EnVision G 2 Doublestain System, Rabbit/Mouse (DAB+/Permanent Red)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EnVision G 2 Doublestain System, Rabbit/Mouse (DAB+/Permanent Red)"

Transcript

1 EnVision G 2 Doublestain System, Rabbit/Mouse (DAB+/Permanent Red) Codice K5361 Seconda edizione Per l uso con anticorpi primari di coniglio e topo. Idoneo per 150 test. ( ) K5361/IT/SGA/ p. 1/11

2 Indice generale Pagina Uso previsto...3 Cenni introduttivi...3 Principi della procedura...3 Reagenti...3 Reagenti forniti...3 Materiali necessari ma non forniti...4 Precauzioni...5 Conservazione...6 Preparazione dei campioni...6 Procedura...6 A. Preparazione dei reagenti...6 B. Procedura di colorazione per uso manuale...7 C. Procedura di colorazione per strumenti Dako Autostainer...8 Interpretazione dei risultati...10 Bibliografia...11 ( ) K5361/IT/SGA/ p. 2/11

3 Uso previsto Per uso diagnostico in vitro. Il sistema a doppia colorazione EnVision G 2 Doublestain System viene utilizzato nell immunoistochimica con anticorpi primari Dako di topo e di coniglio per identificare la presenza di antigeni in tessuti fissati in formalina, inclusi in paraffina o in strisci cellulari fissati. Il sistema di visualizzazione consente di identificare simultaneamente due diversi antigeni in un solo campione. Il sistema può essere utilizzato nelle procedure manuali o con gli strumenti di colorazione automatica Dako Autostainer. L interpretazione dei risultati deve tenere conto dell anamnesi del paziente e deve basarsi su ulteriori esami diagnostici eseguiti da un patologo qualificato. Cenni introduttivi Il sistema EnVision G 2 Doublestain System è un sistema di visualizzazione EnVision di seconda generazione, particolarmente utile nella rilevazione simultanea di due diversi antigeni presenti a concentrazioni basse in uno stesso campione. La visualizzazione si basa sulla perossidasi (HRP) utilizzando DAB+ come cromogeno e sulla fosfatasi alcalina (AP) utilizzando il rosso permanente come cromogeno. Il sistema è privo di biotina e consente in tal modo di ridurre in maniera significativa la colorazione non specifica risultante dall attività avidina-biotina endogena. Fare riferimento alle General Instructions for Immunohistochemical Staining di Dako o alle istruzioni sul sistema di rilevazione per le procedure IHC per: 1) Principio della procedura, 2) Materiali necessari ma non forniti, 3) Conservazione, 4) Preparazione dei campioni, 5) Procedura per la colorazione, 6) Controllo della qualità, 7) Risoluzione dei problemi, 8) Interpretazione dei risultati della colorazione, 9) Limiti generali. Principi della procedura La procedura consiste in una doppia colorazione sequenziale che consente di visualizzare il primo antigene tramite l uso della perossidasi e il cromogeno DAB+ e il secondo antigene avvalendosi della fosfatasi alcalina e il rosso permanente. Il Dual Endogenous Enzyme Block inibisce le attività di fosfatasi alcalina, perossidasi e pseudoperossidasi endogene presenti in alcuni tessuti. Dopo il blocco degli enzimi endogeni, è necessario incubare il campione dapprima con un anticorpo primario di topo o coniglio diluito in maniera ottimale, quindi con il reagente Polymer/HRP. Il reagente è un polimero Dextran coniugato con perossidasi che contiene anticorpi delle immunoglobuline di topo e coniglio. La reazione viene visualizzata con il cromogeno DAB+. In seguito alla fase di bloccaggio che si avvale del reagente Doublestain Block, il campione viene incubato con un secondo anticorpo primario di topo o coniglio diluito in maniera ottimale. Quindi, si aggiunge Rabbit/Mouse (LINK), un polimero Dextran con anticorpi delle immunoglobuline di topo e coniglio, e si procede all incubazione con il reagente Polymer/AP. Per visualizzare la seconda reazione, si usa il cromogeno Permanent Red. Tutti i reagenti specificati, ad eccezione degli anticorpi primari, vengono forniti con il kit. Reagenti Reagenti forniti I materiali elencati di seguito sono sufficienti per l esecuzione di 150 test. Il numero di test è basato sull uso di 200 µl di ciascun reagente per test. Fiala 1 Dual Endogenous Enzyme Block Pronto per l uso. Soluzione di bloccaggio degli enzimi endogeni, contenente perossido di idrogeno allo 0,5 %, detergenti, inibitori enzimatici e conservante, ph 2. ( ) K5361/IT/SGA/ p. 3/11

4 Fiala 2 Fiala 3 Fiala 4 Fiala 5 Fiala 6 Fiala 7 Fiala 8 1 x 1,5 ml Polymer/HRP Pronto per l uso. Polimero Dextran coniugato con perossidasi di rafano e immunoglobuline isolate per affinità. Fornito in tampone Tris/HCl contenente proteina stabilizzante e un agente conservante. DAB+ Substrate Buffer Soluzione tampone di substrato, a ph 7,5, contenente < 0,1 % di perossido di idrogeno, stabilizzatori, agenti di potenziamento e un agente antimicrobico. DAB+ Chromogen Soluzione cromogena 3,3 -diaminobenzidina tetraidrocloruro al 5 %. Doublestain Block Pronto per l uso. Soluzione di bloccaggio. Rabbit/Mouse (LINK) Pronto per l uso. Polimero Dextran accoppiato con anticorpi secondari contro le immunoglobuline di topo e coniglio. In soluzione tampone contenente proteina stabilizzante e un agente conservante. Polymer/AP Pronto per l uso. Polimero Dextran coniugato con fosfatasi alcalina e immunoglobuline isolate per affinità. Fornito in tampone Tris/HCl contenente proteina stabilizzante e un agente conservante. Permanent Red Substrate Buffer Soluzione tampone di substrato. Fiala 9 1 x 300 µl Permanent Red Chromogen Soluzione cromogena rosso permanente. Materiali necessari ma non forniti Panni assorbenti Acqua di ammoniaca, 37 mmol/l (opzionale) Antibody Diluent, codice Dako S0809 o S2022 Colorante di contrasto; ematossilina, come Dako Mayer s Hematoxylin a base d acqua, codice S3309 Vetrini coprioggetto Dako Autostainer (opzionale) Reagenti per anticorpi primari e reagenti di controllo negativi Dako Acqua distillata o deionizzata Epitope Retrieval Solution Etanolo, 95 % e 70 % ( ) K5361/IT/SGA/ p. 4/11

5 Camera umida (opzionale) Microscopio ottico (ingrandimento obiettivo x) Mezzo di montaggio, come Dako Glycergel Mounting Medium, codice C0563 o Dako Faramount, Aqueous Mounting Medium, Ready-to-Use, codice S3025, oppure mezzi di montaggio permanenti non acquosi, codice S3026 Dako Tessuti positivi e negativi da usare come controlli del processo Vetrini, vetrini SuperFrost Plus, vetrini polilisinati o vetrini silanizzati Dako Silanized Slides, codice S3003 Vaschette o bagni per la colorazione Contaminuti (per intervalli di 2 40 minuti) Flaconi di lavaggio Wash Buffer, codice Dako S3006 Bagno di acqua con coperchio Xilene, toluene o derivati dello xilene Precauzioni 1. Per uso professionale. 2. La fiala 2, Polymer/HRP, la fiala 6, Rabbit/Mouse (LINK) e la fiala 7, Polymer/AP, contengono materiale di origine animale. Adottare le normali procedure previste per il trattamento dei prodotti di origine biologica. 3. Non esporre la fiala 3, DAB+ Chromogen, o la fiala 9, Permanent Red Chromogen, o la soluzione preparata DAB+ Working Solution o Permanent Red Working Solution a una luce intensa. 4. La fiala 4, DAB+ Chromogen, contiene 1 5 % di 3,3 -diaminobenzidina tetraidrocloruro (tetracloruro di bifenil-3,3,4,4 -tetrailtetraammonio) ed è marcata: Dannosa. R40 Prove limitate di un effetto cancerogeno. R43 Può causare sensibilizzazione in caso di contatto con la cute. R68 Possibile rischio di effetti irreversibili. S35 Smaltire il prodotto e il relativo contenitore secondo le normative vigenti. S36/37 Indossare indumenti e guanti protettivi adeguati. La fiala 9, Permanent Red Chromogen, contiene sale Fast Red KL ed è marcata: Tossica. R45 Può causare cancro. S35 Smaltire il prodotto e il relativo contenitore secondo le normative vigenti. S45 In caso di incidente o di malessere, rivolgersi immediatamente a un medico (se possibile, mostrare l etichetta del prodotto). S53 Evitare l esposizione e ottenere istruzioni prima dell uso. Attenzione. Il prodotto contiene una sostanza che non è ancora stata completamente testata. La classificazione ha avuto luogo puramente sulla base di confronti con altre sostanze di struttura simile. Di norma, l utilizzo di questo prodotto non è consentito ai minori di 18 anni. Gli utilizzatori devono essere accuratamente informati relativamente alla procedura di lavoro adeguata, alle proprietà pericolose del prodotto e alle istruzioni di sicurezza necessarie. Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla scheda di sicurezza dei materiali (MSDS). 5. Questo prodotto contiene sodio azide (NaN 3 ), una sostanza chimica fortemente tossica in forma pura. Sebbene non sia classificato come prodotto rischioso, il contenuto di sodio azide alle concentrazioni indicate può reagire con il rame e il piombo delle tubature formando azidi metalliche fortemente esplosive. Durante lo smaltimento, sciacquare le tubature con abbondante acqua per prevenire l eventuale accumulo di azide metallica. 6. Indossare dispositivi di protezione personali per evitare il contatto con la cute e gli occhi. 7. La soluzione inutilizzata deve essere smaltita secondo le direttive vigenti. ( ) K5361/IT/SGA/ p. 5/11

6 Conservazione Conservare il kit a 2 8 C. Non usare dopo la data di scadenza riportata sulla confezione. Non scambiare i componenti di kit provenienti da diversi lotti. Se i reagenti sono conservati in condizioni diverse da quelle specificate, le loro condizioni dovranno essere verificate dall utilizzatore. Qualora si ottenga una colorazione imprevista, che non sia cioè giustificata da un cambiamento delle procedure di laboratorio ma sia dovuta ad un probabile problema del prodotto, contattare il servizio di assistenza tecnica. Preparazione dei campioni Il kit può essere utilizzato per sezioni di tessuto fissate in formalina e incluse in paraffina e per strisci cellulari fissati. Per la conservazione dei campioni, è possibile avvalersi di una varietà di fissativi diversi. Per tutte le sezioni di tessuto, attenersi alle procedure standard per l allestimento di tessuti per la colorazione immunoistochimica (1). Lo spessore ottimale delle sezioni di tessuto fissate in formalina e incluse in paraffina e delle sezioni congelate è di 4 6 µm. Il campione deve essere montato su vetrini da microscopio. Le sezioni devono essere montate sui vetrini nel modo più piatto possibile e riducendo al minimo le pieghe. Un numero eccessivo di pieghe influenza i risultati della colorazione. NOTA: sugli strumenti Dako Autostainer, i vetrini da microscopio non devono essere più larghi di 26 mm per poter essere inseriti nel portavetrini. Le sezioni in paraffina devono essere montate direttamente dal bagnomaria pre-riscaldato contenente acqua distillata o deionizzata. Il bagnomaria non deve contenere additivi ( quali gelatina, poli-l-lisina, ecc.). Le sezioni devono essere asciugate tramite riscaldamento, di norma a una temperatura < 60 C per almeno 60 minuti (ad esempio, per tutta la notte). Per assicurarsi che le sezioni aderiscano adeguatamente ai vetrini, è importante drenare l acqua da sotto le sezioni prima di riscaldarle nel forno. Procedura A. Preparazione dei reagenti A.1 DAB+ Working Solution La soluzione DAB+ Working Solution viene preparata miscelando attentamente 1 ml di DAB+ Substrate Buffer (fiala 3) con 1 goccia (25 30 µl) di DAB+ Chromogen (fiala 4). Ogni quantità di 1 ml è sufficiente per 10 sezioni di tessuto. Preparare solo il volume necessario al numero di vetrini da colorare. La soluzione DAB+ Working Solution preparata rimane stabile per circa 5 giorni se conservata a 2 8 C. Questa soluzione deve essere miscelata attentamente prima dell uso. Eventuali precipitati che si formino nella soluzione nel giro di 5 giorni non influiscono sulla qualità della colorazione. Se utilizzata con lo strumento Dako Autostainer, la soluzione DAB+ Working Solution deve essere preparata in una fiala di reagente per Autostainer. A.2 Permanent Red Working Solution La soluzione Permanent Red Working Solution viene preparata miscelando completamente 100 parti di tampone Permanent Red Substrate Buffer (fiala 8) con 1 parte di cromogeno Permanent Red Chromogen (fiala 9), ad esempio 1 ml di Permanent Red Substrate Buffer (fiala 8) con 10 µl di Permanent Red Chromogen (fiala 9). Preparare solo il volume necessario al numero di vetrini da colorare. Utilizzare la soluzione nel giro di 30 minuti. Se utilizzata con lo strumento Dako Autostainer, la soluzione Permanent Red Working Solution deve essere preparata in una fiala di reagente per Autostainer. A.3 Indicazioni per la diluizione ottimale degli anticorpi primari Il sistema EnVision G 2 Doublestain System è compatibile con gli anticorpi primari concentrati Dako adeguatamente diluiti. È responsabilità dell utilizzatore determinare la diluizione ottimale. ( ) K5361/IT/SGA/ p. 6/11

7 B. Procedura di colorazione per uso manuale B.1 Note sulla procedura Prima di utilizzare il sistema EnVision G 2 Doublestain System con sezioni di tessuto fissate in formalina, incluse in paraffina, eseguire la seguente procedura di pretrattamento. È necessario rimuovere la paraffina dal campione e reidratarlo. Alcuni campioni devono essere soggetti a smascheramento dell epitopo indotto dal calore o dalla digestione dell enzima. Consultare il foglietto illustrativo specifico dell anticorpo primario per informazioni specifiche sulla preparazione del campione. Dopo lo smascheramento, risciacquare il campione delicatamente con soluzione tampone di lavaggio utilizzando un flacone di lavaggio (non versare direttamente sul tessuto) e collocarlo in un bagno di tampone nuovo per 5 minuti. Prima di procedere con l immunocolorazione, è necessario stabilizzare tutti i reagenti a temperatura ambiente (20 25 C). Analogamente, l incubazione deve sempre avvenire a temperatura ambiente. Non lasciare che i campioni si secchino durante la procedura di colorazione. I campioni secchi possono presentare una maggiore colorazione aspecifica. B.2 Protocollo di colorazione Passaggio 1: fiala 1, Dual Endogenous Enzyme Block Rimuovere il tampone di lavaggio in eccesso e pulire delicatamente attorno al campione per rimuovere eventuali tracce di liquido e per mantenere il reagente all interno dell area indicata. Applicare 200 µl di Dual Endogenous Enzyme Block per coprire il campione. Incubare per 5 (± 1) minuti. Risciacquare il campione delicatamente con soluzione tampone di lavaggio utilizzando un flacone di lavaggio (non versare direttamente sul tessuto) e collocarlo in un bagno di tampone nuovo per 5 minuti. Passaggio 2: anticorpo primario 1 o reagente di controllo negativo 1 Applicare 200 µl di anticorpo primario di topo o coniglio o di reagente di controllo negativo (vedere la sezione A.3) per coprire il campione. Incubare per 10 (± 1) minuti. Sciacquare il campione come indicato nel passaggio 1. Passaggio 3: fiala 2, Polymer/HRP Applicare 200 µl di Polymer/HRP per coprire il campione. Incubare per 10 (± 1) minuti. Sciacquare il campione due volte, secondo quanto indicato nel passaggio 1. Passaggio 4: DAB+ Working Solution Preparare la soluzione DAB+ Working Solution secondo quanto descritto nella sezione A.1. Applicare 200 µl di DAB+ Working Solution per coprire il campione. Incubare per 5 15 minuti. I tempi di incubazione ottimali possono variare e devono essere determinati da ogni singolo laboratorio. Sciacquare delicatamente il campione con acqua distillata o deionizzata usando un flacone di lavaggio (non versare direttamente sul tessuto). Raccogliere i residui della soluzione DAB+ Working Solution in un contenitore per materiali pericolosi per uno smaltimento adeguato. Nel caso in cui si renda necessario interrompere la procedura di colorazione, è possibile conservare i vetrini in un bagno di tampone di lavaggio dopo l incubazione DAB+ Working Solution per un massimo di un ora a temperatura ambiente (20 25 C) senza che la procedura di colorazione risulti inficiata. Passaggio 5: fiala 5, Doublestain Block Applicare 200 µl di Doublestain Block per coprire il campione. Incubare per 3 (± 1) minuti. Sciacquare il campione come indicato nel passaggio 1. ( ) K5361/IT/SGA/ p. 7/11

8 Passaggio 6: anticorpo primario 2 o reagente di controllo negativo 2 Applicare 200 µl di anticorpo primario di topo o coniglio o di reagente di controllo negativo adeguatamente diluito (vedere la sezione A.3) per coprire il campione. Incubare per 10 (± 1) minuti. Sciacquare il campione come indicato nel passaggio 1. Passaggio 7: fiala 6, Rabbit/Mouse (LINK) Applicare 200 µl di Rabbit/Mouse (LINK) per coprire il campione. Incubare per 10 (± 1) minuti. Sciacquare il campione due volte, secondo quanto indicato nel passaggio 1. Passaggio 8: fiala 7, Polymer/AP Applicare 200 µl di Polymer/AP per coprire il campione. Incubare per 10 (± 1) minuti. Sciacquare il campione due volte, secondo quanto indicato nel passaggio 1. Passaggio 9: soluzione Permanent Red Working Solution Preparare la soluzione Permanent Red Working Solution secondo quanto descritto nella sezione A.2. La soluzione Permanent Red Working Solution preparata deve essere utilizzata entro 30 minuti. Rimuovere il tampone in eccesso e pulire i vetrini come indicato in precedenza. Applicare 200 µl di Permanent Red Working Solution per coprire il campione. Incubare per 5 20 minuti. I tempi di incubazione ottimali possono variare e devono essere determinati da ogni singolo laboratorio. Sciacquare delicatamente il campione con acqua distillata o deionizzata utilizzando un flacone di lavaggio (non versare direttamente sul campione). Raccogliere i rifiuti contenenti cromogeno in un contenitore per materiali pericolosi per uno smaltimento adeguato. Collocare i vetrini risciacquati in un bagno nuovo di acqua distillata o deionizzata per 5 minuti. Passaggio 10: colorante di contrasto (le istruzioni si riferiscono all ematossilina) Immergere i vetrini in un bagno di ematossilina. La durata dell incubazione dipende dalla forza dell ematossilina utilizzata. Far seguire la colorazione di contrasto con ematossilina con un lavaggio completo in acqua distillata o deionizzata. Opzionale: immergere i vetrini con i tessuti in un bagno contenente 37 mmol/l di acqua di ammoniaca e sciacquare delicatamente in acqua distillata o deionizzata per 2 5 minuti. L acqua di ammoniaca (37 mmol/l) viene preparata miscelando 2,5 ml di 15 mol/l idrossido di ammonio (concentrato) con 1 L di acqua distillata o deionizzata. I 37 mmol/l di acqua di ammoniaca non utilizzati possono essere conservati a temperatura ambiente (20 25 C) in una bottiglia ben chiusa per un massimo di 12 mesi. Passaggio 11: montaggio Per un montaggio acquoso, si consiglia l utilizzo di un mezzo di montaggio quale Dako Glycergel Mounting Medium, codice C0563, o Faramount Aqueous Mounting Medium, codice S3025. Per un montaggio permanente non acquoso, si consiglia di utilizzare Dako Permanent Mounting Media, codice S3026, dopo aver lasciato che i vetrini si asciughino completamente all aria. C. Procedura di colorazione per strumenti Dako Autostainer Tutti i reagenti inclusi nel kit, ad eccezione delle fiale 4 e 9, sono forniti in fiale di reagente per Autostainer. La soluzione DAB+ Working Solution e la soluzione Permanent Red Working Solution devono essere preparate in fiale di reagente Autostainer se utilizzate con lo strumento Dako Autostainer. Il sistema EnVision G 2 Doublestain System è stato adattato per l uso sugli strumenti Dako Autostainer in base allo schema indicato qui sotto. Prima di procedere alla colorazione su strumenti Dako Autostainer secondo lo schema, leggere attentamente il manuale d uso per lo strumento Autostainer usato. Prima di avviare lo strumento Autostainer, collocare i vetrini e i reagenti in base alla mappa per la disposizione dei vetrini e la mappa per la disposizione del reagenti. ( ) K5361/IT/SGA/ p. 8/11

9 La seguente procedura di pretrattamento deve essere eseguita prima di utilizzare il sistema EnVision G 2 Doublestain System con sezioni di tessuto fissate in formalina, incluse in paraffina. È necessario rimuovere la paraffina dal campione e reidratarlo. Alcuni campioni devono essere soggetti a smascheramento dell epitopo indotto dal calore o dalla digestione dell enzima. Consultare la sezione A.3 e il foglietto illustrativo dello specifico anticorpo primario Dako in uso per informazioni specifiche sulla preparazione del campione. Dopo lo smascheramento, risciacquare il campione delicatamente con soluzione tampone di lavaggio utilizzando un flacone di lavaggio (non versare direttamente sul tessuto) e collocarlo in un bagno di tampone nuovo per 5 minuti. Prima di procedere con l immunocolorazione, è necessario stabilizzare tutti i reagenti a temperatura ambiente (20 25 C). Analogamente, l incubazione deve sempre avvenire a temperatura ambiente. Non lasciare che i campioni si secchino durante la procedura di colorazione. I campioni secchi possono presentare una maggiore colorazione aspecifica. Passaggio 1: programmazione dello strumento Autostainer Prima di utilizzare il sistema EnVision G 2 Doublestain System su uno strumento Dako Autostainer per la prima volta, è necessario creare un nuovo schema. Fare riferimento allo schema qui sotto e al manuale d uso per lo strumento Autostainer in uso. Modello: K5361 NOTA: Prima di caricare i vetrini secondo quanto indicato nella SCHERMATA DEL PROGRAMMA RELATIVA ALLA COLORAZIONE, è necessario aggiungere i seguenti reagenti all elenco di reagenti. Fare riferimento alla Tabella 1 di seguito per il nome, la fase dello schema e il tempo di incubazione e consultare il manuale d uso per lo strumento Autostainer usato. ( ) K5361/IT/SGA/ p. 9/11

10 Tabella 1. Reagenti da aggiungere all elenco Reagente Codice Fase schema Tempo di incubazione Dual Endogenous Enzyme Block K5361 Blocco enzima endogeno 5 minuti Anticorpi primari non ancora contenuti nell elenco dell Autostainer Individuale Anticorpo primario 10 minuti Polymer/HRP K5361 Reagente secondario 10 minuti DAB+ Working Solution K5361 Substrato 10 minuti Doublestain Block K5361 Ausiliaria 3 minuti Anticorpi primari non ancora contenuti nell elenco dell Autostainer Individuale Anticorpo primario 10 minuti Rabbit/Mouse (LINK) K5361 Reagente secondario 10 minuti Polymer/AP K5361 Reagente terziario 10 minuti Permanent Red Working Solution K5361 Batch-substrato 10 minuti Passaggio 2: protocollo di colorazione Caricare lo schema Template (K5361) per il kit EnVision G 2 Doublestain System nella SCHERMATA DEL PROGRAMMA RELATIVA ALLA COLORAZIONE. Specificare il numero di vetrini da colorare e caricare nello schema i reagenti con i relativi tempi di incubazione. La schermata con la mappa per la disposizione dei vetrini illustrerà come collocare i vetrini e la schermata con la mappa per la disposizione dei reagenti illustrerà la posizione e il volume del reagente da caricare sullo strumento Autostainer. Fare riferimento anche al manuale d uso. Prima di caricare i vetrini secondo quanto indicato nella schermata con la mappa per la disposizione dei vetrini, si consiglia di bagnare i vetrini per 5 minuti nel tampone Dako Wash Buffer, codice S3006. Posizionare le fiale nel cestello per reagenti secondo quanto indicato nella schermata con la mappa per la disposizione dei reagenti. Prestare attenzione a caricare i reagenti corretti e i rispettivi volumi. In particolare, prestare attenzione a caricare le fiale con gli anticorpi primari. Innescare le pompe dell acqua e del tampone. Avviare il programma. Alla fine del programma, sciacquare i vetrini in acqua distillata o deionizzata. Per la colorazione di contrasto e il montaggio, fare riferimento ai punti 10 e 11 della sezione B.2. Interpretazione dei risultati L antigene riconosciuto dall anticorpo primario 1 è colorato con cromogeno DAB+. Il cromogeno DAB+ fa assumere un colore marrone al prodotto finale. L antigene riconosciuto dall anticorpo primario 2 è colorato con cromogeno Permanent Red. Il cromogeno Permanent Red fa assumere un colore rosso al prodotto finale. Entrambi i colori consentono la visualizzazione contro la colorazione di contrasto a base di ematossilina. Nel caso in cui sia presente una colorazione non specifica, questa viene riconosciuta come una colorazione diffusa, marrone o rossa, dei vetrini trattati con reagente di controllo negativo. La colorazione di contrasto con ematossilina colora i nuclei di colore blu. ( ) K5361/IT/SGA/ p. 10/11

11 Bibliografia 1. Sheehan DC, HrAPchak BB. Theory and practice of histotechnology. St. Louis: CV Mosby Company; 1980 Spiegazione dei simboli Numero di catalogo Limiti di temperatura Data di scadenza Tossico Dispositivo medico diagnostico in vitro Consultare le istruzioni per l'uso Contiene materiale per <n> test Codice batch Produttore Nocivo Prodotto da: Dako Denmark A/S Produktionsvej 42 DK-2600 Glostrup Danimarca Tel Fax ( ) K5361/IT/SGA/ p. 11/11

EnVision FLEX, High ph, (Dako Autostainer/Autostainer Plus)

EnVision FLEX, High ph, (Dako Autostainer/Autostainer Plus) EnVision FLEX, High ph, (Dako Autostainer/Autostainer Plus) Codice K8010 5 a edizione Il kit contiene reagenti sufficienti per 400 600 test. Per Dako Autostainer/Autostainer Plus Reagenti facoltativi:

Dettagli

FluoroSpheres Codice n. K0110

FluoroSpheres Codice n. K0110 FluoroSpheres Codice n. K0110 Quinta edizione Sfere di calibrazione per il monitoraggio giornaliero della citometria a flusso. Il kit contiene i reagenti per 40 calibrazioni. (105800-003) K0110/IT/TJU/2010.11.03

Dettagli

7900003 24 test Circulating Tumor Cell Control Kit

7900003 24 test Circulating Tumor Cell Control Kit 7900003 24 test Circulating Tumor Cell Control Kit 1 IMPIEGO PREVISTO Per uso diagnostico in vitro Il Kit CELLSEARCH Circulating Tumor Cell Control è stato formulato per essere utilizzato come controllo

Dettagli

ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe

ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe ZytoLight SPEC ERG Dual Color Break Apart Probe IVD Dispositivo medico-diagnostico in vitro Produttore: ZytoVision GmbH Codice: Z-2138-200 (0.2ml).. Per l identificazione della traslocazione che coinvolge

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari

presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari presenta Il nuovo test rapido sulle intolleranze alimentari Cos è il Food-Detective? E un test rapido per la rilevazione delle intolleranze alimentari E un test sicuro ed affidabile E un test che si esegue

Dettagli

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16

Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16 Laboratorio di Tecniche Microscopiche AA 2007-2008 Lezione 12 Marzo 2008 Ore 15-16 L'immunoistochimica e' una tecnica ampiamente utilizzata per l'identificazione e la localizzazione di costituenti cellulari

Dettagli

RIDASCREEN FAST T-2 Toxin

RIDASCREEN FAST T-2 Toxin RIDASCREEN FAST T-2 Toxin Saggio immunoenzimatico per l analisi quantitativa della tossina T-2 Cod. R5302 Test in vitro Conservare a 2-8 C R-Biopharm AG, Darmstadt, Germany Tel.: +49 (0) 61 51 81 02-0

Dettagli

ABX CRP REA A91A00692BIT Revisione 07/11/2011. Denominazione della sostanza: Codice della sostanza: Rif. HORIBA Medical: 0501015 (R1 + R2 + R3)

ABX CRP REA A91A00692BIT Revisione 07/11/2011. Denominazione della sostanza: Codice della sostanza: Rif. HORIBA Medical: 0501015 (R1 + R2 + R3) Scheda di sicurezza Conforme al regolamento (CE) n. 1907/2006 (REACH), Allegato II ABX CRP REA A91A00692BIT Revisione 1. Identificazione della sostanza e dell'azienda produttrice 1.1. Identificazione della

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA Data ultima revisione: 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/ PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1/5 K5331 Vial 2 HER2 FISH pharmdx Kit K5333 Vial 2 TOP2A FISH pharmdx Kit K5599 Vial 2 Histology FISH Accessory

Dettagli

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE)

ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) ESTRAZIONE ACIDI NUCLEICI CON PARTICOLARE RIFERIMENTO A DNA ESTRATTO DA TESSUTI FISSATI IN FORMALINA E INCLUSI IN PARAFFINA (FFPE) SALVATORE GIRLANDO LABORATORIO PATOLOGIA MOLECOLARE ANATOMIA PATOLOGICA

Dettagli

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH)

Scheda di sicurezza In conformità alla Direttiva CE No. 1907/2006 (REACH) Data di revisione: 2012 03 28 Versione: 5.0 1. Identificazione del preparato e della società produttrice Prodotto otto: ISH Accessories (Buffers, Wash Buffers, Mounting Solutions) Codice prodotto to: AB-0001,

Dettagli

CellSolutions General Cytology Preservative

CellSolutions General Cytology Preservative CellSolutions General Cytology Preservative Codice di catalogo: C-101 (10 ml fiala) C-101-25 (25 x 10 ml fiale) C-101-200 (8 x 25 x 10 ml fiale) C-101-500 (20 x 25 x 10 ml fiale) C-101L (1 L) C-101G (4

Dettagli

RISOLUZIONE ENO 24/2004

RISOLUZIONE ENO 24/2004 RICERCA DI SOSTANZE PROTEICHE DI ORIGINE VEGETALE NEI VINI E NEI MOSTI L'ASSEMBLEA GENERALE, Visto l'articolo 2 paragrafo 2 iv dell'accordo del 3 aprile 2001 che istituisce l'organizzazione internazionale

Dettagli

ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe

ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe ZytoLight SPEC ALK Dual Color Break Apart Probe Z-2124-200 20 (0.2 ml) Z-2124-50 5 (0.05 ml) Per la rilevazione della traslocazione che coinvolge il gene ALK a 2p23 mediante ibridazione in situ fluorescente

Dettagli

Protezione delle mani e istruzioni per l uso di guanti

Protezione delle mani e istruzioni per l uso di guanti Protezione delle mani e istruzioni per l uso di guanti INTRODUZIONE I prodotti chimici possono essere usati in modo sicuro se l utilizzatore identifica tutti i pericoli possibili e prende le dovute precauzioni

Dettagli

Material Safety Data Sheet

Material Safety Data Sheet Material Safety Data Sheet Human Placental Lactogen (HPL) ELISA Catalog Number: 20-HPLHU-E01 pagina 1/8 Standard 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Z-2015-200 Z-2015-50 20 (0.2 ml) 5 (0.05 ml) Per la rilevazione del gene umano HER2 e degli alfa-satelliti del cromosoma 17 mediante ibridazione in situ fluorescente

Dettagli

ZytoLight SPEC ALK/EML4 TriCheck Probe

ZytoLight SPEC ALK/EML4 TriCheck Probe ZytoLight SPEC ALK/EML4 TriCheck Probe Z-2117-200 Z-2117-50 20 (0.2 ml) 5 (0.05 ml) Per la rilevazione del riarrangiamento dei geni ALK- EML4 mediante ibridazione in situ fluorescente (FISH).... Dispositivo

Dettagli

Kit SPOT-Light HER2 CISH

Kit SPOT-Light HER2 CISH Kit SPOT-Light HER2 CISH N. cat. 84-0150 20 test con vetrini coprioggetto da 24 x 30 mm Uso previsto Per uso diagnostico in vitro Il kit SPOT-Light HER2 CISH è destinato alla determinazione quantitativa

Dettagli

Esperienza 14: il test ELISA

Esperienza 14: il test ELISA Esperienza 14: il test ELISA La tecnica di dosaggio immuno-assorbente legato a un enzima (in inglese Enzyme-Linked Immuno Assay) o ELISA è principalmente utilizzato in immunologia al fine di rilevare e/o

Dettagli

Test Monofase di Ovulazione Strisce (Urina) - Autodiagnosi

Test Monofase di Ovulazione Strisce (Urina) - Autodiagnosi Test Monofase di Ovulazione Strisce (Urina) - Autodiagnosi MANUALE D USO ATTENZIONE: Gli operatori devono leggere e capire completamente questo manuale prima di utilizzare il prodotto. 0197 ITALIANO 2

Dettagli

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %.

Per la conservazione viene aggiunta sodio azide a una concentrazione finale inferiore allo 0,1 %. Scheda Tecnica 0123 Technical File No.: 46 Prodotto: Categoria di prodotto secondo la classificazione CE: Anti-Xga coombsreactive Policlonale, umano IgG Allegato III Autocertificazione del produttore Struttura

Dettagli

Estrogen Receptor (EP1)

Estrogen Receptor (EP1) Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 44592 Estrogen Receptor 0,1 R (EP1) 44593 Estrogen Receptor 1 R (EP1) 44285 Estrogen Receptor RTU R (EP1) Definizione Dei Simboli P C A E S DIL DOC# DIS

Dettagli

Adipophilin (Polyclonal)

Adipophilin (Polyclonal) Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 46916 Adipophilin 0,1 R ( Poly) 46917 Adipophilin 1 R ( Poly) 46915 Adipophilin RTU R ( Poly) Definizione Dei Simboli P C A E S DIL DOC# DIS pronto uso concentrato

Dettagli

Epstein-Barr Virus (MRQ-47)

Epstein-Barr Virus (MRQ-47) Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 44590 Epstein-Barr Virus 0,1 R (MRQ-47) 44591 Epstein-Barr Virus 1 R (MRQ- 47) 44284 Epstein-Barr Virus RTU R (MRQ-47) Definizione Dei Simboli P C A E S

Dettagli

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S )

ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE Frasi di Rischio ( R ) e Consigli di Prudenza ( S ) ETICHETTATURA DELLE SOSTANZE PERICOLOSE "Frasi di Rischio" ( R ) e "Consigli di Prudenza" ( S ) La Legge 29 Maggio 1974, N 0 256 obbliga tutti i fabbricanti di prodotti aventi determinate caratteristiche

Dettagli

Consultare le avvertenze di rischio e i consigli per la sicurezza durante le operazioni di travaso.

Consultare le avvertenze di rischio e i consigli per la sicurezza durante le operazioni di travaso. Istruzioni per la pulizia e la conservazione dei pavimenti PANDOMO Terrazzo Indicazioni preliminari Una cura periodica e adeguata, così come una protezione specifica dei pavimenti pandomo TerrazzoBasic,

Dettagli

in vitro e condurre diagnosi cliniche ausiliarie dell infertilità e autovalutazione della fertilità e

in vitro e condurre diagnosi cliniche ausiliarie dell infertilità e autovalutazione della fertilità e Kit per individuazione conta Spermatica (metodo colorimetrico) Istruzioni d uso INTRODUZIONE Il presente kit viene usato per individuare qualitativamente la conta spermatica del seme umano in vitro e condurre

Dettagli

EGFR pharmdx. Codice K1494 50 test per il sistema Dako Autostainer Edizione 9/27/2006. Uso previsto Per uso diagnostico In Vitro.

EGFR pharmdx. Codice K1494 50 test per il sistema Dako Autostainer Edizione 9/27/2006. Uso previsto Per uso diagnostico In Vitro. EGFR pharmdx Codice K1494 50 test per il sistema Dako Autostainer Edizione 9/27/2006 Uso previsto Per uso diagnostico In Vitro. Il saggio EGFR pharmdx è un sistema di analisi qualitativa immunoistochimica

Dettagli

Nome commerciale: PROMASPRAY P300 Data di pubblicazione 10/11/2010 La presente versione annulla sostituisce le precedenti

Nome commerciale: PROMASPRAY P300 Data di pubblicazione 10/11/2010 La presente versione annulla sostituisce le precedenti 1. Identificazione del prodotto e della Società Nome del prodotto: PROMASPRAY P300 Impiego previsto: PROMASPRAY P300 è un intonaco applicato a spruzzo, adatto per la protezione passiva al fuoco di strutture

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome del prodotto: SODIUM ACETATE Solution Nome del corredo: SOLiD(TM) FRAGMENT SEQUENCING BUFFER KIT

Dettagli

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R

ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R E DEI CONSIGLI DI PRUDENZA S E DELLE LORO RELATIVE COMBINAZIONI ELENCO DELLE FRASI DI RISCHIO R Le sigle R e S sempre presenti sulle etichette dei prodotti chimici utilizzati in laboratorio rappresentano rispettivamente una definizione dei rischi specifici connessi con l impiego della sostanza chimica

Dettagli

Principi E Procedure. Materiali E Metodi

Principi E Procedure. Materiali E Metodi Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 44366 PAX-5 0,1 R (EP156) 45628 PAX-5 1 R (EP156) 45642 PAX-5 RTU R (EP156) Definizione Dei Simboli P C A E S DIL DOC# DIS pronto uso concentrato asciti

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Reattivo B di Voges Proskauer 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC

Dettagli

Strumenti e Tecniche di studio in patologia

Strumenti e Tecniche di studio in patologia Strumenti e Tecniche di studio in patologia Gli strumenti della patologia: Microscopia Biologia molecolare Indagini biochimiche Microscopia Ottica citopatologia ed istopatologia citochimica ed istochimica

Dettagli

Basi opache all acqua Envirobase T4xx Diluente Envirobase T494

Basi opache all acqua Envirobase T4xx Diluente Envirobase T494 GLOBAL REFINISH SYSTEM Gennaio 2007 Scheda Tecnica ENVIROBASE HIGH PERFORMANCE PRODOTTI Basi opache all acqua Envirobase T4xx Diluente Envirobase T494 Envirobase High Performance è un sistema tintometrico

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA

SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA (In accordo alla direttiva 91/155/CE e s.m.i.) P016 Intonaco Cementizio Fibrorinforzato 1/8 1. Identificazione del preparato e del produttore 1.1 Identificazione

Dettagli

Her2/Neu (EP3) Rabbit Monoclonal Antibody. Identificazione Prodotto. Definizione Dei Simboli. Principi E Procedure. Finalità D Uso

Her2/Neu (EP3) Rabbit Monoclonal Antibody. Identificazione Prodotto. Definizione Dei Simboli. Principi E Procedure. Finalità D Uso Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 45616 Her2/Neu 0,1 R (EP3) 45617 Her2/Neu 1 R (EP3) 45636 Her2/Neu RTU R (EP3) Definizione Dei Simboli P C A E S DIL DOC# DIS pronto uso concentrato asciti

Dettagli

QUANTA Lite ACA IgG III 708625 Per uso diagnostico In Vitro Complessità CLIA: elevata

QUANTA Lite ACA IgG III 708625 Per uso diagnostico In Vitro Complessità CLIA: elevata QUANTA Lite ACA IgG III 708625 Per uso diagnostico In Vitro Complessità CLIA: elevata Finalità d uso QUANTA Lite TM ACA IgG III è un test immunoenzimatico per la ricerca semi-quantitativa di anticorpi

Dettagli

EnVision FLEX+, Mouse, High ph, (Link)

EnVision FLEX+, Mouse, High ph, (Link) EnVision FLEX+, Mouse, High ph, (Link) Codice K8002 5 a edizione Il kit contiene reagenti sufficienti per 400 600 test. Per strumenti Autostainer Link. Reagenti facoltativi Codice Nome prodotto Test K8004

Dettagli

CD163 (MRQ-26) Mouse Monoclonal Antibody. Identificazione Prodotto. Definizione Dei Simboli. Finalità D Uso. Principi E Procedure

CD163 (MRQ-26) Mouse Monoclonal Antibody. Identificazione Prodotto. Definizione Dei Simboli. Finalità D Uso. Principi E Procedure Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 44844 CD163 0,1 M (MRQ-26) 44469 CD163 1 M (MRQ-26) 44223 CD163 RTU M (MRQ-26) Definizione Dei Simboli P C A E S DIL DOC# DIS pronto uso concentrato asciti

Dettagli

SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO MATERIA 3

SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO MATERIA 3 SCHEDA TECNICA DEL PRODOTTO MATERIA 3 Materia 3 è una vernice decorativa ecologica in dispersione acquosa. Materia 3 è un prodotto caratterizzato dall utilizzo di speciali additivi che creano uno speciale

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA 1 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome del prodotto: 5X T4 Ligase Buffer Num. de prodotto: 4389792 Nome del corredo: SOLiD(TM) FRAGMENT

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Potassio Permanganato 0,2 mol/l (1N) 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Pagina: 1/5 Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155/EWG. 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa

Pagina: 1/5 Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155/EWG. 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Pagina: 1/5 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Dati del prodotto Denominazione commerciale:pmfresh Utilizzazione della Sostanza / del Preparato : Sostanza per la pulizia

Dettagli

131339 Glicerina PA-ACS-ISO 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

131339 Glicerina PA-ACS-ISO 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Glicerina 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A. Askoll. L acquario facile

Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A. Askoll. L acquario facile Askoll test S C H E D E D AT I D I S I C U R E Z Z A Askoll L acquario facile Test ph acqua dolce Askoll test ph acqua dolce 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DELLA SOCIETÀ 1.1 Identificazione

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato I: Potasio Hidróxido... % 1.2 Nome della societá

Dettagli

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita.

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. Elettroforesi Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. A qualunque ph diverso dal pi le proteine hanno una carica netta quindi,

Dettagli

PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA)

PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA) PIANO Lauree Scientifiche (CHIMICA) Università degli Studi di Napoli Federico II PRODUZIONE DI SAPONE DA OLI ESAUSTI PREMESSA Si effettua una reazione chimica, l idrolisi basica di un estere, per ottenere

Dettagli

SCHEDA SICUREZZA RESINA R00500 Revisione del 24/06/2009 Nome del Prodotto:R00500 Riferimento: SDS_R00500_20090624

SCHEDA SICUREZZA RESINA R00500 Revisione del 24/06/2009 Nome del Prodotto:R00500 Riferimento: SDS_R00500_20090624 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DELLA SOCIETÀ PRODOTTO RESINA R00500 Nome chimico: Forma ionica: Uso del preparato utilizzi principali: Società produttrice: SOCIETA DISTRIBUTRICE: Acido

Dettagli

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei Regolamento sull uso e conservazione dei prodotti di pulizia Il presente Regolamento si prefigge di fornire utili indicazioni ai collaboratori scolastici: sulla prevenzione contro il rischio chimico derivante

Dettagli

C-peptide. Codice K6220. Immunodosaggio enzimatico per la misurazione quantitativadi C-peptide in campioni clinici umani.

C-peptide. Codice K6220. Immunodosaggio enzimatico per la misurazione quantitativadi C-peptide in campioni clinici umani. C-peptide Codice K6220 Immunodosaggio enzimatico per la misurazione quantitativadi C-peptide in campioni clinici umani. Il kit contiene i reagenti sufficienti per 96 micropozzetti. (111857-002) K6220/IT/CKJ/2009.06.17

Dettagli

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Kit

ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Kit ZytoLight SPEC HER2/CEN 17 Dual Color Probe Kit Z-2020-20 20 Z-2020-5 5 Per la rilevazione del gene umano HER2 e delle regioni alfa-satellite del cromosoma 17 mediante ibridazione in situ fluorescente

Dettagli

Istruzioni per l uso IVD Matrix HCCA-portioned

Istruzioni per l uso IVD Matrix HCCA-portioned Istruzioni per l uso IVD Matrix HCCA-portioned Matrice purificata per spettrometria di massa a tempo di volo con desorbimento e ionizzazione laser assistita da matrice (MALDI-TOF-MS). I prodotti CARE sono

Dettagli

e più sensibile rispetto a quella con antigene correlato al fattore VIII. Principi E Procedure

e più sensibile rispetto a quella con antigene correlato al fattore VIII. Principi E Procedure Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 45131 IMPATH CD34 RTU M (QBEnd/10) Definizione Dei Simboli P A E S DOC# DIS pronto uso asciti siero supernatante numero documento distribuito da Finalità

Dettagli

Sommario Processo negativo-positivo... 2 Processo diapositivo... 7 Trattamenti a colori - 1/13

Sommario Processo negativo-positivo... 2 Processo diapositivo... 7 Trattamenti a colori - 1/13 TRATTAMENTI A COLORI Sommario Processo negativo-positivo... 2 Processo diapositivo... 7 Trattamenti a colori - 1/13 Processo negativo-positivo Negativo (trattamento C-41) Originale: 1. Esposizione pellicola

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Scheda Dati di Sicurezza BLATTOXUR GEL - GIUGNO 2010 PAGINE TOTALI 5 - Pagina 1 /5 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDETIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Nome: BLATTOXUR GEL Presidio medico chirurgico

Dettagli

LIQUIDO ELETTROLITICO

LIQUIDO ELETTROLITICO 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA DITTA 1.1 Identificazione del preparato Nome del prodotto: 1.2 Usi previsti: liquido elettrolitico per marcatura/incisione su metalli 1.3 Identificazione della

Dettagli

Autostainer 480S+PT Module. Autostainer 480S

Autostainer 480S+PT Module. Autostainer 480S Autostainer 480S+PT Module Dispositivo medico - diagnostico in vitro Codice CND: W0202059002 Notizie generali Sistema completo di strumento (autostainer 480-2D) e PT Module Codice strumentazione: 61-A80500027

Dettagli

Conservazione, trasporto e archiviazione dei campioni chirurgici

Conservazione, trasporto e archiviazione dei campioni chirurgici Conservazione, trasporto e archiviazione dei campioni chirurgici Daniela Capirossi Coordinatore Tecnico U.O. Anatomia Patologica -Cesena 1 Vedremo insieme Sistema di trasporto e conservazione dei campioni

Dettagli

Disinfettanti - Multi Medical Services Srl neodisher SeptoClean

Disinfettanti - Multi Medical Services Srl neodisher SeptoClean Campi di applicazione Caratteristiche: Utilizzato per la disinfezione automatizzata dello strumentario chirurgico termostabile e termolabile (micro-chirurgia invasiva, dentistico, anestesia, zoccoli da

Dettagli

Attivitá e cinetica enzimatica

Attivitá e cinetica enzimatica Attivitá e cinetica enzimatica PAS : Classe di insegnamento A60 Biologia e scienze A.A. 2013/2014 09/05/2014 Cinetica Enzimatica La cinetica enzimatica è misurata come velocità di conversione del substrato

Dettagli

SC5b-9 Plus SOMMARIO E SPIEGAZIONE PRINCIPIO DELLA PROCEDURA FINALITÀ D USO

SC5b-9 Plus SOMMARIO E SPIEGAZIONE PRINCIPIO DELLA PROCEDURA FINALITÀ D USO SC5b-9 Plus Saggio immunoenzimatico per la quantizzazione del complesso SC5b-9 presente nel plasma o nel siero umani Il Sommario di EIA MicroVue SC5b-9 Plus Preparato di il Campione ed il reagente Diluire

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Ferro III Cloruro 6-idrato 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC

Dettagli

SCHEDA SICUREZZA MATERIALI

SCHEDA SICUREZZA MATERIALI SCHEDA SICUREZZA MATERIALI 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa Nome preparato: FALGRO TABLET Utilizzo del preparato: Regolatore della crescita orticola per uso professionale

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato I: Sodio Clorato 1.2 Nome della societá o ditta:

Dettagli

Chromogranin A (LK2H10)

Chromogranin A (LK2H10) Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 45195 IMPATH Chromogranin A RTU M (LK2H10) Definizione Dei Simboli P A E S DOC# DIS pronto uso asciti siero supernatante numero documento distribuito da

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA pagina 1/5 1. Identificazione della sostanza/miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale: 1.2 Utilizzi rilevanti identificati della sostanza o miscela e utilizzi sconsigliati

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA

SCHEDA DI SICUREZZA CLEM CANDEGGINA Pagina: 1/5 1- INDIVIDUAZIONE DEL PRODOTTO MARCHIO PRODUTTORE/FORNITORE CLEM DETERGENTI S.R.L. INDIRIZZO Via Corcioni, 7 Ottaviano (NA) TEL./FAX 081/8279995 E-mail clem.detergenti@virgilio.it CENTRI ANTIVELENO:

Dettagli

BI-O.K. STEAM INDICATORE BIOLOGICO per il controllo dei processi di sterilizzazione con vapore saturo

BI-O.K. STEAM INDICATORE BIOLOGICO per il controllo dei processi di sterilizzazione con vapore saturo BI-O.K. STEAM INDICATORE BIOLOGICO per il controllo dei processi di sterilizzazione con vapore saturo INTRODUZIONE PROPPER BI-OK è un sistema per il controllo biologico dei cicli di sterilizzazione con

Dettagli

AlfaAdd. Prodotto di pulizia per scambiatori di calore

AlfaAdd. Prodotto di pulizia per scambiatori di calore AlfaAdd Prodotto di pulizia per scambiatori di calore La formazione di depositi sulle superfici degli scambiatori di calore è un problema che si riscontra frequentemente in quasi tutte le applicazioni.

Dettagli

Monitor a 14 con selettore a 4 canali modello LEE-128M4 codice 559591005. Manuale d uso

Monitor a 14 con selettore a 4 canali modello LEE-128M4 codice 559591005. Manuale d uso Monitor a 14 con selettore a 4 canali modello LEE-128M4 codice 559591005 Manuale d uso Sicurezza Questo simbolo indica la presenza di tensione pericolosa non isolata all interno dell'apparecchio che può

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL GLUTINE IN ALIMENTI E SUPERFICI

DETERMINAZIONE DEL GLUTINE IN ALIMENTI E SUPERFICI Numero 01/2012 marzo 2012 DETERMINAZIONE DEL GLUTINE IN ALIMENTI E SUPERFICI Considerata l'elevata incidenza delle allergie alimentari e gli effetti anche gravi che possono provocare sull'uomo, le normative

Dettagli

303123 Potassio Idrossido 1 mol. (56,109g KOH) per prepar. 1l de soluzione volumetrica

303123 Potassio Idrossido 1 mol. (56,109g KOH) per prepar. 1l de soluzione volumetrica 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione secondo l allegato I: Potasio Hidróxido... % 1.2 Nome della societá

Dettagli

141269 Rame II Ossido PRS 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

141269 Rame II Ossido PRS 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Rame II Ossido 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A.

Dettagli

1. Precauzioni di sicurezza

1. Precauzioni di sicurezza Contenuti 1. Precauzioni di sicurezza 2. Informazioni generali 3. Operazioni preliminari 4. Funzionamento 5. Specifiche 6. Manutenzione 7. Garanzia e reclami 8. Dichiarazione di conformità 2 1. Precauzioni

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Manipolazione sicura Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici

Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Manipolazione sicura Stoccaggio, conservazione, trasporto di campioni biologici Paola Tomao ISPESL-Paola Tomao 1 Integrità dei contenitori per i campioni biologici (provette, capsule petri, contenitori

Dettagli

Scheda Tecnica D8080. Luglio 2009 DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

Scheda Tecnica D8080. Luglio 2009 DESCRIZIONE DEL PRODOTTO GLOBAL REFINISH SYSTEM Luglio 2009 Scheda Tecnica D8080 D8080 Fondo Aerosol UV D8403 Pulitore - Preparatore per Fondo UV DESCRIZIONE DEL PRODOTTO D8080 è un fondo aerosol UV unico, ideale per ritoccare

Dettagli

Informazioni Tecniche SOLARCLIN. Liquido di Depurazione per i Sistemi Solari Termici

Informazioni Tecniche SOLARCLIN. Liquido di Depurazione per i Sistemi Solari Termici Informazioni Tecniche SOLARCLIN Liquido di Depurazione per i Sistemi Solari Termici Applicazioni per i prodotti TYFO Energia rinnovabile Gli impianti solari termici richiedono requisiti stringenti sulle

Dettagli

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni

Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Corso di Laboratorio di Chimica Generale Esperienza 6: ph, sua misura e applicazioni Una delle più importanti proprietà di una soluzione acquosa è la sua concentrazione di ioni idrogeno. Lo ione H + o

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53

SIMBOLI CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSIGLI DI PRUDENZA S1 - S2 - S3 - S13 - S20 - S27 - S28 - S35 TOSSICO S36 - S37 - S38 - S39 - S46 - S53 CONSERVARE SOTTO CHIAVE - FUORI DALLA PORTATA DEI BAMBINI - LONTANO DA LOCALI ABITAZIONE - LONTANO

Dettagli

Thermo Scientific Dewax and HIER Buffers

Thermo Scientific Dewax and HIER Buffers Thermo Scientific Dewax and HIER Buffers Jennifer Freeland BS, HTL(ASCP) cm, Thermo Fisher Scientific, Kalamazoo, MI, USA; Erico von Bueren MD, PhD, MOR, Thermo Fisher Scientific, Kalamazoo, MI, USA; Sharmini

Dettagli

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE'

ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' ISTITUTO ATERNO-MANTHONE' INTRODUZIONE Il termine sicurezza nella comune accezione indica una caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Sicurezza è una caratteristica anche delle

Dettagli

1. Prodotto / preparazione e dati del produttore

1. Prodotto / preparazione e dati del produttore 1. Prodotto / preparazione e dati del produttore Identificazione del prodotto: Nome commerciale : Produttore : Isel - Automation Tel.: 0049-6672-898-0 Am Leibolzgraben 16 Fax.: 0049-6672-898-888 36132

Dettagli

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione

PREPARATI INCLUSI: l infiltrazione e l inclusione l infiltrazione e l inclusione Poiché la consistenza della maggior parte di tessuti fissati (ad eccezione di quelli congelati che si infiltrano ma non si includono) è tale da non permettere di sezionare

Dettagli

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici

D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici D. Lgs. 81/08 TITOLO IX - SOSTANZE PERICOLOSE Capo I Protezione da agenti chimici Claudio Arcari Piacenza,15 Febbraio 2001 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Titolo I Titolo II Titolo III Titolo

Dettagli

Pulizia e disinfezione endoscopi flessibili

Pulizia e disinfezione endoscopi flessibili Pulizia e disinfezione endoscopi flessibili Carlotta Annunziata ENDOSCOPI Specifiche apparecchiature che permettono di esplorare visivamente l interno di alcuni organi e cavità del corpo allo scopo di

Dettagli

TFE3 (MRQ-37) Rabbit Monoclonal Antibody. Identificazione Prodotto. Definizione Dei Simboli. Finalità D Uso. Principi E Procedure

TFE3 (MRQ-37) Rabbit Monoclonal Antibody. Identificazione Prodotto. Definizione Dei Simboli. Finalità D Uso. Principi E Procedure Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 45339 IMPATH TFE3 RTU R (MRQ- 37) Definizione Dei Simboli P A E S DOC# DIS pronto uso asciti siero supernatante numero documento distribuito da Finalità

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA ai sensi della Direttiva 91/155/EEC 1 1. Identificazione della sostanza/preparato e della società/impresa. 1.1 Identificazione della sostanza DOXORUBICINA CLORIDRATO 1.2 Identificazione

Dettagli

Riparazione e Manutenzione

Riparazione e Manutenzione Riparazione e Manutenzione Ampia selezione in una singola marca. Esclusivi design duraturi. Prestazioni rapide e affidabili. Descrizione Versioni Pagina Pompe prova impianti 2 9.2 Congelatubi 2 9.3 Pompe

Dettagli

assai utile nella distinzione dei tumori stromali gastrointestinali dal sarcoma di Kaposi e da tumori originati dalla muscolatura liscia.

assai utile nella distinzione dei tumori stromali gastrointestinali dal sarcoma di Kaposi e da tumori originati dalla muscolatura liscia. Identificazione Prodotto N Catalogo Descrizione 45273 IMPATH CD117 RTU R (YR145) Definizione Dei Simboli P A E S DOC# DIS pronto uso asciti siero supernatante numero documento distribuito da Finalità D

Dettagli

FABBRICATORE DI GHIACCIO E CONTENITORE PROCEDURE DI PULIZIA ED IGIENIZZAZIONE

FABBRICATORE DI GHIACCIO E CONTENITORE PROCEDURE DI PULIZIA ED IGIENIZZAZIONE R MS1001.03 FABBRICATORE DI GHIACCIO MC 15-45 CONTENITORE B 550 FABBRICATORE DI GHIACCIO E CONTENITORE PROCEDURE DI PULIZIA ED IGIENIZZAZIONE ATTREZZI RICHIESTI 1 Cacciavite a croce medio 1 Cacciavite

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SCHEDA DATI DI SICUREZZA Pagina: 1 Data di compilazione: 24/04/2012 N revisione: 1 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome del prodotto: Codice di

Dettagli

acqua HA Soil AF resina poliuretanica monocomponente non tossica

acqua HA Soil AF resina poliuretanica monocomponente non tossica HA Soil AF resina poliuretanica monocomponente non tossica Funzione La resina HA SOIL AF rappresenta la nuova generazione di resine idroattive poliuretaniche da iniezione e sostituisce la precedente versione.

Dettagli

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007)

RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) RISOLUZIONE OIV-OENO 487-2013 REVISIONE DELLA MONOGRAFIA SULLA MISURA DELL ATTIVITÀ DELLA CINNAMIL ESTERASI NEI PREPARATI ENZIMATICI (OIV-OENO 6-2007) L ASSEMBLEA GENERALE, Visto l articolo 2, paragrafo

Dettagli