Daniele Callini. Prima Regola. Numero XII - Anno MMXV. I Quaderni della Libera Officina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Daniele Callini. Prima Regola. Numero XII - Anno MMXV. I Quaderni della Libera Officina"

Transcript

1 Daniele Callini Prima Regola Numero XII - Anno MMXV I Quaderni della Libera Officina

2 I Quaderni della Libera Officina La Libera Officina per la Crescita Umana e Sociale LOCUS è un laboratorio culturale nato a Brisighella con lo scopo di promuovere i valori umani e la crescita della persona e della società. E stata fondata da Daniele Callini e da Giuliana Morini per realizzare diverse iniziative, servizi ed attività culturali, formative e scientifiche a favore di persone e istituzioni, senza alcuna finalità di lucro. Le entrate economiche e i proventi delle attività della Libera Officina sono infatti utilizzati per la realizzazione delle sue attività istituzionali di ricerca e formazione. I Quaderni della Libera Officina si propongono quindi di dare vita a una vera e propria collana di ebook fruibili gratuitamente, quale strumento di studio, condivisione e diffusione della conoscenza. Visita il sito dove potrai consultare e scaricare gli altri ebook della collana Copyright I diritti relativi al testo, pubblicato in rete il 9 giugno 2015, sono di proprietà dell autore. E vietata la riproduzione non autorizzata, con qualsiasi mezzo effettuata, anche se parziale, a uso interno o didattico. 2

3 INDICE Incipit pag. 4 Taccuino di appunti pag. 6 Brevi note biografiche sull autore pag. 31 3

4 INCIPIT Gli uomini, non avendo potuto guarire la morte, hanno risolto, per vivere felici, di non pensarci. Blaise Pascal Sono affascinato dalla morte come tema sociologico e metafisico e come simbolo antropologico. Non perché il sottoscritto desideri morire! Anzi è esattamente vero il contrario. Spero di restare il più a lungo possibile in questo corpo e in questo mondo. Il fatto è che la morte è ciò che più di oscuro vi sia. E l archetipo per eccellenza, il destino accomunante dell umanità. Nel mio intimo percepisco la morte come una fedele e invisibile compagna di viaggio, al pari della matrice che mi ha donato la vita. So che un giorno sarà lei a farsi viva e a farmi visita. Del resto la giostra dell esistenza gira proprio attorno a lei. Ogni pulsione di sopravvivenza, di piacere, di riproduzione, di spiritualità, di salute, è in realtà un suo satellite. So bene che questa riflessione non risponderà ad alcuna delle più antiche e misteriose domande. Tuttavia parlare di morte lo trovo non solo esercizio consolatorio, poiché ritengo che imparare a morire sia un po come imparare a 4

5 vivere. La prima regola dell apprendimento esistenziale è proprio questa: apprendi la morte! Così potrò non solo godere dei doni della vita, ma anche conferirle un significato. Dunque è un vero piacere dare inizio a questa analisi metafisica e introspettiva, per esplorare con me stesso questo oscuro tema. Sin da bambino ho pensato alla morte in modo non superficiale. Non l ho mai rimossa dalla mia vita, tuttavia sento la necessità di fermare questo susseguirsi di pensieri, immagini e ricordi depositati un po alla rinfusa nella memoria. 5

6 TACCUINO DI APPUNTI 1. Provenienza e destinazione Da dove vengo? Dove vado? Le soglie dei due interrogativi sono di sicuro la nascita e la morte. Due eventi intimamente connessi e non solo rispetto alla relazione causa-effetto. Oltre quelle due soglie è solo possibile fare congetture, mobilitare la fantasia oppure la fede. Non vi sono però risposte certe e oggettive. Siamo costretti a convivere col mistero, a riconoscerlo, riceverlo e amarlo così com è. 2. Una dura legge naturale Dal momento in cui si nasce è già scritto il proprio destino. Prima o poi si dovrà morire. La strada dell esistenza porta al suo epilogo, rendendo transitorio e temporaneo il tragitto. Nulla di che, è così per tutti, la morte è democratica, e rende tutti uguali, ricchi e poveri, personaggi di fama e perfetti sconosciuti, uomini di potere e umili, criminali e santi. Non c è via di scampo per alcuno. I camposanti sono pieni di persone di ogni genere ed estrazione sociale. Talvolta la fine arriva troppo presto, in altri casi si fa attendere anche troppo a lungo. Secondo i criteri di giudizio 6

7 dell essere umano la morte non agisce sempre in modo giusto. Strappa via dalla vita bambini innocenti e lascia al mondo, ancora per un po, portatori di colpe inaudite. Ci si domanda perché questo possa avvenire. Ma succede e basta. Non ci è dato conoscere le motivazioni dell oscuro disegno. Dobbiamo prenderlo e accettarlo così com è, nella speranza che in esso vi sia un significato che trascende le nostre possibilità di umana comprensione. Le leggi della natura sono dure, all apparenza inaccettabili e ingiuste, eppure dobbiamo piegarci ad esse, che è un saper riconoscere e sopportare la realtà così come è. Proprio in virtù di queste crude leggi biologiche non ci resta che agire per dare un significato al viaggio, che resta in ogni caso qualcosa di veramente miracoloso. La vita, lunga o breve che sia, è un grande miracolo. La nascita resta comunque la principale causa di morte. 3. Non voglio morire Come ho appena detto vorrei che la morte arrivasse il più tardi possibile. Ho ancora tante cosa da fare! Sono aggrappato alla vita e ai suoi doni, alla sua materialità, alla preservazione del mio corpo e al godimento della bellezza, dei sensi, dei frutti di questo mondo. La natura, l arte, i colori, i sapori, la cultura, il sapere, mi inondano ogni giorno di energia vitale, di benessere, di piacere. L idea che a un certo punto tutto questo mi venga negato e che non possa più portarne memoria, è per certi versi angosciante. Eppure è così! Allora mi dico: - Non fustigarti caro mio, non ne vale la pena! Adesso vivi! Del dopo non puoi sapere! - 7

8 4. Rassegnazione costruttiva Dunque vivo, prendo quello che c è di buono, tento di essere grato alla vita, ma soprattutto cerco una ragione alla finitudine. Guardo rassegnato l epilogo, ma non passivamente. Vorrei che prima di quel momento io possa aver vissuto ogni istante con la pienezza di un fanciullo e la consapevolezza di un saggio. Insomma con leggerezza e profondità. Ecco cosa desidererei da me stesso. Arrivare in fondo al viaggio senza il rimpianto di non aver ascoltato e amato abbastanza, di non aver generato alcuna testimonianza, di non aver spremuto neppure una goccia di felicità. Di fronte alla morte sono dunque guidato da una rassegnazione generativa, costruttiva per l appunto, vitale e creativa. Il desiderio di dare vita a qualcosa, a qualsiasi cosa, per colmare quel vuoto che è parte di me. Un pensiero, un opera, una relazione, un bambino. Non importano le dimensioni dei risultati, ma la passione, l impegno, la responsabilità, il sacrificio che si impregna di bellezza. In questo sforzo si esprime un significato che impedisce al vorace oblio di annientare la mia coscienza e la dignità del mio esserci, che è a termine, non è per sempre. 5. Le due forme del lasciare Nella morte c è un lasciarsi e un consegnare. Vi sono due forme del lasciare: 1) Lasciare andare chi ami. 2) Lasciare qualcosa a chi resta. 8

9 La morte spezza i legami, separa le persone. La persona amata se ne va da questo mondo, per sempre. Resterà un ricordo psichico, ma non la relazione fisica. Chi muore lascia chi resta. Viceversa chi resta lascia andare chi muore. Deve farlo, dopo l elaborazione di un lutto, altrimenti non potrà più vivere libero, ma nella prigionia di una relazione impossibile. Poi chi se ne va per sempre lascia qualcosa a chi resta. Immagini, ricordi, cose, opere, parole, idee, visioni, valori. Ebbene questo patrimonio, questa eredità emozionale, culturale, persino economica, continua a vivere, rimane, si radica creando sempre qualcosa di nuovo. Qualcosa che in certi casi è destinato a durare, in altri a soccombere o trasformarsi. Ma nulla è inutile entro questa catena di esperienza e di metamorfosi. Tutto contribuisce alla magnifica alchimia del Tutto. 6. I segni quotidiani della finitezza Ogni giorno finisce qualcosa. Si tratta dei tanti piccoli e grandi segni della finitezza. Vi sono circostanze importanti che segnano la conclusione di un percorso o di un esperienza. Cambiare lavoro, casa, legame affettivo è sempre una grande trasformazione che traccia un epilogo e lascia una sofferenza. E un lutto. Poi ogni giorno infiniti messaggi arrivano a conclamare il principio che tutto ha un inizio e una fine. Questo fatto è ineluttabile, irreversibile. Non esiste organismo biologico, oggetto materiale, fenomeno sociale, materia fisica che non sia sottoposta a una trasformazione, a un cambiamento di stato. Il che presup- 9

10 pone una fine e un nuovo inizio. La conclusione di un film, di una festa, di un momento magico simboleggia l idea dell epilogo. L esaurimento di una cartuccia della stampante o di una risma di carta rappresenta, allo stesso modo, una fine, il ché presuppone che il nuovo deve prendere il posto del vecchio. Talvolta si assiste al preludio della fine, al declino, rapido o lento che sia, di una civiltà, di un movimento politico, di un economia, di un azienda, o, più semplicemente, di una relazione. Pure questo è segnale della finitezza. Dunque tutto ha un ciclo di vita, persino le galassie. Ciò non significa che dopo ci sia il nulla, ma solo una trasformazione. Si vive attorniati da questa immagine e da questa idea a cui è necessario aderire con la dovuta docilità per non essere sopraffatti dalla disperazione della dissoluzione. Il destino della vita non è la dissoluzione bensì la trasformazione. 7. Una buona morte La morte delle persone ha assunto una molteplicità di forme. Morte improvvisa. Morte preannunciata. Morte dolce. Morte dolorosa. Morte nel sonno. Morte cosciente. Morte naturale. Morte violenta. Morte prematura. Morte senile. Si tratta, fondamentalmente, di una pluralità di immagini che pendolano tra un idea accettabile del morire e una sempre più spaventosa. Persino dinnanzi alla morte si scomoda la speranza. Si spera di avere una morte con certi crismi e di non incappare nelle sue forme più tragiche. C è insomma, nell immaginario collettivo, un modo migliore e uno peggiore di morire. Il secondo è la trama degli incubi 10

11 più terribili e orribili, è ciò che non vorremmo mai esperire e neppure vedere. 8. La morte in terza, in seconda e in prima persona Tutti i giorni muore qualcuno. Uno qualsiasi. Non ci si fa caso, neanche più di tanto. Oramai la morte non costituisce più un fatto sociale ma solo privato che coinvolge solamente gli stretti interessati. Questa si potrebbe definire la morte in terza persona. Con un certo distacco riservo la morte solo agli sconosciuti, attraverso un rinvio temporale, che assume tuttavia la forma di un continuo rimando. Potrebbe peraltro morire un altro da me, ma qualcuno a cui sono molto legato. Questa morte, in seconda persona assomiglia alla mia perché, in questa circostanza, muore qualcosa anche di me. Infine la morte in prima persona, quindi la mia, è qualcosa che ancora non conosco, ma temo. Quando la conoscerò sarà troppo tardi, non potrò trasformarla in esperienza di apprendimento. Allo stesso modo in cui non posso parlare della mia esperienza prima di essere nato. Non ricordo nulla al riguardo. Prima della nascita c è il nulla sensoriale, mentre nella morte arriva dopo. Il nulla sensoriale non equivale, naturalmente, al nulla assoluto. Io posso conoscere la data della mia nascita, ma non quella della mia morte. E proprio questo che da vita alla speranza. 11

12 9. Ciò che non muore non esiste La morte è certamente un limite alla vita eppure senza di essa la vita non esisterebbe nella forma biologicamente e psichicamente concepibile dall uomo. Ogni essere vivente ha dunque questo destino, quello di morire, quindi di trasformarsi, allo stesso modo dei corpi celesti e della materia inanimata. Il destino del sole, di una galassia, del nostro pianeta, o più semplicemente di una pietra, è quello di finire e di trasformarsi in qualcosa d altro. Essere parte della realtà significa dunque essere parte della trasformazione. Il destino della morte contiene un messaggio oscuro e misterioso, che potrebbe anche apparire privo di senso, ma che costringe l essere umano in una ricerca perenne. L inizio ha una fine. Tutto si trasforma, tutto diviene. La morte è un non senso che obbliga l uomo a generare senso. 10. Imparare a morire? Si può imparare a vivere senza imparare a morire? Certo che no, visto che le due cose sono strettamente collegate, sono un tutt uno. Tuttavia è impossibile imparare la morte, se non l atteggiamento con cui ci si prepara ad essa. Posso apprendere la rassegnazione, la costruttività compensatrice, ma non posso perfezionarmi a morire, dato che posso farlo solo una volta. Mi è impossibile riprovare a morire per migliorarmi. Se mai esistesse l esperienza della morte, non farebbe certamente parte del nostro mondo. Infatti chi è morto non può riflettere nella condizione di un vivo. La nostra esperienza si limita a osservare la morte altrui. Un 12

13 cadavere inanimato, destinato al dissolvimento, prende il posto di una relazione possibile, quale è quella tra vivi. Con la morte si rompe prima di tutto la comunicazione. Il sonno è una prefigurazione analogica della morte, ma non è la morte. Anche l invecchiare è un progressivo ridursi della forza vitale. Ma non è la morte. Sono solo due immagini che ci aiutano a darle una forma cognitiva. 11. Si muore soli L ultimo istante è una soglia che si varca da soli. Non posso compiere questo passo in compagnia. Una forza gravitazionale mi spinge oltre la vita e in quel momento mi prende nella più esclusiva soggettività. Non posso farmi sostenere, non posso essere sostituito. Nessuno può andare al posto mio. Di quegli ultimi istanti, di quelle ultime percezioni, sensazioni, probabilmente non resterà lucida memoria, forsanche un energia incomprensibile fluttuerà in un campo di forze ignote all uomo, ma tutto si dissolverà secondo l ordinaria coscienza. L intensità di quella solitudine è l epilogo tanto della gioia, quanto della fatica di vivere. E un momento tragico ma anche di liberazione dello spirito dalla prigionia del proprio corpo. La privazione del sentire è negazione della percezione sensoriale, dei processi cognitivi, della volontà, della coscienza. E la fine del pensiero e del respiro. 13

14 12. Non se ne deve parlare Nel lungo percorso culturale dell umanità la morte ha avuto sino ai giorni nostri una posizione di rilievo, nei costumi, nelle abitudini sociali. Non era nascosta ma onnipresente nei diversi ambiti del vivere sociale, negli abiti, nei rituali, nei mores culturali. Nella società postindustriale la morte è pressoché divenuta un tabù. La morte-tabù ha di gran lunga sostituito il sesso come tabù. Essa sfugge al controllo rassicurante della scienza. Non appartiene alla normalità e al godimento del vivere, è inopportuno parlarne, è una grave ferita narcisistica. E bene usare il tempo per questioni più pratiche o per celebrare il piacere, per consumare, per apparire. E quindi controproducente e inusuale pensare alla morte. Non è buon gusto invitarla nelle conversazioni, nell intrattenimento. La sua presenza è sconveniente e deve essere esorcizzata, meglio se spettacolarizzata, così da non escluderla del tutto, mantenendo la giusta distanza. 13. La morte espropriata Talvolta si preferisce nascondere la verità a un malato terminale. I suoi familiari si adoperano senza che egli sappia il suo destino, anche se spesso il loro non verbale comunica ben più delle parole. Costui è stato espropriato della consapevolezza per paura della disperazione. Il movente è di certo nobile, limitare la sofferenza psichica. Però l effetto è nefasto soprattutto per i vivi. Costoro sanno che quando sarà il loro turno anch essi non saranno padroni 14

15 della propria morte. Questo non fa che aumentare il terrore di quel momento e la necessità di esiliarne persino il pensiero, di anestetizzarne l idea, di ripudiarne l immagine repulsiva. Si finge allora di vivere un come se non fosse così, si finge che la morte sia solo un problema degli altri. 14. Meglio non pensarci Già il filosofo Pascal sosteneva che è più facile accettare la morte senza pensarci piuttosto che pensarci continuamente. Egli era un anticipatore del sentire contemporaneo. La morte in quanto fenomeno biologico non offre alcuna risposta ontologica allo scopo, alla ragione del morire. Poiché il quesito non ha soluzione è inutile porsi il problema, è più proficuo pensare ad altro. Il pensiero dominante non può accettare che ci sia qualcosa di misterioso, non può sopportare i propri limiti fisici e cognitivi. Tuttavia la dignità di un essere pensante è tutto ciò che resta di fronte all ineluttabilità dell epilogo. Ciò implica un certo tipo di atteggiamento non solo nei confronti di tale evento finale, ma che si riverbera nella sua attesa dunque nella stessa azione del vivere, di esperire la vita, di conferirle un senso piuttosto che un altro. Vi è una risposta laica alla paura della morte che ha intriso buona parte degli stili di vita moderni e che consiste nel vivere intensamente i doni dell esistenza, siano questi dei piaceri, degli affetti, dei valori; tuttavia questo non basta per superare veramente le angosce. 15

16 15. La morte condiziona la vita Che cosa è la vita? Vivere significa anche morire. Il dominio del trauma della finitezza presuppone consapevolezza, riconoscimento, accettazione. Attraverso la sola ragione non si può arrivare a una comprensione completa della morte. La morte non è una teoria astratta, è un fatto molto concreto che dovrà verificarsi e che ci riguarderà in prima persona. Le varie confessioni religiose, i miti, hanno proposto modelli di contenimento dell angoscia di morte, ma è il sentimento della fede che da un punto di vista soggettivo libera l individuo dal terrore e dall orrore di quell evento. La ragione si appella sempre alla conoscenza per trarne sicurezza, ma nel caso della morte resta incompiuta ogni spiegazione razionale. Ogni supposizione non ha alcuna certezza, non è verificabile, non può definirsi vera o falsa, ma di certo la visione che ciascuno ha della morte condiziona e influenza in maniera determinate il suo modo di vivere. 16. Dare un senso alla morte La morte un giorno o l altro dovrà accadere, ma almeno per ora non è ancora presente. Dunque è meglio dilatare il presente, e pensare adesso alla morte sarebbe come rinunciare a vivere il presente. L uomo contemporaneo ha perso il coraggio dell angoscia, non è in grado di guardare con autenticità alla realtà e dunque sceglie di non elaborare un pensiero significante sulla morte. La morte è certa, sempre possibile, anche se assurda e non scelta, è elemento impre- 16

17 scindibile della nostra natura biologica ed ontologica. 17. Molto di più L atteggiamento più dignitoso verso la morte sta forse nel viverla nel modo più naturale possibile, interpretandola come contenuto, essenza e senso della vita stessa. E dunque necessario vivere in confidenza con la morte durante la vita. Non è possibile trovare il senso della propria esistenza senza affrontare il senso della morte nella vita stessa. Che significato avrebbe vivere se poi tutto deve essere annientato dalla morte? E che senso avrebbe tentare di morire dignitosamente, da uomo, se la morte è un assurda realtà che non ha niente a che vedere con l esistenza umana? Per vivere autenticamente la mia esistenza debbo interiorizzare la morte. Non si tratta solamente di pensare che dovrò morire, quanto piuttosto di prendere coscienza che ogni cosa non è definitiva; quindi non potrò attaccarmi a nulla. Questo non vuol dire rinunciare a tutto, ma solo riconoscere e accettare la vera natura della realtà. Sarebbe riduttivo pensare alla morte come un semplice cessare di vivere, di respirare, di sentire, di ricordare, di comunicare. La morte è molto di più. E una direzione, un compimento, un essenza, un catalizzatore di significato. Dunque è un elemento ontologico, oltre che prettamente biologico. Ne avverto la presenza attraverso il coraggio della mia angoscia. Una serena accettazione può esserci interpretando la vita come un percorso, il cui valore non è una quantità bensì 17

18 una qualità. E ricchezza e intensità dell esserci, è un sentimento di pienezza, e di gratitudine, è bellezza d animo. Il mistero della morte appartiene al cuore pulsante della vita e la sua percezione poetica da la forza di sopportarne l arrivo. 18. La grande fuga La maggior parte delle persone cerca di fuggire via dalla morte, nonostante la sua inevitabilità. Sceglie di vivere intensamente il presente e si proietta sistematicamente nel futuro, riempendolo di progetti e di cose da fare. E questo l atteggiamento più tipico della società post-industriale. Ma il paradosso è inevitabile. Più l uomo cerca di sfuggire alla morte, più le va incontro. Il nostro futuro in ogni istante della vita si riduce, mentre il passato si incrementa. Inevitabilmente il presente si comprime, nonostante il nostro tentativo di dilatarlo. E uno sforzo irrazionale, privo di significato, dettato solo dall angoscia. Ovunque si scappi la vita tende verso la morte. Ogni persona muore per il solo fatto di essere nata. 19. Le forme della sopravvivenza L idea dell immortalità dell anima è per molti un orizzonte di senso. La fede in essa assume variegate forme in base alla fede religiosa o anche alle rappresentazioni soggettive. 18

19 Anche il ricordo tiene in qualche modo in vita la persona scomparsa. Tuttavia la fama non è per tutti gli individui e i più debbono consolarsi con la memoria degli affetti che, tuttavia, ha un orizzonte temporale più limitato. Considerare la morte come un passaggio in un nuovo ordine, sia pur misterioso, lascia comunque una speranza ai vivi, oltre ad orientarne i comportamenti entro direzioni etiche, morali, di significato. 20. Contraddizioni del nostro tempo La nostra società esorcizza il timore della morte oscillando tra atteggiamenti contraddittori, quali la rimozione oppure l'ostentazione di immagini che la spettacolarizzano. Servizi televisivi e film, realtà e finzione, mediate dal piccolo e dal grande schermo, oltre che da internet, ne svalutano i contorni e i contenuti, soprattutto da un punto di vista emotivo. La morte spettacolo determina un atteggiamento passivo, altro da noi, distante dalla nostra vita, che non ci obbliga a ricercare un perché oltre noi stessi. La società agro-pastorale considerava la morte un fatto naturale, offrendo un'accettazione più serena e rassegnata di essa; con l aiuto della scienza e della tecnologia, si cerca spasmodicamente di allontanare quel momento. L'uomo contemporaneo forse nutre una segreta speranza di immortalità. Grazie alla scienza potrebbe esserci sempre qualcosa da fare per prolungare la vita. 19

20 21. Il significato di vivere e di morire Non vi è essere umano che non abbia una filosofia della vita, e quindi una ricerca del significato dell esistenza. Oltre al rapporto tra me e me, o tra Io e Tu, esiste un altra dimensione che rende l uomo un essere trascendente : il significato dell esistenza e della morte. Il recupero di trascendenza in questo discorso è recupero di senso e di finalismo. Da sempre l uomo ha bisogno di significato, e non riuscirà a trovarlo nella scienza, nella tecnologia, nella società del benessere. Tutto ciò può migliorare la condizione esistenziale, il contesto, la qualità della vita, ma non può nutrire l anima del suo cibo naturale, il significato. 22. Unica verità assoluta L unica verità assoluta e inaccessibile è proprio la morte. La vita è un evento passeggero che fa parte di un contesto più grande, che esula dalla nostra immaginazione. Si viene al mondo grazie ai genitori e a tutti gli avi. Si vive, ricadendo poi in un regno di cui non si sa nulla. La vita non è un fatto straordinario separato dalla morte. Non può essere presa isolatamente, come un bene di consumo. La vita in realtà prende possesso di noi, poi ci lascia andare. Noi esistiamo già, nei nostri genitori, e in tutti quelli che ci hanno preceduto, prima di nascere. La forza dei nostri avi ci accompagna nel transito dell esistenza. La morte è dunque intimamente connessa con la via della conoscenza e con la ricerca della verità, così come con 20

21 la sessualità e con la riproduzione della specie. Possiamo umilmente esporci a essa e sopportarla solo recependo il ciclo della vita, la forza dei nostri avi, la trascendenza dell esistenza, il dubbio. La ricerca della verità è infatti un operazione pesante e faticosa. Porta con sé il fardello della morte e della sua inaccessibilità. Presuppone per chi nasce senza ali di volare nel cielo, per chi nasce greve e pesante di muoversi velocemente nell aria. Il prezzo da pagare è alto: la convivenza col dubbio. Qualche volta sento il bisogno di rifugiarmi nella mia intimità psichica, in solitudine, e di raccogliermi in una meditazione interiore. Ciò consiste nel non pensare. Nello svuotare la mente. Nel convivere col vuoto. 23. L amore e la morte L amore, quale possibilità di amare e di essere amati, è una grazia, un dono, un incanto, un miracolo. L Io che ama, nel darsi a un Tu, supera il proprio Io e lo stesso Tu, per cogliere un significato più profondo dell esistenza. Colui che ama non lo fa in ragione di una qualità specifica della persona amata, ma per tutto ciò che questa è nella sua unicità e irripetibilità. La persona amata è insostituibile. L amore porta in sé pulsione sessuale ed erotismo psichico, ma soprattutto si basa su uno stato sentimentale e spirituale. Infatti la morte può far venire meno il corpo della persona amata, ma mai la sua unicità esistenziale, il suo modo di essere, il suo spirito. La sua essenza spirituale, così come quella di ogni es- 21

22 sere umano, è eterna. Il corpo è limitato, ma molto probabilmente lo spirito non lo è. 24. Il piacere e la morte Il piacere è uno stato provvisorio, di origine biologica, determinato dalle cellule nervose del nostro cervello. Per via della morte il piacere viene meno. Si svuota di ogni significato. La ricerca esasperata del piacere può avere senso solo nella misura in cui si fa propria le teoria del non-senso dell esistenza. Allora vale la pena approfittarne, per dimenticare o celare il nulla, il non-senso. Il piacere compensa così il vuoto. Ma questo senso di vuoto svanisce proprio quando facciamo esperienze esistenziali che riconducono il significato della vita a qualcosa di più grande di noi. Quando proviamo un sentimento di amore autentico o di carità per un altra persona. Quando riconosciamo il merito, il coraggio, la forza di un essere umano e della sua vita esemplare, al servizio dell umanità. Quando realizziamo o godiamo di un opera d arte, ammiriamo i miracoli della natura, scrutiamo i misteri dell universo e della vita. In tutti questi momenti proviamo la felicità dell esistenza, senza averla cercata, come effetto naturale che ci trascende, come dono che riceviamo. 22

23 25. La responsabilità di vivere Andare incontro al senso dell esistenza e alla sua finitezza vuol dire esprimere la libertà come esercizio di responsabilità nelle diverse esperienze della vita, come l amore, l operosità, l atteggiamento di fronte alla sofferenza. Ciò significa non rinunciare al proprio sé autentico. Nella vita ogni essere umano è chiamato ad assolvere un compito, in cui troverà un significato, una direzione, un idealità, una responsabilità in cui esprimere la propria libertà. È da considerarsi fisiologica e sana la distanza tra il proprio sé reale e quello ideale. Sarebbe invece anormale una soddisfazione eccessiva. Ciò non deriva solamente dalla contrapposizione tra valori e istinti, ma anche dalla finitezza della nostra vita. Se infatti fossimo eterni, immortali, non avremmo la responsabilità irreversibile di utilizzare il tempo della nostra vita come opportunità per esprimere un significato. Senza limiti temporali saremmo apatici, spiritualmente addormentati. Senza finitezza non vi sarebbe responsabilità e quindi neppure libertà. Dobbiamo fare i conti col nostro destino e con le nostre radici. L essere umano è libero di fronte al suo destino. Senza destino non sarebbe libero. Senza un disegno divino non sarebbe libero. Di fronte al fato, alla sorte, ai legami, ai vincoli, alle fortune, ogni uomo può scegliere sempre tra le moltissime possibilità di azione. Ogni essere ha la sua posizione di partenza, il suo corredo somatico, le sue pulsioni, le sue radici, la sua condizione sociale. Riconoscere e accettare ciò non è facile, ma fa parte della condizione umana. 23

24 26. Anche i nostri figli dovranno morire Quando sono piccoli, i nostri figli, li teniamo in braccio. Ci piace abbracciarli, accarezzarli, stropicciarli. Non c è molto tempo per farlo. Mentre stringiamo le loro piccole mani tra le nostre ricordiamo la nostra infanzia. Percepiamo anche il loro futuro, la loro finitudine di essere umani, la fatica che dovranno affrontare. Anche loro avranno pesi da portare, come tutti. Dovranno cercare la propria strada, il proprio compito, sino alla fine. Accettare il destino dei propri figli è quasi più pesante che accettare il proprio. Se dovesse accadere loro di dover sopportare un destino ostile, la nostra colpa sarebbe insopportabile? L accettazione di qualsiasi tipo di sofferenza esistenziale è una forma di fede e presuppone il coraggio di esistere. La fede non è l incondizionata accettazione di un opinione verificabile o confutabile: è accettazione della trascendenza come esperienza esistenziale. In fondo è l unica possibilità autentica di riscatto in un epoca segnata dalla mancanza di significato. Questa possibilità non consiste in un illusoria e arrogante pretesa di vincere la sofferenza, ma nell accettazione serena delle tribolazioni e dei destini umani. Nell accettare un destino insopportabile si esprime allora un atto di fede e si afferma un significato dell esistenza. Si guarda dritto negli occhi, con coraggio e pace, al fatto di esistere. È solamente nell espressione autentica della nostra volontà di significato che si esprime una vera ragione per essere felici. 24

25 27. Compassione artificiale L uomo desidera soffrire quando assiste a spettacoli teatrali dove si svolgono drammi o tragedie esistenziali che però lui stesso non vorrebbe mai patire nella realtà. Si commuove per quella situazione non sua, per quel tragico destino, e da esso si distanzia attraverso una finta pietà. Allo spettatore non è chiesto di portare soccorso, di prestare aiuto e cure, ma solo di soffrire e provare compassione per le sciagure umane alle quali assiste. La rappresentazione teatrale del dolore, della malattia e della morte, è tanto più riuscita quanto più il dolore appare reale. L amore per il dolore simulato esorcizza allora la paura di quello reale. Nessun dolore merita di essere amato e di far provare piacere, o di essere utilizzato come medicina delle nostre paure. Nel mondo virtuale della società contemporanea questo fenomeno è ancora più evidente e pregnante. Ma non si tratta forse di una fuga determinata dall assenza di significato? Di mancanza di coraggio esistenziale? Di una forma di mancanza di rispetto nei confronti della sofferenza umana? 28. Spettatori della morte altrui L essere umano non solo è spettatore della sofferenza altrui. Finché vive, è anche spettatore della morte altrui. Il morire è infatti un esperienza completamente propria di chi muore. Chi la fa, non può raccontarla. Quindi i viventi non sanno nulla della morte e niente possono sapere. Però qualsiasi essere vivente ne parla. Pensa a essa. Alla sua 25

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Libro gratuito di filosofia

Libro gratuito di filosofia Libro gratuito di filosofia La non-mente Introduzione Il libro la non mente è una raccolta di aforismi, che invogliano il lettore a non soffermarsi sul significato superficiale delle frasi, ma a cercare

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

10 passi. verso la salute mentale.

10 passi. verso la salute mentale. 10 passi verso la salute mentale. «La salute mentale riguarda tutti» La maggior parte dei grigionesi sa che il movimento quotidiano e un alimentazione sana favoriscono la salute fisica e che buone condizioni

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

2. La struttura formale del problema dell essere.

2. La struttura formale del problema dell essere. Indice Introduzione... 7 2. La struttura formale del problema dell essere.... 9 7. Il metodo fenomenologico della ricerca.... 14 7(c). Il concetto preliminare di fenomenologia... 16 8. Schema dell opera...

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

CIO CHE SPINGE L UOMO

CIO CHE SPINGE L UOMO CIO CHE SPINGE L UOMO RIFLESSIONI E PROSPETTIVE SU COME PERCEPIAMO IL MONDO INTORNO A NOI COSA CI SPINGE? Cosa ci fa agire, cosa ci fa scegliere un alternativa piuttosto che un altra, cosa ci attrae e

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Spinoza e il Male. Saitta Francesco

Spinoza e il Male. Saitta Francesco Spinoza e il Male di Saitta Francesco La genealogia del male è sempre stato uno dei problemi più discussi nella storia della filosofia. Trovare le origini del male è sempre stato l oggetto principale di

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014

IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 IV domenica di Quaresima - Anno A 2014 Dal Vangelo secondo Giovanni 9, 1.6-9.13-17.34-38 In quel tempo, Gesù passando vide un uomo cieco dalla nascita. Sputò per terra, fece del fango con la saliva, spalmò

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Amicizia Amicizia per sé

Amicizia Amicizia per sé Amicizia Amicizia per sé 1. In molte tradizioni, l amicizia è considerata la più alta forma d amore. L amicizia è il prototipo del rapporto alla pari, basato sul rispetto, la stima e la disponibilità reciproca,

Dettagli