MotoTRBO IPSC: le chiamate.!

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MotoTRBO IPSC: le chiamate.!"

Transcript

1 MotoTRBO IPSC: le chiamate. Versione del documento v1.0 Aggiornato a Febbraio 2014 Realizzazione a cura di Armando Accardo, IK2XYP Team ircddb-italia 1

2 Premessa. Rispetto altre tecnologie radioamatoriali, il DMR opera in modo differente per quanto concerne le chiamate e la gestione del traffico diretto da un utente all altro. Innanzitutto non bisogna mai dimenticare che esistono due canali logici, definiti dai due Time Slot, che consentono di gestire due comunicazioni completamente indipendenti; pertanto la chiamata deve essere effettuata usando il Time Slot corretto dove il corrispondente risulta in ascolto. A tal proposito è sempre buona norma informarsi circa le regole e le disposizioni tecniche che definiscono l uso dei due Time Slot del Network DMR che si intenderà usare, dal momento che ogni amministratore di rete può personalizzare alcuni aspetti della rete. Inoltre bisogna anche informarsi circa lo stato di collegamento degli impianti presenti in rete visto che ogni amministratore di impianto può decidere se e come condividere con il resto del Network IPSC le sue risorse, ovvero i due Time Slot disponibili; solo se tutti i ripetitori del Network IPSC condivideranno il Time Slot1 e il Time Slot2 si avrà la certezza che ogni chiamata potrà essere indirizzata egualmente da una risorsa all altra dell intera rete. Inoltre ogni Network IPSC può avere regole sue per quanto concerne la gestione dei due Time Slot, al fine di ottimizzarne l uso e creare dei punti di contatto con altre reti per estendere la copertura dell intero sistema. Ogni Network IPSC va in prima analisi considerato per quello che è, con l estensione di copertura geografica fornita dalle risorse del Network stesso; a questo si potrà poi aggiungere qualunque risorsa presente anche in aree geografiche esterne ai confini di appartenenza del Network, grazie ad accordi e condivisioni intrecciate tra radioamatori di altre nazioni e paesi. Pertanto è fondamentale che ogni utente della rete conosca le caratteristiche intrinseche del Network che andrà ad utilizzare, per capirne le potenzialità e le disponibilità anche in funzione di questi accordi che potrebbero estendere la capillarità del sistema di volta in volta e che non seguono necessariamente uno standard; ogni gruppo di lavoro, infatti, può autonomamente stabilire relazioni con altri radioamatori al fine di conseguire, come meglio ritiene opportuno, gli scopi della propria sperimentazione radio in campo amatoriale. Nonostante queste premesse esistono comunque dei concetti base legati alla gestione delle chiamate che possono essere illustrati in un documento affinché vi possa essere una maggior consapevolezza dei mezzi a disposizione di tutti grazie alla comprensione di alcuni semplici punti legati a questa tecnologia digitale. Cominciamo con il descrivere quelle che sono le modalità di chiamata, concentrandoci unicamente sul traffico voce, tralasciando la parte dati visto che può coinvolgere l uso di PC o dispositivi per gestire flussi dati quali GPS e simili. Esistono fondamentalmente tre tipi di chiamate che potremmo sintetizzare così: Chiamate di tipo Privato; Chiamate di Gruppo; Chiamate in Broadcasting. Nelle prossime sezioni del documento valuteremo ognuna di queste chiamate in modo da comprenderne l utilizzo e cosa aspettarci dal sistema. 2

3 Chiamate Private. Iniziamo con il chiarire subito come viene inteso il termine Privato in questo tipo di chiamata; non si tratta di una chiamata criptata e quindi indecifrabile a priori senza un opportuno decodificatore. Si tratta di un tipo di chiamata diretta unicamente ad una persona, pertanto una chiamata che in digitale D-STAR definiremmo diretta in call routing, ovvero di tipo punto-punto tra una stazione chiamante ed una chiamata. L emissione dall apparato dell utente che genera la chiamata risulta comunque in chiaro, la ritrasmissione del ripetitore rimane intatta in chiaro come pure l eventuale ritrasmissione dello stesso flusso dati attraverso la connessione Internet per raggiungere altri impianti del Network IPSC. L unica differenza con altre tecnologie digitali quali il D-STAR è che la chiamata viene effettivamente ricevuta solo dal destinatario, sebbene venga irradiata dai vari impianti coinvolti nel trasferimento del segnale e questo è legato al modo in cui ogni chiamata viene gestita in DMR. Nel momento in cui una chiamata privata venisse generata dall utente chiamante U1, tramite il ripetitore locale RP1 e fosse diretta al destinatario U2 tramite il suo ripetitore locale RP2, un utente generico in ascolto UN sui due ripetitori coinvolti nella comunicazione (RP1 e RP2) vedrebbe l occupazione di frequenza per la portante del ripetitore, ma non ascolterebbe nulla; non tanto perché la chiamata risulti criptata, bensì per il fatto che lo squelch della propria radio digitale non si aprirebbe, visto che la chiamata non è diretta a lui. Bisogna ricordare che si tratta di comunicazioni digitali dove esiste sempre la componente di squelch digitale, ovvero di sistema comandabile in base all abilitazione di un segnale digitale riconosciuto. E come se ogni apparato avesse un tone squelch sempre attivo in cui il valore del tono dipende dal destinatario della comunicazione. Per meglio comprendere questo meccanismo bisogna fare una digressione circa le interfacce di comunicazione di cui dispone ogni apparato DMR. Indipendentemente che si tratti di una radio mobile o portatile ogni apparato DMR dispone di almeno due interfacce di rete: l interfaccia dati di programmazione tramite cavo USB e l interfaccia radio CAI (Common Air Interface). Inoltre le radio dotate di Bluetooth dispongono di una terza interfaccia di rete generata proprio dall associazione del PC al dispositivo Bluetooth. Tralasciando l interfaccia Bluetooth, dal momento che non è presente su tutti i modelli di radio, ci concentreremo maggiormente sulle altre due, ma in particolar modo sulla CAI. L interfaccia USB consente di realizzare un collegamento Seriale/Ethernet tra computer e apparato che permette di stabilire una comunicazione di tipo punto-punto Ethernet con il computer; solitamente tutti gli apparati radio DMR MotoTRBO sono settati di fabbrica con l indirizzo IP della radio a in modo che al computer venga associato l indirizzo privato successivo grazie al fatto che la radio funge in tal senso da server DHCP. Pertanto connettendo via USB un apparato radio DMR ad un PC avremo la seguente situazione di dialogo tra i due così schematizzata: IP della radio (da non cambiare mai a meno di conflitti con altri apparati); IP del computer (assegnato automaticamente al PC dal DHCP della radio); Default Gateway impostato a dalla radio; Netmask Grazie a queste impostazioni il computer potrà comunicare in TCP/IP con l apparato radio e gestirlo come radio base per tutta una serie di servizi di rete quali l invio di messaggi di testo, funzioni da dispatcher e altro. Ciò che ci consente però di comprendere meglio il meccanismo delle chiamate in generale (e nel caso specifico di quelle private) riguarda il funzionamento dell interfaccia di rete CAI; in DMR si assiste per la prima volta nel mondo radioamatoriale al fatto che ogni apparato radio dispone di un indirizzo IP associato e pertanto diventa un dispositivo di rete a tutti gli effetti. Per chi si fosse cimentato nella consultazione del codeplug (la configurazione) della propria radio, avrà notato che a parte l indirizzo IP della radio, inerente l interfaccia USB/Ethernet, non vi è altro riferimento ad indirizzi per l interfaccia di rete via lato RF. Questo perché mentre il precedente 3

4 indirizzo è esplicitato nella configurazione, quello relativo all interfaccia CAI viene costruito a partire da altre informazioni basilari. Ogni radio DMR dispone nella sua configurazione base nella sezione relativa alla rete del parametro denominato CAI Network che di default è configurato a 12. Questo parametro consente di costruire l indirizzo IP della radio, nel senso che fornisce il numero da assegnare al primo ottetto dell indirizzo IP; dal momento che tutte le radio come valore di default hanno 12, questo significa che ogni apparato DMR si ritroverà a lavorare su una subnet in classe A (quindi con 2 24 =16 milioni circa di indirizzi IP univoci disponibili) dal valore 12.X.Y.Z. A questo punto resta da determinale il valore degli altri tre ottetti, ovvero X, Y e Z per poter assegnare un indirizzo IP univoco all apparato e per fare questo entra in gioco il numero ID assegnato ad ogni radio che, ovviamente, dovrà essere univoco. Infatti da quanto emerso possiamo schematizzare come l indirizzo IP della radio è dato dai seguenti contributi: IP radio = CAI Network + ID della radio; Il valore del CAI Network è standard ed è fissato a 12; Ne consegue che per avere un IP risultante univoco, l ID della radio dovrà essere univoco. Per questo motivo l ID della radio è un campo a 24 bits rappresentato in decimale (nel range da 1 a ), che convertito in esadecimale è in grado di rappresentare i tre ottetti mancanti per la definizione dell indirizzo IP che la radio utilizzerà per comunicare con altri apparati radio all interno del Network IPSC. Giusto per chiarire con un esempio come avviene la traduzione dell ID della radio in un indirizzo IP, consideriamo la seguente situazione di partenza: CAI Network 12; ID della radio A questo punto otterremo un indirizzo in classe A del tipo 12.X.Y.Z, per cui non resterà che determinare il valore decimale di X, Y e Z e per farlo potremo seguire questa procedura: Il numero decimale viene rappresentato in esadecimale con 21E7C6; i tre ottetti mancanti saranno pertanto 21, E7 e C6 espressi in esadecimale; convertiti in decimale ci daranno 33, 231 e 198; pertanto l IP della radio sull interfaccia RF sarà Una volta appreso che per comunicare in rete un apparato DMR dispone di un suo indirizzo IP univoco utilizzato sul canale radio per mettersi in contatto con altri apparati, anche la gestione della chiamata privata diventa più semplice da spiegare. L invio di una chiamata privata o di un messaggio di testo ad un corrispondente consiste nel fatto che il mittente, selezionando il destinatario dalla lista dei contatti non fa altro che determinare l indirizzo IP della radio a cui la chiamata o il messaggio sono destinati. A quel punto la radio trasmetterà l informazione codificando nell header tutti i campi essenziali quali l ID del mittente e l ID del destinatario; nel momento in cui il segnale verrà trasmesso sul Time Slot dove il destinatario dovrebbe essere in ascolto, appena giungerà in rete, l apparato del destinatario determinerà che la comunicazione è diretta al proprio IP e pertanto si prenderà carico di decodificare l audio, oppure nel caso di un messaggio di testo lancerà l applicazione per mostrarne il testo. Ciò che risulta importante, affinché il Network IPSC possa veicolare correttamente la chiamata o l invio del messaggio di testo, è effettuare la chiamata sul Time Slot corrispondente a dove il destinatario sarà in ascolto, dal momento che i due Time Slot sono canali indipendenti; questo aspetto può essere parzialmente risolto nel momento in cui sul Network IPSC viene installato un servizio in grado di fare routing intelligente del traffico, consentendo il passaggio dei dati da un Time Slot all altro in base alla destinazione prescelta (call routing). 4

5 Chiamate di Gruppo. Se la chiamata privata può trovare le sue applicazioni, la chiamata di gruppo è in genere quella più utilizzata in un Network IPSC, dal momento che consente di realizzare la relazione uno-a-molti. Infatti con la chiamata di gruppo, ogni utente che dovesse selezionare la trasmissione verso il codice di gruppo (in gergo definiti Talk Group), potrà fare traffico voce con tutti gli altri utenti che stanno usando lo stesso Talk Group. Anche in questo caso qualora un utente non conoscesse i codici dei Talk Groups usati dagli altri corrispondenti potrebbe rischiare di non ricevere alcun traffico, visto che lo squelch della propria radio non verrebbe aperto. La spiegazione è la medesima già analizzata nel paragrafo precedente relativo alle chiamate private, ovvero l indirizzo IP a cui verrebbe destinata la chiamata di gruppo deve corrispondere tra tutti i membri che decidono di partecipare al QSO di gruppo. A tal proposito sempre nella configurazione degli apparati esiste un ulteriore parametro che prende il nome di Indirizzo del CAI del Gruppo di rete (Group CAI Network); mediante gli stessi meccanismi ampiamente illustrati nel paragrafo precedente è possibile determinare l indirizzo IP associato al Talk Group in modo che una comunicazione indirizzata a tal codice si tradurrà in un messaggio destinato ad un determinato indirizzo IP in rete. Anche in questo caso è importante che la chiamata venga effettuata sullo stesso Time Slot dove anche gli altri membri del QSO stanno usando lo stesso codice di gruppo, altrimenti la chiamata non potrà essere ricevuta; inoltre è importante conoscere anche i codici relativi ai gruppi di chiamata ed è per questo motivo che conviene sempre informarsi con i gestori del Network IPSC per sapere quali gruppi siano stati implementati e su quali Time Slot. Per esempio sul Network IPSC IT-DMR-Network sono stati assegnati un paio di Talk Groups distribuiti sui due Time Slot, assegnando al Time Slot 1 il traffico nazionale attraverso il Talk Group 222 riservato all Italia, mentre sul Time Slot 2 sono stati definiti i Talk Groups relativi alle suddivisioni regionali, in modo che il traffico regionale sia confinato solo agli impianti della stessa Regione; maggiori info al link I QSO di gruppo sono di tipo circolare e consentono a tutti i partecipanti di sentire e parlare con altre persone, estendendo di fatto il limite imposto dalla chiamata privata circoscritta a due persone sole. 5

6 Chiamata in Broadcasting. Vi sono delle circostanze dove un operatore può avere la necessità di farsi ascoltare da qualunque utente presente in rete, premesso che si conosca il Time Slot dove la persona è in ascolto. Abbiamo visto in precedenza che in entrambe le chiamate, sia privata che di gruppo, è importante per il mittente conoscere il codice del contatto per indirizzare la chiamata, con il rischio conseguente di non sentire nulla se non vengono impostati gli stessi codici usati dagli altri OM presenti in radio. La chiamata in broadcasting utilizza uno speciale codice di chiamata (in gergo All Call) con numero ID fisso e non modificabile, pertanto corrisponde ad un indirizzo IP di broadcast ben preciso. Pertanto quando viene trasmessa una chiamata All Call su un determinato Time Slot, qualunque utente della rete che fosse in ascolto su quel determinato Time Slot riceverebbe la chiamata, indipendentemente da quale valore di Talk Group avesse impostato come valore di ricezione. Per cui la chiamata All Call prevale su tutto, consente sempre di essere ricevuta da parte delle persone in ascolto sullo stesso Time Slot dove la chiamata viene generata; non è pertanto possibile far sentire una chiamata All Call trasmessa sul Time Slot 1 agli utenti in ascolto sul Time Slot 2 e viceversa. Inoltre la chiamata All Call è solo in uscita, ovvero consente di generare una trasmissione ricevibile da tutti, ma non è un Talk Group universale per ricevere qualunque comunicazione; funziona cioè solo in trasmissione (infatti si parla di chiamata). Uno dei modi per poter ricevere il maggior numero di traffico non sapendo dove le persone trasmetteranno consiste nel crearsi uno speciale gruppo di ascolto che contenga la maggior parte dei Talk Groups più popolari; oppure alternativamente si possono creare le liste di scansione per passare in ricezione da un Talk Group all altro e sperare di intercettare una comunicazione inviata da qualcuno. Esistono anche altre soluzioni basate sia sul software che su schede hardware che facilitano i gestori all ascolto di tutti i possibili Talk Groups anche senza saperne il numero, ma si tratta di soluzione specifiche e non implementabili su larga scala al momento. 6

MotoTRBO IPSC: requisiti di banda Internet.!

MotoTRBO IPSC: requisiti di banda Internet.! MotoTRBO IPSC: requisiti di banda Internet. Versione del documento v1.0 Aggiornato a Dicembre 2013 Realizzazione a cura di Armando Accardo, IK2XYP Email: ik2xyp@ik2xyp.it Team ircddb-italia http://www.ircddb-italia.it

Dettagli

MotoTRBO: nuova System Release 2.3.!

MotoTRBO: nuova System Release 2.3.! MotoTRBO: nuova System Release 2.3. Versione del documento v1.0 Aggiornato a Gennaio 2014 Realizzazione a cura di Armando Accardo, IK2XYP Email: ik2xyp@ik2xyp.it Team ircddb-italia http://www.ircddb-italia.it

Dettagli

Internet e protocollo TCP/IP

Internet e protocollo TCP/IP Internet e protocollo TCP/IP Internet Nata dalla fusione di reti di agenzie governative americane (ARPANET) e reti di università E una rete di reti, di scala planetaria, pubblica, a commutazione di pacchetto

Dettagli

Configurare una rete con PC Window s 98

Configurare una rete con PC Window s 98 Configurare una rete con PC Window s 98 In estrema sintesi, creare una rete di computer significa: realizzare un sistema di connessione tra i PC condividere qualcosa con gli altri utenti della rete. Anche

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

CAPITOLO 1. Introduzione alle reti LAN

CAPITOLO 1. Introduzione alle reti LAN CAPITOLO 1 Introduzione alle reti LAN Anche se il termine rete ha molte accezioni, possiamo definirla come un gruppo di due o più computer collegati. Se i computer sono collegati in rete è possibile scambiarsi

Dettagli

I COMPONENTI DI UNA RETE

I COMPONENTI DI UNA RETE I COMPONENTI DI UNA RETE LE SCHEDE DI RETE (O INTERFACCE 'NIC') Tutti I PC, per poterli utilizzare in rete, devono essere dotati di schede di rete (NIC). Alcuni PC sono dotati di NIC preinstallate. Nello

Dettagli

LAN. Coassiale Doppino Fibra ottica

LAN. Coassiale Doppino Fibra ottica LAN Il cablaggio Tralascio la stesa dei cavi, in quanto per tale operazione basta una conoscenza di base di elettricità e tanta pazienza. Passiamo invece al tipo di supporto da utilizzare per realizzare

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Note%per%la%programmazione%degli%apparati% Motorola%per%l accesso%alla%rete%mondiale% % %!!!!

Note%per%la%programmazione%degli%apparati% Motorola%per%l accesso%alla%rete%mondiale% % %!!!! Note%per%la%programmazione%degli%apparati% Motorola%per%l accesso%alla%rete%mondiale% % % Questachesegueèunabrevenotaperaiutareadeffettuarelagiustaprogrammazionedegli apparatimotorola,perl usodelripetitorediroma,connessoallaretemondiale.miscusoper

Dettagli

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer

Internet. Introduzione alle comunicazioni tra computer Internet Introduzione alle comunicazioni tra computer Attenzione! Quella che segue è un introduzione estremamente generica che ha il solo scopo di dare un idea sommaria di alcuni concetti alla base di

Dettagli

KNX/IP Router GW 90707. Manuale Tecnico

KNX/IP Router GW 90707. Manuale Tecnico KNX/IP Router GW 90707 Manuale Tecnico Sommario 1 Introduzione... 3 2 Applicazione... 4 3 Menù Impostazioni generali... 6 3.1 Parametri... 6 4 Menù Configurazione IP 1... 8 4.1 Parametri... 8 5 Menù Configurazione

Dettagli

RETI DI COMPUTER Reti Geografiche. (Sez. 9.8)

RETI DI COMPUTER Reti Geografiche. (Sez. 9.8) RETI DI COMPUTER Reti Geografiche (Sez. 9.8) Riepilogo Reti lez precedente reti locali o LAN (Local Area Network): connette fisicamente apparecchiature su brevi distanze Una LAN è solitamente interna a

Dettagli

Reti di Calcolatori 18-06-2013

Reti di Calcolatori 18-06-2013 1. Applicazioni di rete [3 pts] Si descrivano, relativamente al sistema DNS: Compito di Reti di Calcolatori 18-06-2013 a) i motivi per i quali viene usato; b) l architettura generale; c) le modalità di

Dettagli

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B

Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema. Dal livello A al livello B Identità sulla rete protocolli di trasmissione (TCP-IP) L architettura del sistema contenuto della comunicazione sistema per la gestione della comunicazione sottosistema C sottosistema B sottosistema A

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Pronti via! ETHERNET NS - CJ1

Pronti via! ETHERNET NS - CJ1 PV_0001 Rev. A Pronti via! ETHERNET NS - CJ1 Pronti via! "Pronti... via!" è una raccolta di informazioni interattive, che permette una consultazione rapida delle principali informazioni necessarie all'utilizzo

Dettagli

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE Introduzione alle reti 1 2 Perché... All inizio degli anni 80 sono nati i PC, in contrapposizione ai grossi sistemi presenti allora nelle aziende che collegavano terminali

Dettagli

1. Panoramica Prodotto... 2 1.1 Sezione Anteriore... 2 1.2 Sezione Posteriore... 2

1. Panoramica Prodotto... 2 1.1 Sezione Anteriore... 2 1.2 Sezione Posteriore... 2 APPLIANCE FAX F90 Quick start guide Rev 1.2 1. Panoramica Prodotto... 2 1.1 Sezione Anteriore... 2 1.2 Sezione Posteriore... 2 2. Messa in opera... 3 2.1 Connessione dell apparato... 3 2.2 Primo accesso

Dettagli

Modulo 8 - Reti di reti

Modulo 8 - Reti di reti Modulo 8 - Reti di reti Modulo 8 - Reti di reti Nelle precedenti lezioni abbiamo parlato dei tipi elementari di topologia di rete: a bus, ad anello, a stella. Si è detto anche che le reti vengono tradizionalmente

Dettagli

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address

Gli indirizzi dell Internet Protocol. IP Address Gli indirizzi dell Internet Protocol IP Address Il protocollo IP Prevalente è ormai diventato nell implementazione di reti di computer la tecnologia sintetizzata nei protocolli TCP- Ip IP è un protocollo

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

DSL-G604T Wireless ADSL Router

DSL-G604T Wireless ADSL Router Il presente prodotto può essere configurato con un browser web aggiornato come Internet Explorer 6 o Netscape Navigator 6.2.3. DSL-G604T Wireless ADSL Router Prima di cominciare 1. Se si intende utilizzare

Dettagli

I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati.

I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati. gestione documentale I vostri documenti sempre disponibili e sincronizzati. In qualsiasi momento e da qualsiasi parte del mondo accedendo al portale Arxidoc avete la possibilità di ricercare, condividere

Dettagli

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat.

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat. Università degli Studi di Udine Insegnamento: Reti di Calcolatori I Docente: Pier Luca Montessoro DOMANDE DI RIEPILOGO SU: - Livello network 1. Si deve suddividere la rete 173.19.0.0 in 510 subnet. Qual

Dettagli

Cos'è una vlan. Da Wikipedia: Una LAN virtuale, comunemente

Cos'è una vlan. Da Wikipedia: Una LAN virtuale, comunemente Cos'è una vlan Da Wikipedia: Una LAN virtuale, comunemente detta VLAN, è un gruppo di host che comunicano tra di loro come se fossero collegati allo stesso cablaggio, a prescindere dalla loro posizione

Dettagli

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è

Cos è. Protocollo TCP/IP e indirizzi IP. Cos è. Cos è Protocollo TCP/IP e indirizzi IP Il protocollo TCP/IP è alla base dei sistemi di trasmissione dati impiegati sulle reti locali e su Internet. Nato nel Gennaio 1983 negli Stati Uniti come sistema di comunicazione

Dettagli

Linux User Group Cremona CORSO RETI

Linux User Group Cremona CORSO RETI Linux User Group Cremona CORSO RETI Cos'è una rete informatica Una rete di calcolatori, in informatica e telecomunicazioni, è un sistema o un particolare tipo di rete di telecomunicazioni che permette

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Indirizzo IP. Come si distinguono? Indirizzo IP : 192. 168. 220. 134. Network address : 192. 168. 220. 0 Host address: : 134

Indirizzo IP. Come si distinguono? Indirizzo IP : 192. 168. 220. 134. Network address : 192. 168. 220. 0 Host address: : 134 Subnet mask Indirizzo IP Come si distinguono? Indirizzo IP : 192. 168. 220. 134 Network address : 192. 168. 220. 0 Host address: : 134 Subnet Mask La Subnet Mask viene implementata per limitare il traffico

Dettagli

Messaggi di allarme DMR

Messaggi di allarme DMR Messaggi di allarme DMR Radio Activity S.r.l. Registrazione CCIAA Milano N 1728248 P.I./C.F.: 04135130963 Sede legale e operativa: Via Ponte Nuovo 8 20128 Milano Tel.: 0236 514 205 - Fax: +39 0236 514

Dettagli

BREVE GUIDA ALL ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DDNS PER DVR SERIE TMX

BREVE GUIDA ALL ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DDNS PER DVR SERIE TMX BREVE GUIDA ALL ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DDNS PER DVR SERIE TMX Questa guida riporta i passi da seguire per la connessione dei DVR serie TMX ad Internet con indirizzo IP dinamico, sfruttando il servizio

Dettagli

10. Stratificazione dei protocolli

10. Stratificazione dei protocolli 10. Stratificazione dei protocolli 10.1. Introduzione Abbiamo visto la struttura dell'internet. Ora dobbiamo esaminare la struttura del restante software di comunicazione, che è organizzato secondo il

Dettagli

Testo Esame di Stato 2003-2004 YABC ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE. CORSO SPERIMENTALE PROGETTO «ABACUS» Indirizzo: INFORMATICA

Testo Esame di Stato 2003-2004 YABC ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE. CORSO SPERIMENTALE PROGETTO «ABACUS» Indirizzo: INFORMATICA A.S. 2003-2004 Testo Esame di Stato 2003-2004 YABC ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO SPERIMENTALE PROGETTO «ABACUS» Indirizzo: INFORMATICA Tema di: SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE

Dettagli

I canali di comunicazione

I canali di comunicazione I canali di comunicazione tipo velocità min velocità max doppino telefonico 300bps 10 mbps micro onde 256kbps 100 mbps satellite 256kbps 100 mbps cavo coassiale 56 kbps 200 mbps fibra ottica 500 kbps 10

Dettagli

YABC - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

YABC - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE www.mauriziocozzetto.it/docs/sistemiabacus%20soluzionetema20032004proposta2.doc - Testo Esame di Stato 2003-2004 YABC - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO SPERIMENTALE - PROGETTO "ABACUS"

Dettagli

FRITZ!WLAN Repeater 300E. Come estendere la copertura della rete Wi-Fi

FRITZ!WLAN Repeater 300E. Come estendere la copertura della rete Wi-Fi Come estendere la copertura della rete Wi-Fi 1 Introduzione La crescente diffusione di dispositivi portatili per il collegamento ad Internet ha reso la connettività senza fili una caratteristica imprescindibile

Dettagli

Interfacciare un ponte ripetitore DMR Hytera con un centralino telefonico (PBX) digitale VOIP - PARTE 1

Interfacciare un ponte ripetitore DMR Hytera con un centralino telefonico (PBX) digitale VOIP - PARTE 1 Interfacciare un ponte ripetitore DMR Hytera con un centralino telefonico (PBX) digitale VOIP - PARTE 1 Uno degli aspetti più interessanti di questa tecnologia digitale in ambito radioamatoriale è quello

Dettagli

Interfaccia KNX/IP - da guida DIN KXIPI. Manuale Tecnico

Interfaccia KNX/IP - da guida DIN KXIPI. Manuale Tecnico Interfaccia KNX/IP - da guida DIN KXIPI Manuale Tecnico 24809270/15-04-2014 1 Sommario 1 Introduzione... 3 2 Applicazione... 3 3 Menù Impostazioni generali... 4 3.1 Parametri... 4 3.1.1 Nome apparecchio...

Dettagli

INDIRIZZI IP AUTORIZZATI

INDIRIZZI IP AUTORIZZATI INDIRIZZI IP AUTORIZZATI Brand Item Legrand 573992, 03565 MH200, MH200N BTicino F453, F453AV, F452, F452V www.myopen-legrandgroup.com 1 Document History Version Date Author 1.0.0 01/10/2010 My Open Staff

Dettagli

Connettere due PC Windows 95/98/Me Rete Pannello di Controllo Client per Reti Microsoft

Connettere due PC Windows 95/98/Me Rete Pannello di Controllo Client per Reti Microsoft Connettere due PC Una rete di computer è costituita da due o più calcolatori collegati tra loro al fine di scambiare dati e condividere risorse software e hardware. Secondo tale definizione, una rete può

Dettagli

Sm@rtADI Assistenza domiciliare

Sm@rtADI Assistenza domiciliare Data Sheet Sm@rtADI Assistenza domiciliare I recenti progressi della medicina hanno reso possibile la deospedalizzazione di un gran numero di patologie. Oggi l assistenza domiciliare è un esigenza molto

Dettagli

ASSEGNAZIONE INDIRIZZI IP

ASSEGNAZIONE INDIRIZZI IP Autore: Classe: Michele NASO QUINTA INFORMATICA (5IA) Anno scolastico: 2004/2005 Scuola: Itis Euganeo ASSEGNAZIONE INDIRIZZI IP Il documento vuole dare una metodologia per assegnare in modo corretto gli

Dettagli

Assegnazione di indirizzi IP dinamica (DHCP) 1

Assegnazione di indirizzi IP dinamica (DHCP) 1 Assegnazione di indirizzi IP dinamica (DHCP) 1 Esempio 1 L'esempio mostra una semplice rete con un solo switch centrale e due dispositivi (un PC ed un router) non aventi sulla loro interfaccia verso la

Dettagli

PROGETTI AGGIUNTIVI PER IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI

PROGETTI AGGIUNTIVI PER IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI PROGETTI AGGIUNTIVI PER IL CORSO DI PROGETTO DI RETI E SISTEMI INFORMATICI 1 Remote Administrator... 2 2 Sistema di Prenotazione Ricevimento studenti... 3 3 Remote Teaching... 4 4 Gioco online: UNO...

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 1) Quanti sono i livelli del modello ISO/OSI: A. 3 B. 7 C. 6 D. non è definito un numero massimo non è definito un numero massimo 2) Due entità ad un

Dettagli

Guida all'installazione del software

Guida all'installazione del software Guida all'installazione del software Il manuale spiega come installare il software con una connessione USB o di rete. La connessione di rete non è disponibile per i modelli SP 200/200S/203S/203SF/204SF.

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 09 Settembre 2008 12:57 - Ultimo aggiornamento Domenica 12 Giugno 2011 00:48

Scritto da Administrator Martedì 09 Settembre 2008 12:57 - Ultimo aggiornamento Domenica 12 Giugno 2011 00:48 Sommario - Introduzione - Un modo migliore... - Tunnel auto-terminante - Ulteriori accorgimenti - Note Introduzione Il seguente articolo dovrebbe aiutare chiunque fosse interessato alla sicurezza nelle

Dettagli

INDIRIZZI IP ARCHITETTURA GENERALE DEGLI INDIRIZZI IP FORME DI INDIRIZZI IP CINQUE FORME DI INDIRIZZI IP

INDIRIZZI IP ARCHITETTURA GENERALE DEGLI INDIRIZZI IP FORME DI INDIRIZZI IP CINQUE FORME DI INDIRIZZI IP INDIRIZZI IP ARCHITETTURA GENERALE DEGLI INDIRIZZI IP Un indirizzo IP è composto da 32 bit. Generalmente, per convenienza, è presentato in decimale: 4 ottetti (bytes) separati da un punto. Ogni rete fisica

Dettagli

Splash RPX-i Color Server. Guida alla soluzione dei problemi

Splash RPX-i Color Server. Guida alla soluzione dei problemi Splash RPX-i Color Server Guida alla soluzione dei problemi 2006 Electronics for Imaging, Inc. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da

Dettagli

Dipartimento di Scienze Applicate

Dipartimento di Scienze Applicate DIPARTIMENTO DI SCIENZE APPLICATE Università degli Studi di Napoli Parthenope Centro Direzionale di Napoli Isola C4 80143 Napoli dsa@uniparthenope.it P. IVA 01877320638 Dipartimento di Scienze Applicate.

Dettagli

Guida all'installazione del software

Guida all'installazione del software Guida all'installazione del software Il manuale spiega come installare il software con una connessione USB o di rete. La connessione di rete non è disponibile per i modelli SP 200/200S/203S/203SF/204SF.

Dettagli

Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa

Oreste Signore, <oreste@w3.org> Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa http://www.w3c.it/education/2012/upra/basicinternet/#(1) 1 of 16 Oreste Signore, Responsabile Ufficio Italiano W3C Area della Ricerca CNR - via Moruzzi, 1-56124 Pisa Master in Comunicazione

Dettagli

Gestione porte Ethernet Usare piu porte ethernet sui sistemi embedded

Gestione porte Ethernet Usare piu porte ethernet sui sistemi embedded Gestione porte Ethernet Usare piu porte ethernet sui sistemi embedded - 1 - - 2 - 1. Cenni Generali 1.1 Dove può essere applicato questo documento Il documento può essere applicato a tutti i PC con Windows

Dettagli

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127

network subnet host Classe A poche reti di dimensioni molto grandi 127 INDIRIZZAMENTO IP Gli indirizzi IP, che devono essere univoci sulla rete, sono lunghi 32 bit (quattro byte) e sono tradizionalmente visualizzati scrivendo i valori decimali di ciascun byte separati dal

Dettagli

Descrizione del Servizio Contact Centre Service Internazionale. Offerta Commerciale

Descrizione del Servizio Contact Centre Service Internazionale. Offerta Commerciale Descrizione del Servizio Contact Centre Service Internazionale Offerta Commerciale Data : 29 settembre 2011 Versione : 2.3 Service Description Pagina 1 di 5 In ottemperanza a quanto stabilito dall'autorità

Dettagli

FRITZ!WLAN Repeater 300E come Access Point. FRITZ!WLAN Repeater 300E come Access Point Wi-Fi

FRITZ!WLAN Repeater 300E come Access Point. FRITZ!WLAN Repeater 300E come Access Point Wi-Fi FRITZ!WLAN Repeater 300E come Access Point Wi-Fi 1 Introduzione La connettività wireless (senza fili) è diventata una necessità fondamentale nell ambito della propria rete domestica o di quella dell ufficio,

Dettagli

Le reti. Introduzione al concetto di rete. Classificazioni in base a

Le reti. Introduzione al concetto di rete. Classificazioni in base a Le reti Introduzione al concetto di rete Classificazioni in base a Software di rete OSI e TCP/IP Definizione di rete Vantaggi delle reti Reti ad architettura centralizzata e distribuita Sistemi aperti

Dettagli

RETE, ADSL e CONDIVISIONI

RETE, ADSL e CONDIVISIONI RETE, ADSL e CONDIVISIONI 1 RETE SEMPLICE CON 2 PC E UN MODEM ADSL...3 2 RETE CON X PC E UN MODEM ADSL COLLEGATO AD UN PC...4 3 RETE CON X PC E UN MODEM COLLEGATO PER MEZZO DI HUB...5 4 RETE CON X PC E

Dettagli

Manuale di configurazione CONNECT GW

Manuale di configurazione CONNECT GW Modulo gateway FA00386-IT B A 2 10 Manuale di configurazione CONNECT GW INFORMAZIONI GENERALI Per connettere una o più automazioni al portale CAME Cloud o ad una rete locale dedicata e rendere possibile

Dettagli

Start > Pannello di controllo > Prestazioni e manutenzione > Sistema Oppure clic destro / Proprietà sull icona Risorse del computer su Desktop

Start > Pannello di controllo > Prestazioni e manutenzione > Sistema Oppure clic destro / Proprietà sull icona Risorse del computer su Desktop Installare e configurare una piccola rete locale (LAN) Usando i Protocolli TCP / IP (INTRANET) 1 Dopo aver installato la scheda di rete (seguendo le normali procedure di Aggiunta nuovo hardware), bisogna

Dettagli

Manuale Intel su reti Wireless

Manuale Intel su reti Wireless Manuale Intel su reti Wireless Una rete basata su cavi non e sempre la soluzione piu pratica, spesso una connettivita wireless risolve i problemi legati alla mobilita ed alla flessibilita che richiediamo

Dettagli

SISTEMA DI CENTRALIZZAZIONE DEGLI ALLARMI SU RETE ETHERNET

SISTEMA DI CENTRALIZZAZIONE DEGLI ALLARMI SU RETE ETHERNET SISTEMA DI CENTRALIZZAZIONE DEGLI ALLARMI SU RETE ETHERNET 1. Descrizione EUREKA definisce un insieme di apparati che consente il controllo e la gestione di sistemi d allarme centralizzati in rete locale

Dettagli

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP

5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5. Traduzione degli indirizzi di rete in indirizzi fisici: ARP 5.1. Introduzione Due macchine si parlano solo se conoscono l'indirizzo fisico di sottorete Due applicazioni si parlano solo se conoscono

Dettagli

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA

ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA ICT (Information and Communication Technology): ELEMENTI DI TECNOLOGIA Obiettivo Richiamare quello che non si può non sapere Fare alcune precisazioni terminologiche IL COMPUTER La struttura, i componenti

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete

Reti di Telecomunicazioni Mobile IP Mobile IP Internet Internet Protocol header IPv4 router host indirizzi IP, DNS URL indirizzo di rete IP Analizziamo con sufficiente dettaglio il sistema denominato IP, usato per consentire a due computer mobili di spostarsi liberamente in altre reti pur mantenendo lo stesso indirizzo IP. In particolare,

Dettagli

COMPLESSO SCOLASTICO INTERNAZIONALE GIOVANNI PAOLO II. Pianificazione di reti IP (subnetting)

COMPLESSO SCOLASTICO INTERNAZIONALE GIOVANNI PAOLO II. Pianificazione di reti IP (subnetting) Pianificazione di reti IP (subnetting) Avendo una rete complessa possiamo dividerla in sottoreti logiche, collegandole con dei router. Questa operazione di segmentazione prende il nome di subnetting, ed

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

Protocollo IP e collegati

Protocollo IP e collegati Protocollo IP e collegati Argomenti trattati: formato del pacchetto IP; servizi del protocollo IP; formato degli indirizzi; instradamento dei datagrammi; classi di indirizzi A, B, C, D; indirizzi speciali,

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

ABS-VAP11N Guida rapida

ABS-VAP11N Guida rapida ABS-VAP11N Guida rapida CONFIGURAZIONE 1. Sul Personal Computer da usare per la configurazione del bridge ABS-VAP11N: Disabilitare l eventuale Connessione rete wireless (WiFi). Abilitare la Connessione

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

Manuale Inoltro dei dati tramite sedex

Manuale Inoltro dei dati tramite sedex Manuale Inoltro dei dati tramite sedex Versione V1.1 Giugno 2015 1 Indice 1. Introduzione 3 2. Informazioni generali 3 2.1 A chi è rivolto questo manuale? 3 2.2 Cosa non viene trattato nel presente manuale?

Dettagli

Esempio di rete aziendale

Esempio di rete aziendale Esempio di rete aziendale Autore: Roberto Bandiera febbraio 2015 Per esemplificare la tipica architettura di una rete aziendale consideriamo la rete di un Istituto scolastico, dove ci sono alcuni laboratori

Dettagli

BILANCE ZENITH con Zenith System

BILANCE ZENITH con Zenith System BILANCE ZENITH con Zenith System Ultimo Aggiornamento: 20 febbraio 2013 Installazione di Zenith System 1. Creare la cartella C:\Vulcano\Zenith; 2. Installare il driver Zenith System (versione 200 o superiore),

Dettagli

OBELISK MANUALE OPERATIVO EUTELIAVOIP

OBELISK MANUALE OPERATIVO EUTELIAVOIP OBELISK MANUALE OPERATIVO EUTELIAVOIP OBELISK Manuale Operativo EuteliaVoip Rev1-0 pag.2 INDICE DESCRIZIONE DI OBELISK...3 Caratteristiche...3 Requisiti...3 Funzionalità...4 Vantaggi...4 Tariffe...5 Number

Dettagli

Reti e Internet: introduzione

Reti e Internet: introduzione Facoltà di Medicina - Corso di Laurea in Logopedia Corso di Informatica III anno Prof. Crescenzio Gallo Reti e Internet: introduzione c.gallo@unifg.it Reti e Internet: argomenti Tipologie di reti Rete

Dettagli

Progettazione di reti AirPort

Progettazione di reti AirPort apple Progettazione di reti AirPort Indice 1 Per iniziare con AirPort 5 Utilizzo di questo documento 5 Impostazione Assistita AirPort 6 Caratteristiche di AirPort Admin Utility 6 2 Creazione di reti AirPort

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

ACCESSNET -T CAMPUS DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

ACCESSNET -T CAMPUS DESCRIZIONE DEL PRODOTTO DESCRIZIONE DEL PRODOTTO ACCESSNET -T CAMPUS INDICE INDICE...i 1. INTRODUZIONE...1 2. PANORAMICA DELLE FUNZIONI...2 3. APPLICATIVO GESTIONALE...3 3.1 Il dispatcher...4 3.2 Configurazione del CAMPUS...7

Dettagli

Importante! Installazione

Importante! Installazione Importante! Introduzione LD000020 Adattatore USB Powerline Sweex Per prima cosa desideriamo ringraziarvi vivamente per aver acquistato questo adattatore Powerline. Con questo adattatore Powerline potrete

Dettagli

EM4576/EM4578 - Scheda di rete wireless USB

EM4576/EM4578 - Scheda di rete wireless USB EM4576/EM4578 - Scheda di rete wireless USB 2 ITALIANO EM4576/EM4578 - Scheda di rete wireless USB Avvertenze ed elementi cui necessita prestare attenzione In virtù delle leggi, delle direttive e dei regolamenti

Dettagli

informatica distribuita

informatica distribuita Reti di computer Negli anni settanta, si è affermato il modello time-sharing multi-utente che prevede il collegamento di molti utenti ad un unico elaboratore potente attraverso terminali Gli anni ottanta

Dettagli

3. Introduzione all'internetworking

3. Introduzione all'internetworking 3. Introduzione all'internetworking Abbiamo visto i dettagli di due reti di comunicazione: ma ce ne sono decine di tipo diverso! Occorre poter far comunicare calcolatori che si trovano su reti di tecnologia

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Telefono DECT Gigaset A510

Telefono DECT Gigaset A510 Telefono DECT Gigaset A510 Manuale di Configurazione Il telefono Gigaset A510IP è un terminale DECT che supporta lo standard SIP per la comunicazione con centralini IP. Può dunque essere integrato nel

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione

Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Sistemi Di Elaborazione Dell informazione Dott. Antonio Calanducci Lezione III: Reti di calcolatori Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Anno accademico 2009/2010 Reti di calcolatori Una rete

Dettagli

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6

GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1. Il Repeater 2. L Hub 2. Il Bridge 4. Lo Switch 4. Router 6 GLI APPARATI PER L INTERCONNESSIONE DI RETI LOCALI 1 Il Repeater 2 L Hub 2 Il Bridge 4 Lo Switch 4 Router 6 Gli apparati per l interconnessione di reti locali Distinguiamo i seguenti tipi di apparati:

Dettagli

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1

GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 GESTIONE DELLA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - PEC GEPROT v 3.1 ESPLETAMENTO DI ATTIVITÀ PER L IMPLEMENTAZIONE DELLE COMPONENTI PREVISTE NELLA FASE 3 DEL PROGETTO DI E-GOVERNMENT INTEROPERABILITÀ DEI SISTEMI

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

FoLUG Forlì Linux User Group. in collaborazione con. Circoscrizione n 3 (ex 4) di Forlì. Networking

FoLUG Forlì Linux User Group. in collaborazione con. Circoscrizione n 3 (ex 4) di Forlì. Networking FoLUG Forlì Linux User Group in collaborazione con Circoscrizione n 3 (ex 4) di Forlì Networking FoLUG - Forlì Linux User Group - http://www.folug.org RR 2010 Pag. 1 Concetti Concetti fondamentali fondamentali

Dettagli

Descrizione del Servizio Contact Centre Service Internazionale. Offerta Commerciale

Descrizione del Servizio Contact Centre Service Internazionale. Offerta Commerciale Descrizione del Servizio Contact Centre Service Internazionale Offerta Commerciale Data : 2 maggio 08 Versione : 2.2 Service Description Pagina 1 di 5 In ottemperanza a quanto stabilito dall'autorità per

Dettagli

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC

Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC Guida all Utilizzo del Posto Operatore su PC 1 Introduzione Indice Accesso all applicazione 3 Installazione di Vodafone Applicazione Centralino 3 Utilizzo dell Applicazione Centralino con accessi ad internet

Dettagli