numero giugno 2013 TITOLI, TRAILER, MANIFESTI, SITI, ADV COME SI ACCENDE IL DESIDERIO DI CINEMA? Dossier Distribuzione Il cinema in Cina

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "numero giugno 2013 TITOLI, TRAILER, MANIFESTI, SITI, ADV COME SI ACCENDE IL DESIDERIO DI CINEMA? Dossier Distribuzione Il cinema in Cina"

Transcript

1 giugno 2013 numero 5,50 6 TITOLI, TRAILER, MANIFESTI, SITI, ADV COME SI ACCENDE IL DESIDERIO DI CINEMA? INNOVAZIONI New Italian advertising CINEMA ESPANSO Michelangelo Frammartino al MoMA di New York NUMERI Dossier Distribuzione Focus Il cinema in Cina

2 Scoprire nuovi talenti. Aiutarli ad emergere. Facilitare l'incontro e il contatto fra chi genera idee innovative e chi potrebbe aiutare a rendere concreto un progetto. Con questo intento, le direzioni di 8½ e di CinecittàNews organizzano SPEED DATE COl PRODUTTORE Se hai meno di 35 anni e pensi di avere progetti creativi e innovativi in ambito cinematografico e/o multimediale, manda una descrizione del progetto alla redazione di 8½. Il progetto può riguardare un film (di finzione o documentario), una serie televisiva, una web-serie, o essere comunque un progetto audiovisivo multimediale. I progetti potranno essere presentati in forma di testo scritto o di storyboard, secondo la libera scelta degli autori. Le redazioni di 8½ e CinecittàNews, a insindacabile giudizio, sceglieranno i progetti migliori (non meno di 5, non più di 10) e inviteranno gli autori a presentarli ad alcuni dei più importanti produttori italiani nel corso della prossima Mostra del Cinema di Venezia, in programma dal 28 agosto al 7 settembre p.v. Ogni progetto, anche se frutto di elaborazione collettiva, dovrà essere presentato da un unico "portavoce", il quale incontrerà uno dopo l'altro almeno 5 produttori italiani e avrà 5 minuti di tempo con ognuno di loro per provare a convincerli della bontà del proprio progetto. I progetti selezionati verranno altresì pubblicati sul sito di CinecittàNews. I progetti partecipanti dovranno essere inviati in busta chiusa, a mano, per posta o a mezzo corriere, indirizzandoli a: Istituto Luce Cinecittà S.r.l. Redazione "CinecittàNews" all'attenzione di Giancarlo Di Gregorio Via Tuscolana, Roma (Rm) entro il 20 luglio 2013 (farà fede la data di ricevimento del plico). Il recapito entro il termine previsto è a esclusivo rischio del soggetto partecipante all'iniziativa. Il progetto dovrà essere accompagnato dalla scheda di partecipazione, debitamente compilata, scaricabile sul sito per info scrivere a

3 EDITORIALE di Gianni Canova QUELLO CHE NON ABBIAMO VOGLIA DI ASCOLTARE Ci sono film che dialogano prima di tutto con la mente e altri che eccitano soprattutto gli occhi. La grande bellezza di Paolo Sorrentino è uno di quei rari film che parlano a tutto il corpo. Si rivolge alla pelle, all udito, all olfatto. È fisico, tattile e vibrante. Urla e ansima, grida e sussurra, puzza e profuma. Nel suo continuo attrito fra vitalismo e indolenza, tra frenesia e immobilità, fra i corpi di carne degli umani e i corpi di pietra delle statue, è molto più che una dolce vita dei nostri tempi cafoni. È un viaggio al termine della notte che può permettersi il lusso dell ironia: un mix di nichilismo, cinismo e disincanto che si erge nell universo mediatico dominato dalle flatulenze cinguettanti di twitter e dai bradisismi intestinali di facebook mostrando agli occhi (e non solo agli occhi) di tutti ciò che l ininterrotto chiacchiericcio dei social network, con la sua continua invenzione di amici e nemici, cerca invano di esorcizzare: la percezione dell irrilevanza, la cognizione della vanità del tutto. Non so - mentre scrivo queste righe - che accoglienza avrà il film a Cannes, né so se e quanto piacerà al pubblico e alla critica. Quello che so è che una cinematografia che si presenta al più importante festival del mondo con un film così (così capace di dire anche ciò che non abbiamo voglia di ascoltare, e di mostrare ciò che solo chiudendo gli occhi si può sperare di vedere) è una cinematografia viva, lucida e potente. Non è detto che gli italiani vi si riconoscano. Ma non si erano riconosciuti, ai tempi, neanche nella Dolce vita. 1

4 SOMMARIO EDITORIALE QUELLO CHE NON ABBIAMO VOGLIA DI ASCOLTARE di Gianni Canova SCENARI QUANDO LA COMUNICAZIONE NON COMUNICA NULLA di Gianni Canova NON DRAMMATIZZIAMO È SOLO QUESTIONE DI TITOLI di Rocco Moccagatta BENVENUTI AL CINEMA, TRA GUIZZI CREATIVI E FORMULE STRACOLLAUDATE di Chiara Grizzaffi COSÌ FAN TUTTE: L'OMOLOGAZIONE DELLE LOCANDINE di Maria Buratti SITI, TRAILER E WEB: DATEGLI TEMPO di Carmen Diotaiuti LA PRIMA COSA BELLA: NELLE HIT DEL PASSATO ALLA RICERCA DI UN IDENTITÀ di Mimmo Gianneri 16 ANDARE IN TV PER FARSI CONOSCERE. TANTO IL VERO RISCHIO È UN ALTRO di Luigi Lo Cascio 17 DISERTARE LA TV? VUOI METTERE CHE SOLLIEVO? di Rolando Ravello QUANDO PER VINCERE SERVONO GLI ESTROGENI di Francesca Monti I SEGRETI DEL MODELLO FANDANGO di Nicole Bianchi TUTTO PARLA DI WEB DOC di N.B I PARADOSSI MANIFESTI. LA PROMOZIONE COME SI FACEVA UNA VOLTA di Paolo Di Reda TUTTI I SEGRETI (O QUASI) DEGLI ESPERTI di Chiara Gelato NUMERI di Unità di Studi congiunta DG Cinema/ ANICA DG CINEMA/ ANICA UN PERCORSO COMUNE IN TRE PUNTATE. LA DISTRIBUZIONE DIMENSIONE DEL PARCO SALE E MERCATO DISOMOGENEO SUL TERRITORIO CONDIZIONANO LA DISTRIBUZIONE NEL 2012 CROLLO DI PRESENZE E INCASSI DELLA SALA IL PUNTO DI NON RITORNO È SCENDERE SOTTO I VALORI DEL 2012 CRISI DELLA SALA E DIFFICOLTÀ DEI FILM AMERICANI E NAZIONALI LA CADUTA DELLA QUOTA ITALIANA DI MERCATO TOP 10 FILM ITALIANI PER IL NOSTRO CINEMA I MESI INVERNALI SONO I PIÙ REDDITIZI SCHERMI DIGITALI: ITALIA AL QUINTO POSTO IN EUROPA SUD POVERO DI SCHERMI, CALABRIA FANALINO DI CODA IL MADE IN ITALY È SCELTO DA CHI VA MENO AL CINEMA NEL NORDEST HA PIÙ SUCCESSO IL FILM INTERNAZIONALE SFORZO COMUNE DI TUTTI GLI OPERATORI 8½ NUMERI, VISIONI E PROSPETTIVE DEL CINEMA ITALIANO Mensile d informazione e cultura cinematografica Iniziativa editoriale realizzata da Istituto Luce-Cinecittà in collaborazione con ANICA e Direzione Generale Cinema Direttore Responsabile Giancarlo Di Gregorio Direttore Editoriale Gianni Canova Vice Direttore Responsabile Cristiana Paternò Capo Redattore Stefano Stefanutto Rosa In Redazione Carmen Diotaiuti Andrea Guglielmino Coordinamento redazionale DG Cinema Andrea Corrado Coordinamento editoriale Nicole Bianchi Hanno collaborato Roberto Andò, Mario Balsamo, Luca Barnabé, Eddie Bertozzi, Alice Bonetti, Maria Buratti, Guido Cornara, Laura Delli Colli, Paolo Di Reda, Chiara Gelato, Mimmo Gianneri, Michela Greco, Chiara Grizzaffi, Luigi Lo Cascio, Wendy Migliaccio, Rocco Moccagatta, Francesca Monti, Serafino Murri, Rolando Ravello, Elisa Vinai, Wang Xiaolu 2

5 SOMMARIO 46 ASPETTANDO GONDRY. NEL VIVAIO DEI NUOVI TALENTI di Serafino Murri COSA MI PIACE DEL CINEMA ITALIANO LEE YONG-KWAN intervista di Michela Greco INNOVAZIONI NEW ITALIAN ADVERTISING di Guido Cornara INTERVISTA A LUCA MINIERO: LA PUBBLICITÀ? MI HA INSEGNATO IL RITMO di Gu.Co LA SALA È ROMANTICA MA IL FUTURO CORRE SUL WEB di Alice Bonetti NON CHIAMATELI SPOT. LA PUBBLICITÀ DIVENTA VIDEOARTE di Luca Barnabé INNOVAZIONE E CREATIVITÀ UNDER 40 di Elisa Vinai GABRIELE SALVATORES GIURATO DI MOVI&CO INNOVAZIONI 2 CINGUETTARE NEL TEMPIO DELLA LIRICA di Wendy Migliaccio NEL MONDO ANGELA NELL AMERICA DI CLINT di Laura Delli Colli FOCUS 60 IL CASO CINA LUCI E OMBRE ELETTRICHE: LE CONTRADDIZIONI DELLA CRESCITA di Eddie Bertozzi MERCATO IMMOBILIARE E FILM SPAZZATURA di Wang Xiaolu GEOGRAFIE 35 PARALLELO NORD di Nicole Bianchi CINEMA ESPANSO FRAMMARTINO: L UOMO-ALBERO E LA LIBERTÀ DELLO SPETTATORE di Cristiana Paternò INTERNET E NUOVI CONSUMI QUANDO LA LOCANDINA DIVENTA UN GIOCO VIRALE di Carmen Diotaiuti PUNTI DI VISTA SE IL MINISTRO DELLA CULTURA di Roberto Andò MANDIAMO IN SOFFITTA LA DISTINZIONE REALTÀ/FINZIONE di Mario Balsamo 80 BIOGRAFIE Progetto Creativo 19novanta communication partners Creative Director Bruno Capezzuoli Designer Giulia Arimattei, Matteo Cianfarani, Valeria Ciardulli, Lorenzo Mauro Di Rese, Simona Merlini Stampa ed allestimento Arti Grafiche La Moderna Via di Tor Cervara, Roma Distribuzione in libreria Joo Distribuzione Via F.Argelati,35 Milano Registrazione presso il Tribunale di Roma n 339/2012 del 7/12/2012 Direzione, Redazione, Amministrazione Istituto Luce-Cinecittà Srl Via Tuscolana, Roma Tel fax: Chiuso in tipografia il 3/6/2013 3

6 4 SCENARI Marketing del cinema

7 SCENARI // Marketing del cinema Quando la comunicazione non comunica nulla di Gianni Canova Sarà capitato anche a voi. Girate in auto, o a piedi, per le vie di Roma, o di Milano, e l occhio vi cade sul manifesto dell ultimo film in uscita. Se il film è americano, quasi sempre l immagine del manifesto evoca mondi. Suggerisce una storia. Fa intravedere un altrove. Se invece il film è italiano, nove volte su dieci si limita ad esibire delle facce. Le solite, vecchie facce dello star system nazionale: messe lì in bella mostra in vetrina? nella pia illusione che quelle facce ripeto: quasi sempre le stesse facciano venir voglia di uscire di casa, di pagare un biglietto e di sedersi in mezzo a sconosciuti per vedere un film in cui quelle medesime facce si possono ritrovare. Siamo davvero sicuri che questo sia un modo efficace per accendere la voglia di cinema? Per innescare sogni, attizzare fantasie, stuzzicare desideri di visioni? A giudicare dai risultati non proprio brillantissimi del box office, si direbbe che questa strategia comunicativa funzioni poco e male. Eppure tutti (o quasi) continuano ad applicarla, in barba alla sua riconosciuta e ormai incontestabile inefficacia. Perché? Inerzia, pigrizia, inadeguatezza? Probabile. Ma, forse, c è anche qualcos altro. Bisogna ammetterlo senza troppi giri di parole: se c è un punto di criticità drammatico nell industria del cinema italiano, questo riguarda proprio la comunicazione e il marketing. Una è vecchia, l altro è dilettantistico. Il gap rispetto ad altri contesti socio-culturali è palese: eppure i tentativi di innovazione in questo settore sono pochi, fragili, spesso sconfortanti. Si va avanti per luoghi comuni, riproducendo ogni volta i medesimi protocolli. Con poche risorse. Poca voglia di sperimentare. Poca propensione al rischio e alla sfida, in una svogliatezza routinière che non osa rompere abitudini consolidate. Un esempio e, insieme, un aneddoto. Un giorno mi capita di essere a pranzo con uno dei più importanti attori italiani di questi anni, reduce dalla canonica conferenza stampa di lancio e presentazione del suo nuovo film. L accoglienza della critica è stata buona, il tam tam più che positivo. Eppure lui è teso, nervoso, agitato. Stasera siamo da Vespa!, mi sussurra nell orecchio con un espressione a metà fra il complice e il preoccupato. Beh, contento allora, no?, replico io con un pizzico di malizia. Silenzio. Silenzio perplesso. Un dubbio si materializza nell aria. E io ne approfitto: Ma siamo proprio sicuri che andare da Vespa faccia bene al film?. Lui si blocca per un attimo, la forchetta ferma a mezz aria. E poi, scuotendo la testa: No, non siamo per niente sicuri. Forse serve solo a togliere mistero al film. Appunto. La comparsata televisiva di gruppo lo sanno tutti rischia di ridurre il film al suo tema dichiarato. A banale pretesto sociologico o giornalistico. A chiacchiericcio vacuo. Come se il film fosse uno spin-off del talk show, per di più di un talk seguito da un pubblico che nella maggior parte dei casi al cinema ci va poco o nulla. Eppure, appena il film è pronto a uscire sembra che la massima aspirazione di tutti registi e produttori, interpreti e distributori, esercenti e uffici stampa sia l epifania catodica. L apparizione sul piccolo schermo. La transustanziazione mediatica. Pur sapendo che andare con tutto il cast in tv quasi sempre serve più alla tv (e all auditel ) che alla promozione. Nulla di male, per carità. Ma forse bisognerebbe ricordarsi di più del fatto che ogni film è un mistero. E che sull idea di mistero qualche volta si potrebbe provare a lavorare. La rivoluzione digitale, da questo punto di vista, potrebbe aprire possibilità infinite. E la massa critica formata da un infinità di corsi universitari che si occupa- Il cecchino Elegante ed essenziale, ma identica a quella francese, punta sui cognomi dei due protagonisti (Auteuil, Kassovitz) perentori e ben più grandi del nome del regista, e sulle figure quasi intere che sembrano entrare nel campo visivo di chi guarda. Pistole alla mano, ma con studiata nonchalance. Il bianco e nero evoca il polar d antan. Cr. P no non solo di cinema ma di comunicazione potrebbe offrire un laboratorio permanente di ricerca e di sperimentazione. Basterebbe la voglia di provarci. Di svecchiare. Di inventare nuove professioni. Di uscire dalla rassegnazione e dalla routine. In questo numero di 8 ½ proviamo a fare i conti con questi problemi. Proviamo a interrogarci su come potrebbe essere più efficace una comunicazione che investisse in modo nuovo le risorse (poche, sempre troppo poche) che sono dedicate a far venire voglia di andare al cinema e di vedere film. Cerchiamo di ragionare sui limiti evidenti di alcune procedure, ma anche di segnalare quei coraggiosi tentativi di rinnovamento che si cominciano a cogliere qua e là. Chi come me ha qualche anno sulle spalle probabilmente ricorda bene come è successo che da piccoli ci siamo innamorati del cinema e dei film. Sognando. Immaginando. Aspettando. Allora, chi faceva film sapeva bene come accendere i sogni. Forse, bisognerebbe ripartire da lì. Bisognerebbe ritrovare il piacere e l orgoglio di un cinema che mentre nei media spopola la retorica della trasparenza sa ancora offrire il piacere e l ebbrezza della propria opacità. Del proprio essere un mistero. 5

8 SCENARI // Marketing del cinema Non drammatizziamo...e solo questione di titoli di Rocco Moccagatta Giochi di parole, stratagemmi furbetti e allusioni pecorecce: i titolisti le provano tutte per mandare il pubblico in sala. Senza badare troppo a ciò che è lost in translation. Forse non è più il caso di cominciare dal povero Truffaut e dal suo Domicile Conjugal, da noi rititolato, con efferata ironia, Non drammatizziamo è solo questione di corna; e neppure dall Eternal Sunshine of the Spotless Mind che diventa un qualsiasi Se mi lasci ti cancello. Infatti, si è visto ben di peggio: Fatti, strafatti e strafighe (in luogo del ben più anodino Dude, Where s my Car?) è lì a dimostrarlo, e - subito dietro - l incomparabile Suxbad - Tre menti sopra il pelo, dove addirittura si vanta uno scriteriato coinvolgimento del pubblico teen, tramite un contest bandito da MTV per il titolo italiano. Incidentalmente, si vede bene come questo delirio di rititolazione delle pellicole non italiane da parte della nostra distribuzione colpisca tanto l opera 6

9 SCENARI // Marketing del cinema d autore come la commediola giovanilistica e para/post demenziale. Certo, quest ultima finisce per essere una sorta di zona cieca dove, nell ultimo decennio, si è sedimentato un purulento centone di doppi sensi e calembour che proprio negli eccessi della parodia prova a giustificarsi, in una rincorsa continua alla parolaccia appena appena celata, dissimulata, evitata, da un semplice cambio di lettera (Iron Sky Saranno nazi vostri), e magari neppure da quello (Lo spaventapassere, 3ciento - Chi l ha duro la vince). Poi, questa euforia, che si prefigge di vendere meglio il film, rima sinistramente con una scarsissima inventiva nei titoli nazionali, tutti raccolti intorno a pochi sostantivi e aggettivi, con ancor più scarni nessi di causa-effetto. In rete, tra blog e social network, come per tutto ciò che è frivolo, anche su questi temi c è ampia possibilità di soddisfazione, perciò non replicheremo qui quei discorsi. Anche se, prima o poi, bisognerà stilare una piccola antologia che documenti la fascinazione dei nostri titolisti per il periodo ipotetico (Se scappi ti sposo, Se mi lasci ti cancello) e per la parola amore (Tutta colpa dell amore, In amore niente regole, etc.) per le commedie romantiche o presunte tali. O, pure, che ci racconti gli infiniti e maliziosi giochetti di prestidigitazione entro certi generi, come l horror, dove si cerca sempre l aggancio al precedente di successo (com è accaduto a Saw, da noi maggiorato con l aggiunta de L enigmista; qualcosa di simile è accaduto anche a Cry Wolf, diventato Nickname: enigmista). Ci limitiamo soltanto a evidenziare qui, con più intensità, un ulteriore tendenza in corso nelle ultime stagioni: l abitudine a tradurre un titolo non italiano (generalmente inglese) in un altro titolo non italiano (ancora inglese), ora per sollecitare e stimolare una presunta enciclopedia dello spettatore (Away We Go diventa American Life, per rilanciare la memoria del seminale American Beauty dello stesso regista Sam Mendes; su un piano più basso, il pecoreccio in costume Virgin Territory si trasforma in Decameron Pie, a innescare un link con la serie American Pie), ora invece per stimolare un eccitazione molto meno mentale (Made in Dagenham come We Want Sex, e buona notte alla sottigliezza della guerra dei sessi della vicenda), o ancora per suggerire un opzione di genere magari implicita nell originale (Haywire reso in Knockout - Resa dei conti), ora infine per sgomberare il campo da equivoci o fraintendimenti (lo scatenato The Boat that Rocked sembra più scatenato come I Love Radio Rock, Death at a Funeral fuga ogni rischio di apparire troppo meditabondo se lo si legge come Funeral Party, Layer Cake magari convince qualche spettatore in cerca di emozione forti se diventa The pusher). Quest inglese da diporto alla fine magari funziona pure: l allusività sorniona di Hyde Park on Hudson (con riferimento allo storico incontro tra re Giorgio VI e Roosevelt) sembra meno esiziale se presentato come A Royal Weekend, e l acre racconto di formazione vampiresca di Let me in (remake USA di un originale svedese dal bel romanzo di Lindqvist) diviene Blood Story a prova d idiota. E non mancano neppure i casi nei quali un film non anglosassone si deve imbellettare come tale, magari per rispettare le attese di genere: così il thriller Mientras duermes di Balagueró s è dovuto anglicizzare in Bed Time, manco fossimo ancora negli Anni 60 coi nostri film gotici camuffati da prodotti inglesi e USA. Resta la curiosità di capire, magari con uno studio approfondito, se ci troviamo di fronte a una scienza esatta oppure a una sequenza di tentativi più o meno sensati, più o meno disperati, di una distribuzione che ancora cerca di tener fede a quella legge non scritta che riconosceva centrale per un film, di produzione o d importazione non interessa, un titolo in grado di fare uscire di casa e attraversare la città per andare al cinema. Senza badare troppo a ciò che è lost in translation. Che è anche il titolo di un bel film diventato in sala da noi (sorpresa!) Lost in translation - L amore tradotto... Il volto di un altra Il taglio chirurgico del viso della protagonista, cuore e falso della vicenda, è lo sfregio perfetto che la comunicazione grafica incide su questa locandina: una patinatura di alto profilo specchia con fedeltà la sintesi iconografica di un film dall estetica e sull estetica impeccabile. N.B. 7

10 SCENARI // Marketing del cinema Benvenuti al cinema, tra guizzi creativi e formule stracollaudate di Chiara Grizzaffi La commedia punta alla semplicità, anche quando gioca con i rimandi. Eppure basterebbe poco per ridare potere alle parole. Anche solo due sillabe come quelle di Su Re, che rimanda a un mondo arcaico in cui dare un nome alle cose era un gesto fondativo. 8

11 SCENARI // Marketing del cinema Se si dà uno sguardo alle commedie uscite in sala a partire dal gennaio 2013, è facile rilevare quanto si punti alla semplicità di formule collaudate, quando non alla ripetizione tout court. Emblematico il caso dei Benvenuti : la saga ha avuto rispettivamente un Benvenuti al Sud e al Nord (Luca Miniero, 2010 e 2011), il cui successo ha già ispirato una fiction televisiva - Benvenuti a tavola-nord vs Sud, che aveva come primo titolo Famiglia italiana. L aggiungersi di Benvenuto Presidente (Riccardo Milani) ne fa dunque la locuzione di saluto più utilizzata. Ma le formule di saluto o di cortesia, soprattutto se in chiave ironica, sono piuttosto ricorrenti: oltre a quelli già citati, recentemente sono usciti anche Ci vediamo domani (Andrea Zaccariello) e Buongiorno papà (Edoardo Leo). In quest'ultimo caso, la convenzionalità dell'espressione non rende giustizia a un film la cui comicità è piuttosto sferzante e non lesina colpi bassi a un paio di generazioni di maschi incapaci di crescere: se pure impiegata in modo canzonatorio - solo alla fine Bova si meriterà l appellativo - è quasi fuorviante nel suo apparire sdolcinata. Non mancano nemmeno i giochi di parole e le allusioni, come Mai Stati Uniti (Carlo Vanzina), Studio illegale (Umberto Carteni), Amiche da morire (Giorgia Farina), Pazze di me (Fausto Brizzi) e Passione sinistra (Marco Ponti). Si tratta di titoli che, oltretutto, rivendicano chiaramente la propria appartenenza al genere commedia, con la parziale eccezione di Amiche da morire, che funziona bene nell'alludere alla vena più nera del film. L'altro trend abusato, soprattutto dalla commedia e dal filone giovanilistico, consiste nel rifarsi al titolo o a un verso di canzoni note, nell'evidente tentativo di rendere quello del film ancora più memorabile. La mia mamma suona il rock (Massimo Ceccherini) e Sono un pirata, sono un signore (Eduardo Tartaglia) rientrano nel novero, ma si è pronti a scommettere che prima della fine dell'anno ne arriveranno degli altri. La commedia punta alla semplicità, anche quando gioca con le parole: del resto, la prima caratteristica che un titolo deve avere è quella di farsi ricordare. Ma, a volte, il rischio è proprio quello di confondere: Ci vuole un gran fisico (Sophie Chiarello) o un fisico bestiale? Più variegato sembrerebbe il panorama dei film di altro genere. A partire da quelli di matrice letteraria come Educazione siberiana (Gabriele Salvatores) e Bianca come il latte, rossa come il sangue (Giacomo Campiotti). Se il traino è costituito da romanzi di un certo successo, è evidente che rivendicarne il legame possa rivelarsi utile a fini promozionali. Fortemente evocativi sono titoli come Tutto parla di te (Alina Marazzi) o Un giorno devi andare (Giorgio Diritti), che sembrano interpellare in modo più diretto lo spettatore, chiedergli un rapporto più intimo, personale con il film. Del resto, anche i lavori precedenti di Diritti e Alina Marazzi avevano titoli molto riusciti. Quelli più generici, impersonali, come La migliore offerta (Giuseppe Tornatore) o La città ideale (Luigi Lo Cascio) puntano a far sapere che c'è qualcosa da scoprire: se non chiedono di essere spiegati, come può succedere, per esempio, nel caso de La scoperta dell alba (Susanna Nicchiarelli) - evidentemente una metafora di qualcos'altro - è perchè proprio attraverso la loro apparente banalità che invitano il potenziale spettatore a guardare oltre, per capire cosa ci sia di speciale dietro quella combinazione, nome+aggettivo, per nulla inconsueta. Anche l esordio alla regia di Alessandro Gassman con Razzabastarda punta sull utilizzo di un espressione forte, aggressiva, esplicita nel richiamare il contesto dell immigrazione e delle problematiche di integrazione, e si concede come unico vezzo grafico la mancanza dello spazio, quasi a voler evocare immediatamente i modi, spesso concitati e senza pause tra le parole, di chi aggredisce verbalmente. In questi primi mesi dell anno certi eccessi trash - se escludiamo il dimenticabilissimo Sodoma l altra faccia di Gomorra (Vincenzo Pirozzi) - o di lirismo fine a se stesso di tanti film degli anni precedenti, magari firmati da esordienti probabilmente desiderosi di farsi individuare subito come autori, sembrano aver lasciato il posto a una maggiore sobrietà. Che a volte, lo si è già visto, è più un adagiarsi su formule collaudate o familiari senza particolari guizzi creativi, quando basterebbe poco per ridare potere alle parole. Due sillabe, anche: quelle di Su Re, di Columbu, che attraverso la lingua sarda rimanda a un mondo arcaico in cui dare un nome alle cose era un gesto fondativo. Educazione siberiana Niente facce. Neanche quella di John Malkovich. Solo due braccia incrociate. E un corpo coperto di tatuaggi. Un immagine epica e al contempo esoterica. Che accende la curiosità e innesca la fantasia. gc 9

12 SCENARI // Marketing del cinema COSÌ FAN TUTTE: L'OMOLOGAZIONE DELLE LOCANDINE di Maria Buratti Se con un unico colpo d occhio potessimo osservare, ipoteticamente affissi l uno accanto all altro, tutti i manifesti dei film italiani distribuiti nel nostro paese da un anno a questa parte saremmo colpiti innanzitutto dalla loro omogeneità cromatica: lo sfondo bianco, interrotto da elementi grafici rossi o neri (titolo, nomi, data di uscita ), e gli stessi toni richiamati negli abiti degli attori. Osservando poi con maggiore attenzione proprio le figure umane - soggetto decisamente privilegiato delle nostre locandine - ci accorgeremmo del continuo ricorrere delle stesse pose: il cast è sempre raggruppato intorno al titolo, con il volto di maggior richiamo posto in evidenza davanti agli altri. Oppure i visi, isolati in un riquadro, vengono disposti l uno accanto all altro come fossero foto tessere. La ripetitività delle soluzioni visive tradisce un chiaro intento di richiamo ai titoli di successo delle stagioni precedenti. Del resto, da almeno un quinquennio, circa un terzo dei poster ufficiali - in particolare quelli che promuovono cinepanettoni e commedie sentimentali - sceglie questo modello grafico. Così, per esempio, Colpi di fulmine di Neri Parenti (2012) - con la schiera dei volti ammiccanti incorniciata in una sagoma a forme di cuore - ma anche Pazze di me di Fausto Brizzi (2013) e Studio illegale di Umberto Carteni (2013) promettono una trama incentrata, prima di tutto, sul conflitto tra i sessi e sulla lieta risoluzione delle scaramucce sentimentali. Alcuni manifesti 10

13 SCENARI // Marketing del cinema Sfondo bianco, elementi grafici rossi o neri, figure umane o volti in evidenza. In pochi sfuggono alla monotonia delle scelte negli ultimi dodici mesi. Tra le eccezioni Bella addormentata di Bellocchio e Padroni di casa di Gabbriellini. rinunciano perfino al richiamo di genere: vere e proprie vetrine per il cast, affidano a esso tutta la responsabilità promozionale. Come quello de Il comandante e la cicogna di Silvio Soldini (2012), che nulla riesce a suggerire della storia o delle atmosfere del film e si limita a promettere volti già collaudati al botteghino. Il manifesto sembra così rinunciare alla possibilità di scatenare - pur all interno di un sistema regolato di aspettative - la curiosità dello spettatore e a costituire una sorta di promemoria. Certo, sul web le locandine - di dimensioni ridotte - appaiono davvero come piccole icone identificative, in cui conta solo il dato visivo (le informazioni testuali, poco leggibili, migrano invece tra i contenuti delle pagine web in cui sono pubblicati). Pur ricoprendo un ruolo di supporto all interno della campagna di comunicazione, il manifesto in rete guadagna però anche una visibilità eccezionale. La collocazione sul web può costituire allora un occasione per ripensare la sua funzione all interno della strategia di posizionamento, sfruttando specificità e potenzialità della diffusione virale. La pubblicazione online dei teaser poster, per esempio, integra il manifesto in un gioco di anticipazioni e notizie esclusive sul film e gli riattribuisce una funzione attiva nel sollecitare la curiosità dello spettatore. Tra i film italiani - pochi - a scegliere una strategia di questo tipo c è Magnifica presenza di Ferzan Ozpetek (2012), con una serie di poster che incorniciano i protagonisti in una veste grafica ispirata a vecchie locandine teatrali e la campagna, più complessa e innovativa, di Tutto tutto niente niente di Giulio Manfredonia (2012), accompagnata in tutte le sue fasi dai character poster di Albanese, di volta in volta nei panni di Cetto, Olfo o Frengo, con gli slogan elettorali dei tre personaggi. In entrambi i casi, al di là di alcune scelte cromatiche piuttosto originali, i poster non sono innovativi tanto dal punto di vista grafico (anzi, non mostrano molto di più dei corpi degli interpreti, eleganti e in posa): la loro efficacia è determinata, piuttosto, dalla coerenza narrativa con le storie che pubblicizzano, e dal loro ruolo all interno di una strategia promozionale di viral marketing. I teaser sollecitano infatti la ricerca attiva di notizie in anteprima e soddisfano il bisogno di appropriazione individuale del film: il manifesto richiama alla mente le campagne pubblicitarie (entrambe incentrate su un sito mock ). Lo stesso vale per i poster neri macchiati di rosso di Diaz Non pulire questo sangue di Daniele Vicari (2012), pubblicati in rete addirittura prima dell inizio delle riprese, insieme a una serie di contenuti pensati specificamente per il web. L integrazione in una campagna virale non è l unica possibilità di utilizzo efficace del manifesto. La locandina di Padroni di casa di Edoardo Gabbriellini (2012) - scelta dal regista stesso - suscita curiosità e inquietudine sostituendo i volti degli attori con maschere di animali; quella di Bella addormentata di Marco Bellocchio (2012) affida la propria capacità di richiamo a una strategia linguistica originale: non mostra nemmeno i corpi degli interpreti ma solo uno sguardo, fortemente connotato grazie all angolazione dal basso, su un intrico di rami. Riprendendo il riferimento del titolo della fiaba, suggerisce chiavi d accesso alla storia, invece di anticiparne la trama. Evil Things Cose Cattive L audacia del produrre (in Italia) il genere horror è proporzionale all'inconsuetudine iconografica della comunicazione: bianco cristallizzato virato al ghiaccio ceruleo, nero inchiostro e rosso sangue che gocciola dal tagliente argento di una lametta, colorano la circoscritta gamma di cromie che fotografa con raffinatezza l atmosfera della trama. N.B. 11

14 SCENARI // Marketing del cinema SITI, TRAILER E WEB: DATEGLI TEMPO di Carmen Diotaiuti Vogliono attrarre lo spettatore e orientare la lettura del film, ma sovente appaiono obsoleti e poco coinvolgenti. E non è solo per miopia di progettazione: spesso trascurano il più determinante dei fattori, quello temporale. Le pratiche promozionali del testo cinematografico, orchestrate in fase di lancio del film, svolgono un ruolo determinante nell attrarre lo spettatore e portarlo in sala. Tuttavia non sono solo strumenti che vogliono convincere alla visione, ma elementi d istruzione e premessa di quello che sarà il tessuto del film, di cui orientano i percorsi privilegiati di lettura. Trailer, siti e presenza sul web prolungano il ciclo di vita della pellicola contribuendo a mantenere alta la tensione emotiva che intercorre tra pre-visione (l aspettativa creata dal primo riferimento pubblico) e post-visione (la possibilità di approfondire, commentare e seguire gli sviluppi della trama). Inserito nel contesto promozionale di riferimento, il film non ha più una durata strettamente legata al tempo di programmazione, ma vive in una dimensione temporale e spaziale complessa, generata dallo stesso circuito pubblicitario, che si rivela tanto più efficace (in termini di influenza sugli spettatori) quanto più riesce a sedimentarsi nel pubblico, mantenendone vivo l interesse. Tra gli elementi paratestuali di lancio, i siti internet realizzati per promuovere i film non sembrano ancora cogliere appieno le potenzialità del mutamento partecipativo esploso con l era del web 2.0. Nella maggior parte dei casi (ci sono chiaramente illuminate eccezioni) l online si trova a ripercorrere in forma digitale la struttura informativa del pressbook, concedendosi il solo lusso di aggiungere qualche elemento multimediale. Si limita in pratica a mettere in un unico luogo, comodamente accessibile, lo stesso materiale che tradizionalmente viene consegnato alla stampa e agli addetti ai lavori. Trama del film, note di regia, cast, foto-gallery e video-gallery: scorrendo le sezioni della maggior parte dei siti sembra di leggere la stessa partitura. Per fortuna il necessario adeguamento ai dispositivi Apple (ipad e iphone in primis) non compatibili con il formato Flash, ci sta risparmiando lo spettacolo, in voga nel recente passato, di siti incentrati sull effetto sorpresa di suoni e immagini in movimento. Esaurita velocemente la carica di stupore che le accompa- 12

15 SCENARI // Marketing del cinema gna, le animazioni si rivelano spesso prive di livelli semantici aggiuntivi e dunque del tutto inutili. L errore però non sempre sta in una progettazione miope e focalizzata su una visione obsoleta del web, ma spesso è conseguenza della sottovalutazione del fattore tempo. Le strutture ad alto livello d interattività richiedono, infatti, lunghi tempi di realizzazione. L offerta di contenuti esclusivi, stimolo per l affiliazione alla comunità di potenziali spettatori, va già programmata nella fase di pre-produzione. Così come la curiosità sui temi trattati va stimolata pian piano, anche prima che la pellicola venga svelata. Gli spazi di confronto condiviso richiedono tempo per consolidarsi, coinvolgere gli spettatori, far nascere in loro il senso di appartenenza sulla base delle comuni scelte di gusto. Per questo, quando i mesi a disposizione tra la definizione del piano di lancio e l uscita del film sono pochi (se non addirittura uno solo), ben poco è possibile fare in termini di presenza partecipativa del film sul web. Così si deve optare per un sito puramente informativo, ma l aver avuto poco tempo di presenza in rete lo rende praticamente invisibile, poiché difficilmente indicizzabile dai motori di ricerca. Difatti le regole di Search Engine Optimization (SEO), da cui deriva l ordine di visualizzazione dei risultati di una ricerca su Google, attribuiscono valore, e quindi maggiore visibilità, ai siti più interattivi e visitati. Così, per non rischiare di scomparire nel mare magnum dei contenuti online, l unica possibilità di una visibilità veloce diventa investire in maniera importante in banner, inserzioni o altre forme promozionali tutto sommato tradizionali. In modo da veicolare direttamente il collegamento al sito e puntare in tempi brevi, grazie all esposizione massiccia dello spettatore al messaggio pubblicitario, a convincere all acquisto piuttosto che a creare aspettativa e desiderio. La visibilità in questi casi deriva direttamente dall investimento economico e finisce col premiare quei film che già dispongono di un budget alto, e per i quali il web può anche permettersi di essere solo uno dei tanti spazi espositivi a disposizione. La mancanza di interattività è sicuramente un occasione mancata, ma non l unica possibilità di raggiungere il potenziale pubblico. Sono invece proprio quei film dal budget medio-basso che dovrebbero imparare a sfruttare al meglio tutte le potenzialità dei discorsi sociali che è possibile tessere intorno al film. Ben sapendo che nessun coinvolgimento immediato è possibile, che occorre tempo per far familiarizzare lo spettatore con il film e sfruttare l eco discorsivo della sua risposta. La dimensione temporale non rappresenta solo la cornice di evoluzione delle rappresentazioni paratestuali, ma è il fattore condizionante per il prolungamento del film nella sfera sociale del pubblico. LA MIGLIORE OFFERTA Scelta essenziale ed enigmatica, avara di colori e tuttavia luminosa. L atmosfera di mistero aleggia e dallo sfondo tutto nero risalta il protagonista: un uomo anziano, elegante ma guardingo, quasi preoccupato di un incombente minaccia. Forse i due giovani? Di qui il tempo che aspetta di essere goduto, di là il tempo che rimane da vivere? ssr 13

16 SCENARI // Marketing del cinema La prima cosa bella: nelle hit del passato alla ricerca di un identità di Mimmo Gianneri Dai cinepanettoni a Io e te di Bertolucci, il richiamo alle canzoni di successo è una delle strategie più utilizzate. Si potrebbe scrivere una storia parallela del nostro cinema attraverso i brani di Mina, Celentano, Venditti o Caterina Caselli. Il richiamo ai grandi successi è, infatti, oggi come in passato, una delle strategie di marketing maggiormente diffuse. Si tratta generalmente di un appello alla canzone famosa sia nei titoli dei film (solo nel 2011, in ordine sparso: Almeno tu nell universo, C è chi dice no, Nessuno mi può giudicare, Tutti al mare, This must be the place, Cara ti amo, Com è bello far l amore ), sia tramite l inserimento di brani noti all interno delle pellicole, come nel caso della canzone di Jovanotti per Baciami ancora di Muccino o della versione dei Negramaro di Meraviglioso di Modugno per Italians di Veronesi. In alcuni casi, il protagonismo delle canzoni agisce in maniera più evidente sulle forme testuali: per esempio, nei (defunti?) cinepanettoni, le gag scorrono su un tappeto sonoro composto dalle hit del momento in modo analogo al parlato di un deejay sulle amenità della vita di tutti i giorni. Le canzoni pop della stagione accompagnano così lo stare insieme rilassato, tipico dei periodi di vacanza passati in famiglia e costituiscono forse uno dei motivi dell accondiscendenza con cui viene accolta quella comicità di pancia. Se le commedie commerciali fanno sfoggio di canzoni deperibili, i moltissimi film italiani del Duemila, ambientati nel recente passato, sono una sequela quasi ininterrotta di belle canzoni di una volta, per mutuare il celebre titolo di un successo degli Elio e le storie tese: da La meglio gioventù a Notte prima degli esami, fino a Il grande sogno, il notevole dispiego di brani d epoca nei film in costume connota il tempo (i pezzi di Nino D Angelo rappresentano bene il sottoproletariato palermitano di È stato il figlio di Ciprì) e, soprattutto, assolve allo scopo di farci sentire familiari vicende appartenenti al passato, di frequente per mezzo di un aggiornamento degli stornelli più famosi (ad opera dei Subsonica il lavoro per Cosmonauta di Susanna Nicchiarelli). Molti dei casi citati rispondono alle modalità d uso più intuitive delle canzoni, rinvenibili anche in film ambientati nel contemporaneo, dove essa è spesso lo strumento - a volte la scorciatoia - per comunicare i sentimenti dei personaggi oppure per ribadire, a mo di sintesi, il tema del film. Nelle produzioni cinematografiche con protagonisti comici televisivi, per esempio, le canzoni accompagnano di frequente i momenti di stallo narrativo oppure sono funzionali a esprimere le situazioni di ritrovata serenità. In molto cinema d autore - dove le occorrenze sono tante e varie quanto i casi analizzabili - la canzone spesso ha la funzione 14

17 SCENARI // Marketing del cinema di far irrompere la voce dell autore sulle vicende narrate (si pensi a tanto cinema di Moretti) e dunque può essere una chiave di lettura proficua per comprendere certe opere. Nella festa di matrimonio iniziale di Reality, Garrone presenta i suoi personaggi mentre ballano freneticamente al suono di A storia e Maria, del cantante locale Franco Ricciardi. La canzone racconta, con un registro surreale, la vana ricerca di una ragazza fuggita dalla famiglia dopo essere rimasta incinta e della quale si sono perse le tracce e dimenticate le fattezze, quasi fosse divenuta una figura religiosa. Prima di consegnarci alle vicende dei suoi protagonisti, A storia e Maria fornisce così un imprinting, uno stimolo forte a interpretare il film come una riflessione sulla natura contemporanea del sacro. Eppure, la dote naturale della canzone è proprio quella di sfuggire quasi sempre a interpretazioni univoche, perché si appella tanto a una memoria mediale comune, quanto a una individuale, legata ai suoi ascolti privati. La canzone permette l incontro del vissuto degli spettatori con quello dei personaggi. E fa sì che in poche battute si possano incontrare esperienze collocate in epoche storiche distanti tra loro. In Io e te di Bertolucci, la danza di Olivia (Tea Falco) di fronte al fratellastro Lorenzo (Jacopo Olmo Antinori) al suono di Ragazzo solo, ragazza sola, versione del 1970 in italiano di Space Oddity cantata da Bowie su testo di Mogol, si basa proprio sull intreccio simbolico delle vicende di lei, una ragazza tossicodipendente e problematica che sembra provenire da un altra epoca e da un altro cinema; di Lorenzo, con il suo sguardo a metà tra l apertura dell infanzia e la chiusura dell adolescenza; infine di Bertolucci e della sua opera. La scena attualizza così il sapore di un epoca - quella della canzone di Bowie e della giovinezza e formazione di Bertolucci - in cui la produzione mediale italiana (dalle canzonette ai film popolari) sapeva ingurgitare i modelli esteri e riconsegnarli sotto rinnovata veste: così vivifica molto meglio di tanto cinema forzatamente d antan la nostalgia amara di un adolescenza artistica (quindi di un arte fatta con sincera inquietudine) che, forse, non esiste più. Quello che so sull amore Puntare sui primi piani degli attori sembra essere diventata un ossessione. Per lo più ripetendo tagli e composizione, tanto che sembra di vedere sempre lo stesso poster. Ma siamo proprio sicuri che sia solo il culto degli attori a portare le persone al cinema? cd 15

18 SCENARI // Marketing del cinema ANDARE IN TV PER FARSI CONOSCERE. TANTO IL VERO RISCHIO È UN ALTRO di Luigi Lo Cascio In realtà il nemico non è la tv generalista, ma l ingresso della televisione nella farsa del cinema. E scludendo gli ambiti più o meno specialistici o le trasmissioni di forte impatto cultural-mediatico, procediamo piuttosto verso l abisso che si spalanca nei gorghi anonimi e generalisti. Sono contenitori per lo più orchestrati da giornalisti di chiara fama: un po costume, un po politica, un po cronaca, un po pettegolezzo. Molte di queste trasmissioni non sono meno sconce e immonde di quelle palesemente trash. Il pubblico è eterogeneo: ci sono i compulsivi - monomaniaci della televisione - e ci sono gli istruiti in cerca talvolta di piccole vacanze culturali. A questi ultimi capita ogni tanto di passeggiare sulla strada sdrucciola che si arrampica sulla faticosa collina del film d autore. Ma non ce la fanno da soli, troppo arduo l incontro con ciò che affatica la mente consegnando lo spettatore non dico al dubbio ma già solo all ingombro del pensiero. Hanno bisogno di una guida, di un capo cordata. Ecco delinearsi all orizzonte un grave rischio per i film d autore che acconsentano a lasciarsi seviziare sulla tavola anatomica dei contenitori tv. L impietosa partizione in quarti di carne e formalina. Infatti, come insegna la pratica medica, per lo più lo studio morfologico è gioco di bisturi e cadaveri. Il primo gesto del conduttore anatomista è quindi quello di assassinare il film che adesso viene steso in verticale, srotolato ignaro e inerme. Le armi letali usate per renderlo salma indifferenziata sono principalmente queste: a) in via preliminare, umanizzare l autore e la sua opera. Detto altrimenti, renderlo pari a chi guarda. E così, giù aneddoti, storielle, gossip che sanciscano questo spirito di corpo; b) creare una connessione tra la materia del film e l attualità. Se non si è capaci di proporre e spalancare squarci di consuetudine, il film apparirà troppo remoto e inutile; c) vederlo in anteprima il più possibile facendo fioccare le clip. Per rendere, non dico dolce, ma comme- stibile l amaro boccone, bisogna già masticarlo, condurlo allo stato di poltiglia umettata e pronta, se non addirittura, saltando palato e tratto gastroesofageo, già sbobba di esclusiva pertinenza intestinale; d) chiarire tutto, tutto evidenziare, tutto sviscerare e tradurre nel piatto così scodellato dal senso comune Non sarebbe più interessante e forse vantaggioso lasciare intatta, qualora davvero ci fosse, la distanza, se per distanza si intende il tratto di strada che il regista ha percorso in avanscoperta, in nome e in virtù di un esperienza per lui stesso inedita e che ora si propone di consegnare agli ipotetici spettatori? Non risulterebbe più dignitoso e pertinente (in termini della capacità di un opera di guardare al proprio tempo e insieme al suo corso ulteriore) sganciare un film dall incubo del contingente? Non bisognerebbe preservare, custodire, forse anche maliziosamente enfatizzare la sua virtù nascosta? Nonostante questi rischi, che dovrebbero spingere gli autori a evitare il gioco esasperante delle semplificazioni, sembra non ci siano alternative. La televisione almeno fa sapere che il film in quel momento è in sala. Come rinunciare al richiamo, per quanto assordante e talvolta pacchiano, dell ospitata televisiva? Si continui ad andare in televisione. Magari poco per volta tentando di forzare la mano, di condurre la discussione verso quel tratto d impertinenza e di anomalia che il film deve sforzarsi di possedere. In questo senso c è qualcosa di più insidioso del rischio che corre il cinema andando a presentarsi in televisione: è l ingresso della televisione all interno della logica che regge il cinema nel suo stesso farsi. Il vero nemico non è la tv generalista ma il generalismo della tv, la sua genericità. È questo lo spettro maligno che avanza. Questa la nuova più subdola censura a cui opporre, senza esclusione di colpi, le ragioni del non ancora espresso, del non ancora conosciuto. 16

19 di Rolando Ravello Molto meglio la radio dei contenitori tritatutto. DISERTARE LA TV? VUOI METTERE CHE SOLLIEVO! N on sono d accordo con chi mostra riluttanza nel periodo di promozione: mi è sempre sembrato uno snobismo fesso. Un film va sostenuto: è importante comunicare l uscita nelle sale e, nel contempo, cercare di raccontarne il sapore, incuriosendo, invogliando a pagare il biglietto. Il mezzo più potente è ancora la televisione. È logico che gli uffici stampa si dannino per fare in modo che i propri attori vengano ospitati, il problema è capire dove. Bisogna essere coerenti con ciò che il film vuole raccontare e presentarsi solo negli spazi che si occupano di cinema e garantiscono una qualità o cercare di acchiappare il possibile, finendo in contenitori tritatutto che dispongono di un ampia platea ma fagocitano i contenuti? Ci sono passato in prima persona e comprendo le motivazioni di chi si rifiuta. Che utilità ha veramente una trasmissione evanescente, attenta solo al torbido? In questi casi credo il contenitore uccida il contenuto, non c è speranza di uscirne vincitori, a meno che non si stia promuovendo un film adatto a quel contesto: devi proporre un film che parla di nulla, in una trasmissione che espone il nulla, a spettatori che hanno solo voglia di spegnersi. Allora la comunicazione potrebbe essere efficace. Non dico sia inutile cercare di incuneare la propria opera anche in un pubblico che raramente va al cinema, e se lo fa probabilmente si reca a vedere sempre lo stesso tipo di film, ma forse quelle trasmissioni non sono il giusto mezzo. È curioso il corto circuito che si crea volendo utilizzare, per promuovere il cinema, proprio il mezzo che più gli nuoce. È come se la vittima cercasse il carnefice. Sono anni che ci lamentiamo del vuoto pneumatico televisivo, che accusiamo la tv di essere uno dei maggiori colpevoli dell abbattimento morale e culturale di questo paese: e poi? Si favorisce il serial killer che si vorrebbe annientare. Siamo sicu- ri che promuovere in un contesto sbagliato non finisca con l allargare la frattura già esistente tra un cinema vagamente più spesso e un pubblico che sembra averne paura? Tra l altro, a parte un paio di piccoli casi, la cosa più assurda mi sembra, sia nella televisione generalista come anche sul satellite, non ci siano programmi che abbiano il cinema come vero protagonista. Mancano spazi adeguati dove poter presentare un lavoro con attenzione, che non significa pesantezza. È incredibile ma c è molto più spazio in radio, con intere trasmissioni dedicate, tutt altro che noiose. Che accadrebbe allora se cominciassimo a disertarli quei programmi tv? Me lo chiedo mentre scrivo. Non credo sentirebbero la nostra mancanza, ma neanche noi la loro. E vuoi mettere il sollievo! SCENARI // Marketing del cinema 17

20 SCENARI // Marketing del cinema Quando per vincere servono gli Estrogeni di Francesca Monti DRACULA 3D L incompreso Dracula 3D di Dario Argento omaggia, più che Bram Stoker, i coloratissimi film della Hammer con Christopher Lee. Ma il manifesto tende a imitare horror più moderni e dark e manca dell elemento che dovrebbe predominare quando si parla del terrificante conte: ettolitri di sangue. Ang La strategia del fake, da Draquila a Il gioiellino: il caso dell agenzia romana che opera tra messa in scena del fittizio, marketing e social networking. Discostandosi per un momento dal luogo comune vetusto - e solo in parte corrispondente a verità - che vorrebbe l Italia relegata a uno stato di inadeguatezza informatica, si possono scoprire realtà che navigano controcorrente, dimostrando di aver compreso una sinergia tra social networking e marketing che possa condurre a tecniche innovative e di successo, in particolare nella promozione cinematografica. Tra queste spicca il nome di Estrogeni, agenzia di comunicazione romana nata dieci anni fa da un team di professionisti con un know-how consolidato dall esperienza in importanti multinazionali del settore. Punti di forza sono l interattività tra azienda e utenza - come dimostra l importanza conferita al blog aziendale - e l attenzione alla fase teaser nella comunicazione del prodotto (esempio, le campagne di unconventional marketing per clienti come BIM, Eagle Pictures e Sony Pictures). Un caso esemplare è quello de Il gioiellino di Andrea Molaioli (2011), film che ricostruisce la vicenda Parmalat con ambientazione e nomi contraffatti. Per complicare il cortocircuito tra realtà e finzione, Estrogeni ha puntato su una campagna di web marketing all insegna del fake. Circa due mesi prima del lancio del film, il CEO di Estrogeni Alfredo Borrelli ha annunciato sul company blog l acquisizione di un nuovo cliente, una piccola e intraprendente azienda casearia. Nel frattempo è stato aperto il sito (perfetto in ogni dettaglio) della fantomatica Leda, mentre il social game Consegne a domicilio - che rinviava a Facebook - ha fatto il resto, portando a i fan della pagina. Solo due mesi dopo è stato svelato il legame tra l azienda inesistente e il film, con l effetto di incrementare - anziché frenare - il buzz già prodotto. Un analogo successo si è rivelata la web campaign di Draquila-L Italia che trema di Sabina Guzzanti (2010), con la creazione di un blog che invitava a partecipare a un ideale ricostruzione dell Italia: il coinvolgimento degli internauti ha generato quattro assemblee virtuali con la presenza di Sabina Guzzanti in videochat. A due settimane dall uscita del film, il sito ha poi ricoperto la sua usuale funzione di official site, forte del fatto che il posizionamento della pellicola sul mercato, e soprattutto nell immaginario del pubblico, fosse già avvenuto. Strategie del falso e partecipazione dal basso: estrogeni perfettamente leciti e forse indispensabili per promuovere il cinema nell era del web

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical

I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista. Musical Rimini, Centro Tarkosvkij - 31 ottobre e 1 novembre 2007 I ragazzi della Parrocchia di San Giovanni Battista presentano Musical Regia di Christine Joan in collaborazione con Don Alessandro Zavattini e

Dettagli

COME PARLARE DI CULTURA ONLINE

COME PARLARE DI CULTURA ONLINE Registro 6 COME PARLARE DI CULTURA ONLINE Consigli per gestire contenuti e pubblico creando un magazine di successo TIPS&TRICKS DI SIMONE SBARBATI INDEX 3 5 8 13 15 Introduzione Senza nome resta (sempre)

Dettagli

Andrea Crisanti scenografo

Andrea Crisanti scenografo UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di laurea in Lettere Andrea Crisanti scenografo RELATORE Prof. Paolo Bertetto CORRELATORE Prof. Andrea Minuz LAUREANDA Elisa

Dettagli

una distribuzione presenta una produzione

una distribuzione presenta una produzione una distribuzione presenta una produzione Un documentario in dieci capitoli che racconta attraverso un viaggio in auto i sogni e le visioni della Rockstar italiana. Sarà presentato alla 72a Mostra Internazionale

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO

Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Le scuole dell infanzia del 1 Circolo di ABBIATEGRASSO Scuola dell infanzia di v.le Papa Giovanni XXIII Scuola dell infanzia di Ozzero Scuola dell infanzia di Morimondo propongono ampliamento del progetto

Dettagli

Nicola Brunialti: credo che l ironia sia l unica salvezza

Nicola Brunialti: credo che l ironia sia l unica salvezza PANORAMA.IT Nicola Brunialti: credo che l ironia sia l unica salvezza Io l ho minacciato di defollowarlo su Twitter (il social dove l ho scoperto e dove ho stretto un legame di simpatia) un centinaio di

Dettagli

Soluzioni per la città che cambia

Soluzioni per la città che cambia Soluzioni per la città che cambia piano di comunicazione I bilancio di mandato I carta dei servizi I vetrine interattive I ufficio stampa e organizzazione eventi I web design I graphic design I multimedia

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito

Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito Grazie al percorso di intercultura attraverso:libri,foto,film e cari incontri,con persone che si occupano di questo importante argomento ho capito che la globalizzazione ha degli effetti positivi per il

Dettagli

MAGARI LE COSE CAMBIANO

MAGARI LE COSE CAMBIANO MAGARI LE COSE CAMBIANO di Andrea Segre Documentario, 62, Italia 2009 http://magarilecosecambiano.blogspot.com Sinossi Un film nel cuore delle nuove centralità romane: le moderne borgate di una società

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA CAMPO DI : I DISCORSI E LE PAROLE E il campo che permette ai bambini, opportunamente guidati, di estendere il patrimonio lessicale, le competenze

Dettagli

Discussione e confronti

Discussione e confronti farescuola Elena Troglia Discussione e confronti I bambini imparano proponendo problemi, discutendone, cercando soluzioni argomentative. La discussione diviene un importante strumento didattico: i ragazzi

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 2 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web LE BASI INDEX 3 7 13 16 Come creare e gestire con semplicità un sito web Le fasi da seguire per costruire

Dettagli

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere.

altrettante volte invece, si rifugiano in comportamenti che appartengono ad dal desiderio di conoscere. ICONOSCE PERSONAGGI ED AMBIENTI LE CONOSCENZE SARANNO VERIFICATE ATTRAVERSO LE SEGUENTI ATTIVITA 1. CONOSCENZE PREGRESSE:CHI E PETER PAN? Perché 2. DISEGNO narrare DEI PERSONAGGI: la fiaba di PETER Peter

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO

GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO GLI ELEMENTI DI UNO SPOT PUBBLICITARIO Uno spot pubblicitario è formato da tre elementi principali: IMMAGINI MUSICA PAROLE L INFLUENZA DELLO SPOT SULLO SPETTATORE LE IMMAGINI Possono, anche tramite l'utilizzo

Dettagli

La Felicità con gli occhi di

La Felicità con gli occhi di La Felicità con gli occhi di Di Paolo Sichel, Giorgia Zanierato e Sidney Fontana Classe 4 BSU Indice Felicità: Con la spensieratezza di un bambino Con la grinta dell adolescente Con la serenità di un adulto

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

T r a n s e u r o p A

T r a n s e u r o p A T r a n s e u r o p A EDIZIONI a cura di errico buonanno introduzione di chiara gamberale io, chiara e l oscuro t r a n s e u r o p a inaudita big La collana si propone di mostrare il laboratorio segreto

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Family Plot Il tema della conciliazione nel discorso cinematografico e mediale. Mariagrazia Fanchi-Ruggero Eugeni

Family Plot Il tema della conciliazione nel discorso cinematografico e mediale. Mariagrazia Fanchi-Ruggero Eugeni Family Plot Il tema della conciliazione nel discorso cinematografico e mediale Mariagrazia Fanchi-Ruggero Eugeni Lavorare sul lavoro_2 ottobre 2014 Il corpus_la produzione italiana degli ultimi 10 anni

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Il Potere delle Affermazioni

Il Potere delle Affermazioni Louise L. Hay Il Potere delle Affermazioni Ebook Traduzione: Katia Prando Copertina e Impaginazione: Matteo Venturi 2 È così bello essere qui. Sono venuta in Italia, a Roma, tante volte, ma ogni volta

Dettagli

Prof. Gozzini - Schede di analisi del testo Niccolò Ammaniti, Io e Te. Nome..Cognome Data

Prof. Gozzini - Schede di analisi del testo Niccolò Ammaniti, Io e Te. Nome..Cognome Data Scheda Prima Capitolo primo 1. A caccia di indizi. Le Epigrafi - Francis Scott Fitzgerald Aimee Mann Il mimetismo secondo Walter Bates 2. Il Prologo. Con quale procedimento narrativo ha inizio il romanzo?

Dettagli

Dieci regole-base per gestire la tua presenza sui social media (Facebook in particolare)

Dieci regole-base per gestire la tua presenza sui social media (Facebook in particolare) Dieci regole-base per gestire la tua presenza sui social media (Facebook in particolare) Multimedialità, relazione, cura, notizie in anteprima: gli ingredienti giusti per non finire nel rumore indistinto

Dettagli

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI

E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI E-BOOK CREARE UN VIDEO DIDATTICO EFFICACE FRANCESCO VALERIANI 1 CREARE UN VIDEO DIDATTICO GRATIS Esistono moltissime tipologie di video didattici, essi si possono distinguere in base al tempo: di breve,

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

I 5 errori più frequenti

I 5 errori più frequenti I 5 errori più frequenti degli ottici su di Mauro Gamberini In questo report scoprirai: i 5 errori più frequenti commessi dagli Ottici su FB Qual è l errore principale e perché non commetterlo i 5 motivi

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Io e le mie tracce Informazione per il docente

Io e le mie tracce Informazione per il docente Informazione per il docente 1/8 Compito Diverse persone e gruppi, ad esempio futuri datori di lavoro, locatori, banche ecc., sono interessati ad ottenere maggiori informazioni su determinate persone. Uso

Dettagli

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione

Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione 1 Visual explosion Il potere dell immagine nella strategia di comunicazione di Erika Barbato Andrea Carnevali CEO di Republic+Queen e Co-Founder di Wannabe, Agenzia specializzata in Strategia e Advertising

Dettagli

Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro

Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro realizzazione grafica: Valerio Rosati - Ufficio Stampa Rai Otto puntate, a partire da domenica 1 giugno, alle 20.20 su Rai3, con Pino Strabioli per raccontare alcuni grandi personaggi del Teatro italiano:

Dettagli

Gli ABITI RACCONTA-STORIE di NORGHEMILIA proposte narrative e laboratoriali per l anno educativo 2013/ 14

Gli ABITI RACCONTA-STORIE di NORGHEMILIA proposte narrative e laboratoriali per l anno educativo 2013/ 14 Gli ABITI RACCONTA-STORIE di NORGHEMILIA proposte narrative e laboratoriali per l anno educativo 2013/ 14 Cosa sono e come nascono gli Gli sono vestiti teatrali appositamente realizzati per proporre narrazioni

Dettagli

Sky TG24 per le scuole

Sky TG24 per le scuole Partiamo da una considerazione: una ricerca europea ha evidenzato che in Italia è ancora debole la capacità di orientarsi e sviluppare senso critico nei confronti del mondo dell informazione. Avete una

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B

Il Quotidiano in Classe. Classe III sez. B Il Quotidiano in Classe Classe III sez. B Report degli articoli pubblicati Dagli studenti sul HYPERLINK "iloquotidiano.it" Ilquotidianoinclasse.it Allestimento di Ottavia Ferrannini Supervisione di Chiara

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua!

Ora puoi studiare ed insegnare musica. nella comodità di casa tua! Ora puoi studiare ed insegnare musica nella comodità di casa tua! Se stai leggendo questo report vuol dire che ti sei iscritto alla mia lista di utenti interessati a questo nuovo progetto. Mille grazie

Dettagli

8 Il futuro dei futures

8 Il futuro dei futures Introduzione Come accade spesso negli ultimi tempi, il titolo di questo libro è volutamente ambiguo, ma in questo caso non si tratta solo di un espediente retorico: come spero si colga nel corso della

Dettagli

LEZIONE 2. SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA

LEZIONE 2. SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA LEZIONE 2 SECONDA UNITA DIDATTICA LEZIONE 2 (Lezione tratta da Scrivere Fabbri Editore) INTRODUZIONE ALLA SCRITTURA CREATIVA Immaginate la scrittura creativa come un cerchio dai tanti raggi o come una

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice.

Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Laura, 26 anni, di Martinsicuro (TE) è un aspirante sceneggiatrice. Ha una Laurea in Arti visive dello spettacolo. Il cortometraggio da lei scritto Maria Cristina per un soffio non ha fatto parte della

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Premio Franco Solinas 2014

Premio Franco Solinas 2014 ART. 1 PREMIO FRANCO SOLINAS E indetto il PREMIO FRANCO SOLINAS (il Concorso ). Premio Franco Solinas 2014 BANDO E REGOLAMENTO Il PREMIO FRANCO SOLINAS si rivolge a sceneggiatori professionisti, o sceneggiatori

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

Chi è lo sceneggiatore

Chi è lo sceneggiatore Chi è lo sceneggiatore Lo sceneggiatore, così come l autore di programmi televisivi, due ruoli assimilabili nei diversi processo di produzione dei rispettivi prodotti audiovisivi, è quel creativo che possiede

Dettagli

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE

SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE SUGGERIMENTI DI ATTIVAZIONE Documento di sintesi del Progetto Pilota AttivaMente Questo documento rappresenta un punto di arrivo di un progetto pilota interreg chiamato AttivaMente. AttivaMente è una delle

Dettagli

MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT

MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT MY PERSONAL BRANDING SOFIA SCATENA SOFIA@MYPERSONALBRANDING.IT CHE COS È IL MARKETING BRANCA DELL ECONOMIA CHE UNISCE PRODUTTORI CONSUMATORI PER UNO SCAMBIO RECIPROCAMENTE VANTAGGIOSO E IL MARKETING MIX

Dettagli

presentano SPAGHETTI STORY un film di Ciro De Caro PFA FILMS ENJOY MOVIES una produzione

presentano SPAGHETTI STORY un film di Ciro De Caro PFA FILMS ENJOY MOVIES una produzione Pier Francesco Aiello presentano Andrea de Liberato SPAGHETTI STORY un film di Ciro De Caro una produzione PFA FILMS ENJOY MOVIES Quattro giovani adulti dei nostri giorni, affamati da un avvizzita speranza

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA

STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA STRANGE MUSIC HERO COME AVERE SUCCESSO SUONANDO UNO STRUMENTO STRANO DI PIETRO FESTA PREFAZIONE DI MAURO VENTOLA Ci troviamo in un particolare momento storico, in cui dobbiamo affrontare una nuova grande

Dettagli

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA.

TEST LIVELLO B1 QCE COMPRENSIONE ORALE DETTATO ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. TEST LIVELLO B1 QCE NOME COGNOME. CLASSE.. DATA.. COMPRENSIONE ORALE DETTATO. ASCOLTA IL DIALOGO E POI SCEGLI LA RISPOSTA. 1.. Fabio e Barbara si incontrano A) alla stazione di Pisa. B) all aeroporto di

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini

Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti. per i bambini 20 15 16 Spettacoli, attività didattiche e laboratori, percorsi, formazione docenti per i bambini Gentili Insegnanti, per la seconda volta il nostro programma si presenta in una veste grafica snella e

Dettagli

APP TUTTI PAZZI PER L'...!

APP TUTTI PAZZI PER L'...! PPROFESSIONE FARMACIA APP TUTTI PAZZI PER L'...! PROFESSIONE FARMACIA di Alessandro Fornaro, giornalista e farmacista Alcuni siti propongono a negozi, ristoranti e qualsiasi altra sorta di attività commerciale

Dettagli

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema

Capitolo 6. Il montaggio: la grammatica del cinema Capitolo 6 Il montaggio: la grammatica del cinema Frammentazione dello spazio DÉCOUPAGE LA GRAMMATICA DEL CINEMA IL MONTAGGIO Operazione che consiste nell unire la fine di una inquadratura con l inizio

Dettagli

Un racconto che ci racconta

Un racconto che ci racconta Book Un racconto che ci racconta About anthos tra memoria e futuro Formazione e comunicazione attraverso ricerca, elaborazione e contaminazione tra saperi, finalizzate al potenziamento delle risorse. Ogni

Dettagli

incrementa il tuo business

incrementa il tuo business incrementa il tuo business 1 mission L attività di marketing si concretizza attraverso l elaborazione di un progetto specifico proposto ai nostri partners. L intento? Quello di raggiungere maggior successo,

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione

I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione I 47 Errori Più Comuni Della Seduzione "Il Primo Ebook In Italia Che Ti Svela Gratuitamente Tutti Gli Errori Che Commetti Durante La Seduzione" Istruzioni passo per passo... Parte 1 Dal 1 al 10 1 I 47

Dettagli

Partecipo. Zoom Zoom Festival. Arte e Installazioni Design Corti e Visual Do una mano. 6/7/8/9 Giugno 2013 Parco Ex-Fornace, Noventa Padovana

Partecipo. Zoom Zoom Festival. Arte e Installazioni Design Corti e Visual Do una mano. 6/7/8/9 Giugno 2013 Parco Ex-Fornace, Noventa Padovana Partecipo Arte e Installazioni Design Corti e Visual Do una mano Zoom Zoom Festival 6/7/8/9 Giugno 2013 Parco Ex-Fornace, Noventa Padovana zoomfrominside.it Zoom Zoom Festival è un contenitore di idee,

Dettagli

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 WEB MARKETING 2.0 La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 È un stato di evoluzione del Web, caratterizzato da strumenti e piattaforme che enfatizzano la collaborazione e la condivisione

Dettagli

La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione. Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015

La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione. Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015 La Campagna di informazione e comunicazione: ideazione, monitoraggio e valutazione Davide Bergamini Roma 24 giugno 2015 GLI ATTORI DELLA COMUNICAZIONE 1 MEDIA MODERNI, CONTEMPORANEI E UGC: il bombardamento

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

gli occhi sulla città il cinema tra gli spazi urbani

gli occhi sulla città il cinema tra gli spazi urbani gli occhi sulla città il cinema tra gli spazi urbani concorso - II edizione il cinema che rif lette Il Laceno d Oro, nella sua tradizionale - e in qualche modo utopistica - denominazione di Festival del

Dettagli

Comunicare Dott. Generoso Di Zenzo 1 PARLARE IN PUBBLICO Il giorno della presentazione è ormai arrivato: la sala si sta riempiendo, tante paia di occhi che un momento fa si guardavano attorno, osservando

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

SOSTIENI IL GRANDE CINEMA DIVENTA SOSTENITORE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA

SOSTIENI IL GRANDE CINEMA DIVENTA SOSTENITORE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA SOSTIENI IL GRANDE CINEMA DIVENTA SOSTENITORE DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL FILM DI ROMA LA FONDAZIONE CINEMA PER ROMA La Fondazione Cinema per Roma è nata nel 2007 nella convinzione che la cultura costituisca

Dettagli

TU sai lavorare bene, NOI lo facciamo sapere. Comunicazione Ufficio stampa Produzioni editoriali. moretti. comunicazione

TU sai lavorare bene, NOI lo facciamo sapere. Comunicazione Ufficio stampa Produzioni editoriali. moretti. comunicazione TU sai lavorare bene, NOI lo facciamo sapere Comunicazione Ufficio stampa Produzioni editoriali moretti comunicazione I NOSTRI SERVIZI Consulenza per l immagine e le relazioni pubbliche Ufficio Stampa

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

PROGETTARE UNA PAGINA WEB

PROGETTARE UNA PAGINA WEB PROGETTARE UNA PAGINA WEB Che differenza c è tra una grafica cartacea e una grafica per web? Nella maggior parte dei casi, quando parliamo di grafica cartacea parliamo di cartellonistica volantini, manifesti

Dettagli

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA

GIOCANDO D ARTE. Realizzato in collaborazione con. Il girotondo dell arte. di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2009/10 GIOCANDO D ARTE Realizzato in collaborazione con Il girotondo dell arte di DANIELA AMATI e SARA CRIPPA IL GIROTONDO DELL ARTE snc (laboratori didatticiartistici,

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Ritengo che il vero motivo sia molto più grave: questi sono soggetti che si sono sempre aggirati

Ritengo che il vero motivo sia molto più grave: questi sono soggetti che si sono sempre aggirati 1 ANNO 3, NUMERO 11 MARZO 2014 Editoriale Ma tutto questo vir(t)uale non ci farà male alla salute? A cura di Silvia Bertolotti Se non sei su Facebook non esisti. Questa affermazione, che ho sentito qualche

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Primi Passi Guadagno

Primi Passi Guadagno Primi Passi Guadagno Online Questo è un report gratuito. E possibile la sua distribuzione, senza alterare i contenuti, gratuitamente. E vietata la vendita INTRODUZIONE Mai come in questo periodo è scoppiato

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

Linee guide per la scrittura di una sceneggiatura

Linee guide per la scrittura di una sceneggiatura Linee guide per la scrittura di una sceneggiatura Introduzione Ci sono alcune regole e convenzioni che consigliamo di seguire quando si scrive una sceneggiatura per il Concorso di Sceneggiatura Nisi Masa.

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook

Costruisci la tua presenza con le Pagine Facebook Pagine 1 Costruisci la tua presenza con le Pagine Una guida per musicisti e artisti La Ogni giorno, milioni di persone in tutto il mondo visitano per connettersi con gli amici e condividere i propri contenuti

Dettagli

2.0: Facebook per dialogare con i clienti e promuovere un territorio. A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.

2.0: Facebook per dialogare con i clienti e promuovere un territorio. A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara. 2.0: Facebook per dialogare con i clienti e promuovere un territorio A cura di Claudia Zarabara scrivi@claudiazarabara.it Novembre 2015 Dal Web 1.0 al Web 2.0 WEB 1.0 USO LA RETE WEB 2.0 SONO IN RETE WEB

Dettagli

Preventivo vacanze. Carlo Romanelli. (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni

Preventivo vacanze. Carlo Romanelli. (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni Carlo Romanelli (in collaborazione con Franco Favilli e Laura Maffei) Nucleo: Numeri, relazioni e funzioni Introduzione Tematica: Costruzione, entro un budget assegnato, di un preventivo per le proprie

Dettagli

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano.

LA STORIA SIAMO NOI. Il tempo passa e le cose cambiano. SCHEDE infanzia - 2 3-10-2007 16:33 Pagina 1 1 Il tempo passa e le cose cambiano. Quali cambiamenti notiamo in noi e nel mondo che ci circonda? Ad esempio, riusciamo ancora a mettere gli abiti e le scarpine

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli