PARENT TRAINING: Gennaio Giugno 2015 Relatore: Dr.ssa Simona Ravera Luogo: c/o UONPIA San Donato Milanese

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARENT TRAINING: Gennaio Giugno 2015 Relatore: Dr.ssa Simona Ravera Luogo: c/o UONPIA San Donato Milanese"

Transcript

1 PARENT TRAINING: Gennaio Giugno 2015 Relatore: Dr.ssa Simona Ravera Luogo: c/o UONPIA San Donato Milanese 1

2 Indice Fare rete con e oltre la famiglia Qualità della vita Definizione di comportamento problema Analisi delle contingenze osservazione antecedenti Rinforzo - comportamenti adattivi Ambiente: modifiche Supporti visivi 2

3 Fare rete = Case Management potenziare la capacità del sistema di mettere in atto un insieme coordinato di interventi e processi volti ad aiutare le persone nell accesso ai servizi e ad assicurare che le prestazioni per soddisfare i bisogni delle persone con disabilità e delle loro famiglie siano erogate in maniera appropriata, tempestiva e senza sovrapposizioni 3

4 Importanza della famiglia la svolta nel secolo scorso: quando si è passati da un idea della famiglia dell autismo come origine del problema, alla famiglia come la prima istanza nel tentativo di andare verso una soluzione competenze e abilità educative della coppia genitoriale rappresentano uno, se non il fattore critico che segnerà e determinerà gran parte della futura vita del bambino speciale (Lucio Cottini) 4

5 Rete = Aiuto l esplorazione e l identificazione delle aspettative e degli esiti attraverso l ascolto e la riflessione condivisi tra utenti, famiglie, operatori, comunità civile rappresenta il vero e proprio innesco del processo di aiuto (Luigi Croce) 5

6 Qualità della vita costrutto universale costituito da otto domini fondamentali: benessere fisico benessere materiale benessere emozionale autodeterminazione sviluppo personale relazioni interpersonali inclusione sociale diritti ed empowerment 6

7 Aree di sostegno attività legate allo sviluppo attività di insegnamento e istruzione attività di vita in ambiente domestico attività di vita nella comunità attività lavorativa salute e sicurezza comportamenti attività sociali protezione e tutela legale 7

8 Come fare? fare una valida valutazione analizzare i bisogni di tutti programmazione di interventi utili a migliorare la Qualità della Vita fare una buona analisi delle risorse chi fa cosa, come, dove quando 8

9 Organizzazione Organizzare in modo preciso e dettagliato attività e materiali, spazi di lavoro, tempi di esecuzione e di riposo, comunicazione, ecc. al fine di Rendere chiaro, evidente e COMPRENSIBILE -ciò che si chiede alla persona senza troppe spiegazioni verbali 9

10 «Comportamenti Problema» Tali comportamenti sono precisi atti di comunicazione, "messaggi" non sempre facili da interpretare, ma di senso analizzabile. Se il comportamento problema è comunicazione, lo dovrà essere anche il suo trattamento: non può limitarsi al tentativo di ridurre o eliminare il comportamento in questione, ma deve puntare a identificarne la funzione e insegnare forme alternative e più efficaci di comunicazione. Il significato latente, di disagio e difficoltà, che i comportamenti problema tentano di comunicare richiede abilità sostitutive per esprimere i bisogni e influire sull'ambiente. 10

11 Analisi delle contingenze Quello che viene manifestato ha un senso, il mezzo è inadeguato all ambiente: Qual è la funzione Perché ha quella funzione Occorre intervenire in base a quanto analizzato OSSERVAZIONE E RACCOLTA DATI PRIMO PASSO PER LA COMPRENSIONE DELLE DINAMICHE CHE CAUSANO COMPORTAMENTI CRITICI 11

12 The essential8: manuale per valutazione, programmazione, insegnamento di competenze fare richieste aspettare accettare rimozione di oggetti preferiti e transizioni tra gli ambienti completare 10 compiti brevi consecutivi già acquisiti accettare il NO accettare istruzioni autonomie di base e sicurezza tollerare situazioni sgradevoli collegate alla salute 12

13 Primo: osservazione TOPOGRAFIA - FORMA DI UNA RISPOSTA QUANTITA FREQUENZA DURATA INTENSITA 13

14 Scopi del comportamento critico attenzione disagio richiesta autodeterminazione ansia perdita del significato 14

15 Definizione parametri FREQUENZA: N DI VOLTE IN CUI UN COMPORTAMENTO VIENE EMESSO IN UNA CERTA SITUAZIONE LATENZA : TEMPO CHE INTERCORRE TRA LA SOMMINISTRAZIONE DI UNO STIMOLO E LA COMPARSA DI UNA RISPOSTA DURATA: LUNGHEZZA DEL PERIODO DI TEMPO DURANTE IL QUALE UN COMPORTAMENTO VIENE ATTIVATO 15

16 Significato di rinforzo Evento che, successivo all'emissione di un comportamento, ne aumenta la probabilità di emissione positivo negativo primario secondario tangibili sociali dinamici simbolici 16

17 Rinforzo Fattori che influenzano l'efficacia del rinforzo positivo scelta del comportamento che vuole essere rinforzato scelta dei rinforzatori deprivazione e saziazione immediatezza istruzioni 17

18 Per una buona applicazione Selezionare il comportamento che si vuole rinforzare Selezionare un rinforzatore Nell'applicare il rinforzatore: comunicarlo prima di iniziare rinforzare immediatamente il comportamento desiderato descrivere verbalmente il comportamento desiderato mentre lo si rinforza utilizzare gratificazioni sociali o contatto fisico 18

19 Analisi delle contingenze 19

20 Analisi degli antecedenti assenza di attenzione non accede a qualcosa quando c è un ritardo -aspetta transizione riconsegnare una cosa 20

21 Antecedenti RINFORZO NEGATIVO il compito è troppo difficile non c è abbastanza rinforzo ottengo lo stesso le cose perché faticare? 21

22 Comportamento adattivo Costrutto multidimensionale che comprende abilità: espressive ricettive scolastiche sociali tempo libero cura di sé cura della propria salute sicurezza domestiche lavorative Attività che una persona deve saper compiere quotidianamente per essere sufficientemente autonomo 22

23 Ambiente quale supporto riceve l individuo con quale intensità? quale dimestichezza nell uso della contingenza a tre termini quale interpretazione del comportamento critico 23

24 Comportamenti favoriti da rinforzo positivo ottenimento di attività od oggetti richiesta di attenzione funzione definita da attenzione a rinforzi tangibili 24

25 Comportamenti favoriti da rinforzo negativo fuga durante il compito evitamento facendo così evito sempre quello che mi affatica 25

26 Comportamenti favoriti da rinforzo automatico lo stesso comportamento è rinforzante mantenere una situazione fisiologica che produce un rinforzo intrinseco faccio così perché mi piace. mi auto-rinforzo 26

27 Organizzazione quotidiana capire cosa farò durante il giorno; essere informato in tempo di un cambiamento di programma e adattarsi a questo; rendersi conto dello scorrere del tempo e dello svolgimento del programma; percepire il concetto di tempo in modo più concreto; imparare ad aspettare e capire che attività che piacciono non hanno luogo subito; collaborare più facilmente; soprattutto sviluppare la sua autonomia, la sua indipendenza. 27

28 Diario di bordo: Registrazione degli eventi quotidiani condivisi tra scuola e famiglia per l individuazione di variabili ambientali che determinano un disagio per la persona 28

29 Adattare l ambiente Per esempio, nell attività di insegnamento e istruzione con alunni con autismo occorre dare dei punti di riferimento per orientarsi meglio, così: capisce cosa ci si aspetta aumenta l autonomia sarà meno ansioso/a e più disponibile 29

30 Ambienti adattati 30

31 Agenda giornaliera 31

32 Agenda settimanale 32

33 Autodeterminazione 33

34 Cosa dicono gli esperti «Spesso le esplosioni di rabbia dei bambini autistici sono dovute al fatto che non riescono a chiedere ciò che desiderano usando la parola [...]; sfortunatamente imparano che il modo più rapido di ottenere ciò che vogliono, o anche solo la presenza, è quello di avere una bella esplosione di collera» (Lorna Wing) «La diminuzione di un comportamento problema avviene se si forniscono nuovi mezzi comunicativi alla persona e quindi attraverso l insegnamento di nuove abilità» (Enrico Micheli ) 34

Una scuola in-formata

Una scuola in-formata Una scuola in-formata La cura per eccellenza per le persone con autismo è l EDUCAZIONE (E.Micheli) Mireya Moyano Educare una persona con Autismo È un azione complessa che richiede una progettualità di

Dettagli

Scheda Illustrativa dei corsi. Corso n. 2/Formazione sull AUTISMO (a cura della dott.ssa Monia Di Palma)

Scheda Illustrativa dei corsi. Corso n. 2/Formazione sull AUTISMO (a cura della dott.ssa Monia Di Palma) Scheda Illustrativa dei corsi Corso n. 2/Formazione sull AUTISMO (a cura della dott.ssa Monia Di Palma) COS È E COSA NON È L AUTISMO Recentemente gli studiosi preferiscono parlare di autismi piuttosto

Dettagli

Modificare il comportamento nell ottica comportamentale: la GESTIONE delle CONSEGUENZE

Modificare il comportamento nell ottica comportamentale: la GESTIONE delle CONSEGUENZE Dipartimento di Psicologia, Facoltà di Psicologia Università di Parma Modificare il comportamento nell ottica comportamentale: la GESTIONE delle CONSEGUENZE Dott.ssa Margherita Bonfatti Sabbioni Le CONSEGUENZE

Dettagli

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento

La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento La transizione all'età adulta: strumenti per identificare obiettivi di insegnamento 2 aprile 2014 Percorso di formazione Dall autismo all inclusione sociolavorativa Obiettivi della lezione Presentare strumenti

Dettagli

Variabile Ecologica Costrutto teorico Strumento / Unità di Misura

Variabile Ecologica Costrutto teorico Strumento / Unità di Misura La Matrice Ecologica a Scuola: utilizzo estensivo dell ICF CY per la definizione degli Obiettivi di Miglioramento della Qualità di Vita a Scuola e la Pianificazione Educativa Personalizzata Luoghi della

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. FILZI Via Ravenna 15 MILANO

Istituto Comprensivo Statale F. FILZI Via Ravenna 15 MILANO Istituto Comprensivo Statale F. FILZI Via Ravenna 15 MILANO NASCE nel 1996 con l iscrizione di un bambino con autismo e la formazione di alcuni docenti curricolari e di sostegno PROVVEDITORATO AGLI STUDI

Dettagli

Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni.

Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni. Autismo e scuola: aspetti organizzativi, obiettivi e modalità di apprendimento, relazione con i compagni. Dott.ssa Cristina Gazzi Dott.ssa Elena Angaran PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE DIDATTICA SPECIALE

Dettagli

VERSO L INCLUSIONE DI ALUNNI CON DISTURBI GENERALIZZATI DELLO SVILUPPO E AUTISTICI NELL ESPERIENZA DI UN PROGETTO PILOTA NELLA SCUOLA

VERSO L INCLUSIONE DI ALUNNI CON DISTURBI GENERALIZZATI DELLO SVILUPPO E AUTISTICI NELL ESPERIENZA DI UN PROGETTO PILOTA NELLA SCUOLA VERSO L INCLUSIONE DI ALUNNI CON DISTURBI GENERALIZZATI DELLO SVILUPPO E AUTISTICI NELL ESPERIENZA DI UN PROGETTO PILOTA NELLA SCUOLA I st it ut o Comprensivo St at ale F. FI LZI Via Ravenna 15 MI LANO

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 3 A IPSC A.S. 2014/2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO la classe 3 A indirizzo

Dettagli

Aurora 2000 staff formativo

Aurora 2000 staff formativo FormAzione Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l inclusione sociale e lo sviluppo nel territorio dell area

Dettagli

ABA: STRATEGIE D INTERVENTO NELLA SCUOLA. Lucia D Amato, MA, BCBA

ABA: STRATEGIE D INTERVENTO NELLA SCUOLA. Lucia D Amato, MA, BCBA ABA: STRATEGIE D INTERVENTO NELLA SCUOLA Lucia D Amato, MA, BCBA Autismo: I Numeri Un bambino su 100 (Baird 2006) si presenta con una sintomatologia nello spettro autistico Sotto diagnosticato in Italia,

Dettagli

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie

La necessità del sostegno territoriale alle famiglie CONVEGNO NAZIONALE SULL AUTISMO 20-21 maggio 2011 La necessità del sostegno territoriale alle famiglie Dr.ssa Alessandra Bianchi Psicoterapeuta A.G.S.A.T. CHE COS E IL DISTURBO AUTISTICO? L'Autismo è un

Dettagli

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI

GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI GIOCO DI SQUADRA: UNA MOSSA VINCENTE? IL TUTTO È PIÙ DELLA SOMMA DELLE SINGOLE PARTI Raduno arbitri 2011 D.ssa Barbara Bononi Prendete un foglio e scrivete ognuno la propria definizione di.. ARBITRAGGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino CURRICOLO VERTICALE

Istituto Comprensivo di Pralboino CURRICOLO VERTICALE INGLESE CLASSE 5 a PRIMARIA INDICATORE ASCOLTO (COMPRENSIONE ORALE) TRAGUARDI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO CONTENUTI -L alunno comprende brevi messaggi orali relativi ad ambiti familiari. -Svolge i compiti

Dettagli

COMUNICAZIONE. L uomo fin dalle origini ha avuto necessità di comunicare i propri bisogni e l ha fatto usando immagini, gesti, vocalizzi, parole.

COMUNICAZIONE. L uomo fin dalle origini ha avuto necessità di comunicare i propri bisogni e l ha fatto usando immagini, gesti, vocalizzi, parole. COMUNICAZIONE La comunicazione è un aspetto essenziale della vita umana, tanto che è impossibile non comunicare. L uomo fin dalle origini ha avuto necessità di comunicare i propri bisogni e l ha fatto

Dettagli

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Comunicazione Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Non si può non comunicare, afferma uno degli assiomi della comunicazione. Non esiste infatti la non

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ED EMOZIONALI AD INSORGENZA TIPICA NELL INFANZIA Conoscerli per contenerli Il disagio in età evolutiva Il disagio in età evolutiva ha origine dall interazione tra diverse variabili

Dettagli

L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE

L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE L ALUNNO IPERATTIVO IN CLASSE:COME SOPRAVVIVERE IN CLASSE SONO COSI Interessato dalle cose nuove ma ho difficoltà a stare tranquillo ed attento. Mi alza di continuo; Mi distraggo sempre! E pare che io

Dettagli

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca

LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE. Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca LA TERAPIA PSICO- COMPORTAMENTALE Gian Marco Marzocchi Università di Milano-Bicocca PANORAMICA Scopi e obiettivi del trattamento Ridurre i sintomi dell ADHD Ridurre i sintomi in comorbidità Ridurre il

Dettagli

Il programma TEACCH. programma TEACCH

Il programma TEACCH. programma TEACCH Il programma TEACCH programma TEACCH 1 Il programma TEACCH Strutturazione Rinforzo e aiuto Comportamento e interventi. programma TEACCH 2 Che cosa è il programma TEACCH? Il programma TEACCH deriva dall

Dettagli

TERZO INCONTRO LABORATORIALE : Curriculum Disciplinare; Curriculum Trasversale; Costruzione Curriculum; Strategie e tecniche per l Inclusività; Casi

TERZO INCONTRO LABORATORIALE : Curriculum Disciplinare; Curriculum Trasversale; Costruzione Curriculum; Strategie e tecniche per l Inclusività; Casi PROGETTO LISSONE TERZO INCONTRO LABORATORIALE : Curriculum Disciplinare; Curriculum Trasversale; Costruzione Curriculum; Strategie e tecniche per l Inclusività; Casi CURRICULUM DISCIPLINARE Le materie

Dettagli

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe

A cura di Dott. Roberto di Giuseppe Istituto Comprensivo Leonardo da Vinci Viale della Grande Muraglia, 37 00144 Roma Progetto SPORTELLO DI ASCOLTO A.S. 2014/2015 Per la Promozione del Benessere, per l Integrazione degli Alunni, per la Prevenzione

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE

ICF CLASSIFICAZIONE INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE ICF CLASSIFICAZIONE INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH INTERNAZIONALE DEL FUNZIONAMENTO DELLA DISABILITÀ E DELLA SALUTE COMMISSIONE DISAGIO E DISABILITÀ A. S. 2010- PREMESSA

Dettagli

COMPORTAMENTI PROBLEMA NEGLI AUTISMI

COMPORTAMENTI PROBLEMA NEGLI AUTISMI COMPORTAMENTI PROBLEMA NEGLI AUTISMI Conoscerli e Affrontarli con Competenza e Possibile Dott.ssa Domenighini Alessia Ass.ne Onlus Progettoautismofvg Domenighini Alessia Progettoautismofvg Osservare e

Dettagli

Dott.ssa Francesca Poli Psicologa, Psicoterapeuta. Nuovo progetto per la Pamapi

Dott.ssa Francesca Poli Psicologa, Psicoterapeuta. Nuovo progetto per la Pamapi Dott.ssa Francesca Poli Psicologa, Psicoterapeuta Nuovo progetto per la Pamapi Il nostro Progetto Nasce dalla consapevolezza che i nostri utenti sono nella gran Parte privi di una comunicazione verbale

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00

Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00 Corso di formazione Autismo CTI di Cantù 2 17 novembre 2015 orario 15.00-18.00 Relatrice: Jessica Sala jessica.sala.lc@istruzione.it IL MENÙ DI OGGI 1.Visione corto-animato «Mon petit frére de la lune»

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI

PREMESSA disagio scolastico Difficoltà di apprendimento Difficoltà relazionali/emozionali Apatia FINALITA OBIETTIVI DISAGIO 0 PREMESSA La scuola ha il compito di creare le condizioni che favoriscano nell alunno la costruzione di un immagine positiva di sé poiché l esperienza scolastica riveste un ruolo importante per

Dettagli

PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA

PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA PROGETTO Fuori dal Guscio TERAPIA MULTISISTEMICA IN ACQUA 2012 PREMESSA Il disturbo generalizzato dello sviluppo è una complessa disabilità dello sviluppo che compare tipicamente durante i primi tre anni

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Telecomunicazioni Classe: 1BM A.S. 2015/16 Docenti: Lombino Giuseppe Codocente Gianello Annalisa ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 16 alunni maschi di cui quattro

Dettagli

12/5/12 I CRITERI DIAGNOSTICI: DSM-IV (APA) CAUSE DELL AUTISMO CRITERI DEL DSM-IV LE NOVITÀ DEL DSM-V (2013) 1. COMUNICAZIONE SOCIALE

12/5/12 I CRITERI DIAGNOSTICI: DSM-IV (APA) CAUSE DELL AUTISMO CRITERI DEL DSM-IV LE NOVITÀ DEL DSM-V (2013) 1. COMUNICAZIONE SOCIALE OBIETTIVI DELL INCONTRO AUTISMO A SCUOLA Strategie educative e didattiche per l inclusione in classe Conoscere cos è l autismo Conoscere quali sono le strategie educative più valide CTRH Monza Centro 13

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE ITALIANA DI MADRID PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE Anno Scolastico 2014/15 Scuola secondaria di primo grado - Classe I C

SCUOLA MEDIA STATALE ITALIANA DI MADRID PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE Anno Scolastico 2014/15 Scuola secondaria di primo grado - Classe I C SCUOLA MEDIA STATALE ITALIANA DI MADRID PROGRAMMAZIONE DI LINGUA INGLESE Anno Scolastico 2014/1 Scuola secondaria di primo grado - Classe I C Obiettivi educativi - Acquisire la consapevolezza della lingua

Dettagli

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE

I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE I.C. CLEMENTE REBORA STRESA CURRICOLO VERTICALE DI INGLESE INGLESE Scuola primaria di Gignese Classi I, II, II, IV, V COMPETENZE CHIAVE EUROPEE PL. 1 / 2 Comunicazione nelle lingue straniere Imparare ad

Dettagli

Insegnamento di abilità documentazione del rischio gestione della crisi e Team Teach

Insegnamento di abilità documentazione del rischio gestione della crisi e Team Teach Insegnamento di abilità documentazione del rischio gestione della crisi e Team Teach Elena Clò Analista del Comportamento, BCBA Team Teach intermediate tutor Bologna, 26 marzo 2015 Disturbi dello spettro

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE

PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE PRIMA PARTE: COMPORTAMENTI PROBLEMATICI NELL INTERAZIONE Rientrano in questa categoria l'insieme di difficoltà comunicazionali e relazionali che spesso coinvolgono l'ansia e la scarsa autostima, ma anche

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Novembre 2007 Gennaio 2008 M. Gibertoni, R. Padovani Centro per l Autismo, ASL di Modena Comportamento problema:

Dettagli

per la classe/le classi

per la classe/le classi DIREZIONE DIDATTICA V CIRCOLO CHIOGGIA SCUOLA PRIMARIA B. CACCIN-DON MILANI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 CURRICOLO per la classe/le classi Docenti: Isabella Biasiato Elisabetta Boscolo Renato Oselladore 1^

Dettagli

DIARIO di bordo del percorso di ricerca azione CURR. lab.

DIARIO di bordo del percorso di ricerca azione CURR. lab. DIARIO di bordo del percorso di ricerca azione CURR. lab. Classe VA - Scuola primaria Lancusi Docente : Paolillo Grazia disciplina : Italiano ed Educazioni. FOCUS FORMATIVO ( Come valutare le competenze

Dettagli

STAR BENE A SCUOLA. Percorrendo insieme le tappe della crescita

STAR BENE A SCUOLA. Percorrendo insieme le tappe della crescita STAR BENE A SCUOLA Percorrendo insieme le tappe della crescita A.S. 2012-2013 Sommario PREMESSA... 3 I nostri progetti..... 4 Screening DSA... 4 Finalità... 5 Obiettivi specifici... 5 Destinatari... 6

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Sistemi e reti Classe: 5B Informatica A.S. 2014/15 Docente: Barbara Zannol ITP: Andrea Sgroi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 13 studenti di cui una sola ragazza.

Dettagli

Istituto Pluricomprensivo Laives. Scuola primaria M. Gandhi. Anno scolastico

Istituto Pluricomprensivo Laives. Scuola primaria M. Gandhi. Anno scolastico Istituto Pluricomprensivo Laives Scuola primaria M. Gandhi Anno scolastico 2009-2010 PREMESSA: cos è il contratto formativo? Il contratto formativo di classe, è un documento creato per regolare i rapporti

Dettagli

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE EDUCARE è COSTRUZIONE DI SENSO gruppo classe = gruppo di lavoro? ma si differenzia da questo, che è regolato da ruoli, norme e obiettivi precisi e condivisi, perché non è la norma nella sua interezza che

Dettagli

TECNICHE E STRATEGIE DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Dott.ssa Giada Barbi

TECNICHE E STRATEGIE DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Dott.ssa Giada Barbi TECNICHE E STRATEGIE DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO Dott.ssa Giada Barbi Perchè ci servono tecniche specifiche? Secondo la prospettiva comportamentale, l'autismo è una sindrome caratterizzata da carenze

Dettagli

GESTIONE DEI COMPORTAMENTI NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO. DOMENIGHINI ALESSIA Progettoautismofvg

GESTIONE DEI COMPORTAMENTI NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO. DOMENIGHINI ALESSIA Progettoautismofvg 1 GESTIONE DEI COMPORTAMENTI NEI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO DEFINIZIONE DI COMPORTAMENTO PROBLEMA Comportamento di tale intensità, frequenza o durata che la sicurezza fisica della persona o di altri

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA

AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività VIII CONGRESSO NAZIONALE AIDAI AAA ADHD, ADOLESCENZA, AMICIZIA Pescara 16/17 settembre 2011 Difficoltà comportamentali e relazioni sociali in adolescenza

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO

ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO ISTITUTO COMPRENSIVO F.lli Viano da Lessona di BRUSNENGO Scuola dell Infanzia di Brusnengo PREMESSA: La programmazione annuale si sviluppa attraverso sette unità di apprendimento. Il presente compito di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. 2013/2014 Per il secondo anno consecutivo la nostra scuola ha continuato nelle

Dettagli

COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO. FINALITA Favorire il piacere allo studio OBIETTIVI GENERALI

COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO. FINALITA Favorire il piacere allo studio OBIETTIVI GENERALI COSTRUZIONE DEL CURRICOLO VERTICALE SUL METODO DI STUDIO FINALITA Favorire il piacere allo studio GENERALI Acquisire un efficace metodo di studio Acquisire una buona autonomia di lavoro a scuola e a casa.

Dettagli

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014)

Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) Disciplina: Tecniche di comunicazione Classe: 4 B IPSC A.S. 2014/ 2015 Docente: Vittorio Bassan (Todaro Elena, fino al 7/11/2014) ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe 4 sezione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale D. Alighieri Scuola dell'infanzia/primaria/secondaria di primo grado Via per Duno, 10-21030 CUVEGLIO (VA) tel. 0332.650200/650152

Dettagli

Piano Annuale Inclusività

Piano Annuale Inclusività Istituto Comprensivo C. Stradi Maranello Via Boito 27,Maranello 41043 Scuola dell Infanzia- Scuola Primaria- Scuola Secondaria di primo grado Piano Annuale Inclusività (Direttiva 27 dicembre 2012 C.M.n

Dettagli

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP)

A.Bagni Alla cortese Attenzione ANNO SCOLASTICO 2012/2013 STAR BENE A SCUOLA SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO (SAP) Non c'è intelligenza senza emozioni, Non c'è apprendimento senza desiderio. Non c'è scuola senza un po' di volonta' e vita. A.Bagni Alla cortese Attenzione Del Dirigente Scolastico Del Collegio docenti

Dettagli

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE

Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA. ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE Anno Scolastico PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO (PDP) TRA ISTITUTO COMPRENSIVO GRAMSCI Via Matteotti 51, Camponogara VE SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CONSIGLIO di CLASSE E GENITORI dell

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

4. SCHEDA DI SEGNALAZIONE. Scuola Primaria

4. SCHEDA DI SEGNALAZIONE. Scuola Primaria 4. SCHEDA DI SEGNALAZIONE Scuola Primaria A. Data di compilazione: B. Dati anagrafici Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Indirizzo Scuola Classe Prima parte: informazioni sull alunno C. Curriculum

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione

Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione Progettare e valutare per competenze: strumenti e metodi Competenza Agire in modo autonomo e responsabile Costruzione di una rubrica di valutazione A cura di Chiara Dicorato Rita Cioffi 19/01/12 Le otto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. San Giovanni Bosco. San Salvatore Telesino Castelvenere. Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE. San Giovanni Bosco. San Salvatore Telesino Castelvenere. Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE San Giovanni Bosco San Salvatore Telesino Castelvenere Anno scolastico 2015 / 2016 FINALITA Tale progetto si propone di sviluppare le capacità comunicative ed espressive del

Dettagli

La motivazione. Dott.ssa Simona Mencarini Psicologa

La motivazione. Dott.ssa Simona Mencarini Psicologa La motivazione Dott.ssa Simona Mencarini Psicologa Educare nell autismo Il compito dell educazione è quello di sostenere ogni individuo nello sviluppo di nuove abilità per vivere meglio e conoscere il

Dettagli

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE

POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE POLO I MONTERONI DI LECCE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2013/2014 CURRICOLO DI LINGUA STRANIERA: FRANCESE CLASSI SECONDE FINALITA Acquisire una competenza plurilingue e pluriculturale. Esercitare

Dettagli

Introduzione all'aba: definizione, principi e tecniche di base

Introduzione all'aba: definizione, principi e tecniche di base Introduzione all'aba: definizione, principi e tecniche di base Percorso di Formazione "Dall' autismo all' inclusione sociolavorativa" organizzato da AGSAV ONLUS e ROLP 26 Marzo 2014 Marta Andreetta Contenuti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO. RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO REGINA ELENA SOLARO SCUOLA MEDIA LUIGI PIRANDELLO RELAZIONE FINALE DEL PROGETTO LIFE SKILLS TRAINING a.s. 2012/2013 Nel corrente anno scolastico, la Scuola Media L. Pirandello ha organizzato,

Dettagli

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività

EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività EDUCARE È COSA DEL CUORE Educare figli adolescenti: sfida o percorso di crescita condiviso? Educare alle emozioni e all'affettività Stili educativi riferiti alle emozioni Di fronte alle emozioni, alla

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011

ALLEGATE AL DECRETO MINISTERIALE 12 LUGLIO 2011 GRIGLIA IPDA LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Art. 2 Finalità f) favorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi;

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

Gli aspetti psicoeducativi nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie

Gli aspetti psicoeducativi nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN TECNICO DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA Tesi di Laurea: nell adolescente autistico e il sostegno alle famiglie RELATORE:

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Aspetti organizzativi e scelte di indirizzo scientifico nell intervento psicoeducativo con i disturbi dello spettro autistico

Aspetti organizzativi e scelte di indirizzo scientifico nell intervento psicoeducativo con i disturbi dello spettro autistico Aspetti organizzativi e scelte di indirizzo scientifico nell intervento psicoeducativo con i disturbi dello spettro autistico Forlì 8/5/2008 Enrico Micheli Laboratorio psicoeducativo Con questa relazione

Dettagli

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI

I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI I LABORATORI ESPRESSIVI: CREATIVITA E METODOLOGIA. EDUCAZIONE VISIVA IL LINGUAGGIO DELLE IMMAGINI Nel laboratorio vengono presentati e analizzati, attraverso la sperimentazione di materiali e tecniche

Dettagli

ADHD e funzionamento adattivo nel contesto scolastico. Claudio Vio, Psicologo ULSS 10 San Donà di Piave AIRIPA

ADHD e funzionamento adattivo nel contesto scolastico. Claudio Vio, Psicologo ULSS 10 San Donà di Piave AIRIPA TRAIETTORIE NEGATIVE DELL ADHD: SCOLASTICA, SOCIALE, PSICOPATOLOGICA ADHD e funzionamento adattivo nel contesto scolastico Claudio Vio, Psicologo ULSS 10 San Donà di Piave AIRIPA ADHD e problemi scolastici

Dettagli

PROGETTO D INCLUSIONE PER ALUNNI CON LO SPETTRO AUTISTICO

PROGETTO D INCLUSIONE PER ALUNNI CON LO SPETTRO AUTISTICO Istituto Comprensivo Statale F. FILZI Via Ravenna 15 MILANO PROGETTO D INCLUSIONE PER ALUNNI CON LO SPETTRO AUTISTICO NASCE nel 1996 con l iscrizione di un bambino con autismo e la formazione di alcuni

Dettagli

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s.

PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITÁ (DPR 249 del 1998 come modificato dal DPR 235 del 2007) Scuola Primaria.. classe.. a. s. 2014 15 L obiettivo del patto di corresponsabilità è quello di impegnare le

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Nuclei tematici Listening Traguardi per lo sviluppo della competenza Raggiungimento del livello A2 del Quadro Comune Europeo di riferimento. L alunno

Dettagli

CAP 7 : ACCOGLIENZA /CONTINUITA E ORIENTAMENTO 7.1 ACCOGLIENZA

CAP 7 : ACCOGLIENZA /CONTINUITA E ORIENTAMENTO 7.1 ACCOGLIENZA CAP 7 : ACCOGLIENZA /CONTINUITA E ORIENTAMENTO 7.1 ACCOGLIENZA Con il PROGETTO ACCOGLIENZA, la scuola si impegna, con opportune azioni, e atteggiamenti adeguati da parte di tutti gli operatori, a favorire

Dettagli

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare

Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare Un esperienza Servizio di Assistenza Domiciliare ai Minori creare legami per innescare A cura di Dr.ssa BOVE Daniela Laura Cooperativa Sociale AMANI Comune di Brindisi Roma, 18 Gennaio 2010 cambiamenti

Dettagli

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE

METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE METTERSI IN GIOCO : ESPERIENZE DI LABORATORIO NEL GRUPPO DI LAVORO CON I DOCENTI PER ACQUISIRE UNA MAGGIORE EFFICACIA RELAZIONALE NEL GRUPPO CLASSE Dr.ssa Arianna Pomero Aspetto centrale dell essere essere

Dettagli

Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE GRIGLIA DI VALUTAZIONE

Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE GRIGLIA DI VALUTAZIONE UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE GRIGLIA DI VALUTAZIONE Ente capofila progetto; AUTORI UDA Pagina 1 di 12 UDA cartografia 4a.doc

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 INTERVENTO SEMINARIALE I.T.I.S. A. D Aosta L Aquila 29 Maggio 2007 Accoglienza e assistenza agli alunni

Dettagli

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri,

N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, N.ARTIC. TITOLO ARGOMENTO ORDINE DI NOTE SCUOLA 001 * Ascolto è crescere Per alunni stranieri, con sostegno e casi di bullismo 002 Insieme per crescere Troppo teorico 003 Costruire una comunità accogliente

Dettagli

E I P Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior. Corso Applicato

E I P Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior. Corso Applicato E I P Early Intervention Program Metodologia ABA/VB Applied Behavior Analysis/ Verbal Behavior Corso Applicato Dott.ssa Sara Bassani Psicologa BCBA SUPERVISOR EIP Associazione Pianeta Autismo onlus L intervento

Dettagli

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni

Progettazione consapevole: riconoscere ed analizzare i propri e gli altrui bisogni Curricolo di lingua inglese aa. ss. 2016 2019 L apprendimento della lingua straniera, coerentemente a quanto suggerito dalle Indicazioni Nazionali 2012 (D.M 254/2012), contribuisce a promuovere la formazione

Dettagli

Processi di comunicazione scuola-famiglia

Processi di comunicazione scuola-famiglia Processi di comunicazione scuola-famiglia Appunti Comunicare a scuola è il cuore della relazione scuola-famiglia, parti alleate di un progetto che -in particolare nella realtà attualenon sopporta solitudine:

Dettagli

Maria Caccetta. Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe. Guida Gratuita

Maria Caccetta. Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe. Guida Gratuita Maria Caccetta Autismo: 5 strategie pratiche, per lavorare bene in classe Guida Gratuita Mi presento Ciao mi chiamo Maria Caccetta, sono una psicologapsicoterapeuta con formazione cognitivo-comportamentale.

Dettagli

AUTISMO E ABA. Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS

AUTISMO E ABA. Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS AUTISMO E ABA Dott.ssa Lara Reale Scuolaba ONLUS L AUTISMO L autismo è una sindrome comportamentale causata da un disordine dello sviluppo, biologicamente determinato, con esordio nei primi 3 anni di vita.

Dettagli

La sicurezza comportamentale

La sicurezza comportamentale La sicurezza comportamentale Ravenna 12 ottobre 2011 Aude Cucurachi 1 SICUREZZA COMPORTAMENTALE Cosa ci dicono i dati infortunistici? Cosa ci dicono le leggi sul comportamento? Cos è il protocollo BBS?

Dettagli

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASTRIOTA E CORROPPOLI CARTA DEI SERVIZI

AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASTRIOTA E CORROPPOLI CARTA DEI SERVIZI AZIENDA DI SERVIZI ALLA PERSONA CASTRIOTA E CORROPPOLI ISCRITTA NEL REGISTRO REGIONALE DELLE AZIENDE PUBBLICHE DI SERVIZI ALLA PERSONA ISTITUTITO PRESSO IL SERVIZIO SISTEMA INTEGRATO SERVIZI SOCIALI CON

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE

PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE. Titolo: LOGICAMENTE PERCORSO DIDATTICO INTERDISCIPLINARE PER GLI ANNI PONTE Titolo: LOGICAMENTE Destinatari : alunni dell ultimo anno di scuola dell Infanzia e alunni della classe prima di scuola primaria. Risorse professionali:

Dettagli