INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDICE 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI ACCESSO 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE"

Transcript

1 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 1 di 40 INDICE 1. ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 Il sistema integrato dei Servizi Sociali 1.2 Gli interventi erogati dall'ente di Ambito Sociale 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI 2.1 Servizi ed interventi generali 2.2 Servizi per l'infanzia, l'adolescenza e la famiglia 2.3 Servizi per disabili 2.4 Servizi per anziani 2.5 Servizi per immigrati, senza fissa dimora, persone in situazione di povertà 2.6 Altri servizi 3. ORGANIZZAZIONE DELL AMBITO SOCIALE 3.1 Struttura organizzativa 3.2 Funzioni e Responsabilità 3.3 Elenco responsabili al 16/02/04 APPENDICE: Mappa dei Servizi disponibili nel territorio 02 16/02/04 Seconda edizione Edizione Data Descrizione Approvazione 12

2 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 2 di ELENCO DEI SERVIZI DISPONIBILI 1.1 IL SISTEMA INTEGRATO DEI SERVIZI SOCIALI Il sistema italiano dei servizi sociali è attualmente disciplinato da diverse norme e diversi sono gli Enti che erogano i servizi sociali in un determinato territorio (Comune, Provincia, Asl, Ambito Sociale, ecc.). SERVIZI SOCIALI Servizi sociali gestiti dal Comune Servizi sociali gestiti da... Servizi sociali gestiti dalla Provincia Servizi Sociali ricompresi nel Piano di Zona La presente Carta per la Cittadinanza Sociale si riferisce solo ai servizi che sono ricompresi nel Piano di Zona. Tuttavia, per aiutare il cittadino ad orientarsi nella scelta e nella richiesta dei servizi sociali di proprio interesse, viene riportata in Appendice di questa sezione anche una mappa completa degli altri servizi disponibili nel territorio dell Ambito. 1.2 GLI INTERVENTI EROGATI DALL'ENTE DI AMBITO SOCIALE L Ambito Sociale n. 22 Lanciano si impegna a garantire l erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza individuati dalla Legge 328/2000 e dalle direttive nazionali. In particolare, il servizio di Segretariato Sociale garantisce al cittadino tutte le informazioni relative all accesso ai servizi di tutte le aree anche attraverso la divulgazione e la libera consultazione della Carta per la Cittadinanza Sociale. Può costituire inoltre una porta di accesso unitaria alle prestazioni di natura sociale. 13

3 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 3 di 40 Gli interventi erogati dall Ambito Sociale, che hanno il preciso scopo di rispondere a situazioni di disagio del singolo o della famiglia, possono essere raggruppati nelle seguenti aree utilizzando la classificazione adottata dall Osservatorio Sociale Regionale: 1. Servizi ed interventi generali (segretariato sociale, servizio sociale professionale, pronto intervento sociale, ecc.). 2. Servizi per l infanzia, l adolescenza e la famiglia (interventi a tutela dei minori, servizi educativi, servizi di animazione, affido e adozione, sostegno alla famiglia, ecc.). 3. Servizi per disabili (interventi di sostegno per la scuola, il lavoro, interventi per il massimo sviluppo dell autonomia, per la rimozione di ostacoli, per la promozione di pari opportunità, ecc.). 4. Servizi per anziani (servizi di animazione e promozione sociale, interventi di assistenza sociale, ecc.). 5. Servizi per immigrati, senza fissa dimora, persone in situazione di povertà (servizi di assistenza, accoglienza, mensa, ecc.). 6. Altri servizi (servizi non compresi nelle precedenti aree). La tabella 1 che segue elenca, per ciascuna delle suddette aree di intervento, i soli servizi progettati, gestiti e controllati dall'ente di Ambito Sociale attraverso il Piano di Zona. Per una panoramica completa di tutti i servizi sociali offerti nel territorio dell Ambito si rimanda all Appendice. N.B.: la numerazione non progressiva si spiega con la volontà di non modificare la numerazione prevista dalla classificazione dell Osservatorio Sociale Regionale. TABELLA 1 1. Servizi ed interventi generali 1.1. Segretariato Sociale 1.2. Servizio Sociale Professionale 1.3. Servizio di sostegno economico 1.4. Pronto intervento sociale per le situazioni di emergenza personali e familiari 2. Servizi per l infanzia, l adolescenza e la famiglia 2.2. Servizio integrativo ai nidi d infanzia (Tempo per le Famiglie) 2.3. Centro diurno per minori (Rete dell Acrobata + CAG Robinson) 2.4. Servizio/intervento di sostegno alla famiglia e alla genitorialità (Sportello Famiglia) 2.5. Servizio socio-psico-educativo per l infanzia e l adolescenza Altra struttura residenziale per minori (ricovero in strutture per minori) Servizi per l affidamento familiare Servizio per l adozione nazionale e internazionale Assistenza domiciliare socio-educativa per minori Intervento territoriale e comunitario per minori Città dei bambini Informagiovani 14

4 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 4 di Soggiorni estivi per minori 3. Servizi per disabili 3.1. Centro diurno per disabili 3.5. Servizio di trasporto per disabili + tessere di libera circolazione 3.8. Servizio di aiuto personale per disabili 4. Servizi per anziani 4.1. Centro diurno per anziani 4.4. Assistenza domiciliare per anziani + Assistenza domiciliare integrata per anziani 4.5. Soggiorni di vacanza e cura per anziani 4.6. Telesoccorso e teleassistenza 4.7. Integrazione rette case di riposo e RSA 5. Servizi per immigrati, senza fissa dimora, persone in situazione di povertà 5.1. Servizio di assistenza e accompagnamento per immigrati 6. Altri Servizi 6.1. Consulte comunali 6.2. Archivio della memoria 6.3. Contributi economici ad associazioni 6.4. Assistenza domiciliare disagio psichiatrico 2. SCHEDE DESCRITTIVE DEI SERVIZI E DELLE RELATIVE MODALITA'DI I servizi di natura sociale organizzati, gestiti e controllati dall'ambito n. 22 Lanciano, secondo quanto previsto dal Piano di Zona, sono sintetizzati e illustrati nelle schede che seguono. Di ogni servizio vengono riportate: le finalità, le prestazioni fornite, l utenza, gli eventuali requisiti per l accesso, le modalità di accesso, la legislazione di riferimento eventuali notizie utili. 15

5 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 5 di SERVIZI ED INTERVENTI GENERALI 1.1 SEGRETARIATO SOCIALE FINALITA Rappresenta il principale strumento di orientamento ai servizi sociali ed opera per garantire ai cittadini il diritto all assistenza sociale orientandoli verso una rapida risposta ai bisogni manifestati. COSA FORNISCE Attività di informazione, consulenza e assistenza sui servizi e sulle prestazioni assistenziali attivate da soggetti pubblici e privati. Supporto per la presentazione delle richieste di accesso ai servizi e agli interventi socio-sanitari. A CHI E RIVOLTO Il servizio di segretariato sociale è rivolto a tutti i cittadini che si trovino a dover affrontare un problema sociale. REQUISITI PER Aperto a tutti i cittadini. MODALITA DI Presso lo sportello nella sede dell Assessorato alle Politiche Sociali, Via Rosato n. 1; Tel. 0872/ Orario al pubblico: lunedì; mercoledì e venerdì dalle 8,30 alle ore 12,30 e martedì e giovedì dalle 16,00 alle ore 17,30. NOTIZIE UTILI Il servizio è gratuito ed è gestito direttamente dall Ente. Esiste uno sportello periferico, gestito in collaborazione con l associazione Progetto vita, in via Galvani,aperto i giorni: LEGISLAZIONE DI Legge n. 328/2000. L.R. n. 22/98. 16

6 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 6 di SERVIZIO SOCIALE PROFESSIONALE FINALITA Lettura e decodificazione della domanda, presa in carico della persona o della famiglia e attivazione ed integrazione dei servizi e delle risorse in rete. COSA FORNISCE Valutazione professionale del bisogno e definizione del progetto personalizzato. A CHI E RIVOLTO Il servizio sociale professionale è rivolto a tutti: bambini, adulti e anziani. REQUISITI PER Residenza. MODALITA DI Presso la sede dell Assessorato alle Politiche Sociali, Via Rosato n. 1; Tel. 0872/ NOTIZIE UTILI Gestione diretta avvalendosi delle equipe multidimensionali. LEGISLAZIONE DI L. n. 328/

7 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 7 di SERVIZIO DI SOSTEGNO ECONOMICO FINALITA Favorire l autonomia del singolo o del nucleo familiare che si trova in condizioni economiche e sociali accertate di bisogno. Impedire il realizzarsi o il radicarsi di forme di emarginazione e di esclusione dal contesto sociale. COSA FORNISCE Sussidi economici Prestazione di lavoro sociale Assistenza economica per i minori A CHI E RIVOLTO Persone e nuclei familiari in stato di indigenza con residenza nel territorio dell Ambito Sociale. REQUISITI PER Stato di bisogno accertato, nei limiti di reddito previsti. MODALITA DI Domanda su apposito modulo disponibile presso la sede dell Assessorato alle Politiche Sociali, Via Rosato n. 1; Tel. 0872/ NOTIZIE UTILI Il servizio è gratuito ed è gestito direttamente dall Ente. LEGISLAZIONE DI L. n. 328/2000; L.R. n. 11/99. 18

8 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 8 di PRONTO INTERVENTO SOCIALE FINALITA Garantire una sistematica e tempestiva capacità dell Ambito di fronteggiare le emergenze personali e familiari. COSA FORNISCE Interventi per bambini maltrattati e abusati, comportamenti autodistruttivi, conflitti familiari con esiti violenti, interventi di urgenza a seguito di provvedimenti dell autorità giudiziaria, primo soccorso in presenza di eventi improvvisi e traumatici, flussi migratori non prevedibili. A CHI E RIVOLTO Il servizio di pronto intervento sociale è rivolto a tutti i cittadini. REQUISITI PER Situazioni di emergenza. MODALITA DI Presso la sede dell Assessorato alle Politiche Sociali, Via Rosato n. 1; Tel. 0872/ NOTIZIE UTILI Servizio gestito in convenzione con strutture presenti sul territorio e in ambiti associati. LEGISLAZIONE DI L. n. 328/

9 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 9 di SERVIZI PER L'INFANZIA, L'ADOLESCENZA E LA FAMIGLIA 2.2 SERVIZIO INTEGRATIVO AI NIDI D INFANZIA FINALITA Ampliare l azione dei nidi d infanzia garantendo risposte flessibili e differenziate alle esigenze delle famiglie e dei bambini attraverso soluzioni diversificate sul piano strutturale e organizzativo. COSA FORNISCE Offerta di luoghi con caratteristiche educative, ludiche, culturali e di aggregazione sociale, rivolti ai bambini, insieme ai loro genitori o adulti accompagnatori (Servizio TEMPO FAMIGLIE ). A CHI E RIVOLTO Coppia Adulti/Bambini. REQUISITI PER Certificazioni sanitarie, età 18 mesi /3 anni, residenza. MODALITA DI Presso Assessorato Politiche Sociali Via Rosato, n. 1; Pubblica Istruzione Via dei Frentani NOTIZIE UTILI Gestione tramite cooperative Sociali, servizio gratuito. LEGISLAZIONE DI L. n. 285/97. 20

10 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 10 di CENTRO DIURNO PER MINORI FINALITA Promuovere lo sviluppo di ciascuna individualità e la crescita sociale mediante la sperimentazione di modalità relazionali integrative rispetto a quelle praticate nelle scuole e nelle famiglie. COSA FORNISCE Attività ludico-ricreative individuali e di gruppo; attività formative, informative, culturali, artistiche; sostegno alle attività didattiche. A CHI E RIVOLTO Ragazzi dai 10 ai 18 anni. REQUISITI PER Residenza; Età. MODALITA DI Iscrizione presso il C.A.G. Robinson Via Ortona n. 3 dalle ore alle ore dal lunedì al venerdì o presso l Assessorato alle Politiche Sociali, Via Rosato, 1. NOTIZIE UTILI Gestione tramite cooperative sociali, servizio gratuito. LEGISLAZIONE D L. n. 285/97. I 21

11 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 11 di SERVIZIO CENTRO FAMIGLIA FINALITA Informare, orientare la famiglia e valorizzare le risorse e le competenze genitoriali. COSA FORNISCE Documentazione, informazioni, consulenza psicologica e pedagogica. A CHI E RIVOLTO Famiglia. REQUISITI PER Residenza. MODALITA DI Presso il Nido d infanzia Il Sorriso in Via Marcianese Tel. 0872/ Il martedì dalle ore alle ore Call Center c/o centro L Aquilone tel. 0872/ NOTIZIE UTILI Gestione tramite cooperative sociali in collaborazione con l Associazione di Volontariato ANFFAS, servizio gratuito. LEGISLAZIONE DI L. n. 285/97. 22

12 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 12 di SERVIZIO SOCIO-PSICO-EDUCATIVO PER INFANZIA E ADOLESCENZA FINALITA Prevenzione del disagio minorile e dei disturbi dell apprendimento. COSA FORNISCE Sostegno psicologico, sociale ed educativo ai minori. Consulenza ad insegnanti e genitori. A CHI E RIVOLTO Minori, insegnanti, genitori ed operatori dei servizi per minori. REQUISITI PER Segnalazione da parte delle scuole o del servizio sociale minori o su richiesta. MODALITA DI NOTIZIE UTILI Gestione diretta, tramite personale convenzionato. LEGISLAZIONE DI L.R. n. 22/98, L. n. 328/2000. Presso le scuole oppure l Assessorato alle Politiche Sociali Via Rosato n. 1, su appuntamento. 23

13 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 13 di RICOVERO IN STRUTTURE PER MINORI FINALITA Offrire ai minori per i quali si sia reso necessario l allontanamento dalla famiglia di origine un ambiente accogliente che permetta la convivenza di un piccolo gruppo (massimo 10 minori) secondo rapporti di tipo familiare (Casa Famiglia) o, in situazioni particolarmente problematiche, offrire un supporto educativo e assistenziale in istituti educativi socio-assistenziali. COSA FORNISCE Ricovero in strutture residenziali di tipo familiare con figure di supporto psico-socio-educativo e infermieristico, o in strutture socioeducative, in caso di necessità di accompagnamento e tutela finalizzata all autonomia. A CHI E RIVOLTO Minorenni e famiglie. REQUISITI PER Provvedimenti del Tribunale per i Minorenni. MODALITA DI Presso il servizio Minori, Assessorato alle Politiche Sociali, via Rosato,1. NOTIZIE UTILI Gestione diretta, tramite strutture scelte d intesa con il Tribunale per i Minorenni. LEGISLAZIONE DI L. n.184/

14 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 14 di SERVIZI PER L AFFIDAMENTO FAMILIARE FINALITA Offrire al minore la possibilità di essere accolto temporaneamente in un contesto familiare alternativo; aiutare la famiglia di origine a superare le difficoltà per favorire il rientro del minore. COSA FORNISCE Supporto psicosociale alle famiglie interessate. A CHI E RIVOLTO Alle coppie che intendono prendere in affido un minore. REQUISITI PER Idoneità psicosociale. MODALITA DI Presso la sede dell equipe territoriale, Assessorato alle Politiche Sociali, via Rosato, 1, tel. 0872/72531, o presso il Centro famiglia, via Marcianese, Lanciano. NOTIZIE UTILI Il servizio è gratuito ed è gestito direttamente dal Comune, in LEGISLAZIONE DI collaborazione con la AUSL. L. n.184/83; L.n. 149/

15 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 15 di SERVIZIO PER L ADOZIONE NAZIONALE E INTERNAZIONALE FINALITA Offrire una famiglia ad un minore dichiarato adottabile dall Autorità Giudiziaria. COSA FORNISCE Informazione, consulenza e preparazione delle famiglie aspiranti all adozione, supporto psicosociale. A CHI E RIVOLTO Alle coppie che intendono adottare un minore. REQUISITI PER Idoneità psicosociale. MODALITA DI Presso la sede dell equipe territoriale, Assessorato alle Politiche Sociali, via Rosato, 1, tel. 0872/72531, o presso il Centro famiglia, via Marcianese, Lanciano. NOTIZIE UTILI Il servizio è gratuito ed è gestito direttamente dal Comune, in LEGISLAZIONE DI collaborazione con la AUSL. L. n.184/83 e L.476/98. 26

16 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 16 di ASSISTENZA DOMICILIARE PER MINORI FINALITA Consentire la permanenza di minori esposti a rischio di emarginazione nel normale ambiente di vita, riducendo il ricorso a strutture residenziali. COSA FORNISCE Prestazioni di natura socio-assistenziale erogate al domicilio del minore e interventi connessi alla vita quotidiana per un sostegno al minore di tipo socio-educativo. A CHI E RIVOLTO Minori e famiglie in difficoltà. REQUISITI PER Residenza, segnalazione del servizio sociale minori. MODALITA DI Presso il servizio Minori, Assessorato alle Politiche Sociali, via Rosato, 1, tel.0872/ NOTIZIE UTILI Gestione tramite cooperative, servizio gratuito. LEGISLAZIONE DI L. 328/2000 e L.285/97. 27

17 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 17 di INTERVENTO TERRITORIALE E COMUNITARIO PER MINORI FINALITA Prevenzione del disagio. Favorire la crescita personale e l accesso alle opportunità presenti nel territorio. COSA FORNISCE Attivazione di servizi ed interventi rivolti alla generalità della popolazione minorile finalizzati alla prevenzione del disagio, della devianza e dell esclusione sociale tramite la promozione delle comunità locali e delle risorse presenti nel tessuto sociale. Gli interventi possono essere svolti in ambiti domiciliari, in appositi spazi sociali e in luoghi aperti di aggregazione spontanea. A CHI E RIVOLTO Minori, Famiglie, Insegnanti. REQUISITI PER È aperto a tutti. MODALITA DI Presso lo sportello, Assessorato alle Politiche Sociali, via Rosato, 1, tel.0872/ NOTIZIE UTILI Il servizio è gestito in collaborazione con la AUSL, Scuole ed altri Enti e Associazioni presenti sul territorio. LEGISLAZIONE DI L.R. 45/99. 28

18 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 18 di CITTA DEI BAMBINI FINALITA Promuovere all interno dello spazio urbano una cultura che assuma il bambino come parametro per misurare il livello di vivibilità della città. COSA FORNISCE La costituzione del Consiglio Comunale dei Bambini, attività di laboratorio, la realizzazione di interventi progettati dai bambini. A CHI E RIVOLTO Ai bambini delle scuole elementari (IV e V) e medie (classi prime). REQUISITI PER Accesso libero; per far parte del Consiglio occorre essere eletti dai compagni di scuola. MODALITA DI Presso la scuola di appartenenza e l Assessorato Politiche Sociali. NOTIZIE UTILI Attivazione di una rete di solidarietà tra tutte le parti sociali. LEGISLAZIONE DI L. 285/97. 29

19 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 19 di INFORMAGIOVANI FINALITA Avvicinare le esigenze dei giovani alle risorse territoriali. COSA FORNISCE Informazioni sulle opportunità di lavoro, sui corsi di studio di ogni ordine e grado e sui corsi di formazione professionale. A CHI E RIVOLTO Giovani in età scolastica e lavorativa. REQUISITI PER Ingresso libero e iscrizione su richiesta per l uso di Internet e MODALITA DI laboratori. La sede in Via dei Frentani, 13 è aperta lun. mart. merc. giov. ven. dalle 9.00 alle il lun. mart. merc. dalle alle 19.00, giov., ven. dalle alle NOTIZIE UTILI Gestione diretta, tramite personale convenzionato. LEGISLAZIONE DI 30

20 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 20 di SOGGIORNI ESTIVI PER MINORI FINALITA Offrire un periodo di vacanza, cura e socializzazione. COSA FORNISCE Colonia marina per minori. A CHI E RIVOLTO Giovani in età scolastica e lavorativa. REQUISITI PER Certificazioni mediche di idoneità, quota di partecipazione, residenza. MODALITA DI Moduli da compilare, presso la sede dell Assessorato alle Politiche Sociali, servizio Segretariato Sociale, Via Rosato n.1 Tel. 0872/ Orario al pubblico: lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 8.30 alle 12.30; martedì e giovedì dalle alle NOTIZIE UTILI Gestione diretta dell Ente, posti disponibili: 90. LEGISLAZIONE DI L.R. 22/98 e L. 328/

21 2.3 SERVIZI PER DISABILI Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 21 di CENTRO DIURNO PER DISABILI FINALITA Sostenere le famiglie con soggetti disabili e perseguire lo scopo di rendere possibile una vita di relazione a persone temporaneamente o permanentemente handicappate. COSA FORNISCE Attività formative, educative e di socializzazione volte a favorire la vita di relazione; potenziamento e/o mantenimento delle abilità acquisite. A CHI E RIVOLTO Portatori di handicap. REQUISITI PER Residenza, certificazione di handicap. MODALITA DI Zona industriale, centro L Aquilone. I moduli da compilare possono essere reperiti presso il centro o presso gli uffici di via Rosato. NOTIZIE UTILI La gestione è affidata all Associazione A.N.F.F.A.S. Il servizio è gratuito. LEGISLAZIONE DI L. 104/92. 32

22 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 22 di TESSERE LIBERA CIRCOLAZIONE FINALITA Favorire la vita di relazione a cittadini invalidi. COSA FORNISCE Permette la mobilità sui mezzi di trasporto pubblici. A CHI E RIVOLTO Invalidi 100%; ciechi con residuo visivo fino a 1/10 di entrambi gli occhi; Grandi Invalidi di guerra, di lavoro e di servizio; Cavalieri di V.Veneto; mutilati e invalidi di guerra, invalidi civili per causa di guerra ed assimilati, inabili del lavoro con percentuale non inferiore all 80%; ciechi totali; sordomuti; minori non deambulanti; invalidi e mutilati per servizio fino all 8 categoria. REQUISITI PER Certificazione di invalidità, residenza. MODALITA DI c/o Assessorato Politiche Sociali, via Rosato 1, tel. 0872/ NOTIZIE UTILI Il costo del servizio è a carico della Regione. LEGISLAZIONE DI Art. 7 della L.R. n. 40/91 e successive modificazioni. 33

23 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 23 di SERVIZIO DI TRASPORTO PER DISABILI FINALITA Garantire la presenza presso plessi scolastici, centri di riabilitazione e centri diurni delle persone con disabilità. COSA FORNISCE Trasporto dei soggetti portatori di handicap dal proprio domicilio alle scuole, ai centri di riabilitazione, ai centri diurni. A CHI E RIVOLTO A persone con disabilità fisiche e psichiche che frequentano le scuole, i centri di riabilitazione e i centri diurni, residenti nel territorio dell Ambito. REQUISITI PER Certificazioni di handicap o di persona in stato di grave difficoltà, residenza, ecc. MODALITA DI Domanda presso la sede dell Assessorato alle Politiche Sociali, servizio di Segretariato Sociale, Via Rosato, 1 Tel.0872/ Orario al pubblico: lunedì, mercoledì, venerdì dalle 8.30 alle 12.30; martedì e giovedì dalle alle 17,30. NOTIZIE UTILI Il Servizio è gratuito ed è gestito in convenzione con l Associazione LEGISLAZIONE DI Croce Gialla. L. 104/92. 34

24 Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 24 di SERVIZIO DI AIUTO PERSONALE PER DISABILI FINALITA Favorire l autosufficienza del disabile limitando l istituzionalizzazione. COSA FORNISCE Aiuto alla persona. E compreso il servizio di interpretariato per i cittadini non udenti. A CHI E RIVOLTO A disabili in temporanea o permanente grave limitazione dell autonomia personale. REQUISITI PER Certificazione ai sensi della legge 104/92. MODALITA DI Domanda presso la sede dell assessorato alle Politiche Sociali, servizio di Segretariato Sociale, Via Rosato, 1 Tel 0872/ Orario al pubblico: lunedì, mercoledì, venerdì dalle 8.30 alle 12.30; martedì e giovedì dalle alle NOTIZIE UTILI Il Servizio è gratuito ed è gestito in convenzione con associazioni e LEGISLAZIONE DI cooperative. Leggi applicabili L.104/92 e L.162/98. 35

Giuseppe Cellucci (Presidente dell Associazione tra EELL del Sangro-Aventino)

Giuseppe Cellucci (Presidente dell Associazione tra EELL del Sangro-Aventino) L'opuscolo è un'iniziativa dell'associazione Enti Locali del Sangro Aventino Gruppo di lavoro: Antonio Barsanofio Ariano EAS 23 Annamaria Carboni EAS 23 Antonella Gialluca EAS 21 Veglia Di Ciano EAS 22

Dettagli

CARTA PER LA CITTADINANZA SOCIALE

CARTA PER LA CITTADINANZA SOCIALE 2.4 SERVIZI PER ANZIANI Edizione : 02 Data : 15/11/2004 Pag. 25 di 40 4.1 CENTRO DIURNO PER ANZIANI FINALITA Valorizzare le risorse degli anziani in modo da garantire la loro permanenza nel costesto socio-ambientale

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

ANIMATORE di COMUNITÁ

ANIMATORE di COMUNITÁ M.I.U.R. ISTITUTO PROFESSIONALE di STATO per i SERVIZI SOCIO SANITARI Giuseppe Moscati Via Urbano II - Salerno - Tel. 089253151 Fax 089253794 Codice Fiscale: 80023220652 Codice Meccanografico: SARF04000N

Dettagli

I bambini e le famiglie

I bambini e le famiglie 3.8 I bambini e le famiglie ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà Continuare a vivere ASSISTENZA DOMICILIARE nel proprio ambiente di vita Vivere in un contesto familiare, AFFIDAMENTO FAMILIARE

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO

PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO PRESENTAZIONE LEGGE REGIONALE 20/2002 E RELATIVO REGOLAMENTO La legge regionale n. 20 del 6 novembre 2002, ed il relativo regolamento attuativo (n. 1 dell 8 marzo 2004) come più volte integrato e modificato,

Dettagli

CARTA PER LA CITTADINANZA SOCIALE Edizione : 01 Data : 5/04/2005 Pag. 1 di 52

CARTA PER LA CITTADINANZA SOCIALE Edizione : 01 Data : 5/04/2005 Pag. 1 di 52 Edizione : 01 Data : 5/04/2005 Pag. 1 di 52 IN CONFORMITÀ AL "DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 MAGGIO 1995" E IN ACCORDO AL "PIANO NAZIONALE DEGLI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI 2001-2003"

Dettagli

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate

Stato di attuazione: Aspetti critici, positivi ecc. N. soci coinvolti N. e tipologia delle attività realizzate D 1 - ANFFAS LABORATORIO IL FARO : interventi per contrastare l isolamento sociale e favorire la partecipazione attiva delle persone disabili e delle loro famiglie alla vita sociale. Pag. 333 ANFFAS Servizi

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE

TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A LLEGATO TABELLA 1 ELENCO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE, CONDIZIONATE ALL ISEE A1 - CONTRIBUTI ECONOMICI A1.01 Assegno per il nucleo familiare erogati dai comuni A1.02 Assegno Maternità erogato

Dettagli

Interventi Sociali anno 2010

Interventi Sociali anno 2010 Comune di Pesaro Assessorato Servizi Sociali Interventi Sociali anno 2010 Pesaro, 14 maggio 2011 Popolazione residente del Comune di Pesaro al 31/12/2010 fascia di età italiani % stranieri % totale 0-14

Dettagli

Azienda Speciale Servizi alla Persona

Azienda Speciale Servizi alla Persona Azienda Speciale Servizi alla Persona AREA PSICOLOGI SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI e AFFIDI FAMILIARI DISTRETTUALE SERVIZIO PSICOLOGICO TUTELA MINORI Il servizio ha l obiettivo di garantire in sinergia

Dettagli

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA

MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA MAPPATURA PRINCIPALI SERVIZI PER ANZIANI IN REGIONE LOMBARDIA PREMESSA Il presente documento è stato redatto in modo da offrire una panoramica dei principali servizi socio-sanitari e socio-assistenziali

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità

Servizi Sociali. in evoluzione: da selettività ad universalità Servizi Sociali in evoluzione: da selettività ad universalità Complessità Non Non si si limitano ad ad un un tempo preciso della della vita vita Pluralità di di interventi Personalizzazione degli degli

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

COMUNE DI TORLINO VIMERCATI REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE COMUNE DI TORLINO VIMERCATI PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 del 27.9.2010 TITOLO I PRINCIPI

Dettagli

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI

ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI ALLEGATO N.2 SCHEDA DI RILEVAZIONE DELLA POPOLAZIONE E DELLE POLITICHE SOCIALI 1 SEZ.A. DESCRIZIONE DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE A1. Suddivisione della popolazione per sesso e classi di età e stranieri

Dettagli

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali

SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali SERVIZI SOCIALI A cura di Ivan Alborghetti Assessore alle Politiche sociali Il settore dei servizi sociali comprende varie aree: anziani, handicap, minori, disagio. AREA ANZIANI L'assistenza alle persone

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Area Persone con disabilità

Area Persone con disabilità Area Persone con disabilità Componente dell U. d. P. referente e responsabile d Area Nome e cognome Enrichetta La Ragione - Buono Rita - Samuele Guardascione Angela Ferrara Indirizzo e sede Via Vigna,

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Comune di Firenze CARATTERISTICHE PROGETTO 2) Titolo del progetto: Diversamente Abili

Dettagli

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 443 del 11/12/1989. Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Regolamento

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA FAMIGLIA, INFANZIA ADOLESCENZA E MINORI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Pablo Picasso Maternità INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Direzione Politiche Sociali

Direzione Politiche Sociali Direzione Politiche Sociali Commissione Consiliare 13 luglio 2015 1 Assistenza Domiciliare Handicappati Gravi: Servizio di assistenza e sostegno per persone con disabilità dai 18 ai 64 anni per consentire

Dettagli

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014

SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 SERVIZIO/UFFICIO Servizi alla Persona RESPONSABILE dott.ssa Silvana Casamassima OBIETTIVO N. 1 PESO 20 SINTESI OBIETTIVI ANNO 2014 4.3.1- Investimento: - avvio della Comunità socio- educativa per persone

Dettagli

I disabili (di età superiore a 18 anni)

I disabili (di età superiore a 18 anni) 3.9 3.8 I disabili (di età superiore a 18 anni) ambiti bisogni SERVIZI C.I.S.S. DOMICILIARITà POVERTà LAVORO RESIDENZIALITà Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita Avere un sostegno quando la

Dettagli

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento

L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI. Regolamento L AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Regolamento Art. 1 Oggetto di regolamentazione e fonti normative 1. Il presente Regolamento disciplina i procedimenti, le modalità di organizzazione e la natura degli

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI. Data aggiornamento 13/05/2014 MONITORAGGIO TEMPI PROCEDIMENTALI ANNO 2014

FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI. Data aggiornamento 13/05/2014 MONITORAGGIO TEMPI PROCEDIMENTALI ANNO 2014 DIREZIONE FAMIGLIA E POLITICHE SOCIALI MONITORAGGIO TEMPI PROCEDIMENTALI ANNO 2014 Data aggiornamento 13/05/2014 BREVE DESCRIZIONE DEL CON INDICAZIONE DI TUTTI I RIFERIMENTI ASILI DI CASEGGIATO D.Lgs.

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO

INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO INDICE N. SCHEDA DENOMINAZIONE DEL SERVIZIO /INTERVENTO PAGINA 1 Asilo nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Pag.01 2 Servizi di conciliazione vita- lavoro Pag.03 3 Rete di Pronto

Dettagli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli

Progetto V.A.I. Valorizzazione Accoglienza Integrata. Guida ai servizi degli Enti aderenti alla Rete. Centro di Orientamento dell Alto Friuli Centro di Orientamento dell Alto Friuli Azienda per i Servizi Sanitari n. 3 Alto Friuli Distretto Socio-sanitario n. 1 Distretto Socio-sanitario n. 2 C.I.C. Centro Informazione e Consulenza Dipartimento

Dettagli

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS

Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia. Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS Area Infanzia, Adolescenti, Giovani, Famiglia Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Assistenza domiciliare socio-educativa per minori LIVEAS OBIETTIVI Scopo dell intervento è promuovere un processo di cambiamento

Dettagli

I servizi per anziani non autosufficienti

I servizi per anziani non autosufficienti I servizi per anziani non autosufficienti Giuliano Marangoni Il trend demografico dell invecchiamento della popolazione ha come diretta conseguenza un aumento delle prestazioni sanitarie e socio sanitarie

Dettagli

CENTRI DIURNI E RESIDENZE

CENTRI DIURNI E RESIDENZE 78 CENTRI DIURNI E RESIDENZE Centri diurni per disabili 8 Si tratta di un accoglienza diurna, con adeguata assistenza, per giovani adulti disabili che trascorrono la giornata in struttura, svolgendo attività

Dettagli

Guide per i cittadini

Guide per i cittadini PIANO DI ZONA AREA DISABILI Guida per i cittadini - Anno 2011 Guide per i cittadini S c h e d e P r o g e t t i Interventi Massimo Pisu Abbiamo una gran voglia di far festa INDICE Interventi di accesso,

Dettagli

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo)

Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante (Cuneo) Costituita dai Comuni di: Beinette, Boves, Chiusa di Pesio, Entracque, Limone Piemonte, Peveragno, Pianfei, Roaschia, Robilante, Roccavione, Valdieri, Vernante Piazza Regina Margherita, 27 12017 Robilante

Dettagli

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI REVERE PROVINCIA DI MANTOVA REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera della Giunta Comunale n. 51 del 25/05/2002 INDICE Art. 1 - oggetto pag. 2 Art. 2 - finalità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3

REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 ART. 2 ART. 3 REGOLAMENTO COMUNALE AFFIDAMENTO FAMILIARE DEI MINORI Approvato con Delibera C.C. 43/01 ART. 1 L amministrazione comunale attua l affidamento familiare allo scopo di garantire al minore le condizioni migliori

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ;

********** IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE. - VISTA la L. n. 184 del 04/05/83 Disciplina dell adozione e dell affidamento dei minori ; Consiglio di Amministrazione Deliberazione n. del OGGETTO: RECEPIMENTO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 79 11035 DEL 17/11/03 Approvazione linee d indirizzo per lo sviluppo di una rete di servizi

Dettagli

Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella sottostante.

Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella sottostante. Dati identificativi MICRO 1. Ente Comune: Denominazione Soliera Ente Associato: Denominazione Nel caso in cui la denominazione dell'ente non sia presente nell'elenco, inserire la Denominazione nella casella

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AUSILIARIO ED EDUCATIVO Allegato 1 Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO L Amministrazione Comunale regolamenta il servizio di assistenza domiciliare

Dettagli

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI

Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Sezione 2 INTERVENTI A FAVORE DEI DISABILI Contributo per acquisto o adattamento di autoveicoli privati per il trasporto di disabili Legge Regionale n. 29 del 21.08.97 articolo 9 Servizio Trasporto Inserimenti

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO

RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO RILEVAZIONE STATISTICA SUI PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNO 2003 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO Il questionario deve essere compilato dal responsabile del presidio residenziale,

Dettagli

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali

Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali Ufficio Politiche e Solidarietà Sociali DISCIPLINARE DI FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO AFFIDO ANZIANI ART. 1 NATURA DEL SERVIZIO Il Comune di Mesagne intende realizzare il servizio di affidamento anziani,

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO

I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO I SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI IN PROVINCIA DI TRENTO SERVIZI RESIDENZIALI I SERVIZI DI PRONTA ACCOGLIENZA: IL CENTRO PER L INFANZIA IL CENTRO DI PRONTA ACCOGLIENZA Il Centro per l Infanzia accoglie bambini

Dettagli

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI DI TIPO SOCIO-ASSISTENZIALE AI CITTADINI E ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO ART. 1- OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari

Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Lo sportello Unico Socio Sanitario Integrato Servizi Domiciliari Consorzio Intercomunale per la gestione dei servizi socio-assistenziali dell Ovestticino (Comune di Cameri, Cerano, Galliate, Romentino,

Dettagli

PRINCIPI FONDAMENTALI

PRINCIPI FONDAMENTALI Carta dei Servizi PRINCIPI FONDAMENTALI EGUAGLIANZA I cittadini accedono ai servizi in condizioni di uguaglianza. Il Comune garantisce loro parità e uniformità di trattamento. Nessuna discriminazione può

Dettagli

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA

Art. 1 - OGGETTO. Art. 2 - FINALITA Art. 1 - OGGETTO Il presente regolamento disciplina, nell ambito del territorio comunale, l intervento del Servizio di Assistenza Domiciliare diretto a garantire al cittadino il libero sviluppo della propria

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 30.6.2003 Comune di Cusano Milanino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Art.1 OGGETTO

Dettagli

Repubblica Italiana ~~~~~~~~~~~~ Oggetto: Accesso agevolato ai servizi sociali Criteri unificati di valutazione economica (ISEE).

Repubblica Italiana ~~~~~~~~~~~~ Oggetto: Accesso agevolato ai servizi sociali Criteri unificati di valutazione economica (ISEE). D.A. n. 867/S7 Repubblica Italiana Regione Siciliana ~~~~~~~~~~~~ Oggetto: Accesso agevolato ai servizi sociali Criteri unificati di valutazione economica (ISEE). L ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI - Visto

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013

CARTA DEI SERVIZI. n. 3, 4 novembre 2013 CARTA DEI SERVIZI n. 3, 4 novembre 2013 Cos è il Consultorio Familiare Il Consultorio Familiare è un luogo che offre interventi di tutela, di prevenzione e di promozione della salute. In modo particolare

Dettagli

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H

SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 1. NUMERO AZIONE RIEQUILIBRIO PIANO DI ZONA AL 31.12.2009 3 2. TITOLO AZIONE SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE H 3. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ Gli interventi di assistenza domiciliare a favore dei disabili

Dettagli

SERVIZIO DI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE E ASSISTENZA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE DEGLI ALUNNI PP.HH

SERVIZIO DI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE E ASSISTENZA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE DEGLI ALUNNI PP.HH CARTA DEI SERVIZI Nido d Argento Soc. Coop. Soc. SERVIZIO DI ASSISTENZA IGIENICO PERSONALE E ASSISTENZA PER L AUTONOMIA E LA COMUNICAZIONE DEGLI ALUNNI PP.HH 1 Gentile utente, L a cooperativa Nido D Argento

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2011 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006. Glossario Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2006 Glossario INTERVENTI E SERVIZI A) Attività di Servizio sociale professionale: Gli interventi di servizio sociale professionale

Dettagli

Residenza per anziani "Le Querce"

Residenza per anziani Le Querce Residenza per anziani "Le Querce" La residenza Nata da una sinergia tra il Comune di Cavenago Brianza e la C.R.M Cooperativa Sociale a r.l., la Residenza «Le querce» è pensata per l assistenza agli anziani

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE

SETTORE SOCIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE SETTORE SOCIALE SERVIZI: SOCIO-ASSISTENZIALE CENTRO DI RESPONSABILITA : COD. 07 FUNZIONI DEI SERVIZI SERVIZIO SOCIO-ASSISTENZIALE Il Settore è preposto ad assicurare alle persone e alle famiglie un sistema

Dettagli

OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE

OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE OGGETTO: Pacchetto famiglia 2014: misure a sostegno delle famiglie del Lazio. LA GIUNTA REGIONALE SU PROPOSTA dell Assessore alle Politiche Sociali e Sport; lo Statuto della Regione Lazio; la L.R. 6 agosto

Dettagli

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE

Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE INDAGINE SUGLI INTERVENTI E I SERVIZI SOCIALI DEI COMUNI SINGOLI O ASSOCIATI. ANNO 2012 1 Glossario UNITÀ DI RILEVAZIONE Comune: a questa categoria appartengono tutti i comuni italiani. Distretto/Ambito/Zona

Dettagli

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico

una grande famiglia modulo 1-31gennaio 2009 La famiglia nel sistema locale dei servizi alla persona docente Gabriele Di Bucchianico una grande famiglia Corso di Formazione Le risorse per il ben-essere della famiglia, tra servizi di assistenza, strumenti di tutela e opportunità di integrazione nella comunità modulo 1-31gennaio 2009

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento

Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento 2.7 Politiche di contrasto della povertà e grave emarginazione: priorità di intervento Obiettivi di integrazione - Si rileva una disomogeneità nelle modalità di raccordo e collaborazione tra il Servizio

Dettagli

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI

DOMANDA DI ADESIONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MINORI DOMANDA DI ADEONE ALLA FEDERAZIONE SARDA DELLE COMUNITA PER MIRI Per aderire a Isperantzia Onlus Federazione Sarda Comunità per Minori è necessario seguire le indicazioni di seguito riportate: completare

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

20 anni al servizio delle persone

20 anni al servizio delle persone 20 anni al servizio delle persone CHI SIAMO Nata a Bologna nel 1994, Àncora è una Cooperativa sociale di servizi alla persona che si occupa della gestione di servizi socio assistenziali, sanitari ed educativi

Dettagli

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento

GLI ADULTI GLI ADULTI. Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento Carta BISOGNI BISOGNI GLI ADULTI GLI ADULTI Domiciliarità Continuare a vivere nel proprio ambiente di vita, mantenendo la propria autonomia e evitando l'inserimento in una struttura residenziale. Domiciliarità

Dettagli

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014

Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Università Roma Tre Facoltà di Scienze della formazione Corso di laurea in Servizio Sociale e Sociologia L.39 A.A. 2013-2014 Lezione del 30 novembre 2013 I Servizi Sociali nelle ASL Docente: Alessandra

Dettagli

(Artt. 20-21 D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali)

(Artt. 20-21 D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione di dati personali) Servizio Sanitario Nazionale Regione Siciliana VIA MAZZINI, 1 91100 TRAPANI TEL.(0923) 805111 - FAX (0923) 873745 Codice Fiscale P. IVA 02363280815 SCHEDA N. 6 REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Dettagli

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime

Rete delle RSA. Rete sanitaria delle ASL. Reti della sussidiarietà. Le tre Reti a regime Rete sanitaria delle ASL Reti della sussidiarietà Rete delle RSA Le tre Reti a regime 1997 1999 2002 2004 2001 2004 2008 Soffermiamo l attenzione sul titolo: GOVERNO DELLA RETE DEGLI INTERVENTI E DEI SERVIZI

Dettagli

Centro per la Famiglia

Centro per la Famiglia Il Piano Locale Unitario dei Servizi alla Persona PLUS 21, in esecuzione del Contratto di Servizio sottoscritto con le Cooperative Koinos e Anteros in ATS, promuove e gestisce il Centro per la Famiglia

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Allegato A SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DI PERCORSI DI ACCOGLIENZA E DI INSERIMENTO SCOLASTICO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI ADOTTATI Il giorno., dell anno. alle ore., presso la sede

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008

Assessorato alle Politiche Sociali. partner. dei cittadini. Vademecum 2007/2008 Assessorato alle Politiche Sociali partner dei cittadini Vademecum 2007/2008 Cari concittadini, questa guida ai servizi sociali del Comune di Cagliari è una prima risposta concreta, all esigenza e al diritto

Dettagli

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.

Carta Dei Servizi. Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie. Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2. Carta Dei Servizi Servizio Assistenza Domiciliare Educativa In favore di minori e delle loro famiglie Emessa il 14 Febbraio 2013 Versione 2.0 Pagina 1 Premessa Il presente documento, denominato Carta dei

Dettagli

proposta di legge n. 168

proposta di legge n. 168 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 168 a iniziativa del Consigliere Latini presentata in data 14 dicembre 2011 DISCIPLINA DELL AFFIDAMENTO FAMILIARE IN SITUAZIONI DI EMERGENZA

Dettagli

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464

COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI CARTA DEI SERVIZI COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI Messina COMUNITA ALLOGGIO PER DISABILI PSICHICI VIA C. BATTISTI, 63 98100 MESSINA TEL 090-671464 Società Cooperativa Sociale AZIONE SOCIALE P.zza S.Giovanni, 15

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI TITOLI SOCIALI Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina, all interno di un sistema integrato di interventi e servizi sociali di competenza dei comuni

Dettagli

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI

COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI COMUNE DI SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI ASSISTENZA DOMICILIARE PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 43 in data 09/03/1995)

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: INTER_ AZIONE SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A ASSISTENZA AREA 02 MINORI 06 DISABILI OBIETTIVI DEL PROGETTO Con il presente progetto

Dettagli

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010

Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 Ministero Lavoro e le Politiche sociali Conferenza le Regioni e le Province Autonome Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni singoli o associati Anno 2010 SEGRETO STATISTICO, OBBLIGO DI

Dettagli

Il Servizio sociale dei Comuni dell Ambito distrettuale n. 3.1 Gemonese, Canal del Ferro, Val Canale

Il Servizio sociale dei Comuni dell Ambito distrettuale n. 3.1 Gemonese, Canal del Ferro, Val Canale SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 "ALTO FRIULI" SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DELL AMBITO DISTRETTUALE N. 3.1 GEMONESE, CANAL DEL FERRO,

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO LEGGE REGIONALE N. 41 DEL 12-12-2003 REGIONE LAZIO "Norme in materia di autorizzazione all'apertura ed al funzionamento di strutture che prestano servizi socio-assistenziali" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21

COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21 COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21 Sistema di qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n. 9159.SOVZ SCS 7.5.46 Rev 05 del 19/12/2012 ASSISTENZA DOMICILIARE

Dettagli

Centro Servizi Stranieri

Centro Servizi Stranieri Centro Servizi Stranieri Cittadini stranieri e italiani Servizi, enti, istituzioni, associazioni, gruppi che operano nell ambito dell immigrazione Informazione sulla normativa in tema di immigrazione Supporto

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 19 DEL 10-07-2006 REGIONE PUGLIA Disciplina del sistema integrato dei servizi sociali per la dignità e il benessere delle donne e degli uomini in Puglia Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli