FORESTALE I SESSIONE Prima prova

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FORESTALE I SESSIONE 2005. Prima prova"

Transcript

1

2 FORESTALE I SESSIONE 2005 Prima prova 1. Il candidato illustri le condizioni di un popolamento di sua conoscenza soggetto a un quadro di dissesto di origine animate o vegetale e dopo puntuale descrizione della stazione proponga un quadro di interventi adeguato dal punto di vista selvicolturale e di lotta diretta e/o indiretta. 2. Il candidato dopo una puntuale descrizione di un'area di sua conoscenza proponga interventi di rimboschimento e le opere connesse, finalizzati alla regimazione delle acque superficiali e al controllo dei fenomeni erosivi, illustrando e motivando le tecniche di intervento adottate e le specie prescelte. Seconda prova 1. Il candidato, tenendo conto degli interventi a favore della qualificazione produttiva silvicola calabrese prevista dalle attuali politiche di sviluppo rurale, scelga una specie forestale, definisca l'ordinamento produttivo di una ipotetica azienda e determini il relativo prezzo di macchiatici.

3 DOTTORE FORESTALE II 2005 I PROVA 1. Il candidato nell ambito della zona fitoclimatica del castanetum ipotizzi un intervento di arboricoltura da legno esaminando le problematiche fitosanitarie e i possibili criteri di intervento e l organizzazione dei lavori. 2. In un rimboschimento di pino laricio di circa cinquanta anni di età realizzato nell ambito della zona fitoclimatica del Castanetum di Pavari sono in atto pullulazioni di Traumatocampa pityocampa. Il candidato dopo una descrizione del soprassuolo descriva gli interventi selvicolturali piu idonei per una corretta gestione. II PROVA 1. Il candidato determini il piu probabile valore di macchiatico di un ceduo di castagno, con turno di 15 anni, prossimo al taglio della superficie di ha Il candidato, dopo aver scelto una specie forestale, definisca l ordinamento produttivo di una ipotetica azienda e determini il relativo prezzo di macchiatici. 3. Il candidato, descriva gli interventi a favore della qualificazione produttiva silvicola previsti dalle attuali politiche di sviluppo rurale.

4 ESAMI DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE FORESTALE I SESSIONE 2006 PRIMA PROVA SCRITTA Tema N 1 Il Candidato dopo aver inquadrato il problema della rinaturalizzazione dei rimboschimenti di conifere, illustri criteri e procedure relative ad un caso di sua conoscenza; Tema N 2 I Candidato illustri criteri e procedure per l avviamento all alto fusto di un ceduo di faggio di sua conoscenza; Tema N 3 Il Candidato descriva i metodi e le procedure per la determinazione della biomassa di un bosco di sua conoscenza.

5 ESAMI DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE FORESTALE PRIMA SESSIONE 2006 SECONDA PROVA SCRITTA Tema N 1 IL candidato, facendo riferimento ad un areale a lui noto, ne descriva brevemente il popolato boschivo e ne determini il valore di macchiatico. Tema N 2 Facendo riferimento ad un azienda silvo-pastorale di sua conoscenza, il candidato ne descriva le linee di sviluppo economico e determini gli interventi da adottare nel quadro delle politiche forestali dell U.E., qualificandone i relativi costi. Tema N 3 Dopo avere descritto un azienda forestale di aua conoscenza, il candidato ne detrermini la massa legnosa in un modo a sua scelta e il valore dell azienda stessa.

6

7 I sessione 2007 Prima prova Forestale Tema n. 1 Il Candidato descriva i metodi per il campionamento e le determinazione della massa legnosa di una faggeta di 50 anni estesa su 150 ettari. Tema n. 2 Il Candidato descriva in maniera dettagliata tutte le procedure da seguire al fine di effettuare un taglio in bosco di alto fusto di pino laricio di 50 anni esteso su 70 ettari.

8 I sessione 2007 Seconda prova Forestale Tema n. 1 Il Candidato, dopo una breve ma esaustiva descrizione dell azienda ricadente in una zona a Lui nota proceda a determinare il prezzo di macchiatico in funzione dei seguenti dati: - pioppeto: superficie 5 ettari; - età : 11 anni; - massa lorda stimata : 300 mc/ha (coefficiente di conversione in q.li= 0,75); - perdite stimate : 7% circa; - valore della massa all imposto : legname da trancia (50%) a 25,00 /q.le; tavolame (30%) a 18,00 /q.le; triturazione (20%) a 7,00 /q.le. I rendimenti medi della fase di taglio- allestimento e di concentramento carico sono stati stimati pari a: - taglio e allestimento 3,5 mc/h/uomo; - concentramento e carico con trattore rimorchio e gru caricante 5,0 mc/h/uomo Costi orari delle macchine: - motosega da taglio e allestimento 5,00 /h. - trattore con rimorchio e gru 15,00 /h - Salario della mano d opera 8,00 /h - Spese di direzione, amministrazione e sorveglianza pari al 3% del valore della massa netta all imposto. - Spese di contratto 50,00 /ha. - Interesse sul capitale anticipato: da calcolare

9 Tema n. 2 Il Candidato illustri il concetto di multifunzionalità del bosco e gli interventi previsti al riguardo dalla politica comunitaria. Tema n. 3 Dall utilizzazione di 500 piante di pino laricio stroncate e sradicate da abbondanti nevicate si prevede di ricavare : - mc. 600 di tronchi da sega da ml. 2, 3 e 4; - mc. 62 di puntelli. Il Candidato determini il relativo valore e prezzo di macchiatico per i differenti assortimenti sulla base dei seguenti parametri: - attivo : prezzo mercantile di un metro cubo degli assortimenti franco vagone di partenza allo scalo di Cosenza: tronchi da sega 110,00 /mc; puntellame 100,00 /mc. - passivo : mercede oraria (esclusi oneri assicurativi e previdenziali): boscaiolo addetto al taglio 8,00 /mc; nolo per animali e mezzi meccanici, per esbosco e trasporto: nolo giornaliero di coppia di buoi o muli con conducente 5,00 /mc; nolo per autocarro della portata di 100 q.li 0,5 /q/km; distanza dal piazzale di scarico 65 km. Note : Il Candidato consideri che : - in ore 6.66 di lavoro un operaio allestisce 5 mc. Di tronchi e 4 mc. di puntelli; - in ore 6 di lavoro si procede all esbosco con animali di 8 mc. di tronchi e 6 mc. di puntellame; - le spese di assicurazione sono pari al 75% delle voci a + (b+c) /4; - le spese per direzione, amministrazione e sorveglianza sono pari al 10% del prezzo mercantile per un periodo medio di 6 mesi; - è lasciata alla Sua intuizione verificare l opportunità di aggiungere ulteriori elementi.

10 COMMISSIONE PER GLI ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE FORESTALE Seconda Sessione Anno 2007 Prima Prova TRACCE DEI TEMI Tema n. 1 Il candidato, dopo un analisi dettagliata delle condizioni geopedologiche, climatiche e vegetazionali di una compresa da assestare di sua conoscenza, descriva le operazioni di campagna da effettuare al fine di individuare i parametri dendro-cronoauxometrici, necessari alla stesura del piano di assestamento forestale della stessa compresa. Tema n. 2 Il candidato, dopo aver analizzato le caratteristiche stazionali di una località a lui nota, descriva le operazioni necessarie per l impianto di una specie forestale adatta alle condizioni di stazione descritta e ne indichi le varie voci per la stesura di un eventuale computo metrico estimativo. Tema n. 3 Il candidato, dopo una breve descrizione di una stazione forestale a dominanza di faggio, illustri le tecniche selvicolturali da applicare. Seconda Prova Tema n. 1 Il Candidato, dopo aver descritto un impianto forestale di sua conoscenza, passi a determinare il più probabile valore di macchiatico. Tema n. 2 Il Candidato, dopo aver descritto una fustaia di faggio trattata a tagli successivi con turno di 100/120 anni, comprendendo anche il periodo di rinnovazione, passi a determinare il più probabile valore di suolo e soprassuolo al 30 anno. Tema n. 3 La foresta quale strumento per la tutela dell ambiente: il Candidato descriva i principali strumenti in materia forestale previsti dalla legislazione vigente.

11 ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE FORESTALE SEZIONE A Prima sessione dell anno 2008 Tracce estratte prima prova scritta Tema n. 1: Il candidato descriva gli effetti delle infezioni di Heterobasidion annosum in un bosco monofitico di Abies alba (abete bianco), indichi le condizioni predisponesti all esplosione epidemica delle infezioni di questo patogeno e suggerisca gli interventi silvocolturali per il controllo di esse. Tema n. 2: Il candidato proponga modelli diversificati di gestione delle risorse forestali all interno di un area protetta in relazione alla tipologia forestale e alla zonazione. Tema n. 3: Il candidato, dopo aver inquadrato il problema della rinaturalizzazione degli impianti di conifere, descriva un impianto di pini mediterranei di sua conoscenza e proponga interventi di rinaturalizzazione, motivando la finalità, le tecniche e la scelta delle specie.

12 ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE FORESTALE SEZIONE A Prima sessione dell anno 2008 Tracce estratte seconda prova scritta Tema n. 1 In un bosco di propria conoscenza, il candidato illustri un opera di miglioramento fondiario, descrivendone analiticamente tutti gli interventi necessari. Tema n. 2 In un azienda forestale di propria conoscenza determinare il danno prodotto da un incendio e descrivere in modo analitico le operazioni di ripristino del bosco stesso. Tema n. 3 Il candidato determini il prezzo di macchiatico del legname da opera di un bosco di castagno ubicato in una zona montana a lui nota, giustificando dettagliatamente le considerazioni estimative.

13

14 FORESTALE I SESSIONE 2005 Prima prova 1. Il candidato illustri le condizioni di un popolamento di sua conoscenza soggetto a un quadro di dissesto di origine animate o vegetale e dopo puntuale descrizione della stazione proponga un quadro di interventi adeguato dal punto di vista selvicolturale e di lotta diretta e/o indiretta. 2. Il candidato dopo una puntuale descrizione di un'area di sua conoscenza proponga interventi di rimboschimento e le opere connesse, finalizzati alla regimazione delle acque superficiali e al controllo dei fenomeni erosivi, illustrando e motivando le tecniche di intervento adottate e le specie prescelte. Seconda prova 1. Il candidato, tenendo conto degli interventi a favore della qualificazione produttiva silvicola calabrese prevista dalle attuali politiche di sviluppo rurale, scelga una specie forestale, definisca l'ordinamento produttivo di una ipotetica azienda e determini il relativo prezzo di macchiatici.

15 DOTTORE FORESTALE II 2005 I PROVA 1. Il candidato nell ambito della zona fitoclimatica del castanetum ipotizzi un intervento di arboricoltura da legno esaminando le problematiche fitosanitarie e i possibili criteri di intervento e l organizzazione dei lavori. 2. In un rimboschimento di pino laricio di circa cinquanta anni di età realizzato nell ambito della zona fitoclimatica del Castanetum di Pavari sono in atto pullulazioni di Traumatocampa pityocampa. Il candidato dopo una descrizione del soprassuolo descriva gli interventi selvicolturali piu idonei per una corretta gestione. II PROVA 1. Il candidato determini il piu probabile valore di macchiatico di un ceduo di castagno, con turno di 15 anni, prossimo al taglio della superficie di ha Il candidato, dopo aver scelto una specie forestale, definisca l ordinamento produttivo di una ipotetica azienda e determini il relativo prezzo di macchiatici. 3. Il candidato, descriva gli interventi a favore della qualificazione produttiva silvicola previsti dalle attuali politiche di sviluppo rurale.

16 ESAMI DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE FORESTALE I SESSIONE 2006 PRIMA PROVA SCRITTA Tema N 1 Il Candidato dopo aver inquadrato il problema della rinaturalizzazione dei rimboschimenti di conifere, illustri criteri e procedure relative ad un caso di sua conoscenza; Tema N 2 I Candidato illustri criteri e procedure per l avviamento all alto fusto di un ceduo di faggio di sua conoscenza; Tema N 3 Il Candidato descriva i metodi e le procedure per la determinazione della biomassa di un bosco di sua conoscenza.

17 ESAMI DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI DOTTORE FORESTALE PRIMA SESSIONE 2006 SECONDA PROVA SCRITTA Tema N 1 IL candidato, facendo riferimento ad un areale a lui noto, ne descriva brevemente il popolato boschivo e ne determini il valore di macchiatico. Tema N 2 Facendo riferimento ad un azienda silvo-pastorale di sua conoscenza, il candidato ne descriva le linee di sviluppo economico e determini gli interventi da adottare nel quadro delle politiche forestali dell U.E., qualificandone i relativi costi. Tema N 3 Dopo avere descritto un azienda forestale di aua conoscenza, il candidato ne detrermini la massa legnosa in un modo a sua scelta e il valore dell azienda stessa.

18

19 I sessione 2007 Prima prova Forestale Tema n. 1 Il Candidato descriva i metodi per il campionamento e le determinazione della massa legnosa di una faggeta di 50 anni estesa su 150 ettari. Tema n. 2 Il Candidato descriva in maniera dettagliata tutte le procedure da seguire al fine di effettuare un taglio in bosco di alto fusto di pino laricio di 50 anni esteso su 70 ettari.

20 I sessione 2007 Seconda prova Forestale Tema n. 1 Il Candidato, dopo una breve ma esaustiva descrizione dell azienda ricadente in una zona a Lui nota proceda a determinare il prezzo di macchiatico in funzione dei seguenti dati: - pioppeto: superficie 5 ettari; - età : 11 anni; - massa lorda stimata : 300 mc/ha (coefficiente di conversione in q.li= 0,75); - perdite stimate : 7% circa; - valore della massa all imposto : legname da trancia (50%) a 25,00 /q.le; tavolame (30%) a 18,00 /q.le; triturazione (20%) a 7,00 /q.le. I rendimenti medi della fase di taglio- allestimento e di concentramento carico sono stati stimati pari a: - taglio e allestimento 3,5 mc/h/uomo; - concentramento e carico con trattore rimorchio e gru caricante 5,0 mc/h/uomo Costi orari delle macchine: - motosega da taglio e allestimento 5,00 /h. - trattore con rimorchio e gru 15,00 /h - Salario della mano d opera 8,00 /h - Spese di direzione, amministrazione e sorveglianza pari al 3% del valore della massa netta all imposto. - Spese di contratto 50,00 /ha. - Interesse sul capitale anticipato: da calcolare

21 Tema n. 2 Il Candidato illustri il concetto di multifunzionalità del bosco e gli interventi previsti al riguardo dalla politica comunitaria. Tema n. 3 Dall utilizzazione di 500 piante di pino laricio stroncate e sradicate da abbondanti nevicate si prevede di ricavare : - mc. 600 di tronchi da sega da ml. 2, 3 e 4; - mc. 62 di puntelli. Il Candidato determini il relativo valore e prezzo di macchiatico per i differenti assortimenti sulla base dei seguenti parametri: - attivo : prezzo mercantile di un metro cubo degli assortimenti franco vagone di partenza allo scalo di Cosenza: tronchi da sega 110,00 /mc; puntellame 100,00 /mc. - passivo : mercede oraria (esclusi oneri assicurativi e previdenziali): boscaiolo addetto al taglio 8,00 /mc; nolo per animali e mezzi meccanici, per esbosco e trasporto: nolo giornaliero di coppia di buoi o muli con conducente 5,00 /mc; nolo per autocarro della portata di 100 q.li 0,5 /q/km; distanza dal piazzale di scarico 65 km. Note : Il Candidato consideri che : - in ore 6.66 di lavoro un operaio allestisce 5 mc. Di tronchi e 4 mc. di puntelli; - in ore 6 di lavoro si procede all esbosco con animali di 8 mc. di tronchi e 6 mc. di puntellame; - le spese di assicurazione sono pari al 75% delle voci a + (b+c) /4; - le spese per direzione, amministrazione e sorveglianza sono pari al 10% del prezzo mercantile per un periodo medio di 6 mesi; - è lasciata alla Sua intuizione verificare l opportunità di aggiungere ulteriori elementi.

22 COMMISSIONE PER GLI ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE FORESTALE Seconda Sessione Anno 2007 Prima Prova TRACCE DEI TEMI Tema n. 1 Il candidato, dopo un analisi dettagliata delle condizioni geopedologiche, climatiche e vegetazionali di una compresa da assestare di sua conoscenza, descriva le operazioni di campagna da effettuare al fine di individuare i parametri dendro-cronoauxometrici, necessari alla stesura del piano di assestamento forestale della stessa compresa. Tema n. 2 Il candidato, dopo aver analizzato le caratteristiche stazionali di una località a lui nota, descriva le operazioni necessarie per l impianto di una specie forestale adatta alle condizioni di stazione descritta e ne indichi le varie voci per la stesura di un eventuale computo metrico estimativo. Tema n. 3 Il candidato, dopo una breve descrizione di una stazione forestale a dominanza di faggio, illustri le tecniche selvicolturali da applicare. Seconda Prova Tema n. 1 Il Candidato, dopo aver descritto un impianto forestale di sua conoscenza, passi a determinare il più probabile valore di macchiatico. Tema n. 2 Il Candidato, dopo aver descritto una fustaia di faggio trattata a tagli successivi con turno di 100/120 anni, comprendendo anche il periodo di rinnovazione, passi a determinare il più probabile valore di suolo e soprassuolo al 30 anno. Tema n. 3 La foresta quale strumento per la tutela dell ambiente: il Candidato descriva i principali strumenti in materia forestale previsti dalla legislazione vigente.

23 ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE FORESTALE SEZIONE A Prima sessione dell anno 2008 Tracce estratte prima prova scritta Tema n. 1: Il candidato descriva gli effetti delle infezioni di Heterobasidion annosum in un bosco monofitico di Abies alba (abete bianco), indichi le condizioni predisponesti all esplosione epidemica delle infezioni di questo patogeno e suggerisca gli interventi silvocolturali per il controllo di esse. Tema n. 2: Il candidato proponga modelli diversificati di gestione delle risorse forestali all interno di un area protetta in relazione alla tipologia forestale e alla zonazione. Tema n. 3: Il candidato, dopo aver inquadrato il problema della rinaturalizzazione degli impianti di conifere, descriva un impianto di pini mediterranei di sua conoscenza e proponga interventi di rinaturalizzazione, motivando la finalità, le tecniche e la scelta delle specie.

24 ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE FORESTALE SEZIONE A Prima sessione dell anno 2008 Tracce estratte seconda prova scritta Tema n. 1 In un bosco di propria conoscenza, il candidato illustri un opera di miglioramento fondiario, descrivendone analiticamente tutti gli interventi necessari. Tema n. 2 In un azienda forestale di propria conoscenza determinare il danno prodotto da un incendio e descrivere in modo analitico le operazioni di ripristino del bosco stesso. Tema n. 3 Il candidato determini il prezzo di macchiatico del legname da opera di un bosco di castagno ubicato in una zona montana a lui nota, giustificando dettagliatamente le considerazioni estimative.

25 ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE FORESTALE SEZIONE A Seconda sessione dell anno 2008 Tracce estratte prima prova scritta Tema n. 1: Il candidato, dopo aver evidenziato le conseguenze del passaggio del fuoco in una tipologia forestale descritta a sua scelta, illustri i possibili interventi per la ricostituzione del bosco. Tema n. 2: Il candidato, dopo un analitica descrizione di un area di sua conoscenza attualmente priva di copertura forestale proponga interenti di ripristino della vegetazione forestale finalizzata al controllo dei fenomeni erosivi motivando le tecniche d intervento e la scelta della specie. Tema n. 3: Il candidato illustri le principali avversità biotiche e le problematiche attinenti la difesa fitosanitaria delle varie specie arboree presenti nei parchi urbani e suburbani.

26 ESAMI DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE FORESTALE SEZIONE A Seconda sessione dell anno 2008 Tracce estratte seconda prova scritta traccia 1: Il candidato, dopo aver descritto dettagliatamente un azienda forestale ricadente in un territorio degradato a lui noto, illustri le modalità e le tecniche di intervento per il suo recupero e ne determini i relativi costi. Traccia 2 Il candidato, dopo aver descritto dettagliatamente le caratteristiche di un bosco di sua conoscenza, determini analiticamente il valore di macchiatico degli assortimenti ritraibili. Tracia 3 Il candidato illustri le finalità della forestazione produttiva e della multifunzionalità del bosco.

27 Prima prova Tema n. 1 Il Candidato descriva una fustaia di sua conoscenza e dopo aver illustrato le caratteristiche della stazione, proponga gli interventi da adottare per una gestione forestale sostenibile. Tema n. 2 Il Candidato illustri le condizioni di un ceduo di faggio che ha superato il turno minimo prescritto dalle PMFF (24 anni) e dopo aver descritto la stazione proponga, motivandoli, gli interventi per una sua gestione. Tema n. 3 Il Candidato descriva le caratteristiche di un ceduo/fustaia percorso da un incendio e, dopo aver precisato le condizioni della stazione proponga, motivandoli, gli interventi per un suo recupero. Seconda prova TEMA 1 Il Candidato, riferendosi ad un azienda forestale a lui nota, determini il più probabile valore di mercato di una fustaia dell età di 50 anni e ne calcoli il relativo valore di Macchiatico. TEMA 2 Il Candidato, facendo riferimento ad una zona di sua conoscenza, determini il valore totale del bosco riferito alla massa legnosa ritraibile, indicando le autorizzazioni necessarie. TEMA 3 Un bosco ceduo viene colpito da un incendio doloso. Il Candidato, facendo riferimento ad una zona a lui nota ed assumendo congruamente tutti i dati necessari, determini analiticamente l entità del danno e le spese necessarie per l eventuale ripristino in tutto o in parte del bosco stesso.

28 ESAME DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE FORESTALE (SEZ. A) Seconda Sessione 2009 Prima prova Tema n. 1 Il candidato descriva le condizioni strutturali di una fustaia matura di pino laricio e, dopo aver illustrato le caratteristiche della stazione, proponga gli interventi da adottare per una gestione forestale sostenibile. Tema n. 2 Il candidato illustri le condizioni di un ceduo di faggio che ha superato il turno minimo prescritto dalle PMFF (24 anni) e dopo aver descritto la stazione proponga, motivandoli, gli interventi per una sua conversione ad alto fusto. Tema n. 3 Il candidato descriva le caratteristiche di un ceduo di leccio gravemente danneggiato da un incendio e, dopo aver precisato le condizioni della stazione, proponga, motivandoli, gli interventi per un suo recupero. Seconda prova Tema n. 1 Il Candidato, facendo riferimento ad un bosco di abete bianco di anni 90, determini il valore di macchiatico dei vari assortimenti mercantili che si possono detrarre su una superficie di 10 ettari. Tema n. 2 Il Candidato, facendo riferimento ad una lecceta di 10 ettari e di anni 30, determini il valore di mercato degli assortimenti legnosi detraibili. Tema n. 3 In relazione agli ultimi eventi di dissesto idrogeologico, il candidato, facendo riferimento ad una zona di sua conoscenza, ne descriva i danni stimandone l entità.

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana

Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana Gestione forestale buone pratiche e valorizzazione dei prodotti legnosi quali strumenti per rilanciare l economia montana 1 Tarvisio, 8 marzo 2013 Studio Tecnico Forestale Provincia di Trento 6.206 km2

Dettagli

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011

LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste. Milano 19 ottobre 2011 LA FILIERA BOSCO LEGNO ENERGIA IN LOMBARDIA Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Roberto Carovigno Struttura Foreste Milano 19 ottobre 2011 I BOSCHI IN LOMBARDIA SUPERFICIE FORESTALE Il 26% della

Dettagli

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste

Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Azioni della Regione Piemonte per lo sviluppo della filiera legno energia Franco LICINI dottore forestale, dirigente del Settore Foreste Torino, 05.04.2013 1 Territorio: 2.539.923 ha (2^ Regione dopo la

Dettagli

Linee guida per la redazione del progetto di investimento per l Azione 1. Il progetto per l azione 1 dovrà essere composto dai seguenti documenti:

Linee guida per la redazione del progetto di investimento per l Azione 1. Il progetto per l azione 1 dovrà essere composto dai seguenti documenti: ALLEGATO 1 MISURA 227 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI NON PRODUTTIVI - FORESTE Azione 1 - Supporto alla rinaturalizzazione di boschi per finalità non produttive Linee guida per la redazione del progetto di

Dettagli

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici

LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Corso di formazione per guardie ecologiche volontarie Parco del Rio Vallone aprile 2011 LA TUTELA DEI BOSCHI Aspetti forestali e paesistici Il bosco: unità ecologica e definizione della norma Il bosco:

Dettagli

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso

Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione. Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO Utilizzazioni forestali in Piemonte, analisi statistiche e spunti di riflessione Simone Blanc, Filippo Brun, Angela Mosso simone.blanc@unito.it Dipartimento di Scienze

Dettagli

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo

Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo Migliore valorizzazione economica delle foreste (Misura 122) Riferimento normativo Titolo IV, Capo I, Articolo 20, lettera b), punto ii) e Articolo 27 del Reg. (CE) n. 1698/2005. Giustificazione logica

Dettagli

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE AL SERVIZIO DELL AMBIENTE: GESTIONE DEI BOSCHI E DEL VERDE URBANO

LA FORMAZIONE PROFESSIONALE AL SERVIZIO DELL AMBIENTE: GESTIONE DEI BOSCHI E DEL VERDE URBANO LA FORMAZIONE PROFESSIONALE AL SERVIZIO DELL AMBIENTE: GESTIONE DEI BOSCHI E DEL VERDE URBANO La formazione professionale al servizio dell ambiente: gestione dei boschi e del verde urbano Con l avvento

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

COSTI DI UTILIZZAZIONE IN CANTIERI FORESTALI A DIVERSO LIVELLO DI MECCANIZZAZIONE

COSTI DI UTILIZZAZIONE IN CANTIERI FORESTALI A DIVERSO LIVELLO DI MECCANIZZAZIONE COSTI DI UTILIZZAZIONE IN CANTIERI FORESTALI A DIVERSO LIVELLO DI MECCANIZZAZIONE Giulio Sperandio Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura Unità di Ricerca per l Ingegneria Agraria

Dettagli

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero.

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura Dipartimento della ricerca per il sughero e la silvicoltura Tempio Pausania Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Rilievi

Dettagli

ESTIMO FORESTALE. Davide Pettenella. Introduzione. Il mercato Mercato internazionale Il sistema foresta-legno italiano. Valutazione degli investimenti

ESTIMO FORESTALE. Davide Pettenella. Introduzione. Il mercato Mercato internazionale Il sistema foresta-legno italiano. Valutazione degli investimenti Immagination is more important than knowledge (A.Einstein) Introduzione ESTIMO FORESTALE Davide Pettenella Molte persone sanno il prezzo delle cose, pochi ne conoscono il valore (Oscar Wilde) 17 dicembre

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART

DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART DELIBERAZIONE DI GIUNTA REGIONALE DISPOSIZIONI ATTUATIVE QUADRO MISURE FORESTALI AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 5 DICEMBRE 2008, N. 31 ART. 25 E 26, 40 COMMA 5 LETTERA B), 55 COMMA 4 E ART 56 VISTA la

Dettagli

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE

APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE APPROVVIGIONAMENTO E COMMERCIALIZZAZIONE DELLA LEGNA DA ARDERE IN UN CONTESTO CONSORTILE Torna all indice De Luca, E.* *CO.GE.FOR. Consorzio Gestione Forestale Il CO.GE.FOR. Il Consorzio di Gestione Forestale

Dettagli

TESTO PER AUDIZIONI. TITOLO I - Disposizioni generali

TESTO PER AUDIZIONI. TITOLO I - Disposizioni generali TESTO PER AUDIZIONI PdL n. 30 - LEGGE FORESTALE REGIONALE TITOLO I - Disposizioni generali Art. 1 - Principi e finalità. 1. La Regione del Veneto, in conformità ai principi della gestione forestale sostenibile

Dettagli

FONTI FINANZIARIE Dicembre 2010

FONTI FINANZIARIE Dicembre 2010 REGIONE BASILICATA PROVINCIA DI MATERA COMUNE DI ROTONDELLA PIANO DI ASSESTAMENTO FORESTALE DELLE PROPRIETÀ SILVOPASTORALI DEL COMUNE DI ROTONDELLA (MT) ALLEGATO 7 FONTI FINANZIARIE Dicembre 2010 Responsabile

Dettagli

Legname di Castagno ad Uso Strutturale

Legname di Castagno ad Uso Strutturale Legname di Castagno ad Uso Strutturale Dott. For. Luchetti Marco Ufficio Normativa Assolegno di FederlegnoArredo Tel. +39 02 80604 328; mob. +39 333 2763278 marco.luchetti@federlegnoarredo.it Introduzione:

Dettagli

regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa

regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa Le linee d azione d regionali per lo sviluppo della filiera biomassa legnosa Dott. Elisabetta Gravano Settore Programmazione Forestale Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo

Dettagli

Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato.

Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato. Il Consorzio Forestale dell Amiata: la valorizzazione dei boschi e dei suoi prodotti. Biomass+ Filiera corta per la Produzione di carbone certificato. Nuoro 22/10/13 PEFC 18-23-01 Promuoviamo la gestione

Dettagli

ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli

ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli ALBO REGIONALE DELLE IMPRESE BOSCHIVE E PERCORSI FORMATIVI Direzione Generale Sistemi Verdi e Paesaggio Dario Curti - Luisa Cagelli Barzio 6 ottobre 2011 Quanto legname possono fornirci? Incremento corrente

Dettagli

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte

Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Elementi fondamentali del regolamento forestale della Regione Piemonte Valerio Motta Fre (Regione Piemonte) valerio.mottafre@regione.piemonte.it Pierpaolo Brenta (IPLA S.p.A.) brenta@ipla.org Pier Giorgio

Dettagli

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO INDICE INTRODUZIONE PREMESSA LA FINALITÀDEL PRESENTE LAVORO ÈSTATA QUELLA DI FORNIRE AGLI ALUNNI STRUMENTI E

Dettagli

SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale

SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale SEMINARIO INFORMATIVO SUGLI OPEN DATA Servizi cartografici e banche dati disponibili per il lavoro professionale SIFOR Sistema Informativo FOrestale Regionale Elisa Guiot Regione Piemonte, Direzione Opere

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore)

CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) CORSO DI FORMAZIONE OPERATORI TECNICI NEI PARCHI NAZIONALI E NELLE AREE PROTETTE (120 ore) PROGETITO FORMATIVO MODULO 1 PRESENTAZIONE DEI PARCHI ED AREE PROTETTE (8 ore) Definizione dei concetti di Parco,

Dettagli

COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI CAGLI Provincia di Pesaro e Urbino SETTORE 3 - INFRASTRUTTURE TECNICHE ED URBANISTICHE U.O. Gestione e Manutenzione Patrimonio CAPITOLATO D ONERI All. B UTILIZZO PATRIMONIO BOSCHIVO COMUNE DI

Dettagli

LA FILIERA BOSCO-LEGNO-ENERGIA A KM ZERO: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI ADRARA S. ROCCO

LA FILIERA BOSCO-LEGNO-ENERGIA A KM ZERO: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI ADRARA S. ROCCO LA FILIERA BOSCO-LEGNO-ENERGIA A KM ZERO: L ESPERIENZA DEL COMUNE DI ADRARA S. ROCCO Relazione del Sindaco di Adrara San Rocco al convegno Factor20 Risorse locali per obiettivi globali: le piccole reti

Dettagli

Corsi per operatori forestali nella scuola forestale Latemar

Corsi per operatori forestali nella scuola forestale Latemar Abteilung 32 - Forstwirtschaft Ripartizione 32 Foreste Corsi per operatori forestali nella scuola forestale Latemar Dr. Andreas Agreiter Landesbetrieb für Forst- und Domänenverwaltung Forstschule Latemar

Dettagli

Aspetti della formazione forestale in Valle d Aosta L esperienza del settore pubblico e la realtà delle imprese private

Aspetti della formazione forestale in Valle d Aosta L esperienza del settore pubblico e la realtà delle imprese private Dipartimento risorse naturali e corpo forestale Lo stato dell arte della formazione forestale lungo l arco alpino Barzio 6 ottobre 2011 Direzione foreste e infrastrutture Aspetti della formazione forestale

Dettagli

Il patentino di idoneità forestale delle imprese boschive in Veneto

Il patentino di idoneità forestale delle imprese boschive in Veneto Il patentino di idoneità forestale delle imprese boschive in Veneto Barzio, 6 ottobre 2011 Dr.ssa Lisa Causin Regione Veneto U.P. Foreste e Parchi NORMATIVA ESSENZIALE 1 Articolo 67 del R.D. 23 maggio

Dettagli

IL PERCORSO DELLA REGIONE TOSCANA IL PROGETTO DI FORMAZIONE DEGLI OPERAI FORESTALI PUBBLICI

IL PERCORSO DELLA REGIONE TOSCANA IL PROGETTO DI FORMAZIONE DEGLI OPERAI FORESTALI PUBBLICI FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO AL LAVORO IN BOSCO 10 ANNI DI ATTIVITA DEL CENTRO DI ADDESSTRAMENTO DI RINCINE IL PERCORSO DELLA REGIONE TOSCANA IL PROGETTO DI FORMAZIONE DEGLI OPERAI FORESTALI PUBBLICI Enrico

Dettagli

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE

CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE CANTIERE2020 COSTRUIAMO INSIEME IL NUOVO PROGRAMMA DI SVILUPPO DEL GAL AVVISO PUBBLICO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROGETTI CHIAVE Dopo la positiva esperienza della prima fase di vita (2008 luglio 2014, portati

Dettagli

Misura 227. Sostegno agli investimenti non produttivi nel settore forestale

Misura 227. Sostegno agli investimenti non produttivi nel settore forestale Misura 227 Sostegno agli investimenti non produttivi nel settore forestale Beneficiari Enti pubblici e soggetti privati che attuano gli investimenti. Aree di operatività La misura si applica in aree a

Dettagli

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA

RELAZIONE FORESTALE TECNICO - DESCRITTIVA Settore Patrimonio e Beni Architettonici INTERVENTI DI COMPENSAZIONE FORESTALE NEI COMUNI DI LEGGIUNO, MARCHIROLO, CASTELSEPRIO, CASALZUIGNO E BRENTA ai sensi dell art. 15 del D.Lgs. 228/2001 LAVORI DI

Dettagli

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE

ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI ESPERTO CONTABILE SESSIONE di giugno 2008 I TEMI DELLE PROVE SCRITTE DEL 03 LUGLIO 2008 I Il candidato illustri le finalità economico

Dettagli

Dsa3 Università di Perugia

Dsa3 Università di Perugia Dsa3 Università di Perugia Perugia, 3 ottobre 2014 Seminario Agricoltura familiare: riflessioni per una società più sostenibile La PAC 2014-2020 e l agricoltura familiare Angelo Frascarelli Docente di

Dettagli

IPOTESI DI SVILUPPO DI UN PROCESSO INTEGRATO DI FILIERA FORESTA - ENERGIA NELL AMBITO LOCALE DELLA VALLE DI FIEMME (TN) dr.

IPOTESI DI SVILUPPO DI UN PROCESSO INTEGRATO DI FILIERA FORESTA - ENERGIA NELL AMBITO LOCALE DELLA VALLE DI FIEMME (TN) dr. Torna all indice Verona 18 marzo 2004 PROGETTO FUOCO LE BIOMASSE AGRICOLE E FORESTALEI NELLO SCENARIO ENERGETICO NAZIONALE IPOTESI DI SVILUPPO DI UN PROCESSO INTEGRATO DI FILIERA FORESTA - ENERGIA NELL

Dettagli

Sottoprogetto 3.2 - Selvicoltura, funzionalità e gestione sostenibile dei cedui nell area appenninica e mediterranea.

Sottoprogetto 3.2 - Selvicoltura, funzionalità e gestione sostenibile dei cedui nell area appenninica e mediterranea. PROGETTO RI.SELV.ITALIA Sottoprogetto 3.2 - Selvicoltura, funzionalità e gestione sostenibile dei cedui nell area appenninica e mediterranea. Ricerca 3.2.7 - Individuazione di mezzi di lavoro, anche innovativi,

Dettagli

Scenario Piemonte: foreste, stock di carbonio e gestione sostenibile

Scenario Piemonte: foreste, stock di carbonio e gestione sostenibile Scenario Piemonte: foreste, stock di carbonio e gestione sostenibile Franco Gottero Pier Giorgio Terzuolo Istituto per le Piante da Legno e l Ambiente - IPLA S.p.A Torino Mercati locali del carbonio e

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE AGRONOMO E DOTTORE FORESTALE SECONDA SESSIONE 2010

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE AGRONOMO E DOTTORE FORESTALE SECONDA SESSIONE 2010 ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE AGRONOMO E DOTTORE FORESTALE SECONDA SESSIONE 2010 PRIMA PROVA SCRITTA Per i candidati in possesso di Laurea Specialistica/Magistrale

Dettagli

ARGOMENTI PROVE SCRITTE ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE AGRONOMO E DOTTORE FORESTALE SEZ

ARGOMENTI PROVE SCRITTE ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE AGRONOMO E DOTTORE FORESTALE SEZ ARGOMENTI PROVE SCRITTE ESAMI DI STATO DI ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI DOTTORE AGRONOMO E DOTTORE FORESTALE SEZ. A SESSIONE DI NOVEMBRE 2013 I^ PROVA SCRITTA TEMA N. 1 Un fondo agricolo

Dettagli

COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA

COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA COMUNE DI TRAREGO VIGGIONA via Passo della Piazza,1 TRAREGO VIGGIONA INCENTIVI PREVISTI DAL P.S.R. 2007-2013 REGIONE PIEMONTE REALIZZAZIONE DI INVESTIMENTI VOLTI AL MIGLIORAMENTO DELL AMBIENTE E DELLA

Dettagli

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07.

PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ DEI SISTEMI FORESTALI LITORANEI (II ATTO AGGIUNTIVO ALL ACCORDO QUADRO DEL 04.07. PROGRAMMI DI PREVENZIONE, DIFESA E GESTIONE INTEGRATA DELLA FASCIA COSTIERA DAI FENOMENI DI EROSIONE E DISSESTO IDROGEOLOGICO (DGR 35/9 DEL 30.08.2011). PROGRAMMA PER IL RECUPERO E RIPRISTINO DELLA FUNZIONALITÀ

Dettagli

LAVORI FORESTALI 2014

LAVORI FORESTALI 2014 LAVORI FORESTALI 2014 Durante l anno 2014 da parte di questa Regola sono stati fatturati e poi venduti mc. 2.889 di legname provenienti dalle seguenti zone: - Lotto Zaluna mc. 87 fatturato dalla ditta

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale».

LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale». LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, n. 27 «Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale». Capo I Finalità e norme generali Art. 1. Finalità e obiettivi. 1. Le disposizioni

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO

COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "A. ZANELLI" COMPETENZE ED AMBITI PROFESSIONALI DELLA FIGURA DEL PERITO AGRARIO Il perito agrario è un tecnico con competenze sulla gestione del territorio, sulla gestione

Dettagli

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare

MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare MANIFESTO della green economy per l'agroalimentare Del Consiglio Nazionale della green economy Roma, 30 giugno 2015 In occasione di Expo 2015 Consiglio nazionale della green economy, formato da 66 organizzazioni

Dettagli

La Viabilità Forestale e gli Incendi Boschivi: due nuovi livelli della Carta Forestale

La Viabilità Forestale e gli Incendi Boschivi: due nuovi livelli della Carta Forestale La Viabilità Forestale e gli Incendi Boschivi: due nuovi livelli della Carta Forestale Anna Cutrone anna.cutrone cutrone@provincia. @provincia.bologna.it Modalità di realizzazione della Carta Forestale

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE DELLA REGIONE VENETO BANDI DI FINANZIAMENTO APERTI CHE RIGUARDANO IL SETTORE LEGNO ENERGIA ASSE 1 MISURA 121 MISURA 121 M Ammodernamento delle Aziende Agricole in montagna

Dettagli

M841 ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE. Indirizzo: IPM9 MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA CURVATURA MECCANICA

M841 ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE. Indirizzo: IPM9 MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA CURVATURA MECCANICA Pag. 1/5 Sessione ordinaria 2015 A T T E N Z I O N E La presente prova è costituita dalle seguenti tracce relative a: IPM9 MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA IPS9 MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA Si invita

Dettagli

M842 ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE. Indirizzo: IPS9 - MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA CURVATURA SISTEMI ENERGETICI

M842 ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE. Indirizzo: IPS9 - MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA CURVATURA SISTEMI ENERGETICI Pag. 1/5 Sessione ordinaria 2015 A T T E N Z I O N E La presente prova è costituita dalle seguenti tracce relative a: IPS9 MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA IPM9 MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA Si invita

Dettagli

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali 14 giugno 2012 - Fenestrelle (TO) Formazione obbligatoria ai sensi del d.lgs. 81/2008 e iniziative in campo forestale Regione Piemonte, Settore Prevenzione

Dettagli

Università degli Studi di Roma "La Sapienza"

Università degli Studi di Roma La Sapienza Esame di Stato per l'abilitazione alla Professione di Ingegnere sez. B Iunior SEZIONE B - LAUREA TRIENNALE SETTORE CIVILE-AMBIENTALE Ingegneria Civile e Ingegneria per l'ambiente e il territorio II Prova

Dettagli

La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio

La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio 2 METODOLOGIA DI INDAGINE La Carta Forestale è stata realizzata dall INEA in stretto collegamento con l Ufficio Foreste e Tutela del Territorio, del Dipartimento Ambiente, Territorio, Politiche della Sostenibilità.

Dettagli

Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI

Il sottoscritto, nato a il, nella sua qualità di dell'impresa, con sede in, Via, n., Cod. Fiscale e Partita IVA, tel. fax:, VISTI I LOTTI Allegato A) GARA PER LA VENDITA DI N 14 LOTTI DI BOSCO IN PIEDI E DI N. 1 LOTTO DI LEGNAME ALL IMPOSTO NEI COMPLESSI FORESTALI IN GESTIONE ALL UNIONE DI COMUNI VALDARNO-VALDISIEVE GARA DEL 17/10/2013 Il

Dettagli

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25

Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 Misure forestali e sistemazioni idraulico-forestali Legge regionale 7 febbraio 2000 n. 7, artt. 24 e 25 PREMESSA La Regione Lombardia, con deliberazione di Giunta regionale del 28 novembre 2003 n. 7/15276,

Dettagli

(CARTA INTESTATA DEL RICHIEDENTE)

(CARTA INTESTATA DEL RICHIEDENTE) (CARTA INTESTATA DEL RICHIEDENTE) SPETT.LE COMUNE DI CINIGIANO P.le Bruchi, 3 58044 Cinigiano (Gr) DOMANDA DI CONTRIBUTO SULLA MISURA 6.3.3. SOSTEGNO PER LA CRESCITA DEL SISTEMA AGRICOLO, RURALE E FORESTALE

Dettagli

"Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale".

Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale. LEGGE REGIONALE 28 ottobre 2004, N. 27 "Tutela e valorizzazione delle superfici, del paesaggio e dell economia forestale". (BURL n. 44, 1 suppl. ord. del 29 Ottobre 2004 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:2004-10-28;27

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3

ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. 268 del 15/03/2011 pag. 1/3 1. MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLE NORME DI PIANIFICAZIONE FORESTALE DI CUI ALL DGR 158 del 21 gennaio 1997. Le Direttive e

Dettagli

R.D.M. Progetti S.r.l.

R.D.M. Progetti S.r.l. SCHEDA PROGETTO: Servizio META Monitoraggio Estensivo dei boschi della ToscanA a fini fitosanitari ha partecipato fin dalle fasi sperimentali iniziali al progetto META (anno 2000), un sistema informativo

Dettagli

La formazione professionale forestale in Piemonte

La formazione professionale forestale in Piemonte La formazione professionale forestale in Piemonte V. Debrando 1, V. Motta Fre 1, P. Brenta 2 1 Regione Piemonte, Dir. Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, Economia Montana e Foreste 2 Istituto per le Piante

Dettagli

8.6 - Sostegno agli investimenti in tecnologie silvicole e nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti delle foreste

8.6 - Sostegno agli investimenti in tecnologie silvicole e nella trasformazione, mobilitazione e commercializzazione dei prodotti delle foreste 8.2.8.3.5. 8.6.1 Investimenti per incrementare il potenziale economico delle foreste e dei prodotti forestali Sottomisura: 8.6 - Sostegno agli investimenti in tecnologie silvicole e nella trasformazione,

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "Antonio Della Lucia" Istituto Prof.le Agricoltura e Ambiente Istituto Tecnico per l Agricoltura Loc.

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Antonio Della Lucia Istituto Prof.le Agricoltura e Ambiente Istituto Tecnico per l Agricoltura Loc. ISTITUTO TECNICO Settore tecnologico ad indirizzo AGRARIA, AGROALIMENTARE E AGROINDUSTRIA L indirizzo è finalizzato all acquisizione, per il settore agrario integrato, di un complesso di competenze relative

Dettagli

ORIGINE ED EVOLUZIONE DI

ORIGINE ED EVOLUZIONE DI UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE Facoltà di Agraria Corso di Laurea in Scienze Forestali ed Ambientali (L) ORIGINE ED EVOLUZIONE DI RIMBOSCHIMENTI DI CONIFERE NEL SETTORE ORIENTALE DEL PARCO NAZIONALE

Dettagli

Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti

Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti Esami di Stato di abilitazione all'esercizio professionale per Esperto contabile Elenco delle tracce sorteggiate nelle sessioni precedenti I^ sessione 2012 Materie aziendali: Il candidato illustri i principi

Dettagli

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure

Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Competitività e ricambio generazionale: descrizione delle misure Misura 5 - Ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali e da eventi catastrofici e introduzione di adeguate

Dettagli

La gestione attiva e sostenibile delle foreste in Carinzia

La gestione attiva e sostenibile delle foreste in Carinzia Carinzia: 953.349 ettari Bosco: 570.00 ettari = 60 % 30% Bosco di protezione Funzione protettiva Piano di sviluppo forestale Funzione sociale Funzione ricreativa Funzione produttiva Alberi - Specie AGHIFOGLIE

Dettagli

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali

Buone Condizioni Agronomiche ed Ambientali Obiettivo 1 EROSIONE DEL SUOLO Obiettivo 2 SOSTANZA ORGANICA DEL SUOLO Obiettivo 3 STRUTTURA DEL SUOLO Obiettivo 4 LIVELLO MINIMO DI MANTENIMENTO Regione Campania - Assessorato Agricoltura e alle Attività

Dettagli

L'uso del legno nel comparto industriale regionale. Il legno da triturazione

L'uso del legno nel comparto industriale regionale. Il legno da triturazione L'uso del legno nel comparto industriale regionale Il legno da triturazione Fabbisogno di legname dell'industria Regionale Consumi regionali dell'industria della carta e del pannello Legname da triturazione:

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 9/9^ DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE G. NUCERA, RECANTE: TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E DELL ECONOMIA FORESTALE

PROPOSTA DI LEGGE N. 9/9^ DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE G. NUCERA, RECANTE: TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO E DELL ECONOMIA FORESTALE CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IV COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO - PROTEZIONE DELL AMBIENTE PROPOSTA DI LEGGE N. 9/9^ DI INIZIATIVA DEL CONSIGLIERE REGIONALE G. NUCERA, RECANTE:

Dettagli

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte

Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Le Misure del PSR proposte per la Montagna e le Foreste in attuazione del Documento Strategico Unitario (DSU) 2014 20 della Regione Piemonte Assessorato allo Sviluppo della Montagna e alle Foreste Incontro

Dettagli

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento

PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento PSR 2014-2020 Guida alla consultazione online del Programma di Sviluppo Rurale della Provincia Autonoma di Trento L agricoltura trentina prende quota! I 5 passi per consultare facilmente online il PSR

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

NORME TECNICHE. Definizioni e ambiti di applicazione

NORME TECNICHE. Definizioni e ambiti di applicazione NORME TECNICHE Definizioni e ambiti di applicazione v I progetti ammessi a finanziamento devono ricadere nell ambito delle zone tartufigene individuate dalle carte regionali della potenzialità alla produzione

Dettagli

Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse IL SOTTOSCRITTO

Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse IL SOTTOSCRITTO Data/Prot. di presentazione Amministrazione Provinciale di Siena Ufficio Vincolo Idrogeologico Via Massetana, 106 53100 Siena BOLLO Richiesta di autorizzazione al taglio e opere connesse L.R. 21.03.2000,

Dettagli

CAPITOLO I Principi generali. Art.1

CAPITOLO I Principi generali. Art.1 REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA PREVENZIONE, L ACCERTAMENTO ED IL RISARCIMENTO DEI DANNI CAUSATI ALLE OPERE ED ALLE COLTURE AGRICOLE E FORESTALI DALLA FAUNA SELVATICA E DALL ATTIVITÀ VENATORIA CAPITOLO

Dettagli

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE

Progetto Formativo MACROAREA AGROAMBIENTALE Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: GANGI Corso di formazione per ESPERTO AGROAMBIENTALE Progetto Formativo

Dettagli

M749 ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE. Indirizzo: IP09 - MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA

M749 ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE. Indirizzo: IP09 - MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA Pag. 1/10 Sessione ordinaria 2015 M749 ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Indirizzo: IP09 - MANUTENZIONE E ASSISTENZA TECNICA A T T E N Z I O N E La presente prova è costituita dalle seguenti

Dettagli

La realtà forestale della Regione Toscana. Regione Toscana

La realtà forestale della Regione Toscana. Regione Toscana Auditorium Consiglio Regionale 22 Luglio 2009 La realtà forestale della Regione Toscana Dott. Giovanni Vignozzi Resp. Settore Programmazione Forestale Direzione Generale dello Sviluppo Economico Regione

Dettagli

La legna da ardere in Italia Logistica, organizzazione e costi operativi

La legna da ardere in Italia Logistica, organizzazione e costi operativi Dossier La legna da ardere in Italia Logistica, organizzazione e costi operativi Progetto RES & RUE Dissemination A cura di: Realizzato da CEAR Bruno Vettraino Maddalena Carlino Simona Rosati INDICE PREMESSA...

Dettagli

Corso di CAPO AZIENDA

Corso di CAPO AZIENDA Progetto: MISURA 111 Azione 1 Formazione- Pacchetto Formativo Misto Ambito: Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Sede: NICOSIA Corso di formazione per CAPO AZIENDA Corso di CAPO AZIENDA

Dettagli

Gli strumenti metodologici dell economia forestale. Parte 4

Gli strumenti metodologici dell economia forestale. Parte 4 Gli strumenti metodologici dell economia forestale Parte 4 1 Il concetto di sviluppo economico sostenibile con la conservazione ambientale Matematica Finanziaria 4 Sviluppo economico La filiera Foresta

Dettagli

Regione Toscana. Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale

Regione Toscana. Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale Allegato A Regione Toscana Direzione Generale dello Sviluppo Economico Area di coordinamento politiche per lo sviluppo rurale Settore foreste e patrimonio agroforestale Tariffe orarie e tempi di esecuzione

Dettagli

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi

Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi Franco Licini Direzione opere pubbliche, difesa del suolo, economia montana e foreste Il Piano di Sviluppo Rurale 2014 2020 per il miglioramento dei boschi IL VALORE DEL BOSCO PER IL PAESAGGIO Giovedì

Dettagli

Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato

Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato Il monitoraggio di habitat e specie nei siti gestiti dal Corpo Forestale dello Stato Dott. Marco Panella Ufficio per la Biodiversità Corpo Forestale dello Stato m.panella@corpoforestale.it * * 2 * * 3

Dettagli

Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici

Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici IL LEGNO PER LA SOSTENIBILITÀ IN EDILIZIA Centro Congressi Lingotto, Torino 6 giugno 2007 Caratteristiche del legno di larice e di altre specie piemontesi in relazione al recupero sostenibile degli edifici

Dettagli

Attività di qualificazione ed aggiornamento per addetti alle utilizzazioni forestali

Attività di qualificazione ed aggiornamento per addetti alle utilizzazioni forestali PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PROVINCIALE DELLE FORESTE DEMANIALI Ufficio Tecnico e gestionale Attività di qualificazione ed aggiornamento per addetti alle utilizzazioni forestali Catalogo delle

Dettagli

COMUNE di CERCIVENTO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI LEGNAME RITRAIBILE DAI BOSCHI COMUNALI

COMUNE di CERCIVENTO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI LEGNAME RITRAIBILE DAI BOSCHI COMUNALI COMUNE di CERCIVENTO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI LEGNAME RITRAIBILE DAI BOSCHI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 61 del 21.12.2011 ART. 1 (Finalità

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Toscana: attuazione. Roberto Pagni Regione Toscana 7 marzo 2016 Consiglio Regionale

Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Toscana: attuazione. Roberto Pagni Regione Toscana 7 marzo 2016 Consiglio Regionale Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Toscana: le opportunità e lo stato di attuazione Roberto Pagni Regione Toscana 7 marzo 2016 Consiglio Regionale 1 Le risorse Toscana: 962 milioni risorse

Dettagli

ANALISI PREZZI. legna da ardere Importo netto. legna da ardere Importo netto

ANALISI PREZZI. legna da ardere Importo netto. legna da ardere Importo netto ANALISI PREZZI NUOVO PREZZO N. 01 attrezzatura, rimozione del ceppo e detrazione per il ricavo del legno, considerato come. Alberi di altezza fino a 10 metri. U.07.10.340.a cad. 1 101,12 del ceppo. Alberi

Dettagli

PIANO D AZIONE ENEPOLIS CONCLUSIONI

PIANO D AZIONE ENEPOLIS CONCLUSIONI PROVINCIA DI POTENZA Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio Home PIANO D AZIONE ENEPOLIS Indice CONCLUSIONI Le attività iniziali del progetto sono state realizzate in un arco di tempo di

Dettagli

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse

Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana. Crescere insieme: opportunità e risorse Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 GAL Tuscia Romana Crescere insieme: opportunità e risorse MISURA 4 INVESTIMENTI IN IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI P1-6 4 MISURA 4 Investimenti in immobilizzazioni materiali

Dettagli

CONVEGNO. Roma 27 luglio 2010. Istituto della Enciclopedia Italiana. Dr. Claudio GARRONE FederelgnoArredo Associazione Forestale Italiana

CONVEGNO. Roma 27 luglio 2010. Istituto della Enciclopedia Italiana. Dr. Claudio GARRONE FederelgnoArredo Associazione Forestale Italiana CONVEGNO La difesa del patrimonio forestale a 10 anni dal decreto-legge 4 agosto 2000 n. 220, che ha introdotto il reato di incendio boschivo nel Codice Penale. Roma 27 luglio 2010 Istituto della Enciclopedia

Dettagli

8.3 - Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici

8.3 - Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastrofici 8.2.8.3.2. 8.3.1 Prevenzione dei danni alle foreste da incendi, calamità naturali ed eventi catastofici Sottomisura: 8.3 - Sostegno alla prevenzione dei danni arrecati alle foreste da incendi, calamità

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

Sezione A 19 Giugno 2014 TEMA N. 1 Elettrotecnica/Energetica Macchine Elettriche TEMA N. 2 Elettrotecnica/Energetica Impianti elettrici

Sezione A 19 Giugno 2014 TEMA N. 1 Elettrotecnica/Energetica Macchine Elettriche TEMA N. 2 Elettrotecnica/Energetica Impianti elettrici Esame di Stato per l'abilitazione all esercizio della professione di Ingegnere Industriale I sessione 2014 Sezione A SECONDA PROVA SCRITTA (prova di classe) 19 Giugno 2014 TEMA N. 1 Elettrotecnica/Energetica

Dettagli

Collaborazioni interregionali: attività di mutuo riconoscimento dei profili formativi fra le diverse aree dell'arco alpino

Collaborazioni interregionali: attività di mutuo riconoscimento dei profili formativi fra le diverse aree dell'arco alpino Collaborazioni interregionali: attività di mutuo riconoscimento dei profili formativi fra le diverse aree dell'arco alpino Torino, 22 febbraio 2012 I.P.L.A. S.p.A. Istituto per le Piante da Legno e Ambiente

Dettagli

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15)

8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2 DESCRIZIONE DELLA MISURA 8.2.2 Codice e titolo della misura Mis. 2 - Servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole (art 15) 8.2.2.1 Base Giuridica Art.

Dettagli

Esame di Stato di abilitazione alla professione di Dottore Agronomo e Dottore Forestale Sezione A Sessione di giugno 2013 Prima prova: 20 giugno 2013

Esame di Stato di abilitazione alla professione di Dottore Agronomo e Dottore Forestale Sezione A Sessione di giugno 2013 Prima prova: 20 giugno 2013 Prima prova: 20 giugno 2013 Agricoltura e paesaggio: il candidato illustri, ponendo a confronto vecchie e nuove metodologie operative, i nuovi rapporti fra agricoltura, tutela del paesaggio ed ecosistema.

Dettagli