Indice. 1 L e-learning

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. 1 L e-learning ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3"

Transcript

1 LEZIONE: TECNOLOGIE E STRUMENTI PER L E-LEARNING PROF. GIUSEPPE DE SIMONE

2 Indice 1 L e-learning Wikipedia Wikipediani e struttura delle pagine WikiLove, il giusto atteggiamento dei wikipediani Ricerche con Wikipedia La licenza GNU I progetti di Wikimedia Foundation E-book Storia dell e-book Formati dell e-book Formato PDF OEBPS Il formato LIT Il Blog di 21

3 1 L e-learning La crescente popolarità del World Wide Web, con le sue interfacce utente ormai standardizzate e la caratteristica di essere indipendente dalla piattaforma e quindi portabile, offre una nuova strada per fornire un accesso completo ad applicazioni software anche complesse. Internet è diventata ormai lo strumento attraverso il quale condividere le informazioni, ed in particolare attraverso il quale condividere e costruire la conoscenza, questo anche perché ha fornito un ambiente standardizzato nel quale si è sviluppato quello che oggi conosciamo come e-learning. Con il termine e-learning si fa riferimento ad un attività formativa che prevede: 1. l utilizzo di una connessione di rete al fine di fruire dei materiale didattici e per sviluppare attività formative basate su una piattaforma tecnologica ; 2. l impiego del computer come strumento fondamentale per la partecipazione al percorso di apprendimento; 3. un indipendenza del percorso didattico da vincoli spazio-temporali; 4. il monitoraggio del percorso di apprendimento; 5. un incremento della multimedialità, dell interattività e dell interazione umana. Molto spesso, in maniera sbagliata, si fa coincidere l e-learning con la semplice formazione a distanza (FAD) non prendendo in considerazione una componente fondamentale dell e-learning contemporaneo: Internet. Come già accennato, un componente fondamentale dell e-learning è la piattaforma tecnologica o LMS (Learning Management System): è un sistema gestionale che grazie alla tecnologia SCORM consente il tracciamento delle attività svolte dall utente (accesso ai contenuti, tempo di fruizione, ecc..). Affinché la comunicazione digitale possa essere erogata con la maggior semplicità all utente, indipendentemente dallo skin tecnologico utilizzato, è necessario adottare formati digitali di codifica che siano stabili. La scelta del formato digitale è fondamentale, in quanto gli stessi formati di codifica sono variabili dinamiche e di conseguenza tale scelta deve essere soggetta a continue revisioni e/o aggiornamenti. A tal proposito, è opportuno fare una breve introduzione sulle modalità di codifica dell informazione digitale in un ambiente di e-learning. 3 di 21

4 Le pagine Web vengono strutturate attraverso il linguaggio HTML (HyperTest Markup Language) che fino ad oggi è stato il linguaggio basato sui marcatori più utilizzato (linguaggio di markup). Come molto spesso accade, purtroppo, la semplicità è sufficiente per muovere i primi passi, ma è poi inefficace a rispondere ai requisiti di utenti che cominciano a diventare esperti e a pretendere dall HTML servizi per il quale non era stato creato, evidenziandone in questo modo i limiti quali: la non estensibilità: HTML è un linguaggio con una sintassi ben definita, per cui non è consentito all utente di creare tag e attributi secondo le proprie esigenze; la mancanza di strutturazione dell informazione: l HTML non prevede strumenti per descrivere in modo efficiente la struttura dell informazione che va a rappresentare; la mancanza di descrizione dell informazione: l HTML si occupa solo del modo in cui il contenuto di una pagina deve essere visualizzato e non di come tale contenuto deve essere descritto; problemi di portabilità: al fine di superare le limitazioni di cui sopra, è stato sviluppato un gran numero di tecnologie in grado di assicurare la sopravvivenza dell HTML, implicando in questo modo problemi di portabilità delle applicazioni Web, in quanto tali tecnologie non sono standard ma necessitano per essere utilizzate di software particolari. Da queste considerazioni nasce la necessità di colmare le lacune dell HTML e di favorire lo sviluppo del Web anche in direzioni diverse dalla pubblicazione di documenti. Il linguaggio che consente di superare tali limiti è l XML. XML è l acronimo di extensible Markup Language. A dispetto del nome non si tratta propriamente di un linguaggio, ma di un meta linguaggio, cioè un linguaggio per costruire altri linguaggi. XML fu sviluppato da XML Working Group nel La sintassi dell XML, rispetto a quella dell HTML, è molto più rigida e severa; anche se questa caratteristica può sembrare uno svantaggio in realtà non lo è, in quanto il W3C (World Wide Web Consortium) l ha volutamente introdotta al fine di facilitare lo sviluppo di applicazioni basate su XML ed aumentarne le prestazioni. 4 di 21

5 A differenza dell HTML, la sintassi dell XML non è fissata ma consente all utente di definire elementi ed attributi personalizzati. In altre parole, è possibile definire un modello chiamato Document Type Definition (DTD) che descrive la struttura ed il contenuto di una classe di documenti. In conclusione, possiamo affermare che, grazie alla sua indipendenza dalla piattaforma informatica, alla sua astrattezza e generalità nella rappresentazione dei dati, XML è ormai diventato il formato universale per l interscambio di dati. 5 di 21

6 2 Wikipedia Wikipedia è un enciclopedia on-line, multilingue, sostenuta dalla Wikimedia Foundation. La Wikimedia Foundation afferma: Immagina un mondo in cui ognuno possa avere libero accesso a tutto il patrimonio della conoscenza umana. Questo è il nostro scopo. E ci serve il tuo aiuto. Con tali parole la Wikimedia Foundation presenta i suoi obiettivi, chiarendo la sua missone. Wikimedia Foundation è un organizzazione internazionale no-profit il cui scopo è promuovere la crescita, lo sviluppo e la distribuzione di liberi contenuti in diverse lingue, e fornire gratuitamente, senza pubblicità, il contenuto di questi progetti al pubblico. Per conseguire tali obiettivi la Wikimedia Foundation, fondata da Jimbo Wales, utilizza un sistema innovativo: il wiki. Un wiki (termine hawaiano che significa veloce ) è un sito Web che consente ad ogni utente di aggiungere contenuti e modificare quelli inseriti da altri. In tal modo, ogni utente può apportare il suo contributo alla realizzazione di un qualsiasi contenuto, migliorando e modificando anche quanto viene scritto da altre persone. Il tentativo è quello di portare il concetto e il metodo proprio dei software liberi open-source anche nel campo della conoscenza. Nel software libero, infatti, la collaborazione di molte persone porta ad un continuo miglioramento dei programmi e ad una veloce soluzione dei problemi. Il coinvolgimento di tanti individui, sostenuti dalle stesse motivazioni, è di per sé una garanzia sufficiente ad ottenere un buon prodotto. Questo tipo di approccio viene definito collaborativo. Se questo concetto funziona per i programmi perché allora non estenderlo ad altri campi, rendendo quindi in qualche modo collaborativa anche la diffusione della conoscenza? Dalle considerazioni appena fatte è nato il wiki. La definizione e la progettazione del primo wiki si è avuta nel 1995, da parte di Ward Cunningham: esso era destinato all uso e alla conoscenza dei pattern nella programmazione ed ha riunito attorno a sé una mutevole comunità che liberamente ha partecipato al progetto. Jimbo Wales e Larry Sanger adoperarono un concetto simile per creare, nel marzo 2000, Nupedia. Quest ultima, abbandonata nel 2003, aveva l ambizione di voler diventare un enciclopedia on-line i cui contenuti dovevano essere rilasciati con licenza GNU Free Documentation License. 6 di 21

7 Gli articoli pubblicati erano caratterizzati da un processo di revisione eseguito da esperti nelle varie discipline oggetto di approfondimento. Nonostante la buona idea, tale processo di approvazione si è rivelato nel tempo troppo confuso e lento, e forse questo è stato il motivo dell insuccesso di Nupedia. Nel gennaio 2001 Wales, in collaborazione con Sanger, lanciò Wikipedia. Rispetto a Nupedia, su Wikipedia chiunque poteva scrivere articoli e correggerli, secondo la filosofia del wiki. Era nata ufficialmente la prima enciclopedia on-line libera. Wikipedia nacque inizialmente in lingua inglese, ma si diffuse rapidamente arrivando a contare già ben 18 edizioni in lingue diverse al termine del primo anno di vita. Ogni versione di Wikipedia è totalmente indipendente dalle altre, ad esempio, i contenuti presenti nella Wikipedia italiana saranno diversi da quelli dell omologa francese. Inizialmente Wikipedia conteneva delle inserzioni pubblicitarie, ma questo era in contraddizione con un progetto che ha l ambizione di essere un enciclopedia e pertanto deve essere completamente libero da ogni strumentalizzazione. Nel 2002 Wikipedia venne migliorata dagli inserzionisti, il wiki venne rilasciato come open source (MediaWiki) ed il sito di riferimento divenne: Il fondatore definisce Wikipedia come lo sforzo di creare e distribuire un enciclopedia libera ad ogni singola persona sul pianeta nella sua propria lingua. Nelle sue intenzioni, Wikipedia dovrebbe raggiungere una qualità pari o migliore dell'enciclopedia Britannica, ma riguardo a questo ci sono delle opinioni discordanti. 2.1 Wikipediani e struttura delle pagine Wikipedia esiste grazie al lavoro e alla passione delle persone che collaborano al progetto scrivendo e modificando gli articoli. Tutte queste persone prendono il nome di wikipediani, nome che sottolinea l appartenenza alla comunità di Wikipedia. Per iscriversi a tale comunità è sufficiente registrarsi in pochi minuti: a fronte di questa piccola incombenza ogni wikipediano può partecipare in maniera attiva alla vita di Wikipedia, discutere nel bar ed essere riconosciuto come autore di eventuali articoli o modifiche (conformemente alla GNU FDL). 7 di 21

8 Benché sia consigliata la registrazione, in realtà per agire su Wikipedia non è in ogni caso necessario far parte della comunità: qualunque persona, infatti, può liberamente dare il suo contributo anche in forma completamente anonima! Al fine di diventare attori di Wikipedia e non solo semplici spettatori dobbiamo spendere due parole sulla struttura di ogni pagina. Ogni volta che abbiamo accesso ad una qualsiasi pagina wiki, vedremo in alto quattro schede cliccabili: voce: è la pagina che stiamo visualizzando. discussione: per ogni pagina è possibile aprire una discussione su quanto compare nella finestra principale. Al fine di evitare malintesi o errori di interpretazione è consigliabile aprire una discussione con gli altri utenti prima di modificare la voce principale. modifica: da tale pagina è possibile apportare tutte le correzioni ed i miglioramenti ritenuti opportuni. Le modifiche possono essere riferite sia alla sezione voce che alla sezione discussione, il tutto dipende dalla scheda selezionata prima di accedere alla scheda modifica. cronologia: qualsiasi modifica apportata alle pagine viene salvata in questa sezione; è inoltre possibile accedendo ad essa confrontare due versioni della stessa pagina. Per modificare una pagina non occorre conoscere alcun linguaggio particolare dal momento che Wikipedia usa un linguaggio di markup semplificato: l XML. Per imparare ad agire in Wikipedia è messa a disposizione una pagina di prova detta sandbox : in essa si possono fare tutte le prove che si desiderano senza temere di rovinare alcuna pagina dell'enciclopedia. È bene ricordare che tutte le modifiche vengono memorizzate, per cui una pagina è sempre recuperabile anche in caso di errata modifica. In Wikipedia tutti possono modificare o aggiornare, ma comunque vi devono essere delle regole di comportamento valide per tutti gli utenti e delle linee guida di sviluppo del progetto. Le regole di comportamento sono indicate nella Wikiquette, un regolamento che offre le linee guida per imparare a lavorare con gli altri allo scopo di migliorare Wikipedia. Le linee guida definiscono cos è e cosa non è Wikipedia ad esempio Wikipedia non è un dizionario, non è un forum o una chat, non è un giornale, non è una bacheca. 8 di 21

9 Inoltre, Wikipedia è un enciclopedia ed in quanto tale adotta il Punto di Vista Neutrale (Neutral Point Of View, NPOV) per tutti i suoi contenuti, ovvero non assume nessuna posizione né favorevole, né contraria ai fatti che descrive. Wikipedia non assume alcuna posizione di consenso o di dissenso e nessuna idea è prevalente tranne nel caso in cui, sia effettivamente preferibile alla luce di oggettive ed obiettive considerazioni generali. 2.2 WikiLove, il giusto atteggiamento dei wikipediani Spesso, si assiste su Wikipedia a discussioni che con il passare del tempo non portano alcun beneficio alla causa che, lo ricordiamo, non è di scrivere la nostra enciclopedia, ma di collaborare per favorire la diffusione della conoscenza. Al fine di evitare liti o delusioni è nato WikiLove, che con semplici regole indica come avere un atteggiamento positivo (e assolutamente collaborativo) nel partecipare a Wikipedia: seguire la Wikiquette e rispettare gli altri autori; rispettare ancora di più i nuovi arrivati; seguire le regole di base; mirare sempre ad un punto di vista neutrale; scrivere articoli che possano essere letti ed accettati da persone di ogni ideologia; Sii d accordo con il concetto perdona e dimentica. 2.3 Ricerche con Wikipedia Vediamo adesso come utilizzare questa enciclopedia on-line per le ricerche. Innanzitutto bisogna decidere in quale edizione di Wikipedia dare inizio alla nostra ricerca: come abbiamo già detto, ogni edizione è totalmente indipendente anche nei suoi contenuti. 9 di 21

10 Per effettuare le ricerche è possibile collegarsi alla home page, inserire il concetto cercato (un nome, una parola o un insieme di parole), scegliere la lingua e attendere il risultato dell elaborazione. In alternativa è possibile entrare direttamente nella Wikipedia desiderata ed iniziare la ricerca sull edizione di quella lingua. A prescindere dalla strada scelta, se siamo stati fortunati saremo immediatamente indirizzati alla pagina corretta, altrimenti potremmo trovarci di fronte un elenco di voci tra cui scegliere. In altre circostanze meno fortunate la ricerca non ci condurrà ad una pagina con le informazioni che cerchiamo: se non esiste ancora saremo invitati a crearla, in pieno spirito collaborativo (wiki). 2.4 La licenza GNU La GNU Free Documentation License (GNU FDL) è una licenza che regola la distribuzione di documentazione libera, creata dalla Free Software Foundation per il progetto GNU. Tale licenza stabilisce che ciascuna copia del materiale, anche se modificata, deve essere distribuita con la stessa licenza. Queste copie possono essere vendute e, se riprodotte in gran quantità, devono essere messe a disposizione in un formato tale da facilitare successive modifiche. La GNU FDL tutela il copyright, ma la libertà di distribuzione che permette chiama in causa il nuovo concetto (giocando con la lingua inglese) di copyleft. Wikipedia è la più grande raccolta di documentazione che utilizza questo tipo di licenza. Quando qualche autore partecipa al progetto con materiale originale, i diritti d autore rimangono in suo possesso ma egli concorda nel rilasciare il lavoro sotto la GFDL. In alcune versioni di Wikipedia è possibile trovare alcune immagini, suoni e loghi che non sono liberi, ma vengono usati con una rivendicazione di fair use (un concetto peraltro non presente nella legislazione italiana), mentre in altri casi il loro uso è stato consentito solo all'interno di Wikipedia. In conclusione Wikipedia è sicuramente il più conosciuto dei prodotti fondati sul wiki, ma le potenzialità di questo software sono effettivamente tante, e molti altri progetti possono ancora 10 di 21

11 svilupparsi grazie ai milioni di utenti che decideranno di collaborare solo per amore della conoscenza. 2.5 I progetti di Wikimedia Foundation Il successo di Wikipedia ha causato la nascita di vari progetti anch essi promossi dalla Wikimedia Foundation di Jimbo Wales. L obiettivo di tali progetti è per l appunto lo stesso di Wikipedia: creare, attraverso l approccio collaborativo, contenuti multilingue di varia natura e distribuirli liberamente e a quante più persone possibile. I progetti e gli obiettivi sono: Wikizionario (Wiktionary): lo scopo è quello di creare dizionari multilingue, comprensivi di sinonimi. Wikibooks: si tratta di una raccolta di e-book gratuiti e dal contenuto libero, rivolti in particolare agli studenti. Wikiquote: è una sintesi on-line ad accesso libero di citazioni, incluse le fonti (quando conosciute). Wikisource: si tratta di un progetto multilingue nato al fine di realizzare una raccolta di documenti originali, sempre con contenuti liberi. Costituisce un utile archivio di testi classici, leggi ed altri testi utilizzabili per gli altri progetti di Wikimedia. Wikispecies: è un elenco di dati relativi alle specie animali. In futuro, Wikispecies, dovrebbe fornire una banca dati centralizzata ed esaustiva per la tassonomia e si rivolgerà ai bisogni degli utenti delle discipline scientifiche. Wikinews: l obiettivo è quello di riportare notizie inerenti un ampia varietà di soggetti. Gli articoli possono spaziare da resoconti originali a riassunti delle notizie di fonti esterne. 11 di 21

12 Wikimedia Commons: è il centro di raccolta per immagini, musica e testi, che è possibile usare nei vari progetti di Wikimedia. Meta-Wiki: è il fulcro del coordinamento dei progetti Wikimedia. Meta è esso stesso un wiki utilizzato per formulare nuovi progetti, per coordinare gli sviluppi, per discutere di sviluppo e amministrazione dei wiki, per parlare del software MediaWiki e per tutte le discussioni tra wikipediani. È, in pratica, un wiki di servizio. MediaWiki: si tratta di un motore wiki rilasciato sotto la licenza GPL. 12 di 21

13 3 E-book Il termine e-book (libro elettronico), deriva dalla contrazione delle parole electronic e book. Una delle definizioni di e-book in Italia è stata sviluppata da Gino Roncaglia e Fabio Ciotti, studiosi che tra i primi nel nostro paese si sono occupati in maniera approfondita delle tematiche inerenti l'e-book. Secondo Ciotti "con il termine e-book si intende un'opera letteraria monografica pubblicata in forma digitale e consultabile mediante appositi dispositivi informatici" 1. Tale definizione è stata riformulata in maniera più accurata da Gino Roncaglia in occasione di un suo intervento pubblicato nel Bollettino dell Associazione italiana biblioteche: potremmo parlare di libro elettronico, o e-book, davanti a un testo elettronico ragionevolmente esteso, compiuto e unitario ( monografia ), opportunamente codificato ed eventualmente accompagnato da metainformazioni descrittive, accessibile attraverso un dispositivo hardware e un'interfaccia software 2. Come si deduce dalle definizioni precedenti, con il termine e-book si intende la versione elettronica di un libro e si fa riferimento ad un oggetto digitale contraddistinto da un emulazione avanzata delle modalità di fruizione dei libri cartacei. Secondo le disposizioni dell Unesco un libro è una pubblicazione stampata non periodica che consta come minimo di 49 pagine, senza contare quelle di copertina. Si considera un opuscolo, invece, la pubblicazione stampata non periodica che consta di non meno di cinque pagine e non più di 48, senza contare quelle di copertina. In ambiente digitale una differenziazione di questo tipo non è ammissibile, in quanto potendo variare dinamicamente nel passaggio da un dispositivo ad un altro, il numero delle pagine non rappresenta un discrimine sufficiente, pertanto parliamo di testo elettronico ragionevolmente esteso, compiuto e unitario ( monografia ). Le caratteristiche proprie di un e-book sono: 1 Marco Calvo, Fabio Ciotti, Gino Roncaglia, Marco A. Zela, Frontiere di rete, Roma-Bari, Laterza 2000, pp Gino Roncaglia, Libri elettronici: problemi e prospettive, a cura di Anna Galluzzi, in Associazione italiana biblioteche. BollettinoAIB <http://www.aib.it/aib/boll/2001/ htm> 25 febbraio 2002, (23 ottobre 2003). 13 di 21

14 Oggetto digitale: l e-book è un oggetto digitale utilizzabile unicamente per mezzo di un dispositivo informatico. Emulazione libro: l e-book cerca di riprodurre quanto più fedelmente possibile l'esperienza della lettura di un libro cartaceo in maniera digitale. 3.1 Storia dell e-book Storicamente, le date rilevanti a cui legare la nascita dell e-book sono tre: il 1971, il 1990 e il Al 1971 risale la nascita del progetto Gutenberg (Project Gutenberg) da molti considerato il padre dell e-book. Questo progetto è stato iniziato da Michael Hart il quale aveva come obiettivo quello di creare una biblioteca di versioni elettroniche di libri stampati liberamente riproducibili. I testi presenti in questa biblioteca libera sono per la maggior parte di pubblico dominio, in quanto non c è mai stata la copertura da diritto d autore; i testi invece coperti da copyright, hanno in ogni caso ottenuto dagli autori il permesso per la pubblicazione in forma elettronica. Tale progetto, che prende il nome dall inventore tedesco della stampa a caratteri mobili del XV secolo (Johannes Gutenberg), negli ultimi anni ha iniziato ad avvicinarsi ad Internet, infatti nel 1990 viene pubblicato dapprima sul web, in seguito distribuito su floppy ed infine inserito all interno di una prestigiosa antologia cartacea, il primo iper-romanzo dal titolo Afternoon a story, dello scrittore statunitense Michael Joyce. Negli anni, a tale lavoro, ne sono seguiti molti altri, pubblicati sia su supporti fissi che sul Web fino ad arrivare nel 1993 alla fondazione della BiblioBytes, la prima casa editrice a vendere ebook in rete. 3.2 Formati dell e-book I principali formati, adottati per la memorizzazione digitale dei libri elettronici sono: il PDF, L OEBPS e il Microsoft Lit. 14 di 21

15 3.2.1 Formato PDF Il PDF (portable document format) è uno dei prodotti più conosciuti della Adobe 3, software house americana fondata nel 1982 da John Warnock e Charles Geschke. Tale formato è stato introdotto nel giugno 1993 ed è nato da una trasformazione di Adobe Postscript. Si tratta di un linguaggio di descrizione della pagina, ma anche di un linguaggio di programmazione procedurale con istruzioni che indicano ad un dispositivo di output come rappresentare la pagina descritta. La caratteristica più importante del Postscript è la sua indipendenza dai vari dispositivi di output ovvero un file generato con questa tecnologia può essere stampato correttamente da periferiche di stampa di ogni tipo, con il solo vincolo che i plotter e gli altri dispositivi devono supportare il linguaggio. A partire da Postscript fu creato il PDF con lo scopo di risolvere il problema della condivisione e distribuzione dei documenti con testi e grafica formattati su piattaforme differenti, conservando il layout originale. I documenti PDF possono essere visualizzati su qualunque computer oppure inviati a qualsiasi dispositivo di stampa, a prescindere dalla piattaforma hardware e software, in cui il file originale è stato creato. Inizialmente il PDF è nato come formato per l interscambio di documenti; fu la Glassbook Inc. ad immettere sul mercato una soluzione basata su PDF per la distribuzione di e-book: il Glassbook Reader. Dalla schermata principale era possibile accedere all ambiente biblioteca, in cui erano elencati gli e-book disponibili attraverso la miniatura della copertina; inoltre era possibile selezionare i titoli in riferimento al soggetto, ordinarli secondo vari criteri ed infine accedere ad una finestra di informazioni aggiuntive attraverso il tasto destro del mouse. 3 Con sede a San José, California, Adobe Systems è la seconda società americana di software per PC con un fatturato di oltre 1.2 miliardi di dollari. 15 di 21

16 Nell estate del 2000 Adobe acquistò Glassbook, diventato in seguito Acrobat Ebook Reader, appropriandosi così delle sue tecnologie che vennero presto integrate nei suoi prodotti. Nel corso degli anni il software è stato aggiornato: 1. integrandolo con una tecnologia di sub-pixel font rendering al fine di migliorare la leggibilità del testo (CoolType); 2. adottando la tecnologia PDF Marchant per la tutela della proprietà intellettuale; 3. adottando le soluzioni DRM per la sicurezza sulla vendita di e-book (Content Server). Tale piattaforma è ormai adottata dalla maggior parte dei siti di commercio elettronico. Essa si basa sui principi della crittografia asimmetrica fornendo una soluzione completa per tutti i protagonisti della filiera del libro; inoltre, la sua caratteristica fondamentale è quella di consentire il prestito dei libri, funzionalità al momento non disponibile in altri sistemi software. Dall estate 2003 le tecnologie dell Adobe Content Server sono state integrate con quelle dell Acrobat Reader dando vita, così, ad un lettore universale per qualsiasi documento basato su PDF: l Adobe Reader OEBPS Al fine di sviluppare uno standard aperto e non proprietario, volto a favorire la diffusione dell editoria elettronica, è stato sviluppato nel 1998 l Open e-book Forum 4 (OEBF); si tratta di un organizzazione privata ed internazionale costituita da produttori di software e hardware, editori, autori, lettori ecc. Nel 1999 l Open e-book Forum ha sviluppato uno standard per gli e-book basato su tecnologie quali XML, HTML e CSS. 4 <http://www.openebook.org>. 16 di 21

17 Una pubblicazione OEBPS è costituita da un insieme di file HTML che includono i contenuti della pubblicazione elettronica; tali files sono collegati fra di loro ed organizzati per mezzo di un file XML chiamato package file. Tale file rappresenta la radice dell albero dei documenti costituenti la pubblicazione caratterizzato dalle sezioni seguenti: package identity: si tratta di un identificatore univoco della pubblicazione; metadata: questo elemento contiene una serie di meta informazioni inerenti alla pubblicazione. Per la definizione di tale elemento OEBPS fa riferimento ad un sottoinsieme del Dublin Core metadata element set, uno standard internazionale per i metadata; manifest: comprende una lista dei file, che costituiscono la pubblicazione; in più, può contenere le dichiarazioni di fallback, vale a dire informazioni fondamentali per la visualizzazione di tipi di file non supportati dalle specifiche; spine: definisce l'ordine di lettura di default dei file; tours: stabilisce i percorsi di lettura alternativi; guide: contiene riferimenti a file corrispondenti a diversi componenti strutturali della pubblicazione quali l'indice, la bibliografia, la copertina ecc..; Benché gli e-book in questione possono essere letti utilizzando lettori compatibili, quello creato dall'open ebook Forum non è un formato pensato per l'utente finale, bensì un formato "intermedio", ovvero uno standard aperto utile al fine di creare una sorta di "sorgente" del libro elettronico, che possa poi essere compilato in vari formati proprietari. Per quanto riguarda la protezione intellettuale degli e-book, le specifiche OEBPS, non prevedono particolari indicazioni; l Open e-book Forum ha avviato una collaborazione con un organizzazione, l Electronic Book Exchange (EBX), al fine di contribuire allo sviluppo di una nuova tecnologia di DRM standard e aperta Il formato LIT Il formato LIT si basa sullo standard OEBPS ed è stato rilasciato prima nella versione per pocket PC e successivamente nella versione per PC (Microsoft Reader). 17 di 21

18 Si tratta di un applicazione software sviluppata al fine di consentire una lettura su schermo molto vicina a quella su supporto cartaceo, a tal proposito è stata inclusa la tecnologia di visualizzazione ClearType volta a migliorare la leggibilità del testo a video. Come è noto, lo schermo di un computer ha una struttura a mosaico ovvero è formato da una griglia di pixel disposti su righe e colonne, ed è proprio a causa di questa struttura che, quando la risoluzione dello stesso non è sufficiente, si produce l effetto di distorsione grafica detto Aliasing. Per risolvere questo problema sono stati sviluppati diversi algoritmi, detti anti-aliasing, che provvedono ad aggiungere ai bordi dell immagine alcuni pixel di minore intensità cromatica, creando in questo modo l impressione di un arrotondamento dei bordi. Le tecnologie di sub-pixel font rendering, quali Microsoft ClearType oppure Adobe CoolType, rappresentano un evoluzione delle tecniche di anti-aliasing in quanto esse vengono applicate non più ai pixel ma ai subpixel riuscendo così a garantire una migliore nitidezza rispetto alle tradizionali tecniche di anti-aliasing. Poichè il LIT è un formato basato su di un linguaggio di marcatura logica del testo, Microsoft Reader è stato dotato di un sistema dinamico di lettura in grado di leggere l e-book pagina per pagina, basandosi sulle caratteristiche del dispositivo utilizzato per la visualizzazione. Grazie a questa gestione dinamica è possibile adattare il testo delle pagine in base alla risoluzione dello schermo consentendo in questo modo all utente, di leggere l e-book da qualsiasi computer (palmare, notebook o pc) senza dover scorrere in verticale la pagina. Per quanto riguarda la questione del copyright il formato del software in questione non consente la modifica del contenuto di un e-book senza autorizzazione; inoltre non consente all utente di stampare direttamente il testo dell e-book. Per la sicurezza relativa alla vendita dell e-book, il formato LIT utilizza il sistema D.A.S. (Digital Asset Server) basato su sofisticate tecniche crittografiche; in particolare tale sistema prevede tre livelli di sicurezza: 18 di 21

19 Sealed: tale protezione viene attivata al momento della conversione del file, che viene criptato al fine di assicurare l integrità del contenuto; Inscribed: questa protezione viene utilizzata per iscrivere all interno del e-book delle informazioni riguardanti l acquirente; Owner Exclusive: questo livello garantisce la protezione massima in quanto il file viene criptato utilizzando un sistema asimmetrico di chiavi assicurando, in questo modo, l associazione univoca dell e-book ad una particolare copia del Reader. 19 di 21

20 4 Il Blog Il termine blog è un termine inglese che deriva dalla contrazione dei termini web e log (web-log). La nascita del blog risale al 1997 quando lo statunitense Dave Winer sviluppa un software che ne consente la pubblicazione (proto-blog), mentre il primo blog è stato effettivamente pubblicato, nello stesso anno, grazie al commerciante (Jorn Barger) appassionato di caccia che decide di aprire una pagina personale per condividere i risultati delle ricerche inerenti al suo hobby sul web. La struttura di un blog è costituita da un programma di pubblicazione che permette, in maniera automatica, di creare una pagina web facilmente personalizzabile graficamente senza necessariamente conoscere il linguaggio HTML. Un blog consente a qualsiasi utente in possesso di una connessione internet di creare, in modo semplice e con una procedura guidata, un sito in cui pubblicare qualsiasi tipo di testo (articolo, opinione, informazioni). Una componente fondamentale nella struttura di un blog sono i feed ovvero dei file generati automaticamente, attraverso il cui uso e la cui memorizzazione è possibile sapere quando un sito viene aggiornato senza andare sul sito stesso. Esistono diversi tipi di blog, tra quelli più diffusi troviamo: blog Chiuso: rappresentato dai blog dedicati ad una ristretta schiera di utenti. blog Conduttore: usato per diffondere avvisi, aggiornamenti o idee, in un simile blog la comunicazione avviene da un membro del progetto a tutti gli altri utenti. blog Partecipativo: usato per mettere in comunicazione diverse persone e diverse idee dando vita in questo modo a diverse discussioni. Gli utenti possono anche decidere di includere dei contenuti nel proprio blog e continuare separatamente la discussione approfondendo alcuni aspetti. Si usano a questo scopo particolari tecnologie come ad esempio i Feed Rss o i Bookmarking Sociali, ed è quindi il tipo di blog più evoluto 20 di 21

Wikipedia: un'introduzione

Wikipedia: un'introduzione Wikipedia: un'introduzione Università di Ferrara Ottobre 2015 Giuseppe Profiti Socio Wikimedia Italia (coordinatore per l'emilia-romagna) Sommario Storia Wikimedia Foundation e Wikimedia Italia I 5 pilastri

Dettagli

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Fondamenti di Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica Applicata 2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE

Dettagli

eproduction le tecniche del libro digitale

eproduction le tecniche del libro digitale eproduction le tecniche del libro digitale Lezioni frontali, workshop e webinar dedicati alle nuove forme di interazione tra la carta e il digitale. Perché ogni libro merita di diventare un epub. eproduction:

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Indice. 1 L e-learning

Indice. 1 L e-learning INSEGNAMENTO DI INFORMATICA II LEZIONE I TECNOLOGIE E STRUMENTI PER L E-LEARNING PROF. GIUSEPPE DE SIMONE Indice 1 L e-learning ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Laboratorio Matematico Informatico 2

Laboratorio Matematico Informatico 2 Laboratorio Matematico Informatico 2 (Matematica specialistica) A.A. 2006/07 Pierluigi Amodio Dipartimento di Matematica Università di Bari Laboratorio Matematico Informatico 2 p. 1/1 Informazioni Orario

Dettagli

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it 1 La digitalizzazione

Dettagli

INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale

INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale INFORMATICA LE470 Editoria multimediale - Rivoluzione digitale Facoltà di Lettere e Filosofia anno accademico 2008/2009 secondo semestre Editoria multimediale - Rivoluzione digitale Perchè lʼintroduzione

Dettagli

Piattaforma e-learning Unifi Guida rapida per gli studenti

Piattaforma e-learning Unifi Guida rapida per gli studenti Piattaforma e-learning Unifi Guida rapida per gli studenti Premessa: La piattaforma utilizzata per le attività a distanza è Moodle, un software per la gestione di corsi online. Dal punto di vista dello

Dettagli

Risorse per la didattica

Risorse per la didattica Risorse per la didattica Presentazione di cd-rom e ipertesti Spunti per la ricerca di materiali e documentazione in rete Amelia Goffi, Luca Gazzola - Febbraio 2008 CD-Rom e Ipertesti I cd-rom allegati

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE (T.I.C.)

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE (T.I.C.) TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE (T.I.C.) PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 INSEGNANTE: Teresa Bruno CLASSE: 2 a sez. A Operatore Elettrico SETTORE: Industria e Artigianato

Dettagli

L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche. Blog e wiki

L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche. Blog e wiki L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche Blog e wiki Biblioteca 2.0 la biblioteca sta cambiando l impatto del Web 2.0 (Open Acess, Wikis, Google book, blogosfera, Flickr,

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Author Kristian Reale Rev. 2011

Dettagli

File Leggimi di Acrobat 4.0: visualizzazione, stampa e creazione di file PDF con font dell estremo oriente

File Leggimi di Acrobat 4.0: visualizzazione, stampa e creazione di file PDF con font dell estremo oriente File Leggimi di Acrobat 4.0: visualizzazione, stampa e creazione di file PDF con font dell estremo oriente Questo file Leggimi contiene informazioni che completano il Manuale dell utente di Acrobat 4.0

Dettagli

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl

Piattaforma FaD Formazione a distanza. Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di. formazione a distanza di EFA srl Piattaforma FaD Formazione a distanza Manuale di consultazione rapida per l utilizzo della piattaforma di formazione a distanza di EFA srl 1 Indice generale 1. Scopo del documento 2. Definizioni e abbreviazioni

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

ADA. E learning e open source

ADA. E learning e open source 1 ADA. E learning e open source ADA 1.7.1 Come cresce un Ambiente Digitale per l'apprendimento open source Maurizio Graffio Mazzoneschi 2 Cos'è il software libero Libertà 0, o libertà fondamentale: la

Dettagli

LIBRI DIGITALI E CONTENUTI INTEGRATIVI

LIBRI DIGITALI E CONTENUTI INTEGRATIVI LIBRI DIGITALI E CONTENUTI INTEGRATIVI Utilizzare epubeditor.it per costruire un ebook in formato epub a cura di Pietro Gavagnin www.pgava.net Perché scrivere in epub? Teniamo conto dell uso. Il libro

Dettagli

Registro unico Antiriciclaggio

Registro unico Antiriciclaggio Registro unico Antiriciclaggio VERSIONE PROFESSIONISTI E CED VERSIONE 4.0.0 Sommario Introduzione... 4 Requisiti di sistema... 5 Installazione del software... 6 Verifica automatica dei requisiti di installazione...

Dettagli

Francesco Cicogna. Creazione di un e-book

Francesco Cicogna. Creazione di un e-book 1 Francesco Cicogna Creazione di un e-book 2 E-book un e-book (libro elettronico) è un libro in formato elettronico (digitale). E un file consultabile su computer, telefonini di ultima generazione, palmari

Dettagli

Dal libro all ebook: evoluzione dei supporti, dei contenuti e della fruizione

Dal libro all ebook: evoluzione dei supporti, dei contenuti e della fruizione Dal libro all ebook: evoluzione dei supporti, dei contenuti e della fruizione This work is licensed under the Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs License. To view a copy of this license,

Dettagli

Dialoghi con caffè sul tema: L e-book ed il futuro del libro

Dialoghi con caffè sul tema: L e-book ed il futuro del libro Dialoghi con caffè sul tema: L e-book ed il futuro del libro Serata organizzata dalla Biblioteca Comunale di Belfiore (VR) in collaborazione con distil-lab nel contesto della manifestazione Primavera letteraria

Dettagli

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE Università degli Studi di Bergamo Centro per le Tecnologie Didattiche e la Comunicazione GUIDA ANALITICA PER ARGOMENTI ACCESSO...2 RISORSE e ATTIVITA - Introduzione...5

Dettagli

Corso di Progettazione di sistemi multimediali

Corso di Progettazione di sistemi multimediali Corso di Progettazione di sistemi multimediali prof. Pierluigi Feliciati a.a.2011/12 Modulo 5 editoria digitale e ebooks editoria elettronica e cultura del libro l editoria elettronica non è solo web o

Dettagli

Università degli Studi della Tuscia. Giornata di studio: Quali e-book per la didattica e la ricerca? Il libro elettronico entra nell università

Università degli Studi della Tuscia. Giornata di studio: Quali e-book per la didattica e la ricerca? Il libro elettronico entra nell università Università degli Studi della Tuscia Giornata di studio: Quali e-book per la didattica e la ricerca? Il libro elettronico entra nell università L esperienza di EvolutionBook Il portale italiano sull editoria

Dettagli

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web

Il World Wide Web. Il Web. La nascita del Web. Le idee di base del Web Il World Wide Web Il Web Claudio Fornaro ver. 1.3 1 Il World Wide Web (ragnatela di estensione mondiale) o WWW o Web è un sistema di documenti ipertestuali collegati tra loro attraverso Internet Attraverso

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE

NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE NUOVE TECNOLOGIE E PARTECIPAZIONE GIOVANILE Progettazione e realizzazione di percorsi di cittadinanza attiva attraverso le nuove tecnologie. PREMESSA Abbiamo scelto per semplicità di presentare in questo

Dettagli

Non solo siti. la rivoluzione del wiki come enciclopedia, piattaforma collaborativa e metodo

Non solo siti. la rivoluzione del wiki come enciclopedia, piattaforma collaborativa e metodo Non solo siti la rivoluzione del wiki come enciclopedia, piattaforma collaborativa e metodo Indice I. Introduzione cos'è un wiki Wikipedia II. Lavorare con i wiki navigare strumenti dell'utente casella

Dettagli

Installare un nuovo programma

Installare un nuovo programma Installare un nuovo programma ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Installare un nuovo programma sul computer installazione Quando acquistiamo

Dettagli

formazione professionale continua a distanza

formazione professionale continua a distanza formazione professionale continua a distanza Piattaforma formativainnovaforma.com Moodle 2.7 Moodle (acronimo di Modular Object-Oriented Dynamic Learning Environment, ambiente per l apprendimento modulare,

Dettagli

Manuali.net. Nevio Martini

Manuali.net. Nevio Martini Manuali.net Corso base per la gestione di Siti Web Nevio Martini 2009 Il Linguaggio HTML 1 parte Introduzione Internet è un fenomeno in continua espansione e non accenna a rallentare, anzi è in permanente

Dettagli

Crea un ebook impaginato e animato

Crea un ebook impaginato e animato Crea un ebook impaginato e animato Con trucchi e funzioni di Pages e Keynote Alberto Pian CREA UN EBOOK IMPAGINATO E ANIMATO Con trucchi e funzioni di Pages e Keynote Alberto Pian Il libro e l autore...

Dettagli

Internet e condivisione di interessi: social networking, blog, peer to peer

Internet e condivisione di interessi: social networking, blog, peer to peer Seminario della Consulta delle Associazioni Culturali del Comune di Modena La Rete Civica del Comune di Modena per le associazioni culturali" Internet e condivisione di interessi: social networking, blog,

Dettagli

Architetture Applicative

Architetture Applicative Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 6 Marzo 2012 Architetture Architetture Applicative Introduzione Alcuni esempi di Architetture Applicative Architetture con più Applicazioni Architetture

Dettagli

tratteremo di... Definizione di Internet e Web Linguaggio HTML e Siti web Statici Siti web Dinamici e codice PHP Breve accenno ai CMS Server Locale

tratteremo di... Definizione di Internet e Web Linguaggio HTML e Siti web Statici Siti web Dinamici e codice PHP Breve accenno ai CMS Server Locale LET S GO Progetto del corso Il web: introduzione ad Internet; i linguaggi digitali; siti statici e siti dinamici; i programmi CMS. Approfondimento di HTML e CSS. Web di qualità: tecniche di web writing;

Dettagli

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office

Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Guida Pratica Utilizzo di FileMaker Pro con Microsoft Office Integrare FileMaker Pro con Office pagina 1 Sommario Introduzione... 3 Prima di iniziare... 4 Condivisione di dati tra FileMaker Pro e Microsoft

Dettagli

Alcune semplici definizioni

Alcune semplici definizioni Alcune semplici definizioni Un CMS (Content management system), in italiano Sistema di gestione dei contenuti è uno strumento software che si installa generalmente su un server web, il cui compito è facilitare

Dettagli

Guida Ariel Studenti

Guida Ariel Studenti TECNOLOGIE E LA DIDATTICA UNIVERSITARIA MULTIMEDIALE E A DISTANZA Guida Ariel Studenti La logica della piattaforma e i suoi strumenti 9 agosto 2012 CTU -CENTRO DI SERVIZIO PER LE Struttura ad albero Ogni

Dettagli

Navigare in Internet

Navigare in Internet Navigare in Internet ICT per la terza età Le video lezioni della Fondazione Mondo Digitale Diapositiva Introduzione Word Wide Web = WWW = Ragnatela estesa a tutto il mondo In questo argomento del nostro

Dettagli

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09 Piattaforma e-learning Moodle Manuale ad uso dello studente Vers. 1 Luglio 09 Sommario 1. Introduzione...2 1.1 L ambiente...2 1.2 Requisiti di sistema...4 2. Come accedere alla piattaforma...4 2.1 Cosa

Dettagli

Che cos è e come funziona l e-book

Che cos è e come funziona l e-book Che cos è e come funziona l e-book 1/3 di Francesca Cosi e Alessandra Repossi Negli ultimi mesi si è parlato molto dell e-book e del fatto che presto rivoluzionerà il mondo dell editoria: sono stati organizzati

Dettagli

9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su "Salva modifiche" per completare l operazione.

9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su Salva modifiche per completare l operazione. Fig. 8 La finestra Gestione file con il file appena caricato 9) si ritorna alla maschera di fig. 6, nella quale si clicca su "Salva modifiche" per completare l operazione. Fig. 9 Il corso con la nuova

Dettagli

Editoria elettronica per sistemi reader

Editoria elettronica per sistemi reader ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FOGGIA Editoria elettronica per sistemi reader prof. Dattoli Le nuove forme dell editoria: l e-book. Anche se la tecnologia al giorno d oggi ha fatto veramente passi da gigante

Dettagli

Configuratore di Prodotto Diapason

Configuratore di Prodotto Diapason Configuratore di Prodotto Diapason Indice Scopo di questo documento...1 Perché il nuovo Configuratore di Prodotto...2 Il configuratore di prodotto...3 Architettura e impostazione tecnica...5 Piano dei

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

Linee guida per itunes U

Linee guida per itunes U Indice Panoramica 1 Per cominciare 2 Impostazioni del corso 3 Modificare e organizzare i contenuti 5 Aggiungere avvisi, compiti e materiali 6 Gestione e collaborazione 8 Gestire le iscrizioni 9 Best practice

Dettagli

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014

Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Lo strumento: dalla filosofia di Moodle, ai suoi aspetti tecnico/pratici Bologna, 27 marzo 2014 Le piattaforme Il concetto di ambiente di apprendimento riconduce storicamente a termini quali formazione

Dettagli

Progetto LearnIT PL/08/LLP-LdV/TOI/140001

Progetto LearnIT PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 Progetto LearnIT PL/08/LLP-LdV/TOI/140001 Caro Lettore, Siamo lieti di presentare il secondo numero della newsletter LearnIT. In questo numero vorremmo spiegare di più su Learning Management Systems (LMS)

Dettagli

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved WEB TECHNOLOGY Il web connette LE persone Indice «Il Web non si limita a collegare macchine, ma connette delle persone» Il Www, Client e Web Server pagina 3-4 - 5 CMS e template pagina 6-7-8 Tim Berners-Lee

Dettagli

Valutare e citare i documenti

Valutare e citare i documenti Valutare e citare i documenti di Stefania Fraschetta Corso di laurea Triennale in Comunicazione e Psicologia Prova finale - III modulo, 27 gennaio 2014 Sommario Cercare e valutare documenti in rete: La

Dettagli

Scaricare la versione 7.1 di TutoreDattilo per tastiera italiana dal sito. http://www.maurorossi.net/pagine/programmi/tutoredattilo.

Scaricare la versione 7.1 di TutoreDattilo per tastiera italiana dal sito. http://www.maurorossi.net/pagine/programmi/tutoredattilo. TUTOREDATTILO 7.1 GUIDA PER L INSEGNANTE Scaricare la versione 7.1 di TutoreDattilo per tastiera italiana dal sito http://www.maurorossi.net/pagine/programmi/tutoredattilo.htm e installarla sui PC utilizzati

Dettagli

Internet Architettura del www

Internet Architettura del www Internet Architettura del www Internet è una rete di computer. Il World Wide Web è l insieme di servizi che si basa sull architettura di internet. In una rete, ogni nodo (detto host) è connesso a tutti

Dettagli

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Manuale Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Premessa Gestione Biblioteca scolastica è un software che permette di gestire in maniera sufficientemente

Dettagli

Presentazione piattaforma Csv

Presentazione piattaforma Csv Presentazione piattaforma Csv Il Csv di Rovigo ha preparato una piattaforma web con l obiettivo di fornire alle associazioni che lo richiedono la possibilità di creare e mantenere in modo semplice un sito

Dettagli

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito LEZIONE 3 Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito Figura 12 pannello di controllo di Drupal il back-end Come già descritto nella lezione precedente il pannello di amministrazione

Dettagli

MediaWiki. Giuseppe Frisoni

MediaWiki. Giuseppe Frisoni MediaWiki Giuseppe Frisoni MediaWiki: costruire insieme 1/2 L'enorme successo di Wikipedia, la nota enciclopedia online, è sotto gli occhi di tutti; cosa meno nota, invece, è la piattaforma con cui è progettata.

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE WEB EDITING - Versione 2.0

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE WEB EDITING - Versione 2.0 EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE WEB EDITING - Versione 2.0 Copyright 2010 The European Computer Driving Licence Foundation Ltd. Tutti I diritti riservati. Questa pubblicazione non può essere riprodotta

Dettagli

LEGGERE CON LE DITA Quando un testo diviene un esperienza digitale

LEGGERE CON LE DITA Quando un testo diviene un esperienza digitale Quando un testo diviene un esperienza digitale Giorgio Fipaldini Padova, 28 aprile 2014 MI PRESENTO, SONO UN IMPRENDITORE E INTERPRETE DEI LINGUAGGI DIGITALI 2 3 E VOI SIETE BIBLIOTECARI? SI 30 NO 00 AVETE

Dettagli

Esercitazione su Windows. Introduzione al calcolatore Introduzione a Windows

Esercitazione su Windows. Introduzione al calcolatore Introduzione a Windows Esercitazione su Windows Introduzione al calcolatore Introduzione a Windows Sistemi Operativi Moderni Multi-Utente Multi-Processo Strutturati a Cipolla Dispongono di Interfaccia Grafica (GUI) oltre che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA

ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA ISTITUTO COMPRENSIVO PADRE PIO AIROLA PROGETTO INFORMATICA: UNPLUGGED ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA Come è noto, l insegnamento della tecnologia/informatica è entrata a far parte del normale curricolo

Dettagli

Manuale d uso. rev. 270406

Manuale d uso. rev. 270406 Manuale d uso istudio rev. 270406 1 Indice Capitolo 1: istudio il convertitore di film e musica per ipod Capitolo 2: Primi passi Come fare per...5 Installazione...5 Capitolo 3: Usare istudio Impostazioni...7

Dettagli

porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com

porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com porte aperte sull e-learning di Gianluca Affinito gianluca.affinito@gmail.com Cos è Moodle Moodle è un software per la gestione di corsi a distanza utilizzato a livello mondiale nelle Università, nelle

Dettagli

Artigiani di Podcast. Lezione del 8 febbraio 2012. Fabio P. Corti

Artigiani di Podcast. Lezione del 8 febbraio 2012. Fabio P. Corti Artigiani di Podcast Lezione del 8 febbraio 2012 Che cosa è un podcast? Un podcast è un programma a episodi distribuito via internet usando un protocollo specifico chiamato RSS. Gli episodi dei podcast

Dettagli

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN PORTALE WEB NELL AMBITO DELLA MISURA 2.6. DEL POI ENERGIA FESR 2007 2013

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale COMPETENZE DIGITALI 1 ORIZZONTE DI RIFERIMENTO EUROPEO: COMPETENZA DIGITALE PROFILO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE:

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE

IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE IL VERO GESTIONALE 2.0 PER LE SCUOLE PROTOMAIL REGISTRO ELETTRONICO VIAGGI E-LEARNING DOCUMENTI WEB PROTOCOLLO ACQUISTI QUESTIONARI PAGELLINE UN GESTIONALE INTEGRATO PER TUTTE LE ESIGENZE DELLA SCUOLA

Dettagli

Esplorate le possibilità di Adobe Acrobat 3.0

Esplorate le possibilità di Adobe Acrobat 3.0 Esplorate le possibilità di Adobe Acrobat 3.0 In questo momento state usando Adobe Acrobat Reader, fornito gratuitamente con Adobe, per visualizzare ed esplorare i file PDF (Portable Document Format).

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO

GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO GUIDA ALL USO DELLA PIATTAFORMA E-Learning DOCEBO GUIDA A DOCEBO ACCESSO A DOCEBO L indirizzo di DOCEBO dell IPSSAR è il seguente: www.ipssarvieste.info/docebo. C è un apposito link nella parte bassa della

Dettagli

FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI]

FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI] 2014 FONDAZIONE ANGELO COLOCCI [AREA RISERVATA - STUDENTI] Cosa è. Il portale Docebo è una piattaforma E-Learning e un Content Management System Open Source che La Fondazione Angelo Colocci ha deciso di

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by

LMS ERUDIO. E-learning Formazione a distanza. www.sgslweb.it SISTEMI. 20 febbraio 2014 Autore: L.albanese. powered by LMS ERUDIO E-learning Formazione a distanza powered by SISTEMI 0 febbraio 01 Autore: L.albanese www.sgslweb.it Che cos è l E- Learning? L' e-learning sfrutta le potenzialità rese disponibili da Internet

Dettagli

Una piattaforma LMS open-source: Claroline a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net

Una piattaforma LMS open-source: Claroline a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net Una piattaforma LMS open-source: a cura di G.Cagni (Irre Piemonte) http://www.claroline.net I modelli di formazione in modalità e-learning richiedono necessariamente l utilizzo di una tecnologia per la

Dettagli

LE ORIGINI DI INTERNET

LE ORIGINI DI INTERNET LE ORIGINI DI INTERNET Il 4 ottobre del 1957, si verificò un evento che avrebbe cambiato il mondo; l'unione Sovietica lanciò con successo nell'orbita terrestre il primo satellite chiamato Sputinik 1, che

Dettagli

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO

PROGETTO CLASSI in RETE. curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PROGETTO CLASSI in RETE curato dalla Prof.ssa SERRA CONCETTA S.M.S. G.B. NICOLOSI PATERNO PREMESSA Da sempre la conoscenza ha rappresentato l elemento fondamentale di discriminazione sociale, politica

Dettagli

INFORMATICA (1 2 3) INFORMATICA 1 (primo e secondo periodo)

INFORMATICA (1 2 3) INFORMATICA 1 (primo e secondo periodo) INFORMATICA (1 2 3) Sono previsti diversi moduli di Informatica, ciascuno dei quali prevede un esame e l acquisizione di 5 crediti. Il modulo A fornisce competenze di base di informatica e di uso del personal

Dettagli

GUIDA OPERATIVA SUI FORMATI DEGLI ALLEGATI ALLE PRATICHE ON-LINE

GUIDA OPERATIVA SUI FORMATI DEGLI ALLEGATI ALLE PRATICHE ON-LINE GUIDA OPERATIVA SUI FORMATI DEGLI ALLEGATI ALLE PRATICHE ON-LINE Comune di Pag. 1 di 5 INDICE 1. AGGIORNAMENTI..2 2. INDICAZIONI OPERATIVE PER ALLEGARE I DOCUMENTI ALLA PRATICA 3 ON-LINE 1. AGGIORNAMENTI

Dettagli

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso

INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INTERNET EXPLORER Breve manuale d uso INDICE INTRODUZIONE... 3 COME IMPOSTARE LA PAGINA INIZIALE... 3 LA WORK AREA... 3 LE VOCI DI MENU... 5 IL MENU FILE... 5 IL MENU MODIFICA... 6 IL MENU VISUALIZZA...

Dettagli

AREA STUDENTI. Manuale d'uso. Rielaborazione del. Claroline 1.3 - Manuale per gli Studenti

AREA STUDENTI. Manuale d'uso. Rielaborazione del. Claroline 1.3 - Manuale per gli Studenti AREA STUDENTI Manuale d'uso Rielaborazione del Claroline 1.3 - Manuale per gli Studenti Edizione: 01 Revisione: 00 Release software: 1.8.3 Data: 30/03/2007 ELEARNING SYSTEM ITIS A. Einstein - MANUALE STUDENTI

Dettagli

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA...

BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... INDICE 1) SOMMARIO... 1 2) PRIMO AVVIO... 1 3) BARRA LATERALE AD APERTURA AUTOMATICA... 2 4) DATI AZIENDALI... 3 5) CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA... 4 6) ARCHIVIO CLIENTI E FORNITORI... 5 7) CREAZIONE PREVENTIVO...

Dettagli

RICERCA DELL INFORMAZIONE

RICERCA DELL INFORMAZIONE RICERCA DELL INFORMAZIONE DOCUMENTO documento (risorsa informativa) = supporto + contenuto analogico o digitale locale o remoto (accessibile in rete) testuale, grafico, multimediale DOCUMENTO risorsa continuativa

Dettagli

Open Source. Sommaruga Andrea Guido. Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Monza e Brianza. Nov 2009

Open Source. Sommaruga Andrea Guido. Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Monza e Brianza. Nov 2009 http://sommaruga.stnet.net 1 Open Source Sommaruga Andrea Guido Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Monza e Brianza http://sommaruga.stnet.net 2 3 http://sommaruga.stnet.net 3

Dettagli

Fondamenti di Informatica per l'apprendimento

Fondamenti di Informatica per l'apprendimento per l'apprendimento Outline Formazione a distanza 1 Formazione a distanza 2 3 4 5 Outline Formazione a distanza 1 Formazione a distanza 2 3 4 5 Le tecnologie educative Tecnologie digitali educative: Formazione

Dettagli

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS CONTENT MANAGMENT SYSTEMS ESTRATTO DA: Ileana D'Incecco, Progettare la comunicazione web per organizzazioni non-profit con strumenti open source: ideazione e realizzazione del sito web della Casa delle

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

1. Arduino va di moda.

1. Arduino va di moda. 1. Arduino va di moda. Arduino è una piattaforma hardware open source programmabile, interamente realizzata in Italia, che permette la prototipazione rapida e l'apprendimento veloce dei principi fondamentali

Dettagli

Corso di Web Programming

Corso di Web Programming Corso di Web Programming 1. Introduzione a Internet e al WWW Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Informatica

Dettagli

Assessorato Pubblica Istruzione CENTRO @LL IN VILLACIDRO

Assessorato Pubblica Istruzione CENTRO @LL IN VILLACIDRO COMUNE DI VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano ASSESSORATO ALLE POLITICHE CUTURALI Assessorato Pubblica Istruzione CENTRO @LL IN VILLACIDRO CATALOGO CORSI 1. Informatica di base Partendo dalla descrizione

Dettagli

E-learning con Docebo

E-learning con Docebo E-learning con Docebo Introduzione La suite Doceboè un progetto open source completamentegratuito che mette a disposizione: LMS (Learning Management System) CMS(Content Management System) Mydocebo( la

Dettagli

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity

INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity INCONTRIAMOCI IN RETE Piattaforma digitale accessibile, flessibile e collaborativa, per la comunicazione tra scuola e famiglia, la comunity scolastica virtuale e molto di più. INinFO di Sabina Nuovo INFORMATICAinFORMAZIONE

Dettagli

Ricambi Esplosi Ordini vers. 1.0.1 settembre 2007

Ricambi Esplosi Ordini  vers. 1.0.1 settembre 2007 spa Sito Web di Consultazione Disegni Esplosi e Distinte Ricambi, Gestione Preventivi e Ordini Ricambi e Consultazione della Documentazione Tecnica Prodotti Esplosi Ricambi Ordini vers. 1.0.1 settembre

Dettagli

SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2

SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2 SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2 1 - Il funzionamento di Web Magazine Web Magazine è un applicativo pensato appositamente per la pubblicazione online di un giornale, una rivista o un periodico. E'

Dettagli

MDaemon e Outlook Connector for MDaemon

MDaemon e Outlook Connector for MDaemon MDaemon e Outlook Connector for MDaemon Introduzione...2 Cos'è il groupware...2 Che cosa significa groupware?...2 Cos è WorldClient...2 MDaemon e l evoluzione delle funzionalità groupware...3 Nuove funzionalità

Dettagli

Il social network dei blog italiani La mappa dei blogosfera italiana Febbraio 2005

Il social network dei blog italiani La mappa dei blogosfera italiana Febbraio 2005 liani 2005 Il social network dei blog italiani La mappa dei blogosfera italiana Febbraio 2005 1 Il Social Network dei blog italiani Introduzione...4 La dimensione della blogosfera...5 Percorsi della blogosfera...7

Dettagli

SICURF@D: istruzioni per l uso

SICURF@D: istruzioni per l uso : istruzioni per l uso : istruzioni per l uso Indice 1. Premessa 2 2. La registrazione 2 3. L accesso all area per utenti registrati 2 4. La consultazione dei manuali 3 5. L utilizzo degli strumenti di

Dettagli

Informatica. Classe Prima

Informatica. Classe Prima Informatica Classe Prima Obiettivo formativo Conoscenze Abilità Conoscere e utilizzare il computer per semplici attività didattiche Conoscere i componenti principali del computer. o Distinguere le parti

Dettagli