POSTERS. Matthew W. Livingston, RN, BSN, CWS, ACHRN Tom A. Wolvos, MS, MD, FACS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POSTERS. Matthew W. Livingston, RN, BSN, CWS, ACHRN Tom A. Wolvos, MS, MD, FACS"

Transcript

1 POSTERS 1 Phillip Lichtenstein1, Martin Wendelken, DPM, RN1, and Oscar M. Alvarez, PhD 1,2 1Center for Curative and Palliative Wound Care, Calvary Hospital, Bronx, NY 2Department of Medicine, New York Medical College, Valhala NY 2 Dot Weir, RN, CWON, CWS, and Melodie Blakely, PT, MS, CWS 3 Matthew W. Livingston, RN, BSN, CWS, ACHRN Tom A. Wolvos, MS, MD, FACS 4 Randall Wolcott, MD Southwest Regional Wound Care Center Scot Dowd, PhD

2 1 Phillip Lichtenstein1, Martin Wendelken, DPM, RN1, and Oscar M. Alvarez, PhD 1,2 1Center for Curative and Palliative Wound Care, Calvary Hospital, Bronx, NY 2Department of Medicine, New York Medical College, Valhala NY

3 DETOSSIFICAZIONE DELLE ULCERE VENOSE CON UN NUOVO BENDAGGIO IDROCONDUTTIVO IN GRADO DI RIMUOVERE IL FLUIDO DELLA FERITA CRONICA DALLA STESSA Phillip Lichtenstein1, Martin Wendelken, DPM, RN1, and Oscar M. Alvarez, PhD 1,2 1Center for Curative and Palliative Wound Care, Calvary Hospital, Bronx, NY 2Department of Medicine, New York Medical College, Valhala NY Obiettivo: valutazione di un bendaggio idroconduttivo (a vuoto naturale) per ferite (HWD) in viscosa, poliestere e cotone, nel trattamento di ulcere venose. Progetto: Studio pilota su singolo centro, coinvolgente 28 soggetti ( 13 trattati con HWD e bendaggio di compressione e 25 per controllo storico trattati solo con bendaggio di compressione). Punti di arrivo: gli esiti di guarigione della ferita sono valutati utilizzando il software di planimetria fotodigitale PictZar con una scala numerica da +3 a -3 ( +3= chiusura completa della ferita, +2= >50% di chiusura a 4 sett., +1= 25-49% di chiusura a 4 sett., -1= 1-24% di chiusura a 4 sett., -2= nessun miglioramento, -3= deterioramento della ferita ). Inoltre, la gelatinasi del fluido (MMP-9) viene misurata sia nella ferita sia nel bendaggio. % di guarigione Effetto dell' HWD sulla cicatrizzazione della ferita a 4 settimane numero di soggetti Concentrazioni di MMP-9 nelle ulcere venose e sull'hwd a 2 ed a 4 settimane di trattamento. la concentrazione di MMP-9 e' stata misurata utilizzando ELISA secondo il protocollo del fabbricante. (Calbiochem) Caratteristiche dell'ulcera Trattamento Durata dell'ulcera Area dell' ulcera HWD 16 m 18.1 cm2 Controllo 9 m 10.5 cm2 Risultati: Nel gruppo HWD, il punteggio medio è stato di 2,1 e nel gruppo terapia standard il punteggio medio è stato di 1.5 I livelli MMP-9 sulla ferita sono diminuiti in tutte le guarigioni con l' HWD. Da analisi di MMP HWD, MMP-9 è stata rilevata in HWD in corrispondenza della ferita e distanti (fino a 7 cm) dalla ferita stessa. Trattamento Valutazione ferita > 50% chiusura in 4 sett.(%) HWD % CONTROL % sopra: 1 ml di fluido della ferita, applicato al centro o sul bordo dell' HWD (da notare che HWD e' piu' efficiente quando l'assorbimento avviene dal bordo) sopra e sotto: immagini riprese prima e dopo il trattamento con HWD sopra: allargamento dei livelli di MMP-9 nella parte centrale dell' HWD ad* una settimana Drawtex Hydrocunductive Wound Dressing SteadMed, Inc Fort Worth TX This Study was sponsored in part by SteadMed Inc Conclusioni: HWD è stata il 29% più efficace della terapia standard. HWD rimuove effettivamente il fluido dalla ferita per mezzo di un "vuoto naturale" creato dalla fibra di viscosa idroconduttiva (Leva). Ulteriori studi sono necessari su una varieta' di ferite ad infiammazione cronica per studiare il meccanismo e l'effetto di questo fenomeno di trasferimento del fluido.

4 2 Dot Weir, RN, CWON, CWS, and Melodie Blakely, PT, MS, CWS

5 Pratica di Valutazione Clinica ed Utilizzo di un Nuovo Tipo di Medicazione Assorbente Dot Weir, RN, CWON, CWS, and Melodie Blakely, PT, MS, CWS Introduzione La preparazione del letto della ferita e l'equilibrio idrico sono i fondamenti nella gestione delle ferite croniche. Una valutazione completa del letto della ferita e della cute circostante, associata ad una valutazione complessiva delle condizioni cliniche e della comorbidità del paziente, orienta il medicoi verso il processo decisionale di gestione. Poiché le ferite si modificano durante la loro evoluzione, la cura richiede spesso l'accesso a molteplici tipologie di medicazone. Frequentemente, nella pratica clinica, dobbiamo ricercare medicazioni che possano essere lasciate in sede per periodi prolungati a causa dell'uso di bendaggi di compressione oppure a causa della mancanza di capacità o di risorse da parte del paziente, di sostituire la medicazione autonomamente. Abbiamo valutato una particolare medicazione composta da strati di viscosa, poliestere e cotone, la cui combinazione offre un azione capillare che solleva e rimuove l'essudato ed i detriti dalla superficie della ferita (Drawtex, Bier Drawtex Healthcare, Ltd., a Pretoria, Sud Africa ). Drawtex è descritto nella letteratura aziendale come medicazione idroconduttiva con tecnologia Levafi ber. L'obiettivo del caso di studio è stato quello di utilizzare la medicazione in tutti i tipi di ferite, livelli di essudato e tipi di tessuto per determinare come questo nuovo materiale può essere inserito nella nostra dotazione clinica. Le medicazioni sono risultate agevoli da tagliare ed adattare al letto della ferita o del tratto. La nostra prima esperienza è iniziata con ferite altamente essudanti, con e senza compromettere undermining e tunneling, qui, abbiamo riscontrato un notevole ed effettivo trasferimento dell'essudato in una medicazione secondaria ed un accumulo ridotto dell essudato sulla superficie e nei compartimenti piu profondi delle ferite. Abbiamo anche osservato che la ferita ha beneficiato della creazione di un ambiente autolitico che ha rimosso il tessuto necrotico aderente sia come metodo primario di sbrigliamento sia in aggiunta ad altro sbrigliamento eseguito. Utilizzando questa caratteristica del materiale, abbiamo anche riscontrato dei benefici nella riduzione del tessuto di ipergranulazione. Ampliandone l utilizzo, abbiamo affrontato delle ferite essudanti profonde, con estrema cautela a causa della possibile aderenza al letto della ferita e la possibilità di causare dolore e traumatizzare la ferita. La nostra esperienza ha dimostrato che, anche se la medicazione sembrava avere aderito al letto della ferita, poteva essere facilmente rimossa, dopo averla inumidita con soluzione fisiologica. Abbiamo anche stabilito che il miglior utilizzo del prodotto sia in combinazione con una pellicola trasparente o ricoprire tale medicazione con schiuma. Questo ha creato un ambiente umido, che ha ridotto l essicazione che normalmente si verifica quando viene utilizzata una normale garza come medicazione secondaria. In sintesi, abbiamo trovato il prodotto estremamente versatile ed adatto a tutti i tipi di ferite multiple e livelli di essudato. I casi che seguono illustrano 4 esempi di usi selezionati dalla nostra valutazione. Riferimenti Russell L, Evans A. Drawtex: a unique dressing that can be tailor-made to fi t wounds. Br J Nurs. 1999;8(15): Product information. Drawtex. Available at: (accessed 9 Dec, 2010).

6 Caso 1: Assorbenza e migrazione dell essudato Paziente maschio di 79 anni con storia di diabete di tipo 2, gotta, ulcera all arto inferiore da 1 anno, in aumento delle dimensioni, diagnosticata tramite biopsia al centro di cura precedente, con pioderma gangrenoso e presenza di vasculite. Il paziente aveva una storia di patergia allo sbrigliamento. E stato sottposto a terapia orale con steroidi. Durante le prime 3 settimane, in attesa di dati clinici da altre fonti, e stato trattato con medicazioni multistrato assorbenti a microfibra d argento. Il 23 agosto (foto A), abbiamo iniziato a utilizzare Drawtex applicando un unguento barriera per proteggere la pelle dall essudato ed un bendaggio di compresse multistrato, sostituito due volte alla settimana. Le foto successive (B-F) mostrano l applicazione della medicazione e la relativa rimozione, evidenziando con chiarezza le proprietà assorbenti e la migrazione verticale prodotta. Al decimo giorno di trattamento (Foto G),la ferita era pulita, con meno essudato ed è stato quindi utilizzato dell alginato di calcio.

7 Caso 2: Tessuto ipergranuloso affetto Paziente Femmina di 42 anni, diabete di tipo 1, insufficienza renale cronica terninale, amputazione sotto il ginocchio destro con fascite necrotizzante, e grave deformità di Charcot sul lato sinistro, con distruzione totale della caviglia. Questa condizione ha costretto la paziente a caricare tutto il peso corporeo sulla testa distale della fibula. La paziente ha, da lungo tempo, una storia di ulcere multiple su tutto il piede sinistro. La foto A mostra la situazione dopo lo sbrigliamento ed il drenaggio dell ascesso sul lato sinistro della caviglia. La paziente usa una sedia a rotelle, ma utilizza il piede sinistro in caso di necessità per sollevarsi dalla sedia. E stata utilizzata una terapia a pressione negativa (NPWT) per colmare tutte le ulcere e migliorare il tessuto; tuttavia, il fatto che l'ulcera laterale alla caviglia fosse in prossimita del punto primario di carico del pesocorporeo, ha provocato un rigonfiamento ed uno scollamento dei tessuti di 1,6 centimetri in più direzioni (foto B). Il trattamento condrawtex e iniziato con bendaggio di compressione su tutte le ulcere e le foto rimanenti (Foto C, D) illustrano la riduzione del rigonfiamento e dello scollamento dei tessuti, dopo 7 settimane. Il giorno 8 novembre, il letto della ferita è stato preparato per l'utilizzo con tessuti di bioingegneria, che ha provocato la guarigione definitiva.

8 Caso 3: Sbrigliamento di tessuto necrotico aderente Paziente femmina di 54 anni, fumatore incallito con ipertensione ed altrimenti insignificante storia medica. Storia di ulcera venosa dolorosa da piu di 1 anno, ha avuto delle cure saltuarie a causa della mancanza di assicurazione sociale. La prima visita e avvenuta il 1 febbraio 2010 (foto A). Lo sbrigliamento meccanico con strumenti risultava estremamente difficoltoso a causa di dolore elevatissimo (10/10). Una schiuma antimicrobica al di sotto di una medicazione multistrato di compressione ha portato a un leggero miglioramento nella prima settimana. Il trattamento con Drawtex è stato avviato nella seconda settimana. (Foto B). La foto C (ripresa in settimana 3) mostra la medicazione prima della rimozione, ed evidenzia l assorbimento verticale di essudato, che ha provocato la rimozione dei tessuti necrotici aderenti, nella misura in cui lo sbrigliamento ad ultrasuoni ha potuto essere tollerato, con il risultato finale di un letto della ferita molto pulito.

9 Caso 4: Lacerazione cutanea avulsa Paziente msschio di 87 anni, artrite reumatoide grave, visto soprattutto per ferita addominale con fistula. Ha subito una lacerazione cutanea avulsa all' alto avambraccio sinistro che era stato medicato in maniera impropria prima della sua scoperta in clinica (foto A). E stato avviato il trattamento con Drawtex ricoperto da film trasparente per evitare l'essiccazione. Le fotografie (B - D) illustrano le sostituzioni settimanali della medicazione avvenuta senza alcuna difficoltà di rimozione o di adesione.

10 3 Matthew W. Livingston, RN, BSN, CWS, ACHRN Tom A. Wolvos, MS, MD, FACS

11 Sbrigliamento Idroconduttivo: Una Nuova Prospettiva nella Riduzione dell Infiammazione Periferica del Tessuto Necrotico Matthew W. Livingston, RN, BSN, CWS, ACHRN Tom A. Wolvos, MS, MD, FACS Introduzione Lo sbrigliamento è essenziale per trattare in modo ottimale le ferite infette e con presenza di tessuto necrotico. Un efficace sbrigliamento prepara il letto 2 della ferita per il tessuto di granulazione. e riduce la carica batterica ed altri fattori tossici che possono rendere il letto della ferita suscettibile di infezioni. Lo scopo di questo studio e quellao di valutare una nuova categoria di medicazioni che agiscono in modo selettivo nello sbrigliamento delle ferite. La medicazione idroconduttiva (Steadman, Fort Worth, TX) appare in grado di sbrigliare i tessuti affetti, lasciando inalterati i tessuti sani. Dimostrare che DrawTex promuove la guarigione della ferita per mezzo di una rapida rimozione dell essudato. Dimostrare che la rimozione rapida dell essudato sopprime il biofilm nella ferita riducendo l attivita ed il numero di batteri. Metodi 1. Sono stai inclusi in questo studio pazienti con diversi tipi di ferite se i letti delle ferite presentavano tessuti necrotici con infiammazione periferica. 2. L a medicazione e stata applicata con o senza il bedaggio di compressione e sostituita da 1 a 7 giorni. 3. Lo studio di ogni caso si e protratto per 3 settimane con applicazioni simultanee di Drawtex.. 4. Durante la valutazione non sono stati impiegati sistemi di sbrigliamento meccanici, ad ultrasuoni od altri metodi di sbrigliamento. Applicazione della medicazione 1. Per l applicazione, la medicazione e stata tagliata in modo tale da sovrapporsi con uno o due strati alla superficie della ferita assicurando un contatto diretto con il letto della stessa. E stata anche applicata una medicazione secondaria, dove necessario. Rimozione della medicazione e preparazione del letto della ferita 1. Il letto della ferita e l area periulcerale e stata trattata con un prodotto detergente o con acqua e sapone. 2. Come analgesico, quando necessario, e stata impiegata la Lidocaina o EMLA in crema, applicata sul letto della ferita. 3. I tessuti necrotici sono stati rimossi dalla ferita esercitando un a leggera pressione con una garza. 4. L emorragia e stata controllata prima della documentazione fotografica. Documentazione 1. Il letto della ferita e stato fotografato ad ogni cambio di medicazione.. 2. Le fotografie sono state riprese includento uno strumento centimetrato, come nelle immagini. 3. Non sono state ammesse variazioni della qualita dell immagine, miglioramento dei colori, della saturazione e del contrasto mentre e stato ammesso il ritaglio dell immagine. 4. Le immagini sono state riprese in alta definizione per assicurare un analisi accurata del letto della ferita. Invio della documentazione per l analisi della qualita del letto della ferita Le immagini degli studi sono state sottoposte per un analisi esterna del letto della ferita, all Imago Care Ltd. London UK. Il programma di riconoscimento TM fotografico EliXir fornisce letture accurate del contenuto del letto della ferita, ivi comprese la granulazione, il tessuto necrotico e l escara, che vengono TM descritte con un valore percentuale sul totale della ferita. EliXir e un algoritmo per il riconoscimento statistico di profili e classifica ogni pixel colorato dell immagine della ferita, fornendo una variazione dell area di misurazione documentata, da solo 1% ( per immagini FL) fino a 5% ( per immagini 3 arrotondate).

12

13

14 RISULTATI I risultati di questa serie di otto casi indicano che la medicazione idroconduttiva e stata in grado di rimuovere i tessuti necrotici aderenti e l escara, mediamente per il 36% dei casi nella settimana 1, nel 52 % nella settimana 2, nel 77 % nella settimana 3. Lo studio del caso #3 e un esempio 2 di ferita con una superficie di 37,25 cm e mostra una riduzione del 68% del tessuto necrotico dopo 3 settimane. E avvenuta una corrispondente riduzione nella riduzione percentuale media dell area della ferita del 15% nella settimana 1, del 35% nella settimana 2, del 47% nella settimana 3. Lo studio del caso #7 e un esempio di come lo sbrigliamento idroconduttivo puo avvenire a mezzo della medicazione idroconduttiva, riducendo l area del letto della ferita. In questo caso l area si e 2 2 ridotta da 27,3 cm (settimana 0) a 10,40 cm (settimana 4) corrispondente ad una riduzione del 62%.

15 Conclusioni I clinici hanno rilevato che il metodo di sbrigliamento di questa medicazione idroconduttiva appare diverso dai metodi tradizionali 4 descritti in precedenza. Compresi anche i metodi di sbrigliamento autolitici, chimici o meccanici. Questo nuovo tipo di medicazione e in grado di attivare uno sbrigliamento selettivo con una riduzione, dei tessuti necrotici e dell escara, del 77% dopo 3 settimane, lasciando inalterati i tessuti sani. Cio permette la guarigione della ferita, come evidenziato dal valore della riduzione dell area della ferita, del 47% in 3 settimane. 1. Brett, D. A Historic Review of Topical Enzymatic Debridement. New York, NY: The McMahon Publishing Group, 2003: Bryant R, Nix D. Acute & Chronic Wounds Current Management Concepts. Third Edition. St. Louis, MO: Mosby Elsevier, 2007: EliXr. White paper on fi le with Imago Care Livingston M, Wolvos T. Scottsdale Wound Management Guide. Malvern, PA: HMP Communications, 2009

16 4 Randall Wolcott, MD Southwest Regional Wound Care Center Scot Dowd, PhD

17 Effetti del Drawtex Sulle Ulcere Venose Degli Arti Inferiori e Biofilm. Introduzione. Randall Wolcott, MD Southwest Regional Wound Care Center Scot Dowd, PhD I clinici hanno da sempre ascritto ai batteri, almeno alcune tra le cause della mancata guarigione delle ulcere. Il comportamento del medico nella cura delle ferite comprende solitamente igiene profonda e l uso di biocidi - anche al giorno d oggi - come dimostrato dall uso consueto di argento, iodio ed altri agenti antibatterici. Eppure la nostra comprensione della carica batterica nella ferita rimane ancora incompleta. Singoli batteri, batteri planctonici, esprimono delle proteine che consentono loro di competere con specie microbiche diverse così come attaccare e uccidere la cellula ospite. Questo comportamento di singole cellule crea degli scenari clinici molto facili da identificare che i clinici hanno definito come infezione acuta. Tuttavia le ferite croniche agiscono in modo molto più simile alle infezioni croniche. Ora sappiamo che i microbi presenti sulla superficie di una ferita si organizzano come una comunità a forma di biofilm. 1 Questa Biofilm non è solo un insieme di singoli individui ammassati sotto un rivestimento protettivo, ma una comunità piuttosto complessa. 2 Le comunita a Biofilm sono caratterizzate da cooperazione e, soprattutto, dalle sinergie tra le diverse specie, tra cui batteri, lieviti e funghi. Queste cooperazioni polimicrobiche generano un infinita di diversi Biofilm, producendo per ogni ferita un Biofilm unico. Anche se la variabilità e le potenziali sinergie tra le varie specie sono illimitate, ogni comunità a Biofilm deve possedere alcune specifiche funzioni per instaurare un infezione cronica in un ambiente ospite. 3 Queste funzioni includono la possibilità di legarsi agli epitopi ospiti, per prevenire la desquamazione o la dispersione del loro sito di dimora usurpando le funzioni delle cellule ospiti (rendendo queste cellule senescenti), e di produrre una iper-infiammazione. l infiammazione è necessaria alla comunità a Biofilm per rifornirsi di nutrimento. Mentre i singoli batteri uccidono ed assimilano il tessuto ospite per nutrirsi, la comunita a Biofilm non puo attivare una tale strategia perché comprometterebbe la struttura del sito che la ospita. Il Biofilm deve mantenere (non distruggere) la superficie ospite a cui è collegato. Pertanto, i batteri / funghi utilizzano l infiammazione per produrre essudato plasmatico che filtra attraverso il Biofilm, fornendo così l'alimentazione necessaria per l'intera comunità. L'utilizzo dell infiammazione per fornire l'alimentazione è una caratteristica importante condivisa dai Biofilm più patogeni per produrre infezioni croniche in quasi tutti i tessuti presenti nel corpo umano. L indispensabile, per il Biofilm, presenza di essudato dovuto all infiammazione cronica, può essere una vulnerabilità sfruttabile. Sembra ragionevole ritenere che, se l essudato dell infiammazione viene rapidamente rimosso, l attività patogena del Biofilm può essere soppressa. Cioè, diminuendoil tempo di permanenza di questa sorgente ricca di nutrimento, i singoli membri della comunità possono essere influenzati negativamente. Pertanto, se la rimozione rapida di essudato diminuisce l'attività patogena del Biofilm, la guarigione della ferita può essere migiorata. Obiettivi: Dimostrare che la rimozione rapida dell essudato migliora la guarigione della ferita. Dimostrare che la rimozione rapida dell essudato dalla ferita sopprime il Biofilm riducendo l attivita ed ill numero dei batteri.

18 Materiali e metodi Sono stati identificati dieci pazienti affetti da ulcere venose croniche della gamba da oltre 30 giorni, che hanno acconsentito a partecipare ad uno studio di coorte di piccole dimensioni (Western IRB # ). Ogni paziente è stato sottoposto a valutazione ad ogni visita (settimane 0, 1, 2, 3 e 4) per un totale di 5 visite nell'arco di 4 settimane. Alle visite 0 e 4, al paziente sono stati rilevati tutti i parametri delle ferite che comprendevano le biopsie a punzone di 5mm e la completa valutazione molecolare (PCR e sequenziamento). Le diagnostiche molecolari sono state condotte dai laboratori PathoGenius. Le biopsie sono state inviate per la valutazione della scansione di microscopia elettronica presso il Centro per l Ingegneria dei Biofilm. Risultati La tabella 1 mostra una significativa riduzione del volume delle ferite per 9 dei 10 pazienti nello studio. In due pazienti si e riscontrata una guarigione completa entro le 4 settimane dello studio. E stato utilizzato il metodo della Aranz Medical Silhouette per ottenere i dati di ogni ferita studio, ad ogni visita. Le biopsie sono state prese alla prima e all ultima visita con l intento di valutare qualitativamente la superficie del letto della ferita ed in particolare il Biofilm pre e post medicazione. Tuttavia, fibre e particolato residuo della medicazione ostacolano questa valutazione. E 'interessante notare come sia il Biofilm sia i leucociti siano annidati nelle fibre dei residui della medicazione. La tabella 2 mostra il numero iniziale del ciclo di soglia (CT) rispetto al numero finale CT, per i 10 pazienti valutati. Il numero CT indica quante volte il campione doveva essere raddoppiato prima di ottenere un segnale valutabile. Il numero di raddoppi richiesti per per ottenere un segnale è direttamente correlato alla quantità di DNA bersaglio presente nel campione originale. maggiore e la presenza di batteri e minore e il è il numero CT. Quattro pazienti hanno mostrato un aumento dei batteri oltre le 4 settimane dello studio.

19 Considerazioni Le medicazioni Drawtex possiedono la proprietà fisica di esercitare un intensa, e quindi rapida e capillare azione sull essudato. Questa proprietà può essere utilizzata nella cura delle ferite per diminuire il tempo di permanenza dell essudato plasmatico, ricco di nutrimento, all'interno della ferita con presenza di biofilm. Sembra ragionevole supporre che diminuendo il contatto dell'essudato con il biofilm presente sulla ferita, si può sopprimere l'attività del biofilm stesso e migliorare la guarigione della ferita. I dati mostrano che, per 9 dei 10 soggetti di studio, Drawtex ha avuto un effetto positivo sulla guarigione delle ferite, riducendone il volume. Eppure, solo 6 dei 10 pazienti hanno mostrato una riduzione dei batteri presenti (Tabella 1) e solo 4 di 6 ferite hanno mostrato una riduzione nella diversità degli organismi (Figura 1). I dati indicano chiaramente un miglioramento nella guarigione delle ferite per il 90% dei soggetti in studio con 2 completamente guarita in 4 settimane. Eppure, la dipendenza di questa guarigione non è in rapporto di 1:1 con la riduzione del biofilm. Questo può significare che la medicazione Drawtex interviene nella guarigione delle ferite anche con altri meccanismi non collegati al biofilm. I possibili fattori di errore nella valutazione possono includere l'aumento della densità del biofilm attraverso la disidratazione causata dalla stessa medicazione. Con l'essiccazione, il biofilm può falsamente produrre un numero inferiore di CT, che suggerirebbe la presenza di più batteri. Un secondo avvertimento è che indipendentemente dalla quantità di batteri presenti, la rimozione rapida di fonte nutrizionale può sopprimere l'attività dei batteri rimasti, quindi l'effetto positivo di guarigione non dipende dalla riduzione del numero di batteri, ma piuttosto dalla soppressione della loro attività. Saranno necessari ulteriori studi per valutare l'attività e le interazioni dei batteri. Riferimenti: 1. James GA, Swogger E, Wolcott R, et al. Biofi lms in chronic wounds. Wound Repair Regen. 2008;16(1): Costerton JW, Lewandowski Z, Caldwell DE, et al. Microbial biofi lms. Annu Rev Microbiol.1995;49: Wolcott RD, Rhoads DD, Dowd SE. Biofi lms and chronic wound infl ammation. J Wound Care. 2008;17(8): Riconoscimenti: I materiali e le risorse economiche per condurre questo studio sono staii forniti da Drawtex..

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

L essudato e il ruolo delle medicazioni

L essudato e il ruolo delle medicazioni PRINCIPI DI BEST PRACTICE Una iniziativa della World Union of Wound Healing Societies L essudato e il ruolo delle medicazioni Documento di consenso DIRETTORE: Lisa MacGregor RESPONSABILE WOUND CARE: Suzie

Dettagli

LASER Holmium CALCULASE II 20 W:

LASER Holmium CALCULASE II 20 W: URO 32 10.0 05/2015-IT LASER Holmium CALCULASE II 20 W: Campi di applicazione ampliati LASER Holmium CALCULASE II 20 W CALCULASE II rappresenta la concreta possibilità di effettuare, rapidamente e con

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

LESIONI DI DIFFICILE GUARIGIONE: NOZIONI DI BASE

LESIONI DI DIFFICILE GUARIGIONE: NOZIONI DI BASE LESIONI DI DIFFICILE GUARIGIONE: NOZIONI DI BASE Qual è la carica batterica presente nel letto della ferita e quanto è importante questo fattore? o Detersione pag. 2 o I biofilm ed il loro impatto sul

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Il sistema brevettato di puntali monouso per siringa aria-acqua

Il sistema brevettato di puntali monouso per siringa aria-acqua Il sistema brevettato di puntali monouso per siringa aria-acqua La vostra arma contro le contaminazioni crociate! Protezione assoluta dei pazienti garantita dal pratico sistema monouso Praticità d utilizzo

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

MATRICI ACELLULARI PER IL TRATTAMENTO DELLE ULCERE CUTANEE

MATRICI ACELLULARI PER IL TRATTAMENTO DELLE ULCERE CUTANEE CONSENSUS INTERNAZIONALE MATRICI ACELLULARI PER IL TRATTAMENTO DELLE ULCERE CUTANEE Review dell Expert Working Group REDATTORE: Suzie Calne EDITORE: Kathy Day CONSULTANT ADVISOR: Professor Gregory Schultz,

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Trattamento delle lesioni cutanee, acute e croniche, mediante utilizzo della terapia Topic Negative Pressure

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Trattamento delle lesioni cutanee, acute e croniche, mediante utilizzo della terapia Topic Negative Pressure LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Trattamento delle lesioni cutanee, acute e croniche, mediante utilizzo della terapia Topic Negative Pressure Trattamento delle lesioni cutanee, acute e croniche,

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI?

E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? E SE IL TUO SMARTPHONE INDOSSASSE GLI OCCHIALI? Buona Caccia e Buon Volo, giovani amici di Eureka! Siete tra gli eletti che hanno deciso di passare al livello successivo: site pronti? Questo mese vi proponiamo

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:!

I Valori del Manifesto Agile sono direttamente applicabili a Scrum:! Scrum descrizione I Principi di Scrum I Valori dal Manifesto Agile Scrum è il framework Agile più noto. E la sorgente di molte delle idee che si trovano oggi nei Principi e nei Valori del Manifesto Agile,

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli