Vers Sistema PICK PickSun. Inseguitore solare Guida all installazione, all uso e alla manutenzione. DPM Elettronica Foggia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Vers. 3.0. Sistema PICK PickSun. Inseguitore solare Guida all installazione, all uso e alla manutenzione. DPM Elettronica Foggia www.dpmelettronica."

Transcript

1 Vers. 3.0 Sistema PICK PickSun Inseguitore solare Guida all installazione, all uso e alla manutenzione DPM Elettronica Foggia

2 Indice 1 Inseguitore solare Introduzione Descrizione sistema di puntamento Caratteristiche tecniche I dispositivi Principio di funzionamento Il sensore di massima luminosità Scheda elettronica di controllo rotori Led di segnalazione Pulsanti di comando Accessori Alimentatore volt Sensore di vento Sensore di temperatura Modulo 8 ingressi 4 relè Interfaccia Usb-RS Programma PickMaster Installazione sensore e scheda elettronica Montaggio del sensore Montaggio della scheda Montaggio dell alimentatore Montaggio del sensore di vento Montaggio del sensore di temperatura Collegamenti Cavo sensore Cavo allarme di guardia CP Ingresso allarme TP Connettore di massa libero Cavo Fine corsa Cavo sensore vento Cavo sensore di temperatura Cavo bus RS Cavo uscita NOTTE stand by inverter (warning) Cavo uscita allarme Relè Nord Relè Sud Relè Est Relè Ovest Collegamenti Motore Verifiche collegamenti Messa in funzione /38

3 6.1 Autocalibrazione Avvio modalità automatica Regolazioni Il programma PickMaster e il bus Lettura videata di stato Videata di configurazione Programmazione tempi Programmazione soglie Destinazione allarmi: indirizzo e famiglia Fattori di scala Soglie allarmi Configurazione Avanzate Abilitazioni Imposta alta e bassa sensibilità Modifica indirizzo EEprom Aggiornamento del firmware Utilizzo del tool PickLoader /38

4 1 Inseguitore solare 1.1 Introduzione Il sole irradia la sua energia verso la Terra seguendo la sua traiettoria nel cielo. La posizione esatta dipende dall ora del giorno nel moto da est ad ovest (0-180 ), dal mese dell anno per quanto riguarda il mo to sud - nord (30-60 ). I due gradi di libertà rimangono separati solo se si utilizza un asse di rotazione giornaliera parallelo all asse terrestre: in questo caso infatti durante il giorno lavora un solo motore e durante l anno interviene il secondo. Al contrario per inseguitori ad asse verticale il sole deve essere cercato mediante la rotazione simultanea di entrambi i motori. La scheda ed il sensore di luminosità dell inseguitore solare permette di tenere conto di entrambi i tipi di rotore ed in più, nel caso la luce del sole è schermata da una nuvola, il sistema cerca materialmente nel cielo il punto di massima luminosità. Lo stesso dispositivo è adatto al funzionamento come puntatore solare, in questo caso il sole viene proiettato con un specchio mobile costantemente per tutta la giornata, su una stessa superficie. La funzione di puntatore solare è estremamente utile per dotare di illuminazione e riscaldamento naturale luoghi interrati o comunque privi di finestre nella direzione del sole. La scheda ed il sensore di luminosità dell inseguitore solare permette di tenere conto di entrambi i tipi di rotore ed in più, nel caso la luce del sole è schermata da una nuvola, il sistema cerca materialmente nel cielo il punto di massima luminosità. Figura 1 Differenze impianto fisso-orientabile 4/38

5 Figura 2 Vela fotovoltaica ad inseguimento biassiale 1.2 Descrizione sistema di puntamento Il dispositivo si colloca nella fascia professionale sia per il tipo di sensore di luminosità, concettualmente innovativo, sia per la scheda di gestione a microprocessore che integra alla precisione la sicurezza e la gestione a distanza. Sicurezza contro il furto, il sabotaggio ed anche contro il vento forte e la grandine. Gestione a distanza tramite doppino RS485 in parallelo alle linee elettriche di interi parchi fotovoltaici, con puntamento indipendente dei pannelli e con il controllo e l ottimizzazione dell intero impianto. 5/38

6 1.3 Caratteristiche tecniche Caratteristiche tecniche Alimentazione 12 Vcc / volt ac/dc Assorbimento Max 40 ma 0.5W con i motori in moto Numero massimo di schede sul bus 4096 Bus di collegamento RS485 su doppino twistato Max distanza tra gli inseguitori 2 Km Sensore di temperatura SI : C Sensore di vento SI: allarme velocità vento Misuratore di tensione del pannello SI: allarme mancanza di tensione Comandi Manuali SI: da PC o localmente Tipologia di sensore per inseguitore solare Modello DPM Elettronica Omnidirezionale con guadagno automatico con puntatore ottico incorporato Tipologia di sensore per puntatore solare 4 fotoresistenze Compensazione fotoresistenza Si, fattore di scala programmabile per EO e NS e autoprogrammabile Allarme furto e sabotaggio SI, con telegestione Allarme reset modulo SI, con telegestione Allarme alimentazione bassa SI, con telegestione Movimentazioni manuali a distanza SI, con telegestione 6/38

7 2 I dispositivi 2.1 Principio di funzionamento Due fotoresistenze collegate in serie a due resistenze fisse realizzano due partitori resistivi. La tensione in uscita dai partitori viene confrontata e la maggiore indica la fotoresistenza che prende più luce. Il rotore orienterà la vela proprio nella direzione di questa fotoresistenza. Il problema maggiore è di tipo ottico, bisogna fare in modo che la fotoresistenza capti il sole per oltre 180 e che la fotoresistenz a si illumini linearmente di più mano a mano che l inclinazione si avvicini ai 90. In caso contrario, se vi sono flessi nella curva di trasferimento potrebbe accadere che il sensore trovi altri punti di equilibrio, rari poiché in equilibrio devono stare 4 fotoresistenze ma potenzialmente dannose per la produttività dell impianto e per l immagine del prodotto. 2.2 Il sensore di massima luminosità L idea di base nella costruzione del sensore è quella di utilizzare le proprietà ottiche dei prismi. La luce incidente sul prisma viene in parte riflessa ed in parte rifratta in modo dipendente dall angolo di incidenza. Il sensore è costituito da 4 fotoresistenze ancorate sotto 4 prismi di materiale trasparente in grado di assumere luce da un arco di 90 di cielo. Ciascun elemento lavora insieme al suo antagonista appaiato, per esempio est con ovest, il settore di cielo più illuminato produrrà maggiori effetti sulla fotoresistenza rispetto al settore meno illuminato. Un cilindro ombreggiante centrale permette di creare una soglia netta e quindi una maggiore precisione all allineamento col sole. Il sensore realizzato in un monoblocco di resina bicomponente è un dispositivo particolarmente robusto e destinato a durare nel tempo. Figura 3 Foto del sensore di massima luminosità 7/38

8 2.3 Scheda elettronica di controllo rotori Figura 4 Foto centralina inseguitore La scheda elettronica, governata da un microcontrollore Motorola, presenta al suo interno tutto ciò che serve per il controllo del rotore, alcuni accessori esterni espandono le funzionalità della scheda. Convenzionalmente sono state adottati dei termini per rappresentare gli spostamenti del rotore, considerando che è necessario rivolgerlo verso SUD il sud è detta la direzione per andare più perpendicolare alla terra, Nord quella per andare parallela alla terra. Dalla linea Nord-sud guardando il Sud la direzione Est è quella di sinistra, quella ovest quella di destra. Naturalmente quanto detto è una convenzione, siccome la rotazione massima della vela ad asse verticale d estate è maggiore di 180, ci si trova verso il fine corsa del tramonto che per ruotare ad est, il rotore inizialmente si muove verso Ovest. 8/38

9 Figura 5 Convenzione direzioni La convenzione si è resa necessaria per poter dare riferimenti concreti alle segnalazioni, ai comandi ed ai connettori della scheda. 9/38

10 2.4 Led di segnalazione Figura 6 Scheda inseguitore Led Power: il led lampeggia segnalando il funzionamento della scheda Led Manuale: quando acceso indica che il rotore non si muove spontaneamente ma solo grazie a comandi manuali Led Nord, Sud, Est, Ovest (West): questi led hanno una doppia funzione, la prima indica in maniera più sensibile dei rotori, la direzione di maggiore luminosità: se è acceso l est anziché l ovest significa che la luminosità ad est è maggiore di quella ad ovest. La seconda funzione, indicata con il lampeggio del led, indica che il rotore ha raggiunto il relativo fine corsa. Led Centro: indica quando acceso che la direzione con i due led spenti è esattamente in equilibrio. Led Notte: indica che la relativa uscita di Notte è attiva, cioè quando i motori potrebbero avere necessità di muoversi. 10/38

11 Led Allarm: indica che la relativa uscita di allarme è attiva, cioè almeno un allarme è in esecuzione. Led GainNS: opzionale. Indica quando acceso che la sensibilità delle fotoresistenze è bassa, è la naturale condizione operativa. Quando il led è spento significa che la scheda lavora in alta sensibilità e questo va bene per particolari tipi di trasduttori o per dimostrativi posti in locali interni. Led GainEO: come sopra per le direzioni est-ovest Led Nord, Sud, Est, Ovest (West) sui relè: indica che il relè relativo è attivo. 2.5 Pulsanti di comando Figura 7 Tasti di comando Pulsante Nord, Sud, Est, Ovest (West): impostano il dispositivo in modalità manuale ed attivano i motori nella direzione selezionata. Una volta premuti questi tasti è necessario riportare il dispositivo in modalità automatica, in caso contrario rimarrebbe fermo per sempre nella direzione in cui è stato lasciato. Pulsante Auto: una rapida pressione riporta il dispositivo in funzionalità automatica, cioè il rotore insegue il sole. Una pressione prolungata di 10 secondi permette di effettuare l operazione iniziale di autocalibrazione. 11/38

12 Accessori Il dispositivo può essere attrezzato con una serie di accessori per permettere una espansione delle funzionalità. 2.6 Alimentatore volt Se non abbiamo una alimentazione a 12 volt, possiamo collegare un alimentatore e sfruttare per l alimentazione della scheda la tensione di rete. Figura 8 Un tipo di alimentatore 2.7 Sensore di vento Permette di misurare la velocità del vento e quindi di mettere il pannello orizzontale in caso di vento forte, proteggendo quindi la struttura da possibili rotture. Figura 9 Sensore di vento 12/38

13 2.8 Sensore di temperatura Viene utilizzato per monitorare la temperatura di un pannello e se questa supera la soglia impostata, per esempio 70 C, vien e attivato l allarme incendio. Può essere anche usato per studiare la produttività dell impianto in funzione della temperatura. Figura 10 Sensore di temperatura 2.9 Modulo 8 ingressi 4 relè Permette di remotizzare un allarme e tramite pulsanti di dare comandi ai rotori. Per esempio è possibile con la pressione di un solo tasto mettere tutti i moduli in posizione verticale durante una grandinata oppure con un altro tasto ruotare tutte le vele in posizione orizzontale durante una velocità eccessiva del vento nel caso non sia presente il sensore di velocità del vento che esegue automaticamente questa operazione. Figura 11 Modulo 4 relè 2.10 Interfaccia Usb-RS485 Permette di interfacciare ad un PC una rete di inseguitori anche con cavi lunghi 1-2 Km. Gli inseguitori vengono collegati tutti in parallelo su tre fili X, Y, GND e quindi all interfaccia. Dall altro lato sull interfaccia si connette un cavetto USB per andare ad un PC dotato del programma PickMaster. Figura 12 Interfaccia USB 13/38

14 2.11 Programma PickMaster Permette di visualizzare lo stato degli inseguitori, gli allarmi, di posizionare i rotori nella posizione desiderata, permette la connessione remota dell impianto. Figura 13 Videata primcipale PickMaster 14/38

15 3 Installazione sensore e scheda elettronica Posizionare il rotore quasi a fine corsa verso nord cioè quasi orizzontale e a metà tra est e ovest per agevolare le operazioni di montaggio. 3.1 Montaggio del sensore Il sensore è provvisto di una staffa di fissaggio. Scegliere la posizione in modo tale che sia sempre a livello superiore rispetto a quello del piano dei pannelli. In questo modo non può mai avvenire l ombreggiamento del sensore. Ruotare il sensore in modo da avere il Nord orientato verso la parte più alta della vela. Conviene scegliere la posizione non facilmente raggiungibile, se qualche causa esterna al sole oscura i vetrini del sensore il rotore posiziona la vela in modo errato. Se in qualche modo una delle lenti del sensore si dovesse sporcare in modo disuguale alle altre tre è necessaria la pulizia per ripristinare il corretto funzionamento. Figura 14 Sensore installato 3.2 Montaggio della scheda La scheda va installata su una guida Din in un quadro stagno in una posizione protetta, all ombra e facilmente raggiungibile per le operazioni di manutenzione. Gli ingombri sono 14.5 cm x 13 cm di altezza x 3.5 cm di spessore. Infatti è proprio accedendo alla scheda che possiamo fare effettuare al rotore degli spostamenti manuali. Con l utilizzo del computer l accesso alla scheda diventa molto meno importante. Figura 15 Installazione su barra din 15/38

16 3.3 Montaggio dell alimentatore L alimentatore occupa un modulo din e va installato affianco alla centralina sulla stessa barra. Le sue dimensioni sono: 1.8 cm x 9.5 cm x 5.5 cm. 3.4 Montaggio del sensore di vento Il sensore va installato nella parte più alta della vela su un piano superiore a quello della vela. Il sensore deve essere collegato tramite un cavo a tre conduttori alla scheda elettronica. Se si monta il sensore di vento più in basso è possibile regolare la soglia di allarme ad un livello inferiore per compensare la minore velocità del vento rilevata. 3.5 Montaggio del sensore di temperatura Il sensore va fissato con una fascetta sulla parte posteriore di un pannello centrale della vela. Il sensore di temperatura va collegato con un cavo a tre fili alla scheda elettronica. Figura 16 Installazione sensore di temperatura 16/38

17 4 Collegamenti I collegamenti vengono descritti a partire dalla morsettiera inferiore da sinistra a destra Figura 17 Collegamenti alla centralina 4.1 Cavo sensore Utilizzare un cavo schermato 6x0.5mm con una sezione da 7 a 10 mm della lunghezza idonea per andare dal sensore alla centralina. Dal lato sensore si potranno usare dei connettori fastom femmina oppure si potranno saldare i fili. Dal lato centralina il collegamento dovrà essere effettuato ai morsetti estraibili 5 poli dedicati ai sensori (uno dei sei conduttori non viene utilizzato). +5V Ovest (West) 17/38

18 Est Nord Sud 4.2 Cavo allarme di guardia CP Cavetto di antifurto funzionante 24 ore al giorno, anche nelle ore notturne. Facendo passare attraverso i fori di fissaggio non utilizzati di tutti i pannelli questo cavetto monopolare proteggiamo dal distacco ogni singolo modulo. Partire con il cavo dal morsetto CP con in serie una resistenza da 10K ohm quindi inserire un altra resistenza da 10 Kohm in un punto qualsiasi del cavo ed infine inserire una resistenza da 22 Kohm all altro capo del cavo prima della connessione alla 12 volt. Comune 12 V cavo allarme Ritorno cavo allarme CP 4.3 Ingresso allarme TP Come sopra, serve per una seconda linea di guardia o per un microinterruttore sullo sportello del quadretto elettrico. Il comune è il comune dell allarme CP. Viene registrato un allarme differenziato per darne la possibilità di gestione. +Vp Ritorno cavo allarme pannello 4.4 Connettore di massa libero GND 4.5 Cavo Fine corsa Cavo da 0,22 mm da 1+4 poli da collegare agli switch normalmente chiusi dei finecorsa. Collaudare il corretto funzionamento dei fine corsa poiché se il funzionamento è ambiguo si possono creare danni alla struttura. GND Fine corsa Ovest Fine corsa Est Fine corsa Sud Fine corsa Nord 18/38

19 4.6 Cavo sensore vento Cavo da 0,22 mm da 2 poli da collegare al sensore vento, cavo marrone morsetto SV, cavo blu morsetto GND. Se si invertono i fili non accade nulla. Sensore Vento GND 4.7 Cavo sensore di temperatura Cavo da 0,22 mm da 2 poli da collegare al sensore di temperatura. Temp GND. 4.8 Cavo bus RS485 Doppino intrecciato per il collegamento di X e Y con lunghezza fino a 2Km e cavo rosso-nero da 1 mm per alimentazione remota. Cavo rosso-nero da 0,5 mm da collegare ad un alimentatore 12V 1 Ampere locale. +12V Gnd Bus Y Bus X Figura 18 Collegamento uscita allarme 19/38

20 4.9 Cavo uscita NOTTE stand by inverter (warning) Se si usa un inverter per pilotare i motori, per esempio trifase partendo da una alimentazione monofase è utile per spegnerlo durante la notte. Va collegato allo stand by dell inverter motori per spegnerlo durante la notte. L uscita è open collector, cioè fornisce una massa a stand by attivo, durante la notte. Durante il giorno sul morsetto si trova un pull up a 12 volt attraverso un diodo led. Un relè va collegato come nella figura precedente. Warn 4.10 Cavo uscita allarme Open collector a cui collegare tutti insieme le uscite di allarme alla bobina di un relè con l altro contatto alla 12 volt. Lo scambio libero del relè può essere usato per sirene,combinatori ecc. Vedi figura per il collegamento. ALL 4.11 Relè Nord Si attiva per accendere il motore dell inclinazione nel verso di portare i pannelli in orizzontale. Tutti i relè hanno contatti da 16 Ampere 250 volt AC. Sono disponibili le seguenti connessioni: NC in collegamento al comune a motore spento C comune NA in collegamento al comune a motore acceso 4.12 Relè Sud Si attiva per accendere il motore dell inclinazione nel verso di portare i pannelli in verticale. Tutti i relè hanno contatti da 16 Ampere 250 volt AC. Sono disponibili le seguenti connessioni: NC in collegamento al comune a motore spento C comune NA in collegamento al comune a motore acceso 20/38

21 4.13 Relè Est Si attiva per accendere il motore dell azimut nel verso di portare i pannelli in direzione Est. Tutti i relè hanno contatti da 16 Ampere 250 volt AC. Sono disponibili le seguenti connessioni: NC in collegamento al comune a motore spento C comune NA in collegamento al comune a motore acceso 4.14 Relè Ovest Si attiva per accendere il motore dell azimut nel verso di portare i pannelli in direzione Ovest. Tutti i relè hanno contatti da 16 Ampere 250 volt AC. Sono disponibili le seguenti connessioni: NC in collegamento al comune a motore spento C comune NA in collegamento al comune a motore acceso 21/38

22 4.15 Collegamenti Motore Per i collegamenti del motore utilizzare gli schemi seguenti Motore CC schema elettrico Motori corrente continua schema elettrico di collegamento Motore 220V Per i motori 220V alternata fornire alternativamente la fase alle due direzioni di marcia di ciascun motore 22/38

23 Motori 220 volt schema elettrico di collegamento Motore 380V Per i motori a 380 V utilizzare 2 teleruttori trifase per ciascun motore. Uno con i collegamenti r ed s invertiti. Ciascun relè della scheda comanderà il relativo teleruttore. 23/38

24 5 Verifiche collegamenti Prima di mettere il dispositivo in modalità automatica procedere con le seguenti verifiche. La procedura va fatta di giorno. Prova Collegare il PC con il programma PickMaster alla scheda Verificare il corretto collegamento del sensore verificando le rispettive luminosità delle 4 direzioni ed ombreggiando una direzione alla volta. L ombreggiamento provoca una repentina riduzione della luminosità. Se ombreggiate il nord e per esempio si riduce la luminosità dell est bisogna scollegare dalla scheda il filo dal morsetto EST e collegarlo al morsetto NORD. Verificare il corretto collegamento dei finecorsa. Premendo manualmente le aste dei finecorsa (con una calamita per quelli magnetici), si devono dipingere di giallo i rispettivi quadretti nella videata del programma. Se il quadretto rimane giallo sempre significa che il contatto normalmente chiuso del finecorsa è interrotto da qualche parte. Se non diventa mai giallo significa che è ponticellato. Se diventa giallo agendo su un altro finecorsa invertire il filo analogamente alla verifica dei sensori. Verificare il corretto collegamento dei motori. Prima di effettuare questa operazione dobbiamo verificare di avere un po di corsa disponibile in tutte e 4 le direzioni. Quindi premendo e rilasciando il tasto SUD il rotore dovrebbe cominciare a porre la vela in una posizione più verticale. Se accade il contrario invertire i collegamenti tra relè Nord e Sud. Procedere quind alla verifica della rotazione Est-Ovest. Premere il pulsante Est e verificare se il senso di rotazione è corretto. La direzione EST è quella indicata sul sensore. Se la direzione è opposta, invertire il collegamento sui due relè. Verificare ora operativamente e con cautela che i finecorsa blocchino i motori raggiungendoli manualmente con i tasti. Se un finecorsa non blocca il motore significa che non è stata effettuata correttamente una delle verifiche precedenti, tornare indietro con il motore e verificare i finecorsa. Verifica del collegamento del sensore di temperatura. Se a video compare una temperatura presumibilmente corretta del pannello significa che il sensore è stato collegato correttamente. Se compare 192 o il sensore non è correttamente collegato. Verifica del collegamento del sensore vento: se non c è vento fare ruotare il mulinello manualmente, a video la velocità del vento diventa diversa da zero se il sensore è correttamente collegato. Verifica collegamento allarme antifurto: nella videata principale la casella Tens.Antifurto deve contenere un numero maggiore di 0 e minore di 4 volt. Se la tensione indicata è zero, significa che il cavo di guardia è scollegato lasciando il circuito aperto. Verifica collegamento allarme sportello: Se la tensione indicata sulla videata principale è zero significa che lo sportello o il secondo cavo di guardia è aperto. Esito 24/38

25 6 Messa in funzione 6.1 Autocalibrazione. Questa operazione permette di compensare le differenze costruttive esistenti tra le 4 fotoresistenze del sensore. Può essere fatta manualmente andando ad inserire gli opportuni parametri correttivi oppure automaticamente. Per effettuare questa operazione è necessario poter vedere lo stilo di puntamento del sensore, se non è possibile posizionare uno stilo di puntamento ausiliario in una posizione più comoda della vela. Lo stilo di puntamento è un astina di 14 cm perpendicolare alla vela, la cui ombra indica l errore di puntamento. Posizionare il sensore da solo o con tutta la vela esattamente perpendicolare al sole, l astina di puntamento non deve dare nessuna ombra. Tenere premuto il tasto Automatico sulla scheda per 10 secondi. Un gioco di led indica l inizio dell operazione di calibrazione. Verificare sul video del computer la corrispondenza delle misurazioni delle 4 fotoresistenze a coppie nord-sud e est-ovest. 6.2 Avvio modalità automatica 25/38

26 Attenzione. Prima di effettuare questa operazione verificare di aver tolto tutti gli attrezzi dalle parti in movimento della vela, quindi togliere eventuali scale o ponteggi dal raggio d azione della vela. Premere il tasto Manuale sulla scheda per passare alla modalità automatica. Un breve segnale acustico indica il cambio di condizione e la vela potrà cominciare a muoversi autonomamente. 6.3 Regolazioni Tutte le regolazioni sono state effettuate di default sul dispositivo in fabbrica, comunque qualunque modifica può essere fatta grazie al programma PickMaster. 26/38

27 7 Il programma PickMaster e il bus. Per la comunicazione sul bus è stato adottato il protocollo di comunicazione dello standard Pick della DPM Elettronica S.r.l. di Foggia.. Tramite il programma PickMaster è possibile gestire a distanza un intero parco di inseguitori solari. In caso di allarmi il programma mette in evidenza il problema, la causa scatenante ed i rotori coinvolti. In caso di violente grandinate è possibile con un solo comando mettere verticali migliaia di pannelli con una sola operazione. Nella foto possiamo osservare la videata di controllo. Dalla videata generale è possibile cliccare sul singolo inseguitore ed ottenere la videata specifica. 27/38

28 L indirizzo e la famiglia indicano il preciso rotore su cui agire. Attraverso il bus è possibile agire sul puntamento dell inseguitore solare singolo manualmente, a partire dal primo comando vengono disattivati tutti gli automatismi legati ai sensori. Per riprendere il puntamento automatico premere il tasto AUTOMATICO sull interfaccia dedicata nel programma PickMaster 7.1 Lettura videata di stato La videata di stato riassume i parametri operativi di uso più frequente. L indirizzo e la famiglia caratterizzano il modulo, nel senso che siccome tutti i moduli sono collegati allo stesso modo questi due parametri servono alla corretta identificazione. La descrizione del modulo è utile poiché al passaggio del mouse sopra l icona comparirà proprio questa descrizione. Il riquadro coi 4 punti cardinali ha molteplici funzioni operative e di verifica. Premendo sui pulsanti con i punti cardinale si attiva il relativo motore e la centralina va in modalità manuale. Se il colore del quadrato accanto è rosso 28/38

29 significa che il motore è acceso, se è giallo significa che è attivo il relativo fine corsa. Il numero che compare sopra i punti cardinali esprime la quantità di luce rilevata dal sensore. Il range va da 0 a 255. A volte la compensazione supera il valore di 255, in questo caso la luminosità si ferma al valore massimo. Pulsante Automatico: premendolo il rotore torna in modalità automatica Temperatura: è la temperatura rilevata dal relativo sensore, il range va da -63 a 120 C, il valore 192 se appare indica che il sen sore è scollegato o guasto. E possibile impostare e poi abilitare l allarme di sovratemperatura che si comporta come monitoraggio antincendio. Velocità del vento: esprime in Km/h la velocità del vento rilevata dal sensore. E possibile impostare una soglia di attenzione e poi una soglia di allarme per velocità eccessive del vento. Quindi abilitare l allarme. Tensione pannelli: esprime la tensione erogata dai pannelli, o almeno quella della stringa a cui è collegato la centralina. Questa tensione dipende dalla resistenza utilizzata per il collegamento. Sotto un certo valore programmato, se il sensore rivela ancora luce, scatta l allarme Calo Tensione. Tensione antifurto: esprime la tensione rilevata dalla linea del cavo di guardia. Sotto un certo valore programmato scatta l allarme cavo. Tensione batteria: esprime in volt la tensione di alimentazione della scheda, prossima a 12 volt. Se questa tensione è sotto la tensione programmata scatta l allarme batteria Low. I flag di stato indicano le condizioni operative della centralina. Manuale: verde indica che il funzionamento è manuale, rosso automatico Stand By: rosso indica che la scheda invia all inverter il comando di spegnersi Luce scarsa: indica che non è più conveniente per il rotore seguire il sole anche se abbiamo ancora un minimo di produzione GainNS e GainEO: opzionale. Se verde è impostata l alta sensibilità del sensore, se rossa la bassa sensibilità. Allarme: rosso indica la memoria di un allarme accaduto. Notte: indica che la luce è inferiore alla soglia notte e quindi il pannello si è posizionato nella sua posizione caratteristica notturna, orizzontale e verso est. Stringa riepilogativa 29/38

30 Esiste una stringa che riepiloga i dati istantanei più significativi e premendo il tasto LOG li regista in memoria insieme alla data e all ora, per poi renderli disponibili sulla apposita pagina di Log. I dati sono: Temperatura, massimo valore di luminosità rilevato e la direzione, la differenza di luminosità tra nord e sud e quella tra est e ovest. Il valore è espresso da un numero relativo. 7.2 Videata di configurazione In questa pagina è possibile adattare il modulo ad ogni tipo di rotore modificando i parametri di funzionamento della centralina Programmazione tempi Ritardo accensione: numero di secondi minimo tra un movimento del motore ed il successivo. Questo ritardo non viene applicato nel caso la differenza di luminosità superi la soglia Accensione Motori Immediata. Durata massima: numero massimo di secondi in cui un motore può rimanere continuamente acceso. Deve essere impostato un tempo leggermente 30/38

31 maggiore di quello impiegato per andare da un fine corsa all altro. Nel caso il rotore si dovesse spegnere per timeout scatta l allarme di Errore Fine Corsa Programmazione soglie Soglia Notte: luminosità, la maggiore dei 4 trasduttori, sotto la quale la vela si colloca in posizione notte. Orizzontale e verso est. Soglia Poca Luce: luminosità, la maggiore dei 4 trasduttori, sotto la quale i rotori non orientano più la vela in direzione della massima luminosità del cielo. Il rotore sta fermo poiché sotto questo valore non vale più la pena di muoverlo. Soglia spegnimento motori: durante la rincorsa verso il sole il sensore continua ad aggiornarsi, quando la differenza tra i due trasduttori è inferiore o uguale a questo parametro il motore di ferma. E utile metterlo diverso da zero sono nel caso abbiamo inerzie importanti nello spostamento. Soglia accensione motori: è la soglia di differenza di luminosità che mette in moto il rotore. Più questo parametro è alto e minore sarà la precisione media di puntamento ma minore sarà l intervento dei motori. Prima dell attivazione del motore, rispetto all ultimo movimento deve comunque passare il tempo impostato in Ritardo Accensione. Soglia accensione motori immediata: è la soglia di differenza di luminosità che mette in moto il rotore immediatamente, cioè senza aspettare alcun tempo di ritardo. E utile per spostare la vela in caso di forti convenienze in altre zone del cielo e per il testing, oscurando con una mano una regione di cielo il rotore si mette in moto immediatamente Destinazione allarmi: indirizzo e famiglia E possibile installare il sensore vento in un solo rotore e poi scatenare da questo l allarme sugli altri. L allarme verrà destinato ai moduli con questo indirizzo e famiglia. Il valore zero è quello di broadcast, accettato da tutti i moduli Fattori di scala Il campo con i fattori di scala permette di compensare le differenze che si riscontrano tra sensori accoppiati e le relative lenti. I due parametri rappresentano il fattore correttivo delle misurazioni del Nord e dell Est. Il numero qui impostato corregge la misura con la seguente relazione: Misura usata = Misura letta + Misura letta x fattore di scala / /38

32 Il fattore di scala può essere negativo. Quando la Misura usata diventa maggiore di 255, il valore rimane Soglie allarmi Gli allarmi per poter essere efficaci devono essere abilitati nella pagina Avanzate Allarme taglio cavo: soglia sotto la quale scatta l allarme di taglio cavi, il numero tra parentesi è il numero rilevato dalla centralina, la soglia deve essere minore del numero rilevato. Batteria Soglia sotto la quale scatta l allarme di batteria scarica, il numero tra parentesi indica il numero rilevato istantaneamente. Allarme velocità del vento alta Rimossa dalla versione 2.01 in avanti Allarme produzione Soglia sotto la quale scatta l allarme produzione. Il valore tra parentesi indica il numero letto istantaneamente. Temperatura allarme incendio Temperatura sopra la quale scatta l allarme incendio. Velocità vento pericolosa Soglia sopra la quale scatta l allarme Vento e la vela si mette in protezione. 32/38

33 7.3 Configurazione Avanzate Abilitazioni Controllo batteria Abilita l allarme di batteria scarica Abilita allarme cavo TP Abilita l allarme 24 ore di taglio cavo di guardia Abilita allarme CP Abilita l allarme sullo swith del quadro 33/38

34 Abilita allarme vento Abilita l allarme per velocità pericolose di vento. Se si intende usare questa funzione, tenerla abilitata anche in caso di sensore non installato in quanto l allarme di un altro rotore provvisto di sensore può proteggere la vela. Disabilita allarme di sovratemperatura Se spuntato non viene controllato l allarme di sovratemperatura. Modalità cantiere La modalità cantiere permette di effettuare alcuni comandi altrimenti non accettati. In modalità cantiere è possibile fare il cambio di indirizzo Invia stato ad altri moduli Se spuntato in caso di allame vento invia l allarme anche agli altri moduli sprovvisti di sensore Imposta alta e bassa sensibilità Opzionale: Permette di impostare la centralina ad alta e bassa sensibilità a seconda delle necessità. La sensibilità viene riscontrata nella riga di stato Gain Modifica indirizzo La modifica dell indirizzo è indispensabile in caso di nuove installazioni su impianti esistenti. In questo caso è necessario fare attenzione di modificare l indirizzo della centralina nuova arrivata in maniera tale da non ritrovare altre coppie indirizzo- famiglia uguali nello stesso impianto. Se vi sono 2 centraline in questa condizione sullo stesso bus è indispensabile spegnerne una e quindi cambiare l indirizzo a quella accesa e poi ripristinare tutto EEprom Questo pulsante apre una videata di debug in cui si può vedere il contenuto della eeprom. Questa videata è dedicata a personale con privilegi molto alti in quanto una variazione fortuita di un numero della tabella potrebbe portare a malfunzionamenti. 34/38

35 8 Aggiornamento del firmware 8.1 Utilizzo del tool PickLoader PickLoader è il software che consente di aggiornare il firmware all interno degli inseguitori solari. L aggiornamento del firmware è consentito a partire dalla versione 02.4, quindi inseguitori con versioni firmware precedenti non possono essere aggiornati con la procedura descritta in questo paragrafo. La schermata principale del programma è la sequente: Il primo passo consiste nell impostare correttamente la porta seriale e la velocità di comunicazione (Baudrate), come riporta l immagine seguente: Cliccando su AvviaCOM verrà abilitata la comunicazione con il bus. 35/38

36 Successivamente dobbiamo inserire indirizzo e famiglia del modulo di cui vogliamo aggiornare il firmware: Cliccando su leggi informazioni dal modulo ricaviamo il tipo di modulo e la versione del firmware in uso. Possiamo adesso caricare nel programma il file nel formato S19 del nuovo firmware: Selezioniamo il percorso del file cliccando su Apri file. Ora possiamo avviare la programmazione del modulo cliccando su LOAD da pick : 36/38

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN

IMMS-CI-HW. Interfaccia programmatore (CI) IMMS. Istruzioni per l installazione IMMS. Controller. Interface. AC From Transformer 24 VAC REM 24 VAC SEN CI 4 Comm. IMMS-CI-HW Interfaccia programmatore (CI) IMMS POWER From Transformer 24 V 24 V Ground To REM Istruzioni per l installazione To SmartPort Sensor 1 Sensor 2 Sensor 3 From Sensors Sensor Common

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07

TB-SMS. Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso. Ver. 1.6.10 31/07/07 TB-SMS Combinatore telefonico GSM-SMS Manuale di installazione ed uso Ver. 1.6.10 31/07/07 MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore TB-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili

Dettagli

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16

Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo norma CEI 0-16 Sepam Serie 20: note per la regolazione da tastierino frontale o da software SFT2841 secondo

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de

Centralina Compatta. Manuale d istruzioni. 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che. info@psg-online.de www.psg-online.de Centralina Compatta 04/2015 Dati tecnici soggetti a modifi che info@psg-online.de www.psg-online.de Manuale d istruzioni Messa in funzione Il regolatore viene fornito con le impostazioni standard pronto

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE 1 MORSETTIERA INTERNA Qui di seguito è riportato lo schema della morsettiera interna: Morsettiera J1 12 V + - N.C.

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148

MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 MODULO TERMOSTATO A PANNELLO VM148 Modulo termostato a pannello 4 COLLEGAMENTO 9-12V DC/ 500mA L1 L2 ~ Riscaldatore/Aria condizionata Max. 3A Max. 2m Sensore di temperatura Per prolungare il sensore, utilizzare

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze.

Questo dispositivo, inoltre, è modulare; è quindi possibile scegliere i moduli e personalizzare la configurazione più adatta per le proprie esigenze. MONITOR DEFIBRILLATORE LIFEPAK 12 Il Monitor Defibrillatore LIFEPAK 12 è un dispositivo medicale che nasce per l emergenza e resiste ad urti, vibrazioni, cadute, polvere, pioggia e a tutte quelle naturali

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2

MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 MANUALE RADIOCOMANDO SY250 IDRO STD3 2ways2 Pag. 1 / 10 SOMMARIO: 1 INTRODUZIONE... 3 2 PANNELLO DI CONTROLLO... 4 2.1 I TASTI... 4 2.2 IL DISPLAY... 4 3 I MENU... 5 3.1 MODIFICA TERMOSTATO AMBIENTE RADIO...

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31)

CE 100-8. CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) CE 100-8 CENTRALE FILO E RADIO (48 bit) MANUALE DI INSTALLAZIONE (VERSIONE 6.31) AVVERTENZE Si ricorda che l installazione del prodotto deve essere effettuata da personale Specializzato. L'installatore

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000

DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 DATA: 20/02/2014 DOC.MII11166 REV. 2.21 GUIDA APPLICATIVA PER L ANALIZZATORE DI INTERRUTTORI E MICRO-OHMMETRO MOD. CBA 1000 Doc. MII11166 Rev. 2.21 Pag. 2 di 138 REVISIONI SOMMARIO VISTO N PAGINE DATA

Dettagli

[Operazioni Preliminari]

[Operazioni Preliminari] [Operazioni Preliminari] Si consiglia di leggere interamente questo manuale prima di procedere alle operazioni di aggiornamento del KeyB Organ. 1] Per aggiornare firmware, suoni e parametri del KeyB Organ

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

MANUALE TECNICO 080406 E SMS

MANUALE TECNICO 080406 E SMS IT MANUALE TECNICO 080406 E SMS MANUALE DI INSTALLAZIONE ED USO INTRODUZIONE. Il combinatore E-SMS offre la possibilità di inviare sms programmabili a numeri telefonici preimpostati e di attivare uscite

Dettagli

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00

Istruzioni di montaggio e per l'uso. Altoparlante ad incasso 1258 00 Istruzioni di montaggio e per l'uso Altoparlante ad incasso 1258 00 Descrizione dell'apparecchio Con l'altoparlante ad incasso, il sistema di intercomunicazione Gira viene integrato in impianti di cassette

Dettagli

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO

GUIDA CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO GUIDA CFIGURAZIE ED UTILIZZO GPS SAFE COME ANTIFURTO PER MOTO Sommario: Download ed aggiornamento firmware GPS SAFE... 3 Track Manager, download ed installazione.... 4 Configurazione GPS SAFE ed utilizzo

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Dicembre 2013 190-01711-31_0A Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Manuale Tecnico di installazione e programmazione

Manuale Tecnico di installazione e programmazione Manuale Tecnico di installazione e programmazione AVVERTENZE Questo manuale contiene informazioni esclusive appartenenti alla Combivox Srl Unipersonale. I contenuti del manuale non possono essere utilizzati

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC

Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC Manager BM-MA Antifurto 24h/365d per Pannelli Fotovoltaici e Cavi DC SPECIFICHE TECNICHE Il Manager BM-MA è un apparato multifunzione antifurto sia per pannelli fotovoltaici che cassette di parallelo,

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A

Avviatore d emergenza 12-24 Volts 4500-2250 A 443 00 49960 443 00 49961 443 00 49366 443 00 49630 443 00 49963 443 00 49964 443 00 49965 976-12 V 2250 A AVVIATORE 976 C-CARICATORE AUTOM. 220V/RICAMBIO 918 BATT-BATTERIA 12 V 2250 A/RICAMBIO 955 CAVO

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700

Trattamento aria Regolatore di pressione proporzionale. Serie 1700 Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria +24VDC VDC OUTPUT MICROPROCESS. E P IN EXH OUT Trattamento aria Serie 7 Serie 7 Trattamento aria 7 Trattamento

Dettagli

Centralina rivelazione e spegnimento

Centralina rivelazione e spegnimento Centralina rivelazione e spegnimento 3 zone rivelazione e 1 zona spegnimento Certificata CPD in accordo alle EN 12094-1:2003, 54-2 e 54-4 Manuale D uso 1 INTRODUZIONE 4 1.1 Scopo del manuale 4 1.2 Prima

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1

Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5. 9356197 Edizione 1 Manuale d'uso per Nokia Image Viewer SU-5 9356197 Edizione 1 DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ Noi, NOKIA CORPORATION, dichiariamo sotto la nostra esclusiva responsabilità che il prodotto SU-5 è conforme alle

Dettagli

Avvertenze. Avviso importante. Conformità normativa delle emissioni. Avvertenze

Avvertenze. Avviso importante. Conformità normativa delle emissioni. Avvertenze Avvertenze Avvertenze Avviso importante Copyright SolarEdge Inc. Tutti i diritti riservati. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta, memorizzata in un sistema di backup o trasmessa in qualsiasi

Dettagli

Impianti di pressurizzazione Alimentazione idrica Industria Edilizia Lavaggi

Impianti di pressurizzazione Alimentazione idrica Industria Edilizia Lavaggi NOCCHI CPS Facile da installare, Basso consumo energetico, Dimensioni compatte CPS è un dispositivo elettronico in grado di variare la frequenza di un elettropompa. Integrato direttamente sul motore permette

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

Galaxy Dimension. Manuale di installazione. Honeywell Security

Galaxy Dimension. Manuale di installazione. Honeywell Security Galaxy Dimension Manuale di installazione Honeywell Security Sommario Sommario INTRODUZIONE... 1-1 Varianti disponibili... 1-1 SEZIONE 1: CONFIGURAZIONE RAPIDA... 1-3 SEZIONE 2: ARCHITETTURA DI SISTEMA...

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM

XM100GSM SCHEDA GSM PER CENTRALI SERIE XM 1 Stato del combinatore direttamente sul display della Consolle XM Interrogazione credito residuo tramite SMS e inoltro SMS ricevuti Messaggi di allarme pre-registrati Completa integrazione con centrali

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono

In un collegamento in parallelo ogni lampadina ha. sorgente di energia (pile) del circuito. i elettrici casalinghi, dove tutti gli utilizzatori sono I CIRCUITI ELETTRICI di CHIARA FORCELLINI Materiale Usato: 5 lampadine Mammut 4 pile da 1,5 volt (6Volt)+Portabatteria Tester (amperometro e voltmetro) I circuiti in Parallelo In un collegamento in parallelo

Dettagli

LEGGERE TUTTE LE INDICAZIONI PRIMA DI AVVIARSI ALL INSTALLAZIONE

LEGGERE TUTTE LE INDICAZIONI PRIMA DI AVVIARSI ALL INSTALLAZIONE Iniezione + Accensione 2008-2012 Husqvarna Modelli con Centralina MIKUNI Istruzioni di Installazione LISTA DELLE PARTI 1 Power Commander 1 Cavo USB 1 CD-ROM 1 Guida Installazione 2 Adesivi Power Commander

Dettagli

ABB i-bus KNX Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto

ABB i-bus KNX Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto Accoppiatore di linea LK/S 4.2 Manuale del prodotto Indice Indice Pagina 1 Generale... 3 1.1 Uso del manuale del prodotto...3 1.1.1 Struttura del manuale del prodotto...3 1.1.2 Note...4 1.2 Panoramica

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare.

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. Per una casa più comoda, cura e intelligente, con un solo clic. Kit Domotici faidate integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. www.easydo.it videosorveglianza, controllo carichi

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

UPS Communicator. UPS Communicator - Manuale Italiano Release 1.16 1

UPS Communicator. UPS Communicator - Manuale Italiano Release 1.16 1 UPS Communicator 1 Licenza d uso L'uso del SOFTWARE prodotto da Legrand (il PRODUTTORE) è gratuito. Procedendo di spontanea volontà all'installazione l UTENTE (persona fisica o giuridica) accetta i rischi

Dettagli

Note sull utilizzo del PC-DMIS

Note sull utilizzo del PC-DMIS Note sull utilizzo del PC-DMIS Sommario 1. Definizione e qualifica di tastatori a stella (esempio su configurazione con attacco M2)...3 2. Dimensione Angolo...4 3. Nascondere componenti della configurazione

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Milliamp Process Clamp Meter

Milliamp Process Clamp Meter 771 Milliamp Process Clamp Meter Foglio di istruzioni Introduzione La pinza amperometrica di processo Fluke 771 ( la pinza ) è uno strumento palmare, alimentato a pile, che serve a misurare valori da 4

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE.

ATTIVATORE STABILIZZATO PER BOBINE DI SGANCIO A LANCIO DI CORRENTE. Compatibilità totale con ogni apparato. Si usa con pulsanti normalmente chiusi. ella linea dei pulsanti c'è il 24Vcc. Insensibile alle interruzioni di rete. Insensibile agli sbalzi di tensione. Realizzazione

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione

Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Access Point WiFi Powerline 500 XWNB5201 - Guida all installazione Assistenza tecnica Grazie per aver scelto i prodotti NETGEAR. Una volta completata l'installazione del dispositivo, individuare il numero

Dettagli

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa

Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp. Erkopress 300 Tp-ci. Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Istruzioni di impiego: Erkopress 300 Tp Erkopress 300 Tp-ci Apparecchio di termostampaggio da collegare a sistemi di aria compressa Apparecchio di termostampaggio con compressore integrato e riserva di

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

Manuale d uso SUNNY BOY 6000TL

Manuale d uso SUNNY BOY 6000TL Pagina del titolo Manuale d uso SUNNY BOY 6000TL SB6000TL-21-BE-it-10 IMIT-SB60TL21 Versione 1.0 ITALIANO SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Note relative al presente documento...7 2 Sicurezza...9

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli