Documento per la consultazione AEEG 547/2013/R/com Osservazioni di Energia Concorrente

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento per la consultazione AEEG 547/2013/R/com Osservazioni di Energia Concorrente"

Transcript

1 1 Documento per la consultazione AEEG 547/2013/R/com Osservazioni di Energia Concorrente

2 Il presente documento illustra gli orientamenti generali di Energia Concorrente in ordine all introduzione del Sistema Informativo Integrato (SII) e contiene le osservazioni della stessa Associazione in ordine alle questioni aperte alla consultazione degli interessati con il Documento di consultazione dell Autorità per l energia elettrica ed il gas (Autorità) 547/2013/R/com, recante Riforma dei processi di switching e voltura contrattuale nell ambito del sistema informativo integrato (DCO). 1. Orientamenti generali * * * 1.1 Rapporti tra distribuzione e vendita L esperienza delle Aziende associate ad Energia Concorrente relativa allo scambio dei flussi informativi gestito attraverso rapporti bilaterali con i singoli distributori dall inizio della liberalizzazione del mercato ad oggi ha dimostrato, sia nel settore elettrico che nel settore del gas naturale, l inefficienza ed inefficacia di questa modalità di interazione, sia con riferimento alle informazioni che i distributori devono inviare ai venditori (dati di misura, informazioni funzionali alla gestione del dispacciamento, ecc.), sia con riferimento allo scambio informativo inerente le prestazioni che i distributori devono erogare a seguito di richiesta dei venditori. Questo a nostro avviso ha costituito e costituisce tuttora un importante freno alla liberalizzazione del mercato della vendita per via dei costi che questo genera sui venditori, rappresentando quindi una importante barriera all ingresso per i nuovi operatori, e per i disagi e i malfunzionamenti che ne derivano e le cui ripercussioni si sono spesso riversate sui clienti finali. In ragione di ciò le Aziende associate ad Energia Concorrente hanno segnalato in più occasioni l opportunità dell introduzione, seppur graduale, di un soggetto che si interponga tra i venditori ed i distributori al fine di permettere che i venditori possano operare correttamente ed in modo efficiente e trasparente con i diversi distributori. La standardizzazione dei flussi informativi attuata negli ultimi anni dall Autorità - pur rappresentando un decisivo miglioramento nello scambio informativo con i distributori - a nostro avviso non è ancora sufficiente a garantire ai venditori la possibilità di operare nel modo migliore. Infatti con la standardizzazione dei flussi si è definito puntualmente il contenuto e le modalità di messa a disposizione degli stessi per alcune prestazioni, lasciando però ai venditori l onere della gestione dello scambio informativo con una pluralità di soggetti diversi. Il livello degli investimenti necessari per dotarsi delle infrastrutture informatiche più performanti per la gestione dello scambio informativo con i distributori (ad esempio attraverso sistemi di Application to Application) è tale da indurre i venditori a scegliere strumenti di dialogo meno efficienti, non essendo profittevole la duplicazione dell investimento. Allo stesso tempo anche per i distributori intrattenere rapporti con un unico soggetto piuttosto che con una molteplicità di venditori potrebbe configurarsi come una semplificazione delle loro attività. In questi anni abbiamo infatti riscontrato un estrema difficoltà dei distributori nella 2

3 gestione dei rapporti con un numero crescente di soggetti che svolgono attività di vendita. In definitiva, Energia Concorrente ritiene necessario un riequilibrio dei rapporti tra società di vendita e distributori locali, oggi eccessivamente sbilanciati a favore di questi ultimi. 1.2 Opportunità dell introduzione del SII Per quanto sopra esposto riteniamo essenziale ai fini dello sviluppo del mercato della vendita anche nei confronti dei clienti di piccole dimensioni la presenza di un infrastruttura centrale che assuma il ruolo di interfaccia e piattaforma unica per la gestione di tutti i rapporti tra imprese di distribuzione e società di vendita. Riteniamo comunque condivisibile la proposta contenuta nel DCO, che prevede che solo per alcuni processi il SII costituisca la modalità esclusiva attraverso cui gli stessi vengono compiuti, mentre per altri processi per i quali il distributore continua ad essere il principale responsabile - sia ipotizzato un doppio canale informativo (distributore e SII) che il venditore dovrà seguire nel caso di richiesta di prestazioni sia tecniche che commerciali (processi misti). Questo con l auspicio che tale doppio canale per le prestazioni circuitali rappresenti una soluzione temporanea e che, una volta verificata come positiva l esperienza della prima fase nella gestione centralizzata dei processi gestiti unicamente dal SII, la modalità di comunicazione unica venditore/sii venga estesa velocemente anche agli altri processi, in linea con i principi espressi dalla legge n. 129/10. Auspichiamo inoltre che gli eventuali paralleli gestionali necessari alle tarature e test dei vari processi possano essere ridotti al minimo necessario, in modo da giungere quanto prima alla gestione univoca da parte del SII. E solo in questo modo infatti che il SII potrebbe costituire l unica interfaccia per tutti gli attori del mercato, rendendo effettiva la sua funzione di certificatore dei dati. In questo senso riteniamo correttamente identificati i processi di voltura e di switching come primi processi da implementare interamente sul SII, in quanto presentano aspetti unicamente di carattere commerciale, non comprendono in alcun modo prestazioni di tipo tecnico di responsabilità del distributore e rappresentano inoltre la gran parte delle prestazioni gestite dalle società di vendita per i clienti finali. Riteniamo che il passaggio di questi processi dalla attuale gestione, che vede i venditori costretti ad interfacciarci con una pluralità di distributori, a quella del SII possa portare grandi vantaggi poiché verranno superati tutti i problemi legati ai malfunzionamenti dei sistemi informatici dei distributori ed alle loro frequenti inottemperanze procedurali. Riguardo quest ultimo aspetto riteniamo che un importante vantaggio del passaggio di questi processi al SII sia che, oltre a permettere una gestione efficiente delle interazioni distributore-venditore, la presenza di un soggetto centralizzato consente un monitoraggio puntuale dell operato dei distributori e 3

4 quindi la rilevazione dei casi di inadempimento, come è già accaduto nell ambito del primo processo transitato sul SII (le anagrafiche previste dal TIS). 1.3 Tempistiche di messa in funzione del SII In via generale, evidenziamo come sia necessario determinare tempistiche certe e urgenti al fine di accelerare il più possibile il processo di implementazione a regime dell intero Sistema. L assenza di disposizioni obbligatorie sta in effetti rallentando non poco lo sviluppo del SII e, ancor più grave, sta di fatto dando la possibilità ad alcuni operatori di adottare comportamenti opportunistici che ne frenano inevitabilmente il processo di implementazione. Per quanto detto sopra si auspica che l introduzione dei processi di switching e di voltura all interno del SII avvenga in tempi rapidi, così come per l introduzione del servizio di pre-check di cui si accenna nel DCO. Si auspica pertanto che la totale implementazione dei macro-processi di voltura contrattuale e di switching nell ambito del SII possa avvenire già nel corso del Dal momento che l interazione con un elevato numero di gestori di rete, non caratterizza solo il mercato elettrico, ma è anzi ancor più marcata nel settore del gas naturale, si ritiene inoltre indispensabile che l Autorità avvii in tempi brevissimi lo sviluppo del sistema anche per il settore del gas naturale. Si auspica inoltre che, in parallelo allo sviluppo del SII sia nel mercato elettrico che in quello gas, continuino le attività di standardizzazione dei flussi informativi per le prestazioni che attualmente non sono standardizzate. In particolare, sia per l energia elettrica che per il gas naturale, è necessario vengano quanto prima standardizzati i flussi informativi per le prestazioni di sospensione per morosità, le cui diverse fasi (caricamento richiesta, riscontro esiti, ecc.) è necessario possano essere gestite in maniera massiva dai venditori. Nel seguito del documento esprimiamo alcune considerazioni in merito alle specifiche proposte contenute nella consultazione più alcuni elementi aggiuntivi che auspichiamo possano essere presi in considerazione nell ambito dei successivi passaggi di implementazione dei processi sul SII. * * * 2. Osservazioni di Energia Concorrente Energia Concorrente ritiene urgente l introduzione della procedura di voltura contestuale allo switching, peraltro già ipotizzata con il DCO 4/11. Infatti ad oggi un cliente che subentra ad un altro cliente su un POD già attivo non può scegliere da subito il proprio fornitore ma è costretto ad iniziare la propria fornitura con il venditore scelto dal cliente che lo ha preceduto su quel POD e, solo dopo aver chiesto la voltura allo stesso, scegliere un nuovo fornitore. Accade quindi che i potenziali clienti contattati da un venditore si trovino nell impossibilità di entrare da subito in fornitura con il venditore desiderato, 4

5 ma siano costretti a contattare il venditore precedente e chiedere allo stesso di gestire la pratica di voltura. Questo fatto è molto negativo per lo sviluppo del libero mercato poiché allunga ulteriormente i tempi di passaggio al fornitore prescelto, e lo rende molto più complesso e costoso dal punto di vista commerciale. Inoltre sul POD si viene a creare una situazione contrattuale poco chiara ed un cliente rischia di vedersi addebitate morosità legate al precedente intestatario del POD. Questo comporta l aumento dei reclami ai venditori ed il rischio di cumuli di morosità. In generale si condivide quanto proposto in merito a tale processo nel DCO ed in particolare sembra importante introdurre la misura proposta al punto a tutela dei venditori uscenti, relativa alla comunicazione del cambio di intestazione del POD. Si condivide inoltre il fatto che la voltura associata a contestuale switching possa essere valida solo con riferimento al primo giorno del mese e si segnala che questa regola dovrebbe essere valida anche nel caso in cui il venditore entrante sia un esercente di maggior tutela, contrariamente a quanto avviene oggi. E invece importante specificare che nel caso la richiesta di switching sia riferita ad un punto non energizzato, la stessa deve poter trovare attuazione in qualsiasi giorno del mese. Inoltre, in relazione a quanto specificato al punto 5.5.2, si reputa opportuno, data l attuale assenza di regolazione in materia di voltura contrattuale, che l Autorità specifichi, in maniera tale da garantire un univocità di comportamento da parte delle imprese di distribuzione, quale debba essere la data cui si riferisce il dato di misura che viene trasmesso all impresa di vendita (lettura relativa alla data di effettiva voltura o lettura del giorno in cui la voltura viene registrata). Inoltre si ritiene utile l introduzione della previsione della possibilità di ricorrere alla cosiddetta lettura/misura concordata tra esercente la vendita e cliente finale, poi trasmessa all impresa di distribuzione (come già d uso nel settore del gas). Relativamente a quanto definito al punto 5.5.4, si concorda con la disposizione di prendere come riferimento, per la comunicazione del dato di misura nell ambito della voltura, quanto già definito della deliberazione 65/2012/R/eel. Si sottolinea però come l allineamento a quest ultima non debba riguardare esclusivamente i contenuti informativi, ma anche il tracciato utilizzato. Inoltre, nel caso in cui si decida di trattare separatamente il flusso di misura relativo alle volture (invece di procedere con un integrazione nei flussi definiti dalla delibera 65/2013/R/eel, con opportuna identificazione separata), si ritiene necessario che vengano definite tempistiche certe per la trasmissione dei tracciati. Infine si reputa necessario prevedere opportune precisazioni differenziate, in merito alla determinazione della lettura di passaggio da un cliente all altro, nei casi in cui le volture contrattuali riguardino punti di prelievo orari (PO) o non orari (PNO). 5

6 Con riferimento al macro processo di switching, oltre a manifestare una specifica valutazione positiva in merito alle questioni Q4, Q5, Q10, Q18, aggiungiamo che: - si dovrebbe estendere la possibilità di revocare la richiesta di switching di cui al punto anche ad altri casi oltre a quello in cui il punto è sospeso per morosità, per consentire al venditore di rettificare eventuali errori commessi durante l attività di invio delle richieste al sistema; - con riferimento alle modifiche che intercorrono nel periodo temporale compreso tra l aggiornamento dell RCU e l inizio della fornitura, bisognerebbe definire quale comportamento terrà il sistema; - è importante definire la regola che il sistema dovrà seguire nel caso di richieste di switch multiple con riferimento a uno stesso POD e a una stessa data, ovvero occorrerebbe definire se in tali casi il sistema debba accettare la prima richiesta ricevuta, oppure l ultima, oppure debba inviare a tutti i venditori richiedenti un messaggio di errore. Si segnala inoltre che in merito alla possibilità di revocare la richiesta di switching di cui al punto ravvisiamo una criticità legata ad una possibile incongruenza con la normativa esistente in tema di morosità. Infatti ai sensi del comma 6.2 della delibera n. 4/08 la revoca di una richiesta di switching è possibile solo se il distributore non ha ancora ricevuto lo switch out dal precedente fornitore. Considerati i tempi previsti dall articolo 5 della delibera 42/08 ed i tempi di preavviso di recesso definiti dalla 144/07 si può dire che la revoca non potrebbe mai essere chiesta. Infine anticipiamo un paio di requisiti tecnici che a nostro avviso il SII dovrebbe garantire: - permettere ai venditori di poter ricostruire in tempo reale tutte le richieste inserite in un certo arco temporale; - permettere ai venditori di seguire in modo massivo gli esiti delle prestazioni richieste. Quest ultimo aspetto è di particolare importanza stante l onerosità legata alla gestione singolare di un numero molto elevato di richieste di prestazioni che attualmente alcuni distributori obbligano i venditori a fare poiché i portali da loro sviluppati non consentono una gestione di tipo massivo. 3. Possibili ulteriori sviluppi del SII A nostro avviso, il passaggio della gestione dei suddetti processi al SII dovrebbe anche costituire l occasione per modificare e introdurre alcune regole nell ottica di incrementare l efficienza del sistema nell ambito del passaggio dei clienti da un fornitore a un altro. Ad oggi, infatti, si rilevano alcune criticità che riguardano il mercato retail elettrico e in particolar modo l ambito delle operazioni di switch in/out e il tema strettamente collegato del recesso 6

7 contrattuale così come normato dalla delibera n.144/07. Tali criticità impediscono un corretto funzionamento e sviluppo del libero mercato, mettendo di fatto gli utenti finali nella condizione di subire disagi di vario genere, quali penali per mancato rispetto dei tempi di recesso e casi di doppia fatturazione. Nello specifico si fa riferimento alle attuali modalità di invio del recesso contrattuale: la normativa definita con delibera 144/07 prevede che il medesimo debba essere inviato in forma cartacea, fatta salva la possibilità di un accordo volontario tra venditore entrante e venditore uscente volto a procedere con la semplice comunicazione dell elenco dei clienti senza inoltrare i singoli atti. Ad oggi, quello che si registra sul mercato è che alcuni venditori hanno effettivamente concluso accordi bilaterali per la gestione dei recessi che prevedono solo l invio dell elenco dei POD in questione, mentre richiedono lo scambio del documento del cliente solo per casi di particolare criticità. Tuttavia, questi accordi bilaterali non sono particolarmente efficienti in quanto ogni venditore è costretto a relazionarsi con gli altri venditori in modi diversi, oltre al fatto che alcuni venditori sembrano usare questa possibilità in modo strumentale, addebitando penali di recesso a clienti il cui venditore entrante non ha, a loro avviso, rispettato correttamente i termini temporali. Sul presente tema riteniamo che il SII possa essere lo strumento attraverso il quale i venditori potrebbero scambiarsi le informazioni relative al recesso dei clienti attraverso dei tracciati standard. L invio del recesso originale dei singoli clienti dovrebbe essere necessario solo in caso di richiesta di verifica puntuale tra venditori. Un altro problema che riscontriamo nell ambito dell invio del recesso contrattuale riguarda la corretta individuazione del venditore uscente a cui indirizzare il recesso per conto del cliente. Accade infatti spesso che il cliente non sia in grado di indicare in modo corretto il proprio fornitore uscente, con la conseguenza che il recesso viene inviato al venditore errato e il cliente, oltre a rischiare la doppia fatturazione, rischia anche di dover pagare le penali per mancato rispetto dei tempi di recesso. Si segnala pertanto la necessità di fare in modo che il venditore entrante possa conoscere l identità del venditore uscente ad esempio attraverso un informativa che potrebbe essere resa disponibile nell ambito del servizio di pre-check del SII. Sarebbe utile che anche il venditore uscente potesse conoscere l identità del fornitore entrante, in modo da rendere l operazione di switching più trasparente per tutti. Un ulteriore criticità che si segnala è la conoscenza del tempo di preavviso di recesso che il cliente deve rispettare nei confronti del venditore uscente. Quest ultima informazione è particolarmente importante per i punti che non rientrano nel perimetro della delibera 144/07 e per i quali i tempi di recesso non sempre sono indicati chiaramente nel contratto di vendita. Riteniamo che anche in questo caso il servizio di pre-check potrebbe fornire questa informazione, che potrebbe essere alimentata da ogni venditore nell ambito della richiesta di switching operata sul SII. Per agevolare ulteriormente il rispetto dei tempi di 7

8 preavviso di recesso si potrebbe anche pensare che il SII, in occasione di una di una richiesta di switch in su di un punto, proponga automaticamente la prima data utile di decorrenza della fornitura coerentemente con l informazione di recesso a suo tempo inserita sul SII dal precedente venditore. In tal modo potrebbero essere azzerati i casi di mancato rispetto delle condizioni contrattuali di recesso del venditore uscente. Infine si reputa opportuno valutare l integrazione nel SII anche dei processi relativi alla gestione dei cosiddetti contratti/attivazioni non richiesti di cui alla delibera 153/2012/R/com, su tutti la procedura di ripristino. Milano, 24 gennaio 2014 Alessandro Bianco Segretario generale 8

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti-

DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- DCO 346/2014/R/GAS Riforma degli obblighi di separazione funzionale per il settore dell energia elettrica e del gas - Primi orientamenti- Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 29 settembre 2014 PREMESSA

Dettagli

Delibera 533/2013/R/GAS Modifiche ed integrazioni al TIMG e al TIVG a completamento della disciplina della morosità e dei servizi di ultima istanza

Delibera 533/2013/R/GAS Modifiche ed integrazioni al TIMG e al TIVG a completamento della disciplina della morosità e dei servizi di ultima istanza Delibera 533/2013/R/GAS Modifiche ed integrazioni al TIMG e al TIVG a completamento della disciplina della morosità e dei servizi di ultima istanza Osservazioni Anigas Milano, 20 dicembre 2013 1 Osservazioni

Dettagli

DCO 401/2014/R/com. Osservazioni e proposte ANIGAS. Milano, 6 ottobre 2014

DCO 401/2014/R/com. Osservazioni e proposte ANIGAS. Milano, 6 ottobre 2014 DCO 401/2014/R/com ORIENTAMENTI PER LA DEFINIZIONE DI EVENTUALI ULTERIORI MODIFICHE AL CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E GAS NATURALE, A SEGUITO DELL ENTRATA IN VIGORE

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 35/08 APPROFONDIMENTI FINALI SULLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 17 dicembre 2008 Pagina 1 di 12 Premessa

Dettagli

Allegato B DISPOSIZIONI FUNZIONALI ALL EFFETTIVA RISOLUZIONE DI UN CONTRATTO DI FORNITURA E ALL ATTIVAZIONE DEI SERVIZI DI ULTIMA ISTANZA

Allegato B DISPOSIZIONI FUNZIONALI ALL EFFETTIVA RISOLUZIONE DI UN CONTRATTO DI FORNITURA E ALL ATTIVAZIONE DEI SERVIZI DI ULTIMA ISTANZA DISPOSIZIONI FUNZIONALI ALL EFFETTIVA RISOLUZIONE DI UN CONTRATTO DI FORNITURA E ALL ATTIVAZIONE DEI SERVIZI DI ULTIMA ISTANZA 1 TITOLO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Articolo 1 Definizioni... 3 Articolo

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 30/11 REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEL GAS NATURALE Proposte di revisione della deliberazione 6 settembre 2005, n. 185/05 Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 14 settembre 2011 Pagina 1 di 8 PREMESSA

Dettagli

DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE

DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE Allegato A Allegato A alla deliberazione 18 dicembre 2006, n. 294/06 così come modificata ed integrata con deliberazione 17 dicembre 2008 ARG/gas 185/08 DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS. Osservazioni ANIGAS

DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS. Osservazioni ANIGAS DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS Osservazioni ANIGAS Roma 7 agosto 2009 1 Osservazioni Generali ANIGAS condivide

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 25/08 ATTIVAZIONE DI UN SISTEMA DI RICERCA DELLE OFFERTE COMMERCIALI DELLE IMPRESE DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS Documento per la consultazione Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 8 agosto

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 21 FEBBRAIO 2013 67/2013/R/COM DISPOSIZIONI PER IL MERCATO DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE IN MATERIA DI COSTITUZIONE IN MORA L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Strumento evoluto di Comunicazione con i Venditori

Strumento evoluto di Comunicazione con i Venditori Strumento evoluto di Comunicazione con i Venditori GAS 2 net è una soluzione web-based compliant con le definizioni di strumento evoluto come richiesto dalla normativa vigente (Del. AEEG n 157/07, Del.

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Morosità nell attuale quadro regolatorio Autorità per l energia elettrica e il gas Marta Chicca Responsabile Unità Mercato Retail DIREZIONE MERCATI 9 Ottobre 2008 Autorità per l Energia Elettrica e il

Dettagli

Osservazioni e suggerimenti ANIGAS

Osservazioni e suggerimenti ANIGAS DCO 23/09 STRUMENTI VOLTI AL CONTENIMENTO DEL RISCHIO CREDITIZIO PER I VENDITORI DEL MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA E PROPOSTE DI MODIFICA DELLA DELIBERAZIONE ARG/ELT 4/08 IN TEMA DI CLIENTI NON DISALIMENTABILI

Dettagli

APPLICAZIONE DEL SERVIZIO DI TUTELA

APPLICAZIONE DEL SERVIZIO DI TUTELA Approvazione del Testo integrato delle attività di vendita al dettaglio di gas naturale e gas diversi da gas naturale distribuiti a mezzo di reti urbane (TIVG) Delibera ARG/gas 64/09 1) APPLICAZIONE DEL

Dettagli

Osservazioni e proposte Anigas

Osservazioni e proposte Anigas AEEG - DIREZIONE MERCATI 2^ PRESENTAZIONE AL SOTTOGRUPPO DI LAVORO MISURA DISTRIBUZIONE GAS 14 MAGGIO 2009 Osservazioni e proposte Anigas Milano, 25 maggio 2009 Pagina 1 di 8 Premessa A seguito dell incontro

Dettagli

DCO 253/2013/R/COM Bonus elettrico e bonus gas per i clienti domestici economicamente disagiati: prime proposte per una

DCO 253/2013/R/COM Bonus elettrico e bonus gas per i clienti domestici economicamente disagiati: prime proposte per una DCO 253/2013/R/COM Bonus elettrico e bonus gas per i clienti domestici economicamente disagiati: prime proposte per una semplificazione della disciplina Commenti e proposte Anigas Milano, 16 luglio 2013

Dettagli

Determina 9/13_PORTALE_Switching SW1. Divisione Energy & Utilities. Manuale Utente. Data di validità: 03/07/2015. N.ro versione: 1.0.

Determina 9/13_PORTALE_Switching SW1. Divisione Energy & Utilities. Manuale Utente. Data di validità: 03/07/2015. N.ro versione: 1.0. Manuale Utente Determina 9/13: Switching SW1- Soluzione NET@PORTAL Redatto da: Verificato da: Approvato da: Riccardo Luciani Pier Francesco Fermani Alessandro Spurio Data di validità: 03/07/2015 N.ro versione:

Dettagli

Titolo I Definizioni ed ambito di applicazione. Articolo 1 Definizioni

Titolo I Definizioni ed ambito di applicazione. Articolo 1 Definizioni Allegato A DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD NAZIONALE DI COMUNICAZIONE TRA DISTRIBUTORI E VENDITORI DI ENERGIA ELETTRICA PER LE PRESTAZIONI DISCIPLINATE DAL

Dettagli

Argos Energia srl Via Chiara Varotari, 11 35030 Rubano (PD)

Argos Energia srl Via Chiara Varotari, 11 35030 Rubano (PD) DELIBERAZIONE 21 FEBBRAIO 2013 67/2013/R/COM - DISPOSIZIONI PER IL MERCATO DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE IN MATERIA DI COSTITUZIONE IN MORA L AUTORITÀ PER L ENERGIA

Dettagli

TITOLO II REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI DISPACCIAMENTO E DI TRASPORTO NEI CASI DI MOROSITA DEI CLIENTI FINALI DISALIMENTABILI...

TITOLO II REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI DISPACCIAMENTO E DI TRASPORTO NEI CASI DI MOROSITA DEI CLIENTI FINALI DISALIMENTABILI... REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO E DEL SERVIZIO DI TRASPORTO (TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA) DELL ENERGIA ELETTRICA NEI CASI DI MOROSITÀ DEI CLIENTI FINALI O DI INADEMPIMENTO DA PARTE

Dettagli

FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA

FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA DCO 19/10 ADOZIONE DI NUOVE PROCEDURE PER L IDENTIFICAZIONE DEI CLIENTI FINALI NON DOMESTICI AVENTI DIRITTO AL SERVIZIO DI MAGGIOR TUTELA Documento per la consultazione Mercato di incidenza: energia elettrica

Dettagli

Senato della Repubblica X Commissione Industria

Senato della Repubblica X Commissione Industria Senato della Repubblica X Commissione Industria Memoria Anigas in ordine allo schema di decreto legislativo recante attuazione delle direttive europee 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 24 APRILE 2013 173/2013/R/COM MODIFICHE ALLE DISPOSIZIONI DELLA DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS 67/2013/R/COM IN MATERIA DI COSTITUZIONE IN MORA L AUTORITÀ PER

Dettagli

Osservazioni e suggerimenti Anigas

Osservazioni e suggerimenti Anigas AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DIREZIONE CONSUMATORI E QUALITA DEL SERVIZIO PRESENTAZIONE AL GRUPPO DI LAVORO STANDARD NAZIONALE DI COMUNICAZIONE ISTRUZIONE OPERATIVE RELATIVE ALLA GESTIONE

Dettagli

DCO 323/2015/R/GAS Mercato del gas naturale Interventi relativi alla disciplina del servizio di default trasporto e dei fornitori transitori a

DCO 323/2015/R/GAS Mercato del gas naturale Interventi relativi alla disciplina del servizio di default trasporto e dei fornitori transitori a DCO 323/2015/R/GAS Mercato del gas naturale Interventi relativi alla disciplina del servizio di default trasporto e dei fornitori transitori a partire dal 1 ottobre 2015 Osservazioni e Proposte Anigas

Dettagli

RIFORMA DEI PROCESSI DI SWITCHING E VOLTURA CONTRATTUALE NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO

RIFORMA DEI PROCESSI DI SWITCHING E VOLTURA CONTRATTUALE NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 547/2013/R/COM RIFORMA DEI PROCESSI DI SWITCHING E VOLTURA CONTRATTUALE NELL AMBITO DEL SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO Documento per la consultazione Mercato di incidenza:

Dettagli

Allegato A TESTO INTEGRATO MOROSITÀ GAS (TIMG)

Allegato A TESTO INTEGRATO MOROSITÀ GAS (TIMG) TESTO INTEGRATO MOROSITÀ GAS (TIMG) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 4 Articolo 1 Definizioni... 4 Articolo 2 Ambito oggettivo... 6 TITOLO II REGOLAZIONE DEI SERVIZI DI VENDITA E DISTRIBUZIONE NEI CASI

Dettagli

DCO 4/10 CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE. Osservazioni e proposte ANIGAS

DCO 4/10 CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE. Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 4/10 CODICE DI CONDOTTA COMMERCIALE PER LA VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 7 giugno 2010 Premessa Anigas presenta le proprie osservazioni al DCO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REGISTRAZIONE DELLE TRANSAZIONI BILATERALI DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI)

REGOLAMENTO PER LA REGISTRAZIONE DELLE TRANSAZIONI BILATERALI DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) REGOLAMENTO PER LA REGISTRAZIONE DELLE TRANSAZIONI BILATERALI DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) Approvato dall Autorità per l energia elettrica e il gas, con deliberazione 14 febbraio

Dettagli

DCO 4/11 Documento per la consultazione Mercati di incidenza: energia elettrica e gas naturale 16 marzo 2011

DCO 4/11 Documento per la consultazione Mercati di incidenza: energia elettrica e gas naturale 16 marzo 2011 DCO 4/11 COMPLETAMENTO DELLA DISCIPLINA RELATIVA ALL ESECUZIONE DEI CONTRATTI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E GAS NATURALE NEI CASI DI PUNTI DI PRELIEVO/RICONSEGNA GIÁ ATTIVI E ALLINEAMENTO DEI DATI

Dettagli

Contratti non richiesti: misure preventive, ripristinatorie e monitoraggio Delibera 153/2012/R/com

Contratti non richiesti: misure preventive, ripristinatorie e monitoraggio Delibera 153/2012/R/com Contratti non richiesti: misure preventive, ripristinatorie e monitoraggio Delibera 153/2012/R/com Alberto Grossi Direttore Direzione Consumatori e Utenti Autorità per l energia elettrica e il gas Questa

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 9 MAGGIO 2013 191/2013/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEI CLIENTI FINALI DEL GAS DISTRIBUITO A MEZZO DI GASDOTTI LOCALI E DI RETI DI TRASPORTO, PER IL PERIODO 1 GENNAIO

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 16 Marzo 2015 Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni al DCO 34/2015/R/eel

Dettagli

Il sistema di gestione delle agevolazioni delle tariffe elettriche (a cura di Ancitel)

Il sistema di gestione delle agevolazioni delle tariffe elettriche (a cura di Ancitel) Palazzo delle Stelline Milano 26 novembre ore 10.00 13.00 ATTI DEL SEMINARIO Il sistema di gestione delle agevolazioni delle tariffe elettriche (a cura di Ancitel) Con la liberalizzazione del mercato dell

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI Cosa vuole dire che il mercato del gas è "libero"? Con chi avrà rapporti contrattuali il cliente finale? Con la liberalizzazione cambierà la qualità del servizio? Cosa fa il distributore? Cosa fa il venditore?

Dettagli

DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE

DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE Allegato A DISPOSIZIONI DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE Titolo I Definizioni ed ambito di applicazione Articolo 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente

Dettagli

l Allegato I, recante Misure sulla tutela dei consumatori (di seguito: direttiva

l Allegato I, recante Misure sulla tutela dei consumatori (di seguito: direttiva DELIBERAZIONE 31 OTTOBRE 2013 477/2013/S/COM AVVIO DI UN PROCEDIMENTO PER L ADOZIONE DI PROVVEDIMENTI PRESCRITTIVI E SANZIONATORI PER VIOLAZIONI IN MATERIA DI FATTURAZIONE L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 27 novembre 2008. ModiÞ cazioni e integrazioni alla deliberazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas 6 agosto 2008 ARG/elt 117/08 in materia di modalità applicative del regime

Dettagli

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA)

PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) PROCEDURA DI COORDINAMENTO TRA GESTORI DI RETE AI SENSI DEGLI ARTICOLI 34 E 35 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA ARG/ELT 99/08 (TICA) Il presente documento descrive le modalità di coordinamento tra gestori

Dettagli

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA

MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 190/2014/R/GAS MODALITA PER IL RIMBORSO AI GESTORI USCENTI DEGLI IMPORTI EQUIVALENTI AL CORRISPETTIVO UNA TANTUM PER LA COPERTURA DEGLI ONERI DI GARA Documento per la consultazione

Dettagli

Codice di Condotta Commerciale. per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali

Codice di Condotta Commerciale. per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali Codice di Condotta Commerciale per la vendita di energia elettrica ai clienti idonei finali ( Delibera ARG/com 104/10 Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/com 196/10 239/10 ) Titolo

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 18 dicembre 2009. ModiÞ cazioni e integrazioni della deliberazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas 25 gennaio 2008 ARG/elt 4/08 in materia di regolazione del servizio di dispacciamento

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 656/2014/R/GAS MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS Documento per la consultazione

Dettagli

ORDINATIVO DI FORNITURA

ORDINATIVO DI FORNITURA ORDINATIVO DI FORNITURA Spett.le AZIENDA ENERGIA E GAS Società Cooperativa Via dei Cappuccini, 22/A 10015 IVREA (TO) Tel. 0125-48654 - Fax 0125-45563 Inviare esclusivamente in formato elettronico a: ufficiocommerciale@cert.aegcoop.it

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI TELEFONICI DE

REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI TELEFONICI DE DCO 452/2014/R/com REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI TELEFONICI DELLE AZIENDE DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE ORIENTAMENTI FINALI Osservazioni e proposte ANIGAS Milano,

Dettagli

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS

ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS ELENCO PREZZI PER LE PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS Finalità Nelle more dell emanazione da parte dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas di provvedimenti per la determinazione

Dettagli

Manuale Utente NET@PORTAL Delibera 99/11 li/

Manuale Utente NET@PORTAL Delibera 99/11 li/ Manuale Utente NET@PORTAL Delibera 99/11 li/ Sommario 1 AGGIORNAMENTI DELLA VERSIONE 3 2 SCOPO 4 3 PROCEDURA 5 3.1 FLUSSO 0050 TRASMISSIONE AL DISTRIBUTORE DELLA RICHIESTA DI SWITCHING 5 3.2 FLUSSO 0100

Dettagli

TESTO INTEGRATO SULLA MOROSITA - DELIBERA ARG/gas 99/11 E SS.MM.II.

TESTO INTEGRATO SULLA MOROSITA - DELIBERA ARG/gas 99/11 E SS.MM.II. 1 TESTO INTEGRATO SULLA MOROSITA - DELIBERA ARG/gas 99/11 E SS.MM.II. 6 novembre 2012, Roma avv. Tiziana Sogari t.sogari@macchi-gangemi.com Deliberazione ARG/gas 99/11 di approvazione del Testo Integrato

Dettagli

TESTO UNICO EROGAZIONI E VERSAMENTI

TESTO UNICO EROGAZIONI E VERSAMENTI CASSA CONGUAGLIO PER IL SETTORE ELETTRICO TESTO UNICO EROGAZIONI E VERSAMENTI aggiornato 28 gennaio 2015 a seguito di errata corrige all articolo 5.2 1 Premessa Il presente documento è finalizzato a raccogliere

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 16 aprile 2014 Spett.le Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Direzione Osservatorio, Vigilanza e Controlli Piazza Cavour 5 20121 Milano Oggetto: Osservazioni al DCO AEEG

Dettagli

DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti

DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti DCO 471/2012/R/GAS MERCATO DEL GAS NATURALE Riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Primi orientamenti Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 dicembre 2012 Pagina 1 di 7 PREMESSA

Dettagli

Tutto ciò premesso, le associazioni dei consumatori sopra elencate ed UniAcque Spa, di seguito

Tutto ciò premesso, le associazioni dei consumatori sopra elencate ed UniAcque Spa, di seguito PROTOCOLLO DI INTESA TRA UNIACQUE SPA E FEDERCONSUMATORI BERGAMO, FEDERCONSUMATORI SEBINO, ADICONSUM BERGAMO SEBINO, ADOC PER ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA CONCILIAZIONE E DI ATTIVAZIONE DI UNA PROCEDURA

Dettagli

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004.

RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. RELAZIONE ANNUALE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA 2004. Presentazione del Presidente dell Autorità. Roma, 6 luglio 2004. Orientamenti per l azione futura. Considerate la dinamica e la complessità

Dettagli

La liberalizzazione dei mercati dell energia: rischi ed opportunità

La liberalizzazione dei mercati dell energia: rischi ed opportunità Conferenza Europea CECODHAS La liberalizzazione dei mercati dell energia: rischi ed opportunità Guido Bortoni Direttore Mercati Autorità per l energia elettrica e il gas DIREZIONE MERCATI Ancona, 21 aprile

Dettagli

PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a)

PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a) PROCEDURA TECNICA articolo 6, comma 1, lettera a) deliberazione ARG/elt 104/11 1 Indice Premessa... 3 Definizioni e acronimi... 3 Riferimenti normativi e procedure tecniche richiamati nel documento...

Dettagli

Modalità di trasmissione richieste per l erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Modalità di trasmissione richieste per l erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Modalità di trasmissione richieste per l erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Servizi Commerciali Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO

Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO Allegato 1 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA Fornitura di gas e dei servizi connessi presso gli insediamenti della società Rete Ferroviaria Italiana S.p.A. (di seguito RFI S.p.A. ) Capitolato tecnico

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 4

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 4 REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI DISPACCIAMENTO E DEL SERVIZIO DI TRASPORTO (TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE E MISURA) DELL ENERGIA ELETTRICA NEI CASI DI MOROSITÀ DEI CLIENTI FINALI O DI INADEMPIMENTO DA PARTE

Dettagli

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA

ELENCO PREZZI SERVIZI AL PUNTO DI RICONSEGNA PRESTAZIONE PAG 1. PREMESSA 1 2. ALLACCIAMENTO ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE 2 3. PUNTI DI RICONSEGNA 2 4. POSA CONTATORE 2 5. MODIFICA PUNTO DI RICONSEGNA PER VARIAZIONE PORTATA 3 6. SPOSTAMENTO PUNTO DI

Dettagli

Convegno Billing 2015

Convegno Billing 2015 Convegno Billing 2015 5 MARZO 2015 Relatore Federica Pignatti Criticità del mercato L apertura dei mercati dell energia elettrica e del gas naturale alla clientela di massa, domestica e commerciale, ha

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 24 aprile 2014 Spett.le Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Direzione Consumatori e Utenti Piazza Cavour 5 20121 Milano Oggetto: Osservazioni al DCO 115/2014/E/com "Orientamenti

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 22 MARZO 2012 102/2012/R/EEL DISPOSIZIONI PER LA CONSULTAZIONE DELLO SCHEMA DI PIANO DECENNALE DI SVILUPPO DELLA RETE DI TRASMISSIONE NAZIONALE, PREDISPOSTO DAL GESTORE DEL SISTEMA ENERGETICO

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico - Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione e Direzione Mercati Piazza Cavour 5 20121 Milano Milano, 1 Giugno 2015 Osservazioni

Dettagli

BONUS ENERGIA ELETTRICA

BONUS ENERGIA ELETTRICA BONUS ENERGIA ELETTRICA PER I CITTADINI RESIDENTI NEL COMUNE DI CASALE SUL SILE Dal 1^ Gennaio 2009 tutti i Cittadini italiani e stranieri residenti nel Comune di Casale sul Sile potranno richiedere il

Dettagli

Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO

Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO Spettabile AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS ED I SERVIZI IDRICI Piazza Cavour 5 20121, MILANO Direzione Infrastrutture infrastrutture@autorita.energia.it Milano, 13 febbraio 2015 Oggetto: DCO

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 20 novembre 2012 Spett.le Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione Infrastrutture Piazza Cavour 5 20121 Milano OSSERVAZIONI AL DCO 453/2012/R/COM ORIENTAMENTI IN MATERIA DI AGEVOLAZIONI

Dettagli

La fatturazione elettronica verso la P.A. - Modalità operative -

La fatturazione elettronica verso la P.A. - Modalità operative - I Dossier fiscali La fatturazione elettronica verso la P.A. - Modalità operative - Aprile 2014 pag. 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 Decorrenza del nuovo regime... 3 La procedura di fatturazione elettronica...

Dettagli

Applicazione Web per la comunicazione tra operatori del settore elettrico

Applicazione Web per la comunicazione tra operatori del settore elettrico Pagina 1 di 187 Data: 30.10.015 Applicazione Web per la comunicazione tra operatori del settore elettrico MANUALE UTENTE Pagina di 187 Data: 30.10.015 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 6. BASI

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di gas naturale Cosa riguarda Quando si applica Con la liberalizzazione del mercato del gas naturale, tutti i clienti del servizio gas hanno la possibilità

Dettagli

GLI ENTI LOCALI E LA DELIBERAZIONE N. 40/04: LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 87/06

GLI ENTI LOCALI E LA DELIBERAZIONE N. 40/04: LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 87/06 GLI ENTI LOCALI E LA DELIBERAZIONE N. 40/04: LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 87/06 Alberto Grossi Direttore della Direzione Consumatori e Qualità del Servizio Questa presentazione non è un

Dettagli

PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Documento di consultazione 02/2015 1

PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA. Documento di consultazione 02/2015 1 Documento di consultazione 02/2015 PROPOSTA DI MODIFICA DELLE REGOLE DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Documento di consultazione 02/2015 1 1. Introduzione Il meccanismo dei titoli di efficienza

Dettagli

REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA

REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA REGOLAZIONE DEL SERVIZIO DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA - 1 - INDICE Titolo 1 Disposizioni generali Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Definizioni Ambito di applicazione Criteri generali Titolo

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 29 dicembre 2008 - ARG/elt 206/08 Modifiche della deliberazione dell Autorità 29 dicembre 2007, n. 351/07 per la definizione di meccanismi di premi e penalità ad incentivazione della società

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 6 FEBBRAIO 2014 40/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ACCERTAMENTI DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Spett.le Autorità per l energia elettrica, il gas e il sistema idrico Direzione Mercati Piazza Cavour 5 20121 Milano Milano, 18 Settembre 2015 Osservazioni al DCO 409/2015/R/gas Riforma della regolazione

Dettagli

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11

Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Deliberazione 24 novembre 2011 ARG/elt 168/11 Regime di perequazione specifica aziendale per le imprese di distribuzione elettrica con meno di 5.000 punti di prelievo, ai sensi dell articolo 38, comma

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Milano, 24 Gennaio 2014 Spett.le Autorità per l energia elettrica e il gas ed il sistema idrico Direzione Mercati Unità Processi e Flussi Informativi tra gli Operatori Piazza Cavour 5 20121 Milano Osservazioni

Dettagli

La tutela del consumatore e la qualità dei servizi di distribuzione e di vendita di energia elettrica e gas naturale

La tutela del consumatore e la qualità dei servizi di distribuzione e di vendita di energia elettrica e gas naturale La tutela del consumatore e la qualità dei servizi di distribuzione e di vendita di energia elettrica e gas naturale Gabriella Utili Responsabile Unità informazione e tutela dei consumatori Direzione Consumatori

Dettagli

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI

QUADRO NORMATIVO PER LE RETI 1 QUADRO NORMATIVO PER LE RETI ELETTRICHE DI DISTRIBUZIONE GESTITE DA ENEL DISTRIBUZIONE S.P.A. 1.1 INTRODUZIONE Nel presente capitolo verrà illustrato per grandi linee il quadro normativo Italiano che

Dettagli

Il processo di cambio del fornitore (switching)

Il processo di cambio del fornitore (switching) Il processo di cambio del fornitore (switching) STEFANO SCARCELLA Direzione Mercati Autorità per l energia elettrica e il gas IL MERCATO DEL GAS NATURALE IN ITALIA: NORMATIVA E OPPORTUNITA Vicenza 25 maggio

Dettagli

con la presente chiediamo la voltura del contratto per la fornitura sotto specificata a partire dal 01/ /.

con la presente chiediamo la voltura del contratto per la fornitura sotto specificata a partire dal 01/ /. Spett. GALA S.p.A. Via Savoia, 43/47 00198 Roma Oggetto: RICHIESTA VOLTURA Egregi Signori, con la presente chiediamo la voltura del contratto per la fornitura sotto specificata a partire dal 01/ /. N.B.:

Dettagli

Architettura del sistema

Architettura del sistema 18/06/15 I N D I C E 1 INTRODUZIONE... 2 2 DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI... 2 3 PROGETTO DI MASSIMA... 3 3.1 REQUISITI DELLA SOLUZIONE... 4 4 LA SOLUZIONE... 4 4.1 IL NUCLEO CENTRALE... 5 4.1.1 La gestione

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive. Federico Luiso

Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive. Federico Luiso Sistemi Efficienti di Utenza Stato dell arte e prospettive Federico Luiso Verona 24 giugno 2014 Principi generali I sistemi semplici di produzione e consumo (SSPC) sono sistemi elettrici, connessi direttamente

Dettagli

41/2012/A/com Avvio procedimento per l adozione di provvedimenti di semplificazione e razionalizzazione degli obblighi informativi

41/2012/A/com Avvio procedimento per l adozione di provvedimenti di semplificazione e razionalizzazione degli obblighi informativi 41/2012/A/com Avvio procedimento per l adozione di provvedimenti di semplificazione e razionalizzazione degli obblighi informativi Prime osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 04 giugno 2012 Pagina 1 di

Dettagli

Impatto della delibera AEEG 111/06 sulle Regole di dispacciamento

Impatto della delibera AEEG 111/06 sulle Regole di dispacciamento Impatto della delibera AEEG 111/06 sulle Regole di dispacciamento Luigi de Francisci Direzione Affari Regolatori Roma 26 luglio 2006 Nuove regole per il dispacciamento: principali adempimenti per Terna

Dettagli

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO PROGETTO A VANTAGGIO DEI CONSUMATORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS E DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO 1. Sintesi della proposta Assicurare continuità, per l anno 2015, alle attività di qualificazione di punti

Dettagli

ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS: LA DELIBERAZIONE N. 40/04 E LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N.

ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS: LA DELIBERAZIONE N. 40/04 E LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS: LA DELIBERAZIONE N. 40/04 E LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 192/05 Alberto Grossi Responsabile Unità Qualità dei servizi gas

Dettagli

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO

CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO CAPITOLO 20 AGGIORNAMENTO DEL CODICE DI STOCCAGGIO 20.1 PREMESSA... 255 20.2 COMITATO DI CONSULTAZIONE... 255 20.3 SOGGETTI TITOLATI A PRESENTARE RICHIESTE DI MODIFICA... 255 20.4 REQUISITI DI RICEVIBILITA

Dettagli

Fattura di energia elettrica. Quadro normativo

Fattura di energia elettrica. Quadro normativo Workshop 1 Quadro normativo Con legge n. 481 del 14 novembre 1995 è stata istituita l Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (www.autorita.energia.it) che ha il compito di tutelare gli interessi dei

Dettagli

Proposte di revisione ANIGAS

Proposte di revisione ANIGAS ISTRUZIONI OPERATIVE DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS IN TEMA DI STANDARD DI COMUNICAZIONE Delibera ARG/gas 185/08 Prestazioni: " Sospensione della fornitura per potenziale pericolo" Riattivazione

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 23 DICEMBRE 2014 651/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI OBBLIGHI DI MESSA IN SERVIZIO DEGLI SMART METER GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

STUDIO SESANA ASSOCIATI

STUDIO SESANA ASSOCIATI Ai Sigg. CLIENTI TITOLARI P.IVA Loro Sedi FATTURA ELETTRONICA VERSO LA P.A. Carissimi Clienti, a partire dal 6 giugno 2014 (la P.A. centrale) i Ministeri, le Agenzie fiscali (es.: Agenzia delle Entrate,

Dettagli

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione Delibera n. 88/07 Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione dell 11 aprile 2007 Visti: il

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA

CAPITOLATO SPECIALE DI GARA Gara per la fornitura di gas metano per il periodo 1 dicembre 2008 30 novembre 2009 ed energia elettrica per l anno solare 2009 all Università degli Studi di Perugia 1. OGGETTO DELLA GARA CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli