LA BUSINESS INTELLIGENCE DEI FABBISOGNI STANDARD VADEMECUM BUSINESS INTELLIGENCE OPENCIVITAS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA BUSINESS INTELLIGENCE DEI FABBISOGNI STANDARD VADEMECUM BUSINESS INTELLIGENCE OPENCIVITAS"

Transcript

1 LA BUSINESS INTELLIGENCE DEI FABBISOGNI STANDARD VADEMECUM BUSINESS INTELLIGENCE OPENCIVITAS 28 OTTOBRE 2014

2 INDICE L OBIETTIVO DELLA BUSINESS INTELLIGENCE OPENCIVITAS... 3 IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO... 3 COSA SONO I FABBISOGNI STANDARD... 4 LE FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI... 4 LE FUNZIONI FONDAMENTALI DELLE PROVINCE... 6 I MODELLI ORGANIZZATIVI DEI COMUNI... 7 IL CALCOLO DELLA SPESA STORICA 2010 DEI COMUNI... 7 IL CALCOLO DELLA SPESA STORICA 2010 DELLE PROVINCE... 9 I FABBISOGNI STANDARD DEI COMUNI ESPRESSI IN EURO I FABBISOGNI STANDARD DELLE PROVINCE ESPRESSI IN EURO

3 L OBIETTIVO DELLA BUSINESS INTELLIGENCE OPENCIVITAS La Business Intelligence Opencivitas è uno strumento online di esplorazione, benchmarking e simulazione dei dati dei Comuni, delle Unioni di Comuni e delle Province, raccolti ed elaborati per la determinazione dei fabbisogni standard. Attraverso questo strumento i cittadini e gli amministratori locali possono monitorare il fabbisogno finanziario e la performance di tutti gli enti locali italiani delle regioni a statuto ordinario, confrontando il posizionamento del proprio ente rispetto agli altri, in modo da rendere più facile il controllo dei cittadini e supportare gli amministratori locali nell individuazione delle strategie di gestione per l erogazione più efficiente dei servizi. In questa prima versione di Opencivitas la spesa storica del 2010 (per il calcolo della spesa storica si consulti le sezioni Il calcolo della spesa storica 2010 dei comuni e Il calcolo della spesa storica 2010 delle province) viene confrontata con i fabbisogni standard tramutati in euro con riferimento al 2010 (si veda al riguardo le sezioni Fabbisogni standard dei comuni espressi in euro 2010 e Fabbisogni standard delle province espressi in euro 2010), fornendo per ogni comune e ogni funzione fondamentale un differenziale di spesa positivo quando il fabbisogno è più alto della spesa storica, negativo quando il fabbisogno è più basso della spesa storica. È importante precisare che il differenziale tra spesa storica e fabbisogno è riconducibile sia all efficienza con cui i servizi locali vengono forniti, sia ai livelli quantitativi delle prestazioni. L individuazione di queste due componenti è in corso di definizione e sarà inserita nelle future evoluzioni di Opencivitas. La scelta del 2010 quale anno di riferimento nasce dalla necessità di utilizzare, in questa prima versione di Opencivitas, i dati certificati dell ultimo anno disponibile all inizio delle elaborazioni. L'aggiornamento al 2013 verrà realizzato appena saranno utilizzabili le relative informazioni. IL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO La fonte normativa di riferimento dei fabbisogni standard è la Legge 5 maggio 2009 n. 42 di delega in materia di federalismo fiscale e le relative disposizioni attuative, emanate con il Decreto legislativo 26 novembre 2010 n Questo complesso di norme segna il punto di partenza di un importante processo di riforma che ha l obiettivo di erogare i trasferimenti perequativi agli enti locali in base ai fabbisogni standard, abbandonando il criterio della spesa storica, ritenuto causa di inefficienze nella distribuzione dei trasferimenti governativi e di cattiva gestione della spesa da parte dei governi locali. Nel mese di dicembre del 2013, dopo tre anni di intenso lavoro, la SOSE Soluzioni per il Sistema Economico S.p.A., in collaborazione con l Istituto per la Finanza e l Economia Locale (IFEL Fondazione ANCI), l Unione delle Province Italiane (UPI), sotto la supervisione delle Commissione tecnica paritetica per l attuazione del federalismo fiscale (COPAFF), ha completato, nei tempi prestabiliti, la determinazione dei fabbisogni standard delle funzioni fondamentali dei Comuni e delle Province delle regioni a statuto ordinario. 3

4 COSA SONO I FABBISOGNI STANDARD I fabbisogni standard esprimono il peso specifico di ogni ente locale in termini di fabbisogno finanziario, sintetizzando in un coefficiente di riparto i fattori di domanda e offerta, estranei alle scelte discrezionali degli amministratori locali, che meglio spiegano i differenziali di costo e di bisogno lungo il territorio. Il calcolo dei fabbisogni standard poggia, quindi, sull idea che le necessità finanziarie di un ente locale sono espressione dei servizi offerti, delle caratteristiche territoriali e degli aspetti sociali, economici e demografici della popolazione residente. Mantenendo fermo questo principio, la SOSE ha elaborato una procedura di calcolo specifica per il sistema italiano, riconducibile nell alveo della metodologia RCA (Regression Cost Base Approach) che è considerata la più avanzata dalla comunità scientifica internazionale. Questa metodologia prevede la determinazione dei fabbisogni standard attraverso la stima di una funzione di costo (RCA puro) e/o di una funzione di spesa (RCA funzione di spesa), utilizzando la tecnica della regressione multipla lineare. A partire dal 2015 i fabbisogni standard, insieme alla stima della capacità fiscale, saranno funzionali al riparto delle risorse destinate alla perequazione fiscale consentendo il graduale superamento del criterio della spesa storica ritenuto una delle principali cause di inefficienza nella gestione della spesa da parte dei governi locali. È opportuno evidenziare, inoltre, che il processo di determinazione dei fabbisogni standard ha prodotto un notevole ampliamento del patrimonio informativo di supporto al decisore politico, sia per l individuazione dei processi di gestione dei servizi pubblici locali più efficienti, sia per la definizione dei livelli essenziali delle prestazioni delle funzioni fondamentali, di cui all'articolo 117, secondo comma, lettere m) e p), della Costituzione. LE FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI Le funzioni fondamentali dei Comuni oggetto di standardizzazione del fabbisogno, indicate nell articolo 3 del D.lgs. 216/10, sono elencate di seguito nella tabella 1 con l indicazione dell ammontare della spesa storica corrispondente a ciascuna funzione, secondo quanto registrato nel Certificato di Conto Consuntivo da ogni ente per l anno Tabella 1 - Distribuzione delle spese correnti impegnate per le sei funzioni fondamentali, Certificati di Conto Consuntivo (CCC) 2010, Comuni appartenenti alle Regioni a statuto ordinario Spese correnti impegnate da CCC Funzioni fondamentali (Interventi 1, 2, 3, 4, 5 e 7) Ammontare (Euro) Percentuale Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo (solo 70%) ,8% Funzioni di polizia locale ,8% Funzioni di istruzione pubblica ,8% Funzioni nel campo della viabilità e dei trasporti ,6% Funzioni riguardanti la gestione del territorio e dell ambiente ,2% Funzioni del settore sociale ,9% Totale funzioni fondamentali ,00% 4

5 Per quanto riguarda i comuni, è importante sottolineare che il calcolo dei fabbisogni standard è stato condotto segmentando quattro, delle sei funzioni fondamentali, in dieci sotto-funzioni o servizi, in modo da poter adattare la metodologia generale alle specificità dei servizi offerti, raggiungendo così elevati livelli di precisione nell individuazione del fabbisogno delle diverse realtà territoriali. Il calcolo dei fabbisogni standard dei comuni, quindi, si articola su dodici servizi, per ognuno dei quali è stata redatta una specifica nota metodologica (la cui sigla di riferimento è indicata tra parentesi nell elenco che segue). Le funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo sono state segmentate in quattro servizi per ognuno dei quali è stato predisposto uno specifico questionario: ufficio tributi (FC01A); ufficio tecnico (FC01B); anagrafe (FC01C); servizi generali (FC01D). Le funzioni nel campo della viabilità e dei trasporti sono state segmentate in due servizi: viabilità (FC04A); trasporto pubblico locale (FC04B). Le funzioni riguardanti la gestione del territorio e dell ambiente sono state segmentate in due servizi: territorio (FC05A); gestione dei rifiuti (FC05B). Le funzioni del settore sociale sono state segmentate in due servizi: servizi sociali generali (FC06A); asili nido (FC06B). Hanno mantenuto, invece, la loro unitarietà originaria le seguenti funzioni: polizia locale (FC02U); istruzione pubblica (FC03U). 5

6 LE FUNZIONI FONDAMENTALI DELLE PROVINCE Le funzioni fondamentali delle Province oggetto di standardizzazione del fabbisogno, indicate nell articolo 3 del D.lgs. 216/10, sono elencate di seguito nella tabella 2 con l indicazione dell ammontare della spesa storica corrispondente a ciascuna funzione, secondo quanto registrato nel Certificato di Conto Consuntivo da ogni ente per l anno Tabella 2 - Distribuzione delle spese correnti impegnate per le sei funzioni fondamentali, Certificati di Conto Consuntivo (CCC) 2010, Province appartenenti alle Regioni a statuto ordinario Funzioni fondamentali Spese correnti impegnate da CCC (Interventi 1, 2, 3, 4, 5 e 7) Ammontare (Euro) Percentuale Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo (solo 70%) ,74% Funzioni di istruzione pubblica ,91% Funzioni nel campo dei trasporti ,47% Funzioni riguardanti la gestione del territorio ,88% Funzioni nel campo della tutela ambientale ,06% Funzioni nel campo dello sviluppo economico (servizi del mercato del lavoro) ,96% Totale funzioni fondamentali ,00% Il calcolo dei fabbisogni standard delle Province si articola su sette funzioni, per ognuna dei quali è stata redatta una specifica nota metodologica e uno specifico questionario, la cui sigla di riferimento è indicata tra parentesi nell elenco che segue: funzioni generali (FP01U); istruzione pubblica (FP02U); trasporti (FP03U); gestione del territorio (FP04U); tutela ambientale (FP05U); mercato del lavoro (FP06U); polizia Provinciale (FP07U). 6

7 I MODELLI ORGANIZZATIVI DEI COMUNI Le informazioni acquisite con i questionari hanno permesso di censire, per la prima volta, i modelli organizzativi e le forme di gestione utilizzate dagli enti locali per la fornitura dei servizi, consentendo, in sede di stima dei fabbisogni standard, di valutarne l impatto sulla spesa come richiesto dall articolo 4 comma 3 del D.lgs. 216/10. Di particolare importanza è la mappatura delle forme associate, attraverso le quali i comuni offrono i servizi relativi a una o più funzioni in forma congiunta con altri enti. In particolare sono state rilevate le seguenti forme associate: unioni di comuni, convenzioni, consorzi, comunità montane, e bacini. IL CALCOLO DELLA SPESA STORICA 2010 DEI COMUNI La spesa storica 2010 per le funzioni fondamentali dei comuni é stata determinata considerando la spesa corrente impegnata nei Certificati di Conto Consuntivo (CCC) per l anno 2010, al netto degli interessi passivi, degli ammortamenti, degli oneri straordinari di gestione (Interventi 1, 2, 3, 4, 5 e 7). Per i comuni per i quali non si disponeva del CCC del 2010 è stato preso a riferimento l ultima annualità disponibile prima del La spesa storica complessiva di tutte la funzioni fondamentali è stata ottenuta sommando le singole voci di ciascuna funzione. Al fine di rendere il più omogenea e comparabile possibile la spesa storica di riferimento di tutti i 6702 comuni, in relazione alle particolarità di ogni funzione fondamentale, sono state adottate le modalità specifiche di calcolo riportate di seguito. La spesa storica delle funzioni di istruzione pubblica è stata calcolata al netto delle entrate da utenza (Quadro 2 riga 175, 180, 185, 190 del CCC 2010). La spesa storica delle funzioni per il servizio del trasporto pubblico locale e servizi connessi è stata calcolata al netto delle entrate per trasporti pubblici locali e servizi connessi (Quadro 2 riga 235 del CCC 2010), delle entrate da Regione, Province e Agenzie della Mobilità (Questionario FC04U). La spesa storica delle funzioni riguardanti la gestione del territorio e dell ambiente - servizio smaltimento rifiuti - comprende anche il campo C09 'Ricavi riscossi direttamente dalla società di gestione' (Questionario FC05U). La spesa storica delle funzioni nel settore sociale (al netto del servizio di asilo nido) è stata calcolata al netto delle Entrate da utenza (Quadro 2 riga 265, 270, 275, 280 del Certificato di Conto Consuntivo 2010) e al netto delle entrate da S.S.N o da A.S.L. La spesa storica del Servizio di Asili nido è stata calcolata al netto delle Entrate da utenza (Quadro 2 riga 260 del Certificato di Conto Consuntivo 2010). 7

8 Le spese storiche dei macro-servizi: FC01A, FC01B, FC01C, FC01D delle Funzioni generali di amministrazione gestione e controllo sono state considerate al 70%, come stabilito dall articolo 3 del D.Lgs. 216/2010. Nella Tabella 3 vengono riportate le modalità di calcolo della spesa storica 2010 dei comuni tenendo conto di tutte le peculiarità sopra illustrate. Tabella 3 Modalità di calcolo della Spesa Storica 2010 di tutte le funzioni fondamentali dei comuni Funzioni Formula di calcolo della Spesa storica da CCC FC01A - Servizi di Gestione delle Entrate Tributarie e Servizi Fiscali FC01B - Servizi di Ufficio Tecnico (Quadro 4 riga 20 colonna 1,2,3,4,5,7) 0.70 (Quadro 4 riga 30 colonna 1,2,3,4,5,7) 0.70 FC01C - Servizi di Anagrafe, Stato Civile, Elettorale, Leva e Servizio Statistico (Quadro 4 riga 35 colonna 1,2,3,4,5,7) 0.70 Quadro 4 righe 7, 10, 15, 25, 37 FC01D - Altri Servizi Generali 0.70 colonna 1,2,3,4,5,7 FC02U - Funzioni di polizia locale FC03U - Funzioni di istruzione pubblica FC04A - Funzioni nel campo della viabilità FC04B - Funzioni per il servizio del trasporto pubblico locale e servizi connessi FC05A - Funzioni riguardanti la gestione del territorio FC05B - Funzioni riguardanti la gestione del territorio e dell ambiente Servizio smaltimento rifiuti FC06A - Funzioni nel settore sociale (al netto del servizio di asilo nido) FC06B - Servizio di Asili nido (Quadro 4 riga 45 colonna 1,2,3,4,5,7) (Quadro 4 riga 55 colonna 1,2,3,4,5,7) (Quadro 4 riga 72 colonna 1,2,3,4,5,7) (Quadro 2 righe 175, 180, 185, 190 colonna 1) (Quadro 4 righe 115, 120 colonna 1,2,3,4,5,7) (Quadro 4 riga 122 colonna 1,2,3,4,5,7) Quadro 2 riga 235 colonna 1 R02 Entrate da Regioni (col. 4,5,6) R03 Entrate da Province(col. 4,5,6) R04 Entrate da Agenzie della mobilità (col. 4,5,6) (Quadro 4 righe 130, 137, 147 colonna 1,2,3,4,5,7) (Quadro 4 riga 145 colonna 1,2,3,4,5,7) + C09 Ricavi riscossi direttamente dalla Società di gestione (Quadro 4 riga 150 colonna 1,2,3,4,5,7) (Quadro 4 riga 155 colonna 1,2,3,4,5,7) (Quadro 2 righe 265, 270, 275, 280 colonna 1) R02 Entrate da S. S. N. o da A. S. L. (col. 1,2,3 col. 4,5,6) 1 Se il comune non presenta il servizio di asilo nido allora la spesa storica include anche il rigo Quadro 4 riga 155 colonna 1,2,3,4,5,7) e le Entrate da utenza includono anche il rigo Quadro 2 riga 260 colonna 1 (Quadro 4 riga 155 colonna 1,2,3,4,5,7) Quadro 2 riga 260 colonna 1 Se il comune non presenta il servizio di asilo nido allora la spesa storica viene posta pari a zero 1 Le Entrate da S.S.N o da A.S.L vengono sottratte per intero dal calcolo della Spesa Storica 2010 se il loro peso percentuale rispetto alla Spesa storica della funzione sociale (al netto del servizio di asilo nido e delle entrate da utenza) è inferiore all 80%, altrimenti viene sottratto l 80% della Spesa storica della funzione sociale (al netto del servizio di asilo nido e delle entrate da utenza). 8

9 IL CALCOLO DELLA SPESA STORICA 2010 DELLE PROVINCE La spesa storica 2010 per le funzioni fondamentali delle province é stata determinata considerando la spesa corrente impegnata nei Certificati di Conto Consuntivo (CCC) per l anno 2010, al netto degli interessi passivi, degli ammortamenti e degli oneri straordinari di gestione (Interventi 1, 2, 3, 4, 5 e 7). Al fine di rendere il più omogenea e comparabile possibile la spesa storica di riferimento delle 86 province, in relazione alle particolarità di ogni funzione fondamentale sono state adottate le modalità specifiche di calcolo riportate di seguito. La spesa storica delle funzioni generali di amministrazione gestione e controllo sono state considerate al 70%, come stabilito dall articolo 3 del D.Lgs. 216/2010 e nettizzate della spesa afferente ai servizi di polizia provinciale ricostruita attraverso il quadro W del questionario FP07U. La spesa storica delle funzioni di istruzione pubblica, nel campo dei trasporti e relative allo sviluppo economico (servizi del mercato del lavoro) è stata considerata al netto delle funzioni delegate dalle regioni moltiplicando la spesa desunta dal CCC per il rapporto tra il Fabbisogno Standard Assegnato (FSA) e il Fabbisogno Standard Teorico (FST) calcolati come descritto nella sezione Fabbisogni standard delle province espressi in euro2010. La spesa storica delle funzioni riguardanti la gestione del territorio è stata considerata, sia al netto della spesa afferente ai servizi di polizia provinciale ricostruita attraverso il quadro W del questionario FP07U, sia al netto delle funzioni delegate dalle regioni moltiplicando la spesa desunta dal CCC per il rapporto tra il Fabbisogno Standard Assegnato (FSA) e il Fabbisogno Standard Teorico (FST) calcolati come descritto nella sezione Fabbisogni standard delle province espressi in euro2010. La spesa storica delle funzioni nel campo della tutela ambientale è stata considerata al netto della spesa afferente ai servizi di polizia provinciale ricostruita attraverso il quadro W del questionario FP07U. La spesa storica afferente ai servizi di polizia provinciale è stata interamente ricostruita attraverso il quadro W del questionario FP07U. Nella Tabella 4 vengono riportate le modalità di calcolo della spesa storica 2010 delle province tenendo conto di tutte le peculiarità sopra illustrate. 9

10 Tabella 4 Modalità di calcolo della Spesa Storica 2010 di tutte le funzioni fondamentali delle province Funzioni Formula di calcolo della Spesa storica da CCC FP01U - Funzioni generali di amministrazione gestione e controllo FP02U - Funzioni di istruzione pubblica FP03U - Funzioni nel campo dei trasporti FP04U - Funzioni riguardanti la gestione del territorio FP05U - Funzioni nel campo della tutela ambientale FP06U - Funzioni nel campo dello sviluppo economico (Servizi del mercato del lavoro) FP07U - Servizi di polizia provinciale [ (Quadro 4 riga 5 colonna 1,2,3,4,5,7) (W01 + W02 + W03 + W04 + W05 + W06 colonna 1)] 0.70 (Quadro 4 riga 40 colonna 1,2,3,4,5,7) FSA FST (Quadro 4 riga 75 colonna 1,2,3,4,5,7) FSA FST [ (Quadro 4 riga 80 colonna 1,2,3,4,5,7) (W01 + W02 + W03 + W04 + W05 + W06 colonna 2)] FSA FST [ (Quadro 4 riga 90 colonna 1,2,3,4,5,7) (W01 + W02 + W03 + W04 + W05 + W06 colonna 3)] (Quadro 4 riga 136 colonna 1,2,3,4,5,7) FSA FST (W01+W02+W03+W04+W05+W06)col.1 + (W01+W02+W03+W04+W05+W06)col (W01+W02+W03+W04+W05+W06)col.3 + (W01+W02+W03+W04+W05+W06)col.4 FSA = Fabbisogno standard assegnato; FST = Fabbisogno standard teorico. 10

11 I FABBISOGNI STANDARD DEI COMUNI ESPRESSI IN EURO2010 In merito a ogni funzione l espressione in euro2010 del fabbisogno standard di ciascun comune si ottiene moltiplicando il coefficiente di riparto, desumibile dalle specifiche note metodologiche, per l ammontare totale della spesa storica della funzione in oggetto, definita secondo i criteri riportati nella tabella 3 della sezione Il calcolo della spesa storica 2010 dei comuni. Ad esempio, nel caso delle funzioni di polizia locale, l espressione in euro2010 del fabbisogno standard (FSC2010[polizia locale] i ) del comune i-esimo si ottiene nel modo seguente: FSC2010[polizia locale] i = Coef_riparto_c[polizia locale] i Spesa storica polizia locale comunale L espressione in euro2010 del fabbisogno standard complessivo di ciascun comune riferito al totale delle funzioni fondamentali (FSC2010[TOT] i ) è stata ottenuta in due passaggi. In prima battuta è stato calcolato un coefficiente di riparto complessivo (Coef_riparto_c[TOT] i ) pari al rapporto tra la somma dei fabbisogni standard teorici di tutte le funzioni del comune i-esimo (FS TOTi ) e la 6702 sommatoria ( i=1 FS TOTi ) dei fabbisogni standard teorici delle funzioni fondamentali di tutti i comuni come riportato di seguito: Coef_riparto_c[TOT] i = FS TOTi 6702 i=1 FS TOTi dove per Fabbisogno standard teorico (FS) s intende il valore in euro derivante direttamente dall applicazione della funzione di stima dei fabbisogni standard, come descritto nella nota metodologica di ogni funzione comunale. In merito ai servizi di trasporto pubblico locale (FC04B), si precisa che il FS è stato considerato solo per una quota pari al 28,33%. Questo abbattimento si è reso necessario in quanto, per giungere a stimare il fabbisogno, si è dovuta considerare la spesa totale comprendente, oltre alle spese proprie del comune, anche i trasferimenti degli altri enti territoriali e le entrate da biglietti, mentre nel calcolo del coefficiente di riparto complessivo si prende a riferimento solo l ammontare delle spese proprie dei comuni. Successivamente il coefficiente di riparto complessivo (Coef_riparto_c[TOT] i ) è stato moltiplicato per la spesa storica di tutte le funzioni fondamentali, ottenuta sommando le singole voci di spesa storica di ciascuna funzione, calcolate secondo i criteri riportati nella tabella 3 della sezione Il calcolo della spesa storica 2010 dei comuni. Quindi, l espressione in euro2010 del fabbisogno standard complessivo di ciascun comune riferito al totale delle funzioni fondamentali (FSC2010[TOT] i ) corrisponde a: FSC2010[TOT] i = Coef_riparto_c[TOT] i Spesa storica totale funzioni fondamentali comunali 11

12 Il modello italiano di calcolo dei fabbisogni standard, essendo a vincolo di bilancio chiuso, consente di riferire l espressione in euro anche ad annualità più recenti (nel momento in cui dati siano disponibili). Per esprimere i fabbisogni standard dei comuni in euro2013, ad esempio, è sufficiente utilizzare nel calcolo la spesa storica del È importante precisare che il fabbisogno complessivo espresso in euro 2010 (FSC2010[TOT] i ) dipende solo dall ammontare complessivo della spesa storica del 2010 ma non dalla sua composizione, altrimenti il fabbisogno standard complessivo sarebbe stato erroneamente influenzato dalla distribuzione della spesa storica lungo le funzioni fondamentali. Quindi, il fabbisogno complessivo in euro2010 (FSC2010[TOT] i ) corrisponde alla somma dei singoli fabbisogni in euro relativi ai vari servizi moltiplicati per un coefficiente π j come riportato nella formula seguente. Il coefficiente π j misura come il peso di ogni funzione j cambia nella composizione del fabbisogno complessivo rispetto alla composizione della spesa storica. FSC2010[TOT] i = 12 j=1 ) (π j FSC2010 funzione j i dove π j = peso della funzione j nella composizione del fabbisogno rispetto al peso della funzione j nella composizione della spesa storica. Si ricorda, infine, che l unico fabbisogno da considerare per la determinazione dei trasferimenti è il fabbisogno standard complessivo. 12

13 Tabella 5 Peso delle funzioni fondamentali nella composizione del fabbisogno rispetto al peso nella composizione della spesa storica dei comuni Funzioni Peso π FC01A - Servizi di Gestione delle Entrate Tributarie e Servizi Fiscali 1, FC01B - Servizi di Ufficio Tecnico 1, FC01C - Servizi di Anagrafe, Stato Civile, Elettorale, Leva e Servizio Statistico 1, FC01D - Altri Servizi Generali 0, FC02U - Funzioni di polizia locale 0, FC03U - Funzioni di istruzione pubblica 1, FC04A - Funzioni nel campo della viabilità 0, FC04B - Funzioni per il servizio del trasporto pubblico locale e servizi connessi 1, FC05A - Funzioni riguardanti la gestione del territorio 0, FC05B - Funzioni riguardanti la gestione del territorio e dell ambiente Servizio smaltimento rifiuti 0, FC06A - Funzioni nel settore sociale (al netto del servizio di asilo nido) 1, FC06B - Servizio di Asili nido 0,

14 I FABBISOGNI STANDARD DELLE PROVINCE ESPRESSI IN EURO2010 In merito a ogni funzione l espressione in euro2010 del fabbisogno standard di ciascuna provincia si ottiene moltiplicando il coefficiente di riparto, desumibile dalle specifiche note metodologiche, per l ammontare totale della spesa storica della funzione in oggetto, definita secondo i criteri riportati nella tabella 4 della sezione Il calcolo della spesa storica 2010 delle province. Ad esempio, nel caso delle funzioni generali di amministrazione gestione e controllo, l espressione in euro2010 del fabbisogno standard (FSP2010[amministrazione] i ) della provincia i-esima si ottiene nel modo seguente: (FSP2010[amministrazione] i = Coef_riparto_p[amministrazione] i Spesa storica amministrazione provinciale L espressione in euro2010 del fabbisogno standard complessivo di ciascuna provincia riferito al totale delle funzioni fondamentali (FSP2010[TOT] i ) è stata ottenuta in due passaggi. In prima battuta è stato calcolato un coefficiente di riparto complessivo (Coef_riparto_p[TOT] i ) pari al rapporto tra la somma dei fabbisogni standard assegnati di tutte le funzioni della provincia i-esima 6702 (FSA TOTi ) e la sommatoria ( i=1 FSA TOTi ) dei fabbisogni standard assegnati delle funzioni fondamentali di tutte le province come riportato di seguito: Coef_riparto_p[TOT] i = FSA TOTi 6702 i=1 FSA TOTi dove per Fabbisogno standard assegnato (FSA) s intende il valore in euro derivante direttamente dall applicazione della funzione di stima dei fabbisogni standard, come descritto nella nota metodologica di ogni funzione provinciale, valorizzando una serie di variabili obiettivo a valore standard. È importante precisare che nel caso delle province il Fabbisogno standard teorico (FST) è stato utilizzato solo in due casi: le funzioni nel campo della tutela ambientale (FP05U) e i servizi di polizia provinciale (FP07U) dove non ci sono variabili obiettivo. Successivamente il coefficiente di riparto complessivo (Coef_riparto_p[TOT] i ) è stato moltiplicato per la spesa storica di tutte le funzioni fondamentali, ottenuta sommando le singole voci di spesa storica di ciascuna funzione, calcolate secondo i criteri riportati nella tabella 4 della sezione Il calcolo della spesa storica 2010 delle province. Quindi, l espressione in euro2010 del fabbisogno standard complessivo di ciascuna provincia riferito al totale delle funzioni fondamentali (FSP2010[TOT] i ) corrisponde a: FSP2010[TOT] i = Coef_riparto_p[TOT] i Spesa storica totale funzioni fondamentali provinciali 14

15 Il modello italiano di calcolo dei fabbisogni standard, essendo a vincolo di bilancio chiuso, consente di riferire l espressione in euro anche ad annualità più recenti (nel momento in cui dati siano disponibili). Come per i comuni, quindi, per esprimere i fabbisogni standard delle province in euro2013, ad esempio, è sufficiente utilizzare nel calcolo la spesa storica del È importante precisare che il fabbisogno complessivo espresso in euro 2010 (FSP2010[TOT] i ) dipende solo dall ammontare complessivo della spesa storica del 2010 ma non dalla sua composizione, altrimenti il fabbisogno standard complessivo sarebbe stato erroneamente influenzato dalla distribuzione della spesa storica lungo le funzioni fondamentali. Quindi, il fabbisogno complessivo in euro2010 (FSP2010[TOT] i ) corrisponde alla somma dei singoli fabbisogni in euro relativi ai vari servizi moltiplicati per un coefficiente π j come riportato nella formula seguente. Il coefficiente π j misura come il peso di ogni funzione j cambia nella composizione del fabbisogno complessivo rispetto alla composizione della spesa storica. FSP2010[TOT] i = 7 j=1 ) (π j FSP2010 funzione j i dove π j = peso della funzione j nella composizione del fabbisogno rispetto al peso della funzione j nella composizione della spesa storica. Si ricorda, infine, che l unico fabbisogno da considerare per la determinazione dei trasferimenti è il fabbisogno standard complessivo. Tabella 6 Peso delle funzioni fondamentali nella composizione del fabbisogno rispetto al peso nella composizione della spesa storica delle province Funzioni Peso π FP01U - Funzioni generali di amministrazione gestione e controllo 0, FP02U - Funzioni di istruzione pubblica 1, FP03U - Funzioni nel campo dei trasporti 1, FP04U - Funzioni riguardanti la gestione del territorio 1, FP05U - Funzioni nel campo della tutela ambientale 0, FP06U - Funzioni nel campo dello sviluppo economico (Servizi del mercato del lavoro) 1, FP07U - Servizi di polizia provinciale 0,

16 Soluzioni per il Sistema Economico S.p.a. Via Mentore Maggini, 48C Roma - Italia Tel Fax Il presente documento ha un uso esclusivamente informativo. Con il presente documento la Sose Soluzioni per il Sistema Economico S.p.a. non riconosce alcuna garanzia, esplicita o implicita. Le informazioni contenute nel presente documento sono soggette a modifiche senza preavviso. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta in qualsiasi forma o mezzo elettronico o meccanico, per alcun uso, senza il permesso scritto della Sose Soluzioni per il Sistema Economico S.p.a. Documento fuori pubblicazione Soluzioni per il Sistema Economico S.p.a. Tutti i diritti riservati. 16

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA

Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA Sardegna Impresa e Sviluppo BIC Sardegna SpA AVVISO PUBBLICO Selezione di Statistici junior BIC Sardegna SpA, Soggetto Attuatore dell intervento IDMS, Sistema Informativo dell indice di Deprivazione Multipla

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM40B

STUDIO DI SETTORE VM40B A L L E G AT O 15 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM40B ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM40B sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 28/E. Roma, 17 luglio 2015. Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 28/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 17 luglio 2015 Oggetto: Studi di settore periodo di imposta 2014. 2 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 1.1 CAUSE DI INAPPLICABILITÀ... 5 2. PRINCIPALI NOVITÀ...

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Pervengono alla Scrivente numerosi quesiti nei quali si segnala che diversi comuni

Pervengono alla Scrivente numerosi quesiti nei quali si segnala che diversi comuni RISOLUZIONE N. 3/DF DIPARTIMENTO DELLE FINANZE DIREZIONE LEGISLAZIONE TRIBUTARIA E FEDERALISMO FISCALE PROT. Roma, 25 marzo 2015 OGGETTO: Tributo per i servizi indivisibili (TASI). Modello di dichiarazione.

Dettagli

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA

BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA BREVI APPUNTI SU ALCUNI FONDAMENTI DELL ANALISI DEMOGRAFICA Nunzio Mastrorocco I quozienti grezzi o generici Volendo procedere all esame di un fenomeno demografico, in un primo e generico approccio è sufficiente

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province

Unione Province Italiane. Una proposta per il riassetto delle Province Unione Province Italiane Una proposta per il riassetto delle Province Assemblea Unione Province Italiane Roma - 06 dicembre 2011 A cura di: Prof. Lanfranco Senn Dott. Roberto Zucchetti Obiettivi dello

Dettagli

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011

Patrimonio della PA. Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Patrimonio della PA Rapporto sulle partecipazioni detenute dalle Amministrazioni Pubbliche al 31 dicembre 2011 Dicembre 2013 INDICE 1 Premessa e sintesi 3 2 La rilevazione delle partecipazioni detenute

Dettagli

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2

ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 ANALISI DELLE FREQUENZE: IL TEST CHI 2 Quando si hanno scale nominali o ordinali, non è possibile calcolare il t, poiché non abbiamo medie, ma solo frequenze. In questi casi, per verificare se un evento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO

Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO Regione Autonoma della Sardegna PIANO D AZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO INDICE PREMESSA 4 1. IL MECCANISMO DI INCENTIVAZIONE LEGATO AGLI OBIETTIVI DI SERVIZIO DEL QSN 2007-2013

Dettagli

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo?

ESTIMO GENERALE. 1) Che cos è l estimo? ESTIMO GENERALE 1) Che cos è l estimo? L estimo è una disciplina che ha la finalità di fornire gli strumenti metodologici per la valutazione di beni economici, privati o pubblici. Stimare infatti significa

Dettagli

STUDIO DI SETTORE VM48U

STUDIO DI SETTORE VM48U A L L E G AT O 21 NOTA INTEGRATIVA (NUOVI INDICATORI DI COERENZA ECONOMICA) STUDIO DI SETTORE VM48U ANALISI DELLA COERENZA Per lo studio di settore VM48U sono previsti ulteriori specifici indicatori di

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

6. Le ricerche di marketing

6. Le ricerche di marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Corso di Laurea in Lingue e Cultura per l Impresa 6. Le ricerche di marketing Prof. Fabio Forlani Urbino, 29/III/2011

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS.

RISOLUZIONE N. 10/E. OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. RISOLUZIONE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 23 gennaio 2015 OGGETTO: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Attività consultoriale a pagamento - Qualificazione ONLUS. Con l interpello

Dettagli

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni

Roma, 13 dicembre 2011 Ai Sigg. Sindaci dei Comuni Dirigenti dei Servizi Demografici dei Comuni Dirigenti degli Uffici di Statistica dei Comuni Dipartimento per i censimenti e gli archivi amministrativi e statistici Dipartimento per le statistiche sociali ed ambientali Direzione centrale delle statistiche socio-demografiche e ambientali Circolare

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE

RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE RELAZIONE TRA DUE VARIABILI QUANTITATIVE Quando si considerano due o più caratteri (variabili) si possono esaminare anche il tipo e l'intensità delle relazioni che sussistono tra loro. Nel caso in cui

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO di Rossana MANELLI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT IGEA, 5 a IP Economico - gestionale) La prova, indirizzata

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi

Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate - - - - - * * * * - - - - - Il federalismo fiscale in Italia dagli anni 90 a oggi Per federalismo fiscale si intende l attribuzione della titolarità

Dettagli

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE

ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE ALGEBRA: LEZIONI DAL 13 OTTOBRE AL 3 NOVEMBRE 1 DIPENDENZA E INDIPENDENZA LINEARE Se ho alcuni vettori v 1, v 2,, v n in uno spazio vettoriale V, il sottospazio 1 W = v 1,, v n di V da loro generato è

Dettagli

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità

Prima iscrizione degli immobili al CEU (estensione procedure di cui alla circ. n.1/2009) e controlli sulle titolarità Direzione Centrale Catasto e Cartografia Modalità di aggiornamento relative alle intestazioni catastali presenti nelle dichiarazioni di DOCFA e nelle Domande di Volture Prima iscrizione degli immobili

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali

Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Disciplina del recesso dai contratti per la fornitura di energia elettrica e/o di gas naturale ai clienti finali Art. 1 Definizioni 1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le seguenti definizioni:

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

INSTALLAZIONE E PERSONALIZZAZIONE PROGRAMMA NOTA

INSTALLAZIONE E PERSONALIZZAZIONE PROGRAMMA NOTA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEI MODELLI DI NOTA - LEGGE N. 52 DEL 27 FEBBRAIO 1985 E SUCC. MOD. - (Agenzia del Territorio Ufficio Provinciale di Genova S.P.I.) INSTALLAZIONE E PERSONALIZZAZIONE PROGRAMMA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Deliberazione n. 15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA

Deliberazione n. 15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Protocollo RC n. 6578/15 Deliberazione n. 15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELL ASSEMBLEA CAPITOLINA Anno 2015 VERBALE N. 38 Seduta Pubblica del 25 marzo 2015 Presidenza: BAGLIO AZUNI MARINO

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

CONVENZIONE QUADRO TRA

CONVENZIONE QUADRO TRA PROVINCIA DI PESARO E URBINO CONVENZIONE QUADRO Espletamento dei servizi finanziari connessi all emissione di prestiti obbligazionari ed altri servizi finanziari accessori e servizio di advisory per la

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale

Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale Prot. n. 2012/140335 Approvazione delle modifiche al modello di versamento F24 enti pubblici ed alle relative specifiche tecniche Introduzione del secondo codice fiscale IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base

Dettagli