ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA"

Transcript

1 ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA Raccomandazione iniziale: E opportuno che le note siano poste a pie di pagina piuttosto che alla fine dei vari capitoli o alla fine della tesi. Rimandi bibliografici da inserire nelle note: a) Volume di autore (o curatore) unico: Iniziale del nome 1 (seguita dal punto); cognome per esteso 2 in stampatello maiuscolo (nel caso si tratti di un curatore, far seguire il cognome da (cur.) o da (Hrsg. 3 ) a seconda se si cita in italiano oppure in tedesco); titolo dell opera in corsivo (se il volume contiene due opere oppure un titolo principale e un sottotitolo, separare le due parti mediante il segno / nel primo caso e mediante il trattino nel secondo caso. Ad esempio: Mondfinsternis / Der Rebell. Oppure: Wolf Biermann - Liedermacher und Sozialist: vedi ESEMPIO 2); eventuale indicazione (entro parentesi quadra e non preceduta da virgola) dell anno della prima pubblicazione (se si tratta di opere pubblicate prima dell anno in cui è uscita l edizione di cui si dispone); eventuale indicazione del numero complessivo dei volumi di cui si compone l opera, città (nel caso di più città, separare la denominazione delle varie città con il segno / ), casa editrice, anno di pubblicazione 4 ; eventuale nome della collana della casa editrice, preceduta da =, non preceduta da virgola, entro parentesi tonda e in stampatello minuscolo; eventuale indicazione circa la edizione ampliata (erweiterte Auflage); indicazione del volume a cui si fa riferimento (nel caso si tratti di un opera composta di più volumi); p. (oppure pp.) 5 ; numero della/e pagina/e. Separare le varie voci con una virgola e terminare con il punto. ESEMPIO 1: J.W. GOETHE, Wilhelm Meisters Lehrjahre [1796], 6 Bde, Frankfurt a/m, Insel, 1982 (=eventuale collana), Erweiterte Auflage, Bd 1, p. 75 (oppure pp ; oppure pp ). ESEMPIO 2: Th. ROTHSCHILD (Hrsg.), Wolf Biermann - Liedermacher und Sozialist, Reinbek b.hamburg / Berlin / Wien, Rowohlt, 1976 (=rororo), pp b) Volume collettaneo: Iniziale del nome del primo autore (o curatore), seguita dal punto; cognome per esteso del primo autore (o curatore) in stampatello maiuscolo; iniziale del nome del secondo autore (o curatore); cognome per esteso del secondo autore (o curatore) in stampatello 1 Per alcuni nomi tedeschi, è preferibile far seguire l iniziale maiuscola dalla seconda lettera minuscola. Es: Th. (=Thomas); Ch. (=Christian, Christa); Ph. (=Philipp); Fr. (=Friedrich). N.B.: Tutte le indicazioni contenute in queste note valgono anche per i volumi collettanei di cui ai punti b e c e, in parte, anche per gli articoli di riviste di cui al punto d (a cui si rimanda per maggior chiarezza). 2 L eventuale von va abbreviato, scritto minuscolo e fatto seguire dal punto. Esempio: H. v. KLEIST etc... 3 Usare cur. e Hrsg. anche se i curatori sono più di uno. 4 Se si tratta di una ristampa, il numero di tale ristampa va così indicato: Se si cita da un testo in tedesco, usare S., anche quando si tratta di più pagine (Esempio: S ).

2 maiuscolo; se si tratta di curatori, inserire l indicazione Hrsg. secondo le norme al punto a); titolo dell opera in corsivo 6 ; città; casa editrice; anno di pubblicazione; numero della/e pagina/e. Separare le varie voci con una virgola e terminare con il punto. ESEMPIO: P. CHIARINI / H.D. ZIMMERMANN (Hrsg.), Immer dicht vor dem Sturze... - Zum Werk Robert Walsers, Frankfurt a/m, Athenäum, 1987, pp c) Saggio contenuto in volume collettaneo: Iniziale del nome dell autore del saggio seguita dal punto; cognome per esteso dell autore del saggio in stampatello maiuscolo; titolo del saggio in stampatello minuscolo e fra virgolette; indicazione in non seguita da virgola; iniziale del nome del curatore del volume seguita dal punto; cognome per esteso del curatore del saggio in stampatello maiuscolo; eventuale ripetizione della procedura precedente se i curatori sono più di uno (in questo caso, fra i dati dei diversi curatori va inserita la sbarra obliqua / preceduta e seguita da spaziatura); indicazione Hrsg. fra parentesi tonda; città; casa editrice; anno di pubblicazione; numero della/e pagina/e. Separare le varie voci con una virgola e terminare con il punto. ESEMPIO: H. H. HIEBEL, Robert Walsers Jakob von Gunten - Die Zerstörung der Signifikanz im modernen Roman, in K. M. HINZ / Th. HORST (Hrsg.), Robert Walser, Frankfurt a/m, Suhrkamp, 1991, pp d) Articolo contenuto in una rivista: Iniziale del nome dell autore dell articolo seguita dal punto; cognome per esteso dell autore dell articolo in stampatello maiuscolo; titolo dell articolo in stampatello minuscolo e fra virgolette; nome della rivista in corsivo (preceduto da in ); eventuale indicazione del numero complessivo del fascicolo (ossia non quello dell annata in corso, bensì quello che fa riferimenti a tutti i numeri della rivista usciti fino a quel momento, anche nelle annate precedenti a quella del fascicolo in questione)- (tale indicazione non va fatta precedere dalla virgola); eventuale indicazione dell annata della rivista (in numeri romani o arabi secondo quanto riportato nella rivista stessa; oppure con la semplice indicazione dell anno secondo quanto riportato dalla rivista stessa. Ad esempio: Jhr. VII oppure Jhr. 7 oppure 1997), fra parentesi tonda e non preceduta da virgola; numero del fascicolo della rivista all interno dell annata in corso, preceduto dalla H. di Heft ; numero della/e pagina/e. ESEMPIO: K. S. GUTHKE, Gerhart Hauptmann - Weltbild und Werk, in Theater heute 138 (1997), H. 5, p. 27. Altre indicazioni: 6 Se il titolo dell opera da citare in nota contiene il titolo di un altra opera oppure una citazione, questo secondo elemento va messo fra virgolette semplici (vale anche per le opere di autore-curatore unico di cui al punto a ): Esempio: P. CHIARINI / H. D. ZIMMERMANN (Hrsg.), Immer dicht vor dem Sturze... - Zum Werk Robert Walsers etc... (vedi esempio punto b).

3 1) Eventuali citazioni presenti in nota vanno inserite fra virgolette e in stampatello minuscolo. 2) Se nella nota, oltre che indicare il testo a cui si fa immediato riferimento, si vuol rimandare anche a un altro testo, i dati riguardanti questo altro testo vanno preceduti dall indicazione Cfr. (= Confronta ; in stampatello minuscolo e senza virgolette) (In tedesco: Vgl. = Vergleiche ). L iniziale di Cfr. va maiuscola solo se è posta all inizio della nota. Esso può inoltre essere usato anche per riferirsi a determinate pagine della tesi: si scriverà allora: Cfr. infra (se il rimando è a pagine successive; altrimenti, supra), p. (pp. ). L indicazione Cfr. o Vgl. va usata anche quando si sta parafrasando un testo, un testo cioè di cui si stiano riportando alcuni concetti senza però citarne direttamente delle frasi; se tale parafrasi occupa più capoversi, è bene apporre l indicatore di nota al termine di ogni capoverso e mettere in nota il Cfr. (o Vgl.), seguito dalle indicazioni necessarie (autore, titolo, pagina etc) 3) L indicazione Ibidem (o Ibid.; senza virgolette e in stampatello minuscolo) significa: stessa opera e stessa pagina della nota precedente. In tedesco: ebenda. 4) L indicazione ivi, p. (oppure pp.) (stampatello minuscolo, senza virgolette e non sottolineata) significa stessa opera, pagina diversa della nota precedente. In tedesco: ebenda. 5) L indicazione cit. (non sottolineata, senza virgolette e in corsivo) significa: stesso testo di cui si è parlato in precedenza nel corso della tesi, ma di un autore di cui nella tesi si citino altri testi, e sostituisce città, casa editrice e anno di pubblicazione. ESEMPIO: (si cita dai Wilhelm Meisters Lehrjahre di Goethe, ma di Goethe si sono già ricordate, o si ricorderanno in seguito, altre opere): quindi: J. W. GOETHE, Wilhelm Meisters Lehrjahre [1796], cit., pp In tedesco: (=Anm.3) oppure (=Anm.12)... 6) L indicazione op. cit. (non sottolineata, senza virgolette e in corsivo) significa: stesso testo di cui sì è parlato in precedenza nel corso della tesi e di un autore di cui non si citino altri testi e sostituisce titolo dell opera, città, casa editrice a anno di pubblicazione. ESEMPIO: (si cita dai Wilhelm Meisters Lehrjahre di Goethe, non avendo, né prima né dopo, ricordato altre opere di Goethe): quindi: J. W. GOETHE, op. cit.. pp In tedesco: (=Anm. 3) oppure (=Anm.12)... 6) L indicazione passim (senza virgolette e in corsivo) significa : non mi riferisco a un pagina precisa del testo, poiché l autore ha parlato della questione più o meno in tutto il testo. (Tedesco: passim). ESEMPIO: L. MITTNER, L espressionismo [1965], Bari, Laterza, (=Universale Laterza), passim. Indicazioni riguardanti il testo della tesi non compreso nelle note: 1) Il numero dell esponente di nota va messo prima del segno d interpunzione nel caso ci si riferisca a un singolo termine della frase oppure a una parte della frase. Se invece ci si riferisce alla frase nella sua interezza, allora il numero dell esponente di nota va messo dopo il segno d interpunzione.

4 ESEMPIO I: Lo stile astratto della fiaba viene perfezionato grazie a una serie di tratti caratteristici 1, la maggioranza dei quali è stato già esaminato. (La nota riguarderà così solo i tratti caratteristici ). ESEMPIO II: Lo stile astratto della fiaba viene perfezionato grazie a una serie di tratti caratteristici, la maggioranza dei quali è stato già esaminato. 1 (La nota riguarderà così il concetto complessivo espresso nella frase). 2) Le citazioni fino a tre righe (circa) possono essere inserite di seguito nel testo (eventualmente fra parentesi tonda), mentre quelle più lunghe vanno scritte rientrate di tre spazi rispetto al testo. 3) Nelle citazioni, i tre puntini di sospensione (indicanti l omissione di una parte del testo) vanno messi tra parentesi quadre. ESEMPIO: Ormai hai assolto il tuo compito di padre [...] e puoi andartene. Per quanto riguarda quest ultimo esempio, potrebbe essere necessario inserire nella citazione (prima o dopo la parentesi quadra) un punto; ciò nel caso che nella parte della frase omessa tale punto sia presente; in tal caso, la parte della citazione dopo il punto va fatta iniziare con la lettera maiuscola. 4) Ogni parola straniera rispetto al contesto linguistico della tesi va scritta in corsivo, ad eccezione di quelle ormai saldamente entrate anche nel linguaggio comune e non sostituibili. Ad esempio, in italiano, non vanno scritte in corsivo parole come film, sport, computer etc, mentre sono da scrivere in corsivo parole come élite, Blitzkrieg, input, week-end etc. 5) L ellissi va segnalata attraverso tre puntini di sospensione fra parentesi quadra: [...] 6) I termini tedeschi vanno riportati sempre al nominativo (fra virgolette) e in questi casi l articolo italiano si accorda con il genere del sostantivo tedesco ( la, le per il femminile; il, lo, i, gli per maschile e neutro) (lo Junges Deutschland ; nel Grüner Heinrich ; gli Erlebnisse ; la Weltanschauung di Goethe). Alcuni suggerimenti per la stesura della BIBLIOGRAFIA: 1) Per la suddivisione in sezioni ( opere di letteratura primaria analizzate, altre opere di letteratura primaria consultate, letteratura secondaria, articoli di rivista, articoli di quotidiano etc.), consultare i relatori, visto che quasi ogni tesi dispone di caratteri specifici di cui non è qui possibile fornire un quadro esauriente. 2) La Bibliografia va messa in fondo alla tesi, dopo le Conclusioni, gli eventuali Allegati e la Zusammenfassung. L indice va invece posto all inizio della tesi stessa. 3) Nella Bibliografia, al contrario delle note, il cognome (per esteso e in maiuscolo stampatello) dell autore, va messo prima del nome di battesimo (per esteso e in minuscolo stampatello) e dell eventuale von (per esteso e in minuscolo stampatello). ESEMPIO I a (nota): H. v. KLEIST etc... ESEMPIO I b (bibliografia): KLEIST, Heinrich von etc... Casi in cui il cognome dell autore sia preceduto non solo dal von ma anche da un articolo: ESEMPIO II a (nota): G. von dem BORNE etc... ESEMPIO II b (bibliografia): BORNE, Gustav von dem etc...

5 B u o n l a v o r o!!

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte.

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Tutte le altre informazioni, non contenute in questo documento, potete trovarle nel sito http://www.ababo.it/aba/tesi/ Caratteristiche

Dettagli

mimesis edizioni norme editoriali

mimesis edizioni norme editoriali mimesis edizioni norme editoriali Norme editoriali Pagina 1 di 6 UTILIZZO DI WORD Usare l inserimento automatico delle note a piè di pagina e NON ricominciare la numerazione da 1 per un nuovo capitolo,

Dettagli

CINERGIE ONLINE Norme redazionali

CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE MEDIA I testi devono essere compresi tra 5000 e 7000 battute e NON devono contenere note. Per tutto il resto si rimanda alle norme di CINERGIE SEMESTRALE CINERGIE

Dettagli

Prova finale / Regole tipografiche

Prova finale / Regole tipografiche Prova finale / Regole tipografiche Copertina: scaricare dal sito http://www.unibg.it/provafinale il file della Facoltà di riferimento ed inserire i dati personali. Di seguito si forniscono indicazioni

Dettagli

Norme per gli autori e i collaboratori

Norme per gli autori e i collaboratori Norme per gli autori e i collaboratori Gli articoli vanno consegnati su file, e non devono superare le 20 cartelle (circa 3000 battute ciascuna, spazi inclusi). Le recensioni non devono superare le due

Dettagli

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali TESI Laurea Triennale - Norme redazionali Formattazione 1. I testi devono essere redatti utilizzando il font Times New Roman 2. Il corpo del carattere deve essere di 12 o 13 punti (le note vanno in corpo

Dettagli

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5 «Filosofia» Norme redazionali Regole generali Autore: Times New Roman, corpo 14, corsivo, interlinea 1,5 Titolo saggio: Times New Roman, corpo 14, grassetto, interlinea 1,5 Titolo paragrafo: Times New

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale

Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale L elaborato deve contenere nell ordine le seguenti parti: 1. copertina 2. frontespizio 3. indice 4.

Dettagli

Norme redazionali Rubbettino editore. «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre

Norme redazionali Rubbettino editore. «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre Norme redazionali Rubbettino editore «Cinema e storia. Rivista di studi interdisciplinari» L UNIFORMITÀ è la regola fondamentale da applicare sempre Corsivi va usato esclusivamente per i titoli dei libri

Dettagli

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA Facoltà di Missiologia ELEMENTI DI METODOLOGIA SCIENTIFICA ALCUNI SUGGERIMENTI 1. CITAZIONE IN NOTA, A PIÈ PAGINA: 1.1. Per un libro: Nome (si consiglia che sia per esteso,

Dettagli

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO Chiediamo a ciascun Autore di fornire i propri testi in file Word. Formato: mandare i testi in Word (o.doc o.docx), e.rtf.

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA BREVE PRONTUARIO PER LE TESI DI LAUREA 1. INDICAZIONI PRELIMINARI a) I laureandi sono tenuti a richiedere la tesi almeno

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea. 1. Le abbreviazioni delle fonti normative: di seguito, esempi

Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea. 1. Le abbreviazioni delle fonti normative: di seguito, esempi Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea (Sabato 20 ottobre 2012) ESERCITAZIONI PER LE CITAZIONI Preliminarmente, merita sottolineare che esistono diversi metodi di citazione

Dettagli

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Corso di Laurea in Scienze della Formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione SPORTELLO TESI Istruzioni per lo svolgimento della TESI DI LAUREA o della PROVA FINALE in SCIENZE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

Norme redazionali Liguori

Norme redazionali Liguori Norme redazionali Liguori 1. Indicazioni generali A) Si prega di utilizzare, per la stesura dei documenti destinati alla pubblicazione, il word processor Microsoft Word (sistema operativo Windows oppure

Dettagli

NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI

NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI PONTIFICA FACOLTÀ TEOLOGICA DELL ITALIA MERIDIONALE SEZIONE SAN LUIGI - NAPOLI NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI Nella stesura di un lavoro scritto bisogna attenersi

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

Norme per la redazione del testo

Norme per la redazione del testo Norme per la redazione del testo Norme ortografiche e per la redazione dei segni di interpunzione Puntini di sospensione Sono sempre solo tre e si inseriscono con l apposito carattere unico. Come ogni

Dettagli

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA IL CONTENUTO Attraverso la tesi di laurea lo studente deve elaborare in modo approfondito ed originale l argomento di ricerca assegnato. Il lavoro di tesi

Dettagli

INDICAZIONI PER I TESISTI. 1. Che cos è una tesi di laurea

INDICAZIONI PER I TESISTI. 1. Che cos è una tesi di laurea INDICAZIONI PER I TESISTI 1. Che cos è una tesi di laurea La tesi di laurea è una dissertazione scritta con lo scopo di dimostrare la compiuta conoscenza di un argomento (nello specifico di Diritto del

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA Luglio, 2012 1 0. PREMESSA Le tesi di laurea essere di due tipi: Tesi di Ricerca Sperimentale: lavori che si caratterizzano per la raccolta e/o l'analisi

Dettagli

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali PER GLI AUTORI Norme Redazionali Lunghezza Gli articoli, comprensivi di note e di riferimenti bibliografici, non devono superare le 7.000 parole. Le recensioni dei libri non devono superare le 1.500 parole.

Dettagli

Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara

Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara Istituto Superiore di Scienze Religiose G. Toniolo - Pescara Corso di Metodologia Teologica per gli studenti del primo anno Prof. Bruno Marien Lezione 4 16 novembre 2009 La descrizione dell'informazione

Dettagli

CRITERI EDITORIALI. Note a piè di pagina Font e corpo: Garamond, corpo 10 Interlinea: esatta, 12 pt

CRITERI EDITORIALI. Note a piè di pagina Font e corpo: Garamond, corpo 10 Interlinea: esatta, 12 pt CRITERI EDITORIALI LAYOUT DI PAGINA Testo Font e corpo: Garamond, corpo 12 Interlinea: esatta, 14 pt Rientri speciali: rientro prima riga 0,3 cm Note a piè di pagina Font e corpo: Garamond, corpo 10 Interlinea:

Dettagli

Norme redazionali HB

Norme redazionali HB Norme redazionali HB 1. Impostazioni di pagina Per il LAYOUT PAGINA, impostare: Formato pagina: A5 Margini: superiore cm 2,5 inferiore cm 2 sinistro cm 2 destro cm 2 piè di pagina: cm 2 rilegatura: 0 Per

Dettagli

ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO

ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO REGOLE PER LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA ALL ESAME DI STATO La cosiddetta tesina dell Esame di Stato è in realtà un argomento scelto liberamente dal candidato, con il quale ha inizio il colloquio dell

Dettagli

NORME BIBLIOGRAFICHE PER I LAUREANDI DEL DIPARTIMENTO DI STORIA

NORME BIBLIOGRAFICHE PER I LAUREANDI DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DIPARTIMENTO DI STORIA Marzo 2009 NORME BIBLIOGRAFICHE PER I LAUREANDI DEL DIPARTIMENTO DI STORIA 1. PRINCIPI DI BASE 2. SUGGERIMENTI DI STILE 3. SEQUENZA DEGLI ELEMENTI DELLA CITAZIONE 4. ESEMPI 1. PRINCIPI

Dettagli

Unifepress - Norme redazionali

Unifepress - Norme redazionali Ai collaboratori si richiede di osservare le seguenti norme: Invio dei contributi. I contributi devono essere inviati esclusivamente in formato elettronico al Comitato di Redazione di Unifepress (unifepress@unife.it),

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI OTTICA E OPTOMETRIA BENIGNO ZACCAGNINI SEDE DI «indicare la sede in cui si è frequentato il corso» Anno formativo «indicare l'ultimo anno di frequenza» [Digitare qui il titolo della

Dettagli

- controllare che le virgolette doppie non siano dritte (" ") ma tonde doppie o all inglese ( )

- controllare che le virgolette doppie non siano dritte ( ) ma tonde doppie o all inglese ( ) Norme Redazionali I contributi devono essere presentati in file Word, carattere Garamond corpo 12 (note corpo 10), interlinea 1,5, giustificato, senza tabulazioni o rientri. Il titolo deve essere in grassetto,

Dettagli

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI CAROCCI EDITORE S.P.A. Via Sardegna N 50-00187 Roma Indirizzo Internet: http://www.carocci.it - E-mail: red@carocci.it Sede Redazione: via Santa Teresa, 23-00198 Roma

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione I. Linee guida generali L elaborato finale va presentato, entro il termine perentorio di 30 giorni

Dettagli

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI

NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI NORME PER GLI AUTORI E COLLABORATORI DELLA CASA EDITRICE LEO S. OLSCHKI La Casa editrice Olschki è da sempre particolarmente attenta alla cura e uniformità grafica delle proprie pubblicazioni. Nell intento

Dettagli

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2007-2008 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

2 Si prosegue, poi, studiando le monografie sul tema, indicate nella bibliografia delle Enciclopedie.

2 Si prosegue, poi, studiando le monografie sul tema, indicate nella bibliografia delle Enciclopedie. Come iniziare la ricerca (a cura di F. Manganaro) Bisogna andare dal generale al particolare. Perciò inizialmente bisogna leggere i testi più generali. 1. Si comincia consultando le voci delle Enciclopedie:

Dettagli

FORMATO PROVA FINALE

FORMATO PROVA FINALE FORMATO PROVA FINALE Il Consiglio di Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione ha deliberato di adottare un nuovo format per le tesi cui occorre dunque attenersi. Quelle qui riportate sono le regole

Dettagli

Guida alla stesura della tesi di laurea triennale

Guida alla stesura della tesi di laurea triennale Guida alla stesura della tesi di laurea triennale Cos è la tesi di laurea triennale La tesi di laurea triennale è l elaborato scritto che lo studente è tenuto a redigere a conclusione del proprio percorso

Dettagli

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Scrivere la tesi di laurea Una premessa Il lavoro di tesi, oltre ad essere un documento amministrativo ufficiale, è un opera dell

Dettagli

Norme redazionali Diogene Edizioni. Per il testo e le note vanno rispettati i seguenti criteri esemplificati: Testo (corpo 12)

Norme redazionali Diogene Edizioni. Per il testo e le note vanno rispettati i seguenti criteri esemplificati: Testo (corpo 12) I testi devono pervenire in formato elettronico (servendosi del programma di scrittura Word di Windows con carattere Garamond corpo 12, per le parole in greco antico non traslitterato è necessario l utilizzo

Dettagli

Linee guida per la redazione dell elaborato finale

Linee guida per la redazione dell elaborato finale Linee guida per la redazione dell elaborato finale Cos è una tesina? È «La prova finale [che] consiste nella preparazione e discussione di un elaborato scritto, redatto in lingua italiana o straniera della

Dettagli

Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi

Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi Biblioteche oggi Trends Raccomandazioni per la redazione dei testi Per facilitare il lavoro della redazione e ridurre i tempi di lavorazione, si raccomanda agli autori di attenersi alle seguenti raccomandazioni.

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II VADEMECUM DEL TESISTA PREMESSA Questo scritto costituisce un supporto alla stesura dell elaborato finale. Per questo motivo, ciascun candidato è tenuto a prenderne visione prima di procedere alla redazione

Dettagli

Note per la redazione delle tesi di laurea

Note per la redazione delle tesi di laurea Note per la redazione delle tesi di laurea (proff. Pietro Perconti e Alessio Plebe) Introduzione Queste note intendono guidare lo studente alla stesura della propria tesi di laurea, affinché il documento

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI Carlo Bo. Corso di Diploma triennale in Scienze della Mediazione Linguistica

SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI Carlo Bo. Corso di Diploma triennale in Scienze della Mediazione Linguistica SCUOLA SUPERIORE PER MEDIATORI LINGUISTICI Carlo Bo Corso di Diploma triennale in Scienze della Mediazione Linguistica Guida alla Dissertazione scritta di Prova finale 1. Premessa Con la dissertazione

Dettagli

Norme editoriali per autori e curatori

Norme editoriali per autori e curatori Norme editoriali per autori e curatori NORME GENERALI Il documento contiene le norme editoriali che autori e curatori devono seguire nella redazione di opere che intendono pubblicare nelle collane o nel

Dettagli

Guida alla stesura di una tesi di laurea breve

Guida alla stesura di una tesi di laurea breve Guida alla stesura di una tesi di laurea breve Dipartimento di Lingua e Cultura Italiana Università di Amsterdam Linda Pennings & Ronald de Rooy Fare una tesi significa divertirsi. [ ] L importante è fare

Dettagli

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Nell'intento di uniformare il metodo di stesura delle tesi di laurea vengono qui di seguito fornite a tutti gli studenti

Dettagli

INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA. IIS V. Benini Prof. Marco Menna

INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA. IIS V. Benini Prof. Marco Menna INDICAZIONI E SUGGERIMENTI PER LA STESURA DI UNA TESINA IIS V. Benini Prof. Marco Menna 1 NORME PER LO SVOLGIMENTO DEL COLLOQUIO D ESAME O.M. 37/2014, ART. 16 c. 2. Il colloquio ha inizio con un argomento

Dettagli

SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE

SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE 1 CENTRO STUDI E RICERCHE DI MEDICINA NATURALE E TECNICHE NATUROPATICHE SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE INDICAZIONI E CRITERI FORMALI PER LA COMPOSIZIONE DELL ELABORATO TESI IN NATUROPATIA PREMESSA

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione. Linee guida editoriali atti dell Autorità

Autorità Nazionale Anticorruzione. Linee guida editoriali atti dell Autorità Autorità Nazionale Anticorruzione Linee guida editoriali atti dell Autorità Premessa Con il presente documento si intende rendere omogenee le modalità di scrittura degli atti dell Autorità per uniformarli

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

Indicazioni riferimenti bibliografici

Indicazioni riferimenti bibliografici Indicazioni riferimenti bibliografici Libri e pubblicazioni a stampa Indicazioni generali Volumi Volumi tradotti Saggi in volume collettaneo Curatele Saggi tradotti Articoli su rivista scientifica Interventi

Dettagli

Consigli per la stesura della Tesi

Consigli per la stesura della Tesi Consigli per la stesura della Tesi 1.Norme Generali Durante la stesura della tesi è opportuno prestare attenzione ad alcuni aspetti talvolta sottovalutati che tuttavia concorrono a definire la qualità

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA Via A. Volta, 31 27100 Pavia Tel. 0382 399206 Fax 0382 399205 e-mail: vittadini @ comune.pv.it BIENNIO INTERPRETATIVO INDICAZIONI GENERALI E

Dettagli

Linee guida per l autor*

Linee guida per l autor* Linee guida per l autor* Margini: superiore 3,5 cm; inferiore 3,5 cm; destro 3 cm; sinistro 3 cm. Carattere: Times New Roman Dimensione del carattere: 12 per il testo, i titoli come nell esempio che segue:

Dettagli

Suggerimenti per la normalizzazione della grafia dei termini in uso nei testi correnti della Sapienza

Suggerimenti per la normalizzazione della grafia dei termini in uso nei testi correnti della Sapienza Suggerimenti per la normalizzazione della grafia dei termini in uso nei testi correnti della Sapienza Versione 03 aprile 2007 Manuale di Identità Visiva Sapienza Università di Roma Suggerimenti per la

Dettagli

Vademecum di scrittura per la tesi prof. Stefano Casi stefano.casi2@unibo.it

Vademecum di scrittura per la tesi prof. Stefano Casi stefano.casi2@unibo.it Vademecum di scrittura per la tesi prof. Stefano Casi stefano.casi2@unibo.it Queste pagine sono un vademecum per aiutare il laureando nella scrittura della tesi. Le indicazioni qui contenute vanno seguite

Dettagli

Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010

Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010 Norme editoriali relative alla rivista on line e ai volumi della Serie Speciale ver. 2.0 del 30/11/2010 Indice 1. Come inviare i testi 2. Immagini 3. Divisione capitoli e paragrafi, titoli 4. Citazioni

Dettagli

NORME EDITORIALI FUP (Scienze umane e scienze sociali) Sommario. I. Norme generali 2

NORME EDITORIALI FUP (Scienze umane e scienze sociali) Sommario. I. Norme generali 2 NORME EDITORIALI FUP (Scienze umane e scienze sociali) Sommario I. Norme generali 2 1) Preparazione dei testi 2 2) Criteri editoriali di base 2 3a) Riferimenti bibliografici secondo il sistema harvardiano

Dettagli

NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO

NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO 1- ART. 9 ESAME FINALE (D.M. 30/09/11) 1. Il corso si conclude con un esame finale al quale è assegnato uno specifico punteggio. 2. La commissione d'esame

Dettagli

NORME REDAZIONALI. - utilizzare WORD e non altri programmi

NORME REDAZIONALI. - utilizzare WORD e non altri programmi NORME REDAZIONALI - utilizzare WORD e non altri programmi - per l indice ad inizio libro in esso si possono scrivere o soltanto i titoli dei capitoli o eventualmente anche i titoli dei paragrafi - utilizzare

Dettagli

Regole di scrittura per elaborati di laurea triennale

Regole di scrittura per elaborati di laurea triennale Regole di scrittura per elaborati di laurea triennale Corso di studi in Informatica umanistica A cura di Mirko Tavosanis Basato su materiali preparati da Elena Sbrana Marzo 2009 1 Indice generale 1. Introduzione...3

Dettagli

Università di Parma. Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società. Come si scrive e presenta una tesi di laurea in storia medievale

Università di Parma. Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società. Come si scrive e presenta una tesi di laurea in storia medievale Università di Parma Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società Come si scrive e presenta una tesi di laurea in storia medievale Che cos è una tesi di laurea (prof.ssa Marina Gazzini) Per tesi di laurea

Dettagli

NORME EDITORIALI. nome esatto dell'opera in tondo alto/basso, ad eccezione degli acronimi

NORME EDITORIALI. nome esatto dell'opera in tondo alto/basso, ad eccezione degli acronimi NORME EDITORIALI ArchiDiAP è un portale web di contenuti riguardanti opere e contesti fisici e ambientali di particolare rilevanza e interesse per l`architettura da ogni parte del mondo. Sfruttando le

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELLA TESI Guida alla preparazione del saggio breve, ovvero la parte scritta della Tesi di Diploma di primo livello La presente guida è finalizzata

Dettagli

Centro Studi ed Esperienze Scout Baden-Powell Norme redazionali di Esperienze e Progetti NORME REDAZIONALI

Centro Studi ed Esperienze Scout Baden-Powell Norme redazionali di Esperienze e Progetti NORME REDAZIONALI NORME REDAZIONALI Per agevolare la lavorazione degli articoli da pubblicare su Esperienze e Progetti proponiamo ai collaboratori queste norme redazionali. Le ragioni sono molte, la più ovvia è la necessità

Dettagli

Guida alla redazione della tesi di laurea

Guida alla redazione della tesi di laurea Guida alla redazione della tesi di laurea Premessa Con questa Guida si forniscono alcuni consigli e poche regole queste ultime vincolanti sia per gli studenti sia per i docenti, tanto per le materie di

Dettagli

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto:

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto: UN ESEMPIO Il testo che troverete qui sotto è un esempio di testo regolativo. Esso è stato scritto per facilitare la realizzazione di un testo tecnico di tipo particolare, la relazione di stage. Osservate

Dettagli

Guida all elaborazione della tesi di laurea Prof.ssa Luciana Bellatalla

Guida all elaborazione della tesi di laurea Prof.ssa Luciana Bellatalla 1. Compilazione della bibliografia 1.1 Volumi Guida all elaborazione della tesi di laurea Prof.ssa Luciana Bellatalla AUTORE, Titolo originale, Città, Casa editrice, anno della prima edizione. Se l opera

Dettagli

Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI

Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI Norme Editoriali RACCOMANDAZIONI GENERALI Si invitano i collaboratori a seguire scrupolosamente le norme grafiche e redazionali qui di seguito riportate. In ogni caso è bene attenersi alla massima uniformità

Dettagli

UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA GUIDA PRATICA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma

UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA GUIDA PRATICA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE DIPARTIMENTO DI TEORIA ECONOMICA E METODI QUANTITATIVI PER LE SCELTE POLITICHE Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma GUIDA

Dettagli

STRUTTURA DELLA TESI

STRUTTURA DELLA TESI FACOLTA DI MEDICINA E ODONTOIATRIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA N Presidente: Prof. Adriano Redler Direttore Didattico: Dr.ssa Serenella Savini STRUTTURA DELLA TESI La tesi di ricerca, visti gli

Dettagli

NORMARIO DI GEOPOLITICA. RIVISTA DELL'ISTITUTO DI ALTI STUDI IN GEOPOLITICA E SCIENZE AUSILIARIE

NORMARIO DI GEOPOLITICA. RIVISTA DELL'ISTITUTO DI ALTI STUDI IN GEOPOLITICA E SCIENZE AUSILIARIE NORMARIO DI GEOPOLITICA. RIVISTA DELL'ISTITUTO DI ALTI STUDI IN GEOPOLITICA E SCIENZE AUSILIARIE LA RIVISTA Geopolitica è la rivista dell'isag, ente internazionalistico riconosciuto dal Ministero degli

Dettagli

ISTRUZIONI PER GLI AUTORI. Invio dei testi

ISTRUZIONI PER GLI AUTORI. Invio dei testi ISTRUZIONI PER GLI AUTORI Invio dei testi I contributi vanno inviati esclusivamente alla redazione della rivista al seguente indirizzo di posta elettronica: sociologiadeldiritto@unimi.it Gli articoli devono

Dettagli

LINEE GUIDA PER GLI AUTORI

LINEE GUIDA PER GLI AUTORI LINEE GUIDA PER GLI AUTORI NORME REDAZIONALI Gli articoli proposti per la pubblicazione vanno inviati in formato elettronico.rtf (Microsoft Word) via e-mail e indirizzati a: italicawratislaviensia@gmail.com

Dettagli

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA 1. I M P A G I N A Z I O N E Per la versione definitiva del testo attenersi ai criteri di impaginazione indicati dalla segreteria. Per le versioni

Dettagli

Norme redazionali AItLA foglio di stile per gli autori

Norme redazionali AItLA foglio di stile per gli autori foglio di stile per gli autori 1. Generalia Si prega di seguire scrupolosamente le norme redazionali della collana e di non utilizzare fogli di stile o altri tipi di formattazione automatica diversi da

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI-CLINICHE-PEDIATRICHE (Prof. Loreto Lancia) LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA CORSI DI LAUREA IN INFERMIERISTICA E

Dettagli

Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina

Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina (adattatto da: http://it.wikipedia.org/wiki/bibliografia, ultimo accesso: 16/9/2013) Caterina Ferrario, 16/9/2013 1. Definizione: Per bibliografia

Dettagli

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA -

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA - N o r m e r e d a z i o n a l i p e r l a s t e s u r a d e l l a t e s i d i l a u r e a l i n e e d i m a s s i m a A m b i t o d i P s i c o l o g i a NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI

Dettagli

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente)

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente) OBIETTIVI Migliorare le capacitàdi svolgimento di un progetto autonomo di scrittura documentata. Consolidare le abilità di ricerca delle fonti. Rafforzare le abilitàdi organizzazione dei contenuti. Che

Dettagli

Norme redazionali. Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali:

Norme redazionali. Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali: Norme redazionali Gli articoli proposti per la pubblicazione devono conformarsi alle seguenti norme redazionali: 1) Gli articoli inediti e non sottoposti alla valutazione di altre riviste, devono essere

Dettagli

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Standard editoriali per l impostazione della tesi di laurea (a cura di Carla Rossi) STRUTTURA DEL LAVORO FRONTESPIZIO

Dettagli

Formattazione e suggerimenti tesi di laurea

Formattazione e suggerimenti tesi di laurea Formattazione e suggerimenti tesi di laurea 2 FORMATTAZIONE TESI DI LAUREA Carattere testo: Bookmann Old Style, corpo12 Carattere note: Bookmann Old Style, corpo 10 Clicca FORMATO e poi PARAGRAFO Allineamento:

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

Testo. Corresponding author: Annalisa Andreoni, Università IULM, via Carlo Bo 1, 20143 MILANO, Italia. Email: annalisa.andreoni@iulm.

Testo. Corresponding author: Annalisa Andreoni, Università IULM, via Carlo Bo 1, 20143 MILANO, Italia. Email: annalisa.andreoni@iulm. «Nuova Rivista di Letteratura Italiana» Norme redazionali I contributi devono essere redatti in modo chiaro, completi e rifiniti in ogni loro parte, presentati nella stesura definitiva e inviati in formato

Dettagli

Rivista di Analisi e Teoria Musicale LIM Editrice NORME EDITORIALI

Rivista di Analisi e Teoria Musicale LIM Editrice NORME EDITORIALI Rivista di Analisi e Teoria Musicale LIM Editrice NORME EDITORIALI Gli articoli proposti alla rivista vengono sottoposti all esame di due revisori scelti dal comitato scientifico, e il loro parere motivato

Dettagli

SCHEMA ORGANIZZATIVO DELLA TESI

SCHEMA ORGANIZZATIVO DELLA TESI SCHEMA ORGANIZZATIVO DELLA TESI 1) Copertina (dovranno comparire tutti i dati del frontespizio); 2) Prima pagina all'interno della tesi deve essere bianca; 3) Seconda pagina: Indice 4) Terza pagina: frontespizio;

Dettagli

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DEI LAVORI DI PROSEMINARIO, SEMINARIO, LICENZA, MASTER E DOTTORATO IN LETTERATURA ITALIANA 1. INDICAZIONI GENERALI

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DEI LAVORI DI PROSEMINARIO, SEMINARIO, LICENZA, MASTER E DOTTORATO IN LETTERATURA ITALIANA 1. INDICAZIONI GENERALI Romanisches Seminar Letteratura Italiana Prof. Dr. J. Bartuschat e Prof. Dr. T. Crivelli NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DEI LAVORI DI PROSEMINARIO, SEMINARIO, LICENZA, MASTER E DOTTORATO IN LETTERATURA

Dettagli

Guida alla composizione della tesi di laurea

Guida alla composizione della tesi di laurea Guida alla composizione della tesi di laurea Corso di laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Facoltà di Giurisprudenza Como 1 Indice 1. Introduzione p. 3 2. Tempistica p.

Dettagli

Norme redazionali per le tesi di laurea

Norme redazionali per le tesi di laurea Norme redazionali per le tesi di laurea Come costruire le note a piè pagina? Il modello autore-data consente di costruire un apparato di note estremamente economico, poiché non richiede la menzione di

Dettagli

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan ISTRUZIONI GENERALI PER L'IMPAGINAZIONE E LA REDAZIONE DELLE NOTE Ogni testo redazionale richiede un editing adeguato che valorizzerà

Dettagli

NORME REDAZIONALI. per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata

NORME REDAZIONALI. per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata NORME REDAZIONALI per gli autori della Rassegna Italiana di Linguistica Applicata Questa pagina viene aggiornata regolarmente. La presente versione è datata 12 dicembre 2013 Accesso La RILA è uno strumento

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE... 1 1. Le parti di una tesi/tesina... 1 L indice-sommario... 1 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 1 La introduzione...

Dettagli