Dispensa per il corso sulla Totally Integrated Automation (T.I.A.) Modulo 1 Principi di programmazione del PLC con SIMATIC S7-300

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dispensa per il corso sulla Totally Integrated Automation (T.I.A.) Modulo 1 Principi di programmazione del PLC con SIMATIC S7-300"

Transcript

1 Dispensa per il corso sulla Totally Integrated Automation (T.I.A.) Modulo Principi di programmazione del PLC con SIMATIC S7-3 Dispensa Siemens SCE Pagina di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

2 Il presente documento è stato redatto da Siemens A&D SCE (Siemens A&D Cooperates with Education) per scopi didattici. Siemens declina ogni responsabilità riguardo al contenuto. La diffusione e la riproduzione del presente documento, l'utilizzo e la trasmissione a terzi del relativo contenuto sono ammessi solo all'interno di Istituti Tecnici (I.T.I.S.), Professionali (I.P.S.I.A.), Università, Centri di Formazione ed Istituzioni Pubbliche di Formazione e perfezionamento. In tutti gli altri casi è richiesta l'autorizzazione scritta da Siemens A&D SCE (Siemens A&D Cooperates with Education). In caso di utilizzo abusivo si procederà alla richiesta di risarcimento danni. Sono riservati tutti i diritti compresi quelli di traduzione, in particolar modo in caso di brevetto e marchi registrati. Dispensa Siemens SCE Pagina 2 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

3 PAGINA:. Premessa Configurazione e funzioni del PLC Tipi di segnale nella tecnica di controllo Segnali binari Segnali analogici Sistemi numerici Sistema decimale Sistema binario Codice BCD (Codice ) Sistema esadecimale Rappresentazione dei sistemi numerici Regole di conversione Concetti di informatica Bit Byte Parola (word) Doppia parola (double word) Indirizzo bit Indirizzo byte Indirizzo parola Indirizzo doppia parola Configurazione di un PLC Funzionamento di un PLC Unità centrale di elaborazione (CPU) Sistema bus Alimentatore Memoria di programma RAM Flash EPROM Sistema di automazione SIMATIC S SIMATIC S Dispensa Siemens SCE Pagina 3 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

4 PAGINA: 2.7 Esecuzione del programma Memoria di programma Esecuzione lineare del programma Esecuzione strutturata del programma Blocchi utente Blocchi di sistema per le funzioni standard di sistema Linguaggio di programmazione STEP Informazioni generali Conversione STEP 5? STEP Norma IEC 63 sui PLC Struttura delle directory Configurazione e parametrizzazione Istruzioni Operazioni Operandi Indirizzamento Indirizzamento simbolico Indirizzamento assoluto Rappresentazione del programma Rappresentazione KOP Rappresentazione FUP Rappresentazione AWL Merker Merker a ritenzione Merker non a ritenzione Dispensa Siemens SCE Pagina 4 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

5 . PREMESSA Attualmente i controllori a logica programmabile, in breve PLC, sono l'elemento centrale dell'automazione. Grazie ai PLC è infatti possibile risolvere praticamente qualsiasi compito di automazione nel modo più vantaggioso. COMANDO STEUERN REGOLAZIONE REGELN SPS PLC SEGNALAZIONE E PROTOCOLLAZIONE MELDEN UND PROTOKOLLIEREN CALCOLO RECHNEN BEDIENEN UND BEOBACHTEN GESTIONE E SUPERVISIONE Questo modulo ha l'obiettivo di dare una visione generale del sistema di automazione S7-3 e del relativo software di programmazione STEP 7. Prerequisiti Poiché in questa prima parte vengono descritti i principi fondamentali non è necessario alcun requisito particolare. Dispensa Siemens SCE Pagina 5 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

6 2. CONFIGURAZIONE E FUNZIONI DEL PLC Il PLC ha il compito di controllare le operazioni di una macchina o un impianto sulla base di una sequenza di funzioni prestabilita e in funzione dei segnali ricevuti dai sensori. 2. TIPI DI SEGNALE NELLA TECNICA DI CONTROLLO I segnali elettrici presenti negli ingressi e nelle uscite possono essere suddivisi in due gruppi: segnali binari segnali analogici 2... SEGNALI BINARI I segnali binari possono assumere solo due stati, ovvero: Stato = tensione presente = ad es. interruttore ON Stato = tensione assente = ad es. interruttore OFF Dispensa Siemens SCE Pagina 6 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

7 Nella tecnica di controllo spesso si utilizza una tensione continua di 24V. Un livello di tensione di + 24V in un morsetto di ingresso corrisponde allo stato nell'ingresso corrispondente, mentre V corrisponde allo stato. Oltre allo stato del segnale è importante l'assegnazione logica del generatore di segnali. Deve essere noto se il generatore di segnale è un contatto normalmente chiuso o un contatto normalmente aperto. I contatti normalmente chiusi assumono lo stato quando sono attivi, un comportamento definito attivo o attivo low. Allo stesso modo un contatto normalmente aperto è attivo / attivo high, ovvero invia il segnale, quando viene attivato. Generalmente i generatori di segnale sono attivo. Un'applicazione tipica di un generatore di segnale attivo è il tasto per l'arresto di emergenza. Quando non è azionato (non è stato premuto) il tasto consente sempre il passaggio della corrente e quindi invia il segnale all'ingresso a cui è collegato (rilevamento rottura conduttore). La reazione connessa all'azionamento del tasto (ad es. la chiusura di tutte le valvole) ha luogo quando il segnale assumerà lo stato. Posizioni binarie Un segnale binario può quindi assumere solo i due valori (stati) e. Questo tipo di segnale viene definito anche "posizione binaria" e nel linguaggio tecnico viene chiamato bit. Più segnali binari in successione e disposti in un ordine preciso (code) corrispondono ad un segnale digitale. Mentre un segnale binario consente il rilevamento di una grandezza che può assumere solo due valori (ad es. porta aperta / chiusa), raggruppando più posizioni binarie è possibile generare, ad esempio, un numero o una cifra come informazione digitale. Il raggruppamento di n posizioni binarie consente di rappresentare 2n diverse combinazioni. Ad es. con 2 posizioni binarie è possibile generare 2x2, ovvero 4, diverse informazioni: Informazione (ad es. entrambi i contatti aperti) Informazione2 (contatto aperto / contatto 2 chiuso) Informazione3 (contatto chiuso / contatto 2 aperto) Informazione4 (entrambi i contatti chiusi) Dispensa Siemens SCE Pagina 7 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

8 2..2 SEGNALI ANALOGICI Diversamente dai segnali binari che possono assumere solo gli stati tensione presente +24V e tensione assente V, i segnali analogici possono assumere un numero maggiore di valori compresi in un dato intervallo. Un esempio tipico di generatore di segnale analogico è il potenziometro. Variando la posizione della manopola di regolazione è possibile impostare una resistenza qualsiasi compresa entro il valore massimo. Esempi di grandezze analogiche frequenti nella tecnica di controllo: temperatura C portata... 2l/min giri U/min ecc. Tali grandezze vengono convertite in valori di tensione, corrente o resistenza mediante un trasduttore di misura. Ad esempio, per rilevare il numero di giri di un motore si può decidere che l'intervallo da 5 a 5 U/min corrisponde all'intervallo di tensione da e +V e convertire i giri in tensione mediante un trasduttore di misura. Se viene rilevato un numero di giri di 865 U/min il trasduttore genera in uscita un valore di tensione pari a + 3, U/min 365 U/min V V: U/min =, V/U/min 365 U/min x, V/U/min = 3,65 V +V Dispensa Siemens SCE Pagina 8 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

9 Per poter elaborare i valori analogici con un PLC, è necessario convertire i valori di tensione, corrente o resistenza in formato digitale. La conversione analogico-digitale (conversione A/D) implica che, ad esempio, un valore di tensione di 3,65V venga memorizzato in una serie di posizioni binarie. Più posizioni binarie vengono utilizzate per la rappresentazione digitale, più precisa risulta la risoluzione. Se, ad esempio, per l'intervallo di tensione... +V si dispone di solo bit, è possibile una sola opzione, ovvero se la tensione misurata è compresa nell'intervallo.. +5V o nell'intervallo +5V... +V. Disponendo di 2 bit è invece possibile suddividere l'intervallo in 4 intervalli più piccoli, ovvero... 2,5 / 2, / ,5 / 7,5... V. I convertitori A/D più diffusi nella tecnica di controllo operano con 8 o bit. Con 8 bit si dispone di 256 intervalli di valori e con bit di una risoluzione di 248 intervalli. A/V 2mA/V V: 248 =,48828? è possibile rilevare Bit variazioni di tensione di 248 <5mV Dispensa Siemens SCE Pagina 9 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

10 2.2 SISTEMI NUMERICI Per elaborare gli indirizzi di celle di memoria, ingressi, uscite, temporizzatori, merker ecc. con il PLC non si utilizza il sistema decimale ma quello binario SISTEMA DECIMALE Per comprendere il sistema binario è innanzitutto necessario esaminare il sistema decimale. Nel nostro esempio vogliamo scomporre il numero 25. Il 2 corrisponde alle centinaia, l' alle decine e il 5 alle unità. In realtà la forma corretta per la scrittura del numero 25 sarebbe: Se si scrive l'espressione 2++5, come nel grafico sottostante, basandosi sulla potenza di, diventa chiaro che a ciascuna cifra del numero è associata una potenza di dieci. 2 Potenza di Z u g e o r d n e t e associata Z e h n e r p o t e n z Centinaia Hunderter Decine Zehner Unità Einer 2 5 Dezim alzahl Numero decimale * * 5 * 2 Ogni cifra del numero decimale è associata ad una potenza di. Dispensa Siemens SCE Pagina di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

11 2.2.2 SISTEMA BINARIO Il sistema binario conosce solo le cifre e che nella tecnica di elaborazione dati risultano particolarmente facili da rappresentare e interpretare. Come si vede nel grafico, i valori di un numero binario sono associati a potenze di Potenza Zugeordnete di 2 associata Zehnerpotenz Numero binario Dualzahl 3 2 * 2 * 2 * 2 * Numero decimale = 3 Dezimalzahl Nei numeri binari ogni cifra è associata ad una potenza di CODICE BCD (CODICE ) Per rappresentare valori numerici molto elevati spesso si ricorre al codice BCD (decimale codificato in binario). Le cifre decimali vengono espresse da cifre binarie. La cifra decimale con il valore più elevato è il 9. Per rappresentare il 9 si utilizzano potenze di 2 fino a 2 3, ovvero complessivamente quattro 4 cifre decimale = 9 Dezimal 8 decimale = 8 Dezimal Se rappresentare la cifra decimale più elevata richiede 4 cifre binarie, ciascuna cifra decimale sarà espressa da quattro cifre, una cosiddetta tetrade. Il codice BCD è quindi un codice a 4 bit. Dispensa Siemens SCE Pagina di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

12 Ogni cifra decimale ha un proprio codice. Ad esempio, il numero 285 è costituito da tre cifre decimali ciascuna delle quali corrisponde in codice BCD ad un'unità di quattro cifre binarie (tetrade) Ogni cifra decimale ha un proprio codice corrispondente ad una tetrade SISTEMA ESADECIMALE Il sistema esadecimale è un sistema che utilizza come valori posizionali le potenze del numero 6. È quindi un sistema numerico in base 6. Ogni cifra di un numero esadecimale è associata ad una potenza di 6. Complessivamente sono necessarie 6 cifre compreso lo zero. Per le cifre da a 9 si utilizza il sistema decimale, per le cifre da a 5 le lettere A, B, C, D, E ed F. Nei numeri esadecimali ogni cifra è associata ad una potenza di 6. Dispensa Siemens SCE Pagina 2 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

13 Dispensa Siemens SCE Pagina 3 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S RAPPRESENTAZIONE DEI SISTEMI NUMERICI Dezimalzahl Dualzahl Hexadezimalzahl A B C D E F 2 3 Numero decimale Numero esadecimale Numero binario

14 2.2.6 REGOLE DI CONVERSIONE La conversione da un sistema numerico all'altro si basa su alcune semplici regole che è importante conoscere perché trovano spesso impiego nell'ambito della tecnica di programmazione. Il sistema numerico su cui è basato un dato numero è indicato da un indice collocato a destra del numero. D corrisponde a decimale, B a binario e H a esadecimale. Spesso questa indicazione si rende necessaria perché una sequenza di cifre assume un valore completamente diverso in funzione del sistema numerico a cui appartiene. Ad esempio corrisponde al valore D nel sistema decimale (centoundici), nel sistema binario B corrisponderebbe al valore decimale 7 (x2 + x 2 + x2 2 ) mentre nel sistema esadecimale H corrisponderebbe al valore 273 (x6 + x6 + x 6 2 ). Conversione decimale binario I numeri decimali interi vengono divisi per 2 finché si ottiene il risultato zero. La sequenza di cifre corrispondenti al resto delle divisioni ( o ) forma il numero binario. Si noti la direzione in cui viene disposta la sequenza dei resti. Il resto della prima divisione corrisponde al primo bit a destra (quello con il valore più basso). Esempio: si vuole trasformare il numero decimale 23 nel corrispondente numero binario. resto resto resto resto resto resto resto capovolgere in senso orario Dimostrazione: x2 6 + x2 5 + x2 4 + x2 3 + x2 2 + x2 + x = 23 Dispensa Siemens SCE Pagina 4 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

15 Conversione decimale esadecimale La procedura è uguale a quella per la conversione decimale binario con la differenza che invece della base 2 viene utilizzata la base 6. Invece che per 2, le cifre verranno divise per 6. Esempio: si vuole trasformare il numero decimale 23 nel corrispondente numero esadecimale. resto capovolgere in senso orario resto Dimostrazione: 7 B 7x6 + x6 2 + = 23 Conversione binario esadecimale Per convertire un numero binario in formato esadecimale si stabilisce innanzitutto il valore decimale del numero binario (somma delle valenze). Quindi si converte il numero decimale in esadecimale dividendolo per 6 secondo il metodo precedentemente descritto. È inoltre possibile ricavare il valore esadecimale direttamente dal numero binario. A tale scopo si dovrà suddividere il numero binario in gruppi di quattro cifre partendo da destra: ogni gruppo di cifre corrisponde ad una cifra del numero esadecimale. Se necessario nel gruppo a sinistra si dovranno sostituire i bit mancanti con degli zeri. Esempio: si vuole trasformare direttamente il numero binario in numero esadecimale. B x2 3 + x2 2 + x2 + x2 x2 3 + x2 2 + x2 + x2 7 B H Dispensa Siemens SCE Pagina 5 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

16 2.3 CONCETTI DI INFORMATICA Nell'ambito dei controlli automatici spesso si ricorre a concetti propri dell'informatica e dell'elaborazione dati quali BIT, BYTE e PAROLA BIT Bit è l'acronimo di cifra binaria. Il BIT rappresenta l'unità di informazioni binaria (di due valori) più piccola che può assumere due soli stati "" o "". 24 V Tensione presente Spannung vorhanden V Tensione assente Spannung nicht vorhanden BYTE Il BYTE è un'unità costituita da 8 caratteri binari. Un byte è quindi costituito da 8 bit. B Y T E PAROLA (WORD) Stato Signalzustand del segnale Una parola (Word) è costituita da una sequenza di caratteri binari che in determinati contesti vengono utilizzati come una singola unità. La lunghezza della parola è di 6 caratteri binari. Le parole consentono di rappresentare, ad esempio: Numeri binari Caratteri Istruzioni per PLC Stato del segnale Parola Byte Byte Una parola è quindi costituita da 2 byte o 6 bit DOPPIA PAROLA (DOUBLE Siemens WORD) SCE (Siemens Cooperates with Education) La doppia parola (double word) ha una lunghezza di 32 caratteri binari. Dispensa Siemens SCE Pagina 6 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

17 Una doppia parola è quindi costituita da 2 parole, 4 byte o 32 bit. Altre unità utilizzate sono il Kilobit e il Kilobyte, che equivalgono a 2 ovvero rispettivamente a 24 bit e 24 byte, e il Megabit e il Megabyte che equivalgono rispettivamente a 24 Kilobit e a 24 Kilobyte INDIRIZZO BIT Per poter indirizzare i bit, è necessario assegnare una cifra, detta "indirizzo", a ciascun bit di cui è composto il byte. In tutti i byte l'ultimo bit a destra assume l'indirizzo, mentre il primo a sinistra ha l'indirizzo Indirizzo Bitadresse bit INDIRIZZO BYTE Anche i byte sono identificati da un numero detto "indirizzo byte". In tal caso nell'indirizzo viene specificato anche l'operando, per cui EB 2 corrisponde, ad esempio, al byte di ingresso 2 e AB 4 al byte di uscita 4. Una chiara identificazione dei bit viene ottenuta combinando l'indirizzo del bit e del relativo byte. L'indirizzo del bit viene separato da quello del byte mediante un punto. A destra del punto compare l'indirizzo del bit e a sinistra quello del byte. Byte E.7 E.6 E.5 E.4 E.3 E.2 E. E. Indirizzo Byteadresse byte Dispensa Siemens SCE Pagina 7 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

18 2.3.7 INDIRIZZO PAROLA La numerazione delle parole determina l'indirizzo della parola stessa. Nota: Con l impiego di parole, ad es. parola di ingresso (EW), parola di uscita (AW), parola di merker (MW) ecc., l'indirizzo corrisponde sempre all'indirizzo più basso dei due byte di cui è composta la parola. EW EW2 EB EB EB2 EB3 EW Indirizzo parola Nota: Con l elaborazione a parola, è importante considerare che, ad esempio, la parola di ingresso e la parola di ingresso hanno un byte in comune. Inoltre nel conteggio dei bit si procede da destra a sinistra. Ad esempio il bit di EW è E2., il bit è E il bit7 è E2.7, il bit8 è E..... il bt5 è E.7. Tra i bit7 e 8 c'è quindi un "salto" INDIRIZZO DOPPIA PAROLA La numerazione di doppie parole determina l indirizzo di due parole consecutive. Nota: L'indirizzo di una doppia parola, ad es. ED, AD, MD ecc., corrisponde sempre all'indirizzo più basso delle due parole che la compongono. ED EW EW2 EB EB EB2 EB3 EW Indirizzo doppia parola Dispensa Siemens SCE Pagina 8 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

19 2.4 CONFIGURAZIONE DI UN PLC I PLC sono sistemi prodotti in serie e caratterizzati da una configurazione adattabile alle esigenze dell'utilizzatore. Gli elementi logici, le funzioni di memorizzazione, i temporizzatori, i contatori ecc. per la tecnica di controllo vengono realizzati dal produttore e combinati in un'unità di controllo funzionante grazie alla programmazione. I PLC si differenziano principalmente dalle seguenti caratteristiche: quantità di ingressi e uscite capacità di memoria numero di contatori numero di temporizzatori funzioni di merker funzioni speciali velocità di elaborazione tipo di elaborazione del programma I PLC vengono realizzati assemblando "ad hoc" delle unità modulari. A partire da una configurazione di base, grazie alla struttura modulare è possibile realizzare sistemi di automazione adattabili alle più svariate esigenze applicative. Per il controllo di sistemi semplici vengono impiegati PLC compatti costituiti da unità chiuse con un numero prestabilito e non modificabile di ingressi e uscite. Un controllore logico programmabile (PLC) è costituito dai seguenti elementi fondamentali: Sistema di automazione Automatisierungsgerät PLC SPS Generatori di segnali Signalgeber Attuatori e segnalatori luminosi Stellgeräte bzw. Leuchtmelder Dispensa Siemens SCE Pagina 9 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

20 Il sistema di automazione è costituito da: Unità centrale con processore Zentralbaugruppe mit Prozessor Memoria Programmspeicher di programma Sistema Automatisierungsgerät di automazione Alimentatore Stromversorgungsbaugruppe Sistema Bussystem Bus Moduli Ein- und di Ausgabebaugruppen ingresso e uscita Struttura di un controllore logico programmabile (PLC): Stromversorgung für Signalgeber Alimentazione generatori di segnale Generatori Signalgeber di segnale (Sensori) Modulo di baugruppe uscita Alimen- Stromvertatorsorgungsbaugruppe Zentralbaugruppe Unità centrale Memoria di programma Programmspeicher Eingabe- Modulo di baugruppe ingresso Ausgabe- Processore Prozessor Attuatori / segnalatori luminosi Stellgeräte / Leuchtmelder Alimentazione attuatori /segnalatori luminosi Stromversorgung für Stellgeräte/ Leuchtmelder Dispensa Siemens SCE Pagina 2 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

21 2.5 FUNZIONAMENTO DI UN PLC 2.5. UNITÀ CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) La tensione proveniente dai sensori viene applicata al blocco morsetti del modulo di ingresso. Nella CPU il processore elabora il programma in memoria e interroga gli ingressi per determinarne il livello di tensione. In funzione dello stato degli ingressi e del programma in memoria, il processore indica al modulo di uscita di inviare un segnale elettrico ai corrispondenti connettori della barra. Quindi, in base allo stato dei connettori dei moduli di uscita, gli attuatori o i segnalatori luminosi (o LED) vengono attivati o disattivati. Unità centrale (CPU) del PLC: + UE. UE. 2 = A. 3 OE OE =A 4. BE unità di controllo Steuerwerk Registro Anweisungsistruzioni Register Merker Merker Temporizzatori Interne Zeiten interni Contatori interni Interne Zähler Immagine di Prozeßabbild für digitale processo unddegli analoge ingressi/uscite Einund Ausgänge digitali e analogici Bus di periferia (modulo di bus) Peripheriebus ( Busmodul ) Ingresso digitale e analogico Eingabe digital und anlog Uscita digitale e analogica Ausgabe digital und analog Moduli Zeit-, Zählund Grenzwert- di temporizzazione, baugruppen conteggio e comparazione Dispensa Siemens SCE Pagina 2 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

22 Il contatore degli indirizzi interroga la memoria di programma istruzione per istruzione (in modo seriale) e fa sì che le informazioni vengano trasmesse dalla memoria di programma nel registro delle istruzioni in base al programma. Le memorie del processore vengono comunemente chiamate registri. L'unità di controllo riceve le istruzioni dal registro istruzioni. Mentre elabora un'istruzione, il contatore degli indirizzi scrive l'istruzione successiva nel registro. Il trasferimento dello stato degli ingressi nell'immagine di processo degli ingressi (IPI) è seguito dalla combinazione logica, dall'utilizzo dei temporizzatori, dei contatori, degli accumulatori e dal trasferimento del risultato logico combinatorio (RLC) nell'immagine di processo delle uscite (IPU). Una volta eseguito il programma utente, quando viene rilevata la fine del blocco (BE), lo stato viene trasferito dalla IPU nelle uscite. Il bus di periferia effettua lo scambio dei dati tra l'unità centrale e la periferia. Fanno parte della periferia i moduli di ingresso e di uscita digitali e analogici e i moduli di temporizzazione, conteggio e comparazione SISTEMA BUS Il sistema bus è un complesso di collegamenti elettrici per la trasmissione di segnali. Nel sistema di automazione lo scambio dei segnali tra il processore e i moduli di ingresso e uscita viene quindi regolato dal sistema a bus di processo. Il bus è costituito da tre conduttori di segnale paralleli: Bus indirizzi Adressbus Bus Bussystem di sistema Bus dati Datenbus Bus controllo Steuerbuse comando - Il bus indirizzi consente di indirizzare i moduli. - Il bus dati trasferisce i dati, ad esempio, dai moduli di ingresso a quelli di uscita. - Il bus di controllo e comando trasmette i segnali per il comando e il controllo dell'esecuzione delle funzioni nel dispositivo di automazione. Dispensa Siemens SCE Pagina 22 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

23 2.5.3 ALIMENTATORE L'alimentatore è collegato alla tensione di rete e fornisce la tensione ai moduli elettronici del sistema di automazione. La tensione erogata è di 24 Volt. Per le tensioni superiori a 24 Volt per l'alimentazione dei sensori, gli attuatori e i segnalatori luminosi, si devono utilizzare alimentatori o trasformatori supplementari MEMORIA DI PROGRAMMA Gli elementi di memoria sono componenti in cui le informazioni vengono memorizzate sotto forma di segnali binari. Per la memoria di programma vengono utilizzate prevalentemente memorie a semiconduttori. Le memorie possono essere composte da 52, 24, 248 ecc. celle. Convenzionalmente la capacità della memoria di programma (ovvero il numero di celle) viene indicata in multipli di K ( K corrisponde a 24). In ogni cella di memoria è possibile scrivere (programmare) un'istruzione mediante un dispositivo di programmazione. Ciascun elemento binario della cella può assumere lo stato "" o "" RAM L'acronimo RAM indica una memoria di lettura e scrittura a semiconduttori. Le singole posizioni di memoria sono identificate da indirizzi che consentono di accedere alle singole celle. Nelle celle le informazioni possono essere scritte un numero infinito di volte. La lettura delle informazioni non implica la perdita del contenuto della memoria. Tuttavia, poiché la RAM è una memoria volatile, perde le informazioni memorizzate quando non è presente l'alimentazione. La cancellazione della RAM viene effettuata elettricamente. La memoria di lavoro interna di un S7-3 è una RAM. La batteria tampone utilizzabile in opzione nel PLC ha lo scopo di impedire la perdita dei dati memorizzati FLASH EPROM EPROM è l'acronimo per Erasable ROM (Read Only Memory) ed è una memoria che può essere cancellata completamente per mezzo dell'esposizione ai raggi ultravioletti o ad una tensione e quindi riprogrammata. Per questo è adatta ad essere trasportata senza il rischio di perdere i dati. L'S7-3 offre la possibilità di memorizzare il programma con il PG in una cosiddetta Memory Card (Flash EPROM) in modo da poter ripristinare velocemente il sistema anche in caso di interruzione della corrente. La tensione di cancellazione e di scrittura della Flash EPROM è di 5V per cui è possibile cancellarla e scriverci anche quando è inserita nella CPU. Dispensa Siemens SCE Pagina 23 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

24 2.6 SISTEMA DI AUTOMAZIONE SIMATIC S7 SIMATIC S7 è il nome commerciale con il quale SIEMENS designa l'attuale serie di controllori programmabili. La famiglia di sistemi SIMATIC S7 è attualmente una delle colonne portanti dell'automazione nell'ambito della tecnologia di produzione e di processo, la Totally Integrated Automation SIMATIC S7-3 Moduli I PLC SIMATIC S7-3 sono costituiti, oltre che dalla CPU, dai seguenti moduli: PS: IM: SM: FM: CP: Ingresso - Send DI / DO Conteggio - Punto a punto AC 2V/23V - Receive - DC 24 V Regolazione - PROFIBUS DP/FMS Uscita - Send / AC 2/23V Posizionamento DC 24V Receive Relè Camme Posizione - 2A NC - 5A AI/AO - A - Tensione FM-ATB - Corrente - Tecnologia utente - Resistenza (piattaforma MS-DOS/C) - Termocoppia Dispensa Siemens SCE Pagina 24 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

25 Tipi di CPU Nella tabella sono riportate alcune CPU della famiglia S7-3. Ne sono disponibili altre con ottime prestazioni e ne vengono continuamente prodotte di nuove, ma sono caratterizzate unicamente da una migliore capacità di calcolo, una caratteristica del tutto irrilevante per i semplici programmi che verranno svolti nel corso. CPU 32 IFM CPU 33 CPU 34 IFM CPU 34 CPU 35 CPU35-2DP 2K istruzioni 6Kbyte memoria di lavoro - 2Kbyte memoria di caricamento 4K istruzioni 2Kbyte memoria di lavoro - 2Kbyte memoria di caricamento 8K istruzioni 24Kbyte memoria di lavoro - 4Kbyte memoria di caricamento 8K istruzioni 24Kbyte memoria di lavoro - 4Kbyte memoria di caricamento 6K istruzioni. 48Kbyte memoria di lavoro - 8Kbyte memoria di 28 byte DI/DO 28 byte DI/DO 52 byte DI/DO 52 byte DI/DO 24 byte DI/ DO 6K istruzioni. 48Kbyte memoria di lavoro - 8Kbyte memoria di caricamento 24 byte DI/DO 32 byte AI/AO 32 byte AI/AO 64 byte AI/AO 64 byte AI/AO 28 byte AI/AO 28 byte AI/AO,6 ms / K comandi,6 ms / K comandi,3 ms / K comandi,3 ms / K comandi,3 ms / K comandi,3 ms / K comandi 24 merker 248 merker 248 merker 248 merker 248 merker 248 merker 32 contatori 64 contatori 64 contatori 64 contatori 64 contatori 64 contatori 64 temporizzatori 28 temporizzatori 28 temporizzatori 28 temporizzatori 28 temporizzatori 28 temporizzatori DI/6DO on board di cui 4 DE per gli interrupt di processo o le funzioni integrate. contatore veloce EPROM integrata da 2K byte 2 DI/6DO on board di cui 4DE per gli interrupt di processo o le funzioni integrate. contatore veloce 4 AI / AA on board risoluzione: bit + segno EPROM integrata da 4 KByte Connessione PROFIBUS DP integrata (master / slave) assegnazione indirizzi parametrizzabile Dispensa Siemens SCE Pagina 25 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

26 CPU compatte: Di recente è stata anche creata una serie di CPU particolari, che per la costruzione compatta, i costi contenuti e per le eventuali interfacce di comunicazione integrate, si prestano in modo ottimale a scopi di formazione. Questi CPU compatte sono, per funzionalità e maneggevolezza, simili alle CPU standard. La seguente tabella presenta una panoramica delle CPU compatte disponibili. CPU 32C CPU 33C CPU 33C-2DP CPU 34C-2DP Tempi di.2 / 4 / 4µs. / 2 / 2µs. / 2 / 2µs. / 2 / 2µs. elaborazione (binario/virgola fissa /virgola Memoria mobile) di lavoro 6 KB 32 KB 32 KB 48 KB SIMATIC Micro Memory Card 64 KB... 4MB 64 KB...4 MB 64 KB...4 MB 64 KB...4 MB Periferia on board DI/DO AI/AO *PT / 6 -/- 24 / 6 4+*/2 6 / 6 -/- 24 / 6 4+* / 2 Funzioni tecnologiche - Conteggio/Frequenza - Uscite ad impulsi - Regolazione - Posizionamento 2 (khz) 2 (2,5 khz) no no 3 (3kHz) 4 (2,5 khz) sì no 3 (3kHz) 4 (2,5 khz) sì no 4 (6kHz) 4 (2,5 khz) sì Interfacce - MPI 87,5 kbaud - Funzionalità DP sì no sì no sì Master/Slave sì Master/Slave Dispensa Siemens SCE Pagina 26 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

L ambiente di sviluppo STEP 7 è un pacchetto software creato per sviluppare progetti di automazione basati sui prodotti Siemens della serie SIMATIC.

L ambiente di sviluppo STEP 7 è un pacchetto software creato per sviluppare progetti di automazione basati sui prodotti Siemens della serie SIMATIC. STEP 7 L ambiente di sviluppo STEP 7 è un pacchetto software creato per sviluppare progetti di automazione basati sui prodotti Siemens della serie SIMATIC. Le informazioni relative alle caratteristiche

Dettagli

Programmare OB1 in KOP

Programmare OB1 in KOP Come programmare la funzione di memoria in Kop Programmare OB1 in KOP Inseriamo un nuovo segmento utilizzando il tasto destro Programmare FB in KOP Il blocco funzionale (FB) è subordinato al blocco organizzativo.

Dettagli

SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)-

SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)- SOFTWARE - STEP-7 -AVVIAMENTO DI STEP 7 -Micro/Win (Win 95/98/NT)- Nella cartella SIMATIC, a cui si accede dal menù di AVVIO, è contenuta la cartella STEP 7- Micro/Win32.Questa contiene a sua volta l icona

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE

Ing. Paolo Domenici PREFAZIONE Ing. Paolo Domenici SISTEMI A MICROPROCESSORE PREFAZIONE Il corso ha lo scopo di fornire i concetti fondamentali dei sistemi a microprocessore in modo semplice e interattivo. È costituito da una parte

Dettagli

Corso PLC - Manuale Pratico 1

Corso PLC - Manuale Pratico 1 Corso PLC - Manuale Pratico 1 "!#$ % L'unità centrale di un PLC, chiamata più semplicemente CPU, normalmente occupa il primo modulo del rack. Si individua subito in quanto tipicamente è dotata di un selettore,

Dettagli

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto:

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto: PLC - Linguaggi Il software è l elemento determinante per dare all hardware del PLC quella flessibilità che i sistemi di controllo a logica cablata non possiedono. Il software che le aziende producono

Dettagli

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione & Programmazione Profibus DP in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione Optional: Aggiungere File GSD Inserire Masters e Slaves Inserire Sottorete Profibus DP e collegare tutte le interfacce

Dettagli

Sistema di memorizzazione 4

Sistema di memorizzazione 4 4 4.1 Aree di memoria e ritenzione 4.1.1 Aree di memoria della CPU Le tre aree di memoria della CPU Memoria della CPU CPU Memoria di caricamento CPU (si trova sulla MMC) MMC Memoria di sistema Memoria

Dettagli

INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO

INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO INFORMATICA CORSO DI INFORMATICA DI BASE ANNO ACCADEMICO 2015/2016 DOCENTE: SARRANTONIO ARTURO PROGRAMMA Descrizione funzionale di un calcolatore elementare, COS'E' UN ELETTRONICO HARDWARE SOFTWARE HARDWARE

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

L ambiente di sviluppo STEP 7

L ambiente di sviluppo STEP 7 L ambiente di sviluppo STEP 7 STEP 7 è il pacchetto software per sviluppare progetti di automazione basati sui prodotti Siemens della serie SIMATIC [1]. I progetti sono costituiti dall insieme dei dati

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

Appunti di Sistemi e Automazione

Appunti di Sistemi e Automazione Appunti di Sistemi e Automazione Il modello o macchina di Von Neumann rappresenta un computer con i suoi componenti principali e la sua organizzazione logico-funzionale. Tale progetto risale al 1945/1946.

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

SLIO. Semplifica la vita. OCTOBER 13

SLIO. Semplifica la vita. OCTOBER 13 SLIO Semplifica la vita. 1 IL SISTEMA SLIO È VERSATILE Può essere comandato direttamente da pannelli o moduli di teleassistenza. Utilizzo tradizionale: comandato da un PLC, all interno di una rete di comunicazione.

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

processore case Le casse acustiche

processore case Le casse acustiche Nome: lasse: ognome: ata: Tutti i campi sono obbligatori 1 In un computer, quale tra i seguenti è un componente software? applicazione bus di sistema processore memoria 2 Scegli le parole corrette per

Dettagli

PLC Simatic. Serie S7-200

PLC Simatic. Serie S7-200 PLC Simatic I sistemi Simatic prodotti dalla Siemens mettono a disposizione dell utente una vasta gamma di PLC con caratteristiche differenti e adatti per le più svariate applicazioni come quelli appartenenti

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA)

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Siemens Automation Cooperates with Education Modulo TIA Portal 010-020 Tipi di blocchi del controllore

Dettagli

SIMATIC. Portale TIA STEP 7 Basic V10.5. Introduzione al portale TIA 1. Esempio semplice 2. Esempio avanzato 3. Esempio "Regolazione PID" 4

SIMATIC. Portale TIA STEP 7 Basic V10.5. Introduzione al portale TIA 1. Esempio semplice 2. Esempio avanzato 3. Esempio Regolazione PID 4 SIMATIC Portale TIA SIMATIC Portale TIA Introduzione al portale TIA 1 Esempio semplice 2 Esempio avanzato 3 Esempio "Regolazione PID" 4 Esempio "Motion" 5 Getting Started 12/2009 A5E02714429-01 Avvertenze

Dettagli

Manuale di Prodotto. Mylos KNX Modulo 2 ingressi binari con interruttori a bilanciere 2CSYK1002C/S 2CSYK1003C/S

Manuale di Prodotto. Mylos KNX Modulo 2 ingressi binari con interruttori a bilanciere 2CSYK1002C/S 2CSYK1003C/S Manuale di Prodotto Mylos KNX Modulo 2 ingressi binari con interruttori a bilanciere 2CSYK1002C/S 2CSYK1003C/S Sommario Sommario 1 Caratteristiche tecniche... 4 1.1 Modulo 2 ingressi binario 1 interruttore...

Dettagli

Misure di frequenza e di tempo

Misure di frequenza e di tempo Misure di frequenza e di tempo - 1 Misure di frequenza e di tempo 1 - Contatori universali Schemi e circuiti di riferimento Per la misura di frequenza e di intervalli di tempo vengono diffusamente impiegati

Dettagli

Architettura hardware

Architettura hardware Architettura dell elaboratore Architettura hardware la parte che si può prendere a calci Sistema composto da un numero elevato di componenti, in cui ogni componente svolge una sua funzione elaborazione

Dettagli

JDICON 401/501 Programmatore/Regolatore universale Programmatore universale

JDICON 401/501 Programmatore/Regolatore universale Programmatore universale M.K. JUCHHEIM GmbH & Co M. K. JUCHHEIM GmbH & Co JUMO Italia s.r.l. Moltkestrasse 13-31 P.zza Esquilino, 5 36039 Fulda, Germany 20148 Milano Tel.: 06 61-60 03-7-25 Tel.: 02-40092141 Bollettino 70.3580

Dettagli

DIAGNOSTICA: SEGNALAZIONE ERRORI DI SISTEMA. (Reporting of System Errors)

DIAGNOSTICA: SEGNALAZIONE ERRORI DI SISTEMA. (Reporting of System Errors) DIAGNOSTICA: SEGNALAZIONE ERRORI DI SISTEMA (Reporting of System Errors) Indice 1 Introduzione...2 1.1 Componenti supportati e insieme delle funzioni...2 2 STEP7: Configurazione HW...3 2.1 Scheda Generale...4

Dettagli

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC

BMSO1001. Virtual Configurator. Istruzioni d uso 02/10-01 PC BMSO1001 Virtual Configurator Istruzioni d uso 02/10-01 PC 2 Virtual Configurator Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Concetti

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

Tecnica basata su Relazioni I/O Motore: Marcia/Motore/Arresto

Tecnica basata su Relazioni I/O Motore: Marcia/Motore/Arresto SIMULAZIONE: Tecnica basata su Relazioni I/O Motore: Marcia/Motore/Arresto Richiamare con il menu «Strumenti» la voce «Simula unità» Click qui In alternativa posso usare questo bottone Chiudere eventuali

Dettagli

Esempio LA CONFIGURAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PROFIBUS-DP IN AMBIENTE SIEMENS STEP 7. Corso su

Esempio LA CONFIGURAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PROFIBUS-DP IN AMBIENTE SIEMENS STEP 7. Corso su Corso su LA CONFIGURAZIONE E PROGRAMMAZIONE DELLA COMUNICAZIONE PROFIBUS-DP IN AMBIENTE SIEMENS STEP 7 creato in esclusiva per Associazione PLC Forum www.plcforum.it versione 1.0 Prof.Ing.Salvatore Cavalieri

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

Informazione analogica e digitale

Informazione analogica e digitale L informazione L informazione si può: rappresentare elaborare gestire trasmettere reperire L informatica offre la possibilità di effettuare queste operazioni in modo automatico. Informazione analogica

Dettagli

IL CONTROLLO DI UN PROCESSO

IL CONTROLLO DI UN PROCESSO IL CONTROLLO DI UN PROCESSO 1 IL CONTROLLO DI UN PROCESSO Schema a blocchi 2 Il controllore può essere: A LOGICA CABLATA A LOGICA PROGRAMMABILE 3 CONTROLLORE A LOGICA CABLATA (*) (Wired Logic Control)

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni LEZIONE 2 (HARDWARE) a.a. 2011/2012 Francesco Fontanella Tre concetti Fondamentali Algoritmo; Automa (o anche macchina); Calcolo; 2 Calcolatore MACCHINA

Dettagli

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 V5.3. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1. SIMATIC Manager

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 V5.3. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1. SIMATIC Manager s SIMATIC S7 Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 V5.3 Getting Started Benvenuti in STEP 7, Contenuto Introduzione a STEP 7 1 SIMATIC Manager 2 Programmazione con nomi simbolici 3 Creazione di un programma

Dettagli

2 Controllo e. 1.6 Punti dati decentralizzati. 1.6.1 Saia Smart PCD3.T66x RIO Pagina 70. 1.6.2 Profibus RIO Saia PCD3.

2 Controllo e. 1.6 Punti dati decentralizzati. 1.6.1 Saia Smart PCD3.T66x RIO Pagina 70. 1.6.2 Profibus RIO Saia PCD3. 69.6 Punti dati decentralizzati thernet Profibus RS-485 PCD3.T 665 PCD3.T 76 Regolatori di 2 Controllo e camera dedicati monitoraggio e Rilevamento dei dati di consumo 3 5 Componenti Stazioni di automazione.6.

Dettagli

Programmatore per telaio scheller

Programmatore per telaio scheller Divo Di Lupo Sistemi per telai Cotton Bentley Monk Textima Scheller Closa Boehringer http://www.divodilupo.191.it/ Programmatore per telaio scheller Attuatore USB semplificato Numero totale di pagine =

Dettagli

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1 s SIMATIC S7 Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 Getting Started Benvenuti in STEP 7, Contenuto Introduzione a STEP 7 1 SIMATIC Manager 2 Programmazione con nomi simbolici 3 Creazione di un programma

Dettagli

Autoware Ladder Tool (per Arduino ) Basic Tutorial

Autoware Ladder Tool (per Arduino ) Basic Tutorial Per iniziare. Utilizzare il ns. pacchetto Autoware Ladder Tool (in breve Ladder Tool) per Arduino è veramente semplice. Elenchiamo qui di seguito i passi necessari per eseguire la ns. prima esercitazione.

Dettagli

FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA

FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA FrerEnergy: PROGRAMMA PER LA SUPERVISIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA Descrizione Generale E un programma di supervisione in grado di comunicare, visualizzare, memorizzare e stampare i consumi dell

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 4 MACCHINA DI VON NEUMANN Anni 40 i dati e i programmi che descrivono come elaborare i dati possono essere codificati nello

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio

Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Civile e Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Rappresentazione dell Informazione

Dettagli

Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872. Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1

Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872. Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 Gateway KNX/DALI 64/16 GW 90872 Manuale utente del Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 1 Copyright and Notes Il Dali Control Service and Comissioning Wizard 1.2.1 e la relativa documentazione

Dettagli

PLC Siemens PLC. Controllori. Indice generale. PLC Siemens... PLC... Controllori... Software... configurazione hardware... Programmazione...

PLC Siemens PLC. Controllori. Indice generale. PLC Siemens... PLC... Controllori... Software... configurazione hardware... Programmazione... Indice generale PLC Siemens... PLC... Controllori... Software... configurazione hardware... Programmazione... PLC Siemens Per il funzionamento degli impianti è richiesto la presenza di elementi di controllo.

Dettagli

ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP

ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP Documentazione Profibus-DP ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP PxxDocSTD R4/0/701 1 SOMMARIO DEGLI ARGOMENTI: 1. Procedura di installazione meccanica:...3 2. Procedura d installazione

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

Funzionalità di un calcolatore

Funzionalità di un calcolatore Funzionalità di un calcolatore Il calcolatore: modello concettuale 1. Elaborazione 2. Memorizzazione Interconnessione 3. Comunicazione (interfaccia) Architettura di un computer componenti per elaborare

Dettagli

Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L. 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1

Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L. 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1 Esame n 2 per il conseguimento della patente europea del computer E.C.D.L 19/11/2010 realizzato dal prof.conti Riccardo 1 1. I PRIMI PASSI INDICE GENERALE 2. COMANDI DI GESTIONE FINESTRA 3. DISPOSIZIONE

Dettagli

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE

APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE APPUNTI DI ELETTRONICA DIGITALE ITIS MARCONI-GORGONZOLA docente :dott.ing. Paolo Beghelli pag.1/24 Indice 1.ELETTRONICA DIGITALE 4 1.1 Generalità 4 1.2 Sistema di numerazione binario 4 1.3 Operazioni con

Dettagli

PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC]

PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC] PLC_1 [CPU 1214C DC/DC/DC] PLC_1 Generale\Informazioni sul progetto Nome PLC_1 Autore Studente Commento PositionNumber 1 Generale\Informazioni sul catalogo Descrizione sintetica CPU 1214C DC/DC/DC Descrizione

Dettagli

Manuale Controllo Accesso V 0.2

Manuale Controllo Accesso V 0.2 & Manuale Controllo Accesso V 0.2 Luglio 2012 Tutti le descrizioni legati al software si riferiscono al software mygekko living V1279. Si consiglia di aggiornare le vecchie versioni del sistema. Piccole

Dettagli

M1600 Ingresso/Uscita parallelo

M1600 Ingresso/Uscita parallelo M1600 Ingresso / uscita parallelo M1600 Ingresso/Uscita parallelo Descrizione tecnica Eiserstraße 5 Telefon 05246/963-0 33415 Verl Telefax 05246/963-149 Data : 12.7.95 Versione : 2.0 Pagina 1 di 14 M1600

Dettagli

PROVA INTRACORSO TRACCIA A Pagina 1 di 6

PROVA INTRACORSO TRACCIA A Pagina 1 di 6 PROVA INTRACORSO DI ELEMENTI DI INFORMATICA MATRICOLA COGNOME E NOME TRACCIA A DOMANDA 1 Calcolare il risultato delle seguenti operazioni binarie tra numeri interi con segno rappresentati in complemento

Dettagli

COME COLLEGARSI DA REMOTO AD UN PLC S7-300/400 via MPI Indice

COME COLLEGARSI DA REMOTO AD UN PLC S7-300/400 via MPI Indice COME COLLEGARSI DA REMOTO AD UN PLC S7-300/400 via MPI Indice 1. Prerequisiti prima di cominciare...2 2. Collegarsi con il LinkManager...2 3. Selezionare il disposivo a cui collegarsi...3 3.1. Come forzare

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale Memorizza : istruzioni dati In forma BINARIA : 10001010101000110101... È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile Il linguaggio Ladder-Parte

PLC Sistemi a Logica Programmabile Il linguaggio Ladder-Parte PLC Sistemi a Logica Programmabile Il linguaggio Ladder-Parte Prima Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

Manuale istruzioni. 01931 Interfaccia di Comunicazione Interna. CLIMA

Manuale istruzioni. 01931 Interfaccia di Comunicazione Interna. CLIMA Manuale istruzioni 093 Interfaccia di Comunicazione Interna. CLIMA RADIOCLIMA Indice. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Installazione 2 4. Collegamenti 3 5. Comandi e segnalazioni del comunicatore

Dettagli

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi:

Modulo 8. Elettronica Digitale. Contenuti: Obiettivi: Modulo 8 Elettronica Digitale Contenuti: Introduzione Sistemi di numerazione posizionali Sistema binario Porte logiche fondamentali Porte logiche universali Metodo della forma canonica della somma per

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione

SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione SartoCollect v1.0 - Installazione e istruzioni per l'esecuzione Grazie per il vostro recente acquisto di SartoCollect. Il software SartoCollect vi consentirà di importare direttamente i dati del vostro

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 1) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Automazione Industriale. Automazione Industriale. Università degli Studi di Siena Sede di Arezzo Corso di Laurea in Ingegneria dell Automazione

Automazione Industriale. Automazione Industriale. Università degli Studi di Siena Sede di Arezzo Corso di Laurea in Ingegneria dell Automazione Automazione Industriale Università degli Studi di Siena Sede di Arezzo Corso di Laurea in Ingegneria dell Automazione Automazione Industriale A.A. 2004-2005 Ing. Daniele Rapisarda 4 PARTE Marzo 2005 Corso

Dettagli

Richiami di informatica e programmazione

Richiami di informatica e programmazione Richiami di informatica e programmazione Il calcolatore E una macchina usata per Analizzare Elaborare Collezionare precisamente e velocemente una grande quantità di informazioni. Non è creativo Occorre

Dettagli

1. Introduzione. 2. Installazione di WinEMTLite. 3. Descrizione generale del programma

1. Introduzione. 2. Installazione di WinEMTLite. 3. Descrizione generale del programma Indice 1. Introduzione...3 2. Installazione di WinEMTLite...3 3. Descrizione generale del programma...3 4. Impostazione dei parametri di connessione...4 5. Interrogazione tramite protocollo nativo...6

Dettagli

Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) SIMATIC. ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Prefazione. Guida alla documentazione dell'et 200SP

Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) SIMATIC. ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Prefazione. Guida alla documentazione dell'et 200SP Prefazione Guida alla documentazione dell'et 200SP 1 SIMATIC ET 200SP Modulo server (6ES7193-6PA00-0AA0) Manuale del prodotto Panoramica del prodotto 2 Parametri/area di indirizzi 3 Dati tecnici 4 Set

Dettagli

Architettura dei computer

Architettura dei computer Architettura dei computer In un computer possiamo distinguere quattro unità funzionali: il processore (CPU) la memoria principale (RAM) la memoria secondaria i dispositivi di input/output Il processore

Dettagli

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE

ARCHITETTURA DEL CALCOLATORE Orologio di sistema (Clock) UNITÀ UNITÀ DI DI INGRESSO Schema a blocchi di un calcolatore REGISTRI CONTROLLO BUS DEL SISTEMA MEMORIA DI DI MASSA Hard Hard Disk Disk MEMORIA CENTRALE Ram Ram ALU CPU UNITÀ

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE

ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE ARCHITETTURA DI UN SISTEMA A MICROPROCESSORE 1. INTRODUZIONE In questo capitolo viene presentata la struttura, sia interna che esterna, di un microprocessore generico riprendendo i concetti esposti nella

Dettagli

Solo le persone in gamba leggono i manuali.

Solo le persone in gamba leggono i manuali. Solo le persone in gamba leggono i manuali. Sommario Introduzione...1 Accensione e spegnimento sicuri dell'unità... 1 Scollegamento delle unità esata e 1394... 2 Unità esata... 3 Unità 1394... 4 Installazione

Dettagli

Architettura del calcolatore

Architettura del calcolatore Architettura del calcolatore La prima decomposizione di un calcolatore è relativa a due macro-componenti: Hardware Software Architettura del calcolatore L architettura dell hardware di un calcolatore reale

Dettagli

SIMATIC S7-1200 Aggiornamento del manuale di sistema S7-1200, edizione 01/2015 Informazioni sul prodotto

SIMATIC S7-1200 Aggiornamento del manuale di sistema S7-1200, edizione 01/2015 Informazioni sul prodotto SIMATIC S7-1200 Aggiornamento del manuale di sistema S7-1200, edizione 01/2015 Informazioni sul prodotto Informazioni generali sull'aggiornamento della documentazione dell's7-1200 Nonostante gli sforzi

Dettagli

Il Personal Computer

Il Personal Computer Il Personal Computer Il case Il case (termine di origine inglese), anche chiamato cabinet (sempre dall'inglese, è il telaio metallico all'interno del quale sono assemblati i componenti principali di un

Dettagli

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 :

In un modello a strati il SO si pone come un guscio (shell) tra la macchina reale (HW) e le applicazioni 1 : Un Sistema Operativo è un insieme complesso di programmi che, interagendo tra loro, devono svolgere una serie di funzioni per gestire il comportamento del computer e per agire come intermediario consentendo

Dettagli

Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M)

Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M) Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M) INDICE 1 OBIETTIVO...2 2 CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA...2 2.1 Configurazione oggetti di memoria...2 3 FUNZIONAMENTO...5 3.1

Dettagli

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti

L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono generalmente che le uscite di 2 o più componenti Banco di registri e memoria Corso ACSO prof. Cristina SILVANO Politecnico di Milano Componenti di memoria e circuiti di pilotaggio L organizzazione interna della memoria e del banco di registri prevedono

Dettagli

SIMATIC. SM331; AI 8 x 12 Bit. Getting Started Parte 3: Termocoppie. Edizione 04/2004 A5E00264196-01. Prefazione. Premesse

SIMATIC. SM331; AI 8 x 12 Bit. Getting Started Parte 3: Termocoppie. Edizione 04/2004 A5E00264196-01. Prefazione. Premesse Prefazione SIMATIC SM331; AI 8 x 12 Bit Getting Started Parte 3: Termocoppie Premesse Descrizione del compito Struttura meccanica dell impianto di esempio Collegamento elettrico dell impianto di esempio

Dettagli

24 V DC Non-Stop: Alimentatori di continuità SITOP DC UPS e SIMATIC IPC

24 V DC Non-Stop: Alimentatori di continuità SITOP DC UPS e SIMATIC IPC 24 V DC Non-Stop: Alimentatori di continuità SITOP DC UPS e SIMATIC IPC Guida alla configurazione e all utilizzo dei moduli SITOP per proteggere da cadute di tensione i SIMATIC IPC ed i nostri dati 1 2

Dettagli

Gerarchia delle memorie

Gerarchia delle memorie Memorie Gerarchia delle memorie Cache CPU Centrale Massa Distanza Capacità Tempi di accesso Costo 2 1 Le memorie centrali Nella macchina di Von Neumann, le istruzioni e i dati sono contenute in una memoria

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

Descrizione del protocollo

Descrizione del protocollo EFA Automazione S.r.l.Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Atlas Copco Power MACS (01 ITA).doc pag. 1 / 8 Descrizione del protocollo Sulla porta seriale collegata ad ATLAS COPCO vengono intercettate le

Dettagli

Cenni di logica & algebra booleana

Cenni di logica & algebra booleana Cenni di algebra booleana e dei sistemi di numerazione Dr. Carlo Sansotta - 25 2 Parte Cenni di logica & algebra booleana 3 introduzione L elaboratore elettronico funziona secondo una logica a 2 stati:

Dettagli

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO

PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER 4.0 MODULO 2 Uso del Computer e Gestione dei file ( Windows XP ) A cura di Mimmo Corrado MODULO 2 - USO DEL COMPUTER E GESTIONE DEI FILE 2 FINALITÁ Il Modulo 2, Uso del computer

Dettagli

LOGICA CABLATA E LOGICA PROGRAMMATA

LOGICA CABLATA E LOGICA PROGRAMMATA PLC INTRODUZIONE Il controllore a logica programmabile (PLC), apparso sul mercato nel 1969 su iniziativa della General Motors, è un'apparecchiatura elettronica molto simile ad un calcolatore, in grado

Dettagli

Programmable Logic Controllers - PLC

Programmable Logic Controllers - PLC Programmable Logic Controllers - PLC Introduzione! Negli anni sessanta i sistemi di automazione e controllo potevano essere implementati solo tramite circuiti a relè oppure con dispositivi allo stato solido

Dettagli

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM

All interno del computer si possono individuare 5 componenti principali: SCHEDA MADRE. MICROPROCESSORE che contiene la CPU MEMORIA RAM MEMORIA ROM Il computer è un apparecchio elettronico che riceve dati di ingresso (input), li memorizza e gli elabora e fornisce in uscita i risultati (output). Il computer è quindi un sistema per elaborare informazioni

Dettagli

I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati

I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati I Sistemi di numerazione e la rappresentazione dei dati LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI (1) Per utilizzare un computer è necessario rappresentare in qualche modo le informazioni da elaborare e il

Dettagli

Manuale di Programmazione Siemens Step7 5.3 con Esercizi Svolti

Manuale di Programmazione Siemens Step7 5.3 con Esercizi Svolti Manuale di Programmazione Siemens Step7 5.3 con Esercizi Svolti Professore Ing. S. Cavalieri Studente D. Marassà Introduzione... 4 Campi d impiego del Simatic S7-300... 4 STEP 7... 4 Linguaggi di Programmazione...

Dettagli

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore

Il processore. Il processore. Il processore. Il processore. Architettura dell elaboratore Il processore Architettura dell elaboratore Il processore La esegue istruzioni in linguaggio macchina In modo sequenziale e ciclico (ciclo macchina o ciclo ) Effettuando operazioni di lettura delle istruzioni

Dettagli

IL COMPUTER. Nel 1500 Leonardo Da Vinci progettò una macchina sui pignoni dentati in grado di svolgere semplici calcoli. Nel 1642 Blase Pascal

IL COMPUTER. Nel 1500 Leonardo Da Vinci progettò una macchina sui pignoni dentati in grado di svolgere semplici calcoli. Nel 1642 Blase Pascal IL COMPUTER. Nel 1500 Leonardo Da Vinci progettò una macchina sui pignoni dentati in grado di svolgere semplici calcoli. Nel 1642 Blase Pascal realizzò la prima macchina da calcolo con un principio meccanico

Dettagli

Descrizione dell Applicazione

Descrizione dell Applicazione IC00B01DMXFI01010004 Descrizione dell Applicazione Gateway KNX / DMX IC00B01DMX 1/12 DESCRIZIONE GENERALE Il Gateway KNX/DMX è un interfaccia tra il bus KNX ed il bus DMX512. Combina elementi building

Dettagli

Automazione e territorio

Automazione e territorio Automazione e territorio ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE M. Bartolo - PACHINO LICEO Classico -LICEO Scientifico LICEO delle Scienze Applicate - Liceo delle Scienze Umane I.T.I.S. (Elettronica e Elettrotecnica

Dettagli

introduzione I MICROCONTROLLORI

introduzione I MICROCONTROLLORI introduzione I MICROCONTROLLORI Definizione Un microcontrollore è un dispositivo elettronico programmabile Può svolgere autonomamente diverse funzioni in base al programma in esso implementato Non è la

Dettagli