Alitalia/AirOne, easyjet e la rotta Linate-Roma: dal monopolio alla concorrenza? (Storia di una fusione che si doveva fare?)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alitalia/AirOne, easyjet e la rotta Linate-Roma: dal monopolio alla concorrenza? (Storia di una fusione che si doveva fare?)"

Transcript

1 Alitalia/AirOne, easyjet e la rotta Linate-Roma: dal monopolio alla concorrenza? (Storia di una fusione che si doveva fare?) Gabriele Accardo 24 ottobre 2013 Bruxelles, 14 pranzo

2 La rotta di oggi Takeoff Il provvedimento dell'agcm del 2008 Air France e la competenza giurisdizionale La legittimità costituzionale della Legge Alitalia Flight Fine del monopolio sulla Linate-Fiumicino...and landing Le misure correttive 2

3 Timeline 4 anni 6 mesi 26 giorni 4 anni 3 mesi 22 giorni Incontro con AF su Piano Fenice Decreto Alitalia CdA e comunicato stampa AF Alitalia ammessa in amministrazione straordinaria (decreto governo) Decreto Alitalia convertito in legge (Legge Alitalia) Comunicazione CAI ad AGCM Offerta CAI Provvedimento AGCM (presa d atto) AF annuncia acquisizione 25% CAI Primo volo CAI-Alitalia Avvio istruttoria AGCM (follow-on) Sentenza Corte Costituzionale su Legge Alitalia AF chiude acquisizione 25% CAI AGCM accerta monopolio LIN-FCO Rimozione entro 28/10/12; 90 gg RO 1 appello TAR Sentenza TAR TAR re sospensiva Provv AGCM (MS 4/07) Ryanair 1 RO re misure e Sospensiva Trustee 2 RO CdS re 1 app. Presentazione Appello offerte 3 RO Ryanair v. Criteri EJ selezione EJ richiesta slot 2 app. TAR* Slot LIN ad EJ Sentenza CdS CdS re sospensiva Ryanair 1 volo easyjet LIN-FCO 27/08/08 28/08 29/08 31/10/08 12/01/09 22/07/10 11/04/12 22/06 30/08 28/09 11/10 25/10 16/11 12/02 25/03/13 20/11 9/10 27/10 3/12/08 13/01 25/03 30/11/ /04 17/07 18/09 3/10 18/10 31/10 23/01/13 11/06 3

4 Il via libera all'operazione Fenice L'Operazione Fenice, la Legge Alitalia e la decisione dell'agcm L'ingresso di Air France in CAI La questione di legittimità costituzionale della Legge Alitalia 4

5 L Operazione Fenice Acquisizione nel dicembre 2008 da parte di CAI di: Taluni beni e rapporti giuridici del Gruppo Alitalia in a.s. Controllo esclusivo delle società del Gruppo AirOne Fattori caratterizzanti l'operazione "Italianità": lock-up per i soci italiani per 5 anni Individuazione partner industriale internazionale ("elemento qualificante" del progetto) 5

6 La Legge Alitalia L. Alitalia ha escluso l'autorizzazione dell'agcm per concentrazioni effettuate entro il 30 giugno 2009, tra imprese operanti nel settore dei servizi pubblici essenziali connesse o contestuali o comunque previste nel programma debitamente autorizzato, relativo alla procedura di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in stato di insolvenza L. Alitalia art. 25 l. 287/90 Autorizzazione Agcm per rilevanti interessi generali dell'economia Criteri generali e preventivi No eliminazione concorrenza Misure correttive entro un termine prefissato 6

7 Provvedimento AGCM del 2008 Presa d'atto avvenuta concentrazione No attività istruttoria Misure correttive idonee a tutelare i consumatori No rimedi strutturali (rotazione 50 slot LIN-FCO/cessione slot LIN-FCO) OK misure comportamentali % fissa posti > tariffa più economica della stagione precedente Numero verde, sms e spazio web per disservizi e cancellazioni Monitoraggio post-concentrazione > 3 dicembre

8 L'ingresso di Air France in CAI Agcm su controllo CAI No controllo diretto/indiretto (maggioranza variabile) No controllo congiunto di fatto (assenza comunione di interessi tra i soci) Ingresso di Air France nel capitale di CAI (25%) Operazione da notificare? Giurisdizione DG Comp? "L'unico socio che non ha ancora versato il capitale è Air France, perchè stiamo aspettando il parere dell'antitrust europeo" 8

9 Legittimità costituzionale L. Alitalia Sentenza Corte Cost. n. 270 del 23/06/10 Deroga ai poteri AGCM non contraria agli artt. 3 e 41 Cost. Concentrazioni possono essere autorizzate in funzione di altri interessi costituzionalmente rilevanti da assetto concorrenziale del mercato Limiti alla discrezionalità del Legislatore Non arbitrarietà (tutela preminenti interessi generali) Livelli occupazionali ed esigenze strategiche dell economia nazionale Nuova modalità di approccio alla crisi dell'impresa Proporzionalità della deroga Possibilità di colpire ex post eventuale abuso di posizione dominante Misure comportamentali idonee a garantire gli interessi dei consumatori Carattere transitorio 9

10 Fine del monopolio sulla LIN-FCO

11 Il provvedimento dell'agcm A seguito di adeguata procedura istruttoria l'agcm ha: Accertato il monopolio di Alitalia sulla rotta Linate Roma (FCO) Escluso dominanza di Alitalia sulle altre rotte Imposto ad Alitalia di cessare il monopolio entro il 28 ottobre 2012 Principali obiezioni di Alitalia nel corso del procedimento: Sostituibilità tra gli scali milanesi Concorrenza intermodale (aereo vs. AV) tra Milano e Roma Deroga L. Alitalia definitiva In ogni caso > carenza di poteri Agcm in assenza di monopolio 11

12 Il provvedimento dell'agcm Mercati rilevanti Scali romani > unico mercato rilevante Linate e Malpensa > unico mercato rilevante (passeggeri non time sensitive) Linate > mercato rilevante sulla rotta da/per "Roma" (passeggeri time sensitive) Tre gruppi di rotte: da/per Roma; da/per Napoli da/per Milano verso il Sud (5 rotte) Linate-Roma (Fiumicino) ROTTA WINTER 2008/2009 WINTER 2011/2012 CAI ALTRI CAI ALTRI da/per Roma Roma Brindisi Roma - Genova Roma - Lamezia Roma Pisa Roma Trieste Roma Venezia Roma Bari Roma Torino Roma - Palermo Roma - Catania da/per Napoli Napoli Torino Napoli - Venezia da/per Milano Milano Bari < Milano - Brindisi < Milano - Lamezia < Linate - Fiumicino Milano - Napoli < Milano - Palermo < Quote di mercato sulle rotte nazionali interessate da sovrapposizioni in termini di frequenze operate. Valori in percentuale. 12

13 Il provvedimento dell'agcm Rotte da/per Roma e Napoli MR identificati con riferimento ai due scali romani Significative quote di mercato Alitalia (65-100%) Contendibilità delle rotte Assenza di congestionamento (tranne ore di picco) Possibilità aumento frequenze per concorrenti Effettivo ingresso/espansione concorrenti Decremento ricavo medio/pax Alitalia > pressione concorrenti Eccezioni > Roma-Pisa e Roma-Trieste "In assenza, nel dicembre 2008, della costituzione o del rafforzamento di una posizione dominante e, a fortiori, di monopolio, mancano i presupposti per verificare ad oggi una sua eventuale persistenza" 13

14 Il provvedimento dell'agcm Rotte da/per Milano a Bari, Napoli, Palermo, Brindisi, L. Terme MR identificati con riferimento a LIN e MXP (e BGY) Quota di mercato di Alitalia mai superiore al 60% Concorrenza effettiva su tutte le rotte Concorrenza attuale da qualificati operatori Concorrenza potenziale (agevoli condizioni di ingresso a Malpensa) Decremento traffico da LIN e corrispondente incremento da MXP Decremento ricavo medio/pax > pressione concorrenti MXP e BGY "In assenza, nel dicembre 2008, della costituzione o del rafforzamento di una posizione dominante e, a fortiori, di monopolio, mancano i presupposti per verificare ad oggi una sua eventuale persistenza" 14

15 Il provvedimento dell'agcm La rotta Linate Roma Non sostituibilità tra Linate e Malpensa Diverse caratteristiche degli scali specie vs. pax time sensitive Offerta FCO Alitalia su LIN/MXP: 40 vs. 2 Migliori condizioni di accessibilità di Linate Aeroporto Distanza Tempi di collegamento dal centro mezzo privato mezzo pubblico Linate 7 km 25 minuti bus: 25 minuti Malpensa 50 km 50 minuti treno: 29 minuti (Cadorna) 43 minuti (Centrale) Distanza e tempi di collegamento degli scali di Milano Linate e Milano Malpensa dal centro di Milano Peculiare tipologia di passeggeri sulla LIN Roma (FCO) Elevata percentuale, rispetto ad altre rotte nazionali, di pax time sensitive che effettuano A/R in giornata tra la fascia mattutina e quella serale Approccio Agcm confermato da TAR e CdS 15

16 Il provvedimento dell'agcm La rotta Linate Roma (cont.) La concorrenza intermodale 1. Distanza e durata del viaggio Milano-Roma Distanza treno Milano-Roma > superiore a 400Km Differenza durata viaggio treno/aereo > circa un'ora 2. Differenza significativa frequenze giornaliere/flessibilità 20 treni/day AV vs. 45 voli/day Alitalia Scarsa flessibilità AV ore di picco 1 treno AV 3h in arrivo a Milano entro le 9:00 vs. 7 voli Alitalia Ultimo treno AV 3h da Milano alle 19 vs. ultimo aereo da LIN alle 21 Irrilevanza numero totale posti offerti 16

17 Il provvedimento dell'agcm La rotta Linate Roma (cont.) La concorrenza intermodale 3. Incidenza della AV su domanda e prezzi di Alitalia Limitata diminuzione domanda ([10-20%]) e comunque in linea con altri Paesi EU Limitata pressione concorrenziale nelle fasce mattutine e serali (in media, circa i 2/3 totale pax trasportati da Alitalia) Limitata erosione ricavo medio/pax aereo (spostamento da business a leisure ) Incremento pax AV dovuto ad ampliamento mercato AV Milano-Roma TAR e CdS: Decisione Agcm in linea con prassi europea Questione preliminare ed assorbente: disponibilità di collegamenti AV adeguati per numero ed orari 17

18 Il provvedimento dell'agcm Monopolio Alitalia sulla rotta Linate-Roma 100% frequenze Barriere all'ingresso Non disponibilità slot su LIN Alitalia titolare 70% slot su LIN (secondo vettore 6%) Uso slot su LIN-FCO da parte di vettori esistenti non conveniente in assenza di dimensione minima efficiente (uscita Meridiana 2011) Effetti unilaterali post-merger: "danno ai consumatori" Forte riduzione frequenze giornaliere (da 90 a 45 > oggi 25!) Strategia aumento prezzi (mancato trasferimento efficienze a pax) Incremento ricavo medio/pax [10-30%] e per posto/km offerto [30-40%] Risultati determinati da aumento prezzi e non da calo pax trasportati e da razionalizzazione offerta 18

19 Il provvedimento dell'agcm Il CdS in merito alla deroga introdotta dalla L. Alitalia Riespansione disciplina generale L. 287/90 anche se L. Alitalia stabiliva la "cessazione delle posizioni di monopolio" "...prevalenti ragioni sistematiche inducono a ritenere che... al termine del richiamato periodo triennale, avrebbero riacquistato piena operatività anche le disposizioni... in tema di divieto delle operazioni di concentrazione restrittive della libertà di concorrenza" Transitorietà (e dunque proporzionalità) della deroga non deve essere intesa "nel senso di determinare la definitiva sottrazione alla disciplina concorrenziale di talune operazioni purchè realizzate all'interno di un certo arco temporale, quanto... nel senso di consentire per tali operazioni una deroga solo temporanea alla generale disciplina pro concorrenziale" 19

20 Le misure correttive 20

21 Misure correttive Decisione Agcm aprile '12 non individua/impone misure correttive Tuttavia, Agcm ha ritenuto necessaria la rimozione completa del rafforzamento del potere di mercato sulla Linate Roma Effettivo vincolo concorrenziale per contendere business pax Vettore con numero slot sufficiente a garantire la dimensione minima efficiente dell'offerta e un numero adeguato di frequenze nelle ore cd. di picco Termine per cessazione del monopolio > 24 ottobre 2012 Obbligo di comunicare le misure adottate entro 90 gg. Misure correttive rese obbligatorie con provvedimento successivo 21

22 Misure correttive Calda estate di negoziati 17 luglio: relazione di ottemperanza di Alitalia 30 agosto: Alitalia ribadisce adeguatezza rimedi già offerti 26 settembre: Alitalia disponibile a rilasciare 8 slot (4 frequenze) a LIN (no FCO) nelle fasce orarie 6-9 e settembre 2012: Agcm rende obbligatorie le misure, ma no market test 9 ottobre 2012: appello di Alitalia vs decisione Agcm...completa rimozione del potere di mercato? 4 frequenze/day = dimensione minima efficiente? - pre-merger, AirOne operava circa 30 voli/day - Meridiana uscita da LIN-FCO con 2 voli/day 22

23 Misure correttive Procedura di selezione e implementazione misure correttive Procedura di selezione gestita da un monitoring trustee Partecipanti: easyjet, Meridiana, Blue Panorama, Ryanair, e Vueling Requisiti preferenziali: i) solidità finanziaria, ii) indipendenza societaria e commerciale da Alitalia/SkyTeam, ii) numero complessivo degli slot richiesti, iv) business plan Timing 3 ottobre 2012, pubblicazione criteri di selezione 11 ottobre 2012, scadenza presentazione offerte 25 ottobre 2012, assegnazione slot ad easyjet 6 febbraio 2013, trasferimento slot da Assoclearance 25 marzo 2013, primo volo easyjet 23

24 Già tempo di bilanci? Alcuni benefici per i consumatori Maggiore scelta Un nuovo vettore con servizi di qualità Prezzi più bassi Incentivo anche per Alitalia a ridurre i prezzi e a migliorare il proprio servizio Costo medio di un biglietto A/R LIN-FCO nel 2009 > 350 euro Tutto bene quindi? No. Alitalia ancora dominante sulla LIN-FCO 85-90% frequenze/day Slot non disponibili a Linate Metodo assegnazione slot favorisce i gruppi societari che detengono più licenze Anche Costo i clienti di un Alitalia volo di sola possono andata beneficiare con easyjet CAI-Alitalia della nel concorrenza! nel

25 Per domande: Grazie dell'attenzione! DANDRIA ǀ Studio Legale Palazzo Valadier Piazza del Popolo, Roma T F

Milano-Roma: treno o aereo? La saga Alitalia dalla privatizzazione alla concorrenza intermodale

Milano-Roma: treno o aereo? La saga Alitalia dalla privatizzazione alla concorrenza intermodale Milano-Roma: treno o aereo? La saga Alitalia dalla privatizzazione alla concorrenza intermodale Andrea Pezzoli Mercato Università La Sapienza, Roma maggio 2012 Schema della presentazione 2 Un pò di storia:

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Rabitti Bedogni;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Rabitti Bedogni; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA dell 11 aprile 2012; SENTITO il Relatore Professore Carla Rabitti Bedogni; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO il decreto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO ICCSAI International Center for Competitiveness Studies in the Aviation Industry Il sistema aeroportuale lombardo: sviluppi passati, contesto attuale e prospettive. di

Dettagli

Analisi periodica dell accessibilità aerea degli aeroporti milanesi nel mercato globale - Indicatore di pressione competitiva, estate 2008 -

Analisi periodica dell accessibilità aerea degli aeroporti milanesi nel mercato globale - Indicatore di pressione competitiva, estate 2008 - CERTET Centro di Economia regionale, dei trasporti e del turismo Unioncamere Lombardia Analisi periodica dell accessibilità aerea degli aeroporti milanesi nel mercato globale - Indicatore di pressione

Dettagli

Aeroporti, mobilità e territorio

Aeroporti, mobilità e territorio Aeroporti, mobilità e territorio Unioncamere Roma 19 Febbraio 2014 Prof. Lanfranco Senn Direttore CERTeT Università Bocconi Presidente Gruppo CLAS Indice 1. I trend evolutivi del trasporto aereo in Italia

Dettagli

I principali aeroporti nazionali ed il collegamento alla rete ferroviaria. Febbraio 2015

I principali aeroporti nazionali ed il collegamento alla rete ferroviaria. Febbraio 2015 I principali aeroporti nazionali ed il collegamento alla rete ferroviaria Febbraio 2015 Traffico passeggeri dei principali Aeroporti nazionali - 2014 Aeroporto Nazionali Internazionali di cui C. Europea

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER GLI AEROPORTI ED IL TRASPORTO AEREO GLI ONERI DI SERVIZIO PUBBLICO NEI COLLEGAMENTI AEREI

DIREZIONE GENERALE PER GLI AEROPORTI ED IL TRASPORTO AEREO GLI ONERI DI SERVIZIO PUBBLICO NEI COLLEGAMENTI AEREI DIREZIONE GENERALE PER GLI AEROPORTI ED IL TRASPORTO AEREO DIV 3 - TRASPORTO AEREO E POLITICA TARIFFARIA GLI ONERI DI SERVIZIO PUBBLICO NEI COLLEGAMENTI AEREI DGATA/DIV3 1 GLI ONERI DI SERVIZIO PUBBLICO

Dettagli

NEWS FLASH TRASPORTI N 1 LUGLIO 2012

NEWS FLASH TRASPORTI N 1 LUGLIO 2012 N 1 LUGLIO 2012 A cura delle Politiche di Programmazione Economiche e Finanziarie g.serafini@uil.it A cura del Servizio Politiche di Programmazione Economiche e Finanziarie MOBILITA T.P.L. ASSTRA ANAV

Dettagli

Grandi aeroporti e aeroporti accessibili. L investimento di easyjet per la Lombardia

Grandi aeroporti e aeroporti accessibili. L investimento di easyjet per la Lombardia MOBILITY CONFERENCE 2015 CONNESSIONI AEREE E SVILUPPO AEROPORTUALE Grandi aeroporti e aeroporti accessibili. L investimento di easyjet per la Lombardia FRANCES OUSELEY, Direttore Italia easyjet Milano,

Dettagli

Aeroporto Internazionale di Milano Orio al Serio Milan Orio al Serio International Airport. Chief Financial Officer Sacbo SpA

Aeroporto Internazionale di Milano Orio al Serio Milan Orio al Serio International Airport. Chief Financial Officer Sacbo SpA LA MOBILITA AEREA, IL VOLO LOW-COST COST, IL RUOLO DELL AEROPORTO NELLE FUNZIONI URBANE Ciro Ciaccio Chief Financial Officer Sacbo SpA Dicembre 2009 UNO SCALO IN CONTINUA CRESCITA 8.000.000 7.000.000 6.000.000

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A.

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ATLANTIA S.P.A. SULL ARGOMENTO RELATIVO AL PUNTO 3. DELL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA PER I GIORNI 23 APRILE 2015 IN PRIMA

Dettagli

Quadro del traffico merci

Quadro del traffico merci aeroporti Quadro del traffico merci negli aeroporti italiani di P. Malighetti, V. Morandi, R. Redondi Paolo Malighetti, ricercatore del Dipartimento di Ingegneria Gestionale dell'università di Bergamo

Dettagli

ALITALIA: NEL 2008 DECOLLA IL NUOVO NETWORK. Conferenza Stampa martedì 5 febbraio 2008 ore 11.00

ALITALIA: NEL 2008 DECOLLA IL NUOVO NETWORK. Conferenza Stampa martedì 5 febbraio 2008 ore 11.00 COMUNICATO STAMPA ALITALIA: NEL 2008 DECOLLA IL NUOVO NETWORK PRESENTAZIONE DEL NUOVO NETWORK PER LA STAGIONE SUMMER 2008 Conferenza Stampa martedì 5 febbraio 2008 ore 11.00 Il 31 marzo 2008 parte il nuovo

Dettagli

ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014

ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014 ASSICURAZIONI E CONCORRENZA: EFFICIENZA DELLA REGOLAZIONE? Milano 28 febbraio 2014 Paola Mariani Regole IVASS, leggi italiane a tutela della concorrenza e compatibilità con il diritto dell U.E. Mercato

Dettagli

DATIDITRAFFICO 2014. DirezioneSviluppoStudiEconomicieTariffe

DATIDITRAFFICO 2014. DirezioneSviluppoStudiEconomicieTariffe DATIDITRAFFICO 214 DirezioneSviluppoStudiEconomicieTariffe A cura di Patrizia Sapia Sommario degli argomenti contenuti nel volume Pagina Terminologia usata nel testo 5 Traffico aeroportuale Graduatorie

Dettagli

A cura di Patrizia Sapia

A cura di Patrizia Sapia A cura di Patrizia Sapia Sommario degli argomenti contenuti nel volume Pagina Terminologia usata nel testo 5 Traffico aeroportuale Graduatorie movimenti, passeggeri e cargo 9 Traffico commerciale complessivo

Dettagli

Da Malpensa a Fiumicino: come cambia il trasporto aereo in Italia

Da Malpensa a Fiumicino: come cambia il trasporto aereo in Italia Da Malpensa a Fiumicino: come cambia il trasporto aereo in Italia Oliviero Baccelli vice-direttore CERTeT Bocconi e direttore MEMIT (Master in Economia e Management dei Trasporti) Sommario 1) Gli effetti

Dettagli

I vantaggi della liberalizzazione per Malpensa

I vantaggi della liberalizzazione per Malpensa idee per il libero mercato di Andrea Giuricin La caduta del Governo Prodi avrà sicuramente delle conseguenze sulla partita aperta tra Alitalia e Malpensa. Se da un lato è positivo il fatto che la riforma

Dettagli

Sommario degli argomenti contenuti nel volume

Sommario degli argomenti contenuti nel volume Sommario degli argomenti contenuti nel volume Pagina Terminologia usata nel testo 5 Traffico aeroportuale Graduatorie movimenti, passeggeri e cargo 9 Traffico commerciale complessivo 13 Traffico commerciale

Dettagli

Fiumicino e Malpensa: due sistemi aeroportuali a confronto. IL SISTEMA DEI VALICHI ALPINI Monitoraggio dei flussi e valutazione degli effetti sulle

Fiumicino e Malpensa: due sistemi aeroportuali a confronto. IL SISTEMA DEI VALICHI ALPINI Monitoraggio dei flussi e valutazione degli effetti sulle Fiumicino e Malpensa: due sistemi aeroportuali a confronto Maggio 2007 IL SISTEMA DEI VALICHI ALPINI Monitoraggio dei flussi e valutazione degli effetti sulle 1 Premessa La presentazione che segue si pone

Dettagli

Il quadro globale del trasporto aereo e le prospettive per gli aeroporti italiani

Il quadro globale del trasporto aereo e le prospettive per gli aeroporti italiani Mobility Conference 9 febbraio 2009 Il quadro globale del trasporto aereo e le prospettive per gli aeroporti italiani Oliviero Baccelli vice-direttore CERTeT Bocconi e direttore MEMIT (Master in Economia

Dettagli

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA

LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Intervento Giuseppe Castelli Vice Presidente Assolombarda Seminario LE PROSPETTIVE DI SVILUPPO DEL TRASPORTO AEREO PASSEGGERI E MERCI NEL NORD ITALIA Sala Falck Assolombarda 10 febbraio 2009 Tutte le relazioni

Dettagli

A cura di Patrizia Sapia

A cura di Patrizia Sapia A cura di Patrizia Sapia Sommario degli argomenti contenuti nel volume Pagina Terminologia usata nel testo 5 Traffico aeroportuale Graduatorie movimenti, passeggeri e cargo 9 Traffico commerciale complessivo

Dettagli

Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia

Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia Accessibilità e connettività per i trasporti a medio e lungo raggio in Lombardia Indice Analisi congiunturale Indicatori di accessibilità 2 Analisi congiunturale 3 Aeroporti e segmenti di mercato Mercato

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Prefattibilità dell Aeroporto di Latina. Latina, 28/02/2007

Prefattibilità dell Aeroporto di Latina. Latina, 28/02/2007 Prefattibilità dell Aeroporto di Latina Latina, 28/02/2007 Attività svolte 1. Definizione dello scenario di riferimento 2. Identificazione dei fattori di successo dell aeroportualità minore a livello europeo

Dettagli

LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO INFRASTRUTTURALE DEI GRANDI AEROPORTI NAZIONALI ROMA, MILANO, VENEZIA

LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO INFRASTRUTTURALE DEI GRANDI AEROPORTI NAZIONALI ROMA, MILANO, VENEZIA DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE AEROPORTI E SPAZIO AEREO LO SVILUPPO E L ADEGUAMENTO INFRASTRUTTURALE DEI GRANDI AEROPORTI NAZIONALI ROMA, MILANO, VENEZIA AGENDA 1. IL PIANO NAZIONALE AEROPORTI 2. I

Dettagli

Gran Bretagna Italia Rapporto Passeggeri 2009 Operatori, Infrastrutture & Profili Passeggeri

Gran Bretagna Italia Rapporto Passeggeri 2009 Operatori, Infrastrutture & Profili Passeggeri Gran Bretagna Italia Rapporto Passeggeri 2009 Operatori, Infrastrutture & Profili Passeggeri INDICE Introduzione P. 1 1 Il Mercato 2003-08 P. 5 20 2 Il profilo dei passeggeri: visitatori britannici in

Dettagli

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA

LA LOMBARDIA PER IL RILANCIO DI MALPENSA E PER LA SOLUZIONE DELLA CRISI ALITALIA Nel corso degli ultimi dieci anni, la Lombardia ha fortemente investito in una strategia di rafforzamento dell accessibilità aerea propria e dell Italia settentrionale, operando per il rafforzamento della

Dettagli

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE

4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE Densità di autovetture circolanti nelle città metropolitane (fonte: Istat, 1998; auto circolanti per chilometri quadrati di territorio comunale) 4. TRASPORTI E INFRASTRUTTURE 4.1. LE AUTO SEMPRE PADRONE

Dettagli

La decisione dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sulla concentrazione Alitalia/Volare

La decisione dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sulla concentrazione Alitalia/Volare La decisione dell Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sulla concentrazione Alitalia/Volare 1. Considerazioni introduttive 2. La determinazione del mercato rilevante 13 ottobre 2006 Michele

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE L INDIVIDUAZIONE DEGLI AEROPORTI DI INTERESSE NAZIONALE AI SENSI DELL ARTICOLO 698 DEL CODICE DELLA NAVIGAZIONE. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Cyber Security Come governare la sicurezza informatica nella gestione di un aeroporto internazionale

Cyber Security Come governare la sicurezza informatica nella gestione di un aeroporto internazionale Cyber Security Come governare la sicurezza informatica nella gestione di un aeroporto internazionale Mario De Pascale Information Technology Aeroporto di Pisa mario.depascale@toscana-aeroporti.com Agenda

Dettagli

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011

IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO. Modena, 4 aprile 2011 IL NUOVO PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA 2011-2020: EFFETTI SUL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO Modena, 4 aprile 2011 1 PIANO NAZIONALE DELLA LOGISTICA Strumento per la Competitività del Paese In un paese

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 13 luglio 2012; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTA la comunicazione

Dettagli

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.)

Presentazione. del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Presentazione del Forum Assonime delle Imprese Regolate (F.A.I.R.) Roma, 18 luglio 2002 Il Forum delle imprese regolate, che oggi viene inaugurato, vuole essere un luogo permanente di consultazione e scambio

Dettagli

su proposta del Ministro dei trasporti d'intesa con la Presidenza del Consiglio

su proposta del Ministro dei trasporti d'intesa con la Presidenza del Consiglio ALLEGATO IL CONSIGLIO DEI MINISTRI su proposta del Ministro dei trasporti d'intesa con la Presidenza del Consiglio e con Ministro dell economia e delle finanze Ministro dello sviluppo economico delibera

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Rabitti Bedogni;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Rabitti Bedogni; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 3 dicembre 2008; SENTITO il Relatore Professore Carla Rabitti Bedogni; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO il decreto-legge

Dettagli

fenomeno dell overbooking

fenomeno dell overbooking Overbooking È una tecnica di vendita in forza della quale i vettori di linea accettano prenotazioni per un numero di passeggeri superiore a quello che può essere trasportato dall aeromobile fenomeno dell

Dettagli

OFFERTE SPECIALI PER DESTINAZIONI IN ITALIA E NEL MONDO

OFFERTE SPECIALI PER DESTINAZIONI IN ITALIA E NEL MONDO OFFERTE SPECIALI DESTINAZIONI IN ITALIA E NEL MONDO Condizioni generali dell'offerta Le offerte sono acquistabili fino al 4 marzo 2015 ad esclusione della tratta indiretta nazionale - Genova, con scalo

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

LA COMPAGNIA A BASSE TARIFFE PREFERITA IN EUROPA

LA COMPAGNIA A BASSE TARIFFE PREFERITA IN EUROPA ROMA 12/02/2014 LA COMPAGNIA A BASSE TARIFFE PREFERITA IN EUROPA Le tariffe piú basse/costo per posto piú basso in Europa Nessuna sovrattassa carburante.garantito! No 1 per Traffico 81.5m No 1 per Copertura

Dettagli

Piano 2014-2017. Roma, 30 giugno 2014. Documento Riservato

Piano 2014-2017. Roma, 30 giugno 2014. Documento Riservato Piano 2014-2017 Roma, 30 giugno 2014 Piano Base: Scenario azioni e obiettivi 2 Target Trenitalia s.p.a 3 Domanda e ricavi Gruppo Trenitalia Traffico passeggeri (M pass.km) Traffico merci (M tonn.km) 4

Dettagli

TERMINOLOGIA USATA NEL TESTO

TERMINOLOGIA USATA NEL TESTO TERMINOLOGIA USATA NEL TESTO Nella presente pubblicazione si sono utilizzati i termini sotto riportati nel significato di seguito specificato (nelle definizioni non si è perseguito il rigore giuridico

Dettagli

Processi di razionalizzazione delle società partecipate nelle Grandi Città Trend emergenti

Processi di razionalizzazione delle società partecipate nelle Grandi Città Trend emergenti Processi di razionalizzazione delle società partecipate nelle Grandi Città Trend emergenti Rapporto di sintesi Giugno 2015 Progetto Valutazione delle performance Gestione delle attività partecipate Processi

Dettagli

SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011

SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011 SEA: Il Consiglio di Amministrazione approva il progetto di Bilancio 2011 Risultati 2011 in crescita rispetto all esercizio 2010 Ricavi gestionali 1 : 579,3 milioni di Euro (+5,3%) EBITDA gestionale 1

Dettagli

IL NUOVO VIAGGIO ITALIANO: Nuovo sistema di Prezzi. 31 marzo 2009 Roma Stazione Termini

IL NUOVO VIAGGIO ITALIANO: Nuovo sistema di Prezzi. 31 marzo 2009 Roma Stazione Termini IL NUOVO VIAGGIO ITALIANO: Nuovo sistema di Prezzi 31 marzo 2009 Roma Stazione Termini AV: Focus quota mercato Mi-Bo Auto 49,3% 2008 Treno 47,7% 3,0% Aereo + 12,3 p.p. Treno 59,3% 60% 2009 Auto 37,9% 2,8%

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 26 FEBBRAIO 2015 75/2015/R/GAS CHIUSURA DEL PROCEDIMENTO, AVVIATO CON DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ 350/2013/R/GAS, PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE RELATIVE AGLI ANNI 2012 E 2013 DELLA

Dettagli

Roma, novembre 2008. Alta velocità eoctà. Strettamente riservato Uso esclusivo Ferrovie dello Stato

Roma, novembre 2008. Alta velocità eoctà. Strettamente riservato Uso esclusivo Ferrovie dello Stato Roma, novembre 2008 Alta velocità eoctà I corridoi Transeuropei 2 Domanda di traffico Densità abitanti Densità illuminazione Fonte: Columbia University NY Fonte: Royal Astronomical Society 3 Scenario macro

Dettagli

L economia. del Piemonte decollerà con lo sviluppo dell aeroporto. di Torino

L economia. del Piemonte decollerà con lo sviluppo dell aeroporto. di Torino L economia del Piemonte decollerà con lo sviluppo dell aeroporto di Torino Audizione presso la Regione Piemonte I-II-III Commissione Consiliare Torino, 12 ottobre 2009 Associazione FlyTorino Chi siamo

Dettagli

Proposta di nuova struttura tariffaria regionale. ACaM

Proposta di nuova struttura tariffaria regionale. ACaM Proposta di nuova struttura tariffaria regionale ACaM Riferimenti normativi Benchmark nazionali Analisi dello schema attualmente in vigore Contenuti della proposta Quadro normativo di riferimento Normativa

Dettagli

Autorizzazione all acquisto di azioni proprie e al compimento di atti di disposizione sulle medesime.

Autorizzazione all acquisto di azioni proprie e al compimento di atti di disposizione sulle medesime. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.P.A. RELATIVA ALLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI REDATTA

Dettagli

MERIDIANA EUROFLY: PRESENTAZIONE DEL NUOVO NETWORK 2008

MERIDIANA EUROFLY: PRESENTAZIONE DEL NUOVO NETWORK 2008 Milano, 18 febbraio 2008 MERIDIANA EUROFLY: PRESENTAZIONE DEL NUOVO NETWORK 2008 LA STRATEGIA COMMERCIALE E IL POSIZIONAMENTO Dal 31 marzo 2008, con l avvio della stagione IATA Summer 2008, Meridiana e

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL SESTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DI GEMINA

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL SESTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DI GEMINA GEMINA RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SUL SESTO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA DI GEMINA S.p.A. Autorizzazione all acquisto e all alienazione di azioni proprie ai sensi

Dettagli

Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015

Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015 Osservazioni di Trenitalia S.p.A. Allegato A alla Delibera dell Autorità di Regolazione dei Trasporti n. 103 del 30 novembre 2015 Misure concernenti il contenuto minimo degli specifici diritti, anche di

Dettagli

C9812 - COMPAGNIA AEREA ITALIANA/ALITALIA LINEE AEREE ITALIANE -AIRONE Provvedimento n. 19248

C9812 - COMPAGNIA AEREA ITALIANA/ALITALIA LINEE AEREE ITALIANE -AIRONE Provvedimento n. 19248 C9812 - COMPAGNIA AEREA ITALIANA/ALITALIA LINEE AEREE ITALIANE -AIRONE Provvedimento n. 19248 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 3 dicembre 2008; SENTITO il Relatore

Dettagli

ALITALIA NEL MONDO PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA DEL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2013-2016

ALITALIA NEL MONDO PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA DEL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2013-2016 COMUNICATO STAMPA ALITALIA NEL MONDO PRESENTAZIONE DELLE LINEE GUIDA DEL NUOVO PIANO INDUSTRIALE 2013-2016 - IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE DI ALITALIA SI CONCENTRERA SU 3 BUSINESS PRINCIPALI: ALITALIA, AIR

Dettagli

Presentazione di: Beluffi Matteo Guddelmoni Gianpaolo

Presentazione di: Beluffi Matteo Guddelmoni Gianpaolo Presentazione di: Beluffi Matteo Guddelmoni Gianpaolo Storia 1985: Nasce per mano dell imprenditore irlandese Tony Ryan. Lo scopo è quello di collegare per via aerea Irlanda e Gran Bretagna, come alternativa

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; DETERMINAZIONE PROT. N. 11827 REP N. 647 DEL 10.10.2013 Oggetto: Procedura di gara d appalto per gli oneri di servizio pubblico ai sensi dell art. 16 par. 9 e 10 e art. 17 del Regolamento (CE) 1008/2008.

Dettagli

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI

*** Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate COMUNE DI Proposta di assistenza e supporto operativo per redazione di un piano di razionalizzazione e riorganizzazione delle società partecipate *** COMUNE DI QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO L approvazione della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MOSCA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2158 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MOSCA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di temporary manager da parte

Dettagli

Scuola di Harvard (paradigma struttura-condotta-performance) SCUOLE DI PENSIERO e POLITICHE ANTITRUST

Scuola di Harvard (paradigma struttura-condotta-performance) SCUOLE DI PENSIERO e POLITICHE ANTITRUST SCUOLE DI PENSIERO e POLITICHE ANTITRUST Le legislazioni Antitrust contemplano 4 punti: 1. Divieto di abuso di posizione dominante 2. Divieto di intesa 3. Controllo delle concentrazioni 4. Istituzione

Dettagli

Garden SAN VINCENZO TARIFFE. Per informazioni e preventivi rivolgersi alla propria agenzia di fiducia o chiamare lo 02 30200400

Garden SAN VINCENZO TARIFFE. Per informazioni e preventivi rivolgersi alla propria agenzia di fiducia o chiamare lo 02 30200400 ESTATE 2015 Garden SAN VINCENZO Sabato - Sabato Entro il 30 aprile Entro il 30 maggio ragazzi 2-18 anni n.c. IN CAMERA CON 2 ADULTI 04/04/2015 490 560 700 GRATIS 11/04/2015 450 514 643 GRATIS 18/04/2015

Dettagli

Aedes S.p.A. Bastioni di Porta Nuova 21 20121 Milano Tel. +39 02 62431 Fax +39 02 29002719

Aedes S.p.A. Bastioni di Porta Nuova 21 20121 Milano Tel. +39 02 62431 Fax +39 02 29002719 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Aedes S.p.A. sulla proposta di acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi e per gli effetti degli artt. 2357 e 2357-ter del Codice Civile,

Dettagli

Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314

Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314 Servizi pubblici locali e utenze domestiche: un salasso da 5.349 a famiglia, negli ultimi 4 anni + 314 5.349 ogni anno. A tanto ammonta la spesa per una famiglia tipo per acqua, luce, gas, rifiuti, bus

Dettagli

GLI EFFETTI SOCIOECONOMICI DELL AEROPORTO CANOVA

GLI EFFETTI SOCIOECONOMICI DELL AEROPORTO CANOVA 1 GLI EFFETTI SOCIOECONOMICI DELL AEROPORTO CANOVA Analisi degli impatti diretti, indiretti e indotti di una struttura aeroportuale sul territorio di insediamento REPORT DI SINTESI Responsabile scientifico

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

Analisi periodica dell accessibilità aerea. Executive Summary

Analisi periodica dell accessibilità aerea. Executive Summary Unioncamere Lombardia Certet Bocconi Analisi periodica dell accessibilità aerea n 29 Orario invernale 2010 Executive Summary INDICATORE DI ACCESSIBILITÀ INTERCONTINENTALE 2 INDICATORE DI PRESSIONE COMPETITIVA

Dettagli

Lamezia: Aeroporto, dal 25 giugno volo Air Transat per Toronto

Lamezia: Aeroporto, dal 25 giugno volo Air Transat per Toronto Lamezia: Aeroporto, dal 25 giugno volo Air Transat per Toronto Lunedì, 16 Giugno 2014 11:56 Lamezia Terme - L Air Transat, compagnia aerea canadese leader dei viaggi vacanze, annuncia che dal prossimo

Dettagli

09/05/2010 PORTOAEROPORTO

09/05/2010 PORTOAEROPORTO 09/05/2010 PORTOAEROPORTO 1 Porto e Aeroporto: scenari di sviluppo e principali posizioni degli Enti 09/05/2010 PORTOAEROPORTO 2 IL PROGETTO Scenari di sviluppo Dopo aver affrontato nel 2009 il tema della

Dettagli

PARERE DELLA COMMISSIONE. del 11.2.2013

PARERE DELLA COMMISSIONE. del 11.2.2013 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 11.2.2013 C(2013) 810 final PARERE DELLA COMMISSIONE del 11.2.2013 a norma dell articolo 3, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 714/2009 e dell articolo 10, paragrafo 6,

Dettagli

C9902 - LOTTOMATICA SCOMMESSE/NEWCO Provvedimento n. 19433

C9902 - LOTTOMATICA SCOMMESSE/NEWCO Provvedimento n. 19433 BOLLETTINO N. 2 DEL 2 FEBBRAIO 2009 45 C9902 - LOTTOMATICA SCOMMESSE/NEWCO Provvedimento n. 19433 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 15 gennaio 2009; SENTITO il Relatore

Dettagli

COMUNICATO STAMPA RIVISTE PREVISIONI PER IL 2009 E APPROVATO PIANO INDUSTRIALE 2010/2015

COMUNICATO STAMPA RIVISTE PREVISIONI PER IL 2009 E APPROVATO PIANO INDUSTRIALE 2010/2015 COMUNICATO STAMPA RIVISTE PREVISIONI PER IL 2009 E APPROVATO PIANO INDUSTRIALE 2010/2015 IMPEGNI DELLA CONTROLLANTE MERIDIANA PER GARANTIRE LA CONTINUITA AZIENDALE ALLO STUDIO L INTEGRAZIONE CON LE ATTIVITA

Dettagli

Mobility Conference 8 febbraio 2010. Roberto Zucchetti CERTeT Università Bocconi roberto.zucchetti@unibocconi.it

Mobility Conference 8 febbraio 2010. Roberto Zucchetti CERTeT Università Bocconi roberto.zucchetti@unibocconi.it Mobility Conference 8 febbraio 2010 Il ruolo degli aeroporti lombardi Indicatori di accessibilità aerea 1999-2009 Roberto Zucchetti CERTeT Università Bocconi roberto.zucchetti@unibocconi.it Sommario 1)

Dettagli

Franco Masera. Senior Advisor KPMG

Franco Masera. Senior Advisor KPMG Franco Masera Senior Advisor KPMG Franco MASERA Alessandro GUIDUCCI Valerio TROMBETTA Le Rotte Aeree, le nuove autostrade per la connettività globale Globalizzazione: occorre avvicinare la nuova Domanda

Dettagli

Dati di traffico aeroportuale maggio 2016

Dati di traffico aeroportuale maggio 2016 Dati di traffico aeroportuale maggio 2016 Note di commento fornite da Aeroporti di Puglia, Aeroporti di Roma, Aeroporto di Bologna e Aeroporto di Palermo Aeroporti di Puglia Aeroporti di Bari e Brindisi

Dettagli

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE.

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI CONVOCATA PER IL GIORNO 29 APRILE 2015 RELATIVA AL SETTIMO PUNTO ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; 13-01 02 Servizio della pianificazione e programmazione dei sistemi di trasporto Determinazione PROT. N. 5022 REP. N. 198 DEL 24 APRILE 2014 Oggetto: Procedura di gara d appalto per gli oneri di servizio

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

NOTA INTERPRETATIVA. Prologo

NOTA INTERPRETATIVA. Prologo NOTA INTERPRETATIVA Prime osservazioni sull affidamento dei servizi pubblici locali e sulla tariffa del servizio idrico integrato in esito al referendum abrogativo del 12 e 13 giugno 2011. Prologo In seguito

Dettagli

Articolazione cinque giorni. Allegato T Riorganizzazione Reti di Trasporto

Articolazione cinque giorni. Allegato T Riorganizzazione Reti di Trasporto Articolazione cinque giorni Allegato T Riorganizzazione Reti di Trasporto AS IS TO BE (Assetto Network Nazionale) 1 Venerdì Sabato Domenica AS IS AS IS AS IS RETE J1 RETE SAN VBS RETE SAN FCO RETE J1 Gomma

Dettagli

Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza. Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma

Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza. Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma Il controllo degli aiuti di Stato e le restrizioni della concorrenza Alberto Heimler Scuola Nazionale dell Amministrazione Roma Sommario della presentazione 1) Il ruolo delle restrizioni della concorrenza

Dettagli

DELIBERA N. 221/00 L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 6 dicembre 2000,

DELIBERA N. 221/00 L AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Nella riunione del 6 dicembre 2000, DELIBERA N. 221/00 AVVIO DI ISTRUTTORIA CONOSCITIVA CONCERNENTE EVENTUALI EFFETTI INDOTTI DA INIZIATIVE ASSUNTE DALL ENEL SPA NEL SETTORE DELLE TELECOMUNICAZIONI SULLA PRODUZIONE E SULLA EROGAZIONE DEI

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 642/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Sintesi Situazione Merci Aeroporto di Palermo. Maggio 2011

Sintesi Situazione Merci Aeroporto di Palermo. Maggio 2011 Sintesi Situazione Merci Aeroporto di Palermo Maggio 2011 1 Il Piano Nazionale della Logistica 2011 identifica numerosi interventi nel trasporto aereo delle merci e sottolinea la necessità di un sostegno

Dettagli

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia

La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Comitato per la Corporate Governance La disclosure e il monitoraggio della corporate governance in Italia Gabriele Galateri di Genola e Carmine Di Noia Milano, 16 aprile 2014 1 La disclosure della corporate

Dettagli

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE.

Signori Azionisti, * * * 1) PRINCIPALI MOTIVAZIONI PER LE QUALI È RICHIESTA L AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO ALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEGLI AZIONISTI CONVOCATA PER IL GIORNO 29 APRILE 2014 RELATIVA AL PUNTO TRE ALL ORDINE DEL GIORNO RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI

Dettagli

Come raggiungere la Sicilia

Come raggiungere la Sicilia Come raggiungere la Sicilia Via aereo, nave, treno o pullman? Raggiungere le favolose mete siciliane non è difficile. La terra del sole, grazie ai numerosi collegamenti, è a portata di mano. Aerei, traghetti,

Dettagli

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N.

Corso di Analisi Strategiche. Analisi di Settore. Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Analisi di Settore Prof. V.Maggioni Facoltà di Economia S.U.N. Il settore è il luogo economico delle imprese che esercitano reciprocamente la concorrenza (Guido, 2000). Il confine settoriale è definito

Dettagli

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo)

AIFI. CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) AIFI ASSOCIAZIONE ITALIANA DEL PRIVATE EQUITY E VENTURE CAPITAL CODICE INTERNO DI COMPORTAMENTO per Investment Companies di private equity (contenuto minimo) Indice LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DEL PRESENTE

Dettagli

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE

INDICATORI SOCIO-ECONOMICI SU FIRENZE Gli indicatori delle modalità di arrivo a Firenze: i bus turistici e il traffico aereo Tra le numerose modalità di arrivo a Firenze si evidenziano quelle più rappresentative dell andamento turistico nonché

Dettagli

(iii) per adempiere alle obbligazioni di consegna delle azioni derivanti da programmi di distribuzione, a titolo oneroso o gratuito, di opzioni su

(iii) per adempiere alle obbligazioni di consegna delle azioni derivanti da programmi di distribuzione, a titolo oneroso o gratuito, di opzioni su MONCLER S.p.A. Sede sociale in Milano, Via Stendhal, n. 47 - capitale sociale euro 50.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Milano, codice fiscale e partita IVA 04642290961 - REA n 1763158 Relazione

Dettagli

29 marzo 4 Aprile 2016

29 marzo 4 Aprile 2016 in PARTENRSHIP CON ACENTRO presenta e propone : TROFEO Logos di Primavera Formula da definire OITAVOS Dunes Golf Resort CASCAIS, LISBONA 29 marzo 4 Aprile 2016 SPECIAL PACKAGE SOCI LOGOS (minimo 20 partecipanti)

Dettagli

IP222 - ALITALIA-NO SHOW RULE Provvedimento n. 25526 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

IP222 - ALITALIA-NO SHOW RULE Provvedimento n. 25526 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO IP222 - ALITALIA-NO SHOW RULE Provvedimento n. 25526 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 18 giugno 2015; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la

Dettagli

Meridiana (Incl. Eurofly); 6%

Meridiana (Incl. Eurofly); 6% 106 idee per il libero mercato Trasporto aereo: crisi Alitalia, non italiana di Andrea Giuricin La crisi Alitalia continua ormai da diversi anni, mentre il processo di privatizzazione procede lentamente

Dettagli

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SOAVE PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER VIDEO SORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 30.11.05 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità

Dettagli

EVOLUZIONE DEL TRASPORTO AEREO

EVOLUZIONE DEL TRASPORTO AEREO EVOLUZIONE DEL TRASPORTO AEREO Dott. Andrea Giuricin Istituto Bruno Leoni 7 Ottobre 2008 L istituto Bruno Leoni L Istituto Bruno Leoni promuove una discussione pubblica più consapevole ed informata sui

Dettagli

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management

Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management Legge 231: le ricadute organizzative e il risk management a cura di: Francesco M. Renne docente CUOA Finance, coordinatore Osservatorio Legislazione & Mercati Bruno Borgia docente CUOA Finance, membro

Dettagli

GLI ENTI LOCALI E LA DELIBERAZIONE N. 40/04: LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 87/06

GLI ENTI LOCALI E LA DELIBERAZIONE N. 40/04: LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 87/06 GLI ENTI LOCALI E LA DELIBERAZIONE N. 40/04: LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 87/06 Alberto Grossi Direttore della Direzione Consumatori e Qualità del Servizio Questa presentazione non è un

Dettagli

Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141

Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141 Il futuro dei Confidi 106 e 107 alla luce del D.lgs. del 13/08/2010 n. 141 Prof.ssa Rosa Adamo Corso di Istituzioni di Economia degli Intermediari Finanziari Sommario 1. L istituzione di un unico albo

Dettagli