REALIZZAZIONE DI UN SITO INTERNET PER UNA SCUOLA SUPERIORE RISPETTANDONE L ACCESSIBILITA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REALIZZAZIONE DI UN SITO INTERNET PER UNA SCUOLA SUPERIORE RISPETTANDONE L ACCESSIBILITA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie dell Informazione REALIZZAZIONE DI UN SITO INTERNET PER UNA SCUOLA SUPERIORE RISPETTANDONE L ACCESSIBILITA Relatrice Interna: Prof. Nicoletta Sabadini Correlatore: Prof. Roberto Marmo Tesi di Laurea di: Linda Cogliati Matr. n Anno Accademico

2 INDICE Realizzazione di un sito internet per una scuola superiore rispettandone l accessibilità Introduzione Pagina 5 Capitolo 1 Pagina Accessibilità Chi ne trae beneficio Standard e leggi Nuovo millenio, nuove speranze Nuovo millenio, nuovi problemi Un Web 2.0 socialmente utile I siti scolastici e l accessibilità 22 Capitolo 2 Pagina Web Content Accessibility Guidelines (WCAG) Struttura delle WCAG I loro principi e le linee guida Criteri di successo 32 2

3 2.4 Accessibility Supported Confronto tra le WCAG 1.0 e le WCAG Capitolo 3 Pagina Content Management System (CMS) Le tre caratteristiche principali dei CMS Il CMS Joomla! Joomla e l accessibilità 54 Capitolo 4 Pagina Come nasce l idea del sito per l Istituto G.D. Romagnosi Passo: installazione di Joomla! Avviare il setup di installazione di Joomla! Fasi di installazione di Joomla! Passo: installazione Joomla! Fap Struttura del sito Schema di navigazione Codice Html 76 3

4 4.3.3 Codice Css per la grafica e la struttura Come abbiamo organizzato il sito Il contenuto del sito Validare l accessibilità La proposta del W3C Il confronto finale 98 Conclusioni 100 Riferimenti bibliografici 103 4

5 INTRODUZIONE Nel mondo reale esistono barriere architettoniche che limitano l accesso fisico a spazi ed ambienti; nel mondo virtuale esistono barriere invisibili che impediscono a persone disabili, e non solo, di usufruire in pieno delle potenzialità dei nuovi strumenti di comunicazione e dei suoi contenuti. Durante la progettazione di siti web e di software si dovrebbe riflettere sul fatto che le situazioni in cui gli utenti possono agire sono le più diverse e che alcuni possono risentire di limitazioni fisiche e sensoriali, temporanee o permanenti. Gli utenti di un sito web potrebbero non essere in grado di vedere, udire o muoversi, o potrebbero non essere in grado di elaborare facilmente o completamente le informazioni; potrebbero avere difficoltà nella lettura o nella comprensione del testo; potrebbero non vedere le immagini o non riuscire a leggere i caratteri troppo piccoli, come potrebbero non visualizzare correttamente alcune combinazioni di colori, potrebbero non parlare la lingua in cui il documento è scritto e quindi non capirla; potrebbero trovarsi in situazioni in cui gli occhi, le orecchie o le mani sono occupati o bloccati. La loro difficoltà sarebbe ancora più accentuata dall utilizzo di un software e/o di un hardware obsoleto, o dall utilizzo di dispositivi di sintesi vocale non aggiornati, o ancora avere uno schermo piccolo e/o solo testuale, una WEBTV o una connessione Internet molto lenta. Diversità e difficoltà che impedirebbero ad Internet di essere un "Media Universale". 5

6 Nel 1999 si pensò ad un nuovo modo di concepire lo sviluppo delle pagine web ispirato ai Principi di Progettazione Universale; da un'idea del W3C, nacque il WAI - Web Accessibility Initiative - con lo scopo di rendere accessibile a tutti i contenuti di Internet. A maggio dello stesso anno venne pubblicata la Web Content Accessibility Guidelines 1.0, quattordici linee guida a soluzioni correttive sui problemi dell accessibilità dei siti. Da tempo per le amministrazioni pubbliche è obbligatorio il rispetto di alcune norme. Negli Stati Uniti i siti federali devono rispettare le regole imposte dalla Section 508 e in Italia risale al settembre 2001 una circolare AIPA contenente criteri e strumenti per migliorare l'accessibilità dei siti web e delle applicazioni informatiche a persone disabili. La legge del 9 gennaio 2004, n. 4 detta legge del 9 gennaio 2004 n. 4 riguarda disposizioni per favorire la distinzione tra verifica tecnica dell'accessibilità e verifica soggettiva. Il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva il decreto presidenziale concernente il Regolamento di attuazione della Legge n. 4 del 2004, volta a favorire l accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici il DPR chiarisce e norma i criteri e i principi operativi ed organizzativi in merito all'accessibilità, definendo le modalità della valutazione, i criteri per l'eventuale partecipazione del richiedente ai costi dell'operazione, il logo da utilizzare per chi è in possesso dei requisiti, le modalità con cui può essere verificato il permanere del requisito. Per il settore pubblico, quindi anche per le scuole, il Regolamento di attuazione della Legge n. 4 del 2004, chiarisce che le Pubbliche amministrazioni sono tenute al rispetto dei requisiti tecnici. 6

7 le verifiche svolte sui soggetti pubblici e privati sul mantenimento dei requisiti. il rilascio del logo che qualifica l'accessibilità dei siti e del materiale informatico. Ed è qui che subentra il motivo che mi ha spinto a scegliere questa tesi: progettare e costruire un sito scolastico accessibile, e precisamente sviluppare il sito accessibile per l ISIS G.D.Romagnosi di Erba, progetto nato dall incontro con la mia professoressa delle scuole superiori. L esigenza è stata quella di ottenere il logo dell accessibilità. Effettuando la convalida del sito utilizzato fino ad ora dall Istituto Romagnosi (www.iseweb.org), attravarso il W3C Markup Validation service, ci siamo rese conto che non rispetta in nessun modo gli standard. Analizzando le indicazioni principali sull accessibilità di un sito scolastico e mettendole a confronto con il sito esistente della scuola, si è notato che: immagini e link non avevano una descrizione alternativa; non esisteva la possibilità di escludere suoni o animazioni, difficoltà non da poco se l utente utilizza un browser vocale; E queste sono solo alcune delle tante cause che rendevano il sito non accessibile. Il lavoro necessario per rendere accessibili le pagine web può essere impegnativo ed esige la conoscenza di regole e l'utilizzo di strumenti per eseguire simulazioni e validazioni, ma credo proprio che, a risultato raggiunto, valga la pena averlo fatto. 7

8 Dopo avervi illustrato le motivazioni che mi hanno spinto a realizzare questa tesi, con la speranza di avervi almeno incuriosito, vi riassumo brevemente come ho pensato di articolarla. Nel primo capitolo mi è sembrato giusto parlare dell accessibilà, si potrebbe scrivere un intera tesi su questo argomento, vista l importanza che sta prendendo nel mondo di internet, ma ho cercato di riassumerli come meglio credevo, trattando solo i punti chiave: cos è, per chi è importante, la posizione che ha preso lo stato Italiano in merito a questo problema, i cambiamenti che può portare: vantaggi e svantaggi. Nel secondo capitolo invece ho deciso di esporvi le WCAG 2.0 con le sue linee guida, importantissime da seguire se si vuole creare un sito che sia accessibile o per lo meno se si vogliono tenere conto di alcuni problemi che un utente potrebbe riscontrare nel sito. Ad esempio solo dopo aver letto queste linee guida, mi sono resa conto di quanti ostacoli le persone diversamente abili possono andare incontro se un sito non le rispetta. Infatti durante la costruzione del sito mi sono davvero state utili. Nel terzo capitolo invece vi descrivo i CMS, in particolare quello di Joomla, visto che che è quello che ho utilizzato per la realizzazione del sito. Ho deciso di utilizzare un CMS perché inizialmente tutti i contenuti all interno del sito verranno caricati da me, ma successivamente, trattandosi di un sito per una scuola superiore, con il tempo dovranno essere sostituiti o anche semplicemente modificati (es. l orario scolastico, i libri di testo, la modulistica, gli stage..) e di questo potrà occuparsene un loro responsabile, senza necessariamente modificare le linee di codice e quindi essere a conoscenza del linguaggio html. Tra tutti i CMS ho scelto Joomla, insieme alla responsabile del sito della scuola, perché è di semplice comprensione, affidabile e 8

9 poi ci ha messo a disposizione dei template (design) che più si avvicinavano al tipo di sito che volevamo realizzare. Nel quarto e ultimo capitolo parlerò del sito che ho realizzato, spiegherò perché la scuola ha deciso di cambiare il proprio sito ormai obsoleto, mettendolo a confronto con questo nuovo. Descriverò passo a passo tutto quello che ho fatto e come fuozionano alcuni componenti. Il Perché della struttura e come ho fatto per renderlo accessibile. La scelta dei colori, delle posizioni, insomma tutto quello di cui è composto il sito. 9

10 CAPITOLO 1 Accessibilità In generale, l accessibilità è la possibilità di accedere a un luogo o a una risorsa, ma nel campo informatico con il termine accessibilità si intende la caratteristica di un sito web/applicazione di rendere possibile l'accesso ai suoi contenuti e funzionalità a tutti gli utenti, indipendentemente dalla presenza di disabilità (fisiche, sensoriali, cognitive) e dalle dotazioni hardware e software. L accessibilità web, in particolare, indica la possibilità di accedere efficacemente ad un sito web, alla sua interfaccia e al suo contenuto in situazioni diverse. Alcuni esempi di situazioni sono: connessione ultraveloce dall ufficio con schermo 21 pollici 10

11 connessione da casa con modem 56k e schermo 15 pollici fruizione del sito da parte di una persona non vedente utilizzo di un browser vecchio di due anni Poiché non è sempre possibile e semplice riuscire a integrare in un sito tutte queste esigenze, devono essere stabilite delle priorità. La priorità più alta va data a quelle situazioni che non è possibile modificare, o non è possibile modificare facilmente. Una persona disabile continuerà ad esserlo anche quando è collegata al vostro sito: garantirne l accesso è fondamentale. Collegarsi con un browser obsoleto è invece una situazione risolvibile: è quasi sempre possibile aggiornare il software o al massimo cambiare computer. È certamente costoso, ma fattibile. Ed è per questo che una pubblica amministrazione, ma nel mio caso una scuola pubblica deve realizzare un sito accessibile: il punto di riferimento normativo è la legge n.4 del 9 Gennaio 2004, detta anche legge Stanca, "Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici" e le relative indicazioni fornite in successivi decreti presidenziali e ministeriali. La Legge impone che: l'accessibilità sia richiesta esplicitamente e sia un requisito necessario per siti, CD-Rom o applicazioni (anche per uso interno su reti locali) se realizzati con tecnologie Web; 11

12 l'accessibilità sia considerata come fattore preferenziale (compatibilmente col bilancio) nella fornitura di qualsiasi altro materiale informatico (hardware o software non basato su tecnologie Web. 1.1 Chi ne trae beneficio Persone disabili È indubbio che per le persone disabili l accessibilità rappresenta la differenza tra il poter usare o meno un sito. Alcune patologie che rendono problematico l accesso ad un sito sono: problemi alla vista (come cecità e daltonismo) problemi all udito dislessia problemi motori, soprattutto degli arti superiori Migliorare l accessibilità di un sito significa tenere in considerazione questa varietà di patologie e consentire la fruizione: senza l uso del mouse con possibilità di ingrandire il testo senza che i colori portino informazioni essenziali usando un linguaggio chiaro e non ambiguo 12

13 con software di sintesi vocale con le trascrizioni di tutti i video e gli elementi sonori Hardware o software limitato Anche chi dispone di hardware o software limitati incontra nei problemi nel corso della navigazione sul web: pagine troppo lente da caricare impossibilità di visualizzazione con browser datati difficoltà di percezione a basse risoluzioni video necessità di installare plug-in Le possibili soluzioni sono in questo caso: design liquido che si adatta allo schermo contenuti alternativi oltre a quelli disponibili con plug-in realizzazione di pagine leggere Da questo si capisce come accessibilità ed usabilità di un sito siano discipline che vanno di pari passo. Per essere felicemente fruibile da tutti un sito dev essere sia accessibile sia usabile. 13

14 1.2 Standard e Leggi Esistono alcuni standard internazionali e alcune leggi nazionali che definiscono l'accessibilità per i sistemi informatici. Le linee guida internazionalmente più utilizzate per quanto concerne il web sono le WCAG (Web Content Accessibility Guidelines) redatte dalla WAI (Web Accessibility Initiative, sezione del World Wide Web Consortium). In Italia, per le nuove realizzazioni e le modifiche apportate dalla Pubblica amministrazione ai propri siti web, si deve tenere conto (pena nullità dei contratti stipulati) della "Legge Stanca" (Legge 4 del 9 gennaio 2004), pubblicata nella Gazzetta Ufficiale il 17 gennaio 2004), resa operativa col decreto attuativo di fine Il medesimo obbligo è in carico, come specificato nell'art. 2 della legge, a pubbliche amministrazioni enti pubblici economici aziende private concessionarie di servizi pubblici enti di assistenza e di riabilitazione pubblici 14

15 aziende di trasporto e di telecomunicazione a prevalente partecipazione di capitale pubblico aziende municipalizzate regionali aziende appaltatrici di servizi informatici. L'obbligo della applicazione della legge sussiste esclusivamente per i siti pubblici (o di interesse pubblico) mentre, sempre nell'ambito pubblico, le disposizioni di legge non si applicano ai sistemi informatici destinati ad essere fruiti da gruppi di utenti dei quali, per disposizione di legge, non possono fare parte persone disabili. La legge contiene altresì alcune definizioni: o «accessibilità»: la capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari; o «tecnologie assistive»: gli strumenti e le soluzioni tecniche, hardware e software, che permettono alla persona disabile, superando o riducendo le condizioni di svantaggio, di accedere alle informazioni e ai servizi erogati dai sistemi informatici. La legge italiana - oggetto di accesi dibattiti sul suo reale peso nel favorire l'accessibilità del web - si pone come obiettivo quello di dare attuazione al principio di uguaglianza previsto dall'art. 3 della Costituzione Italiana e quindi garantire il diritto di accesso ai servizi informatici e telematici della pubblica amministrazione e ai servizi di pubblica utilità da parte delle persone disabili. Le disposizioni della legge si applicano oltre che ai siti web, anche, secondo quanto 15

16 sancito dall'art.5, al materiale formativo e didattico utilizzato nelle scuole di ogni ordine e grado. 1.3 Nuovo millennio, nuove speranze Nel triennio la svolta: nasce la specifica CSS 2.0 (1998) e già nell aria, si comprende che stà cambiando qualcosa. Il 1999 fu l anno delle Web Content Accessibility Guidelines 1.0 (WCAG 1.0 ) che rappresentano le prime linee guida sviluppate con la volontà di fornire informazioni per gli sviluppatori Web per creare contenuti accessibili. Era quindi necessario fare un passo in più: far evolvere anche gli editor visuali, ossia chiedere ai prduttori di adeguare i propri editor al fine di pubblicare contenuti accessibili. Nascono quindi le Authoring Tools Accessibility Guidelines (ATAG 1.0 ), un set di linee guida dedicate agli sviluppatori di soluzioni per la pubblicazione di contenuti Web (quindi editor e CMS) al fine di garantire sia la produzione di contenuti acccessibili, sia la presenza di interfacce accessibili. Il 2000 infine fu l anno dell evoluzione: il 26 gennaio il W C emana la specifica extensible Hypertext Markup Language (XHTML 1.0 ), una riformulazione di HTML 4 con applicazione di XML 1.0 e retrocompatibile con HTML 4.x. : sembrava esser arrivata la rivoluzione, ma i problemi si sono solamente incrementati. 16

17 1.3.1 Nuovo millenio, nuovi problemi Gli editor visuali e i CMS cominciano la corsa alla conformità di XHTML 1.0, mantenendo a volte le problematiche già analizzate ma migliorando la qualità del codice generato: nascono pertanto editor che integrano soluzioni di pulizia del codice rendendolo conforme alla specifica dichiarata. Vengono alla luce anche soluzioni per l accessibilità come i plug-in all interno degli editor che aiutano gli autori a pubblicare contenuti accessibili. Inizia quindi l evoluzione del nuovo Web, la diffusione dei CMS open-source: chiunque con semplicità oggi può pubblicare un sito Web, grazie ai sistemi di contenuti che curano la pubblicazione di pagine Web, organizzandone la struttura. E la generazione in cui si diffondono i prodotti che ho definito What You See Is What Only You See, una generazione piena di nuove problematiche: Inaccessibilità delle applicazioni Web. Questa problematica all oggi è difficile da risolvere, ma nel corso dellla tesi vedremo come sia possibile garantire comunque l accessibilità di tali prodotti. Attualmente il problema maggiore si ha con le applicazioni sviluppate da community diffuse, ovvero i cosidetti prodotti open source. La maggioranza di questi progetti non vengono sviluppati con l accessibilità in mente e, pur creando diffusione di ottime soluzioni di pubblicazione, non si cura di renderle accessibili. In ogni caso il nostro scopo sarà quello di garantire l accessibilità delle interfacce di tali applicazioni. Sarà quindi da considerare: 17

18 1. l importanza di garantire anche alle persone con disabilità di poter utilizzare le applicazioni Web, seguendo gli standard di sviluppo previsti da enti normative quali ISO e le raccomandazioni del W3C. 2. l importanza di applicare le linee guida per l accessibilità di ogni singola tecnologia utilizzata e documentata come Adobe Flash, Java, ActiveX, ecc. Inaccessibilità degli editor. La stragrande maggioranza degli strumenti che generano contenuti non sono direttamente accessibili (ossia non sono utilizzabili da utenti con disabilità e/o tramite l uso di tecnologie assistite) oppure non aiutano l utente nella creazione di contenuti validi ed accessibili. La situazione stà migliorando lentamente anche grazie agli obblighi normativi: come abbiamo detto prima nel nostro paese grazie la legge Stanca, i CMS per essere commercialmente appetibili devono riuscire a garantire tra l altro, la produzione di codice valido. Inaccessibilità di contenuti Web e documenti disponibili nel Web. Vi è una diffusa ignoranza da parte di sviluppatori ma soprattutto dei redattori (coloro che pubblicano contenuti), sulla tematica dell accessibilità: spesso non si conoscono minimamente le problematiche di accesso delle diverse tipologie di utenti, mentre in altri casi non si hanno strumenti idonei per produrre contenuti Web accessibili. Spesso si pensa che l accessibilità Web sia limitata al classico HTLM: non si pensa che, con l evolversi delle tecnologie e dei formati diffusi in rete, è neccessario garantire l accessibilità dei contenuti distribuiti: documenti PDF non taggati, documenti in formati inaccessibili sono sempre più diffusi. 18

19 Scarsa conoscenza degli standard per il Web. Grazie ai CMS, è ormai chiaro che chiunque può pubblicare contenuti nel sito Web del proprio ente, della propria scuola. In questo caso risulta difficile educare decine di dipendenti al corretto uso di soluzioni di pubblicazione (spesso inidonee a produrre contenuti accessibili) e pertanto, il rischio è il proliferare di pagine Web inaccessibili. 1.4 Un Web 2.0 socialmente utile La tecnologia è per molti ma non per tutti. Le nuove generazioni sono naturalmente predisposte ad includerla nella loro vita a farne veicolo di integrazione sociale. Ma sono ancora molti coloro i quali non possono beneficiarne: gli anziani, i portatori di handicap, chi non ha possibilità economiche. L avvento del Web 2.0 ha portato ad un radicale cambiamento: interazione e accessibilità le parole d ordine della nuova era. 19

20 L accessibilità presuppone he il Web, in generale, possa essere usato da tutti gli utenti in maniera semplice. Se, diversamente, per poter fruire dei contenuti desiderati è necessario uno sforzo eccessivo o proibitivo, significa che sussistono problemi di accessibilità. In particolare, una comunità virtuale come quelle a cui danno vita molti siti Web è accessibile se l utente che vuole farvi parte può esservi incluso. Se esistono utenti esclusi, allora il servizio non è accessibile. La mancanza di competenze tecniche e l incapacita di cogliere i benefici acquisibili dall impiego del Web 2.0 sono altri due fattori che precludono l accesso. Ad esempio, mentre tra i giovani il dialogo e la sperimentazione agevolano l uso di tecnologie, tra gli anziani non è così. Questi ultimi, infatti, possono non essere motivati all uso della tecnologia o nemmeno conoscerne l esistenza. L accessibilità visiva al Web 2.0 presenta sfide notevoli. E probabile che, almeno inizialmente, l inplementazione delle nuove tecnologie riduca l accessibilità. Ciò è imputabile principalmente alla complessità dello sviluppo e all interazione tra server e browser che potrebbero causare problemi agli utenti che si avvalgono di supporti per l assistenza. Sebbene oggi si riscontri tra i professionisti dello sviluppo una maggiore conoscenza e consapevolezza in fatto di accessibilità, il progresso ha avvicinato al Web numerosi pseudo tecnici, di scarsa competenza, o che vedono nell accessibilità soltanto un ingombro. Gli anziani non amano investire tempo ed energia in nuove relazioni e nuove tecnologie. Che senso ha imparare cose nuove se non si rivelano utili? Proviamo a fare un po di chiarezza. I software di telefonia su internet, ad esempio, sono molto amati dai giovani: per dialogare con gli amici, per scambiarsi file, per vedersi e parlarsi anche stando lontani. Per i giovani soializzare è più facile. Ecco allora che le rubriche di questi programmi pullulano di contatti. Ma per gli anziani è raramente così. Serve una massa critica di contatti, ossia un numero minimo di soggetti da poter raggiungere, e la costanza di ripetere frequentemente le operazioni, altrimenti 20

21 dimenticate, preposte al funzionamento. Un valido supporto all apprendimento e alla memorizzazione è costituito dall uso di un browser Web audio asistito come BrookesTalk. Il programma spiega le azioni appena compiute e ciò che si potrebbe fare. Facebook è un altro esempio di cosa sia il Web 2.0. Uno spazio di socializzazione, parte di una cultura giovanile nel mondo economicamente progredito, ma fin troppo voyeuristico per attrarre significatamente l attenzione della terza età. La videoconferenza dimostra ancora una volta che il Web è sempre più ambiente dove il senso più stimolato è la vista. Per un non vedente, ad esempio, l uso di skype è irto di ostacoli. A cominciare con il sito italiano che con la sintassi vocale parla inglese. Colpa del tag HTML lang= en anziché lang= it. Skype è accessibile soltanto per Windows. Comunque molti screen reader (applicazioni in grado di interpretare il codice attraverso un sintetizzatore vocale) necessitano di appositi script che non sempre si rivelano funzionanti. Le combinazioni di tasti sono disattivate per default e senza script non è possibile capire se tali combinazioni sono attive oppure no. In ambiente Linux, nonostante si adotti uno screen reader gratuito e pienamente operativo, Skype non è accessibile, per un problema di progettazione. In un mondo ideale, i documenti Web dovrebbero essere letti da tutti gli screen reader. Tuttavia sembra che anche i produttori di software d assistenza alla disponibilità siano in lotta tra loro per realizzare sistemi proprietari non compatibili con gli altri. Molti fornitori di servizi, inoltre adottano, speciali misure di sicurezza per impedire attacchi da robot. Una di queste consiste in un immagine che riproduce una sequenza di caratteri. L utente per poter proseguire, deve inserire in una casella di testo i caratteri visualizzati (chapta), e uno screen reader, purtroppo, non è in grado di leggerli. Qualche fornitore corre ai ripari offrendo ai non vedenti anche un file audio con la letture dei caretteri. Non è pensabile oggi che l accessibilità sia una specie di revisione fatta a posteriori su applicazioni e siti già 21

22 realizzati con criteri non accessibili: l accessibilità deve essere pianificata gli dagli albori e dipende dal metodo di progettazione seguito. In Italia, più delle tecnologie e dei buoni propositi può fare la legge Stanca, in materia di accesso dei soggetti disabiliagli stumenti informatici. La normativa, come abbiamo già detto, intende infatti garantire a tutti i cittadini, a prescindere dalla disabilità, l accesso ai siti Web della Pubblica Aministrazione nonché l uso di strumenti informatici adatti all inseramento nell attività lavorativa. Il Web 2.0 ha consentito in generale lo sviluppo di una comunitàcoesa di disabili, di persone che si sostengono a vicenda, coacervo di idee e di informazioni. Molti siti Web si sono rinnovati, non tanto nei contenuti, quanto nella veste grafica, migliorando le vecchie disposizioni del Web 1.0. Google ha la proprio ricerva accessibile. Accessible Search nasce per riconoscere e dare risalto a quei risultati della ricerca che pongono meno problemi a non vedenti e altri utenti con difficoltà nella vista. 1.5 I siti scolastici e l accessibilità È utile ricordare che il Regolamento di attuazione e la Legge n. 4 del 2004 Disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 13 del 17 gennaio 2004 si applica alle pubbliche amministrazioni e ai servizi di pubblica utilità. A tal proposito è necessario anche ricordare che come riportato nell'articolo 4 comma 2 " I soggetti di cui all articolo 3, comma 1, non possono stipulare, a pena di nullità, contratti per la realizzazione e la modifica di siti INTERNET quando non è previsto che essi rispettino i requisiti di accessibilità stabiliti dal decreto di cui all articolo 11. I contratti in essere alla data di 22

23 entrata in vigore del decreto di cui all articolo 11, in caso di rinnovo, modifica o novazione, sono adeguati, a pena di nullità, alle disposizioni della presente legge circa il rispetto dei requisiti di accessibilità, con l obiettivo di realizzare tale adeguamento entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del medesimo decreto." Accessibilità non solo del prodotto web ma anche del materiale formativo e didattico utilizzato nelle scuole di ogni ordine e grado. Sono poche le scuole con un sito internet che soddisfi i requisiti minimi di accessibilità. Le cause principali che determinano la non rispondenza ai criteri di accessibilità dei siti scolastici esaminati sono da ricercare nella volonta di creare siti troppo artigianali oppure troppo sofisticati. Entrambe le ipotesi, apparentemente in antitesi, conducono a realizzare delle pagine web che tengono poco in considerazione lo scopo principale che il sito dovrebbe avere e cioè quello di servizio a carattere pubblico. Se il sito web fosse pensato in tal modo si eviterebbero home page realizzate in flash e sottofondi musicali, effetti javascript ed altro. Tutte cose fuorvianti, mediate dal mondo della comunicazione e della grafica artigianale, che riflettono un utilizzo del web a guisa di spot pubblicitario e che ne compromettono gravemente l'accessibilità. Apprendere e rispettare gli standard web è molto più facile di quanto non sembri. In rete esistono ottime risorse, tutorial e notizie che con un minimo sforzo permettono la realizzazione di un sito web che risponde ai minimi requisti di accessibilità. Bastano poche regole per ottenere un risultato più che dignitoso. Il miglior consiglio 23

24 è quello di utilizzare continuamente uno o più dispositivi utilizzati dai portatori di handicap per leggere i contenuti delle paqine appena create (i browser vocali) Spesso le pagine web sono pensate in modo convenzionale. Ovvero si adattano al video non alla stampa, tantomeno a screen reader e browser Braille e dulcis in fundo ai PDA. Gli effetti rollover sulle immagini, i menu a comparsa ed altri abbellimenti sono praticamente inutilizzabili dai portatori di handicap che non possono utilizzare il mouse. L'utilizzo di editor WYSIWYG 1 può produrre codice superfluo o, peggio, l'inserimento di estensioni proprietarie. A tal proposito la conoscenza del nucleo fondamentale del metalinguaggio HTML così come è stato pensato ed approvato dal W3C è quanto meno necessaria e imprescindibile per operare sul codice della pagina web adattandola alle esigenze volute. Il W3C (acronimo di World Wide Web Consortium), il consorzio internazionale che si occupa di sviluppare linguaggi e linee guida per il mondo web, mette a disposizione linguaggi ben distinti per strutturare i contenuti e per l'impaginazione: HTML/XHTML (Hyper Text markup Language); CSS (Cascade Style Sheets). XHTML definisce la struttura dei contenuti (p.e. intestazione, corpo, pie di pagina e al loro interno contenuto principale, contenuto secondario, navigazione principale e così via). Le differenze sostanziali tra HTML e XHTML sono le seguenti: Tag e attributi vanno scritti in minuscolo; I tag vanno sempre chiusi. Eventuali tag vuoti (p.e. img, br, hr) possono essere chiusi inserendo prima della > il segno / preceduto da uno spazio; 24

25 I valori degli attributi devono essere chiusi fra i doppi apici. CSS (fogli di stile a cascata) specificano una serie di regole da associare ai vari elementi che compongono la pagina, indicando al browser come presentare i contenuti. L'associazione alle pagine del sito del foglio di stile avviene tramite un file esterno che permette: La creazione di un unico CSS da associare a tutte le pagine e uniformando l'aspetto del sito; modifica e aggiornamenti di particolari aspetti avvengono solo modificando il file CSS e si ripercuotono sull'intero sito; È possibile cambiare completamente l'aspetto del sito agendo su un unico file senza modificare il codice XHTML; È possibile definire fogli di stile specifici per la stampa del sito o la visualizzazione tramite particolari dispositivi. 1: Editor WYSIWYG: è l' acronimo che sta per l'inglese What You See Is What You Get ("quello che vedi è quello che ottieni" o "ottieni quanto vedi"). 25

How to Develop Accessible Linux Applications

How to Develop Accessible Linux Applications How to Develop Accessible Linux Applications Sharon Snider Copyright 2002 IBM Corporation v1.1, 2002-05-03 Diario delle Revisioni Revisione v1.1 2002-05-03 Revisionato da: sds Convertito in DocBook XML

Dettagli

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata

1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata 1 - Cos è l accessibilità e a chi è destinata di Michele Diodati michele@diodati.org http://www.diodati.org Cosa significa accessibile 2 di 19 Content is accessible when it may be used by someone with

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Come difendersi dai VIRUS

Come difendersi dai VIRUS Come difendersi dai VIRUS DEFINIZIONE Un virus è un programma, cioè una serie di istruzioni, scritte in un linguaggio di programmazione, in passato era di solito di basso livello*, mentre con l'avvento

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2011 Progetto Istanze On Line 21 febbraio 2011 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 PROGETTO ISTANZE ON LINE... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT

Conferencing Services. Web Meeting. Quick Start Guide V4_IT Web Meeting Quick Start Guide V4_IT Indice 1 INFORMAZIONI SUL PRODOTTO... 3 1.1 CONSIDERAZIONI GENERALI... 3 1.2 SISTEMI OPERATIVI SUPPORTATI E LINGUE... 3 1.3 CARATTERISTICHE... 3 2 PRENOTARE UNA CONFERENZA...

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Denuncia di Malattia Professionale telematica

Denuncia di Malattia Professionale telematica Denuncia di Malattia Professionale telematica Manuale utente Versione 1.5 COME ACCEDERE ALLA DENUNCIA DI MALATTIA PROFESSIONALE ONLINE... 3 SITO INAIL... 3 LOGIN... 4 UTILIZZA LE TUE APPLICAZIONI... 5

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0

Documentazione Servizio SMS WEB. Versione 1.0 Documentazione Servizio SMS WEB Versione 1.0 1 Contenuti 1 INTRODUZIONE...5 1.1 MULTILANGUAGE...5 2 MESSAGGI...7 2.1 MESSAGGI...7 2.1.1 INVIO SINGOLO SMS...7 2.1.2 INVIO MULTIPLO SMS...9 2.1.3 INVIO MMS

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8

GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 GUIDA ALL UTILIZZO DELL ECM 8 1) Introduzione Pg 3 2) L area amministratore Pg 3 2.1) ECM Pg 4 2.1.1) Sezione Struttura Pg 5 2.1.2) Sezione Documento Pg 7 2.1.3) Sezione Pubblicazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014

Catalogo formativo. Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 2014 Catalogo formativo Kaleidos Comunicazione Training Dpt. 01/01/2014 Internet Training Program Email Marketing Negli ultimi anni l email è diventata il principale strumento di comunicazione aziendale

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione

NAVIGAORA HOTSPOT. Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA HOTSPOT Manuale utente per la configurazione NAVIGAORA Hotspot è l innovativo servizio che offre ai suoi clienti accesso ad Internet gratuito, in modo semplice e veloce, grazie al collegamento

Dettagli

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design

Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Fatti trovare... Fatti preferire! Web Site» E-Commerce» Social Media» Web Marketing» Photo» Video» Graphic design Come si trovano oggi i clienti? Così! ristorante pizzeria sul mare bel Perchè è importante

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

Mini manuale di Audacity.

Mini manuale di Audacity. Mini manuale di Audacity. Questo mini manuale è parte del corso on-line Usare il software libero di Altrascuola. Il corso è erogato all'interno del portale per l'e-learning Altrascuola con la piattaforma

Dettagli

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25

Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT Ultimo aggiornamento.: 18/02/2006 Pagina 1 di 25 Introduzione al programma POWERPOINT 1 1 Introduzione al programma 3 2 La prima volta con Powerpoint 3 3 Visualizzazione

Dettagli

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook

la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond EBOOK la Guida completa per aumentare il numero di Mi piace su Facebook wishpond.it indice Capitolo 1 Metodo #1 per aumentare i Mi piace su Facebook: Concorsi 5 Capitolo 5 Metodo #5 per aumentare

Dettagli

come installare wordpress:

come installare wordpress: 9-10 DICEMBRE 2013 Istitiuto Nazionale Tumori regina Elena come installare wordpress: Come facciamo a creare un sito in? Esistono essenzialmente due modi per creare un sito in WordPress: Scaricare il software

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone

Guida introduttiva. Installazione di Rosetta Stone A Installazione di Rosetta Stone Windows: Inserire il CD-ROM dell'applicazione Rosetta Stone. Selezionare la lingua dell'interfaccia utente. 4 5 Seguire i suggerimenti per continuare l'installazione. Selezionare

Dettagli

Dipartimento del Tesoro

Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro POWER POINT AVANZATO Indice 1 PROGETTAZIONE DELL ASPETTO...3 1.2 VISUALIZZARE GLI SCHEMI...4 1.3 CONTROLLARE L ASPETTO DELLE DIAPOSITIVE CON GLI SCHEMI...5 1.4 SALVARE UN MODELLO...6

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C.

MANUALE D USO LEXUN ver. 5.0. proprietà logos engineering - Sistema Qualità certificato ISO 9001 DNV Italia INDICE. 6. Flash top 6 C. Pag. 1/24 INDICE A. AMMINISTRAZIONE pagina ADMIN Pannello di controllo 2 1. Password 2 2. Cambio lingua 2 3. Menù principale 3 4. Creazione sottomenù 3 5. Impostazione template 4 15. Pagina creata con

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it

InitZero s.r.l. Via P. Calamandrei, 24-52100 Arezzo email: info@initzero.it izticket Il programma izticket permette la gestione delle chiamate di intervento tecnico. E un applicazione web, basata su un potente application server java, testata con i più diffusi browser (quali Firefox,

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema

Software 2. Classificazione del software. Software di sistema Software 2 Insieme di istruzioni e programmi che consentono il funzionamento del computer Il software indica all hardware quali sono le operazioni da eseguire per svolgere determinati compiti Valore spesso

Dettagli

Gestione Nuova Casella email

Gestione Nuova Casella email Gestione Nuova Casella email Per accedere alla vecchia casella questo l indirizzo web: http://62.149.157.9/ Potrà essere utile accedere alla vecchia gestione per esportare la rubrica e reimportala come

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

La Valutazione Euristica

La Valutazione Euristica 1/38 E un metodo ispettivo di tipo discount effettuato da esperti di usabilità. Consiste nel valutare se una serie di principi di buona progettazione sono stati applicati correttamente. Si basa sull uso

Dettagli

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni

ADOBE READER XI. Guida ed esercitazioni ADOBE READER XI Guida ed esercitazioni Guida di Reader Il contenuto di alcuni dei collegamenti potrebbe essere disponibile solo in inglese. Compilare moduli Il modulo è compilabile? Compilare moduli interattivi

Dettagli

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3

MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 MANUALE Gest-L VERSIONE 3.2.3 Installazione GEST-L 4 Versione per Mac - Download da www.system-i.it 4 Versione per Mac - Download da Mac App Store 4 Versione per Windows 4 Prima apertura del programma

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica

ISCRIZIONI ON LINE Registrazione delle famiglie. Direzione Generale per i contratti, gli acquisti e per i sistemi informativi e la statistica Registrazione delle famiglie Come avviene la registrazione da parte delle famiglie La registrazione alle Iscrizioni on-line è necessaria per ottenere le credenziali di accesso al servizio. La registrazione

Dettagli

Web Solution 2011 EUR

Web Solution 2011 EUR Via Macaggi, 17 int.14 16121 Genova - Italy - Tel. +39 010 591926 /010 4074703 Fax +39 010 4206799 Cod. fisc. e Partita IVA 03365050107 Cap. soc. 10.400,00 C.C.I.A.A. 338455 Iscr. Trib. 58109 www.libertyline.com

Dettagli

Web Conferencing Open Source

Web Conferencing Open Source Web Conferencing Open Source A cura di Giuseppe Maugeri g.maugeri@bembughi.org 1 Cos è BigBlueButton? Sistema di Web Conferencing Open Source Basato su più di quattordici componenti Open-Source. Fornisce

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i!

Manuale Utente. S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! Manuale Utente S e m p l i c e m e n t e D a t i M i g l i o r i! INDICE INDICE... 3 INTRODUZIONE... 3 Riguardo questo manuale...3 Informazioni su VOLT 3 Destinatari 3 Software Richiesto 3 Novità su Volt...3

Dettagli

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL

8. L'USO DEL PROGRAMMA DI POSTA ELETTRONICA INSIEME ALLA GESTIONE PROFESSIONALE DI DOCUMENTI IN FORMATO E-MAIL This project funded by Leonardo da Vinci has been carried out with the support of the European Community. The content of this project does not necessarily reflect the position of the European Community

Dettagli

Guida all'uso di StarOffice 5.2

Guida all'uso di StarOffice 5.2 Eraldo Bonavitacola Guida all'uso di StarOffice 5.2 Introduzione Dicembre 2001 Copyright 2001 Eraldo Bonavitacola-CODINF CODINF COordinamento Docenti INFormati(ci) Introduzione Pag. 1 INTRODUZIONE COS'È

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Figura 1 - Schermata principale di Login

Figura 1 - Schermata principale di Login MONITOR ON LINE Infracom Italia ha realizzato uno strumento a disposizione dei Clienti che permette a questi di avere sotto controllo in maniera semplice e veloce tutti i dati relativi alla spesa del traffico

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone

Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z. Progettata da Vodafone Guida rapida Vodafone Internet Key K4607-Z Progettata da Vodafone Benvenuti nel mondo della comunicazione in mobilità 1 Benvenuti 2 Impostazione della Vodafone Internet Key 4 Windows 7, Windows Vista,

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2013 Progetto Istanze On Line ESAMI DI STATO ACQUISIZIONE MODELLO ES-1 ON-LINE 18 Febbraio 2013 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 COMPILAZIONE DEL MODULO

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana -

LINEE GUIDA PER L UTILIZZO DEL SITAR RS - SISTEMA INFORMATIVO TELEMATICO DEGLI APPALTI REGIONALI. della Regione Siciliana - Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della Mobilità OSSERVATORIO REGIONALE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via Camillo Camilliani, 87 90145 PALERMO LINEE GUIDA PER L UTILIZZO

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli