Elemento Variabile della Retribuzione ( E.V.R.)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elemento Variabile della Retribuzione ( E.V.R.)"

Transcript

1 PROT.: 153/AC/rf RIF.: CIRCOLARE N. 6 /2012 A TUTTE LE IMPRESE EDILI OGG.: RINNOVO CONTRATTO COLLETTIVO ED AFFINI OPERANTI NELLA INTEGRATIVO PROVINCIALE PROVINCIA DI PADOVA AI CONSULENTI DEL LAVORO S informa che in data 28 giugno 2012 è stato sottoscritto fra Ance Padova Collegio dei Costruttori Edili e le Organizzazioni Sindacali Provinciali dei lavoratori dell edilizia il rinnovo del Contratto Collettivo Provinciale Integrativo del C.C.N.L. 18 aprile 2008, così come modificato dall accordo nazionale 19 aprile 2010, che prevede le seguenti variazioni: Elemento Variabile della Retribuzione ( E.V.R.) L'E.V.R. è un istituto contrattuale introdotto dall'accordo nazionale del 19 aprile 2010 quale elemento della retribuzione dipendente dall'andamento congiunturale sia del settore, a livello provinciale, che dell impresa. Ai sensi di quanto previsto dal richiamato accordo nazionale e dall'accordo di rinnovo del contratto integrativo provinciale di lavoro 28 giugno 2012 in sede di prima erogazione, relativa al periodo 1 marzo 31 dicembre 2012, si farà riferimento ai seguenti 5 indicatori/parametri provinciali: 1. Numero lavoratori iscritti alla Cassa Edile di Padova 2. Monte salari denunciato alla Cassa Edile di Padova 3. Ore denunciate alla Cassa Edile di Padova 4. Valore aggiunto del settore delle costruzioni individuato dall'istat per la Provincia di Padova; 5. Valore medio del rapporto tra ore lavorate pagate e le ore lavorate denunciate presso la Cassa Edile di Padova Le parti provinciali hanno comparato le variazioni, positive o negative, dei predetti indicatori verificatesi nel triennio 2008, 2009, 2010 rispetto al triennio 2007, 2008, 2009 ed hanno convenuto che l'e.v.r. è erogabile a livello provinciale. Constatato che è stata accertata dalle parti provinciali la sussistenza delle condizioni minime per il riconoscimento dell'e.v.r. a livello provinciale, a livello aziendale l'impresa verifica le variazioni positive o negative verificatesi nel triennio 2008, 2009, 2010 rispetto al triennio 2007, 2008, 2009 dei seguenti due indicatori/parametri aziendali: 1) ore relative ad operai ed apprendisti denunciate alle Casse Edili, anche diverse dalla Cassa Edile di Padova. Dovranno essere conteggiate le ore di lavoro denunciate e le ore equiparate a quelle ordinarie così come individuate dal Contratto Collettivo Provinciale di lavoro ed in particolare: ore di fruizione dei permessi L. 104/92 ore di partecipazione durante l orario di lavoro a corsi di formazione cui il lavoratore sia stato comandato all azienda

2 ore di fruizione dei permessi per esercizio di cariche sindacali ore di congedo per maternità e paternità ore di assemblee sindacali nel limite previsto dalla legge 300/ 70 2) volume d'affari IVA, così come rilevabile esclusivamente dalle dichiarazioni annuali IVA dell'impresa stessa, presentate alle scadenze previste per legge. In base alla verifica che l impresa farà sul triennio 2008, 2009, 2010 in rapporto al triennio 2007, 2008, 2009 relativamente al volume d affari IVA e ad al numero delle ore denunciate in Cassa Edile, si potranno presentare le seguenti ipotesi: a) variazione pari o in aumento del volume d affari e delle ore denunciate in Cassa Edile: erogazione per intero dell E.V.R. secondo i valori indicati nella Tabella A; b) variazione pari o in aumento di uno solo dei parametri aziendali (ore denunciate o volume d affari IVA): erogazione ridotta dell E.V.R. secondo i valori della tabella B; c) v ariazione negativa di entrambi i parametri aziendali (ore denunciate e volume d affari IVA): nessuna erogazione dell E.V.R. Se l E.V.R. risulterà non dovuto o dovuto in misura ridotta, l impresa è tenuta a rendere autodichiarazione secondo lo schema allegato, da inviare alla Cassa Edile di Padova, alla associazione datoriale di riferimento e dandone comunicazione alla R.S.A e R.S.U, ove costituite. La Cassa Edile di Padova è tenuta a trasmettere entro 10 giorni tale autodichiarazione alla Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil di Padova, le quali entro 30 giorni dal ricevimento dell autodichiarazione hanno facoltà di richiedere un confronto con l azienda per la verifica dei parametri aziendali. Si ricorda che il mancato invio dell autodichiarazione, o il rifiuto/indisponibilità ad attivare il confronto con le OO.SS. Territoriali, comporta l obbligo di erogare l E.V.R. nella misura massima indicata nella Tabella A. Si sottolinea che le imprese costituitesi nel corrisponderanno l E.V.R. nelle misure orarie indicate nella tabella A. Per le imprese costituitesi nel 2008 e 2007 l erogazione dell E.V.R. seguirà l esito del confronto dei parametri aziendali (ore denunciate e volume d affari IVA) e fino al raggiungimento del parametro temporale del triennio il confronto andrà fatto anno su anno e biennio su biennio. Ai fini del confronto vanno considerati solo gli anni solari in cui l impresa ha svolto attività normale per 12 mesi. Gli importi orari dell elemento variabile della retribuzione (E.V.R.), da intendersi determinati in cifra fissa, sono corrisposti agli operai agli impiegati ed agli apprendisti operai e impiegati per il periodo dal 1 marzo 2012 al 31 dicembre 2012, nella misura oraria determinata in corrispondenza di ciascun livello d inquadramento per un numero massimo mensile di 173 ore ordinarie lavorate ed equiparate come indicate al precedente punto 1) per 12 mensilità.

3 In caso d inizio o cessazione del rapporto di lavoro intervenuta successivamente alla data di decorrenza a livello provinciale della corresponsione dell E.V.R (e quindi per l anno 2012 dopo il 1 marzo 2012) l E.V.R sarà commisurato alle ore ordinarie lavorate ed equiparate nel mese. Nel caso di prestazione a tempo parziale l E.V.R sarà corrisposto in misura pari all entità della prestazione lavorativa. Il pagamento dell E.V.R per i mesi di marzo, aprile, maggio e giugno 2012 avverrà con la retribuzione del mese di luglio L E.V.R non ha incidenza sui singoli istituti retributivi previsti dal vigente C.C.N.L., non è computabile ai fini del TFR, né ai fini del versamento dei contributi ed accantonamenti dovuti alla Cassa Edile. L E.V.R corrisposto dal 1 marzo al 31 dicembre 2012, costituisce erogazione derivante da contratto collettivo di 2 livello e potrà beneficiare della detassazione in conformità del DPCM 23 marzo 2012, e quindi entro il limite d importo complessivo di 2500 euro lordi, mentre il reddito da lavoro dipendente relativo all anno 2011, dovrà essere non superiore a euro. Per quanto riguarda il beneficio della decontribuzione, l art. 33 comma 14 della legge 183/2011 ha confermato per l anno 2012 lo sgravio contributivo sulle somme corrisposte in conformità ai contratti collettivi di 2 livello, anche territoriali. Per l applicazione dello sgravio per il 2012, si dovrà attendere l emanazione dell apposito decreto interministeriale. Le parti provinciali si riservano di constatare e comunicare successivamente gli importi da corrispondere agli apprendisti, in relazione alla regolamentazione della retribuzione prevista dagli accordi confederali, ovvero dell eventuale contratto collettivo di lavoro stipulato a livello nazionale, ai sensi dell art. 2 del D. Legislativo n.167/2011. Aliquote contributi Cassa Edile E stato mantenuto invariato l ammontare complessivo delle aliquote contributive dovute alla Cassa Edile di Padova, riducendo con decorrenza 1 luglio 2012 l aliquota del contributo per la gestione vestiario dello 0,10% e aumentando sempre con decorrenza 1 luglio 2012 il Contributo per il finanziamento del Comitato Paritetico Territoriale per la Prevenzioni degli Infortuni dello 0,10%. La tabelle con le aliquote contributive in vigore dal 1 luglio 2012 sono scaricabili dal sito (sezione tabelle paga e contributi).

4 Trasferta Il nuovo contratto provinciale ha aggiornato gli importi dell indennità giornaliera di trasferta spettante agli operai. L istituto viene disciplinato, con effetto dal 1 luglio 2012, come segue: Trasferta senza pernottamento con mezzi di trasporto propri a) 5,50 quando l operaio è comandato a prestare la propria opera in un cantiere situato oltre 2 ed entro 7 km dal confine territoriale del comune ove è ubicato il cantiere per il quale è stato assunto; b) 9,00 quando l operaio è comandato a prestare la propria opera in un cantiere situato oltre 7 ed entro 25 km dal confine territoriale del comune ove è ubicato il cantiere per il quale è stato assunto; c) 13,00 quando l operaio è comandato a prestare la propria opera in un cantiere situato oltre 25 ed entro 40 km dal confine territoriale del comune ove è ubicato il cantiere per il quale è stato assunto; d) 18,00 quando l operaio è comandato a prestare la propria opera in un cantiere situato oltre 40 ed entro 65 km dal confine territoriale del comune ove è ubicato il cantiere per il quale è stato assunto; e) 23,00 quando l operaio è comandato a prestare la propria opera in un cantiere situato oltre 65 ed entro 90 km dal confine territoriale del comune ove è ubicato il cantiere per il quale è stato assunto; f) 26,00 quando l operaio è comandato a prestare la propria opera in un cantiere situato oltre 90 km dal confine territoriale del comune ove è ubicato il cantiere per il quale è stato assunto. Trasferta senza pernottamento con mezzi di trasporto dell impresa a) 3,80 quando l operaio è comandato a prestare la propria opera in un cantiere situato oltre 2 ed entro 7 km dal confine territoriale del comune ove è ubicato il cantiere per il quale è stato assunto; b) 6,50 quando l operaio è comandato a prestare la propria opera in un cantiere situato oltre 7 ed entro 25 km dal confine territoriale del comune ove è ubicato il cantiere per il quale è stato assunto; c) 8,50 quando l operaio è comandato a prestare la propria opera in un cantiere situato oltre 25 ed entro 40 km dal confine territoriale del comune ove è ubicato il cantiere per il quale è stato assunto; d) 12,40 quando l operaio è comandato a prestare la propria opera in un cantiere situato oltre 40 ed entro 65 km dal confine territoriale del comune ove è ubicato il cantiere per il quale è stato assunto; e) 15,00 quando l operaio è comandato a prestare la propria opera in un cantiere situato oltre 65 ed entro 90 km dal confine territoriale del comune ove è ubicato il cantiere per il quale è stato assunto; f) 17,20 quando l operaio è comandato a prestare la propria opera in un cantiere situato oltre 90 km dal confine territoriale del comune ove è ubicato il cantiere per il quale è stato assunto.

5 Con riferimento all'ipotesi in cui il lavoratore sia comandato a prestare la propria attività oltre 90 km dal confine territoriale del comune ove è ubicato il cantiere per il quale è stato assunto, le parti hanno convenuto che l'impresa di appartenenza del lavoratore medesimo anche in considerazione del tempo necessario e delle relative difficoltà per giungere al luogo di lavoro e per il rientro valuterà, in accordo con l'operaio, la possibilità di rendere disponibile il pernottamento. Sempre in tema di trasferta, ricordiamo che al conducente dell automezzo posto a disposizione dall impresa non è dovuta l indennità giornaliera di trasferta ma un indennità di guida commisurata alla normale retribuzione, maggiorata del 20%, corrispondente al tempo forfetariamente determinato dall impresa per la guida (andata e ritorno), con l obbligo di effettuare comunque l orario di cantiere. Trasferta con pernottamento Rimane confermato il trattamento previsto per il lavoratore trasfertista con pernottamento, che prevede in particolare la corresponsione di un indennità giornaliera di trasferta ammontante a 13,00 per ogni giornata di lavoro. Resta fermo, per il datore di lavoro oltre all obbligo di corrispondere il trattamento di vitto e alloggio al lavoratore, anche quello di erogare al lavoratore medesimo un indennità ragguagliata al 50% della retribuzione per il tempo occorrente per il viaggio di andata e di ritorno oltre al rimborso delle spese di viaggio. Il vitto e l alloggio sono a carico dell impresa; il vitto è costituito da una prima colazione, dal pasto meridiano e da quello serale, l alloggio deve essere dotato di idonei servizi igienici. Disciplina dell impiego della manodopera negli appalti e subappalti Previsione di unico modulo Denuncia di nuovo Lavoro che sostituisce i moduli attualmente previsti (denuncia impresa appaltatric e, denuncia impresa subappaltatrice per lavori pubblici e privati). Le imprese straniere (comunitarie e non comunitarie) per le quali vi è obbligo d iscrizione in Cassa Edile, che siano autorizzate in base alla normativa vigente al pagamento dei contributi previdenziali e assicurativi nei rispettivi paesi di provenienza, sono tenute a trasmettere alla Cassa Edile di Padova e a FENEAL UIL (feneal uil FILCA CISL FILLEA CGIL( copia di tali versamenti per i lavoratori occupati nei cantieri della Provincia di Padova. Prestazioni Cassa Edile Sempre con Accordo del 28 giugno 2012 si è modificato il Regolamento Prestazioni della Cassa Edile di Padova prevedendo, con decorrenza 1 luglio 2012, le seguenti variazioni: Abrogazione del contributo di studio per i lavoratori stranieri frequentanti, al di fuori dell orario di lavoro, corsi di lingua italiana a pagamento organizzati da scuole pubbliche o istituti riconosciuti dalla Regione Veneto.

6 Con riferimento all intero ciclo di studi delle scuole medie inferiori e superiori o scuole professionali è previsto di riconoscere, per una sola annualità, il contributo di studio anche in assenza di promozione. Riconoscimento del rimborso delle tasse universitarie al superamento di almeno il 60% degli esami previsti dal piano di studi dell anno accademico precedente. Il rimborso sarà riconosciuto anche per il primo anno fuori corso. Istituzione di un prestazione d importo lordo pari a 15 euro da erogare al lavoratore iscritto che nell anno precedente alla presentazione del mod. 730, ha ricevuto dalla Cassa Edile di Padova erogazioni fiscalmente rilevanti che hanno comportato l emissione di CUD. Il pagamento al lavoratore avverrà previa presentazione di fattura che giustifichi l importo pagato al CAF per l assistenza fiscale ricevuta. A disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti, ci è gradita l occasione per porgere i migliori saluti. IL PRESIDENTE Ing. Giacomo Cavagnis Allegati tabelle A e B importi orari E.V.R. schema di autodichiarazione non raggiungimento parametri aziendali modulo denuncia nuovo lavoro

7 TABELLA A VALORE ORARIO E.V.R. EROGABILE DAL 1 MARZO 2012 PER IMPIEGATI ED OPERAI 7 livello Euro 0,25 6 livello Euro 0,22 5 livello Euro 0,18 4 livello Euro 0,17 3 livello Euro 0,16 2 livello Euro 0,14 1 livello Euro 0,12 TABELLA B VALORE ORARIO E.V.R. EROGABILE DAL 1 MARZO 2012 PER IMPIEGATI ED OPERAI 7 livello Euro 0,075 6 livello Euro 0,066 5 livello Euro 0,054 4 livello Euro 0,051 3 livello Euro 0,048 2 livello Euro 0,042 1 livello Euro 0,036

8 Spett. Cassa Edile di Mutualità e Assistenza della Provincia di Padova Pass. Corner Piscopia Padova Spett. Associazione datoriale.. Spett. RSU/RSA C/o sede aziendale Oggetto: Autodichiarazione di non raggiungimento di uno o entrambi i parametri aziendali per l erogazione dell EVR, come previsto dall' art. 38 C.c.n.l. 18 aprile 2008 come modificato e integrato dall'accordo Nazionale 19 aprile 2010 e dagli artt C.c.p.l. provincia di Padova del 28/06/2012. L Impresa dichiara che nel triennio di riferimento per l erogazione dell EVR per l anno ai propri dipendenti, il confronto con i corrispettivi dati del triennio precedente, risulta negativo per il/i seguente/i parametri: ore denunciate alle Casse Edili volume di affari IVA, come rilevabile esclusivamente dalle dichiarazioni annuali IVA. A comprova di quanto dichiarato allega copia della documentazione relativa ai trienni di riferimento per la comparazione. L impresa al fine di attivare la riduzione o non pagamento dell EVR, come previsto dalle normative contrattuali di cui in oggetto, si dichiara disponibile ad un incontro con FENEAL FILCA FILLEA di Padova. Distinti saluti Timbro e Firma del Legale Rappresentante

9 DENUNCIA DI NUOVO LAVORO CASSA EDILE DI PADOVA Pass.Corner Piscopia, PADOVA (PD) Tel Fax LA SOTTOSCRITTA IMPRESA (Ragione Sociale completa) INDIRIZZO SEDE LEGALE CAP LOCALITA PROV. TEL. INDIRIZZO PEC CODICE FISCALE PARTITA IVA POSIZIONE CASSA EDILE PADOVA MATR.INPS MATR. INAIL Ai sensi e/o per gli effetti previsti dai dispositivi legislativi e contrattuali vigenti, DICHIARA di aver ricevuto in affidamento il seguente lavoro DATI COMMITENTE PUBBLICO PRIVATO AFFIDAMENTO IN APPALTO SUBAPPALTO PROPRIO DENOMINAZIONE COMMITTENTE COD.FISC. P.IVA. INDIRIZZO CAP LOCALITA PROV. TEL. FAX INDIRIZZO PEC APPALTATORE: (per i subappaltatori indicare la denominazione dell impresa appaltatrice): DENOMINAZIONE C.F. DATI LAVORO DESCRIZIONE LAVORO INDIRIZZO CANTIERE CAP LOCALITA PROV. CIG (Cod.Id.Gara)N. prot.appalto data appalto IMPORTO LAVORI IN APPALTO/SUBAPPALTO IMPORTO LAVORI EDILI DATA INIZIO LAVORI DATA PRESUNTA FINE LAVORI NUMERO PRESUMIBILE DEGLI OPERAI CHE VERRANNO OCCUPATI: SUBORDINATI: INTERINALI: TRASFERTISTI (1): PROV: IN DISTACCO (2) IMPRESA DISTACCANTE CATEGORIA GENARALE OPERA OG (3) IMPRESE SUBAPPALTATRICI (4) RAGIONE SOCIALE/INDIRIZZO/ CODICE FISCALE DESCRIZIONE LAVORO IMPORTO LAVORO CAT.OG. LAV. AUT(5) NON EDILE La sottoscritta impresa si impegna ad assicurare, nei confronti degli operai da essa adibiti alle lavorazione assunte con il citato contratto di appalto e per il periodo di esecuzione delle lavorazioni medesime, il trattamento economico e normativo stabilito con il contratto collettivo nazionale vigente per i lavoratori dipendenti da imprese edili ed affini e con gli accordi locali integrativi del medesimo, nonché ad assolvere, nei confronti della Cassa Edile competente, tutti gli adempimenti previsti dai citati contratti collettivi e dallo Statuto e Regolamento della Cassa medesima, dall art. 118 c.6 del d.lgs. 163/2006 e s.m., dalla Legge Regionale 27/2003 e s.m., nonché dalla vigente normativa riguardante il documento Unico di Regolarità Contributiva. La sottoscritta impresa consente fin d ora alla Cassa Edile di Padova di esibire la presente dichiarazione a chiunque ne abbia interesse. DATA TIMBRO E FIRMA (1) Indicare la provincia di iscrizione (2) Nel caso di operai in distacco, fornire alla Cassa Edile copia del contratto di distacco (3) Vedi tabella allegata ex avviso comune dd.28/10/10 (4) Indicare le imprese subappaltatrici, anche quelle non edili, compresi i lavoratori autonomi(in questo caso inserire anche il Codice Fiscale) (5) Selezionare se trattasi di impresa con soli lavoratori autonomi

10 TABELLA EX AVVISO COMUNE DD 28/10/10 CATEGORIE Percentuali di incidenza minima della manodopera sul valore dell opera 1 OG1 - nuova edilizia civile compresi Impianti e Forniture 14,28% 2 OG1 - nuova edilizia industriale esclusi impianti 5,36% 3 ristrutturazione di edifici civili 22,00% 4 ristrutturazione di edifici industriali esclusi Impianti 6,69% 5 OG2 - restauro e manutenzione di beni tutelati 30,00% 6 OG3 - opere stradali, ponti, etc,. 13,77% 7 OG4 - opere d'arte nel sottosuolo 10,82% 8 OG5 - dighe 16,07% 9 OG6 - acquedotti e fognature 14,63% 10 OG6 - gasdotti 13,66% 11 OG6 oleodotti 13,66% 12 OG6 - opere di irrigazione ed evacuazione 12,48% 13 OG7 - opere marittime 12,16% 14 OG8 - opere fluviali 13,31% 15 OG9 - impianti per la produzione di energia elettrica 14,23% 16 OG10 - impianti per la trasformazione e distribuzione 5,36% 17 OG12 - OG13 - bonifica e protezione ambientale 16,47%

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI AREZZO

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI AREZZO CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI AREZZO Viale Mecenate, 29/C - 52100 AREZZO - Tel. 0575-22711 - Fax 0575-353526 - Codice Fiscale: 80000930513 Sito Internet: www.cassaedilearezzo.it Indirizzo e-mail: info@cassaedilearezzo.it

Dettagli

CASSA EDILE DI MUTUALITÀ ED ASSISTENZA di Venezia e Provincia

CASSA EDILE DI MUTUALITÀ ED ASSISTENZA di Venezia e Provincia DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLA CASSA EDILE (allegare obbligatoriamente copia certificato C.C.I.AA. o visura) L impresa (1) Codice Fiscale Partita I.V.A. Pos. I.N.P.S. di Pos. I.N.A.I.L. di Natura Impresa:

Dettagli

MODULISTICA PER APPALTI PUBBLICI. Da utilizzare da parte dell impresa subappaltatrice.

MODULISTICA PER APPALTI PUBBLICI. Da utilizzare da parte dell impresa subappaltatrice. Per quanto riguarda gli adempimenti relativi alla normativa vigente in materia di sicurezza nei cantieri, si ricorda di consultare il link Sicurezza e Prevenzione nell Area Aziende. MODULISTICA PER APPALTI

Dettagli

Oggetto: VERIFICA DELL ELEMENTO VARIABILE DELLA RETRIBUZIONE (E.V.R.) Termine per la conclusione dell iter 31.12.2012

Oggetto: VERIFICA DELL ELEMENTO VARIABILE DELLA RETRIBUZIONE (E.V.R.) Termine per la conclusione dell iter 31.12.2012 Prot. n. 488/C/2012 Pregg.mi Sigg. Titolari e/o legali rappresentanti delle imprese associate LORO SEDI Ragusa, 06 Novembre 2012 Oggetto: VERIFICA DELL ELEMENTO VARIABILE DELLA RETRIBUZIONE (E.V.R.) Termine

Dettagli

(ai fini del rilascio del DURC)

(ai fini del rilascio del DURC) (ai fini del rilascio del DURC) MODULI DA UTILIZZARSI PER LAVORI PUBBLICI A) LAVORI SVOLTI IN PROVINCIA DI IMPERIA: - MODULO 1 Denuncia dell impresa appaltatrice - MODULO 2 Denuncia dell impresa appaltatrice

Dettagli

Ravenna, 31 Luglio 2006

Ravenna, 31 Luglio 2006 Ravenna, 31 Luglio 2006 IPOTESI DI ACCORDO PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO INTEGRATIVO DEL C.C.N.L. 20 MAGGIO 2004 PER I LAVORATORI DIPENDENTI DELLE IMPRESE EDILI INDUSTRIALI (ANCE) DELLA

Dettagli

ACCORDO INTEGRATIVO TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA In vigore dal 1 settembre 2006

ACCORDO INTEGRATIVO TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA In vigore dal 1 settembre 2006 ACCORDO INTEGRATIVO TERRITORIALE DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA In vigore dal 1 settembre 2006 VERBALE DI ACCORDO per la definizione delle norme integrative del Contratto Nazionale di Lavoro 20 maggio

Dettagli

Controllo di congruità e denunce per cantiere

Controllo di congruità e denunce per cantiere Controllo di congruità e denunce per cantiere Che cosa è la congruità Per ciascun cantiere la Cassa Edile deve verificare che il quantitativo di manodopera, impiegato nello svolgimento dei lavori, sia

Dettagli

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA

IMPORTO GIORNI x RETRIBUZIONE x COEFFICIENTE x ORE MEDIA RIMBORSO INDENNIZZABILI ORARIA FASCIA GIORNALIERA INTEGRAZIONE MALATTIA, INFORTUNIO E MALATTIA PROFESSIONALE CONTROLLI CASSA EDILE, ALIQUOTE PER CALCOLO INTEGRAZIONE E GESTIONE EVENTI NEL MUT IN VIGORE DALLE DENUNCE MUT DEL MESE DI GIUGNO 2012 (INTEGRATIVO

Dettagli

tra e, in ordine alfabetico

tra e, in ordine alfabetico TESTO del CONTRATTO COLLETTIVO PROVINCIALE DI LAVORO 29 gennaio 2007 per i dipendenti delle imprese edili ed affini della Provincia di Trento integrativo del CCNL 1 ottobre 2004 Addì 29 gennaio 2007 tra

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI ESTRATTO DEL REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Integrazione malattia Durante l assenza del lavoratore l impresa, entro i limiti della conservazione del posto di cui all art. 27 del C.C.N.L in

Dettagli

Prot.n 6844/p/fdm Roma, 10 luglio 2015. e p.c. Ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE. Oggetto: invio delibera Comitato bilateralità

Prot.n 6844/p/fdm Roma, 10 luglio 2015. e p.c. Ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE. Oggetto: invio delibera Comitato bilateralità Prot.n 6844/p/fdm Roma, 10 luglio 2015 A tutte le Casse Edili e p.c. Ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE Loro sedi Lettera circolare n. 29/2015 Oggetto: invio delibera Comitato bilateralità

Dettagli

Art. 1 Orario di Lavoro. Non si chiedono modifiche al presente articolo. Art. 2 Ferie. Si chiede di estendere la normativa per i lavoratori

Art. 1 Orario di Lavoro. Non si chiedono modifiche al presente articolo. Art. 2 Ferie. Si chiede di estendere la normativa per i lavoratori PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO INTEGRATIVO PROVINCIALE20 DICEMBRE 2006PER I DIPENDENTI DELLE IMPRESE EDILI ED AFFINIOPERANTI NELLA PROVINCIA DI BOLZANO Art. 1 Orario di Lavoro. Art. 2 Ferie.

Dettagli

Sede: via Alessandria, 215 00198 Roma Tel: 06852614 - Fax: 0685261500 www.cnce.it e-mail: info@cnce.it

Sede: via Alessandria, 215 00198 Roma Tel: 06852614 - Fax: 0685261500 www.cnce.it e-mail: info@cnce.it Prot. n 4162 /p/cv Roma, 18 novembre 2009 Comunicazione n 408 Oggetto: obbligo iscrizione Cassa Edile A tutte le Casse Edili e p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE Loro sedi Si

Dettagli

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO

CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO ENTE DI MUTUALITA ED ASSISTENZA 58100 GROSSETO VIA MONTEROSA N. 196 TEL..0564 454535 FAX 0564 454922 C.P. N.80 Prot. n 13186 Grosseto, 14 novembre 2003 A TUTTE LE

Dettagli

COMUNE DI CASORATE PRIMO OBBLIGHI E RESPONSABILITA DEL COMMITTENTE NELL EDILIZIA PRIVATA

COMUNE DI CASORATE PRIMO OBBLIGHI E RESPONSABILITA DEL COMMITTENTE NELL EDILIZIA PRIVATA COMUNE DI CASORATE PRIMO OBBLIGHI E RESPONSABILITA DEL COMMITTENTE NELL EDILIZIA PRIVATA Definizioni Committente: figura che commissiona il lavoro indipendentemente dall entità e dall importo, diventa

Dettagli

DOCUMENTO UNICO di REGOLARITA CONTRIBUTIVA D.U.R.C. COMPENDIO DELLE NORME E CRITERI DI UTILIZZO

DOCUMENTO UNICO di REGOLARITA CONTRIBUTIVA D.U.R.C. COMPENDIO DELLE NORME E CRITERI DI UTILIZZO DOCUMENTO UNICO di REGOLARITA CONTRIBUTIVA D.U.R.C. COMPENDIO DELLE NORME E CRITERI DI UTILIZZO OBBLIGATORIETA DEL DURC Circolare del Ministero del Lavoro n. 35 del 08/10/2010 DM 24/10/2007 e Circolari

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Circolare Informativa n 13/2014. Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014

Circolare Informativa n 13/2014. Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014 Circolare Informativa n 13/2014 Scadenze CCNL FEBBRAIO 2014 Pagina 1 di 11 INDICE 1) Abbigliamento e confezioni Aziende industriali pag.3 2) Alimentari PMI pag.3 3) Autotrasporti merci e logistica pag.3

Dettagli

tra i Sindacati nazionali dei lavoratori FENEAL-UIL, FILCA-CISL e FILLEA-CGIL si conviene quanto segue

tra i Sindacati nazionali dei lavoratori FENEAL-UIL, FILCA-CISL e FILLEA-CGIL si conviene quanto segue Addì 23 marzo 2006, in Roma tra l Associazione Nazionale Costruttori Edili - ANCE e i Sindacati nazionali dei lavoratori FENEAL-UIL, FILCA-CISL e FILLEA-CGIL si conviene quanto segue I. POLITICHE DEL LAVORO

Dettagli

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO

LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO LA RESPONSABILITA SOLIDALE NEI CONTRATTI DI APPALTO In questa Circolare 1. Premessa 2. La responsabilità solidale fiscale 3. La responsabilità solidale retributiva / contributiva 1. PREMESSA Come noto

Dettagli

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni

M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE. Le Prestazioni F M A V FONDO INTEGRAZIONE MALATTIA E ASSISTENZE VARIE Le Prestazioni R e g o l a m e n t o operante dal 01 gennaio 2014 INDICE: AVENTI DIRITTO Pag. 4 INTEGRAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MISURA DELLE INDENNITA

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 25 giugno 2013 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

Ai Consulenti del Lavoro

Ai Consulenti del Lavoro Foggia, 12 luglio 2012 Ai Titolari di imprese di PANIFICAZIONE Ai Consulenti del Lavoro Oggetto: Ente bilaterale (EBIPAN) e assistenza sanitaria settore panificazione (FON.SAP.) Caro collega, al fine di

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) tra

VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) tra VERBALE DI ACCORDO (Elezione RLS, rimborso oneri alle imprese e finanziamento R.L.S.T.-A.S.L.E.) In Milano, 22 ottobre 2012 tra - l'associazione DELLE IMPRESE EDILI E COMPLEMENTARI DELLE PROVINCE DI MILANO,

Dettagli

Lavori privati soggetti al rilascio di titolo abilitativo / denuncia inizio attività (DIA)

Lavori privati soggetti al rilascio di titolo abilitativo / denuncia inizio attività (DIA) DURC SINTESI DELLE LEGGI E NORMATIVE AGGIORNATO A OTTOBRE 2013 Entrato in vigore il 2 gennaio 2006, il DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva) è un certificato che, sulla base di un'unica richiesta,

Dettagli

REGOLE DURC PER LE CASSE EDILI

REGOLE DURC PER LE CASSE EDILI REGOLE DURC PER LE CASSE EDILI 1.Denuncia e Versamento - L impresa è regolare se ha non solo versato ma ha anche presentato la denuncia entro il mese successivo a quello di competenza. - In caso di versamento

Dettagli

Prot. n 7212/p/ep Roma, 8 aprile 2016

Prot. n 7212/p/ep Roma, 8 aprile 2016 Prot. n 7212/p/ep Roma, 8 aprile 2016 A tutte le Casse Edili e p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE Loro sedi Comunicazione n. 591 Oggetto: trasmissione accordi fondo nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013

CIRCOLARE n. 28 bis / 2013. RINNOVO CCNL METALMECCANICI CONFAPI del 29/07/2013 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

S E A V. OGGETTO: Adempimenti e clausole di salvaguardia nei contratti di appalto e subappalto.

S E A V. OGGETTO: Adempimenti e clausole di salvaguardia nei contratti di appalto e subappalto. Bergamo, settembre 2015 CIRCOLARE N. 21/Consulenza aziendale OGGETTO: Adempimenti e clausole di salvaguardia nei contratti di appalto e subappalto. Con l uscita di scena (a partire dal 2015) della responsabilità

Dettagli

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI

DENUNCIA NOMINATIVA DEI LAVORATORI OCCUPATI Regolamento Cassa Edile Macerata di cui all art 7 dello Statuto del 02.03.2012, approvato dal Comitato di Gestione n 346 del 5 novembre 2014. (In rosso le modifiche apportate) ARTICOLO 1 DENUNCIA NOMINATIVA

Dettagli

CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA

CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA CONVENZIONE DI TIROCINIO FORMATIVO REGIONALE (Art. 18 Legge Regionale 25/01/2005 n. 2) TRA L'Università degli Studi di Macerata, di seguito denominato «soggetto promotore», con sede in Macerata, Piaggia

Dettagli

IMPRESA (ragione sociale completa)

IMPRESA (ragione sociale completa) Cassa Edile di Mutualità ed Assistenza MACERATA Codice Impresa Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 (riservato Cassa Edile) E mail: info@cassaedilemacerata.it Decorrenza Iscrizione (riservato

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

Spett. le CASSA EDILE Via Gramsci, 38 lì / / 62100 MACERATA. Indirizzo (SEDE LEGALE Via/Piazza)

Spett. le CASSA EDILE Via Gramsci, 38 lì / / 62100 MACERATA. Indirizzo (SEDE LEGALE Via/Piazza) Cassa Edile di Mutualità ed Assistenza MACERATA Codice Impresa Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 (riservato Cassa Edile) E mail: info@cassaedilemacerata.it Decorrenza Iscrizione www. cassaedilemacerata.it

Dettagli

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009

IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 IPOTESI DI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER IL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO UNIVERSITA PER IL BIENNIO ECONOMICO 2008-2009 Art. 1 Campo di applicazione, durata e decorrenza del contratto

Dettagli

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI

IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI IMPONIBILE PREVIDENZIALE E FISCALE ESEMPI A cura di Alessandra Gerbaldi 1 LA BUSTA PAGA NEL CASO DI LAVORO STRAORDINARIO Di seguito si ipotizza il caso di un lavoratore, dipendente di azienda che applica

Dettagli

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI

LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI Nel corso del rapporto lavorativo può accadere che il datore di lavoro si trovi impossibilitato, soprattutto per oggettivi motivi economici e di mancanza di lavoro, a ricevere

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

Roma, 12 febbraio 2013

Roma, 12 febbraio 2013 Roma, 12 febbraio 2013 C.C.N.L. Industria alimentare 27.10.2012 Fondo per il sostegno alla maternità/paternità e per la promozione della bilateralità di settore Avvio contribuzione da parte delle Aziende

Dettagli

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE Circolare n. 5 del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE 1 Premessa... 2 2 Detassazione dei premi di produttività... 2 2.1 Regime

Dettagli

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ

IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ IL RINNOVO DEL 9 LUGLIO TUTTE LE NOVITÀ Il rinnovo del ccnl 28 maggio 2012 sottoscritto in data 9 luglio 2015, contiene novità di rilievo, come si illustra di seguito. DECORRENZA E DURATA (Art. 203) Il

Dettagli

Verbale di accordo sindacale

Verbale di accordo sindacale NN/nn A080257 Verbale di accordo sindacale Il giorno 28 luglio 2008, alle ore 12.30, presso la sede della Federazione Toscana BCC, si sono riunite: - la Federazione Toscana BCC (di seguito FTBCC ), nelle

Dettagli

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Finanze & Lavoro Gruppo Editoriale Esselibri-Simone Appendice di aggiornamento al volume FL 18 C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Edizione Aprile 2003 Questa appendice è scaricabile gratuitamente dal sito internet:

Dettagli

Prot. n 6533 /p/cv Roma, 20 febbraio 2015. A tutte le Casse Edili. e, p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE.

Prot. n 6533 /p/cv Roma, 20 febbraio 2015. A tutte le Casse Edili. e, p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE. Prot. n 6533 /p/cv Roma, 20 febbraio 2015 A tutte le Casse Edili e, p.c. ai componenti il Consiglio di Amministrazione della CNCE Loro sedi Comunicazione n. 559 Oggetto: Vademecum contributo contrattuale

Dettagli

SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE.

SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE. IMPEGNATIVA DEL NUOVO DATORE DI LAVORO SE VUOI ASSUMERE UNA ASSISTENTE FAMILIARE PER TE O PER UN FAMILIARE. per mancato perfezionamento procedura di regolarizzazione Il Commissariato del governo per la

Dettagli

Prot. n 1789/p/sf Roma, 16 aprile 2004. Loro sedi. Oggetto: Trasmissione convenzione DURC 15/04/2004

Prot. n 1789/p/sf Roma, 16 aprile 2004. Loro sedi. Oggetto: Trasmissione convenzione DURC 15/04/2004 Prot. n 1789/p/sf Roma, 16 aprile 2004 Comunicazione n 234 A tutte le Casse Edili e p.c. ai componenti il Comitato di gestione della CNCE Loro sedi Oggetto: Trasmissione convenzione DURC 15/04/2004 Per

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza significa svolgimento dell attività lavorativa in condizioni tali che la vita, l incolumità fisica e la salute non siano esposte a pericolo. Oggetto di tutela non è esclusivamente

Dettagli

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014)

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) CONTRATTI PART TIME ATTIVATI DOPO L 01/01/2011 LIMITI DI ASSUNZIONE Il C.C.N.L. edilizia industria

Dettagli

Circolare prot. 003/14 Roma, 7 luglio 2014. Spett.li

Circolare prot. 003/14 Roma, 7 luglio 2014. Spett.li Circolare prot. 003/14 Roma, 7 luglio 2014 Spett.li e, p.c.: Aziende che applicano i ccnnll dei servizi ambientali Federambiente FISE Assoambiente Associazioni Territoriali di Confindustria Ai Signori

Dettagli

VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA

VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA VERSAMENTI 2016 EBAS Sardegna- FSBA In relazione a quanto stabilito dalle intese fra le Parti in materia di bilateralità e contrattualizzazione del diritto dei lavoratori alle relative prestazioni, tutte

Dettagli

C I R C O L A R E. Adempimenti per attuazione Accordo quadro sui Contratti di Collaborazione Coordinata Continuativa (CO.CO.CO.)

C I R C O L A R E. Adempimenti per attuazione Accordo quadro sui Contratti di Collaborazione Coordinata Continuativa (CO.CO.CO.) COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità SETTORE AFFARI ISTITUZIONALI SETTORE SVILUPPO ORGANIZZATIVO C I R C O L A R E OGGETTO: Adempimenti per attuazione Accordo quadro sui Contratti di Collaborazione

Dettagli

Vercelli, 10 marzo 2015. AGLI STUDI DI CONSULENZA e ALLE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Contributo contrattuale Prevedi 02/2015.

Vercelli, 10 marzo 2015. AGLI STUDI DI CONSULENZA e ALLE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Contributo contrattuale Prevedi 02/2015. Vercelli, 10 marzo 2015 AGLI STUDI DI CONSULENZA e ALLE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Contributo contrattuale Prevedi 02/2015. Si comunica che, prima di procedere con la compilazione della denuncia

Dettagli

1. Prestazione aggiuntiva in favore degli apprendisti C.I.G.O. in caso di. sospensione o riduzione dell attivita lavorativa per eventi meteorologici.

1. Prestazione aggiuntiva in favore degli apprendisti C.I.G.O. in caso di. sospensione o riduzione dell attivita lavorativa per eventi meteorologici. Circolare n. 1/2009 Cuneo, 16 gennaio 2009 ALLE IMPRESE EDILI AI CONSULENTI DEL LAVORO ALLE OO.SS. LORO SEDI Oggetto: 1. Prestazione aggiuntiva in favore degli apprendisti C.I.G.O. in caso di sospensione

Dettagli

Ai gentili clienti Loro sedi Riforma del lavoro: nuova tassa sui licenziamenti a copertura degli ammortizzatori sociali

Ai gentili clienti Loro sedi Riforma del lavoro: nuova tassa sui licenziamenti a copertura degli ammortizzatori sociali Studio Commerciale e Tributario TOMASSETTI & PARTNERS Informativa Lavoro Ai gentili clienti Loro sedi Riforma del lavoro: nuova tassa sui licenziamenti a copertura degli ammortizzatori sociali Gentile

Dettagli

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione

Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione Cod. L005 - Assegni per il nucleo familiare Va indicata la spesa complessiva, sostenuta dall Istituzione nel corso dell anno 2007, per l erogazione di assegni per il nucleo familiare al personale dipendente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Contratto di lavoro intermittente

Contratto di lavoro intermittente Contratto di lavoro intermittente Chistoni Paola Il contratto di lavoro intermittente è stato introdotto dal decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276 (e successive modificazioni). L articolo 33 lo

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Lavoro part-time. In seguito alle comunicazioni CNCE n. 433 del 27 luglio 2010, n. 436 del 29 settembre 2010, n.

Dettagli

SCADENZARIO CONTRATTUALE OTTOBRE 2013 AGENZIE IMMOBILIARI. Livello/Categoria Minimo Indennità di funzione

SCADENZARIO CONTRATTUALE OTTOBRE 2013 AGENZIE IMMOBILIARI. Livello/Categoria Minimo Indennità di funzione SCADENZARIO CONTRATTUALE OTTOBRE 2013 AGENZIE IMMOBILIARI Livello/Categoria Minimo Indennità di funzione Q 2.289,44 250,00 1 2.113,07-2 1.895,39-3 1.692,76-4 1.531,68-5 1.432,13-6 1.336,91-7 1.217,09 -

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione.

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione. CIRCOLARE SETTIMANALE N. 3 FEBBRAIO 2013 INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI A decorrere dal 1 gennaio 2013 a tutti i lavoratori dipendenti (compresi gli apprendisti; i soci lavoratori di cooperativa

Dettagli

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi

AGENS Agenzia confederale dei Trasporti e Servizi Roma, 11 aprile 2014 Prot. n. 025/14/D.11. Alle Aziende associate L o r o S e d i OGGETTO: Autoliquidazione del Premio Assicurativo INAIL 2013/2014. Riduzioni ex L. n. 147/2013 e differimento al 16.05.2014

Dettagli

ED ASSISTENZA MACERATA Tel. 0733-230243. Orario degli uffici: da lunedì a venerdì 8.30 14.00 e 15.00 18,30

ED ASSISTENZA MACERATA Tel. 0733-230243. Orario degli uffici: da lunedì a venerdì 8.30 14.00 e 15.00 18,30 CASSA EDILE DI MUTUALITA Via Gramsci 38 MACERATA ED ASSISTENZA MACERATA Tel. 0733-230243 1951-201 2014 Fax. 0733-232145 63 anni di impegno per costruire web: www.cassaedilemacerata.it insieme in sicurezza

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO PROVINCIALE DI LAVORO PER I LAVORATORI DEL SETTORE EDILIZIA INDUSTRIA ED AFFINI DELLA PROVINCIA DI PESCARA

CONTRATTO COLLETTIVO PROVINCIALE DI LAVORO PER I LAVORATORI DEL SETTORE EDILIZIA INDUSTRIA ED AFFINI DELLA PROVINCIA DI PESCARA CONTRATTO COLLETTIVO PROVINCIALE DI LAVORO PER I LAVORATORI DEL SETTORE EDILIZIA INDUSTRIA ED AFFINI DELLA PROVINCIA DI PESCARA INTEGRATIVO AL CCNL DEL 20 MAGGIO 2004 Contratto collettivo provinciale di

Dettagli

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa Informativa n. 32 del 29 giugno 2012 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE 1 Premessa... 2 2 Quadro normativo... 2 3 Regime fiscale

Dettagli

Testo documento base per il confronto sulla regolamentazione dei rapporti di collaborazione. Premessa

Testo documento base per il confronto sulla regolamentazione dei rapporti di collaborazione. Premessa Testo documento base per il confronto sulla regolamentazione dei rapporti di collaborazione Premessa Con il trasferimento del personale ATA dagli enti locali allo Stato in attuazione dell art. 8 della

Dettagli

Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici

Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici IL DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITA CONTRIBUTIVA (DURC) Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici Ordine degli Ingegneri di Bergamo Ing. Filippo Scopazzo

Dettagli

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo

Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Redditi di lavoro dipendente Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo Il contratto di fornitura di lavoro temporaneo è il contratto mediante il quale l impresa fornitrice pone uno o più lavoratori,

Dettagli

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22

INDENNITA DIS-COLL. Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 INDENNITA DIS-COLL Articolo 15, Decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22 1 DESTINATARI Dal 1 gennaio 2015 è stata istituita, in via sperimentale, in relazione agli eventi di cessazione dal lavoro verificatisi

Dettagli

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale

di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale IL METODO DEL COSTO STANDARD di Massimo Brisciani Risorse Umane >> Amministrazione del personale Il datore di lavoro ha necessità di conoscere in via preventiva quale sarà il costo del personale che occupa

Dettagli

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute

REGOLAMENTO. Fondo mètasalute REGOLAMENTO Fondo mètasalute 1 DISPOSIZIONI GENERALI Il presente regolamento disciplina il funzionamento di mètasalute, il Fondo di assistenza sanitaria integrativa per i lavoratori dell industria metalmeccanica

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. premesso che

VERBALE DI ACCORDO. premesso che 1 VERBALE DI ACCORDO A Parma, il 13 giugno 2014 tra la Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza SpA anche nella sua qualità di Capogruppo, la Banca Popolare FriulAdria SpA, la Cassa di Risparmio della Spezia

Dettagli

Qui di seguito in estrema sintesi i punti salienti dell intervento che verranno. L argomento assegnato, funzionale al prossimo rinnovo contrattuale, è

Qui di seguito in estrema sintesi i punti salienti dell intervento che verranno. L argomento assegnato, funzionale al prossimo rinnovo contrattuale, è BREVE SINTESI DELL INTERVENTO PROGRAMMATO PER IL CONVEGNO DEL 16.03.13 Qui di seguito in estrema sintesi i punti salienti dell intervento che verranno in quella sede espressi in modo organico. L argomento

Dettagli

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato

Il giorno 13.05.2009 alle ore 09.30, presso la sede dell ARAN, ha avuto luogo l incontro tra: firmato Contratto Collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto delle Istituzioni e degli Enti di Ricerca e Sperimentazione per il biennio economico 2008-2009 Il giorno 13.05.2009 alle

Dettagli

CNA Servizi Srl via Millio, 26 10141 Torino tel. 011.19672111 fax 011.19672207 www.cna.to.it

CNA Servizi Srl via Millio, 26 10141 Torino tel. 011.19672111 fax 011.19672207 www.cna.to.it Dipartimento Sindacale e Consulenza del lavoro Torino, 24 agosto 2011 CIRCOLARE 36/11 Alle Imprese Industriali dei Servizi di Pulizia LORO SEDI OGGETTO: Rinnovo c.c.n.l. pulizia e servizi integrati industria

Dettagli

Allegato A) alla determina n. 145 dd. 10/04/2013 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO. (ing. Felice Pellegrini) REPUBBLICA ITALIANA

Allegato A) alla determina n. 145 dd. 10/04/2013 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO. (ing. Felice Pellegrini) REPUBBLICA ITALIANA Allegato A) alla determina n. 145 dd. 10/04/2013 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO (ing. Felice Pellegrini) REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI PREDAZZO PROVINCIA DI TRENTO CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEI

Dettagli

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi.

Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Circolare n.3/2011 Rinnovo del CCNL per i dipendenti da aziende del terziario della distribuzione e dei servizi. Il 6 aprile 2011 la Confcommercio insieme alla Fisascat Cisl e la Uiltucs Uil ha sottoscritto

Dettagli

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato.

Sintesi degli accordi. (*) Esclusi i comparti Autotrasporto merci e logistica, Edilizia e Servizi di pulizia, che non hanno rinnovato. Settore Artigiano Accordo interconfederale - 15 dicembre 2009 Accordi - 15 dicembre 2009 Retribuzioni contrattuali dal 1º gennaio 2010 e bilateralità â Parti stipulanti: Confartigianato Imprese, Cna, Casartigiani

Dettagli

Il Durc on line Note esplicative Dal 1 luglio 2015, chiunque vi abbia interesse, compresa la medesima Impresa, verifica con modalità esclusivamente telematiche ed in tempo reale la regolarità contributiva

Dettagli

ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO

ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO Art. 1 - Ambito di applicazione ENTE BILATERALE METALMECCANICI REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina l'attività dell'e.b.m. sulla base dell'accordo tra Unionmeccanica Confapi e Fiom Cgil del 15

Dettagli

LA CONGRUITA DELLA MANODOPERA E LE NOVITA NELLA DENUNCIA TELEMATICA

LA CONGRUITA DELLA MANODOPERA E LE NOVITA NELLA DENUNCIA TELEMATICA M.U.T. MODULO UNICO TELEMATICO LA CONGRUITA DELLA MANODOPERA E LE NOVITA NELLA DENUNCIA TELEMATICA I RIFLESSI SUL RILASCIO DEL D.U.R.C. Associazione Piccole e Medie Industrie delle Province di Novara,

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE per le gestioni e le prestazioni

REGOLAMENTO GENERALE per le gestioni e le prestazioni REGOLAMENTO GENERALE per le gestioni e le prestazioni ISCRITTI ART. 1 Sono iscritti alla Cassa Edile, a norma del vigente Statuto e delle contrattazioni collettive nazionali di riferimento, tutti i lavoratori

Dettagli

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO

CITTÀ di AVIGLIANA Provincia di TORINO Estratto DETERMINAZIONE N. 379 del 28/10/2013 Proposta n. 379 Oggetto: AFFIDAMENTO INCARICO SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI E ADEMPIMENTI CONNESSI ANNI 2014/2017 A FAVORE DELLA DITTA ENTI SERVICE SRL DI

Dettagli

TRA. La PROVINCIA DI BERGAMO rappresentata da.

TRA. La PROVINCIA DI BERGAMO rappresentata da. CONVENZIONE QUADRO PER LA SPERIMENTAZIONE DI UN MODELLO FINALIZZATO ALL INTEGRAZIONE NEL MERCATO DEL LAVORO DELLE PERSONE DISABILI CHE PRESENTINO PARTICOLARI DIFFICOLTA D INSERIMENTO NEL CICLO LAVORATIVO

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO COMPARTO AZIENDE PARTE ECONOMICA BIENNIO 1996-1997

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO COMPARTO AZIENDE PARTE ECONOMICA BIENNIO 1996-1997 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO COMPARTO AZIENDE PARTE ECONOMICA BIENNIO 1996-1997 1 CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Durata e decorrenza del contratto biennale 1. Il presente contratto biennale concerne

Dettagli

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA STRUMENTALI PER L ALTA FORMAZIONE (OSSERVATORI E RICERCHE) CIG

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA STRUMENTALI PER L ALTA FORMAZIONE (OSSERVATORI E RICERCHE) CIG CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA STRUMENTALI PER L ALTA FORMAZIONE (OSSERVATORI E RICERCHE) CIG TRA L Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ANCI, con sede in Roma alla Via dei Prefetti

Dettagli

A tal riguardo, si allega l accordo siglato ed una breve nota esplicativa del responsabile delle relazioni industriali dell ANCPL Renato Verri.

A tal riguardo, si allega l accordo siglato ed una breve nota esplicativa del responsabile delle relazioni industriali dell ANCPL Renato Verri. Prot. n. L44/RNS Bologna, 31 Marzo 2006 Oggetto: rinnovo economico CCNL edile Si informa che il 30 marzo u.s. ANCPL-Legacoop, Federlavoro-Confcooperative, AGCI e Feneal- UIL, Filca-CISL, Fillea-CGIL hanno

Dettagli

1)RESPONSABILITÀ SOLIDALE NEGLI APPALTI PUBBLICI E PRIVATI AMBITO FISCALE (Articolo 13-ter, D.L. n. 83/2012 - Circolare n. 40/E dell 8 ottobre 2012 )

1)RESPONSABILITÀ SOLIDALE NEGLI APPALTI PUBBLICI E PRIVATI AMBITO FISCALE (Articolo 13-ter, D.L. n. 83/2012 - Circolare n. 40/E dell 8 ottobre 2012 ) Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott. Oscar Sartor Circolare

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

Cassa Edile di Mutualità ed Assistenza della Provincia di L Aquila

Cassa Edile di Mutualità ed Assistenza della Provincia di L Aquila Cassa Edile di Mutualità ed Assistenza della Provincia di L Aquila S.S. 80 Km 9 n. 61 Località San Vittorino 67100 L AQUILA Cod. Fisc n. 80002410662 tel 0862/24354 fax 0862/64022 www.cassaedilelaquila.it

Dettagli

CONVENZIONE. tra. il Soggetto gestore EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA della provincia di Lucca (ERP)

CONVENZIONE. tra. il Soggetto gestore EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA della provincia di Lucca (ERP) CONVENZIONE tra il Soggetto gestore EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA della provincia di Lucca (ERP) il COMITATO PARITETICO TERRITORIALE per la prevenzione infortuni, l igiene e l ambiente di lavoro per le

Dettagli

SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO PER ITALIA LAVORO S.P.A. Capitolato Tecnico CIG: 5818216FB7

SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO PER ITALIA LAVORO S.P.A. Capitolato Tecnico CIG: 5818216FB7 SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO PER ITALIA LAVORO S.P.A. Capitolato Tecnico CIG: 5818216FB7 Art. 1 Oggetto e finalità Il presente appalto ha per oggetto l individuazione, nelle

Dettagli

incremento dell addizionale regionale irpef per l anno 2011 Incremento dello 0,33% dell aliquota base

incremento dell addizionale regionale irpef per l anno 2011 Incremento dello 0,33% dell aliquota base NEWSLETTER 41 - N. 1 ANNO 2012 incremento dell addizionale regionale irpef per l anno 2011 Incremento dello 0,33% dell aliquota base sospensioni lavoro aziende non iscritte eber e sgravio contrib. retribuzioni

Dettagli

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007.

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007. Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Marzo 2007 Circolare n. 52 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli