23 novembre 2012 Plesso scolastico Cinisello Balsamo. L immagine nella comunicazione e stereotipi A cura di Paola Bentivegna

Advertisement


Advertisement
Documenti analoghi
Come è cambiata la comunicazione pubblica di genere: alcuni passaggi fondamentali. Anna Catasta. Centro di Iniziativa Europea 20 aprile 2010

Azioni e progetti sulla pubblicità sessista

Media e stereotipi di genere. di Massimo Benvenuto

Report annuale 2014 Progetto CASA PANGEA Calcutta

Percorsi di sensibilizzazione alla parità di genere nelle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO MEDICINA PER STARE

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini.

LE PARI OPPORTUNITÁ IN EUROPA

LA CORRETTA ALIMENTAZIONE ÈDONNA

Idee sui temi di ricerca UNIV 2016 L impronta della famiglia

Padri e madri dedicano più tempo ai figli

Un approccio sociologico alla violenza di genere

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LE DONNE KIT DI ANIMAZIONE

Nelle regioni meno sviluppate che si iscrivono nell obiettivo di convergenza, il Fondo Sociale Europeo sostiene:

PARLAMENTO EUROPEO. Documento di seduta. Impatto del marketing e della pubblicità sulla parità tra donne e uomini

Corpo femminile e pubblicità. Questionario

COMUNE DI ISTRANA AREA AMMINISTRATIVA

Consiglio regionale Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia

SOMMARIO PREMESSA. Come cambia la vita dei bambini Indagine statistica multiscopo sulle famiglie IL COMMENTO AI DATI TAVOLE STATISTICHE

PROGETTO CONCITTADINI 2013/2014

LE PARI OPPORTUNITA VANNO A SCUOLA : laboratori per educare alla relazione di genere nelle Scuole Secondarie di II grado

MAI Più VIOLENZA Ricerca azione sulla violenza di genere

Regione Lazio. Leggi Regionali 20/03/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 23

DEL REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (C.C.R.)

CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D'EUROPA SULLA PREVENZIONE E LA LOTTA CONTRO LA VIOLENZA NEI CONFRONTI DELLE DONNE E LA VIOLENZA DOMESTICA

La Città delle Donne

1 - FORME DI VIOLENZA

NON CHIUDERE UN OCCHIO. La violenza domestica si deve prevenire si può prevenire

CONTRASTARE LA VIOLENZA DI GENERE: AZIONI E STRATEGIE EDUCATIVE E FORMATIVE. A cura di Cotrina Madaghiele

UNICEF. organizzazione. Paola Bianchi Presidente UNICEF Cosenza. 23 marzo 2010

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA (Linee guida per il Patto Educativo - DPR 21 Novembre


Milano. Vittime % ,0 I CASI. < (I Semestre) Totale 172 4, , , ,9 3.

Piano di azioni positive per il triennio 2013/2015

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

Paola Degani. Diparitmento di Scienze politiche, giuridiche e studi internazionali

PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI VICENZA

Pechino in breve: obiettivi strategici e azioni nelle dodici aree critiche della Piattaforma

IL TEMPO DELLE DONNE: gli Enti locali e gli interventi per la conciliazione. L'esperienza del progetto "TEMPO" del Comune di Firenze.

GIOVANI E CROSSMEDIALITÀ: UNA RICERCA SUL TERRITORIO VENETO. A cura di Università degli Studi di Padova - Dipartimento di Ingegneria Industriale

La disuguaglianza sociale: Genere, età, etnia. Roberto Pedersini

Le ragazze e le carriere scientifiche

ASS.INMEDIA ONLUS. Anno scolastico 2013/2014. Proponente:

Sistemi di welfare 3. LE DISUGUAGLIANZE DI GENERE. A.A Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

PROGRAMMA PER. LE - Percorsi sulla legalità

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

La violenza nei confronti delle donne

Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007/2013

Storia del Lavoro: un approccio di genere

Fattori cognitivi e non-cognitivi associati alla literacy finanziaria dei quindicenni italiani

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

Soroptimist International d'italia

Piano triennale di azioni positive per la realizzazione di pari opportunità di lavoro e nel lavoro tra donne e uomini

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

A cura di Maria Alessandra

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

Proposta del Coordinamento Donne di Trento

Cga capofila del progetto Genitori in rete

PARITA TRA I SESSI NELLE CARRIERE ACCADEMICHE TESTIMONIANZA DALLA AUSTRALIA

Inclusione dei disabili

LINGUE STRANIERE: INGLESE e FRANCESE. Obiettivi

PROGETTO. A scuola di parità. Finanziato da: per conoscere, prevenire e fermare la violenza sulle donne

PIANO DI AZIONI POSITIVE

ISTITUTO COMPRENSIVO MARIA PIAZZOLI - RANICA PROGETTO SCUOLA NEL TERRITORIO

Valeria Maione per Ordine dei geologi Roma, gennaio 2015

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, Igea Marina Tel

Diventare padri in Italia

La divisione dei ruoli nelle coppie

Nelle politiche dell'ue il tema famiglia non trova particolare rilievo poiché la competenza in questa materia è rinviata ai singoli Stati.

Linee-Guida per la valorizzazione dell identità di genere e dell immagine femminile nella comunicazione istituzionale

Progetto Ambiente VIVERE LA NATURA

Progetto Scuole & CSR - 1

CITTADINANZA E COSTITUZIONE. Premessa

RELAZIONE SULLA SITUAZIONE DEL PERSONALE ISPRA - ANNO 2012

Bari - Il ruolo della donna oggi all interno degli organi decisionali tra diritti e opportunità

PROGETTO Essere uomini e padri in famiglia e al lavoro - Sfida pratica, politica e sociale

I DIRITTI DELLE DONNE DAL 1900 AD OGGI

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

PARTECIPA ANCHE TU IL SILENZIO UCCIDE LA DIGNITA

Insieme contro la violenza di genere

Agenda politica. FORUM 54 Donne Elettrici Elenco delle proposte. Area Pari Opportunità Piano d azione cantonale Educazione e Formazione

Comune di Rovigo Assessorato alle Pari opportunità

Inserimento professionale dei diplomati universitari

CURRICOLO SULLA PREVENZIONE DELLE DIPENDENZE PROGETTAZIONE TRIENNALE NELLA SCUOLA SECONDARIA DI 1^GRADO

1st WORKSHOP on gender Cultura di genere: Donne, Impresa e Politica. Francesca M. Cesaroni Università degli Studi di Urbino Carlo Bo 6 Marzo 2015

STRUMENTI LEGISLATIVI ITALIANI

MASCHI CONTRO FEMMINE

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE CITTADINANZA DI GENERE E CONCILIAZIONE VITA-LAVORO SOMMARIO

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

PROTOCOLLO D INTESA. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca (di seguito denominato MIUR)

ADM Associazione Didattica Museale. Progetto Vederci Chiaro!

LA RELAZIONE CON IL SOGGETTO NEL REATO DELLO STALKING

Cap. 1: Fattori di rischio e fattori di protezione

INTERVENTO DI BARBARA SPINELLI

Antonia Criscenti (componente docente) Alessandra Renna (componente amministrativa) Federica Ferrarello (componente studentesca)

Advertisement
Transcript:

23 novembre 2012 Plesso scolastico Cinisello Balsamo L immagine nella comunicazione e stereotipi A cura di Paola Bentivegna 1. proiezione video Occhi 1 minuto 2. Stereotipi 10 minuti 3. Proiezione diapositive immagini sessiste 5 minuti 4. Proposta di legge Immagine Differente 10 minuti 5. Proposta protocollo immagine 5 minuti 6. Dibattito oppure dibattito tra stereotipi e proiezione diapositive Consegna Leggi e Donne costituenti e in politica Proposta legge immagine differente 1

Come dice Monica Santoro, sociologa Università Statale Milano (dalla sua relazione all iniziativa di Cgil-Cisl-Uil 8 marzo 2012) : La famiglia svolge in questo processo di apprendimento degli stereotipi un ruolo fondamentale per vari motivi. Per un periodo, seppure limitato ai primissimi anni di vita, il bambino o la bambina considerano il mondo familiare come l unico mondo possibile, escludendo dal loro orizzonte cognitivo realtà differenti. Luogo in cui i due sessi si incontrano e convivono, la famiglia è infatti anche lo spazio storico e simbolico a partire dal quale si dispiega la divisione del lavoro, degli spazi, delle competenze, dei valori, dei destini personali di uomini e donne [ ]. È innanzitutto a livello della famiglia che l appartenenza sessuale diventa un destino sociale, implicitamente o esplicitamente normato, e che viene collocata entro una gerarchia di valori, potere, responsabilità (Saraceno C., Sociologia della famiglia, 1996). Oltre al ruolo svolto dalla comunicazione verbale, il modello adottato dai genitori nella gestione dei compiti familiari, costituisce un importante fattore di trasmissione degli stereotipi di genere. Vivere in una famiglia dove la divisione dei ruoli familiari tra i partner è tradizionale, rappresenta un modello che i figli e le figlie tenderanno a riprodurre nella loro famiglia. Va precisato tuttavia che la famiglia non è l unico soggetto di socializzazione che influisce sulla costruzione degli stereotipi di genere. Lo sono anche i mass media, con i quali i/le bambini/e oggi vengono a contatto in età precocissima, e la scuola. Questi due soggetti rafforzano le rappresentazioni stereotipate di genere. Tutte le ricerche sulla ripartizione dei compiti domestici tra partner in Italia evidenziano come il carico di lavoro familiare gravi soprattutto sulle donne. Le donne italiane hanno un carico di lavoro familiare maggiore rispetto a quello delle altre donne europee e questa divisione asimmetrica dei compiti si riproduce anche nell educazione dei figli e delle figlie. Sebbene si sia registrato un lieve miglioramento nell arco di un decennio (dal 1998) a favore di un maggiore coinvolgimento dei ragazzi in alcune attività domestiche, le ragazze tra i 6 ed i 17 anni risultano sempre più coinvolte nelle attività familiari, specie nella cura dei familiari più piccoli, nel rifarsi il letto, riordinare, aiutare a cucinare e fare le pulizie, lavare i piatti. Ai maschi invece viene affidato prevalentemente il compito di buttare la spazzatura, svolgere lavoretti di riparazione e fare qualche commissione, tutte attività tipicamente maschili. Questo quadro evidenzia chiaramente come ruoli e compiti di genere vengono appresi e perpetuati proprio all interno della sfera familiare. Ciò si manifesta anche nell educazione alla gestione del denaro. Ad esempio, indipendentemente dalla condizione socio-economica dei genitori, i ragazzi ricevono paghette più sostanziose e con scadenza regolare rispetto alle ragazze che, invece, ricevono meno denaro e su richiesta. 2

Coerentemente con queste differenze, i ragazzi vengono spronati a guadagnare, mentre le ragazze a risparmiare. I modelli educativi riproducono così la tradizionale divisione dei compiti familiari tra i generi: l uomo capofamiglia procacciatore di reddito e la moglie dedita alla gestione (oculata) del bilancio familiare. (dati IEGE Ist.Europeo Parità di genere) febbraio 2011 - Nella UE 31% donne part time 7,4% uomini - Nel 2010 solo il 3% donne Presidente d impresa e 12% consigliere d amministrazione - In UE le studentesse sono il 55% e le laureate il 59% e superano gli studenti maschi, ma il tasso di disoccupazione è maggiore (2008) dello 0,9% rispetto a quello degli uomini - In Italia il tasso di inattività femminile è il 48,9%, contro quello maschile del 26,9% - In Italia le donne guadagnano il 18% in meno rispetto agli uomini - A Milano le donne prendono di pensione al mese il 50% in meno degli uomini - Legge 188/2007 (dimissioni in bianco) - In UE il 38% dei personaggi femminili dei videogiochi è scarsamente vestito Qualcosa cambia: A Milano, a Palazzo marino 47 donne dirigenti Nella Polizia locale su 3200 vigili, 913 sono donne A Milano 58000 le imprese con una titolare donna Nella recente legge elettorale, non ancora approvata definitivamente, si sta discutendo dell obbligo della doppia preferenza (una maschile e una femminile) e del 30% delle candidate per ogni lista, pena la squalifica della lista stessa. 1. Da dove nasce l idea di una proposta di legge cosa c entrano gli stereotipi, con l immagine e la comunicazione Dal malessere per la presenza sempre più diffusa di pubblicità (cartelloni stradali, giornali), che in modo sempre più invadente usano corpi maschili e femminili, fotografati in modo sempre più volgare, ammiccanti, con slogan espliciti a sfondo sessuale, che negano rispetto e dignità delle persone. Dall utilizzo sempre più diffuso di stereotipi, quali la donna o l uomo = oggetto al pari dell oggetto da pubblicizzare (come vedremo dalle diapositive). E possibile un immagine diversa? A partire da messaggi pubblicitari e nelle trasmissioni televisive, possibile introdurre immagini diverse per cambiare una cultura che fa percepire il corpo come merce da abbinare a prodotti in vendita? Cultura di prevaricazione, veicolata attraverso pubblicità: può avere ruolo nei comportamenti e negli atteggiamenti nei confronti di donne e uomini, giovani e bambini. Mentre da un lato ci sono segnali di cambiamento nelle pari opportunità, parallelamente la televisione commerciale, impone la bellezza e il culto del corpo come passepartout per il successo in ogni ambito: nelle relazioni amorose, nel lavoro, nella politica e li fa diventare l equivalente della fiducia in se stesse. La bellezza diventa la chiave di volta per pensare di poter avere un valore sociale. 3

Dalla bellezza che diventa mito, il passaggio ad un uso perverso del corpo femminile è breve: merce di scambio (scambi di favore fra uomini politici), ricompensa (vantaggi economici, accesso a cariche politiche), interventi di chirurgia estetica (l ideale di bellezza viene equiparato a conquista di libertà) 2. Nascita del Comitato e chi i soggetti Nel 2010 nasce il Comitato Immagine Differente Camera Lavoro Milano- DonneInQuota Amiche ABCD. Pool di avvocate e costituzionaliste hanno formulato la proposta di legge 3. Obiettivi della proposta di legge In Italia solo autodisciplina (in Spagna c è legge, in altri paesi europei buone pratiche seguite). Elaborata proposta di legge per aprire dibattito politico, culturale e di civiltà per affrontare tema che prevarica l etica, ma si inquadra nell ampio problema della violenza in particolare nei confronti delle donne L obiettivo della proposta di legge è quello di introdurre principi di parità e non discriminazione di genere nella pubblicità e nei mezzi di comunicazione, al fine di tutelare la dignità delle persone e promuovere un immagine egualitaria, plurale e non stereotipata : STEREOTIPI (famiglia,scuola, lavoro) casalinga/moglie-madre oppure la donna in carriera La pubblicità e gli stessi mezzi di comunicazione, con espressioni equilibrate, corrette, plurali, sane, sono in grado di apportare un fondamentale contributo al mutamento sociale, poiché riflettono la mentalità, la ripartizione dei compiti tra uomini e donne, la partecipazione alla vita sociale, culturale, politica e l identità di genere. Alcuni dati sulla violenza: economica-in famiglia- Al nostro Centro donna, nel 2011 si sono rivolte 900 donne di cui il 60% per problematiche di discriminazione al rientro al lavoro dalla maternità e il 7% per violenze fisiche all interno della famiglia. Messaggio culturale importante e spunto di riflessione soprattutto per i giovani Molti sono i protocolli siglati in merito, nei Comuni della Provincia di Milano, che hanno toccato il tema della regolamentazione della pubblicità, inserita nel discorso più ampio della parità tra i generi e della violenza (Cernusco, Provincia Milano, Consigliera di parità) 4. Contenuti della proposta di legge Vengono considerate illecite pubblicità e comunicazione che usino corpi di donne e uomini in modo offensivo della dignità della persona. Ad esempio quando si assimili immagini o parti del corpo a oggetti o a prodotti commerciali che vengono pubblicizzati (DOLCE E GABBANA SILVIAN HEACH SISLEY ) 4

E previsto che le Amministrazioni pubbliche, si impegnino a promuovere accordi che favoriscano l attuazione della disciplina posta dal disegno di legge Prevista sanzione Promozione a cura di Università, Amm.ni pubbl., Commiss. Pari Opportunità, attività formative e iniziative pubbliche. Particolare attenzione sui bambini. (VEDI SILVIAN HEACH 2012 lettera ad azienda e a IAP Ist.Autodisc.Pubblicitaria da parte di Immagine Differente) 5. Proposta protocollo immagine Proposto a diversi Comuni (Milano, Cinisello, Sesto, Paullo - fino ad ora), di sottoscrivere protocollo unitario per introdurre quella regolamentazione che ad oggi non è data da una legge (la nostra proposta è giacente, vedi sotto) e indurre nelle aziende committenti le campagne pubblicitarie, un meccanismo premiante o penalizzante nei diversi territori, a seconda se adottino o meno una campagna non discriminatoria e non stereotipata 6. Situazione attuale Presentata in Parlamento marzo 2011 giacente 6 Marzo 2012 Immagine Differente incontra Ministro Fornero 5