ESAMI DI STATO a.s / 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESAMI DI STATO a.s. 2011 / 2012"

Transcript

1 ESAMI DI STATO a.s / 2012 (art. 5 comma 20 D.P.R n 323 ) PERCORSO FORMATIVO COMPLESSIVO DELLA CLASSE 1

2 SOMMARIO 1. SPECIFICITA DELL INDIRIZZO DI STUDI 2. EVOLUZIONE DELLA CLASSE NEL TRIENNIO 2.1 ELENCO ALUNNI 2.2 ELEMENTI DI VALUTAZIONE RELATIVI ALLA CONTINUITÀ DIDATTICA 2.3 PROFILO SINTETICO DELLA CLASSE 2.4 ANALISI DEI RISULTATI RELATIVI AL TRIENNIO 2.5 SITUAZIONE IN INGRESSO DELLA CLASSE 2.6 PROGETTI E TESINE 3. OBIETTIVI TRASVERSALI 4. METODOLOGIE 5. MEZZI E MODALITÀ UTILIZZATI PER OBIETTIVI 6. INDICATORI E DESCRITTORI DELLA VALUTAZIONE 7. TIPOLOGIA DI PROVE 8. INIZIATIVE DI RECUPERO 9. PARTECIPAZIONE AD ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI 10. IL CONSIGLIO DI CLASSE 11. PRIMA PROVA : GRIGLIA DI VALUTAZIONE 12. SECONDA PROVA : GRIGLIA DI VALUTAZIONE 13. TERZA PROVA TIP. B ALLEGATI PROGRAMMI (OBIETTIVI E CONTENUTI DELLE VARIE DISCIPLINE ) SIMULAZIONI delle prove d esame 2

3 1. SPECIFICITÀ DELL INDIRIZZO DI STUDI FINALITÀ DEL CORSO DI INFORMATICA Il nostro Istituto, nella sua carta di identità, si prefigge la finalità di comunicare l'idea forte di scuola: come centro di crescita degli alunni in consapevolezza civile; come ''luogo di formazione e di educazione mediante lo studio, l'acquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza critica; nonché comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, ispirata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni ''. L' ITIS ad indirizzo Informatico assolve una funzione professionalizzante. Si configura come scuola in grado di rispondere alle odierne dinamiche dell'industria: forma figure professionali capaci di inserirsi in realtà produttive differenziate, caratterizzate da una rapida evoluzione tecnologica. FINALITÀ DEL CORSO DI INFORMATICA Capacità di progetto e di gestione di prodotti software e sistemi di rete utilizzando modelli teorici, conoscenze di hardware e di software di sviluppo ed applicativo Capacità di inserimento in gruppi di lavoro Capacità di adattamento a situazioni innovative Capacità di applicare conoscenze e competenze in ambiti nuovi 3

4 2. EVOLUZIONE DELLA CLASSE NEL TRIENNIO 2.1 ELENCO ALUNNI Cognome e nome Classe di Provenienza 1 Aliverti Jacopo 3C 4C 2 Barban Niccolò 3C 4C 3 Bilotta Matteo 3C 4C 4 Broggi Davide Atena (3 e 4 P.I.) 5 Camarella Annalisa 3A 4A 5A 6 Colombo Fabio 3C 4C 7 Gugiatti Matteo 3C 4C 8 Maiocchi Mattia 3A 3A 4A 4A 5A 9 Pasqualin Mirco 3C 4C 10 Perin Fabio 3C 4C 11 Premoli Davide 3C 4C 12 Ricupero Matteo 3C 4C 13 Salvadego Mattia Atena (3 e 4 P.I.) 14 Turri Marco 3C 4C 15 Vedovani Simone 3C 4C 16 Vitale Davide 3C 4C 17 Wojtyczka Adrian 3C 4C 4

5 2.2 ELEMENTI DI VALUTAZIONE RELATIVI ALLA CONTINUITÀ DIDATTICA MATERIA NOME DOCENTE PERIODO DI DOCENZA Religione Italiano Storia Matematica Inglese Moretti Ciraolo Mazzilli Scauda Ciraolo Mazzilli Introzzi Ceri Fenici Pontiggia Castelli 5 3 e 4 5 Intero triennio 3 e Informatica Tassan Caser Intero triennio Sistemi Elettronica Calcolo Squadrito Cappelli Bernardini Ferrario Crivelli D Amico Piatti E. D Alessio Loia 3 4 e e 4 5 ED. Fisica Franzini Intero triennio ITP Informatica ITP Sistemi ITP Elettronica ITP Matematica/Calcolo Santaromita Olgiati Bulzomì Coco Olgiati Minella Olgiati Bertino Morgante Abbiati Minella Longhitano Marangoni

6 2. 3 PROFILO SINTETICO DELLA CLASSE La classe è costituita da 17 alunni, dei quali 13 provenienti dalla classe quarta, due ripetenti di 5 A e due provenienti da scuola privata dove hanno conseguito la promozione alla classe terza e quarta. La partecipazione alle lezioni è stata discontinua e poco propositiva, è mancato un reale coinvolgimento da parte degli studenti al dialogo educativo, che conseguentemente, è risultato poco costruttivo. La classe ha partecipato al progetto simulimpresa in collaborazione con l ospedale di Circolo di Varese e in questa attività gli alunni hanno partecipato in modo organico e propositivo, dimostrando una buona capacità di collaborazione e di lavoro di gruppo e realizzando in pratica parte dei concetti teorici acquisiti durante il corso di studi. Lo studio, discontinuo per molti, e costante e responsabile per pochi, ha portato una parte degli allievi ad un accettabile grado di preparazione; altri hanno raggiunto una conoscenza sufficiente; pochi alunni hanno partecipato con impegno e consapevolezza all attività didattica conseguendo un ottima preparazione, supportata da competenze e capacità logico-deduttive. Il giudizio globale sulla classe, considerato il grado di interesse sia per le attività curriculari che per quelle collaterali è considerato pienamente sufficiente anche se non certo brillante. 6

7 2.4 ANALISI DEI RISULTATI RELATIVI AL TRIENNIO Classe Nuovi inserimenti N alunni PROMOSSI Ritirati o trasferiti NON PROMOSSI 3 a a a

8 2.5 SITUAZIONE IN INGRESSO DELLA CLASSE Risultati dello scrutinio finale della classe IV Nominativo Promozione a giugno Sospensione in.. Sospensione in.. Sospensione in.. Aliverti Matematica Barban Bilotta Colombo Gugiatti X X X X Pasqualin Matematica Informatica Perin Inglese Premoli Matematica Informatica Sistemi Ricupero Turri Vedovani Vitale Wojtyczka X X X X X 8

9 2.6 PROGETTI E TESINE ATTUATI ALUNNO ARGOMENTO ALIVERTI BARBAN BILOTTA BROGGI CAMARELLA COLOMBO GUGIATTI MAIOCCHI PASQUALIN PERIN PREMOLI RICUPERO SALVADEGO TURRI VEDOVANI VITALE INTELLIGENZA ARTIFICIALE CRIMINALITÀ INFORMATICA IMPLEMENTAZIONE DI XNARTILLERY AMPLIFICATORE PORTATILE PER CHITARRA GESTIONE DI UN VIDEOGIOCO IN RETE TRACCIABILITÀ DEL DENARO MICROCONTROLLORI VIRTUAL REALITY REABILITATION SYSTEMS VIRTUALIZZAZIONE DEI S.O. GESTIONE DI UN VIDEOGIOCO IN RETE GESTIONE DI UN VIDEOGIOCO IN RETE PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB CON L UTILIZZO DI NUOVI STANDARD SOCIAL NETWORK E SOCIAL MEDIA SISTEMI DI CRITTOGRAFIA E CODIFICA PROGETTAZIONE DI UN SITO WEB CON L UTILIZZO DI NUOVI STANDARD JOYSTICK DI CONTROLLO REALE E VIRTUALE WOJTYCZKA GESTIONE AGENDA TUTOR 9

10 3. OBIETTIVI TRASVERSALI AMBITO : EDUCATIVO 1. Rispettare le persone e il materiale 2. Partecipare responsabilmente alle attività individuali e di gruppo, dimostrando autonomia e spirito di iniziativa 3. Collaborare, comprendendo i diversi punti di vista, nel rispetto dei diritti fondamentali degli altri AMBITO : STORICO - LINGUISTICO Analisi e contestualizzazione dei testi Riflessione sulla letteratura in prospettiva storica Competenze e conoscenze linguistiche Analisi comprensione e confronto delle diverse ipotesi interpretative della storia del 900 AMBITO: TECNICO - SCIENTIFICO Acquisizione di un metodo, di conoscenze teoriche e competenze operative utilizzabili in ambiti diversi al fine di analizzare, modellizzare e risolvere situazioni problematiche e produrre documentazione tecnica Acquisizione dell attitudine a riesaminare criticamente con metodo analitico le conoscenze apprese AMBITO: COGNITIVO Utilizzare i linguaggi specifici nei vari ambiti disciplinari. Utilizzare i diversi strumenti per reperire informazioni e risolvere problemi. Leggere, comprendere e rilevare fenomeni sociali e scientifici di particolare rilevanza. Rendersi consapevoli dell importanza di ogni disciplina che concorre alla propria formazione complessiva Saper applicare capacità di analisi e sintesi in situazioni problematiche complesse. Acquisire un metodo per utilizzare le conoscenze teoriche ed operative al fine di risolvere problemi. Perfezionare la capacità di valutazione critica e l'autonomia di giudizio Perfezionare la capacità di ottimizzazione nelle scelte. Lavorare in gruppo in modo costruttivo, in base ai propri mezzi Utilizzare le metodologie acquisite in situazioni nuove. Risultati raggiunti Gli obiettivi educativi sono stati raggiunti in modo abbastanza soddisfacente da gran parte della classe; gli obiettivi cognitivi sono stati raggiunti dalla maggior parte della classe, anche se in modo non omogeneo. Alcuni studenti hanno raggiunto pienamente entrambi gli obiettivi prefissati. 10

11 4. METODOLOGIE Per la trattazione dei contenuti teorici si sono utilizzate lezioni frontali sia di tipo tradizionale che di tipo problem solving ( presentazione di un problema, modellizzazione, sistemazione teorica di nuovi strumenti, risoluzione del problema). In laboratorio la classe è divisa in gruppi: le varie esperienze in programma vengono esposte dagli insegnanti insieme con i minimi requisiti indispensabili per l utilizzo corretto degli strumenti (hardware, software, manualistica, schede didattiche, documentazione tecnica). 5. MEZZI E MODALITÀ UTILIZZATI PER OBIETTIVI (PER MAGGIOR APPROFONDIMENTO IN RELAZIONE A MEZZI E MODALITÀ SI RIMANDA ALLA PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DELLE SINGOLE DISCIPLINE) 11

12 6. INDICATORI E DESCRITTORI DELLA VALUTAZIONE MISURAZIONE Sono stati assegnati voti interi da 1 a 10 che si possono rapportare al grado di conoscenza acquisito come segue: 1 2 conoscenza nulla o quasi nulla 3 4 conoscenza estremamente frammentaria e incoerente 5 conoscenza frammentaria e superficiale 6 conoscenza adeguata ma non approfondita 7 8 conoscenza adeguata ed approfondita ma non critica 9 10 conoscenza completa ed approfondita unita a capacità analitiche e critiche INDICATORI AREA LINGUISTICA 0. Pertinenza alla traccia 1. Correttezza morfo sintattica 1. Ricchezza ideativa 2. Coerenza argomentativa 3. Capacità critica AREA TECNICO SCIENTIFICA 0. Capacità di analisi e di sintesi 1. Capacità logiche ed espressive 2. Padronanza del linguaggio tecnico 3. Utilizzo strumenti idonei 4. Correttezza delle procedure di calcolo 5. Capacità di progettazione 12

13 7. TIPOLOGIA DI PROVE Interrogazione orale Elaborazione aperta e personale Commento e analisi su testo o tema assegnato Test a domande aperte e/o chiuse Lavori di gruppo e relazione sui lavori di gruppo Risoluzione di problemi applicativi Progettazione di sistemi informativi (Per eventuali ulteriori approfondimenti in relazione ai punti sopraesposti si rimanda alle singole discipline) 8. INIZIATIVE DI RECUPERO Durante l anno scolastico gli alunni hanno potuto usufruire liberamente della attività di recupero come help scolastico pomeridiano, anche se in realtà ci sono state scarse richieste e solo in poche materie curricolari. La scuola ha organizzato una settimana tra fine gennaio e inizio febbraio di sospensione dell attività didattica e di recupero e/o approfondimento per tutti gli alunni durante il normale orario scolastico. Al termine di tale periodo sono state effettuate prove di valutazione per stabilire l eventuale recupero delle materie insufficienti nel primo quadrimestre. In alcune materie poi e per alcuni studenti, si sono effettuati recuperi in itinere. 13

14 9. PARTECIPAZIONE AD ATTIVITA EXTRACURRICOLARI L intera classe ha partecipato alle seguenti attività: Rappresentazioni teatrali e sociali: concerto viva Verdi a Varese Spettacolo presso teatro Apollonio di Varese The important of being Earnest il 4/11/2011 Lezione in azienda: Progetto SIMULIMPRESA in collaborazione con Ospedale di Circolo di Varese. Orientamento in uscita: Incontro con Dott.ssa Ferrari dell Università Insubria Orientamento universitario: Insubria Incontro Promozione del servizio civile : presso il nostro Istituto tenuto da ACLI Lombardia Conferenza presso l Istituto Keynes con l artista Simona Atzorni Conferenza su Servizio Civile: presso Istituto con Sig.Guidali rappresentante del servizio civile di Varese Gruppi di alunni della classe hanno inoltre aderito alle seguenti iniziative proposte: Iniziative sociali: Giornata di manifestazione per le vittime delle Mafie a Genova, partecipazione al gruppo di volontariato dell ISIS Progetto: alternanza scuola/lavoro Gare sportive: Torneo Calcetto, PingPong, Pallavolo Orientamento in uscita; Open Day Universitari, partecipazione a giornata presso Università Insubria di Saronno ALTRO :Settimana bianca organizzata dalla scuola Visita guidata presso l azienda Agusta Westland di Vergiate 14

15 10. IL CONSIGLIO DI CLASSE NOME MATERIA FIRMA ABBIATI Tullio BULZOMI Luca CAPPELLI Daniela CASTELLI Alessandra CERI Francesca FRANZINI Danilo LOIA Riccardo MARANGONI Marco MAZZILLI Annunziata MORETTI Emanuela OLGIATI Jessica PIATTI Emanuela TASSAN CASER Roberta ITP elettronica ITP informatica Sistemi Inglese Matematica Ed.Fisica Calcolo ITP Mate/calcolo Italiano/storia Religione ITP sistemi Elettronica Informatica 15

16 11. PRIMA PROVA SCRITTA ESAMI DI STATO CLASSE 5 a.s. 2011/2012 I.S.I.S. J. Keynes Gazzada GRIGLIA DI VALUTAZIONE Indicatori Risultato 1. Punteggiatura, ortografia, morfosintassi 2. Proprietà lessicale Forma scorretta Forma nell'insieme corretta Lessico corrente o Lessico improprio generico Forma corretta Lessico adeguato 3. Aderenza alla richiesta della traccia 4. Correttezza e pertinenza dei contenuti 5. Sviluppo e coerenza delle argomentazioni Gravi lacune Conoscenze lacunose e/o scorrette Argomentazioni non motivate e incoerenti Coerenza parziale Piena coerenza Conoscenze essenziali Argomentazioni motivate, con qualche incoerenza Conoscenze complete e corrette Argomentazioni motivate e coerenti TOTALE Giudizio sintetico: Voto Attribuito./15 16

17 12. SECONDA PROVA SCRITTA ESAMI DI STATO CLASSE 5 a.s. 2011/2012 I.S.I.S. J. Keynes Gazzada GRIGLIA DI VALUTAZIONE ANALISI DEI REQUISITI DEFINIZIONE /PROGETTAZIONE DELLA SOLUZIONE MOTIVAZIONE DELLA SOLUZIONE PRESENTAZIONE DELL ELABORATO Nulla o del tutto non conforme alle specifiche 1 Nulla 1 Nulla 0 Nulla 0 Solo in parte conforme alle specifiche 2 Non coerente con l analisi dei requisiti 2 Poco accettabile 1 Confusa e disordinata 1 Sufficientemente conforme alle specifiche 3 Sufficientemente coerente con l analisi dei requisiti ma carente nell'esposizione 3 Plausibile 2 Lineare / ordinata 2 Totalmente conforme alle specifiche 4 Coerente con l analisi dei requisiti ed accettabile nell'esposizione 4 Esaustiva ed accurata 3 Curata e ben fatta 3 Coerente con l analisi dei requisiti ed esauriente nell'esposizione 5 Voto Attribuito: /15 17

18 13.TERZA PROVA SCRITTA - TIPOLOGIA B ESAMI DI STATO CLASSE 5 a.s. 2011/2012 I.S.I.S. J. Keynes Gazzada Quesito 1 Quesito 2 Quesito 3 Punteggio SOMMA somma TOTALE quesiti Materia.. Materia. Materia. Materia / 60 Voto finale:.. /15 18

19 Indicatori per la valutazione delle domande a risposta aperta : Comprensione del testo Pertinenza al quesito Conoscenza dei contenuti e forma espositiva Capacità tecniche, operative e di elaborazione Capacità logiche e di sintesi Indicatori Punteggio Risposta esauriente e completa 5 Risposta completa ma con alcune imprecisioni o non del tutto completa Risposta sufficientemente corretta Risposta parziale o solo parzialmente corretta Risposta estremamente scorretta 1.5 Risposta non data o totalmente errata 1 19

20 ALLEGATO 1 PROGRAMMI (OBIETTIVI E CONTENUTI DELLE VARIE DISCIPLINE ) Programma di ITALIANO Docente: Annunziata Mazzilli Testi adottati: Liberamente. Storia e antologia della letteratura italiana -Autori vari- Palumbo -Volumi II e III Obiettivi 1. Analisi e contestualizzazione dei testi Comprendere il significato di un testo letterario; Analizzare un testo letterario sotto il profilo formale e in rapporto alle tematiche dell'autore; Cogliere la relazione fra un testo e il contesto storico - letterario. 2. Riflessione sulla letteratura e sua riflessione storica Conoscere gli elementi essenziali delle correnti letterarie più significative ; Comprendere il rapporto che lega l'autore ad una corrente letteraria. 3. Competenze e conoscenze linguistiche Svolgere la comunicazione orale correttamente sul versante grammaticale nonché sintattico; Comunicare in maniera efficace; Affrontare autonomamente i testi di vario genere; Produrre testi scritti rispondenti a diverse funzioni rispettando le convenzioni grammaticali servendosi, allo stesso tempo di un lessico appropriato al tipo di comunicazione; Proporre in forma orale e scritta valutazione propria in merito ad argomenti di attualità, di cultura generale di studio, organizzando in modo logico ed efficace le proprie argomentazioni. Contenuti Tra Settecento e Ottocento L Illuminismo - Caratteristiche della cultura illuminista - La letteratura illuminista in Italia e in Europa Il Neoclassicismo - Contesto e caratteri generali Ugo Foscolo - Vita e opere - Dai Sonetti maggiori, A Zacinto 20

21 Il Romanticismo - Il contesto e i temi tipici - La letteratura romantica in Europa: le opere che hanno inaugurato il movimento - La querelle tra classici e romantici Giacomo Leopardi - Vita - La conversione letteraria e la conversione filosofica. Dal pessimismo storico al pessimismo cosmico - Le opere - Dai piccoli Idilli, L infinito L età del Positivismo - Introduzione alla cultura del Positivismo e rinascita del romanzo - Il Naturalismo francese - Il Romanzo sperimentale di Zola Il Verismo italiano - Introduzione alla corrente - I principali esponenti Giovanni Verga - Vita e opere - La produzione giovanile tramite la trattazione, in sintesi, della trama relativa ai romanzi - La produzione verista Le novelle. Vita dei campi (contenuto delle novelle; lettura del brano Scena di un corteggiamento da Nedda e della novella Rosso Malpelo ); Novelle rusticane (in sintesi, il contenuto di Malaria, La roba, Libertà ) Il Ciclo dei vinti : il progetto e i romanzi compiuti (I Malavoglia. Mastro don Gesualdo) Il Decadentismo - Origini del Decadentismo europeo - Charles Baudelaire. La vita. La poetica e la poesia pura. Simbolismo e allegorismo. I fiori del male e lettura di Corrispondenze - I simbolisti francesi: le principali opere - Il Decadentismo italiano Giovanni Pascoli - Vita - La poetica del Fanciullino Da Myricae, Lavandare e X Agosto Gabriele D Annunzio - Vita - L evoluzione della poetica: estetismo, superomismo, panismo 21

22 - La produzione in prosa,con particolare riferimento al romanzo Il piacere (lettura della conclusione del romanzo) - La produzione poetica, con particolare riferimento ad Alcyione (lettura de La pioggia nel pineto ) Il tardo Decadentismo in Italia Luigi Pirandello - Vita e poetica dell umorismo - Le opere. Le novelle: lettura di Il treno ha fischiato da Novelle per un anno; - I romanzi umoristici - Lettura di Mattia Pascal-Adriano Meis in giro per Milano: le macchine e la natura in gabbia da Il fu Mattia Pascal - Le fasi del teatro pirandelliano: il teatro del grottesco, il teatro nel teatro, i miti teatrali La poesia del Novecento - Il crepuscolarismo - Il Futurismo - L ermetismo Giuseppe Ungaretti - La vita e l esperienza al fronte durante la Grande Guerra - Lettura dei seguenti testi: Veglia, San Martino del Carso Eugenio Montale - Vita - Il ruolo della poesia. Il correlativo oggettivo - Lettura dei seguenti testi: Meriggiare pallido e assorto, Spesso il male di vivere ho incontrato Umberto Saba - Vita e poetica - Il Canzoniere. Lettura di Città vecchia 22

23 Programma di STORIA Docente: Annunziata Mazzilli Testi adottati: Di fronte alla storia. Eventi, persone, luoghi fra passato e presente -Autori vari - Volumi II e III Palumbo Editore Obiettivi Conoscere avvenimenti e processi; Utilizzare le conoscenze acquisite; Adoperare concetti e termini storici; Cogliere relazioni tra avvenimenti e processi; Possedere gli elementi fondamentali che consentono di cogliere la complessità dell epoca studiata. Contenuti Il Congresso di Vienna e l età della Restaurazione I moti del ; Le rivoluzioni del 1848 in Italia e in Europa Il Regno d Italia dalla Destra storica alla Sinistra storica di Depretis L Italia di Crispi L età giolittiana La Grande Guerra La rivoluzione russa La crisi del 29 e il New Deal L Italia dallo Stato liberale al fascismo La Germania dalla Repubblica di Weimar al nazismo La nascita dell URSS e lo stalinismo La Seconda guerra mondiale I principali aspetti della guerra fredda 23

24 PROGRAMMA DI INGLESE OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA: Al termine del percorso quinquennale lo studente consegue risultati di apprendimento che lo mettono in grado di padroneggiare la lingua inglese per scopi comunicativi e utilizzare il linguaggio settoriale per interagire in ambito e contesto professionali, al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue (QCER). In particolare: Descrive processi e situazioni con chiarezza logica e precisione lessicale; Sostiene una conversazione adeguata al contesto su argomenti di carattere specifico all indirizzo; Comprende messaggi di vario tipo, cogliendone il significato sia implicito che esplicito; Interviene nella conversazione, nel dibattito e argomenta con l interlocutore; Organizza la produzione scritta in modo funzionale, analitico e sintetico; Individua il tipo di testo, sa rispondere a questionari, riassume evidenziando le parti salienti di un testo, redige lettere formali, stende relazioni su argomenti trattati e su testi analizzati; Comprende testi autentici di attualità tratti dalla stampa quotidiana e periodica; Sa reperire informazioni da manuali tecnici. REVISION: If clauses (1 st, 2 nd and 3 rd Conditionals); Past Perfect simple / Past Perfect continuous; Wish con Past Perfect, could have + past participle; Wish con simple past, past continuous, could; Wish con would; Passive voice: con present simple e simple past; Passive voice: con gli altri tempi verbali e i modali; Passive voice: verbi seguiti da due complementi, by e with. Grammar: Defining relative clauses; Non defining relative clauses; Reported speech; Reported speech: say e tell; Reported questions; Want + object + infinitive with to; Make, Let, Help + object+infinitive without to; Common phrasal verbs. THE INTERNET THE INTERNET. HISTORY & DEFINITION: What is the Internet? How is it organized? What is a site? How do we identify a computer or a site? 24

25 What is TCP/IP? The World Wide Web; What is the difference between the Net and the Web? Web pages; Types of web pages and scripting languages. Fotocopie: Hyper Text Transfer Protocol (HTTP); Simple Mail Transfer Protocol (SMTP); Post Office Protocol version 3 (POP3); Internet Message Access Protocol (IMAP). BROWSER AND SEARCH ENGINES: Web Browsers; How does a browser work? Search Engines; What is a search engine? Advanced Search Options. MESSAGES, MAIL AND ATTACHMENTS: SMS Messages; What is an ? How we use s; Attachments. COPYRIGHT, PIRACY AND PRIVACY: Copyright and Trademarks; Piracy; Privacy; Phishing. PROGRAMS AND PROGRAMMING VISUAL BASIC AND.NET: Introducing Visual Basic; Creating a VB Program. CREATING A WEBSITE: A school Website; Goals; Roles; Site Content; Site Structure; The Nitty Gritty. GRAPHIC PROGRAMS: Using Graphic Software; Image and Photo Editing; Touching up your image; The Union Jack. 25

26 NETWORK & DATABASES NETWORKS: LANs and WANs; Network Organisation/Architecture: workgroup domain; Network Technologies; Network Devices and Topologies; Hub; Connecting to the Internet. LINUX: GNU and Linux; Distros; KDE vs Gnome; Linux vs Windows. Fotocopie: Peer to Peer File Sharing; Bit Torrent. DATABASES: Types of Database; Relational Database Management Systems; Normalisation. Fotocopie: Object-Oriented Programming (OOP). What is an object? What is a class? What is Inheritance? SQL: The SQL Standard; DBMS Functions; Using SQL; The Language; SQL Syntax; Stored Procedures. LIBRI DI TESTO UTILIZZATI: M. Bernardini, G. Haskell The personal Computer English for Technology. Loescher ed. R. Murphy English Grammar in Use. Cambridge University Press L. Hashemi R. Murphy English grammar in use supplementary exercises Cambridge University Press 26

27 PROGRAMMA DI MATEMATICA Docente : Prof. Ceri Francesca Libri di testo adottati : Bergamini, Trifone, Barozzi Corso Base verde di matematica plus vol.5 Zanichelli Obiettivi specifici della disciplina : I principali obiettivi specifici della disciplina : 1. conoscere gli argomenti e il significato delle procedure cogliendone i mutui collegamenti 2. eseguire correttamente le procedure di calcolo e analizzare criticamente i risultati 3. comprendere ed usare il linguaggio proprio della matematica 4. organizzare le procedure per risolvere problemi individuandone le variabili in gioco e modellizzando la situazione reale Tali obiettivi sono stati raggiunti solo parzialmente, la maggiore difficoltà risiede nella complessità degli argomenti trattati e nella individuazione delle reali potenzialità in un contesto interdisciplinare. Verifiche tipologia Test a risposte aperte Test a scelta multipla miste N verifiche simulazioni di 3 prova interrogazioni 2 CONTENUTI ore OBIETTIVI SPECIFICI Integrali generalizzati 10 acquisire tecniche di calcolo per estensione del concetto di integrabilità saper definire e interpretare graficamente la convergenza Equazioni differenziali 30 Funzioni di due variabili 8 saper distinguere i vari tipi e risolvere equazioni differenziali del 1 e 2 ordine omogenee e non controllare l esistenza e l unicità delle soluzioni descrivere le caratteristiche di un modello differenziale applicare le equazioni differenziali a modelli fisici Saper individuare il dominio sul piano cartesiano Saper trovare le linee di livello Serie numeriche e di funzione 10 Capire potenzialità e limiti del concetto di somma di infiniti termini Riconoscere il carattere di una serie Calcolare la somma di serie riconducibili a geometriche o 27

28 Serie di potenze e sviluppi in serie controllo integrabilità funzioni ANALISI NUMERICA risoluzione di equazioni differenziali con il metodo di Eulero risoluzione di equazioni differenziali del 1 e del 2 ordine con Derive 10 telescopiche Individuare il dominio di convergenza Individuare il raggio e il dominio di convergenza Ricavare sviluppi in serie di funzioni fondamentali [sen x, cos x, exp x, log (1+x), arctg x] Utilizzare gli sviluppi in serie in ambiti diversi LABORATORIO Imparare l utilizzo del software per dedurre proprietà matematiche Capire le potenzialità dell approccio numerico nella risoluzione di problemi tecnici e scientifici Utilizzare metodi iterativi per equazioni differenziali distinguere tra valore esatto ed approssimato in un procedimento numerico utilizzo del software disponibile nell affrontare situazioni problematiche applicative in ambiti diversi cenni alla crittografia 28

29 PROGRAMMA DI CALCOLO DELLE PROBABILITA E STATISTICA Docente : Prof. Loia Riccardo LIBRO DI TESTO: INFERENZA STATISTICA E RICERCA OPERATIVA GAMBOTTO, MANZONE, LONGO ED. TRAMONTANA OBIETTIVI FORMATIVI La capacità di interpretare, in maniera corretta, strumenti e dati al fine di valutarne criticamente il loro significato e la loro attendibilità; la capacità di correlare situazioni concrete a situazioni astratte e viceversa; sviluppare metodi di analisi quantitative che forniscono criteri razionali di scelta finalizzati; la capacità di esplorare situazioni problematiche, di porsi e risolvere problemi, di applicare le tecniche statistiche anche nel contesto informatico. CONTENUTI PROBLEMI DI SCELTA EPROGRAMMAZIONE LINEARE Problemi di scelta in condizioni di certezza e con effetti immediati Richiami su massimi e minimi di funzioni lineari; problemi di programmazione lineare in due o più variabili con metodo grafico; problemi di programmazione lineare in n variabili con metodo algebrico; TEORIA DEI CAMPIONI Indagini campionarie; distribuzioni campionarie; parametri e stimatori; media campionaria; varianza campionaria; TEORIA DELLA STIMA Proprietà degli stimatori; stima puntuale di una media; stima di intervallo della media; la dimensione del campione; TEST DI IPOTESI E DI SIGNIFICATIVITA Ipotesi statistiche; regole di decisione; errori di prima e di seconda specie; verifica di ipotesi su una media; 29

30 PROGRAMMA DI INFORMATICA Docente: Tassan Caser Roberta Codocente : Bulzomì Luca LIBRI DI TESTO: TASK corso di informatica vol.3 Ed.MinervaScuola Autori:P.Gallo,F.Salerno OBIETTIVI DISCIPLINARI 1. Analisi di problemi anche complessi 2. Scelta della struttura per rappresentare Basi Dati complesse 3. Gestire il progetto e la manutenzione di Sistemi Informativi 4. Conoscere i concetti e le tecniche fondamentali per la progettazione di DB in rete CONTENUTI Modulo 1: ORGANIZZAZIONI DEI FILE Concetti di base sugli archivi Operazioni sugli archivi Tipi di organizzazioni degli archivi Scelta dell organizzazione degli archivi ORGANIZZAZIONE SEQUENZIALE Le operazioni principali ORGANIZZAZIONE SEQUENZIALE CON INDICE Strutture sequenziali con indice ordinate Overflow distribuito Overflow concentrato ORGANIZZAZIONE A LISTE Operazioni e caratteristiche principali ORGANIZZAZIONE AD ACCESSO DIRETTO Archivi ad accesso diretto: introduzione e principi Organizzazione ad accesso diretto in memoria centrale Le tabelle HASH Metodi di randomizzazione Risoluzione delle collisioni ORGANIZZAZIONE DI ARCHIVI COMPLESSI Organizzazione di archivi a B_Albero Modulo 2: SISTEMI INFORMATIVI E DATA BASE Dagli archivi classici ai Data Base Terminologia e concetti essenziali sui data base Le caratteristiche di un Data Base Il sistema di gestione di un DataBase (DBMS) L organizzazione dei dati in un DB 30

31 Modo di operare di un DBMS Fasi tipiche e ciclo di vita di un SI LA MODELLAZIONE CONCETTUALE ENTITY-RELATIONSHIP Entità e tipo di un entità Associazioni Esempi di modellazione ER Modulo 3: LA MODELLAZIONE LOGICA Caratteristiche principali della modellazione gerarchica Caratteristiche principali della modellazione reticolare IL MODELLO RELAZIONALE Definizione matematica di relazione Trasformazione da schema ER a schema relazionale Algebra relazionale: operazioni principali Dipendenze funzionali e forme normali Modulo 4: IL LINGUAGGIO SQL Principali istruzioni di definizione e modifica dello schema logico dei dati Principali istruzioni di interrogazione della Base Dati DATA BASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER Programmazione lato client e lato server Linguaggi di scripting: PHP Accesso ai dati in ambiente Internet Interazione con un server SQL tramite un programma lato server LABORATORIO Esercizi di programmazione per l implementazione e la gestione di semplici archivi in linguaggio C e C++. Programmazione in PHP. Esercizi di definizione e utilizzo di Basi di Dati attraverso l uso di PHPMyAdmin e linguaggio SQL. 31

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA

LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO SOCIALE. PROGRAMMA ESAMI INTEGRATIVI/IDONEITA' DI INGLESE (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA (1, 2, 3 e 4 anno) CLASSE PRIMA Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme I pronomi soggetto e complemento Gli aggettivi e pronomi possessivi

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class

L evoluzione della Qualità. Dall ispezione alla world class L evoluzione della Qualità Dall ispezione alla world class Di cosa parleremo Cos è la Qualità? 1 Le origini della Qualità 2 Ispezione, Controllo statistico Affidabilità e Total Quality Control 3 Assicurazione

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE???

Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Istituto Tecnico Commerciale Indirizzo AFM articolazione SIA PERCHE??? Opportunità di lavoro: ICT - Information and Communication Technology in Azienda Vendite Acquisti Produzione Logistica AFM SIA ICT

Dettagli