NORMATIVA DEL SETTORE ELETTRICO APPARECCHIATURA DI MEDIA TENSIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORMATIVA DEL SETTORE ELETTRICO APPARECCHIATURA DI MEDIA TENSIONE"

Transcript

1 NORMATIVA DEL SETTORE ELETTRICO APPARECCHIATURA DI MEDIA TENSIONE

2 COSA E' UNA NORMA E' UN MEZZO CONTRATTUALE TRA COSTRUTTORE E CLIENTE NECESSARIO PER: parlare lo stesso linguaggio identificare i prodotti definire i livelli di prestazione accettare le modalità di prova Enti normatori Nazionali 1893 VDE Germania 1901 BSI Regno Unito 1906 EC St. Louis (USA) 1909 CEI Italia 1916 NNI Olanda 1917 DIN Germania 1917 AFNOR Francia 1918 ANSI USA

3 1918 SNV Svizzera 1919 IBN Belgio 1920 ON Austria 1921 JISC Giappone 1921 UNI Italia 1921 MSZH Ungheria 1922 CSN Cecoslovacchia 1922 NSF Norvegia 1922 SIS Svezia 1923 PKNMiJ Polonia 1923 SII Israele 1924 SFS Finlandia 1925 GOST U RSS 1926 ISA New York (USA) 1926 DS Danimarca 1928 R Romania 1929 IPQ Portogallo

4 Con l'apertura dei mercati si è reso necessario armonizzare il contenuto tecnico delle norme nazionali e si sono costituiti degli organismi internazionali a cui aderiscono quasi tutti i paesi industrializzati. PRINCIPALI ENTI NORMATORI IEC Commissione elettrotecnica Internazionale ( IEC serie 60000) CENELEC Comitato Europeo di normalizzazione elettrotecnica ( EN serie 50000) CEI Comitato elettrotecnico Italiano (numerazione comitato) Nel settore elettrico le norme si dividono in IMPIANTISTICHE GENERALI DI PRODOTTO (TRASVERSALI) SPECIFICHE DI PRODOTTO

5 PRINCIPALI NORME IMPIANTISTICHE CEI 11-1 CEI 11-4 CEI Impianti elettrici con tensione superiore a 1 kv in corrente alternata CENELEC HD 637 S1 IEC Esecuzione delle linee elettriche aeree esterne Linee in cavo CEI Impianti di produzione di energia elettrica collegati a reti di I e II categoria CEI Sistemi di conversione allacciati alla rete pubblica di III categoria CEI Esercizio degli impianti elettrici IEC CEI EN CEI Calcolo delle correnti di cortocircuito nelle reti trifasi a corrente alternata IEC CEI EN CEI Correnti di cortocircuito-calcolo degli effetti. Definizioni e metodi di calcolo IEC CEI EN CEI 64/8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in c.a. e a 1500 V in cc IEC CENELEC

6 Norme generali di prodotto CEI Prescrizioni comuni per l'apparecchiatura di manovra e di comando ad alta tensione. IEC CEI EN IEC CEI 16-3 Codifica dei dispositivi indicatori e degli attuatori con colori e con mezzi supplementari. IEC 73 - CEI EN CEI 16-5 Interfaccia uomo-macchina Principi di manovra IEC 447 -CEI EN Norme specifiche di prodotto CEI 17-6 Apparecchiatura prefabbricata con involucro metallico per tensioni da 1 a 52 kv IEC IEC CEI Apparecchiatura di manovra con involucro metallico con isolamento in gas per tensioni >= 72,5 kv IEC CEI EN IEC

7 CEI 17-1 Interruttori a corrente alternata a tensione superiore a 1000 V IEC 56- CENELEC HD 348 S6 IEC CEI 17-4 Sezionatori e sezionatori di terra a corrente alternata e a tensione superiore a 1000 V IEC 129 -CEI EN IEC CEI 17-9/1 Interruttori di manovra per alta tensione IEC CEI EN IEC CEI Interruttori di manovra combinati con fusibili ad alta tensione per corrente alternata IEC CEI EN60420 IEC CEI 32-3 Fusibili a tensione superiore a 1000 V Parte 1: Fusibili limitatori di corrente (IEC CENELEC HD S2) CEI 38-1 Trasformatori di corrente IEC CEI EN CEI 38-2 Trasformatori di tensione IEC CEI EN

8 APPARECCHIATURE DI MEDIA TENSIONE SEZIONATORE SEZIONATORE DI TERRA INTERRUTTORE DI MANOVRA CONTATTORE FUSIBILE INTERRUTTORE DI MANOVRA COMBINATO CON FUSIBILI INTERRUTTORE

9 APPARECCHIATURE DI MEDIA TENSIONE TRASFORMATORORI DI TENSIONE TRASFORMATORI DI CORRENTE QUADRO PROTETTO QUADRO BLINDATO PROTEZIONE CONTRO ARCO INTERNO TRASFORMATORI DI POTENZA IMPIANTO ELETTRICO

10 SEZIONATORE Apparecchio in grado di assicurare nella posizione di aperto una distanza di isolamento tra le parti in tensione. L apparecchio deve essere aperto solo quando la corrente nel circuito è già stata interrotta e di essere chiuso prima che venga stabilita. E UN DISPOSITIVO DI SICUREZZA NECESSARIO PER SEZIONARE IL CIRCUITO ELETTRICO Disposizioni di legge: DPR 547 art:289,293,294 Norme CEI impianti : CEI 11-1 art

11 NORMA DI PRODOTTO: CEI 17-4 CEI EN IEC CARATTERISTICHE NOMINALI: TENSIONE NOMINALE Ur kv LIVELLO DI ISOLAMENTO NOMINALE Uw kv FREQUENZA NOMINALE CORRENTE TERMICA NOMINALE E SOVRAT. Ir A CORRENTE DI BREVE DURATA NOMINALE AMM. Ik ka CORRENTE DI PICCO NOMINALE AMMISSIBILE Ip DURATA NOMINALE DEL CORTO CIRCUITO t Corrente trascurabile: Informazioni aggiuntive: Una corrente pari a 0,5 A è considerata corrente trascurabile. Distanza di sezionamento dei sezionatori: Nessuna corrente pericolosa di fuga deve passare dai morsetti di un lato a uno qualunque dei morsetti dell'altro lato del sezionatore.

12 Informazioni aggiuntive: Durata meccanica : devono essere eseguiti 1000 cicli di manovra senza tensione né corrente nel circuito principale. Indicazione della posizione : la distanza di sezionamento o la distanza fra i contatti aperti deve essere visibile la posizione dei contatti aperti deve essere individuata da un dispositivo indicatore sicuro.

13 SEZIONATORE DI TERRA Apparecchio per la messa a terra delle parti di un circuito, è capace di sopportare per un tempo determinato le correnti di corto circuito, ma non è in grado di portare continuativamente una determinata corrente. E' UN DISPOSITIVO DI SICUREZZA NECESSARIO PER POTER ACCEDERE AL CIRCUITO DI ALTA TENSIONE Disposizioni di legge: DPR 547 art:345,346 (lavori su macchine,apparecchi e condutture elettriche ad alta tensione) Norme CEI impianti : CEI 11-1 art: ( dispositivi per la messa a terra e in cortocircuito)

14 NORMA DI PRODOTTO: CEI 17-4 CEI EN IEC CARATTERISTICHE NOMINALI: TENSIONE NOMINALE Ur kv LIVELLO DI ISOLAMENTO NOMINALE Uw kv FREQUENZA NOMINALE CORRENTE DI BREVE DURATA NOMINALE AMM. IK ka CORRENTE DI PICCO NOMINALE AMMISSIBILE DURATA NOMINALE DI CORTOCIRCUITO t s CORRENTE DI STABILIMENTO NOMINALE IN CORTOCIRCUITO Ip kap Informazioni aggiuntive: Alcuni tipi di sezionatori di terra possono avere potere di chiusura

15 INTERRUTTORE DI MANOVRA Apparecchio capace di stabilire la corrente di corto circuito, portare ed interrompere la corrente in condizioni normali del circuito e sopportare per un tempo definito anche quelle di cortocircuito. NORMA DI PRODOTTO : CEI 17-9/1 CEI EN IEC CARATTERISTICHE NOMINALI: TENSIONE NOMINALE Ur kv LIVELLO DI ISOLAMENTO NOMINALE Uw kv FREQUENZA NOMINALE f Hz CORRENTE TERMICA NOMINALE E SOVRATEMPERATURA Ir A CORRENTE DI BREVE DURATA NOMINALE AMMISSIBILE IK ka DURATA DI CORTOCIRCUITO NOMINALE t s CORRENTI DI INTERRUZIONE NOMINALE CORRENTE DI STABILIMENTO SU CORTOCIRCUITO Ima ka

16 INTERRUTTORI DI MANOVRA DURATA MECCANICA : devono essere eseguiti 1000 cicli di manovra senza tensione né corrente nel circuito principale. DURATA ELETTRICA : 20 manovre di ch. ap. alla In con carico attivo (100 manovre per apparecchi a frequenza elevata di operazioni) 20 manovre di ch. ap. al 5% della In con carico attivo 20 manovre di ch. ap. alla Ic nominale del cavo a vuoto 2 chiusure sotto corto circuito Gli interruttori di manovra SEZIONATORI devono essere conformi ANCHE alle prescrizioni specificate per i sezionatori nella norma CEI 17-4

17 Interruttore di manovra-sezionatore Isolamento in aria Isolamento in SF6

18 INTERRUTTORI DI MANOVRA - SEZIONATORE-SEZIONATORE DI TERRA POLO DI UN INTERRUTTORE DI MANOVRA A TRE POSIZIONI INTERRUTTORE DI MANOVRA SEZIONATORE SEZIONATORE DI TERRA CON POTERE DI CHIUSURA

19 Informazioni aggiuntive: GLI INTERRUTTORI DI MANOVRA POSSONO ESSERE IMPIEGATI ANCHE PER ALTRE APPLICAZIONI, COME: elevata frequenza di manovra manovra di motori manovra di una singola batteria di condensatori stesse prove degli interruttori interruzione delle correnti in caso di guasto a terra su reti a neutro isolato 10 aperture corrente di terra a valle 10 aperture corrente di terra a monte

20 CONTATTORE Apparecchio di manovra ad una sola posizione di riposo, destinato a chiudere e ad aprire non solo in condizioni ordinarie di servizio ma anche in determinate condizioni di gravose.l apparecchio è chiuso quando l'organo di azionamento è alimentato ed aperto quando disalimentato. NORMA DI PRODOTTO : CEI? CENELEC? IEC CARATTERISTICHE NOMINALI: TENSIONE NOMINALE Ur kv LIVELLO DI ISOLAMENTO NOMINALE Uw kv FREQUENZA NOMINALE f Hz CORRENTE TERMICA NOMINALE E SOVRATEMPERATURA Ir A CORRENTE DI BREVE DURATA NOMINALE AMMISSIBILE IK ka CORRENTE DI CRESTA NOMINALE AMMISSIBILE DURATA NOMINALE DI CORTOCIRCUITO t s CORRENTE DI INTERRUZIONE NOMINALE DI CORTOCIRCUITO Isc ka CORRENTE DI STABILIMENTO NOMINALE DI CORTOCIRCUITO

21 Contattore in SF6

22 Informazioni aggiuntive: Prestazioni elettriche ridotte ma capacità di eseguire un numero di manovre elevatissime. Tensione nominale di impiego limitata a 7,2 e 12 kv Corrente nominale è di 400 A Potere di interruzione di 10 ka Potere di chiusura di 25 ka Per applicazione in impianti con livelli di guasto superiore a quelli propri del contattore è necessario che il componente sia protetto da un ulteriore dispositivo, tipicamente il fusibile ELEVATO NUMERO DI MANOVRE centinaia di migliaia

23 FUSIBILE Dispositivo di interruzione ottenuta,mediante la fusione di parti predisposte e proporzionate a tale scopo,quando la corrente supera un determinato valore per un tempo sufficiente. Disposizioni di legge: DPR 547 art (protezione contro i sovraccarichi e valvole fusibili) Norme CEI impianti :CEI 11-1 art (protezione contro le sovracorrenti e fusibili) Norma di prodotto : CEI 32-3 HD IEC CARATTERISTICHE NOMINALI: TENSIONE NOMINALE Ur kv LIVELLO DI ISOLAMENTO NOMINALE kv CORRENTE NOMINALE Ir A CORRENTE DI INTERRUZIONE NOMINALE I1 ka CORRENTE MINIMA DI INTERRUZIONE I3 ka

24 INFORMAZIONI AGGIUNTIVE I FUSIBILI SONO GLI UNICI APPARECCHI LIMITATORI IN MT CI SONO DUE TIPI DI FUSIBILI QUELLI PER USO GENERALE Sono in grado di interrompere tutte le sovracorrenti dal valore di corrente di interruzione nominale fino alla corrente in grado di fondere l'elemento fusibile entro un ora. QUELLI PER USO COMBINATO Sono in grado di interrompere tutte le sovracorrenti, dalla corrente minima di interruzione I3, fino alla corrente di interruzione nominale (per valori di corrente inferiori alla I3 il fusibile fonde ma non interrompe il circuito)

25 INTERRUTTORE DI MANOVRA COMBINATO CON FUSIBILI Insieme costituito dall'interruttore di manovra e dai fusibili in modo da formare un unico un unico apparecchio. Oltre alla sua norma di prodotto deve essere conforme alla norma dei fusibili e degli interruttori di manovra NORMA DI PRODOTTO : CEI CEI EN IEC CARATTERISTICHE NOMINALI: TENSIONE NOMINALE Ur kv LIVELLO DI ISOLAMENTO NOMINALE Uw kv FREQUENZA NOMINALE f Hz CORRENTE TERMICA NOMINALE E SOVRATEMPERATURA Ir A CORRENTI DI INTERRUZIONE NOMINALE IN CORTOCIRCUITO CORRENTE DI STABILIMENTO NOMINALE SU CORTOCIRCUITO CORRENTE DI TRASFERIMENTO NOMINALE

26 Informazioni aggiuntive: La corrente di trasferimento è quella dove i fusibili e l'interruttore di manovra si scambiano le funzioni di interruzione : le correnti inferiori sono interrotte dall'interruttore di manovra le correnti superiori sono interrotte dai fusibili. Il combinato ha caratteristiche superiori di corto circuito rispetto all interruttore di manovra, ma la sua corrente nominale diventa quella dei fusibili.

27 INTERRUTTORE Apparecchio capace di stabilire,portare ed interrompere le correnti in condizioni normali del circuito,ed inoltre di stabilire, portare ed interrompere correnti in condizioni anormali del circuito, come quelle di corto circuito. Disposizioni di legge: DPR 547 art:285 (protezione contro i sovraccarichi) Norme CEI impianti : CEI 11-1 art: (correnti di cortocircuito) NORMA DI PRODOTTO : CEI 17-1 HD 348 S6 IEC 6056

28 CARATTERISTICHE NOMINALI: TENSIONE NOMINALE Ur kv LIVELLO DI ISOLAMENTO NOMINALE Uw kv FREQUENZA NOMINALE f Hz CORRENTE TERMICA NOMINALE Ir A CORRENTE DI BREVE DURATA NOMINALE IK ka CORRENTE DI CRESTA NOMINALE AMMISSIBILE Ip kap DURATA NOMINALE DI CORTOCIRCUITO CORRENTE DI INTERRUZIONE NOMINALE DI CORTOCIRCUITO Isc ka CORRENTE DI STABILIMENTO NOMINALE DI CORTOCIRCUITO TENSIONE TRANSITORIA DI RITORNO PER GUASTO AI MORSETTI SEQUENZA DI MANOVRA NOMINALE

29 Processo di interruzione in corrente alternata Corrente nominale A inizio del corto circuito Durata del corto circuito Corrente di guasto ka Operazione di Interruzione corretta Separazione contatti annullamento della corrente Tensione nominale T.R.V Tensione nominale

30 Informazioni aggiuntive: Corrente termica nominale: A Corrente di interruzione: Valore massimo della corrente di cortocircuito che l'interruttore DEVE essere in grado di interrompere, che è caratterizzata da due valori: Componente alternata, denominata CORRENTE NOMINALE DI CORTOCIRCUITO 6, , , kA Componente unidirezionale, misurata ad un intervallo di tempo T ( tempo di apertura più un semiperiodo ) Percentuale della componente UNIDIREZIONALE ( La componente unidirezionale si trascura se non supera il 20% della componente alternata ) Nelle immediate vicinanze di un generatore però la componente unidirezionale può essere elevata, in tale caso deve essere valutata e se necessario vanno eseguite delle prove di verifica

31 Informazioni aggiuntive: Corrente di breve durata: UGUALE alla corrente di interruzione Corrente di cresta : equivalente a picco e stabilimento Corrente di interruzione su corto circuito: per tensioni INFERIORI è pari alla nominale, se SUPERIORI si eseguono prove Corrente di interruzione condensatori : per batteria singola e multipla Correnti di interruzione di cavi a vuoto Correnti di interruzione di linee a vuoto Correnti di interruzione con circuito di prova non ancora normalizzato: Piccole correnti induttive Reattori in parallelo Motori di alta tensione Durata meccanica Durata elettrica

32 INTERRUTTORE IN SF6 TIPO LF FINO A 17,5 KV DEL TIPO AD AUTOESPANSIONE ED ARCO ROTANTE Interruttore in esecuzione fissa Interruttore in esecuzione estraibile FISSO STRUTTURA DI SOSTEGNO ESTRAIBILE

33 sistema di autoespansione più arco rotante DT I DP espansione comando di potenza ridotta + Arco rotante = ridotta erosione dei contatti autoespansione

34 Sequenza di apertura dell interruttore Contatti principali e contatti d arco chiusi Separazione dei contatti principali Separazione dei contatti d arco Contatti aperti

35 INTERRUTTORI IN SF6 CARATTERISTICHE ELETTRICHE GAMMA INTERRUTTORI TIPO LF e SF in SF6: < = 17 kv >17 kv < =24 kv LF1 - LF2 - LF3 SF1-SF2

36 INTERRUTTORE DI TIPO AD AUTOCOMPRESSIONE

37 Polo di un interruttore ad autocompressione polo chiuso principali aperti arco aperti aperto

38 TRAFORMATORE DI TENSIONE PER INSERZIONE FASE TERRA

39 TRASFORMATORE DI TENSIONE PER INSERZIONE TRA LE FASI

40 TRASFORMATORE DI CORRENTE PER MISURA E PROTEZIONE

41 TRASFORMATORI DI MISURA IN AT

42 SCHEMA UNIFILARE DI UN IMPIANTO

43 QUADRO ELETTRICO NORMA DI PRODOTTO 17-6: 1-Generalità 2-Condizioni di servizio 3-Definizioni 4-Caratteristiche nominali 5-Progetto e costruzione 6-Prove di tipo 7-Prove di accettazione 8-Informazioni generali Appendici Allegati

44 Quadro isolato in aria di tipo PROTETTO- Unità tipica

45 Quadro di tipo protetto a tenuta contro arco interno

46 SAAQUADRI INSTALLATI ALL INTERNO DI UNA SALA QUADRI

47 QUADRI IN SALA QUADRI

48 CABINA PREFABBRICATA APERTA

49 CABINA PREFABBRICATA CHIUSA

50 Quadro blindato isolato in aria ( metalclad) Caratteristiche principali Quadro di tipo Metalclad a unità funzionali Quattro taglie di quadro in funzione delle varie caratteristiche elettriche: MCset1-2-3 <=17kV MCset 4 >17kV <=24 kv Quadro addossabile a parete Tutte le manovre effettuate dal fronte del quadro Interruttore a cassetto, con movimentazione a porta chiusa Sezionatore di terra con potere di chiusura

51 Quadro di tipo monopiano inserito in sala quadri

52 Quadro di tipo multipiano in allestimento per le prove

53 Quadro blindato (metalclad) ISOLATO IN SF6 Unità tipica Interruttore ad auto compressione

54 Dimensioni del quadro blindato ( tipo MC set) MC set 1 MC set 2 MC set 3 MC set 4

55 Celle tipiche del quadro blindato 1 Cella cavi 2 Cella interruttore 3 Cella sbarre 4 Cella strumenti

56 Sezione tipica quadro blindato MCset Vn<=17.5kV Legenda Compartimentazioni : 1 Canalina cavi BT 2 Cella strumenti ausiliari 3 Cella Sbarre Omnibus 4 Cella Interruttore estraibile 5 Cella linea 7 Cella TV asportabile Principali componenti : K. Interruttore estraibile M. Connessioni cavi N. Sezionatore di terra Q. Comando del sezionatore di terra S. Trasformatori di tensione U. Trasformatori di corrente

57 Sezione tipica quadro blindato Mc set 4 Vn=24 kv Legenda Compartimentazioni : 1 Canalina cavi BT 2 Cella strumenti ausiliari 3 Cella Sbarre Omnibus 4 Cella Interruttore estraibile 5 Cella linea 7 Cella TV asportabile Principali componenti : K. Interruttore estraibile M. Connessioni cavi N. Sezionatore di terra Q. Comando del sezionatore di terra S. Trasformatori di tensione U. Trasformatori di corrente

58 Protezione contro arco interno su tre lati Quadro addossato a parete

59 Protezione contro arco interno sui 4 lati Quadro con retro accessibile

60 Soluzione con condotto di uscita gas

61 Allestimento per la prova di tenuta contro arco interno

62 L ARCO DEVE ESSERE INNESCATO IN : cella sbarre cella interruttore cella cavi

63 Canalizzazioni realizzate per il convogliamento dei gas che si manifestano durante l arco interno e relative ventole di sfogo verso l esterno

64 MC set: Tenuta all arco interno Quadro a tenuta d arco interno in accordo con la normativa IEC AA 25 ka 1 sec. Criteri di valutazione delle prove: 1-le porte e i pannelli chiusi non si sono aperti 2-nessuna proiezione di parti o pezzi pericolosi 3-nessuna perforazione dell involucro esterno 4-gli indicatori verticali non hanno preso fuoco 5-gli indicatori orizzontali non hanno preso fuoco 6-le connessione di terra restano efficaci

65 Prova di tenuta contro arco interno

66 TRASFORMATORI IN OLIO

67 TRASFORMATORI IN OLIO

68 TRASFORMATORI IN OLIO

69 TRASFORMATORE IN RESINA

70 IMPIANTO MT/BT PER INTERNO

71 IMPIANTO PER ESTERNO

72 IMPIANTO PER ESTERNO

Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT

Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT VENETO Sistemi di protezione e coordinamento negli impianti elettrici di BT Relatore: Ing. Raoul Bedin Interruttore automatico Le funzioni fondamentali sono quelle di sezionamento e protezione di una rete

Dettagli

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE

LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Q U A D E R N I P E R L A P R O G E T T A Z I O N E LA PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI IN BASSA TENSIONE Guida alla progettazione ed all installazione secondo le norme tecniche CEI e UNI di MARCO

Dettagli

EN 60204-1 Sicurezza del macchinario. www.aceconsulting.it. Equipaggiamento elettrico delle macchine UDINE, 22 OTTOBRE 2009

EN 60204-1 Sicurezza del macchinario. www.aceconsulting.it. Equipaggiamento elettrico delle macchine UDINE, 22 OTTOBRE 2009 EN 60204-1 Sicurezza del macchinario Equipaggiamento elettrico delle macchine Matteo Marconi Stefano Piccagli UDINE, 22 OTTOBRE 2009 Le direttive LA LEGGE 1. Austria 2. Belgio 3. Bulgaria (dal 01 Gennaio

Dettagli

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT

Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Formazione Tecnica Schneider Corso C1 Studio e progettazione di una cabina di trasformazione MT/BT Finalità del corso Il corretto allestimento delle cabine di trasformazione MT/BT di utente, anche per

Dettagli

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura Classe Nome I.T.I.S. Magistri Cumacini Cognome Data ESERCIZIO 1 Un conduttore di un circuito trifase di sezione 4 mm 2 è interessato da una corrente di corto circuito di valore efficace 10 ka per un tempo

Dettagli

Impianto di controllo automatico ZTL Comune di Como. Relazione tecnica di calcolo impianto elettrico SOMMARIO

Impianto di controllo automatico ZTL Comune di Como. Relazione tecnica di calcolo impianto elettrico SOMMARIO SOMMARIO 1. Finalità... 2 2. Dati del sistema di distribuzione e di utilizzazione dell energia elettrica... 2 3. Misure di protezione dai contatti diretti... 2 4. Misure di protezione dai contatti indiretti...

Dettagli

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 Per la parte di ricezione/immissione vedi IA 005. Riferimenti normativi Generali: CEI EN 62271-202 (17-103) Sottostazioni prefabbricate ad Alta tensione/bassa

Dettagli

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP

ITI A. Malignani Udine - Elettrotecnica & automazione - Impianti elettrici e TDP 9. INTERRUTTORI BT In media tensione generalmente non si chiede all interruttore di intervenire istantaneamente mentre ciò è usuale nella BT. Deve aspettare ad aprire Questo interruttore deve aprire per

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

Guida al Sistema Bassa Tensione

Guida al Sistema Bassa Tensione Indice Generale Guida al Sistema Bassa Tensione 1 Introduzione 2 Le norme 3 Caratteristiche della rete 4 Protezione dei circuiti 5 Caratteristiche degli apparecchi di protezione e manovra 6 Protezione

Dettagli

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista

Dott. Ing. Cesare Orsini Libero Professionista In genere si ricorre a forniture monofase nei cantieri di limitata potenza e gli scaglioni sono 1,5; 3; 4,5; 6 KW, mentre per cantieri più grandi si usano delle forniture trifase con potenze pari a 6;

Dettagli

Quadri elettrici. Quadri per uso Industriale

Quadri elettrici. Quadri per uso Industriale Quadri elettrici Quadri per uso Industriale I quadri elettrici, erano soggetti alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue: AS Apparecchiatura costruita in serie: ovvero apparecchiatura

Dettagli

GENERALITA Cabine MT/BT

GENERALITA Cabine MT/BT CABINE MT/BT GENERALITA Cabine MT/BT anno 2012 Cabine MT/BT 2 sistemi elettrici Categorie dei sistemi elettrici In relazione alla tensione nominale i sistemi elettrici si dividono in (1) : Categoria 0

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Norma 17-13. Generalità

Norma 17-13. Generalità QUADRI ELETTRICI Generalità Norma 17-13 I quadri elettrici, sono da considerare componenti dell impianto. Essi devono rispondere alla Norma CEI 17-13, che riporta le prescrizioni generali e distingue:

Dettagli

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione

Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione Il fusibile nella protezione contro le sovracorrenti in bassa tensione di Saveri Gianluigi 1. Generalità Un apparecchiatura elettrica in condizioni di normale funzionamento (condizioni specificate dai

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa

Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa Relazione tecnica Impianto Elettrico Fisso a servizio dell'impianto Idroelettrico sito in Chiusa Pesio (CN) - Loc. Certosa DESCRIZIONE DELL OPERA La presente relazione si riferisce alla realizzazione di

Dettagli

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz

Premessa 1. CARATTERISTICHE GENERALI DI PROGETTO. - Sistema di fornitura: corrente alternata trifase frequenza nominale pari a 50 Hz Premessa L impianto in questione è relativo ad un progetto per la realizzazione di un campo polivalente coperto e di un immobile adibito a spogliatoio presso la zona PIP. La documentazione di progetto

Dettagli

S050 Raccolta di Norme base per impianti elettrici 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 2910 CEI 0-3 0 36.15 Legge 46/90 Guida per la compilazione

Dettagli

L equipaggiamento elettrico delle macchine

L equipaggiamento elettrico delle macchine L equipaggiamento elettrico delle macchine Convegno La normativa macchine: obblighi e responsabilità 4 giugno 05 Ing. Emilio Giovannini Per. Ind. Franco Ricci U.F. Prevenzione e Sicurezza Verifiche Periodiche

Dettagli

Specifica Tecnica per Quadri di distribuzione in Bassa Tensione - SIVACON S4 -

Specifica Tecnica per Quadri di distribuzione in Bassa Tensione - SIVACON S4 - CARATTERISTICHE GENERALI SIVACON S4 è un quadro adatto per distribuzione primaria in Bassa ; il primo quadro di cabina a valle del trasformatore MT/BT è costruito per operare in condizioni nominali di

Dettagli

Product note Migrazione da Emax ad Emax 2 mantenendo la certificazione in base alle norme serie IEC 61439 per i quadri di bassa tensione

Product note Migrazione da Emax ad Emax 2 mantenendo la certificazione in base alle norme serie IEC 61439 per i quadri di bassa tensione Product note Migrazione da Emax ad Emax 2 mantenendo la certificazione in base alle norme serie IEC 61439 per i quadri di bassa tensione Generalità SACE Emax 2 è il nuovo interruttore aperto di ABB SACE

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600. Relatore GUIZZO P.I. GASTONE. Università di Padova 26 giugno 2004 CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI CLIENTI ALLA RETE MT DELLA DISTRIBUZIONE-DK5600 Relatore GUIZZO P.I. GASTONE Università di Padova 26 giugno 2004 L Autorità per l Energia Elettrica e il Gas (AEEG) con delibera

Dettagli

Impianti Tecnologici

Impianti Tecnologici Impianti Tecnologici OGGETTO: ELENCO DELLE PRINCIPALI NORME E GUIDE CEI Il presente Registro è redatto in n. 11 pagine (copertina presente) ver. 1.0 1 Elenco Norme e Guide CEI 0-1 Adozione di nuove norme

Dettagli

QUADRO ELETTRICO DI MEDIA TENSIONE

QUADRO ELETTRICO DI MEDIA TENSIONE SPECIFICA TECNICA QUADRO ELETTRICO DI MEDIA TENSIONE CABINA RESTAURO PAG. 2 QUADRO ELETTRICO DI MEDIA TENSIONE Ediz. 1 Data NOV 08 CABINA RESTAURO Rev. 0 Data NOV 08 verif. Ing. S:B.: appr. ing. R.Z. File

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO (Decreto n. 37 del 22 Gennaio 2008) Pagina 1 di 9 INDICE 1. OGGETTO...3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO...3 3. DESCRIZIONE LAVORO....4 3.1.ALIMENTAZIONE IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE

Dettagli

Seminario dell'innovazione Ordine Ingegneri Catania 11/12/14

Seminario dell'innovazione Ordine Ingegneri Catania 11/12/14 1 Regola tecnica di riferimento per la connessione di utenti attivi e passivi alla rete AT ed MT delle imprese distributrici di energia elettrica. 2 Parte 1 Parte 2 Parte 3 Parte 4 Parte 5 Parte 6 Parte

Dettagli

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE Seminario Tecnico GLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI Novità legislative (nuovo conto energia), problematiche tecniche, problematiche di installazione, rapporti con gli Enti ASPETTI NORMATIVI E DI PROGETTAZIONE

Dettagli

Capitolo 5 Quadri elettrici

Capitolo 5 Quadri elettrici Capitolo 5 Quadri elettrici (5.1) Quadri, Leggi e Norme La legge 46/90, obbliga l installatore a redigere la dichiarazione di conformità relativamente ai lavori svolti. Allegati a tale dichiarazione devono

Dettagli

A.1 Caratteristiche del cavo di collegamento e della sezione ricevitrice MT (da inserire solo per connessioni alla rete MT)

A.1 Caratteristiche del cavo di collegamento e della sezione ricevitrice MT (da inserire solo per connessioni alla rete MT) ALLEGATO J: ADDENDUM TECNICO La seguente dichiarazione deve essere compilata e firmata da professionista iscritto all albo o dal responsabile tecnico di una impresa abilitata ai sensi della legge vigente.

Dettagli

S021 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici e tecnici: Macchine/Apparecchiature

S021 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici e tecnici: Macchine/Apparecchiature 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico

Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Relazione Tecnica Progetto dell Impianto Elettrico Rotatoria ingresso cittadella universitaria Premessa: La presente relazione tecnica è finalizzata ad indicare la caratteristiche dei principali componenti

Dettagli

DICHIARAZIONE TECNICA DEGLI IMPIANTI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI ASM TERNI A TENSIONE >1kV

DICHIARAZIONE TECNICA DEGLI IMPIANTI CONNESSI ALLA RETE ELETTRICA DI ASM TERNI A TENSIONE >1kV DEGLI IMPIANTI CONNEI ALLA RETE ELETTRICA DI AM TERNI A TENIONE >1kV AM TERNI.p.A. ervizio Elettrico AM D.T.010409/1 NOME CONVENZIONALE CABINA...CODICE... NOME CONVENZIONALE UTENTE...CODICE... TENIONE

Dettagli

Progettazione, installazione e verifica di un impianto fotovoltaico Francesco Groppi Responsabile GDL2 CEI-CT82

Progettazione, installazione e verifica di un impianto fotovoltaico Francesco Groppi Responsabile GDL2 CEI-CT82 Lo stato dell arte della normativa legislativa e tecnica per impianti elettrici in particolare fotovoltaici Guida CEI 82-25 Sala conferenze CNA, Ragusa 30 Maggio 2009 Progettazione, installazione e verifica

Dettagli

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA

ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA ILLUMINAZIONE ZONA TECNICA RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA 1. PREMESSA Oggetto della presente relazione è la progettazione relativa all illuminazione di servizio e di emergenza della zona tecnica della piscina

Dettagli

Una Norma al mese. Rubrica di aggiornamento normativo. a cura di Antonello Greco

Una Norma al mese. Rubrica di aggiornamento normativo. a cura di Antonello Greco Una Norma al mese Rubrica di aggiornamento normativo a cura di Antonello Greco Questo mese vorrei parlarvi della Guida CEI 121-5:2015-07 dedicata alla normativa applicabile ai quadri elettrici di bassa

Dettagli

Correnti di corto circuito

Correnti di corto circuito Correnti di corto circuito Definizioni Cortocircuito: - Contatto accidentale o intenzionale, di resistenza o impedenza relativamente basse, tra due o più punti a diversa tensione di un circuito. (VEI 151-03-41).

Dettagli

NORME EN 61936-1 (CEI 99-2) EN 50522 (CEI 99-3)

NORME EN 61936-1 (CEI 99-2) EN 50522 (CEI 99-3) NORME EN 61936-1 (CEI 99-2) EN 50522 (CEI 99-3) Le nuove norme CEI 99-2 e CEI 99-3 Dal 1 aprile 2011 sono in vigore in parallelo alla norma CEI 11-1: EN 61936-1 (CEI 99-2): Impianti elettrici a tensione

Dettagli

Linee guida Enel per l esecuzione di lavori su cabine secondarie

Linee guida Enel per l esecuzione di lavori su cabine secondarie Pubblicato il: 08/11/2004 Aggiornato al: 08/11/2004 di Gianfranco Ceresini Le disposizioni che vengono qui presentate non rappresentano documenti normativi, ma sono ugualmente importanti e significativi

Dettagli

Apparecchiature elettriche MT

Apparecchiature elettriche MT Apparecchiature elettriche MT Livelli di tensione Livelli di tensione Le reti di distribuzione pubblica hanno tensione nominale di 15 kv o 20 kv Salvo alcune aree dove si utilizzano altre tensioni 6 kv

Dettagli

CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE

CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE Cabtrasf_parte_prima 1 di 8 CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE parte prima Una cabina elettrica è il complesso di conduttori, apparecchiature e macchine atto a eseguire almeno una delle seguenti funzioni:

Dettagli

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI

Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica. Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Le verifiche negli impianti elettrici: tra teoria e pratica (Seconda parte) Guida all esecuzione delle verifiche negli impianti elettrici utilizzatori a Norme CEI Concluso l esame a vista, secondo quanto

Dettagli

Energia Solare Fotovoltaica Sezione 4 Gli organi di manovra

Energia Solare Fotovoltaica Sezione 4 Gli organi di manovra Energia Solare Fotovoltaica Sezione 4 Gli organi di manovra Corso di ENERGETICA A.A. 2014/2015 Docente: Prof. Renato Ricci Dipartimento di Ingegneria Industriale e Scienze Matematiche Definizioni (2) Gli

Dettagli

n. 15 - Fotovoltaico 5 INDICE

n. 15 - Fotovoltaico 5 INDICE n. 15 - Fotovoltaico 5 INDICE 1 IRRAGGIAMENTO SOLARE E POTENZA ELETTRICA 11 1.1 Irraggiamento solare 11 1.2 Principio di funzionamento di una cella fotovoltaica 15 1.3 Caratteristiche elettriche delle

Dettagli

PROTEZIONI. SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. sez.5. INSTALLAZIONE...6 Avvertenze...

PROTEZIONI. SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. sez.5. INSTALLAZIONE...6 Avvertenze... SEZIONE 5 (Rev.G) Scaricabile dal sito www.urmetdomus.com nell area Manuali Tecnici. Le sovratensioni di rete RIMEDI CONTRO LE SOVRATENSIONI... INDICE DI SEZIONE...6 Avvertenze...6 Schema di collegamento...6

Dettagli

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI

Ospedale dei SS. Cosma e Damiano REALIZZAZIONE CENTRALE FRIGORIFERA LABORATORIO ANALISI Azienda USL n. 3 Pistoia P.IVA 01241740479 Area Funzionale Tecnica Settore Tecnico Distaccato della Z/D Valdinievole P.zza XX Settembre, 22 51017 Pescia (PT) Tel. 0572-460431 fax 0572/460433 Ospedale dei

Dettagli

Low voltage electrical installations Part 4: Protection for safety

Low voltage electrical installations Part 4: Protection for safety N O R M A I T A L I A N A C E I Norma Italiana Data Pubblicazione CEI 64-8/4 2012-06 La seguente Norma recepisce con modifiche: HD 60364.4.41:2007-01; HD 60364.4.42:2011-03; HD 60364.4.43:2010-03; HD 60364.4.443:2006-08;

Dettagli

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica G. Simioli Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Quadro normativo - Norma CEI 11-20 Isola indesiderata - Prove

Dettagli

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali

La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Seminario di Ingegneria Clinica 2013 La Tecnologia in Sala Operatoria: dalla fase di progettazione agli aspetti gestionali Con il Patrocinio di Cagliari, Facoltà di Ingegneria Aula V 14 Giugno 2013 ore

Dettagli

A.1 Caratteristiche del cavo di collegamento e della sezione ricevitrice MT (da inserire solo per connessioni alla rete MT)

A.1 Caratteristiche del cavo di collegamento e della sezione ricevitrice MT (da inserire solo per connessioni alla rete MT) ALLEGATO J: ADDENDUM TECNICO La seguente dichiarazione deve essere compilata e firmata da professionista iscritto all albo o dal responsabile tecnico di una impresa abilitata ai sensi della legge vigente.

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA POLISPECIALISTICA

Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA POLISPECIALISTICA Ing. ARMANDO FERRAIOLI P. I. ANTONIO CROCETTA Corso Umberto I, 232 Via D. Gentile, 72 84013-CAVA DE TIRRENI (SA) 81020-S. NICOLA LA STRADA (CE) ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DI UNA CASA DI CURA

Dettagli

PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI MARCO PERZOLLA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 5 B-ET. Si No

PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI MARCO PERZOLLA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 5 B-ET. Si No DOCENTE : VINCENZI RICCARDO MARCO PERZOLLA MATERIA: A.S.: 2014-2015 CLASSE: 5 B-ET TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno

Dettagli

Produzione e distribuzione di en. Elettrica

Produzione e distribuzione di en. Elettrica (persona fisica) (persona giuridica) Produzione e distribuzione di en. Elettrica SCHEMA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLE REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE

Dettagli

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS

A34. Prove sui quadri elettrici. 1. Premesse. 2. Quadri AS e ANS A34 Prove sui quadri elettrici 1. Premesse Nel testo apparecchiatura è sinonimo di quadro. Si definisce quadro elettrico la combinazione, in un unico complesso, di apparecchiature elettriche destinate

Dettagli

COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV)

COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV) COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV) AREA POLITICHE DELLE INFRASTRUTTURE IMPIANTO FOTOVOLTAICO IN ZONA INDUSTRIALE A SAN GIACOMO DI VEGLIA IN COMUNE DI VITTORIO VENETO (TV) 2. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

Dettagli

INDICE Manuale Volume 2

INDICE Manuale Volume 2 INDICE Manuale Volume 2 Pag. NOTA DEGLI EDITORI PREFAZIONE 1. INTRODUZIONE 1 2. DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2.1 Principali disposizioni legislative 3 2.2 Principali norme tecniche

Dettagli

Statistica degli infortuni

Statistica degli infortuni SEMINARIO VAL DELLA TORRE 15 febbraio 2013 LA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEI CANTIERI EDILI: suggerimenti operativi per i CSP/CSE Relatore Dott. Ing. Dario CASTAGNERI Tecnico della prevenzione

Dettagli

LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA

LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA ELETTRICA DI.T. (< 1KV) DELLA G.I.E. S.R.L. E MODALITÀ DI RICHIESTA DELLA SCHEMA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLE REGOLE TECNICHE PER LA DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIUZIONE

Dettagli

Schema unificare di principio di una cabina privata: schema radiale semplice. Descrizione, scelta delle apparecchiature.

Schema unificare di principio di una cabina privata: schema radiale semplice. Descrizione, scelta delle apparecchiature. cabtrasf_parte_seconda 1/14 Cabine di trasformazione. Parte seconda Schema unificare di principio di una cabina privata: schema radiale semplice. Descrizione, scelta delle apparecchiature. Nella figura

Dettagli

Pericoli della corrente elettrica! 2. Generi degli impianti elettrici! 2. Sistemi di protezione! 2

Pericoli della corrente elettrica! 2. Generi degli impianti elettrici! 2. Sistemi di protezione! 2 Comandi Indice Pericoli della corrente elettrica 2 Generi degli impianti elettrici 2 Sistemi di protezione 2 Interruttore a corrente di difetto (FI o salvavita) 3 Costituzione: 3 Principio di funzionamento

Dettagli

Corso manutenzione cabine MT/BT. Capitolo 2 PROBLEMI IMPIANTISTICI DI CABINA. Gorizia, Giugno-Ottobre 2000

Corso manutenzione cabine MT/BT. Capitolo 2 PROBLEMI IMPIANTISTICI DI CABINA. Gorizia, Giugno-Ottobre 2000 Corso manutenzione cabine MT/BT Capitolo 2 PROBLEMI IMPIANTISTICI DI CABINA Gorizia, Giugno-Ottobre 2000 Correnti di cortocircuito Cortocircuito: Definizioni - Contatto accidentale o intenzionale, di resistenza

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO INDICE

IMPIANTO FOTOVOLTAICO INDICE IMPIANTO FOTOVOLTAICO INDICE Documentazione fotografica Inquadramento urbanistico Relazione tecnica Pianta copertura Analisi dei prezzi Computo metrico estimativo Elenco prezzi Incidenza della manodopera

Dettagli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli

Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli CENTRALE PIANETASOLE BEGHELLI Codici 15307 Sistema per l allacciamento alla rete e il monitoraggio locale degli impianti PianetaSole Beghelli ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE E L USO Indice Cos è la Centrale

Dettagli

Sovracorrenti e protezione

Sovracorrenti e protezione Sovracorrenti e protezione In un impianto elettrico possono accadere delle situazioni per cui la corrente che fluisce nei conduttori risulta maggiore della corrente nominale. Tali situazioni coincidono

Dettagli

Con ABB rispetti la natura e anche le tue tasche! Cogli il fior fiore della convenienza con la promozione sui prodotti per il fotovoltaico.

Con ABB rispetti la natura e anche le tue tasche! Cogli il fior fiore della convenienza con la promozione sui prodotti per il fotovoltaico. o i r ic to to tr va la et er al l is t e r i n s le a li ri ag ate im d Con ABB rispetti la natura e anche le tue tasche! Cogli il fior fiore della convenienza con la promozione sui prodotti per il fotovoltaico.

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Pubblicato il: 26/07/2004 Aggiornato al: 26/07/2004 di Gianluigi Saveri Protezione dalle sovracorrenti, sezionamento per esecuzione

Dettagli

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI

Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Vicenza Corso di specializzazione in Prevenzione incendi (Legge 7 dicembre 1984, n. 818) IMPIANTI ELETTRICI Ing. Claudio Noro libero professionista - Vicenza 1

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO

RELAZIONE DI CALCOLO Cabina MT/BT Ex Regina Elena viale Regina Elena n 291 Roma Pag. 1 RELAZIONE DI CALCOLO INTRODUZIONE Oggetto della Relazione di calcolo è la descrizione dei metodi e dei criteri adottati per la progettazione,

Dettagli

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti 2/31 3/31 4/31 In questa fase vengono effettuate le

Dettagli

Protezione Differenziale

Protezione Differenziale Protezione Differenziale dai contatti indiretti PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI CORRENTE DI GUASTO A TERRA SISTEMI ELETTRICI DI DISTRIBUZIONE GUASTO A TERRA NEI SISTEMI TT INTERRUTTORE DIFFERENZIALE:

Dettagli

9. Introduzione al PQ

9. Introduzione al PQ Corso di Elementi di ingegneria elettrica di potenza Angelo Baggini angelo.baggini@unibg.it 9. Introduzione al PQ Corso di Elettrotecnica NO Introduzione> Power quality? Introduzione> Prodotto - Energia

Dettagli

Nei sistemi elettrici di protezione, la

Nei sistemi elettrici di protezione, la 2 ELETTRIFICAZIONE 10 LA SELETTIVITÀ NELLA PROTEZIONE MEDIANTE FUSIBILI Massimo Salmoiraghi (*) L articolo passa in rassegna i criteri progettuali da porre in atto per garantire la selettività orizzontale

Dettagli

SILAMAT. Interruttori sezionatori e apparecchiature precablate stagne IP65

SILAMAT. Interruttori sezionatori e apparecchiature precablate stagne IP65 SILAMAT. Interruttori sezionatori e apparecchiature precablate stagne IP65 Informazioni generali e applicative pag. 178 Interruttori sezionatori serie P 180 Interruttori sezionatori serie F 181 Accessori

Dettagli

Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni

Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni Norma CEI 11-1 Campo di applicazione e definizioni di Gianluigi Saveri 1. Campo di applicazione La nona edizione della Norma CEI 11-1, derivata dal documento di armonizzazione europeo HD 637, è entrata

Dettagli

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO

Interventi di manutenzione ordinaria dello stabile di proprietà comunale sito in piazzale Zaccari. PROGETTO ESECUTIVO IMPIANTO ELETTRICO Ing. Fabio Gramagna Via V. Emanuele, 131-18012 Bordighera (IM) - Tel./Fax. 0184/26.32.01 fgramagna@gmail.com - fabio.gramagna@ingpec.eu Comune di Bordighera Provincia di Imperia Interventi di manutenzione

Dettagli

S017 Raccolta di Norme per impianti elettrici, Atex, macchine e norme collegate

S017 Raccolta di Norme per impianti elettrici, Atex, macchine e norme collegate 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 4465 CEI 0-4/1 0 25.82 Documenti CEI normativi e non normativi Parte 1: Tipi, definizioni e procedure

Dettagli

Sistemi Elettrici }BT }AT

Sistemi Elettrici }BT }AT Sistemi Elettrici DEFINIZIONE (CEI 11-1) Si definisce SISTEMA ELETTRICO la parte di impianto elettrico costituita dai componenti elettrici aventi una determinata TENSIONE NOMINALE (d esercizio). Un sistema

Dettagli

Si compongono di : Lato DC

Si compongono di : Lato DC Centralini di Campo precablati per DC e AC Monofase e Trifase Quadro di campo comprensivo di cablaggio lato DC e lato AC verso inverter e contatore ENEL. CENTRALINO ISL - CABUR DC Inverter Monofase / Trifase

Dettagli

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI

PREMESSA IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI IMPIANTI ELETTRICI E DI TRASMISSIONE DATI PREMESSA La presente relazione riguarda la realizzazione dell impianto elettrico e di trasmissione dati per l allestimento dell aula informatica della scuola G.

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N.

RAPPORTO DI PROVA N. PAGINA : 1 DI 7 Tipo di prodotto Scatola di derivazione Modello T65304HT / morsetto 66CSM035-M Descrizione T65304HT Scatola di derivazione in lega di alluminio pressofuso, 253X217X93,morsettiera di collegamento

Dettagli

D CABINA DI TRASFORMAZIONE

D CABINA DI TRASFORMAZIONE D CABINA DI TRASFORMAZIONE La cabina di trasformazione è costituita da tre locali: - locale di consegna - locale di misura - locale utente. Il locale di consegna di energia ed il locale di misura devono

Dettagli

SPECIFICA TECNICA APPARECCHIATURE PREFABBRICATE CON INVOLUCRO METALLICO IN MEDIA TENSIONE PER INTERNO ISOLATE IN ARIA SCOMPARTI PER CABINE SECONDARIE

SPECIFICA TECNICA APPARECCHIATURE PREFABBRICATE CON INVOLUCRO METALLICO IN MEDIA TENSIONE PER INTERNO ISOLATE IN ARIA SCOMPARTI PER CABINE SECONDARIE IMPIANTO ELETTRICO Progettazione e costruzione di elettrodotti, impianti di illuminazione stradale e sportiva, SCOMPARTO UTENTE Progettazione e costruzione di elettrodotti, impianti di illuminazione stradale

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ 1- Reti elettriche in corrente continua Grandezze elettriche fondamentali e loro legami,

Dettagli

"FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI?

FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI? "FOTOVOLTAICO: QUALI OPPORTUNITÀ OGGI? CONVEGNO DEL 30/05/2012 Novità per dimensionamento impianto Principali novità per dimensionamento: regole tecniche di connessione Passaggio dalle Normative di riferimento

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Impianto fotovoltaico

Impianto fotovoltaico a cura di Antonello Greco Oggetto dellʼintervento Installazione di un impianto fotovoltaico da 6 kw su edificio. Norme, Leggi e Delibere applicabili Guida CEI 82-25: 2010-09: Guida alla realizzazione di

Dettagli

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. INCONTRO TECNICO CON: ---VITRIUM --- Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie. VITRIUM Riqualificazione impianti elettrici, di edifici esistenti, senza opere murarie.

Dettagli

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione

Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione Corso di Progettazione esecutiva degli Impianti Elettrici in media e bassa tensione anno 2016 Programma del Corso Parte 1 - Criteri metodologici (16 ore) Argomenti rif. didattici Sistema elettrico Scheda

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE

CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE CORSO DI FORMAZIONE PER STUDENTI DELL ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI IN MATERIA DI SICUREZZA ED IGIENE DEL LAVORO NEL COMPARTO EDILE ASL della Provincia di Bergamo Servizio Prevenzione e Sicurezza negli

Dettagli

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT

Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT Norma CEI 0-21: Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica Regola tecnica di connessione BT Norma CEI 0-21:

Dettagli

E INTERRUTTORI AUTOMATICI

E INTERRUTTORI AUTOMATICI Corso di sist. elettrici per telecomunicazioni - 2 prova di laboratorio PROVE SU FUSIBILI E INTERRUTTORI AUTOMATICI Docente del corso: prof.ssa Angela Russo Galletti Riccardo Matr. 1265 Prove su fusibili

Dettagli

MW63-160 - 250 NOVITA. colori. Megaswitch. Sezionatori. Sezionatori Megaswitch

MW63-160 - 250 NOVITA. colori. Megaswitch. Sezionatori. Sezionatori Megaswitch MW63-160 - 250 R NOVITA R 245 da 63 a 250A Caratteristiche generali è la nuova gamma di sezionatori Bticino per le applicazioni industriali. Questi sezionatori trovano impiego nei quadri e negli armadi

Dettagli

Power and productivity for a better world TM

Power and productivity for a better world TM Medium Voltage Products UniSec Quadro di media tensione isolato in aria per la distribuzione secondaria fino a 24 kv, 1250, 25 k aratteristiche del quadro UniSec Isolamento in aria di tutte le parti attive

Dettagli

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT).

Tali impianti elettrici saranno ubicati nella scuola elementare e materna di Marliana, in Via Goraiolo, Marliana (PT). ndividuazione degli impianti Gli impianti oggetto del progetto sono previsti all interno di una struttura scolastica. Gli impianti esistenti sono sprovvisti di Dichiarazione di Conformità, pertanto saranno

Dettagli

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici

S016 Raccolta di Norme fondamentali per impianti elettrici 6578 CEI 0-2 0 120 Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici 6366 CEI 0-10 0 110 Guida alla manutenzione degli impianti elettrici 6613 CEI 0-11 0 75 Guida alla

Dettagli

PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO

PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA SU CONSISTENZA E TIPOLOGIA Progetto: Progetto1 Descrizione: Impianto 1 Committente: Mario Rossi Ubicazione: Barletta Progettista: Ing. Franco verdi Data: 18/02/2012

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ELETTRICO PROVINCIA DI LECCE Importo Progetto 1.000.000,00 RELAZIONE TECNICA 1. Premessai Dal sopralluogo effettuato si è stabilito che l'impianto elettrico del piano primo risulta di recente rifacimento ed a norma,

Dettagli

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv

L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv 1 L installazione delle insegne luminose e delle lampade a scarica con tensione superiore a 1 kv La Norma CEI EN 50107 ( entrata in vigore nel settembre del 1999 e classificata come 34-86) fornisce i criteri

Dettagli

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO

ETA PROGETTI STUDIO ASSOCIATO INDICE PREMESSA... 3 1 - DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 3 2 - IMPIANTI PREVISTI... 3 3 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO DI PRODUZIONE... 4 4 MODALITA DI ESECUZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO... 4 4.1) Tensione di

Dettagli