s.r.l. società di ingegneria progettazione di opere civili ed infrastrutturali ingegneria geotecnica ed idraulica udine tel.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "s.r.l. società di ingegneria progettazione di opere civili ed infrastrutturali ingegneria geotecnica ed idraulica udine tel."

Transcript

1 1416 DE R0 D alpe progetti s.r.l. società di ingegneria progettazione di opere civili ed infrastrutturali ingegneria geotecnica ed idraulica udine tel REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI TRICESIMO DE lavoro OPERE INERENTI LA COSTRUZIONE DI UN PARCHEGGIO INTERRATO IN PIAZZA ELLERO A TRICESIMO sottotitolo lavoro PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO descrizione elaborato PREVENZIONE INCENDI - RELAZIONE TECNICA i progettisti dott. ing. Francesco Alessandrini il committente COMUNE DI TRICESIMO dott. arch. Federico Fabris dott. arch. Giulio Merluzzi dott. arch. Andrea Martini dott. geol. Andrea Mocchiutti p. i. Massimiliano Vuaran file:r:\1416_tricesimo\definitivo\1416_de_10_01.dwg archiviato 1 16/11/ /05/2007 emissione MV FA revisione data descrizione redatto approvato si garantisce la distribuzione della copia del presente elaborato in caso di revisione Riproduzione vietata. Tutti i diritti riservati modulo 9999.PG /1r1

2 DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITÀ REGOLATE DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (D.M. 4 maggio 1998). B1 - SCHEDA INFORMATIVA GENERALE RAGIONE SOCIALE COMUNE DI TRICESIMO DESTINAZIONE D USO DEL FABBRICATO Autorimessa COESISTENZA DI ATTIVITÀ "SPECIALI" nessuna INDIVIDUAZIONE DELL'ATTIVITÀ AI FINI ANTINCENDIO (D.M ): ATTIVITÀ PRINCIPALE attività n. 92 (Autorimessa pubblica) ATTIVITÀ ACCESSORIE COMPRESE NELL ATTIVITÀ PRINCIPALE nessuna TIPO DI INTERVENTO L'intervento si configura come nuovo insediamento. VARIANTE DI PROGETTO pag. 1

3 B.2 RELAZIONE TECNICA PREMESSA La presente relazione tecnica è relativa ad una nuova autorimessa da edificazione in comune di Tricesimo nella zona retrostante al palazzo del Municipio. Per detta attività è già stato rilasciato parere di conformità dal Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco in data al. Protocollo n La variante, rispetto a quanto già approvato, consiste nella diminuzione di 5 posti auto in favore di una maggiore dimensione dei parcheggi (larghezza 2,8 m invece di 2,5 m). Inoltre sono state ritoccate anche le aperture di aerazione per compensare l aumento della superficie in pianta. Si allega alle seguenti pagine la relazione tecnica aggiornata. Verranno altresì recepite le prescrizioni dettate dal parere di conformità del Ai fini dell'assogettabilità ai controlli di prevenzione incendi l'attività in oggetto rientra al numero 92 del D.M Nel presente intervento verrà ricavato un locale interrato da destinarsi ad archivio con quantità di carta in deposito inferiore a 50 q.li. Nella presente relazione è stato dedicato un capitolo che descrive dettagliatamente l archivio. Come previsto dal D.M. 4 maggio 1998 di seguito verranno dimostrate l'osservanza delle specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi che nel caso specifico trattasi del D.M. 1 febbraio 1986 "Norme di sicurezza antincendi per la costruzione e l'esercizio di autorimesse e simili. Nel capitolo B3-B4 sono descritti gli aspetti generali e la gestione della sicurezza ecc. pag. 2

4 ATTIVITA 92 pag. 3

5 PREMESSA Il progetto consiste nella realizzazione di una nuova autorimessa interrata da ricavare nella zona retrostante il municipio di Tricesimo. Detta autorimessa avrà capienza totale di 83 autoveicoli, suddivisi su 40 posti auto nel primo piano interrato e 43 posti auto nel secondo piano interrato. I posti auto del secondo piano interrato saranno venduti a privati, mentre i posti auto del primo piano interrato saranno di utilizzo pubblico. La copertura verrà risistemata a piazzale cosi come in origine. Su questo piazzale verranno ricavai ulteriori 50 posti auto situati completamente all esterno. I due piani adibiti ad autorimessa saranno dotati di rampe di accesso e uscita indipendenti, una per ogni piano. La superficie in pianta dell autorimessa sarà: -piano primo interrato superficie 1164 mq -piano secondo interrato superficie 1327 mq In totale l autorimessa avrà una superficie di 2491 mq in pianta 1.1 CLASSIFICAZIONE L'autorimessa sarà del tipo isolato UBICAZIONE L'autorimessa si svilupperà su un due piani interrati. La strada pubblica denominata via G.B. da Bissone, che adduce ai piani autorimessa è inclinata, pertanto essa permetterà di accedere con rampe di raccordo quasi a raso direttamente ai singoli piani CONFIGURAZIONE L'autorimessa é configurabile come tipo chiuso ESERCIZIO Autorimessa non sorvegliata ORGANIZZAZIONE DEGLI SPAZI INTERNI L'autorimessa sarà dotata di parcheggi aperti. 3.1 ISOLAMENTO L'autorimessa non é adiacente a nessun edificio ad eccezione di un locale archivio, da detto locale la separazione avverrà per mezzo di strutture REI ALTEZZA DEI PIANI L'altezza del piano autorimessa al livello -1 sarà di 2,43 m e al piano autorimessa livello -2 sarà di 2,56 m, con un minimo di 2 m sotto le trave. pag. 4

6 3.3 SUPERFICIE SPECIFICA DI PARCAMENTO Ogni posto auto avrà una superficie specifica di parcamento maggiore a 20 mq ovvero 1164/40=29,10 mq. 1327/43=30,86 mq STRUTTURE DEI LOCALI L'autorimessa di tipo isolato sarà costruita con strutture orizzontati e verticali non di separazione realizzate in materiali non combustibili. In particolare saranno impiagate strutture in calcestruzzo armato per travi e pilastri e solai in lastre prefabbricate. 3.5 COMUNICAZIONI L autorimessa non comunicherà con nessuna altra attività. La comunicazione fra i piani dell autorimessa ed il vano scale di sicurezza avverrà per mezzo di vano filtro a prova di fumo dotato di ventilazione medicante camino tipo shunt da 0,1 mq. Il vano filtro sarà realizzato mediante strutture e porte REI 120. Si fa presente che l archivio non comunicherà con l autorimessa ma solamente con il vano scale di esodo. Detta comunque comunicazione avverrà tramite intercapedine antincendi. 3.6 SEZIONAMENTI L'autorimessa sarà costituita da due piani (primo e secondo interrato) aventi superficie complessiva in pianta pari a 2491 mq, valore inferiore al massimo ammesso dall'art.3.6 del D.M. 1 febbraio 1986 ovvero ( )/2=2750 mq La comunicazione fra i due piani dell autorimessa avverrà per mezzo di un vano scale realizzato con strutture non combustibili REI Le corsie di manovra avranno ampiezza maggiore a 4,5 m e 5 m (fronte posti auto) INGRESSI L'ingresso all'autorimessa interrata avverrà tramite due rampe (una per piano) attestate a spazio a cielo scoperto RAMPE L'accesso avverrà da una unica rampa a doppio di circolazione per ogni piano, essa avrà larghezza non inferiore a 4,5 m, con pendenza minore del 20%. 3.8 PAVIMENTI PENDENZE I pavimenti avranno pendenze tali da consentire il convogliamento delle acque in collettori e la loro raccolta in sistemi che consentano la separazione di liquidi infiammabili dalle acque residue. pag. 5

7 3.8.1 PAVIMENTAZIONE La pavimentazione sarà realizzata con finitura in materiale antisdrucciolo ed impermeabile SPANDIMENTO DEI LIQUIDI Pioché l'autorimessa si sviluppa su di un unico compartimento non sarà possibile lo spargimento di liquidi da un compartimento ad un altro. 3.9 VENTILAZIONE VENTILAZIONE NATURALE L'autorimessa sarà dotata di aperture permanenti disposte in modo da consentire un efficacie ricambio dell'aria, nonché lo smaltimento del calore e dei fumi di un eventuale incendio SUPERFICIE DI VENTILAZIONE PIANO PRIMO INTERRATO (LIVELLO -1) La superficie di ventilazione naturale sarà superiore a 1/25 della superficie in pianta (1164 mq) ovvero 1164/25 > 46,56 mq. Ubicazione Dimensioni superficie Accesso da rampa (portone basculante) 8,00x2,40 19,20 mq Apertura di ventilazione A 5,00 mq Apertura di ventilazione B 4,60 mq Apertura di ventilazione C 13,00 mq Apertura di ventilazione D 2,40 mq TOTALE 48,20 mq SECONDO INTERRATO (LIVELLO -2) La superficie di ventilazione naturale sarà superiore a 1/25 della superficie in pianta (1327 mq) ovvero 1327/25 > 53,08 mq. mq Ubicazione Dimensioni superficie Accesso da rampa (portone basculante) 6,45x2,40 15,48 mq Apertura di ventilazione A 5,30x1,00x3 15,90 mq Apertura di ventilazione B 4,70 mq Apertura di ventilazione C 8,80 mq Apertura di ventilazione D 12,5 mq TOTALE 57,38 mq pag. 6

8 3.10 MISURE DI SFOLLAMENTO DELLE PERSONE IN CASO DI EMERGENZA DENSITÀ DI AFFOLLAMENTO Le superfici dell'autorimessa sono 1164 e 1327 mq e la densità di affollamento prevista dalla norma per autorimesse non sorvegliate (caso più sfavorevole) é pari a 0,1 persone/mq. Risulta quindi necessario dimensionare la capacità delle uscite di sicurezza rispettivamente per 117 e 133 persone CAPACITÀ DI DEFLUSSO La capacità di deflusso sarà di 37,5 persone per modulo DIMENSIONAMENTO DELLE VIE DI USCITA Le uscite di sicurezza saranno dimensionate per il massimo affollamento previsto ovvero di 117 persone per il primo piano autorimessa e 133 persone per il secondo piano interrato LARGHEZZA DELLE VIE DI USCITA Ogni piano di autorimessa sarà dotato di due uscite di sicurezza contrapposte. Al livello 2 la prima uscita sarà costituita dal vano scale di emergenza avente larghezza di 1,2 m (conteggiata 2 moduli), la seconda mediante una porta avente larghezza di 120 cm e ricavata in prossimità della rampa carraia (conteggiata pari a 2). Al livello 1 la prima uscita sarà costituita dal vano scale di emergenza avente larghezza di 1,2 m (conteggiata 2 moduli), la seconda direttamente tramite la rampa carraia (conteggiata pari a 2) UBICAZIONE DELLE VIE DI USCITA Le uscite di sicurezza saranno distribuite in maniera uniforme, esse saranno raggiungibili con percorsi inferiori alla lunghezza di 40 m NUMERO DI USCITE Verranno predisposte n.2 uscite di sicurezza per ognuno dei due livelli così costituite: la prima posta in corrispondenza del vano scale di emergenza avrà larghezza pari a 1,20 m (2 moduli) la seconda posta in corrispondenza della rampa d accesso avrà larghezza minima di 1,20 m al livello (si precisa che al livello 2 è prevista una porta da 1,2 m posta in prossimità del portone basculante, mentre al livello 1 non è prevista alcuna chiusura mediante basculante). Complessivamente ogni piano avrà due uscite da due moduli per un totale di 4 moduli per una capacità di deflusso totale di 150 persone maggiore al valore richiesto corrispondente a 133 persone nel caso peggiore SCALE Le scale di sicurezza saranno di separate mediante vano disimpegno REI 120 dalla autorimesse. 4.1 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO L'autorimessa sarà priva di impianto di riscaldamento. pag. 7

9 5 IMPIANTI ELETTRICI Gli impianti elettrici saranno realizzati in piena conformità alla normativa ed alla legislazione vigente; saranno rispettate tutte le prescrizioni di buona tecnica necessarie per ottenere un impianto a perfetta regola d arte ai sensi della legge n. 186 e del DM37/08. E' prevista l'installazione di uno sgancio di emergenza atto a porre fuori tensione gli impianti elettrici dell'intera autorimessa (box auto e corsia di manovra). La fornitura dell energia elettrica avverrà in bassa tensione a 380 V (sistema di I categoria). Il sistema di protezione dai contatti indiretti sarà pertanto quello previsto per i sistemi TT. Il coordinamento tra impianto di terra e dispositivi di protezione sarà ottenuto ricorrendo ad interruttori differenziali ad alta sensibilità (Id! 1 A per tutti i circuiti e Id! 30 ma per i circuiti alimentanti prese a spina); A fine lavori l installatore, ai sensi dell articolo 9 della legge n. 46/90 e dell art. 7 del regolamento d attuazione, rilascerà al Committente una dichiarazione di conformità degli impianti al progetto e alla normativa. Tutte le vie di fuga e le uscite saranno dotate di apparecchi di illuminazione autoalimentati con accumulatore incorporato e del tipo ad inserzione automatica in assenza di rete. Tutti gli apparecchi di tipo autoalimentato avranno l autonomia minima di 1 ora e assicureranno un livello di illuminazione non inferiore a 5 Lux lungo le vie di uscita, e non inferiore a 2 Lux nell'ambiente. pag. 8

10 6 MEZZI ED IMPIANTI DI PROTEZIONE ED ESTINZIONE DEGLI INCENDI IMPIANTI IDRICI ANTINCENDIO Sarà realizzata una rete idrica antincendio a norme UNI con protezione interna realizzata mediante idranti UNI 45. La rete principale sarà costituita da una tubazione interrata in polietilene PN 16 e da linee montanti di alimentazione degli idranti, disposti in posizione protetta, e realizzate in acciaio zincato. La rete idrica sarà alimentata direttamente dall'acquedotto cittadino. Saranno soddisfatte inoltre le seguenti prescrizioni: il numero e la posizione degli idranti sarà tale da consentire il raggiungimento, con il getto, di ogni punto dell'area protetta; l'impianto idraulico sarà dimensionato per il contemporaneo funzionamento di n.2 idranti UNI 45 per complessivi 240 litri al minuto con pressione residua di 0,2 MPa; le tubazioni di alimentazione degli idranti saranno protette la gelo, dagli urti e dal fuoco; Saranno soddisfatte le seguenti prescrizioni: 6.2 MEZZI DI ESTINZIONE PORTATILI L intera attività sarà dotata di un adeguato numero di estintori portatili di tipo omologato e con idonea capacità estinguente, posizionati uniformemente nell'area da proteggere come riportato nelle tavole di progetto. La posizione di tutti gli estintori sarà opportunamente segnalata con cartelli. Gli estintori avranno capacità estinguente non inferiore a 21A-89B. La quantità di estintori necessaria sarà la seguente: 1-20 autoveicoli 1 estintore ogni 5 autoveicoli autoveicoli 1 estintore ogni 10 autoveicoli oltre i 200 autoveicoli 1 estintore ogni 20 autoveicoli Nel presente caso, avendo ogni singolo piano delll'autorimessa al massimo capienza rispettivamente di 40 e 43 autoveicoli, dovranno essere installati almeno n.6 estintori al livello 1 e n.7 estintori al livello NORME DI ESERCIZIO Di seguiti sono elencate le norme di esercizio dell'autorimessa. a) Sarà vietato usare fiamme libere; b) Sarà depositare sostanze infiammabili o combustibili c) Sarà vietato eseguire riparazioni o prove su motori; d) Sarà vietato parcheggiare autoveicoli con perdite anormali di carburanti o lubrificanti; e) Sarà vietato fumare; f) Saranno installati cartelli di segnalazione secondo DLs 493/96; g) I pavimenti dovranno essere periodicamente lavati ed i sistemi di raccolta delle acque dovranno essere ispezionati e puliti; h) Al fine del mantenimento dell'affidabilità degli impianti di rivelazione e spegnimento dovrà essere previsto il loro controllo almeno ogni sei mesi da personale qualificato. pag. 9

11 ARCHIVIO pag. 10

12 PREMESSA A quota del primo piano interrato verrà ricavato un archivio avente superficie in pianta di 82,5 mq, in esso verranno stoccati documenti cartacei per una capacità inferiore a 50 q.li. Detto archivio verrà utilizzato dal municipio per lo stoccaggio di documenti. Ai fini del rispetto della normativa vigente si è previsto quanto disposto dal D.M. 22 FEBBRAIO 2006; Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio di edifici e/o locali destinati ad uffici In particolare al punto 8.3.3: 1. il locale avrà superficie inferiore a 500 mq 2. Gli elementi di separazione avranno caratteristica minima REI La superficie di aerazione sarà maggiore di 1/40 della superficie in pianta, ovvero 82,5/40=2,063 mq. A progetto è prevista una bocca di lupo delle dimensioni di 4,30x0,80= 3,44 mq. 4. Il locale sarà protetto da un impianto di rivelazione incendi 5. Il locale sarà dotato di n.2 estintori a polvere ABC da 6 kg e capacità estinguente non inferiore a 34A 144B2 6. Il carico di incendio massimo ammesso sarà di 60 kg/mq 7. L accesso al locale archivio avverrà da due lati attraverso un intercapedine antincendio. Dal primo ingresso si accederà al locale deposito attraverso il piano scantinato del municipio. Il secondo ingresso avverrà dal vano scale di sicurezza dei piani autorimessa. Anche in questo caso la comunicazione avverrà tramite intercapedine antincendi. Quest ultimo accesso fungerà anche da uscita di sicurezza per il locale archivio, poiché essa avrà larghezza maggiore a 0,8 m ovvero idonea per ambienti di lavoro fino a 25 persone. Si precisa che il deposito non comunicherà con le autorimesse ma solamente con il vano scale di sicurezza. pag. 11

13 B.3 TAVOLE PLANIMETRICHE Allegati: TAVOLA DE 10.1 planimetrie piazzale livello 0 TAVOLA DE 10.2 pianta autorimessa livello -1 TAVOLA DE 10.3 pianta autorimessa livello -2 TAVOLA DE 10.4 sezioni B.4 GESTIONE DELL'EMERGENZA In ottemperanza all'articolo 5 del D.P.R N.37 l'esercente dovrà provvedere agli aspetti gestionali e procedurali al fine di garantire il corretto esercizio dell'attività ai fini antincendi. Dovranno essere: a) mantenere in stato di efficienza i sistemi, i dispositivi, le attrezzature e gli impianti antincendio verificandone periodicamente la necessaria manutenzione; b) assicurare una adeguata informazione e formazione del personale dipendente sui rischi di incendio dell'attività e sulle misure di prevenzione o protezione adottate nonché sulle precauzioni comportamentali da adottare ai fini antincendio; c) annotare in un apposito registro l'avvenuta effettuazione di quanto previsto alle precedenti lettere a) - b); d) avviare le procedure previste dagli articolo 2 e 3 del regolamento in caso di modifiche che comportano una alterazione delle preesistetti condizioni di sicurezza antincendi. Il Tecnico VUARAN per.ind. Massimiliano pag. 12

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA Sanremo, 23 luglio 2012 Riferimento: Trasformazione ex convento ISTITUTO SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO In zona A1 A1 bis f30 del vigente P.R.G. Sanremo (IM) Proponente: RENATO Gaggino l.r., GEORGIA

Dettagli

L AUTORIMESSA IN CONDOMINIO CON CAPACITA DI PARCAMENTO SINO A 9 AUTOVEICOLI IL RISPETTO DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

L AUTORIMESSA IN CONDOMINIO CON CAPACITA DI PARCAMENTO SINO A 9 AUTOVEICOLI IL RISPETTO DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO L AUTORIMESSA IN CONDOMINIO CON CAPACITA DI PARCAMENTO SINO A 9 AUTOVEICOLI IL RISPETTO DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Via Panfilo Tedeschi 1 67100 L'Aquila (AQ) Tel./Fax 086262641 www.zedprogetti.it NOTE

Dettagli

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli.

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli. Relazione tecnica relativa alla realizzazione di autorimessa annessa a nuovo edificio di civile abitazione (DM 1 febbraio 1986 G.U. n. 38 del 15 febbraio 1986) 1.1 Classificazione Trattasi di autorimessa

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona SAVONA - maggio 2013 Corso di aggiornamento di Prevenzione Incendi per il mantenimento iscrizione nell Elenco del Ministero Interno (art.7 D.M. 05.11.2011) Autorimesse Attività n 75 dell allegato I del

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI

1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI 1. INDIVIDUAZIONE DELLE ATTIVITA' SOGGETTE AI CONTROLLI DI PREVENZIONE INCENDI Con riferimento al DPR 151/2011 "Regolamento recante disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi, a norma

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 QT_EFC_03 I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 Il presente documento è stato realizzato dall ufficio tecnico Zenital, coordinato

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE 1.8 RELAZIONE ANTINCENDIO PROGETTAZIONE: DOTT. ING. GIANCARLO CASULA COLLABORATORI: DOTT. ING. BASILIO SECCI DOTT. ING. DAVIDE MARRAS Pag. 2 di 1.8 - RELAZIONE TECNICA

Dettagli

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici

1Regola tecnica di prevenzione incendi per locali destinati ad uffici Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile DECRETO MINISTERO DELL INTERNO 22 FEBBRAIO 2006 (G. U. n. 51 del 2 marzo 2006) Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE

RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Permesso di costruire Centro-Video-Gioco-Sport FABBRICATO: COMMERCIALE-DIREZIONALE RELAZIONE TECNICA INQUADRAMENTO GENERALE Il fabbricato oggetto dell attuale presentazione per il rilascio del permesso

Dettagli

RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO

RICHIESTA PARERE DI CONFORMITA ANTINCENDIO Settore Patrimonio e Demanio Servizi Progettazione Manutenzione Fabbricati Corso Matteotti, 3 23900 Lecco, Italia Telefono 0341.295111 Fax 0341.295444 AMPLIAMENTO I.P.S.S.C.T.S. G. FUMAGALLI IN CASATENOVO

Dettagli

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari

Nuova sede della Facoltà di Scienze della Formazione nel Campus Umanistico del Centro Murattiano di Bari I SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. GENERALITÀ... 3 2.1. SCOPO... 3 2.2. DESTINAZIONE D USO... 3 2.3. CLASSIFICAZIONE... 4 3. UBICAZIONE... 4 3.1. GENERALITÀ... 4 3.2. ACCESSO ALL AREA... 4 4. SEPARAZIONI -

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

Locale gruppo elettrogeno (Scheda)

Locale gruppo elettrogeno (Scheda) LOCALE GRUPPO ELETTROGENO Sistema di alimentazione: TT, TN-S, IT Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e

Dettagli

2. Prescrizioni Antincendio

2. Prescrizioni Antincendio Indice 1. PREMESSA... 2 2. PRESCRIZIONI ANTINCENDIO... 3 2.1. Classificazione... 3 2.2. Isolamento... 4 2.3. Altezza Dei Piani... 4 2.4. Superficie specifica di parcamento... 4 2.5. Segnaletica... 4 2.6.

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA Spett.le Comando dei VVF Corso Ivrea n. 133 11100 AOSTA RELAZIONE ILLUSTRATIVA OGGETTO: Richiesta di parere di conformità antincendio per centrale termica a servizio del palazzetto sportivo Sport Haus

Dettagli

Studio di Architettura Urbanistica e Arredamento Arch. Aldo Cappelletti Via P. Frattini n 285, 00149 Roma, tel/fax 06/55287322 C.F.

Studio di Architettura Urbanistica e Arredamento Arch. Aldo Cappelletti Via P. Frattini n 285, 00149 Roma, tel/fax 06/55287322 C.F. 1 2 RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER LA VALUTAZIONE DEL PROGETTO AI SENSI DELL ART. 3 DEL D.P.R. 01/08/2011 COMUNE DI GUIDONIA MONTECELIO Settore LL.PP. Servizi Cimiteriali PROGETTO II AMPLIAMENTO

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana n.148 del 27.06.1987

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali

Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Normativa UNI 11292 Locali destinati ad ospitare unità di pompaggio per impianti antincendio. Caratteristiche costruttive e funzionali Definizione di norma tecnica Le norme sono documenti prodotti mediante

Dettagli

requisiti di prevenzione incendi, senza pertanto attivare alcuna procedura di deroga/

requisiti di prevenzione incendi, senza pertanto attivare alcuna procedura di deroga/ dipvvf.dcprev.registro UFFICIALE.U.0017223.20-12-2013 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE

Dettagli

Decreto Ministeriale del 01/02/1986 Norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio delle autorimesse e simili. IL MINISTRO DELL'INTERNO

Decreto Ministeriale del 01/02/1986 Norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio delle autorimesse e simili. IL MINISTRO DELL'INTERNO Decreto Ministeriale del 01/02/1986 Norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio delle autorimesse e simili. IL MINISTRO DELL'INTERNO Visto l'art. 1 della legge 13 maggio 1961, n. 469 Visto l'art.

Dettagli

Documento integrativo in risposta alla lettera Prot. n. 0035330 del 21-10-2013 recante oggetto: PRATICA N. 74057

Documento integrativo in risposta alla lettera Prot. n. 0035330 del 21-10-2013 recante oggetto: PRATICA N. 74057 Documento integrativo in risposta alla lettera Prot. n. 0035330 del 21-10-2013 recante oggetto: FONDAZIONE CLINICAL INDUSTRIAL RESEARCH PARK Fabbricato ad uso uffici e laboratori di ricerca, in comune

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 20 novembre 1981. Norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio delle autorimesse e simili (G.U. 3 /12/ 1981, n. 333).

DECRETO MINISTERIALE 20 novembre 1981. Norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio delle autorimesse e simili (G.U. 3 /12/ 1981, n. 333). DECRETO MINISTERIALE 20 novembre 1981 Norme di sicurezza per la costruzione e l'esercizio delle autorimesse e simili (G.U. 3 /12/ 1981, n. 333). IL MINISTRO DELL'INTERNO Visto l'art. 63 della legge - di

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE

LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE CONVEGNO SICUREZZA: QUALI EQUILIBRI tra SCUOLA ed ENTI LOCALI? LA PREVENZIONE INCENDI NELLE ATTIVITA SCOLASTICHE ASTI, 16 aprile 2012 Ing. Francesco ORRU Normativa Classificazione Scelta dell area Ubicazione

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987

DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n. 246 Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987 DECRETO MINISTERIALE 16 maggio 1987 n 246 Gazzetta Ufficiale n 148 del 27 giugno 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma Oggetto: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale Territoriale Centro Ufficio Motorizzazione Civile di Roma Sede Motorizzazione Civile di Roma Nord Sede M.C.T.C. Roma Nord - Via

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Sede Decentrata n.4 via f.lli Antoni

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

D.M. 20 NOVEMBRE 1981

D.M. 20 NOVEMBRE 1981 D.M. 20 NOVEMBRE 1981 Preambolo Il Ministro dell'interno: Visto l'art. 63 della legge di pubblica sicurezza testo unico 18 giugno 1931, n. 773; Visto l'art. 23 del regio decretolegge 2 novembre 1933, n.

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Ufficio Anagrafe Riglione Il tecnico

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

COMUNE DI POZZALLO(RG)

COMUNE DI POZZALLO(RG) Tav.5 Relazione prevenzione incendi COMUNE DI POZZALLO(RG) PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN TERMINALE PER IL CARICO E SCARICO DI IDROCARBURI - GASOLIO E BIODIESEL A SERVIZIO DI DEPOSITO FISCALE, SITO

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI...6 NORME DI RIFERIMENTO...7 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 7 NORME RELATIVE

Dettagli

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone

REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA. Comune di Caneva Provincia di Pordenone REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA Comune di Caneva Provincia di Pordenone LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PALESTRA CENTRO STUDI DI VIA MARCONI PROGETTO ESECUTIVO ALL. E: RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA di PREVENZIONE INCENDI

RELAZIONE TECNICA di PREVENZIONE INCENDI COMUNE di PONTELATONE Provincia di Caserta Permesso di Costruire, in variante allo strumento urbanistico, per la realizzazione di una struttura commerciale nel Comune di Pontelatone alla località Barignano,

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE PALLIATIVE HOSPICE IN SPICCHIO 2 STRALCIO ESECUTIVO FUNZIONALE

REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE PALLIATIVE HOSPICE IN SPICCHIO 2 STRALCIO ESECUTIVO FUNZIONALE INDICE 1) Premessa 2) Progetto edilizio 3) verifica norme antincendio 4) Attività 91 5) Mezzi ed impianti fissi di estinzione 6) Segnaletica di sicurezza 1 REALIZZAZIONE DI CENTRO RESIDENZIALE DI CURE

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI INCENDIO NEI CONDOMINI FILMATO ANACI ROMA TRIANGOLO DEL FUOCO PRIMA DOMANDA... L incendio scoppia nei condomini moderni... o anche nei condomini antichi? L incendio non ha età! ANACI ROMA Dove può scoppiare

Dettagli

DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA

DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO (Decreto 7.8.2012 - All. I - Parte B) B1 - RELAZIONE TECNICA La relazione tecnica è redatta a dimostrazione dell'osservanza

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO AUTORIMESSE

TESTO COORDINATO E COMMENTATO AUTORIMESSE TESTO COORDINATO E COMMENTATO AUTORIMESSE D.M. 1 febbraio 1986 Norme di sicurezza antincendi per la costruzione e l'esercizio di autorimesse e simili (G.U. n. 38 del 15 febbraio 1986) Legenda: - In corsivo

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AI DEPOSITI DI MATERIALI COMBUSTIBILI RICADENTI NELLE SEGUENTI ATTIVITA DEL D.M. 16/02/1982 Punto 43) Depositi

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 2 - ZONA 9 - SCUOLA N 1277 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E CENTRALE TERMICA NELLA

Dettagli

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag.

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag. Indice Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio GENERALITA Pag. 3 1. ATTIVITA SVOLTA Pag. 3 2. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA E DELL ATTIVITÀ SVOLTA Pag. 3 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3 2.2

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA PREMESSA... 3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 4 OPERE CIVILI... 6 NORME DI RIFERIMENTO... 8 NORME RELATIVE ALLA SICUREZZA ED ALLA PREVENZIONE INCENDI... 8 NORME RELATIVE

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15

Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15 Schema di decreto ministeriale, recante Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi per le attività di ufficio, ai sensi dell'articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139. Il Ministro

Dettagli

Misure di prevenzione incendi per le autorimesse: orientamenti della nuova bozza di decreto

Misure di prevenzione incendi per le autorimesse: orientamenti della nuova bozza di decreto Milano - 26 settembre 2012 Misure di prevenzione incendi per le autorimesse: orientamenti della nuova bozza di decreto Dott.Ing. Michele De Vincentis Gruppo di lavoro Aggiornamento D.M. 01 febbraio 1986

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

Centri commerciali e locali di vendita. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Centri commerciali e locali di vendita. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Centri commerciali e locali di vendita Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it Gli esercizi commerciali sono luoghi frequentati quotidianamente da

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO AUTORIMESSE

TESTO COORDINATO E COMMENTATO AUTORIMESSE TESTO COORDINATO E COMMENTATO AUTORIMESSE D.M. 1 febbraio 1986 Norme di sicurezza antincendi per la costruzione e l'esercizio di autorimesse e simili (G.U. n. 38 del 15 febbraio 1986) Note: - In corsivo

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Asilo Nido Marina di Pisa Il tecnico

Dettagli

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DM 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico-alberghiere esistenti di cui al decreto 9 aprile

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELLA PROTEZIONE CIVILE E DEI SERVIZI ANTINCENDI. SERVIZIO TECNICO CENTRALE Ispettorato Prevenzione Incendi

MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELLA PROTEZIONE CIVILE E DEI SERVIZI ANTINCENDI. SERVIZIO TECNICO CENTRALE Ispettorato Prevenzione Incendi MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELLA PROTEZIONE CIVILE E DEI SERVIZI ANTINCENDI SERVIZIO TECNICO CENTRALE Ispettorato Prevenzione Incendi Circolare n. 2/MI.SA (82) 2 Prot. n 1262/4108 Roma,

Dettagli

Direzione regionale VV.F. Lombardia

Direzione regionale VV.F. Lombardia Direzione regionale VV.F. Lombardia Corsi di formazione Prevenzione incendi Gli impianti di ascensori Ing. G. Sola 1 File: ascensori Creato il 26 novembre 2005 Aggiornto: il 28 novembre 2005 Attività specifica

Dettagli

OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE

OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE OBIETTIVI DI UN PIANO DELLE EMERGENZE E DI EVACUAZIONE MINIMIZZARE I DANNI ALLE PERSONE AGEVOLARE L ESODO DALLE STRUTTURE PREVENIRE O LIMITARE I DANNI AL PATRIMONIO, ALL ATTIVITA LAVORATIVA ED AGLI AMBIENTI

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER LA COSTRUZIONE E L'ESERCIZIO DI AUTORIMESSE E SIMILI IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA:

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER LA COSTRUZIONE E L'ESERCIZIO DI AUTORIMESSE E SIMILI IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA: Decreto ministeriale 1 febbraio 1986 (G.U. n. 38 del 15 febbraio 1986) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER LA COSTRUZIONE E L'ESERCIZIO DI AUTORIMESSE E SIMILI IL MINISTRO DELL'INTERNO Visto l'art. 1 della

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLA PREVENZIONE INCENDI

RELAZIONE TECNICA SULLA PREVENZIONE INCENDI RELAZIONE TECNICA SULLA PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: Legge 27 dicembre 2002, art. 80, comma 21. PIANO STRAORDINARIO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. Delibera CIPE n. 143/2006 di approvazione

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5)

PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010)

Il D.M. 27 luglio 2010 La regola tecnica sulle attività commerciali con superficie superiore a 400 mq. (G.U. n. 187 del 12-8-2010) MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE CORSO DI AGGIORNAMENTO IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO AL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli