Policy per la valutazione degli incentivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Policy per la valutazione degli incentivi"

Transcript

1 Policy per la valutazione degli incentivi 15 Maggio 2012

2 INDICE 1. PREMESSA DEFINIZIONI E RIFERIMENTI NORMATIVI INCENTIVI LEGITTIMI IN SÉ INCENTIVI LEGITTIMI SOLO A DETERMINATE CONDIZIONI AMBITO DI APPLICAZIONE MODALITÀ E CRITERI PER VALUTAZIONE DELLA LEGITTIMITÀ PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLA LEGITTIMITÀ CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA LEGITTIMITÀ TEST DEL VALORE AGGIUNTO TEST DELLA SALVAGUARDIA DELL INTERESSE DEL CLIENTE TEST DELLA ADEGUATA DIVULGAZIONE DELLE INFORMAZIONI

3 1. PREMESSA Il presente documento è predisposto ai sensi dell art. 15, comma 2, lett. c) del Regolamento congiunto Banca d Italia - Consob, emanato in data 29 ottobre 2007, che prevede che gli intermediari adottino, applichino e mantengano procedure di controllo di conformità e di linea che garantiscano il rispetto, a tutti i livelli dell intermediario, delle disposizioni adottate per la prestazione dei servizi di investimento o accessori, ivi comprese quelle relative alla corresponsione e alla percezione degli incentivi. Nel documento sono descritte le linee guida che Banca Popolare di Milano (di seguito BPM o anche Banca) ha deciso di adottare per gestire gli incentivi pagati/percepiti nell ambito della prestazione dei servizi di investimento o accessori e descrive le logiche volte a garantire il rispetto delle condizioni di legittimità ai sensi di quanto disposto dall art. 52 del Regolamento Consob del 29 ottobre 2007 (Regolamento Intermediari, di seguito RI). In particolare, il documento contiene: - una sintesi della normativa di riferimento - le modalità e criteri da utilizzare per la valutazione delle condizioni di legittimità. 2. DEFINIZIONI E RIFERIMENTI NORMATIVI Il RI 1 individua due macro-tipologie di incentivi 2 : quelli legittimi in sé [riconducibili all art. 52 lettere a) e c)] e quelli legittimi a condizione che soddisfino taluni requisiti [di cui all art. 52 lettera b)] INCENTIVI LEGITTIMI IN SÉ Gli incentivi legittimi per loro natura sono: - in base all art. 52 comma 1 lettera a), i compensi, le commissioni o le prestazioni non monetarie pagate/fornite a/da un cliente o da chi agisca per conto di questi. A fronte di un servizio reso, il cliente deve remunerare l impresa di investimento che lo presta, sebbene sia richiesta una connessione stretta tra il cliente e il pagamento ricevuto dall intermediario - in base all art. 52 comma 1 lettera c), i compensi che rendono possibile la prestazione dei servizi o sono necessari a tal fine, come ad esempio i costi di custodia, le commissioni di regolamento e cambio, i prelievi obbligatori o le spese legali, e che, per loro natura, non possono entrare in 1 L art. 52 del RI recita: 1. Gli intermediari non possono, in relazione alla prestazione di un servizio di investimento o accessorio ad un cliente, versare o percepire compensi o commissioni oppure fornire o ricevere prestazioni non monetarie ad eccezione di: a. compensi, commissioni o prestazioni non monetarie pagati o forniti a o da un cliente o da chi agisca per conto di questi b. compensi, commissioni o prestazioni non monetarie pagati o forniti a o da un terzo o da chi agisca per conto di questi, qualora siano soddisfatte le seguenti condizioni: 1. l esistenza, la natura e l importo di compensi, commissioni o prestazioni, o, qualora l importo non possa essere accertato, il metodo di calcolo di tale importo sono comunicati chiaramente al cliente, in modo completo, accurato e comprensibile, prima della prestazione del servizio di investimento o accessorio 2. il pagamento di compensi o commissioni o la fornitura di prestazioni non monetarie è volta ad accrescere la qualità del servizio fornito al cliente e non deve ostacolare l adempimento da parte dell intermediario dell obbligo di servire al meglio gli interessi del cliente c. compensi adeguati che rendano possibile la prestazione dei servizi o siano necessari a tal fine, come ad esempio i costi di custodia, le commissioni di regolamento e cambio, i prelievi obbligatori o le spese legali, e che, per loro natura, non possano entrare in conflitto con il dovere dell impresa di agire in modo onesto, equo e professionale per servire al meglio gli interessi dei suoi clienti. 2. Gli intermediari, ai sensi del comma 1, lettera b), punto b1), possono comunicare i termini essenziali degli accordi conclusi in materia di compensi, commissioni o prestazioni non monetarie, in forma sintetica, comunicando ulteriori dettagli su richiesta del cliente. 2 Al riguardo si è anche tenuto conto delle indicazioni fornite dal CESR (The Committee of European Securities Regulators) nelle proprie Raccomandazioni (cfr. CESR/07-228b Inducements under MiFID ), da ABI (Associazione Bancaria Italiana) nel documento Position Paper - Incentivi e da Assogestioni (Associazione Italiana del Risparmio Gestito) nel documento La disciplina sugli incentivi per le SGR e le SICAV Linee Guida. 3

4 conflitto con il dovere dell intermediario di agire in modo onesto, equo e professionale per servire al meglio gli interessi della propria clientela. L ESMA (precedente definizione del CESR) identifica altri incentivi riconducibili a questa fattispecie quali le commissioni per traffico telex inviati in relazione ad attività di regolamento, le commissioni per elaborazione movimenti relativi ai conti reciproci, le commissioni per il servizio di clearing EBA, le spese di custodia, regolamento, liquidazione (netta, lorda, RRG), compensazione, servizio titoli svolto per conto degli emittenti, le spese relative alle attività che le depositarie svolgono sui titoli esteri depositati presso di loro, le commissioni ricevute per conto degli enti emittenti relative alle operazioni sul capitale, diritti fissi relativi ai dividendi, alle assemblee, alle operazioni sul capitale e ad altre operazioni, i pagamenti per lo svolgimento del servizio di investimento (o di parte di esso) dato o ricevuto in outsourcing, le commissioni di cambio, i pagamento di imposte, le competenze legali INCENTIVI LEGITTIMI SOLO A DETERMINATE CONDIZIONI Ai sensi dell art. 52 lettera b) del RI, la tipologia di incentivi legittimi solo a determinate condizioni ricomprende i compensi, le commissioni o le prestazioni non monetarie che l intermediario paga o riceve a/da un soggetto terzo o da chi agisca per conto di questi, diverso dal cliente al quale il servizio viene prestato, al di fuori dei casi in cui si tratti di compensi che rendano possibile la prestazione dei servizi o siano necessari a tal fine. Esempi non esaustivi di tale tipologia di incentivi sono: la retrocessione della commissione di gestione pagata dal gestore collettivo/di portafoglio/compagnia di assicurazione al collocatore/distributore, la retrocessione della commissione di ingresso pagata dal gestore collettivo/di portafoglio/compagnia di assicurazione al collocatore/distributore, la retrocessione della eventuale commissione di performance pagata dal gestore collettivo/di portafoglio al distributore per l'attività di collocamento, i pagamenti a fronte di corsi di formazione per la rete commerciale finalizzati al miglior servizio al cliente, effettuati dalla Società prodotto al collocatore/gestore di portafoglio a fronte di iniziative di formazione. La possibilità per l intermediario di pagare o ricevere tale tipologia di incentivi richiede lo svolgimento di una preventiva analisi finalizzata all accertamento della sussistenza dei requisiti di legittimità che si sostanziano nel: - rendere preventivamente noto al cliente l esistenza la natura e l importo, ovvero il metodo di calcolo dei pagamenti medesimi; la comunicazione deve essere effettuata in modo completo, accurato e comprensibile, in alternativa, è ammesso comunicare i termini essenziali delle disposizioni in tema di incentivi in forma sintetica, purché l intermediario si impegni a rendere noti altri dettagli su richiesta del cliente - assicurare che i pagamenti siano volti ad accrescere la qualità del servizio fornito e non ostacolino l adempimento da parte dell intermediario dell obbligo di servire al meglio gli interessi del cliente. Quanto agli aspetti informativi si rimanda al capitolo 4 del presente documento, mentre per apprezzare l ammissibilità dei pagamenti effettuati/percepiti da terzi in relazione agli altri due temi trattati al secondo alinea del paragrafo precedente (accrescimento della qualità del servizio e obbligo di servire al meglio gli interessi del cliente), occorre analizzare una serie di indicatori raccomandati dall ESMA, quali: - l individuazione della natura del servizio di investimento o accessorio reso al cliente e dell estensione delle obbligazioni a carico della Banca risultanti dal contratto con il cliente - la valutazione della natura e della portata del beneficio atteso per il cliente e dell eventuale beneficio atteso per la Banca - la verifica dell eventualità che l incentivo condizioni il comportamento della Banca spingendola ad agire in modo difforme rispetto all interesse del cliente - la verifica della relazione esistente fra la Banca e la Società prodotto o l entità terza che effettua/riceve il pagamento nonché degli interessi in comune fra i due soggetti 4

5 - l accertamento della natura della competenza o pagamento, del criterio di calcolo, delle circostanze nelle quali interviene e di ogni altra condizione collegata. Accrescimento della qualità del servizio reso al cliente L analisi riguardante l accrescimento della qualità del servizio si fonda sul contenuto dei servizi resi al cliente e sui corrispondenti obblighi gravanti sull intermediario, nonché sui vantaggi, diretti o indiretti, che possono derivare allo stesso, tra i quali: - l aumento e la diversificazione della gamma di prodotti finanziari offerti con una conseguente prospettiva di open architecture (ampiezza della gamma da intendersi sia in termini di tipologia di strumenti, sia di caratteristiche offerte da più strumenti all interno della stessa tipologia) - l aumento delle competenze e conoscenze dei soggetti coinvolti nella prestazione dei servizi di investimento mediante la predisposizione di corsi di formazione e aggiornamento - la prestazione di attività di supporto e di assistenza alla clientela sia in fase pre e post vendita, soprattutto in presenza di commissioni di mantenimento - la prestazione congiunta del servizio di consulenza che implica necessariamente un attenta ed approfondita analisi delle caratteristiche della clientela, al fine di valutare correttamente l adeguatezza del servizio di investimento e dello strumento finanziario raccomandato - l adozione di rigorosi parametri tecnico finanziari neutrali rispetto agli incentivi percepiti per la selezione dei prodotti finanziari offerti od oggetto di raccomandazione. Obbligo di servire al meglio gli interessi del cliente La normativa richiede che gli incentivi non pregiudichino il rispetto dell obbligo, da parte dell intermediario, di agire nel miglior interesse per il cliente verificando che: - non siano sproporzionati rispetto al valore dei servizi prestati alla clientela - non siano commisurati al raggiungimento di obiettivi di vendita di singoli prodotti - siano neutrali rispetto all osservanza degli obblighi che ricadono in capo alla Banca. E, inoltre, necessario assicurare il puntuale rispetto degli obblighi di diligenza, correttezza e trasparenza previsti all articolo 21 del D.Lgs 58/98 (Testo Unico della Finanza), dotandosi di policy e procedure operative finalizzate a garantire l osservanza degli obblighi di comportamento previsti a carico della Banca. 3. AMBITO DI APPLICAZIONE Le norme sugli incentivi si applicano a qualunque compenso, commissione o prestazione non monetaria che la Banca paga/riceve a/da soggetti terzi, compresi i soggetti giuridici appartenenti al Gruppo BPM, in relazione alla prestazione di servizi di investimento ed accessori ed in particolare al collocamento e alla distribuzione di: - strumenti finanziari (ad es. fondi comuni di investimento e SICAV, prestiti obbligazionari di soggetti terzi, certificates, etc, anche nell ambito di Offerte Pubbliche quali OPV, OPS, OPVS, IPO) - prodotti finanziari assicurativi (polizze di cui ai rami vita III e V) - gestioni di portafoglio. Non rientrano nel perimetro le somme erogate dalla Banca in relazione al sistema premiante, quali ad esempio i programmi di bonus interni (cfr. CESR/07-228b Inducements under MiFID ), sebbene queste possano rilevare ai fini della disciplina sul conflitto d interessi, ed i pagamenti ai promotori finanziari. A tal proposito, le misure previste dalla policy di gestione dei conflitti di interesse sono complementari rispetto a quelle sugli incentivi, in quanto poste a presidio degli effetti derivanti dai sistemi premianti, dai programmi di bonus interni, dagli obiettivi di budget, dall interesse della Banca ad effettuare 5

6 raccolta diretta mediante distribuzione dei prodotti finanziari di propria emissione e raccolta gestita mediante distribuzione di prodotti finanziari offerti da Società terze. Le disposizioni contenute nel presente documento sono applicabili in maniera uniforme ai servizi di investimento o accessori forniti alla clientela, indipendentemente dalla classificazione loro attribuita. Il Servizio Investment Center rivisita, con periodicità almeno annuale, o inferiore laddove mutasse lo scenario economico di riferimento, il presente documento ed in particolare i livelli massimi di oneri che possono essere percepiti (di cui al capitolo 4). 4. MODALITÀ E CRITERI PER VALUTAZIONE DELLA LEGITTIMITÀ 4.1. PROCESSO DI VALUTAZIONE DELLA LEGITTIMITÀ La valutazione della legittimità degli incentivi deve essere svolta: - in modo unitario, in quanto entrambe le condizioni di cui alla lettera b) dell art. 52 RI devono essere soddisfatte - ex-ante, e quindi prima della stipula dell accordo (ad es. convenzione di collocamento fondi) che prevede tali pagamenti. Nel definire l assetto commissionale dei servizi e dei prodotti a cui si applicano le norme sugli incentivi, il Servizio Investment Center ha la responsabilità di verificare preventivamente il rispetto dei criteri di legittimità in base alle linee guida del presente documento. Successivamente, la Commissione Prodotti Finanziari, ed in particolare la Funzione Compliance che vi partecipa, provvede a controllare la conformità delle strutture commissionali proposte ed indicare eventuali misure correttive. Deroghe all applicazione delle presenti linee guida devono essere autorizzate dal Comitato Politiche Commerciali e Nuovi Prodotti CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA LEGITTIMITÀ TEST DEL VALORE AGGIUNTO Il test è finalizzato a verificare che l incentivo accresca la qualità del servizio reso al cliente. TIPOLOGIA DI SERVIZIO PRESTATO CONSULENZA ABBINATA AD ALTRI SERVIZI La prestazione del servizio di consulenza, congiuntamente ad altri servizi d investimento rappresenta una delle circostanze che legittimano la percezione di incentivi, in quanto consente di aumentare, arricchendola di contenuti, la qualità del servizio complessivamente reso al cliente. Il modello relazionale adottato dalla Banca presso le sue strutture territoriali prevede in via prevalente la prestazione del servizio di consulenza nei confronti di tutta la clientela, sia esso di livello base a titolo gratuito oppure avanzato dietro pagamento di un eventuale corrispettivo. Il contenuto del servizio di consulenza deve prevedere: - la predisposizione di corsi di formazione e aggiornamento volti all aumento delle competenze e conoscenze dei soggetti coinvolti nella prestazione dei servizi di investimento - la prestazione di attività di supporto e di assistenza sia in fase pre e post vendita, soprattutto in presenza di commissioni di mantenimento 6

7 - un attenta ed approfondita analisi delle caratteristiche della clientela, al fine di valutare correttamente l adeguatezza del servizio di investimento e dello strumento finanziario raccomandato - l adozione di rigorosi parametri tecnico finanziari neutrali rispetto agli incentivi percepiti per la selezione dei prodotti finanziari offerti od oggetto di raccomandazione - il coordinamento di una Struttura centrale (nel caso di specie il Servizio Investment Center) volto alla creazione e mantenimento di un catalogo prodotti completo e che soddisfi i bisogni dei diversi target di clientela. SERVIZI NON ABBINATI AL SERVIZIO DI CONSULENZA EXECUTION ONLY In assenza dell abbinamento del servizio di consulenza, la legittimità degli incentivi è legittima, qualora subordinata alla sussistenza delle seguenti condizioni: - messa a disposizione della clientela di un ampia gamma di prodotti o servizi, sulla base di accordi di collocamento e/o distribuzione con una pluralità di emittenti - attività di assistenza e supporto pre-vendita (ad esempio valutazione dell appropriatezza) e post-vendita in termini di modalità operative concrete di assistenza al cliente. In tale ipotesi non trovano legittimità gli incentivi per l assenza di un servizio aggiuntivo fornito al cliente. NATURA DEGLI INCENTIVI MONETARI NON MONETARI La natura degli incentivi deve essere coerente con il contenuto delle prestazioni rese al cliente nell ambito del servizio: - se le prestazioni sono continuative nel tempo, sono giustificate commissioni di mantenimento - nel caso invece di prestazioni rese non in modo continuo, come nell ipotesi di mera distribuzione in cui è previsto che gli obblighi della Banca si esauriscano all atto della vendita, è giustificato solo il pagamento di una commissione di tipo upfront. La legittimità di incentivi non monetari, erogati sotto forma di servizi, studi e analisi di mercato, benefit di altro genere (c.d. soft commission ), deve trovare giustificazione nella stretta connessione con i servizi prestati al cliente. Ad esempio, è considerata legittima la fornitura di corsi di formazione o di software attinenti allo specifico prodotto oggetto di collocamento. 7

8 TEST DELLA SALVAGUARDIA DELL INTERESSE DEL CLIENTE Il test definisce le restrizioni alle modalità di calcolo dei compensi percepiti, al fine di garantire che essi non pregiudichino il rispetto dell obbligo di agire nel miglior interesse per il cliente. MODALITÀ DI CALCOLO ONERI MASSIMI PRESTAZIONI MONETARIE PRESTAZIONI NON MONETARIE Al fine di impedire che il comportamento della Banca sia condizionato dagli incentivi percepiti da soggetti terzi, sono stati definiti dei livelli massimi di oneri complessivi a carico del cliente (commissioni o incentivi) così articolati: - prestiti obbligazionari plain vanilla: 100 bps annui - prestiti obbligazionari strutturati: 100 bps annui - per prodotti di risparmio gestito (fondi comuni di investimento, SICAV, polizze assicurativo-finanziarie) sono previste le seguenti tipologie di commissioni: - commissione di sottoscrizione: fino ad un massimo di 500 bps (up front) - commissione/penale di uscita: fino a 150 bps annui, se complementare alla sottoscrizione o fino a 350 bps, se alternativa - commissioni di mantenimento altrimenti indicata come commissione di gestione e di distribuzione: fino a 300 bps annui. - altri prodotti: fino a 300 bps annui. Dato il maggiore rischio insito in tali tipologie di accordi, non sono considerati legittimi metodi di calcolo che prevedano meccanismi iperincentivanti, one-off bonus o override al superamento di limiti quantitativi di vendita/collocamento prestabiliti. Costituisce invece una modalità di retrocessione ammessa, in quanto non contrastante con il divieto di one-off bonus, l articolazione del meccanismo di retrocessione in aliquote o scaglioni in ragione di volumi collocati (o del mantenimento delle masse in gestione, come ad esempio nel caso di OICR). Al fine di garantire che il beneficio della Banca sia commisurato al beneficio del cliente, non sono ritenuti legittimi corsi di formazione tenuti in località di vacanze esotiche. 8

9 TEST DELLA ADEGUATA DIVULGAZIONE DELLE INFORMAZIONI Il test è volto a garantire la corretta comunicazione al cliente degli incentivi percepiti. INFORMATIVA PRELIMINARE MODULO INDUCEMENT La Banca fornisce informazioni generali sugli incentivi al cliente nel documento Informativa preliminare che è consegnato prima della stipula del contratto quadro. La Banca fornisce l informativa specifica sugli incentivi percepiti in relazione ad una singola operazione tramite l apposito modulo che deve essere consegnato e sottoscritto dal cliente preventivamente alla prestazione del servizio o all effettuazione della singola operazione. 9

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare:

La norma prevede diverse tipologie di incentivo prevedendo per ciascuna un regime specifico ed in particolare: GESTIONE, DISCLOSURE E MONITORAGGIO DEGLI INCENTIVI ( INDUCEMENTS ) VERSATI E/O PERCEPITI DALLA BANCA NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO ED ACCESSORI 1. PREMESSA La disciplina MiFID sugli incentivi

Dettagli

Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** CDA 11/03/2015

Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** CDA 11/03/2015 Policy per la rilevazione e gestione degli incentivi ********** 2015 CDA 11/03/2015 INDICE 1. PREMESSA...3 2. CONTENUTI E RELAZIONE CON ALTRE NORME E DOCUMENTI...4 3. PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E GESTIONE

Dettagli

Policy per la Rilevazione e la Gestione degli Incentivi

Policy per la Rilevazione e la Gestione degli Incentivi Policy per la Rilevazione e la Gestione degli Incentivi Approvata dal CdA in data 15 febbraio 2012 Pagina 1 di 16 INDICE PREMESSA Pag. 3 LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI Pag.

Dettagli

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI NEI SERVIZI DI INVESTIMENTO

BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI NEI SERVIZI DI INVESTIMENTO BANCO DI CREDITO P. AZZOAGLIO S.P.A. POLICY PER LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI NEI SERVIZI DI INVESTIMENTO Versione 03 Approvato da Consiglio di Amministrazione data approvazione 30/01/2013 Pag. 1 di 13 SOMMARIO

Dettagli

Policy aziendale in tema di incentivi nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento

Policy aziendale in tema di incentivi nella prestazione dei servizi e delle attività di investimento Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI Versione 9.0 del 09/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 Approvato in prima istanza dal C.E. in data 6/03/2008 Pag. 1 di 12 INDICE 1 Identificazione

Dettagli

POLITICA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI

POLITICA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI Direttiva 2004/39/CE MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) POLITICA DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI DELLA BANCA POPOLARE ETICA gennaio 2015 www.bancaetica.it PREMESSA La Markets in Financial Instruments

Dettagli

Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi

Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi VERSIONE APRILE 2011 INDICE PREMESSA... 3 LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI... 5 FASE I - ASSEGNAZIONE DEI RUOLI

Dettagli

(Approvata con delibera del Consiglio d amministrazione nella seduta del 02 aprile 2008) (Aggiornata con delibera del Consiglio d amministrazione

(Approvata con delibera del Consiglio d amministrazione nella seduta del 02 aprile 2008) (Aggiornata con delibera del Consiglio d amministrazione BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SAN GIUSEPPE DI PETRALIA SOTTANA Policy per la rilevazione e la gestione degli incentivi (Approvata con delibera del Consiglio d amministrazione nella seduta del 02 aprile

Dettagli

CONSOB - PRIME LINEE DI INDIRIZZO IN TEMA DI INDUCEMENTS

CONSOB - PRIME LINEE DI INDIRIZZO IN TEMA DI INDUCEMENTS CONSOB - PRIME LINEE DI INDIRIZZO IN TEMA DI INDUCEMENTS Premessa La normativa comunitaria (direttiva n. 2006/73/CE art. 26) inquadra espressamente la materia degli inducement all interno dei doveri (di

Dettagli

Strategia di gestione degli incentivi

Strategia di gestione degli incentivi Strategia di gestione degli incentivi aggiornamento approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 16 giugno 2015 1 Sommario 1. PREMESSA... 3 2. IL PROCESSO DI GESTIONE DEGLI INCENTIVI... 4 2.1 La

Dettagli

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy)

Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) Sintesi della politica di prestazione dei servizi di investimento (Investment Policy) La banca per un mondo che cambia Disposizioni generali La Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. ( BNL ), capitale sociale

Dettagli

Policy di rilevazione e gestione degli incentivi della Banca di Credito Cooperativo di Barlassina

Policy di rilevazione e gestione degli incentivi della Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Policy di rilevazione e gestione degli incentivi della Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Approvato dal Consiglio di Amministrazione nella seduta del 22/12/2015 INDICE PREMESSA... 3 LINEE GUIDA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI

LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI Sede sociale, legale ed amministrativa: Corso Italia n. 80 32043 Cortina d Ampezzo - BL Recapiti: Tel 0436.883800 Fax 0436.867654 Sito Internet: www.bcccortina.it Cod. ABI 08511 - C.F./P.IVA 00078700259

Dettagli

MiFID POLICY DI RILEVAZIONE E GESTIONE DEGLI INCENTIVI

MiFID POLICY DI RILEVAZIONE E GESTIONE DEGLI INCENTIVI MiFID POLICY DI RILEVAZIONE E GESTIONE DEGLI INCENTIVI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 INDICE PREMESSA... 3 1. LINEE GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI... 5 2. FASE I

Dettagli

LINEE-GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI

LINEE-GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI Linee-guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi LINEE-GUIDA PER LA RILEVAZIONE E LA GESTIONE DEGLI INCENTIVI PREMESSA... 1 1. ASSEGNAZIONE DEI RUOLI E DELLE RESPONSABILITÀ... 2 2. RIFERIMENTI

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE. Iccrea Banca S.p.A. E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI

SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE. Iccrea Banca S.p.A. E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE E DOCUMENTO INFORMATIVO SUGLI INCENTIVI Iccrea Banca S.p.A. SINTESI DELLA POLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1 PREMESSA Iccrea Banca

Dettagli

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati

Società di Gestione del Risparmio S.p.A. Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Documento sintetico relativo alla SGR e ai servizi dalla stessa prestati Premessa La Direttiva dell'unione Europea MiFID (2004/39/CE), acronimo di Markets in Financial Instruments Directive, ha modificato,

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

Politica di Gestione degli Incentivi INDICE

Politica di Gestione degli Incentivi INDICE Politica di Gestione degli Incentivi Linee Guida per la rilevazione e gestione degli incentivi Incentivi INDICE A - PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 2. Definizioni...2 B - LINEE DI INDIRIZZO

Dettagli

La disciplina degli inducements nella Mifid 2 e nel Technical Advice dell ESMA

La disciplina degli inducements nella Mifid 2 e nel Technical Advice dell ESMA ASCOSIM La Consulenza Finanziaria verso la Mifid 2 La disciplina degli inducements nella Mifid 2 e nel Technical Advice dell ESMA Prof. Maria-Teresa Paracampo Associato di Diritto del Mercato Finanziario

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA Come ogni grande istituzione finanziaria, BNP Paribas Investment Partners SGR (di seguito anche la SGR

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI CONDOTTA NEL RAPPORTO BANCA - CLIENTE

LE NUOVE REGOLE DI CONDOTTA NEL RAPPORTO BANCA - CLIENTE LE NUOVE REGOLE DI CONDOTTA NEL RAPPORTO BANCA - CLIENTE Roberto Galbiati Milano, 28 giugno 2014 dell autore e non rappresentano necessariamente quelle di Intesa Sanpaolo Spa 1 Agenda L informativa pre-contrattuale

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1

INDICE SOMMARIO. Introduzione... 1 SOMMARIO Introduzione... 1 CAPITOLO 1 I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO 1. L elenco dei servizi (e delle attività) di investimento... 9 2. Gli strumenti finanziari... 10 3. La nozione di prodotto

Dettagli

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi

Sintesi della Politica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi Sintesi della olitica in materia di conflitti di interesse e Documento informativo sugli incentivi SINTESI DELLA OLITICA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1 remessa Iccrea Banca S.p.A. (la Banca ),

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE)

recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Le principali novità introdotte con il recepimento della Direttiva MiFID (2004/39/CE) Direttiva 2004/39/CE ( dirett. di 1 livello ) Markets in Financial Instruments Directive o MiFID Direttiva 2006/73/CE

Dettagli

La normativa regolamentare della consulenza finanziaria

La normativa regolamentare della consulenza finanziaria LA CONSULENZA FINANZIARIA La normativa regolamentare della consulenza finanziaria Edoardo Guffanti - Nunzia Melaccio Commissione Banche e Intermediari Finanziari ODEC Milano 22 marzo 2012 - Milano S.A.F.

Dettagli

Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi

Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi Linee Guida per la rilevazione e la gestione degli incentivi PEMESSA La Markets in Financial Instruments Directive è la Direttiva n. 39 approvata dal Parlamento Europeo nel 2004 (di seguito MiFID ) che,

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO Roma, 30 gennaio 2008 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione

Dettagli

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi

MiFID review: scenari e prospettive. Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi MiFID review: scenari e prospettive Siena, 11 maggio 2013 Pasquina Petruzzi AGENDA MiFID I: ricapitoliamo MiFID review: le ragioni MiFID review: le novità MiFID review: stato dell arte 2 MiFID I: ricapitoliamo

Dettagli

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE

REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTO DI INTERESSE PROCESSO FINANZA BANCA DELL ALTA MURGIA CREDITO COOPERATIVO REGISTRO DELLE FATTISPECIE DI CONFLITTI DI INTERESSE L art. 26 del Regolamento congiunto

Dettagli

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della

Dettagli

"MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012

MIFID EMIFID. Divisione Intermediari. Flavio Bongiovanni CONSOB. Sorrento, 14-15 giugno 2012 "MIFID EMIFID REVIEW: LA POSIZIONE DELL'AUTORITÀ DI VIGILANZA ITALIANA" Flavio Bongiovanni CONSOB Divisione Intermediari Sorrento, 14-15 giugno 2012 LaMIFID1: Indice degli argomenti Evoluzione del quadro

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 13 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari

Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari Capitolo 15 Concorrenza e tutela del consumatore di servizi finanziari Esercizi di riepilogo 1) Volendo rappresentare il settore dei servizi finanziari fate riferimento: a) ai tre tipi di intermediazione

Dettagli

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE

Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE Politica di Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza Modalità, Organizzazione e Procedure Valutazione Adeguatezza e Appropriatezza INDICE A PREMESSA...2 1. Normativa di riferimento...2 D APPROPRIATEZZA...4

Dettagli

FUSIONE DEL FONDO ALBOINO RE NEL FONDO ACOMEA BREVE TERMINE

FUSIONE DEL FONDO ALBOINO RE NEL FONDO ACOMEA BREVE TERMINE FUSIONE DEL FONDO ALBOINO RE NEL FONDO ACOMEA BREVE TERMINE DOCUMENTO INFORMATIVO PER I PARTECIPANTI AL FONDO ALBOINO RE REDATO AI SENSI DEL CAPITOLO V, TIT. V, SEZ. II DEL REGOLAMENTO BANCA D ITALIA 8/5/2012

Dettagli

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A.

Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Allianz Bank Financial Advisors S.p.A. Meccanismi organizzativi e amministrativi posti in essere per prevenire ed evitare conflitti di interesse in rapporto alle raccomandazioni INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Difesa del risparmio e rapporto con le banche

Difesa del risparmio e rapporto con le banche EDUCAZIONE FINANZIARIA Difesa del risparmio e rapporto con le banche CUCE Dr. Vincenzo Difesa del risparmio e rapporto con le banche Legenda: Il Risparmio, Manifesto per la tutela del risparmio Oltre la

Dettagli

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLICY PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 26 dicembre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 26 aprile 2012 v.0.4 INDICE I. PREMESSA...

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

MIFID Markets in Financial Instruments Directive

MIFID Markets in Financial Instruments Directive MIFID Markets in Financial Instruments Directive Il 1 1 Novembre 2007 è stata recepita anche in Italia, attraverso il Decreto Legislativo del 17 Settembre 2007 n.164n.164,, la Direttiva Comunitaria denominata

Dettagli

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti

MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti MiFID, un anno dopo... Focus sui prodotti di risparmio gestito: i rapporti tra società prodotto e distributori e tra distributori e clienti Alessandro Pagani Head of Compliance & Operational Risks Milano,

Dettagli

Consulenza in materia di investimenti ed evoluzione del quadro normativo. Aspetti critici ed opportunità

Consulenza in materia di investimenti ed evoluzione del quadro normativo. Aspetti critici ed opportunità A S C O S I M 3 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA Consulenza in materia di investimenti ed evoluzione del quadro normativo. Aspetti critici ed opportunità Giovanni Musella CONSOB -Divisione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE TITOLI

FOGLIO INFORMATIVO relativo a: DEPOSITO A CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE TITOLI NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI)

EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI) EXECUTION E TRASMISSION POLICY (STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI) Tipo: Redazione: Approvazione: Data rilascio: Policy Revisione Data Tipologia di aggiornamento 1 17/12/2014 Revisione

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 01/08/2008 ai sensi dell art. 18 del Regolamento Congiunto Banca d Italia Consob

Dettagli

Anima Russell Multi-Asset Sistema Open

Anima Russell Multi-Asset Sistema Open Società di gestione del risparmio Soggetta all attività di direzione e coordinamento del socio unico Anima Holding S.p.A. Informazioni chiave per gli Investitori (KIID) Il presente documento contiene le

Dettagli

Tipologia di conflitto di interesse

Tipologia di conflitto di interesse 1 Ricezione e trasmissione di ordini 2 Ricezione e trasmissione di ordini Negoziazione per conto proprio di La prestazione del servizio di ricezione e trasmissione di ordini espone la Banca a situazioni

Dettagli

CODICE ETICO 1. PREMESSA

CODICE ETICO 1. PREMESSA 1. PREMESSA a. Le Sim di Consulenza e le Società di Consulenza Finanziaria associate ad ASCOSIM ( le società ) concordano sui principi contenuti nel presente Codice Etico ( Codice ) e si impegnano applicarne

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA

REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 REGOLE DI CONDOTTA DI BSI SA MAGGIO 2012 BSI SA (di seguito BSI o Banca ) al fine di garantire un sempre maggiore livello di qualità ed efficienza dei servizi e prodotti offerti

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE DOCUMENTO INFORMATIVO SULLE POLITICHE ADOTTATE DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE In conformità alle disposizioni di cui all art. 25 del Regolamento congiunto Banca d Italia e Consob del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO ALLA CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI

FOGLIO INFORMATIVO RELATIVO ALLA CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Sen. Pietro Grammatico di Paceco Società Cooperativa Sede Legale e Direzione Generale: Via G. Amendola 11/13 91027 Paceco (TP) Tel. 0923 402011 Fax

Dettagli

POLICY DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa

POLICY DI GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa Gruppo Banca Agricola Popolare di Ragusa INDICE PREMESSA... 3 1. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI... 4 2. CONTESTO NORMATIVO... 5 2.1 DEFINIZIONE DI OPERAZIONE PERSONALE... 5 2.2 DEFINIZIONE DI SOGGETTO

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLICY SULLA CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA Delibera del Consiglio di Amministrazione del 19 Febbraio 2016 Premessa In conformità alle disposizioni di cui all Allegato 3 del Regolamento Intermediari CONSOB

Dettagli

Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni

Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni POLICY DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO Approvata dal CdA nella seduta

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza. CONVEGNO ASCOSIM Palazzo delle Stelline 1 FORUM NAZIONALE SULLA CONSULENZA FINANZIARIA La consulenza in materia d investimenti : dalle tutele alle opportunità economiche. Alcune considerazioni della vigilanza.

Dettagli

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo.

Prima di scegliere e firmare il contratto è quindi necessario leggere attentamente il foglio informativo. INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA CENTROMARCA BANCA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa - Iscritta all albo delle Società Cooperative n. A166229 Sede legale: via D. Alighieri, 2-31022 Preganziol (TV) Tel: 0422/6316

Dettagli

Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE

Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Mediolanum Vita S.p.A. Estratto della POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE Consiglio di Amministrazione del 18 marzo 2013 PREMESSA Mediolanum Vita S.p.A. (di seguito anche "l impresa o la compagnia

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA 4CAVITA 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione, denominata

Dettagli

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo.

Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. Politica di valutazione e pricing di prodotti finanziari emessi dalla Banca del Crotonese Credito Cooperativo. (adottata ai sensi delle Linee Guida interassociative per l applicazione delle misure CONSOB

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE Società Cooperativa per Azioni CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA relativa al Programma di Offerta di Prestiti Obbligazionari denominato SANFELICE 1893 BANCA POPOLARE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A.

SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PAG. 1 SINTESI DELLA POLITICA DELLA CASSA DI RISPARMIO DI ASTI S.P.A. PER LA DETERMINAZIONE DEL GRADO DI LIQUIDITA DEGLI STRUMENTI FINANZIARI DISTRIBUITI ALLA CLIENTELA AL VERSIONE N. 1/12 DEL 30/08/2012

Dettagli

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema UniCredit Soluzione Fondi. Informazioni Generali. Informazioni Generali

Prospetto Semplificato. Informazioni Generali. Sistema UniCredit Soluzione Fondi. Informazioni Generali. Informazioni Generali Sistema UniCredit Soluzione Fondi Informazioni Generali Prospetto Semplificato Informazioni Generali La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all Investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI

POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI CASSA RURALE ED ARTIGIANA DI CORTINA D AMPEZZO E DELLE DOLOMITI CREDITO COOPERATIVO POLITICA PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI PERSONALI Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate

Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate Raccomandazione n. DIE/0061944 Oggetto: Raccomandazione in materia di valutazione al fair value dei beni immobili delle società immobiliari quotate Premessa I principi contabili internazionali IAS/IFRS

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257

PRESTITO OBBLIGAZIONARIO CODICE ISIN IT0004471485 DENOMINATO Banca Popolare Pugliese s.c.p.a. 2009/2013 Tasso Fisso 2,50 Serie 257 Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale per Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

1. La Comunicazione si applica esclusivamente ai rapporti con clienti retail?

1. La Comunicazione si applica esclusivamente ai rapporti con clienti retail? PREMESSA Di seguito si forniscono, nella forma di Q&A, chiarimenti applicativi in relazione a taluni aspetti trattati nella Comunicazione sulla distribuzione di prodotti finanziari complessi ai clienti

Dettagli

Le nuove regole di Best Execution della Mifid

Le nuove regole di Best Execution della Mifid Le nuove regole di Best Execution della Mifid TLX s.p.a. Agosto 2006 Pag. 1 Mifid: le nuove regole di Best Execution (B.E.) Agenda: Principi e obiettivi della Mifid: la centralità delle nuove regole di

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA

1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA 1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA 2 Milano, 26 marzo 2014 I FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI: I FIA ITALIANI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI

SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI maggio 2007 SERVIZI DI INVESTIMENTO - LE NUOVE NORME DI COMPORTAMENTO NEI CONFRONTI DEI CLIENTI INTRODUZIONE La MiFID (Markets in Financial Instruments Directive) affronta in modo globale la disciplina

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Società Cooperativa DOCUMENTO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Edizione novembre 2011 Aggiornamento marzo 2012 Aggiornamento luglio

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI SPECIFICHE La parte Informazioni Specifiche del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Transmission Policy. Modalità di trasmissione degli ordini in Südtirol Bank AG. Politica di gestione dei conflitti di interesse

Transmission Policy. Modalità di trasmissione degli ordini in Südtirol Bank AG. Politica di gestione dei conflitti di interesse Transmission Policy Modalità di trasmissione degli ordini in Südtirol Bank AG Transmission Policy (feb 2013) Pagina 1 di 7 Rev_Feb 2013 INDICE 1/ SCOPO ed OBIETTIVO della TRANSMISSION POLICY pag. 3 2/

Dettagli