Parte 3: Soluzioni per il trattamento e la manutenzione delle Lenti a Contatto (LAC)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parte 3: Soluzioni per il trattamento e la manutenzione delle Lenti a Contatto (LAC)"

Transcript

1 Corso di chimica Materiali per l Ottica Parte 3: Soluzioni per il trattamento e la manutenzione delle Lenti a Contatto (LAC) 1

2 Soluzioni per LAC Specificatamente formulate per la cura e la disinfezione delle LAC con lo scopo di: mantenere inalterate le proprietà chimico fisiche del materiale della lente e la sua funzionalità 2

3 Obiettivi richiesti dalla gestione della LAC 1. Eliminare sul nascere ciò che consegue ad interazione film lacrimale-materiale lente 2. Impedire crescita batterica mediata da depositi presenti sulla lente 3. Controllo, con frequenza programmata all atto della scelta del materiale (lente), della superficie della lente al fine di stabilire alterazioni superficiali e determinarne tempo d uso 3

4 Soluzioni per LAC: formulazione Tipo e azione: Soluzioni pulenti (cleaning solutions) Soluzioni disinfettanti (soaking solutions) Soluzioni di risciacquo (rinsing solutions) Soluzioni umettanti (wetting solutions) Soluzioni che vengono a diretto contatto con l occhio Soluzioni che non vengono a diretto contatto con l occhio 4

5 Componenti di una formulazione Le soluzioni oftalmiche e per lenti a contatto devono essere preparate con grande cura, poiché le mucose dell occhio sono particolarmente sensibili, specialmente se soggette ad azione meccanica da parte della lente. Componenti: 1) Conservante 2) Principio attivo (antisettici) 3) Veicolo 5

6 Sistema di conservazione Conservante: Evita la contaminazione ed impedisce la crescita di qualsiasi organismo che può accidentalmente entrare nel contenitore prima del successivo uso della soluzione Deve essere compatibile con il tipo di tessuto con cui viene a contatto Deve essere stabile al valore di ph fisiologico 6

7 Sistema di disinfezione Nelle soluzioni per lenti a contatto il principio attivo è costituito da uno o più antisettici (per diminuire le rispettive concentrazioni e ampliare lo spettro di azione batterica e l efficacia battericida) Il compito che queste sostanze devono svolgere è quello di disinfettare la lente quando questa viene tolta dall occhio e messa nel contenitore per la conservazione Gli antisettici attualmente più usati sono il clururo di benzalconio, la cloresidina, il timerosal, l alchiltrietilammonio e l acqua ossigenata. La problematica (effetti collaterali) che può essere originata dalle soluzioni per lenti a contatto è dovuta all interazione fra l antisettico e il materiale costituente la lente durante il periodo di uso. 7

8 Antisettici 8

9 Il veicolo Soluzioni saline isotoniche: ottimo veicolante Soluzioni ad elevato valore di viscosità usate per preparare la lente prima dell applicazione o usate quando la lente è già nell occhio: comfort e lubrificazione A parità di ingredienti i prodotti più viscosi rimangono più a lungo sull occhio Valori di viscosità: Poise. H 2 O a 20.2 C = 1 cp > 10 cp(0.1 p) non dà aumento significativo di ritenzione sull occhio ma per miscelazione con liquido lacrimale dà visione offuscata (blurring) 9

10 Parametri chimico-fisici delle soluzioni per LAC particolarmente importanti per soluzioni che vengono a diretto contatto con l occhio Tonicità: Quando le soluzioni sono separate da una membrana semipermeabile si ha passaggio di solvente dalla soluzione a concentrazione minore a quella a concentrazione maggiore, tendendo così le due soluzioni a raggiungere la stessa concentrazione. Se la concentrazione delle due soluzione è uguale le soluzioni si dicono isotoniche. La maggior parte delle cellule del corpo umano è in equilibrio osmotico con l ambiente, incluso l epitelio corneale. Quindi, quando una soluzione salina di concentrazione maggiore di quella contenuta nella cellula epiteliale viene a contatto con l occhio, si ha un flusso di liquido dalla cellula verso la soluzione esterna. Invece, se la soluzione ha una concentrazione salina minore di quella della cellula, vi sarà un passaggio inverso dalla soluzione verso la cellula, che tenderà a diventare 10 edematosa comportando fastidio.

11 Tonicità Soluzione isotonica (iso-osmotica) con liquido lacrimale causa meno fastidio di una ipertonica Intervallo di concentrazione tollerabile espresso in termini di concentrazione % di NaCl varia tra 0.5 e 2.0% Valore teorico di NaCl per ottenere una soluzione isotonica con liquido lacrimale è 0.9% (gocce oculari e soluzioni condizionanti) 11

12 ph: Per molte soluzioni oftalmiche l occhio tollera un vasto arco di valori di ph. Ciò è dovuto a quattro fattori indipendenti: 1. Azione tampone del liquido lacrimale, che ha un valore di ph di circa 7.4 (studi sul ph del liquido lacrimale mostrano variazioni individuali tra 5.2 e 8.4). Tutte le persone evidenziano piccole variazioni del ph nel tempo e ciò non dà luogo a nessuna particolare sintomatologia. Ferite sulla cornea fanno variare il ph del liquido lacrimale verso valori alcalini. 2. Trascurabile effetto tampone della maggior parte delle soluzioni oftalmiche. 3. Il subitaneo aumento nella produzione di umor acqueo che segue l instillazione di una sostanza irritante nel sacco congiuntivale. 4. Il relativamente basso volume di soluzione che entra in diretto contatto con l occhio ( ml). Effetti di un ph non ottimale: 1. visione annebbiata 2. sensazione di bruciore per almeno 5 minuti dopo l applicazione 3. lente che si ricopre velocemente di depositi 4. formazione di muco filamentoso 12

13 ph e soluzioni tampone ll valore di ph che dà il comfort maggiore al portatore di lenti a contatto si trova intorno a quello del liquido lacrimale (7.4) anche se non si hanno grossi disturbi nell intervallo 6-8. La capacità tamponante del liquido lacrimale mantiene costante il comfort sulla superficie anteriore del globo oculare. Le lacrime, infatti, si possono considerare come un sistema tampone composto da elettroliti e proteine. Il ph del fluido lacrimale normale è circa 7.4 in media. Infatti il valore esatto di ph del sottile film lacrimale in contatto con la superficie dell occhio può essere qalche volta più alto (7.4-8) a causa dell evaporazione di CO 2. 13

14 Soluzioni per lenti rigide e RGP 1. Soluzioni per la pulizia: prodotti che hanno lo scopo di rimuovere i depositi che si accumulano sulla lente durante l uso, dopo che questa viene tolta dall occhio. 2. Soluzioni di conservazione e disinfezione: soluzioni destinate a fornire, dopo un appropriata pulizia della lente, una disinfezione notturna e il mantenimento della lente in stato di costante idratazione, per non avere alterazione dei parametri ottici. 3. Soluzioni umettanti: soluzioni studiate per fornire un rivestimento idrofilo sulla superfici delle lenti idrofobe prima che queste vengano applicate. 4. Soluzioni lubrificanti: prodotti designati a riumidificare la superficie corneale dell occhio o della lente, mentre questa si trova nell occhio. 14

15 Soluzioni detergenti Rimozione di muco, cosmetici, altri componenti prima della conservazione notturna Lente più pulita è più facile da disinfettare, agendo i contaminanti da ricettacolo per batteri Depositi non rimossi interferiscono con visione, umettabilità e comfort d uso della lente Agenti detergenti: anionici, non ionici, anfoteri Agenti anionici interagiscono con disinfettanti cationici es. BAK, clorexidina e formano depositi! Quindi detergenti non ionici o anfoteri sono da preferire. Isotonicità non importante 15

16 Metodi base per pulire le LAC 1. Pulizia per sfregamento: soluzione umidificante o pulente su LAC e si sfrega con pollice e indice 2. Pulizia idraulica: LAC in contenitore in cui si fa passare acqua attraverso liquido pulente (agitazione meccanica può portare a rottura o deformazione di nuovi materiali che permettono spessori sottili) 3. Pulizia a getto: LAC in contenitore perforato tenuto sotto rubinetto 4. Pulizia a ultrasuoni: efficace ma costosa 16

17 Soluzioni conservanti Le funzioni che la formulazione per la conservazione deve svolgere sono: a) idratazione: mantenere la lente nel suo stato normale di idratazione e impedire la variazione dei parametri ottici. b) disinfezione: decontaminare la lente e mantenerla libera da potenziali agenti patogeni. La formulazione più semplice che svolge questo tipo di azione è una soluzione acquosa di un principio attivo in concentrazione battericida. Agenti chelanti come EDTA aumentano le caratteristiche antibatteriche del conservante facendo mancare ai microorganismi gli ioni metallici necessari al loro metabolismo: attualmente questo agente chelante viene impiegato in tutte le formulazioni. Una soluzione acquosa conservante per lenti rigide quindi è composta da un conservante (Bak, Thim, etc.), un agente chelante (EDTA), il tutto confezionato sterilmente in contenitori appropriati. 17

18 Agenti chelanti 18

19 ph soluzioni conservanti 1. Il ph influenza la stabilità della soluzione. Alcuni componenti possono reagire in condizioni acide o basiche. 2. Il ph influenza l attività battericida dei componenti della formulazione. E stato evidenziato che la cloresidina e il BAK hanno capacità battericida maggiore a ph basici. A valori di ph bassi, l EDTA perde le sue capacità chelanti e quindi l effetto sinergico con il timerosal. 3. Gli stessi ioni idrogeno hanno caratteristiche battericide. Per spore e funghi alte o basse concentrazioni di ioni H + sono inaccettabili. L intervallo per la crescita di molti ceppi batterici patogeni è situato tra ph = 5.4 e ph = 8.7. Ne risulta che un ph minore di 5 o maggiore di 9 avrà effetti battericidi per molti possibili agenti patogeni oculari. 4. Il ph può influenzare le funzioni di pulizia delle soluzioni. I lipidi e le proteine si sciolgono più facilmente a ph basici. 19

20 Soluzioni umettanti Le lenti in PMMA, CAB, Copolimeri al silicone possiedono una superficie idrofoba (nel caso di PMMA la quantità di acqua assorbita è solo del 0.5%), a causa della composizione chimica e della configurazione geometrica dell ultimo strato molecolare della lente. A causa di questa caratteristica, la resistenza che le superfici della lente oppongono alla bagnabilità crea al momento dell inserzione una sensazione di corpo estraneo. Infatti, quando la lente viene immersa nella fase liquida del film lacrimale, non si bagna completamente, ma impiega mediamente, se ben pulita, un intervallo di tempo che può variare tra i 5 e i 15 minuti. 20

21 Soluzioni umettanti Un altra conseguenza dell idrofobicità è che tutte le sostanze idrofobe presenti nell occhio, sulle dita, in saponi e cosmetici, si attaccano velocemente alla superficie della lente. Queste sostanze hanno grande potenzialità irritante per l occhio. Sono quindi necessarie, quando la lente è applicata, soluzioni che ricondizionino la superficie, mentre la lente, appena tolta, necessita di una pulizia molto attenta (per asportare queste sostanze idrofobe eventualmente rimaste sulla lente). 21

22 Funzioni delle soluzioni umettanti 1. Fare un modo che la superficie della lente sia più facilmente ricopribile dal film lacrimale, fornendo un effetto lubrificante o cuscinetto tra la superficie interna della palpebra e la superficie esterna della lente e tra la superficie interna della lente e la cornea (maggior comfort e resa ottica). 2. Fornire un film viscoso protettivo sopra la superficie in modo che la lente non entri in diretto contatto con le dita durante l applicazione. Questo impedisce il passaggio di depositi oleosi sebacei (presenti normalmente sulle dita) alla superficie della lente. 3. Stabilizzare maggiormente la lente con un effetto ventosa, favorendo l inserzione. 22

23 Agenti umettanti Gli agenti che diminuiscono l angolo di contatto fra la superficie della lente e un liquido sono tensioattivi o agenti umettanti e emollienti. Gli agenti usati come umettanti sono l alcool polivinilico, il polisorbato 80, l ossido di polietilene e vari altri derivati cellulosici, come l idrossietilcellulosa, l idrossipropilcellulosda e la metilcellulosa. I derivati cellulosici vengono aggiunti, oltre al polivinilpirrolidone, quali agenti viscosificanti (viscosità cp, a 25 C). 23

24 Meccanismo di umettazione (tramite tensioattivo) 24

25 Soluzioni ri-umettanti e lubrificanti Dopo alcune ore il portatore può provare fastidio. Possibili cause: (1) rottura del film lacrimale al bordo della lente che causa secchezza corneale; (2) mancato spargimento del film lacrimale sulla lente a causa di depositi grassi (causati da ipersecrezione delle ghiandole di Meibomio). Opportune soluzioni vengono instillate nell occhio quando la lente è in situ per riumettare sia la cornea che la lente. Esse svolgono la funzione di normalizzare volume lacrimale e lubrificare la cornea con polimeri che ne aumentano la viscosità 25

26 Soluzioni multivalenti Componenti base per pulizia e conservazione simili ai singoli componenti delle soluzioni con funzione singola Soluzioni a funzione umettante - conservante sono simili alle formulazioni umettanti, ma con viscosità minore Detergenti utilizzati: vari e coperti da brevetti ma sono non ionici o anfoteri 26

27 LAC (soft) idrogel LAC (soft) idrogel: sistema all equilibrio Vantaggi offerti: Comfort Possibilità di costruire lenti di grandi superfici Minor incidenza di edema corneale su totale di lenti applicate Possibilità di realizzare ed impiegare soluzioni applicative estremamente variegate ma bisogna mantenere costante l equilibrio!!! 27

28 LAC (soft) idrogel Danneggiamento o alterazione della fase gel del sistema può favorire crescita batterica o comunque alterare comfort della LAC Alterazione equilibrio idrico incide sui parametri ottici della LAC Uso soluzioni per la cura e disinfezione delle LAC ha lo scopo di mantenere inalterate nel tempo le proprietà chimico-fisiche del materiale della lente 28

29 Cura e disinfezione delle LAC idrogel Per sistemi di cura e disinfezione delle LAC idrogel valgono da un punto di vista chimico-fisico i concetti fondamentali esaminati per lenti rigide e RGP ma i nuovi polimeri hanno chimica e problemi strutturali nettamente differenti! Formulazioni appropriate compatibili con materiali idrogel, loro efficacia e tollerabilità: materiale idrofilo, facilita insorgere di infezioni. 29

30 Idrogel: superficie estesa su cui si possono adsorbire i componenti delle soluzioni 30

31 Caratteristiche lenti idrogel 1. Fragilità: richiedono speciale attenzione durante la manipolazione. 2. Grandissima area superficiale totale. 3. Struttura a micropori e micropliche. 4. Assorbono i solventi in cui sono immerse. 5. Adsorbono sostanze chimiche (generalmente antisettici) 6. Devono essere sempre mantenute in uno stato di completa idratazione. 7. Attraggono depositi sulla superficie A causa delle interazioni elettrostatiche coinvolte nel legame chimico sulla superficie dei micropori e in contatto con acqua la LAC assume carica negativa che favorisce l adsorbimneto di molecole di conservante con carica positiva (BAK), ma non di carica negativa (thimerosal). Le proteine precipitano su LAC idrofile. Funghi (Aspergillus fumigatus, Tricoteium reseum) possono crescere su superfici idrofile e penetrarvi. I funghi inattivano antisettico. COMFORT LAC idrogel è funzione della costanza della sua idratazione (altrimenti attrae depositi lipofili del liquido lacrimale). 31

32 Soluzioni per lenti idrogel 1. Soluzioni e sistemi disinfettanti 2. Soluzioni e sistemi di pulizia 3. Soluzioni e sistemi condizionanti e idratanti 32

33 Soluzioni disinfettanti Scopo: disinfettare la LAC, impedire sviluppo probabile carica batterica presente su superficie: antisettici sia singoli che in associazione con altri per aumentane efficacia. Proprietà richieste a combinazioni di disinfettanti: 1. La combinazione antibatterica deve possedere una velocità di sterilizzazione o disinfezione rispetto a degli organismi test pari a quella dei due antisettici considerati singolarmente. 2. La combinazione antibatterica deve rimanere attiva anche quando gli organismi test hanno acquisito resistenza rispetto a uno dei componenti l associazione. 3. Lo spettro di attività della combinazione deve comprender sia germi gram negativi sia positivi, oltre che a funghi. 33

34 Soluzioni disinfettanti Proprietà componenti singoli: 1. Un componente dovrebbe essere scelto per la sua elevata velocità battericida e l ampio spettro. 2. L altro dovrebbe possedere quelle proprietà gli gli permettono di aumentare l azione del primo agente antibatterico, in particolar modo contro quegli organismi che hanno sviluppato una resistenza nei riguardi del primo agente. In contattologia le associazioni più usate sono: clorexidina + thimerosal, feniletilacool + clorexidina, trietilammonio cloruro + thimerosal. 34

35 Sistemi di pulizia 1. Pulizia giornaliera: pulizia a carattere profilattico e preventivo, eseguita generalmente con tensioattivi di natura non ionica, tutte le volte che la lente viene tolta dall occhio. Questa operazione deve essere eseguita con diligenza dall ametrope. 2. Pulizia settimanale: ha lo scopo di eliminare dalla superficie della lente depositi proteici sfuggiti ad una pulizia giornaliera frettolosa e incompleta ed eseguita con uso di enzimi. Sarebbe auspicabile che periodicamente tale pulizia fosse eseguita anche dal contattologo. 3. Pulizia intensiva: vi si deve ricorrere solo quando la negligenza dell ametrope e i pochi controlli del contattologo hanno fatto sì che sulla lente si instaurassero depositi tenaci. Si effettua con agenti ossidanti energici e deve essere eseguita solo dal contattologo, non più di una volta per ogni 35 lente.

36 Sistemi di pulizia a base di tensioattivi Componenti principali di una soluzione per la puliza delle lenti idrogel sono: EDTA: come agente chelante rimuove i depositi inorganici ed ha un effetto sinergico sull efficacia antibattericida del conservante. Tesidi o tensioattivi: hanno la proprietà di rimuovere i depositi organici come proteine, lipidi, mucine, etc. Sono molecole formate da un gruppo polare e uno non polare. Questa proprietà conferisce alla molecola di tensioattivo un duplice comportamento: idrofilo e idrofobo. La caratteristica struttura molecolare fa si che una volta in soluzione essa si disponga all interfaccia dei sistemi in studio. 36

37 Agenti chelanti Prevengono e/o rimuovono depositi inorganici come sali di Ca, Mg, Fe Più diffuso: EDTA 37

38 Tensioattivi 38

39 Tensioattivi: azione emulsionante e solubilizzante di depositi lipofili 39

Le soluzioni per lenti a contatto: loro ottimizzazione

Le soluzioni per lenti a contatto: loro ottimizzazione Le soluzioni per lenti a contatto: loro ottimizzazione Le soluzioni per lenti a contatto rigide e Rgp Autore Mario Casini Insegnante a contratto presso la Facoltà Universitaria di Ottica e Optometria di

Dettagli

Meglio informati sull occhio secco

Meglio informati sull occhio secco Meglio informati sull occhio secco Quelli con l arcobaleno Iride Strato lipidico Strato acquoso Strato di mucina Pellicola lacrimale Cristallino Pupilla Cornea Ghiandole di Meibomio L occhio secco I suoi

Dettagli

Per Approfondire. {tab=a cosa serve} Le lac correggono gli stessi difetti di vista correggibili occhiali: Miopia; Ipermetropia; Astigmatismo;

Per Approfondire. {tab=a cosa serve} Le lac correggono gli stessi difetti di vista correggibili occhiali: Miopia; Ipermetropia; Astigmatismo; - Che cosa è: una lente a contatto (lac) è un disco di plastica sottile e trasparente capace di galleggiare sulla superficie oculare. - Che cosa aspettarsi: le lac correggono la vista al pari degli occhiali,

Dettagli

Il sistema di manutenzione di lenti a contatto per occhi sani. Umettante e rigenerante per mezzo di sodio ialuronato e sostanze minerali

Il sistema di manutenzione di lenti a contatto per occhi sani. Umettante e rigenerante per mezzo di sodio ialuronato e sostanze minerali Il sistema di manutenzione di lenti a contatto per occhi sani Umettante e rigenerante per mezzo di sodio ialuronato e sostanze minerali Simply one Simply one L innovazione non è una questione di grandezza,

Dettagli

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca

INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca INTERVENTO DI CLAUDIA RICCARDI PLASMAPROMETEO - Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano - Bicocca La ricerca come strumento per lo sviluppo aziendale: sinergia tra università e industria

Dettagli

PRODOTTI LINEA LAVAGGIO BIANCHERIA SYNERGY STAR SN

PRODOTTI LINEA LAVAGGIO BIANCHERIA SYNERGY STAR SN PRODOTTI LINEA LAVAGGIO BIANCHERIA SYNERGY STAR SN Sistema modulare integrato per lavabiancheria professionale. * Fino a 6 dosatori di varia portata. * Circuito di risciacquo tubi modulare. * Pescanti

Dettagli

MODALITA DI IMPIEGO E CONSERVAZIONE DEI DISINFETTANTI: PRINCIPI GENERALI

MODALITA DI IMPIEGO E CONSERVAZIONE DEI DISINFETTANTI: PRINCIPI GENERALI MODALITA DI IMPIEGO E CONSERVAZIONE DEI DISINFETTANTI: PRINCIPI GENERALI Superfici pulite ( lavate e asciugate) Rispettare concentrazione e diluizione Modalità d uso e tempo di contatto Destinazioni d

Dettagli

PURIFICAZIONE DI DNA

PURIFICAZIONE DI DNA PURIFICAZIONE DI DNA Esistono diverse metodiche per la purificazione di DNA da cellule microbiche, più o meno complesse secondo il grado di purezza e d integrità che si desidera ottenere. In tutti i casi

Dettagli

Scopo della lavorazione

Scopo della lavorazione Rinverdimento 1 Scopo della lavorazione La prima importantissima operazione in conceria è quella di rinverdire le pelli in acqua, con lo scopo di pulirle e reidratarle. Un buon rinverdimento è fondamentale

Dettagli

Miru 1day Menicon Flat Pack

Miru 1day Menicon Flat Pack [ NUOVO CONCETTO ] Miru 1day Menicon Flat Pack Packaging di 1 mm di spessore, che reinventa la modalità di porto delle lenti giornaliere: al tempo stesso facile da aprire, da inserire, da portare con sé

Dettagli

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE

LA DISINFEZIONE LA SCELTA DISINFEZIONE NON È SINONIMO DI STERILIZZAZIONE LA DISINFEZIONE La lotta alle malattie infettive passa necessariamente dalle procedure di disinfezione Fulvio MARSILIO Facoltà di Medicina Veterinaria Università degli Studi di Teramo LA SCELTA Sul mercato

Dettagli

FREQUENT REPLACEMENT COSMETIC CONTACT LENSES. Guida all uso sicuro delle lenti a contatto (Istruzioni per l Uso)

FREQUENT REPLACEMENT COSMETIC CONTACT LENSES. Guida all uso sicuro delle lenti a contatto (Istruzioni per l Uso) FREQUENT REPLACEMENT COSMETIC CONTACT LENSES FreshKon Alluring Eyes FreshKon Colors Fusion Guida all uso sicuro delle lenti a contatto (Istruzioni per l Uso) Consultate un oculista per verificare la vostra

Dettagli

STRESS IPOSSICO DA LENTI A CONTATTO MORBIDE. Piero Marcato

STRESS IPOSSICO DA LENTI A CONTATTO MORBIDE. Piero Marcato STRESS IPOSSICO DA LENTI A CONTATTO MORBIDE Piero Marcato HSU Rappresenta l unità di stress ipossico provocato da una lente a contatto. Fu introdotta nel 1997 da Smith e colleghi nella descrizione del

Dettagli

Istruzioni per l uso delle lenti a contatto rigide gas-permeabili

Istruzioni per l uso delle lenti a contatto rigide gas-permeabili Istruzioni per l uso delle lenti a contatto rigide gas-permeabili Di materiali BOSTON della Polymer Technology e materiali di altri produttori. Hecht Contactlinsen GmbH D-79280 Au 0483 Vedere bene con

Dettagli

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana L OCCHIO SECCO

IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana L OCCHIO SECCO IAPB Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità Sezione italiana L OCCHIO SECCO CAMPAGNA DI INFORMAZIONE DI SANITA' PUBBLICA SULLE MALATTIE CHE CAUSANO CECITA' O IPOVISIONE NELL'AMBITO DI PROGRAMMI

Dettagli

QUAL È IL SAPONE MIGLIORE?

QUAL È IL SAPONE MIGLIORE? Note per il docente QUAL È IL SAPONE MIGLIORE? Note per il docente Per queste lezioni si assume che gli studenti siano già familiari alla reazione di saponificazione e con il tipo di sostanze che compongono

Dettagli

L A V A N D E R I A L A V A N D E R I A DETERSIVI IN POLVERE DETERGENTI LIQUIDI SBIANCANTI AMMORBIDENTI ADDITIVI

L A V A N D E R I A L A V A N D E R I A DETERSIVI IN POLVERE DETERGENTI LIQUIDI SBIANCANTI AMMORBIDENTI ADDITIVI L A V A N D E R I A L A V A N D E R I A DETERSIVI IN POLVERE DETERGENTI LIQUIDI SBIANCANTI AMMORBIDENTI ADDITIVI D e t e r s i v i i n p o l v e r e a t o m i z z a t o KLEREN detersivo atomizzato 20 kg

Dettagli

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO FUSIDIUM 1%

FOGLIETTO ILLUSTRATIVO FUSIDIUM 1% FOGLIETTO ILLUSTRATIVO FUSIDIUM 1% FUSIDIUM 1 % Gocce oftalmiche Acido Fusidico CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Antinfettivo oculare. INDICAZIONI Fusidium è indicato in infezioni batteriche oculari causate

Dettagli

ALLEGATO II - SCHEDA TECNICA LH SEPTACETIC II. Polvere idrosolubile per la preparazione di soluzioni

ALLEGATO II - SCHEDA TECNICA LH SEPTACETIC II. Polvere idrosolubile per la preparazione di soluzioni Revisione n. 00 del 08-06-2012 pagina 1 di 4 LH SEPTACETIC II Polvere idrosolubile per la preparazione di soluzioni decontaminanti /disinfettanti/sterilizzanti di dispositivi medici invasivi e non invasivi

Dettagli

Che cos è un detersivo?

Che cos è un detersivo? Che cos è un detersivo? Miscela di sostanze chimiche che mischiate all acqua sono in grado di rimuovere lo sporco Agiscono sulle sostanze che non si sciolgono facilmente in acqua (idrofobe) I principali

Dettagli

Sepsi. Presenza di agenti patogeni sulla cute o su altri tessuti viventi.

Sepsi. Presenza di agenti patogeni sulla cute o su altri tessuti viventi. La Disinfezione Disinfettanti. Sostanze che combattono, con meccanismo specifico e mediante applicazione diretta, i microrganismi responsabili delle infezioni. Pulizia Rimozione meccanica dello sporco

Dettagli

[LA NOSTRA STORIA] Tutto questo per offrire ai nostri clienti prodotti di alta qualità per la cura della pelle sensibile con la massima affidabilità.

[LA NOSTRA STORIA] Tutto questo per offrire ai nostri clienti prodotti di alta qualità per la cura della pelle sensibile con la massima affidabilità. [LA NOSTRA STORIA] Da tre generazioni Delab si dedica a ricerca, sviluppo e produzione di prodotti farmaceutici e cosmetici. Nei nostri prodotti sono racchiuse le conoscenze e competenze in campo dermocosmetico,

Dettagli

LINEA DI PRODOTTI NaturOzone

LINEA DI PRODOTTI NaturOzone LINEA DI PRODOTTI NaturOzone Basate su SOSTANZE NATURALI OZONIZZATE, mediante un processo di ozonizzazione scientificamente raffinato, deodorati e arricchiti di ossigeno attivo biodisponibile. I PRODOTTI

Dettagli

AQUA GENOMICS. Trattamento auto-idratante

AQUA GENOMICS. Trattamento auto-idratante AQUA GENOMICS Trattamento auto-idratante Bruno Vassari lancia la nuova linea idratante AQUA GENOMICS, basata sui risultati della Cosmetogenomica, scienza che analizza le interazioni tra i principi attivi

Dettagli

Eccipienti SOSTANZE GRASSE

Eccipienti SOSTANZE GRASSE Ricordiamo: SOSTANZE FUNZIONALI: quelle che conferiscono al cosmetico una determinata e finalizzata caratteristica; MATERIE PRIME DI BASE (eccipienti): le sostanze di supporto; ADDITIVI: essenziali per

Dettagli

Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di:

Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di: COME INDOSSARLE... APPLICAZIONE E RIMOZIONE E MANUTENZIONE DELLE LAC Prima di procedere all'applicazione delle lenti a contatto consigliamo sempre di: Manipolare le lenti a contatto sopra una superficie

Dettagli

Crema Idratante Anti-Age

Crema Idratante Anti-Age Crema Idratante Anti-Age Prima di cominciare... I prodotti cosmetici contenenti una fase acquosa sono particolarmente sensibili alla prolificazione di funghi e batteri. Si raccomanda pertanto di igienizzare

Dettagli

NUOVE PROSPETTIVE GESTIONALI E TECNOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO STRUMENTALE IN ENDOSCOPIA DIGESTIVA

NUOVE PROSPETTIVE GESTIONALI E TECNOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO STRUMENTALE IN ENDOSCOPIA DIGESTIVA NUOVE PROSPETTIVE GESTIONALI E TECNOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO STRUMENTALE IN ENDOSCOPIA DIGESTIVA DOTT. ALESSANDRO BARSOTTI U.O. DIREZIONE MEDICA DI PRESIDIO A.O.U.P. Sterilizzazione Qualsiasi processo,

Dettagli

elenco prodotti detergenti Igienizzanti PRATIKA LAVAMANI Lavamani liquido pag 138 ROSè Lavamani liquido profumato pag 139

elenco prodotti detergenti Igienizzanti PRATIKA LAVAMANI Lavamani liquido pag 138 ROSè Lavamani liquido profumato pag 139 134 elenco prodotti detergenti PRATIKA LAVAMANI Lavamani liquido pag 138 ROSè Lavamani liquido profumato pag 139 LILLIMAN Lavamani delicato profumato pag 140 Igienizzanti LILLIGEN Lavamani igienizzante

Dettagli

PRODOTTI LINEA AMBIENTI

PRODOTTI LINEA AMBIENTI PRODOTTI LINEA AMBIENTI NASTA PAVIMENTI MELA VERDE. È un detergente per pavimenti deodorante per ambienti. La formulazione è a base di una gradevole essenza naturale alla mela verde ad elevata persistenza.

Dettagli

Balsamo-Crema Condizionante Fior di Pesco Fi

Balsamo-Crema Condizionante Fior di Pesco Fi Balsamo-Crema Condizionante Fior di Pesco Fi Prima di cominciare... I prodotti cosmetici contenenti una fase acquosa sono particolarmente sensibili alla prolificazione di funghi, muffe e batteri. Si raccomanda

Dettagli

Istruzioni per l uso delle lenti a contatto morbide

Istruzioni per l uso delle lenti a contatto morbide Istruzioni per l uso delle lenti a contatto morbide Hecht Contactlinsen GmbH D-79280 Au 0483 Vedere bene con le lenti a contatto migliora il Vostro modo di vivere. Vi auguriamo di poter portare sin dall

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Una delle più importanti proprietà di una soluzione acquosa è la sua concentrazione di ioni idrogeno. Lo ione H + o

Dettagli

Consultare le avvertenze di rischio e i consigli per la sicurezza durante le operazioni di travaso.

Consultare le avvertenze di rischio e i consigli per la sicurezza durante le operazioni di travaso. Istruzioni per la pulizia e la conservazione dei pavimenti PANDOMO Terrazzo Indicazioni preliminari Una cura periodica e adeguata, così come una protezione specifica dei pavimenti pandomo TerrazzoBasic,

Dettagli

LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI)

LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI) UNIVERSITÀ DELGLI STUDI DI GENOVA -FACOLTÀ DI ARCHITETURA Corso di laurea Magistrale in Architettura LABORATORIO DI RESTAURO IV anno PRE-CONSOLIDAMENTI ESTRAZIONE DI SALI SOLUBILI (DESOLFATAZIONI) a.a.

Dettagli

PRESENTAZIONE PRODOTTI A MARCHIO Produttore: Dr. Weigert GmbH/Amburgo Distributore : Multi Medical Services Srl/Varese

PRESENTAZIONE PRODOTTI A MARCHIO Produttore: Dr. Weigert GmbH/Amburgo Distributore : Multi Medical Services Srl/Varese PRESENTAZIONE PRODOTTI A MARCHIO Produttore: Dr. Weigert GmbH/Amburgo Distributore : Multi Medical Services Srl/Varese Pre-trattamento prima del processo di pulizia manuale o in apparecchiature di lavaggio

Dettagli

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo

adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo PREVENZIONE PROTEZIONE individuazione ed eliminazione dei pericoli alla fonte adozione di tutte le misure necessarie per impedire o ridurre la possibilità di contatto con il pericolo 2 NORME GENERALI DI

Dettagli

A-1 ATTIVATORE MINERALE DELL ACQUA

A-1 ATTIVATORE MINERALE DELL ACQUA A-1 ATTIVATORE MINERALE DELL ACQUA Attivatore minerale dell acqua contiene 13 vari componenti, composti di calcio e minerali (magnesio, potassio, sodio, ecc.) che emettono ioni negativi e radiazioni infrarosse.

Dettagli

La tua pelle chiede aiuto? Scopri i consigli di Cetaphil. CETAPHIL brochure_stampa.indd 1 19/12/2012 11:51:33

La tua pelle chiede aiuto? Scopri i consigli di Cetaphil. CETAPHIL brochure_stampa.indd 1 19/12/2012 11:51:33 La tua pelle chiede aiuto? Scopri i consigli di Cetaphil. CETAPHIL brochure_stampa.indd 1 19/12/2012 11:51:33 La tua pelle chiede aiuto? Impara a rispondere alle sue domande. La pelle è lo scudo che protegge

Dettagli

PREPARAZIONE DELLE SUPERFICI E MODALITÀ DI SCELTA PER LE DIVERSE APPLICAZIONI

PREPARAZIONE DELLE SUPERFICI E MODALITÀ DI SCELTA PER LE DIVERSE APPLICAZIONI PREPARAZIONE DELLE SUPERFICI E MODALITÀ DI SCELTA PER LE DIVERSE APPLICAZIONI (parte seconda) Continua la pubblicazione del testo realizzato da Condoroil per il corso di formazione per gli addetti al trattamento

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI Data di compilazione: 26 febbraio 2013 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA INFORMAZIONI GENERALI : Nome Commerciale

Dettagli

VS2. JohnsonDiversey Delladet

VS2. JohnsonDiversey Delladet JohnsonDiversey Delladet Disinfettante ad azione detergente per applicazioni sulle superfici aperte Presidio Medico Chirurgico Reg.Min.San. n.18927 Descrizione Delladet è un disinfettante detergente concentrato,

Dettagli

RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA

RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA RISCHIO CHIMICO NELLE ATTIVITA DI PULIZIA Unità didattica 3 CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA DEI LAVORATORI RISCHIO CHIMICO IL RISCHIO ESISTE LADDOVE CI SIA UNA ESPOSIZIONE AD UN QUALUNQUE AGENTE CHIMICO.

Dettagli

SANIFICAZIONE DETERSIONE ANTISEPSI

SANIFICAZIONE DETERSIONE ANTISEPSI SANIFICAZIONE DETERSIONE ANTISEPSI DISINFEZIONE MANI IODO 75 Antisettico per la detersione e disinfezione chirurgica delle Mani. P.M.C. Reg. 18929 Ministero Salute polivinilpirrolidone Iodio ( al 10% di

Dettagli

SHAMPOO ALL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

SHAMPOO ALL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA COSMETICI SHAMPOO ALL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA Lo shampoo e stato formulato con eccipienti sicuri, non aggressivi e indirizzato anche a quei soggetti con la pelle morfologicamente sensibile o sensibilizzata

Dettagli

MAKE-UP E LENTI A CONTATTO Come consigliare le nostre pazienti? Daddy Fadel

MAKE-UP E LENTI A CONTATTO Come consigliare le nostre pazienti? Daddy Fadel MAKE-UP E LENTI A CONTATTO Come consigliare le nostre pazienti? Daddy Fadel Optometrista Truccarsi la mattina è ormai diventata una pratica quotidiana di tante donne portatrici di lenti a contatto (lac).

Dettagli

O N E D A Y D I S P O S A B L E C O N T A C T L E N S. Guida all uso sicuro delle lenti a contatto (Istruzioni per l Uso)

O N E D A Y D I S P O S A B L E C O N T A C T L E N S. Guida all uso sicuro delle lenti a contatto (Istruzioni per l Uso) O N E D A Y D I S P O S A B L E C O N T A C T L E N S FreshKon everyday UV Guida all uso sicuro delle lenti a contatto (Istruzioni per l Uso) Consultate un oculista per verificare la vostra idoneità alle

Dettagli

Crema Idratante Anti-Age Pelli Miste

Crema Idratante Anti-Age Pelli Miste Crema Idratante Anti-Age Pelli Miste Prima di cominciare... I prodotti cosmetici contenenti una fase acquosa sono particolarmente sensibili alla prolificazione di funghi e batteri. Si raccomanda pertanto

Dettagli

LA SANITIZZAZIONE NELL'INDUSTRIA ALIMENTARE

LA SANITIZZAZIONE NELL'INDUSTRIA ALIMENTARE LA SANITIZZAZIONE NELL'INDUSTRIA ALIMENTARE Obiettivi e sequenze operative prodotti chimici idonei Assicurare la sicurezza dei prodotti alimentari: a) eliminando i microrganismi patogeni potenzialmente

Dettagli

DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012

DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012 ALLEGATO 2 GLICINA DETERMINAZIONE V&A n. 970 del 10 luglio 2012 RIASSUNTODELLECARATTERISTICHEDELPRODOTTO 1.DENOMINAZIONEDELMEDICINALE Glicina1,5%soluzioneperirrigazione 2.COMPOSIZIONEQUALITATIVAEQUANTITATIVA

Dettagli

Dissociazione elettrolitica

Dissociazione elettrolitica Dissociazione elettrolitica Le sostanze ioniche si solubilizzano liberando ioni in soluzione. La dissociazione elettrolitica è il processo con cui un solvente separa ioni di carica opposta e si lega ad

Dettagli

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi

Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi Il sistema immunitario utilizza strategie diverse di difesa che operano in tempi e con meccanismi diversi. Ci sono numerosi e complessi meccanismi che impediscono agli invasori di entrare dentro all organismo

Dettagli

NANOPROM Falleti Gian Luca

NANOPROM Falleti Gian Luca SCREEN COAT CT 140 NANOPROM di Falleti Gian Luca Sede Legale: Piazza Risorgimento, 3 41049 SASSUOLO - MO Tel. +39 0536 871.677 - Fax +39 0536 194.04.24 - Cell. 338 363.91.45 http://www.nanoprom.it - E-mail:

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D INFORMAZIONI GENERALI Questo manuale e parte integrante del depuratore-disoleatore per lubrorefrigeranti e liquidi di macchine lavaggio sgrassaggio pezzi

Dettagli

CENNI DI ELETTROCHIMICA

CENNI DI ELETTROCHIMICA CENNI DI ELETTROCHIMICA Gli elettrodi a membrana sono elettrodi che permettono la determinazione rapida e selettiva, per potenziometria diretta, di numerosi cationi ed anioni. Il meccanismo di formazione

Dettagli

LAVAMANI PRODOTTI LAVAMANI

LAVAMANI PRODOTTI LAVAMANI LAVAMANI PRODOTTI LAVAMANI LAVARSI LE MANI Le mani dovrebbero essere lavate al termine di ogni lavorazione che comporti inquinamento dell epidermide da parte di agenti microbici e sporco di varia natura.

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER ANTISETTICI E DISINFETTANTI NUMERO GARA GENERALE 1241522. Lotto Descrizione Articolo CIG

PROCEDURA APERTA PER ANTISETTICI E DISINFETTANTI NUMERO GARA GENERALE 1241522. Lotto Descrizione Articolo CIG PROCEDURA APERTA PER ANTISETTICI E DISINFETTANTI NUMERO GARA GENERALE 1241522 Lotto Descrizione Articolo CIG ANTISETTICI PER CUTE INTEGRA 1 2 3 4 5 Clorexidina gluconato 4% soluzione detergente per lavaggio

Dettagli

Lavorazione del latte

Lavorazione del latte Prodotti per Lavorazione del latte Il nostro assortimento di prodotti per Lavorazione del latte 3/16 Indice 1. Pulizia a circuito chiuso... 4 1 a) Circuito alcalino / Avvolgimenti. vagli e forme per formaggio...

Dettagli

La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo

La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo La nuova generazione di antimicrobici brevettata in tutto il mondo DISINFETTANTE PER SUPERFICI Il principio attivo di PURE è l argento diidrato citrato (SDC), ovvero ioni d argento stabilizzati in acido

Dettagli

Antisettici, Disinfettanti e Dispositivi utili nella pratica asettica

Antisettici, Disinfettanti e Dispositivi utili nella pratica asettica Antisettici, Disinfettanti e Dispositivi utili nella pratica asettica LOTTO N. 1 Cute e Mani ALL. 2 A) LAVAGGIO CHIRURGICO: sapone antisettico, battericida e fungicida per lavaggio chirurgico e disinfezione

Dettagli

EXTRUSION COATING. Una tipica linea di estrusione può raggiungere altissime velocità, nell ordine di 500 metri al minuto e oltre.

EXTRUSION COATING. Una tipica linea di estrusione può raggiungere altissime velocità, nell ordine di 500 metri al minuto e oltre. EXTRUSION COATING EXTRUSION COATING L extrusion coating è un processo utilizzato per preparare complessi utilizzati per imballaggi asettici, quali contenitori per latte, vino, succhi di frutta, acqua etc.

Dettagli

Tappeti Decontaminanti Adesivi Sticky Mat. Tappeti autoadesivi per la pulizia delle calzature in ambienti controllati

Tappeti Decontaminanti Adesivi Sticky Mat. Tappeti autoadesivi per la pulizia delle calzature in ambienti controllati Tappeti Decontaminanti Adesivi Sticky Mat Tappeti autoadesivi per la pulizia delle calzature in ambienti controllati Tappeto adesivo per il controllo della contaminazione (con efficienza antibatterica)

Dettagli

www.cleprin.it SGRASSANTI

www.cleprin.it SGRASSANTI SGRASSANTI SGRASSANTI SUPER SGRASSANTE UNIVERSALE ALCALINO Sgrassante alcalino concentrato, per pulire a fondo tutte le superfici lavabili sporche di grasso, sia di origine animale che vegetale. E' ideale

Dettagli

Disinfettare sullo sporco: uno spreco di tempo, fatica e denaro

Disinfettare sullo sporco: uno spreco di tempo, fatica e denaro uno spreco di tempo, fatica e denaro Il principale veicolo di introduzione degli agenti patogeni in un allevamento è rappresentato da animali infetti: non è comunque sempre possibile identificare in via

Dettagli

DISINFETTANTI CON PRESIDIO MEDICO CHIRURGICO CATALOGO

DISINFETTANTI CON PRESIDIO MEDICO CHIRURGICO CATALOGO DISINFETTANTI CON PRESIDIO MEDICO CHIRURGICO CATALOGO 2 INDICE METAFORM PROFESSIONAL 3 AMBIENTI 4-6 TAYFORM 4 METASTERIL 5 KATIOSTERIL 6 STOVIGLIE 7 TAYSTOVIGLIE 7 BAGNO 8 TAY WC 8 BUCATO 9 TAY BUCATO

Dettagli

IDRAVAP: TRATTAMENTI DEOSSIGENANTI

IDRAVAP: TRATTAMENTI DEOSSIGENANTI IDRAVAP: TRATTAMENTI DEOSSIGENANTI IDRAVAP 205 Deossigenante a base di ascorbati che reagisce rapidamente con l ossigeno, eliminandolo completamente dall acqua e promuovendo la formazione di uno strato

Dettagli

Come nasce VIM Professional

Come nasce VIM Professional Come nasce VIM Professional Da oltre 100 anni il marchio VIM è conosciuto da generazioni di consumatori sia in Italia che in Europa come sinonimo di qualità pulente ed igienizzante. Per questo motivo nasce

Dettagli

L Occhio Rosso. Occhio rosso presente in soggetti che ancora non hanno fatto uso di Lac (occhio rosso primitivo)

L Occhio Rosso. Occhio rosso presente in soggetti che ancora non hanno fatto uso di Lac (occhio rosso primitivo) L Occhio Rosso Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria di Pisa L OCCHIO ROSSO Cio che si arrossa e di norma la congiuntiva, ma non solo!!! Occhio rosso primitivo Occhio rosso secondario ad uso

Dettagli

Per prodotti dermatologicamente. e approvati.

Per prodotti dermatologicamente. e approvati. Per prodotti dermatologicamente testati e approvati. La pelle sensibile richiede cure speciali La pelle è, fra gli organi del nostro corpo, quello di maggiori dimensioni. Giorno dopo giorno ci protegge

Dettagli

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione

Advertorial. Tramite distillazione molecolare e a film sottile. Tecniche di separazione Gli impianti VTA vengono impiegati per la purificazione, la concentrazione, la rimozione dei residui di solventi, la decolorazione e l essiccazione di prodotti in diversi settori industriali: chimico,

Dettagli

La bagnatura nella stampa offset Informazioni importanti sull impiego degli additivi di bagnatura

La bagnatura nella stampa offset Informazioni importanti sull impiego degli additivi di bagnatura Informazioni tecniche 25.01 IT 09.2003 Offset da bobina Additivi di bagnatura La bagnatura nella stampa offset Informazioni importanti sull impiego degli additivi di bagnatura Informazioni tecniche hubergroup

Dettagli

Bioingegneria Elettronica I

Bioingegneria Elettronica I Bioingegneria Elettronica I Cenni alla fisiologia delle cellule e dei sistemi biologici A. Bonfiglio La cellula struttura generale La cellula Struttura generale della cellula Composizione dei liquidi intracellulare

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca.

Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca. Dry eye è il termine inglese utilizzato per indicare la Sindrome da occhio secco, ipolacrimia o cheratocongiuntivite secca. È una malattia cronica della superficie oculare a origine multifattoriale caratterizzata

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

La rimozione delle garze tradizionali causa dolore, trauma e danneggia il tessuto di granulazione

La rimozione delle garze tradizionali causa dolore, trauma e danneggia il tessuto di granulazione Medicazioni avanzate Clinica Dermatologica Università di Pisa Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia Direttore : Prof. G.Cervadoro Medicazioni avanzate: definizione Materiale di copertura

Dettagli

ASSORBENTI INDUSTRIALI

ASSORBENTI INDUSTRIALI ASSORBENTI INDUSTRIALI PRODOTTI ASSORBENTI INDUSTRIALI ASSORBENTI INDUSTRIALI Lo spandimento di liquidi, dovuto a caduta accidentale di contenitori o sostanze, richiede un intervento immediato atto a

Dettagli

I nostri prodotti SANIFICANTI 2 PULIZIA DI FONDO 4 ACIDI 5 SPECIALI 6 CLORATI 7 IL NOSTRO PROGETTO: FARE DEL PULITO LA NOSTRA IMPRONTA.

I nostri prodotti SANIFICANTI 2 PULIZIA DI FONDO 4 ACIDI 5 SPECIALI 6 CLORATI 7 IL NOSTRO PROGETTO: FARE DEL PULITO LA NOSTRA IMPRONTA. I nostri prodotti SANIFICANTI 2 PULIZIA DI FONDO 4 ACIDI 5 SPECIALI 6 CLORATI 7 IL NOSTRO PROGETTO: FARE DEL PULITO LA NOSTRA IMPRONTA. SANIFICANTI 2 ALGADIS BS ALGADIS LF ALGADIS ALGADIS PLUS Alghicida

Dettagli

LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA

LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA LA FUNZIONE E IL PROCESSO La funzione di un sistema o evento fisiologico è il perché il sistema esiste. Il processo indica la modalità attraverso

Dettagli

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery

Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery Corso di Laurea in Farmacia Insegnamento di CHIMICA BIOLOGICA Angela Chambery Lezione 3 Le proprietà fisiche dell acqua Concetti chiave: Le molecole d'acqua, che sono polari, possono formare legami idrogeno

Dettagli

specialità chimiche per la produzione e manutenzione industriale LAVAMANI PRODOTTI LAVAMANI

specialità chimiche per la produzione e manutenzione industriale LAVAMANI PRODOTTI LAVAMANI specialità chimiche per la produzione e manutenzione industriale LAVAMANI PRODOTTI LAVAMANI LAVARSI LE MANI Pulizia con risciacquo scheda riassuntiva- peculiarità e prestazioni Meccanismo d azione Pulizia

Dettagli

Parte 2: Proprietà chimico-fisiche dei Materiali per Lenti a Contatto (LAC)

Parte 2: Proprietà chimico-fisiche dei Materiali per Lenti a Contatto (LAC) Corso di chimica Materiali per l Ottica Parte 2: Proprietà chimico-fisiche dei Materiali per Lenti a Contatto (LAC) 1 Generalità Le prime lenti a contatto erano in vetro e non utilizzabili per tempi lunghi

Dettagli

Ricondizionamento degli strumenti: Disinfezione di alto livello e Sterilizzazione

Ricondizionamento degli strumenti: Disinfezione di alto livello e Sterilizzazione Ricondizionamento degli strumenti: Disinfezione di alto livello e Sterilizzazione Rassegna di Patologia dell Apparato Respiratorio 2003, 18 (5) 376-390 Le Linee Guida rappresentano gli standard minimi

Dettagli

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz

L'acqua nei circuiti termici. Dott. Michele Canauz L'acqua nei circuiti termici Dott. Michele Canauz L'acqua Viene utilizzata per la sua capacità di trasportare energia E' un ottimo solvente per sali inorganici(bicarbonati, idrossidi, fosfati, silicati

Dettagli

LINEA COSMETICA MARY ROSE

LINEA COSMETICA MARY ROSE LINEA COSMETICA MARY ROSE LA COMPATTAZIONE EPIDERMICA ISTITUTO COSMETICO MARY ROSE ISTITUTO COSMETICO MARY ROSE LA COMPATTAZIONE EPIDERMICA LINEA COSMETICA MARY ROSE IL SEGRETO NATURALE PER FERMARE IL

Dettagli

Maintenance and Guarantee

Maintenance and Guarantee Please keep for future cleaning advice. Maintenance and Guarantee Pflege - vedlikehold - entretien - onderhoud - manutenzione Cura e manutenzione Per garantire una lunga durata degli arredi, seguire le

Dettagli

Tecniche di microscopia

Tecniche di microscopia Tecniche di microscopia I microscopi permettono di vedere l estremamente piccolo I microscopi ottici utilizzano lenti di vetro in grado di deflettere e focalizzare i raggi luminosi per riprodurre le immagini

Dettagli

La sostanza organica

La sostanza organica La sostanza organica La frazione solida di un suolo comprende anche la componente organica. Il contenuto di sostanza organica in un suolo è molto variabile, in genere nell intervallo 0.5-10 %, (5% in media).

Dettagli

CATALOGO 2015. Ordini e info: lenti a contatto, soluzioni, accessori e premontati

CATALOGO 2015. Ordini e info: lenti a contatto, soluzioni, accessori e premontati CATALOGO 2015 Ordini e info: tel. 06 8804688 tel. 06 97600633 fax 06 99334910 mail: fapigroup@libero.it lenti a contatto, soluzioni, accessori e premontati TS Universale Multifunzionale AcQua Sauflon 550

Dettagli

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine)

Isolamento e purificazione di DNA e RNA. -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) Isolamento e purificazione di DNA e RNA -Rompere la membrana cellulare -Separare gli acidi nucleici da altri componenti cellulari (lipidi e proteine) -Separare gli acidi nucleici tra loro -Rompere la membrana

Dettagli

TENSIOATTIVI E DETERGENZA

TENSIOATTIVI E DETERGENZA TENSIATTIVI E DETERGENZA La tensione superficiale di un liquido è la forza che serve per separare le molecole alla superficie del liquido (per produrvi un taglio) allargando la superficie stessa. Tanto

Dettagli

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI L obiettivo di questo studio è sperimentare una tecnica per la bonifica

Dettagli

L occhio secco: terapie non convenzionali

L occhio secco: terapie non convenzionali L occhio secco: terapie non convenzionali Pierluigi Trabucchi Natale Di Giacomo Terapie non convenzionali Terapie alternative ai sostituti lacrimali oppure utilizzabili in associazione alla terapia sostitutiva

Dettagli

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo

ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo ISOLAMENTO E PURIFICAZIONE DEGLI ACIDI NUCLEICI prof.ssa Daniela Gallo INTRODUZIONE Acidi nucleici Gli acidi nucleici sono una famiglia eterogenea di macromolecole distribuite all interno di tutte le cellule

Dettagli

Tricotomia pre-operatoria

Tricotomia pre-operatoria Tricotomia pre-operatoria Introduzione La corretta preparazione pre-operatoria della cute del paziente è uno degli elementi chiave nel controllo delle infezioni del sito chirurgico. La tricotomia, considerata

Dettagli

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) 1) Se si verificano incidenti che possono provocare la dispersione di un agente biologico appartenente ai gruppi 2, 3 o 4, i lavoratori debbono abbandonare

Dettagli

TECNICHE DI FILTRAZIONE (PROCESSI A MEMBRANA)-1

TECNICHE DI FILTRAZIONE (PROCESSI A MEMBRANA)-1 TECNICHE DI FILTRAZIONE (PROCESSI A MEMBRANA)-1 I PROCESSI A MEMBRANA SI SONO NOTEVOLMENTE SVILUPPATI NEGLI ULTIMI ANNI, GRAZIE SOPRATTUTTO ALLO SVILUPPO DI NUOVI MATERIALI. PUR ESSENDO DIVERSI TRA LORO

Dettagli

Sistema di filtrazione abbinato ad una pompa del vuoto. Sistema semplice per la filtrazione

Sistema di filtrazione abbinato ad una pompa del vuoto. Sistema semplice per la filtrazione Filtrazione: definizioni La FILTRAZIONE è un comune metodo di separazione basato sul seguente principio: le particelle più piccole di una determinata dimensione passano attraverso i pori di un filtro,

Dettagli

& ECOLAB F&B Agri. Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando. Dott. D. Borella. Application Manager F&B Italy

& ECOLAB F&B Agri. Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando. Dott. D. Borella. Application Manager F&B Italy & ECOLAB F&B Agri Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando Dott. D. Borella Application Manager F&B Italy Chimica in sala di mungitura: come, dove e quando La mastite in sala mungitura Agenti

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli