Non è l'unico dubbio che si ha sul satyricon, l'altro problema riguarda il genere. Prima però bisogna partire dal titolo che pone dei problemi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Non è l'unico dubbio che si ha sul satyricon, l'altro problema riguarda il genere. Prima però bisogna partire dal titolo che pone dei problemi"

Transcript

1 PETRONIO SATIRICON Una delle opere più originali di quel periodo. In quest'epoca ci sono le opere più singolari della letteratura latina, significativo che si leghino al dissenso nei confronti del princeps. Opera che pone diversi problemi e interrogativi. I codici che ci hanno tramandato quest'opera indicano come autore un certo PETRONIUS ARBITER senza indicazioni precise. Gli studiosi propongono per quest'opera una datazione successiva all'epoca di Nerone (3 sec d.c) le motivazioni sono di carattere linguistico. Altri attribuiscono quest'opera all'età Neroniana e basano la datazione sui riferimenti interni all'opera perchè c'è un passo sulla presa di Troia che allude ad una tragedia scritta da Nerone sullo stesso argomento. In un altro punto c'è la parodia di un brano epico nei confronti di un opera dell'età di Nerone che è un poema epico di Lucano il bellum civile. Poi si riscontrano riferimenti a personaggi che appartengono all'epoca di Caligola e Claudio, nonché si ritrovano aspetti del costume della società propri dell'età di Nerone Tutto questo fa pensare ad una datazione nel 1 sec a.c. Chi è questo petronius arbiter? L'interpretazione più seguita e più accreditata è che si debba identificare con un certo personaggio del 1 secolo di cui parla Tacito nei suoi annales precisamente nel libro 16 paragrafi 18 e 19( ci parla dei suicidi di persone illustri legata alla svolta autoritaria di Nerone accentuatasi dopo la scoperta della congiura dei Pisoni, Seneca ha ricevuto l'ordine di darsi la morte e la stessa sorte toccherà a Lucano e Petronio, si parla delle tinte fosche del principato di Nerone). Petronio ci viene descritto come chi invertiva l'ordine del giorno lavorava di notte. Era un raffinato gaudente e pero voleva che tutto ciò che era di attenzione, di studio risultasse naturale e spontaneo, questo ritratto però contrasta con il comportamento che ebbe quando ricevette delle cariche (all'occorrenza seppe fare bene il suo dovere) ricadde nell'ostentazione del vizio, diventò stretto amico di Nerone come arbitro del buon gusto elegantie arbiter. Nerone lo prende come suo maestro in fatto di raffinatezza e apprezzamento di ciò che è bello, di qui l'odio di Tigellino (prefetto del pretorio invidioso che lo vede come rivale perchè più esperto nella scienza del piacere). Tigellino cosi accusa Petronio di essere amico di uno dei congiurati, e per farlo corrompe uno schiavo. Petronio screditato agli occhi di Nerone. Nerone e Petronio si incontrano in campagna. Petronio non vuole aspettare oltre tra il timore e la speranza perchè intuisce l'ordine che gli darà Nerone di uccidersi. Non va incontro alla morte direttamente, si tagli le vene poi se le fa ricucire e poi le riapre in modo che la morte sia lenta. In Tacito c'è un intendimento polemico, in contrasto con la morte del saggio stoico fermo nell'affrontare la sua decisione. Voleva che la sua morte avesse un aspetto naturale per quanto impostagli. Il ritratto che viene fuori di Petronio è quello di una persona ostile alla cultura del tempo romano, non approva la società del tempo, la corruzione, lo scadimento del buongusto, il suo giudizio si capisce ma non è espresso, è un anticonformista. Cosa fa pensare che sia il Petronio di cui parlano i codici? I temi, la figura del protagonista narratore del satyricon, presentano molti punti di contatto con la figura e i comportamenti del Petronio descritto da Tacito. Ma l'anello di congiunzione tra le due figure è ARBITER ELEGANTIAE allude alla ricerca di eleganza e raffinatezza che caratterizza il narratore del satyricon con il quale va identificato lo stesso autore ed è al di sotto della rappresentazione di una realtà che non è approvata.

2 Non è l'unico dubbio che si ha sul satyricon, l'altro problema riguarda il genere. Prima però bisogna partire dal titolo che pone dei problemi interpretativi ma abbastanza superabili. SATI (saturo con riferimento a figure mitologiche per metà umane e metà capre)ricon (cos)ci ricorda le BUCOLICHE e LE GEORGICHE (georgicon). Satyricon è un genitivo neutro greco e sottointende il sostantivo libri libri di cose dei satiri. La prima interpretazione ricollega il satyricon ai satiri perchè queste figure si associavano all'idea di una vita errabonda, dediti ai piaceri, potrebbe essere anche un riferimento al dramma satiresco. Altri ricollegano il titolo al genere della satira, per questo a volte è scritto con la y altre volte con la i. Quest'opera ci è giunta in maniera parziale abbiamo un lungo frammento che copre solo una parte di tutta l'opera: libro per un totale di 141 capitoli, la parte centrale contiene la famosa cena di TRIMALCHIONE. Secondo gli studiosi questa parte costituisce solo 1/10 dell'opera. E' un testo in prosa nella quale si inseriscono alcuni brani poetici a seconda delle varie occasioni, talvolta ci sono personaggi che intervengono recitando versi o talvolta la narrazione principale si interrompe per dar luogo a fabule milesie che riprendono un genere letterario di narrazione di carattere amoroso la più famosa è quella della MATRONA DI EFESO. Ci sono poi pagine dedicate alla riflessione sull'insegnamento scolastico e sulla cultura del tempo. Perchè ci è giunta parzialmente? Il motivo è dato dall'estremo realismo che caratterizza la narrazione nella quale si presenta un mondo degradato, il linguaggio è volgare, crudo, ci sono descrizioni di esperienze erotiche e quindi c'è la rappresentazione di una realtà bassa propria delle città dell'età di Nerone, occorre tenere presente i canali di diffusione delle opere che sono giunte fino a noi come mai certe opere ci sono giunte? Attraverso la scuola. Quest'opera è stata esclusa per i suoi contenuti dal circolo della scuola. Ogni tanto appariva o scompariva in luoghi diversi, non è mai scomparsa definitivamente ma non ha avuto la stessa diffusione di altre opere. Dopo il 6 secolo subisce una frammentazione e poi riappare alla corte Carolingia in Inghilterra, ma momento fondamentale della sua tradizione è rappresentata dall'umanesimo dall'italia del 400 dove troviamo corrispondenza e traccia di quest'opera nella corrispondenza degli umanisti in Bracciolini che parla della famosa cena di Trimalcione, però di questa cena non c'è traccia nelle prime due edizioni a stampa di quest'opera, per vedere l'opera cosi come la studiamo dobbiamo arrivare al 17esimo secolo. Opera è stata un punto di riferimento per molti paesi. Questa è l'opera che ricordiamo per quanto riguarda la storia del romanzo, gli antecedenti del romanzo nell'attività classica possono essere trovati nel romanzo greco di età ellenistica e nel Satiricon di Petronio per quanto riguarda la letteratura latina (o forse ancora di più nell'asino d'oro di Apuleio). Quest'opera (che sfugge ad ogni catalogazione precisa) può essere messa in relazione con il romanzo anche se la nascita del romanzo moderno in senso stretto è stata fissata nel 700, per gli antecedenti più diretti del romanzo moderno individuata nel 500 ed è proprio in questi antecedenti che il Satyricon può aver esercitato la sua influenza se vogliamo un opera che si avvicini al romanzo facciamo riferimento al romanzo Picaresco, il Satyricon può aver influenzato la nascita del romanzo picaresco. Nel 700 Parini fa allusione al Satyricon nel Giorno, anche Manzoni ricorda Trimalcione in un opera giovanile, ma l'età in cui riscuote maggiore approvazione è l'800 metà 800 con Flobert (REALISMO) e BALZAC con la sua commedia umana il romanzo sociale, ha notevole diffusione perchè è realistico e quindi piace per questo agli scrittori realisti. A fine 800 la stessa opera riscuote l'approvazione di scrittori diversi come Oscar Wild e

3 Cuisman scrittori che appartengono al decadentismo e quindi piacerà perchè si avvicina all'estetismo. Dubbio sul genere dell'opera: Alcuni la accostano alla satira, anche il titolo potrebbe rinviare al genere della satira, che cosa la accomuna al genere della satira? Alcuni temi es quello del viaggio, la presenza di figure come le streghe, la parodia dei vari generi es. parodia del genere epico (poema sulla presa di Troia, parodia sul poema epico di Lucano) e poi c'è la parodia del romanzo. Riguardo al poema epico qualcuno ha visto in questa storia una parodia del viaggio di Ulisse (Odissea). Per la parodia del romanzo alcuni vedo la parodia del romanzo ellenistico che trattava temi d'amore e di avventura. Qui si parla anche di un amore omosessuale parodia romanzo ellenistico, in realtà la tematica era presente anche nel romanzo ellenistico Alessandrino quindi non è una parodia. Un altro elemento che fa accostare l'opera alla satira è la presenza di parti in versi all'interno di una narrazione in prosa (alternanza di versi e prosa che rinvia alla satira Menippea), un altra caratteristica della satira è la varietà di temi, stili e registri. Romanzo è l'altro genere a cui l'opera viene accostata. In realtà è un unicum, un opera originale e singolare che non rientra in un genere ben preciso, c'è una narrazione continua e c'è un narratore, e all'interno ci sono altre forme narrative questo fa pensare al romanzo, inoltre c'è la ripresa del romanzo ellenistico. Ci sono richiami ai diversi generi tra cui la fabula Milesia. Una di queste fabule è la MATRONA DI EFESO che non è un opera originale di Petronio perchè quando abbiamo parlato di Fedro il tema era presente già in Fedro, il racconto in lui non ha lo sviluppo che ha in Petronio, P. ha preso un motivo già presente nella letteratura e gli ha dato un respiro narrativo. MATRONA DI EFESO Mani= i morti divinizzati. Questa figura cosi fedele all'anima del marito defunto richiama a Didone che aveva giurato eterna fedeltà, le parole attribuite all'ancella ricordano le parole della sorella Anna che aveva cercato di distogliere Didone dal suo intento (richiamo parodiaco del poema epico). E non ti sovviene sui campi di chi sei stanziata? richiamo al verso di Virgilio quando Anna dice a Didone di mettere da parte tutti gli scrupoli morali valutando i rischi e i pericoli che corre una donna regina che ha tenuto la terra in un territorio straniero ed ha rinunciato le proposte di matrimonio del re che le aveva dato accoglienza. Enea avrebbe rappresentato la presenza maschile necessaria per la difesa della città. Ripresa di un genere epico alto in un contesto basso abbassamento di Tono. Lo spirito del passo Petronio mette in evidenza come tutte le figure umane siano soggette alle passioni, la donna è presa di mira accento marcato sulla sua fedeltà ad indicare la volubilità tanto più evidente quanto più all'inizio si mostrava integerrima. CERCA COMMENTO SU INTERNET. RIASSUNTO: In questo passo tratto dal Satyricon Eumolpo si prefigge di intrattenere i compagni raccontando la storia della matrona di Efeso. Questa era una donna molto pudica che, in seguito alla morte del marito non si diede più pace e, stretta dal dolore, decise vegliare insieme all uomo nella tomba, consumando così uno straziante digiuno. Nello stesso cimitero vi erano inoltre i corpi di due uomini crocifissi, custoditi da un soldato. Questi,accortosi del lume che splendeva in una tomba, decise di andare a controllare cosa stava succedendo; trovò così la donna, si mise a interrogarla e riuscì a farle capire l inutilità del gesto che stava compiendo ormai da diversi giorni. Il soldato invitò così la

4 donna a continuare a fruire delle gioie e dei piaceri che la vita poteva ancora offrirle e così i due giacquero insieme per diverse notti. I genitori di uno dei due uomini crocifissi, però, accortisi della mancanza del soldato, decisero di beffarlo e tirarono giù il cadavere dalla croce. Quando egli se ne accorse, comprese di aver sbagliato e chiese alla matrona di ucciderlo per rimpiazzare la salma sparita. La donna però siccome non voleva perdere l uomo del quale si era innamorata disse al soldato di prendere il cadavere del marito che venne così issato sulla croce per proteggere l amante della bella matrona. Si è incerti sul genere dell'opera, per cui si accosta ora al romanzo ora alla satira, alla satira può rinviare il titolo dell'opera ma si possono ritrovare anche elementi all'interno come nell'episodio di Trimacione che propone un tema topico della satira vale a dire il banchetto, cosi come altri temi topici possono essere le discussioni su argomenti letterari, il viaggio (Lucillio e Orazio) e poi ci sono personaggi come le streghe, gli avari, le donne corrotte, i cacciatori di eredità quindi c'è una varietà di temi a cui si accompagna una varietà di stili, infatti se il personaggio protagonista narratore si esprime con uno stile elegante, non manco però di usare parole che invece sono più volgari, per gli altri personaggi che sono per lo più di condizione sociale bassa il linguaggio si adegua alla loro condizione, e poi un particolare esempio di realismo linguistico è offerto dalla Cena trimalcionis. Troviamo spesso all'interno del testo dei termini legati alla sfera del sesso e della legalità che riportano a quella dimensione carnevalesca (mondo in cui le regole della vita vengono sovvertite) a cui la satira Menippea ha spesso attinto. Per il linguaggio spesso ci sono termini plebei accostati ad un linguaggio aulico, frequenti sono le citazioni di poemi lirici o epici con un intento comico e con un effetto deformante in particolare come tipico della satira Menipea abbiamo l'alternanza di parti in prosa e parti in versi per cui ci sono testi poetici in versi alcuni sono componimenti nuovi come la presa di (traslitterazione dal greco) Troia e il de bellum civile e quindi in una con riferimenti ad un poemetto scritto ad omero e per l'altro con riferimento a Lucano (contemporaneo di Petronio). Tutti questi aspetti si ricollegano alla satira cosi come allo spirito parodico della satira si ricollega l'interpretazione dell'opera come una parodia dell'epica cosi si potrebbe vedere nelle avventure dei protagonista la parodia dell'odissea cosi il protagonista sarebbe una sorta di antiulisse, ci sono alcuni paralleli Ulisse perseguitato dagli dei, anche il giovane Eumolpo che pero invece di essere perseguitato da Poseidone è perseguitato da Priaco che è il dio della fertilità quindi ci si ricollega ancora una volta alla sfera del sesso. Si potrebbe leggere l'opera come un rovesciamento delle vicende dell'eroe greco, così come l'opera può essere intesa come una parodia del romanzo ellenistico che parla delle vicende d'amore tra due giovani ostacolate da mille peripezie e qui invece si tratterebbe di una relazione di carattere omosessuale anche se questo tema non mancava già nella letteratura ellenistica, però è vero che vengono descritte esperienze piuttosto trasgressive. Non mancano poi riferimenti ad altri aspetti culturali del tempo come ad esempio le declamaziones con la loro vuota retorica. Però rispetto alla satira manca un aspetto caratterizzante ovvero (se pensiamo alle satire di Orazio ) la mancanza di orientamento morale, manca il punto di vista etico. Petronio rappresenta senza giudicare. E anche se noi riusciamo a capire il disappunto, disprezzo, distacco dalla realtà con cui si confronta, ma il giudizio non viene mai espresso si tratta di un opera AMORALE che però non deve essere intesa come immorale, non c'è un punto di vista etico in base al quale si rappresenta il mondo, si fotografa una determinata realtà con l'idea di un certo scoraggiamento e desolazione infatti il protagonista dice : dovunque è naufragio. Dalla satira si discosta per il fatto che la satira è molto breve mentre il Satyricon ha una struttura articolata e complessa con un intreccio narrativo coerente e allora questo ci fa accostare l'opera al romanzo anche perchè abbiamo un personaggio narratore, un intreccio della vicenda, dei personaggi caratterizzati, ci sono molte descrizioni di luoghi e ambienti. Alla narrativa rinviano le numerose novelle inserite all'interno del testo

5 raccontate dai vari personaggi e in particolare abbiamo il riferimento al modello della fabula milesia, le novelle hanno un carattere erotico fabula della matrona di Efeso. A questo proposito si può arrivare a parlare di un romanzo picaresco ante littera come un predecessore del romanzo picaresco perchè di questo si parla in Spagna a partire dal 500 (è uno degli antecedenti del romanzo moderno) perchè i personaggi hanno le caratteristiche che saranno proprie del picaro personaggi emarginati che vivono di espedienti, vivono avventure fallimentari. C'è una pluralità di personaggi anche se c'è il protagonista principale, c'è quindi una pluralità dei punti di vista es. cena trimalcionis dove gli invitati intervengono con i loro discorsi e racconti e l'insieme delle loro voci vuole dare un quadro della società del tempo, la realtà che fotografata è quella dei liberti arricchiti che mantengono la loro grossolanità, in tutti i loro atti tradiscono la loro origine e appare la volontà di darsi un tono di importanza a cui non corrispondono le loro qualità. Un mondo volgare ma vitale, mentre l'elit rappresentata da Eumolpo è una realtà sociale priva di elagia che si può tastare in questi nuovi ambienti. La caratteristica che di quest'opera un unicum è l'estremo realismo con cui viene rappresentato un mondo degradato, si vede nel linguaggio e nella descrizione di esperienze erotiche di tutti i tipi, vuole rappresentare la società bassa che trova espressione nelle città di porto, è quel mondo contro il quale Seneca rivolge la sua polemica, egli vede il mondo romano corrompersi e perchè è in atto (come dice nella consolatio ad Helbiam) questa corruzione nel mondo romano? Come tutte le epoche in crisi la corruzione è attribuita agli stranieri che stanno arrivando. Si parla di rappresentazione mimetica si riproduce fedelmente e realmente una realtà e un linguaggio senza giudicare anche se l'autore lascia trasparire in Eumolpo la sua avversione verso le manifestazioni di cattivo gusto dei liberti, le forme di ostentazione dei liberti che sono caratterizzati dall'ossessione della morte unica cosa contro la quale i soldi non possono nulla. Narrazione, intreccio, il ritmo nelle parti legate all'avventura (picaresche)è più rapido e frenetico, ma il ritmo dominante è un altro, in particolare se si legge la cena il ritmo è lento arriva quasi all'immobilità nonostante le numero trovate che caratterizzano questa cena. Lo spazio è sentito come un labirinto in cui ci si perde in cui gli elementi sono sempre gli stessi che girano e che si incrociano luoghi affollati, mercanti, locande. La casa di Trimalcione è vista come una trappola tant'è vero che nel finale lui finge il proprio funerale c'è l'accompagnamento della musica ma il frastuono è tale che sveglia tutti, tutti pensano che ci sia un incendio e finalmente i protagonisti riescono a liberarsi da questa sorta di prigione. Significato narrazione: iniziazione e ricerca della verità passando attraverso le varie forme della degradazione umana. STILE linguaggio prevale il sermo familiare ma c'è anche il sermo volgare, ci sono anche errori di sintassi, volgarismo linguistici ad es viene usato il neutro con terminazione maschile, c'è il lessico del popolo il parlato della classi più basse, ci sono costrutti che anticipano l'evoluzione dal latino al volgare (infinitiva latina e italiano qui momento di passaggio rappresentato dal quod). Questo ha fatto si che alcuni pensassero a quest'opera come un opera del 3 secolo a.c. spiegazione con questo linguaggio Petronio ha voluto riprodurre il linguaggio dei liberti e delle classi più basse. Cena di Trimalcione Diventato schiavo in tenera età gli tocca fare quello che Seneca ci descrive nella versione Gli schiavi. Assecondava il dominus e la domina. Caricatura testa rapata, collo infagottato avvolto attorno ad un tovagliolo di porpora. Ostentazione della ricchezza si scavava i denti con uno stecchino di argento, la

6 scacchiera aveva pedine d'oro e d'argento. Ossessione della morte fa portare uno scheletro d'argento, da notare come Trimalcione ex schiavo riserva agli schiavi lo stesso trattamento deplorato da Seneca. I cibi sono vivande molto elaborate-> cinghiale servito con un berretto, una volta tagliato da dentro escono degli uccelli (tordi), quale è il significato del berretto? Siccome il cinghiale era stato servito il giorno prima ma i signori sazi non lo avevano neanche assaggiato, è stato riproposto il giorno dopo con il cappello come liberto perchè era stato liberato in qualche misura il giorno prima. Poi c'è l'apologia di Trimalcione che dice che lo schiavo deve fare ciò che il padrone ordina. Accanto a questo uomo c'è una donna fortunata. Ricorda quando a Seneca si rimproverava di avere più schiavi di quanti ne conoscesse. Al banchetto partecipa anche l'architetto incaricato di costruirgli il mausoleo ossessione per la morte. Cattivo gusto di Trimalcione quello che sta offrendo ora è più pregiato di quello che è stato servito il giorno prima che aveva avuto convitati più nobili. INSEGNAMNETO NELLE SCUOLE riflessione Tema dell'insegnamento nelle scuole collegato alla decadenza dell'oratoria e i vari autori danno una diversa spiegazione della crisi che si stava vivendo a quel tempo. Lo stile è pieno di volgarismi e comicità ma con considerazioni che possono essere interessanti e che mantengono sempre una certa serietà. Riferimento alle furie vendicatrici gli oratori sembrano animati dalle stesse furie. Gli studenti nelle scuole rimbecilliscono perchè non si mette niente davanti a loro qualcosa che sappia di vita reale. Sembra di leggere una critica alla scuola. Discorsi fittizi sopratutto nelle suasorie convincere un personaggio della storia a prendere una scelta diversa da quella presa. Secondo Petronio la colpa della corruzione dell'oratoria è da ricercare nei maestri di retorica. La colpa è dei genitori che vincolano gli insegnanti. Idea dei genitori che vorrebbero il successo dei figli ma non gli consento di formarsi e cercano la via più facile vorrebbero che i figli non sudassero tanto. Riferimento all'asianesimo e alla sua influenza sulla retorica a cui si contrappone la semplicità. Colpa della decadenza dell'eloquentia attribuita all'insegnamento nella scuola. QUESTO L'HO PRESO DA INTERNET DOVREBBE ESSERE IL TESTO E IL COMMENTO DEL BRANO SULL'INSEGNAMNETO E IL DECADIMENTO DELL'ORATORIA. Abbiamo visto che era diffusa l`opinione che la decadenza dell`oratoria, l`attivita`piu`nobile e virile, l`arte fra le arti per i Romani, fosse dovuta alla rilassatezza dei costumi. Anche nel Satyrikon di Petronio si sente l`eco di questo luogo comune, quando

7 Eumolpo cerca di spiegare ad Encolpio che tutte le arti stanno precipitosamente decadendo (e`il capitolo 88, che precede il lungo brano poetico sulla presa di Troia) a causa dell`avidita` che contraddistingue l`intera societa`: At nos...accusatores antiquitatis vitia tantum docemus et discimus.ubi est dialectica?ubi astronomia? Ubi sapientiae cultissima via?quis unquam venit in templum et votum fecit, si ad eloquentiam pervenisset?6 "Noi al contrario che siamo sempre polemici con l`antichita`, insegniamo e impariamo solamente difetti. Dove sono finite la dialettica e l`astronomia? Dov`e`la via, una volta frequentatissima,della sapienza? Chi mai entra in un tempio e fa voti, sperando di arrivare all`eloquenza? " Tuttavia in Petronio c`e` molto di piu`. Il romanzo (o meglio cio` che del romanzo ci resta) si apre con una discussione specifica sul nostro tema. E` un dialogo fra Encolpio e il retore Agamennone, in cui entrano in campo finalmente critiche meno generiche e piu` tecniche al sistema di formazione degli oratori. Sentiamo l`invettiva di Encolpio: "O che non vi sembra che i nostri oratori abbiano in corpo le Furie stesse? Sentiteli li`che blaterano: `Queste ferite le ho ricevute per la comune liberta`! Quest`occhio l`ho dato per voi! Deh! concedetemi una guida che mi conduca ai miei pargoletti, che' mi hanno spezzato le ginocchia e non mi reggo in piedi'. E pazienza se tutto cio` riuscisse a fare un solo oratore. Ma quell`enfasi maledetta, quella strepitante vuotaggine servono solo a questo, che, apppena usciti dalle scuole e portati nel foro, a quei ragazzi gli sembra di essere capitati in un altro mondo.la faccenda sta cosi`:gli studenti nelle scuole rimbecilliscono da capo a piedi perche'non si mette davanti ai loro occhi nulla che sappia di vita reale, ma solo pirati appiattati sulla spiaggia con tanto di catene pronte, tiranni che ci dan dentro a scrivere editti che condannano figli a tagliar la testa al proprio padre, oracoli che per far finire una pestilenza comandano di immolare tre vergini..." Encolpio ha le idee chiare:la colpa se non ci sono piu`veri oratori e`delle scuole, perche'nelle scuole si imparano cose del tutto avulse dalla vita. Quel che proprio non funziona,a suo giudizio, e`il tipo di esercizi che gli studenti sono costretti a fare di continuo dai loro maestri: le Controversiae e le Suasoriae,di cui ho parlato a proposito di Seneca il vecchio. Sono i temi romanzeschi e drammatici di queste declamazioni a montare la testa ai ragazzi, rendendoli inadatti alle lotte del foro. La conclusione e` molto drastica: Pace vestra liceat dixisse, primi omnium eloquentiam perdidistis "Con vostra buona pace, lasciatevelo dire signori retori: siete stati voi per primi a rovinare l`oratoria." I grandi del passato-riprende Encolpio-non avevano bisogno di questa eloquenza maculosa et turgida, di questa ventosa et enormis loquacitas,che dalle scuole dell`asia attraverso Atene era arrivata in Roma,contaminando tutto come la peste. Attaccato in questo modo, il retore Agamennone non respinge le accuse;anzi loda il buon senso di Encolpio, ma scarica la colpa sui genitori, sulle famiglie: sono loro a volere questo corso di studi; sono loro che pretendono di fare di un bambino un oratore in quattro e quattr`otto per la loro stupida vanita` (sappiamo che alla declamazione delle Controversiae nelle scuole erano regolarmente presenti i parenti degli allievi,insieme a un pubblico di appassionati),mentre per acquisire tutte le conoscenze tecniche,giuridiche,filosofiche e storiche necessarie all`attivita` di chi parla in pubblico sarebbero necessari anni di lavoro tranquillo e silenzioso. Riassumendo, il quadro di questa discussione e`il seguente: Encolpio avanza una critica tecnica al sistema scolastico delle Controversiae e delle Suasoriae, mentre Agamennone si rifugia, come Eumolpo nel passo sopra citato, nelle pessimistiche motivazioni di carattere morale che ormai conosciamo bene.7 Non appare in Petronio, come non appariva in Seneca filosofo,la spiegazione "politica" della crisi. Forse questi autori non la condividevano; o forse, sotto un sovrano assolutista e sospettoso come Nerone certi argomenti era piu` conveniente lasciarli da parte. LUCANO Gli autori non provengono più da Roma ma c'è la provenienza degli autori da altri luoghi che ci da prova del processo di romanizzazione che si accompagna alla conquista di

8 nuovi territori da parte dell'impero Romano. Lucano nasce nel 39 in Spagna ed è nipote di Seneca ma si trasferisce a Roma, dove viene affidato al filosofi stoico Annio lo stoicismo diventa una filosofia dominante a Roma perchè si concilia con la mentalità romana. Le sue qualità lo mettono in luce agli occhi del princeps Nerone e infatti entra a far parte della cerchio dei consiglieri di Nerone e inizia la sua carriera come questore (carriera politica). Ma questo periodo idillico con il princeps termina ben presto, anche perchè sappiamo la natura volubile di Nerone. Quali sono stati i fattori che lo hanno fatto cadere in disgrazia? L'invidia del princeps che affiancato da uno scrittore che lo può mettere in ombra lo allontana, ma poi anche perchè Lucano manifesta le sue idee filorepubblicane. Intorno agli anni 60 gli vengono affidati incarichi che dimostrano la sua simpatia a Nerone ma poi cade in disgrazia, negli anni 60 interviene la rottura tra Nerone e Seneca e quindi questo può aver ulteriormente influito sui rapporti tra Nerone e Lucano. Lucano è proibito di scrivere e come avviene a molti di questi personaggi illustri caduti in disgrazia, finisce per accostarsi al fronte degli oppositori e quindi lo troviamo coinvolto nella congiura dei Pisoni e quindi come altri riceve l'ordine di darsi la morte. In un primo tempo cerca di gettare le colpe sulla madre ma alla fine deve affrontare il suo destino, e la testimonianza della sua fine ci è offerta da Tacito che in questi capitoli degli annalles in particolare nel 15 libro tratteggia a tinte fosche gli anni del principato di Nerone con le numerose morti che i susseguono. La sua morte avviene con la fermezza dello stoico, mentre attende la morte lenta (si tagliavano le vene) legge i versi dedicati alla morte di un soldato. Le opere secondarie che ci sono giunte a frammenti che farebbero pensare che egli sia in linea con le direttive culturali di Nerone infatti i titoli sono numerosi e se pensiamo che sia vissuto solo 25 anni, molti titoli fanno pensare che avesse una certa facilità nel comporre le sue opere queste opere confermano i caratteri della letteratura di eta imperiale, letteratura minore di evasione e intrattenimento, opere che si caratterizzano per eleganza formale, sfoggio di erudizione e alcuni titoli come il poemetto Iacon ci confermano l'interesse di Nerone per le vicende troiane e la propensione per il poema epico. Al poema epico si ricollega l'opera appunto principale di Lucano che è il bellum civile noto anche come FARSALIA. L'ispirazione per quest'opera è venuta dall'intendimento di assecondare una richiesta del princeps cosi come l'eneide è stata scritta per assecondare Augusto -> Nerone voleva un poema epico che fosse la celebrazione della storia di Roma. Il problema è che bene presto l'opera di Lucano aveva preso una piega diversa nel senso che erano divenuti manifesti i suoi sentimenti in opposizione al principato e di rimpianto per la libertas repubblicana anche era venuta necessariamente meno sotto il principato. BELLUM CIVILE o FARSAGLIA come già dal titolo tratta della guerra civile tra Cesare e Pompeo chiusasi con la battaglia di Farsalo in Vessali a e la morte di Pompeo che aveva tentato la fuga in Egitto ma aveva trovato la morte. Un poema epico-storico come era nella tradizione del poema epico romano, noi partiamo dalle origini ella letteratura latina con Ennio (Bellum pedicum e annales) e Nevio che ci confermano questo particolare carattere del poema epico latino che è un poema epico storico. Poema epico romano latino dal poema romano epico la differenza è proprio questa. Ci sono giunti solo 10 libri perchè è intervenuta la morte dell'autore quindi non erano completati, ed è probabile che l'opera ne prevedesse 12 sul modello dell' Iliade che è il punto di riferimento per chi voglia comporre un poema epico. SI è pensato alla suddivisione di come dovesse essere articolata l'opera secondo Lucano, si ipotizzo che fossero divisi in tre gruppi di quattro libri, questa suddivisione si ricollega anche al contenuto dell'opera perchè ognuno dei gruppi ha come protagonisti uno dei personaggi della storia di cui si parla: 1) CESARE 2) POMPEO 3) CATONE (eroe positivo di tutta la vicenda storica)

9 Suddivisione mettere in rilievo il personaggio protagonista Altra idea è quella di vedere una divisione come quella dell'eneide quindi una divisione in due 6 libri e 6 libri, a riprova di questa tesi come nell'eneide avevamo al centro il canto sesto con la discesa di Nerone nell'oltretomba, qui troviamo una scena di necromanzia che corrisponde al sesto libro dell'eneide in una volontà di corrispondenza. Qualcuno invece ha un altra ipotesi perchè dice che la narrazione è continua e che non si avverte la divisione in tre gruppi. Poema epico storico che quindi parte da fonti storiche che sono Livio, oppure opere di autori vicini a Lucano oppure documenti di cui lui disponeva al suo tempo, ma tutta questa documentazione storica che coincide con il punto di partenza di Lucano in realtà fu sottoposta ad una interpretazione e rielaborazione personale dell'autore per cui è un opera di poesia a cui non bisogna chiedere la fedeltà ai fatti che si richiede ad un opera di carattere storica. Carattere storico più accentuato rispetto all'eneide perchè se per più volte abbiamo richiamato questo confronto con l'eneide, di fatto poi l'opera rivela la propria originalità e si presenta come un antieneide. Molte sono le differenze rispetto all'opera di Virgilio, inanzi tutto ci viene meno lo spazio dato alla mitologia, viene meno la concezione del Dio che interviene nelle vicende umane perchè egli ha davanti un panorama desolato delle guerre civili, come nell'introduzione lui parla di una guerra più che civile che ha portato ad un totale sovvertimento e allora di fronte a questo gli è difficile pensare alla presenza degli dei. Non vuol dire che non ci siano riferimenti al soprannaturale, però questo è più orrido e macabro parla di forze oscure che determinano il quadro che egli vuole rappresentare nella sua opera. È venuta meno la fiducia che caratterizzava l'opera di Virgilio dove tutto è sorretto dall'idea di un disegno provvidenziale Enea ha una missione. In Virgilio il principato era visto positivamente mette fine alle guerre civili. Lucano viene dopo, alle sue spalle ha la storia del principato da Augusto a Nerone e quindi non rispecchi più la fiducia che dimostrava Virgilio, è venuta meno la concezione provvidenziale della vita degli uomini, ecco il perchè della differenza tra l'eneide e la Farsaglia. BRANO A PAGINA 682 Riferimento alle insegne che furono sottratte a Crasso nella guerra contro i Parti. Contrappone la guerra civile alle guerre combattute contro i nemici esterni. L'invito era a rivolgere contro i nemici esterni queste forze. Sono più gravi le ferite di queste guerre civili di fratelli contro fratelli che non quelle contro i nemici. La differenza con l'eneise si vede quando andiamo a leggere questo episodio di necromanzia (magia operata sulla morte), l'idea è analoga a quella vista nell'eneide anche se la scena si svolge in Tessalia (terra famosa per la magia) qua non abbiamo la teoria della metempsicosi che costituisce la base dell'elaborazione dell'episodio virgiliano ma abbiamo la magia, infatti è interpellata la maga Erittone che fa ritornare in vita un soldato morto con il compito di rivelare a sesto che è figlio di Pompeo ciò che attende la sua famiglia e il destino di Cesare e di Roma stessa profezia non di ricostruzione dell'impero ma di distruzione. TESTO SU ERITTO Conferma del tono cupo, del gusto per l'orrido. Lucano vuole denunciare l'insensatezza della storia romana. Eritto promette al soldato che non sarà mai più sottoposto a nessuna arte magica.

10 Gli dice di rivelare i nomi e i luoghi. Alla visione positiva di Virgilio si sostituisce una visione pessimistica che si può spiegare alla luce dei fatti che separano Virgilio e Lucano. I protagonisti sono principalmente tre, confronto tra Cesare e Pompeo rappresentati come in antitesi tra loro eroe nero è Cesare (accostato al fulmine) caratterizzato dal furor perchè da il colpo mortale alla repubblica. Pompeo rappresenta l'eroe in declino accompagnato dalla consapevolezza della propria fine e della fine di Roma repubblicana, è guidato dall'avidità di potere e la sua immagine è accostata a quella della quercia imponente ma non bene ancorata al terreno, sta in piedi solo grazie al suo peso. L'eroe positivo invece è Catone che incarna la virtù stoica, nonostante non approvi la guerra tuttavia è costretto ad accettarne la necessità e da qui la sua difesa della libertà repubblicana, bisogna evitare che Pompeo trasformi la vittoria in una occasione di vantaggio personale. Sono queste le pagine a cui si è ispirato Dante per la visione di Catone che ne fa il difensore e rappresentante di quella libertà spirituale che lo accomuna alle anime del purgatorio, è saggio stoico tranquillo, paziente, moderato, capace di sopportare che non si tira indietro e affronta la situazione anche se sa che ormai la situazione è irrecuperabile e che l'esito è ormai la sconfitta. Catone è destinato anche lui al suicido come atto di protesta e resa difronte ad una degenerazione inarrestabile della storia, morte affrontata con la consapevolezza di essere dalla parte del giusto. Catone sa che la guerra è maledizione e tanto più quella civile ma è colpa degli dei se lui è costretto a combattere. Consapevolezza delle ambizioni di Pompeo, si schiera al suo fianco per evitare che vinca per sé. AntiEneide anche dal punto di vista stilistico perchè l'eneide (età Augustea adesione al programma politico ) si presenta come chiaro esempio di cura formale, classicismo, equilibrio, armonia, misura. Lucano invece età del principato quindi ricerca di effetti per stupire il lettore, insistere sull'orrido e sul patetico, uso esasperato di figure retoriche scelte stilistiche che vogliono esprimere una tensione che è dentro lo spirito dell'autore, prima si esprimeva una visione sorretta dalla fiducia in un disegno provvidenziale, qui si esprime la consapevolezza di una realtà desolante, quindi c'è una ricerca di pathos, c'è un ritmo incalzante.

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica

Il carnevale degli animali. Grande fantasia zoologica Il carnevale degli animali di Camille Saint Saёns Grande fantasia zoologica Per due pianoforti e piccola orchestra Obiettivi del nostro lavoro Imparare a riconoscere il timbro di alcuni strumenti musicali.

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli