Dispensa per il corso sulla Totally Integrated Automation (T.I.A.) Modulo 1 Principi di programmazione del PLC con SIMATIC S7-300

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dispensa per il corso sulla Totally Integrated Automation (T.I.A.) Modulo 1 Principi di programmazione del PLC con SIMATIC S7-300"

Transcript

1 Dispensa per il corso sulla Totally Integrated Automation (T.I.A.) Modulo Principi di programmazione del PLC con SIMATIC S7-3 Dispensa Siemens SCE Pagina di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

2 Il presente documento è stato redatto da Siemens A&D SCE (Siemens A&D Cooperates with Education) per scopi didattici. Siemens declina ogni responsabilità riguardo al contenuto. La diffusione e la riproduzione del presente documento, l'utilizzo e la trasmissione a terzi del relativo contenuto sono ammessi solo all'interno di Istituti Tecnici (I.T.I.S.), Professionali (I.P.S.I.A.), Università, Centri di Formazione ed Istituzioni Pubbliche di Formazione e perfezionamento. In tutti gli altri casi è richiesta l'autorizzazione scritta da Siemens A&D SCE (Siemens A&D Cooperates with Education). In caso di utilizzo abusivo si procederà alla richiesta di risarcimento danni. Sono riservati tutti i diritti compresi quelli di traduzione, in particolar modo in caso di brevetto e marchi registrati. Dispensa Siemens SCE Pagina 2 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

3 PAGINA:. Premessa Configurazione e funzioni del PLC Tipi di segnale nella tecnica di controllo Segnali binari Segnali analogici Sistemi numerici Sistema decimale Sistema binario Codice BCD (Codice ) Sistema esadecimale Rappresentazione dei sistemi numerici Regole di conversione Concetti di informatica Bit Byte Parola (word) Doppia parola (double word) Indirizzo bit Indirizzo byte Indirizzo parola Indirizzo doppia parola Configurazione di un PLC Funzionamento di un PLC Unità centrale di elaborazione (CPU) Sistema bus Alimentatore Memoria di programma RAM Flash EPROM Sistema di automazione SIMATIC S SIMATIC S Dispensa Siemens SCE Pagina 3 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

4 PAGINA: 2.7 Esecuzione del programma Memoria di programma Esecuzione lineare del programma Esecuzione strutturata del programma Blocchi utente Blocchi di sistema per le funzioni standard di sistema Linguaggio di programmazione STEP Informazioni generali Conversione STEP 5? STEP Norma IEC 63 sui PLC Struttura delle directory Configurazione e parametrizzazione Istruzioni Operazioni Operandi Indirizzamento Indirizzamento simbolico Indirizzamento assoluto Rappresentazione del programma Rappresentazione KOP Rappresentazione FUP Rappresentazione AWL Merker Merker a ritenzione Merker non a ritenzione Dispensa Siemens SCE Pagina 4 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

5 . PREMESSA Attualmente i controllori a logica programmabile, in breve PLC, sono l'elemento centrale dell'automazione. Grazie ai PLC è infatti possibile risolvere praticamente qualsiasi compito di automazione nel modo più vantaggioso. COMANDO STEUERN REGOLAZIONE REGELN SPS PLC SEGNALAZIONE E PROTOCOLLAZIONE MELDEN UND PROTOKOLLIEREN CALCOLO RECHNEN BEDIENEN UND BEOBACHTEN GESTIONE E SUPERVISIONE Questo modulo ha l'obiettivo di dare una visione generale del sistema di automazione S7-3 e del relativo software di programmazione STEP 7. Prerequisiti Poiché in questa prima parte vengono descritti i principi fondamentali non è necessario alcun requisito particolare. Dispensa Siemens SCE Pagina 5 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

6 2. CONFIGURAZIONE E FUNZIONI DEL PLC Il PLC ha il compito di controllare le operazioni di una macchina o un impianto sulla base di una sequenza di funzioni prestabilita e in funzione dei segnali ricevuti dai sensori. 2. TIPI DI SEGNALE NELLA TECNICA DI CONTROLLO I segnali elettrici presenti negli ingressi e nelle uscite possono essere suddivisi in due gruppi: segnali binari segnali analogici 2... SEGNALI BINARI I segnali binari possono assumere solo due stati, ovvero: Stato = tensione presente = ad es. interruttore ON Stato = tensione assente = ad es. interruttore OFF Dispensa Siemens SCE Pagina 6 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

7 Nella tecnica di controllo spesso si utilizza una tensione continua di 24V. Un livello di tensione di + 24V in un morsetto di ingresso corrisponde allo stato nell'ingresso corrispondente, mentre V corrisponde allo stato. Oltre allo stato del segnale è importante l'assegnazione logica del generatore di segnali. Deve essere noto se il generatore di segnale è un contatto normalmente chiuso o un contatto normalmente aperto. I contatti normalmente chiusi assumono lo stato quando sono attivi, un comportamento definito attivo o attivo low. Allo stesso modo un contatto normalmente aperto è attivo / attivo high, ovvero invia il segnale, quando viene attivato. Generalmente i generatori di segnale sono attivo. Un'applicazione tipica di un generatore di segnale attivo è il tasto per l'arresto di emergenza. Quando non è azionato (non è stato premuto) il tasto consente sempre il passaggio della corrente e quindi invia il segnale all'ingresso a cui è collegato (rilevamento rottura conduttore). La reazione connessa all'azionamento del tasto (ad es. la chiusura di tutte le valvole) ha luogo quando il segnale assumerà lo stato. Posizioni binarie Un segnale binario può quindi assumere solo i due valori (stati) e. Questo tipo di segnale viene definito anche "posizione binaria" e nel linguaggio tecnico viene chiamato bit. Più segnali binari in successione e disposti in un ordine preciso (code) corrispondono ad un segnale digitale. Mentre un segnale binario consente il rilevamento di una grandezza che può assumere solo due valori (ad es. porta aperta / chiusa), raggruppando più posizioni binarie è possibile generare, ad esempio, un numero o una cifra come informazione digitale. Il raggruppamento di n posizioni binarie consente di rappresentare 2n diverse combinazioni. Ad es. con 2 posizioni binarie è possibile generare 2x2, ovvero 4, diverse informazioni: Informazione (ad es. entrambi i contatti aperti) Informazione2 (contatto aperto / contatto 2 chiuso) Informazione3 (contatto chiuso / contatto 2 aperto) Informazione4 (entrambi i contatti chiusi) Dispensa Siemens SCE Pagina 7 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

8 2..2 SEGNALI ANALOGICI Diversamente dai segnali binari che possono assumere solo gli stati tensione presente +24V e tensione assente V, i segnali analogici possono assumere un numero maggiore di valori compresi in un dato intervallo. Un esempio tipico di generatore di segnale analogico è il potenziometro. Variando la posizione della manopola di regolazione è possibile impostare una resistenza qualsiasi compresa entro il valore massimo. Esempi di grandezze analogiche frequenti nella tecnica di controllo: temperatura C portata... 2l/min giri U/min ecc. Tali grandezze vengono convertite in valori di tensione, corrente o resistenza mediante un trasduttore di misura. Ad esempio, per rilevare il numero di giri di un motore si può decidere che l'intervallo da 5 a 5 U/min corrisponde all'intervallo di tensione da e +V e convertire i giri in tensione mediante un trasduttore di misura. Se viene rilevato un numero di giri di 865 U/min il trasduttore genera in uscita un valore di tensione pari a + 3, U/min 365 U/min V V: U/min =, V/U/min 365 U/min x, V/U/min = 3,65 V +V Dispensa Siemens SCE Pagina 8 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

9 Per poter elaborare i valori analogici con un PLC, è necessario convertire i valori di tensione, corrente o resistenza in formato digitale. La conversione analogico-digitale (conversione A/D) implica che, ad esempio, un valore di tensione di 3,65V venga memorizzato in una serie di posizioni binarie. Più posizioni binarie vengono utilizzate per la rappresentazione digitale, più precisa risulta la risoluzione. Se, ad esempio, per l'intervallo di tensione... +V si dispone di solo bit, è possibile una sola opzione, ovvero se la tensione misurata è compresa nell'intervallo.. +5V o nell'intervallo +5V... +V. Disponendo di 2 bit è invece possibile suddividere l'intervallo in 4 intervalli più piccoli, ovvero... 2,5 / 2, / ,5 / 7,5... V. I convertitori A/D più diffusi nella tecnica di controllo operano con 8 o bit. Con 8 bit si dispone di 256 intervalli di valori e con bit di una risoluzione di 248 intervalli. A/V 2mA/V V: 248 =,48828? è possibile rilevare Bit variazioni di tensione di 248 <5mV Dispensa Siemens SCE Pagina 9 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

10 2.2 SISTEMI NUMERICI Per elaborare gli indirizzi di celle di memoria, ingressi, uscite, temporizzatori, merker ecc. con il PLC non si utilizza il sistema decimale ma quello binario SISTEMA DECIMALE Per comprendere il sistema binario è innanzitutto necessario esaminare il sistema decimale. Nel nostro esempio vogliamo scomporre il numero 25. Il 2 corrisponde alle centinaia, l' alle decine e il 5 alle unità. In realtà la forma corretta per la scrittura del numero 25 sarebbe: Se si scrive l'espressione 2++5, come nel grafico sottostante, basandosi sulla potenza di, diventa chiaro che a ciascuna cifra del numero è associata una potenza di dieci. 2 Potenza di Z u g e o r d n e t e associata Z e h n e r p o t e n z Centinaia Hunderter Decine Zehner Unità Einer 2 5 Dezim alzahl Numero decimale * * 5 * 2 Ogni cifra del numero decimale è associata ad una potenza di. Dispensa Siemens SCE Pagina di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

11 2.2.2 SISTEMA BINARIO Il sistema binario conosce solo le cifre e che nella tecnica di elaborazione dati risultano particolarmente facili da rappresentare e interpretare. Come si vede nel grafico, i valori di un numero binario sono associati a potenze di Potenza Zugeordnete di 2 associata Zehnerpotenz Numero binario Dualzahl 3 2 * 2 * 2 * 2 * Numero decimale = 3 Dezimalzahl Nei numeri binari ogni cifra è associata ad una potenza di CODICE BCD (CODICE ) Per rappresentare valori numerici molto elevati spesso si ricorre al codice BCD (decimale codificato in binario). Le cifre decimali vengono espresse da cifre binarie. La cifra decimale con il valore più elevato è il 9. Per rappresentare il 9 si utilizzano potenze di 2 fino a 2 3, ovvero complessivamente quattro 4 cifre decimale = 9 Dezimal 8 decimale = 8 Dezimal Se rappresentare la cifra decimale più elevata richiede 4 cifre binarie, ciascuna cifra decimale sarà espressa da quattro cifre, una cosiddetta tetrade. Il codice BCD è quindi un codice a 4 bit. Dispensa Siemens SCE Pagina di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

12 Ogni cifra decimale ha un proprio codice. Ad esempio, il numero 285 è costituito da tre cifre decimali ciascuna delle quali corrisponde in codice BCD ad un'unità di quattro cifre binarie (tetrade) Ogni cifra decimale ha un proprio codice corrispondente ad una tetrade SISTEMA ESADECIMALE Il sistema esadecimale è un sistema che utilizza come valori posizionali le potenze del numero 6. È quindi un sistema numerico in base 6. Ogni cifra di un numero esadecimale è associata ad una potenza di 6. Complessivamente sono necessarie 6 cifre compreso lo zero. Per le cifre da a 9 si utilizza il sistema decimale, per le cifre da a 5 le lettere A, B, C, D, E ed F. Nei numeri esadecimali ogni cifra è associata ad una potenza di 6. Dispensa Siemens SCE Pagina 2 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

13 Dispensa Siemens SCE Pagina 3 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S RAPPRESENTAZIONE DEI SISTEMI NUMERICI Dezimalzahl Dualzahl Hexadezimalzahl A B C D E F 2 3 Numero decimale Numero esadecimale Numero binario

14 2.2.6 REGOLE DI CONVERSIONE La conversione da un sistema numerico all'altro si basa su alcune semplici regole che è importante conoscere perché trovano spesso impiego nell'ambito della tecnica di programmazione. Il sistema numerico su cui è basato un dato numero è indicato da un indice collocato a destra del numero. D corrisponde a decimale, B a binario e H a esadecimale. Spesso questa indicazione si rende necessaria perché una sequenza di cifre assume un valore completamente diverso in funzione del sistema numerico a cui appartiene. Ad esempio corrisponde al valore D nel sistema decimale (centoundici), nel sistema binario B corrisponderebbe al valore decimale 7 (x2 + x 2 + x2 2 ) mentre nel sistema esadecimale H corrisponderebbe al valore 273 (x6 + x6 + x 6 2 ). Conversione decimale binario I numeri decimali interi vengono divisi per 2 finché si ottiene il risultato zero. La sequenza di cifre corrispondenti al resto delle divisioni ( o ) forma il numero binario. Si noti la direzione in cui viene disposta la sequenza dei resti. Il resto della prima divisione corrisponde al primo bit a destra (quello con il valore più basso). Esempio: si vuole trasformare il numero decimale 23 nel corrispondente numero binario. resto resto resto resto resto resto resto capovolgere in senso orario Dimostrazione: x2 6 + x2 5 + x2 4 + x2 3 + x2 2 + x2 + x = 23 Dispensa Siemens SCE Pagina 4 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

15 Conversione decimale esadecimale La procedura è uguale a quella per la conversione decimale binario con la differenza che invece della base 2 viene utilizzata la base 6. Invece che per 2, le cifre verranno divise per 6. Esempio: si vuole trasformare il numero decimale 23 nel corrispondente numero esadecimale. resto capovolgere in senso orario resto Dimostrazione: 7 B 7x6 + x6 2 + = 23 Conversione binario esadecimale Per convertire un numero binario in formato esadecimale si stabilisce innanzitutto il valore decimale del numero binario (somma delle valenze). Quindi si converte il numero decimale in esadecimale dividendolo per 6 secondo il metodo precedentemente descritto. È inoltre possibile ricavare il valore esadecimale direttamente dal numero binario. A tale scopo si dovrà suddividere il numero binario in gruppi di quattro cifre partendo da destra: ogni gruppo di cifre corrisponde ad una cifra del numero esadecimale. Se necessario nel gruppo a sinistra si dovranno sostituire i bit mancanti con degli zeri. Esempio: si vuole trasformare direttamente il numero binario in numero esadecimale. B x2 3 + x2 2 + x2 + x2 x2 3 + x2 2 + x2 + x2 7 B H Dispensa Siemens SCE Pagina 5 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

16 2.3 CONCETTI DI INFORMATICA Nell'ambito dei controlli automatici spesso si ricorre a concetti propri dell'informatica e dell'elaborazione dati quali BIT, BYTE e PAROLA BIT Bit è l'acronimo di cifra binaria. Il BIT rappresenta l'unità di informazioni binaria (di due valori) più piccola che può assumere due soli stati "" o "". 24 V Tensione presente Spannung vorhanden V Tensione assente Spannung nicht vorhanden BYTE Il BYTE è un'unità costituita da 8 caratteri binari. Un byte è quindi costituito da 8 bit. B Y T E PAROLA (WORD) Stato Signalzustand del segnale Una parola (Word) è costituita da una sequenza di caratteri binari che in determinati contesti vengono utilizzati come una singola unità. La lunghezza della parola è di 6 caratteri binari. Le parole consentono di rappresentare, ad esempio: Numeri binari Caratteri Istruzioni per PLC Stato del segnale Parola Byte Byte Una parola è quindi costituita da 2 byte o 6 bit DOPPIA PAROLA (DOUBLE Siemens WORD) SCE (Siemens Cooperates with Education) La doppia parola (double word) ha una lunghezza di 32 caratteri binari. Dispensa Siemens SCE Pagina 6 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

17 Una doppia parola è quindi costituita da 2 parole, 4 byte o 32 bit. Altre unità utilizzate sono il Kilobit e il Kilobyte, che equivalgono a 2 ovvero rispettivamente a 24 bit e 24 byte, e il Megabit e il Megabyte che equivalgono rispettivamente a 24 Kilobit e a 24 Kilobyte INDIRIZZO BIT Per poter indirizzare i bit, è necessario assegnare una cifra, detta "indirizzo", a ciascun bit di cui è composto il byte. In tutti i byte l'ultimo bit a destra assume l'indirizzo, mentre il primo a sinistra ha l'indirizzo Indirizzo Bitadresse bit INDIRIZZO BYTE Anche i byte sono identificati da un numero detto "indirizzo byte". In tal caso nell'indirizzo viene specificato anche l'operando, per cui EB 2 corrisponde, ad esempio, al byte di ingresso 2 e AB 4 al byte di uscita 4. Una chiara identificazione dei bit viene ottenuta combinando l'indirizzo del bit e del relativo byte. L'indirizzo del bit viene separato da quello del byte mediante un punto. A destra del punto compare l'indirizzo del bit e a sinistra quello del byte. Byte E.7 E.6 E.5 E.4 E.3 E.2 E. E. Indirizzo Byteadresse byte Dispensa Siemens SCE Pagina 7 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

18 2.3.7 INDIRIZZO PAROLA La numerazione delle parole determina l'indirizzo della parola stessa. Nota: Con l impiego di parole, ad es. parola di ingresso (EW), parola di uscita (AW), parola di merker (MW) ecc., l'indirizzo corrisponde sempre all'indirizzo più basso dei due byte di cui è composta la parola. EW EW2 EB EB EB2 EB3 EW Indirizzo parola Nota: Con l elaborazione a parola, è importante considerare che, ad esempio, la parola di ingresso e la parola di ingresso hanno un byte in comune. Inoltre nel conteggio dei bit si procede da destra a sinistra. Ad esempio il bit di EW è E2., il bit è E il bit7 è E2.7, il bit8 è E..... il bt5 è E.7. Tra i bit7 e 8 c'è quindi un "salto" INDIRIZZO DOPPIA PAROLA La numerazione di doppie parole determina l indirizzo di due parole consecutive. Nota: L'indirizzo di una doppia parola, ad es. ED, AD, MD ecc., corrisponde sempre all'indirizzo più basso delle due parole che la compongono. ED EW EW2 EB EB EB2 EB3 EW Indirizzo doppia parola Dispensa Siemens SCE Pagina 8 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

19 2.4 CONFIGURAZIONE DI UN PLC I PLC sono sistemi prodotti in serie e caratterizzati da una configurazione adattabile alle esigenze dell'utilizzatore. Gli elementi logici, le funzioni di memorizzazione, i temporizzatori, i contatori ecc. per la tecnica di controllo vengono realizzati dal produttore e combinati in un'unità di controllo funzionante grazie alla programmazione. I PLC si differenziano principalmente dalle seguenti caratteristiche: quantità di ingressi e uscite capacità di memoria numero di contatori numero di temporizzatori funzioni di merker funzioni speciali velocità di elaborazione tipo di elaborazione del programma I PLC vengono realizzati assemblando "ad hoc" delle unità modulari. A partire da una configurazione di base, grazie alla struttura modulare è possibile realizzare sistemi di automazione adattabili alle più svariate esigenze applicative. Per il controllo di sistemi semplici vengono impiegati PLC compatti costituiti da unità chiuse con un numero prestabilito e non modificabile di ingressi e uscite. Un controllore logico programmabile (PLC) è costituito dai seguenti elementi fondamentali: Sistema di automazione Automatisierungsgerät PLC SPS Generatori di segnali Signalgeber Attuatori e segnalatori luminosi Stellgeräte bzw. Leuchtmelder Dispensa Siemens SCE Pagina 9 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

20 Il sistema di automazione è costituito da: Unità centrale con processore Zentralbaugruppe mit Prozessor Memoria Programmspeicher di programma Sistema Automatisierungsgerät di automazione Alimentatore Stromversorgungsbaugruppe Sistema Bussystem Bus Moduli Ein- und di Ausgabebaugruppen ingresso e uscita Struttura di un controllore logico programmabile (PLC): Stromversorgung für Signalgeber Alimentazione generatori di segnale Generatori Signalgeber di segnale (Sensori) Modulo di baugruppe uscita Alimen- Stromvertatorsorgungsbaugruppe Zentralbaugruppe Unità centrale Memoria di programma Programmspeicher Eingabe- Modulo di baugruppe ingresso Ausgabe- Processore Prozessor Attuatori / segnalatori luminosi Stellgeräte / Leuchtmelder Alimentazione attuatori /segnalatori luminosi Stromversorgung für Stellgeräte/ Leuchtmelder Dispensa Siemens SCE Pagina 2 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

21 2.5 FUNZIONAMENTO DI UN PLC 2.5. UNITÀ CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) La tensione proveniente dai sensori viene applicata al blocco morsetti del modulo di ingresso. Nella CPU il processore elabora il programma in memoria e interroga gli ingressi per determinarne il livello di tensione. In funzione dello stato degli ingressi e del programma in memoria, il processore indica al modulo di uscita di inviare un segnale elettrico ai corrispondenti connettori della barra. Quindi, in base allo stato dei connettori dei moduli di uscita, gli attuatori o i segnalatori luminosi (o LED) vengono attivati o disattivati. Unità centrale (CPU) del PLC: + UE. UE. 2 = A. 3 OE OE =A 4. BE unità di controllo Steuerwerk Registro Anweisungsistruzioni Register Merker Merker Temporizzatori Interne Zeiten interni Contatori interni Interne Zähler Immagine di Prozeßabbild für digitale processo unddegli analoge ingressi/uscite Einund Ausgänge digitali e analogici Bus di periferia (modulo di bus) Peripheriebus ( Busmodul ) Ingresso digitale e analogico Eingabe digital und anlog Uscita digitale e analogica Ausgabe digital und analog Moduli Zeit-, Zählund Grenzwert- di temporizzazione, baugruppen conteggio e comparazione Dispensa Siemens SCE Pagina 2 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

22 Il contatore degli indirizzi interroga la memoria di programma istruzione per istruzione (in modo seriale) e fa sì che le informazioni vengano trasmesse dalla memoria di programma nel registro delle istruzioni in base al programma. Le memorie del processore vengono comunemente chiamate registri. L'unità di controllo riceve le istruzioni dal registro istruzioni. Mentre elabora un'istruzione, il contatore degli indirizzi scrive l'istruzione successiva nel registro. Il trasferimento dello stato degli ingressi nell'immagine di processo degli ingressi (IPI) è seguito dalla combinazione logica, dall'utilizzo dei temporizzatori, dei contatori, degli accumulatori e dal trasferimento del risultato logico combinatorio (RLC) nell'immagine di processo delle uscite (IPU). Una volta eseguito il programma utente, quando viene rilevata la fine del blocco (BE), lo stato viene trasferito dalla IPU nelle uscite. Il bus di periferia effettua lo scambio dei dati tra l'unità centrale e la periferia. Fanno parte della periferia i moduli di ingresso e di uscita digitali e analogici e i moduli di temporizzazione, conteggio e comparazione SISTEMA BUS Il sistema bus è un complesso di collegamenti elettrici per la trasmissione di segnali. Nel sistema di automazione lo scambio dei segnali tra il processore e i moduli di ingresso e uscita viene quindi regolato dal sistema a bus di processo. Il bus è costituito da tre conduttori di segnale paralleli: Bus indirizzi Adressbus Bus Bussystem di sistema Bus dati Datenbus Bus controllo Steuerbuse comando - Il bus indirizzi consente di indirizzare i moduli. - Il bus dati trasferisce i dati, ad esempio, dai moduli di ingresso a quelli di uscita. - Il bus di controllo e comando trasmette i segnali per il comando e il controllo dell'esecuzione delle funzioni nel dispositivo di automazione. Dispensa Siemens SCE Pagina 22 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

23 2.5.3 ALIMENTATORE L'alimentatore è collegato alla tensione di rete e fornisce la tensione ai moduli elettronici del sistema di automazione. La tensione erogata è di 24 Volt. Per le tensioni superiori a 24 Volt per l'alimentazione dei sensori, gli attuatori e i segnalatori luminosi, si devono utilizzare alimentatori o trasformatori supplementari MEMORIA DI PROGRAMMA Gli elementi di memoria sono componenti in cui le informazioni vengono memorizzate sotto forma di segnali binari. Per la memoria di programma vengono utilizzate prevalentemente memorie a semiconduttori. Le memorie possono essere composte da 52, 24, 248 ecc. celle. Convenzionalmente la capacità della memoria di programma (ovvero il numero di celle) viene indicata in multipli di K ( K corrisponde a 24). In ogni cella di memoria è possibile scrivere (programmare) un'istruzione mediante un dispositivo di programmazione. Ciascun elemento binario della cella può assumere lo stato "" o "" RAM L'acronimo RAM indica una memoria di lettura e scrittura a semiconduttori. Le singole posizioni di memoria sono identificate da indirizzi che consentono di accedere alle singole celle. Nelle celle le informazioni possono essere scritte un numero infinito di volte. La lettura delle informazioni non implica la perdita del contenuto della memoria. Tuttavia, poiché la RAM è una memoria volatile, perde le informazioni memorizzate quando non è presente l'alimentazione. La cancellazione della RAM viene effettuata elettricamente. La memoria di lavoro interna di un S7-3 è una RAM. La batteria tampone utilizzabile in opzione nel PLC ha lo scopo di impedire la perdita dei dati memorizzati FLASH EPROM EPROM è l'acronimo per Erasable ROM (Read Only Memory) ed è una memoria che può essere cancellata completamente per mezzo dell'esposizione ai raggi ultravioletti o ad una tensione e quindi riprogrammata. Per questo è adatta ad essere trasportata senza il rischio di perdere i dati. L'S7-3 offre la possibilità di memorizzare il programma con il PG in una cosiddetta Memory Card (Flash EPROM) in modo da poter ripristinare velocemente il sistema anche in caso di interruzione della corrente. La tensione di cancellazione e di scrittura della Flash EPROM è di 5V per cui è possibile cancellarla e scriverci anche quando è inserita nella CPU. Dispensa Siemens SCE Pagina 23 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

24 2.6 SISTEMA DI AUTOMAZIONE SIMATIC S7 SIMATIC S7 è il nome commerciale con il quale SIEMENS designa l'attuale serie di controllori programmabili. La famiglia di sistemi SIMATIC S7 è attualmente una delle colonne portanti dell'automazione nell'ambito della tecnologia di produzione e di processo, la Totally Integrated Automation SIMATIC S7-3 Moduli I PLC SIMATIC S7-3 sono costituiti, oltre che dalla CPU, dai seguenti moduli: PS: IM: SM: FM: CP: Ingresso - Send DI / DO Conteggio - Punto a punto AC 2V/23V - Receive - DC 24 V Regolazione - PROFIBUS DP/FMS Uscita - Send / AC 2/23V Posizionamento DC 24V Receive Relè Camme Posizione - 2A NC - 5A AI/AO - A - Tensione FM-ATB - Corrente - Tecnologia utente - Resistenza (piattaforma MS-DOS/C) - Termocoppia Dispensa Siemens SCE Pagina 24 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

25 Tipi di CPU Nella tabella sono riportate alcune CPU della famiglia S7-3. Ne sono disponibili altre con ottime prestazioni e ne vengono continuamente prodotte di nuove, ma sono caratterizzate unicamente da una migliore capacità di calcolo, una caratteristica del tutto irrilevante per i semplici programmi che verranno svolti nel corso. CPU 32 IFM CPU 33 CPU 34 IFM CPU 34 CPU 35 CPU35-2DP 2K istruzioni 6Kbyte memoria di lavoro - 2Kbyte memoria di caricamento 4K istruzioni 2Kbyte memoria di lavoro - 2Kbyte memoria di caricamento 8K istruzioni 24Kbyte memoria di lavoro - 4Kbyte memoria di caricamento 8K istruzioni 24Kbyte memoria di lavoro - 4Kbyte memoria di caricamento 6K istruzioni. 48Kbyte memoria di lavoro - 8Kbyte memoria di 28 byte DI/DO 28 byte DI/DO 52 byte DI/DO 52 byte DI/DO 24 byte DI/ DO 6K istruzioni. 48Kbyte memoria di lavoro - 8Kbyte memoria di caricamento 24 byte DI/DO 32 byte AI/AO 32 byte AI/AO 64 byte AI/AO 64 byte AI/AO 28 byte AI/AO 28 byte AI/AO,6 ms / K comandi,6 ms / K comandi,3 ms / K comandi,3 ms / K comandi,3 ms / K comandi,3 ms / K comandi 24 merker 248 merker 248 merker 248 merker 248 merker 248 merker 32 contatori 64 contatori 64 contatori 64 contatori 64 contatori 64 contatori 64 temporizzatori 28 temporizzatori 28 temporizzatori 28 temporizzatori 28 temporizzatori 28 temporizzatori DI/6DO on board di cui 4 DE per gli interrupt di processo o le funzioni integrate. contatore veloce EPROM integrata da 2K byte 2 DI/6DO on board di cui 4DE per gli interrupt di processo o le funzioni integrate. contatore veloce 4 AI / AA on board risoluzione: bit + segno EPROM integrata da 4 KByte Connessione PROFIBUS DP integrata (master / slave) assegnazione indirizzi parametrizzabile Dispensa Siemens SCE Pagina 25 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

26 CPU compatte: Di recente è stata anche creata una serie di CPU particolari, che per la costruzione compatta, i costi contenuti e per le eventuali interfacce di comunicazione integrate, si prestano in modo ottimale a scopi di formazione. Questi CPU compatte sono, per funzionalità e maneggevolezza, simili alle CPU standard. La seguente tabella presenta una panoramica delle CPU compatte disponibili. CPU 32C CPU 33C CPU 33C-2DP CPU 34C-2DP Tempi di.2 / 4 / 4µs. / 2 / 2µs. / 2 / 2µs. / 2 / 2µs. elaborazione (binario/virgola fissa /virgola Memoria mobile) di lavoro 6 KB 32 KB 32 KB 48 KB SIMATIC Micro Memory Card 64 KB... 4MB 64 KB...4 MB 64 KB...4 MB 64 KB...4 MB Periferia on board DI/DO AI/AO *PT / 6 -/- 24 / 6 4+*/2 6 / 6 -/- 24 / 6 4+* / 2 Funzioni tecnologiche - Conteggio/Frequenza - Uscite ad impulsi - Regolazione - Posizionamento 2 (khz) 2 (2,5 khz) no no 3 (3kHz) 4 (2,5 khz) sì no 3 (3kHz) 4 (2,5 khz) sì no 4 (6kHz) 4 (2,5 khz) sì Interfacce - MPI 87,5 kbaud - Funzionalità DP sì no sì no sì Master/Slave sì Master/Slave Dispensa Siemens SCE Pagina 26 di 46 Modulo Edizione: /24 Principi di programmazione PLC con SIMATIC S7-3

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1

SIMATIC S7. Primi passi ed esercitazioni con STEP 7. Benvenuti in STEP 7, Contenuto. Introduzione a STEP 7 1 s SIMATIC S7 Primi passi ed esercitazioni con STEP 7 Getting Started Benvenuti in STEP 7, Contenuto Introduzione a STEP 7 1 SIMATIC Manager 2 Programmazione con nomi simbolici 3 Creazione di un programma

Dettagli

04/2004 A5E00264164-01

04/2004 A5E00264164-01 Prefazione SIMATIC Premesse Descrizione del compito SM331; AI 8 x 12 Bit Struttura meccanica dell impianto di esempio Collegamento elettrico Getting Started Parte2: Tensione e PT100 Progettazione con SIMATIC

Dettagli

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test Prefazione, Contenuto Parte 1: Sviluppo di programmi Parte 2: Uso e test SIMATIC Parte 3: Descrizione del linguaggio Programmazione di blocchi Appendici Glossario, Indice analitico Manuale Numero di ordinazione

Dettagli

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA)

Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Documentazione didattica SCE per una soluzione di automazione omogenea Totally Integrated Automation (TIA) Siemens Automation Cooperates with Education Modulo TIA Portal 020-011 Avvio alla programmazione

Dettagli

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000

SIMATIC FM 351. Getting Started Edizione 02/2000 SIATIC F 351 Getting Started Edizione 02/2000 Le presenti informazioni guidano l utente, sulla base di un esempio concreto articolato in cinque fasi, nell esecuzione della messa in servizio fino ad ottenere

Dettagli

Guida alle FM 35x. Siemens S.p.A. I IA AS PLC

Guida alle FM 35x. Siemens S.p.A. I IA AS PLC . Guida alle FM 35x. 1 ... 1 Guida alle FM 35x.... 1 Tipologie d Encoder... 4 Acquisizione degli encoder con S7-300 e S7-400.... 4 Conteggio e misura.... 6 Modalità di conteggio... 6 Posizionamento con

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280

Manuale d'istruzioni. Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 Manuale d'istruzioni Alimentatore DC Programmabile 200 Watt (40 Volt / 5 Amp) Modello 382280 382280 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato l'alimentatore DC Programmabile 382280 della Extech.

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16

Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 10 alla base 16 Un ripasso di aritmetica: Conversione dalla base 1 alla base 16 Dato un numero N rappresentato in base dieci, la sua rappresentazione in base sedici sarà del tipo: c m c m-1... c 1 c (le c i sono cifre

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Assistenza tecnica Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by

PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori PANDORA is powered by PANDORA Sistema di Telecontrollo per Ascensori l'espressione v a s o d i P a n d o r a viene usata metaforicamente per alludere all'improvvisa scoperta di un problema o una serie di problemi che per molto

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Informatica Applicata

Informatica Applicata Ing. Irina Trubitsyna Concetti Introduttivi Programma del corso Obiettivi: Il corso di illustra i principi fondamentali della programmazione con riferimento al linguaggio C. In particolare privilegia gli

Dettagli

Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS

Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS Parametrizzazione, progettazione e visualizzazione con SIRIUS /2 Introduzione /5 Soft Starter ES /8 Biblioteca di blocchi softstarter SIRIUS RW44 per SIMATIC PCS 7 /10 Motor Starter ES /1 Biblioteca di

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Processi di riscaldamento industriali altamente precisi ed efficienti. Heating Control System per il comando di carichi ohmici SIPLUS HCS

Processi di riscaldamento industriali altamente precisi ed efficienti. Heating Control System per il comando di carichi ohmici SIPLUS HCS Processi di riscaldamento industriali altamente precisi ed efficienti Heating Control System per il comando di carichi ohmici SIPLUS HCS Answers for industry. SIPLUS HCS la risposta alle esigenze termiche

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico

Una scuola vuole monitorare la potenza elettrica continua di un pannello fotovoltaico ESAME DI STATO PER ISTITUTI PROFESSIONALI Corso di Ordinamento Indirizzo: Tecnico delle industrie elettroniche Tema di: Elettronica, telecomunicazioni ed applicazioni Gaetano D Antona Il tema proposto

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione di WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili 2012 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta,

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org.

Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Calc è il programma per la gestione di fogli di calcolo della suite OpenOffice.org. Nuovo documento Anteprima di stampa Annulla Galleria Apri Controllo ortografico Ripristina Sorgente dati Salva Controllo

Dettagli

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione

Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Nota di applicazione: impostazione della comunicazione Questa nota di applicazione descrive come installare e impostare la comunicazione tra l'inverter e il server di monitoraggio SolarEdge. Questo documento

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601

Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601 Guida all'installazione Powerline AV+ 500 Nano XAV5601 2011 NETGEAR, Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, trasmessa, trascritta, archiviata

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

ABB i-bus KNX Modulo di monitoraggio e controllo carichi SE/S 3.16.1 Manuale del prodotto

ABB i-bus KNX Modulo di monitoraggio e controllo carichi SE/S 3.16.1 Manuale del prodotto ABB i-bus KNX Modulo di monitoraggio e controllo carichi SE/S 3.16.1 Manuale del prodotto Indice Indice Pagina 1 Generale... 3 1.1 Uso del manuale del prodotto... 3 1.1.1 Struttura del manuale del prodotto...

Dettagli

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS

Manuale istruzioni. 01942 Comunicatore GSM-BUS Manuale istruzioni 01942 Comunicatore GSM-BUS Indice 1. Descrizione 2 2. Campo di applicazione 2 3. Contenuto della confezione 2 4. Vista frontale 3 5. Funzione dei tasti e led 4 6. Operazioni preliminari

Dettagli

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções

feeling feeling rf Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi Instruzioni per l uso Instrucciones de uso Manual de instruções feeling feeling rf D GB F E P NL CZ Bedienungsanleitung Operating Manual Mode d emploi nstruzioni per l uso nstrucciones de uso Manual de instruções Bedieningshandleiding Návod k obsluze 2 42 82 122 162

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

ABB i-bus KNX Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto

ABB i-bus KNX Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto Indice Indice Pagina 1 Generale... 3 1.1 Uso del manuale del prodotto...3 1.1.1 Struttura del manuale del prodotto...3 1.1.2 Note...4 1.2 Panoramica

Dettagli

SIRe Competent Fan Heater Electric. SIReFCX. With quick guide. For wiring diagram, please see last pages SE... 2 ES... 70 ... 155 ...

SIRe Competent Fan Heater Electric. SIReFCX. With quick guide. For wiring diagram, please see last pages SE... 2 ES... 70 ... 155 ... Original instructions SIRe Competent Fan Heater Electric With quick guide SIReFCX SE... 2 GB... 19 DE... 36 FR... 53 ES... 70 IT... 87 NL... 104 NO... 121 PL... 138 RU... 155 For wiring diagram, please

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC

GENERALITA SUI CONVERTITORI DAC E ADC CONVERTITORI DIGITALE-ANALOGICO DAC I.T.I. Modesto PANETTI A R I ia Re David, 86-8-54.54. - 75 ARI Fax 8-54.64.3 Internet http://www.itispanetti.it email : ATF5C@istruzione.it Tesina sviluppata dall alunno Antonio Gonnella della classe 5

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo

Lezione 1. 1 All inizio di ogni capitolo vengono indicati gli obiettivi della lezione sotto forma di domande la cui risposta è lo scopo Lezione 1 Obiettivi della lezione: 1 Cos è un calcolatore? Cosa c è dentro un calcolatore? Come funziona un calcolatore? Quanti tipi di calcolatori esistono? Il calcolatore nella accezione più generale

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo

5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI. 5.5.2.3 Configurazione 410 controllo sensorless a orientamento di campo 5.5.2.2 Configurazione 111 controllo sensorless semplice con regolatore PI La configurazione 111 amplia la configurazione di controllo con un controllore PI per applicazioni specifiche tipiche di regolazione

Dettagli

Invio di SMS con FOCUS 10

Invio di SMS con FOCUS 10 Sommario I Sommario 1 1 2 Attivazione del servizio 1 3 Server e-service 3 4 Scheda anagrafica 4 4.1 Occhiale... pronto 7 4.2 Fornitura... LAC pronta 9 4.3 Invio SMS... da Carico diretto 10 5 Videoscrittura

Dettagli

Esercizi per il recupero del debito formativo:

Esercizi per il recupero del debito formativo: ANNO SCOLASTICO 2005/2006 CLASSE 3 ISC Esercizi per il recupero del debito formativo: Disegnare il diagramma e scrivere la matrice delle transizioni di stato degli automi a stati finiti che rappresentano

Dettagli

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili

Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Guida all'installazione del WiFi Booster WN1000RP per dispositivi mobili Sommario Per iniziare............................................ 3 Il WiFi Booster......................................... 4 Pannello

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

Moduli CPU e moduli di espansione

Moduli CPU e moduli di espansione CP1L Moduli CPU e moduli di espansione Nel campo dei controllori per le macchine di dimensioni ridotte, la nuova serie CP1L di Omron offre la compattezza di un micro-plc e la potenza di un PLC modulare.

Dettagli

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1.

DPS-Promatic Telecom Control Systems. Famiglia TCS-AWS. Stazioni Metereologiche Autonome. connesse alla rete GSM. Guida rapida all'uso versione 1. DPS-Promatic Telecom Control Systems Famiglia TCS-AWS di Stazioni Metereologiche Autonome connesse alla rete GSM (www.dpspro.com) Guida rapida all'uso versione 1.0 Modelli che compongono a famiglia TCS-AWS:

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700

74 319 0350 0 B3144x2. Controllore universale RMU7... Istruzioni operative. Synco 700 74 319 0350 0 B3144x2 74 319 0350 0 Istruzioni operative Synco 700 Controllore universale RMU7... Sommario B3144x2...1 Elementi operativi...4 Display...4 Pulsante INFO...4 Manopola per selezione e conferma

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

LE VALVOLE PNEUMATICHE

LE VALVOLE PNEUMATICHE LE VALVOLE PNEUMATICHE Generalità Le valvole sono apparecchi per il comando, per la regolazione della partenza, arresto e direzione, nonché della pressione e passaggio di un fluido proveniente da una pompa

Dettagli

1. Instruzioni d uso 2

1. Instruzioni d uso 2 1. Instruzioni d uso 2 1.0 Prefazione Leggere attentamente queste instruzione d uso per utilizzare in modo ottimale tutte le funzioni dell interruttore orario. Il progetto di questo interruttore orario

Dettagli