Imparare 5AS LICEO SCIENTIFICO STATALE "FILIPPO BUONARROTI"- PISA DOCUMENTO DELLA CLASSE INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO ANNO SCOLASTICO 2014/15

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Imparare 5AS LICEO SCIENTIFICO STATALE "FILIPPO BUONARROTI"- PISA DOCUMENTO DELLA CLASSE INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO ANNO SCOLASTICO 2014/15"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO STATALE "FILIPPO BUONARROTI"- PISA Imparare ad Imparare DOCUMENTO DELLA CLASSE 5AS INDIRIZZO LICEO SCIENTIFICO ANNO SCOLASTICO 2014/15 La Dirigente Scolastica Prof.ssa Mariangela Chiapparelli 1

2 INDICE INDICE... 2 Composizione del consiglio di classe... 3 Presentazione della classe... 4 Composizione della classe... 5 Profilo della classe... 6 Tematiche pluridisciplinari svolte... 9 Attività integrative curricolari ed extracurricolari Modalità di lavoro del consiglio di classe Strumenti di verifica utilizzati dal consiglio di classe Corso di studi relazioni finali e programmi disciplinari italiano Latino INGLESE Storia FILOSOFIA matematica FISICA Scienze Naturali DISEGNO E STORIA DELL ARTE scienze motorie irc Simulazioni delle prove di esame Testi delle simulazioni delle terze prove Griglie di valutazione per le simulazioni Il Consiglio di Classe

3 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINA DOCENTE CONTINUITÀ DIDATTICA I II III IV V ITALIANO VICARI X X X X X LATINO SIMI X X X X X MATEMATICA SILEONI X X X X X FISICA SILEONI X X LANZO MIGLI X X SCIENZE GRAVINA X X X X BOSCHI INGLESE SANTONOCITO X X DI PIERRO DE ROSA DONADEO STORIA-GEO VICARI X X STORIA MOREA X MONETA SCIACCALUGA FIOSOFIA MOREA X MONETA SIMONCINI DISEGNO-ST.ARTE CIMORELLI X DE CHIARA D EGIDIO CECCHI LODDE SCIENZE MOTORIE ROMAGNOLI X X PASERO X X X X X X X X X X X X X X X IPATA X IRC BOUILLON X X X X X 3

4 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE ANNO SCOLASTICO CLASSE N STUDENTI PROMOSSI NON PROMOSSI RITIRATI O TRASFERITI I AS II AS III AS IV AS N STUDENTI: 30 N MASCHI: 19 N FEMMINE: 11 ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROVENIENZA STESSA SCUOLA N 29 ALTRA SCUOLA N 1 PROMOZIONE CLASSE PRECEDENTE N 30 RIPETENTI N - RITIRI DURANTE L ANNO N 2 4

5 COMPOSIZIONE DELLA CLASSE COGNOME NOME CLASSE DI PROVENIENZA BINI LORENZO IV AS (RITIRATO) BONANNI ALESSANDRO IV AS BOTRINI SERENA IV AS BOTTAI MARTA IV AS BRIZZI RITA MARIA IV AS CONVALLE ROBERTO IV AS DI COSCIO LISA IV AS DI PACO PIETRO IV AS DONDOLI SOFIA IV AS FRATINI FEDERICO IV AS GIARRI ANDREA IV AS IADAROLA FEDERICO IV AS KOTYK NAZAR IV AS MAGGIO LORENZO IV AS MICHELOTTI IACOPO IV AS MICHELOTTI STEFANO ISTITUTO PRIVATO (RITIRATO) MULLER MATTIA IV AS MUSONE PAOLO IV AS OLIVIERI MARTINA IV AS ORSETTI LUCA IV AS POLI BENEDETTA IV AS PRATESI LUCA IV AS RICCI SARA IV AS ROGNINI FEDERICO IV AS ROSSI CHIARA IV AS SGARRELLA GIULIO IV AS SILVI GIADA IV AS STABILE ANDREA IV AS STOPPINI MARCO IV AS VASTANO CHIARA IV AS 5

6 PROFILO DELLA CLASSE PRESENTAZIONE ANALITICA Dei trenta alunni che compongono la classe se ne presenteranno all esame ventotto per il ritiro di due studenti nel corso dell anno. Al gruppo originario appartengono ventidue alunni, i rimanenti si sono inseriti in seconda (quattro, compreso un alunno ritirato) e in terza (quattro, con l altro ritirato). Nel corso dei tre anni successivi alla prima, alcuni alunni hanno cambiato scuola, altri sono arrivati da licei diversi, mantenendo costante il numero di trenta. Verso le attività proposte la maggior parte della classe si è mostrata interessata e diligente, alcuni hanno espresso una adesione incostante, soprattutto nello studio individuale quando non nella stessa frequenza delle lezioni. A questa discontinuità in determinati casi non ha corrisposto una eguale svagatezza nella partecipazione al lavoro in classe. Un atteggiamento recettivo è risultato essere la tonalità media dominante dei processi di apprendimento nei diversi ambiti disciplinari, in quelli scientifici in particolare. Questo indipendentemente dall intensità dell impegno e della motivazione al lavoro su argomenti disciplinari o extracurricolari: quest anno hanno inciso meno le proposte di coinvolgimento attivo al dialogo, o gli stimoli a mettere alla prova conoscenze e competenze anche al di fuori del consueto schema della verifica di una determinata acquisizione Se per alcuni questo atteggiamento di timidezza è forse imputabile alla preoccupazione di stabilizzare le conoscenze in vista dell esame ( o al credere di farlo), per altri è apparso legato a discutibili interpretazioni del senso di responsabilità, almeno per una parte dell anno, che li hanno spinti a impegnarsi con la necessaria concentrazione prevalentemente in vista delle verifiche. Con esiti spesso mediocri. Le modalità di studio hanno privilegiato il momento della linearità e della settorialità, per disciplina o contenuto, rispetto a quello della connessione reticolare, rendendo possibili risultati molto positivi per determinate prove ed altri assai meno convincenti per tipologie di verifiche diverse, da parte di uno stesso alunno o all interno di una medesima materia. Rispetto ai due precedenti anni, si è così constatata una flessione generale nelle valutazioni, solo in parte legata alle difficoltà dei programmi svolti o al cambio di diversi insegnanti. Per alcune discipline, lo sviluppo dei programmi ha subito rallentamenti e ridimensionamenti. Una buona parte della classe ha comunque maturato in modo stabile le competenze disciplinari previste nel corso del quinquennio, consolidate dal lavoro costante in questo ultimo anno. Costanza e stabilità che per altri sono state meno marcate, non impedendo per questo tuttavia la prosecuzione dei processi di maturazione delle medesime competenze e non precludendo perciò la possibilità di risultati soddisfacenti Da queste premesse e con queste caratteristiche, i risultati - in termini di maturazione di competenze - sono mediamente discreti nelle discipline letterarie, sufficienti in quelle scientifiche, più problematici in inglese, con oscillazioni verso livelli di eccellenza ovvero di debole sufficienza, per disciplina e soprattutto per alunno. 6

7 SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE (ANNO IN CORSO) Si è riscontrato nella maggior parte della classe un atteggiamento consapevole che si è tradotto in modalità di studio organizzate e costanti, che hanno favorito una proficua impostazione del lavoro, privilegiando modalità prevalentemente ricettive riguardo al coinvolgimento nelle attività proposte. Dalle verifiche si è confermato un quadro di media adeguatezza con casi non numerosi di maggiore difficoltà, evidenti soprattutto nelle discipline scientifiche LIVELLI DI PREPARAZIONE RAGGIUNTI DALLA CLASSE La preparazione è pienamente soddisfacente per circa un terzo degli alunni, diversificata per aree disciplinari per la parte più cospicua degli alunni rimanenti, comunque al livello della sufficienza anche per le valutazioni meno brillanti. Un numero limitato di alunni ha incontrato maggiori difficoltà nel recuperare le inadeguatezze evidenziate nel corso dell anno. OBIETTIVI TRASVERSALI Nel triennio il Consiglio ha individuato come obiettivi lo sviluppo e il consolidamento delle seguenti RELATIVE AL COMPORTAMENTO: CITTADINANZA ATTIVA COMPETENZE TRASVERSALI 1. Acquisire la consapevolezza che tutte le discipline concorrono alla formazione, crescita e realizzazione personale 2. Rispettare regole, persone, animali, cose 3. Collaborare con gli altri ed imparare a lavorare in gruppo 4. Partecipare alla vita scolastica in tutti i suoi aspetti formativi 5. Favorire l acquisizione di competenze personali anche digitali 6. Favorire l acquisizione di una dimensione di apertura nei confronti della vita culturale, sociale ed economica del territorio 7. Aprirsi ai molteplici aspetti della diversità, considerandolo una risorsa 8. Saper superare i conflitti attraverso il confronto democratico 9. Saper elaborare azioni e/o percorsi di scelta consapevole e autonoma in ambito personale, civile, sociale e politico COGNITIVE IMPARARE AD IMPARARE 1. Accostarsi alla conoscenza con curiosità 2. Acquisire e interpretare l informazione 3. Individuare collegamenti e relazioni 7

8 4. Saper organizzare il proprio apprendimento e gestire in modo produttivo il tempo dello studio 5. Applicare metodologie congruenti alle discipline 6. Risolvere problemi 7. Acquisire consapevolezza delle proprie conoscenze, abilità e competenze CONOSCENZE Gli alunni hanno nel complesso acquisito le conoscenze relative agli obiettivi disciplinari minimi. Alcuni studenti si distinguono per aver raggiunto livelli più alti di apprendimento, con risultati talvolta molto buoni o ottimi ABILITA Il quadro delle abilità è complessivamente positivo, con le caratteristiche sopra evidenziate rispetto allo stile di apprendimento più portato alla settorialità che alla interrelazione tra dati, discipline, procedure COMPETENZE La maggior parte degli alunni ha acquisito competenze sufficienti riguardo al corso di studi intrapreso, raggiungendo in altri casi livelli globalmente discreti e in alcuni buoni o ottimi, almeno per alcune discipline. CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE Come in passato, il Collegio ha confermato le modalità tradizionali dell attribuzione del punteggio: per le valutazione trimestrale e finale: votazione in decimi per la valutazione interperiodale: giudizi (nettamente insufficiente, insufficiente, quasi sufficiente, sufficiente, più che sufficiente, discreto, buono, ottimo) per la valutazione delle simulazioni delle prove d esame: in quindicesimi, in particolare la valutazione delle simulazioni delle terze prove risulta dalla media dei punteggi in quindicesimi riportati in ciascuna delle quattro materie presenti nella simulazione STANDARD DI ACCETTABILITÀ Gli standard di accettabilità delle prove per le singole discipline sono indicati nelle relazioni per materia. I criteri generali e trasversali deducibili dal P.O.F. sono i seguenti: Comprensione del testo o del quesito Aderenza alle consegne ricevute e alle procedure indicate Esposizione globalmente corretta Conoscenza dei contenuti di studio Conoscenza e uso del linguaggio specifico Capacità di articolazione e/o approfondimento Elaborazione personale Il livello di sufficienza nei primi quattro punti rappresenta la soglia di accettabilità della prova 8

9 TEMATICHE PLURIDISCIPLINARI SVOLTE ANNO NEL TRIENNIO SCOLASTICO DISCIPLINE COINVOLTE ARGOMENTO Le origini del movimento francescano LETTERE e la cultura europea STORIA IRC 9

10 ATTIVITÀ INTEGRATIVE CURRICOLARI ED EXTRACURRICOLARI PARTECIPAZIONE A PROGETTI CULTURALI E CONCORSI PROGETTO CONCORSO TERZO ANNO Giornata Primo Levi - P.O.F. Educazione alla legalità - P.O.F. Settimana Scientifica P.O.F. (un gruppo di alunni) Progetto MIUR Compita (competenza letteraria italiano) QUARTO ANNO Olimpiadi della Fisica (un gruppo) Olimpiadi della Chimica (un gruppo) Settimana Scientifica (un gruppo) Progetto Carcere Educazione alla legalità P.O.F Parlamento Europeo Giovani ( PEG). P.O.F. (gruppo di alunni) Visita a Mirabilandia studio fisica dei moti Parecipazione al Comenius Regio save not waste (un alunno) Olimpiadi della matematica DISCIPLINE COINVOLTE Storia-Italiano- IRC Storia-Italiano- IRC Matematica- Fisica-Scienze Italiano Fisica Scienze Matematica- Fisica-Scienze Italiano Filosofia IRC Inglese Fisica Matematica Inglese Matematica QUINTO ANNO Olimpiadi della matematica Progetto Carcere Educazione alla legalità P.O.F Visita al CERN di Ginevra (gruppo di alunni) Matematica Italiano Filosofia IRC Fisica Matematica Visita Camposanto Monumentale-Palazzo Blu (Mertjrai-Modigliani) Storia arte, Italiano Storia, filosofia, 10

11 Treno della memoria viaggio ad Auschwitz (due alunni) Breve corso di Economia politica Due conferenze: La questione palestinese Resistenza,Liberazione, Costituzione,un legame indissolubile CNR: Conferenza sul Genoma Partecipazione alla Giornata per la donazione Donaci Ilaria Settimana Scientifica (un gruppo) Italiano, IRC Storia Storia Scienze Matematica- Fisica-Scienze VIAGGI DI ISTRUZIONE DESTINAZIONE STUDENTI PARTECIPANTI DOCENTI ACCOMPAGNATORI BUDAPEST 27 Sileoni Vicari 11

12 LEZIONE FRONTALE LEZIONE CON ESPERTI LEZIONE MULTIMEDIALE LEZIONE PRATICA PROBLEM SOLVING LEZIONE INTERATTIVA LAVORO DI GRUPPO DISCUSSIONE GUIDATA RICERCHE INDIVIDUALI MODALITÀ DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINA LETTERE ITALIANE X X X X LATINO X X X INGLESE X X X X STORIA X X X FILOSOFIA X X X MATEMATICA X X X X FISICA X X X X X X X SCIENZE NATURALI DISEGNO E ST. DELL ARTE SCIENZE MOTORIE X X X X X X X X X X X IRC X X X X X X X X 12

13 INTERROGAZIONE RILEVAZIONI OCCASIONALI RISOLUZIONE DI CASI / PROBLEMI PROVA STRUTTURATA O SEMISTRUTTURATA QUESITI A RISPOSTA BREVE TRATTAZIONE SINTETICA PRODUZIONE TESTI STRUMENTI DI VERIFICA UTILIZZATI DAL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINA LETTERE ITALIANE X X X X X LATINO X X X X X X INGLESE X X X X STORIA X X X X FILOSOFIA X X X X X MATEMATICA X X X FISICA X X X X X X SCIENZE NATURALI X X X DISEGNO E ST. DELL ARTE X X X X X SCIENZE MOTORIE X X IRC X X 13

14 CORSO DI STUDI Il percorso del liceo scientifico è indirizzato allo studio del nesso tra cultura scientifica e tradizione umanistica. Favorisce l acquisizione delle conoscenze e dei metodi propri della matematica, della fisica e delle scienze naturali. Guida lo studente ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per seguire lo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica e per individuare le interazioni tra le diverse forme del sapere, assicurando la padronanza dei linguaggi, delle tecniche e delle metodologie relative, anche attraverso la pratica laboratoriale (art. 8 comma 1). Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver acquisito una formazione culturale equilibrata nei due versanti linguistico-storico-filosofico e scientifico; comprendere i nodi fondamentali dello sviluppo del pensiero, anche in dimensione storica, e i nessi tra i metodi di conoscenza propri della matematica e delle scienze sperimentali e quelli propri dell indagine di tipo umanistico; saper cogliere i rapporti tra il pensiero scientifico e la riflessione filosofica; comprendere le strutture portanti dei procedimenti argomentativi e dimostrativi della matematica, anche attraverso la padronanza del linguaggio logico-formale; usarle in particolare nell individuare e risolvere problemi di varia natura; saper utilizzare strumenti di calcolo e di rappresentazione per la modellizzazione e la risoluzione di problemi; aver raggiunto una conoscenza sicura dei contenuti fondamentali delle scienze fisiche e naturali (chimica, biologia, scienze della terra, astronomia) e, anche attraverso l uso sistematico del laboratorio, una padronanza dei linguaggi specifici e dei metodi di indagine propri delle scienze sperimentali; essere consapevoli delle ragioni che hanno prodotto lo sviluppo scientifico e tecnologico nel tempo, in relazione ai bisogni e alle domande di conoscenza dei diversi contesti, con attenzione critica alle dimensioni tecnico-applicative ed etiche delle conquiste scientifiche, in particolare quelle più recenti; saper cogliere la potenzialità delle applicazioni dei risultati scientifici nella vita quotidiana LICEO SCIENTIFICO DISCIPLINE I II III IV V Lingua e letteratura Italiana Lingua e cultura latina Lingua straniera Storia e geografia 3 3 Storia Filosofia Matematica (con elementi di informatica) Fisica Scienze naturali Disegno e storia dell arte Scienze motorie e sportive Religione cattolica o attività alternative TOTALE Nel biennio un ora di potenziamento in scienze svolta dal docente titolare della classe 14

15 RELAZIONI FINALI E PROGRAMMI DISCIPLINARI ITALIANO LATINO INGLESE STORIA FILOSOFIA MATEMATICA FISICA SCIENZE NATURALI DISEGNO E STORIA DELL ARTE SCIENZE MOTORIE IRC 15

16 ITALIANO RELAZIONE FINALE 1. Quadro generale Nell arco del quinquennio, l intervento didattico relativo all insegnamento dell italiano si è mosso su tre direttrici fondamentali: lo stimolo costante della motivazione e della curiosità per la materia e per l apprendimento in generale; il consolidamento delle competenze linguistiche, ricettive e produttive, la proposta di un metodo di studio strutturato, rispetto ai contenuti disciplinari. Al termine del percorso, gli alunni hanno conseguito risultati soddisfacenti in ognuna delle tre direttrici, attraverso un processo di graduale consolidamento di abilità e competenze, che ha conosciuto momenti di maggiore fatica, ma anche di successi gratificanti per i singoli e per il gruppo nel suo complesso. La partecipazione al lavoro è sempre stata improntata a curiosità e interesse che non di rado ha favorito momenti di riflessione collettiva e richieste di approfondimento. L interesse culturale e la preoccupazione scolastica si sono diversamente combinati in base alle situazioni e agli alunni: spesso si sono tradotti in una capacità di riflessione più matura e aperta, sollecitata da testi e concetti, a loro volta compresi con consapevolezza maggiore: in questo senso ha avuto riscontri positivi la sperimentazione sulla competenza letteraria, legata al progetto ministeriale Compita, quando si parla di riappropriazione del teso letterario. Altre volte ha prevalso un atteggiamento più recettivo e una richiesta più pressante di mediazione dell insegnante nei confronti della comprensione del testo, predominante quest anno, dilagante nella seconda parte in vista della prova d esame, con qualche conseguenza sullo sviluppo dei programmi. In certi casi infine, all interesse per la riflessione che sicuramente ha corroborato la crescita individuale con idee suggestioni o riscontri, non ha corrisposto un eguale entusiasmo per lo studio, inteso negli aspetti più rigorosi propri della disciplina e oggetto delle verifiche e della valutazione. I tre atteggiamenti si sono intersecati o succeduti nel gruppo e nei singoli, in parte condizionando singoli risultati o valutazioni di sintesi. Si può in ogni caso affermare che la maturazione delle competenze disciplinari, anche nei casi di minor brillantezza, si è intrecciata con quella più generale della persona, come capacità di comprensione e riflessione sula realtà, letteraria e non, di consapevolezza e espressione di sé e di orientamento. Tutti gli alunni dunque sono pervenuti a modalità di studio e di elaborazione sufficientemente consapevoli, in diversi casi integrate da capacità di approfondimento e riflessione autonoma. Nel lavoro sui testi, hanno maturato capacità analitico-interpretative, mediamente adeguate, non prive di incertezze o meno autonome in certi casi, più sicure in altri. 16

17 Nella produzione scritta, hanno acquisito una sufficiente confidenza con le diverse tipologie testuali, con risultati almeno sufficienti. Per alcuni non del tutto o non sempre al riparo da una certa fatica nelle scelte semantiche e per pochissimi in quelle sintattico-testuali; numerosi sono invece i casi di piena rispondenza, certi dei quali di particolare brillantezza. Tutti gli alunni hanno avuto la capacità di progredire dai livelli precedenti, con le discontinuità ricordate, sia nella produzione scritta che in quella orale. Incertezze o prestazioni meno positive per molti sono state possibili per nessuno costanti. Le modalità espressive sono nel complesso sufficientemente fluide e strutturate, con maggiori incertezze, per alcuni, nelle scelte semantiche e lessicali non sempre abbastanza specifiche in relazione ai contenuti di studio. Le attività di studio in questo anno, per un certo numero di alunni hanno mantenuto una certa tendenza alla semplificazione, legata in parte al possesso di capacità logico-espressive più incerte; nel complesso comunque il lavoro è stato svolto in modo proficuo da tutti. 2. Conoscenze competenze e capacità In relazione alla programmazione curricolare sono stati perseguiti e raggiunti gli obiettivi prefissati, in termini di conoscenze, competenze, capacità. Gli alunni pertanto: conoscono o le caratteristiche specifiche del testo e del linguaggio letterario o i rapporti di continuità/discontinuità con cui si legano fra loro i testi nel sistemaletteratura o la rete di relazioni che si possono stabilire tra i fenomeni letterari e altre manifestazioni della cultura ad essi contemporanea sanno (competenze e capacità relative ai testi letterari) o riconoscere le strutture formali del testo letterario o riconoscere i temi presenti nel testo e le loro relazioni o riconoscere le diverse scelte semantiche all interno di un testo e le loro relazioni o sviluppare su questa base un primo livello di interpretazione o ricavare dai testi valutazioni relative all autore e al periodo in cui opera o offrire una interpretazione congruente secondo criteri riconoscibili e riconducibili all analisi del testo o mettere in relazione l aspetto tematico e quello formale per ricavare significati ulteriori ed elementi utili all interpretazione o contribuire all intelligenza del testo con interpretazioni e commenti personali sanno (competenze e capacità linguistiche) o ideare, organizzare, scrivere testi chiari e coerenti di diverse tipologie o riferire oralmente e per scritto, con efficacia e chiarezza il contenuto dei testi o parafrasare e sintetizzare testi o compie inferenze da un testo dato, mettendolo in relazione con altri ambiti di significato (tematici, storici, intertestuali, stilistici ) o adeguare le scelte semantiche e sintattico testuali al contesto e agli argomenti trattati 17

18 In corsivo i punti che definiscono il livello di accettabilità 3. Metodologia Oltre alle indicazioni contenute nel quadro generale, si aggiunge che, per quanto riguarda l insegnamento letterario, il criterio base è stato quello della centralità del testo, che è stato quasi sempre inteso come testo intero e come massimamente complesso dal punto di vista dei significati (referenziali, simbolici, storici). L attribuzione di significati al testo è stato il momento fondamentale del lavoro, pensato come momento di libertà e al tempo stesso di rigore, basato perciò su criteri fondati e riconoscibili. Questa attività si è svolta prevalentemente in classe, con lezioni dialogate, sulla base delle riflessioni delle alunne, stimolate da appositi esercizi di analisi e interpretazione. La parafrasi dei testi poetici è stata svolta in classe, con la guida dell insegnante. L insegnante, fino dalla prima, ha curato in modo particolare l abitudine al collegamento dello specifico contenuto di studio con una molteplicità di riferimenti, attraverso cui gli alunni potessero comprendere l interdipendenza dei vari campi del sapere e di questi con l esperienza di ciascuna, per favorire il senso di appartenenza consapevole a un universo condiviso di significati. La produzione scritta, come sempre nel triennio, è stata stimolata sulle tipologie previste dall Esame di stato, a partire dalla quarta e più sistematicamente in quinta. 4. Materiali didattici Testi in adozione o Luperini, Cataldi, il nuovo La scrittura e l interpretazione, voll.4,5,6 e Leopardi, il primo dei moderni o Materiale in fotocopia o File inviati sula pagina web della classe o Testi letterari in edizioni non scolastiche (vedi contenuti del programma svolto). 5. Tipologia delle prove di verifica utilizzate a. Colloqui individuali b. Colloqui a più voci c. Esercizi di analisi testuale d. Testi scritti (saggio breve, articolo di giornale, tema: di argomenti letterari o di attualità o di attualizzazione di argomenti letterari e culturali in genere. 6. Contenuti Si rimanda al programma analitico allegato 18

19 PROGRAMMA Moduli Articolazione interna contenuti essenziali 0. Modulo di riflessione sulle tipologie di produzione scritta richieste all esame 1. La letteratura del Primo Ottocento Analisi delle strutture delle tipologie di produzione scritta richieste all esame Discussione collettiva sulla correzione dei lavori scritti degli alunni Simulazioni prova d esame Testi di diverse tipologie 1.1 Neoclassicismo e Romanticismo. 1.2 La polemica classico- romantica in Italia Friedrich Shiller, La differenza tra poesia ingenua e poesia sentimentale Novalis, Poesia e sentimento Foscolo: Dei sepolcri Alla sera A Zacinto In morte del fratello Giovanni Winkelmann, Belvedere Apollo Madame de Staël, Sulle traduzioni Pietro Giordani,Replica di un Italiano Giacomo Leopardi, dal Discorso di un italiano intorno alla poesia romantica: la poesia degli antichi gli antichi e la natura gli antichi come poeti del cuore intelletto e immaginazione Alcuni testi per ragionare (per quelli di autori inglesi si rimanda al programma di Frammenti, inglese, per l arte, si rimanda a quello si storia dell arte) L ideale di serenità e armonia: l idea neoclassica. Il Romanticismo europeo: la tendenza al simbolismo e quella al realismo Due modi diversi di concepire: l arte e la sua funzione l intellettuale il rapporto con la realtà 19

20 1.3 La poesia e il pensiero di Giacomo Leopardi 1. Dallo Zibaldone di pensieri: Natura e ragione La natura è grande, la ragione è piccola (1817) La ragione è nemica della natura (1820) Antichi e moderni Poesia antica e poesia moderna (1818) La teoria del piacere Il sentimento della nullità di tutte le cose (1820) La poetica dell indefinito Termini e parole ( ) Il vago, l indefinito e le rimembranze della fanciullezza (1821) L antico (1821) Indefinito e infinito (1821) Il vero è brutto (1821) Soni indefiniti (1827) Indefinito e poesia (1821) Ricordanza e poesia (1827) Teoria del suono (1828) La rimembranza (1828) La doppia visione (1827) La disarmonia di Leopardi: con il proprio tempo, con la natura Il pessimismo cosmico La natura non ha in niun modo per fine il 20

21 piacere né la felicità degli animali (1825) Entrate in un giardino di piante (1826) La mia filosofia fa rea d ogni cosa la natura (1829) 2. Dai Canti Ultimo canto di Saffo L infinito La sera del dì di festa A Silvia Canto notturno di un pastore errante dell Asia La quiete dopo la tempesta Il sabato del villaggio Il passero solitario La ginestra o il fiore del deserto 3. Dalle Operette morali Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di un folletto e di uno gnomo Dialogo di Tristano e di un amico Dialogo della moda e della morte Il cosiddetto pessimismo: - psicologico sensistico - storico - cosmico la visione della Natura: - Natura Benigna Natura Matrigna e Indifferente termini e parole il vago leoprdiano il Caro immaginare il Vero 2. Naturalismo francese e verismo italiano * Émile Zola, Il romanzo sperimentale (il romanziere come osservatore impersonale) Émile Zola, Prefazione a La fortuna dei Rougon Macquart Émile Zola, L inizio dell Ammazzatoio Naturalismo francese dalla poetica alle tecniche: positivismo materialismo e determinismo Giovanni Verga, La poetica l eclisse del narratore impersonalità e 21

22 2.1 Il verismo e la narrativa * verghiana Dalle Novelle Vita dei campi Fantasticheria: l ideale dell ostrica Prefazione a I Malavoglia Dedicatoria a Salvatore Farina Rosso Malpelo regressione l effetto dello straniamento il discorso indiretto libero Novelle rusticane Libertà La roba La lupa I Malavoglia Sintesi del romanzo La prefazione 3. La crisi dell io e delle certezze tra fine Ottocento e inizio Novecento 1. Luigi Pirandello* Da L umorismo: Il sentimento del contrario Non è una l anima individuale Vita e forma L arte epica compone quella umoristica scompone il relativismo la molteplicità dell io il vedersi vivere il conflitto vita-forma la trappola la follia Dalle Novelle per un anno: Il treno ha fischiato La carriola La trappola Il romanzo: Uno nessuno centomila Da Il fu Mattia Pascal: 22

23 - lo strappo nel cielo di carta Il teatro Da Sei personaggi in cerca di autore: - Uno strano inizio - Il meta teatro - Il finale: verità o finzione? Da Enrico IV - la conclusione il tempo misto l inettitudine la coscienza salute e malattia verità e menzogna 2. Italo Svevo * La coscienza di Zeno (lettura integrale) 3 Franz Kafka*, La Metamorfosi 4. Poeti tra Ottocento e Novecento: Simbolismo e Decadentismo Charles Baudelaire Corrispondenze L albatro A una passante Arthur Rimbaud Lettera del veggente Vocali Paul Verlaine Arte poetica Giovanni Pascoli Da Il fanciullino Da Myricae E dentro di noi un fanciullino Lavandare X Agosto Novembre il poeta/fanciullino veggente la poesia come conoscenza a-logica la poesia delle piccole cose (come simboli) il simbolo l opera poetica come continua sperimentazione : 23

24 Temporale Il lampo L assiuolo Ultimo sogno Dai Canti di Castelvecchio Il gelsomino notturno Dai Primi poemetti La digitale purpurea Italy (iversi antologizzati) - la raffigurazione del paesaggio (impressioni e analogie) - le procedure fonologiche - il rapporto tra determinato e la nebbia - l uso della lingua: a- grammaticale!) Gabriele D Annunzio* Dalle Laudi Alcyone: La sera fiesolana La pioggia nel pineto Le stirpi canore Meriggio Nella belletta il panismo il gigantismo dell io/superomismo 5. La poesia di Giuseppe Ungaretti Maia La città terribili* Da L allegria In memoria Veglia Sono una creatura San Martino del Carso Fratelli Soldati Mattina Solitudine I fiumi Il porto sepolto Da Sentimento del tempo La madre il linguaggio poetico e le cose guerra e autenticità esistenziale esperienza individuale e significati universali (l unanimismo ) natura e identità la parola espressione dell autenticità e del rapporto con l assoluto 24

25 6. La poesia di Umberto Saba 7. La poesia di Eugenio Montale Da Il Canzoniere Volume primo A mia moglie Città vecchia Volume secondo 7. Tre poesie alla mia balia ( I e III) 8. Eroica 9. Preghiera alla madre Volume terzo 10. Teatro degli Artigianelli 11. Amai Da Ossi di seppia I limoni Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato Forse un mattino andando in un aria di vetro Giunge, a volte, repente Incontro Fine dell infanzia Casa sul mare Da Le Occasioni Addii, fischi nel buio Ti libero la fronte dai ghiaccioli La casa dei doganieri Nuove stanze 12. poesia e vita: l esperienza psicanalitica 13. la poesia onesta (l antidannunzianesim o) 14. una poesia arretrata : significati piuttosto che significanti 19. una nuova figura del poeta 20. una poetica antieloquente 21. l esilio dal mare, l accettazione della terra 22. la ricerca di un miracolo laico 23. la donna-angelo 24. il correlativo oggettivo Da La Bufera e altro La primavera hitleriana L anguilla Il gallo cedrone A mia madre Piccolo testamento 25. l allegoria 26. la possibilità della poesia nella società di massa 25

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Gli strumenti per una didattica inclusiva

Gli strumenti per una didattica inclusiva STRUMENTI PER UNA DIDATTICA INCLUSIVA Ottilia Gottardi CTI Monza Est Gli strumenti per una didattica inclusiva Ottilia Gottardi CTI Monza Est PRINCIPI della PEDAGOGIA INCLUSIVA Tutti possono imparare;

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio

Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio Scuola aperta 2015 Un allegro pomeriggio con Giulio Coniglio alla scoperta dell Asilo di Follina... l Asilo di Follina: LINEE PEDAGOGICO EDUCATIVE IL PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO. Il curricolo della scuola

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10)

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) Classe: 1 A Corso: I.F.P.OPERATORE MECCANICO (ACCORDO DEL 29.4.10) RELIGIONE 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO GIORDA, DIRITTI DI CARTA U SEI 16,35

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli