LA BUSINESS INTELLIGENCE DEI FABBISOGNI STANDARD VADEMECUM BUSINESS INTELLIGENCE OPENCIVITAS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA BUSINESS INTELLIGENCE DEI FABBISOGNI STANDARD VADEMECUM BUSINESS INTELLIGENCE OPENCIVITAS"

Transcript

1 LA BUSINESS INTELLIGENCE DEI FABBISOGNI STANDARD VADEMECUM BUSINESS INTELLIGENCE OPENCIVITAS 28 OTTOBRE 2014

2 INDICE L OBIETTIVO DELLA BUSINESS INTELLIGENCE OPENCIVITAS... 3 IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO... 3 COSA SONO I FABBISOGNI STANDARD... 4 LE FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI... 4 LE FUNZIONI FONDAMENTALI DELLE PROVINCE... 6 I MODELLI ORGANIZZATIVI DEI COMUNI... 7 IL CALCOLO DELLA SPESA STORICA 2010 DEI COMUNI... 7 IL CALCOLO DELLA SPESA STORICA 2010 DELLE PROVINCE... 9 I FABBISOGNI STANDARD DEI COMUNI ESPRESSI IN EURO I FABBISOGNI STANDARD DELLE PROVINCE ESPRESSI IN EURO

3 L OBIETTIVO DELLA BUSINESS INTELLIGENCE OPENCIVITAS La Business Intelligence Opencivitas è uno strumento online di esplorazione, benchmarking e simulazione dei dati dei Comuni, delle Unioni di Comuni e delle Province, raccolti ed elaborati per la determinazione dei fabbisogni standard. Attraverso questo strumento i cittadini e gli amministratori locali possono monitorare il fabbisogno finanziario e la performance di tutti gli enti locali italiani delle regioni a statuto ordinario, confrontando il posizionamento del proprio ente rispetto agli altri, in modo da rendere più facile il controllo dei cittadini e supportare gli amministratori locali nell individuazione delle strategie di gestione per l erogazione più efficiente dei servizi. In questa prima versione di Opencivitas la spesa storica del 2010 (per il calcolo della spesa storica si consulti le sezioni Il calcolo della spesa storica 2010 dei comuni e Il calcolo della spesa storica 2010 delle province) viene confrontata con i fabbisogni standard tramutati in euro con riferimento al 2010 (si veda al riguardo le sezioni Fabbisogni standard dei comuni espressi in euro 2010 e Fabbisogni standard delle province espressi in euro 2010), fornendo per ogni comune e ogni funzione fondamentale un differenziale di spesa positivo quando il fabbisogno è più alto della spesa storica, negativo quando il fabbisogno è più basso della spesa storica. È importante precisare che il differenziale tra spesa storica e fabbisogno è riconducibile sia all efficienza con cui i servizi locali vengono forniti, sia ai livelli quantitativi delle prestazioni. L individuazione di queste due componenti è in corso di definizione e sarà inserita nelle future evoluzioni di Opencivitas. La scelta del 2010 quale anno di riferimento nasce dalla necessità di utilizzare, in questa prima versione di Opencivitas, i dati certificati dell ultimo anno disponibile all inizio delle elaborazioni. L'aggiornamento al 2013 verrà realizzato appena saranno utilizzabili le relative informazioni. IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La fonte normativa di riferimento dei fabbisogni standard è la Legge 5 maggio 2009 n. 42 di delega in materia di federalismo fiscale e le relative disposizioni attuative, emanate con il Decreto legislativo 26 novembre 2010 n Questo complesso di norme segna il punto di partenza di un importante processo di riforma che ha l obiettivo di erogare i trasferimenti perequativi agli enti locali in base ai fabbisogni standard, abbandonando il criterio della spesa storica, ritenuto causa di inefficienze nella distribuzione dei trasferimenti governativi e di cattiva gestione della spesa da parte dei governi locali. Nel mese di dicembre del 2013, dopo tre anni di intenso lavoro, la SOSE Soluzioni per il Sistema Economico S.p.A., in collaborazione con l Istituto per la Finanza e l Economia Locale (IFEL Fondazione ANCI), l Unione delle Province Italiane (UPI), sotto la supervisione delle Commissione tecnica paritetica per l attuazione del federalismo fiscale (COPAFF), ha completato, nei tempi prestabiliti, la determinazione dei fabbisogni standard delle funzioni fondamentali dei Comuni e delle Province delle regioni a statuto ordinario. 3

4 COSA SONO I FABBISOGNI STANDARD I fabbisogni standard esprimono il peso specifico di ogni ente locale in termini di fabbisogno finanziario, sintetizzando in un coefficiente di riparto i fattori di domanda e offerta, estranei alle scelte discrezionali degli amministratori locali, che meglio spiegano i differenziali di costo e di bisogno lungo il territorio. Il calcolo dei fabbisogni standard poggia, quindi, sull idea che le necessità finanziarie di un ente locale sono espressione dei servizi offerti, delle caratteristiche territoriali e degli aspetti sociali, economici e demografici della popolazione residente. Mantenendo fermo questo principio, la SOSE ha elaborato una procedura di calcolo specifica per il sistema italiano, riconducibile nell alveo della metodologia RCA (Regression Cost Base Approach) che è considerata la più avanzata dalla comunità scientifica internazionale. Questa metodologia prevede la determinazione dei fabbisogni standard attraverso la stima di una funzione di costo (RCA puro) e/o di una funzione di spesa (RCA funzione di spesa), utilizzando la tecnica della regressione multipla lineare. A partire dal 2015 i fabbisogni standard, insieme alla stima della capacità fiscale, saranno funzionali al riparto delle risorse destinate alla perequazione fiscale consentendo il graduale superamento del criterio della spesa storica ritenuto una delle principali cause di inefficienza nella gestione della spesa da parte dei governi locali. È opportuno evidenziare, inoltre, che il processo di determinazione dei fabbisogni standard ha prodotto un notevole ampliamento del patrimonio informativo di supporto al decisore politico, sia per l individuazione dei processi di gestione dei servizi pubblici locali più efficienti, sia per la definizione dei livelli essenziali delle prestazioni delle funzioni fondamentali, di cui all'articolo 117, secondo comma, lettere m) e p), della Costituzione. LE FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI Le funzioni fondamentali dei Comuni oggetto di standardizzazione del fabbisogno, indicate nell articolo 3 del D.lgs. 216/10, sono elencate di seguito nella tabella 1 con l indicazione dell ammontare della spesa storica corrispondente a ciascuna funzione, secondo quanto registrato nel Certificato di Conto Consuntivo da ogni ente per l anno Tabella 1 - Distribuzione delle spese correnti impegnate per le sei funzioni fondamentali, Certificati di Conto Consuntivo (CCC) 2010, Comuni appartenenti alle Regioni a statuto ordinario Spese correnti impegnate da CCC Funzioni fondamentali (Interventi 1, 2, 3, 4, 5 e 7) Ammontare (Euro) Percentuale Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo (solo 70%) ,8% Funzioni di polizia locale ,8% Funzioni di istruzione pubblica ,8% Funzioni nel campo della viabilità e dei trasporti ,6% Funzioni riguardanti la gestione del territorio e dell ambiente ,2% Funzioni del settore sociale ,9% Totale funzioni fondamentali ,00% 4

5 Per quanto riguarda i comuni, è importante sottolineare che il calcolo dei fabbisogni standard è stato condotto segmentando quattro, delle sei funzioni fondamentali, in dieci sotto-funzioni o servizi, in modo da poter adattare la metodologia generale alle specificità dei servizi offerti, raggiungendo così elevati livelli di precisione nell individuazione del fabbisogno delle diverse realtà territoriali. Il calcolo dei fabbisogni standard dei comuni, quindi, si articola su dodici servizi, per ognuno dei quali è stata redatta una specifica nota metodologica (la cui sigla di riferimento è indicata tra parentesi nell elenco che segue). Le funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo sono state segmentate in quattro servizi per ognuno dei quali è stato predisposto uno specifico questionario: ufficio tributi (FC01A); ufficio tecnico (FC01B); anagrafe (FC01C); servizi generali (FC01D). Le funzioni nel campo della viabilità e dei trasporti sono state segmentate in due servizi: viabilità (FC04A); trasporto pubblico locale (FC04B). Le funzioni riguardanti la gestione del territorio e dell ambiente sono state segmentate in due servizi: territorio (FC05A); gestione dei rifiuti (FC05B). Le funzioni del settore sociale sono state segmentate in due servizi: servizi sociali generali (FC06A); asili nido (FC06B). Hanno mantenuto, invece, la loro unitarietà originaria le seguenti funzioni: polizia locale (FC02U); istruzione pubblica (FC03U). 5

6 LE FUNZIONI FONDAMENTALI DELLE PROVINCE Le funzioni fondamentali delle Province oggetto di standardizzazione del fabbisogno, indicate nell articolo 3 del D.lgs. 216/10, sono elencate di seguito nella tabella 2 con l indicazione dell ammontare della spesa storica corrispondente a ciascuna funzione, secondo quanto registrato nel Certificato di Conto Consuntivo da ogni ente per l anno Tabella 2 - Distribuzione delle spese correnti impegnate per le sei funzioni fondamentali, Certificati di Conto Consuntivo (CCC) 2010, Province appartenenti alle Regioni a statuto ordinario Funzioni fondamentali Spese correnti impegnate da CCC (Interventi 1, 2, 3, 4, 5 e 7) Ammontare (Euro) Percentuale Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo (solo 70%) ,74% Funzioni di istruzione pubblica ,91% Funzioni nel campo dei trasporti ,47% Funzioni riguardanti la gestione del territorio ,88% Funzioni nel campo della tutela ambientale ,06% Funzioni nel campo dello sviluppo economico (servizi del mercato del lavoro) ,96% Totale funzioni fondamentali ,00% Il calcolo dei fabbisogni standard delle Province si articola su sette funzioni, per ognuna dei quali è stata redatta una specifica nota metodologica e uno specifico questionario, la cui sigla di riferimento è indicata tra parentesi nell elenco che segue: funzioni generali (FP01U); istruzione pubblica (FP02U); trasporti (FP03U); gestione del territorio (FP04U); tutela ambientale (FP05U); mercato del lavoro (FP06U); polizia Provinciale (FP07U). 6

7 I MODELLI ORGANIZZATIVI DEI COMUNI Le informazioni acquisite con i questionari hanno permesso di censire, per la prima volta, i modelli organizzativi e le forme di gestione utilizzate dagli enti locali per la fornitura dei servizi, consentendo, in sede di stima dei fabbisogni standard, di valutarne l impatto sulla spesa come richiesto dall articolo 4 comma 3 del D.lgs. 216/10. Di particolare importanza è la mappatura delle forme associate, attraverso le quali i comuni offrono i servizi relativi a una o più funzioni in forma congiunta con altri enti. In particolare sono state rilevate le seguenti forme associate: unioni di comuni, convenzioni, consorzi, comunità montane, e bacini. IL CALCOLO DELLA SPESA STORICA 2010 DEI COMUNI La spesa storica 2010 per le funzioni fondamentali dei comuni é stata determinata considerando la spesa corrente impegnata nei Certificati di Conto Consuntivo (CCC) per l anno 2010, al netto degli interessi passivi, degli ammortamenti, degli oneri straordinari di gestione (Interventi 1, 2, 3, 4, 5 e 7). Per i comuni per i quali non si disponeva del CCC del 2010 è stato preso a riferimento l ultima annualità disponibile prima del La spesa storica complessiva di tutte la funzioni fondamentali è stata ottenuta sommando le singole voci di ciascuna funzione. Al fine di rendere il più omogenea e comparabile possibile la spesa storica di riferimento di tutti i 6702 comuni, in relazione alle particolarità di ogni funzione fondamentale, sono state adottate le modalità specifiche di calcolo riportate di seguito. La spesa storica delle funzioni di istruzione pubblica è stata calcolata al netto delle entrate da utenza (Quadro 2 riga 175, 180, 185, 190 del CCC 2010). La spesa storica delle funzioni per il servizio del trasporto pubblico locale e servizi connessi è stata calcolata al netto delle entrate per trasporti pubblici locali e servizi connessi (Quadro 2 riga 235 del CCC 2010), delle entrate da Regione, Province e Agenzie della Mobilità (Questionario FC04U). La spesa storica delle funzioni riguardanti la gestione del territorio e dell ambiente - servizio smaltimento rifiuti - comprende anche il campo C09 'Ricavi riscossi direttamente dalla società di gestione' (Questionario FC05U). La spesa storica delle funzioni nel settore sociale (al netto del servizio di asilo nido) è stata calcolata al netto delle Entrate da utenza (Quadro 2 riga 265, 270, 275, 280 del Certificato di Conto Consuntivo 2010) e al netto delle entrate da S.S.N o da A.S.L. La spesa storica del Servizio di Asili nido è stata calcolata al netto delle Entrate da utenza (Quadro 2 riga 260 del Certificato di Conto Consuntivo 2010). 7

8 Le spese storiche dei macro-servizi: FC01A, FC01B, FC01C, FC01D delle Funzioni generali di amministrazione gestione e controllo sono state considerate al 70%, come stabilito dall articolo 3 del D.Lgs. 216/2010. Nella Tabella 3 vengono riportate le modalità di calcolo della spesa storica 2010 dei comuni tenendo conto di tutte le peculiarità sopra illustrate. Tabella 3 Modalità di calcolo della Spesa Storica 2010 di tutte le funzioni fondamentali dei comuni Funzioni Formula di calcolo della Spesa storica da CCC FC01A - Servizi di Gestione delle Entrate Tributarie e Servizi Fiscali FC01B - Servizi di Ufficio Tecnico (Quadro 4 riga 20 colonna 1,2,3,4,5,7) 0.70 (Quadro 4 riga 30 colonna 1,2,3,4,5,7) 0.70 FC01C - Servizi di Anagrafe, Stato Civile, Elettorale, Leva e Servizio Statistico (Quadro 4 riga 35 colonna 1,2,3,4,5,7) 0.70 Quadro 4 righe 7, 10, 15, 25, 37 FC01D - Altri Servizi Generali 0.70 colonna 1,2,3,4,5,7 FC02U - Funzioni di polizia locale FC03U - Funzioni di istruzione pubblica FC04A - Funzioni nel campo della viabilità FC04B - Funzioni per il servizio del trasporto pubblico locale e servizi connessi FC05A - Funzioni riguardanti la gestione del territorio FC05B - Funzioni riguardanti la gestione del territorio e dell ambiente Servizio smaltimento rifiuti FC06A - Funzioni nel settore sociale (al netto del servizio di asilo nido) FC06B - Servizio di Asili nido (Quadro 4 riga 45 colonna 1,2,3,4,5,7) (Quadro 4 riga 55 colonna 1,2,3,4,5,7) (Quadro 4 riga 72 colonna 1,2,3,4,5,7) (Quadro 2 righe 175, 180, 185, 190 colonna 1) (Quadro 4 righe 115, 120 colonna 1,2,3,4,5,7) (Quadro 4 riga 122 colonna 1,2,3,4,5,7) Quadro 2 riga 235 colonna 1 R02 Entrate da Regioni (col. 4,5,6) R03 Entrate da Province(col. 4,5,6) R04 Entrate da Agenzie della mobilità (col. 4,5,6) (Quadro 4 righe 130, 137, 147 colonna 1,2,3,4,5,7) (Quadro 4 riga 145 colonna 1,2,3,4,5,7) + C09 Ricavi riscossi direttamente dalla Società di gestione (Quadro 4 riga 150 colonna 1,2,3,4,5,7) (Quadro 4 riga 155 colonna 1,2,3,4,5,7) (Quadro 2 righe 265, 270, 275, 280 colonna 1) R02 Entrate da S. S. N. o da A. S. L. (col. 1,2,3 col. 4,5,6) 1 Se il comune non presenta il servizio di asilo nido allora la spesa storica include anche il rigo Quadro 4 riga 155 colonna 1,2,3,4,5,7) e le Entrate da utenza includono anche il rigo Quadro 2 riga 260 colonna 1 (Quadro 4 riga 155 colonna 1,2,3,4,5,7) Quadro 2 riga 260 colonna 1 Se il comune non presenta il servizio di asilo nido allora la spesa storica viene posta pari a zero 1 Le Entrate da S.S.N o da A.S.L vengono sottratte per intero dal calcolo della Spesa Storica 2010 se il loro peso percentuale rispetto alla Spesa storica della funzione sociale (al netto del servizio di asilo nido e delle entrate da utenza) è inferiore all 80%, altrimenti viene sottratto l 80% della Spesa storica della funzione sociale (al netto del servizio di asilo nido e delle entrate da utenza). 8

9 IL CALCOLO DELLA SPESA STORICA 2010 DELLE PROVINCE La spesa storica 2010 per le funzioni fondamentali delle province é stata determinata considerando la spesa corrente impegnata nei Certificati di Conto Consuntivo (CCC) per l anno 2010, al netto degli interessi passivi, degli ammortamenti e degli oneri straordinari di gestione (Interventi 1, 2, 3, 4, 5 e 7). Al fine di rendere il più omogenea e comparabile possibile la spesa storica di riferimento delle 86 province, in relazione alle particolarità di ogni funzione fondamentale sono state adottate le modalità specifiche di calcolo riportate di seguito. La spesa storica delle funzioni generali di amministrazione gestione e controllo sono state considerate al 70%, come stabilito dall articolo 3 del D.Lgs. 216/2010 e nettizzate della spesa afferente ai servizi di polizia provinciale ricostruita attraverso il quadro W del questionario FP07U. La spesa storica delle funzioni di istruzione pubblica, nel campo dei trasporti e relative allo sviluppo economico (servizi del mercato del lavoro) è stata considerata al netto delle funzioni delegate dalle regioni moltiplicando la spesa desunta dal CCC per il rapporto tra il Fabbisogno Standard Assegnato (FSA) e il Fabbisogno Standard Teorico (FST) calcolati come descritto nella sezione Fabbisogni standard delle province espressi in euro2010. La spesa storica delle funzioni riguardanti la gestione del territorio è stata considerata, sia al netto della spesa afferente ai servizi di polizia provinciale ricostruita attraverso il quadro W del questionario FP07U, sia al netto delle funzioni delegate dalle regioni moltiplicando la spesa desunta dal CCC per il rapporto tra il Fabbisogno Standard Assegnato (FSA) e il Fabbisogno Standard Teorico (FST) calcolati come descritto nella sezione Fabbisogni standard delle province espressi in euro2010. La spesa storica delle funzioni nel campo della tutela ambientale è stata considerata al netto della spesa afferente ai servizi di polizia provinciale ricostruita attraverso il quadro W del questionario FP07U. La spesa storica afferente ai servizi di polizia provinciale è stata interamente ricostruita attraverso il quadro W del questionario FP07U. Nella Tabella 4 vengono riportate le modalità di calcolo della spesa storica 2010 delle province tenendo conto di tutte le peculiarità sopra illustrate. 9

10 Tabella 4 Modalità di calcolo della Spesa Storica 2010 di tutte le funzioni fondamentali delle province Funzioni Formula di calcolo della Spesa storica da CCC FP01U - Funzioni generali di amministrazione gestione e controllo FP02U - Funzioni di istruzione pubblica FP03U - Funzioni nel campo dei trasporti FP04U - Funzioni riguardanti la gestione del territorio FP05U - Funzioni nel campo della tutela ambientale FP06U - Funzioni nel campo dello sviluppo economico (Servizi del mercato del lavoro) FP07U - Servizi di polizia provinciale [ (Quadro 4 riga 5 colonna 1,2,3,4,5,7) (W01 + W02 + W03 + W04 + W05 + W06 colonna 1)] 0.70 (Quadro 4 riga 40 colonna 1,2,3,4,5,7) FSA FST (Quadro 4 riga 75 colonna 1,2,3,4,5,7) FSA FST [ (Quadro 4 riga 80 colonna 1,2,3,4,5,7) (W01 + W02 + W03 + W04 + W05 + W06 colonna 2)] FSA FST [ (Quadro 4 riga 90 colonna 1,2,3,4,5,7) (W01 + W02 + W03 + W04 + W05 + W06 colonna 3)] (Quadro 4 riga 136 colonna 1,2,3,4,5,7) FSA FST (W01+W02+W03+W04+W05+W06)col.1 + (W01+W02+W03+W04+W05+W06)col (W01+W02+W03+W04+W05+W06)col.3 + (W01+W02+W03+W04+W05+W06)col.4 FSA = Fabbisogno standard assegnato; FST = Fabbisogno standard teorico. 10

11 I FABBISOGNI STANDARD DEI COMUNI ESPRESSI IN EURO2010 In merito a ogni funzione l espressione in euro2010 del fabbisogno standard di ciascun comune si ottiene moltiplicando il coefficiente di riparto, desumibile dalle specifiche note metodologiche, per l ammontare totale della spesa storica della funzione in oggetto, definita secondo i criteri riportati nella tabella 3 della sezione Il calcolo della spesa storica 2010 dei comuni. Ad esempio, nel caso delle funzioni di polizia locale, l espressione in euro2010 del fabbisogno standard (FSC2010[polizia locale] i ) del comune i-esimo si ottiene nel modo seguente: FSC2010[polizia locale] i = Coef_riparto_c[polizia locale] i Spesa storica polizia locale comunale L espressione in euro2010 del fabbisogno standard complessivo di ciascun comune riferito al totale delle funzioni fondamentali (FSC2010[TOT] i ) è stata ottenuta in due passaggi. In prima battuta è stato calcolato un coefficiente di riparto complessivo (Coef_riparto_c[TOT] i ) pari al rapporto tra la somma dei fabbisogni standard teorici di tutte le funzioni del comune i-esimo (FS TOTi ) e la 6702 sommatoria ( i=1 FS TOTi ) dei fabbisogni standard teorici delle funzioni fondamentali di tutti i comuni come riportato di seguito: Coef_riparto_c[TOT] i = FS TOTi 6702 i=1 FS TOTi dove per Fabbisogno standard teorico (FS) s intende il valore in euro derivante direttamente dall applicazione della funzione di stima dei fabbisogni standard, come descritto nella nota metodologica di ogni funzione comunale. In merito ai servizi di trasporto pubblico locale (FC04B), si precisa che il FS è stato considerato solo per una quota pari al 28,33%. Questo abbattimento si è reso necessario in quanto, per giungere a stimare il fabbisogno, si è dovuta considerare la spesa totale comprendente, oltre alle spese proprie del comune, anche i trasferimenti degli altri enti territoriali e le entrate da biglietti, mentre nel calcolo del coefficiente di riparto complessivo si prende a riferimento solo l ammontare delle spese proprie dei comuni. Successivamente il coefficiente di riparto complessivo (Coef_riparto_c[TOT] i ) è stato moltiplicato per la spesa storica di tutte le funzioni fondamentali, ottenuta sommando le singole voci di spesa storica di ciascuna funzione, calcolate secondo i criteri riportati nella tabella 3 della sezione Il calcolo della spesa storica 2010 dei comuni. Quindi, l espressione in euro2010 del fabbisogno standard complessivo di ciascun comune riferito al totale delle funzioni fondamentali (FSC2010[TOT] i ) corrisponde a: FSC2010[TOT] i = Coef_riparto_c[TOT] i Spesa storica totale funzioni fondamentali comunali 11

12 Il modello italiano di calcolo dei fabbisogni standard, essendo a vincolo di bilancio chiuso, consente di riferire l espressione in euro anche ad annualità più recenti (nel momento in cui dati siano disponibili). Per esprimere i fabbisogni standard dei comuni in euro2013, ad esempio, è sufficiente utilizzare nel calcolo la spesa storica del È importante precisare che il fabbisogno complessivo espresso in euro 2010 (FSC2010[TOT] i ) dipende solo dall ammontare complessivo della spesa storica del 2010 ma non dalla sua composizione, altrimenti il fabbisogno standard complessivo sarebbe stato erroneamente influenzato dalla distribuzione della spesa storica lungo le funzioni fondamentali. Quindi, il fabbisogno complessivo in euro2010 (FSC2010[TOT] i ) corrisponde alla somma dei singoli fabbisogni in euro relativi ai vari servizi moltiplicati per un coefficiente π j come riportato nella formula seguente. Il coefficiente π j misura come il peso di ogni funzione j cambia nella composizione del fabbisogno complessivo rispetto alla composizione della spesa storica. FSC2010[TOT] i = 12 j=1 ) (π j FSC2010 funzione j i dove π j = peso della funzione j nella composizione del fabbisogno rispetto al peso della funzione j nella composizione della spesa storica. Si ricorda, infine, che l unico fabbisogno da considerare per la determinazione dei trasferimenti è il fabbisogno standard complessivo. 12

13 Tabella 5 Peso delle funzioni fondamentali nella composizione del fabbisogno rispetto al peso nella composizione della spesa storica dei comuni Funzioni Peso π FC01A - Servizi di Gestione delle Entrate Tributarie e Servizi Fiscali 1, FC01B - Servizi di Ufficio Tecnico 1, FC01C - Servizi di Anagrafe, Stato Civile, Elettorale, Leva e Servizio Statistico 1, FC01D - Altri Servizi Generali 0, FC02U - Funzioni di polizia locale 0, FC03U - Funzioni di istruzione pubblica 1, FC04A - Funzioni nel campo della viabilità 0, FC04B - Funzioni per il servizio del trasporto pubblico locale e servizi connessi 1, FC05A - Funzioni riguardanti la gestione del territorio 0, FC05B - Funzioni riguardanti la gestione del territorio e dell ambiente Servizio smaltimento rifiuti 0, FC06A - Funzioni nel settore sociale (al netto del servizio di asilo nido) 1, FC06B - Servizio di Asili nido 0,

14 I FABBISOGNI STANDARD DELLE PROVINCE ESPRESSI IN EURO2010 In merito a ogni funzione l espressione in euro2010 del fabbisogno standard di ciascuna provincia si ottiene moltiplicando il coefficiente di riparto, desumibile dalle specifiche note metodologiche, per l ammontare totale della spesa storica della funzione in oggetto, definita secondo i criteri riportati nella tabella 4 della sezione Il calcolo della spesa storica 2010 delle province. Ad esempio, nel caso delle funzioni generali di amministrazione gestione e controllo, l espressione in euro2010 del fabbisogno standard (FSP2010[amministrazione] i ) della provincia i-esima si ottiene nel modo seguente: (FSP2010[amministrazione] i = Coef_riparto_p[amministrazione] i Spesa storica amministrazione provinciale L espressione in euro2010 del fabbisogno standard complessivo di ciascuna provincia riferito al totale delle funzioni fondamentali (FSP2010[TOT] i ) è stata ottenuta in due passaggi. In prima battuta è stato calcolato un coefficiente di riparto complessivo (Coef_riparto_p[TOT] i ) pari al rapporto tra la somma dei fabbisogni standard assegnati di tutte le funzioni della provincia i-esima 6702 (FSA TOTi ) e la sommatoria ( i=1 FSA TOTi ) dei fabbisogni standard assegnati delle funzioni fondamentali di tutte le province come riportato di seguito: Coef_riparto_p[TOT] i = FSA TOTi 6702 i=1 FSA TOTi dove per Fabbisogno standard assegnato (FSA) s intende il valore in euro derivante direttamente dall applicazione della funzione di stima dei fabbisogni standard, come descritto nella nota metodologica di ogni funzione provinciale, valorizzando una serie di variabili obiettivo a valore standard. È importante precisare che nel caso delle province il Fabbisogno standard teorico (FST) è stato utilizzato solo in due casi: le funzioni nel campo della tutela ambientale (FP05U) e i servizi di polizia provinciale (FP07U) dove non ci sono variabili obiettivo. Successivamente il coefficiente di riparto complessivo (Coef_riparto_p[TOT] i ) è stato moltiplicato per la spesa storica di tutte le funzioni fondamentali, ottenuta sommando le singole voci di spesa storica di ciascuna funzione, calcolate secondo i criteri riportati nella tabella 4 della sezione Il calcolo della spesa storica 2010 delle province. Quindi, l espressione in euro2010 del fabbisogno standard complessivo di ciascuna provincia riferito al totale delle funzioni fondamentali (FSP2010[TOT] i ) corrisponde a: FSP2010[TOT] i = Coef_riparto_p[TOT] i Spesa storica totale funzioni fondamentali provinciali 14

15 Il modello italiano di calcolo dei fabbisogni standard, essendo a vincolo di bilancio chiuso, consente di riferire l espressione in euro anche ad annualità più recenti (nel momento in cui dati siano disponibili). Come per i comuni, quindi, per esprimere i fabbisogni standard delle province in euro2013, ad esempio, è sufficiente utilizzare nel calcolo la spesa storica del È importante precisare che il fabbisogno complessivo espresso in euro 2010 (FSP2010[TOT] i ) dipende solo dall ammontare complessivo della spesa storica del 2010 ma non dalla sua composizione, altrimenti il fabbisogno standard complessivo sarebbe stato erroneamente influenzato dalla distribuzione della spesa storica lungo le funzioni fondamentali. Quindi, il fabbisogno complessivo in euro2010 (FSP2010[TOT] i ) corrisponde alla somma dei singoli fabbisogni in euro relativi ai vari servizi moltiplicati per un coefficiente π j come riportato nella formula seguente. Il coefficiente π j misura come il peso di ogni funzione j cambia nella composizione del fabbisogno complessivo rispetto alla composizione della spesa storica. FSP2010[TOT] i = 7 j=1 ) (π j FSP2010 funzione j i dove π j = peso della funzione j nella composizione del fabbisogno rispetto al peso della funzione j nella composizione della spesa storica. Si ricorda, infine, che l unico fabbisogno da considerare per la determinazione dei trasferimenti è il fabbisogno standard complessivo. Tabella 6 Peso delle funzioni fondamentali nella composizione del fabbisogno rispetto al peso nella composizione della spesa storica delle province Funzioni Peso π FP01U - Funzioni generali di amministrazione gestione e controllo 0, FP02U - Funzioni di istruzione pubblica 1, FP03U - Funzioni nel campo dei trasporti 1, FP04U - Funzioni riguardanti la gestione del territorio 1, FP05U - Funzioni nel campo della tutela ambientale 0, FP06U - Funzioni nel campo dello sviluppo economico (Servizi del mercato del lavoro) 1, FP07U - Servizi di polizia provinciale 0,

16 Soluzioni per il Sistema Economico S.p.a. Via Mentore Maggini, 48C Roma - Italia Tel Fax Il presente documento ha un uso esclusivamente informativo. Con il presente documento la Sose Soluzioni per il Sistema Economico S.p.a. non riconosce alcuna garanzia, esplicita o implicita. Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta in qualsiasi forma o mezzo elettronico o meccanico, per alcun uso, senza il permesso scritto della Sose Soluzioni per il Sistema Economico S.p.a. Documento fuori pubblicazione Soluzioni per il Sistema Economico S.p.a. Tutti i diritti riservati. 16

Modalità di riparto del Fondo di Solidarietà Comunale (FSC) 2015 per le RSO Nota metodologica

Modalità di riparto del Fondo di Solidarietà Comunale (FSC) 2015 per le RSO Nota metodologica Roma, 30 marzo 2015 Modalità di riparto del Fondo di Solidarietà Comunale (FSC) 2015 per le RSO Nota metodologica 1. Determinazione e alimentazione del Fondo di Solidarietà Comunale per le Regioni a Statuto

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 21 dicembre 2012

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 21 dicembre 2012 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 21 dicembre 2012 Adozione della nota metodologica e del fabbisogno standard per ciascun Comune e Provincia, relativi alle funzioni di polizia locale (Comuni),

Dettagli

Il calcolo della spesa storica. SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico S.p.a.

Il calcolo della spesa storica. SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico S.p.a. Il calcolo della spesa storica SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico S.p.a. 7/10/2016 INTRODUZIONE Nel presente documento vengono illustrate le modalità di calcolo della spesa storica dei comuni per

Dettagli

MODULO 5 DATI CONTABILI

MODULO 5 DATI CONTABILI MODULO 5 DATI CONTABILI 1. GENERALITÁ Il Modulo Dati Contabili raccoglie informazioni riguardanti le entrate accertate e gli impegni di spesa corrente per ciascuna Funzione/Servizio. Le informazioni richieste

Dettagli

FC10U QUESTIONARIO UNICO - Dati strutturali. Dati strutturali. Si/No. Numero. Numero giornate annue. Numero. Km lineari. Numero

FC10U QUESTIONARIO UNICO - Dati strutturali. Dati strutturali. Si/No. Numero. Numero giornate annue. Numero. Km lineari. Numero Dati strutturali Si/No giornate annue Mq Km lineari Mq Unione di comuni o Comunità Montana Consorzio Convenzione intercomunale e altre forme di gestione associata Nome Elenco Comuni che ricevono il Codice

Dettagli

FC10U QUESTIONARIO UNICO

FC10U QUESTIONARIO UNICO FC10U QUESTIONARIO UNICO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO PER I COMUNI, LE UNIONI DI COMUNI E LE COMUNITÀ MONTANE MODULO 1 DATI STRUTTURALI Quadro A - Elementi specifici dell'ente locale

Dettagli

NOTA ILLUSTRATIVA. di accompagnamento alle note metodologiche:

NOTA ILLUSTRATIVA. di accompagnamento alle note metodologiche: NOTA ILLUSTRATIVA di accompagnamento alle note metodologiche: Determinazione dei fabbisogni standard per le Funzioni di polizia locale dei Comuni (FC02U) Determinazione dei fabbisogni standard per le Funzioni

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL BILANCIO PREVENTIVO 2015 Signori Consiglieri, il presente bilancio preventivo 2015 è redatto ai sensi dell art. 16 del Decreto legislativo del 31 maggio 2011, n.

Dettagli

RENDICONTO DELLA GESTIONE

RENDICONTO DELLA GESTIONE Allegato A) alla delibera consiliare n. 18 del 28.4.2014 COMUNE DI BOMPORTO (Modena) RELAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE DELL ESERCIZIO 2013 Approvata dalla Giunta Comunale con

Dettagli

D E T E R M I N A Z I O N E D E I FA B B I S O G N I S T A N D A R D P E R I C O M U N I

D E T E R M I N A Z I O N E D E I FA B B I S O G N I S T A N D A R D P E R I C O M U N I N O TA M E T O D O L O G I C A ( A R T I C O L O 6, C O M M A 1 D E L D E C R E T O L E G I S L A T I V O 2 6 N O V E M B R E 2 0 1 0, N. 2 1 6 R I G UA R D A N T E L E D I S P O S I Z I O N I I N M A

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL DCO 12/11 CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEI COSTI DI RIPRISTINO DEI SITI DEI TERMINALI DI GNL Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del procedimento avviato con

Dettagli

La perequazione: capacità fiscale e fabbisogni di spesa Il meccanismi perequativi nella Legge Delega del federalismo fiscale (legge 42/2009)

La perequazione: capacità fiscale e fabbisogni di spesa Il meccanismi perequativi nella Legge Delega del federalismo fiscale (legge 42/2009) Contenuti La perequazione: capacità fiscale e fabbisogni di spesa Il meccanismi perequativi nella Legge Delega del federalismo fiscale (legge 42/2009) Bari 24/06/2013 2 Perché è importante perequare? Le

Dettagli

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi).

Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). Estratto dalla Relazione al bilancio consuntivo per l esercizio finanziario 2012 (aggiunti alcuni schemi di sintesi). 1 Il bilancio consuntivo per l esercizio 2012 è stato approvato con Delibera del Cda

Dettagli

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003

PRINCIPALI ASPETTI ECONOMICO-FINANZIARI DEI BILANCI CONSUNTIVI RELATIVI ALL ANNO 2003 NOTA METODOLOGICA I dati elaborati per la presente pubblicazione sono quelli riportati nell allegato D ed F al rendiconto finanziario, rilevati dall Istat non più con un suo proprio modello ma a partire

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale

federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale Art. 1 Oggetto del Provvedimento Oggetto del Dlgs approvato

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 NOTA INTEGRATIVA Premessa Il principio contabile applicato concernente la programmazione di bilancio (allegato 4/1 del d.lgs. 118/2011) prevede, per gli enti che adottano

Dettagli

Comune di Cellamare. C.A.P. 70010 - Piazza Risorgimento, 33 Tel. 080-4657920 / fax.: 080-4657930 Cod. Fisc.: 80017750722 - P.

Comune di Cellamare. C.A.P. 70010 - Piazza Risorgimento, 33 Tel. 080-4657920 / fax.: 080-4657930 Cod. Fisc.: 80017750722 - P. Comune di Cellamare Provincia di Bari C.A.P. 70010 - Piazza Risorgimento, 33 Tel. 080-4657920 / fax.: 080-4657930 Cod. Fisc.: 80017750722 - P. IVA: 03827640727 I SETTORE AMMINISTRATIVO Servizio Personale

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 7 dicembre 2012 Comunicazione della data in cui sono resi disponibili sul sito internet della Soluzioni per il Sistema Economico - SOSE S.p.A. due questionari

Dettagli

2. Esercizi di contabilità finanziaria

2. Esercizi di contabilità finanziaria 2. Esercizi di contabilità finanziaria di Carmela Barbera e Silvia Rota La lettura del bilancio preventivo 1. Il caso del Comune di Avalonia Viene fornito un estratto semplificato del bilancio di previsione

Dettagli

La gestione associata di funzioni e servizi nei piccoli comuni Convegno Fondazione Logos - Roma 7 novembre 2012 (bozza)

La gestione associata di funzioni e servizi nei piccoli comuni Convegno Fondazione Logos - Roma 7 novembre 2012 (bozza) La gestione associata di funzioni e servizi nei piccoli comuni Convegno Fondazione Logos - Roma 7 novembre 2012 (bozza) (Loreto Del Cimmuto Direttore Legautonomie) Qualche numero (fonte IFEL) 367 Unioni

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U ALLEGATO 5 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG42U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

COSTI STANDARD IN SANITA (04.07.13)

COSTI STANDARD IN SANITA (04.07.13) DIPARTIMENTO WELFARE E SALUTE Responsabile Dipartimento: FABIO RIZZI Referente Tecnico: FABRIZIO SPINNATO COSTI STANDARD IN SANITA (04.07.13) La Lega Nord ritiene che per coniugare l esigenza dell economicità

Dettagli

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs)

EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(IFRSs) EEMSItaliaS.P.A. _ProspetiContabilidiEEMSItaliaS.P.A.al30giugno2006 _TransizioneaiPrincipiContabiliInternazionali(s) EEMS Italia S.p.A PROSPETTI CONTABILI DI EEMS ITALIA S.P.A AL 30 GIUGNO 2006 Premessa

Dettagli

COMUNE DI SIENA. CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) Direzione Generale

COMUNE DI SIENA. CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) Direzione Generale COMUNE DI SIENA Direzione Generale CRITERI GENERALI SUL SISTEMA PREMIANTE DEL PERSONALE NON DIRIGENTE (da cat. A a cat D) 1) Natura e finalità della valutazione La valutazione del merito consiste in un

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 314/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 314/E QUESITO RISOLUZIONE N. 314/E Roma, 05 novembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: IVA. - Svolgimento in forma associata di funzioni e servizi da parte di enti locali. - Decreto del Presidente

Dettagli

Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE. Triennio: 2015-2017

Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE. Triennio: 2015-2017 Delibera: 14 / 25 del 31/03/25 Comune di Cagliari BILANCIO DI PREVISIONE Triennio: 25-27 Delibera: 14 / 25 del 31/03/25 ENTRATE Cassa Anno 25 Competenza 25 26 27 SPESE Cassa Anno 25 Competenza 25 26 27

Dettagli

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010

Economie regionali. L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 2010 Economie regionali L'andamento del credito in Umbria nel primo trimestre del 21 Perugia luglio 21 2 1 73 La serie Economie regionali ha la finalità di presentare studi e documentazione sugli aspetti territoriali

Dettagli

RISOLUZIONE N. 5/E. Roma, 19 gennaio 2015

RISOLUZIONE N. 5/E. Roma, 19 gennaio 2015 RISOLUZIONE N. 5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 gennaio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica IRAP Determinazione della base imponibile ed aliquota applicabile ai CONFIDI (Art. 6 del D.Lgs. 15 dicembre

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA CUSTOMER S SATISFACTION E DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA CUSTOMER S SATISFACTION E DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA CUSTOMER S SATISFACTION E DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA Sommario I principi di riferimento... 2 Misurazione dei risultati delle strutture ante D.L. n. 78/2010...

Dettagli

AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale. Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019

AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale. Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019 AUSER INSIEME PROVINCIALE DI TORINO Associazione di Promozione Sociale Sede in Torino Via Salbertrand n. 57/25 Codice fiscale 97702630019 Nota integrativa del bilancio al 31 dicembre 2011 ** ** ** I. STRUTTURA

Dettagli

Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo

Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo QUESTIONARIO FP01U - amministrazione, di gestione e di controllo amministrazione, di gestione e di controllo QUADRO A Elementi specifici dell'ente e del territorio A01 A02 A03 Elementi specifici di competenza

Dettagli

Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it

Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it Milano, 22 Maggio 2015 Prot. n. 184/2015 Oggetto: Rifiuti di Apparecchiature Elettriche

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

Le aziende sanitarie. Art. 32 Cost. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs. 229/1999. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs.

Le aziende sanitarie. Art. 32 Cost. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs. 229/1999. D. Lgs. 502/1992 modificato dal D. Lgs. Economia delle aziende e delle amministrazioni pubbliche A.A. 2012-2013 Art. 32 Cost. Le aziende sanitarie La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell individuo ed interesse della collettività,

Dettagli

COMUNE DI MONTEFLAVIO (Provincia di ROMA)

COMUNE DI MONTEFLAVIO (Provincia di ROMA) Rispetto dell iter adempimenti procedurale e degli atti propedeutici e successivi alla contrattazione Personale News Modelli operativi www.publika.it Relazione illustrativa e relazione tecnico-finanziaria

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n.

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014. (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Anno 2014 (ai sensi dell art. 7 del Decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150) Indice Premessa 1. Descrizione del Sistema 1.1. La Nuova Organizzazione

Dettagli

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 Nel bilancio di previsione 2013, il precedente direttivo aveva previsto un

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE, L AGGIORNAMENTO ED I CREDITI FORMATIVI DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO Premessa L Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia considera la formazione e l aggiornamento

Dettagli

Strumenti per l analisi di bilancio e la programmazione finanziaria. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto

Strumenti per l analisi di bilancio e la programmazione finanziaria. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Strumenti per l analisi di bilancio e la programmazione finanziaria Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto Premessa L'Amministrazione Regionale è impegnata a garantire ai cittadini la qualità dei

Dettagli

BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2011

BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2011 BILANCIO CONSUNTIVO al 31 dicembre 2011 NOTA INTEGRATIVA Il bilancio consuntivo dell Associazione, relativo all esercizio finanziario chiuso al 31 dicembre 2011, è redatto in base alle risultanze delle

Dettagli

Il Piano di Accumulo e le modalità Switch Pictet. La soluzione più semplice per investire con metodo

Il Piano di Accumulo e le modalità Switch Pictet. La soluzione più semplice per investire con metodo Il Piano di Accumulo e le modalità Switch Pictet La soluzione più semplice per investire con metodo PIANO DI ACCUMULO: DEFINIZIONE COS E Il PAC è una modalità di investimento che prevede l acquisto di

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ANNO 2014 RILEVAZIONE PERIODICA ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO RILEVAZIONE DATI 2012

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ANNO 2014 RILEVAZIONE PERIODICA ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO RILEVAZIONE DATI 2012 Sistema Informativo delle Politiche Sociali GUIDA ALLA COMPILAZIONE ANNO 2014 RILEVAZIONE PERIODICA ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO RILEVAZIONE DATI 2012 La presente rilevazione viene attuata dalla Regione

Dettagli

RI.T.A. RIschiosità e Tassi Attivi

RI.T.A. RIschiosità e Tassi Attivi RI.T.A. RIschiosità e Tassi Attivi Generalita...2 Tassi di decadimento...3 Settori...4 Territorio...7 Classi di utilizzo...7 Tassi attivi...8 La correlazione rischio / rendimento...10 Analisi per settore...10

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Nota tecnica 2 a) i corsi di studio da istituire e attivare nel rispetto dei requisiti minimi essenziali in termini di risorse strutturali ed umane, nonché quelli da sopprimere a.1 Proporzione di corsi

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE

RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE RISPOSTE AI QUESITI PIU FREQUENTI CONTRIBUZIONE Come viene alimentata la posizione previdenziale? Il finanziamento è attuato mediante contribuzione a carico del lavoratore, del datore di lavoro e tramite

Dettagli

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI PAG.2 DI 27 INDICE 1. GENERALITÀ 3 2. STRUTTURA DEL FLUSSO INFORMATIVO 5 2.1 FLUSSO

Dettagli

LA FINANZA PROVINCIALE

LA FINANZA PROVINCIALE LA FINANZA PROVINCIALE - RIFLESSIONI SUI FLUSSI FINANZIARI - LE PROVINCE PER IL RILANCIO DEGLI INVESTIMENTI: OPERE CANTIERABILI E SBLOCCO DEI PAGAMENTI IN CONTO CAPITALE - VERSO LA FASE TRANSITORIA DEL

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME. 11/030/CR6b/C2

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME. 11/030/CR6b/C2 CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/030/CR6b/C2 OSSERVAZIONI ED EMENDAMENTI AL DISEGNO DI LEGGE A.S. 2259 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE INDIVIDUAZIONE DELLE FUNZIONI FONDAMENTALI

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013

RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013 RAPPORTO SUI BILANCI DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO BILANCI CONSUNTIVI 2013 Febbraio 2015 IL CAMPIONE DI COMUNI Il presente rapporto è stato redatto prendendo a riferimento i bilanci consuntivi

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI

RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI RISCOSSIONE TRAMITE MODELLO F24 TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI TRACCIATO DI FORNITURA DATI TRIBUTI COMUNALI PAG.2 DI 29 INDICE 1. GENERALITÀ 3 2. STRUTTURA DEL FLUSSO INFORMATIVO 5 2.1 FLUSSO

Dettagli

Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente

Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente Analisi Risultati Differenziali: Accertamenti / Impegni 2011-2014 Gestione Corrente (RATING ENTE) Descrizione 2011 2012 2013 2014 2014/2013 2014/(Media 2011-2012-2013) Entrate Entrate Correnti 3.038.317,25

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE... 3 AMBITO DI RIFERIMENTO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE... 4 IL CONTESTO TEORICO... 6

INDICE INTRODUZIONE... 3 AMBITO DI RIFERIMENTO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE... 4 IL CONTESTO TEORICO... 6 NOTA METODOLOGICA (ARTICOLO 6, COMMA 1 DEL DECRETO LEGISLATIVO 26 NOVEMBRE 2010, N. 216 RIGUARDANTE LE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DETERMINAZIONE DEI COSTI E DEI FABBISOGNI STANDARD DI PROVINCE, CITTÀ METROPOLITANE

Dettagli

COMUNE DI VILLA SAN SECONDO ASTI

COMUNE DI VILLA SAN SECONDO ASTI COMUNE DI VILLA SAN SECONDO ASTI Deliberazione n. 5/2015 OGGETTO. ESAME E APPROVAZIONE RENDICONTO DI GESTIONE ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2014 L anno duemilaquindici il giorno undici del mese di maggio

Dettagli

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO

ALLEGATI INDICATI DAL PUNTO 9.3 DEL PRINCIPIO CONTABILE CONCERNENTE LA PROGRAMMAZIONE DI BILANCIO NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO ARMONIZZATO Il Comune di Sesto San Giovanni ha aderito, con deliberazione di Giunta n. 291 del 24 settembre 2013, ai sensi dell art.36 del D.Lgs.n.118/2011, come modificato

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

Economia Aziendale- Corso Progredito

Economia Aziendale- Corso Progredito Economia Aziendale- Corso Progredito Valutazione delle Banche!!! Palmeri Stefano! Voina Daniela! Introduzione Una banca è un istituto di credito che esercita congiuntamente l'attività di raccolta del risparmio

Dettagli

ANALISI COSTI-BENEFICI

ANALISI COSTI-BENEFICI ANALISI COSTI-BENEFICI Valutazione di progetti pubblici Le politiche pubbliche correnti consistono nel realizzare progetti pubblici: il policy maker deve decidere quale progetto è da preferire tra le varie

Dettagli

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo)

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa e individuale (Decreto legislativo

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI. Circoscrizione del Tribunale di Locri. Relazione del Tesoriere ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione del Tribunale di Locri Relazione del Tesoriere CONSUNTIVO ANNO 2009 ORDINE DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Circoscrizione

Dettagli

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI

AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI PROPOSTE PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI ASSISTENZA TECNICA PER LE UNIONI REGIONALI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PREMESSA Con l approvazione del Decreto legislativo n. 23 del 15 febbraio 2010 è stata varata

Dettagli

ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE

ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE ORDINE DEI MEDICI VETERINARI DELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA RENDICONTO GENERALE BILANCIO D ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 RELAZIONE DEL TESORIERE AL BILANCIO CONSUNTIVO 2014 Dalle risultanze del Rendiconto

Dettagli

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione

A cura dell Ufficio del Controllo di Gestione Giovani idee in. Porto Partecipo al Bilancio Com è strutturato il bilancio del Comune A cura dell Ufficio Che cos è il bilancio del Comune? Il bilancio è un insieme di documenti necessari per l organizzazione

Dettagli

Comune di Roccavione

Comune di Roccavione Tipo: ENTRATA RISORSA ACCERTAMENTO Avanzo di Amministrazione 152.989,91 148.585,09 di cui Fondi Vincolati Finanziamento Investimenti Fondo Ammortamento Fondi Non Vincolati 152.989,91 148.585,09 Entrate

Dettagli

genzia ntrate UNICO Persone fisiche

genzia ntrate UNICO Persone fisiche genzia ntrate 2013 PERIODO D IMPOSTA 2012 UNICO Persone fisiche INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema)

COMUNE DI GERACI SICULO. Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) COMUNE DI GERACI SICULO Provincia di Palermo www.comune.geracisiculo.pa.it - Email: segretariogenerale@pec.comune.geracisiculo.pa.it Geraci Siculo Relazione illustrativa tecnico-finanziaria (Schema) Modulo

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2015 L Assemblea della CRUI, riunitasi il giorno 7.5.2015, preso atto della nota MIUR del 6.5.2015, esprime,

Dettagli

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO

PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO PARERE CRUI SULLO SCHEMA DEL DECRETO DI RIPARTO DEL FONDO DI FINANZIAMENTO ORDINARIO PER L ANNO 2014 Approvato dall Assemblea Generale CRUI Roma, 11 settembre 2014 L Assemblea della CRUI, riunitasi il

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ ANALITICA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LE CARATTERISTICHE DELLA CONTABILITÀ ANALITICA...

Dettagli

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI

I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI 14 Maggio 2015 Anno 2013 I BILANCI CONSUNTIVI DELLE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI Nel 2013 le entrate complessive accertate delle amministrazioni provinciali sono pari a 10.363 milioni di euro, in diminuzione

Dettagli

Per l attribuzione dei tali nuovi, in particolare per le unità immobiliari urbane censite nel catasto dei fabbricati, lo stesso comma 1, indica una

Per l attribuzione dei tali nuovi, in particolare per le unità immobiliari urbane censite nel catasto dei fabbricati, lo stesso comma 1, indica una Nota di lettura dell articolo 2, della legge 23/2014 recante Delega al Governo recante disposizioni per un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita, in materia di catasto La legge

Dettagli

Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007

Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007 Trento ottobre 2009 a cura di Manuela Cumerlotti e Nicoletta Funaro Il Settore Pubblico Allargato secondo la metodologia dei Conti Pubblici Territoriali 1996-2007 Premessa La Provincia Autonoma di Trento(*)

Dettagli

GESTIONE FINANZIARIA

GESTIONE FINANZIARIA GESTIONE FINANZIARIA SCELTE QUALIFICANTI Considerato che il bilancio di un Ente locale deve garantire equilibrio tra il rigore dei numeri e i bisogni dei cittadini, tra la necessità del raggiungimento

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

C.O.VE.VA.R. PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE. Dr. Tino Candeli

C.O.VE.VA.R. PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E DOCUMENTI ALLEGATI IL REVISORE. Dr. Tino Candeli C.O.VE.VA.R. Consorzio Obbligatorio Comuni del Vercellese e della Valsesia per la gestione dei rifiuti urbani della Provincia di Vercelli PARERE DEL REVISORE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2015

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri. Considerazioni in merito a risparmi e benefici del DDL n. 1542

Presidenza del Consiglio dei Ministri. Considerazioni in merito a risparmi e benefici del DDL n. 1542 Considerazioni in merito a risparmi e benefici del DDL n. 1542 Roma, 29 ottobre 2013 1 Il DDL ha tre finalità: 1. Sviluppo e crescita: - rendere i processi decisionali più veloci e diretti per favorire

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI

PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI PROTOCOLLO D INTESA PER L OFFERTA DEL SERVIZIO EDUCATIVO DENOMINATO SEZIONI PRIMAVERA DESTINATO AI BAMBINI DI ETA COMPRESA TRA I 24 E I 36 MESI L Ufficio Scolastico Regionale per le Marche e la Regione

Dettagli

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL RENDICONTO GENERALE PER L ESERCIZIO 2013. I sottoscritti revisori segnalano che hanno eseguito a campione

RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL RENDICONTO GENERALE PER L ESERCIZIO 2013. I sottoscritti revisori segnalano che hanno eseguito a campione RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI AL RENDICONTO GENERALE PER L ESERCIZIO 2013 I sottoscritti revisori segnalano che hanno eseguito a campione verifiche sia sulle poste rilevate nel Rendiconto Generale

Dettagli

La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici

La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici Appalti Pubblici La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici L articolo analizza nel dettaglio, per gli appalti di lavori pubblici stipulati a corpo, le modalità per la contabilizzazione

Dettagli

ASSIFERO - Associazione Italiana Fondazioni ed Enti di Erogazione. Milano - Corso di Porta Romana n. 6 - Codice fiscale n. 97308760582 BILANCIO 2011

ASSIFERO - Associazione Italiana Fondazioni ed Enti di Erogazione. Milano - Corso di Porta Romana n. 6 - Codice fiscale n. 97308760582 BILANCIO 2011 BILANCIO 2011 STATO PATRIMONIALE ATTIVITA 2011 2010 Cassa 31 28 Assegni in cassa 0 1.500 Sterline in cassa 162 157 Dollari in cassa 145 140 Conto corrente 42.558 59.863 Conto deposito vincolato 50.000

Dettagli

Il federalismo fiscale: novità e prospettive per gli Enti Locali

Il federalismo fiscale: novità e prospettive per gli Enti Locali Scuola Emilia-Romagna, Toscana, Umbria e Marche CORSO Il federalismo fiscale: novità e prospettive per gli Enti Locali Paola D Avena Il federalismo fiscale: novità e prospettive per gli Enti Locali Bologna,

Dettagli

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche

genzia ntrate BOZZA Internet 22/01/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche genzia ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014 UNICO Persone fisiche 2015 INDICATORI DI NORMALITÀ ECONOMICA UNICO PERSONE FISICHE L articolo 1, comma 19, primo periodo, della legge n. 296 del 2006 (Legge Finanziaria

Dettagli

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012

Comune di Brivio. Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Bilancio di Previsione 2012 Comune di Brivio Linee generali Il bilancio di previsione 2012 si caratterizza proprio per un forte elemento «previsionale», legato ai recenti interventi legislativi

Dettagli

730, Unico 2013 e Studi di settore

730, Unico 2013 e Studi di settore 730, Unico 2013 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 08 24.04.2014 Società di comodo: novità 2014 Rateizzazione delle plusvalenze, nuova collocazione in Unico SC, chiarimenti in tema di impianti

Dettagli

Nota metodologica a cura del Ministero della salute su richiesta COPAFF

Nota metodologica a cura del Ministero della salute su richiesta COPAFF Nota metodologica a cura del Ministero della salute su richiesta COPAFF Gli indicatori sono riferiti all anno 2008, pertanto la loro utilizzabilità al fine di simularne l impatto a seguito dell entrata

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

Nota metodologica sull applicazione del modello per la ripartizione del FFO 2009

Nota metodologica sull applicazione del modello per la ripartizione del FFO 2009 Nota metodologica sull applicazione del modello per la ripartizione del FFO 2009 Di seguito vengono indicati i criteri di calcolo adottati nel 2009 dal MIUR per la ripartizione di fondi destinati agli

Dettagli

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato

Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato Relazione tecnica Presupposti per la determinazione per l anno 2003 del prezzo all ingrosso dell energia elettrica destinata ai clienti del mercato vincolato 1. Premessa e contesto normativo Il provvedimento

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 28 DICEMBRE 2012 582/2012/R/EEL DETERMINAZIONI IN MERITO ALLE RICHIESTE DI AMMISSIONE AL REGIME DI REINTEGRAZIONE DEI COSTI PRESENTATE DAGLI UTENTI DEL DISPACCIAMENTO. MODIFICHE ALLA DELIBERAZIONE

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016 PROVINCIA DI MATERA Agenzia Provinciale per l Energia e l Ambiente BILANCIO DI PREVISIONE 2014 BILANCIO PLURIENNALE 2014-2016 C.da Rondinelle 75100 Matera (MT) - Cod. Fisc. 93042510771 tel. 0835.268859

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA

BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI 2015-2017 PROVINCIA DI VICENZA BILANCIO ARMONIZZATO CON ALLEGATI - PROVINCIA DI VICENZA Provincia di Vicenza - ESERCIZIO PARTE I - ENTRATA Pag.1 Titolo, Tipologia Fondo pluriennale vincolato per spese correnti Fondo pluriennale vincolato

Dettagli

Articolo 227 Rendiconto della gestione

Articolo 227 Rendiconto della gestione TITOLO VI DLGS 267/200 RILEVAZIONE E DIMOSTRAZIONE DEI RISULTATI DI GESTIONE Articolo 227 Rendiconto della gestione 1. La dimostrazione dei risultati di gestione avviene mediante il rendiconto, il quale

Dettagli

Analisi del residuo fiscale e studio comparativo Regione Lombardia, Nord, Centro, Sud Italia

Analisi del residuo fiscale e studio comparativo Regione Lombardia, Nord, Centro, Sud Italia Analisi del residuo fiscale e studio comparativo Regione Lombardia, Nord, Centro, Sud Italia Antonio Dal Bianco - Éupolis Lombardia 5 novembre 2014 Palazzo Pirelli Seduta congiunta delle Commissioni I

Dettagli

Un dispositivo per calcolare l adeguamento del prezzo del latte bovino in funzione delle dinamiche di mercato

Un dispositivo per calcolare l adeguamento del prezzo del latte bovino in funzione delle dinamiche di mercato Un dispositivo per calcolare l adeguamento del prezzo del latte bovino in funzione delle dinamiche di mercato La volatilità dei mercati e la connessione sempre maggiore tra le dinamiche interne e l andamento

Dettagli