Sportello Integrato per la Non Autosufficienza e Disabilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sportello Integrato per la Non Autosufficienza e Disabilità"

Transcript

1 SPORTELLO INTEGRATO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA E DISABILITA GUIDA AI SERVIZI PER LA NON AUTOSUFFICIENZA E DISABILITÀ ANNO 2013

2 2

3 Presentazione Questa guida è stata realizzata al fine di orientare il cittadino sulle opportunità e sulla rete dei servizi socio sanitari esistenti nel territorio a favore delle persone disabili e/o non autosufficienti. Questo elaborato nasce dalla consapevolezza dell importanza di una corretta ed esaustiva informazione sui diritti e sulle agevolazioni a favore delle persone disabili e dei loro familiari che spesso si trovano disorientati di fronte alla molteplicità e complessità delle risposte esistenti e degli enti che a vario titolo possono garantire tali risposte. Viene pertanto istituito, all interno di ogni distretto socio sanitario, lo sportello integrato che rappresenta un luogo a disposizione dei cittadini finalizzato a favorire pari opportunità di accesso alle informazioni e ai servizi dedicati alla non autosufficienza e disabilità. E inteso come uno spazio e un tempo in cui il cittadino si può fermare per esprimere le proprie richieste, non si tratta di un ulteriore servizio, ma di uno sportello di orientamento ai servizi esistenti nato con l intento di agevolare l integrazione socio sanitaria, cercando di ricomporre la frammentarietà delle risposte ai cittadini. La persona o la sua famiglia incontra all interno dello Sportello Integrato un professionista, quale l assistente sociale, in grado di garantire un adeguata analisi della domanda di aiuto da parte del cittadino. Le aree trattate sono: invalidità civile, servizi a sostegno della domiciliarità e di supporto alla famiglia, servizi residenziali, salute mentale, agevolazioni, spostamenti, protezione giuridica e forme di tutela. 3 Benvenuto Borese Raffaele Grottola Massimo Piccoli Direttore Distretto Socio-Sanitario Direttore Servizi Sociali Direttore Generale

4 Indice Lo sportello integrato per la non autosufficienza e disabilità 5 INVALIDITA CIVILE 7 - Invalidità civile (L.118/1971 e L. 18/1980) 8 - Diritti dell invalido civile (età anni) 11 - Diritti dell invalido con più di 65 anni 12 - Diritti del minore invalido 12 - Diritti della persona con cecità 14 - Diritti della persona con sordità 14 - Accertamento dello stato di handicap (L. 104/92) 15 - Accertamento delle condizioni di disabilità ai fini dell inserimento lavorativo (L. 68/1999) 16 4 SERVIZI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITÀ E DI SUPPORTO ALLA FAMIGLIA 17 - Mappa servizi 18 - U.O.S. Tutela Età evolutiva Adolescenti e giovani 19 - S.I.S.S. Servizi di integrazione scolastica e sociale 19 - Attività di integrazione scolastica 19 - Attività di integrazione estiva 20 - Centro Accavolante progetto educativo per l integrazione scolastica e sociale 21 - U.O.S. Disabilità Età Adulta 22 - Attività di orientamento alla realtà per persone affette da Alzheimer 22 - Servizio educativo territoriale e servizio di abilitazione riabilitazione disabili adulti 23 - S.I.L. Servizio per l integrazione lavorativa 23 - Centri per l impiego 25 - Dimissioni protette 25 - Assistenza domiciliare integrata 26 - Servizi sociali comunali 27 - Centri diurni 29 - Interventi di sostegno economico 30 SERVIZI RESIDENZIALI 34 SALUTE MENTALE 38 AGEVOLAZIONI 41 E PER FACILITARE GLI SPOSTAMENTI 43 PROTEZIONE GIURIDICA E FORME DI TUTELA 46

5 LO SPORTELLO INTEGRATO PER LA NON AUTOSUFFICIENZA E DISABILITA Al fine di agevolare l accesso dei cittadini alle informazioni sulle opportunità e alle prestazioni del sistema della domiciliarità, l Az. Ulss 21 ha attivato nel territorio di ogni Distretto Socio-Sanitario lo per la non autosufficienza e disabilità. Lo costituisce pertanto il primo servizio a disposizione dei cittadini, finalizzato a favorire pari opportunità di accesso alle informazioni e ai servizi da parte di quanti ne hanno bisogno/diritto, a ricondurre all unità accessi e interventi parcellizzati che lo stesso cittadino effettua presso servizi ed enti diversi, a favorire l interazione e l integrazione tra servizi ed enti, a semplificare le procedure burocratiche a carico del cittadino. La persona o la sua famiglia incontra all interno dello un professionista, quale l assistente sociale, in grado di garantire un adeguata analisi della domanda di aiuto da parte del cittadino. E IL PRIMO SERVIZIO PER I CITTADINI FUNZIONI ACCOGLIE Ascolta 5 SPORTELLO INTEGRATO - Accoglie e informa la persona rispetto alle opportunità, servizi, risorse, prestazioni, agevolazioni. - Effettua una prima lettura dei bisogni. ACCOMPAGNA Orienta - Indica i percorsi assistenziali più rispondenti ai bisogni della persona. - Fornisce una visione globale delle risorse pubbliche e private del territorio E PUNTO DI ACCESSO UNITARIO PRESENTE NEL PUNTO SANITA, COLLEGATO ON LINE CON I SERVIZI ATTIVA - Invia la persona al Servizio dedicato e lo attiva per una valutazione della situazione e per eventuale presa in carico. - Consulenze alla rete dei Servizi socio sanitari e della comunità.

6 A CHI E RIVOLTO Tutte le persone che necessitano di informazioni/consulenza circa la rete dei Servizi Sociali e Sanitari riguardanti la disabilità e la non autosufficienza In particolare i principali beneficiari possono essere: Persone con disabilità da 0 a 64 anni e loro familiari. Anziani non autosufficienti, da 65 anni in poi e loro familiari. Adulti in situazione di non autosufficienza. Rete dei Servizi sociali e sanitari DOVE SI TROVA 6 Lo è preposto in tre Punti Sanità del Distretto Socio-Sanitario del territorio dell Azienda ULSS 21. Può operare anche in sedi decentrate quali Comuni purché sia assicurata la condivisione in rete delle informazioni e delle modalità di accesso ai servizi. Si accede liberamente nei giorni e orari stabiliti: PUNTO SANITA DI LEGNAGO Si riceve Lunedì dalle 9.00 alle Giovedì dalle alle ore Tel.: PUNTO SANITA DI BOVOLONE Si riceve (presso l ospedale) Martedì e Venerdì dalle 9.00 alle Tel.: PUNTO SANITA DI NOGARA Si riceve (presso il Centro Polifunzionale) Martedì dalle 9.00 alle Tel.: E possibile mettersi in contatto con l Assistente Sociale anche attraverso il seguente indirizzo di posta elettronica:

7 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 7 INVALIDITA CIVILE

8 INVALIDITA CIVILE (L. 118/1971 e L. 18/1980) Le persone non autosufficienti e/o con disabilità possono ottenere alcuni benefici a condizione che abbiano ottenuto il riconoscimento di: - Invalidità civile (L. 118/71) - Cecità (L. 382/70) - Sordità (L. 381/70) CHI PUO CHIEDERE IL RICONOSCIMENTO DI INVALIDITA CIVILE 8 La Legge 10/03/1971, n. 118, definisce la figura dell invalido civile: Si considerano mutilati e invalidi civili i cittadini affetti da minorazione congenita e/o acquisita, anche a carattere progressivo, compresi gli irregolari psichici per oligofrenie di carattere organico o dismetabolico, insufficienze mentali derivanti da difetti sensoriali e funzionali che abbiano subito una riduzione permanente della capacità lavorativa non inferiore a un terzo, o se minori di anni 18, che abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie dell età. Ai soli fini dell assistenza sociosanitaria e della concessione dell indennità di accompagnamento, si considerano mutilati e invalidi civili i soggetti ultrasessantacinquenni che abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età. Minori con malattie o menomazioni permanenti e croniche, sia di natura fisica che psichica e intellettiva che comportino una o più delle seguenti condizioni: Difficoltà persistenti a svolgere compiti e funzioni della propria età; Sordità con perdita uditiva superiore a 60 Db nell orecchio migliore; Necessità di assistenza continua; Adulti con malattie o menomazioni permanenti e croniche, sia di natura fisica che psichica e intellettiva, che comportino una o più delle seguenti condizioni: Riduzione della capacità lavorativa superiore al 33 %; Necessità di assistenza continuativa; Anziani con malattie o menomazioni permanenti e croniche, sia di natura fisica che psichica e intellettiva, che comportino una o più delle seguenti condizioni: Difficoltà persistenti a svolgere compiti e funzioni della propria età; Necessità di assistenza continua;

9 Riconoscimento della cecità (L. 382/1970) in alternativa a quello dell invalidità civile, può essere richiesto da: Ciechi assoluti; Soggetti con residuo perimetrico binoculare inferiore al 3%; Soggetti che hanno un residuo perimetrico binoculare inferiore al 10% Coloro che hanno un residuo visivo corretto non superiore ad un ventesimo in entrambi gli occhi; Riconoscimento della sordità (L. 381/1970) in alternativa a quello di invalidità civile, può essere richiesto da: 9 Coloro che sono affetti da sordità congenita o acquisita durante l età evolutiva, che abbia impedito l apprendimento del linguaggio parlato. PROCEDURA PER IL RICONOSCIMENTO DELL INVALIDITA A decorrere dall 1/01/2010 in forza alla L. 102/2009 le domande per il riconoscimento dello stato di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità, complete della certificazione medica attestante la natura delle infermità invalidanti, sono presentate all INPS esclusivamente per via telematica 1.Il cittadino si reca dal medico certificatore. La certificazione medica può essere compilata dal medico solo on line, sul sito internet dell istituto Il medico, dopo l invio telematico del certificato, consegna al cittadino la stampa firmata, che dovrà essere esibita all atto della visita, e la ricevuta di trasmissione con il numero di certificato. 2. Il cittadino, in possesso del PIN, compila la domanda esclusivamente on line collegandosi sul sito internet dell INPS e abbina il numero di certificato indicato sulla ricevuta di trasmissione rilasciata dal medico certificatore entro il termine massimo di trenta giorni. La domanda può essere presentata anche tramite i Patronati, le Associazioni di categoria o gli altri soggetti abilitati. 3. La domanda e il certificato abbinato sono trasmessi all INPS telematicamente. L avvenuta ricezione della domanda è attestata dalla ricevuta rilasciata dalla stessa procedura. L Inps trasmette telematicamente la domanda alla Az. ULSS. 4. Attendere l invito per la visita medica e presentasi muniti di documento di identità e documentazione sanitaria utile ai fini del giudizio. 5. attendere verbale della visita che viene inviato al domicilio della persona.

10 PER INFORMAZIONI Ufficio Invalidi civili Indirizzo: AULSS 21, via C. Gianella n.1, Legnago Tel oppure Tel Sportello integrato per la non autosufficienza e disabilità Indirizzo: Punti Sanità AULSS 21 Tel. Vedi pag. 6 INPS Istituto Nazionale Previdenza Sociale Numero gratuito Sito internet: 10 AGENZIA DELLE ENTRATE numero unico: E possibile rivolgersi inoltre a tutti gli sportelli presenti sul territorio (ACLI, ANMIC, CISL, UIL, CGIL, UILDM, ENS, UNIONE CIECHI) che sono di supporto per la presentazione di richiesta di invalidità civile.

11 DIRITTI DELL INVALIDO CIVILE (ETA ANNI) RICONOSCIMENTO INVALIDITA SUPERIORE AL 34% Fornitura protesi e ausili RICONOSCIMENTO INVALIDITA SUPERIORE AL 46% Fornitura protesi e ausili Iscrizione nelle liste speciali di collocamento (per disoccupati dai 18 ai 60 anni, se donne, e dai 18 ai 65 anni se uomini) RICONOSCIMENTO INVALIDITA SUPERIORE AL 67% Fornitura protesi e ausili Iscrizione nelle liste speciali di collocamento (per disoccupati dai 18 ai 60 anni, se donne, e dai 18 ai 65 anni se uomini) Esenzione parziale del pagamento del ticket sanitario Diritto di scelta prioritaria tra le sedi disponibili e la precedenza per i trasferimenti per le persone assunte negli enti pubblici e riconosciute anche persone handicappate. RICONOSCIMENTO INVALIDITA SUPERIORE AL 74% Fornitura protesi e ausili Iscrizione nelle liste speciali di collocamento (per disoccupati dai 18 ai 60 anni, se donne, e dai 18 ai 65 anni se uomini) Esenzione parziale del pagamento del ticket sanitario Diritto di scelta prioritaria tra le sedi disponibili e la precedenza per i trasferimenti per le persone assunte negli enti pubblici e riconosciute anche persone con handicap. Concessione dell assegno mensile, soggetto a rivalutazione annuale (Per coloro che hanno un reddito inferiore/uguale a limite stabilito annualmente). RICONOSCIMENTO INVALIDITA 100% Fornitura protesi e ausili Iscrizione nelle liste speciali di collocamento (per disoccupati dai 18 ai 60 anni, se donne, e dai 18 ai 65 anni se uomini) Esenzione del pagamento del ticket sanitario Diritto di scelta prioritaria tra le sedi disponibili e la precedenza per i trasferimenti per le persone assunte negli enti pubblici e riconosciute anche persone con handicap. Concessione della pensione di inabilità, soggetta a rivalutazione annuale (Per coloro che hanno un reddito inferiore/uguale a limite stabilito annualmente). Se all invalido totale e permanente (con invalidità del 100%) viene riconosciuta l impossibilità di deambulare senza l aiuto permanente di un accompagnatore o la necessità di assistenza continua per lo svolgimento degli atti quotidiani della vita, ai benefici di cui sopra va aggiunta: Concessione dell indennità di accompagnamento (è indipendente dal reddito posseduto dall invalido). 11

12 DIRITTI DELL INVALIDO CON PIU DI 65 ANNI RICONOSCIMENTO INVALIDITA SUPERIORE AL 34% Fornitura protesi e ausili RICONOSCIMENTO INVALIDITA SUPERIORE AL 67% Fornitura protesi e ausili Esenzione del pagamento del ticket sanitario RICONOSCIMENTO INVALIDITA 100% Fornitura protesi e ausili Esenzione del pagamento del ticket sanitario 12 Se all invalido totale e permanente (con invalidità del 100%) viene riconosciuta l impossibilità di deambulare senza l aiuto permanente di un accompagnatore o la necessità di assistenza continua per lo svolgimento degli atti quotidiani della vita, ai benefici di cui sopra va aggiunta: Concessione dell indennità di accompagnamento. DIRITTI DEL MINORE INVALIDO MINORE CON DIFFICOLTA PERSISTENTI A SVOLGERE COMPITI E FUNZIONI DELLA PROPRIA ETA O CON PERDITA UDITIVA SUPERIORE A 60 DECIBEL NELL ORECCHIO MIGLIORE NELLE FREQUENZE 500/1000/2000 HERTZ Fornitura protesi e ausili Esenzione del pagamento del ticket sanitario Indennità di frequenza a condizione che venga accertata la frequenza del minore ad un centro di riabilitazione, o a centri di formazione professionale, o a centri occupazionali o a scuole di ogni grado e ordine (Per coloro che hanno un reddito inferiore/uguale a limite stabilito annualmente). SE IL MINORE HA 16 ANNI Iscrizione alle liste speciali di collocamento MINORE INVALIDO CON DIRITTO ALL INDENNITA DI ACCOMPAGNAMENTO con impossibilità di deambulazione senza l aiuto permanente di un accompagnatore o

13 necessità di assistenza continua per incapacità di compiere glia atti quotidiani della vita: Fornitura protesi e ausili Esenzione del pagamento del ticket sanitario Indennità di accompagnamento MINORE CIECO Esenzione del pagamento del ticket sanitario Indennità di frequenza o indennità speciale per ciechi parziali Fornitura di protesi e ausilii. 13 Se all invalido totale e permanente viene riconosciuta l impossibilità di deambulare senza l aiuto permanente di un accompagnatore o la necessità di assistenza continua per lo svolgimento degli atti quotidiani della vita, ai benefici di cui sopra va aggiunta: Concessione dell indennità di accompagnamento. La legge subordina il riconoscimento dell'invalidità civile per i minori a condizione che essi, abbiano difficoltà persistenti a svolgere i compiti e le funzioni proprie della loro età (art. 2 comma 2 Legge n. 118/71). Secondo il grado di invalidità accertata tramite la visita della Commissione Medica della AULSS viene invece stabilito il diritto o meno a percepire l'indennità di accompagnamento o l'indennità di frequenza. IMPORTANTE: Al compimento dei 18 anni le provvidenze economiche vengono automaticamente sospese: pertanto, è opportuno contattare l AULSS prima di quella data e fare la richiesta di visita medica per invalidità civile. Per chi è già titolare di indennità di accompagnamento è possibile evitare la sospensione prolungata dei benefici e attivare tempestivamente la concessione della pensione o assegno mensile.

14 DIRITTI DELLA PERSONA CON CECITA CIECO CON RESIDUO VISIVO NON SUPERIORE AD UN VENTESIMO IN ENTRAMBI GLI OCCHI CON EVENTUALE CORREZIONE (CIECO PARZIALE) L'indennità spetta ai ciechi parziali e viene erogata al solo titolo della minorazione cioè indipendentemente dall'età e dal reddito personale dell'interessato. Iscrizione nelle liste speciali di collocamento (per disoccupati dai 18 ai 60 anni, se donne, e dai 18 ai 65 anni se uomini) Esenzione del pagamento del ticket sanitario Pensione per ciechi parziali assegno mensile (Per coloro che hanno un reddito inferiore/uguale a limite stabilito annualmente ). L'erogazione dell'indennità speciale per i ciechi parziali è incompatibile con l'indennità di frequenza o con altre indennità simili concesse per cause di servizio, lavoro o guerra. CIECO ASSOLUTO Iscrizione nelle liste speciali di collocamento (per disoccupati dai 18 ai 60 anni, se donne, e dai 18 ai 65 anni se uomini) Esenzione del pagamento del ticket sanitario Pensione per ciechi totali, indipendente dal reddito e dall età, è cumulabile con quella concessa agli invalidi civili totali oppure ai sordomuti. Se all invalido totale e permanente viene riconosciuta l impossibilità di deambulare senza l aiuto permanente di un accompagnatore o la necessità di assistenza continua per lo svolgimento degli atti quotidiani della vita, ai benefici di cui sopra va aggiunta: Concessione dell indennità di accompagnamento. 14 DIRITTI DELLA PERSONA CON SORDITA Persone affette da sordità congenita o acquisita durante l età evolutiva (fino al dodicesimo anno di età), che abbia compromesso il normale apprendimento del linguaggio parlato (L. 65/2006) Iscrizione nelle liste speciali di collocamento (per disoccupati dai 18 ai 60 anni, se donne, e dai 18 ai 65 anni se uomini) Esenzione del pagamento del ticket sanitario Indennità di comunicazione (Per i minori di anni 18. Tale indennità è comunque incompatibile con l indennità di frequenza, per cui è possibile scegliere il trattamento economico più conveniente tra i due). Pensione per sordomuti (Per persone tra i 18 e 65 anni. Dopo i 65 anni si ha diritto alla pensione sociale a carico dell INPS). Per coloro che hanno un reddito inferiore/uguale a limite stabilito annualmente.

15 ACCERTAMENTO DELLO STATO DI HANDICAP (L.104/92 ) L accertamento della condizione di handicap, secondo quanto previsto dall art. 3 comma 1 della L. 104/92, può essere richiesto da coloro che hanno una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che causa difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione". L art. 3 comma 3 della L. 104/92 definisce la connotazione di gravità: Qualora la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto l'autonomia personale, correlata all'età, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione, la situazione assume connotazione di gravità. 15 L accertamento dello stato di handicap è effettuato dalle specifiche Commissioni operanti presso ogni Azienda Ulss. Si tratta delle medesime Commissioni che accertano le minorazioni civili, integrate da un operatore sociale e da uno specialista nella patologia da esaminare. COME SI RICHIEDE IL RICONOSCIMENTO La richiesta di riconoscimento di handicap va presentata, dall'interessato o da chi lo rappresenta legalmente (genitore, tutore, curatore), all INPS territorialmente competente. Per presentare domanda, dal 2010 si deve seguire un percorso per via telematica come per il riconoscimento dell invalidità civile (si veda sopra pag 9).

16 ACCERTAMENTO DELLE CONDIZIONI DI DISABILITA AI FINI DELL INSERIMENTO LAVORATIVO (L. 68/99) L accertamento delle condizioni di disabilità che danno diritto di accedere al sistema per l inserimento lavorativo dei disabili è effettuato dalle specifiche commissioni operanti presso ogni Azienda Ulss. Si tratta delle medesime Commissioni che accertano le minorazioni civili, integrate da un operatore sociale e da uno specialista nella patologia da esaminare. La legge ha come finalità la promozione dell inserimento e dell integrazione lavorativa della persone disabili nel mondo del lavoro attraverso servizi di sostegno e di collocamento mirato. 16 Essa si applica: a) alle persone in età lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali e ai portatori di handicap intellettivo, che comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45 per cento b) alle persone invalide del lavoro con un grado di invalidità superiore al 33 per cento, accertata dall'istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali (INAIL) in base alle disposizioni vigenti; c) alle persone non vedenti o sordomute (Leggi 382/70 e 381/70); d) alle persone invalide di guerra, invalide civili di guerra e invalide per servizio (DPR 915/78); Agli effetti della presente legge si intendono per non vedenti coloro che sono colpiti da cecità assoluta o hanno un residuo visivo non superiore ad un decimo ad entrambi gli occhi, con eventuale correzione. Si intendono per sordomuti coloro che sono colpiti da sordità dalla nascita o prima dell'apprendimento della lingua parlata. Per collocamento mirato dei disabili si intende quella serie di strumenti tecnici e di supporto che permettono di valutare adeguatamente le persone con disabilità nelle loro capacità lavorative e di inserirle nel posto adatto, attraverso analisi di posti di lavoro, forme di sostegno, azioni positive e soluzioni dei problemi connessi con gli ambienti, gli strumenti e le relazioni interpersonali sui luoghi quotidiani di lavoro e di relazione. COME SI RICHIEDE IL RICONOSCIMENTO La richiesta di accertamento delle condizioni di disabilità ai fini dell inserimento lavorativo va presentata dall'interessato o da chi lo rappresenta legalmente (genitore, tutore, curatore) all INPS territorialmente competente. Per presentare domanda dal 2010 si deve seguire un percorso per via telematica come per il riconoscimento dell invalidità civile (si veda sopra pag 9).

17 DISTRETTO SOCIO-SANITARIO 17 SERVIZI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITA E DI SUPPORTO ALLA FAMIGLIA

18 SERVIZI A SOSTEGNO DELLA DOMICILIARITA E SUPPORTO DELLA FAMIGLIA U.O.S TUTELA ETA EVOLUTIVA ADOLESCENTI E GIOVANI pag. 18 U.O.S. DISABILITA ETA ADULTA pag. 20 SERVIZIO DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE SISS pag. 18 CENTRO ACCAVOLANTE PROGETTO EDUCATIVO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE pag. 19 SERVIZIO DI ABILITAZIONE / RIABILITAZIONE DISABILI ADULTI pag. 20 SERVIZIO EDUCATIVO TERRITORIALE pag. 20 ATTIVITA DI ASSISTENZA/ INTEGRAZIONE ESTIVE - pag. 19 ATTIVITA DI ASSISTENZA/INTEGRAZIONE SCOLASTICA - pag SERVIZIO INSERIMENTO LAVORATIVO SIL - pag. 21 DIMISSIONI PROTETTE pag. 22 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA (ADI) pag. 23 SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE pag. 24 SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) pag.24 SERVIZI SOCIALI COMUNALI TELESOCCORSO TELEASSISTENZA pag. 24 PASTI A DOMICILIO pag. 25 TRASPORTO SOCIALE pag. 40 ATTIVITA RICREATIVE E DEL TEMPO LIBERO pag. 25 CENTRI DIURNI pag. 25 INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO pag. 26 ASSEGNO DI CURA pag. 26 INTERVENTO PER LA VITA INDIPENDENTE pag.27 INTERVENTO DI AIUTO PERSONALE pag. 27 INTERVENTI DI SOLLIEVO pag. 27 CONTRIBUTO PER L ELIMINAZIONE DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE pag. 28 MODIFICHE AUTO pag. 28

19 U.O.S. TUTELA ETA EVOLUTIVA ADOLESCENTI E GIOVANI Il Servizio Tutela Età Evolutiva-Adolescenti-Giovani si occupa della prevenzione, diagnosi, riabilitazione e presa in carico delle problematiche e patologie neuropsicologiche, psicologiche, foniatriche-logopediche del bambino ed adolescente (0-18 anni). Si prende cura, inoltre, di tutte le problematiche sociali e sanitarie inerenti all handicap in età evolutiva, integrandosi in particolare con il servizio di neuropsichiatria infantile, con altri servizi interni all azienda sociosanitaria. Viene garantita l integrazione scolastica e sociale attraverso progetti individualizzati all interno del territorio e del contesto di vita del minore con disabilità. 19 Come accedere - Gli operatori ( assistente sociale, psicologo, logopedista) ricevono su appuntamento in tutte le sedi operative abilitate; - Il medico foniatra, il neuropsichiatria infantile e lo psicologo ricevono anche con impegnativa per la prima visita, del pediatra di libera scelta o altro specialista attraverso CUP; - Il servizio di logopedia viene attivato dallo specialista Foniatra. - Le prestazioni sanitarie, escluse quelle per L.104/92, sono a ticket normato. A chi rivolgersi U.O.S.: Tutela Età Evolutiva Adolescenti e Giovani Punto Sanità di Legnago: tel Assistente Sociale Punto Sanità di Bovolone: tel Assistente Sociale Punto Sanità di Cerea: tel. Assistente Sociale Punto Sanità di Nogara: tel. Assistente Sociale Punto Sanità di Zevio: tel. Assistente Sociale S.I.S.S.- SERVIZI DI INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE (CR n. 33/93) I Servizi per l Integrazione Scolastica e Sociale degli alunni con disabilità hanno come finalità la promozione e l affermazione del diritto allo studio e all istruzione, sanciti dalla Costituzione (art.34) e dalla L. 104/92 e dal DPCM 185/2006. Integrazione scolastica e sociale significa accogliere ogni alunno nello sforzo quotidiano di costruire condizioni di assistenza tali da consentirne il massimo sviluppo socio-relazionale, permettendo così il superamento di ogni barriera.

20 ATTIVITA DI ASSISTENZA/INTEGRAZIONE SCOLASTICA Il Servizio di Integrazione Scolastica è rivolto agli alunni con disabilità in età prescolare e scolare certificati ai sensi dell art. 3 della L. 104/92, del DPCM n. 185/2006 e secondo le modalità previste dalla DGR 2248/2007, che frequentano le scuole di ogni ordine e grado che si trovano nel territorio Aulss o extra-territorio e prevede l assegnazione di Operatori Socio Sanitari (OSS) professionalmente preparati. Il Servizio è rivolto in particolare agli alunni che si trovano in situazione di deficit grave-gravissimo nelle aree dell autonomia personale e socio-relazionale. Come accedere Per l assegnazione degli Operatori socio-sanitari, la scuola pubblica e/o privata nella quale è iscritto l alunno disabile non autosufficiente, inoltra domanda all Aulss su apposita scheda firmata anche dalla famiglia. Le richieste inoltrate dalla scuola alla Responsabile U.O. Tutela Età Evolutiva Adolescenti e Giovani vengono prese in esame singolarmente in sede di UVMD (Unità Valutativa Multidimensionale del Distretto Socio-Sanitario). 20 A chi rivolgersi U.O.S.: Tutela Età Evolutiva Adolescenti e Giovani Servizio Integrazione Scolastica e Sociale - SISS Sede centrale di Legnago: Tel , , Fax: ATTIVITA DI INTEGRAZIONE ESTIVE Tale servizio è rivolto a minori con disabilità in situazione di gravità. L intervento di assistenza ai minori con disabilità presso i centri estivi ricreativi e del tempo libero (es. GREST, C.E.R., ecc.), si configura nel rispetto dei principi della non discriminazione, delle pari opportunità e dell integrazione. Come accedere Il minore/alunno deve aver già usufruito del Servizio Integrazione Scolastica e Sociale. Particolari situazioni possono essere segnalate dall Assistente Sociale alla Responsabile dell U.O. Tutela Età Evolutiva Adolescenti e Giovani. La famiglia deve far richiesta formale all Assistente Sociale dell U.O. Tutela Età Evolutiva Adolescenti e Giovani dell AULSS 21 attraverso apposito modulo. A chi rivolgersi U.O. S Tutela Età Evolutiva Adolescenti e Giovani Servizio Integrazione Scolastica e Sociale. Punto Sanità di Legnago: Tel , , Fax:

21 CENTRO ACCAVOLANTE - PROGETTO EDUCATIVO PER L INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE Il Centro Accavolante di Angiari accoglie minori di età compresa tra i 5 e i 15 anni con gravi disabilità psico-fisiche. I minori frequentano in modo alternato e modulato la scuola del proprio territorio di appartenenza e il Centro in base ad un progetto condiviso con l Ufficio scolastico Provinciale, le scuole di appartenenza dei minori, la famiglia e i servizi socio-sanitari. 21 Come accedere L inserimento al Centro, tramite l Assistente Sociale dell equipe di riferimento della Tutela Età Evolutiva Adolescenti e Giovani e gli specialisti sanitari di pertinenza, sulla base del progetto individualizzato, diventa un percorso condiviso con la famiglia e la scuola per favorire l integrazione scolastica e sociale attraverso interventi articolati a livello sociale educativo assistenziale e riabilitativo. Il progetto è un buon esempio di modello integrato di servizi istituzionali (sanitari, sociali, scolastici e territoriali). A chi rivolgersi: U.O. S. Tutela Età Evolutiva Adolescenti e Giovani Centro Accavolante Tel fax

22 U.O.S. DISABILITA ETA ADULTA E un servizio rivolto alle persone con disabilità psichica, fisico-motoria e/o sensoriale in età post-scolare fino ai sessantacinque anni di età. Tale servizio ha come obiettivo l orientamento e l accompagnamento dei cittadini con disabilità congenita e/o delle loro famiglie all utilizzo dei servizi e degli interventi sociali e socio sanitari attraverso la definizione di un progetto individuale e favorendo l accesso alla rete dei servizi per la domiciliarità e residenzialità. Come accedere L accesso al servizio avviene tramite una richiesta di valutazione multidimensionale presentata dall interessato e/o dalla sua famiglia all Assistente Sociale della disabilità età adulta competente territorialmente. 22 A chi rivolgersi: SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE DISABILITA ADULTA Punto Sanità di Legnago: Tel Punto Sanità di Bovolone - Zevio: Tel Punto Sanità di Cerea - Nogara: Tel ATTIVITA DI ORIENTAMENTO ALLA REALTA PER PERSONE AFFETTE DA ALZHEIMER ( R.O.T.) La ROT (terapia di orientamento alla realtà) è una terapia cognitiva, un intervento destinato alla riabilitazione di pazienti con deficit mnesici, episodi confusionali, e disorientamento tempo-spaziale. Il principale obiettivo della ROT consiste nel riorientare il paziente, per mezzo di ripetute stimolazioni, rispetto a sè, alla propria storia personale, all'ambiente ed al tempo, al fine di mantenere il livello di autonomia il più elevato possibile, compatibilmente con la condizione clinica presente. Viene rivolta ad un gruppo di 4-6 soggetti omogenei sul piano della compromissione cognitiva, per circa un'ora al giorno, in un ambiente idoneo, il più possibile simile a quello di una abitazione, ed è condotto da personale appositamente preparato. Come accedere: Su segnalazione del reparto di neurologia di Legnago, Centro di decadimento cognitivo o su invio del MMG ( Medico di Medicina Generale) dopo aver sentito il neurologo. A chi rivolgersi: Per tutti i punti sanità tel

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI NEL SETTORE AUTO

LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI NEL SETTORE AUTO LE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI NEL SETTORE AUTO Introduzione Il presente Testo Unico si propone di illustrare il quadro aggiornato delle varie situazioni in cui la normativa tributaria riconosce

Dettagli

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI Fondazione di partecipazione dei Comuni di Casole d Elsa Colle di Val d Elsa Poggibonsi San Gimignano Radicondoli REGOLAMENTO UNICO DI ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI - 1- INDICE Premessa... 5 Titolo Primo

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA

PQ 31G/ PROCEDURA REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Pag. 1 di 5 REGOLAMENTO DI ACCOGLIENZA ED ACCESSO ALLA RSA DON GIUSEPPE CUNI DI MAGENTA Oggetto Art. 1 Il Servizio Art. 2 L Utenza Art. 3 La domanda di Accoglienza Art. 4 Il Processo di Accoglienza Art.

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA

ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA ACQUISTO AUTO: IVA AGEVOLATA Al momento dell'acquisto di un veicolo, nuovo o usato, le persone disabili o i familiari che le hanno fiscalmente in carico possono usufruire di una riduzione dell'aliquota

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Delibera di Giunta - N.ro 1999/1378 - approvato il 26/7/1999 Oggetto: DIRETTIVA PER L' INTEGRAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI E SANITARIE ED A RILIEVO SANITARIO A FAVORE DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ASSISTITI

Dettagli

Approvato con. D.C.C. n.17/2008

Approvato con. D.C.C. n.17/2008 Approvato con. D.C.C. n.17/2008 REGOLAMENTO UNICO PER L ACCESSO AL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIO -ASSISTENZIALI E PER LA COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEI SERVIZI E DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012

Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 Disegnato il percorso di riforma dell'adi per il 2012 martedì, 17 gennaio, 2012 http://www.lombardiasociale.it/2012/01/17/disegnato-il-percorso-di-riforma-delladi-per-il-2012/ L'analisi del Contesto E

Dettagli

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente

Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Progetto per l assistenza continua alla persona non autosufficiente Piano di progetto Premessa: La proposta toscana per il progetto sulla non autosufficienza Cap. 1: I percorsi, gli attori e le azioni

Dettagli

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE

GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE GLOSSARIO DELLE FUNZIONI NEL SETTORE SOCIALE 1. GENERALITÁ Il Glossario delle Funzioni l settore sociale descrive i servizi associati alle Funzioni l settore sociale, definiti ed identificati sulla base

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma MARZO 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA Gli aggiornamenti più recenti proroga al 31/12/2015 della maggior detrazione Irpef per l eliminazione delle barriere architettoniche agevolazione

Dettagli

Regolamento di Adesione e Gestione

Regolamento di Adesione e Gestione Direzione Centrale Credito e Welfare Regolamento di Adesione e Gestione Home Care Premium 2014 Home Care Premium 2014 Un Modello innovativo e sperimentale di assistenza alla disabilità e alla non autosufficienza

Dettagli

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili 1 a cura di Maria Patrizia Sparti, Inca Cgil - Area tutela del danno alla persona Capitolo

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA l agenzia inf orma aggiornamento dicembre 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE PERSONE CON DISABILITA INDICE 1. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI... 2 2. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO... 4 Chi ne

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI INTERVENTI, AI SERVIZI E ALLE PRESTAZIONI DI NATURA SOCIALE, SOCIO-ASSISTENZIALE E SOCIO-EDUCATIVA EROGATI DAL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE URBANO

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere BANDO DI CONCORSO Soggiorni e Itinerari Ben-Essere 2015 Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali per i pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici, i loro coniugi e figli conviventi

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI giugno 2010 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI giugno 2010 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f giugno 2010 orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave

CARTA DEI SERVIZI. Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave CARTA DEI SERVIZI Per la gestione del Servizio di Assistenza alla persona e Trasporto di soggetti portatori di handicap grave Provincia Reg. le di Catania 1 1. Premessa La presente Carta dei Servizi rappresenta

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI novembre 2011 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI novembre 2011 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma novembre 2011 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2.

Dettagli

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità

Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità Guida alle agevolazioni e contributi per le persone con disabilità ANNA MARIA DAPPORTO Assessore Politiche Sociali Regione Emilia-Romagna Sono lieta di presentare la seconda edizione di questa guida informativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

GUIDA AI SERVIZI. per le persone disabili e le loro famiglie

GUIDA AI SERVIZI. per le persone disabili e le loro famiglie GUIDA AI SERVIZI per le persone disabili e le loro famiglie INDICE E con vera gioia, e gratitudine a tutti coloro che a diverso titolo hanno messo mano al lavoro, che mi accingo a presentare questa guida

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI

GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI AGGIORNATA CON LA NORMATIVA IN VIGORE A MAGGIO 2008 INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE

6032 6/7/2012 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE 6032 6/7/2012 Identificativo Atto n. 248 DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, CONCILIAZIONE, INTEGRAZIONE E SOLIDARIETA' SOCIALE DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLA SPERIMENTAZIONE DEL NUOVO MODELLO DI VALUTAZIONE DEL

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli