ISTITUTO COMPRENSIVO GRAZIE TAVERNELLE. Non possiamo dirigere il vento, ma possiamo orientare le vele

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO GRAZIE TAVERNELLE. Non possiamo dirigere il vento, ma possiamo orientare le vele"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO GRAZIE TAVERNELLE Non possiamo dirigere il vento, ma possiamo orientare le vele PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA 2008/2012

2 Mario Giacomelli Felicità raggiunta, si cammina Felicità raggiunta, si cammina per te sul fil di lama. Agli occhi sei barlume che vacilla, al piede, teso ghiaccio che s'incrina; e dunque non ti tocchi chi più t'ama. Se giungi sulle anime invase di tristezza e le schiari,il tuo mattino e' dolce e turbatore come i nidi delle cimase. Ma nulla paga il pianto del bambino a cui fugge il pallone tra le case. Eugenio Montale, Ossi di seppia

3 Articolazione del Piano dell offerta formativa Dopo aver cercato di definire l identità dell Istituto attraverso l analisi della realtà territoriale e l individuazione delle scelte culturali e valoriali, il POF si articola nella declinazione e nell esplicitazione delle scelte educative, didattiche e organizzative. Sembra doveroso sottolineare comunque che si tratta di tre ambiti tra loro strettamente correlati da rapporti indisgiungibili che, solo per dovere metodologico, analizzeremo separatamente. I rapporti tra l ambito educativo, quello didattico e quello organizzativo infatti, non sono di tipo lineare e unidirezionale, ma di natura sistemica: le scelte educative orientano necessariamente quelle didattiche e metodologiche e si traducono in un modus operandi che, a sua volta, influenza la struttura organizzativa. In una logica di ricorsività poi, la struttura organizzativa condiziona l agire didattico e quindi il clima educativo.

4 Che cos è il POF La maggior parte dei POF elaborati dalle Istituzioni scolastiche, si apre con un interrogativo: che cos è un POF? La domanda in realtà, tutt altro che retorica, è assolutamente legittima dal momento che la Scuola utilizza spesso un linguaggio, accessibile agli addetti ai lavori, attraverso il ricorso frequente ad acronimi specifici e comprensibili solo ai tecnici. Il chiarimento, dunque, è d obbligo affinché non solo si possa comprendere il significato letterale, ma soprattutto affinché il Piano possa entrare in una logica diffusa di condivisione di senso e non rimanga relegato alla cultura del mero adempimento formale. Innanzi tutto POF sta per Piano dell Offerta Formativa e la sua redazione è stata stabilita dal DPR N. 257, 8/03/1999 CAPO II art.3 in cui si afferma: Ogni istituzione scolastica predispone, con la partecipazione di tutte le sue componenti, il POF. Il POF deve quindi rappresentare il documento di sintesi delle scelte educative dell Istituto, in grado di restituire al più vasto pubblico le linee di indirizzo ed i valori comuni assunti a riferimento dell agire educativo. Il Piano dell Offerta Formativa e un progetto che media le esigenze del territorio (socioeconomiche e culturali), con le finalità educative e gli obiettivi generali proposti dalle Istituzioni alla scuola di cui il P.O.F. è espressione. Esso si basa su principi condivisi, la sua redazione avviene all insegna della collegialità e, per quanto attiene all impianto generale, alle finalità ed ai valori, non può che avere un respiro pluriennale. Gli aggiornamenti annuali riguarderanno pertanto la dimensione organizzativa delle attività e tutto quanto si possa rendere necessario alla luce delle verifiche e valutazioni periodiche previste. QUALI PRINCIPI? della Carta Costituzionale della Convenzione Internazionale sui Diritti dell Infanzia della Carta dei Valori, della Cittadinanza e dell Integrazione dei Testi Programmatici Istituzionali del regolamento dell Autonomia Scolastica (DPR 275/99) dello Statuto delle studentesse e degli studenti dell identità culturale e pedagogica dell Istituto QUALI SONO I SOGGETTI CHE DEVONO GARANTIRLI? Famiglia, come prima istituzione responsabile del bambino/a - ragazzo/a

5 Scuola come istituzione responsabile di formare la persona e il cittadino Istituzioni (Stato, Regione, Comune) responsabili di fornire risorse umane e materiali (operatori, spazi, tempi, strumenti) per garantire un servizio adeguato, sicuro, efficiente. La Complessità Il quadro storico-culturale caratterizzato da complessità, instabilità, incertezza, come quello in cui oggi viviamo, impone cambiamenti anche al mondo dell educazione, al nostro fare scuola. Questo contesto, molto spesso vissuto come destabilizzante, non può essere pensato come aprioristicamente negativo, ma al contrario, è indispensabile rifondare valori e punti di riferimento, aprirsi a nuove opportunità di vita individuale e nuovi scenari culturali, distruggere fastidiosi e ingombranti stereotipi, creare nuove possibilità, nuovi modelli, nuovi orizzonti d incontro, di scelta e di libertà. D altra parte sappiamo tutti bene che ogni situazione di cambiamento, anche se desiderata e vissuta come migliorativa, comporta sempre qualche elemento di crisi, un sentimento ambivalente di resistenza e di rimpianto. Nei momenti storici e nei contesti culturali in cui gli appartenenti ad una comunità condividevano credenze e verità, i progetti e le pratiche di educazione avevano a disposizione un corpus di idee, conoscenze e competenze sulla base delle quali plasmare le identità dei soggetti in formazione. Nell attuale periodo storico è necessario invece mettere al centro del proprio progetto educativo l identità e la soggettività degli educandi nella misura in cui non esiste più possibilità di generalizzare o anche solo gerarchizzare modelli epistemologici, credenze, conoscenze e competenze, ma occorre che ciascuno dei soggetti in formazione riceva opportunità e strumenti per costruire se stesso e il proprio sapere in nome del valore della complessità e della differenza. Il contesto territoriale L Istituto gravita sul territorio della 3 Circoscr izione e, in misura limitata, della 2 Circoscrizione, un area territoriale poco estesa, ma tra le più densamente popolate del Comune di Ancona. I nuclei familiari sono costituiti per lo più da coppie con uno o due figli o da famiglie mononucleari. Gli uomini, in genere, hanno un livello di istruzione inferiore rispetto alle donne. Le professioni alte sono esercitate da pochi, mentre l occupazione prevalente è di tipo

6 impiegatizio, operaio ed ausiliario. Le attività economiche sono soprattutto di tipo commerciale, con la presenza di poche attività artigianali. Non emergono situazioni di pesante disagio economico, anche se diverse persone non svolgono un attività lavorativa in modo stabile e continuativo. Nel quartiere, inoltre, si registra, ogni anno, un progressivo aumento della presenza di lavoratori e residenti extracomunitari. I servizi, in particolare quelli socio-culturali, sono piuttosto carenti: gli abitanti trascorrono il tempo libero nei circoli o nei centri sociali del quartiere, oppure prendono parte alle attività della parrocchia. I modelli socio-culturali dominanti sono quelli tipici della società attuale: la nuclearizzazione provoca un accentuato investimento emotivo-affettivo dei genitori sui propri figli con la conseguenza dell instaurarsi di una condizione che pregiudica una crescita equilibrata e non favorisce lo sviluppo di una progressiva e indispensabile conquista dell autonomia; la varietà delle tipologie, o meglio, delle convivenze familiari, molto diverse da quelle tradizionali, fanno sì che la famiglia, oggi, non sia più un qualcosa di immutabile e uguale per tutti. Ne consegue una tendenza verso forme di individualismo; i nuovi ruoli sociali assunti soprattutto dalla donna e le sue migliori possibilità di realizzazione sul piano personale e sociale da una parte, e il fatto che entrambi i genitori lavorino dall altra, fanno sì che il bambino trascorra gran parte del tempo da solo; la comunicazione genitori/figli, specialmente là dove esistono problemi, è difficile e diventa poco praticabile, se non addirittura assente, man mano che i problemi si fanno più gravi e si configurano come espressione di vero e proprio disagio. Il coesistere di situazioni così diversificate e contrastanti, a fronte di una richiesta delle famiglie che privilegia: la preparazione scolastica come fattore di successo per il prosieguo degli studi; un tempo scuola che sappia tener conto delle esigenze degli orari di lavoro del nucleo familiare; carichi di lavoro scolastico (i compiti a casa!) non troppo pesanti per gli alunni, ma anche per le famiglie; impegna la scuola a svolgere un ruolo di presenza attiva nel territorio affinché trovi espressione, affermazione e realizzazione una cultura che, ispirandosi a principi di uguaglianza, libertà e solidarietà, aiuti il bambino prima, il giovane poi alla costruzione della propria identità personale, nella sua apertura alla partecipazione solidale alla vita sociale, nella sua capacità di vivere progettualmente, vale a dire a porre un certo insieme di valori come

7 orientamento della sua avventura esistenziale e a riavviare una comunicazione esistenzialmente significativa tra adulti e giovani. In questo contesto socio-culturale in un clima di forte tensione verso una corresponsabilità educativa con le famiglie, ricordiamo un altra caratteristica di questo istituto relativamente all integrazione degli alunni stranieri. Nel corso degli anni, la presenza di studenti con cittadinanza non italiana nelle nostre scuole è andata costantemente crescendo fino a raggiungere oggi il 12% della popolazione scolastica. L esperienza fin qui condotta, ci ha spinto alla condivisione e alla realizzazione di un modello di scuola dell integrazione fondato sull inserimento dei ragazzi da subito nelle classi comuni e la contemporanea offerta dei dispositivi di sostegno, per l apprendimento linguistico e per l aiuto allo studio, adeguati e specifici. In questi piani e progetti, gli studenti non italofani apprendono l italiano seconda lingua grazie a moduli dedicati e intensivi, realizzati anche prima dell inizio delle lezioni (ad esempio, durante i primi 15 giorni di settembre) e che continuano poi nel primo e secondo quadrimestre. Attualmente, maggiori attenzioni e risorse, qualificate e continuative, si stanno investendo verso progetti di educazione alla cittadinanza e alla convivenza democratica. Grande impegno viene profuso anche verso le famiglie immigrate, affinché l integrazione dei bambini e dei ragazzi non si fermi solamente all interno delle mura scolastiche, ma sia anche di natura sociale.

8 Alcuni dati del territorio POPOLAZIONE RESIDENTE AL 31/05/ POPOLAZION E RESIDENTE AL 31/05/08 MASCHI FEMMINE POPOLAZIONE STRANIERA POPOLAZION E STRANIERA MASCHI FEMMINE POPOLAZIONE DIVISA PER CLASSI D ETÀ Albanes e Rumena Bengale se Tunisina Filippina Polacca Ucraina Peruvia na Cinese Marocch ina Altre nazionali MASCHI FEMMINE POPOLAZIONE STRANIERA DIVISA PER CLASSI D ETÀ anni 3-5 anni 6-10 anni anni anni anni 65 anni e MASCHI FEMMINE

9 POPOLAZIONE SCUOLA DELL'INFANZIA Scuola Scuola Scuola Scuola MASCHI FEMMINE TOTALE POPOLAZIONE SCUOLA PRIMARIA Scuola primaria Scuola primaria MASCHI FEMMINE TOTALE POPOLAZIONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Scuola secondaria di primo grado Marconi MASCHI 179 FEMMINE 123 TOTALE 302

10 Dati alunni con cittadinanza non italiana POPOLAZIONE SCUOLA DELL'INFANZIA Scuola dell'infan Scuola dell'infan Scuola dell'infan Scuola dell'infan MASCHI FEMMINE TOTALE POPOLAZIONE SCUOLA PRIMARIA Scuola primaria Scuola primaria MASCHI FEMMINE TOTALE POPOLAZIONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 50 0 Scuola secondaria di primo grado Marconi MASCHI 22 FEMMINE 21 TOTALE 43

11 Rapporto alunni autoctoni/alunni con cittadinanza non italiana Scuole dell'infanzia Autoctoni Alunni con cittadinanza non italiana 13% 87% Scuola dell'infanzia Fantasia 12% Autoctoni 88% Alunni con cittadinanza non italiana Scuola dell'infanzia Sabin Autoctoni 17% Alunni con cittadinanza non italiana 83%

12 Scuola dell'infanzia di Varano Autoctoni Alunni con cittadinanza non italiana 8% 92% Scuola dell'infanzia Verbena Autoctoni Alunni con cittadinanza non italiana 4% 96% Scuole primarie Autoctoni Alunni con cittadinanza non italiana 11% 89%

13 Scuola primaria Maggini Autoctoni 10% Alunni con cittadinanza non italiana 90% Autoctoni 13% Scuola Savio Alunni con cittadinanza non italiana 87%

14 Le nostre scelte L Etica è l asse centrale intorno a cui ruotano i contenuti educativi e formativi del nostro Istituto. Etica intesa come condivisione e rispetto dei valori fondanti la relazione educativa. Tutte le scuole, con la professionalità dei docenti e dello staff educativo, sono impegnate nella creazione di un ambiente sicuro e accogliente. Le scelte di fondo irrinunciabili e comuni a tutto l Istituto Comprensivo si declinano in base all età dei ragazzi e alla specificità dell ordine di scuola frequentato, dalla scuola dell infanzia sino alla scuola secondaria di primo grado. CENTRALITA DELLA PERSONA: considerare la singolarità e la complessità di ogni

15 persona, della sua articolata identità, delle sue aspirazioni, capacità e delle sue fragilità, nelle varie fasi di sviluppo e di formazione. MISSIONE DELLA SCUOLA: offrire saperi utili alla conoscenza di sé, alla conoscenza del mondo per stare bene con sé stessi e con gli altri. SAPERI: promuovere i saperi propri di una cittadinanza del futuro per vivere in un ambiente naturale e culturale sostenibile. L attenzione è rivolta alla cultura, alle discipline e agli ambiti disciplinari e contemporaneamente al benessere personale e relazionale degli alunni e degli adulti che vivono la scuola.

16 I principi valoriali di riferimento

17 Educazione alla cittadinanza e prevenzione del bullismo Attraverso l educazione alla cittadinanza la scuola vuole condurre i ragazzi all acquisizione di strumenti relativi all assunzione di responsabilità nella vita sociale e civica. Ha quindi come obiettivo la formazione del cittadino, individuo e soggetto attivo nell ambito della vita collettiva (politica, sociale, economica). Nelle Indicazioni per il Curricolo si afferma che La scuola è in grado di promuovere la condivisione di quei valori che fanno sentire i membri della società come parte di una comunità vera e propria Il sistema educativo deve formare cittadini in grado di partecipare consapevolmente alla costruzione di collettività più ampie e composite, siano esse quella nazionale, quella europea, quella mondiale. Deve perciò porsi il compito più ampio di educare alla convivenza proprio attraverso la valorizzazione delle diverse identità e radici culturali di ogni studente. Inoltre Insegnare le regole del vivere e del convivere è per la scuola un compito oggi ancora più ineludibile rispetto al passato, perché sono molti i casi nei quali le famiglie incontrano difficoltà più o meno grandi nello svolgere il loro ruolo educativo (dalle Indicazioni per il Curricolo ). Non ultima conseguenza di questo fatto è il dilagare del fenomeno del bullismo, sia nelle sue forme più evidenti, quali la prevaricazione, le aggressioni e le umiliazioni fisiche, sia nelle sue forme più sottili e meno visibili, quali l isolamento sociale e la derisione costante. L educazione alla cittadinanza si sviluppa attraverso più nuclei di base. Educazione alla cittadinanza come identità La scuola crea le condizioni che favoriscono comportamenti di cittadinanza attiva all interno dell istituto e nel territorio e quindi attiva a tale scopo delle iniziative. Appartenenza all Istituto Viene sollecitata la collaborazione nella formulazione delle regole e delle misure sanzionatorie (come da DPR 249/98 Statuto delle studentesse e degli studenti) Si sottoscrive il Patto Formativo Viene promossa la conoscenza dei ruoli e delle competenze delle diverse componenti dell istituto Si favorisce la partecipazione al Consiglio degli studenti Appartenenza al territorio Viene favorita la conoscenza, da parte degli alunni, del territorio in cui vivono nei suoi aspetti economici, sociali, politici; La scuola partecipa alle iniziative territoriali e sollecita Enti, Istituzioni e le altre agenzie educative alla collaborazione; Vengono attivati percorsi di educazione ambientale collegati al proprio territorio. Educazione alla cittadinanza attiva La scuola promuove anche l acquisizione di alcuni obiettivi formativi che sono alla base del vivere comune.

18 Educazione alla convivenza e alla solidarietà sociale Essere sensibili alle esigenze della vita sociale comunitaria, così come sono sancite dalla Costituzione Acquisire la consapevolezza della pari dignità sociale e dell eguaglianza di tutti i cittadini. Acquisire consapevolezza e competenza pratica nel campo della solidarietà Affinare la sensibilità alle diversità e alle differenze Acquisire e consolidare atteggiamenti di confronto costruttivo con persone, popoli e altre culture Sentire il dovere di contribuire in modo concreto alla qualità della vita della società Educazione alla legalità e alla pace Saper essere cittadini nel confronto costruttivo e nel rispetto verso se stessi e gli altri. Essere consapevoli di essere titolari di diritti e di doveri. Comprendere il significato delle regole per la convivenza nella società e della necessità di rispettarle. Educare alla pace e a pensare alla pace come condizione essenziale per la promozione e il rispetto dei diritti umani di tutti. Per raggiungere queste finalità la scuola adotta le seguenti strategie: inserisce specifici obiettivi di apprendimento rivolti allo sviluppo del senso di cittadinanza nei diversi curricoli; promuove nell ambito di tutte le attività di apprendimento competenze per l esercizio della cittadinanza attiva; prevede la realizzazione di percorsi interdisciplinari di formazione alla cittadinanza; introduce forme di apprendimento collaborativo; promuove esperienze significative che favoriscano forme di cooperazione e solidarietà; permette a tutti la più ampia partecipazione nel rispetto delle molteplici diversità. L educazione alla cittadinanza è sviluppata nell ottica della continuità e della trasversalità in quanto coinvolge i vari ambiti educativi della scuola dell infanzia e le diverse discipline delle scuole primaria e secondaria.

19 Educazione ambientale e scientifica Nell'attuale situazione del pianeta, in cui la questione ambientale è essenziale e prioritaria per la stessa vita della comunità dei viventi, è più che mai opportuno ribadire la necessità e l'urgenza dell'educazione Ambientale. Questa Educazione richiede un profondo cambiamento culturale soprattutto nei modi di pensare e di vivere della civiltà occidentale, in quanto si tratta di trasformare una mentalità e di riproporre un'etica di valori e di comportamenti oggi non comunemente condivisi. Per quanto riguarda la mentalità ci si riferisce ad un necessario superamento dell'antropocentrismo (l'uomo dominatore e possessore della natura, o della terra) che ha caratterizzato la concezione del rapporto uomo-ambiente, per una visione biocentrica nella quale l'uomo si riconosca parte di essa e ad essa appartenente. Ne nasce, quindi, un'etica rivolta al riconoscimento di tutto ciò che esiste e al rispetto della sua diversità. In un progetto di Educazione Ambientale finalità essenziale è il proporsi una società solidale che affronti i problemi dello sviluppo tenendo conto della sostenibilità con l'ambiente e dei diritti delle popolazioni più povere oltre che di quelli delle generazioni future. L'approfondimento del significato dell'educazione all'ambiente, (con la creazione di conoscenze ed azioni per l'ambiente e nell'ambiente) è possibile se si ridiscutono alcuni aspetti della relazione uomo-mondo, riappropriandosi di una visione di rapporto profondo con lo spazio territoriale e gli eventi che lo caratterizzano, individuando le trasformazioni presenti nell'ambiente e le informazioni che ne derivano, collocando conoscenze ed azioni in una dimensione spazio-temporale rinnovata del paesaggio e nella riprogettazione di una cultura scolastica aperta all'ambiente. Tale riprogettazione privilegia il contatto della scuola con l'ambiente, promuovendo percorsi educativi di sperimentazione del territorio e del contesto ambientale, secondo le modalità operative fondate sul trasferimento dei procedimenti della ricerca scientifica nella didattica. Con l'educazione ambientale non si vuole creare una nuova disciplina specialistica. L'approccio più corretto consiste nel programmare le relazioni tra le varie discipline: i vari linguaggi possono concorrere all'acquisizione di un sapere unitario. Fare educazione ambientale non significa soltanto sviluppare la conoscenza di una determinata questione ambientale. Significa anche promuovere atteggiamenti, comportamenti consapevoli, più responsabili e motivati nei confronti delle risorse naturali. L'educazione ambientale favorisce la progettazione di esperienze didattiche in cui si adottano metodi scientifici e stili di lavoro innovativi, in grado di coinvolgere e motivare gli alunni. Le esperienze di questi anni ci hanno insegnato quanto sia importante offrire agli studenti strumenti cognitivi, prima ancora che informazioni. Il nostro Istituto Comprensivo continua a promuovere, attraverso i suoi progetti, attività di educazione ambientale rivolte alle scuole di Ancona, poiché crede che stabilire un rapporto corretto con l ambiente naturale sia un fattore indispensabile per una formazione equilibrata della persona umana. L esplorazione e la conoscenza della natura, condotte con l intento di stabilire rapporti e atteggiamenti positivi, sono di

20 primaria importanza nella vita della persona, ed in primo luogo del bambino, poiché consentono non solo atteggiamenti di rispetto, ma anche un affinamento del gusto e del senso estetico e l ingresso in un mondo misterioso carico di interrogativi e di fascino inesauribile. (Montuschi 2004). Conoscere e scoprire la natura come fonte inesauribile di ricchezze, sarà la motivazione che spingerà le giovani generazioni a proteggerla e conservarla. A tal fine il nostro Istituto ha attivato negli anni dal 99 al 2007 i seguenti laboratori: orto biologico, serra, laboratorio di archeologia delle piante da frutto stagno, energie rinnovabili, ceramica, museo di scienze naturali. Ogni laboratorio scientifico continua la sua attività didattica di osservazione all interno della classe con: Terrari, semina in classe, condominio delle lumache, lombricaio, esperimenti nei laboratori scientifici sul terreno (prove di sedimentazione per la conoscenza dei vari strati e dei costituenti minerali, misurazione del ph del suolo, prove di germinazione dei semi, esperimenti sulla fotosintesi clorofilliana) Stazione metereologica; Riproduzione dell ecosistema stagno in piccoli acquari, analisi delle acque dello stagno per il riconoscimento della microflora e della microfauna acquatiche; Studio del risparmio energetico; Studio degli ecosistemi terrestri: bosco, campagna, acque dolci, mare. Il benessere La scuola è il luogo dove si affinano abilità, si sviluppano competenze, si acquisiscono conoscenze e saperi; essa inoltre rappresenta un luogo dove bambini e ragazzi passano gran parte del loro tempo. Il doversi attenere ad orari, spazi, attività richiede loro un notevole sforzo di adattamento. Anche i rapporti interpersonali, con i compagni e soprattutto con gli adulti, rappresentano una quotidianità a cui non ci si può sottrarre ed a volte può risultare faticoso sul piano emotivo. Infine la scuola è il luogo dove ogni discente viene continuamente valutato, a volte in maniera discreta e sfumata, altre volte in modo più evidente, attraverso giudizi di cui non è sempre facile sopportare il peso. Tutto questo rende comprensibile il fatto che molte difficoltà emergano proprio a scuola. Alcune sono direttamente collegate agli apprendimenti, altre, non meno gravi, si manifestano sul piano dei comportamenti. Sempre più spesso gli alunni presentano instabilità caratteriale, fragilità nelle frustrazioni, timidezza ed ansia eccessive, depressione, ossessività verso la perfezione, competitività negativa, fino a qualche caso di bullismo. Queste manifestazioni sono sintomi di un disagio evolutivo che si accentua nella situazione scolastica ma le cui cause vanno spesso cercate altrove. In alcuni casi tale disagio compare sotto l'aspetto psicosomatica, con mal di testa, mal di stomaco, depressioni e stanchezze non riconducibili a specifici problemi di salute. Di fronte a queste situazioni è sempre necessaria un analisi pedagogica che chiarisca le condizioni educative in cui sono cresciuti i bambini ed i ragazzi. Talvolta è sufficiente modificare alcuni atteggiamenti messi in atto dai genitori o dagli insegnanti perché le manifestazioni più evidenti si riducano o scompaiano. Più spesso è necessario operare

21 per una più positiva rappresentazione delle proprie capacità e dei rapporti che il ragazzo vive a casa e a scuola, liberando risorse emotive ed intellettuali "bloccate" da una scarsa stima di sé oppure da aspettative mal poste o improprie. All'interno di queste difficoltà appare quantomai appropriato un approccio di tipo pedagogico, finalizzato cioè non tanto alla diagnosi clinica di un eventuale disturbo quanto al cambiamento delle condizioni che provocano il problema, siano esse interne o esterne, educative o di altra natura. Per tutti, la strada non può essere che quella di promuovere lo "star bene" dei bambini, dei ragazzi, degli adolescenti attraverso la buona gestione delle risorse proprie e dei mondi vitali in cui crescono. "Troppo spesso nella scuola si è portati a trascurare gli aspetti emotivi del processo di sviluppo dell'allievo. A tutto vantaggio di quelli puramente cognitivi, dimenticando che l'individuo è totalità integrata ed organizzata e nella sua totalità va educato. Senza contare che, in ogni situazione di apprendimento, c'è un'osmosi tra sfera affettiva e conoscitiva. Gli atteggiamenti, le aspettative più o meno esplicite, le comunicazioni verbali e non verbali dell'adulto influiscono sul bambino unitamente alle sue motivazioni personali, facilitando o ostacolando qualsiasi acquisizione conoscitiva. Così come è altrettanto vero che la conquista di nuove abilità cognitive rafforza nel fanciullo la stima di sé, soddisfa il bisogno di sicurezza, favorisce l'accettazione del bambino da parte di insegnanti e genitori Importanza fondamentale ha quindi nella scuola l'educazione affettiva che, avviando l'individuo ad avere una positiva e realistica immagine di sé e facilitando l'instaurarsi di gratificanti rapporti con gli altri, costituisce un efficace mezzo di formazione di individui psichicamente sani e, conseguentemente, diventa strumento di prevenzione della malattia mentale e della devianza". (Da Donata Francescato, Anna Putton, Simona Cudini, Star bene insieme a scuola - Strategie per un'educazione socio-affettiva dalla materna alla media inferiore, pag.14 e 15, NIS La Nuova Italia Scientifica, Roma 1986.) Il benessere è uno stato che coinvolge tutti gli aspetti dell'essere umano: fisico, emotivo, mentale, sociale e spirituale; esso consente alle persone di raggiungere e mantenere il loro potenziale personale nella società. Consapevole dell'importanza fondamentale di tale aspetto in fasce di età particolarmente sensibili e recettive impegnate in un percorso di costruzione dell'identità, l'istituto Comprensivo attua iniziative volte a promuovere il benessere scolastico e ad attenuare eventuali forme di disagio presenti nei vari plessi : favorendo lo sviluppo della personalità di ciascun allievo, sostenendolo all'interno della realtà apprenditiva in cui è inserito, creando un clima scolastico positivo ed accogliente, rendendo partecipi tutti i soggetti del processo formativo (personale della scuola, famiglie, studenti e territorio). Far stare bene i ragazzi a scuola significa operare verso la rimozione degli ostacoli di ordine psicologico, sociale, relazionale e culturale che rendono difficoltoso il processo di

22 insegnamento-apprendimento e creare motivazione e agio, elementi indispensabili al raggiungimerto dell'obiettivo-guida di quest'area che consiste nel catturare l attenzione e l interesse dei bambini/ragazzi e costruire un ambiente capace di far accendere la scintilla della motivazione all apprendimento in un clima di serenità personale, relazionale e sociale. L'Istituto Comprensivo realizza ogni anno un percorso di promozione dell'agio scolastico e di attenuazione del disagio, sperimentato, arricchito e rivisitato nel corso degli anni in base alle esigenze sorte in itinere e alle considerazioni raccolte da membri del gruppo Benessere, insegnanti, genitori e ragazzi. Generalmente il percorso si sviluppa attraverso le seguenti tappe: Rilevazione delle situazioni di disagio presenti all interno dell Istituto Comprensivo per una prima mappatura del fenomeno e per l avvio delle iniziative specifiche atte all attenuazione del fenomeno. Realizzazione, quando possibile, di interventi di un esperto (psicologo, pedagogista, counsellour o altro esperto di aspetti psicopedagogici) per avviare un percorso di attenuazione dei comportamenti di disturbo attraverso situazioni/gioco e discussioni volte all analisi delle emozioni e dei sentimenti. Realizzazione, quando possibile, di uno sportello di ascolto rivolto ai ragazzi, ai genitori e agli insegnanti interessati ad una consulenza psicopedagogica; Formazione del gruppo di lavoro sul benessere attraverso la partecipazione ad incontri e corsi riguardanti l agio-disagio al fine di pervenire alla configurazione di un gruppo esperto con funzioni di supporto per gli altri docenti e per le attività con i genitori, gruppo referente per l'intero Istituto sui temi del disagio e del successo scolastico. Proposte di incontri-dibattito rivolte a genitori ed insegnanti su tematiche riguardanti i bambini, i ragazzi, la scuola e la famiglia. Proposte e incentivazione di iniziative di ricerca, studio, lavoro e confronto sulle buone pratiche educative che motivazione allo studio. sostengono il benessere scolastico e la Proposte di momenti di unità, di accoglienza, di aggregazione e di festa atte a favorire il benessere in un percorso di sviluppo di capacità sociali e individuali e di condivisione del concetto di appartenenza al gruppo attraverso il coinvolgimento attivo di bambini, ragazzi e adulti in un clima relazionale positivo, ludiforme e stimolante. Verifica finale di quanto attuato e formulazione di ipotesi di percorso per gli anni scolastici successivi.

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ

PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ PROTOCOLLO DIVERS-ABILITÀ Amministrazione Comunale Amministrazione Scolastica Zanica I.C. Zanica Commissione Inter-istituzionale La Commissione Inter-istituzionale è una commissione mista tecnico-politica

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c.

ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE. Regolamento. del gruppo di lavoro sull handicap. Regolamento GLHI. Ai sensi dell art. 15 c. ISTITUTO COMPRENSIVO P. CARMINE Regolamento Regolamento GLHI del gruppo di lavoro sull handicap Ai sensi dell art. 15 c. L 104/92 Approvato dal Consiglio di stituto in data 08/07/2013 1 Gruppo di Lavoro

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe

Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Progetto Formazione e informazione dei rappresentanti di classe Guida pratica del rappresentante dei genitori a cura dell Associazione Per maggiori informazioni consultare il sito www.genitoriescuola.it

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492

SCUOLA PRIMARIA. SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale caduti 1, Tel/Fax. 035 751 492 SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA DELL'INFANZIA DI ALBINO Viale Gasparini, Tel/Fax 035 754 420 SCUOLA DELL'INFANZIA DI DESENZANO Via Loverini, Tel/Fax. 035 751 436 SCUOLA PRIMARIA SCUOLA PRIMARIA DI ALBINO Piazzale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Il lavoro per progetti

Il lavoro per progetti Il lavoro per progetti (personalizzati, di attività,, di servizio, ) nei servizi alla persona Gianmaria Gioga Padova, 7 giugno 2013 QUALI SERVIZI ALLA PERSONA? I servizi alla persona devono connotarsi

Dettagli