CONSULENZA TECNICO-GRAFICA su incarico di EURONOVATE S.A. Relazione di Consulenza Tecnica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSULENZA TECNICO-GRAFICA su incarico di EURONOVATE S.A. Relazione di Consulenza Tecnica"

Transcript

1 CONSULENZA TECNICO-GRAFICA su incarico di EURONOVATE S.A. FIRME GRAFOMETRICHE Relazione di Consulenza Tecnica C.T. Dott.ssa Patrizia Pavan Studio di Grafologia Forense (Professionista ex L n. 4 ) Treviso Via G. Marconi, 4 Tel.: Cell Fax: P.E.C.:

2 INDICE PREMESSA Incarico e Quesito Attività preliminari Svolgimento d indagine INDICE DELLE SCRITTURE IN ESAME RELATIVE AL PRIMO QUESITO Verificande Comparative RELAZIONE TECNICA PRIMO QUESITO Esame delle firme in verifica Valutazioni conclusive sulle firme esaminate Esame delle scritture autografe e confronto con le firme in verifica Valutazione degli elementi rilevati e considerazioni conclusive SECONDO QUESITO Riconducibilità della firma grafometrica all autore attraverso l uso del software 54 Risposta ai quesiti Allegati in appendice 1

3 PREMESSA 2

4 INCARICO E QUESITO Io sottoscritta dott.ssa Patrizia Pavan, grafologo forense, iscritta all Albo dei Consulenti Tecnici e dei Periti del Tribunale di Treviso, in data 21 marzo 2014 ricevevo l incarico dal dott. Giuseppe Mariani per conto di Euronovate SA, di espletare una consulenza tecnico-grafica su alcune sottoscrizioni, con i seguenti quesiti: 1) dica il C.T. se le firme ad apparente nome Meroni Luigi apposte su documenti informatici (All.ti 1-3) appartengano a Meroni Luigi. 2) Verifichi il C.T. se mediante l utilizzo del Tool ENBiometric, fornito da Euronovate, le firme R.U., R.B. e A.D. siano riconducibili al loro autore. Relativamente al quesito numero 1, il dott. Mariani mi inviava tramite posta elettronica le firme de quibus a nome Meroni Luigi su documenti in formato pdf, oltre ad altre sottoscrizioni in formato digitale da utilizzare per la comparazione. 3

5 SVOLGIMENTO DELL INDAGINE PRIMO QUESITO Il presente caso peritale riguarda alcune sottoscrizioni in formato digitale, apposte cioè su tablet anziché su supporto cartaceo. Il processo di acquisizione dei dati, prevede che in seguito all apposizione della firma su tablet, venga calcolato un hash (impronta del documento) del contenuto completo del documento, a cui vengono uniti i parametri biometrici rilevati dal tablet. Si precisa che l immodificabilità ed integrità del documento sottoscritto sono garantite dal seguente procedimento: a) l interscambio dei dati biometrici tra il tablet ed il driver e tra il driver ed il software di firma avviene in modalità cifrata; b) i campioni biometrici acquisiti al momento della firma vengono cifrati 3DES ed il «DRIVER DIGITALIZZATORE», presente sul tablet, restituisce al Software di firma il pacchetto completamente cifrato; c) il software di firma crea il vettore biometrico, aggiunge l hash del documento originale (hash calcolato con algoritmo SHA 256), cifra il tutto con la chiave pubblica della Banca (digital signature) ed include tali informazioni all interno del PDF; d) qualora il documento preveda più firme raccolte, viene ripetuto - per ogni singola firma - il meccanismo descritto in precedenza. La chiave privata del certificato digitale (la cui pubblica è stata utilizzata per cifrare il blocco biometrico composto dal vettore biometrico + l hash del documento), indispensabile per de-cifrare i dati biometrici delle singole firme e la sua password di accesso, devono essere custoditi presso un ente terzo quali una C.A. o un notaio. 5

6 Detta modalità di acquisizione e conservazione della firma grafometrica, comporta dei cambiamenti nell esame tecnico-grafico rispetto a quello della firma su supporto cartaceo, il quale prevedeva anche una fase prettamente grafoscopica, finalizzata ad accertare la presenza di una eventuale falsificazione del documento (falso documentale), in questo caso non più necessaria per il procedimento di acquisizione (firma) suddetto. Rispetto alla firma su carta, l acquisizione di una firma grafometrica permette di oggettivare alcuni parametri che nella perizia su carta erano valutati in via estimativa e quindi in modo soggettivo, quali la velocità del tracciato, la pressione, i tratti aerei, nonché la simulazione software del percorso grafico eseguito. Le suddette informazioni vanno ad integrare l analisi grafica tradizionale. L indagine de qua prevede una prima fase, nella quale le scritture in verifica sono analizzate negli aspetti funzionali, ideoformativi, strutturali, espansivi, coesivi, pressori, dinamici e morfologici delle scritture da verificare, cui segue una sintetica valutazione delle risultanze emerse. Successivamente le scritture comparative sono analizzate e contestualmente confrontate sulla base dei medesimi parametri grafici rilevati nella scrittura in verifica. I risultati emersi dal confronto sono opportunamente valutati attribuendo maggiore peso probatorio alle somiglianze sostanziali (o dissomiglianze) che attengono alle componenti intrinseche del fenomeno grafico - cioè alle manifestazioni grafiche che derivano dal movimento personalizzato, definendo l impronta grafica di ogni scrivente - rispetto alle somiglianze secondarie, che riguardano aspetti del grafismo comuni nella popolazione scrivente e che perciò possono indicare soltanto una semplice compatibilità di mano - o si riferiscono a caratteristiche grafiche più facilmente riproducibili e/o dissimulabili. 6

7 Nel corso dell esposizione degli argomenti si sono inserite immagini digitali non sempre corrispondenti alle reali dimensioni delle scritture in esame - per dare riscontro visivo agli argomenti addotti. SECONDO QUESITO Nella seconda parte del quesito si tratta di appurare se il Tool ENBiometric, fornito da Euronovate sia in grado di verificare nel corso dell operazione di confronto tra i profili biometrici - creati e salvati una tantum - e le firme apposte di volta in volta sul tablet, la riconducibilità o meno di queste al loro autore. Il processo di confronto è suddiviso in due fasi: 1. Fase di Enrollment 1 : creazione del profilo biometrico degli individui presi in esame, articolata secondo lo schema seguente: a) Acquisizione da 4 a 6 firme dell individuo esaminando; b) Calcolo del profilo tramite l estrapolazione delle caratteristiche biometriche 2 delle firme acquisite in fase di enrollment; c) Messa in sicurezza del profilo tramite cifratura dei dati utilizzando l algoritmo asimmetrico AES (con chiave a 256 bit); d) Salvataggio del profilo cifrato nella base dati. Euronovate precisa che il profilo creato contiene, al massimo, il 10% del patrimonio biometrico delle firme apposte dall individuo e questo rende impossibile la ricostruzione 1 Enrollment: fase di acquisizione delle firme necessarie per la costruzione del profilo biometrico dell individuo 2 Caratteristiche biometriche: valori univoci estrapolati/calcolati dai dati raw restituiti dal digitalizzatore. Nel caso specifico le caratteristiche biometriche studiate sono: - Spostamento di X (asse delle ascisse) nel tempo - Spostamento di Y (asse delle ordinate) nel tempo - Velocità - Pressione - Accelerazione tra i punti (p, p+1) - Movimenti in area - Aspetto grafico della firma - Totale dei pacchetti di dati raccolti dal digitalizzatore 7

8 della firma del soggetto tramite l utilizzo del profilo, garantendone l irreversibilità, senza che comunque venga meno l efficacia nel confronto biometrico. 2. Fase di Verifica: confronto della firma (o delle firme) apposta sul tablet con il profilo biometrico dell autore a cui la firma (o le firme) dovrebbe appartenere. La fase di verifica prevede le seguenti tre casistiche: a) Firma (o firme) spontanea dello stesso soggetto del profilo biometrico preso in esame; b) Firma dissimulata da parte dello stesso soggetto del profilo biometrico preso in esame; c) tentativo di imitazione (a mano libera o tramite ricalco) della firma del soggetto del profilo biometrico in esame, da parte di un soggetto estraneo. 8

9 SCRITTURE IN ESAME 9

10 SCRITTURE RELATIVE AL PRIMO QUESITO VERIFICANDE N. 3 sottoscrizioni ad apparente nome Meroni Luigi, apposte su documenti bancari informatici, recanti data (X1-X3) (All.ti 1-3) COMPARATIVE N. 6 sottoscrizioni autografe in formato digitale (C1-C6), datate (All. ti 4-9). N. 1 sottoscrizione autografa in formato digitale (C7), datata (All. 10). 10

11 RELAZIONE TECNICA 11

12 PRIMO QUESITO ESAME DELLA SCRITTURA IN VERIFICA Le sottoscrizioni oggetto di accertamento tecnico, ad apparente nome Meroni Luigi, sono in formato digitale, apposte su tablet. Esse saranno rappresentate di seguito e contrassegnate con la lettera X seguita da un numero progressivo (All.ti 1-3). X1 X2 X3 12

13 Le firme sono composte di due parti, con sequenza appositiva cognome-nome. Quando l esame è condotto su firme apposte su supporto cartaceo, l esame grafoscopico del tratto permette di rilevare eventuali anomalie a carico del tracciato - quali punti di sosta, riprese e giustapposizioni incoerenti, indici di una gestualità poco spontanea. Il software di analisi applicato alla firma biometrica permette di ricostruire attraverso una simulazione il percorso grafico di esecuzione della sottoscrizione e quindi di rendere visibile, il gesto aereo che su carta rimarrebbe invisibile. Si tratta di un elemento identificatorio di rilevante interesse peritale, poiché ogni soggetto scrivente è vincolato alla propria gestualità ideoformativa, la quale è difficilmente imitabile e non soltanto per la complessità scritturale, ma soprattutto perché non essendo visibile, non può essere riprodotta con le medesime caratteristiche. Nel caso di specie, le tre sottoscrizioni in verifica dimostrano una disomogeneità nei tratti aerei, che attesta una mancanza di coerenza ritmico-esecutiva tra i vari esemplari. I percorsi arerei menzionati sono rappresentati dalla linea azzurra nelle immagini sottostanti. X1 X2 13

14 X3 Velocità La velocità esecutiva della firma X1 è superiore rispetto alle firme X2 ed X3. Questo dato che nella firma su carta veniva valutato in via estimativa, sulla firma biometrica è valutabile in modo oggettivo, poiché il software ci permette di ricostruire l intero percorso del tracciato, attraverso una simulazione dello stesso. La firma X1 dimostra una coerenza interna tra trascuratezza morfologica dei grafemi e velocità esecutiva. Nelle firme X2 ed X3, invece, le semplificazioni stilistiche non sono accompagnate dall accelerazione del gesto e ciò crea delle contraddizioni, relativamente alla spontaneità delle firme. Si è già visto, inoltre, che nelle firme X2 ed X3 sono presenti molteplici gesti arerei, che creano delle complicazioni gestuali e ne rallentano la velocità. 14

15 ESAME DELLE SCRITTURE AUTOGRAFE E CONTESTUALE CONFRONTO CON LE FIRME IN VERIFICA Per la comparazione disponiamo di sette sottoscrizioni, apposte su tablet, le quali saranno rappresentate di seguito e contrassegnate con la lettera C, seguita da un numero progressivo (All.ti 4-10). C1 C2 C3 27

16 C4 C5 C6 C7 28

17 Le sette sottoscrizioni autografe sono state redatte in modo spontaneo e sono omogenee rispetto alle verificande per il mezzo scrittorio utilizzato (firme su tablet); esse sono inoltre coeve alla datazione delle firme in verifica (marzo 2014). Valutate complessivamente dimostrano un ambito di variabilità molto ridotto, non sono rilevabili, infatti, significative variazioni a livello ideativo ed espressivo. Lo scrivente dimostra di avere degli automatismi grafici costanti e consolidati nel tempo. Dato il ridotto margine di variabilità, le sottoscrizioni si ritengono idonee sotto l aspetto quantitativo e qualitativo al successivo confronto con le firme in verifica. L esame delle caratteristiche grafiche delle CC ed il contestuale confronto con le XX pone in rilievo quanto segue. Tratti aerei Nell esame preliminare delle firme in verifica avevamo osservato che la firma biometrica permette la rilevazione del processo grafico nella sua evoluzione, registrando tutti i movimenti della mano scrivente, compresi i tratti aerei di collegamento tra i gramma. Nelle firme autografe si osserva una sostanziale omogeneità di stesura del tracciato, con tratti aerei costanti nei vari esemplari, che nelle immagini sotto riportate sono rappresentati dalle linee azzurre. Si segnala in particolare il peculiare raccordo a triangolo nel collegamento on di Meroni (cerchio azzurro), l orizzontalità, con lieve discendenza del collegamento fra cognome e nome (freccia azzurra); il collegamento tra la M e la a nel cognome Meroni ed il tratto arcuato di collegamento tra l asta ed il segno diacritico della i terminale di Luigi (frecce azzurre). 29

18 C2 C3 C4 C7 I tratti aerei della firma X1 sono coerenti con quanto è osservabile nelle comparative. Corrisponde, infatti, il collegamento aereo orizzontale tra la M e la a di Meroni ; il 30

19 collegamento tra cognome e nome, oltre al tratto arcuato di unione tra l asta della i ed il segno diacritico del nome Luigi. Nella firma X1 non sono presenti tutti i tratti aerei che si osservano nelle comparative, come ad esempio il caratteristico moto a triangolo nel gruppo on di Meroni ; ciò è però giustificato dalla maggiore coesione intergrammica della firma X1. X1 Del tutto estranei alle comparative sono i tratti aerei delle firme X2 ed X3, cui sottendono complicati movimenti, indici di una gestualità poco spontanea. X2 X3 31

20 Pressione L intensità pressoria è evidenziata dal software attraverso l uso del colore 2. Ciò che rileva ai fini identificatori sono quelle caratteristiche che si presentano in modo costante, in quanto più delle altre concorrono a delineare la personalità grafica del soggetto scrivente. Nel caso di specie, per quanto riguarda le comparative, osserviamo una accentuazione pressoria sugli ultimi tratti della maiuscola M (colore rosso); sul gruppo terminale ni del cognome. Relativamente al nome, rileviamo una peculiare distribuzione pressoria lungo tutto il tracciato, la quale si riduce in prossimità della lettera g e riprende nella i terminale e nel segno diacritico. Dette caratteristiche sono puntualmente presenti nella firma X1, ma non nelle firme X2 ed X3. X1 X2 2 rosso: pressione da 100 a 68 arancione: pressione da 67 a 34 verde: pressione da 33 a 0 45

21 X3 C1 C7 46

22 VALUTAZIONE DEGLI ELEMENTI RILEVATI E CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE AL PRIMO QUESITO L esame di confronto espletato con le scritture autografe ha posto in evidenza delle risultanze diversificate tra la firma in verifica X1 da un lato e le firme X2 ed X3 dall altro. Un primo parametro esaminato, che ha evidenziato coerenza con la X1, ma non con le firme X2-X3, attiene alla rilevazione dei tratti aerei, esame che si è reso possibile attraverso l uso del software messo a disposizione da Euronovate S.A.. Si tratta di un elemento identificatorio di rilevante interesse peritale, poiché ogni soggetto scrivente è vincolato alla propria gestualità ideoformativa, la quale è difficilmente imitabile, non soltanto per la complessità scritturale, ma soprattutto perché non essendo visibile, non può essere riprodotta con le medesime caratteristiche. Ulteriore dato biometrico riguarda la velocità esecutiva, anche in questo caso si è rilevata corrispondenza tra le comparative e la firma X1 nell incremento ritmico, ma non relativamente alle X2-X3. Il dato emerso è molto significativo, poiché il software permette di esaminare le pause, le riprese del gesto, nonché di ripercorrere il tracciato delle firme attraverso delle simulazioni, e quindi di valutarne la coerenza nella successione del moto. Per quanto attiene alle modalità pressorie si è riscontrata significativa analogia con la firma X1 e non con le X2-X3. Detta caratteristica grafica che nella perizia su supporto cartaceo, veniva valutata in via estimativa, nel caso di firma su tablet risulta quantificabile, non nei valori assoluti, ma - aspetto assai più rilevante - nella sua modulazione lungo il tracciato grafico. Significative corrispondenze con la firma X1 si sono rilevate in merito allo stile e all espressività; all allineamento; al calibro ed alle proporzioni; alla gestione degli spazi; 52

23 alla dinamica di fondo. Le caratteristiche testè menzionate non hanno trovato riscontro nelle firme X2 ed X3. Rispetto alla firma X1 si sono riscontrate, altresì, delle differenze in relazione al valore assoluto della velocità, dimostrandosi detta firma più rapida. La velocità sostenuta ha comportato delle variazioni rispetto alle autografe sulla continuità (più legata la X1) e sulla definizione dei profili letterali (più semplificata e filiforme la X1), lasciando, però, inalterata la struttura portante del grafismo, definibile attraverso le caratteristiche intrinseche (tratti aerei, pressione, modulazioni di velocità, movenze di base, gestione degli spazi, ecc.), vale a dire quelle caratteristiche che definiscono l impronta grafica di ogni scrivente. Possiamo concludere, quindi, che le differenze emerse tra la firma X1 e le comparative, giustificabili mediante le leggi della fisiologia scritturale come si è visto - sono tali da non poter mettere in discussione le molteplici corrispondenze di carattere sostanziale che si sono evidenziate. Dall altro canto le firme X2 ed X3, pur differenziandosi per gli aspetti di carattere fondamentale del grafismo (tratti aerei, pressione, modulazioni di velocità, movenze di base, gestione degli spazi, ecc.), hanno dimostrato delle analogie solo su alcune caratteristiche di tipo formale (lettera M, i, g ), le quali trovano giustificazione nel tentativo di imitazione. A fronte dei dati emersi si ritiene verificata la tesi dell autografia soltanto per la firma X1. 53

24 SECONDO QUESITO ANALISI DEI DATI RACCOLTI Per rispondere alla seconda parte del quesito sono state acquisite sei sottoscrizioni autografe vergate su tablet da tre soggetti differenti, sulla base delle quali sono stati creati i tre profili biometrici, mediante l utilizzo del Tool ENBiometric, fornito da Euronovate (Fase Enrollment). I tre soggetti coinvolti sono stati invitati successivamente a vergare ulteriori sei firme per ciascuno su tablet, da utilizzare per la comparazione (Fase di Verifica), di cui tre in forma spontanea e tre in modo dissimulato, variando alcuni parametri grafici quali la velocità, la pressione, la forma delle lettere, ecc.. Infine è stato effettuato un tentativo di imitazione delle firme di cui ai profili biometrici, da parte di terzi. Si precisa che per l imitazione si è cercato di scegliere dei soggetti che avessero delle affinità grafomotorie con i soggetti da imitare (ad esempio scritture di consanguinei). Il Tool ENBiometric è stato in grado di riconoscere la riferibilità delle firme spontanee al loro autore (OK) per due soggetti, mentre per il terzo ha riscontrato, altresì, due falsi negativi, ciò però può essere giustificato dall ambito di variabilità molto ristretto del terzo soggetto, nonché dal tipo di set up utilizzato per l algoritmo (strong authentication). Per quanto riguarda la dissimulazione e l imitazione il Tool ENBiometric ha segnalato come non riconducibili al loro autore sia quelle dissimulate che quelle imitate. 54

25 RISPOSTA AI QUESITI Gli accertamenti tecnici espletati nel corso della presente indagine, permettono di formulare la seguente risposta ai quesiti: 1) la firma X1 ad apparente nome Meroni Luigi apposta sul documento bancario informatico (all. 1) appartiene a Meroni Luigi ; le firme X2 ed X3 ad apparente nome Meroni Luigi apposte sul documento bancario informatico (all.ti 2-3) non sono riferibili a Meroni Luigi. 2) Nei tre casi sperimentati, il Tool ENBiometric è stato in grado di riconoscere la riferibilità delle firme grafometriche al loro autore, nonché di riconoscere la falsificazione per dissimulazione ed imitazione. Treviso, 22 maggio 2014 Il Consulente Tecnico dott.ssa Patrizia Pavan 55

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1

SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 SMARTCARD Studente: Elvis Ciotti Prof: Luciano Margara 1 Introduzione SmartCard: Carta intelligente Evoluzione della carta magnetica Simile a piccolo computer : contiene memoria (a contatti elettrici)

Dettagli

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo

Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo Guida alla trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota di contributo 1. Credenziali di accesso alla piattaforma Ai fini della trasmissione della richiesta di erogazione della prima quota

Dettagli

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI

GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI GUIDA ALLA SPEDIZIONE DELLA PRATICA CUR PER IL MANTENIMENTO DELL ISCRIZIONE ALL ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI 1. Dotazioni informatiche minime: Pc con accesso ad internet Contratto Telemaco

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012

Marco Giorgi. Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Marco Giorgi Palazzo di Giustizia di Torino 30 marzo 2012 Post mortem (Dopo lo spegnimento del sistema) Si smonta il dispositivo e lo si collega ad un PC dedicato all'acquisizione Live forensics (Direttamente

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

ISTITUTO REGIONALE COMPETITOR, VIA MARCONI 92 RECALE (CE) 81020 Tel. 0823.1541534 oppure cell. 3317278344 info@altaformazionecompetitor.

ISTITUTO REGIONALE COMPETITOR, VIA MARCONI 92 RECALE (CE) 81020 Tel. 0823.1541534 oppure cell. 3317278344 info@altaformazionecompetitor. In collaborazione con ssociazione dei edici legali e delle ssicurazioni remessa:: Il aster intende fornire ai partecipanti strumenti, tecniche e competenze per operare come consulenti nell ampio settore

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0

AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 AGGIORNAMENTO PROTOCOLLO VERSIONE 3.9.0 Con questo aggiornamento sono state implementate una serie di funzionalità concernenti il tema della dematerializzazione e della gestione informatica dei documenti,

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SM43U

STUDIO DI SETTORE SM43U ALLEGATO 3 NOTA TECNICA E METODOLOGICA STUDIO DI SETTORE SM43U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER LA COSTRUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE Di seguito vengono esposti i criteri seguiti per la costruzione

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i.

V ar i a nt e spec if ic a ai s ens i de l l a rt. 17 c o mm a 8 de l l a L.R. 56 /7 7 e s.m.i. Inquadramento generale e obiettivi delle modifiche La Variante specifica art. 17 comma 7 definita nei suoi obiettivi generali come anticipatoria di alcuni contenuti della variante Strutturale Qualità è

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Bando per la selezione di 1.526 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale nella Regione

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI NETWORK.

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

LA CRITTOGRAFIA Le applicazioni della crittografia e della firma digitale a cura di Sommaruga Andrea Guido

LA CRITTOGRAFIA Le applicazioni della crittografia e della firma digitale a cura di Sommaruga Andrea Guido INDICE LA FIRMA DIGITALE O ELETTRONICA...2 LA LEGISLAZIONE IN MATERIA...5 NOTA SUI FORMATI DI FILE...6 COME FUNZIONA IL MECCANISMO DELLE FIRME ELETTRONICHE...7 FIRMA DI PIÙ PERSONE... 7 DOCUMENTO SEGRETO...

Dettagli

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui al D.D. n. 7 del 01/04/2015 Al Direttore del Dipartimento di LETTERE dell Università degli Studi di Perugia Piazza Morlacchi, 11-06123 PERUGIA

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

DECRETI PRESIDENZIALI

DECRETI PRESIDENZIALI DECRETI PRESIDENZIALI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013. Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi 3 e 5 -bis, 23-ter, comma

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Ufficio per il servizio civile nazionale Bando per la selezione di n.18.793 volontari da impiegare in progetti

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2,

ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, COMUNE DI GAVARDO (Provincia di Brescia) ATTO SOGGETTO A REGISTRAZIONE IN CASO D USO AI SENSI DELL ART. 6 DEL D.P.R. 26 APRILE 1986, N. 131, E DELL ART. 2, PARTE SECONDA, PUNTO 1, DELLA TARIFFA ALLEGATA.

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium

Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Procedura corretta per mappare con ECM Titanium Introduzione: In questo documento troverete tutte le informazioni utili per mappare correttamente con il software ECM Titanium, partendo dalla lettura del

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI

NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Norme e Condizioni per il Pagamento dei Parcheggi con il Telepass NORME E CONDIZIONI PER L UTILIZZO DEL TELEPASS PER IL PAGAMENTO DEI PARCHEGGI Art. 1 1.1 Le presenti norme e condizioni disciplinano l

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014

DELIBERAZIONE N. 30/7 DEL 29.7.2014 Oggetto: Assegnazione all Azienda ASL n. 8 di Cagliari dell espletamento della procedura per l affidamento del servizio di realizzazione del sistema informatico per la gestione dell accreditamento dei

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK

Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK Nasce un nuovo modo di pensare alla posta DAL TUO PC STAMPI UN DOCUMENTO E SPEDISCI UNA BUSTA LA TUA POSTA IN UN CLICK LA TUA POSTA IN UN CLICK Clicca&Posta è una soluzione software per la gestione della

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

Titolo I - AMBITO DI APPLICAZIONE, DEFINIZIONI ED ADEGUAMENTO ORGANIZZATIVO E FUNZIONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche per il protocollo informatico ai sensi degli articoli 40-bis, 41, 47, 57-bis

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto

TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto Digital Forensics Bureau www.difob.it TorrentLocker Enti Italiani sotto riscatto Paolo DAL CHECCO, Giuseppe DEZZANI Studio DIgital Forensics Bureau di Torino 20 ottobre 2014 Da mercoledì 15 ottobre stiamo

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA

STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ 74.90.93 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA STUDIO DI SETTORE TK30U ATTIVITÀ 71.12.40 ATTIVITÀ DI CARTOGRAFIA E AEROFOTOGRAMMETRIA ATTIVITÀ 74.90.21 CONSULENZA SULLA SICUREZZA ED IGIENE DEI POSTI DI LAVORO ATTIVITÀ 74.90.92 ATTIVITÀ RIGUARDANTI

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli