MANUALE TECNICO. AM CSP 2.1 Manuale d uso CODICE: EJ4A REVISIONE: 0 DATA: Redatto Laboratorio SAS Manager LUCA VENTRESCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MANUALE TECNICO. AM CSP 2.1 Manuale d uso CODICE: EJ4A54702001 REVISIONE: 0 DATA: 18-02-10. Redatto Laboratorio SAS Manager LUCA VENTRESCA"

Transcript

1 MANUALE TECNICO AM CSP 2.1 Manuale d uso DIVISIONE ICT CODICE: EJ4A REVISIONE: 0 DATA: Redatto Laboratorio SAS Manager LUCA VENTRESCA Controllato Laboratorio SAS Manager FULVIO MONTAUTI Applicazioni PC: Test di Funzionalità e di Sistema Approvato Responsabile Laboratorio SAS Manager ALESSANDRO BARTOLI LUCIO COPPI Documento non pubblicato. Copyright AMTEC SpA. Tutti i diritti riservati. Il contenuto del presente documento, di proprietà di AMTEC SpA, è riservato e viene reso disponibile senza alcuna responsabilità per eventuali errori o omissioni. Ne è vietata la riproduzione, la divulgazione e l utilizzo, anche parziali, in mancanza di una espressa autorizzazione scritta della stessa AMTEC SpA. Il diritto d autore relativo e la presente restrizione d uso debbono ritenersi estese a qualsiasi forma o modalità espositiva delle informazioni contenute.

2 Registro delle Revisioni Rev. Data Redattore/i Descrizione modifiche 0 18-FEB-10 Luca Ventresca Prima Emissione File Nome file aggiornato: EJ4A DOC Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 2/95

3 (index) 1 INTRODUZIONE CONVENZIONI INSTALLAZIONE / DISINSTALLAZIONE REQUISITI DI SISTEMA DISINTALLAZIONE DI TOKEN CRITTOGRAFICI OBSOLETI INSTALLAZIONE DEL TOKEN CRITTOGRAFICO TOKEN ALADDIN etokenpro AMTEC CRYPTOCARD Plus INSTALLAZIONE DISINSTALLAZIONE AVVIO E CHIUSURA TOOL DI CONFIGURAZIONE/GESTIONE DEL CSP AVVIO E CHIUSURA DEL CONFIGURATORE Chiusura Apertura AGGIORNARE LA LISTA DEI TOKEN EFFETTUARE IL LOGIN/LOGOUT AL TOKEN CAMBIARE IL PIN DEL TOKEN SBLOCCARE IL TOKEN ANALISI DEI CERTIFICATI UTENTE E CA PRESENTI NEL DISPOSITIVO IMPORTARE UN CERTIFICATO DI CA RIMUOVERE UN CONTAINER IMPOSTARE IL DEFAULT CONTAINER ABILITARE\DISABILITARE L INTERAZIONE CON IE DURANTE LE SESSIONI SSL SWCARD CRYPTOCARD LOG DI SERVIZIO HELP ON-LINE About box UTILIZZO DEL CSP WINLOGON Esempio di Configurazione di un dominio per attivare Winlogon Prerequisiti CONFIGURAZIONE DEL DOMAIN CONTROLLER Gestione delle policies con CryptoCert Amtec Memorizzazione del certificato della CA Installazione certificato del domain controller Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 3/95

4 5.3 INIZIALIZZAZIONE DEL DISPOSITIVO CRITTOGRAFICO ESECUZIONE DEL LOGON CON AMTEC CSP FIRMATE E CIFRATE CONFIGURAZIONE DI OUTLOOK INVIO DISTRIBUZIONE CERTIFICATI SSL INIZIALIZZAZIONE WEB SERVER INSTAURARE UNA SESSIONE SSL X PASSO1: CONFIGURARE IL SERVER RADIUS PASSO2: CONFIGURARE IL CLIENT RADIUS ACRONIMI E DEFINIZIONI APPENDICE A CARATTERISTICHE DEL CERTIFICATO PER IL DOMAIN CONTROLLER...84 REQUISITI DEL CERTIFICATO PER WINDOWS LOG-ON CARATTERISTICHE DEL CERTIFICATO PER IL DOMAIN CONTROLLER CONFIGURARE OPPORTUNAMENTE WINDOWS 2003 SERVER PER IL CORRETTO FUNZIONAMENTO DELLA STUTTURA DOMAIN CONTROLLER APPENDICE B...91 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 4/95

5 1 INTRODUZIONE Con l architettura a Cryptographic Service Provider (CSP), viene fornito un modo sicuro di accesso ai servizi crittografici da parte delle applicazioni. Tre sono le caratteristiche che ne garantiscono sicurezza e portabilità: 1. Le applicazioni non possono direttamente accedere alle chiavi, che sono generate internamente al CSP, ma possono usarle solo tramite handle. 2. Le applicazioni non possono specificare i dettagli delle azioni crittografiche: il CSP permette solamente di spedire dei comandi. Esempio: "cifra i dati con il tal metodo". 3. Le applicazioni come anche le chiavi, non possono gestire direttamente le firme digitali. La figura seguente mostra come le applicazioni non comunicano direttamente con i CSP, ma invece fanno delle chiamate alle CryptoAPI (esposte dal sistema operativo nel file Advapi32.dll). Il sistema operativo filtra queste chiamate a funzioni, e le passa all'appropriato CSP attraverso il CryptoSPI (Crypto Service Provider Interface), un'interfaccia di comunicazione tra il sistema operativo e i CSP. Il prodotto AMCSP 2.1 permette un evoluzione di tale architettura, rendendo possibile l utilizzo di varie tipologie di Token con sola installazione. In pratica, come indicato dalla figura soprastante, il service Provider Layer viene garantito da un solo modulo che è AMCSP.dll Oltre al CSP Amtec sarà installato un tool di gestione dei token con caratteristiche avanzate che arricchiscono notevolmente l offerta del prodotto stesso. Per una descrizione dettagliata di tale tool, si rimanda al capitolo 4. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 5/95

6 1.1 CONVENZIONI Il presente manuale adotta le seguenti convenzioni: ITALICO Italico ITALICO SOTTOLINEATO Italico sottolineato GRASSETTO Grassetto GRASSETTO ITALICO Grassetto italico Courier Courier italico Indica: nomi d elementi d interfacce utente come controlli, bottoni, ecc. terminologia specifica o particolare nomi di parametri Es.: Cancel Tracing Indica voci di menu. Il carattere. (punto) connette le voci in caso di menu multi-livello Es.: File. Save as Operations. Event log. Initialize Indica Parole, frasi o particolari in evidenza Titoli di sezioni Es.: NOTA BENE Indica nomi di prodotti nomi d elementi d interfacce utente come controlli, bottoni, ecc. usati come titolo Es.: CryptoDisk Indica parti costanti di nomi di files, directory e percorsi comandi o elementi di linguaggi simbolici tasti funzione Es.: Sasmand.ini C:\Program Files\Application SNMP AGENT ETHERNET2 CTRL + A Indica parti variabili di nomi di files, directory e percorsi comandi o elementi di linguaggi simbolici Es.: Data_Path\db\dbdev SNMP AGENT interfaccia Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 6/95

7 2 INSTALLAZIONE / DISINSTALLAZIONE In questo capitolo è descritto come installare e disinstallare AMCSP 2.1 su piattaforme Windows 32 bit e 64 bit. ATTENZIONE: AMCSP 2.1 necessita dei seguenti prodotti che verranno installati automaticamente se non presenti nel sistema:.net Framework 3.5 SP1 2.1 REQUISITI DI SISTEMA La seguente configurazione minima è richiesta per installare ed utilizzare i prodotti distribuiti nel pacchetto crittografico: Personal Computer IBM compatibile; Processore: Pentium 4. Sistema Operativo: Windows XP sp2 32 e 64 bit, Windows e 64 bit, Windows Vista sp1 32 e 64 bit, Windows 2008 sp 1 32 e 64 bit, Windows 7 32 e 64 bit. 256 MB ram; Hard disk con (almeno) 256 MB liberi; Inoltre il sistema deve essere equipaggiato con: una porta USB per l utilizzo di token SmartCard pkcs#11 compatibili. Uno slot PCMCIA nel caso di uso della CrytpoCard con tale interfaccia (solo su sistemi Windows XP a 32 bit) 2.2 DISINTALLAZIONE DI TOKEN CRITTOGRAFICI OBSOLETI Nel caso sia presente una precedente versione di AMCSP e, in particolare, token EUTRON 2048 CCID o token ITSEC CCID installati con pacchetto proprietario EUTRON, è obbligatorio eliminare tutte le tracce lasciate da tale installazione prima di procedere con il paragrafo 2.3. La procedura di pulizia consiste nel disinstallare il vecchio CSP, rimuovere il software Eutron e ripulire la macchina dalle tracce lasciate da quest ultimo. Per i primi due passi si rimanda ai rispettivi manuali d uso dell AMCSP e del tool marchiato Charismatics installato per la Eutron. La pulizia del PC dall installazione deve essere fatta nel seguente modo: 1) avviare il Pc con utenza amministrativa 2) andare nella cartella %SystemFolder%\inf dove, supponendo c: la root del sistema operativo è : c:\windows\ 3) la cartella inf, è un cartella di sistema, quindi di default non è visibile; occorre in tal caso renderla visibile dal menù Tools\Folder Options su My Computer Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 7/95

8 Scegliere Show Hidden files and folder dal tab View Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 8/95

9 4) fare partire una ricerrca dalla barra dei Start\Search\For Files and Folders 5) scegliere All files and folders Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 9/95

10 6) fare una ricerca sul contenuto dei file OEM*.inf dentro la cartella %SystemFolder%\inf; nel campo A word or phrase in the file fare una ricerca con eutron 7) Verificare aprendo con Notepad o con un qualunque altro lettore di testo, che i file risultanti contengano al loro interno le informazioni relative al driver Eutron, in particolare alla fine del file dovrebbe esserci la voce ProviderName= EUTRON. 8) Cancellare definitivamente i file. Terminate le operazioni sopra descritte, accertarsi dopo l installazione del token descritta al paragrafo 2.3, che il driver installato per il token sia USBCCID.sys e null altro. Per fare questo andare su Computer Managment (tasto destro su My Computer dal menu a tendina scegliere Manage). Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 10/95

11 Scegliendo Properties apparirà il dialog sotto nel quale dovrete scegliere il tab Driver Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 11/95

12 Scegliendo Driver Details apparirà il dialog sotto dove si leggerà il driver caricato. Se il driver è diverso da quello evidenziato sopra, ripetere la procedura di rimozione sopradescritta. 2.3 INSTALLAZIONE DEL TOKEN CRITTOGRAFICO Oltre all installazione del prodotto, nel sistema deve anche essere installato il token che si vorrà utilizzare. I token da noi testati per cui il prodotto sarà rilasciato, sono standard CCID; questo vuol dire che non richiedono un pacchetto d installazione proprietario, ma si appoggiano ad un driver scaricabile via WinUpdate e valido per tutti i dispositivi di tipo CCID. I token attualmente supportati sono: ALADDIN etoken Pro (CCID) AMTEC CRYPTOCARD Plus+ Il prodotto AMCSP è sviluppato per essere compatibile con tutti i token che consentono un interfacciamento di tipo Pkcs#11, se fosse necessario utilizzare token differenti dai due sopra menzionati, è però necessaria una sessione di prova presso i nostri laboratori, per correggere assieme al produttore di Hardware eventuali mancanze nella dll che realizza lo standard predetto. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 12/95

13 2.3.1 TOKEN ALADDIN etokenpro Se presente il collegamento ad Internet (Windows Update): Sistemi operativi supportati 1) WINDOWS XP SP2 e superiori (32 bit e 64 bit) 1) WINDOWS 2003 SP1 o superiori (32 bit e 64 bit) 2) WINDOWS VISTA SP1 (32 bit e 64 bit) 3) WINDOWS 2008 SP1 (32 bit e 64 bit) 4) WINDOWS 7 (32 bit e 64 bit) Non richiede l esecuzione di un programma apposito, ma basta inserire il token e attendere che il sistema lo installi correttamente; Se non presente il collegamento ad Internet o fallisce la precedente operazione: alla richiesta del percorso in cui trovare il driver, scegliere disco e farlo puntare alla cartella di istallazione del CSP, nella sottodirectory USBCCID Driver AMTEC CRYPTOCARD Plus + Versione USB : 1) WINDOWS Xp SP2 e superiori (32 bit e 64 bit) 2) WINDOWS 2003 SP1 o superiori (32 bit e 64 bit) 3) WINDOWS VISTA SP1 (32 bit e 64 bit) 4) WINDOWS 2008 SP1 (32 bit e 64 bit) Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 13/95

14 5) WINDOWS 7 (32 bit e 64 bit) Versione PCMCIA: 1) WINDOWS XP 32 bit L installazione di tale token, deve essere effettuata successivamente all installazione del CSP, poiché tale fase prepara il sistema a riconoscere la CryptoCard. Per abilitare la CryptoCard USB o PCMCIA, si deve procedere utilizzando l apposito menù sul configuratore (vedi 4.12 CryptoCard) 2.4 INSTALLAZIONE Per installare il prodotto AMCSP 2.1 occorre lanciare il programma di setup e premere il bottone Next ogni qualvolta si presenta. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 14/95

15 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 15/95

16 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 16/95

17 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 17/95

18 Fig In generale può essere richiesto il riavvio della macchina e questa procedura assicura il corretto funzionamento senza dover procedere con operazioni manuali; l alternativa è selezionare Launch AMCSP 2.1 come in figura 2.3.1, in tal caso si può evitare il riavvio della macchina e il sistema risulta già pronto per l utilizzo con i token installati. Nel caso in cui non viene scelta la soluzione dell avvio immediato, e il PC non viene riavviato è possibile comunque utilizzare il CSP, lanciando l applicativo AmtecCSPConfigurator dalla barra dei programmi. Vedi Fig Fig Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 18/95

19 2.5 DISINSTALLAZIONE Per disinstallare il prodotto AMCSP 2.1 occorre selezionarlo dalla schermata Add/Remove Programs e cliccare su Remove. Il prodotto verrà automaticamente disinstallato. Fig Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 19/95

20 3 AVVIO E CHIUSURA Per avviare AMCSP 2.1 non occorre fare nulla, poiché, essendo una dll, viene utilizzato dagli altri applicativi quando necessario. E già pronto al boot tanto che è possibile effettuare il WinLogon con esso. Al logon di un utente, viene però eseguito AmtecCertificateInstaller il cui funzionamento è descritto nel capitolo 4. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 20/95

21 4 TOOL DI CONFIGURAZIONE/GESTIONE DEL CSP 2.1 Durante l installazione del prodotto AMCSP 2.1, viene installato anche AmtecCetificateInstaller. Tale applicativo ha due compiti: 1) Procedere automaticamente alla necessaria installazione nello store di Microsoft, dei certificati presenti nel token in uso dal CSP, o nel file PKCS#12 (vedi Par 4.1.9); 2) Garantire una serie di funzionalità per la gestione del token. Le operazioni che verranno descritte, possono essere quasi sempre eseguite da utenza NON amministrativa. Dove è necessario essere amministratori, apparirà una schermata che chiede le credenziali di amministrazione, senza tale informazione il sistema non procederà nell esecuzione del comando richiesto. 4.1 AVVIO E CHIUSURA DEL CONFIGURATORE Il configuratore, di default, va in esecuzione automaticamente all avvio del pc (altrimenti si può lanciare dal menu Programmi->Amtec->AmtecCertificateInstaller) ed è accesibile dalle apposite icone o nella traybar (nel caso in cui siano o meno certificati installati). Figura 4.1 Figura 4.2 La Figura 4.1 evidenzia l icona che si vedrà quando almeno un certificato è stato installato, la figura 4.2 quando non ci sono certificati installati. Cliccando col tasto destro sull icona suddetta, apparirà un menù a tendina, che permette all utente di aprire (Open) o chiudere (Quit) il configuratore. Figura Chiusura Scegliendo Quit, il prodotto è chiuso (si consiglia di NON effettuare questa operazione, a meno che non sia strettamente necessario). In questo caso apparirà il messaggio Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 21/95

22 Figura 4.4 per ricordare all utente dell importanza dell operazione. La chiusura dell installatore, infatti, comporterà la rimozione dallo store di tutti i certificati inseriti. Questo per alcuni applicativi come Crypto Disk Standard 2.0 produrrà l unmount dei dischi (vedi manuale di Crypto Disk Standard 2.0) Se è in corso una sessione SSL, potrebbe essere chiuso bruscamente IExplorer.exe (vedi 4.10) Apertura Scegliendo Open dal menù di Figura 4.5 o facendo doppio click sull icona Fig 4.2, di Figura 4.1 o sull icona Figura 4.5 Una volta aperto, il tool ha l aspetto seguente (Figura 4.6): Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 22/95

23 Figura 4.6 Mediante la parte sinistra si può navigare attraverso gli slot del pc e gli eventuali token presenti, mentre nella parte destra si potranno leggere informazioni addizionali in funzione dell elemento selezionato nella parte sinistra. Per visualizzare gli slot disponibili sul pc è necessario esplodere il nodo PC Slot. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 23/95

24 Figura 4.7 Nel caso di Figura 4.7 è presente un solo slot Espandendo il nodo si potrà verificare se lo slot contenga (Figura 4.9) o meno (Figura 4.8) un token. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 24/95

25 Figura 4.8 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 25/95

26 Figura 4.9 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 26/95

27 Figura 4.10 Dal menu principale e/o dal menu contestuale si possono accedere alle diverse funzionalità del tool, come è descritto nei paragrafi successivi. 4.2 AGGIORNARE LA LISTA DEI TOKEN Per aggiornare la lista dei token presenti si può: Cliccare su Manage->Refresh Slot List del menu principale Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 27/95

28 Figura 4.11 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 28/95

29 Aprire il menu contestuale (tasto destro del mouse) su PC Slot e cliccare su Refresh Slot List Figura 4.12 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 29/95

30 4.3 EFFETTUARE IL LOGIN/LOGOUT AL TOKEN Ogni token contiene una memoria dove archivia le informazioni che gli vengono passate o che vengono generate al suo interno; l accesso alle aree di quest ultima, dipende dallo stato in cui si trova il token. Nello stato Public è possibile solo leggere i dati pubblici, compresa la parte pubblica della chiave e i certificati utente. Nello stato User è possibile scrivere dati sul token e usufruire della parte privata della chiave. Per entrare nello stato User è necessario fornire al token un PersonalIdentificationNumber (PIN), questa operazione si chiama login. Per effettuare il login al token si può, dopo aver selezionato il token stesso: Cliccare su Token->Login dal menu principale e fornire il PIN Figura 4.13 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 30/95

31 Utilizzare l analogo comando dal menu contestuale del token Figura 4.14 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 31/95

32 Figura 4.15 Una volta effettuato il login, saranno abilitate le voci di Logout sul menu principale e sul menu contestuale del token, necessarie per poter tornare nello stato Public. Figura 4.16 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 32/95

33 Figura 4.17 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 33/95

34 4.4 CAMBIARE IL PIN DEL TOKEN Per cambiare il PIN del token, una volta selezionato il token, si deve cliccare su Token->Change User Pin del menu principale. Figura 4.18 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 34/95

35 Ed inserire il vecchio e il nuovo PIN rispettivamente nel campo Old PIN e New PIN. Il nuovo PIN deve essere confermato nel campo Confirm New PIN. Figura SBLOCCARE IL TOKEN Nel caso in cui sia fatto login con pin errato per un certo numero di volte, potrebbe accadere che il token si blocca, cioè non sia più utilizzabile. Il numero di tentativi affinché tale evento accada, dipende dall hardware stesso. Per procedere allo sblocco del dispositivo, è necessario possedere un PIN di amministrazione, che viene fornito al momento del rilascio del token stesso. Se non si possiede tale PIN, il token deve essere reinizializzato direttamente dall amministratore attraverso tool appositi, che cancellano tutte le informazioni in esso contenute, comprese, ovviamente, le chiavi. Se si conosce il PIN amministratore si può utilizzare la funzionalità Unlock Device, selezionando il token, cliccando su Token->Unlock Device e fornendo il pin suddetto come Unlock Pin, il nuovo PIN (New PIN e Confirm New PIN) negli appositi campi del form che compare. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 35/95

36 Figura 4.20 Figura 4.21 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 36/95

37 4.6 ANALISI DEI CERTIFICATI UTENTE E CA PRESENTI NEL DISPOSITIVO All interno di un token possono essere memorizzati, oltre alle chiavi e ai certificati a esse associati, i certificati delle CA che hanno firmato quelli utente. I certificati della CA eventualmente presenti sono tutti raggruppati nel nodo Certificates, mentre i certificati utenti sono visibili aprendo gli eventuali container presenti nel token. Le operazioni che l utente può eseguire su un certificato CA o utente sono le medesime. Di seguito saranno elencate queste operazioni riferendosi a un certificato utente. Cliccando su un certificato saranno immediatamente visibili sulla parte sinistra del configuratore delle informazioni essenziali sul certificato stesso, come si può vedere dalla figura precedente. Se non si è loggati sul token è possibile solo esaminare nei particolari il certificato (View Certificate) o esportarlo in formato binario o base64 (Export Certificate ) agendo tramite il menu contestuale o il menu Certificate una volta selezionato il certificato. Figura 4.22 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 37/95

38 Figura 4.23 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 38/95

39 Figura 4.24 Cliccando su View Certificate (Figura 4.23 o Figura 4.24) si apre una finestra che riporta, nella parte superiore, tutti i campi del certificato e, nella parte inferiore, il campo selezionato in dettaglio. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 39/95

40 Figura 4.25 Cliccando sul pulante View Certificate si può visualizzare il certificato tramite il certificate explorer di Windows. Se, invece, si desidera esportare il certificato è sufficiente cliccare sul comando Export Certificate menzionato poc anzi e si aprirà una finestra di dialogo che permetterà all utente di scegliere il formato con cui esportare il certificato stesso (Binary(der) o Base64 per esportarlo, rispettivamente, in binario o in base64) e il nome e la posizione su disco in cui salvarlo. Un messaggio informerà l utente dell esito dell operazione. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 40/95

41 Figura 4.26 Se invece l utente è loggato, ha anche la facoltà di eliminare il certificato, agendo tramite il comando Delete Certificate dal menu contestuale o dal menu Certificate. Un messaggio informerà l utente dell esito dell operazione. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 41/95

42 Figura 4.27 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 42/95

43 Figura 4.28 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 43/95

44 4.7 IMPORTARE UN CERTIFICATO DI CA Una volta loggati al token e selezionato un container, è possibile importare il certificato di CA che ha firmato il certificato utente del container in questione e scegliere questo certificato tra i certificati presenti nello store o su disco (in formato.p7b,.cer,.der). Questo è possibile dal menu contestuale del container agendo sul comando Import CA Certificate e poi scegliendo From File o From Personal Store, oppure dal menu Certificate utilizzando gli analoghi comandi. Figura 4.29 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 44/95

45 Figura 4.30 Se si sceglie di importare il certificato CA da file si aprirà una finestra che permetterà all utente di selezionare il file. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 45/95

46 Figura 4.31 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 46/95

47 Altrimenti, se il certificato di CA che si desidera importare è tra quelli presenti nel Personal Store, agendo sull apposito comando si aprirà una finestra che permetterà, appunto, di scegliere il certificato. In entrambi i casi un messaggio informerà l utente sull esito dell operazione. Figura 4.32 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 47/95

48 4.8 RIMUOVERE UN CONTAINER L operazione di rimozione del container può essere effettuata solo dopo aver inserito il pin ed essere correttamente entrati nello stato User (operazione di Login). L utente può rimuovere un container selezionandolo con il mouse e agendo sul comando Delete Container accessibile dal menu contestuale del container o dal menu Certificate. Un messaggio informerà l utente dell esito dell operazione. Figura 4.33 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 48/95

49 Figura IMPOSTARE IL DEFAULT CONTAINER Per risalire univocamente alla coppia chiave/certificato, viene utilizzato come parametro il valore del container che è una stringa generata durante la generazione della chiave. Quando l applicazione che vuol usare il token, non conosce il valore dei container, il CSP utilizza la chiave del container di default. Un esempio tipico è il Windows Logon infatti, durante tale processo, l utente non ha modo di scegliere quale certificato utilizzare, quindi sarà utilizzato sempre quello di default. L operazione sopra descritta può avvenire solo nello stato User (operazione di login). Per fare ciò è sufficiente selezionare il container e agire mediante il comando Set Default Container accessibile dal menu contestuale del container stesso. Un messaggio informerà l utente dell esito dell operazione. Si noti che il default container è evidenziato in grassetto. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 49/95

50 Figura ABILITARE\DISABILITARE L INTERAZIONE CON IE DURANTE LE SESSIONI SSL Una operazione molto utile che mette a disposizione questo tool, è quella di forzare la chiusura di IExplorer durante una session SSL. Con gli altri CSP, quando IExplorer instaura una sessione SSL con i token, alla rimozione del token stesso, la sessione rimane in piedi fino a che non viene chiuso IExplorer o cancellata la Cache SSL. Questo penalizza notevolmente la sicurezza, poiché se un utente si assenta dalla sua postazione, potrebbe lasciare a un altro utente la possibilità di navigare nell area sicura alla quale solo lui dovrebbe aver accesso, anche se il token non è più inserito nel PC. Il prodotto AmtecCertificateInstaller, chiude forzatamente IExplorer rendendo impossibile l usufruire del servizio sicuro a chi non possiede il token crittografico. È possibile eliminare tale funzionalità agendo sul menu Configuration-> Disable SSL Session, Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 50/95

51 Figura 4.36 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 51/95

52 ovviamente i può ripristinare con Enable SSL Session. Figura 4.37 E necessario riavviare l installatore per rendere effettiva la modifica. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 52/95

53 4.11 SWCARD Le operazioni descritte nei paragrafi precedenti riguardano l interazione dell applicativo AmtecCertificateInstaller con i token di tipo SmartCard, o cumunque quei token che hanno un interfaccia PKCS#11. In taluni casi potrebbe non essere necessario un token di tipo SmartCard, che garantisce un livello di sicurezza elevato, ma magari si vuole utilizzare un PKCS#12 file (.Pfx), che è uno standard in grado di fornire una protezione pur sempre sicura la coppia chiave\certificato. AMCSP 2.1 è in grado di installare o rimuovere il certificato contenuto nel p12 nello store, facendo un controllo sulla presenza del dispositivo di memorizzazione. Un esempio tipico di utilizzo è il seguente: 1) Copiare il p12 in una chiavetta flash standard; 2) Impostare il p12 al CSP, dal menù SwCard->Insert (Figura 4.38) 3) Inserire la flash e al suo inserimento viene chiesta la password e installato il p12 4) Alla rimozione del token, alla chiusura dell installatore o al riavvio della macchina, il certificato viene tolto dallo store e reso quindi inaccessibile. Se si facesse la normale installazione di windows (doppio click sul file), la chiave ad esso associata, rimane accessibile fino a che l utente non cancella il certificato dallo store; neanche il riavvio della macchina cancella tali informazioni. Attraverso la voce di menù SwCard, si può impostare un nuovo file p12 o rimuoverlo dalla lista dei presenti. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 53/95

54 Figura 4.38 Una volta che si è scelto il P12 da impostare o rimuovere, apparirà il seguente messaggio: Figura 4.39 E importante capire che questa operazione necessita il riavvio dell applicativo e che occorre chiudere le sessioni SSL aperte o tutto gli applicativi legati alla presenza del certificato nello store (Esempio: il nosttro Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 54/95

55 prodotto Crypto Disk Standard 2.1), onde evitare spiacevoli sorprese cioè la chiusura di IExplorer (Vedi 3.1.9) o lo smontaggio dei dichi (CDisk). Si consiglia quindi di procedere alla configurazione della SwCard, nella fase di inizializzazione del prodotto, o se questo non è possibile, quando gli applicativi crittografici non sono ancora in funzione. Per conoscere lo stato delle SwCard configurate è necessario fare Refresh sul nodo PC Slot. Verranno rappresentati tre stati: 1) Disc Card Inserted con icona che indica uno slot pieno, questo stato può diventare come descritto al punto tre se viene rimosso il p12. 2) Disk Card Added but not inserted con icona con X rossa, che identifica il caso di un P12 compromesso o per non aver inserito correttamente la password o per altri motivi; 3) Disk Card Not Inserted con icona che indica lo slot vuoto. Questo stato può diventare come al punto 1 se viene inserito il p12. Figura 4.40 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 55/95

56 4.12 CRYPTOCARD Un token particolare rispetto a quelli descritti nei paragrafi precedenti, è la CryptoCard. Questo token proprietario Amtec, esiste in due versioni la PCMCIA che ormai è compatibile solo con Windows XP 32 bit e la versione nuova con lettore USB che permette la installazione e l utilizzo di tale token in tutti gli altri sistemi operativi (come descritto nel paragrafo 2.3 installazione token crittografico). Una volta installato il token suddetto, il comportamento e l utilizzo è identico alle SmartCard con interfaccia PKCS#11 e, quindi, per il suo utiilzzo di rimanda ai paragrafi precedenti. Attraverso la voce di menù CryptoCard, si può attivare/disattivare la versione USB o PCMCIA. Una volta abilitato il token è pronto allì uso. Figura 4.41 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 56/95

57 4.13 LOG DI SERVIZIO Le operazioni effettuate dai vari elementi che fanno parte del prodotto AMCSP 2.1, possono essere tracciate abilitando dal menu Configuration i log con Set Application Log Verbosity o Set Machine Log Verbosity. Sostanzialmente i due tipi di attivazione si differenziano per agire: il primo sui log del configuratore che possono essere abilitati con utenze NON amministrative, il secondo per i log del CSP stesso e possono essere abilitati solo con utenza amministrativa. In caso di abilitazione del log a livello macchina da utente limitato, apparirà una schermata che chiederà le credenziali di amministrazione, senza tale informazione i log non potranno essere abilitati. Quest ultimi possono essere visualizzati (View Logs ), cancellati (Delete Logs), o salvati (Save Logs ) (per esempio nel caso in cui l assistenza chieda l invio dei log stessi). Figura 4.42 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 57/95

58 4.14 HELP ON-LINE È possibile consultare la guida in linea mediante il comando AMCSPHelp accessibile dal menu Help oppure cliccando F1. Figura 4.43 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 58/95

59 About box È possibile avere informazioni sulla versione del prodotto dal comando About AMCSP dal menu Help Figura 4.44 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 59/95

60 Figura 4.45 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 60/95

61 5 UTILIZZO DEL CSP Come già detto in introduzione il CSP è una dll che serve per far interfacciare i token crittografici agli applicativi che offrono funzioni di crittografia. Nei paragrafi che seguono descriveremo alcune applicazioni tipo dove il CSP viene utilizzato. 5.1 WINLOGON Per Winlogon si intende la procedura di login che un sistema effettua verso un dominio. Usualmente tale procedura avviene attraverso la richiesta delle credenziali dell utente che vengono controllate dal server di dominio per permettere o negare l accesso al PC. Per avere una maggiore sicurezza, è possibile abilitare i sistemi Windows, utilizzando token crittografici. L operazione di logon avviene in modo trasparente all utente, ma sono fondamentali le fasi di configurazione del dominio e della CA per rendere possibile questo processo Esempio di Configurazione di un dominio per attivare Winlogon Prerequisiti 1) Active Directory installato nel windows 2003 Domain server 2) CA Microsoft installata con il modulo Enterprise policy abilitato 3) PC utenti con installato windows 2000 SP4 o superiori. 5.2 CONFIGURAZIONE DEL DOMAIN CONTROLLER Per maggiori dettagli sulle caratteristiche dei certificati per Domain Controller si rimanda all appendice A Gestione delle policies 1) Aprire Administrative Tools Domain Security Policies 2) Scegliere Windows settings Local Policies Security Options 3) Dalla lista delle policies scegliere Smart Card Removal Behavior e settare Lock Workstation con CryptoCert Amtec Per rendere compatibile la CA Amtec con il processo di WinLogon è necessario seguire alcune semplici operazioni che descriveremo nei paragrafi a seguire Memorizzazione del certificato della CA Prima di procedere alla generazione di qualunque certificato è necessario installare il certificato della CA nel Domain Controller. Per completare questa operazione occorre avere a disposizione il file contenente il certificato della CA e questo si può facilmente ottenere scaricandolo da essa con il tool della AMTEC CryptoIniDev o accedendo direttamente con CA Client e RA Client alla CA o alla RA. Fatto questo, si può utilizzare il PKI Health tool della Microsoft, che è installato con il Resource Kit o utilizzando CertUtil.exe che è installato con l Admin Pack della Microsoft. Per il primo si deve procedere cosi: 1) Far partire mmc.exe 2) Nel Console menu, scegliere Add/Remove Snap-in 3) Scegliere Standalone e Add. 4) Nella lista che si presenterà scegliere Enterrprise PKI 5) Cliccare Add e Close 6) Cliccare OK Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 61/95

62 Col tasto destro su Enterprise PKI scegliere Manage AD containers e infine NTAuthCertificate dove sceglierò Add e aggiungerò il certificato precedentemente scaricato. Per il secondo tool occorre digitare: certutil dspublish f nomedelfilecertificato NTAuthCA Entrambe le operazioni agiscono sull ActiveDirectory e vanno ad aggiungere il certificato della CA nel repository corretto Installazione certificato del domain controller Per poter generare un certificato e, prima ancora, una coppia di chiavi per un domain controller, si possono utilizzare dei tools della Microsoft che sono installati con il pacchetto Resource Kit sia per windows 2000 che Per prima cosa occorre generare una richiesta di certificato utilizzando il tool CertReq: certreq -new request.inf request.req Il file.inf deve avere una sintassi precisa. Per facilitare il compito ci viene in aiuto il tool cscript: cscript reqdccert.vbs per la descrizione del file reqdccert.vbs si rimanda all appendice B. Una volta generata la richiesta e necessario farla processare da una CA che sia riconosciuta valida dal Domain Controller per la cui installazione si rimanda al par Fatta questa operazione si procede come segue: - preparazione del domaincontroller a ricevere il certificato che deve essere in formato base64 certreq -accept certificato.cer - installazione del certificato certutil -f -dspublish certificato.cer machine A questo punto si puo controllare la correttezza dell installazione e del certificate installato con il tool gia descritto nel Par 3.1, dsstore : dsstore Dcinfo con l opzione deletebad (dsstore Dcinfo deletebad) cancella automaticamente i cetificati (e le sue chiavi) che hanno dei problemi. 5.3 INIZIALIZZAZIONE DEL DISPOSITIVO CRITTOGRAFICO Per inizializzare il dispositivo crittografico, è necessario il prodotto CryptoIniDev per il cui uso si rimanda al rispettivo manuale. 5.4 ESECUZIONE DEL LOGON CON AMTEC CSP Quando tutto quello che abbiamo descritto nei paragrafi precedenti, è stato correttamente eseguito, si può procedere con il logon con SmartCard. Basta inserire la carta alla schermata di ctrl-alt-delete (Fig.5.4.1). Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 62/95

63 Fig A questo punto se l installazione del dispositivo criittografico é andata a buon fine, apparirà un dialog dove viene chiesto il PIN. Inserendo il PIN e procedendo sul tasto OK, partirà il processo di autenticazione completamente trasparente all utente. Il Logon avverrà, anche se il Domain controller non e raggiungibile, utilizzando le credenziali memorizzate in locale proprio per questo scopo.. Il logoff avverrà appena si estrae la carta o, se abilitato, durante l attivazione dello screen saver. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 63/95

64 6 FIRMATE E CIFRATE AMCSP 2.1 è perfettamente integrato nei client di posta elettronica supportanti le CryptoAPI di Microsoft. Al fine di spiegarne il funzionamento e la relativa configurazione si porta l esempio di come utilizzare cifrate in Microsoft OutLook tramite AMCSP 2.1. e token crittografico. 6.1 CONFIGURAZIONE DI OUTLOOK Dal menu TOOLS/OPTIONS, selezionare il tab SECURITY: Controllare che siano spuntati i campi indicati e premere quindi il bottone SETTINGS: Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 64/95

65 Inserire un nome su SECURITY SETTINGS NAME e quindi premere i bottoni CHOOSE per firma (signing) e poi per cifratura (Encryption) per associare il certificato del proprio token. L associazione avviene attraverso la seguente interfaccia: Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 65/95

66 6.2 INVIO Quando si creano nuove mail, sono visibili, nella tool bar di outlook, le due icone per firmare e cifrare il messaggio. Impostarle correttamente prima dell invio di ciascuna mail: 6.3 DISTRIBUZIONE CERTIFICATI Ogni utente deve inviare una mail SOLO FIRMATA a tutti gli altri membri del gruppo. La mail conterrà anche il certificato del mittente e chi riceve dovrà inserire il certificato nella rubrica relativamente al mittente. In questo modo si crea l associazione rubrica-certificato che sarà poi utilizzata nella pratica per inviare cifrate. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 66/95

67 7 SSL Il modulo SSL (Secure Socket Layer) utilizzato dal browser Microsoft supporta le CryptoAPI di Microsoft e di conseguenza risulta perfettamente integrato con AMCSP 2.1. Al fine di spiegarne il funzionamento e la relativa configurazione si porta l esempio di come abilitare le sessioni SSL in Microsoft IE. 7.1 INIZIALIZZAZIONE WEB SERVER L inizializzazione di un server web per abilitare SSL, richiede una serie di passi che vengono descritti con le schermate che seguono: Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 67/95

68 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 68/95

69 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 69/95

70 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 70/95

71 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 71/95

72 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 72/95

73 La richiesta di certificato va inoltrata quindi ad una Certification Authority che deve inserirvi un EXTENDED KEY USAGE di tipo SERVER AUTHENTICATION. Normalmente, per poter utilizzare il server anche come client, nel certificato per il Server viene inserito anche l EXTENDED KEY USAGE di tipo CLIENT AUTHENTICATION. Di seguito le schermate che mostrano le rimanenti operazioni da compiere una volta ricevuto il certificato emesso dalla Certification Authority: Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 73/95

74 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 74/95

75 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 75/95

76 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 76/95

77 Tramite la schermata precedente si carica il certificato della Certification Authority che lo ha emesso. Quindi: Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 77/95

78 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 78/95

79 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 79/95

80 Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 80/95

81 7.2 INSTAURARE UNA SESSIONE SSL Per provare il corretto funzionamento è sufficiente aprire Microsoft IE e collegarsi con un server che utilizzi la CLIENT AUTHENTICATION. La sessione SSL utilizza il token solo in precisi momenti, di conseguenza, la sessione continua ad operare correttamente anche in caso di estrazione del token. Per ovviare a questa mancanza il prodotto AMCSP controlla il token e, all estrazione di questo interagisce con Microsoft IE, lo fa se si legge Disable SSL Session (vedi Par.4.10), in particolare: 1. se la dicitura è Enable SSL Session, non effettua alcuna operazione 2. se non ci sono IE aperti, oppure non hanno sessioni SSL, non effettua alcuna operazione 3. su ogni IE su cui risulta attiva una sessione SSL, chiude automaticamente l applicazione, onde evitare che si possa continuare a lavorare in SSL Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 81/95

82 X IEEE 802.1x è uno standard IEEE basato sul controllo delle porte di accesso alla rete LAN e WAN. Fa parte dell'insieme di standard IEEE 802. Questo standard provvede ad autenticare ed autorizzare i dispositivi collegati alle porte della rete (switch e access point) stabilendo un collegamento punto a punto e prevenendo collegamenti non autorizzati alla rete locale. Viene utilizzato dalle reti locali wireless per gestire le connessioni agli access point e si basa sul protocollo EAP, Extensible Authentication Protocol, (RFC 2284). La specifica 802.1x definisce il passaggio dell autenticazione tra il client wireless (supplicant), un access point wireless (autenticatore) e un RADIUS (Remote Authentication Dial-In User Service) server (server di autenticazione). In pratica, il client wireless viene autenticato dal server RADIUS, e l access point gioca un ruolo di intermediario. 8.1 PASSO1: CONFIGURARE IL SERVER RADIUS Come già illustrato per il server SSL, il server RADIUS deve possedere un certificato che lo abiliti alla autenticazione lato server, ovvero deve contenere un EXTENDED KEY USAGE di tipo SERVER AUTHENTICATION. 8.2 PASSO2: CONFIGURARE IL CLIENT RADIUS Windows permette di configurare, da MY NETWORK PLACES delle connessioni verso server Radius. Come anche in altri casi, l autenticazione può avvenire tramite i classici LOGIN e PASSWORD che l utente dovrà digitare all inizio della connessione, oppure tramite un token crittografico associato al CSP che l utente abilita tramite l inserimento del PIN. Una volta inserito il PIN, l autenticazione avviene su base certificato sfruttando il protocollo EAP-TLS, estensione di SSL e che, come questo, sfrutta le Microsoft CryptoAPI e quindi il CSP associato. Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 82/95

83 9 ACRONIMI E DEFINIZIONI API Application Program Interface CA Certification Authority CRL Certificate Revocation List DES Data Encryption Standard DLL Dynamic Link Library PEM Private Enhanced Mail PIN Personal Identification Number RSA Rivest Shamir Adleman algorithm SCBC Smart Card Base Components SO Sistema Operativo Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 83/95

84 10 APPENDICE A 10.1 CARATTERISTICHE DEL CERTIFICATO PER IL DOMAIN CONTROLLER REQUISITI DEL CERTIFICATO PER WINDOWS LOG-ON Il certificato che sta dentro la smart card oltre ai requisiti standard di compatibilità dovrà presentare l EKU Smart Card Logon come mostrato in figura. Il certificato che sta dentro la smart card oltre ai requisiti standard di compatibilità dovrà presentare l EKU Smart Card Logon ed UPN (Universal Principal Name) corrispondente ad una utenza di dominio valida come mostrato in figura CARATTERISTICHE DEL CERTIFICATO PER IL DOMAIN CONTROLLER Il processo di autenticazione avviene attraverso il protocollo Kerberos versione 5 e necessita di due certificati: quello del Domain Controller e quello dell utente che si vuole loggare. Naturalmente a questi certificati deve essere associata una chiave segreta memorizzata in un dispositivo crittografico che verrá utilizzata durante il processo di autenticazione. Il certificato del domain controller deve essere ben formato e contenere i seguenti campi : Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 84/95

85 1) Un CRL Distribution point che identifichi un percorso valido e associato ad una CRL valida. 2) Il KeyUsage deve contenere Digital Signature e Key Enchipherment 3) Le Enhanced Key Usage settate devono essere la Client Authentication e la Server Authentication 4) Il Subject Alternative name deve contenere il GUID del Domain controller e il DNS 5) Il certificate template deve avere una estensione del tipo Domain Controller Per controllare la validitá di un certificato di Domain Controller installato su una macchina, si può utilizzare il tool della Microsoft dsstore nel seguente modo : dsstore.exe dccom Verrà chiesto cosa si vuole fare, noi scegliamo l opzione display, durante la visualizzazione, il tool verificherà anche la validità del certificato e della catena a cui esso appartiene (CA certificate). Il certificato del domain controller per la CA Microsoft viene generato automaticamente quando si installa la CA microsoft. Se cosi non fosse si può procedere come descritto nel paragrafo successivo CONFIGURARE OPPORTUNAMENTE WINDOWS 2003 SERVER PER IL CORRETTO FUNZIONAMENTO DELLA STUTTURA DOMAIN CONTROLLER. E molto importare che nel certificato domain-controller l estensione CRL Distribution Point (CDP) che serve per validare il certificato in ingresso del client. Tale CDP può essere fondamentalmente di tre tipi: File system File delle CRL raggiungibile via protocollo http (URL) URL tramite protocollo LDAP nel repository dove viene posto il file delle CRL (Certificate Revocation List) Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 85/95

86 Il domain controller, per validare il certificato in ingresso, legge all interno del certificato l informazione CDP e si scarica il file CRL memorizzandolo in una sua memoria cache interna. Questo processo è fondamentale per il funzionamento del tunnel SSL e winlogon altrimenti il client in ingresso non riuscirebbe a instaurare correttamente la transazione con il server in quanto il server non sa se il certificato è attendibile o meno. In genere l utenza con cui il server web si presenta per scaricarsi questo file è quella anonima (anonymous logon). Per quando riguarda il CDP su file system e http in genere non ci sono problemi in quanto questi repository sono accessibili dall utenza anonima, qualche problema invece può presentarsi per CDP tramite URL LDAP che necessita di alcune accortezze. Qualunque CA ha in genere il suo repository LDAP su cui scrive il file delle CRL e anche la Certification Authority Amtec ha questa possibilità. L URL LDAP in genere è del tipo: URL=ldap:///CN=Crl%20Amtec%201024,CN=amteccontroller,CN=CDP,CN=Public%20Key% 20Services,CN=Services,CN=Configuration,DC=testpki,DC=dom?certificateRevocationList?bas e?objectclass=crldistributionpoint CDP LDAP all interno del certificato web server Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 86/95

87 Come si può vedere dalla figura il repository delle CRL dove in questo caso la Certification Authority Amtec scrive sta all interno della cartella Crl Amtec 1024 che ha come object class crldistributionpoint ed è in questa locazione che l utenza anonima deve essere abilitata. La prima cosa da fare all interno del Domain Controller è abilitare l utenza anonima nella sezione Security settings -> Local Policies -> Security Options -> Network access: Let Everyone permissions apply to anonymous users come mostrato in figura successiva. Default Domain Security Settings Codice: EJ4A Rev.: 0 Data:.18-Feb-10 Pag.: 87/95

Guida all utilizzo del dispositivo USB

Guida all utilizzo del dispositivo USB Guida all utilizzo del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1. Glossario... 3 2. Guida all utilizzo del dispositivo USB... 4 2.1 Funzionamento del

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB

Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB Procedura per il ripristino dei certificati del dispositivo USB 30/04/2013 Sommario - Limitazioni di responsabilità e uso del manuale... 3 1 Glossario... 3 2 Presentazione... 4 3 Quando procedere al ripristino

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key.

Di seguito sono descritti i prerequisiti Hardware e Software che deve possedere la postazione a cui viene collegata l Aruba Key. 1 Indice 1 Indice... 2 2 Informazioni sul documento... 3 2.1 Scopo del documento... 3 3 Caratteristiche del dispositivo... 3 3.1 Prerequisiti... 3 4 Installazione della smart card... 4 5 Avvio di Aruba

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD

AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD AUTENTICAZIONE CON CERTIFICATI DIGITALI MOZILLA THUNDERBIRD 1.1 Premessa Il presente documento è una guida rapida che può aiutare i clienti nella corretta configurazione del software MOZILLA THUNDERBIRD

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Microsoft Windows 30/10/2014 Questo manuale fornisce le istruzioni per l'utilizzo della Carta Provinciale dei Servizi e del lettore di smart card Smarty sui sistemi operativi

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4)

Guida al nuovo sistema di posta. CloudMail UCSC. (rev.doc. 1.4) Guida al nuovo sistema di posta CloudMail UCSC (rev.doc. 1.4) L Università per poter migliorare l utilizzo del sistema di posta adeguandolo agli standard funzionali più diffusi ha previsto la migrazione

Dettagli

WEB Conference, mini howto

WEB Conference, mini howto Prerequisiti: WEB Conference, mini howto Per potersi collegare o creare una web conference è necessario: 1) Avere un pc con sistema operativo Windows XP o vista (windows 7 non e' ancora certificato ma

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT)

COPERTURA WI-FI (aree chiamate HOT SPOT) Wi-Fi Amantea Il Comune di Amantea offre a cittadini e turisti la connessione gratuita tramite tecnologia wi-fi. Il progetto inserisce Amantea nella rete wi-fi Guglielmo ( www.guglielmo.biz), già attivo

Dettagli

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@

Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Risoluzione Problemi Chiavetta Internet Veloce MOMODESIGN MD-@ Installazione Modem USB Momo Gestione segnale di rete Connessione Internet Messaggi di errore "Impossibile visualizzare la pagina" o "Pagina

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM

OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM OPERAZIONI SUL FILE SYSTEM SPOSTARE un file o una sottodirectory da una directory ad un altra COPIARE un file o una directory da una directory all altra RINOMINARE un file o una directory CANCELLARE un file o una directory CREARE

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e

Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e Problema: al momento dell autenticazione si riceve il messaggio Certificato digitale non ricevuto Possibili cause: 1) La smart card non è una CNS e non contiene il certificato di autenticazione: è necessario

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo

Firma Digitale Remota. Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Firma Digitale Remota Manuale di Attivazione, Installazione,Utilizzo Versione: 0.3 Aggiornata al: 02.07.2012 Sommario 1. Attivazione Firma Remota... 3 1.1 Attivazione Firma Remota con Token YUBICO... 5

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

ONDA H600 PC Card UMTS/GPRS - HSDPA. Manuale Utente

ONDA H600 PC Card UMTS/GPRS - HSDPA. Manuale Utente ONDA H600 PC Card UMTS/GPRS - HSDPA Manuale Utente 1 INDICE 1. Introduzione PC Card...3 1.1 Introduzione...3 1.2 Avvertenze e note...3 1.3 Utilizzo...4 1.4 Requisiti di sistema...4 1.5 Funzioni...4 1.6

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

Se il corso non si avvia

Se il corso non si avvia Se il corso non si avvia Ci sono quattro possibili motivi per cui questo corso potrebbe non avviarsi correttamente. 1. I popup Il corso parte all'interno di una finestra di popup attivata da questa finestra

Dettagli

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it

IDom. Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it IDom MANUALE UTENTE Omnicon SRL Via Petrarca 14 20843 Verano Brianza (MB) info@omnicon.it 2 COPYRIGHT Tutti i nomi ed i marchi citati nel documento appartengono ai rispettivi proprietari. Le informazioni

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014)

Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014) Autenticazione con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) Configurazione e utilizzo con il portale GisMasterWeb (v1.02 del 09/07/2014) La Carta Nazionale dei Servizi (CNS) è lo strumento attraverso il quale

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente www.ondacommunication.com CHIAVETTA INTERNET MT503HSA 7.2 MEGA UMTS/EDGE - HSDPA Manuale Utente Rev 1.0 33080, Roveredo in Piano (PN) Pagina 1 di 31 INDICE

Dettagli

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi

EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi ENDNOTE WEB EndNote Web è un servizio online per la gestione di bibliografie personalizzate integrabili nella redazione di testi: paper, articoli, saggi EndNote Web consente di: importare informazioni

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0. Sottotitolo

Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0. Sottotitolo Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0 Sottotitolo Pagina 2 di 14 Un doppio clic sull icona per avviare il programma. DiKe Pagina 3 di 14 Questa è la pagina principale del programma DiKe,

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata Posta Elettronica Certificata Manuale di utilizzo del servizio Webmail di Telecom Italia Trust Technologies Documento ad uso pubblico Pag. 1 di 33 Indice degli argomenti 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 Obiettivi...

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND

MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Progettisti dentro e oltre l impresa MANUALE DI INSTALLAZIONE GESTIONE FLOTTE /REMIND Pag 1 di 31 INTRODUZIONE Questo documento ha lo scopo di illustrare le modalità di installazione e configurazione dell

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici

Ministero dell Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Sommario Sommario... 1 Parte 1 - Nuovo canale di sicurezza ANPR (INA-AIRE)... 2 Parte 2 - Collegamento Client INA-SAIA... 5 Indicazioni generali... 5 Installazione e configurazione... 8 Operazioni di Pre-Installazione...

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

Il compilatore Dev-C++

Il compilatore Dev-C++ Il compilatore Dev-C++ A cura del dott. Marco Cesati 1 Il compilatore Dev-C++ Compilatore per Windows: http://www.bloodshed.net/devcpp.html Installazione Configurazione Utilizzazione 2 1 Requisiti di sistema

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP Questo breve manuale ha lo scopo di mostrare la procedura con la quale interfacciare la piattaforma di web conferencing GoToMeeting e la tua piattaforma E-Learning Docebo. Questo interfacciamento consente

Dettagli

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail

Windows Mail Outlook Express 6 Microsoft Outlook 2003 Microsoft Outlook 2007 Thunderbird Opera Mail Mac Mail Configurare un programma di posta con l account PEC di Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account ii nel programma di

Dettagli

PostaCertificat@ Configurazione per l accesso alla Rubrica PA da client di Posta

PostaCertificat@ Configurazione per l accesso alla Rubrica PA da client di Posta alla Rubrica PA da client di Posta Postecom S.p.A. Poste Italiane S.p.A. Telecom Italia S.p.A. 1 Indice INDICE... 2 PREMESSA... 3 CONFIGURAZIONE OUTLOOK 2007... 3 CONFIGURAZIONE EUDORA 7... 6 CONFIGURAZIONE

Dettagli

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO

ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO ATLAS : Aula - COME ESEGUIRE UNA SESSIONE DEMO Come eseguire una sessione DEMO CONTENUTO Il documento contiene le informazioni necessarie allo svolgimento di una sessione di prova, atta a verificare la

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE

SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE SOLUZIONI PER ANOMALIE RISCONTRATE NELL USO DELLA PROCEDURA ON-LINE IMPOSSIBILITA DI ACCEDERE NELLA PROCEDURA ON-LINE ESEGUIRE: MENU STRUMENTI ---- OPZIONI INTERNET --- ELIMINA FILE TEMPORANEI --- SPUNTARE

Dettagli

Configurazioni Mobile Connect

Configurazioni Mobile Connect Mailconnect Mail.2 L EVOLUZIONE DELLA POSTA ELETTRONICA Configurazioni Mobile Connect iphone MOBILE CONNECT CONFIGURAZIONE MOBILE CONNECT PER IPHONE CONFIGURAZIONE IMAP PER IPHONE RUBRICA CONTATTI E IPHONE

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato

Protocollo HTTP. Alessandro Sorato Un protocollo è un insieme di regole che permettono di trovare uno standard di comunicazione tra diversi computer attraverso la rete. Quando due o più computer comunicano tra di loro si scambiano una serie

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S.

Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. Guida alla configurazione dell'e-mail di altri provider sul cellulare Galaxy S. All accensione del Tab e dopo l eventuale inserimento del codice PIN sarà visibile la schermata iniziale. Per configurare

Dettagli

Manuale di installazione e d uso

Manuale di installazione e d uso Manuale di installazione e d uso 1 Indice Installazione del POS pag. 2 Funzionalità di Base - POS Sagem - Accesso Operatore pag. 2 - Leggere una Card/braccialetto Cliente con il lettore di prossimità TeliumPass

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

Software Emeris Communication Manager

Software Emeris Communication Manager ecm Software Emeris Communication Manager Manuale operativo Fantini Cosmi S.p.A. Via dell Osio 6 20090 Caleppio di Settala MI Tel 02.956821 - Fax 02.95307006 e-mail: info@fantinicosmi.it http://www.fantinicosmi.it

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT

Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Come configurare un programma di posta con l account PEC di GLOBALCERT.IT Il Titolare di una nuova casella PEC può accedere al sistema sia tramite Web (Webmail i ), sia configurando il proprio account

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Maggiori informazioni su come poter gestire e personalizzare GFI FaxMaker. Modificare le impostazioni in base ai propri requisiti e risolvere eventuali problemi riscontrati. Le

Dettagli