via Italia, adiacente la nuova scuola materna. Per il progetto definitivo, approvato dal Consiglio Comunale nel settembre 2008 per l importo di ,abbiamo anche ottenuto nel 2009 un contributo dalla Regione Marche di ma purtroppo, a causa dei pesanti vincoli del patto di stabilità che non ci permettono di operare nonostante le risorse disponibili in bilancio, non abbiamo potuto ancora appaltare il progetto, molto importante per la nostra comunità. Contiamo ora, venuto meno l impegno finanziario della nuova scuola materna, di poter procedere con la progettazione esecutiva e con il bando di gara così da poter offrire ai nostri piccoli bambini, per il prossimo anno scolastico, migliori spazi e opportunità in una più ampia e accogliente struttura che prevediamo prefabbricata, da realizzarsi con materiali di pregio e rispettosa di tutte le norme di sicurezza. Ivana Ballante Assessore alla Pubblica Istruzione Filottrano 3

4 La battaglia di Filottrano: a quando il giusto riconoscimento? Anche quest anno, il 7 luglio, l Amministrazione Comunale in collaborazione con l Associazione Paracadusti d Italia, sezione di Ancona,ha ricordato i tragici ed eroici giorni della Battaglia di Filottrano, giunta al 68 anniversario. Molto è stato detto e scritto per restituire il giusto riconoscimento alla popolazione e a quei ragazzi che, pagando un prezzo altissimo, hanno sacrificato la propria vita per la pace e la libertà. Le varie iniziative intraprese alcuni anni fa presso il Ministero e le ripetute sollecitazioni al Capo dello Stato, non hanno però sin ora avuto la risposta che tutti ancora attendiamo. Vandalo Mei, bolognese,classe 1917,partecipò alla battaglia col grado di Tenente del 183 Reggimento Nembo e,come ogni anno immancabile alla celebrazione,ha voluto esprimere dinanzi al Cippo della Nembo i Suoi sentimenti di amarezza che ritengo di condividere con tutti Voi,riportando alcune frasi più significative del Suo intervento, trasmesso in data 21 giugno 2012 al Dr. Guelfi,Uff. Segreteria del Presidente Napolitano. Gentile Dr. Guelfi,mi riferisco alla Sua cortese comunicazione del 12 corrente mese,per la verità poco consolatoria per noi superstiti della Nembo e per la stessa Città di Filottrano. Ci rendiamo conto dei numerosi e gravi problemi che attualmente limitano la disponibilità del Capo dello Stato, ma, sinceramente,non possiamo nascondere il nostro vivo rammarico nel constatare questo ulteriore diniego. Speravamo che il nostro invito,assieme a quello del Sindaco e del Sen. Gen. Luigi Poli, Presidente della Fondazione le Forze Armate nella Guerra di Liberazione, avrebbe avuto un felice esito,vista anche la possibilità di spostare la data della cerimonia. Perdoni l insistenza e la franchezza, Dr. Guelfi, se ci permettiamo di esprimere il nostro sentimento di sorpresa nel constatare la continuità di un diniego che ci viene presentato nel tempo per la quarta volta da parte del Quirinale. La prima risposta negativa ricordo fu nel novembre del 2003, la seconda del 25/04/2007, la terza del 03/03/2009 e la quarta, la Sua, di questi giorni. Noi insistiamo su questa richiesta, anche perché riteniamo sia sempre necessario ricordare, soprattutto ai giovani, che la libertà e tutti quei diritti di cui oggi gli italiani godono non sono caduti dal cielo, non sono sempre esistiti, ma sono frutto di immensi sacrifici e di molto sangue donato eroicamente. Quei 135 paracadutisti,caduti in una settimana, a cui ogni anno dedichiamo una giornata di ricordo, sono morti combattendo per la LIBERTA ed il loro sacrificio ha garantito la continuità di vita dell Esercito Italiano, restituendogli dignità ed orgoglio, dopo le criminali giornate dell armistizio che provocarono la colpevole diserzione e la fuga di gran parte dei suoi uomini. Per questi motivi noi superstiti, insieme alla popolazione di Filottrano, riteniamo che i Caduti di quella decisiva battaglia, abbiano ben meritato di essere onorati davanti alla Nazione dalla massima Autorità dello Stato. Con questa assoluta convinzione continueremo a chiedere con forza la presenza del Presidente della Repubblica alle cerimonie di commemorazione e speriamo vivamente che si possa finalmente trovare la giornata giusta. Null altro da aggiungere, se non un grazie di cuore al caro Vandalo Mei!! Ivana Ballante Assessore alla Cultura Decisione obbligata I servizi cimiteriali sino ad alcuni anni fa sono stati gestiti con due operai Filottranesi, bravi, con modeste ed occasionali integrazioni di altra forza lavoro. Andati essi in pensione, abbiamo iniziato ad avere grossi problemi con alcuni sostituti (continue e lunghe assenze, ecc.). Conseguentemente, per lo svolgimento di quei servizi, siamo stati costretti a continue e più pesanti integrazioni con altro personale, distogliendolo da importanti incombenze come la manutenzione delle strade. Parlando più in generale degli operai comunali, evidenziamo che la maggior parte esprime una buona produttività. Alcuni assolutamente no. Li avremmo già licenziati, se non fossero protetti da leggi assurde, imposte a suo tempo dalla sinistra sindacale e politica, che legano le mani alle amministrazioni. Leggi che dovrebbero essere modificate secondo buon senso e rispetto verso i cittadini che pagano gli stipendi. Peraltro i normali procedimenti disciplinari, che pure sono stati attivati, hanno per legge procedure così farraginose che nella sostanza fanno solo perdere tempo, tanto, all ufficio competente. Occorre altresì considerare che, a causa dei 4 Filottrano vincoli del patto di stabilità, in questi anni non abbiamo potuto regolarmente sostituire gli operai andati in pensione. Oggi non possiamo assumere. Talchè ci troviamo con un numero di operai sempre più insufficiente, alcuni con le caratteristiche sopra lamentate. L utilizzo degli straordinari è ridotto al minimo per i vincoli posti dallo Stato. Come si vede, ci troviamo ad utilizzare una coperta sempre più corta e con qualche buco, per far fronte a tante necessità. Da tempo stiamo valutando di dare in gestione ad una ditta esterna alcuni servizi cimiteriali, come già fatto da anni dalla maggioranza dei Comuni. Siamo stati frenati dalla preoccupazione di dover aumentare le tariffe, che sino ad oggi sono state la metà di quelle applicate dai Comuni vicini. Continuiamo a ritenere che la gestione del cimitero debba essere la migliore per il rispetto che dobbiamo ai nostri morti. Nel contempo deve essere assicurata una adeguata forza lavoro per la manutenzione dei 140 km. di strade comunali (chiusura buche, taglio erba, cunette, segnaletica stradale, inghiaiature, rimozione frane, chiavicotti, potature, ecc.), delle scuole e degli altri immobili comunali, della pubblica illuminazione, delle aree verdi, ecc. Per inciso, anche per questi servizi non escludiamo, augurandoci un alleggerimento del patto di stabilità, future parziali esternalizzazioni, dopo prudenti valutazioni di tipo economico. Pertanto oggi siamo costretti ad esternalizzare i servizi di tumulazione, estumulazione, inumazione ed esumazione. Anche se ciò comporterà dal prossimo anno un aumento delle tariffe. Continuando a gestire direttamente le lampade votive, la pulizia e più in generale la manutenzione del cimitero. Il gruppo PD per onestà intellettuale avrebbe dovuto condividere questa decisione, addirittura sollecitarla. Invece nel Consiglio C. di fine luglio si è scatenato in maniera platealmente demagogica e pretestuosa, come al solito, senza essere in grado di confutare la realtà e proporre soluzioni alternative. Il consigliere Giretti, per rafforzare la posizione del PD, ci ha definiti baciapile. Parlando di cimitero, possiamo ben dire: esumato Peppone! Dott. Nazzareno Paolucci Assessore Lavori Pubblici

5 Stragi solo mafiose? L omaggio non retorico a Falcone e Borsellino, a 20 anni dalle stragi di Capaci e via D Amelio, deve partire dalla constatazione che essi - come tanti altri magistrati, poliziotti ecc. - hanno sacrificato la vita alla credibilità di uno Stato che ha trattato con la mafia. Due modelli morali, per inciso, a cui nel ricordo associo sempre le mie esperienze di tante settimane trascorse in Sicilia per lavoro negli anni 80 e 90. Le sirene assordanti delle scorte, i fori dei proiettili sulle vetrine dei negozi, i blindati dell esercito a guardia dei tribunali, l asfalto fresco a coprire la voragine di Capaci, l albero di Falcone, ecc. Queste sono le mie convinzioni, maturate ad oggi, su quelle tragiche vicende. Il Cosa nostra uccide Lima, uomo di Andreotti in Sicilia e punto di equilibrio tra mafia militare e Stato, per non essere riuscito a garantire l assoluzione in Cassazione della parte emersa della cupola, incastrata da Falcone e Borsellino nel maxiprocesso del 1986, che segna la fine del mito dell invulnerabilità mafiosa. Politici spaventati si muovono per trattare un nuovo patto di convivenza. Il viene ucciso Falcone per vendicare il maxiprocesso ed impedirgli di arrivare alla zona grigia mafiosa di politici ed ambienti economico-finanziari. Ufficiali del ROS portano avanti (su ordine di chi?), con la mediazione di Ciancimino, una torbida trattativa con Riina, che detta le condizioni per cessare le stragi. Governo Amato e Presidente della Repubblica Scalfaro ignorano? Il la morte annunciata di un isolato Borsellino, per essersi opposto alla trattativa. Il il ROS cattura Riina dopo 25 anni di latitanza : venduto dall altro capomafia Provenzano? E grazie alla trattativa che prosegue, che egli per ben 13 anni è libero di girare l Italia tanto da visitare Ciancimino agli arresti domiciliari? Nella primavera 93 altri attentati con morti a Firenze, Milano e Roma. Il Governo Ciampi, su pressione di Scalfaro (testimonianza dei cappellani carcerari), cancella il regime carcerario duro per centinaia di mafiosi. Nel gennaio 94 l attentato preparato contro i Carabinieri in servizio allo stadio Olimpico: fermato per la conclusione della trattativa? Da allora la mafia si placa: solo per un cambio di strategia? La sentenza 2011 di Firenze di condanna definitiva all ergastolo del boss Tagliavia per le stragi del 93 recita: una trattativa indubbiamente ci fu e venne, almeno inizialmente, impostata su un do ut des. L iniziativa fu assunta da rappresentanti delle istituzioni e non dalla mafia. Dopo tanti anni di silenzio Martelli in un intervista ricorda che..il regista di questa trattativa che consisteva nell assecondare Provenzano e l <ala moderata> di Cosa nostra è Scalfaro. Perché Mancino, Mannino ed altri ancora non ricordano? Perché depistaggi e silenzi di organi dello Stato sull uccisione di Borsellino? Perché sono fatti sparire i file sul PC di Falcone e l Agenda Rossa di Borsellino? I servizi segreti partecipano alla loro uccisione e per conto di chi? Perché il ROS non perquisisce il covo di Riina? La speranza è che indagini e processi in corso possano, quanto prima, dare risposte di verità e giustizia, abbattendo gli ostacoli posti da politici con scheletri nell armadio, interessati solo a preservare gli angoli bui e sporchi del passato. La nazione che non fa i conti con il passato non può sperare di avere un futuro migliore. Dott. Nazzareno Paolucci Consigliere Comunale Filottrano 5

6 Bilancio di previsione 2012 da rifare. Si sta rasentando l incredibile ogni tre mesi cambiano le regole sui bilanci per cui i Sindaci sono obbligati a rifare i bilanci preventivi addirittura entro due mesi dalla chiusura dell esercizio finanziario dell anno in corso. I bilanci di previsione dovevano essere presentati entro il 31 Dicembre dell anno scorso, prorogati prima al 31 marzo, poi al 30 giugno, quindi al 31 agosto ed infine al 31 ottobre Tutto questo è dovuto prima al decreto salva Italia poi all IMU e ai tagli al fondo di riequilibrio, agli accertamenti convenzionali introdotti dal d.l.16/2012 ed in ultimo alla spending review. Infatti proprio la Spending review ha dettato l obbligo di istituire fin dal bilancio preventivo di quest anno un fondo di svalutazione crediti pari almeno al 25% delle entrate tributarie ed extratributarie accertate, entro il 2006 compreso, ma non ancora riscosse (si tratta dei residui attivi dei titoli I e III dell entrata). Voglio rassicurare i cittadini che per il fondo svalutazione crediti nel nostro comune non dovremmo accantonare nulla perché non abbiamo residui attivi del titolo I e III con anzianità superiore ai 5 anni. A Filottrano non abbiamo coperture finanziarie fittizie di spese reali. Inoltre informo che il gettito IMU accertato non si discosta dalle nostre previsioni e quindi siamo in linea. Il problema sorgerà quando verrà comunicato l esatto ammontare dell ulteriore taglio al nostro comune previsto dalla Spending review. Allora si vedrà di aggiornare il bilancio di previsione da noi già deliberato e nel caso, aggiornare forzatamente alcune tariffe dei servizi e le aliquote IMU che già potevano essere modificate entro il 30 settembre Le contrazioni delle entrate da trasferimenti hanno prodotto una diminuzione della spesa corrente, in particolare per il personale ed una evidente frenata della spesa per investimenti con un conseguente crollo sugli investimenti che avrebbero potuto creare sviluppo. Per quanto riguarda le norme restrittive sul personale non si può considerare Filottrano che ha un dipendente circa ogni 200 abitanti come Napoli che ne ha uno ogni 53 o Firenze uno ogni 59 o Torino uno ogni 63. o Milano uno ogni 64,ecc Cosi facendo ci costringe a sopprimere o ad esternalizzare i servizi indispensabili per poterli garantire in sicurezza. Se si continua di questo passo non c è proprio da stupirsi di niente, con queste norme governative piene di tagli lineari si è costretti a chiudere e basta. Come potete ben capire non abbiamo più alcun potere di programmazione e di decisione. I nostri risparmi di circa 3 milioni di euro sono bloccati dal patto di stabilità e servono a garantire i debiti dello Stato e non possiamo investirli nelle opere che avevamo promesso di realizzare ma che non stiamo realizzando non per nostra mancanza di volontà, come tanti vogliono far intendere, ma per esplicito volere delle leggi del governo. Perciò non sono bastati gli sforzi e le 4 bozze fatte per la redazione del bilancio di previsione 2012 approvato nella seduta del consiglio del 12/06/2012, occorre fare ulteriori sforzi per ricucire i nuovi tagli. Come faremo? Solo il buon Dio lo sa. Nunzio Pasquini L Assessore al Bilancio Spending review La parola inglese spending review significa revisione della spesa pubblica ma in realtà per i Comuni è un altra vera e propria manovra finanziaria con la quale si procede a nuovi tagli lineari dei trasferimenti per altri 500 milioni di euro. Questo nuovo taglio aggiunto a quelli attuati con le pesanti manovre correttive varate negli ultimi due anni tende a mandare in dissesto la maggior parte dei Comuni Italiani. Non si può a quattro mesi dalla chiusura dei bilanci operare con nuovi tagli perchè costringe a rivedere i bilanci di previsione, ad aumentare la tariffe dei servizi o a sopprimere servizi ritenuti non indispensabili o aumentare le aliquote IMU gravando ancora una volta sui cittadini già pesantemente tartassati. Con i tagli lineari il patto di stabilità rischia di saltare perchè si fonda su entrate e spese e le entrate non ci sono più. Quindi se si continua di questo passo i Sindaci saranno costretti a non rispettare il famigerato patto. Nel 2011 sono stati 119 i Comuni che non sono riusciti a rispettare gli obiettivi imposti dal patto e sono state applicate loro circa 90 milioni di euro di sanzioni che si sono tradotte in un taglio al fondo sperimentale di riequilibrio. I recenti provvedimenti governativi lasciano intendere che il prossimo anno sarà ancora peggio perché, per rendersene conto, basta pensare ai 2 miliari di euro di tagli ai comuni previsti per il 2013 (altro che crisi finita!). A questo punto viene spontanea una domanda farà apposta il governo Monti a procedere indiscriminatamente con questi tagli lineari per costringere i Comuni ad andare fuori patto per poi applicare le pesanti sanzioni e conseguentemente per farli morire? Dico questo perché purtroppo ancora non si mette mano alle situazioni di privilegio, non sostenibili e vergognose infatti anche questa spending review colpisce le fascie che patiscono la crisi economica e non tocca i privilegiati ed i veri sprechi. Non è possibile che si continui a colpire sempre le fascie di reddito medio-basse. Non è possibile che si continui ad alimentare sempre più la contestazione sociale e portare i cittadini all esasperazione. Non è possibile far finta di niente nel vedere gli incredibili compensi dei nostri parlamentari. Non è possibile sentire in Tv o leggere sui giornali di spese assurde giustificate solo perché previste dalla legge. Ma santo cielo le leggi si fanno, si modificano o si annullano con decorrenza immediata così come vengono fatte le leggi che tartassano i cittadini. Occorre caro Monti ricordarsi che esiste una parola: equità, da tenere in considerazione specialmente in questi periodi così brutti dove molti perdono il posto di lavoro e sempre più famiglie si avvicinano o superano la soglia della povertà. Di ciò deve tener conto anche il Presidente della Regione Marche Spacca che di recente ha assunto a tempo indeterminato 16 dirigenti senza concorso pubblico ma tramite selezione interna, contro ogni orientamento della spending review. Per non parlare dei nostri consiglieri regionali che percepiscono da oltre ad oltre euro al mese senza poi considerare i contributi ed i vitalizzi. A pagare tutto questo sono i cittadini e qualche proposta di riduzione della spesa è stata fatta ma non da subito bensì a partire dalla prossima legislatura e ciò non è serio. Non è possibile che alcuni cittadini muoiano di fame ed altri sguazzino spudoratamente in incredibili compensi. Nunzio Pasquini L Assessore al Bilancio 6 Filottrano

7 Solidarietà in rete Anche per questo anno, il nostro Comune ha ottenuto il finanziamento dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi. Solidarietà in rete è il titolo del progetto, che vede coninvolti gli over 65 del nostro Comune. Ormai nella nostra società Internet è divenuto il principale mezzo di comunicazione e di informazione, e per questo si è pensato di elaborare un progetto che avvicini i meno giovani a tale realtà e nello stesso tempo possa portare dei benefici. Con l impiego di alcuni volontari e di personale qualificato si provvederà a formare i primi anziani coinvolti, con precedenza per coloro che sono soli, i quali successivamente potranno collegarsi ad una centrale operativa, grazie all utilizzo del Pc e della Web-cam. Si viene a creare pertanto una rete di interlocutori, coordinati dalla sede dell Associazione Terza Età, convenzionata con il Comune, che saranno in grado di soddisfare tutte le richieste rappresentate dagli anziani, quali commissioni varie, informazioni, ma anche per ridurre la fragilità psicologica e la solitudine alleviata anche dall immagine immediata dell interlocutore. Il servizio così seguirà l anziano nella sua quotidianità, salvaguardando la sua privacy, tentando di ridurre le ansie, permettendo anche una notevole riduzione delle cosiddette false emergenze che nella maggior parte dei casi nascono da una fragilità psicologica. La finalità del progetto è quella di fornire agli anziani e alle famiglie uno strumento in più per affrontare con serenità la terza età, ridurre l istituzionalizzazione e potenziare la rete dei servizi e le realtà di sostegno presenti sul territorio. Chiunque fosse interessato a questo progetto pilota è invitato a presentarsi presso l Ufficio Servizi Sociali del Comune di Filottrano. Cristina Cenci L Assessore ai Servizi Sociali CONTRO LA CENSURA A FAVORE DELLA LIBERTÀ DI ESPRESSIONE Questa pagina viene lasciata INTENZIONALMENTE VUOTA per protesta contro la decisione dell amministrazione di mettere il bavaglio ai cittadini e ai partiti politici di Filottrano impedendo loro l accesso a questo notiziario così privandoli della possibilità di esprimere liberamente e pubblicamente le proprie opinioni. Questa decisione è stata presa in pieno accordo da tutte le minoranze consiliari in segno di solidarietà verso i filottranesi e contro il tentativo, messo sistematicamente in atto da questo sindaco e dalla sua giunta, di trasformare in sudditanza la loro cittadinanza. La richiesta espressa dai Gruppi Consiliari di Minoranza di occupare due pagine con il testo sopra riportato non può essere accolta per rispetto del regolamento, della grafica e degli sponsor. Il comitato di redazione ACQUAMBIENTE MARCHE SRL REALIZZAZIONE RETE DI SMALTIMENTO ACQUE REFLUE COMUNE DI FILOTTRANO Acquambiente Marche Srl informa i cittadini di Filottrano che è in corso la procedura per l affidamento dei lavori di realizzazione del nuovo depuratore per il trattamento delle acque reflue urbane. Il nuovo depuratore progettato è un impianto MBR (Membrane Biological Reactor) che sfrutta le ultime tecnologie reperibili sul mercato mondiale per il trattamento acque. L importo complessivo dell impianto è pari a circa 3 Mil. In futuro si prevede il raddoppio della linea di trattamento che assicurerà una capacità di trattamento fino ad ab. eq. Filottrano 7

8 GRAZIE per aver animato l estate filottranese L Amministrazione Comunale 8 Filottrano

9 Concerto Banda La sfilata Contesa dello stivale Sant Ignazio La trebbiatura Nati per amare insieme Porky s day Coniglio in porchetta Filottrano 9

10 Il nuovo dirigente scolastico L inizio di un anno scolastico non è mai un fatto scontato, anzi si presenta come una serie di adempimenti ed impegni piuttosto complessi ed articolati, poco percebili da chi non fa parte del mondo della scuola, ma diviene ancora più complesso se si viene nominati dirigenti scolastici e si scopre la scuola di destinazione il giorno prima dell assunzione in servizio. Questo è capitato a me, Sabina Tombesi, che sono la nuova dirigente dell Istituto Comprensivo di Filottrano. Difatti le note vicende del concorso per il reclutamento dei dirigenti scolastici hanno fatto sì che si posticipasse di molto l assegnazione dei dirigenti alle scuola, così la nomina è arrivata proprio quando nella mia scuola di provenienza, il Liceo Scientifico Galilei di Macerata stavano concludendo gli esami di recupero del debito. Pertanto mi è stata offerta l occasione di conoscere un altra realtà scolastica che però non è del tutto nuova, difatti sono ritornata proprio in un Istituto Comprensivo da dove avevo iniziato la mia carriera come docente: «corsi e ricorsi della storia» direbbe Vico. Infatti dopo essermi diplomata all Istituto Magistrale S.Giuseppe di Macerata, ho superato il concorso per esami e titoli sia nella Scuola Materna che nella Scuola Elementare ed ho iniziato a lavorare dall anno scolastico 1997/98 prima nel ruolo della Scuola Materna e poi dall anno scolastico 1999/2000 nella Scuola Elementare. Nel luglio del 1998 mi sono laureata in Lettere Moderne presso l Università di Macerata, così dal settembre 2003, per effetto di passaggio di ruolo, ho potuto insegnare Lettere nella Scuola Media. Ma l approfondimento e lo studio nell ambito umanistico mi hanno sempre appassionato e mi hanno condotto a conseguire una seconda laurea in Lingue, Letteratura e Culture Straniere ed un Master in Filosofia, sempre presso l Università degli Studi di Macerata. In questo modo dall anno scolastico 2004/2005 sono stata immessa nel ruolo dei docenti delle Istituzioni Scolastiche di II grado per l insegnamento delle Materie Letterarie e del Latino nei Licei e negli Istituti Magistrali. Presso il Liceo Scientifico Galilei di Macerata ho avuto modo di crescere professionalmente non solo dal punto di vista metodologico-didattico, ma anche appassionarmi alla gestione dell istituzione scolastica grazie ai numerosi incarichi che lì ho ricoperto, così ho deciso di ampliare le mie competenze frequentando sia il Master per dirigente scolastico, che numerosi altri corsi di formazione sulla gestione delle istituzioni scolastiche. Ora, dopo la dura e difficilissima selezione del concorso per dirigenti, che ha visto impegnati più di novecento docenti di tutte le Marche, finalmente sono stati nominati i primi ventisette vincitori e tra questi a me è stato affidato l Istituto Comprensivo di Filottrano che spero di guidare con la passione e la dedizione che mi hanno sempre contraddistinta. Fondamentale sarà la collaborazione delle famiglie e la sinergia con tutti coloro che nel territorio si occupano, a diverso titolo e con differenti competenze, della formazione e del benessere dei giovani, in primis l Amministrazione Comunale che già si è dimostrata particolarmente attenta e collaborativa. Mi auguro e vi auguro che sia uno splendido anno scolastico e che le sfide poste a questa comunità dalla rivoluzione digitale, dalla globalizzazione, dalla convivenza di culture e religioni diverse possono trasformarsi in opportunità, grazie anche all azione educatrice compiuta dalla scuola. Prof.ssa Sabina Tombesi Dirigente Istituto Comprensivo Filottrano La battaglia e liberazione di Filottrano: considerazioni Con il 7/7/2012 sono 68 anni che la Città di Filottrano ricorda la Battaglia e la Liberazione e onora i combattenti e i Caduti di quel glorioso fatto d armi. Fin dall immediato dopoguerra la città ha assistito, quasi sempre nella prima decade di luglio, all arrivo festoso dei reduci, dei militari del picchetto d onore e degli invitati alla manifestazione. I reduci, numerosissimi, con le loro famiglie, venivano da ogni parte d Italia. Erano loro, i paracadutisti della Nembo e quanti hanno fatto parte del Corpo Italiano di Liberazione, i veri protagonisti della ricorrenza, con in testa i Comandanti di allora. Li ricordo con i gradi rivestiti a quell epoca: il Generale Morigi, il Colonnello Izzo, il Colonnello Quaroni, il T.Colonnello Giaccone, il Maggiore Valletti, il Capitano Conati, il Capitano Ricchezza, i Tenenti Cappellani. In seguito, stranamente obliati per molti anni, vennero anche i polacchi del 2 Corpo, i quali, combattendo per la nostra e la loro libertà, avevano lasciato sul campo di battaglia, in territorio di Filottrano, tantissimi Caduti. Ricordo le Messe al campo presso i Giardini Pubblici, i lunghi cortei fitti di gonfaloni, di bandiere di partito e di Associazioni combattentistiche e d arma, che si spingevano fino all odierno spiazzo della rotatoria con la fontana, dove in origine era collocato il Cippo Nembo. Ricordo le alte Autorità politiche e militari che onoravano sempre la manifestazione. Ricordo anche la partecipazione dei ragazzi delle Scuole e di tanti cittadini. Oggi, purtroppo, questo non avviene più. L inesorabile legge del tempo ha decimato i Combattenti dell eroica Nembo, del CIL e dei polacchi, cosicché solo un manipolo di Reduci, che si assottiglia sempre più, riesce ad essere presente. Le alte Autorità politiche e militari declinano o inviano i sottoposti. A Scuole chiuse, senza che alcuno li solleciti, i ragazzi non partecipano e i cittadini, incombendo il solleone, vanno al mare. I gonfaloni e le bandiere si contano sulle dita di una mano. La manifestazione vive solo per la tenacia e l impegno della locale Associazione Nazionale Paracadutisti d Italia (ANPDI), cui il Comune demanda da anni l organizzazione, e per la sempre fattiva partecipazione degli Enti militari, in particolare del 183 Rgt. paracadutisti Nembo, erede della Divisione che ha combattuto a Filottrano, nonché dei curatori del Museo della Battaglia. Che fare, quindi? Come ridare alla manifestazione, purtroppo legata a quella data ormai scolpita nella storia della città, la solennità che merita? La risposta spetta alle Autorità comunali, all ANPDI, al 183 Rgt. Nembo, ai reduci, alle Associazioni combattentistiche e d arma, alle Scuole, alle Associazioni culturali e ai cittadini. A tutti, comunque, l esortazione a ritrovare gli ideali che un tempo ci univa intorno a quella nostra stracciata bandiera, vittoriosa e liberatrice, che salì sul più alto pennone della città il 9 luglio Giovanni Santarelli Il Curatore del Museo della Battaglia 10 Filottrano

11 Dalla parte dei genitori La Fondazione Il Chiostro inaugura il pulmino Il comitato civico Quota 270 in collaborazione con l Istituto Comprensivo di Filottrano, ha organizzato, nello scorso autunno, un breve corso di formazione di 5 incontri, dal titolo DAL- LA PARTE DEI GENITORI, per sostenere il delicato compito educativo che i genitori si trovano a svolgere in una società sempre più complessa e in continua evoluzione. Si è lavorato anche in piccoli gruppi, con l intento di facilitare il dialogo e la riflessione tra i partecipanti su tematiche legate all educazione e al rapporto genitori e figli. Partendo da alcune linee guida e da numerosi spunti di riflessione, è stato prioritariamente messo in luce il passaggio dalla famiglia etica, patriarcale, incentrata sulle regole e sull autorità, alla famiglia affettiva, nella quale si rischia di eludere la funzione educativa a favore di un eliminazione pressoché totale di qualsiasi forma di frustrazione evolutiva. In realtà, il vero compito della famiglia si incarna sostanzialmente nella funzione di contenimento, guidando i figli verso l indipendenza e l autonomia. Possiamo recuperare questa funzione attraverso l ascolto attivo, cioè considerando il loro punto di vista e introducendo delle regole. Il concetto di regola non ha in sé una connotazione negativa, ma rappresenta una mappa di orientamento che i genitori consegnano ai figli e che permetterà loro di sviluppare autonomia e competenze sociali. Questi nuovi compiti e questi nuovi strumenti educativi si possono costruire attraverso la coesione educativa, la condivisione, da parte di entrambi i genitori, delle stesse regole e degli stessi obiettivi educativi. Altro punto di riflessione è stato il concetto di conflitto. I mass-media ci hanno abituati a considerarlo sinonimo di guerra e di violenza, ma in realtà è uno strumento potenzialmente evolutivo perché, quando c è questo tipo di perturbamento o difficoltà all interno di una relazione siamo costretti a riconsiderare la relazione e il punto di vista dell altro. Attraverso i conflitti i genitori educano i figli alla relazione, all ascolto, al confronto e al rispetto degli altri. Infine, è stata richiamata anche l importanza che è riposta nel lavoro di rete tra la famiglia, la scuola e le istituzioni in generale. Il corso, tenuto presso l auditorium della Scuola Media, ha registrato circa 60 adesioni con una media di partecipazione agli incontri di 35 persone, estremamente coinvolte nella discussione. La formazione è stata coordinata dal Dott. Filippo Sani che si occupa di orientamento presso il Centro per l Impiego di Macerata, da anni nello staff di formazione del Centro Psicopedagogico per la pace e la gestione dei conflitti di Piacenza, con la collaborazione della Dott.ssa Alessia Massei e della Dott.ssa Silvia Lorenzini. L attività dei tre conduttori è stata a titolo gratuito. Speriamo di aver dato avvio ad un percorso che apra nuove domande e nuova ricerca sulla relazione educativa tra genitori e figli. Una festa con gli ospiti, le famiglie, i volontari ed il personale, per inaugurare e benedire il nuovo pulmino della Casa di Riposo di Filottrano. Il nuovo veicolo, inaugurato negli scorsi giorni nella splendida cornice del giardino della struttura alla presenza del vice Sindaco Ivana Ballante, dell assessore Juri Ragonio, del Prevosto Don Carlo Carbonetti e del Consiglio di Amministrazione dell Ente, consentirà anche il trasporto di disabili in carrozzella grazie a una pedana meccanica. Il Fiat Ducato otto posti è stato acquistato ed allestito della pedana grazie al contributo ( euro) della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, da sempre sensibile ai progetti proposti dalla struttura. Grazie a questo autoveicolo viene messo a disposizione dei nostri ospiti un servizio qualitativamente superiore, adeguato anche al trasporto dei disabili che ora possono salire e scendere in sicurezza. Il nostro intento è il benessere della persona anziana, migliorarne la qualità della vita. Con questo acquisto potranno da oggi accedere più facilmente a visite specialistiche, partecipare attivamente alla vita sociale della nostra città, esserne parte integrante, andare a teatro, al mercato ed alle feste paesane. Nell ottica di migliorare continuamente la qualità dei servizi offerti opera da qualche mese nella struttura la fisioterapista Donatella Di Virgilio, con lei gli ospiti svolgeranno attività riabilitativa, di sostegno e di mantenimento delle capacità motorie. Voglio concludere salutando una persona speciale che ha collaborato con noi con dedizione e professionalità, l infermiere Renzo Vitali. A lui da parte mia e del consiglio di amministrazione vanno i più sinceri ringraziamenti. Il Presidente Franco Cusini Maria Carla Accattoli - Insegnante Per l Istituto Comprensivo di Filottrano Filottrano 11

12 Questione di numeri L attività che il Gruppo Protezione Civile Filottrano predilige o che, usando un anaforisma locale, gli si cuce più addosso, è quella dell assistenza alla persona. In occasione delle recenti nevicate che hanno colpito pesantemente il territorio locale, per rendere meglio l idea, dobbiamo necessariamente tradurre il termine assistenza in numeri. 18 i giorni di reperibilità h24 con una media di 16 uomini giorno per circa ore di servizio, dai 300 ai 700 contatti telefonici al giorno, 500 schede di intervento coordinate con operatori esterni e dipendenti comunali, 5000 km. percorsi con 5 diversi mezzi, diverse migliaia di operazioni di spalamento neve (sistema mano-braccio) su marciapiedi, camminamenti, aree di interesse pubblico, scuole, ecc.. Non abbiamo purtroppo registrato il numero di insulti e di polemiche ricevute in quanto non spetta a noi commentare ma che comunque accettiamo, senza ovviamente condividere, perché servano da stimolo per operare ancora meglio in futuro. Dimenticavamo il numero di ringraziamenti.. (si che ce ne sono stati) ma forse è superfluo citarli perché al giorno d oggi sembra una parola scomparsa dal vocabolario. Quello che ci soddisfa con il cuore in mano è l essere stati presenti in tutte le situazioni di emergenza in cui siamo stati chiamati ed in cui siamo intervenuti o da soli o con l ausilio di mezzi o enti di soccorso pubblici e privati (carabinieri, vigili del fuoco, 118, ecc.) come l auto rimasta bloccata alle 3 di notte con bambini a bordo, l assistenza al servizio medico per chiamate urgenti o semplici medicazioni, il servizio di trasporto medicinali o viveri alle persone sole, l assistenza presso l abitazione della persona anziana impaurita dall evento. Dobbiamo doverosamente citare la presenza dei volontari del Veneto i quali, coordinati dalla Regione Marche e dai tecnici comunali, hanno dato un importante aiuto per superare l emergenza. Insomma abbiamo capito che la neve è bella ma ce ne bastano pochi centimetri solo per far giocare i bambini. Pur nella consapevolezza delle spese sostenute e delle difficoltà correnti non ci stancheremo mai di sensibilizzare la popolazione sui comportamenti da adottare in caso di simili calamità o emergenze di altro tipo. Dobbiamo inoltre annoverare, con orgoglio e soddisfazione, quattro nuovi iscritti alla nostra associazione che, in tempi brevi, saranno dotati gratuitamente di vestiario e DPI. Ogni nuovo volontario che si aggrega non deve pensare che occorre mettersi di nuovo sui libri per imparare a svolgere servizi ma deve essere mosso dal solo spirito di altruismo e spendere qualche ora del suo tempo al servizio del prossimo. e comunque per sostenerci, anche a distanza e gratuitamente, è sufficiente scegliere di fare una firma in più sul 730 nella parte riguardante la destinazione del 5 PER MILLE indicando il seguente codice fiscale Papaveri Lidovino ll PresidenteDel Gruppo Protezione Civile di Filottrano Buon compleanno Maria! Il 26 maggio scorso parenti e amici (oltre cento persone) hanno festeggiato, con una cena a sorpresa, gli 80 anni di Maria Lorenzini. Il locale era stato addobbato a festa, con le pareti tappezzate da foto che hanno ripercorso la vita familiare e sociale di Maria, una nostra concittadina che si è fatta conoscere ed apprezzare per le sue doti umane ed artistiche. Insieme a suo marito Vittorio Transilvani ha costituito una meravigliosa coppia nella vita e nell arte. Sono stati infatti due pilastri nel gruppo folkloristico La Castellana, nato agli inizi degli anni 60 grazie alla sensibilità verso le tradizioni popolari del sindaco Carancini, del signor Cinzio Zenobi e della Pro-Loco. Il gruppo ha rappresentato per anni, attraverso il recupero dei canti e dei balli di una volta, la memoria e la storia della città di Filottrano, e le ha portate in giro per l Italia: nel 1967 La Castellana partecipò alla Festa del Mandorlo di Agrigento conquistando il 2 posto assoluto tra i gruppi provenienti da tutta Italia. Come non ricordare le esibizioni delle coppie nel ballo del Saltarello, il divertimento nell ascoltare i cantanti che con i dispetti d amore si scambiavano effusioni e confidenze? In questo Maria e Vittorio formavano una coppia unica perché oltre all affiatamento nel ballo e nel canto, emanavano amore e gioia di vivere che si trasferiva in chi stava ad ascoltare ed osservare. Maria non ha più Vittorio, ma ha continuato a sorridere alla vita e ai doni che la vita le ha dato: le figlie, i nipoti, i parenti, gli amici. Ha sempre un sorriso e una parola buona per tutti, e per questo tutti insieme vogliamo dire: Grazie, Maria e tanti auguri! Ivana Lorenzini Associazione Pro Loco e Gruppo Folkloristico Quelli sull ara RINGRAZIAMENTI Purtroppo nel mese di maggio 2012 il pulmino dell Associazione Telefono Amico ha avuto un grave incidente, durante il servizio di trasporto del Venerdì. Fortunatamente i passeggeri non hanno riportato gravi conseguenze, ma solo molta paura, mentre il mezzo per molto tempo è stato fermo visti i danni subiti. Grazie al contributo economico da parte del Comune di Filottrano, della Banca di Credito Cooperativo di Filottrano, il Gruppo Santoni e dal Signor Centanni Luciano è stato possibile riparare il mezzo e quindi poter continuare il servizio offerto alla Comunità, molto apprezzato dagli utenti. Si coglie l occasione per ringraziare la sensibilità e l attenzione mostrata e manifestata verso la nostra realtà, attiva da molti anni nel nostro territorio. Il Presidente dell Associazione Telefono Amico Ermelindo Bianchetti 12 Filottrano

13 Ass. Naz. Libera Caccia e ACLI Filottrano Anche quest anno siamo riusciti ad organizzare una meravigliosa giornata di pesca sportiva alla trota. Il 29 Aprile ci siamo ritrovati alle 7.00 nel lago Accorroni e ci siamo divertiti a pescare le trote lasciate il 24 Aprile ben 250 kg di taglia da 3 hg a 2 kg. La pesca secondo me è uno dei pochi sport frequentati da persone di ogni età! Eravamo in 44 e vedere piccoli e grandi divertirsi allo stesso modo è una cosa stupenda! Verso le 9 abbiamo fatto una bella merenda panini con bistecche, salsicce e dolci! A fine giornata è stato premiato Michele Bianchi per aver preso la trota + grande con una lonza! Io ringrazio tutti quelli che mi hanno aiutato i proprietari del lago che ci hanno permesso di trascorrere una giornata nel loro splendido lago e che lo mantengono sempre pulito in particolare Franco Accorroni e Meriggi Valentino. Gara di ballo Mercoledi 30 maggio, alla fiera di Rimini, si sono svolti i campionati italiani di tutte le discipline di danza sportiva, tra cui quella caraibica. All evento ha partecipato anche la scuola Ritmo Latino di Loreto, diretta dai maestri Emiliano Frontini e Mara Testoni Tra gli allievi che hanno partecipato ed hanno intrapreso la strada dell agonismo, sono emersi Luca Rossi ed Arianna Cirillo, di 11 anni, originari di Filottrano I ragazzi, già campioni regionali 2010, nella tappa di prova di campionato italiano di Rimini, si sono classificati al 3 posto nella salsa portoricana, categoria 8/11 anni classe B3 Ritmo Latino Associazione sportiva dilettantistica Nella foto da sinistra verso destra: Stefano Cardoni, Paolo Sani, Paolini Massimo, Bianchi Michele. Accorroni Franco, Massaccesi Roberto e il piccolo Fanesi Alberto Paolini Massimo Vice Presidente della Libera caccia Filottrano 13

14 School of rock Filottrano non è che sia un posto grandissimo. Anzi per la riflessione che stiamo per fare è più funzionale sostenere che Filottrano sia un piccolo paesino dell entroterra che poco si differenzia dai comuni limitrofi. Senza farla tanto lunga - tanto la premessa fatta ne denuncia da sola la presenza bisogna dire che c è un però. Si, perché Filottrano sarà pure un paesino dell entroterra che poco si differenzia dai comuni limitrofi, ma i filottranesi? Ora, non aspettatevi analisi antropologiche sul perché d estate molti di noi scelgano di passare le domeniche al mare in una spiaggia vicino alla foce di un fiume o magari su stramberie tipo..ok, meglio fermarsi qui. In sostanza si voleva solo far notare quanto a Filottrano, non proprio una metropoli, sia diffusa e importante la voglia di fare Musica. Sono davvero tanti i filottranesi musicisti; chi per lavoro, chi per passione ma tutti legati da questo sacro fuoco che spinge ad imbracciare uno strumento e salire sopra ad un palco. Noi dell Associazione Musicale Culturale Il Cusanino non sapremmo spiegare il perché di tanto fervore musicale; però abbiamo deciso di cavalcare questo interesse fondando la Scuola di Musica del Cusanino. Vari corsi di musica esistono da tempo sul nostro territorio, poi sei anni fa abbiamo deciso di dare alla Città un offerta più strutturata con la possibilità di partecipare a corsi di musica dei principali strumenti (Batteria, Basso, Chitarra, Tastiera, Canto), a cui negli ultimi due anni si sono aggiunti il corso di violino e il corso di ottoni. Così in questi anni abbiamo sostenuto, attraverso la Scuola di Musica, tante ragazze e tanti ragazzi con la voglia di imparare a suonare. La nostra Scuola ha poi elaborato un obiettivo specifico: stimolare i ragazzi ad aggregarsi, per poter provare l esperienza della musica suonata in gruppo. In tutto questo clima lo scorso 7 luglio abbiamo organizzato il quarto Saggio di fine anno della Scuola. Quello passato è stato un anno accademico particolare, perché alla fine dell estate 2011 ci siamo ritrovati con un numero di iscrizioni (superiori alle 100) che ci hanno portato a dover chiedere l aiuto dell Amministrazione per avere nuovi spazi che potessero consentirci di far svolgere tutte le lezioni. Ci è stata concessa la Sala Mazzoni della Fabbrica della Musica e questo ci ha aiutato a stare un po più larghi. Ma non troppo. Alla fine di ottobre sono partiti i corsi che sono poi sfociati nella serata di Piazza Mazzini del 7 luglio con le esibizioni del Saggio. Esibizioni che ci hanno lasciato di stucco, per impegno e per qualità; chi è stato presente all evento, devo dire in molti, potrà confermarlo. Per la buona riuscita della serata dobbiamo dire numerosi grazie; un grazie lo rivolgiamo all Amministrazione Comunale che ci ha concesso gli spazi del Centro Incontro Giovani per far svolgere le prove e di conseguenza diciamo grazie e chiediamo anche scusa agli abitanti delle vie limitrofe al Centro per aver sopportato i suoni che da esso provenivano. Grazie alla Pro Loco per averci sostenuto sotto tutti gli aspetti logistici. Un grazie speciale a tutti gli Insegnanti che per 8 mesi hanno lavorato con impegno e dedizione. L ultimo, quello più sentito, lo rivolgiamo a tutte/i le/i ragazze/i che hanno suonato dimostrando grande passione e impegno, regalandosi una serata che rimarrà tra i loro ricordi più belli. Un sogno che si e avverato Cominciammo per scherzo Sabato 23 Giugno 2012 nella frazione Imbrecciata abbiamo inaugurato il nuovo Campo di Calcetto con relativa messa, benedizione e processione verso l Edicola Sacra, dove è stata posta la statua della Beata Vergine di Loreto. Quello appena descritto è un sogno, che si è avverato dopo 5 anni di lavoro intenso, ora ripercorreremo alcune delle tappe che ci hanno fatto raggiungere questo obiettivo. Cominciammo per scherzo, come aiutanti della Taverna delle Stimmate, a partecipare alla Contesa dello Stivale del A quindici giorni dalla contesa ci ritroviamo da soli a dover organizzare tutta la taverna, non fu una passeggiata. Tutti ricordiamo ancora la prima serata della Frittura dell Adriatico, nessuno di noi sapeva cosa fare, tanto che abbiamo dovuto chiamare il cuoco che ci aveva fornito il pesce. Dopo i primi momenti di smarrimento, la serata è proseguita molto bene con piena soddisfazione dei clienti e così anche le successive. A fine 2006 è nata la ns. associazione, che in questi 5 anni, tra la contesa e le varie cene organizzate nella ns. frazione, ha messo da parte qualche spicciolo, con lo scopo di promuovere attività sportive culturali e sociali e creare un punto d incontro per giovani e anziani. Abbiamo chiesto al comune la possibilità di gestire l area, subito sotto l asilo, in modo da poter realizzare il ns. primo obiettivo, il campo da calcetto. Con l aiuto dei soci, amici, parenti e sponsor, ma soprattutto l impegno costante del ns. Presidente Tiziana Fabiani, si sono portati a termine i lavori del campetto, dell edicola sacra e della fontanella. Ricordiamo che il campo è aperto il lunedì, mercoledì e venerdì, gli altri giorni viene fatto riposare e innaffiato. Un ringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato all inaugurazione, a tutte le autorità, a Don Carlo e un GRAZIE di cuore a tutte le persone che hanno collaborato con noi e messo impegno in questa avventura. Consiglio direttivo Associazione PRO-IMBRECCIATA Diego Garbuglia Associazione Musicale Culturale Il Cusanino 14 Filottrano

15 Filottrano di corsa! E serie C. Rifatto campo 2 in durflex Sono in corso i preparativi per l organizzazione della 6 Trofeo Extra, gara podistica di 13 km che si snoda nella nostra cittadina, riservata a tutti coloro che amano correre, indipendentemente dal loro ritmo. Ogni anno la partecipazione degli atleti sembra aumentare, la scorsa edizione erano circa 1000; arrivano da tutte le parti d Italia e tra loro vi sono anche podisti di livello internazionale come: Yego Solomon Kirwa (vincitore della 5^ edizione), Kipsang Biwott Zakayo, Deme Dereje Haile Giorgis (3 alla stramilano 2011). Tra il gentil sesso da annoverare la partecipazione dell etiope Geletu Megertu Ifa, dell atleta dell Esercito Elisa Cesari (vincitrice lo scorso anno) e di altre colleghe illustri come Simona Santini ed Elisa Gabrielli. Al nastro di partenza anche altri atleti di spicco a livello nazionale come Massimiliano Strappato (Esercito), Mobili Kamen (Atl. Maxicar Civitanova) e Christian Conti (Atl. Valtenna). Molto gradita è stata la partecipazione dell ex arbitro di serie A e commentatore RAI, Daniele Tombolini, anche lui cimentatosi con ottimi risultati sul nostro (e suo) percorso cittadino. La manifestazione sta ottenendo crescenti apprezzamenti e pubblicità anche grazie ai suoi numerosi ambasciatori, impersonati dai circa 50 atleti che formano la squadra podistica Atletica Extra Filottrano e che ogni settimana gareggiano nei più disparati luoghi ove vi sia da far mangiare la polvere a chi li insegue! Il successo del trofeo và anche attribuito a tutti coloro che hanno contribuito alla coreografia di contorno : gli Sbandieratori, i Tamburi e gli Armigeri della Società dello Stivale. Naturalmente la squadra podistica filottranese non è mancata agli appuntamenti più prestigiosi : la Stramilano, la Maratona di Roma e persino a quella di Barcellona. Nell immediato futuro si sta cercando di organizzare la trasferta per partecipare all importante gara di Riva del Garda in Trentino. I risultati agonistici dell Atletica Extra Filottrano sono sempre stati lusinghieri e da segnalare in particolar modo le prestazioni degli atleti donne, ultimamente sempre ai primi posti di categoria, e del sempreverde Stefano Sani, quest anno 3 ai campionati italiani Master. Da rimarcare come nel tempo la squadra podistica filottranese aumenti costantemente di numero, indice di affiatamento e di ambiente veramente sano e sportivo, qualunque sia il livello agonistico raggiunto da ogni singolo atleta. Vi aspettiamo tutti al nastro di partenza!! Saverio Borgognoni per POLISPORTIVA EXTRA FILOTTRANO Dopo un campionato di vertice svolto senza subire sconfitte la 1 Squadra Tennis è stata promossa in serie C. La squadra, composta dai ns. tre allenatori Michele Giambartolomei - Mattia Magnoni - Severo Stocola e dai ns. atleti Ludovico Cardinali e Valerio Moretti, ha avuto una stagione esaltante vincendo tutte le gare del ns. girone ed eliminando nella fase a tabellone prima il TC Camerano poi il CT Grottammare ed infine battendo domenica 10/06 in finale a macerata il TC Giuseppucci per 4-1 aggiudicandosi il titolo regionale D 1 e quindi la promozione in serie C. Anche la 2 squadra partecipante al campionato di D 3, composta dai fratelli Marco e Alessandro Morresi, Federico Mercuri, Luca Pallocchini, Paolo Staffolani e Alessandro Baldazzi, ha ben figurato finendo al 3 posto nel proprio girone, sfiorando la qualificazione al tabellone finale. Dopo i Centri Estivi e il Torneo Sociale il TC OTTRANO organizzerà a settembre il 5 TORNEO CITTA DI FILOTTRANO cat. Open con atleti di serie A-B-C provenienti da tutta Italia. Venite numerosi ad assistere alle gare. Il torneo si svolgerà su entrambi i campi del Centro Sportivo Polivalente che in questi giorni sta posizionando il nuovo manto sul campo 2 tutto a spese della società e dei propri soci. Cercasi sponsor ufficiale per coprire le spese del nuovo campo. Appena terminato il torneo si partirà dal 01 ottobre con i Corsi Invernali della Scuola Tennis destinati sia ai ragazzi che adulti con le iscrizioni che devono pervenire entro il 24/09, rivolgersi a Michele. Un ringraziamento ai componenti della squadra e un augurio di buon lavoro a tutti. Giovanni Mercuri Presidente Tennis Club Ottrano Numeri utili: GIOVANNI - SPAZI PUBBLICITARI GIANCARLO - PRENOTAZIONE CAMPI GIOVANNI - PRENOTAZIONE CAMPI MICHELE - ISCRIZIONI SCUOLA TENNIS Filottrano 15

16 LE MIE GIORNATE SONO FATTE DI SCELTE IMPEGNATIVE. CHE ABITO INDOSSARE, NON È UNA DI QUESTE. Ho scelto il mio Canali perché conosco la differenza: so cosa si prova ad indossare un abito realizzato con i migliori tessuti, cucito da mani esperte e curato nei dettagli con passione e precisione sartoriale. Creare capi di alta qualità è una scelta impegnativa. Decidere di indossarli, invece, è straordinariamente semplice.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del 15/06/2010 n. 31

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del 15/06/2010 n. 31 COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: INTERPELLANZA presentata dal gruppo consiliare Progetto Filottrano con oggetto: "funzionamento ufficio postale e ADSL". L'Anno Duemiladieci il giorno Quindici

Dettagli

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA

CONVERSAZIONE CLINICA. Classe VA CONVERSAZIONE CLINICA Classe VA 1) Che cosa ti fa venire in mente la parola ''volontariato''? -Una persona che aiuta qualcuno in difficoltà. (Vittoria) -Una persona che si offre per aiutare e stare con

Dettagli

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti

Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra. Testo e foto: Giuseppe Famiglietti w w w. p r o g p h o t o a g e n c y. c o m Onore Agli Eroi Una speranza di pace nel giorno in cui si celebrano i caduti in guerra Testo e foto: Giuseppe Famiglietti Onore Agli Eroi Una speranza di pace

Dettagli

SOLIDARIA società cooperativa sociale a r.l. - onlus

SOLIDARIA società cooperativa sociale a r.l. - onlus Introduzione alla manifestazione conclusiva del concorso per il miglior manifesto antiracket per l assegnazione del Premio Libero Grassi 2005 Care amiche e cari amici, grazie a tutti per aver voluto partecipare

Dettagli

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION

VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION VALORE VACANZA 2012 I RISULTATI DELL INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION Il presente report sintetizza i risultati dell indagine di customer satisfaction, condotta dall Ufficio II della Direzione Centrale

Dettagli

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza

La Giornata Nazionale degli Alberi. La Festa dell Albero. Alle radici dell accoglienza La Festa dell Albero Festa dell Albero è la campagna di Legambiente per la tutela del verde e del territorio che quest anno si realizza nell ambito della Giornata Nazionale degli Alberi, finalmente istituita

Dettagli

La Scuola dell Infanzia

La Scuola dell Infanzia La Scuola dell Infanzia Un ambiente educativo accogliente e stimolante; nel quale sia naturale sviluppare, attraverso esperienze, attività e giochi, alcune competenze di base che strutturino la crescita

Dettagli

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI CALASCIBETTA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO COMUNALE DEL CERIMONIALE Approvato con delibera di C.C. n. 32 del 14/07/2005 ART.1 FINALITA E CONTENUTO Il cerimoniale contiene l insieme

Dettagli

Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus

Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus Assemblea dei Soci A.P.I.Bi.M.I. onlus Rovereto, 20 aprile 2012 RELAZIONE PRESIDENTE Cari amici, grazie per la vostra presenza alla nostra assemblea che quest anno abbiamo programmato in un giorno settimanale,

Dettagli

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO

Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 39 del 3 settembre 2010 SUPPLEMENTO ORDINARIO LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 17 AGOSTO 2010 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI CREMAZIONE DELLE SALME E DI CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA

Dettagli

DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215

DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215 DICEMBRE 2013 ANNO 4 - NUMERO 1 L ECO DELL OPERA PIA OPERA PIA CORBETTA - VIA GENTILINI, 4 BORGOLAVEZZARO TEL. 0321-885215 Anche quest anno ormai sta volgendo al termine. Con tanta gioia nel cuore posso

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

UNA RICERCA ESPLORATIVA

UNA RICERCA ESPLORATIVA UNA RICERCA ESPLORATIVA ISTRUZIONE E CAPITALE SOCIALE Prof. Adriana Fazio Anno scolastico 2009/2010 1 Istruzione e capitale sociale Capitale sociale è una rete di relazioni caratterizzate da fiducia e

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

Progetti ed eventi per promuovere la Cultura della Legalità realizzati nel nostro secondo anno di attività operativa

Progetti ed eventi per promuovere la Cultura della Legalità realizzati nel nostro secondo anno di attività operativa Associazione di Volontariato per la promozione e lo sviluppo della Cultura della Legalità CON L ADESIONE DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Milano, 3 settembre 2014. Progetti ed eventi per promuovere la Cultura

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1666 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI NEGRI, BECCHETTI, DIVELLA, COLLAVINI, FRAU, BAIAMONTE, FRATTA PASINI, AMATO, CONTE Nuove

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato

Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato della Maestra Mery Anesa Mery Anesa Segreti e consigli della campionessa Italiana (17 volte) Barbara Rattazzi Presentazione di Sauro Amboni Intervista di Marcella Costato Giugno 2011 Osservazioni e commenti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE LEGGI E REGOLAMENTI LEGGE REGIONALE N.20 del 9 ottobre 2006 Regolamentazione per la cremazione dei defunti e di loro resti, affidamento, conservazione e dispersione delle

Dettagli

Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane

Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane Agli insegnanti delle scuole marchigiane Ai docenti delle Università marchigiane Alle associazioni con finalità educative marchigiane L'Università per la pace, costituita ai sensi della L.R n. 9 del 2002

Dettagli

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono:

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono: SOLIDARIETA La nostra scuola pone come elemento fondante della sua azione formativa lo sviluppo di condizioni di esercizio attivo del diritto-dovere di cittadinanza, coinvolgendo, in questo, tutte le componenti

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale

Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Discorso Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza Inaugurazione anno scolastico 2013/2014 Palazzo del Quirinale Signor Presidente della Repubblica, gentili Autorità, cari dirigenti scolastici, cari insegnanti,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di cremazione dei defunti N. 6055. d iniziativa del deputato ALTEA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Norme in materia di cremazione dei defunti N. 6055. d iniziativa del deputato ALTEA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 6055 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ALTEA Norme in materia di cremazione dei defunti Presentata il 20 maggio 1999 ONOREVOLI COLLEGHI!

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

L Associazione Chiara Melle presenta il progetto educativo-formativo: terza edizione 2012

L Associazione Chiara Melle presenta il progetto educativo-formativo: terza edizione 2012 L Associazione Chiara Melle presenta il progetto educativo-formativo: terza edizione 2012 L Associazione Chiara Melle intende contribuire ad attivare nei genitori un processo di ricerca e di autoeducazione

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di GRINZANE CAVOUR Provincia di CUNEO REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Provincia di Cuneo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n. 33 del 08.04.2008

Dettagli

Le attività non profit

Le attività non profit Qualche frase: «Quando sento parlare di volontariato sono sempre sospettoso!» «Se non ci pensa lo Stato, chi ci deve pensare?» «Ma lo Stato non può occuparsi di tutto!» «Tutte le imprese hanno un solo

Dettagli

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia

Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia Patto educativo di corresponsabilità Scuola Famiglia (Approvato dal Consiglio d Istituto nella seduta del 18 dicembre 2008) ---------------- L Istituto Comprensivo VIA CASAL BIANCO è una scuola che svolge

Dettagli

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE CGIL SPI TORINO TORINO TORINO I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE Nel corso degli ultimi anni la fase di contrattazione con i Comuni sulle loro politiche di bilancio, è andata incontro a molte difficoltà.

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini

SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE. Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini SCUOLA MATERNA PARITARIA DI ISPIRAZIONE CATTOLICA ASILO VITTORIA RONCADE Signore, aiutaci a sognare in grande la vita dei nostri bambini PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO DIDATTICA A.S.2010/2011 APPROVATA NEL COLLEGIO

Dettagli

Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna

Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna CERIMONIA DI APERTURA DEI CORSI E DI CONSEGNA DEI DIPLOMI Anno Accademico 2010 / 2011 Intervento di Maria Chiara Carrozza Direttore della Scuola Superiore Sant'Anna Pisa, 4 dicembre 2010 1 Autorità, Rettori,

Dettagli

Quando la famiglia raddoppia

Quando la famiglia raddoppia AI PADRI, ALLE MADRI, AI FIGLI Quando la famiglia raddoppia Guida INFORMATIVA alla separazione non più coniugi.. ma sempre genitori a cura di FABIO BARZAGLI NETWORK EDUCATIVO PATERNITA.INFO www.paternita.info

Dettagli

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE

MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE MANIFESTO PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA TERRITORIALE L AMMINISTRAZIONE COMUNALE SI IMPEGNA A 1. promuovere forme di collaborazione con la scuola, con le famiglie, gli Enti e le Associazioni locali

Dettagli

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013

La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Relazione dei Presidente CIDA, Silvestre Bertolini La cultura manageriale per il rilancio del Paese Roma, 18 novembre 2013 Prima di iniziare, vorrei ringraziare le autorità presenti in sala, che è sempre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18)

COMUNE DI RAGUSA. REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) COMUNE DI RAGUSA REGIONE SICILIA (Legge Regionale 17 agosto 2010, n. 18) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E/O DISPERSIONE DELLE CENERI Approvato con deliberazione di C.C.

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA

PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA PROGETTO RACCORDO SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA FINALITÀ Creare le condizioni ed i presupposti per un sereno passaggio dei bambini dalla Scuola dell Infanzia alla scuola primaria, con particolare

Dettagli

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà

La Scuola Primaria. Affrontare insieme le difficoltà La Scuola Primaria Un percorso di crescita fondamentale nello sviluppo delle competenze e delle conoscenze. Un ambiente educativo sereno e inclusivo nel quale è possibile promuovere, sostenere ed accompagnare

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

COMUNE DI LABICO (Provincia di Roma)

COMUNE DI LABICO (Provincia di Roma) COMUNE DI LABICO (Provincia di Roma) Cap. 00030 Telefono e fax 069510260 - e-mail: comune@labico.com DIPARTIMENTO I UFFICIO DELLO STATO CIVILE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, DISPERSIONE ED AFFIDAMENTO

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI

CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI CONSORZIO INTERCOMUNALE PRIULA Comune di Quinto di Treviso CARTA DEI SERVIZI CIMITERIALI La Carta dei servizi è lo strumento che permette agli utenti il controllo sull erogazione dei servizi anche in termini

Dettagli

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14)

PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) ISTITUTO COMPRENSIVO S. LUCIA BERGAMO - SCUOLA DELL INFANZIA STATALE AQUILONE - Via Sylva,10 Tel. 035-402077 PROGETTO INSERIMENTO ACCOGLIENZA (2013/14) Chi ben comincia è a metà dell opera 0 Premessa Iniziare

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI.

COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. COMUNE DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI. CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto e finalità. 1. Il presente

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013 Classe II D Prof.ssa Daniela Simone PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Radio Kreattiva, web radio scolastica per la diffusione della cultura della legalità,

Dettagli

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical Rimini, Centro Tarkosvkij - 31 ottobre e 1 novembre 2007 I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista presentano Musical Regia di Christine Joan in collaborazione con Don Alessandro Zavattini e

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE C O M U N E DI G E N O L A Provincia di Cuneo REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI

REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI REGOLAMENTO COMUNALE CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI Art. 1 (Oggetto e finalità) 1. Il presente titolo disciplina la cremazione,

Dettagli

La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015

La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015 La newsletter dell'azienda Speciale Gallazzi Vismara Numero 2 - maggio 2015 FESTA DI PRIMAVERA Il 29 marzo la Casa di Riposo Gallazzi Vismara ha dato ufficialmente il benvenuto alla primavera, una stagione

Dettagli

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO

FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO FONDAZIONE CAUSA PIA D'ADDA PROGETTO EDUCATIVO UNITARIO S.M. Causa Pia d'adda di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Seguro di Settimo Milanese (MI) S.M. Causa Pia d'adda di Segrate (MI) S.M.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA X LEGISLATURA N. DISEGNO DI LEGGE d'iniziativa del senatore BOATO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 22 FEBBRAIO 1990 Norme concernenti la cremazione delle salme ONOREVOLISENATORI. Da

Dettagli

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO

MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Area economico - giuridica Disciplina: diritto - economia Gruppo: Pordenone Docente: Valeria Laura Valleriani Istituto: I.S.I.S. di Spilimbergo (PN) MODULO 3: ORIENTAMENTO AL LAVORO Classe 3B IPSC (14

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216

SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216 SO.CREM - VARESE Società Varesina per la Cremazione c/o Palazzo Comunale Via Sacco 5 - Varese via Marcobi 10 Varese tel 0332 234216 VADEMECUM PER IL SOCIO SOMMARIO SO. CREM Associazione senza scopo di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI Tel. 0122/755955 Fax 0122/755935 COMUNITÀ MONTANA ALTA VALLE SUSA COMUNE DI SAUZE DI CESANA PROVINCIA DI TORINO Via Principale 25 C.A.P. 10054 E-mail info@comune.sauzedicesana.to.it Allegato alla deliberazione

Dettagli

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI

INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI I PROTAGONISTI STORIE IMPRENDITORIALI lavorare con creatività INTERVISTA CON DON LAMBERTO PIGINI Dalla formazione all animazione, viaggio nell arcipelago del PiginiGroup: Eli, Rainbow, Eko, Tecnostampa,

Dettagli

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta)

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) FIABA ONLUS FIABA si propone di abbattere tutte le barriere, da quelle architettoniche a quelle culturali,

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO RELATIVO A CREMAZIONE, AFFIDAMENTO, CONSERVAZIONE E DISPERSIONE DELLE CENERI DERIVANTI DALLA CREMAZIONE DEI DEFUNTI (APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 33 DEL 4 AGOSTO 2005) Art. 1 Oggetto

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123

SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 SCUOLA DELL INFANZIA AGAZZI SORBOLO (PR) Via Beethoven n 5 Telefono: 0521690123 Fax: 0521690123 ORGANIZZAZIONE La scuola accoglie i bambini da 3 a 6 anni. E aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 7,30

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI BUSCA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M M A R I O Art. DESCRIZIONE

Dettagli

A voi tutti, cittadine e cittadini carissimi, i nostri saluti più cordiali e rispettosi

A voi tutti, cittadine e cittadini carissimi, i nostri saluti più cordiali e rispettosi Sono lieto di presentare ai cittadini di Udine la Carta della Qualità dei Servizi offerti dal Comune di Udine. Per ogni servizio specifico, la Carta della Qualità dei Servizi fissa le caratteristiche e

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"G. CAVALCANTI " LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014!

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADOG. CAVALCANTI  LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014! SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO"G. CAVALCANTI " LIBRIAMOCI Venerdì 31 ottobre 2014! Giornata della lettura nella scuola Cavalcanti RESPONSABILE DEL PROGETTO: Docente bibliotecaria Donatella Di Nardo ORARIO

Dettagli

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011

Progetto Educativo PEI Pagina 1 Approvato e adottato il 07/07/2011 PEI Pagina 1 LA DOMANDA FORMATIVA La nostra scuola è consapevole di essere una risposta alle esigenze formative delle famiglie del territorio come descritto nel PEN:

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO

INCLUSIONE TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO INCLUSIONE Integrazione Alunni disabili DSA BES TUTTI UGUALI OGNUNO DIVERSO.LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON DISABILITA LINEE GUIDA PER L INCLUSIONE SCOLASTICA L inclusione è un

Dettagli

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE

Comune di CERESETO. Provincia di ALESSANDRIA. REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE Comune di CERESETO Provincia di ALESSANDRIA REGIONE PIEMONTE (Legge Regionale 31 ottobre 2007, n. 20) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CREMAZIONE, CONSERVAZIONE, AFFIDAMENTO E DISPERSIONE DELLE CENERI S O M

Dettagli

I disegni dei bambini della Scuola Materna di Serravalle Scrivia (AL)

I disegni dei bambini della Scuola Materna di Serravalle Scrivia (AL) I disegni dei bambini della Scuola Materna di Serravalle Scrivia (AL) NELLA NOSTRA AUTONOMI A LA VOSTRA LIBERTA SEGRETERIA PROVINCIALE C.so Acqui, 40 2 15100 Alessandria Tel. 0131-314266

Dettagli

Relazione sintetica seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Nerviano del 27 febbraio 2012 ore 9.30.

Relazione sintetica seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Nerviano del 27 febbraio 2012 ore 9.30. COMUNE DI NERVIANO (Provincia di Milano) Relazione sintetica seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi di Nerviano del 27 febbraio 2012 ore 9.30. Il giorno 27 febbraio 2012, alle ore 9.30, presso la sala

Dettagli

proposta di legge n. 256

proposta di legge n. 256 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 256 a iniziativa dei Consiglieri Procaccini, Martoni presentata in data 16 settembre 2004 NORME IN MATERIA DI ATTIVITA E SERVIZI NECROSCOPICI FUNEBRI

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 2

Test di ascolto Numero delle prove 2 Dicembre 2009 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi o messaggi. In quale luogo puoi ascoltare i testi? Scegli una delle tre proposte che ti diamo.

Dettagli

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO

PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO PROGRAMMA FORMATIVO SCUOLA CALCIO COSA E L insieme di attività avviate dall allenatore per formare il ragazzo, attraverso lo sport, ai valori umani e cristiani PARTI COINVOLTE - ALLENATORE RESP. ANNATA

Dettagli

ALLEGATO ALLA CARTA DEI SERVIZI ANPAS EMILIA ROMAGNA

ALLEGATO ALLA CARTA DEI SERVIZI ANPAS EMILIA ROMAGNA DENOMINAZIONE: ASSISTENZA PUBBLICA PARMA (onlus) INDIRIZZO: PARMA 43125 V.LE GORIZIA 2/A TELEFONO E FAX: 0521/224922 0521/224920 MAIL: amministrazione@apparma.org ANNO DI FONDAZIONE: 1902 CARTA DEI SERVIZI

Dettagli