Assessorato alle Politiche Sociali. Borse lavoro sperimentazioni di opportunità nella rete del Welfare locale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assessorato alle Politiche Sociali. Borse lavoro sperimentazioni di opportunità nella rete del Welfare locale"

Transcript

1

2 Assessorato alle Politiche Sociali Borse lavoro sperimentazioni di opportunità nella rete del Welfare locale

3 A cura del servizio Servizi Sociali della Provincia di Rimini Collaborazioni Comune di Cattolica Comune di Coriano Comune di Gemmano Comune di Mondaino Comune di Montefiore Conca Comune di Montegridolfo Comune di Montescudo Comune di Morciano di Romagna Comune di Poggio Berni Comune di Saludecio Comune di San Clemente Comune di San Giovanni in Marignano Comune di Santarcangelo di Romagna Comune di Torriana Comune di Verucchio Azienda Usl Rimini, Distretto di Rimini e di Riccione Ricerca e redazione a cura di Laura Pagliarani Progetto grafico Colpo d occhio Stampa Gruppo Stampa

4 Indice Prefazione... 5 Introduzione... 9 Capitolo Primo: I progetti di inserimento lavorativo a favore di soggetti svantaggiati: una tipologia di intervento conforme allo spirito della nuova legislazione sociale Che cosa intendiamo per inserimenti lavorativi a favore di soggetti svantaggiati La borsa lavoro come esperienza alternativa nel panorama del Welfare italiano: una comparazione con la disciplina prevista dalla L.68/99 e con i lavori socialmente utili (LSU) La sperimentazione con progetto pilota degli inserimenti lavorativi a carattere socio assistenziale: una buona prassi descritta nel Piano nazionale contro la povertà e l esclusione sociale La Provincia di Rimini e le borse lavoro I risultati dell impegno della Provincia per i progetti di inserimento lavorativo a favore di soggetti svantaggiati: gli anni 2002 e 2003 tra sperimentazione e consolidamento Le forme di gestione attuate per gli inserimenti lavorativi di soggetti svantaggiati: gestione diretta, esternalizzata, delegata all Az. Usl Capitolo Secondo: Le borse lavoro per soggetti svantaggiati nei Comuni dell entroterra Le caratteristiche degli inserimenti socio assistenziali promossi dalla Provincia... 29

5 1.1. Le caratteristiche del soggetto inserito Le caratteristiche dell inserimento lavorativo Il punto di vista dei soggetti inseriti Le testimonianze degli operatori Capitolo Terzo: Le borse lavoro nelle politiche sociali dei Comuni Presentazione delle relazioni dei Comuni Comune di Cattolica Comune di Coriano Comune di Gemmano Comune di Montefiore Conca Comune di Montegridolfo Comune di Montescudo Comune di Morciano di Romagna Comune di Poggio Berni Comune di Saludecio Comune di San Clemente Comune di San Giovanni in Marignano Comune di Santarcangelo di Romagna Comune di Torriana Comune di Verucchio... 95

6 Prefazione Ritrovare il termine lavoro in una iniziativa che parte dall Assessorato ai Servizi Sociali, non è consueto. In genere si ricorre ad interventi che configurano un sostegno, un contributo. Non ci illudiamo che le borse lavoro diano una risposta ai problemi legati all occupazione (anzi alla disoccupazione). Certamente innovano un sistema sociale che, dalla mera assistenza, approda all inclusione, alla partecipazione attiva (ricevere un sostegno economico in cambio del lavoro), alla cittadinanza. Non siamo ancora dentro al concetto di sviluppo sostenibile dove il benessere economico deve accompagnarsi al riconoscimento della dignità della persona ma siamo, ad esempio, fuori, anzi contro ad un sistema che, anche nelle nostre località, alimenta il lavoro nero. Nei nostri territori, infatti, la stagione estiva diminuisce le tensioni economiche ma il lavoro nero, che coinvolge soprattutto i minori, le donne e gli espulsi dal processo regolare, accentua il divario tra una società civile e l arretratezza di un sistema sociale incapace di garantire pari opportunità ai soggetti che lo compongono. Anche se è proprio il lavoro nero che, nella nostra realtà, rende più sommersa la povertà. E non solo il lavoro nel campo turistico ma anche il lavoro a domicilio delle donne, il lavoro precario dei giovani diplomati e laureati. Il lavoro nero, quindi, diminuisce temporaneamente le tensioni, ma aumenta la sacca d evasione fiscale, aumenta il precariato, reprime uno slancio produttivo di lungo termine. Ed il problema oggi si pone, soprattutto, nei confronti dei lavoratori, dei cittadini immigrati. 5

7 L immigrazione straniera, nella nostra Provincia rappresenta non già un fenomeno transitorio bensì una componente organica, strutturale. E la visione che deriva dai dati fornitici dal Servizio Statistica del nostro Ente relativamente alle nascite, agli inserimenti scolastici, ai matrimoni cosiddetti misti, all impiego lavorativo. Anche a voler fare semplici esemplificazioni: nella nostra provincia l 80% della manodopera impiegata nel settore Pesca è costituita da immigrati, il 50% nel settore alberghiero. Ma dopo l applicazione delle norme sulla regolarizzazione, l introduzione del lavoro a termine e, di questi giorni, la discussione a livello governativo, sul voto ai regolari, possiamo sostenere che la diversità non fa più paura? Non alimenta il lavoro nero, non costituisce alibi per aggiungere un (de) grado verso il basso nella scala dell emarginazione? In realtà se il dato nazionale ci riferisce che ogni dieci assunti, uno è immigrato è anche vero che l alto numero di immigrati che lavorano in nero, le difficoltà a reperire alloggi, costituiscono limiti notevoli ad un processo di reale integrazione, anche nella Provincia di Rimini. E quello di mettere in rete risorse ed opportunità, rimuovere le disuguaglianze, creare condivisione, è l unico percorso praticabile per reggere un sistema comunitario. E questo vale per il sistema globale ma vale ancor più per la comunità locale, provinciale. Una realtà, la nostra, dove si registra il progressivo invecchiamento della popolazione, dove la peculiarità del territorio solo ora viene vista come recupero di una prospettiva anche economica per cui si è andato progressivamente affermando, nel passato più recente, l abbandono di mestieri legati alle origini stesse della comunità: alludo alla pesca ed alla agricoltura. Vero è, infatti, che la vocazione turistica riminese impone una riflessione attenta sulla qualità dello sviluppo e sui valori dell accoglienza, sulle modalità con cui vanno reperite le risorse finanziarie e definita la distri- 6

8 buzione degli oneri. Punto nodale, voglio dire, è che la città turistica non alimenti la concezione della meta del divertimentificio o del facile guadagno fino a diventare zona franca per quanti (stanziali, immigrati nazionali od extra) confondono i diritti con i desideri. Essenziali diventano quindi le iniziative di integrazione, le azioni positive basate sul rapporto diritti/doveri per ridurre un ansia certamente ingiustificata ma tuttavia diffusa in diversi strati della popolazione stanziale. E questa la chiave di lettura che proponiamo per valutare il progetto borse lavoro, nella consapevolezza che si può sempre fare meglio e/o di più. Ma, in questa fase di riordino dell assistenza, preme affermare il principio che le politiche sociali devono legarsi allo sviluppo economico e produttivo della comunità mentre l inclusione sociale deve avvenire in base ad un patto di reciproco impegno nel quale assumano senso rilevante le norme essenziali di convivenza comunitaria e la valorizzazione del lavoro inteso non come tappa forzata ma come esaltazione delle risorse originali di cui è portatrice ogni persona. Massimo Foschi Assessore alle Politiche Sociali / Attività Produttive 7

9

10 Introduzione Lo stato sociale ridefinito dalla Legge 328 ha come obiettivo il superamento dell assistenzialismo a favore della promozione della persona, e fonda la propria azione sul principio di sussidiarietà come strumento principe per impegnare tutti gli attori del sistema sociale alla realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali. Espressioni come cittadinanza dei diritti, inclusione sociale, valorizzazione delle capacità individuali, ricorrono come parole d ordine nella definizione dei progetti che si rivolgono in maniera specifica alle fasce deboli della popolazione, quasi a voler sottolineare il rapporto interattivo fra chi propone l azione (soggetto pubblico o privato) e chi la fruisce. Ma come si valuta un progetto? Qual è l impatto sul territorio? Come si fa a sapere se un intervento è utile, se risponde ai bisogni, alle aspettative dell utente? Se veramente chi partecipa ai progetti di inclusione sociale, si sente un po meno escluso? La risposta non è facile, specialmente quando si tratti di processi nei servizi sociali e sanitari, dove si ha a che fare con il miglioramento della qualità della vita, il grado di inserimento sociale e di soddisfazione personale, il livello di riduzione del danno. Siamo nel campo dell incommensurabile. Tanto maggiore è la difficoltà per la Provincia, ente di coordinamento e programmazione, ente che promuove, ma che non ha gestione diretta dei servizi, non ha filo diretto con gli utenti. Un tentativo lo abbiamo voluto fare. Da due anni la Provincia sostiene il progetto borse lavoro per soggetti svantaggiati, erogando contributi ai Comuni dell entroterra. Attraverso un tavolo di coordinamento tecnico, composto da operatori dei Comuni e tutor dei soggetti inseriti in borsa lavoro, sono state messe a punto semplici schede di rilevazione che hanno consentito di racco- 9

11 gliere informazioni di tipo quantitativo e di tipo qualitativo sulla esperienza delle borse lavoro realizzate. I dati riportati mostrano come l esperienza della borsa lavoro possa essere di grande aiuto per alcune fasce sociali caratterizzate da bassa professionalità, titolo di studio debole, lieve disagio psichico o fisico. Alla domanda Che cosa pensi di avere imparato con questa esperienza un intervistato risponde Ho imparato a rispondere al telefono con sicurezza ed ho imparato a stare in mezzo alla gente, a parlare e a non vergognarmi. Ed un altro (ho imparato) tante cose, ad esempio, ad essere rispettato in quanto faccio un lavoro utile che viene riconosciuto dai ragazzi e dagli allenatori (l attività svolta è di giardiniere e custode presso un campo sportivo). L esperienza qui descritta è preceduta da una dissertazione che ne precisa l inquadramento giuridico e normativo: la borsa lavoro nel nostro contesto è da intendersi come percorso a carattere socio assistenziale, non si configura come attività lavorativa vera e propria, ma realizza esperienze di inserimento in ambienti protetti. E la traduzione in opere dei principi della Legge 328/00. Dove si costruiscono relazioni di aiuto intorno alle persone più vulnerabili, salvaguardandone quanto più possibile l autonomia, le capacità residue, il diritto di cittadinanza intesa come appartenenza attiva alla civitas. Per alcuni può essere una esperienza transitoria, che li matura e consente di accedere al mondo del lavoro vero e proprio; per altri può essere l unica forma di impegno possibile, e pertanto assimilabile al lavoro. Una riflessione resta aperta sui rapporti fra queste esperienze e quelle attivate nell ambito delle politiche del lavoro (legge 68 e legge regionale 14), sia per delimitarne i confini, sia per comprendere meglio le possibili interazioni ed integrazioni. Daniela Manfroni Responsabile Servizi Sociali 10

12 CAPITOLO PRIMO I progetti di inserimento lavorativo a favore di soggetti svantaggiati: una tipologia di intervento conforme allo spirito della nuova legislazione sociale. Sommario 1. Che cosa intendiamo per inserimenti lavorativi a favore di soggetti svantaggiati La borsa lavoro come esperienza alternativa nel panorama del Welfare italiano: una comparazione con la disciplina prevista dalla L.68/99 e con i lavori socialmente utili (LSU) La sperimentazione con progetto pilota degli inserimenti lavorativi a carattere socio assistenziale: una buona prassi descritta nel Piano nazionale contro la povertà e l esclusione sociale La Provincia di Rimini e le borse lavoro I risultati dell impegno della Provincia per i progetti di inserimento lavorativo a favore di soggetti svantaggiati: gli anni 2002 e 2003 tra sperimentazione e consolidamento. 3. Le forme di gestione attuate per gli inserimenti lavorativi di soggetti svantaggiati: gestione diretta, esternalizzata, delegata all Az. Usl. 11

13

14 1. Che cosa intendiamo per inserimenti lavorativi a favore di soggetti svantaggiati La Legge quadro di riforma dell assistenza n. 328 promulgata nell anno 2000 assicura alle persone e alle famiglie un sistema integrato di interventi e servizi sociali, promuove interventi per garantire la qualità della vita, pari opportunità, non discriminazione e diritti di cittadinanza, previene, elimina o riduce le condizioni di disabilità, di bisogno e di disagio individuale e familiare derivanti da inadeguatezza del reddito, difficoltà sociali e condizioni di non autonomia, in coerenza con i principi fondamentali della Costituzione (in part. Artt. 2, 3 e 38 Cost.). A quasi un secolo di distanza dalla precedente Legge di settore nota come legge Crispi, la Legge 328/00 mira ad introdurre una nuova filosofia del sociale fondata essenzialmente sulla promozione di opportunità per lo sviluppo pieno della persona, concepita qui come al centro del sistema sociale e come titolare di diritti lungo tutto l arco della vita, anche quando in condizioni di conclamata necessità, come ad esempio avviene nei casi dei diversamente abili, delle persone in difficoltà economica, familiare, psicologica, in difficoltà comunque collegate ad uno stato di non autosufficienza. Con lo stesso spirito della 328/00, la nuova Legge regionale n. 2 del 12 marzo 2003 Norme per la promozione della cittadinanza sociale e per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali, indica tra gli interventi privilegiati della rete sociale locale gli interventi di sostegno all inserimento e reinserimento lavorativo delle persone disabili ed in stato di svantaggio (IV c. art. 5 lett. j L.R. 2/2003). Dunque, gli inserimenti lavorativi a favore di soggetti svantaggiati comunemente note come borse lavoro si configurano in prima battuta come una tipologia di intervento essenziale per il nuovo sistema sociale locale di servizi. Più specificamente, si tratta di uno strumento che permette al soggetto adulto in situazione di debolezza, di realizzare un percorso formativo/educativo all interno di realtà produttive, favorendo l autonomia e l apprendimento di specifiche mansioni lavorative oltre che l acquisto di una maggiore autonomia personale. Ciò risponde in particolare al dettato costituzionale che all art. 38 sancisce il diritto di inabili e minorati all educazione e all avviamento professionale. Non configurandosi come attività lavorativa vera e propria, ma piuttosto come sperimentazione di un progetto di formazione ed educazione, la 13

15 borsa lavoro rappresenta per soggetti adulti deboli una strada nuova, un percorso di emancipazione dall assistenzialismo. Allo stesso tempo, la presenza sul luogo di lavoro di un soggetto normalmente escluso dal contesto produttivo a causa delle sue difficoltà sociali e relazionali, costituisce un elemento di umanizzazione delle condizioni e dei ritmi lavorativi, un parametro per verificare se il luogo di lavoro è o può essere un ambito di promozione e rispetto della persona in quanto tale. Tale tipologia di intervento permette inoltre una conoscenza approfondita ed una maggiore comprensione oltre che della personalità e delle capacità relazionali della persona svantaggiata, anche delle capacità lavorative che innegabilmente ha e meritano di essere tirate fuori e valorizzate. Responsabile per la promozione e attuazione dei percorsi di inserimento e integrazione dei soggetti in situazione di svantaggio è il Comune, quale soggetto garante per la realizzazione del sistema locale dei servizi sociali, deputato secondo il nostro ordinamento giuridico ad erogare i servizi e le prestazioni sociali. L attuazione concreta di tali interventi come poi di diverse altre attività o servizi socio-assistenziali può essere delegata dal Comune alle Aziende unità sanitarie locali, o affidata in gestione a soggetti del Terzo Settore - soprattutto enti di formazione professionale e cooperative sociali di tipo b - sulla base di convenzione scritta. All interno dell orizzonte giuridico amministrativo tracciato fino ad ora, dobbiamo ricordare che il Testo Unico degli Enti Locali (D.Lgs. 267/2000) affida alla Provincia il compito promuovere e coordinare attività di rilevante interesse sociale. Se consideriamo che le borse lavoro per soggetti svantaggiati si configurano come interventi essenziali per il sistema locale di servizi che devono essere presenti su tutto il territorio provinciale, e che tale tipologia di intervento è stata di fatto attivata e/o sostenuta nei Comuni dell entroterra grazie al sostegno e alla compartecipazione finanziaria della Provincia di Rimini, siamo in grado di cogliere la rilevanza del compito che tale Ente è stato chiamato a svolgere. 14

16 1.1. La borsa lavoro come esperienza alternativa nel panorama del Welfare italiano: una comparazione con la disciplina prevista dalla L.68/99 e con i lavori socialmente utili (LSU). Per capire al meglio come l esperienza della borsa lavoro per soggetti svantaggiati si caratterizza concretamente sul territorio provinciale, ci sembra opportuno compiere una breve dissertazione su quegli interventi che seppur simili, non si configurano come borsa lavoro. Innanzitutto dobbiamo dire che le difficoltà dei soggetti con svantaggio sociale in prevalenza portatori di handicap sono state affrontate tradizionalmente tramite l imposizione alle imprese di obblighi di assunzione entro determinate quote. Il sostegno all inserimento nel mercato del lavoro è stato a lungo affidato alle previsioni normative della legge sul collocamento obbligatorio, rivista poi dalla Legge 68/1999 Norme per il diritto al lavoro dei disabili, che persegue l obiettivo di favorire un migliore incontro tra il disabile e l impresa attraverso il collocamento mirato. Quest ultimo prevede che i centri per l impiego forniscano agli individui svantaggiati servizi più ampi e personalizzati attraverso varie azioni di sostegno non solo nella fase della ricerca, ma anche durante il rapporto di lavoro. Per dare attuazione alla Legge 68/1999 sul territorio regionale, la Regione Emilia-Romagna ha emanato la Legge Regionale n. 14 del 25 febbraio 2000 contenente norme di Promozione dell accesso al lavoro delle persone disabili e svantaggiate. Tale dettato legislativo fissa una disciplina specifica sulle modalità di inserimento al lavoro delle persone disabili, e la costituzione di uno apposito fondo regionale per la loro occupazione. Limitato è invece stato il riconoscimento giuridico attribuito a livello nazionale e regionale agli aspetti di sostegno attivo alla vita e alla partecipazione al mondo del lavoro dei soggetti svantaggiati (si veda ad esempio la normativa prevista per le cooperative sociali di tipo b dalla Legge 381/1991 e Legge Regionale 7/1994), aspetto quest ultimo che se caratterizza in modo prevalente l intervento delle borse lavoro sul territorio provinciale, non emerge chiaramente neppure nella attuale disciplina prevista per l accesso al lavoro delle persone disabili e svantaggiate. Altro dalle borse lavoro di cui ci occupiamo sono poi i lavori socialmente utili (LSU) descritti dettagliatamente nel Decreto Legislativo n. 468 del 01/12/1997. In sostanza, si tratta di attività che mirano a sottrarre il lavo- 15

17 ratore in cerca di occupazione dall usura personale, e a utilizzarne le professionalità in opere e servizi di interesse comune a tutti i cittadini. Sono previste quattro tipologie di LSU: Lavori di pubblica utilità (LPU) finalizzati alla creazione di occupazione, cioè che prevedono l impegno dei soggetti promotori a realizzare nuove attività stabili nel tempo e devono contenere un piano di impresa relativo alle attività che si intendono promuovere alla fine del progetto, mirati in particolari bacini di impiego, della durata di 12 mesi, prorogabili al massimo di due periodi di 6 mesi; Lavori socialmente utili mirati alla qualificazione di particolari soggetti formativi volti alla crescita professionale in settori innovativi, della durata massima di 12 mesi; Lavori socialmente utili per la realizzazione di progetti aventi obiettivi di carattere straordinario, della durata di 6 mesi, prorogabili al massimo per 6 mesi, con priorità per i soggetti titolari di trattamenti previdenziali (lavoratori in Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria o in Mobilità); Prestazioni di attività socialmente utili da parte di pubbliche amministrazioni. Destinatari di questa tipologia di interventi possono essere lavoratori in cerca di prima occupazione o disoccupati iscritti da più di 2 anni nelle liste del collocamento, lavoratori iscritti nelle liste di mobilità, in cassa integrazione guadagni straordinaria, gruppi di lavoratori individuati per la gestione di esuberi nel contesto di crisi aziendali, categorie di lavoratori individuate mediante delibera delle Commissioni Regionali dell Impiego, persone detenute per le quali sia stata prevista l ammissione al lavoro esterno come modalità del programma di trattamento. Promotori dei LSU possono poi essere le amministrazioni pubbliche, gli enti pubblici economici, le società a totale o prevalente partecipazione pubblica, le cooperative sociali e i loro consorzi. I lavoratori vengono impegnati per 20 ore settimanali (non più di 8 ore giornaliere), e ricevono una indennità variabile che viene finanziata attraverso il fondo nazionale per l occupazione. Inoltre, una disciplina puntuale e dettagliata è prevista dal D.lgs 468/1997 per quanto attiene particolari agevolazioni per l occupazione a favore degli stessi lavoratori socialmente utili o dei datori di lavoro. Seppure la partecipazione alle attività dei LSU non configuri l instaurazione di un rapporto di lavoro e neppure la cancellazione dalle liste di collocamento o di mobilità -, si tratta comunque di una tipologia di 16

18 intervento deputata precipuamente a riavvicinare i soggetti coinvolti nel normale mercato del lavoro, e per questo legittimamente e minuziosamente normata dalla legislazione del lavoro. Ancora una volta dunque, riscontriamo uno strumento simile ma profondamente diverso per finalità, obiettivi, riconoscimento e disciplina giuridica, dalle borse lavoro per soggetti in situazione di debolezza sociale. All interno dell ampia e mutevole offerta di interventi promossi e utilizzati all interno del Welfare italiano di cui LSU e inserimenti lavorativi per soggetti disabili e svantaggiati costituiscono un significativo seppure non esaustivo esempio, l alterità/diversità delle borse lavoro dagli strumenti sopra descritti appare dunque come evidente. Infatti, se questi ultimi nascono come misure di politica attiva del lavoro, diversamente le borse lavoro per soggetti svantaggiati, non godendo di una disciplina coniata ad hoc ma piuttosto inquadrandosi nello spirito della Legge 328/2000 e della Legge Regionale 2/2003, si configurano come vere e proprie misure sociali con finalità e obiettivi legati principalmente all integrazione, all educazione e alla formazione. Le modalità con cui ciò avviene concretamente sul nostro territorio provinciale le illustreremo a partire dal paragrafo 2 di questo capitolo La sperimentazione con progetto pilota degli inserimenti lavorativi a carattere socio assistenziale: una buona prassi descritta nel Piano nazionale contro la povertà e l esclusione sociale All indomani della entrata in vigore della Legge 328 e nel quadro del dibattito che l emanazione di tale legge ha suscitato rispetto alle modalità con cui riqualificare le politiche di sostegno economico alla famiglia, nell anno 2001 è stato avviato un intervento pilota presso l Agro Nocerino Sarnese in Campania - per nuclei familiari più bisognosi e per le persone con problemi di disabilità fisica e mentale, finalizzandola all inserimento socio lavorativo tramite borse lavoro. Tale intervento, per le caratteristiche di innovatività, sostenibilità, trasferibilità, riproducibilità, rilevanza strategica e politica, si configura tra le buone prassi realizzate sul territorio nazionale sui temi cardine dell inclusione sociale, e per questo motivo è stato descritto e inserito nel Piano nazionale contro la povertà e l esclusione sociale Queste borse lavoro finalizzate all inserimento socio lavorativo rispon- 17

19 dono all obiettivo di sostenere la persona bisognosa (ex detenuti, soggetti con gravi forme di indigenza, ex malati di mente, disabili, ex tossicodipendenti) a condizione che accetti una esperienza di tirocinio formativo assistito in un azienda privata o del privato sociale, e della durata di un anno. Nella logica di tale progetto le borse lavoro sono finalizzate a: - sostenere la persona nella sua interezza e nel suo universo di relazioni a partire dal contesto familiare, affinché possa acquisire le abilità relazionali e i saperi necessari a recuperare un proprio contesto di normalità; - utilizzare l inserimento lavorativo come una fase avanzata del percorso riabilitativo. Gli obiettivi operativi del progetto sono i seguenti: a) scoraggiare le forme di professionalismo della povertà e favorire l emersione delle povertà sommerse; b) monitorare costantemente l andamento del fenomeno povertà al fine di coglierne le variazioni nel tempo sia di natura qualitativa che quantitativa; c) trasformare gli interventi in danaro in prestazioni di servizi; d) assicurare a tutte le forme di sostegno economico continuativo un azione di costante tutoring familiare; e) orientare gli interventi di sostegno economico a obiettivi di efficacia volti a rimuovere le cause di bisogno. Rispetto alle modalità di selezione dei destinatari dell intervento: (a) per gli indigenti e i disabili, ogni Comune segnala all Ufficio di Piano organo distrettuale deputato a verificare l attuazione dei Piani Sociali ex L. 328/ alcuni nominativi sulla base di indicatori comuni; (b) per soggetti con problemi di salute mentale, la selezione degli assegnatari è affidata al dipartimento di salute mentale dell Az. Usl locale; (c) per le persone soggette a provvedimenti giudiziari ci si avvale della collaborazione ai tavoli di lavoro con i servizi sociali giudiziari sia minorili che degli adulti. La stretta collaborazione ed il coinvolgimento del mondo imprenditoriale, profit e no profit ha consentito in questo progetto pilota l attivazione di numerose borse lavoro, e ha rafforzato l esperienza di integrazione tra politiche sociali, politiche produttive e del lavoro. 18

20 Entro questa esperienza pilota, le azioni di tutoraggio si svolgono sia all interno che all esterno delle aziende che hanno i borsisti. Nello specifico, all interno dell azienda per ogni persona in borsa lavoro sono finanziate n. 130 ore di tutoraggio e accompagnamento formativo per l area disabili e salute mentale, e n. 90 ore per l area indigenza assegnate ad un artigiano esperto, individuato all interno dell organico aziendale con funzioni di tutor e formatore. All esterno dell azienda ogni persona in borsa lavoro viene seguita da un assistente sociale. L intero progetto per gli aspetti di tutoraggio e di gestione amministrativa è gestito da un nucleo operativo di coordinamento costituito presso l Ufficio di Piano. La Regione Campania prevede a sostegno delle persone destinatarie dell intervento qui descritto, o indirettamente, a sostegno delle imprese sociali che svolgono inserimento lavorativo di queste persone, risorse previste dal Piano Regionale per l Occupazione che attingono anche dal Fondo Sociale Europeo (FSE). Giustamente l ultimo Piano nazionale contro la povertà e l esclusione sociale attribuisce a questa esperienza la denominazione di buona prassi. In tale progetto pilota scorgiamo infatti caratteristiche riproducibili in altri contesti territoriali, utili per rendere più omogenee le modalità di realizzazione dei progetti di inserimento ed aumentarne l efficacia, prevedendo ad esempio precise modalità per la selezione dei destinatari dell intervento. Cogliamo infine una logica ispiratoria e una definizione di obiettivi operativi simili se non talvolta identici alle finalità e agli obiettivi perseguiti con le borse lavoro promosse dalla Provincia. 2. La Provincia di Rimini e le borse lavoro La diversa conformazione geografica e scelte di natura politico/economica risalenti a varie fasi storiche hanno reso più difficile la strutturazione dei servizi sociali nell entroterra, difficoltà che lentamente e faticosamente si cerca di superare. In questo quadro, la Provincia si è posta quale obiettivo strategico di legislatura la promozione dell entroterra con le sue risorse e peculiarità, e tale obiettivo non può non essere perseguito nell area sociale se non svolgendo un ruolo di promozione e, all occorrenza, di sussidiarietà nei confronti dei Comuni dell entroterra, predisponendo anche l attivazione 19

21 di interventi e servizi ritenuti essenziali per l attuazione della Legge nazionale 328/2000 e della Legge regionale 2/2003. Ciò appunto, per cercare di ridurre e riequilibrare il divario esistente tra costa ed entroterra. A questo proposito e per lo specifico tema di cui stiamo trattando, nell anno 2002 e 2003 la Provincia ha promosso e indetto pubblico bando per borse lavoro rivolte a soggetti adulti in condizioni di debolezza sociale, da realizzare con il concorso dei Comuni e delle cooperative sociali. Con tali iniziative l ente ha inteso perseguire le seguenti finalità: a) offrire ad adulti in difficoltà opportunità di lavoro in alternativa ad interventi di assistenza economica in una logica di sviluppo delle risorse umane e della valorizzazione delle capacità di ciascuno di essere soggetto attivo e produttivo; b) incentivare la capacità di accoglienza lavorativa di enti e cooperative sociali di tipo b, che per statuto sono deputate all inserimento di soggetti svantaggiati. Condizione perché le cooperative sociali di tipo b possano partecipare al bando è l aver avviato percorsi di inserimento di questo tipo in convenzione con l Az. Usl; c) sperimentare percorsi di inserimento lavorativo che possano avere sviluppi di rilievo per l ente ospitante e per il soggetto inserito; d) sviluppare le capacità relazionali e di lavoro dei soggetti più deboli e maggiormente a rischio di emarginazione (disoccupati con titolo di studio debole, donne immigrate, giovani con problemi di adattamento sociale ecc.). Le risorse rese disponibili dalla Provincia per la progettazione e attuazione di questi progetti di inserimento lavorativo ammontano a ,26 (110 milioni di vecchie lire) nell anno 2002 e di ,95 (107 milioni di lire) per l anno Il contributo massimo stabilito per ogni inserimento lavorativo è di 2.582,28 (5 milioni di vecchie lire), da destinarsi per intero ai soggetti richiedenti che attivano tali interventi per la prima volta, mentre è ridotta del 20% (e dunque ammonta ad 2.065,83) per i richiedenti che hanno già avviato gli inserimenti. Ciò avviene perché, come recitano entrambe le Leggi di riforma del sociale 328 del 2000 e legge Regionale 2 del 2003, sono i Comuni a detenere la titolarità esclusiva dei compiti di programmazione e di una programmazione che è anche finanziaria -, di progettazione, realizzazione ed erogazione dei servizi e delle presta- 20

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché

Il tirocinio extracurriculare. come, quando, dove e perché Il tirocinio extracurriculare come, quando, dove e perché Contenuti Cos è un tirocinio Le finalità del tirocinio extracurriculare La legislazione che lo regola Come cercare informazioni Prima di iniziare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006)

Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Legge Regionale 23 Novembre 2006, n. 20. Istituzione del fondo regionale per la non autosufficienza. (BUR N. 34 del 9 dicembre 2006) Art.1 (Oggetto e finalità) 1. La Regione con la presente legge, in armonia

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI Ufficio del Piano di Zona Sociale dell' Ambito Territoriale A 1 COMUNE DI ARIANO IRPINO Capofila REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI erogato nei Comuni dell ambito territoriale

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud

Sviluppare le competenze per far crescere la competitività delle imprese e l occupazione nel Sud capitale umano, formato a misura dei fabbisogni delle imprese possa contribuire alla crescita delle imprese stesse e diventare così un reale fattore di sviluppo per il Mezzogiorno. Occorre, infatti, integrare

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020

Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020. Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Orientamenti sulla valutazione ex ante dei Programmi 2014-2020 Il sistema di indicatori nella programmazione 2014-2020 Simona De Luca, Anna Ceci UVAL DPS Roma 11 luglio 2013 Indice 1. Indicatori: un modo

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P.

ALLE OO.SS. DEL COMPARTO SCUOLA ALL' U.R.P. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Ufficio Scolastico Provinciale di Roma Via Luigi Pianciani, 32 00185 Roma sito: http:/www.lazio.istruzione.it/csa/csa_roma.shtml

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente

Tatsiana: possiamo finalmente superare molti pregiudizi nei confronti degli altri, che sono diversi solo apparentemente Buongiorno, mi chiamo Tatsiana Shkurynava. Sono di nazionalità bielorussa, vivo in Italia a Reggio Calabria. In questo breve articolo vorrei raccontare della mia esperienza in Italia. Tutto è cominciato

Dettagli

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014

NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 NUOVE REGOLE IN MATERIA DI STATO DI DISOCCUPAZIONE DAL 1 GENNAIO 2014 COME ACQUISIRE LO STATO DI DISOCCUPAZIONE Lo stato di disoccupazione si compone di un elemento oggettivo (lo stato di privo di lavoro),

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

p e r i l c u r r i c u l u m

p e r i l c u r r i c u l u m F o r m a t o e u r o p e o p e r i l c u r r i c u l u m v i t a e Informazioni personali Nome Indirizzo Ferraina Caterina Rosaria Località Feudotto compl. AZUR Vibo Valentia Telefono 0963.94428 328/2888930

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare

Project Work. La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Project Work La campagna di sensibilizzazione sull affido familiare Autori Barbara Gastaldin, Elisabetta Niccolai, Federica Lodolini Servizi ASP Seneca Distretto Pianura Ovest, Servizio Sociale Minori

Dettagli